28 May 2013

Libero Fischio in libero Stadio

Premetto che non sono tifosa e che quando vedo una partita di calcio, spengo la tv o cambio canale. Questo se sono da sola. Siccome in famiglia mi tocca convivere tra tifosi (da poltrona, per fortuna), qualcosa alle orecchie di quanto avviene, mi arriva fatalmente. Avrete notato in questi giorni come Napolitano si è schierato contro "il razzismo negli stadi" in molte sue esternazioni, "esecrando il fenomeno". Mario Balotelli è considerato la "vittima" dei fischi e dei buuuu. Ora una cosa è opinabile: non si può dissentire dal carattere rissoso dell'uomo, indipendentemente dal colore della pelle? Evidentemente no. Il fatto di essere di razza negroide (le razze per chi non è daltonico come l'ONU obbligando gli altri ad essere altrettanto, esistono) lo consacra automaticamente "vittima" delle discriminazioni, secondo la vulgata del politicamente corretto.
Gli antichi Romani creavano e riservavano alle masse, un vasto contenitore di malcontento allargato negli anfiteatri e circhi affinché potessero accettare le ingiustizie sociali tra Patrizi e Plebei (il famoso "panem et circenses").
Evidentemente il livello di barbarie e di dispotica tirannide in cui siamo sprofondati oggi, non concede nemmeno più questa arena di franchigia. Da tempo, lo sport è oggetto di mordacchie e di museruole davvero impressionanti. Come il recente fatto di questo giocatore aborigeno in Australia di nome Adam Goodes che se la prende con una piccola tredicenne, denunciandola alla Sicurezza e facendola cacciare. Ovviamente il Gigante poi è stato costretto a mostrarsi magnanimo con la Bambina in quanto minorenne, incolpando i suoi genitori. La notizia qui. Detta prodezza, ha incassato gli elogi del primo ministro australiano Julia Gillard, la quale evidentemente ha applicato il "metodo" Cecilia Malmstrom.
Chi scrive è contraria alla violenza fisica negli stadi (specie all'introduzione di spranghe e armi improprie e contundenti). Ma va sottolineato che ora i sistemi di monitoraggio sono sempre più capillari grazie all'elettronica (la tessera del tifoso, i sistemi di videosorveglianza). Che bisogno c'è accanto a questi, di voler controllare, monitorare e mettere la censura anche ai fischi, ai pensieri e alle parole o ai cori di disappunto? Libero fischio (o libero buuu) in libero stadio, dovrebbe essere la regola, per chi guadagna compensi astronomici. In un certo senso, fa parte del contratto. E', insomma, un rischio contemplato a cui, in un passato recente , i giocatori si sono sempre adeguati.
Il Nuovo Ordine Mondiale  sta correndo alla velocità della luce, ma sa di avere la coscienza sporca. Pertanto, prima crea e impone ovunque il meticciamento universale su modello Usa (e il calcio, sport "mondiale" per antonomosia  col suo "calcio mercato" plurietnico di giocatori, ne è il suo laboratorio di prova), poi strangola chi non lo accetta. E questo in tutti gli ambiti della vita pubblica e privata. Oltre lo sport.


Qui l'articolo in lingua originale con relativo video.

Articolo correlato: L'intervista di Ida Magli sulla Ue e il NWO dal titolo "I nostri governanti vogliono ucciderci".   

65 comments:

Josh said...

per me era già assurdo che in una qualsiasi squadra col nome di una città, quindi locale, che segna l'appartenenza a un luogo,
ci siano invece africani, asiatici, europei d'altra provenienza e raramente qualche abitante del luogo, autoctono,
e quella squadra continua, per assurdo, a mantenere il nome locale.

Nessie said...

Josh, te lo ricordi il Parma con Lilian Thuram?
O il vecchio Milan con Gullit? E' tanto che questo fenomeno è stato scientemente messo in atto.

Anonymous said...

Quel che per un giocatore bianco è un semplice sfottò, per un negro diventa automaticamente "razzismo". Stanno creando una discriminazione al contrario

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-05-16/salvini-contro-balotelli-lascia-105430.shtml?uuid=Ab3wDOwH

Z

Josh said...

@Nessie:

lo so bene che è da parecchio che le cose vanno in quella direzione.

E' da allora infatti che non seguo più il calcio.

Vanda S. said...

A proposito di questo: quando si sono svolti i mondiali di calcio in Francia, vivevo ancora in Provenza. I miei vicini erano una giovane coppia francese autoctona con una bellissima figlia. Quando si svolse l'incontro Italia -Francia, notai che dalla loro casa venivano urla di tifo a favore dell'Italia. Durante l'intervallo c'incontrammo in giardino e chiesi se era un mio equivoco, ma mi sembrava che tifassero per l'Italia e loro, serenamente, mi hanno risposto: "Per forza! L'hai vista la squadra francese? Ma secondo te, ci rappresenta????"
No comment!

Nessie said...

Z, Salvini finge di ignorare che anche la Lega si è piegata al "etnicamente corretto" ricorrendo a mettere un'afroamericana quale sindaco di Viggiù (Sandy Cane):

http://temi.repubblica.it/metropoli-online/intervista-a-sandy-cane-sindaco-nera-della-lega-nord/

Alla faccia della sindachessa padana!


E comunque sì, sulle bizze di Balotelli Salvini ha ragione.

Nessie said...

Vanda, eravamo se la memoria non mi tradisce, ai "Mondiali" del 2007. E la nostra Nazionale di calcio, era composta da biondi, bianchi molti dei quali con occhi azzurri. Oh che orrore! Blatter (che per la superbia e arroganza chiamano "la blatta") non venne nemmeno a stringere la mano ai vincitori italiani. Ma soprattutto rei di avere ancora una squadra di nativi "omogenea".

Eppoi figuriamoci se poi questi nativi riescono pure a vincere contro beurs, meticci dei Dom Tom e afro-francesi. Quelle Honte!

Nessie said...

Voglio dire, allora non mi era ancora del tutto chiaro, sul perché quella "vittoria" ci fosse così stata fatta pesare. Oggi invece, sì.

Anonymous said...

Il Mondiale di calcio nel quale vincemmo era nel 2006 (e non 2007).
L'inamovibile Blatter della Fifa di recente si è arrabbiato ancora con l'Italia pretendendo norme più severe oltre alle forti sanzioni pecuniarie che già si applicano per i fischi a Balotelli:

http://www.gazzetta.it/Calcio/Squadre/SerieA/14-05-2013/fifa-blatter-non-bastano-multe-chiamero-figc-20387362998.shtml

Zeta

Anonymous said...

vogliono gli stadi " corrected" semplicemente perche' i baluba nostrani adesso gli portano in massa i loro soldi tramite la TV a pagamento.
Cosi' con i " nostri" gonzi ottengono un doppio vantaggio, gli filano i soldi di tasca e pure li imboniscono via immagini come la foto di questo 3d ( come ben si sa quella visiva e la forma piu efficente di imbonimento ")

Tutto molto piu' efficente del vecchio " panem et circircenses" che invece agli "ottimati" di allora ( cesare, pompeo ect.. ) costava dei soldi invece di portaglieli come a quelli di oggi ( berlusconi , murdoch ect )

e' " il progresso" ragazzi :-)
ws

Nessie said...

Grazie Zeta, è vero: ho toppato di un anno.


Ws c'è anche questo aspetto delle Paytv e dei grandi network (Murdoch, Berlusconi ecc,). Ma non solo.
Da sempre i grandi raduni di massa (e ci metto dentro anche i concerti rock) sono oggetto di esperimenti di manipolazione del pensiero e di comportamentistiche indotte.

Aldo said...

Nessie: "Da sempre i grandi raduni di massa (e ci metto dentro anche i concerti rock) sono oggetto di esperimenti di manipolazione del pensiero e di comportamentistiche indotte."

Certo, non c'è grande differenza tra i grandi eventi, tanto che si tratti d'una parata nazista degli anni '30 o che si tratti d'un concerto del I maggio, o che si tratti del festeggiamento per il 2 giugno con l'ineffabile Napolitano in veste di cerimoniere, o che si tratti d'un megaraduno promosso dal papato, o che si tratti d'un'olimpiade, o che si tratti di una "divertentissima" serata in qualche discoteca di grido, o che si tratti financo d'una spiaggia del riminese. Oserei affermare che gli assembramenti colpiscono con forza tanto e tanto maggiore chi è giovane o giovanissimo (non perché sia scemo, ma perché ha oggettivamente un'esperienza ridotta), chi è ignorante (l'ignoranza, sotto sotto, è una forma di inesperienza) e chi è oggettivamente stupido. Se per loro, vostra e mia sventura avete dei figli, mi permetto di consigliare di tenerli alla larga dagli assembramenti, indipendentemente dalle motivazioni più o meno nobili che sembrererebbero motivare gli assembramenti medesimi -- non sono (ancora) attrezzati per resistere alle "lusinghe".

Quantità e qualità sono categorie reciprocamente agli antipodi.

Eleonora said...

Sarà già stato detto e ripetuto, balotelli è solo una scusa per far tacere la gente. SE balotelli facesse meno il cretino nessuno lo fischierebbe. A meno che non sbagli qualche giocata in campo. Ma non è certo per razzismo che lo fischiano. Ovvio, poi i politically correct lo fanno passare per razzismo. Ormai è d'obbligo sbandierare quella parolaccia.

Massimo said...

Anche io sono un tifoso da poltrona (al massimo andrò allo stadio - previa verifica di tempo ottimale ! - due volte all'anno) e rivendico il diritto a fischiare ed emettere ululati contro i giocatori dell'altra squadra. Ma il discorso è più ampio. Fu il cinema a cominciare ad imporre dei sistemi di vita multietnici. E oggi ne paghiamo le conseguenze.

Josh said...

...e prima del cinema a proporre certi sistemi di vita...fu l'America stessa...dalla sua quotidianità effettiva veniva infatti la materia per quel cinema.

Non a caso anche il PD qualche anno fa pensando a quel mondo "had a dream".

Vanda S. said...

Scusate, ma se il pubblico invece di fargli il verso dei primati gli gridasse semplicemente: "Non sai giocare! Vai a casa!" come fanno con altri giocatori, allora dove starebbe il razzismo? Sono anche scemi quelli che fanno questi versi!

Vanda S. said...

Cari amici, ve lo dice una che arrivo' negli States nel 1984 e con Reagan c'e' stato l'inizio del politica correct! Mi ricordo che in TV non c'erano ne' show con gay, ne' coppie miste, ne' film dove i neri erano in modo assoluto i piu' coraggiosi, intelligenti, forti e bravi e i bianchi deficienti ed inetti! Ho visto questa trasformazione impossessarsi lentamente di tutti i media e gli americani finire come la famosa rana cotta nell'acqua bollente! Adesso le rane siamo noi italiani e devo dire che il sistema della cottura lenta sta funzionando alla perfezione anche qui!

Nessie said...

Aldo, ovvio che sì. I giovanissimi col loro bisogno di aggregazione e di socialità di gruppo sono le prime vittime sacrificali di detti esperimenti.
Per ciò che concerne lo sport, ho scritto nel tag "costume e società". Ma si dovrebbe dire piuttosto il contrario: che sono questi cosiddetti "eventi" (termine che aborro)fatti apposta per modificare i coatumi, la vulgata, la società e pure il pensiero. Comunque l'oggetto del post era la penetrazione capillare del Pensiero Unico anche in quello che viene erroneamente definito "tempo libero". In realtà, "tempo programmato" da Lorsignori.

Se dopo i fatti sanguiinosi di questo maggio crudele, coltivavi ancora qualche speranza di reazioni testosteroniche e muscolari nella curva, è bene togliersela. Vogliono eunuchi a gogò dappertutto.

Nessie said...

Sì Ele, arriviamo all'assurdo che ogni dissenso viene etichettato provocatoriamente in quel modo. Fino a spingere la gente proprio in quel cunicolo.
In questo modo, africani arroganti crescono, in quanto si sentono iperprotetti.

Nessie said...

Massimo, certo che il discorso è ben più ampio. E il lavaggio al cervello lo abbiamo subito da tempo a partire da film che ci apparivano innocui e pieni di "buoni sentimenti" (La calda notte dell'ispettore Tibbs, Indovina chi viene a cena, ecc.) ma che erano già dei manifesti di propaganda di future società multietniche indotte e in via d'esportazione.

Nessie said...

Vanda, ti credo sulla parola. Molti illusi credono che la destra liberista sia più conservatrice in proposito, ma nelle politiche relativa all'istruzione e all'educazione, poi si comporta esattamente come i "liberal" de sinistra. Reagan se non erro, diede avvio a esperimenti di lingua ispanica nelle scuole americane, contravvenendo non poco al dettato dei Padri Fondatori sull'Inglese come lingua anglo-protestante e come veicolo di integrazione obbligatoria.

Anonymous said...

ripeto , questo sistema serve per fottere nel cervello i gonzi ( che ihinoi sono sempre la maggioranza :-( ) in quanto il singolo libero cittadino puo' trarre da questi " ammaestraementi" lo spunto per fortificarsi psicologicamente e per colpire economicamente i manipolatori ( basta non abbonarsi a sky , non andare allo stadio non vedere la TV e non comprare i prodotti reclamizzati ).
Non possiamo essere piu fessi della plebe romana , se ci vogliono " democraticamente " manipolare, almeno ci diano "il pane e il divertimento " ! :-)
ws

Nessie said...

Errata corrige:
Nel commento in replica ad Aldo delle 5,27pm, volevo dire "costumi" ed erroneamente ho scritto il refuso "coatumi".

Vanda, i buuuu allo stadio ci sono sempre stati. Non sono certo qui a difendere il diritto a fare versi da scimpanzé. Mi si deve spiegare però, perchè sono sempre stati tollerati coi bianchi ( Maradona fu fischiato durante l'inno nazionale argentino) ma coi neri saltano fuori pezzi da novanta come l'immancabile e arrogante Blatter a fare l' avvocato e a dire che non basta un megamultone da 50.000 euro ai dissidenti. E' evidente che c'è del marcio sotto.

Nessie said...

Ws, certo che serve a fottere il cervello. Ma per pochi come i sottoscritti che non hanno sky e nemmeno guardano le partite sulla tv generalista, in molti lo fanno. E' già stato tutto calcolato. Perfino Bella Napoli guarda le partite e difende il suo Protetto, esterna in tv la sua "esecrazione" eppoi i lecchini di pennivendoli fanno da megafono alla sua retorica.

Nessie said...

PS: intanto la Kyenge difende la poligamia, come le sue radici culturali:

http://www.ilgiornale.it/news/interni/kyege-replica-alle-accuse-poligamia-non-rinnego-mie-origini-921632.html

Josh said...

ce mancava anche la poligamia in Italia...

del resto Papa Bergoglio ha detto pochi giorni fa che TUTTE le religioni sono da rispettare
e la Kyenge fa un po' di pubblicità alle sue tradizioni

Vanda S. said...

Allora ve lo dico io quale sarebbe il miglior rimedio contro quest'assurda sciarada: smetterla di frequentare gli stadi, cosi' gli africani, non piu' pagati come delle dive, se ne tornerebbero a casa con le pile nel sacco! Andare allo stadio non e' un ricetta per salvare la vita!
A me il calcio non interessa, ma se dovessi essere un tifoso e andare allo stadio diventasse una ragione per mangiarmi il fegato, col cavolo che comprerei il biglietto! Dagli americani ho imparato una cosa: bisogna colpire sempre dove fa piu' male: alla tasca! Bisogna danneggiare i club!

Nessie said...

Non farmi aprire anzitempo il capitolo Bergoglio, che mi sono data un anno di tempo per dire la mia in proposito :-). "tutte le religioni" significa che anche la sposa indiana del serpente è da mettere al par d'altre.

Nessie said...

Il commento precedente era per Josh.

Vanda, lo ripeto, fosse per me gli stadi sarebbero sprangati per mancanza di frequentatori e le partite in tv, segnerebbero drasticamente il calo dell'auditel.
Ma né io né te, siamo TUTTO il mondo. Te lo ricordi tutto il casino quando i mondiali si disputarono in Sud Africa (2010) con quelle dannate trombette dette "vuvuzelas"?
Un vero incubo...

Anonymous said...

Ho letto l'articolo che sopra consigliavi,e mi vengono in mente le seguenti considerazioni,su alcune sue convinzioni:
-Dichiarazioni che la Kyenge non ha alcuna intenzione di ritrattare: "Sono nata in una famiglia poligamica, ^e non si rinnegano "mai" le proprie origini^ ".
-"Crescere con tanti ^fratelli ^mi dà l’idea di vivere all’interno di una ^comunità ^ " ha spiegato la Kyenge ai microfoni di Rai3
-sembra ^suggerire^ al Vaticano: "Questi sono Paesi dove religione e tradizione hanno imparato a ^convivere^".
Trovo che la Ministra ha le idee chiare,e che "ammiro e rispetto",per quanto riguarda la difesa"forte" della "sua" cultura e tradizioni...è encomiabile.....peccato che dimentica di vivere in una comunita di 50 milioni di individui(anche se non tutti fratelli) che la pensano "esattamente" come Lei....anch'essi encomiabili... "ma" per la difesa delle tradizioni e Religione millenarie loro e della loro Patria....Ciò mi sembra naturale perché ci sono nati... loro, i loro padri, i loro nonni e così via.
Sarebbe opportuno che veda "pure" che,nel nostro paese,Religione e tradizioni,hanno da sempre convissuto....e che né il Vaticano né gli Italiani hanno niente da imparare,per convivere in pace tra loro.
Quanto a tolleranza...ne abbiamo così tanta....anche da esportare...ricordo che a Roma(Il centro della Cristianità) c'è la più grande Moschea Europea.....mentre alla Mecca...non c'è nemmeno una chiesetta,e i Cristiani non possono entrarci,pena.....Ciao Mar

Nessie said...

Mar, purtroppo (e sottolineo PURTROPPO) di tolleranza ne abbiamo anche troppa. Per questo poi ci pisciano in testa. Fossimo più malmostosi, sarebbe la nostra salvezza.

Leggi un po sullo "svizzero" Blatter, cosa si permette di chiedere:

http://www.gazzetta.it/Calcio/Squadre/SerieA/14-05-2013/fifa-blatter-non-bastano-multe-chiamero-figc-20387362998.shtml

Anonymous said...

Tutto il rispetto per il perbenismo svizzero...del Presidente della "fifa"Blatter...anche se storicamente la Svizzera non ha i nostri problemi dovuti al sovraaffolamento, alla globalizzazione e conseguente integrazione multietnica e multirazziale.
Da sempre in tutti gli stadi di calcio del mondo...avvengono questi fatti "deprecabili"...se non peggiori(vedi p.e. la strage di tanti tifosi Italiani in Belgio di alcuni anni fà ad opera dei civilissimi tifosi Inglesi)...
E Lui pensa che con qualche raccomandazione, predica (e qualche poliziotto in più) aumenterà il livello intellettivo di tanti "beceri" sia tra i tifosi che tra i giocatori,colpevoli di questi fatti... che allo stadio vanno a scaricare la loro rabbia(più che vedere la partita), pensando di fare spettacolo,anche loro,a modo loro....Ciao Mar


Nessie said...

Mar, Blatter è un personaggio di un'arroganza e di una protervia davvero insopportabile. Basta ricordare l'episodio nel quale si rifiutò di venire al stringere la mano alla squadra vincitrice (cioè l'Italia) durante il mondiale del 2006. Basterebbe questo a squalificare lui, togliendolo per sempre dalla scena.

Vanda S. said...

Tanto per essere in tema d'immigrazione, i tedeschi si agitano! http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2013/05/28/news/germania_italia_ha_pagato_profughi_per_venire_qui-59843091/?ref=HREC1-9

Josh said...

come evolve la poligamia in Olanda...un modo tutto suo, ovviamente:

http://www.campariedemaistre.com/2013/05/poligamia-in-olanda-si-puo.html

Vanda S. said...

Adesso arrivano anche gli afgani!

http://www.ilgiornale.it/news/esteri/litalia-dar-asilo-agli-alleati-afghani-921498.html

Gli unici graditi, sarebbero stati i levrieri!

Maria Luisa said...

lo so che è un evento moooolto meno importante ma guardate chi ha vinto la corsa dei putti al Palio di Ferrara (palio che risale al 1259 ):"Santo Spirito si è aggiudicato la corsa dei putti, con Mohammed Hassane che all’ultima curva ha superato Ismail Magyd di Santa Maria in Vado".

SILVIO said...

Premetto che provo stima e rispetto per gli Ebrei ortodossi (in massima parte SEMITI, originari della Palestina) della “True Torah Jews”, la cui parola d'ordine è « Lo stato di Israele non rappresenta gli Ebrei ed il Giudaismo » come riconfermato dal loro articolo Il giorno dell'indipendenza sionista è un giorno di lutto e di digiuno “.
Ciò premesso, supponiamo che esistano (ed in effetti esistono: eccome!) i discendenti di tribù predatrici turco-mongole ( originarie del Magog, regione sita a nord del Mar Nero e del Mar Caspio) che (dopo essersi convertite all'ebraismo per puro calcolo) divennero così invasive e potenti da pianificare la distruzione della civiltà occidentale per porre l'Occidente (e non solo...) sotto il loro dominio assoluto.
Fantasie ? Può darsi ...in ogni caso sono in buona compagnia.
Perché gli Ebrei semiti di True Torah Jews la pensano (più o meno) allo stesso modo.
Quali potrebbero essere le armi da impiegare per la distruzione della civiltà occidentale ?
Ne ha fatto un elenco, però non lo produco in quanto è troppo lungo da riportare.
Comunque, sicuramente il controllo dei mass-media (e “dell'intrattenimento”) dovrebbe essere uno dei pilastri fondamentali. Perché ?
Perché riesce col tempo a sostituire i valori tradizionali con dis-valori distruttivi che mineranno la nostra società irreversibilmente, come previsto più di 100 anni fa da Oswald Spengler nel suo celebre libro “ Il declino dell'Occidente” (= “The Decline of the West”)
Domanda: “Ma davvero i discendenti delle predette tribù del Magog hanno il controllo effettivo dei mass-media globali ?”
Come risposta, propongo l'estratto di uno studio recente che dice : - ”Affermativo!”
Vi prego di smentirlo, se vi riesce.
(Ai prossimi post)

SILVIO said...

CHI COMANDA I MEDIA (1/5)
« Lo studio “riservato” dell'Unione Europea, redatto allo scopo di fornire nuove definizioni di “antisemitismo”
come delitto penalmente perseguibile, pubblicato sul sito del parlamentare europeo Daniel Cohn-Bendit,
individua tra gli “esempi contemporanei di antisemitismo il fare allegazioni mendaci, disumanizzanti,
demonizzanti o stereotipe degli ebrei come tali o del potere degli ebrei come collettivo, come,
specificamente ma non esclusivamente, il mito […] che gli ebrei controllino i media, l'economia, il governo
o altre istituzioni sociali.”Per esempio sarà reato dire che AOL-TW fu creata quando la America On Line
(AOL) acquistò la Time Warner per 160 miliardi di dollari nel 2000 e che l’unificazione delle due società
mise insieme Steve Case (non-ebreo e allora presidente) e Gerald Levin, ebreo, l’allora amministratore
delegato?
Sarà reato ricordare che nel 2001 Gerald Levin, che era già stato presidente della Time Warner ed era
diventato amministratore delegato della AOL-Time Warner, licenziò Ted Turner, amministratore della
Turner Broadcasting, società venduta alla Time Warner, sostituendolo temporaneamente con Robert
Pittman (non ebreo) e poi con Walter Isaacson, un ebreo che era stato trasferito dalla sua posizione nella
Time inc. a dirigere l’azienda creata dal nulla da Ted Turner? La AOL TIME WARNER, il cui logo stilizzato
rappresenterebbe il Delta luminoso di massonica memoria, presente anche sul biglietto da 1 dollaro, non è
un’azienda qualsiasi, non è nemmeno solo una grande azienda, non è nemmeno solo un colosso dei
“media”, è il primo raggruppamento al mondo nell’ambito dei media.
Controlla varie case editrici tra le quali Time-Life International Books, Time-Life Education, Time-Life
Music, Time-Life AudioBooks, Book-of-the-Month Club (sia la divisione bambini che quella adulti),
Paperback Book Club, History Book Club, Money Book Club, HomeStyle Books, Crafter’s Choice, One
Spirit, Little Brown, Bulfinch Press, Back Bay Books, Warner Books, Warner Vision, The Mysterious Press,
Warner Aspect, Warner Treasures, Oxmoor House, Leisure Arts, Sunset Books e TW Kids.
La AOL-TW controlla poi le seguenti TV via cavo e satellitari: Cinemax, Time Warner Sports, HBO (7
divisioni americane e 6 internazionali), CNN (10 divisioni in tutto il mondo), Time Warner Cable, Road
Runner, Time Warner Communications (servizio primariamente telefonico), New York City Cable Group,
New York 1 (una specie di CNN dedicata esclusivamente all’ area di New York), Time Warner Home
Theater, Time Warner Security (video monitoring), Court-TV (in comproprietà con Liberty Media), Comedy
Central (in comproprietà con Viacom) e Kablevision (Ungheria). La stessa società controlla i seguenti
canali TV e studi cinematografici: Warner Brothers, WB studios, WB Television (produzione, animazione e
reti), Hanna-Barbera Cartoons, Telepictures Production, Witt-Thomas Productions, Castle Rock
Entertainment, Warner Home Video, WB Domestic Pay-TV, WB Domestic TV Distribution, WB
International TV Distribution, The Warner Channel (società separate sono state create per l’ America
Latina, l’ Asia e la regione del Pacifico, l’ Australia e la Germania) e WB International Theaters in 12 paesi...»
[continua >>>2/5]

SILVIO said...

CHI COMANDA I MEDIA (2/5)
Il redattore capo della intera divisione della carta stampata di AOL è Norman Pearlstine, anche lui ebreo.
Quali riviste possiede?
Poca roba…. Time, Time Asia, Time Atlantic, Time Canada, Time Latin America, Time South Pacific, Time
Money, Time For Kids, Fortune, Life (la nuova versione blanda), Sports Illustrated (e le varie versioni di Sports Illustrated come SI Women/Sport, SI International e SI For Kids), Inside Stuff, Money, Your Company, Your Future, People, Who Weekly (Australia), People en Español, Teen People, Entertainment Weekly, EW Metro, The Ticket, In Style, Southern Living, Progressive Farmer, Southern Accents, Cooking Light, Travel Leisure, Food & Wine, Your Company, Departures, Sky Guide, Vertigo, Paradox, Milestone, Mad Magazine, Parenting, Baby Talk, Baby on the Way, This Old House,Sunset, Sunset Garden Guide, Health, Hippocrates, Costal Living, Weight Watchers, Real Simple,President (Giappone) e Dancyu (Giappone).
Questo diluvio cartaceo non tiene conto delle altre decine di riviste (prevalentemente di hobbistica e tempo libero) che AOL-TW possiede nel Regno Unito e che si aggiungono a questo non disprezzabile pacchetto di case discografiche: Atlantic Group, Atlantic Classics, Atlantic Jazz, Atlantic Nashville, Atlantic Theater, Big Beat,Background, Breaking, Curb,Igloo, Lava, Mesa/Bluemoon,Modern, Rhino Records, Elektra,East West, Asylum, Elektra/Sire, Warner Brothers Records, Warner Nashville, Warner Alliance, Warner Resound, Warner Sunset, Reprise, Reprise Nashville, American Recordings, Giant,Maverick, Revolution, Qwest, Warner Music International, WEA Telegram, East West ZTT, Coalition, CGD East West, China, Continental, DRO East West, Erato,Fazer,Finlandia, MCM,Nonesuch e Teldec.
Tutto questo ben di Dio da chi è controllato e da chi è amministrato? Potremo in futuro ancora saperlo, scriverlo, comunicarlo, o l’unica concentrazione di potere mediatico di cui sarà lecito - se non doveroso - parlare, anzi sparlare, sarà quella di Silvio Berlusconi?
E passiamo al secondo raggruppamento di “media” (con un fatturato di 27 miliardi di dollari nel 2003), vale a dire la mitica Walt Disney Company, che dal 1984 non è più della famiglia Disney, ma è passata in altre mani. Il suo presidente e amministratore delegato e` Michael Eisner, ebreo.
La Disney per l’anno fiscale 2004 gli ha accordato un bonus della modica cifra di 7,3 milioni di dollari, perché la società avrebbe “migliorato molto” i suoi risultati finanziari rispetto ai due anni precedenti....»
[continua >>>3/5]

SILVIO said...

CHI COMANDA I MEDIA (3/5)
Partiamo dal livello televisivo dell'impero Disney, cui fanno capo: Walt Disney Television, Touchstone Television, Buena Vista Television e TV via cavo con più di 100 milioni di abbonati. Le TV locali possedute da Disney sono: WLS Chicago), WJRT (Flint), KFSN Fresno), KTRK (Houston), KABC (Los Angeles), WABC (New York City), WPVI (Philadelphia), WTVD Raleigh), KGO (San Francisco) e WTVG Toledo).
Disney possiede poi le seguenti stazioni radio:
WKHX, WYAY e WDWD ad Atlanta; WMVP, WLS e WXCD a Chicago; WBAP e KSCS a Dallas; WDRQ, WJR e WPLT a Detroit; KLOS e KTZN a Los Angeles; KQRS, KXXR, KDIZ, KZNR e KZNT a St. Paul; WPLJ a New York; KSFO a San Francisco; WMAL, WJZW, e WRQX a Washington e ESPN Radio.
Per quanto riguarda il “core businnes” dell’azienda, cioè la produzione cinematografica, la Walt Disney Motion Pictures Group, controllata dalla Walt Disney Studios e capeggiata da Joseph E. Roth (anche lui ebreo), include la Walt Disney Pictures, la Touchstone Pictures, la Hollywood Pictures e la Caravan Pictures. Roth creò la Caravan Pictures (con a capo Roger Birnbaum, ebreo) nel gennaio del 1993. Disney possiede anche la Miramax Films, gestita dai fratelli ebrei Weinstein, Bob e Harvey..
Nell'agosto del 1995, Eisner acquistò anche Capital Cities/ABC, Inc., che possiede la rete televisiva ABC, la quale a sua volta controlla dieci TV locali nei grandi mercati come New York,Chicago, Philadelphia, Los Angeles, San Francisco e Houston. In più, la ABC possiede 225 TV locali affiliate negli Stati Uniti e partecipazioni azionarie in svariate società televisive europee.
Inoltre, la ABC possiede la rete TV via cavo ESPN a capo della quale c'e` l’ebreo Steven Bornstein e controlla le reti TV via cavo Lifetime Television e A & E, con 67 milioni di abbonati ciascuna.
E’ proprietaria anche della rete di stazioni radio ABC Radio Network, la quale possiede a sua volta 26 stazioni radio AM e FM, concentrate nelle maggiori città come New York, Washington e Los Angeles, con oltre 3.400 stazioni radio affiliate (che fanno spesso uso di programmi ABC).
Anche se Capital Cities/ABC è principalmente una società di media elettronici, nel 1997 ha guadagnato più di un miliardo di dollari con i media su carta stampata. Inoltre, la Disney possiede le case editrici Walt Disney Company, Book Publishing, Hyperion Books e Miramax Books, cui si aggiungono sei quotidiani locali, come l’Albany Democrat e il St. Louis Daily Record.
Disney se la passa bene anche nel campo delle riviste. Sono sue: Automotive Industries, Biography (in comproprietà), Discover,Disney Adventures, Disney Magazine, ECN News, ESPN Magazine, Family Fun, Family PC, Institutional Investor, Jane, JCK, Kentucky Prairie Farmer, Kodin, Los Angeles, Multichannel
News, Penny Power, Talk, Top Famille (Francia), Video Business, e Quality.
Stando ad una rilevazione del mese di Aprile 2000, fanno capo a Disney circa 700 negozi in tutto il mondo e, tanto per differenziare gli investimenti, ha cospicue partecipazioni nel settore energetico e petrolifero. Anche in internet Disney è ben presente, controllando Buena Vista Internet Group, ABC Internet Group, ABC.com, ABCNEWS.com, Oscar.com, Mr. Showbiz, Disney Online, Disney’s Daily Blast, Disney.com,Family.com, ESPN Internet Group,ESPN.sportzone.com, Soccernet.com, NFL.com, NBA.com, Infoseek (in parte) e Disney Interactive....»
[continua >>>4/5]

SILVIO said...

CHI COMANDA I MEDIA (4/5)
La gloriosa casa produttrice Walt Disney, prima del 1984, quando è stata acquistata da Eisner, era famosa per i cartoni animati per bambini e famiglie. Anche se mantiene ancora tutti i diritti su film che ne hannofatto la storia, l'avvento di Eisner ha portato la società ad investire fortemente nei film per adulti, mentre le cantanti acqua e sapone, venute dal Disney Club americano, come Britney Houston e Cristina Aguilera espongono senza remore le loro grazie epidermiche, senza dimenticare il bacio lesbo con Madonna agli award di MTV.
Già, MTV! Nel primo trimestre del 2001 MTV fu dichiarata come la rete TV più guardata da telespettatori di eta` compresa tra i 12 e i 24 anni per il sedicesimo trimestre di fila. MTV è la TV che fa musica, video, spettacolo, tendenza…valori: sesso, droga, rock&roll, peace e love.
Di chi è MTV? E’ di VIACOM. E cos’è VIACOM? VIACOM INC. è la numero tre nella lista delle maggiori società di media nel 1997, con un fatturato di oltre 13 miliardi di dollari (25 miliardi nel 2002), capeggiata da Sumner Redstone, nato Murray Rothstein, anche lui ebreo.
Fondata nel 1971 per aggirare una sentenza anti-monopolio della commissione federale per le telecomunicazioni (FCC), che imponeva alla CBS di vendere parte dei suoi canali TV via cavo, nel 1999, dopo che la CBS si ingrandì di nuovo con l'ennesima acquisizione di King World Productions (leader nella produzione TV indipendente), Viacom acquistò la società madre, la CBS, facendo strame delle sentenze di cartapesta contro il monopolio dei mezzi di comunicazione sociale.
Nel 1999 le vendite sono state di 12,86 miliardi di dollari ed il 70% del fatturato è stato raggiunto
dall’intrattenimento e dalla televisione. Paragonando ’andamento generale con quello di altre aziende del medesimo settore si può riscontrare come esso non sia stato entusiasmante: alla Comcast Corporation il fatturato è salito del 20,7%, alla Cablevision System Corporation del 20,8% e alla Clear Channel Communications addirittura del 96,5%.
Paradossalmente, però, nelle ultime 52 settimane di riferimento il valore di una singola azione è cresciuto di più alla Viacom che nelle altre aziende concorrenti: +21%, decisamente in controtendenza all’andamento delle azioni, ad esempio, della Clear Channel Communications, che sono diminuite di più del 30%. I dividendi non sono mai stati pagati da questa azienda negli ultimi sei anni. Potenza del gruppo!
La Viacom produce e distribuisce programmi per le tre più grosse reti televisive (CBS, NBC, ABC), possiede 13 TV e 12 stazioni radio e possiede lo studio cinematografico Paramount Pictures, diretto da Shery Lansing, anch’essa ebrea. L'amministratore delegato della CBS che ora lavora per Redstone è Melvin A. Karmazin, dal cui cognome capirete che appartiene alla stessa etnia di Redstone (nato Rothstein) e di Shery Lansing.
Karmazin è il maggiore azionista dell'azienda che possiede la rete TV CBS Television Network, 14 TV locali presenti prevalentemente nelle maggiori citta`, 160 stazioni radio, i canali TV via cavo Country Music Television e Nashville Network e un gran numero di spazi pubblicitari (per affissione di cartelli) in tutta l'America. La Viacom possiede anche una nutrita schiera di case editrici: Simon & Schuster, Scribner, The Free Press, Fireside, Archway Paperbacks, Minstrel Books, Anne Schwartz Books, MTV Books, Nickelodeon Books, Pocket Books e Washington Square Press....»

[continua >>>5/5]

SILVIO said...

CHI COMANDA I MEDIA (5/5)
Anche la catena Blockbuster con piu` di 4000 negozi nel mondo (inclusa la catena Video Flicks in
Australia) é di Viacom. Inoltre la Viacom è anche coinvolta in attivita` di trasmissioni satellitari, parchi di divertimento e video games. La Viacom è inoltre famosa per essere la più grande società al mondo nella produzione e distribuzione di programmi per la TV via cavo, tramite le proprie reti come Showtime, MTV, Nickelodeon e altre. Dal 1989 la MTV e la Nickelodeon hanno acquisito una fetta sempre più larga della audience adolescenziale e giovanile. Beavis e Butthead sono i protagonisti di un cartone animato trasmesso su MTV e riassumono tutti i difetti dello stereotipo dell’adolescente americano (ottuso, volgare, cattivo, sporco, portatore di un consumismo sfrenato, di un maschilismo senza limiti, con un senso del rispetto praticamente assente e un’ idiozia fuori dal comune). Redstone, che ersonalmente possiede 76% delle azioni Viacom, propone Beavis e Butthead come modelli adolescenziali da imitare.
MTV, che trasmette per lo più musica, accompagnata da videoclip che eccitano tutte le perversioni possibili, è il più importante promotore di meticciato culturale tra gli adolescenti e pre-adolescenti, distribuito a 210 milioni di famiglie in 71 paesi ed esercitando un’influenza preponderante sui teenagers in tutto il mondo.
Nickelodeon, con 65 millioni di abbonati, ha la maggiore audience TV nel segmento dei bambini di 4-11 anni in America e sta rapidamente espandendosi in Europa. La maggior parte dei programmi di questa rete non è ancora scaduta al livello di MTV, ma viene usata da Redstone per abituare gradualmente i bambinialle perversioni di MTV. Nel 2001, Nickelodeon era già da nove anni consecutivi la TV via cavo più seguita per bambini e giovani adolescenti.
La Viacom è comproprietaria con Vivendi Universal di due studi cinematografici: la United Cinemas International (UCI) e la United International Pictures (UIP).
Vivendi Universal nasce dalla fusione di Vivendi con Seagram Company Ltd., la gigantesca azienda che produce bevande alcoliche, di proprietà di Edgar Bronfman jr., figlio di Edgar Bronfman sr., il presidente del Congresso Mondiale Ebraico. Seagram Company Ltd possedeva gli Universal Studios e Interscope Records, società che adesso appartengono alla Vivendi Universal.
Bronfman è il numero uno dell’industria discografica, perchè nel maggio del 1998 ha acquisito il controllo della PolyGram, il gigante discografico europeo, proprietaria di Deutsche Grammophon, Decca-London e di Philips Record, acquistandola per 10.6 miliardi di dollari proprio dalla societa olandese Philips.
Sommando il fatturato della PolyGram con quelli della MCA e della Vivendi Universal, Bronfman è
proprietario del quarto più importante gruppo di media, con un fatturato annuo di circa 12 miliardi di dollari.
Nel Giugno del 2000, la famiglia Bronfman vendette la Seagram alla Vivendi, una società francese diretta da Jean-Marie Messier (non ebreo). La nuova società, Vivendi Universal, mantiene Edgar Bronfman jr., come vice presidente. Insomma due dei quattro più grossi gruppi mediatici sono nelle mani di ebrei (Disney e Viacom), mentre negli altri due la percentuale di ebrei nei posti dirigenziali è altissima, molto al di sopra della loro proporzione nella popolazione americana, che si dice sia intorno al 3-4%.
Rammentare questi fatti, significherà fare “allegazioni mendaci, disumanizzanti, demonizzanti o stereotipe degli ebrei come tali o del potere degli ebrei come collettivo, come, specificamente ma non esclusivamente, il mito […] che gli ebrei controllino i media,l'economia, il governo o altre istituzioni sociali.”?
Mito? …lo chiamano mito!? Affrettatevi a memorizzare, perché fra un po’ tutto quello che avete
letto non si potrà più dire. Fra un po’, appunto.
Intanto noi lo diciamo:
“Nullum crimen, nulla poena sine praevia lege penali.”
O almeno così ci hanno insegnato ».
[ FINE]

Anonymous said...

Mi chiedo se Silvio ha letto,ma penso di sì,"La tredicesima tribù" di Artur Koestler(noto e ottimo romanziere ,ma anche "storico" super partes dell'Ebraismo nei paesi dell'Est.....Professore in Israele della materia)...ed ancora l'altro libro "Il Messianismo" di Robert Banon ,edizione Giuntina.
Alcuni concetti che,Silvio, tenta di esprimere,sono spesso,adombrati,e condivisi in quei libri,che di antisemitismo non hanno(giustamente) "niente",in quanto scritti(ed editi) da ottimi,preparati e onesti studiosi,della "loro" tradizione....e che "amano"convivere,senza pregiudizi nei loro confronti,"in pace" con tutte le altre "tradizioni" della terra....Ciao Mar

Anonymous said...

una domandina: .. ma al signor eisner tutte quelle centinaia di miliardi di dollari per comprare tutte le tv della terra chi glieli avra' dati ?

Non sara' mica che li avra' avuti da chi li stampa , o ,peggio ancora, non verranno da quelle immense partite di giro finanziarie per cui dal 1991 o giu di li un paio di vecchi " stati canaglia" creano immensi surplus commerciali senza che questi abbiano un pieno ritorno, ne sui consumi dei relativi popoli ne sul valore di cambio delle loro monete ? :-)
ws

SILVIO said...

OT sui “false flag” e sui cretini che abboccano
La polizia francese (nota per essere stata “eroica” nel bastonare con estrema violenza gli indifesi manifestanti anti-gay, solo perché esponevano cartelli e favore della famiglia tradizionale) annuncia : “ Svolta nelle indagini sul ferimento del soldato francese ferito sabato 25 maggio alla Defense, a Parigi. Il presunto aggressore è stato arrestato il 29 maggio a “La Verriere”, nella banlieue della capitale. Si tratta, secondo quanto riferito dal ministero della Difesa, di un uomo di 22 anni, «vicino all'islam radicale», ma non jihadista”.

Stupida manipolazione gallica!
Non dissimile da quella dei servizi segreti (idioti) “british”.
Difatti, è noto che Michael Adebolajo è stato segnalato da Scotland Yard come un terrorista agli ordini del predicatore islamico Omar Bakri Mohammed.
Il quale ha una figlia siffatta che ha nome Yasmin, che è ballerina di professione e che si è rifatta “le tette” a spese del padre.
Cosa piuttosto inusuale per un predicatore islamico.
O no?
M15 o M16, a voi la scelta.
Quanto a Michael Adebolajo, il feroce terrorista sarà stato questo oppure questo ?
Dico ciò in quanto nei “false flag” delle cronache passate di doppi e tripli ne ho visto sin troppi.

Johnny88 said...

Il titolo del post è eccezionale. Poi, fosse per me, sulla questione stadi, tifosi e ultras, taglierei la testa al toro e accoglierei la proposta di Monti. Sinceramente l'unica volta in cui mi son trovato d'accordo con l'androide è stato quando ha proposto di chiudere il campionato di calcio per 2-3 anni. Ovviamente ha parlato di battuta perché subito dopo s'è reso conto che gli italioti, privi di "circenses" a lobotomizzarli si sarebbero accorti del "panem" che lui e gli eurocrati suoi compari gli avevano rubato.

Vanda S. said...

Ammetto che io sono sempre stata simpatizzante del popolo ebreo, soprattutto per quello che hanno subito durante l'occupazione nazista, ma certo che questi FATTI mi lasciano perplessa.....
E' anche vero che questi personaggi sono un po' come i vertici della chiesa cattolica, dove molti e potenti ecclesiastici (anche fortemente politici!!!) sono uomini molto corrotti ma non per questo TUTTI i cristiani sono come loro!

Nessie said...

Esatto Vanda. Ovvio che nessuno intende generalizzare.Tanto meno Silvio, al quale però raccomando di diluire gli ottimi resoconti reperiti in più eventuali cambi di topic, per evitare bulimia da controinformazione.

Cinque pezzi lunghi, copiosi e corposi così, farebbero stramazzare al suolo anche un cavallo.Ogni buona musica ha bisogno di note, ma anche di pause.

Nessie said...

Johnny, sai benissimo che la battuta dell'Androide (che non è mai riuscito a far ridere nemmeno quando intende essere spiritoso) è per l'appunto una "boutade". L'uomo è troppo astuto e avveduto per ignorare il fatto che lo sport (e in particolare il calcio e la Formula), è sorretto, alimentato e veicolato dagli oligarchi stessi. E che il giro d'affari è davvero ingente.

SILVIO said...

@ Nessie
Concordo sulla nocività delle lenzuolate.
Ma ho voluto pubblicare integralmente quello studio sulla proprietà dei mass-media (che non è mio) perché rimanga di esso testimonianza, essendo fondate le possibilità che venga bannato dal web (come è già successo in altri casi consimili).
Tutto qui.

Aldo said...

Nessie: "pezzi da novanta come l'immancabile e arrogante Blatter"

Non so neppure chi sia questo Blatter, ma mi vien da dire "un nome, una garanzia". Hai presente, immagino, cosa sono le blatte. Potrebbe mettere in piedi un gruppo pop da fare invidia ai Beatles -- i Blatters!

Mar: "Trovo che la Ministra [Kyenge] ha le idee chiare"

Almeno quelle...

(E con queste mi son messo nei guai con la censura, che certo non sa cosa sia l'umorismo.)

SILVIO said...

A proposito di “bannare”, mi sono accorto che - cliccando sul nome Omar Bakri Mohammed – non appare il suo volto (per Google il mio precedente link è “not found”).
Poco male.
Reindirizzo il tutto al “Daily Mail on line”, che illustra doviziosamente la famigliola di questo “terribile” chierico islamico radicale.
Strana famigliola la sua, nevvero?

Nessie said...

Silvio, Omar Bakri detto Capitan Uncino o il mullah uncinato è una vecchia conoscenza sia nella City londinese dove è accanito giocatore di Borsa che presso Scotland Yard. Ma evidentemente certa gentaglia (che fingono sempre di monitorare e di tener d'occhio) serve in GB e l'espatrio lo si riserva ai pesci piccoli.

Aldo, "la Blatta" è da tanto tempo che sta sui cosiddetti dei tifosi e una volta tanto mi sento di dar loro ragione.

Nessie said...

Errata corrige: Capitan Uncino è questo qua:

http://mangoditreviso.blogspot.it/2010/08/vergognosa-europa.html

e si chiama Abu Hamza al-Masri. Anche questo però è della stessa premiata famigliola dei Bakri ed è l'eterno "ricercato".

SILVIO said...

Lo sapevo, Nessie.
Ma ho glissato perché aborro far le pulci ai veri amici.
È ignobile segnalare il "pelino" fuori posto nei riguardi di chi ha smosso montagne per denunciare la verità vera.

Nessie said...

Non mi offendevo mica sai?!? :-)

Con questi brutti ceffi con barbe folte e turbanti è facile sbagliare.

SILVIO said...

Sensibilità e bon ton prima di tutto, Nessie.
Andando sempre in OT (ma non troppo), hai letto quel che ha scritto il Bisi su Grillo nel suo libro ?
Dagospia, ne ha pubblicato un assaggio qui .
Ma il Bisi non la conta tutta.
E le sue rivelazioni non rappresentano per noi una sorpresa, dato che le mettemmo nero su bianco diverso tempo fa.
Eppoi, Spogli e Thorne sono ormai fantasmi del passato.
Col nuovo ambasciatore Usa in Italia (= l'illustre avvocato John R. Phillips) la musica potrebbe cambiare di parecchio.
Anche per Grillo.

Nessie said...

Sì Silvio, stavo proprio leggendo in questo momento, guarda caso.
Ora nel M5S dicono che Bisignani è un pregiudicato e che pertanto non può dire la verità.
Hanno usato perfino gli strangolatori di bambini poi sciolti nell'acido, in nome della VERITA' e ora Bisignani non sarebbe "affidabile".
La faccenda di Spogli e di Thorne la sapevamo già. E la disse e ripeté diverse volte il povero Fiore di FN. Il quale è considerato al di sotto di Brusca, poveretto! Perché quando rivela qualcosa lui, nessuno se lo fila. Ora lo dice il Bisi, e il libro va a ruba.

E comunque Grillo è patetico coi suoi anatemi contro gli Italiani che non lo capiscono. POvero genio incompreso!

Vanda S. said...

A proposito dei quel programma musicale che stavo seguendo, The Voice of Italy? Ha vinto l'albanese! Ma si puo'????

Nessie said...

Ma non è un programma italiano Vanda. Si chiama The Voice ed è uno di quei format di scarsa fantasia che programmano per il mondo intero. Coi risultato che vedi. E' questo il punto.

Vanda S. said...

Una punta di amarezza: in Italia i tempi sono davvero duri e lo sappiamo! Tanti giovani artisti italiani con tanto talento hanno bisogno di una spinta per incominciare, invece ieri abbiamo regalato un RICCO contratto discografico ad una straniera, fra l'altro gia' affermata nel suo paese! Perche' gli italiani non si aiutano fra di loro??? Ecco la ragione per la quale ho sempre ammirato gli ebrei: la loro solidarieta'!!!!!

Nessie said...

Vanda di italiano non è rimasta nemmeno più l'aria che respiriamo, né i cibi che mangiamo, né gli abiti che indossiamo.

Vanda S. said...

Cara Nessie, è troppo dura per me che sono tornata da meno di due anni, accettare questa realtà. Credo che me ne ritornerò all'estero, per non continuare ad assistere a questo scempio! Mi fa TROPPO male!

Nessie said...

Prima o poi cambierà anche qui,Vanda. Certo che a' da passà a' nuttata. Ho cambiato topic con un pezzo che può interessarti sugli OGM.