28 June 2018

Il Pesce puzza sempre dalla testa



Tra poche ore si terrà il Consiglio europeo che riunisce ben 28 paesi. "Non c'è ragione di credere che si possa raggiungere rapidamente a un accordo" per la riforma del regolamento di Dublino sull'asilo: questa, l'indicazione giunta da fonti di corridoio europeo alla vigilia del summit dei leader Ue che si occuperà del tema migranti. A quanto si è appreso, il vertice dovrebbe chiedere alla prossima presidenza di turno dell'Ue, cioè all'Austria, di proseguire il lavoro avviato, ma senza fissare una scadenza precisa perché non ci sono le condizioni. Inoltre come è prevedibile, la parte del leone la farà il tema immigrazione, tema fortemente divisivo e suscettibile di creare ben poca coesione tra gli stati-membri, sebbene saranno costretti a parlare anche di temi economici, chiedendo all’Europa una maggiore equità fiscale e di mandare un segnale sul fronte economico.

Ma analizziamo un po' nel concreto la piattaforma di Conte che la "Nuova Bussola" ha intitolato in modo tra l'ironico e il pessimistico Decalogo per (non) governare i migranti  .
Sarà in grado di respingere le varie insidie? Debole e ingenua a mio avviso, poiché nella sintesi non vuole l'indipendenza e l'autonomia dell'Italia, ma pensa di trovare una soluzione proprio nella fonte  principale dei nostri guai: l'Europa, quel grosso pesce che puzza sempre dalla testa. Vediamoli uno ad uno, questi punti.



1. Intensificare accordi e rapporti tra Unione europea e Paesi terzi da cui partono o transitano i migranti e investire in progetti. Ad esempio la Libia e il Niger, col cui aiuto abbiamo ridotto dell'80% le partenze nel 2018.
Si tratta di una strada certo da percorrere ma nella consapevolezza che l’Africa non assomiglierà tra pochi anni alla Svizzera e che investire milioni o miliardi in quel continente non significa creare necessariamente sviluppo considerando i regimi e la corruzione endemica che caratterizzano quei Paesi. Semmai la leva degli aiuti finanziari andrebbe considerata come “bastone”, non come “carota”, per condizionare la concessione di aiuti allo stop ai flussi e ad accettare il rimpatrio dei propri connazionali giunti illegalmente in Italia e in Europa.

2. Centri di protezione internazionale nei Paesi di transito. Per valutare richieste di asilo e offrire assistenza giuridica ai migranti, anche al fine di rimpatri volontari. A questo scopo l'Ue deve lavorare con Unhcr e Oim. Perciò è urgente rifinanziare il Trust Fund Ue-Africa (che ha attualmente uno scoperto complessivo di 500milioni di euro) che incide anche su contrasto a immigrazione illegale su frontiera Libia-Niger.
I Paesi di transito dei migranti, e in particolare Libia, Tunisia e Algeria, hanno detto chiaramente di non voler accettare la presenza di hot spot o campi di accoglienza sui loro territori per non incentivare i traffici di esseri umani che arricchiscono una criminalità che costituisce un serio problema di sicurezza per quegli Stati che considerano tutti i migranti “illegali da espellere”. Sarà quindi possibile incentivare solo il rimpatrio dei migranti da questi Paesi a cura delle agenzie dell’ONU come già accade in Libia.

3. Rafforzare le frontiere esterne. L'Italia sta già sostenendo missioni Ue (Eunavfor Med Sophia e Joint Operation Themis) e supportando la Guardia Costiera Libica: occorre rafforzare queste iniziative.
Un’ottima idea, ma per fare cosa? Solo se queste forze coopereranno con la Guardia Costiera di Tripoli per riportare in Libia i migranti soccorsi in mare avrà un senso potenziarne le flotte che finora hanno solo contribuito a portare in Italia 750mila clandestini dal 2013.

4. Superare Dublino. Nato per altri scopi, è ormai insufficiente. Solo il 7% dei migranti sono rifugiati. Senza intervenire adeguatamente rischiamo di perdere la possibilità di adottare uno strumento europeo veramente efficace. Il Sistema Comune Europeo d'Asilo oggi è fondato su un paradosso: i diritti vengono riconosciuti solo se le persone riescono a raggiungere l'Europa, poco importa a che prezzo.
Dublino è in realtà un falso problema poiché se anche tutti i Paesi Ue accettassero le quote di ripartizione esse riguarderebbero solo i migranti a cui l’Unione riconosce l’asilo. Cioè iracheni, siriani (ancora per poco, la guerra all’Isis sta terminando) ed eritrei, cioè nazionalità che rappresentano una porzione infinitesimale dei clandestini giunti in Italia per lo più dall’Africa Occidentale, dal Bangladesh e dal Pakistan. Occorre invece tornare alla Convenzione di Ginevra sui rifugiati del 1951 che consente a chi fugge da guerre e persecuzioni di chiedere asilo dai campi dell’Onu posti al di là dei confini delle zone di guerra, ma non consente di rivolgersi a criminali per attraversare illegalmente frontiere e raggiungere l’Europa.

5. Superare il criterio Paese di primo arrivo. Chi sbarca in Italia, sbarca in Europa. Riaffermare responsabilità-solidarietà come binomio, non come dualismo. È in gioco Schengen.
Un principio che al lato pratico vale ben poco poiché, come ha ribadito la cancelliera Angela Merkel, non si può consentire al migrante illegale di scegliere lo Stato dove venire accolto perché da un lato tutti punterebbero ai Paesi del Nord Europa che offrono un welfare più ricco e dall’altro questa iniziativa alimenterebbe ulteriori flussi migratori illegali.

6. Responsabilità comune tra Stati membri sui naufraghi in mare. Non può ricadere tutto sui Paesi di primo arrivo. Superare il concetto di 'attraversamento illegale' per le persone soccorse in mare e portate a terra a seguito di Sar. Bisogna scindere tra porto sicuro di sbarco e Stato competente ad esaminare richieste di asilo. L'obbligo di salvataggio non può diventare obbligo di processare domande per conto di tutti.
La misura, per essere efficace, dovrebbe prevedere che i migranti illegali soccorsi in mare da imbarcazioni civili o militari di ogni nazionalità debbano essere riportati negli Stati da cui sono salpati: Libia, Tunisia, in misura minore Marocco e Algeria. Solo i respingimenti assistiti e successivi rimpatri consentiranno di chiudere le rotte dell’immigrazione illegale.

7. L'Unione europea deve contrastare, con iniziative comuni e non affidate solo ai singoli Stati membri, la 'tratta di esseri umani' e combattere le organizzazioni criminali che alimentano i traffici e le false illusioni dei migranti.
Per raggiungere questo obiettivo occorre però rifarsi al "modello australiano" con campagne d’informazione nei Paesi di partenza tese a scoraggiare i flussi migratori illegali abbinate allo stop di ogni forma di accoglienza per chi giunge clandestinamente in Europa e al supporto alle forze locali per sbaragliare le gang di trafficanti.

8. Non possiamo portare tutti in Italia o Spagna. Occorrono centri di accoglienza in più paesi europei per salvaguardare i diritti di chi arriva e evitare problemi di ordine pubblico e sovraffollamento.
Aumentare i centri d’accoglienza e distribuirli in tutta Europa è impossibile per l’opposizione di molti Stati membri Ue e costituirebbe comunque una forma di
accoglienza che incentiverebbe nuovi flussi invece di scoraggiarli.

 9. Contrastare i movimenti secondari. Attuando i principi precedenti, gli spostamenti intra-europei di rifugiati sarebbero meramente marginali. Così i movimenti secondari potranno diventare oggetto di intese tecniche tra paesi maggiormente interessati.
L’accoglienza diversificata in Europa non impedirebbe a chi è stato destinato a Italia, Grecia, Spagna o Portogallo di cercare di raggiungere con ogni mezzo il Nord Europa in cerca di migliori prospettive e di un welfare più generoso.

10. Ogni Stato stabilisce quote di ingresso dei migranti economici. È un principio che va rispettato, ma vanno previste adeguate contromisure finanziare rispetto agli Stati che non si offrono di accogliere rifugiati".
E dove la mettiamo la sovranità nazionale? Il diritto ad esempio dell’Ungheria e degli altri stati del Gruppo di Visegrad (tutti democratici e con governi votati dagli elettori) di non accogliere immigrati illegali e soprattutto islamici? Nessuno Stato Ue dovrebbe accogliere migranti economici giunti illegalmente mentre le quote d’ingresso vanno riservate a migranti legali (se necessari) selezionati in base al diritto di sceglierne la provenienza privilegiando persone di cultura, etnia e religione meglio integrabili nel tessuto nazionale invece di subire i diktat dei trafficanti o di Bruxelles. (fonte: La Nuova Bussola).



Il Summit della Discordia

Tra poche ore andrà in onda il solito teatrino del tutti contro tutti, modello la Cantatrice Calva, la pièce di Jonesco autore del teatro dell'Assurdo. Perché in verità gli immigrati nessuno li vuole, ma ciascuno tira l'acqua al proprio mulino e vorrebbe scaricarli al vicino di casa più prossimo, come si fa con lo smaltimento rifiuti.
Occhio Italia! abbiamo una Triplice asse dalla quale dobbiamo difenderci: Francia, Spagna, Germania. E ora l'ultima furbata ci arriva anche dall'Austria, paese detto "euroscettico".  Dove li buttiamo quelli che provengono dalla Germania?
Ma sì, buttiamoli al di là del Brennero. Cioè da noi. No, non può funzionare. Occorre tagliare la testa al ...Pesce. Meglio, buttarlo via tutto quanto. Se è vero che le dittature durano un ventennio, ebbene dovremmo essere quasi alla fine, anche di questa dittatura europea.

Sullo stesso tema: "L'Italia farà da sola, il vertice segna la fine dell'Europa".  (La Nuova Bussola).

67 comments:

Nessie said...

Voci in dissenso dietro al piano falso umanitarista di accoglienza migranti della Chiesa da parte del vescovo Schneider:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/dietro-i-migranti-c-piano-cambiare-i-popoli-europei-1545835.html

da Eleonora gli incontri tra Bergoglio e Macron (tra ipocrisia e massoneria) con foto più che esplicite di Macron e Maman a un raduno gay di negri:

http://eleonoraemme.blogspot.com/2018/06/due-o-tre-cose.html

Anonymous said...

Salvini dalla Libia è tornato
a mani vuote perché madama Micron
ha provveduto poco prima a telefonare in loco, (Sono loro
che comandano li).
Diceva un grande uomo: "I rapporti tra gli stati sono rapporti di forza". Dobbiamo
metterci in testa che la Francia
è un pessimo vicino.

http://m.ilgiornale.it/news/2018/06/16/come-la-francia-prova-a-strappare-la-libia-allitalia/1541774/

John D.D.G.

Nessie said...

Se saltassero fuori le responsabilità francesi su Ustica (e ci sono!) fatte sotto l'ombrello NATO, sarebbe un modo per giocare al meglio le nostre carte.
Sì, non potevamo avere dei vicini di casa plus emmerdants.

Nausicaa said...

Anche Marco Della Luna è per parlare chiaro al pubblico elettorale sull'Europa e la sua nefanda e nefasta funzione In particolare occorre delegittimare tutte le porcate ordite da Francia e Germania contro di noi:

http://www.libreidee.org/2018/06/della-luna-delegittimare-francia-e-germania-ladri-deuropa/

Nessie said...

Della Luna ha ragione e prima o poi si dovrà porre il problema dei problemi - quello che mi sto affannando a esplicare nel blog in ben due post consecutivi: va smascherata la Testa del Pesce.

Quanto alla Francia e all'impresa di Libia, va delegittimata lei e la NATO che le ha fatto da scudo.

Anonymous said...

http://sadefenza.blogspot.com/2018/06/assassinato-lo-scienziato-farmaceutico.html?m=1


Tor (anonimous community).

Nessie said...

Grazie Tor. Ho letto questa notizia direttamente su Sa Defenza.

Anonymous said...

tecnicamente non c' è altra via di uscita che "far buon viso a cattivo gioco " sfruttando la dissoluzione dello stato libico provocata dalla nato nel 2011. Occorre cioè far sparare da forze libiche ( coordinate armate e pagate da noi) contro gli scafisti , operazione da fare sotto la protezione della marina italiana ( necessaria per tenere i francesi fuori dalle palle).
Anche altre forze "grigie" dovrebbero operare a terra per liquidare i " passeurs" del deserto.
La tratta si può chiudere solo eliminando i negrieri, ogni altra cosa è solo una presa in giro
ws

PS : dimenticavo : FRANCIA VAFFANCULO!

Nessie said...

Non ho capito l'ultima riga :-).

Pare che fare il muso duro paghi. Conte nel Summit della Discordia si è negato a Macron e ha detto chiaro e tondo che se tutti gli altri ciurlano nel manico, non avrebbe firmato nessun documento:

http://www.repubblica.it/politica/2018/06/28/news/vertice_ue_conte_minaccia_senza_disponibilita_altri_paese_veto_italiano_-200287854/

Nessie said...

Domandona: qualcuno mi spieghi perché la May in questo filmato siede ancora tra i 28 stati Ue. Ma non è fuori dalla Ue?

https://www.youtube.com/watch?v=DhmGl5dhjXM

Conte ha lasciato la sedia vuota. Deve aver sentito odore di truffa.

Massimo said...

Pare che abbiano trovato un accordo unanime poco prima delle cinque. Un accordo unanime significa che tutti hanno ceduto qualcosa, chi più chi meno, comunque un compromesso. Ma, della serie "mai contenti", non c'è nessun compromesso possibile: i clandestini devono essere fermati in Africa, tutti. Ogni altra soluzione è un passo nel baratro dell'invasione, del meticciato, della perdita di Identità.

Anonymous said...

Buongiorno,
Ma questo "accordo" e l'Italia non è più sola, in pratica cosa significa, che non cambia nulla? (della serie: cambiare tutto per non cambiare niente).
Sarò pessimista, ma ho il sentore che ce li troveremo di nuovo TUTTI sul groppone, con buona pace dei sinistronzi pdioti.
Laura

Nessie said...

Massimo, alle cinque di mattino, non c'ero, o se c'ero dormivo :-). Da quanto riportato dalle cronache, di scritto non c'è ancora niente. E verba volant. C'è tempo fino a domani, ma poi quand'anche sarà scritto, bisognerà vedere i fatti. Più che "mai contenti", con questa Ue, siamo diventati DIFFIDENTI.

Nessie said...

Laura, inutile fidarsi di vaghe e imprecise promesse. La fòla sulla UE e i suoi piani legati alla libera circolazione degli uomini, delle merci e dei capitali, la conosci già e io ho già scritto quintali di post al riguardo: anche la redistribuzione in quote (semmai avverrà) sarà solo un pannicello caldo.

Eppoi se non si fida Salvini, perché dovremmo fidarci noi?

http://www.ilgiornale.it/news/politica/salvini-laccordo-ue-sui-migranti-non-mi-fido-delle-parole-1546613.html

Bisogna che Bagnai, Borghi e Savona, trovino un piano B, per farci uscire da questo inferno. Ma in ogni caso, non sarà indolore!

Anonymous said...

Ha regione da vendere Salvini! L'ho letto anch'io ora.
Laura

Nessie said...

Per la serie, amene letture dell'estate, è appena uscito un libro di Kelly Greenhill dal titolo "Armi di Migrazione di massa" edizioni LEG, un fenomeno internazionale e transnazionale inquietante:

https://www.leg.it/index.php?route=product/product&product_id=410

Nessie said...

Alla fine portiamo a casa poco niente. Dopo 13 ore di minacce e ricatti di non partecipazione tutto è rimasto come prima è il regolamento di Dublino non è stato scalfito:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/consiglio-ue-sui-migranti-c-accordo-che-concreto-non-ha-1546626.html

Questo significa che all'interno della UE non è possibile nessuna soluzione. E non ditemi che non l'avevo già scritto! Non occorre essere Mago Merlino.

Nausicaa said...

Intanto il galletto Micrò rialza la cresta e fa questa dichiarazione insolente:

“I centri sorvegliati di accoglienza in Ue su base volontaria vanno fatti nei Paesi di primo ingresso, quindi sta a loro dire se sono candidati ad aprire questi centri”, ma “la Francia non è un Paese di primo arrivo“.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/06/29/vertice-ue-accordo-sui-migranti-centri-su-base-volontaria-ma-macron-vanno-fatti-nei-paesi-di-primo-arrivo/4459432/

Però c'è una clausoletta all'interno di questo documento che può tornarci utile: se l'accoglienza sarà su base volontaria, ebbene, non ci resta che dire NO chiaro e tondo. Come tutti gli altri.

Nessie said...

A questo punto à la guerre comme à la guerre! Se tutti fanno i furbi con in testa Merdòn, faremo i furbi anche noi.

Sbagliata l'obiezione di Minniti : Critiche dalle opposizioni, dall’ex ministro dell’Interno Marco Minniti (“Sull’accoglienza, si deciderà in base a meccanismi volontari. Prima non funzionava l’obbligatorietà, figuriamoci la base volontaria”)

Appunto! ora non siamo più obbligati e sceglieremo di volta in volta le politiche da adottarsi in una guerra che si preannuncia di logoramento.

Anonymous said...

Figuriamoci se c'è da fidarsi di soggetti con quelle appartenenze, sponsor ed obbedienze oltretutto abituati a mentire sapendo di mentire e a spadroneggiare applicando per diritto la legge del più forte cioè Loro e i loro compari dietro alle quinte. Da str..zi di prima grandezza sono diventati bravi nel giro di una notte? Questa roba ha lo stesso valore di quei trattati che hanno portato alla eliminazione degli Indiani.
Scarth

Nessie said...

Verissimo, ma è proprio il loro atteggiamento del ETSI OMNES EGO NON che ci offrirà il pretesto e che ci darà la stura a fare altrettanto!

Anonymous said...

riporto in merito a " l' accordo" la mia opinione che ho scritto già altrove
ws

era ovvio che venisse certificato il principio " chi ha i negri li (man)tiene", è solo finita l' €uroipocrisia di imporre alla VOLENTEROSA "accogliona" italia di prendersili tutti e per sempre
Il problema lo hanno creato i piddioti e non scomparirà con la bacchetta magica. Per chi deve rimediare questo disastro ( salvini ) ci sono ora due step
1) smettere di importare negri
2) "convincere" quelli già "a pensione" da noi a tornarsene a casetta loro.
In entrambi i casi il problema non è più la LU€ ma la "nostra" maggistratura, strumento globbbalista da spazzare comunque via: il male va tagliato alla radice

Nessie said...

Il problema è sia la UE che la Maggistratura sempre bovinamente obbediente. Quest'ultima non è mai indipendente dal NUovo Ordine mondiale. Anzi, ne è parte.

Nessie said...

Comunque i risultati di questo vertice hanno riportato alla ribalta l'arroganza di un Macron sempre più Merdon:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/macron-ci-scarica-i-migranti-accolti-solo-nei-paesi-sbarco-1546779.html

Tanto vale, buttare tutto a carte 48.

Anonymous said...

Alla faccia! L'assatanato str..zetto sintetico d'Oltralpe se l'è rimangiato ancor più velocemente di quanto pensassi... Nella loro prevedibile perfidia non deludono mai...
Scarth

Nessie said...

Sì, però stiamo calmi, di scritto non c'è niente ed è una sua dichiarazione estemporanea buttata lì, per mostrare i muscoli, dichiarazione che la nostra stampaglia si è subito premunita di raccogliere e amplificare per far vedere che questo governo è tornato con le pive nel sacco. E Conte l'ha spiegato bene in questa conferenza-stampa di cui il video. Quella sua battuta su Macron ("era stanco"), la dice lunga.

https://www.youtube.com/watch?v=OtZ0bj99koo

Nessie said...

PS: Perfino lo zio Fester Sallusti in questo editoriale dal titolo CIAONE EUROPA sembra aver rimesso la crapa (pelata) a posto:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ciaone-europa-1546483.html

Per paradosso, è bene che ci sia discordia generalizzata tra i 28, così salta prima il cuccuzzaro Ue.

Anonymous said...

E intanto c'è chi si fa la villa
coi soldi presi sottobanco da chi? Aziende farmaceutiche per il decreto sui 10 vaccini? Da Soros?
E i magist-ratti si guardano bene
dall'indagare.


http://m.ilgiornale.it/news/2018/06/30/ho-15mila-euro-sul-conto-ma-renzi-si-fa-la-mega-villa/1546901/

P.S. I piddini occupano abusivamente uno dei tre poteri
dello stato, chi è in parlamento
se ne rende conto? Quanti di questi sono un pericolo per la sicurezza nazionale? Senza poi contare i magistrati massoni e
coloro che prendono direttive da
determinate Lobby.
Che disastro... Dio ci aiuti.


John D. D.G.

Nessie said...

Risposta: RENZI.

Sì , ma è interessante anche sfogliare quanti nostri parlamentari sinistri e cattosinistri hanno ricevuto la Légion d'Honneur in Francia non certo per meriti nazionali:

https://www.maurizioblondet.it/quinte-colonne/

abbiamo la Lobby francofila in Parlamento.

Anonymous said...

Forse non sono stato chiaro, mi
riferivo alla magistratura che
a differenza del parlamento non è
votata da nessuno ed è un organo
sostanzialmente insindacabile da
noi cittadini che contribuiamo economicamente alla sua esistenza.
Per quanto riguarda l'articolo del grande Blondet, io vi aggiungerei i lobbysti di Sion,
degli USA, della Germania, della
commissione trilaterale, del gruppo Bindelberg, del LGBT, delle multinazionali farmaceutiche, lobbysti per conto di Soros, l'elenco può continuare
all'infinito, chi vi si aggiungerà domani? I lobbysti delle varie navi pirata che scaricano schiavi entrò i confini altrui?
A me questo gioco del gatto e la
volpe contro noi (Pinocchio) fa
ridere, spero che lo stare al gioco sia la strategia di qualcuno che la sa davvero lunga.

John D.D.G.

Nessie said...

Sì, ma la prima domanda, quella di Renzi, l'ho azzeccata :-) E c'è solo da ridere nel constatare che chi voleva cancellare il Senato per mezzo di refereundum, giudicando il bicameralismo troppo dispendioso, ora siede proprio al Senato.

Anonymous said...

Umana pietà per mister Bean-Renzi.

https://www.google.it/search?q=mister+bean+rezi&oq=mister+bean+rezi&aqs=chrome..69i57j0l3.13833j0j4&client=ms-android-archos&sourceid=chrome-mobile&ie=UTF-8#imgrc=gTWevSodDqY6MM:

John D.D.G.

Aldo said...

1) WS insiste a far riferimento ai negri, da non importare più e da convincere a lasciare l'Italia.
Da "maniaco" della lingua, mi permetto di sostituire negri con forestieri e (come ho già ripetuto infinite volte) di non inserire il qualificatore clandestini. Mi permetto anche di sostituire convincere con obbligare.
Ricapitolando: occorre rivedere in modo drastico l'intero impianto che ci viene imposto da quasi vent'anni in tema di immigrazione. Aggiungo (anche qui ripetendomi) che sarebbe opportuno che il Legislatore collegasse il fattore immigrazione a quello ambientale, e non è un particolare da poco.
2) La magistratura applica le leggi che fa il Parlamento. Ora il Parlamento ha una maggioranza che, a parole, vuole essere dirompente -- che si attivi celermente (entro ieri) per promulgare leggi che mettano la magistratura in condizioni di muoversi OBBLIGATORIAMENTE secondo l'interesse nazionale (un primo passo sarebbe scriverle IN ITALIANO LEGGIBILE E DIRETTO -- soggetto, verbo, complemento, punto, nuova frase, senza rigiri e "scatole cinesi").
3) Non sono il primo a rilevare che i mezzi di (in)formazione sono saldamente nelle mani della solita parte della minoranza, e che sono estremamente attivi nel predisporre il terreno a danni di tutto rispetto. La nuova maggioranza non può fare proprio niente, in merito?

Si dice che i nuovi governi facciano il massimo di quello che è in loro potere entro i primi sei mesi del loro mandato... un po' di quei sei mesi è già passato. L'inizio è stato apparentemente incoraggiante, ma ora pare si sia perso l'abbrivio (oggi m'è capitato di sentire il Fico molle... non credevo alle mie orecchie... barba a parte, sembrava d'esser tornati ai tempi della boldrina).

Nessie said...

No grazie Aldo! in fatto di lingua mi pare che non ci siamo proprio. Tu in realtà non applichi la lingua italiana dove la parola "negro" esiste, eccome, prima che la correttezza politica se ne impadronisse e la rendesse censurabile. Se scrivi "negro" su Facebook il sistema di policy te lo censura e impedisce a chi lo fa di partecipare al forum per una settimana. E' capitato a un mio amico.

http://www.accademiadellacrusca.it/it/lingua-italiana/consulenza-linguistica/domande-risposte/nero-negro-colore


Tu, in realtà, edulcori e ti autocensuri col tuo generico "forestiero" e cioè che proviene da fuori:

http://www.treccani.it/vocabolario/forestiero/

perché così bypassi (o meglio, eludi) il concetto di razza, che invece esiste nonostante l'ONU l'abbia bandito.

Ha ragione ws, e mi spiace tanto, ma tieniti pure per te le tue "pruderies". Puoi cercare ovviamente il significato di questo francesismo. Passo in altro commento alla seconda parte.

Nessie said...

Punto 2. Sulla Magistratura. Ma in che mondo vivi? Abbiamo sprecato quintali e quintali di post per spiegare che la Magistratura si è sostituita da un pezzo al Parlamento, il quale dovrebbe essere sovrano ma non lo è, e mi fai ancora di queste domande?
L'hai capita o no che abbiamo una Magistratura "ideologica" che se ne frega delle leggi fatte da un parlamento sovrano e che agisce d'IMPERIO? Sinceramente mi cadono le braccia di fronte a tanta insipienza....

-----------------------------------------

Sul Fico Boldrino. Purtroppo il M5S è un movimento composito fatto di più anime e che Fico battesse a sinistra non è un mistero. Piuttosto qualcuno dovrebbe spiegare perché la carica dei Presidenti della Camera vengono affibbiati tutti alla sinistra.
Era di sinistra Nilde IOtti (PCI)
Era di sinistra Pietro Ingrao (PCI)
Era di sinistra Bertinotti (Rifondazione Comunista)
Era di sinistra Laura Boldrini (SEL)

E' di sinistra Fico che ottiene il plauso del PD e di Laura Boldrini.


Nessie said...

Da ultimo i media. Tu parli di "minoranza" che li detiene? sbagliato! Maggioranza d'occupazione semmai. Una maggioranza costruita dal dopoguerra a oggi. Hai mai sentito parlare di "gramscismo" e di occupazione delle "casematte offensive"? Beh, non te lo posso riassumere in poche righe. Ma ciò dimostra che non basta vincere solo alle urne elettorali.

Finché non gli strappiamo media, tv, editoria e spettacolo (cinema, teatro), industria della cultura ecc. non possiamo considerarci vincitori. Dobbiamo occupare quei gangli se non vogliamo sentirci quotidianamente "delegittimati", coi soldi di noi contribuenti. E ricordiamoci che loro (il PD e cespugli vari) non intendono "fare opposizione" democraticamente, ma sabotaggio e boicottaggio, per riprendersi dalla finestra quello che hanno perso dalla porta principale.

Nessie said...

@ Tutti. Interessante video di Blondet su Byobly sul fatto che la democrazia costa sudore e sangue :

https://www.youtube.com/watch?v=8EtHzh9zoEw

Alessandra said...

Secondo il testo finale, i flussi incontrollati di immigrazione sarebbero finiti nel 2015.
Nel 2015?! Ma dove vivono questi?
Se non altro Conte li ha costretti a rimanere alzati fino alle 5. Ci fosse stato uno qualsiasi del quartetto degli abusivi, avrebbero avallato tutto in poche ore per poi andare a pasteggiare tutti insieme in allegria.
Comunque, ecco qui il testo:

http://lapresse.it/migranti-ecco-il-testo-dell-accordo-approvato-dall-unione-europea.html

Come Salvini, attendo i fatti.
Nel frattempo, una cosa è certa: questa estate l’andazzo sarà lo stesso di queste ultime settimane.
Navi di ong che tenteranno di far sbarcare i clandestini in Italia, il governo che ribadirà il “di qui non si passa”, il coro sinistronzo che griderà “Salvini assassino razzista!” con reductio ad Hitlerum mediante vignette, parodie e copertine dei giornali.
Intanto le ong come Open Arms (già sotto inchiesta) se ne fregano delle leggi e si lanciano a caricare le “risorse” prima che intervengano le motovedette libiche. Già Fico, fanno proprio un lavoro straordinario, nel senso che non è normale tutto ciò.

http://m.ilgiornale.it/news/2018/06/30/quelle-manovre-in-mare-della-ong-per-caricare-i-migranti-prima-delle-m/1547042/

Anonymous said...

@ aldo che scrisse
occorre rivedere in modo drastico l'intero impianto che ci viene imposto da quasi vent'anni in tema di immigrazione.
e il primo passo deve essere smettere di usare le categorie lessicali imposte dal nemico e tornare a definire le cose nella PROPRIA lingua.
La " lingua" sottintende sempre uno schema mentale e chi esprime il suo pensiero nel " linguaggio" impostoGLI dal nemico ha già perso.

ws

Nessie said...

Grazie Ale, ma anche qui sulla Nuova Bussola c'è una delle analisi passata a raggi X. In sostanza l'Italia dovrà fare da sola, perché questo vertice segna la FINE DELL'EUROPA, come ha ben espresso Blondet.

http://www.lanuovabq.it/it/litalia-fara-da-sola-il-vertice-segna-la-fine-delleuropa

Alla fin fine il lavoro di Conte non è stato del tutto inutile, perché ha rivelato la Madre di tutte le Contraddizioni: il vero Problema è la Ue. Se un Mammassantissima della Mafia fa bruciare i campi dei contadini dai suoi picciotti, questi non possono correre a chiedere "protezione" proprio a chi ne è la causa.

Inoltre Conte ha cercato di far saltare il vertice per aria, ma pare avesse la sentinella Moavero Milanesi messogli dalla Mummia Sicula. Ecco i retroscena:

http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13355545/giuseppe-conte-retroscena-bruxelles-stava-per-far-saltare-accordo-enzo-moavero-milanesi-ministro-sergio-mattarella-frena.html

Nessie said...

ws, abbiamo due problemi concentrati in un sol colpo quando parliamo di immigrazione:

1) un problema demografico legato all'ingegneria sociale dovuto all'importazione di masse africane ( "i negri") che non possiamo essere così ipocriti da non vederli nascondendoli dietro a un generico "stranieri" "forestieri" "extracomunitari" ecc.

2) un problema confessionale e religioso legato all'Islam che porta anche questo a uno stravolgimento urbanistico-sociale e identitario (le moschee e l'espansione dei luoghi di culto loro).

Interessante questo articolo di Dimitri Orlov. Come al solito i russi non hanno peli sulla lingua:

https://www.maurizioblondet.it/barbari-si-scatenano-nel-cimitero-europa/



Anonymous said...

In ogni caso non credo che l'intera questione sarà risolta a forza di piccoli "aggiustamenti" a cura di un singolo governo o una singola forza politica su singoli punti. Questi, i Mostri, da decenni hanno allestito un piano terribile che colpisce ogni aspetto della vita umana: dall'economia all'immigrazionismo, dalla medicina al concetto di famiglia, dalle "spontanee rivoluzioni al controllo dei media ecc. ecc. che implica un dispiegamento di forze e mezzi colossale. Sono arrivati perfino ad impossessarsi di un organismo che aveva resistito per millenni come la Chiesa. Non so se l'attuale enigmatica ma non certo rassicurante Amministrazione USA sia espressione di lotte intestine al centro del potere globale al punto di scardinare anche tutto il resto. Dubito molto fortemente. Limitandoci alla questione immigrazione per esempio vedo che nelle sedi ufficiali viene ancora discussa come se fosse un fenomeno casuale o al massimo di malavita e malaffare e non una operazione strategica pianificata ed inquadrata come sopra. Insomma si vedono chiaramente i Mostri e la loro immensa potenza mentre si intuisce molto meno chi gli si può concretamente opporre a un livello pari al Loro.
Scarth

Nessie said...

Beh, l'abbiamo sempre scritto: pannicelli caldi e "quote redistributive" non fanno che incoraggiare lo svuotamento dell'Africa e dell'Asia. Senza contare che si dovrebbero processare le ONG come vere e proprie associazioni per delinquere di stampo mafioso. Ma che tribunale lo farà?

Riporto questo brano del citato pezzo di Dimitri Orlov già segnalato a ws:

Siamo di fronte all’arrivo di un flusso continuo di persone, la maggior parte maschi giovani e renitenti alla leva nei paesi d’origine, di questi, abbastanza pochi hanno le caratteristiche per poter richiedere asilo.

La maggior parte non ha qualifiche per nessun genere di lavoro all’interno dell’UE in quanto analfabeti, senza istruzione o etica professionale. Molti di loro non sarebbero comunque addestrabili, perchè provengono da popolazioni dove la selezione viene fatta dalla forza fisica e dalla resistenza alle malattie, piuttosto che dall’intelligenza.

Parecchi sono islamici radicalizzati, che si considerano colonizzatori a tutti gli effetti, molti altri non hanno scrupoli a rapinare gli Europei e a stuprare le Europee. Qualche migliaio sono dei veri terroristi, che si infiltrano in attesa di ricevere ordini. Per la maggior parte di loro, sbarcare in Europa e fare gli scrocconi fa parte di una bellissima avventura, molto più eccitante che pascolare bestiame o coltivare miglio nei villaggi natii.

Le ONG europee li forniscono di gommoni e giubbotti di salvataggio e li mandano alla deriva al largo della costa libica o in Adriatico. Le navi delle ONG europee li raccolgono e li sbarcano nei porti italiani, greci o spagnoli. E poi scroccano, per mesi interi, mentre altre ONG li assistono per le domande di permesso e intasano i tribunali con le azioni legali che intentano a loro favore.

Aldo said...

Nessie: “in realtà, edulcori e ti autocensuri col tuo generico "forestiero" e cioè che proviene da fuori”

Assolutamente no! Anzi, proprio con quella parola rafforzo un’idea: l’Italia è colma e dunque basta “accogliere”, senza fare distinzione alcuna. Anche a scanso che a chicchessia venga in mente di fare “giochetti”, tipo una bella sanatoria per trasformare i “clandestini” in “regolari”, concedere cittadinanze a destra e a manca per trasformare gli “stranieri” in “Italiani”, speculare sulla distinzione tra “comunitario” e “extracomunitario” per accogliere tanto quanto ora ma cambiando area di provenienza (per dire, i Rumeni sono comunitari, così come gran parte degli zingari, alcuni dei quali sono perfino “italiani”). E così via con i concetti di “eccessivo” e/o di “incontrollato” applicati all’immigrazione – cosa è eccessivo e cosa non lo è? in base a cosa si decide il limite? dove ci si è impegnati in merito (non ho letto di tetti numerici chiari e univoci né ieri, né oggi)? o quel limite è lì, volutamente indeterminato per poter diventare un’altra “tana libera tutti” secondo i desiderata di chi ha le redini in mano? se le centinaia di migliaia di persone che arrivano di anno in anno sono “controllate”, diventano meno? abbiamo imparato negli anni cosa significa, nel gergo politichese (e non solo) l’espressione “la situazione è sotto controllo”, per dire.

Anche il mettere finalmente in relazione il numero delle persone che arrivano da fuori con il fattore ambientale è importante. Pensaci: da quanti decenni sentiamo ripetere che abbiamo problemi di natura ambientale? Ora, è risaputo che il numero delle persone che vivono su un territorio è un fattore determinante del suo degrado, da ogni punto di vista. Appurato che 200 e passa persone in media per km2 sono “una bella botta” per l’ambiente, far passare il messaggio che ogni persona in più danneggia quell’ambiente che ci hanno formati a “leggere” come elemento fondamentale del buon vivere implicherebbe in automatico che non si accoglie più e che va molto bene così. Anzi, farebbe anche passare il messaggio che se anno per anno si finisce per essere un po’ di meno ci si guadagna pure (giusto per togliere ai furboni l’alibi dell’inverno demografico, altro cavallo di battaglia di chi vuole continuare a iniettare gente dalle nostre parti).

Metti insieme quanto sopra, e vedrai che 0 forestieri equivale anche a 0 bianchi, 0 neri, 0 verdi e 0 a strisce; 0 cristiani, 0 indù, 0 islamici, 0 animisti e 0 atei. 0 clandestini, 0 regolari, 0 educati e 0 scorreggioni. Il concetto è chiaro: lo zero (0) è molto esplicito, e non permette furberie senza metterle in piazza.

Resto convintamente sul forestieri e, senza peli sulla lingua, affermo che ne ho fin sopra i capelli. Se il nuovo Parlamento stoppa l'ingresso di ulteriori forestieri e allontana una parte consistente di quelli già presenti, o almeno comincia a farlo in modo palpabile, significa che mi rappresenta. In caso contrario, no.

Sugli altri punti prendo per buone le tue risposte, perché riconosco la mia scarsa dimestichezza con quegli argomenti.

P.S. In non so quante occasioni ho ribadito che è assurdo negare il concetto di razza, che è un concetto tassonomico che non ha nulla a che fare con quello di cultura, di discriminazione, di odio e quant’altro. Accostare concetti tra loro distinti col chiaro intento di spingere le menti “semplici” a fonderli tra loro in modo ideologico e strumentale è un’operazione censurabile che qualifica chi tenta di metterla in atto.

Nessie said...

Tu pensi che un termine passepartout come "forestieri" funga automaticamente da scaccia-immigrati? E' una banale bazzecola, dato che lo trovo un termine generico e qualunquista! Inoltre impedisce di vedere il Piano Kalergi di ingegneria sociale contro la razza europea. E perché impedisce di vedere i piani di ripopolamento voluti anche dalla Merkel in Germania con quell'opuscolo del negro che copre la bianca del quale diedi conto in questo post:

http://sauraplesio.blogspot.com/2016/03/sesso-meticcio.html

Perciò fa' come ti pare ma io sostengo quello che ho già scritto a ws nel mio commento delle 12, 30 am:

1) Esiste un problema demografico legato all'ingegneria sociale dovuto all'importazione di masse africane ( "i negri") che non possiamo essere così ipocriti da non vederli nascondendoli dietro a un generico "stranieri" "forestieri" "extracomunitari" ecc.

2) Esiste un problema confessionale e religioso legato all'Islam che porta anche questo a uno stravolgimento urbanistico-sociale e identitario (le moschee e l'espansione dei luoghi di culto loro)


Per tutti gli altri "alieni" che ci affliggono vale il termine INVASORI, poiché chi li fa penetrare abusivamente compie atti "ostili" contro di noi. Punto.

Aldo said...

"Invasori" mi piace. Così come "traditori" per coloro che implementano l'invasione e/o la fiancheggiano.

Nota: i negri sono solo le "truppe" più recenti. Prima di quelle, governi e Parlamenti variopinti degli ultimi vent'anni almeno hanno iniettato numerosissimi "gruppi misti", in proporzioni variabili. Vien da chiedersi per quale ragione le dirigenze siano passate a quel monocolore, almeno a livello di incidenza sulla (in)formazione. Il fattore visibilità credo sia determinante per la scelta, ma fatico a spiegarmi in che modo (nel senso che riesco a trovare una serie di ragioni, ma mi sembrano una più demenziale dell'altra e alcune sono pure in contraddizione tra loro).

Nessie said...

INVASORI rappresenta un salto di qualità rispetto agli ipocriti che applicano su di noi l'arma di distruzione di massa ("l'umana pietas") con le solite immagini di donne incinte e lattanti che berciano usati come "scudi umani".

Il "colore nero" (monocolore) serve ad accelerare i piani di "ingegneria sociale" e il genocidio dei popoli europei, non so quante volte l'avrò già scritto. E serve anche a creare un futuro individuo "meticcio" senza identità, senza radici, privo di intelletto, senza veri codici morali, molto adatto a venir schiavizzato:

http://xn--identit-fwa.com/blog/2012/12/11/il-piano-kalergi-il-genocidio-dei-popoli-europei/

Aldo said...

La discendenza meticcia non viene fuori solo da quella combinazione lì...

Nessie said...

Lo so, ma incoraggiare le unioni miste tra bianchi e neri, è parte del Piano. Inoltre si fa più in fretta.

Nessie said...

PS: poi dove non si arriva su base volontaria, ci sono gli stupri di branco detti "etnici".

Vanda S. said...

Sono in Inghilterra per un mese per lavoro. Erano 17 anni che non ci tornavo e devo dire che stanno messi molto, ma molto peggio degli Stati Uniti!!!! Scioccante!!! Orribile!

Nessie said...

Ciao Vanda, raccontaci... In che senso sono messi peggio? Non c'è una ripresina post Brexit? Tienici informati.

Anonymous said...

http://m.ilgiornale.it/news/2018/07/01/salvini-prega-per-buonanno-ci-aiuta-da-lassu-poi-abbraccia-la-madre-in/1547329/

Mario da Bergamo

Nessie said...

Grazie, ho già visto. C'è stata una grande partecipazione e affettività di massa intorno a Salvini oggi a Pontida. Ma la merita tutta, solo per quanto si sbatte:

https://www.rischiocalcolato.it/2018/06/come-e-nato-salvini.html

Alessandra said...

Ottima l’analisi della “Bussola”, era proprio quello che cercavo. Pur conoscendolo, visito troppo poco spesso quel sito, rimedierò!
Splendido l’articolo di Orlov, andrebbe fatto leggere nelle scuole, altro che le supplenze di Saviano!
Salvini è il moto perpetuo, e più vado in giro più ho la sensazione che quelli che lo criticano si vedano più che altro in televisione.

Intanto in Germania si è dimesso il ministro dell’Interno Seehofer, che dopo il Consiglio europeo non ha avuto le risposte promesse dalla Merkel.

http://m.ilgiornale.it/news/2018/07/01/migranti-seehofer-si-dimette-il-governo-merkel-e-in-crisi/1547363/

Nessie said...

Ciao Ale, infatti ho aggiunto l'ultimo articolo della Bussola, in fondo al post. In pratica Conte è servito a mettere in evidenza tutte le crepe del muro Ue.

I russi è gente tosta che non si crogiola troppo nelle mollezze. In Europa 70 di dopoguerra e di propaganda pacifondaia, la mancanza della leva militare ai giovani, ci hanno conciato delle mucillagini.

Per ciò che concerne la Merkel e le sue diatribe con Seehofer, ,o bloccano gli sbarchi o salta l’Europa. Semplice equazione da risolvere. Gli sbarchi riguardano TUTTA l'Europa, anche del Nord, tenuto conto che poi gli invasori hanno il vizio di salire su.

Nessie said...

PS: volevo dire 70 anni di dopoguerra (e la parola "anni" è rimasta nella tastiera).

Anonymous said...

Solo per puntualizzare la questione del "meticciamento". Anche chi non crede all'esistenza della razza ariana, deve rassegnarsi all'idea che il bianco, soprattutto quello di varietà nordica (capelli biondi o rossi, occhi azzurri o verdi) ha un patrimonio genetico che in biologia si definisce "recessivo"; cioè, abbisogna di un partner con lo stesso patrimonio genetico per avere una prole congrua. Non chiamiamola "razza", per carità, chiamiamola "paracarro", ma tra tutte è l'unica al mondo con questa caratteristica. Siccome tutti gli altri paracarri hanno una dotazione di geni denominati "dominanti", l'unione dei due da sempre per risultato un dominante. Non funziona come con il caffè e latte: il latte, dopo un pò sparisce perchè è sempre più difficile trovare un partner con lo stesso patrimonio genetico. Sono già anni che sulle riviste scientifiche si denuncia la sparizione degli individui con i capelli rossi, quindi, la politica è già molto avanti. E' evidente, quindi, che non sarebbe proprio la stessa cosa se fossimo invasi da orde di svedesi. Esiste anche la qualità al mondo, e nemmeno le pecore sono tutte uguali.

IL SAURO

Nessie said...

Certamente che no. Orde di Svedesi, di Norvegesi o di Lapponi, non creerebbero affatto lo stesso problema. Per questo ho una totale reticenza a denominare tutti gli "invasori" come semplici "forestieri" eludendo il problema che denunci a proposito di "geni recessivi" - cosa che già sapevo, avendo un rosso in famiglia.

Nessie said...

PS: Marcello Veneziani, messo in evidenza da Massimo, fa una profezia: "Il capo del PD sarà negro". E si è espresso proprio in questo modo, certo di turbare le animucce belle:

http://www.marcelloveneziani.com/articoli/il-capo-del-pd-sara-negro/

Alessandra said...

Per la serie “sinistra, media e strumentalizzazione politica” ecco un fresco esempio di “due pesi e due misure” che arriva dallo sport, in questo caso l’atletica leggera.
Renzi, Martina, il PD tutto e Saviano (più l’ong Open Arms …) esultano sui social per la medaglia d’oro vinta ai Giochi del Mediterraneo nella staffetta 4x400 da una squadra azzurra composta tutta da atlete nere. È il trionfo dell’Italia multiculturale coraggiosa contro i razzisti paurosi, proclamano, e fanno il verso allo slogan leghista “Prima gli italiani” usando come hashtag #primeleitaliane.
Lo scorso 23 giugno Filippo Tortu, velocista, bianco, ha registrato al Golden Gala, nella gara dei 100 metri piani, un tempo di 9’99’’, battendo il record italiano del grande Pietro Mennea che resisteva dal 1979.
Manco un tweet. Eppure è italianissimo.
Forse il suo risultato vale meno?
Ecco, il razzismo dei piddioti e compagni di ideologia si vede anche da questo. Chi avesse avuto dei dubbi residui, è servito.

http://m.ilgiornale.it/news/2018/07/02/staffetta-total-black-lite-saviano-centinaio-pontida-razzista-legafobi/1547548/

Alessandra said...

Correggo un errore: 9''99. Sennò altro che 100 metri :-)

Jacopo Foscari said...

"messi peggio"

Stanno messi peggio perché comunque negli USA i "migranti" sono in larghissima parte messicani e cubani che sono tutto quello che si vuole, ma almeno sono cristiani e non vogliono imporre la sharia agli USA. In UK invece ci sono zone in città come Londra e Birmingham che sono delle vere e proprie colonie maomettane.

Nessie said...

Giusta notazione Jacopo. Londonistan è zona franca per la sharia da tempo e anche la Francia non scherza. Ero di recente a Lione e credevo di essere a Teheran da tante donne in gramaglie nere come corvacce ho visto.

Nessie said...

Alessandra dire che sono infimamente meschini è dire poco. In questo momento praticano però la corsa al suicidio: il loro. E le elezioni europee non sono lontane.

Anonymous said...

Buonasera,
visto che siamo in tema (abbastanza :-) segnalo questo video che ho guardato "magnum cum gaudio":
http://www.ilgiornale.it/news/cronache/ruspe-azione-nel-campo-rom-abusivo-firenze-1547792.html
E il sindaco di Firenze è Dem, roba da non credere! Sembra quasi intelligente...
Laura

Nessie said...

Ricopio e faccio mio un commento pertinente di un lettore (paolo b) dall'articolo del Giornale:


Che sa da fa per non scomparire del tutto !!! però prendere lezioni da salvini mi pare un po' troppo per la sinistra buonista !!!!!! adesso i rom sono da sfrattare dopo che i cittadini stanno sfrattando i sinistri ogni elezione sempre più !!