15 November 2014

Tor Sapienza



Sono quattro giorni e quattro notti che ci sono disordini a Tor Sapienza, un esteso rione della periferia Est di Roma. Questi poveracci di abitanti in rivolta contro le istituzioni,  sono circondati da campi nomadi, da criminalità diffusa, da travestiti e trans brasiliani, prostitute straniere e dulcis in fundo da un centro di accoglienza che ospita nuovi immigrati. Gli "oppressi", secondo la stampa servile erano gli ospiti del centro di accoglienza, mentre i malfattori erano quei "ducioni" e  "razzisti" degli abitanti. In prima linea il mis-Fatto quotidiano. Non chiamiamola "la guerra tra i poveri" come si ostinano banalmente a fare  i pennivendoli di regime
Si tratta invece della lotta fra chi vuole vivere con dignità e sicurezza, contro l'illegalità e il degrado. Dulcis in fundo  il Corriere (articolo di Goffredo Buccini) se la piglia con “l’incendiario leghista” Matteo Salvini, reo di voler venire giù, espressamente invitato da cittadini del rione. Si tratta di una forma di "insulto preventivo". A questo è ridotta la stampa oggi!




Il quarto giorno il sindaco Marino si fece vivo là in mezzo pigliandosi un'overdose di prevedibili  insulti e fischi.  Il suo pareva un allunaggio. La polizia ,sempre latitante nel difendere i cittadini dal far west quotidiano, pagata con i soldi dei cittadini, li manganella per garantire invece la "sicurezza" degli edifici degli extracomunitari. Alfano latita totalmente nei rioni periferici delle grandi città, in compenso è sempre più zelante nell'introdurre in Italia nuovi flussi indiscriminati di stranieri. Renzi? NON PERVENUTO. Pubblico il post del  coraggioso blog dell'Anarca (Giampaolo Rossi) sulla rivolta di Tor Sapienza. 

LETTERA APERTA AI CITTADINI DI TOR SAPIENZA

Si, io lo so che non siete razzisti; che quei bastoni e quei sassi non li avete presi in mano per odio ma per la disperazione di dover vivere dove non si può più vivere.

Io lo so che non siete razzisti, anche se ora vi dipingono così per nascondere la loro ipocrisia e il loro fallimentare umanitarismo senza umanità.

Si, io lo so che non siete razzisti ma che la gabbia dove rinchiudervi è pronta e i preparativi per trasformarvi in bestie feroci sono quasi ultimati; che ora sono arrivati con i loro taccuini e le loro telecamere, ma poi scateneranno i loro parolai d’accatto a dipingere quello che tanto non hanno interesse a capire.

Intellettuali polverosi chiusi nella soffitta delle proprie idee; politici ignavi e criminali che hanno consentito le peggiori politiche buoniste nel nostro paese, arrivando persino a cancellare il reato d’immigrazione clandestina nel pieno delirio d’irresponsabilità di chi non si rende conto del mondo in cui stiamo vivendo.


Io lo so che non c’è razzismo in quello che avete fatto; ma solo dolore e rabbia nel vedere il vostro quartiere ridotto ad una giungla piena di pericoli, trasformato in un campo di battaglia.

State difendendo voi stessi ed io so che si difende solo ciò che si ama: la propria terra, la propria città, la propria casa, i propri cari, una sicurezza, un diritto, una libertà.

Io lo so che non siete razzisti, né “giustizieri della notte”; ma siete operai, impiegati, commercianti, disoccupati, studenti, pensionati, professionisti, padri, madri, mariti, mogli, insomma l’Italia vera che affronta con dignità questa crisi che non fa prigionieri, le difficoltà economiche e spesso la mancanza di futuro e di certezze.
Io lo so che il vero razzista è questo sindaco che definisce “inaccettabili gli attacchi agli stranieri” senza spendere una parola per l’italiano in fin di vita massacrato davanti al figlio, da un branco di belve senza onore.

Io lo so che vi sentite abbandonati e soli, presi in giro da uno Stato tanto oppressivo e invadente nei confronti delle persone oneste, quanto indulgente verso coloro che si approfittano della nostra ospitalità, che violentano ciò che noi offriamo loro e che paghiamo con i nostri sacrifici.

Perché la convivenza non è una teoria né retorica politica da distribuire davanti alle telecamere: la convivenza si basa sulla reciprocità e può esserci solo con chi rispetta le nostre leggi e il Paese che noi amiamo.

Io lo so che anche di fronte all’esasperazione voi sapete distinguere l’immigrato onesto dal delinquente; perché uomini e donne che sono arrivati nel nostro Paese per lavorare o per salvarsi dall’orrore di una guerra, voi li avete accolti e accettati in nome di quella solidarietà concreta che gli altruisti di professione non conoscono.

Io lo so che quei bastoni sono lontani da voi e da quello che vorreste essere; e che ora li lascerete cadere in terra per tornare a ciò che è per voi più importante: la vostra vita.

Perché, comunque, avete vinto: quella rabbia scesa in strada ha raccontato un’Italia diversa, stanca ma capace ancora di trovare una sua dignità; un’Italia che non ce la fa più ma che vuole difendere con i denti ciò che è suo.

Non ve lo diranno mai, ma gli italiani che non sono razzisti stanno con voi: quelli del nord e quelli del sud, quelli di destra e quelli di sinistra, quelli bianchi e quelli neri, gli immigrati onesti e la gente perbene.

Cari cittadini di Tor Sapienza, io lo so che non siete razzisti e che avete solo difeso per tutti noi una cosa importante, la più elementare: il nostro inalienabile e sovrano diritto di essere padroni a casa nostra.

====================================================
Pubblico anche una testimonianza dal vivo di Daniele, un residente in Tor Sapienza che scrive a Repubblica nell'illusione di trovare un po' di ascolto e di conforto. Poi si spegneranno i riflettori e politici e pennivendoli saranno in tutt'altre faccende affaccendati.


Sono un abitante di Tor Sapienza. Premesso che qualsiasi atto di violenza va denunciato, le chiedo se puo’ indicarmi il modo civile e pacifico per denunciare un degrado che ormai non conosce limiti. Le faccio una breve cronistoria del posto perché credo che lei non sappia nemmeno dove Tor Sapienza si trovi sulla cartina.
Questa periferia di Roma è stata per anni ed è ancora il luogo dove hanno sempre trovato rifugio e asilo qualsiasi tipo di persona extracomunitaria, dai rom ai nordafricani, per non parlare della vergogna dei transessuali che sotto gli occhi di tutti, da anni, si prostituiscono ad ogni ora del giorno.
Non conosco attualmente il numero esatto degli extracomunitari residenti ma le assicuro è molto alto se si considera il territorio del nostro quartiere.
Questa popolazione, dove vivono ormai pensionati e lavoratori che con il sacrificio di una vita hanno acquistato le loro case, nel passato hanno attivato tutte le forme di protesta civili di cui potevano disporre, dalle lettere agli amministratori ed ai giornali, denunce agli organi di PS fino alle fiaccolate pacifiche in piazza. Il risultato è stato il silenzio ASSORDANTE di tutti, anche di voi giornalisti che finchè non ci scappa il morto la notizia non merita attenzione.
Venga a farsi un giro nel quartiere. Alle prime luci della sera scatta il coprifuoco. Negozi di extracomunitari aperti oltre l’orario lavorativo che vendono (sotto gli occhi di tutti) alcoolici fino all’alba (e la licenza???). Persone extracomunitarie ubriache che litigano ed urinano ovunque. Strade buie ed invase da travestiti e dai loro clienti eccitati che sono pericoli costanti al volante. Rom che frugano nei cassonetti e guidano auto a massima velocità (mi piacerebbe vedere l’assicurazione e le revisioni di tali veicoli). Furti negli appartamenti e scippi per strada esponenzialmente aumentati negli ultimi anni.
Mi fermo qui con la descrizione e torno alla domanda iniziale: mi sa indicare cosa dovremmo fare che a noi sfugge?
Dobbiamo continuare in questo modo vedendo il nostro territorio maltrattato, vivere reclusi nelle nostre case (che by the way si stanno svalutando sempre piu’) aspettando cosa?
Quante belle parole da chi vive lontano da qui, magari in centro dove queste realtà sono lontane e santifica le persone che vengono da altri paesi ed altri mondi senza mai spendere una parole a favore dei residenti.
Non è razzismo essere ospiti di un paese e non rispettarne le regole? E’ chiedere troppo far rispettare le regole?
Per cortesia mi indichi cosa dobbiamo fare in modo da poterlo condividere con i miei concittadini.
Cordiali saluti

Daniele 13 novembre 2014 h. 10, 19

73 comments:

Faithful said...

"Questi poveracci di abitanti in rivolta contro le istituzioni, sono circondati da campi nomadi, da criminalità diffusa, da travestiti e trans brasiliani, prostitute straniere e dulcis in fundo da un centro di accoglienza che ospita nuovi immigrati."

Aggiungiamo che le puttane rumene sono anche minorenni, ma ovviamente per quel fattone del Padellaro è colpa dei residenti "fassisti" di Tor Sapienza, anzi probabilmente per il venditore di padelle ci vanno pure a letto

http://voxnews.info/2014/11/15/il-fatto-offende-tor-sapienza-puttanieri/

Ormai siamo passati alla calunnia vera a propria di chi "osa" ribellarsi.

Massimo said...

Da un lato chi pensa di poter vivere sulle spalle degli altri, tassandoli con una fantasia ed una crudeltà al cui confronto il califfato dell'Isis sembra più misericordioso perchè uccide con un taglio secco, mentre quelli ci stanno uccidendo lentamente.
Dall'altro quelli sulle cui spalle gravano i privilegiati di stato, che dalle nostre tasse trovano di che vivere in modo opulento e che, per avere sempre più mano d'opera da sfruttare, si ammantano dell'aureola di buonisti per importare altri disgraziati. E' assurdo che nella protesta "sociale" di ieri alcuni manifestanti siano andati a sostenere la manifestazione favorevole agli immigrati, come è assurdo che altri immigrati abbiano partecipato alla manifestazione, perchè così fanno solo il gioco di chi li manovra e che vuole tanta domanda di lavoro per poter abbassarne il costo. Tor Sapienza, come quello che accade in alcuni quartieri di Milano, è solo l'inizio, perchè quei 40 immigrati se anche li spostassero, li collocherebbero sempre togliendo spazio e sicurezza ad altri Italiani che, legittimamente, reagiranno. E' il fallimento della politica buonista della c.d. "accoglienza". Meglio tornare al respingimento, ancorchè molto, sin troppo, edulcorato di Maroni, usando la nostra Marina Militare per difendere i confini e non per aprire le porte agli estranei.

Aldo said...

Prevedo un fiume di commenti. E meno male che sarà così, anche se come hai giustamente osservato, nell'Italia attuale con le parole rivolte alle istituzioni violente ormai armate e schierate contro gli Italiani non si ottiene (più) nulla.

Magistrale il post dell'anarco che hai riportato. Grazie per avercelo fatto conoscere.

Nessie said...

Faithful,
mi ha già riportato Johnny Doe, l'articolaccio del mis-Fatto. Se qualcuno nutriva ancora l'illusione che fossero dei cronisti "antisistema", solo perché sostengono i 5 stelle, ora è bene che cadano le ultime fette di prosciutto dagli occhi. A parte il loro livore anti-Napolitano, di cui gli do atto, per il resto sono dei custodi del Cancello mondialista e immigrazionista.

Lo zittificio dello stesso M 5 stelle su questi temi, del resto, li qualifica per quel che sono: pseudorivoluzionarucci contro ladri di polli & castaroli vari.

Nessie said...

Massimo,

"Tor Sapienza, come quello che accade in alcuni quartieri di Milano, è solo l'inizio, perchè quei 40 immigrati se anche li spostassero, li collocherebbero sempre togliendo spazio e sicurezza ad altri Italiani che, legittimamente, reagiranno".

Infatti è già così. Ieri quei quaranta trasferiti hanno provato a tornare, e hanno ritrovato la stessa reazione di ribellione e tensione da parte dei cittadini.

Uno scrittoruccio a nome Eraldo Affiniti parla molto banalmente di "guerra tra poveri". SBAGLIATISSIMO! E lo ripeterò fino alla nausea. Molti di quegli abitanti sono dei "proprietari" di case a riscatto, pagate con immensi sacrifici. E nel giro di pochi anni se le sono viste degradare e svalorizzare per colpa delle scellerate politiche immigrazioniste. E' la guerra fra quegli Italiani che vogliono vivere in santa pace e sicurezza contro chi protegge illegalità, crimine, invasione demografica allogena.

Nessie said...

Aldo, post dell'Anarca, non "anarco" :-)

E' una vecchia conoscenza che io, Massimo e il Sauro, conoscevamo già fin dai tempi dell'inizio della nascita dei nostri blog quando esisteva l'aggregatore Tocqueville che poi si è guastato col crescere fino a sparire, e collabora per il Giornale. Se vai a vedere nella sezione riservata ai commenti ce ne sono anche dei miei.

Nessie said...

PS: Leggi anche la lettera di Daniele che ha scritto a un blog di repubblica. Purtroppo non mi riesce più di trovare il link, ma la tipa che ha ospitato la lettera è un'assistente sociale, che si mette a parlare di "progetti di integrazione" e bla, bla, bla.

Piccola noticina aggiuntiva: hanno inviato uno stuolo di assistenti sociali e di ong a Tor Sapienza, allo scopo di "indorare" la pasticca di cianuro.

Johnny 88 said...

Beh, era ora che qualcuno si svegliasse. Finalmente la "Maggioranza Silenziosa" diventa "Rumorosa". Alla buon'ora. Son stato a Roma un anno fa, sindaco era ancora quel magnaccia di Alemanno, ne ho viste di cotte e di crude pure in pieno centro con barboni che dormivano tranquillamente davanti a ristoranti e alberghi. Non oso immaginare ora dopo un anno e mezzo con Marino come possa essere la situazione

Nessie said...

Peggiorata. Al punto da rimpiangere Aledanno. Questo emerito Marino-cretino si occupa solo di registrare matrimoni froci. Capirai, è la madre di tutti i problemi. Ieri dai filmati, pareva sbarcato sulla luna.

Anonymous said...

Stamattina si è svolta la marcia di tutte le borgate periferiche contro Marino. Slogan - MARINO VATTENE

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/11/15/news/la_marcia_delle_periferie_dietro_al_tricolore_basta_marino-100612243/

Z

Nessie said...

I comitati di quartiere romani hanno fatto sapere a quel bellimbusto di Marino che vogliono solo madri italiane in difficoltà con bambini non oltre i 12 anni. Se accetteranno è un piccola vittoria. Prima di tutto gli Italiani. Ecco a che diavolo serve mescolare tutto facendo entrare oves et boves, per poi avere il pretesto di chiamarla genericamente "guerra tra poveri".

johnny doe said...

"Io lo so che non siete razzisti, anche se ora vi dipingono così per nascondere la loro ipocrisia e il loro fallimentare umanitarismo senza umanità..... i preparativi per trasformarvi in bestie feroci sono quasi ultimati; che ora sono arrivati con i loro taccuini e le loro telecamere, ma poi scateneranno i loro parolai d’accatto a dipingere quello che tanto non hanno interesse a capire....Intellettuali polverosi chiusi nella soffitta delle proprie idee; politici ignavi e criminali che hanno consentito le peggiori politiche buoniste nel nostro paese...."

Dedicato al Fatto quotidiano e al suo demenziale titolo "Lo Stato si arrende ai fascisti"....naturalmente i fascisti sarebbero i pensionati,le casalinghe,le famiglie...di Tor sapienza.
Tranquilli,pennivendoli....è probabile che dopo certi articoli lo diventino veramente...

PS: se non hai nulla in contrario,vorrei pubblicare questo pezzo dell'Anarca a corredo del nostro post.

Nessie said...

Certo, fai pure Johnny. IL Fattaccio ha tra i suoi collaboratori pure Madame Verdurin? Ah! Ah, complimenti!

Faithful said...

@Nessie

No quello sulle puttane minorenni è un'altro articolo (si,ne hanno fatti due).
Altro miracolo degli immigrazionisti: rumeni che vogliono cacciarci dalla nostra terra al grido "questo paese è mio"

http://voxnews.info/2014/11/15/tor-sapienza-immigrato-a-manifestanti-dovete-andarvene-questo-paese-e-mio/

Ringraziamo pure i vari Prodi,Vendola,Frattini e altri che hanno spalancato le frontiere occidentali alla Romania.

Anonymous said...

Ho fatto un sogno...."I have a dream"
Mi piacerebbe vedere un bel palco,dove il nostro Premier .....a Tor Sapienza.... spiega ai residenti.... con l'entusiasmo del giovane esploratore)i principi fondamentali del vivere civile....
Oddio già questa premessa è una offesa per i residenti....come se ci servisse lui per spiegare le norme della civiltà....che i residenti sicuramente conoscono bene ,e non solo a chiacchiere...
Inoltre... nel discorso che farà....non ci starebbe male qualche accenno tra....
-la differenza che c'è tra l'ospite e l'ospitante....il secondo che si toglie qualche cosa dal piatto per far mangiare il primo...e limita parte della sua libertà che gli spetterebbe di diritto...e rinuncia a parte del "SUO" spazio...per concederli,in parte, al primo...
Almeno un grazie,invece, sarebbe dovuto ai residenti...
E,mi aspetto una raccomandazione dal palco.... "assolutamente vietati rimproveri di sorta"...e sopratutto l'appellativo "fesso"privo di intelligenza e fantasia...per di più immotivamente oltraggioso.... di Razzisti!....Una tirata d'orecch(i) ad alcuni impiegati di concetto di "professione"....BUONISTI.... che lo usano fuori luogo,a profusione nei loro giornali.(fortunatamente sono pochi,in via di estinzione,per mancanza di lettori)...Generalmente,i buonisti istituzionali, non esercitano alcuna attività elencata nella lista...Arti e Mestieri...ma vivono di buonismo...a 360 gradi.
Perché(dalla folla chiederei all'oratore) gli abitanti di Tor Sapienza sono Razzisti!!!! e quelli che abitano a Piazza di Spagna No????...Forse il Premier,assistito(sarebbe d'obbligo) dal primo Cittadino di Roma ce lo spiegheranno.... sopratutto per evitare ad altri nella stessa situazione ....(un po' in tutti i quartieri,Rioni,periferie di Roma)....di cadere in comportamenti analoghi.
Per ridere...ma anche per spiegare a che livello stiamo sul significato delle Massime offese....ho visto(a Roma) gente insultarsi selvaggiamente,per vari motivi...dove(in assenza di pesanti offese) l'uno strillava all'altro...zozzo laziale...e l'altro per non essere da meno....rispondeva romanista di merda(fascista è ormai un'offesa desueta).Ecco questo è il livello che certi giornalettai hanno raggiunto..usando a sproposito...verso la comunità di Tor Sapienza....Razzisti!...
E offendere immotivatamente gente onesta non è consentito dalla vigenti leggi.
Ma il sogno????
Finito il discorso/rimprovero alla popolazione poco civile e intollerante di Tor Sapienza(magari con qualche citazione d'obbligo del buon Francesco,che ci sta sempre bene)....mi aspetto una generosa/spontanea offerta(lanciata verso il palco)dei convenuti da tutte le periferie di Roma...di frutta e ortaggi vari...che i buonisti raccoglieranno e provvederanno a distribuire ai tanti ormai bisognosi(ridotti dagli ultimi (g)overni,spesso, ad andare a fregarli nei supermercati...non avendo più"una lira" per comprali).
Occhio che se anche limitatamente...il fenomeno è già successo(anche se il raccolto è stato scarso)....ma questa è una malattia contagiosissima.
Saluti Mar

Anonymous said...

a chi daranno ascolto?scommetto che non si prenderanno manganellate...
http://www.notixweb.com/?p=6603

Maria Luisa

Nessie said...

Faithful, dovevamo essere più reattivi da subito.Ora loro sono in tanti e inoltre se guardi il link messo da Maria Luisa, arrivano pure i rinforzi di associazioni della Ue.

Nessie said...

Mar, apri il link di M. LUisa e vedrai affacciarsi nuovi incubi, altro che sogni!

Faithful said...

Ovviamente non poteva mancare la filippica della nipotina del petroliere

http://www.lastampa.it/2014/11/15/italia/cronache/boldrini-la-politica-latita-e-pagano-i-pi-deboli-gli-immigrati-e-le-periferie-l5yIcyX41GMt0EWNxyH6EN/pagina.html

Nessie said...

Mandale carovane di zingari a casa sua e a campeggiare davanti alle suite a 5 stelle, dove alloggia.

Anonymous said...

Commentando il link di M.Luisa Io penso che questi rispettabili,coraggiosi"migranti",che verranno a manifestare a Roma(termine d'obbligo per gli educandi italioti)....sarebbero più credibili nelle loro azioni....se si fossero opposti e/osi opponessero con le stesse energie....in casa loro a chi li ha portati alla fame...e non fuggire..
Cosa hanno da rimproverare...a chi li ha ripescati dal mare "non lorum"...li ha accolti,li ha sfamati,per carità cristiana(e naturale bonta degli Italiani) si priva di parte di quel poco che i nostri strozzini,che ci governano ci lasciano,dopo averci scorticati con le mille e una tassa?????
Che altro vogliono(oltre lo sforzo che già stiamo facendo per loro)...le nostre case????..che se non gliele danno...se le prendono con la forza....
Certo non si illudessero di andare ad abitare negli appartamenti,ville dei nostri governanti(sopratutto quelli con la tessera di buonista)...o magari in quell'enorme palazzo in parte disabitato.... il Quirinale.
Non si illudessero!!.... le case disponibili da requisire sono "solo" quelle della povera gente indifesa....che viene platealmente corteggiata e difesa solo pochi giorni prima delle elezioni.
Le case/ville dei buonisti istituzionali sono "ben" protette da camionetta e posto di blocco....ed è chiaro,almeno in quei casi, che il solo tentativo di furto,scasso,violazioni di domicilio sono reati "gravi",perseguibili direttamente...senza troppe burocrazie..per via d'ufficio.
Saluti Mar

Anonymous said...

Aggiungo....che la frase ambigua,di mestiere, di quattro pennivendoli senza arte né parte..."una guerra tra poveri"...andrebbe completata e corretta...per rimanere nella realtà dei fatti...
Una guerra condotta contro i poveri(indifesi) nostrani....che non trova scusanti di nessun genere(morali e di diritto)....anche se fatta da altri poveri...anche se migranti...
Non sarà pure colpa nostra se sono migranti,poveri,e con guerre intestine in casa loro...ma sicuramente "merito" nostro che sono stati accolti e non respinti....sopportandone il peso economico/sociale del nobile gesto.
Arisaluti Mar

Nessie said...

Pienamente d'accordo. Mi piacerebbe vedere se dovessero creare "zone franche" al Gianicolo o sull'Appia Antica o in altro quartiere alto di Roma, se la risposta delle "autorità" tarderebbe così tanto (anni ed anni) a farsi attendere. Più che giusto dire che questa è una guerra CONTRO i poveri. Aggiungiamoci: NATIVI.

Aldo said...

Massimo: "se anche li spostassero, li collocherebbero sempre togliendo spazio e sicurezza ad altri Italiani"

Sicuramente avrai notato quanta cura ci mettono ad evitare di dire dove intendono trasferire coloro che trasferiscono. Sanno già, evidentemente, che il rischio che nel luogo di destinazione sorgano proteste "preventive" è altissimo. Del resto, hai mai visto qualche delinquente che preavvisa le proprie vittime prima di colpirle?

Nessie said...

Sì, la prossima manovra delinquenziale sarà lo "spostamento". E non mi stupirebbe che avanti di questo passo, la prossima ancora potrebbe essere lo zittificio di Alfano tramite i TG, circa nuovi sbarchi. Tanto, alluvione più, alluvione meno...

A proposito Aldo, com'è la situazione alluvionale (nel senso della pioggia) da te?

Aldo said...

Nell'immediato circondario del mio sobborgo non ci sono problemi degni di nota, ma io vivo nella "piatta", e in pianura (se l'acqua non arriva a valanga da monti e colline) i centimetri crescono molto lentamente; inoltre l'acqua non corre ma stagna, per cui almeno non si rischia la vita. Diversa la situazione sull'appennino e anche in alcune zone del monferrato, dove a farla da padroni sono soprattutto le frane. Del resto, scava scava e cosa vuoi aspettarti? Collettivamente, abbiamo quel che ci siamo cercato -- in Val Borbera e Curone ci sono comuni che han costruito qualsiasi roba dentro ai letti dei torrenti; nelle gole dell'alto ovadese le case, i capannoni e le strade sono abbarbicati su pendenze che danno direttamente sui torrenti sottostanti. Cosa vuoi aspettarti di diverso da quel che sta succedendo? Accogli tu che accolgo anch'io, tanto che i forestieri siano stranieri quanto italiani, siamo ormai fitti come i topi con i veri piemontesi in percentuale minoritaria, e ci rubiamo gli spazi a vicenda ricavandoli anche da dove non dovremmo ricavarli. Di rispedire al mittente un po' di gente non se ne parla perché, favoleggiano le dirigenze, non sarebbe proponibile. Ma a te che sei ligure vengo a dire queste cose? Voi siete messi anche peggio. Per le stesse identiche ragioni, oltre a una bella dose di ingordigia pseudo-turistica.

Nessie said...

L'ingordigia turistica è davvero una delle prime cause del dissesto della Liguria. Ma anche qui in Lombardia, non va meglio con le esondazioni dei laghi:

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_novembre_12/lago-maggiore-livello-record-ticino-piena-allarme-sondrio-9413eef2-6a53-11e4-bebe-52d388825827.shtml

guarda questa foto di Laveno Mombello (Lago Maggiore). Comunque le famose "bombe d'acqua" e il clima monsonico simil-indiano, fanno pensare a modificazioni e manipolazioni climatiche volute. Poi è chiaro, l'elemento umano ha fatto i suoi danni speculativi. Ma da un po' di anni un qua c'è una calura tropicale sospetta, in mesi un tempo ben più freschi. Dammi pure della complottista ;_)

Aldo said...

No, non ti dò della complottista. Questa mattina alle 6:45 avevamo 12 gradi lungo una strada in aperta campagna; ieri sera alle 19:30 i gradi erano 17. Tuoni e fulmini dall'aspetto semi-estivo. A metà novembre, non ad agosto.

Sei abbastanza anziana per ricordare la galaverna alta tre dita sui rami degli alberi il giorno dei morti? Io sì. Galaverna significa nebbia persistente che congela appiccicandosi in ogni dove e accumulandosi giorno per giorno, non è semplice brina. Ci vuole gelo persistente. Fatico a credere che un cambiamento delle proporzioni che abbiamo sotto agli occhi avvenuto nel giro di una ventina d'anni possa essere un fenomeno naturale.

Rimane il fatto che essere imbottigliati in millemila dove dovremmo essere poche manciate di persone fa piazza pulita di ogni spazio di manovra per implementare tecniche d'autodifesa. Fitti come siamo e in un territorio così impregnato d'umanità e del frutto del suo lavorio tanto incessante quanto insensato, siamo in balia degli eventi e non possiamo far altro che guardare in sù e incrociare le dita. E' lecito, particolarmente considerando che larga parte di quell'umanità è forestiera? Gli "ospiti", stranieri e non, ci hanno messo e ci stan mettendo in guai seri. Un modo piuttosto originale di intendere l'ospitalità.

Smetto perché siamo fuori tema. O forse no?

johnny doe said...

Scrive un nostro lettore "voglio un centro immigrati ai parioli,in via veneto,aventino,appia antica e quirinale,e pure nei terreni marchigiani della boldrini.
poi sti coglioni potranno pure dire la loro"

Giusto,così sarà una guerra tra ricchi (questi paraculi mediatici e istituzionali ) e poveri,e finalmente la smetteranno di dire ipocritamente una guerra tra poveri....e magari parteggerò pure per gli immigrati...

Nessie said...

Alla Boldrini auguro una bella dimora marchigiana circondata da campi nomadi con tziganate dalla mattina alla sera. Intanto, se hai letto la sua intervista, dice che in ogni zingaro c'è un artista. La propongo come talent-scout a condizione che se e stia sempre là in mezzo. A mangiare il loro cibo con le mani, come ebbe a scrivere Montanelli che in un servizio memorabile nella Putzka non toccò cibo.

Nessie said...

Aldo, purtroppo è il caso di dire che piove sul bagnato. E che su queste alluvioni a comando con relative "bombe d'acqua", c'è chi dice che sono le nuove armi distruzione di massa del futuro:

http://www.libreidee.org/2012/08/manipolare-il-clima-ecco-la-super-bomba-del-futuro/

Certo che me la ricordo la galaverna. E pure la poesia di Carducci S. Martino.

La nebbia agli irti colli/piovigginando sale/ e sotto il maestrale/urla e biancheggia il mar...

Sì, ma chi la vede la nebbia novembrina? E chi lo sente più il maestrale? Scirocco, scirocco, e sempre scirocco...il vento più caldo e appiccicoso che ci sia.

Faithful said...

OT:

Abbiamo scoperto perchè i centri sociali hanno assaltato Salvini mentre si recava al campo di Bologna:temevano di perdere la roba buona

http://www.imolaoggi.it/2014/11/15/il-campo-nomadi-del-blitz-di-salvini-era-un-centro-di-smistamento-della-droga/

Nessie said...

La Boldrini si spinge ancora più in là... adotta uno zingaro, troverai un artista:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/boldrini-i-rom-vanno-valorizzati-1068080.html

per ora gli unici sgombri consentiti per costoro sono quelli indotti dall'alluvione.

Sì, sapevo della droga, ma queste soavi creature vengono di continuo difese da quei ricconi oligarchi che amano così tanto i diseredati, che ci vorrebbero diseredare a tutti quanti.

Anonymous said...

C'è anche questa che non riguarda Tor Sapienza, ma Porto Recanati:

"Gli zingari rubano il camper a Giorgio Capitanelli, molto conosciuto in città, operaio del Comune, ex calciatore e allenatore delle giovanili del Portorecanati. Dopo la denuncia e varie ricerche, affidandosi ai suoi amici su Facebook , Capitanelli ritrova il mezzo, un Iveco modello Icaro, in un campo rom di Bologna, ai margini della A14, grazie alla segnalazione di un camperista"

http://www.ilgiornale.it/news/politica/autorit-dobbiamo-garantire-ai-nomadi-posto-dove-stare-1067997.html

ma poi la Procura gli dice di lasciarlo "a disposizione" perché loro non hanno casa. Siamo su Scherzi a parte...

Z

Nessie said...

Purtroppo non siamo su "Scherzi a parte", ma in pieno regime comunista internazionale con una Magistratura Sovietica che ha già deciso che la proprietà (del camper) è un furto. Proudhon? Un dilettante in confronto. Pertanto rubarlo a questo povero disgraziato, non è reato. Gli zingari sono le vittime e il derubato è il vero ladro.
Un raro esempio di sentenza bolscevica!

Anonymous said...

nessie scrisse
dovevamo essere più reattivi da subito

non solo , bisognava da subito rendersi conto che non esiste una controparte politica a cui rivolgersi utilmente e procedere di conseguenza attraverso forme di RI-aggregazione dal basso.
Questa gente di tor sapienza esprime la propria rabbia ancora nella convinzione che esista una " politica italiana " che possa risolvere i loro problemi , un errore che non portera' ancora una volta a nulla di costruttivo .
Nulla cambiera' finche' la mitica "gggente" non si rendera' conto che lo "stato italiano" oramai esiste solo per essere solo il suo " gestore " al solo servizio del grande capitale globale.
ws

Nessie said...

E' arrivato l'ottimista notturno? :-)

Io invece dico: meglio tardi che mai.

Anonymous said...

"meglio tardi che mai " certo , ma questo non significa che "tardi" comunque funzionera' :-)

Quindi ripeto il concetto. A tor sapienza protestano perche' lo stato italiano ha fallito nel fare " ordine", ma sbagliano se sperano che " l' ordine" possa essere ripristinato da QUESTO stato.
Quando la " legge" crea dis-"ordine" solo dei " fuorilegge" potranno rifondare un " ordine".
ws

Nessie said...

Molti degli atti degli abitanti del quartiere, sono stati considerati "fuori legge" e giustizia-fai-da-te. (lancio di bottiglie, cassonetti alla fiamme ecc.). Tant'è vero che il Fatto padellesco e travagliato li ha chiamati "fascisti". Curioso che gli stessi gesti se fatti dai centri sociali o dai NO TAV invece, non vengano etichettati nello stesso modo da questi soloni della stampaglia, ché anzi, li guardano con benevolenza.

Per il resto sono d'accordo che la falsa legge e il falso ordine delle istituzioni si limiterà a qualche assistente sociale in più di qualche ong in più. O a cambiare sindaco piddiota con un altro P-idiota. E già ci stanno pensando.

Eleonora said...

E' notizia (non nota) di ieri che anche i rossi marchigiani sono andati a protestare davanti al comune di Ancona perché non vogliono altri immigrati sul territorio. Io dico sempre di infilarli nella megatenuta con villone della boldrini rom compresi. E mi auguro che cominciassero a triplicare le proteste violente in tutta Italia.

Nessie said...

E' quel che accadrà. Le periferie (e non solo quelle romane) si stanno già incendiando (vedi Milano). E hanno un bello scrivere che si tratta di rivolte "fasciste". Quando la gente è disperata, delle etichette denigratorie se ne strafrega. Semmai ci sarebbe qualcosetta da ridire su quegli zerbinotti delle redazioni che invece di alzare il culo per fare un vero giornalismo investigativo, se ne stanno al calduccio delle loro redazioni e si mettono a pontificare ipocritamente, mettendo ideologia su ideologia (rossa, of course) nei loro scarabocchi.

Faithful said...

Un piccolo aggiornamento:i minori (forse anche falsi tali) trasferiti da Tor Sapienza a Ostia da Marino (rimandarli in Africa evidentemente è troppo "rassista"),se la rifanno esplicitamente con i residenti vedendo che la pazienza è finita e non c'è più trippa per gatti

http://voxnews.info/2014/11/16/ostia-manifesta-contro-profughi-africano-minaccia-cittadini-scontri/

Ma ovviamente anche qua sarà tutta colpa dei residenti "fassisti".

Nessie said...

Ma c'è di peggio, a Badia Prataglia (prov. Arezzo) nel Casentino, un paesino in culo ai lupi che forse conosci, vogliono imporre altre quote di extra (si parla di un centinaio):

http://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/14_novembre_15/hotel-fa-arrivare-100-profughi-paese-protesta-fa-serrata-e56c799a-6cbf-11e4-af90-86e0aaf0b271.shtml

questi, a mio avviso, sono piani demografici per il meticciamento dell'Italia. Che fanno costoro nel Casentino? Raccolgono funghi? E' evidente l'intento provocatorio. Ma la ribellione - piaccia o non piaccia - diventerà sempre più violenta.

Faithful said...

Annotazione di servizio: finalmente questo chiaccherone dannoso e inconcludente comincia ad essere alla frutta

http://voxnews.info/2014/11/16/sondaggio-crolla-fiducia-in-governo-renzi/

Faithful said...

Non mi stupisce Nessie,quel *insulto a caso* di Rossi anche quando arrivarono i vari africani durante la crisi libica cercava si sparpagliarli nei comuni più piccoli per tentare di arginare le proteste (tanto poi nella maggioranza dei casi scappavano via),stavolta a quanto pare gli stà andando male.
Comunque per la cronaca i posti della prov. di Arezzo che cominciano con badia (Badia Prataglia,Badia Tedalda etc..) sono tutti piccoli comuni/frazioni di montagna confinanti con la romagna,e Badia Prataglia in particolare non è neanche un comune,ma una frazione del comune di Poppi.

Nessie said...

Infatti se leggi l'articolo parla di Badia Prataglia comune di Poppi, nell'aretino montuoso. Ma questo mi duole dirtelo, non sono iniziative di Rossi. Lui da governatore, riceve ordini precisi di scuderia. La sottoscritta ha trovato una comunità di magrebini perfino nei paesini dell'alto bellunese, durante un'escursione estiva. Alzi la mano chi sa dove sono S. Gervasio o Colderù. Ordini di scuderia su come favorire il meticciamento degli Italiani. Loro (le élites oligarchiche) sanno che la popolazione si sta facendo anziana e favoriscono il piano "sostituzione etnica" e processo di "deterritorializzazione". E' da mo' che mi sto sgolando e spolmonando a dirlo.

Nessie said...

E per farlo, devono individuare aree poco popolose, considerate perfino "disagiate" e "depresse". Poi una volta popolate dalle risorse, diventa un giochetto da ragazzi, far ripartire il tutto a loro bell'agio.

Perciò non va bene quando li mettono nelle periferie, ma non va bene nemmeno quando li schiaffano nei paesini in culo al mondo. Non va bene in nessun caso, perché questo è il nostro territorio!

Faithful said...

Guarda Nessie in realtà il fautore e inventore di questo trucchetto da due soldi per compiere il misfatto tentando di non indispettire gli indigeni è proprio Rossi,ricordo che a quell'epoca (si parla di 2010 eh) lui era di fatto il "consigliere politico fidato" di Bersani (e difatti s'è visto che fine che ha fatto),si è vantato per settimane di aver trovato da solo il modo di gestire quell'emergenza e "stranamente" da allora tutti i piddioti nelle istituzioni in cui governano hanno cominciato a fare altrettanto quindi è molto probabilmente un suo lascito.
Che partito eh il piddì, gente che si abbevera a piene mani da uno pseudo-intellettualoide da strapazzo arrogante come pochi, ma ora il giocattolo si è rotto e le idee scarseggiano,in realtà basterebbe rimpatriarli ma è "rassista" e soprattutto i loro veri padroncini non approverebbero.

Faithful said...

Alzi la mano chi sa dove sono S. Gervasio o Colderù.

Colderù non lo sò dov'è, ma a San Gervasio, a meno di omonimie strane, ci abito abbastanza vicino quindi sò dov'è.

Nessie said...

E' roba vecchia e stravecchia, e io ne ho altre prove di date molto antecedenti alle tue. Ora ti fai prendere dalla tua avversione per Rossi e per il PD ma questa è robaccia con tanto di consiglieri sovranazionali, che proviene da lontano. Che poi il PD sia uno dei più fedeli esecutori di questo infame progetto, è un altro conto. Scusa ma non facciamone solo un fatto localistico e regionalistico, sennò non andiamo molto lontano. Tanto vale allora, fare i pali di Siena con le contrade. Il discorso che ci sta dietro a questi provvedimenti, viene da lontano.

http://www.nocensura.com/2013/11/la-storia-segreta-dellunione-europea-il.html

https://www.google.com/search?rls=aso&client=gmail&q=piano%20kalergi

Nessie said...

Anche questO:

http://xn--identit-fwa.com/blog/2012/12/11/il-piano-kalergi-il-genocidio-dei-popoli-europei/

Nessie said...

Il S. Gervaso che abiti tu è un omonimo. San Gervaso è una frazione del comune di Lentiai (BL). Ma evidentemente ce ne sono degli altri in Italia.

Faithful said...

E' chiaro Nessie che quello è il risultato finale dei veri proprietari di partiti come il piddì e che i vari Rossi e Renzi non decidono loro di far arrivare da noi africani e cinesi per farceli tenere, il regionalismo non c'entra niente qui era solo per dire che questa trovata di mandarli a gruppettini in piccoli comuni sperduti è tutta roba sua che lui ha sperimentato in Toscana e che poi il suo partito ha fatto propria estendendo il tutto in giro per il paese.
Stavo parlando del mezzo e di chi se l'è inventato non del fine, ma alla fine non importa molto visto che anche la gente di quei posti ha aperto gli occhi e s'è ribellata, trallaltro non sò se hai letto i commenti sul corserva fiorentino (da sempre filo-pd), a parte i soliti piddioti che la smenano sul "rassismo" (che sono sempre meno trallaltro) non ne vedo molti felici dell'aggiunta di risorse.

Faithful said...

"Il S. Gervaso che abiti tu è un omonimo. San Gervaso è una frazione del comune di Lentiai (BL). Ma evidentemente ce ne sono degli altri in Italia."

Si è un'omonimo, ad ogni modo anche il mio è una piccola frazioncina

http://it.wikipedia.org/wiki/San_Gervasio_(Palaia)

Nessie said...

S. Gervasio di Lentiai (BL) valbelluna:


http://www.magicoveneto.it/belluno/Lentiai/Lentiai_SanGervasio.htm

in entrambi i casi, due splendidi posti!

Nessie said...

Questa trovata di mandarli a gruppettini in piccoli comuni sperduti è tutta roba sua che lui ha sperimentato in Toscana e che poi il suo partito ha fatto propria estendendo il tutto in giro per il paese".

Ma no! anche il sindaco di BL che era un vecchio democristo, faceva di questi giochetti, facendo incazzare la popolazione. Noi non ce ne siamo accorti, ma questa penetrazione capillare di "risorse" è almeno 20 anni che c'è. E' che ora è diventata esplosiva. Poi scusa, ma volendo trovare dei referenti storici , Stalin era uso fare trasferimenti di etnie ritenute scomode da una regione all'altra della Russia. E pure la Cina comunista fece una cosa del genere con il Nepal: fece un'occupazione forzosa di cinesi, per poi annetterselo. Sono strategie vecchie come il cucco.

Faithful said...

In tal caso il Rossi ha solo sparato ca*ate come al solito, va beh pace non ero a conoscenza delle azioni di sindaci democristiani considerando che dalle mie parti sono/erano più rari della neve a ferragosto.
Comunque io sapevo che i vari Tito, Stalin e Mao le deportazioni di popoli da un posto all'altro le facevano sempre in massa proprio come nella ex Jugoslavia che è poi sfociata in guerra civile.
Ma a pensarci bene tirando le somme anche da noi negli ultimi anni non si vedono cose poi tanto diverse, 1 milione di rumeni in 7 anni è roba da invasione vera e propria e non sono certo le uniche "risorse" arrivate.

Nessie said...

Ma se ci rifletti bene è una cosa ovvia e nemmeno così originale.
Se abitui la gente con gradualità e col contagocce, alla fin fine si abitua e non ci fa caso.
Se invece acceleri con legioni di extra alla volta, allora crei reazioni di panico, di rabbia che può sfociare in violenza. Ora con Alfano, Mare Nostrum e Triton, siamo precipitati nella fase 2, per questo la gente si mette a sclerare ed è diventata più intollerante.

"1 milione di rumeni in 7 anni è roba da invasione vera e propria e non sono certo le uniche "risorse" arrivate".

Purtroppo NO.

Parlando di cose belle, le hai viste le immagini del S. Gervasio veneto?

Faithful said...

"Ma se ci rifletti bene è una cosa ovvia e nemmeno così originale."

Certo che è cosa ovvia ma non lo è per tutti, non lo è per Marino ad esempio, se per lui lo fosse stato non avrebbe richiesto il trasferimento a Roma di migliaia di immigrati di Mare Nostrum per poi piazzarli in quartieri con già molti problemi come Tor Sapienza con tutte le conseguenze che vediamo adesso, l'unica cosa positiva di tutto ciò è l'effetto domino con tanto di risveglio collettivo come vediamo a Badia Prataglia anche se non sono un grande fan del "tanto peggio tanto meglio", ma come dicevi bisognava pensarci un po prima ora è tardi e il dente si è cariato troppo in profondità.

"Parlando di cose belle, le hai viste le immagini del S. Gervasio veneto?"

Mi ricorda molto l'alta lunigiana, per la precisione questo posto

http://www.lunigiana.net/menhir/italia/lunigiana/comuni/zeri.htm

Nessie said...

Alta Lunigiana? Direi di no. Uhmm, conosco bene la Lunigiana, ma è più impervia e brulla. A Zeri ci sono stata, ma lì è Appennino, le immagini del Veneto sono quelle delle Prealpi dolomitiche.

A proposito di Marino, ha detto che non ha intenzione di schiodarsi dall'incarico di sindaco.

Fa girare i bergoglioni pure Bergoglio che si riempie la bocca di termini come "incontro", "dialogo" e altri volemose bene. Ma si sapeva.

Faithful said...

"Alta Lunigiana? Direi di no. Uhmm, conosco bene la Lunigiana, ma è più impervia e brulla. A Zeri ci sono stata, ma lì è Appennino, le immagini del Veneto sono quelle delle Prealpi dolomitiche."

Intendevo dire che il paesaggio che si vede nella prima foto del tuo link mi ricorda quello di Zeri, questo

https://www.google.com/maps/uv?hl=it&pb=!1s0x12d4dc86cada5245:0xfc3765246e595ddb!2m5!2m2!1i80!2i80!3m1!2i100!3m1!7e1!4shttp://www.panoramio.com/photo/5863852!5szeri+-+Cerca+con+Google&sa=X&ei=bR5pVNewCsb7ygPJ44KQDA&ved=0CJsBEKIqMBA

Non che è la stessa catena montuosa :)

Marino non si schioda semplicemente perchè tutto quello che ha fatto è nella sua agenda politica, alla fine se lui è sindaco è perchè i rom gli hanno fatto vincere le primarie e questo è bene non dimenticarselo.

Faithful said...

"Fa girare i bergoglioni pure Bergoglio che si riempie la bocca di termini come "incontro", "dialogo" e altri volemose bene. Ma si sapeva."

Vuoi sapere perchè questo gioppino, Marino e alFini fanno quel che fanno?
Guarda qua, Vaticano, Ciellini, Coop rosse ci sono dentro tutti con il braccio bene infilato nel barattolo della nutellItalia, e noi paghiamo ovviamente perchè questi mica li paga l'ONU o i padroncini del mondo USA o Emergency, questi ci mettono solo la faccia mica il grano

http://voxnews.info/2014/11/16/i-minorenni-di-tor-sapienza-alfano-e-il-centro-di-comunione-e-liberazione/

Hector Hammond said...

Pure questo pseudo papa ci si mette , non bastava la gIEnte che ebete non ragiona , come dimostra l'apatia generale .C'è chi perde la casa a causa di predoni allogeni e nessuno che si preoccupa , fosse solo per paura capitasse a loro , ai loro anziani .

Vanda S. said...

Carissimi amici, sono oramai quasi 3 mesi che vivo a Washington D.C., anche se leggo quotidianamente le notizie italiane e parlo con mio figlio, ancora residente a Roma, e con i miei amici. E' davvero terrificante quello che sta succedendo e temo che ad un certo punto, prima o poi sfocerà' in una guerra civile e poi chiesa' che altro.... Per me e' coltello che si rigira nella piaga ancora sanguinante di un italiana (una dei tanti) che e' stata COSTRETTA a lasciare la propria terra perché' non poteva più' SOPRAVVIVERE! Sono tornata negli USA ed anche qui la situazione immigrazione e' notevolmente peggiorata rispetto a prima della primavera del 2006, quando lasciammo il paese per tornare in Europa. Anche qui il numero della popolazione musulmana proveniente dal Medio Oriente e dall'Asia occupa una visibile presenza nella società' americana. Anche gli americani più' moderati sembrano essere molto scontenti, anche perché' queste "minoranze" hanno molti privilegi rispetto agli americani che vivono qui da molte generazioni. Aggiungo che anche il costo della vita e' sconvolgente: rispetto al 2006 e' quadruplicato! Ed io che credevo che il problema del caro-vita fosse legato all'Eurozona! L'unico vantaggio e' che qui si trova lavoro con stipendi adeguati e ci si può garantire una vita decorosa....ma a quale prezzo? Quello di non avere più' punti di riferimento familiari, emotivi, culturali, eccetera, eccetera. Se tanti anni fa mi avessero detto che la mia vita si sarebbe trasformata in quello di un esule non ci avrei mai creduto! Inoltre continuo a leggere i sistematici abusi perpetuati contro i miei concittadini e di un clima sociale tossico che gli sta avvelenando la vita! Io spero solo di riuscire durante questa mia vita, un barlume di speranza per la nostra amata terra: vi sono vicina. Vanda

Nessie said...

SU Marino. Non solo i rom gli hanno fatto vincere le primarie, ma anche le sue disinvolte posizioni sulle nozze omosessuali. Continua a registrare abusivamente coppie su coppie, pensando di gettare un po' di fumo negli occhi secondo la logica mondialista "più licenze sessuali" e "meno (quasi zero) diritti sociali".

Nessie said...

Hector, alla perdita della casa, a causa di predoni allogeni, ho già dedicato un paio di post, uno dei quali titola "Succede solo agli altri". Lo trovi nell'archivio di ottobre.

Ieri hanno pestato a sangue un autista di bus a Treviso, colpevole solo di fare il proprio lavoro e lasciar giù chi non ha il biglietto. Anche questi sono episodi che succedono quasi quotidianamente. Ora poi con la nuova legge finanziaria, hanno smantellato i presidi di polizia e dei carabinieri in vista dell'Eurogendfor

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/se-chiediamo-biglietto-ci-sputano-addosso-1068215.html

Nessie said...

Ciao Vanda, molto bella e accorata la tua testimonianza "da esule". Sì, i tuoi concittadini romani ( e nostri connazionali) sono in prima linea a fare una vita da schifo. Pensa che certe cose non avvengono solo nelle periferie degradate, ma anche all'Esquilino dietro al Colosseo, diventato ormai un immondo suk, dove vige la promiscuità più avvilente e degradata.

Anonymous said...

ciao, ti chiedo scusa se sono OT, ma quello che ho letto oggi mi ha letteralmente fatto uscire dai gangheri:http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2014/11/16/news/visita-medica-agli-islamici-vogliamo-dottori-maschi-1.10320010

Ma ti pare?e non dovrei sentirmi discriminata e offesa?
Maria Luisa

Hector Hammond said...

Ho visto il video di quel poveraccio d'autista e so di un'altro caso simile ,
http://tuttiicriminidegliimmigrati.com/roma-video-shock-autisti-atac-assediati/
.
Silenzio da parte dei soliti sindacati nazionali sempre impegnati a far scioperi generali. E di marino .
Nel mio piccolo , se devo andare a bologna prendo l'auto , treni e stazioni mi fan paura .Che diversità dalla mia giovinezza ...
I miei coetanei , anche quelli che hanno avuto una vita più felice della mia , non sembrano mai pensare a come vivevano prima di tutto questo attuale degrado .Pensano solo a vivere nel presente :( .

Nessie said...

Io conservo con molta cura l'Italia di COME ERAVAMO. Anche perché non sono passati secoli. E nemmeno tanti decenni. Senza contare che ci sono i film, le commedie all'italiana. E quelli per ora non li hanno distrutti ancora. Eravamo magari più poveri, ma tutti di noi.

Faithful said...

"Eravamo magari più poveri"

Ormai neanche più quello.

Nessie said...

Vero poi che la maramaglia sindacale pensa solo agli scioperi corporativi, ma di questi lavoratori se ne strafrega. Orrendi poi quei loro cortei con gli extra in prima fila.

Hesperia said...

OT:

http://esperidi.blogspot.it/2014/11/pronto-chi-legge-ovvero-la-lettura.html