03 May 2013

IMU, la patrimoniale dell'esproprio





A governo appena nominato abbiamo già il rebus IMU. Si paga o non si paga? Per il momento si sospende la rata del giugno prossimo venturo. Il che vuole dire solo una cosa: si dilaziona nel tempo. O si "rimodula", come già si cinguetta nella curva sud di sinistra. Scrive Piero Vassallo nel suo articolo "IMU, una tassa eversiva": "Perché non si può abolire l'Imu? Perché dobbiamo finanziare la Germania dell'imperiosa Merkel? Per masochistica obbedienza all'Unione europea? Perché occorre sanare le ferite causate dall'alta finanza americana? Per riparare i danni causati dalle demenziali acrobazie nel Monte dei Paschi di Siena? Per continuare il finanziamento pubblico dei partiti? Per sostenere l'immigrazione selvaggia? Per finanziare Radio radicale? Per dimostrare che Monti aveva ragione? Per onorare il Tabacci-pensiero? O per comprare le corde con le quali si impiccano gli imprenditori disperati e i disoccupati di lungo corso?". Parole sante.
E ancora: "Enrico Letta fa parte di un movimento, la setta dei cattolici adulti, che è consacrata al gioco delle tre tavolette e scaltrita nell'arte dell'eloquio a lingua bifida e vaselinosa: una parola per illudere la destra tradizionale, una parola per favorire la sinistra sciamanica.

Contro la promessa abolizione dell'Imu, infatti, sono insorte le figure eminenti, le collaudate sentinelle del sinistrismo isterico/ecumenico: la Bindi, la Camusso, la Boldrini. Nel silenzio assordante della CEI il terzetto ha sentenziato che l'abolizione dell'Imu non ha da farsi".
Inutile parlare col conoscente o vicino di casa di sinistra sull'IMU, anche se costui è pluriproprietario. Vi dirà con uno zelo masochistico e autopunitivo che "i ricchi dovrebbero pagarla e che dovrebbero esserne esonerati i poveri". Per il sinistropensiero però i "ricchi" sono sempre "gli altri", chissà perché. Il vostro conoscente vive - povero nesci - in una perenne stato di "alienazione" dalla sua stessa condizione sociale, dovuta al proprio retaggio ideologico.
Tuttavia, l'82% per cento degli Italiani (comunque votino) sono proprietari immobiliari, cosa che fa andare su tutte le furie i tedeschi, i quali viaggiano per il mondo, ma sono in pochi ad averci la casa. Lo avete sentito Tobias Piller, direttore della stampa internazionale? Con accento teutonico,una faccia con spessi occhiali simile a quella del nazi del film "I predatori dell'arca perduta" (quello che si scottò la mano nel tentativo di trafugare un antico medaglione nel Nepal), si è lamentato perché è impossibile per "noi tedeschi" acquistare una casa in Italia, dato che gli Italiani avrebbero il singolare vizietto di trasmettere i beni immobili da genitori in figli. Ma guarda un po'...
Il suddetto articolo di Vassallo pone l'accento su un tema caro alle oligarchie eurocratiche: la fine della famiglia, l'indurre i popoli al nomadismo scoraggiando la "stanzialità" non solo nel lavoro ma nel proprio abitare quotidiano. Del resto, lo slogan più volte sbandierato anche dalla pubblicità delle linee telefoniche è "vivere senza limiti e confini". E allora, no famiglia, no casa. No casa, no patria. Solo in quest'ottica si comprende lo zelo  nel voler applicare una simile tassa espropriativa alla quale ora verrà aggiunta un'altra patrimoniale sui rifiuti domestici: la TARES.
Aggiungo un'altra tara storica in seno alla sinistra di provenienza marxista, ben descritta dall'amico Josh nel suo post dal titolo  "La Caritas, Marx Engels e il dottor Zivago" basato sulla critica al libretto "La questione delle abitazioni" di Engels: il concetto secondo cui la proprietà è considerata un furto.
 Ai tempi di K. Marx (alias Mordechai Levi) e F. Engels si volle affrontare il tema case. Ne scrisse il sodale di Marx nell'opuscolo "La questione delle abitazioni", 3 articoli del 1872 pubblicati a Lipsia che si richiamano allo scritto "La situazione della classe operaia in Inghilterra".
Gli scritti si rivolgevano contro le tesi dei socialisti utopistici alla Proudhon, che riteneva sbagliato l'affitto e ne proponeva come soluzione l'abolizione, mediante riscatto dell'appartamento (creando cioè una proprietà).

Alla questione, Marx ed Engels risposero invece con l'abolizione della proprietà stessa, così come per loro si doveva abolire anche la proprietà di TUTTI i mezzi di produzione (macchine da cucire private delle sartine casalinghe comprese, in omaggio alla presunta "lotta di classe" e "lotta contro i padroni".
Con questo spirito tragico, in cui ogni problema è trasformato nella sua parodia, in URSS furono così requisite le case di proprietà, ad ogni "compagno" fu assegnata un certa metratura, circa 25 mq., attraverso l'istituzione di un'apposita Commissione, come è ricordato anche dal celebre romanzo "Il dottor Zivago" di Boris Pasternak.

In quest'ottica aberrante sulla "promiscuità delle abitazioni" si pone anche il recente progetto della Caritas "Rifugiato a casa mia" un modo subdolo e untuoso per creare surrettiziamente una carità pelosa e coattiva nei confronti degli extracomunitari, basata su un solidarismo e buonismo ipocrita quanto malvagio, ai danni degli autoctoni. Tutto ciò avviene senza che i problemi degli italiani, sempre più gravi vengano minimamente risolti.
Intanto si gioca con le parole : sospensione dell'IMU (ma non abolizione). Ricordo, se ce ne fosse ancora bisogno, che gli Italiani hanno dedicato le loro tredicesime nel dicembre 2012 al pagamento esoso del saldo IMU. E allora succede poi che  non si spende altro  anche se è Natale, perché si paga già troppo. E se non si spende, i commerci chiudono i battenti, gli esercizi pure, non si viaggia, non si va al ristorante, non ci si diverte e l'economia si deprime. E non venite poi a parlare di "crescita", parola di cui si riempiono tutti quanti inutilmente la bocca. Imu, dietro a una sigla c'è di più.

64 comments:

Massimo said...

Berlusconi pare si renda perfettamente conto come l'abolizione dell'imu sia la linea del Piave del PdL e anche ieri ha confermato che su tale provvedimento non è possibile alcun compromesso. In questo momento la trasmissione del mattino di Radio Uno (Prima di tutto) ha chiesto agli ascoltatori quale tassa, dopo il richiamo dell'ocse, vorrebbero fosse tagliata. Usualmente le dichiarazioni "scomode" (almeno il 50% dei miei sms ...:-) non vengono lette. Questa volta immagino abbiano tante risposte "imu" che non possono esimersi dal darne conto ed ogni tre commento dei lettori uno chiede l'abolizione dell'imu. Come a dire: con buona pace dei tedeschi la Famiglia resta la Famiglia e la Casa ne è il punto di raccolta, il rifugio, il Bene assoluto che non deve essere messo in pericolo.

Nessie said...

"Come a dire: con buona pace dei tedeschi la Famiglia resta la Famiglia e la Casa ne è il punto di raccolta, il rifugio, il Bene assoluto che non deve essere messo in pericolo".

Massimo, non dimentichiamo un altro dato antropologico: i tedeschi sono popoli nordici e i nord-europei furono orde di nomadi. Mentre noi latini siamo da data immemorabile un popolo stanziale con una civiltà ben strutturata. Se i tedeschi preferiscono fare le cicale e fare i "wanderers", invece che risparmiare e farsi la casetta, sono scelte loro. Noi non dobbiamo modificare il nostro stile di vita per alcun motivo.

Aggiungo che anche la proposta della Meloni sull'"impignorabilità" della casa, mi pare sacrosanta. Se l'essere umano non ha un tetto sopra la testa, poi può diventare anche un delinquente sbandato.

Eleonora said...

Insomma, se tolgono l'imu, accade questo: http://www.corriere.it/economia/13_maggio_03/tassa-comunale-imu-sensini_917c75fe-b3b3-11e2-a510-97735eec3d7c.shtml

Aldo said...

Provo a dire la mia. Magari sarò scioccamente banale, non so.

La tassazione della casa ha probabilmente alla base una ragione patologica "segreta". Abbiamo lasciato alle nostre spalle il mondo del rapporto favorevole tra risorse e popolazione, un po' perché la popolazione è cresciuta troppo, un po' perché le risorse si vanno esaurendo, sicuramente per una interazione tra le due cose.

In questo contesto non è più vantaggioso, per le dirigenze, tentare di ricavare i propri utili inducendo a un consumo che non è più praticabile (anche se oggetto di mantra tanto vuoti quanto ipocriti) e tassando il ricorso al superfluo. Ergo, si torna al vecchio: tassare l'indispensabile. L'IMU (e non solo quella) è una versione moderna della "tassa sul macinato" della quale ci parlavano a scuola. Nessuno può esimersi dal mangiare almeno un po', così come nessuno può esimersi dall'avere un tetto sopra la testa (non si illuda chi vive in affitto: il peso dell'IMU si trasferirà inevitabilmente nelle loro tasche al prossimo rinnovo contrattuale). Dal che deriva: nessuno può sottrarsi alla mungitura, se non devastando nell'immediato e repentinamente la propria vita, laddove l'IMU la devasta per piccoli passi, erodendo dapprima i risparmi, quindi il reddito disponibile. Ora, tutti sappiamo di dover schiattare, ma quanti deciderebbero di farlo oggi visto che tanto sarà domani? Ecco quindi che ci mettiamo tutti in fila per pagare, belli ordinati anche se un po' immusoniti.

Quando al richiamo continuo alla "crescita", sarebbe idiota nella sua manifesta vacuità, se non fosse per il fatto che è anch'esso uno strumento di gestione del comune sentire. E' lo stesso procedimento applicato dal medico che mente al malato terminale esortandolo a farsi coraggio, che la guarigione è vicina (sentito, più volte, con le mie orecchie quando mio nonno era moribondo per tumore all'intestino). Il malato, sotto sotto, sa che è spacciato, ma la morte che gli si prospetta è talmente schifosa che si attacca pure a questa menzogna pur di regalarsi un conforto che sarà pure illusorio ma sempre conforto resta.

La differenza tra il medico e i dirigenti è che il medico mente nell'illusione di aiutare il malato a sentirsi meglio (si spera che sia così, anche se ho spesso nutrito dei dubbi), mentre i dirigenti mentono per ingannare e ricavare un utile dall'inganno, ben consapevoli del fatto che quell'utile deriva dal danno altrui e dunque consapevolmente malvagi al pari di quelle banche che entrano in casa di notte e ti legano ad una sedia per portarti via qualche migliaio d'euro. Non vedo differenze di fondo, nonostante l'immancabile cravatta della quale son usi adornarsi i dirigenti.

Anche le panzane che ci vengono raccontate sull'IMU rientrano, a mio umile avviso, in questa categoria di comportamenti. "L'IMU serve per sanare i bilanci e consentire il rilancio dell'economia, cosicché domani noi si possa ricominciare a star bene". Sì, come no...

Soluzioni? Temo nessuna che non debba passare per l'epurazione della classe dirigente (politica, economica, religiosa... ad ampio spettro). E non sto parlando per simboli. Ne seguirebbe un breve periodo di riequilibrio, prima che nuovi dirigenti aprofittino del vuoto creato per organizzarsi e riavviare il ciclo. Ma... chi ha il coraggio di avviare il processo? Io no. Non c'ho il fisico.

SILVIO said...

Concordo con le argomentazioni di Nessie, Vassallo e Josh.

E non mi sorprendono affatto le perversioni intellettuali di esponenti della “Charitas ed ONG collegate” nonché di Bindi, Camusso, Boldrini e similari sanguisughe : veri “sepolcri imbiancati” accomunati dall'odio distruttore verso il popolo da cui derivano e che li foraggia.
Con essi è inutile discutere, sono totalmente irrecuperabili.
Sembra quasi che - al posto del cervello – abbiano un microchip.
Verosimilmente, targato “Fabian Society” .
Tale ipotesi è tutt'altro che peregrina dal momento che “Fabian Society” derivò dall'osceno connubio tra i Grandi Massoni ed i Gesuiti, con l''intento di istituire uno Stato autoritario comunista non per via rivoluzionaria ma dopo aver messo in pratica “la guerra di logoramento” secondo la tattica di Quinto Fabio Massimo / Il Temporeggiatore.

È il nazi-comunismo fabiano (propugnato e finanziato dai banksters) il nemico del XXI secolo da combattere e da abbattere, se si vuole che i concetti di Popolo e Stato sovrano abbiano ancora diritto di esistere.
Nazi-comunismo fabiano che è personificato da molte istituzioni globaliste ma soprattutto dalle Nazioni Unite e dai suoi lacchè.
Parole ed opere della Boldrini “docent”.

Nessie said...

Letto Ele, grazie. Saccomanni (uomo di Draghi e di Bankitalia)si dimentica di ricordare che con la prima tranche di tassazioni imposta da Monti l'indomani del suo insediamento nel novembre 2011, lui e i suoi Androidi ci incravattarono per ripianare i debiti di Morgan Stanley (5 gennaio 2102, una bella Befana!). Successivamente i denari rastrellati per l'IMU servirono per ripianare i debiti della Montepaschi nonché una parte di questi finì nella voragine del Fondo salvastati. Sarà utile vigilare dove andranno questi nostri denari. Altro che demagogia sui comuni in deficit!I quali poi , guarda caso, sono pur sempre pieni di derivati imposti dalle Banche d'affari già citate. Ecco perché poi il piatto piange

Nessie said...

Aldo, sono tutte osservazioni degne di nota, le tue. Ma più che il parallelismo sulla tassa del macinato (il tuo "non si può esimersi di avere un tetto sopra la testa") a me sembra una disincentivazione forzosa vera e propria nei confronti della "società stanziale" con le sue regole e il suo ordine a vantaggio del nomadismo permanente. In altre parole, è la legge del caos e della transumanza continua che deve contrapporsi violentemente alla legge dell'Ordine, della Calma e della Bellezza, tipica delle società latino-mediterranee.

Se tu avessi ascoltato come la sottoscritta quel Tobias Piller, giornalista tedesco, avresti colto con inquietudine una sorta di malcelata invidia sociale nelle sue argomentazioni. Cito a memoria: "Avete una terra benedetta da Dio, con sole, coste marine, città splendide...Un operaio tedesco rispetto a un operaio italiano fa una vita infinitamente più grama....".

Il resto puoi desumerlo da te...Io l'ho tradotto: si prega di sloggiare in fretta dai vostri patri lidi, perché noi tedeschi siamo stufi di fare i "nomadi" e desideriamo venire a piazzarci a casa vostra. E allora il mantra di "è il mercato Bellezza", può dar loro una mano. E se non si riesce a farci sloggiare, si possono preordinare le cose in modo tale, da rendere insostenibile i costi che gravano intorno alla casa.

Nessie said...

Grazie Silvio. Non è un caso che il Fabianesimo sia l'ultimo rifugio di quei veteromarxisti che non avendo ottenuto quel che volevano attraverso la "lotta di classe" e la "rivoluzione armata proletaria", ora tentano la via gradualista della "guerra di temporeggiamento". E del resto parla chiaro il loro logo: il Lupo col Manto d'Agnello per mimetizzarsi meglio e far vedere al mondo che tutto quanto fanno è per il Bene Comune.

Occhio alla Boldrini perché sta cercando di imbavagliare il web invocando qualche legge liberticida. I pretesti non mancano (minacce di morte, proclami xenofobi, il cosiddetto "femminicidio" ecc.). Ma come ben sai, se non ci sono si possono fabbricare per l'uopo :

http://www.tmnews.it/web/sezioni/top10/boldrini-denuncia-minacce-morte-via-web-discutere-controllo-rete-20130503_090628.shtml

E' per il Common Good onusiano che vorrebbe accelerare dette leggi.

Nessie said...

@ Tutti. Ecco questi due poveri disgraziati di Messina, costretti dalla vendita della "nuda proprietà" della loro casa, come si sono ridotti. Avevano una tipografia che poi è fallita e ora sono costretti a vivere in auto parcheggiata sotto la loro ex casa non più loro per avere ancora un po' di quei ricordi perduti:

https://www.youtube.com/watch?v=xeqH-0DDwMg

Sono scene che non avremmo mai voluto vedere. Questo disgraziato paese ha già versato troppe lacrime.

Aldo said...

Lapsus davvero significativo, il mio. Ho scritto "al pari di quelle banche che entrano in casa di notte..." ma intendevo scrivere "al pari di quei ladri che entrano in casa di notte...". Mmm...

Circa il desiderio predatorio dei Tedeschi tocchi un punto al quale non avevo mai pensato. Per ora vorrei credere che non siano "i Tedeschi" a desiderare quel che dici, ma "le dirigenze tedesche". E, come nel caso degli Italiani, per parallelismo sono in questo momento portato a credere che il marcio stia lì, sull'alto degli scranni. Questo a caldo. Mi permetto di prendermi un po' di tempo per pensarci su, perché spesso mi hai suggerito qualche linea d'osservazione degna d'attenzione. Spero d'essere fonte d'altrettanta "ispirazione" per te.

Josh said...

C'è ben poco da aggiungere Nessie....
Grazie della citazione nel post.

Quando esiste in un Comune un "progetto culturale" finanziato da denaro pubblico dal nome "Nomadizziamoci",
promosso da un altro ente pagato da denaro pubblico
autodenominato "Orto dei Giusti"
è inutile anche girare intorno al tema.

C'è una simbologia obbligata in tutto questo, ed è inutile non vederla.

Certamente che il tutto sa di Fabian Society.
Oltre al Lupo in veste d'Agnello, che già è tutto dire,
c'è anche l'altro simbolo della vetrata Fabian...quello dello "spacchiamo il mondo a martellate per rifarlo a nostro interesse e somiglianza". Bella roba.

SILVIO said...

@ Nessie
La libertà di pensiero e di opinione è garantita non solo dall'articolo 21 della nostra Costituzione ma anche dagli articoli 10 e 11 della “CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UNIONE EUROPEA” , che costituisce parte integrante e inscindibile del Trattato di Lisbona .
Detto ciò, ritengo che la carica di Presidente della Camera (a mio parere, assegnatale molto immeritatamente) abbia dato alla testa a Laura Boldrini, visto che ha intimidito il web mobilitando il distaccamento di Polizia di Palazzo Montecitorio.
Ma chi crede di essere ?
Presto la XVII legislatura finirà e con essa svaniranno i deliri di onnipotenza di nani e ballerine....

aladino said...

Cara Nessie, un tempo i barbari, da Attila al Barbarossa, per occupare il Bel Paese, dovevano mettere su un esercito e combattere. I nostri avi hanno difeso strenuamente la loro (nostra) Patria. Come diceva il Poeta: .....è primavera e porta tedeschi. E questi non hanno bisogno di eserciti, hanno i loro untuosi e viscidi servi.

Personalmente non ho alcuna antipatia verso i tedeschi quali cittadini. Ma con i loro kapataz, senza fare nomi, farei volentieri il macellaio. Caro Aldo non serve avere "fisico", a noi basta il cervello. Il problema sembra insolubile in quanto invisibili. Si nascondono dietro le carte ed i trattati imposti sovieticamente.

Fabianamente sanno temporeggiare. Ricordo che più di dieci anni fa studiavo il Trattato Basilea II. Eravamo in riunione per discuterla. Alla fine della presentazione e delle illustri spiegazioni dei super-esperti sbottai: ........ andiamo verso la sovietizzazione del mercato e della finanza ...... e le piccole aziende non sopporterranno la botta ......... I colleghi mi tacciarono di catastrofismo con un sorrisino beffardo.
Alla successiva riunione chiesi e ottenni la parola e spiegai del perchè e percome avevo fatto quella previsione. A distanza di anni mi hanno dato più volte ragione. Ed io ogni volta mi incaxxo, perchè avere ragione dopo è una stronzata.
I temporeggiatori sapevano che dopo avrebbero imposto Lisbona, il MES, il Fiscal Compact, ecc...... con la complicità ed il servilismo dei nostri politicuzzi. Ma verrà il tempo..............
ciaooooooo.

SILVIO said...

A proposito di “CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI DELL'UNIONE EUROPEA” , l'articolo 17 recita testualmente:
« Diritto di proprietà
- 1. Ogni persona ha il diritto di godere della proprietà dei beni che ha acquisito legalmente, di
usarli, di disporne e di lasciarli in eredità. Nessuna persona può essere privata della proprietà se non
per causa di pubblico interesse, nei casi e nei modi previsti dalla legge e contro il pagamento in
tempo utile di una giusta indennità per la perdita della stessa. L'uso dei beni può essere regolato dalla
legge nei limiti imposti dall'interesse generale ...


Bello, vero?
A questo punto, c'è chi potrebbe esultare pensando: « Siamo a cavallo! Anche il Trattato di Lisbona protegge il diritto di proprietà »

Occhio : non è così !
O, più precisamente, non lo sarebbe se un domani la legislazione e la dottrina Ue si orientassero inequivocabilmente verso il “diritto di proprietà” com'è inteso dal sistema anglosassone “common law” e non dal diritto romano che ha ispirato il nostro Codice Civile.

Sta qui la trappola d'esproprio della proprietà privata individuale, che scatta a seguito di imposte patrimoniali occulte e reiterate sino a tramutarsi in vessazioni insopportabili conducenti al finale pignoramento.
Più tardi proverò ad argomentare in merito.

Nessie said...

Aldo, in effetti trattasi di "dirigenze tedesche". Se può interessarti dalle mie parti sul Lago Maggiore, vedo proliferare come funghi agenzie immobiliari tedesche di compra-vendita particolarmente interessate alle trattative di case-fronte lago e di ville d'epoca. Ma sai com'è: le "dirigenze" fanno in fretta a "dirigere" il popolo e a creare un'opinione pubblica favorevole ai loro interessi...

Ma certamente che ci si influenza a vicenda, specie se gli argomenti sono degni di attenzione :-)

Nessie said...

Josh, se ce l'hai mandami il link della vetrata Fabian ("spacchiamo il mondo a martellate" ecc. ecc.)

Silvio, "chi crede di essere la Boldrini"? Questione di "altezza". Lo chiamano "alto commissario dell'ONU per i rifugiati". O meglio, così la chiamavano...

Molto interessante quanto dici sul "common law" da sovrapporre al diritto romano che ispira il nostro codice civile. A proposito del quale, anche da noi ci sono clausole sul diritto alla casa e alla salvaguardia della proprietà (non ricordo quale, esattamente). Ma qualcuno (Tremonti sul suo sito) usò quella legge per poter richiedere la restituzione dell'IMU.

Nessie said...

Aladino, ma quanto è seccante aver ragione...a distanza di anni e non essere creduto a suo tempo debito, non ti pare? :-)

Un vero giornalista -diceva Montanelli - non dovrebbe mai dire "io l'avevo detto". Ma per fortuna, nessuno di noi lo è....

Josh said...

eccola Nessie

http://www.santaruina.it/wp-content/uploads/2010/01/finestra.jpg

"Remould it (the world) nearer to the hearts desire"

non c'è che dire, bel progettino

Josh said...

Inquietante il passaggio postato da Silvio.

Le parole vanno sempre misurate in ogni testo legale, visto che sono soggette ad interpretazione.

E questo punto, sulle nostre proprietà non assciura nulla infatti:

"L'uso dei beni può essere regolato dalla
legge nei limiti imposti dall'interesse generale ..."

Dipende cosa, domani, verrà fatto passare per interesse generale...
dotrtrine strane sul "Common Good" per esempio...

Josh said...

@Silvio:

"...più precisamente, non lo sarebbe se un domani la legislazione e la dottrina Ue si orientassero inequivocabilmente verso il “diritto di proprietà” com'è inteso dal sistema anglosassone “common law”
e non dal diritto romano che ha ispirato il nostro Codice Civile."

Infatti la questione base è esattamente questa.

Solita antica schermaglia. Ma che porta con sè oggi rischi molto più seri.

Josh said...

p.s. Nessie, la finestra è stata collocata nel 2006 qui,
alla London School of Economics

http://www2.lse.ac.uk/home.aspx

Anonymous said...

In supporto ai commenti di Josh sullo spessore del pensiero di Marx(che hai evidenziato nel post)...ricordo alcune spigolature che si raccontano sulla sua vita:
-la mamma lo rimproverava,dicendo,che invece di perdere tempo a scrivere un inutile e prolisso libro..."il Capitale"...sarebbe stato meglio,per lui impiegare un po' di tempo a costruirsi un piccolo vero capitale...ciò gli avrebbe evitato....
- di chiedere a Lei frequenti anticipi sulla futura eredità(era nipote del famoso rabbino di Praga Loebe noto per le teorie del Golem)
-di vivere alle spalle degli amici,senza mai aver lavorato,e specialmente del ricco"compagno"figlio di industriali.... Engels,coautore del Manifesto.
-di andare a piangere per qualche prestito dallo zio... l'industriale Philips,che pur consanguineo gli negava regolarmente,e si faceva negare quando lo andava a trovare.
Torniamo all'IMU(su un blog ho letto Imposta Montiana Unilaterale)...ne parlano da competenti tutti,come il lunedì ai bar i tifosi delle varie curve,sui commenti del dopopartita.Ne parlano luminari dell'economia,come fai notare del livello della Bindi,la Camusso....ripeto la Camusso,e la Boldrini(anche se ho un po'di timore a citarla)....ma già l'hai fatto tu.
Per dimostrare l'assurdità dell'IMU,mi limito ad un solo commento.
Assumiamo,"per assurdo",che non è una tassa iniqua,per reperire fondi, solo per coprire,sprechi, magagne e/o errori fatti da speculatori furbi,ma non intelligenti....
Se è una tassa di possesso...come dicono...le percentuali sui valori catastali dovrebbero essere UGUALI dalle Alpi a Capo Passero...ed invece ogni Sindaco "ad libitum" applica il coefficiente che più gli piace,sommandolo alle tasse comunali già presenti,e alle addizionali anch'esse fissate "ad libitum".(forse ciò dipende dai costi diversi dei ristoranti nelle varie città)
E' mio parere che "è" una tassa iniqua,e chi l'ha inventata dovrebbe riconoscerlo e(visti i risultati elettorali) ritirarsi a vita privata...evitare di parlarne ora che si vuole abolire...., e limitarsi ad accompagnare il nipotino"little spread" all'asilo...ed aspettando.... leggersi i giornali al giardinetto,che gli trovano e gli spiegano le decine di motivi,che nell'ultimo anno di governo hanno impoverito notevolmente l'Italia...e portato sfiducia e malcontento nalla maggioranza del popolo.Ciao Mar

Nessie said...

Grazie Josh, ora ricordo di aver già visto quella vetrata presa a martellate.
Quella del Lupo col manto d'agnello legato rozzamente insieme con una corda mi fa morire dal ridere:

https://www.google.com/search?client=gmail&rls=gm&q=fabian%20society&gmexp=c&um=1&ie=UTF-8&hl=it&tbm=isch&source=og&sa=N&tab=wi&ei=4iKEUYO4K8Oz4ATNj4DgBA&biw=1093&bih=490&sei=BSOEUbGlLeTa4AScnYH4BA#imgrc=adav7A5XTX-EEM%3A%3BeR_wIXzK79YbIM%3Bhttp%253A%252F%252Fseeker401.files.wordpress.com%252F2010%252F02%252Fcs_may05b.jpg%3Bhttp%253A%252F%252Frichmondunlimited.wordpress.com%252F2012%252F02%252F04%252Fthe-fabian-society%252F%3B285%3B398

Scusa se ti ho messo un link così lungo. Mi ricorda Ezechiele Lupo di Walt Disney quando va a bussare alla porta dei tre porcellini. E' inequivocabilmente Ezechiele con le zampacce, le orecchie e la coda nere :-) Non potevano trovare un logo meno ridicolo, no?

Nessie said...

E' vero Mar. C'è anche da considerare quei comuni che applicano gli estimi catastali a seconda del loro uzzolo. Uno abita in una catapecchia dove ci piove in casa magari - chessò - in quel di Portofino, ed ecco che si ritrova a pagare una fortuna di Ici e di Imu. Per sua sventura possiede la casa nel posto sbagliato del comune sbagliato.

johnny doe said...

Già si è detto tutto su questa tassa odiosa,iniqua....e non da ora....

Però che teatro patetico e assurdo sta cricca politica...prima si accordano e dopo dieci minuti litigano....!
Non farà molta strada sta favoLetta...!

Se poi sento uno dire che bisogna morire per maastricht e che appena eletto (cosa mai vista) corre subito a farsi prendere in giro dagli usurai europei,un altro che dice il tetto del deficit 3% non si fora,quando cani e porci lo fanno....forse è meglio che la strada sia corta...

Ps_- L'elenco sottosegretari è grottesco...c'è pure la Dassu...

Nessie said...

Sì Johnny, ho dato un'occhiata anch'io agli elenchi dei sottosegretari e oltre alla solita Aspenia-Dassù, c'è pure quel primate di Fassina. Per la tua gioia :-)

SILVIO said...

@ Josh
Hai detto bene: ”La questione base è esattamente questa”
Cioè, ragionare non solo in termini di “civil law” (= diritto romano, che ha sempre ispirato il nostro ordinamento) ma anche in termini di “common law” (= diritto anglosassone, a cui si attiene l'élite globalista quando ordisce le sue trappole, a cui è impossibile sottrarsi se non con aperte rivolte).
Faccio un esempio molto concreto, diverso da quello inerente ai diritti di proprietà immobiliare.

Vado in banca (o al banco-posta), apro un conto corrente e vi deposito i miei risparmi, ritenendo ingenuamente che rimangano miei e , per giunta, maggiorati del relativo interesse nonché posti al sicuro nei caveau dell'istituto.
Errore fatale d'ingenuità !
Difatti - dal momento in cui li deposito – quei risparmi entrano in proprietà del banchiere, che li potrà utilizzare (in assoluta discrezione e senza doverne rendere conto ad alcuno) per le proprie attività, anche le più spericolate.
L'unico obbligo del banchiere sarà quello di restituire (dietro richiesta del correntista) l'equivalente del montante (= capitale iniziale + interessi pattuiti) iscritto nel mastro bancario.
Ergo. Depositando i miei risparmi, presto i miei soldi al banchiere divenendo un suo creditore chirografario.
Che ha “status” ben diverso da quello del creditore privilegiato, il quale sta in cima nella piramide dei crediti da liquidare mentre il chirografario sta in coda.
Qualcuno stenterà a credere in ciò ma il sistema bancario a riserva frazionaria funziona così.
L'ha stabilito il “common law” con la sentenza del 1848 emessa in Inghilterra dalla Camera dei Lord, giudicando il contenzioso Foley vs Hill.

E l'ha ribadito la “Banca dei Regolamenti Internazionali” a mezzo del suo organo “Financial Stability Board”, con a capo Mario Draghi .
E se il banchiere divenisse insolvente ?
Beh...interverrebbe Il “Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi” (o il “Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo” se trattasi di banche di Credito cooperativo) garantendo una copertura massima di 100 mila euro, per depositante e per istituto di credito.
È chiara la fregatura che ci rifila il “common law” ?
In caso di confisca dei nostri risparmi, non potremo nemmeno appellarci ad un tribunale per avere giustizia....

aladino said...

da DAGOSPIA.
l'Ukip di Nigel Farage al 26%.




..........A decretare il successo crescente del partito di Nigel Farage è la politica fermamente antieuropeista dello Ukip, estremamente popolare grazie alla crisi dell'eurozona. È anche, se non solo, per replicare alla spinta radicale dello Ukip che David Cameron ha imboccato la via di un deciso euroscetticismo con l'annuncio di un prossimo referendum di adesione all'Ue. Mossa che sperava potesse essere risolutiva, ma che a quanto pare non cessa di drenare il consenso al partito di governo...........


Eppur qualcosa si muove....sperem.........


SILVIO said...

In un ideale e corretto sistema monetario FIAT a moneta sovrana, le tasse avrebbero la loro ragione essenziale di essere solo per imporre il corso forzoso della moneta e per commisurare la quantità di moneta necessaria all'economia reale in un dato ciclo economico.
Quindi dovrebbero essere “leggere”, quasi un'eccezione alla norma.
Invece, l'Eurosistema non risponde a tali requisiti. Ergo: l'Eurosistema è corrotto.
E il suo grado corruzione è aggravato dal fatto che i banchieri centrali si attengono ossessivamente in politica monetaria al modello "DSGE" (= “Dynamic Stocastic General Equilibrium” = "Modello di Equilibrio Generale Dinamico") che è - a mio modesto avviso - quanto di più balzano ed irreale possa esistere.
Conclusione: tasse e imposte a pioggia battente, recessioni e depressioni economiche col corollario di fallimenti, pignoramenti, confische, povertà e - purtroppo – di suicidi di persone innocenti.
Tutto ciò non può avvenire per caso o, se dovesse avvenire, una classe politica attenta dovrebbe porvi sollecito rimedio.
Così non è stato e non è. Anzi, si va di male in peggio.
Ergo: la classe politica o è incapace o è al servizio di chi ci odia sino al punto di volere la nostra distruzione.
Premesso questo, fermo l'istantanea sull'Italia e sull'IMU.
Dicono che verrà sospesa o addirittura revocata.
Balle propagandistiche!
Ho la sensazione invece che verrà riesumata sotto altra veste, dopo averla fusa con la TARES.
Bastardi rinnegati mentitori ! (mi si perdoni il fuori-riga)
La casa è spesso l'unico bene materiale supremo di tanti cittadini, costato sangue, sudore e sacrifici.
Inoltre, per la miriade di altre tasse prelevate alla fonte per erigerla, dovrebbe essere esente da ogni balzello.

Continuate così : vi brucerete col fuoco....

Aldo said...

La pratica dei proclami costituzionali grandiosi seguiti dalla clausola "cautelativa" che parla di limiti di legge e altri cavilli di bassissima lega è storia vecchia. La nostra stessa costituzione (minuscolo, anche se c'è chi l'ha chiamata "la più bella del mondo") è sfigurata da quell'infezione che ne rende purulenti anche gli articoli che si aprono con i motti (APPARENTEMENTE e per i lettori più superficiali), più entusiasmanti. Rileggetela con occhio dovutamente sospettoso. O riderete, o piangerete.

La verità è che le dirigenze, quali che siano, non amano legarsi mani e piedi con leggi DAVVEROchiare ed univoche. A loro serve l'arbitrio, il cavillo da tenere saldamente tra le dita ad un'estremità, pronto a trasformarsi in garrota attorno alla nostra gola. Dopotutto è un po' come il classico manico del coltello. La nostra pancia, invece, sta sempre dalla parte della lama.

Tutto ciò mi porta a concludere che l'unico dirigente buono è quello che è stato e non è più. Sarà per questo che quando uno di loro ci lascia per passare finalmente al loculo, io stappo una bottiglia di vino come si deve e festeggio senza la benché minima vergogna. Si dice che il male non si augura mai a nessuno, ma devo ancora capire perché. Io non sono d'accordo.

Anonymous said...

Ciao Nessie, in questo vero 1984 orwelliano in cui ci hanno precipitati in un baleno ci fanno credere con indottrinamento stereofonico che "non ci sono soldi". E' una balla. Di soldi ce ne sono a vagonate, solo che vengono destinati secondo stretti criteri politicamente corretti funzionali ai disegni di Lorsigniori. Per esempio, anche in casa nostra, di soldi per le innumerevoli missioni militari all'estero, per le spese militari, per il sostentamento degli stranieri e l'incentivazione dell'immigrazione, per la finanza bancaria, per le varie crociate da pensiero unico (antifamiglia ecc.), per gli apparati del vero potere, di soldi (quelli che mancherebbero) ce ne sono a palate e non vengono mai e poi mai messi in discussione. Anzi la BCE ha le rotative incandescenti a forze di darli ai suddetti soggetti. Al contrario per imprese, lavoro, pensioni, opere, servizi, tutela di disoccupati, anziani, disabii cioè tutto ciò che connota(va) una nazione sviluppata e civile ecco lì invece dicono che i soldi non ci sono. E i più se la bevono e pappagalleggiano a comando: "dateci più IMU, dateci più tasse!!!!
Scarth
PS: avete visto? Forza Nigel Farage! Forza UKIP!

Nessie said...

Questo governo sta accelerando l'Agenda del NWO in modo rapidissimo. Con gli Androidi al potere c'era una predazione da Velociraptor, ma tutti presi com'erano dalla spasmodica ansia di far cassa, non toccavano la parte giuridico-normativa. Questi invece riscriveranno la materia giurisprudenziale a favore del NWO. Quella Vispa Teresa della Biancofiore cosa credeva? Di essere all'oratorio feriale ad acchiappar farfalle? Già gli avevano affidato un ministero (Pari Opportunità) che è un programma. Leggete cosa gli è successo per aver solo osato criticare la lobby gay:

http://www.riscossacristiana.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2389:vergognoso-letta-obbediente-alla-lobby-omosessuale-toglie-alla-biancofiore-la-delega-delle-pari-opportunita-di-paolo-deotto&catid=54:societa-civile-e-politica&Itemid=123

Nessie said...

Silvio, la faccenda che hai così ben riassunto circa la riserva frazionaria mi era nota. E vorrei dire ad Aldo che in questo caso, l'"arbitrio" di cui parla e perfino l'"abuso" è ben rappresentato da quella "common law" di cui hai ben espresso i devastanti effetti collaterali, attraverso il "credito chirografario". Se poi questo comun sentire regolamenta gli organismi interbancari (Financial Stability Board con a capo Mario Draghi) , allora è il caso di dire che possiamo raccomandarci l'anima al Domineiddio.

Quanto all'IMU sospesa al momento e resuscitata magari sotto altra sigla nonché fusa con la Tares, è un timore più che concreto, vista la lingua biforcuta con cui si esprime Letta jr. al riguardo.

Nessie said...

Scarth, stasera in tv perfino Luttwak a proposito delle politiche Ue ha parlato di "fanatismo monetario". Certo l'avrà fatto pro domo sua, ma dover assistere al ritorno del Cinese Cofferati sulla scena politica, mi ha davvero fatto venire il torcibudella. Ovvio che fresco di nomina di Eurodeputato ha difeso i ricchi emolumenti che si è pappato con le solite ciance sulla bellezza, l'utilità e la bontà dell'Euro

Nessie said...

Aladino, finché qualcosa si muove solo nella nebbiosa Albione, allora, in tutta sincerità, non mi sento ancora tranquilla. Sarebbe bene che le cose si muovessero qui da noi se non vogliamo trovarci la corda al collo appesi a un albero.

Nessie said...

E comunque vale la pena di guardare anche quanto succede in Ungheria, nazione all'avanguardia nella tutela della persona, ma assai invisa alle élites eurocratiche di Bruxelles:

http://www.riscossacristiana.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2388:ungheria-nazione-allavanguardia-nella-tutela-della-persona-di-vittorio-leo&catid=54:societa-civile-e-politica&Itemid=123

Una seconda critica prende di mira la legge che riduce l’autonomia della Banca Centrale e pone nei fatti le basi per una nazionalizzazione della stessa. Questa legge è stata duramente bocciata e quasi incriminata da Bruxelles e dalla stampa.

aladino said...

Cra Nessie, ok d'accordo (quasi).

Ciò che succede in Inghilterra ed in Ungheria ci riguarda, eccome.
Per adesso marginalmente.

I kriminali brusselliani se ne fregano della tutela della persona. A loro interessa incamerare la Banca d'Ungheria. A costo di tacitare gli ungheresi di fascismo et similia. I movimenti che si ispirano ad una destra nazionalista (non sciovinista) crescono. I garofani appassiscono.
ciaooooooooo.

Nessie said...

Aladino, non mi fraintedere...E' evidente che tutto quanto avviene in Europa (e pure nel mondo) ci riguarda. Ma l'ultima volta che l'Inghilterra si dedicò a dare asilo politico ai nostri carbonari e massoni come Mazzini, si guadagnò un bel diritto di passaggio nel Mediterraneo (che prima non aveva a causa della marina borbonica) e tante altre cosette successive (Malta, Suez ecc.). Voglio dire che la libertà e l'indipendenza è merce rara e non ce la regala nessuno. Se non noi.

Guarda un po' qua cosa ci spetta:

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/kyenge-e-fotte-non-solo-un-ddl-sullo-ius-soli-ma-abrogaziona-del-reato-55230.htm

Questa quinta colonna interna al governo (la Kyenge e il suo ministero dell'integrazione) in un colpo solo vuole lo ius soli e pure addirittura la cancellazione del reato di clandestinità. Lo sai che significa tutto ciò? Che presto saremo ridotti in poltiglia.

Anonymous said...

Nessie,un documento eccezionale,tenendo conto che è stato scritto nel 1992.http://economiaepotere.forumfree.it/?t=65332557
Metal

Nessie said...

Sì, in effetti un articolo lucido e molto avanti per il tempo in cui è stato scritto. La Thatcher però ha potuto permettersi di fare quell'affermazione contenuta in fine articolo, in quanto la GB è azionista della Banca Centrale.

SILVIO said...

Nessie, propongo il seguente commento di Paolo Barnard, che sembra OT ma non lo è affatto.... Occhio: Barnard non parla mai a vanvera, nemmeno quando tratta la routine. Figurarsi se tocca certi tasti delicatissimi... Credo che il suo post meriti la massima attenzione.
---*** Paolo Barnard : “IL MONDO È ESPLOSO” (mi terrorizza, III) ***
« Se Algirdas Semeta è ancora vivo significa che il mondo è esploso.
Lui è il Commissario alla Tassazione della Commissione Europea.
Lui è l’uomo che sta resuscitando una proposta di aggressione ai Poteri finanziari che non ha precedenti nella storia degli ultimi 1200 anni. E lui è vivo e vegeto.
Non c’è stata una riunione di 5 uomini con sigari da 1500 dollari a pezzo in un hotel di Vienna dove Goldfinger ha deciso che Semeta avrebbe proseguito i suoi lavori in un silos di cemento in Albania (dentro al silos, tutto intero).
No. Non c’è stata. O se c’è stata non è contata un becco di un accidente.
Seriamente, che cosa sta succedendo al mondo? Ma che cazzo succede?
Ora, la Commissione Europea - cioè quell’organo supremo e di fatto governo di tutta l’Europa che notoriamente ha sempre risposto alle lobby di banche e industria (Business Europe, ERT, Lotis, “European Banking Federation”, G30…) – ha rianimato una proposta di soppressione del segreto bancario che forse solo Harry Potter poteva sognare.
Le banche più potenti del mondo dovranno aprire i files segreti e spiattellare alle autorità i dettagli dei capital gains, dei profitti e delle royalties dei loro clienti più ricchi, fra cui compaiono i feroci Hedge Funds e i Private Equity Partners.
Cioè i Re del mondo, o perlomeno gli ex Re del mondo. Ma che succede?
Fermi ! Ggià le grandi banche e i grandi investitori si erano presi due sberle epocali come le perdite a loro imposte dalle ristrutturazioni del debito Greco e dai prelievi forzosi sui c/c delle banche di Cipro, sempre decisi dalla POLITICA UE!!
Poi era arrivata la bomba della regolamentazione dei fondi monetari NAV con le conseguenze demolitrici su tutte le banche commerciali.
Ora le banche vengono costrette a diventare delle gonne di seta finissima che calzano una donna che se ne sta senza slip in controluce. Cioè a spiattellare tutti i loro maggiori segreti.
Ma che succede?
Questa svolta è oltre l’epocale.
Qui sta succedendo qualcosa di tremendo, di agghiacciante, e credo abbia a che fare con la vittoria finale delle famiglie Neofeudali europee ed americane.
Una storia che solo il Prof. Alain Parguez potrebbe dipanare.
Non sto parlando di stupidaggini emozionali.
Ma di qualcosa che sta accadendo dalla creazione del nazismo esoterico a oggi.
Mi fermo qui, perché io so che se continuo perdereste la fede nel mio giornalismo».

Nessie said...

L'avevo già letto, grazie Silvio. Vado sempre sul suo sito a leggere.

"Barnard non parla mai a vanvera, nemmeno quando tratta la routine". Può darsi sia così quando parla di economia. Quando invece parla delle sue stronzate personali (Dracula ecc.), ti confesso che preferisco leggere Paperino.

SILVIO said...

@ Nessie
Concordo sul fatto che Barnard dovrebbe esimersi dalla tentazione di mostrare tutto sé stesso...ma, se lo facesse, non sarebbe più lui.
Ciascuno di noi ha pregi e difetti.
Bisogna vedere - prima di valutare – se i pregi sono tali e tanti da farci ingoiare gli eventuali difetti...
Ritornando a bomba, che ne dici del commento di Barnard ?
Vi trovi collegamento con la mia asserzione del conflitto ROCK/ROTH, da me postulato qualche post fa ?

Nessie said...

Silvio, se B. fosse più riservato e non usasse il web per parlare dei cavoli suoi nonché delle sue prodezze amatorie con povere disgraziate senza una gamba, con prostitute del Bronx ecc. forse la sua visione economica relativa alla MMT ne guadagnerebbe. Questo volevo dire. E non è una semplice questione formale di semplice stile. Sarà borghese, ma per me la riservatezza è un valore.

"Vi trovi collegamento con la mia asserzione del conflitto ROCK/ROTH, da me postulato qualche post fa ?"

Certo che ci sono i collegamenti e soprattutto si ricollega alla sua visione dei "rentiers".

Anonymous said...

De Benedetti Vs. Berlusconi sull'IMU:


http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/il-massone-liberal-de-benedetti-al-piduista-conservatore-berlusconi-serve-una-patrimoniale-per-ridurre-55257.htm

Z

Josh said...

Silvio, seguo sempre le tue spiegazioni, ricche di documenti, e anche di approfondimenti su cose che non conosco bene...ho formazione classica...letteratura antica e moderna-storia-filosofia-teologia-arti,
per cui contribuisci tra gli altri a completare un quadro che ho senz'altro carente....non ci si può occupare di tutto e così almeno ho elementi in più.

Il fatto economico e legislativo, anche come struttura imposta, è basilare per mettere assieme il senso vero delle cose e l'universo umano in cui tutto si muove ed è condizionato.

Leggo Barnard ogni tanto, so che ci tieni.... però mi trovo d'accordo con Nessie....la sua parte diaristica-adolescenziale estrema
tipo il sesso con l'invalida o la prodezza con la prostituta....poi ce n'è delle altre che ho rimosso eh...

lui non si rende conto, preso dal sacro fuoco dello stream of consciousness, ma la sua stravaganza non dovrebbe esibirla ...mica per essere piccoloborghesi o ipocriti fintomoralisti....
solo, così si rende meno credibile, o rischia di essere preso per un qualsiasi anti-sistema generico e anarcoide. Penso a quando parla di carità sessuale o di certe idee strano-pan-messianiche.

Dopo il 68, dopo il 77, dopo l'edonismo anni 80 in cui tutto sembrava facile e alla portata (...):-),
nessuno davvero si scandalizza nè si meraviglia più di nulla...

quindi non è preso per "libertà" quel suo modo d'essere, quel suo raccontare....ma lui passa per bohemien e poser de "lo famo strano a tutti i costi", e ve lo dico pure nei dettagli.

O penso a certe sue reazioni nervose anche quando parla dal vivo, o con i foglietti e gli appunti. Forse prima dovrebbe mettere ordine, diciamo così, rischia di esser preso per un sognatore anche quando così non è.

Nessie said...

Zeta, ma mi sembra giusto che un possidente che possiede case in tutto il mondo, che è cittadino "svizzero" che non ha mai concorso al benessere di questo paese se non per fare il finanziere-giocoliere con la carta straccia, che è riuscito perfino a farsi allontanare dalla Fiat, perché come minimo porta jella e dove passa crea l'effetto-locuste, beh, mi sembra giusto che si permetta di dire che "serve una patrimoniale per abbassare le tasse sul lavoro".

Dunque, giusto per essere al riparo dalle "patrimoniali" lui ha il domicilio in Engadina.
Non voglio difendere il Berlusca che ha la sua parte di colpe, ma dare del "conservatore" a Nonno Bunga, mi pare per lo meno azzardato. Aggiungo: magari fosse stato conservatore! Invece in tarda età è riuscito perfino a distruggere la propria famiglia.

La P2? Rispetto alle massonerie che frequenta Nonno Carletto, è una bocciofila di villaggio.

Josh said...

Nonno Carletto? ah si chiama così adesso il Sancarlone?:-)

è un untouchable.

SILVIO said...

@ Josh
Non so se faccio bene a scriverlo ma lo scrivo egualmente perché conosco “vita e miracoli” di Barnard
Paolo è un grandissimo giornalista, che vanta un palmarès professionale e un'esperienza “di vita” che pochissimi hanno.
È inoltre un idealista e un “sognatore”, pulitissimo “dentro”, onestissimo intellettualmente e coerente come l'acciaio.
In quanto tale, odia il compromesso e la menzogna per cui è “negato” per la politica.
Egli stesso si è definito un “civil servant” al servizio del bene dell'Italia e degli italiani.
Nonostante il suo palmarès, da tempo si trova in ristrettezze economiche al punto che il principale suo punto di riferimento è il sostegno della madre.
Ciò è terrificante e profondamente ingiusto, visto che moltissimi suoi colleghi (che valgono meno di zero rispetto a lui) hanno onori, poltrone ed emolumenti per il solo fatto di prostituirsi (intellettualmente).
Un nome a caso : la Gabanelli che gli “scippò” il programma “Report” in seguito a circostanze piuttosto “oscure”.
Stando così le cose, è umanamente comprensibile che Paolo sia spesso esacerbato e furente.
E che esodi in “I Remember” alquanto OT.
Quando lo fa, bisogna far finta di niente.
E continuare a tributargli il rispetto che merita.

Josh said...

non avevamo finito di dirlo...
oh ma si fanno sempre riconoscere:

http://svulazen.blogspot.it/2013/05/mentre-il-governo-letta-abolisce-limu.html

Mentre il governo Letta tenta di abolire GIUSTAMENTE la disumana tassa espropriativa IMU,
il Comune di Bologna approva oggi l'aumento dell'IMU dal 4 al 5 per mille,
incurante delle direttive nazionali

Nessie said...

Ho già letto e commentato da te, Josh riguardo la "nomadizzazione".

Sulla faccenda di Barnard io la chiuderei qui, perché l'argomento rischia di essere decisamente fuorviante col nostro tema di discussione. Quello che Silvio si ostina a vedere come dei semplici OT, per me fanno parte di una sua "weltanschauung" marxista. E purtroppo, lo dico con rammarico, ma il marxismo (la più grande religione "secolare" del XIX e XX secolo, secondo il filosofo francese Raymond Aron) è quasi un impianto e una struttura antropologica che non può essere liquidata come una semplice nostalgia "adolescenziale". In pratica chi si è abbeverato a questa fonte, ne resta plasmato e forgiato.

Ricordo molto bene il suo "Don Gallo for Pope" e ricordo anche che chiamò una figura limpida come papa Benedetto XVI "quel porco del Papa", che per la sensibilità di un cattolico suona quasi come una blasfemia. Parlo per me stessa.
Potrebbe avere anche la miglior "dottrina economica" in tasca, che per me bastano e avanzano questi che non ritengo essere né degli OT, né degli scivoloni momentanei. Non voglio sembrare troppo severa e intransigente, ma temo che il tempo ci dirà di più.
In ogni caso, ciascuno è libero di scegliersi le sue stelle polari ma è chiaro che Barnard non può essere la mia.

Nessie said...

PS: questo non significa rinunciare a leggerlo e magari a condividere qualche suo punto di vista o analisi. Ma da qui ad assumerlo come il mio maitre à penser, ce ne corre.

Josh said...

oddio criticare B XVI per preferirgli il rifondarolo modernista Don Gallo...

sarà che io di marxisti, postmarxisti, leninisti, trotzkysti & co avendo sempre purtroppo, mio malgrado, vissuto in città a quella maggioranza, non ne posso sentire manco da lontano.

Vanda S. said...

Diventeremo un popolo di campeggiatori, come gli americani che sono abituati a spostarsi seguendo sempre nuovi contratti di lavoro. Non bisogna essere "choosy", come ha detto la Fornero! Questa strategia e' palesemente mirata a distruggere i tessuto sociale italiano basato sulla famiglia. I figli studiano e, scoraggiati da un paese senza impiego e senza futuro, se ne vanno all'estero. Le giovani coppie o i divorziati/single non hanno la possibilita' di acquistare una casa perche' la maggior parte dei genitori delle giovani coppie, finanziariamente parlando stanno alla "canna del gas"! Gli unici immobili abbordabili sono lontani dalle grandi citta' e cio' compromette l'accessibilita' al posto di lavoro. E allora saremo costretti a seguire il modello statunitense, fortemente nomadico!

SILVIO said...

@ Nessie
Ok su Andrea Gallo. Mi sta sulle balle ed è indegno del “donno” riservatogli.
La totale immunità di cui gode è inspiegabile. Piccola anomalia di una ancor più grande anomalia, che è data dall'Arcidiocesi di Genova e dal cardinal Bagnasco Angelo di Pontevico, simil-faina in sembianze e movenze.
Quanto a Marx, ci andrei cauto.
Primo, per non rimanere ingabbiato nelle trappole mentali “destra versus sinistra”.
Che sono - come sai bene - le due bistecche avvelenate gettate dal “padrone” in pasto ai “cani” per far sì che essi si azzuffino tra di loro e non si alleino per ribellarsi alla sua autorità.
Secondo, perché niente è più “liberale” della MMT (che c'entra lord Keynes? Bah...sono solo reminiscenze strumentali, solo apparenze ...) e degli economisti che la portano avanti (Warren Mosler è, ad esempio, anche un fortunato ed abile uomo d'affari).
Chiudo con Barnard. Non è la mia stella polare. È però un personaggio che rispetto, anche se non ne condivido “in toto” le motivazioni.
La stella polare è esclusivamente la mia coscienza, supportata dal pensiero critico di cui sono capace.

SILVIO said...

@ Josh
Ho letto il tuo topic.
Bella roba quel Virginio Merola di Santa Maria Capua Vetere, divenuto sindaco di Bologna per grazia ricevuta !
Da “cattolico adulto” qual è, deve aver saputo dal boss Letta Enrichetto che l'IMU non verrà cassata ma fusa con la TARES e riciclata in dimensioni più onerose sotto forma di ICS (= “IMPOSTA CASE E SERVIZI) , balzello peggiore del precedente che sarà a carico di tutti.
Indiscriminatamente.
Così continuerà a funzionare il mondo finché la maggioranza di elettori sarà costituita da babbei che si fanno sistematicamente raggirare dai politici felloni e menzogneri.

Nessie said...

Vanda, se certe cose le dici tu che hai vissuto a lungo negli States, significa che quel modello lo vedi ancora più chiaramente di noi. Il piano è esattamente questo e se hai un po' di tempo leggiti questo lungo documento sui progetti del NWO denunciati a suo tempo da un insider:

http://escogitur.wordpress.com/2013/03/09/i-piani-del-nuovo-ordine-mondiale-denunciati-da-un-insider-nel-69-in-un-convegno-della-pittsburgh-paediatric-society/

In particolare, per ciò che riguarda questo post, consulta il paragrafo "Proprietà dell'abitazione come retaggio del passato". Tutto ciò che sembrerebbe casuale, in realtà è stato perfettamente congegnato.

Ma hanno fatto i conti senza l'oste. L'essere umano tende pur sempre all'ordine e non al caos e il caos non governerà a lungo.

Nessie said...

Silvio, il card. Bagnasco simil-faina, mi fa scompisciare :-) . Ha pure la faccia affilata della faina.

Tranquillo, non cadrò nel trappolone destra vs. sinistra, ma il marxismo, pur avendolo studiato e meditato a fondo a suo tempo (e numerosi volumi in casa mia sono lì a testimoniarlo) non è la mia filosofia. Come in fondo non lo è l'ideologia liberal-massonica e meno che mai, quella liberista e mercatista.
Come hai correttamente chiosato, anche per me, la mia stella polare è la mia coscienza. E aggiungo: la mia esperienza di vita e la mia cultura. Oltre al retaggio dei nostri antichi.

Nessie said...

PS: Ho appena letto il link sull'ICS su "modello tedesco" e c'è di che stare allegri.

Estraggo questo passaggio:

ICS, L'IMPOSTA UNICA SUL MODELLO TEDESCO. Balzelli che saranno accorpati e trasformati in una service tax, la cosiddetta Ics, l'imposta di casa e servizio sul modello tedesco che peserà, sebbene in modo leggero, anche sugli affittuari e che sarà unita a una micro patrimoniale destinata ai possessori di abitazioni extra-lusso".

Tié!

Anonymous said...

l'IMU tassa in parte comunale,in parte statale....
I Sindaci reclamano...ma chi sono questi che reclamano perché con i soldi che hanno non ci arrivano con le spese che hanno.
Intanto vediamo che in troppe situazioni hanno debiti pregressi per opere pubbliche mai terminate o utilizzate....processi per appaltigonfiati,truccati..iperassunzioni di raccomandati dai Partiti nelle amministrazioni...Spese di rappresentanza e rimborsi per privilegi lussuosi fino ai più inutili ...pensioni,liquidazioni d'oro.
E per fortuna che certe pazzie maniacali non gliele hanno concesse di farle..
Sono di Roma... Da noi c'era un luminare che rivoleva le Olimpiadi a Roma.....la "formula uno" all'EUR....e non abbiamo ancora finito uno "stadio con centro del nuoto",ormai inutile,perché i campionati a cui era destinato(all'epoca del suo predecessore) non ci furono.
Un "buon" utilizzo,però ce l'ha ...è stato un comodo rifugio per Rom,e sbandati da tutto il mondo.
E questo signore cerca ancora più soldi per risolvere i problemi che lui e i suoi predecessori si sono creati da soli....e(come avviene in altri Comuni) hanno il coraggio di applicare i parametri "massimi".....E Io Pago.....Ciao MAR

Nessie said...

Mar, purtroppo intorno a questa tassa si fa del gran chiacchiericcio demagogico. L'ultimo dei quali sono le lamentele e i lai dei sindaci i quali non si fanno scrupoli di stanziare fondi per gli zingari o denari per gli extracomunitari ai quali danno pure alloggi di fortuna che negano agli autoctoni.

E' l'ora dei forconi, altro che "io pago". In qualche modo bisognerà fermarli.

Josh said...

ci sono Comuni che devono ancora motivare cose come milioni e milioni di euro spesi in 1 anno per fantomatiche "spese di comunicazione" e "spese di immagine"....

sto par di balle guarda....e reclamano l'IMU bis con aumento, per le succitate spese, come cosa dovuta

alla facciatosta non c'è limite
finchè i cittadini non si svegliano e non si ribellano di fatto


Nessie said...

"Spese di comunicazione", "spese di immagine" e mettiamoci anche gli inutili gemellaggi. Per non dire di soggiorni turistici gratuiti a cingalesi. E' successso alla Palmaria (SP). Qualcuno mi dimostri che con le acque splendide di Ceylon (Shri-Lanka) c'è bisogno di ospitare bambini cingalesi nelle colonie marine dell'isola Palmaria. La "thalassoterapia" possono farla molto meglio da loro, considerato lo scenario di palmizi e acque smeraldine che si ritrovano.

aladino said...

Carissimi,

la faccia da tolla si acquisisce alla prima elezione. Ho visto persone squisite trasformarsi in assatanati profittatori. Giusto incaxxarsi per "spese di immagine" che, potrebbero essere spesi meglio investendo nella immagine dei propri cittadini elettori, offrendo i "dovuti" servizi all'altezza di un Paese rispettoso della salute e del benessere degli Italiani.
Sarò ingenuo e stupido ma se la mia comunità spende in nani e ballerine e, contemporaneamente, nega la dovuta assistenza agli anziani (per esempio), mi incaxxo di brutto. Per giunta vedo l'aumento costante delle imposte e l'impoverimento della scuola, della sanità, ecc....., sale lo spread del colesterolo.
Mi piace citare due esempi, il primo lo chiamo "da pidocchi". Il Sindaco che chiede lo sconto sull'immondizia, l'aumento del 15% della prebenda (la miseria di € 300,oo). Il secondo lo chiamo "da kriminali". Una cittadina non turistica che offre spettacoli (degradanti e qui mi fermo) e si spreme per "adeguare" le strutture e favorisce un rimborso regionale di € 200.000, togliendo posti letto negli ospedali. Stop.

Cara Nessie, ci vogliono forconi a mitraglia. ciaooooooooooooo.