23 June 2008

Bavaglio ai blog: la Ue ci riprova

Da quando l'Irlanda ha detto NO, alla Ue nessun dorma. Lo ha ammesso lo stesso Barroso, di aver passato delle notti in bianco. Ma credete davvero che questa gente non ci legga e che non abbia visto che molti blogger stappavano Guiness a tutta birra? Che per un giorno negli stati europei ci sentivamo tutti irlandesi? Il passo successivo torna a settembre. E sarà il nuovo bavaglio ai blog. Leggere qui sul sito di Luca Conti per saperne di più. Lo esige il NWO "nuovo ordine mondiale" di cui Napolitano va magnificando i pregi quasi ogni giorno. Ma pensavate veramente che l'Unione delle Banche Eurocratiche (poiché di questo si tratta in sintesi quando si parla di Ue) possa accettare senza intervenire che, molte delle testate giornalistiche finanziate direttamente da LORO per fare i LORO interessi abbiano le vendite che stanno crollando a picco, mentre aumenta e prolifera l'informazione fai-da-te? Quella che oltretutto rompe di più, perchè svela i loro nefandi piani? Così meglio prendere i due classici piccioni con una fava: la registrazione obbligatoria dei blog.
Frattanto è stata ratificata dall'Ordine dei Giornalisti e dalla FNSI quella famigerata Carta di Roma voluta dall'ONU (Laura Boldrini) primo passo verso il bavaglio della stampa. Nella quale è praticamente vietato parlare male delle immigrazioni selvagge imposteci dalla Ue, applicando quel che viene definito il nuovo "codice etico e deontologico" già in dotazione alle redazioni.


Pensavate forse che si potesse imporre un NWO senza controllare pensieri, parole e scritti? E' la prima preoccupazione d'ogni regime che si rispetti. Avevano già mandato in avanscoperta il duo Ricardo Levi-Prodi per sondare l'effetto che fa. Ed è stato il tipico ballon d'essai, che ha suscitato la canea che sappiamo, capeggiata da Beppe Grillo (in quel caso, con piena ragione). Si sono presto resi conto che una maggioranza risicata con un governo Prodi aggredito e schiaffeggiato da destra all'estrema sinistra non avrebbe avuto l'autorità necessaria per far passare l'odiosa manovra della registrazione obbligatoria, della tariffa e del codice deontologico (certamente farraginoso in perfetto stile Ue). Perciò meglio soprassedere.


Sapete quale sarebbe ora la beffa più atroce? Che, forti di un consenso elettorale di destra a larga maggioranza, gli Eurokomissar ci riprovino interpellando il Frattini di turno, cereo manichino sempre azzimato con la faccia da impassibile passa-ordini. Quello stesso che - ricordiamocelo - fu favorevole al ddl Levi-Prodi. E che Settembre ci presenti il conto della nuova vendemmia. Perciò stiamo in campana e prepariamoci a nuove turlupinature made in Europe. Intanto come noterete nel link di Luca Conti che ho messo più sopra si arriva perfino a richiedere consigli ai blogger. Volete corda per l'impiccato? scrivete al boia! Eccovi l'email: ....


Scusate, ma ci prendono per fessi quelli di Bruxelles? La scusa è perlomeno ridicola: i blogger potrebbero darci dei consigli (su come imbavagliarli meglio, aggiungo io). Qualche gonzo di sicuro abboccherà, sognando magari una carriera diplomatica destinazione-Bruxelles. Intanto, prepariamoci a trasferire baracca e burattini presso qualche altra piattaforma straniera. Tenendo presente che nel NWO, le politiche mediatiche relative alla rete potrebbero trovare in fretta un'omologazione globale, chiamata nel linguaggio burocratico "armonizzazione". Per la cronaca, in USA vanno avanti a colpi di moratorie in Parlamento, ma esiste anche laggiù un progetto del genere.

Buona estate a tutti! Il resto, a settembre.
N.B. Visitare sullo stesso tema anche questi link: FATTI d'EUROPA Orpheus e KattolicoPensiero. Per utili consigli contro la censura visitate Euro-Holocaust. Firma anche tu la petizione contro la repressione che ha appena colpito il blogger e storico Carlo Ruta qui

28 comments:

Orpheus said...

Ciao Nessie, ho messo anch'io un post sull'argomento e ti ho linkato.
Ho anche trovato da Lisi, una notizia molto inquietante, un blog é stato condannato per "STAMPA CLANDESTINA" in Sicilia.
Da me ho messo i dettagli e il link di una petizione contro la sentenza da firmare assolutamente.
Perchè questa condanna apre una deriva molto pericolosa, che può riguardarci tutti e da SUBITO.
Ciao Mary

Nessie said...

Per la Miseria! C'era da aspettarselo. Se ne discuteva giusto ieri. Il metodo è sempre lo stesso comunista del colpirne UNO per educarne cento. Firmo anch'io e ora ti linko anch'io. Grazie ciao

Anonymous said...

Che ci provino, questi cocciuti nemici della libera informazione, è sicuro; che ci riescano è un altro discorso. Forse sarò ottimista, ma credo che faranno fiasco come l'ultima volta che ci hanno provato. Comunque vedremo.
Xavier

Nessie said...

Xavier, c'è già un blogger (Carlo Ruta) ch eè la prima vittima. Firma la petizione.

Aldo said...

Vien sempre più voglia d'andare a vivere in un eremo tra i boschi con una doppietta appoggiata ad un tronco e abbondanza di cartelli "si spara a vista" all'intorno. Meno male che sognare non costa nulla.

kattoliko said...

Ho linkato te e Orpheus. grazie Nessie

Nessie said...

Kattolico, grazie a te. Ora ti linko anch'io.

Aldo, sottoscrivo fino alle virgole. Se fanno questa nefandezza useremo l'arma del boicottaggio: più nessuno acquisti un computer!
Così falliranno industrie, banche e finanza. Al diavolo il software, se poi ci deve rendere più schiavi e se dobbiamo regalar loro un'immensa banca dati mondiale con cui controllarci.
Questi sono scenari orwelliani da incubo.

Elly said...

Ciao Nessie, pessime all'orizzonte, ovviamente. L'avevo sentita di sfuggita qualche giorno fa la notizia. In altri casi ci riderei sopra... ma non c'è per niente da riderci. Ho firmato la petizione, appena posso posto nel mio blog linkandoti.

Giuro, non ho ancora letto Orwell, nessun suo libro perchè solo a leggerne i titoli mi vengono i brividi... ma non penso che i bloggers se ne staranno con le mani in mano.

Giano said...

E' allucinante. Sembra di vivere un incubo. E invece è l'Italia. Ho letto la storia del blogger condannato. Tanto per cominciare.
Infine l'Ordine dei giornalisti e la Federazione stampa hanno approvato un documento che, sotto sotto, significa che nessuno potrà più avere un'opinione critica della questione immigrati, regolari o no, rifugiati e simili. Bisognerà, per "deontologia" parlarne solo bene. Fra non molto approberanno anche quell'altra proposta sulla islamofofia, sull'omofobia, sulla xenofobia ed il razzismo e chiuso. Nessuno potrà più lamentarsi. E siccome l'80% dei giornalisti sono di sinistra significa che l'80% dell'informazione, stampa, radio e TV, si adeguerà. Quindi non sapremo più davvero cosa succede. Questa la chiamano "libertà d'informazione" e diritto di cronaca. Poveri noi. Diventeremo tutti buonisti; per decreto. Mi sa che ha ragione Aldo...

Nessie said...

Elly, intanto è bene iniziare a fare un po' di battage per non arrivare a settembre a "perfidi giochi" in atto. La Ue non ha ancora approvato la mozione che troverete al link che ho messo, che già c'è il giudice zelante e superbecero che la supera in beceragginee in spirito oscurantista.

Giano, certo che ha ragione Aldo. Viene voglia di dare un calcio a tutto. Anche ai catafalchi di pc che fanno sempre più belli, sofisticati, raffinati. Vedi i modellini bonsai di Black Berry. Ci fanno innamorare di questo giocattolone e alla fine ti ritrovi in trappola proprio, grazie a questa invenzione diabolica.
Io dico che se li sconfiggessimo dove gli preme di più (e cioè nel denaro e nei consumi) tornerebbero a più miti consigli. Bisognerebbe dare disdetta alla rete con raccomandata all'azienda telefonica che te la fornisce. Eppoi da buttare in discarica i vari pc. In ogni caso , ci vuole un segno di ribellione forte. Sennò da questo scenario di fanta horror non ne usciamo.

Filippo84 said...

Firmato e postato.
Ciao Nessie.

Anonymous said...

Ho doverosamente firmato, ma mi permetto, e spero di essere ovviamente buon profeta, di essere ancora piuttosto ottimista. Nessie, speriamo che ci vada bene.
Xavier

Nessie said...

Grazie Filippo.

Xavier, se per ottimismo intendi la nostra capacità di reattività nel rigettare le nefandezze, allora sono ottimista anch'io. Non lo sono invece nell'ambito di coloro i quali hanno interesse a perpetrare di queste iniquità. E quella di voler mettere le "mani sulla rete" è una porcheria, poichè la rete è nata per essere anarcoide. Piaccia o non piaccia. Non si può ritirare i buoi scappati per il mondo e metterli a forza dentro la stalla. E' un progetto che fallirà.

Mefisto said...

Ciao Nessie, firmato. Cmq penso (e spero) che la rete sia troppo vasta per metterci su le mani. Ci aveva provato la Microsoft ma ha dovuto desistere.

Aldo said...

Nessie: "Io dico che se li sconfiggessimo dove gli preme di più (e cioè nel denaro e nei consumi) tornerebbero a più miti consigli."

Questo si può fare da subito e per ora, al di là della mia battuta sull'eremo e sulla doppietta, non serve essere tanto radicali da rinunciare a tutto.

Ad esempio, se invece che sottoscrivere un abbonamento a servizio ADSL mi accontento di uno a servizio 56k (come sto facendo, nonostante l'incessante canto delle sirene che tenta periodicamente d'irretirmi tramite il seccante mezzo della pubblicità telefonica) penalizza la società fornitrice come minimo del 40%. Non per dire, ma il 40% è una bella fettina.

Inoltre, non è assolutamente detta che si possa agire solo sul piano della connettività. Non dimentichiamo che oggigiorno le imprese sono gestite da sempre meno entità economiche, per cui probabilmente colpisco lo stesso bersaglio anche rinunciando ad aggiornare il software (tra l'altro, aggiornare il software mi costringe a cambiare più spesso l'hardware, per obsolescenza prematura).

Probabilmente posso colpire indirettamente anche rinunciando ad una pizza, ad una gita domenicale o a chissà che altro, e non credo di dover spiegare a voi persone intelligenti come ciò sia possibile.

Io lo sto già facendo -- chi si associa? Non serve alcuna dichiarazione altisonante: basta farlo, zitti zitti, quatti quatti, euro dopo euro. Col tempo, le gocce erodono anche la roccia più dura.

Nessie said...

Grazie Mefisto. Del resto potrebbe toccare anche a noi, di questo passo. Mettete notizie sul tema e link anche sui vostri blog.

Aldo, certamente che ce ne sono strategie per fare ostruzionismo e boicottaggio. Mediatico e non. Sul piano dei consumi alimentari ad esempio, io vado direttamente in fattoria a comprare carne buona di mucche ruspanti, formaggi e yoghurt fatti dai contadini e uova fresche. Le pago di meno (circa un buon 10%) e non ho i costi aggiuntivi del packaging e del trasporto su 4 ruote che è poi quello che crea il giro vizioso dei rifiuti non biodegradabili.
Per saperne di più sulle strategia dei motori di ricerca e piattaforme invece leggi qui su Euro-holocaust "Cosiderazioni sul rischio censura" :
http://euro-holocaust.splinder.com/post/17586995/Considerazioni+sparse+sul+risc

Anonymous said...

Grazie Nessie. Ho letto e ho firmato anch'io. Sarebbe troppo macroscopica da realizzare. Per questo sarò ottimista, ma penso che possiamo fermarli. Ciao
Luca

Josh said...

In realtà, la mia reazione è simile a quanto detto da Aldo.
Sia nel primo post, con l'eremo tra i boschi, che sembrano le mie vacanze consuete degli ultimi anni:)) Sia nel secondo, tattica di gestione che ho già adottato da un bel pezzo.
Buona Estate a tutti, e speriamo non passi la sciagurata iniziativa imbavagliatrice.
Un pensiero in particolare per Nessie e Pseudosauro.

Nessie said...

Grazie a te, Luca.
Buona estate anche a te, Josh. E a voi tutti.
I guerrieri del web si danno al meritato riposo. Intanto è bene riflettere sulla cosa. Prossimamente su questi schermi :-)

Anonymous said...

Preso atto per l'ennesima volta, ma senza sorpresa, che siamo in pieno "1984" e in piena "Fattoria degli Animali" mi preoccupa parecchio che quelle mammole sprovvedute del PDL non prendano posizione su una faccenda così grave attivandosi a livello pubblico e internazionale: qualsiasi compagno di strada va bene per difendere i diritti civili come quello di OPINIONE. Non mi stupisce che i già sostenitori dell'URSS siano ora i migliori sostenitori dell'EURSS.
Ultima flebile speranza : l'URSS che si reggeva su 50000 carri armati decine di migliaia di armi atomiche, 450000 uomini del KGB che controllavano tutti e tutto, altrettanti del Ministero degli Interni, che godeva dell'appoggio caloroso degli stessi che ora appoggiano con le stesso zelo la UE, si è disintegrata in un imprevedibile e imprevisto rapidissimo soffio ...
Quanto al boicottaggio economico non c'è bisogno di scervellersi: è la stessa politica della UE che ci sta impoverendo sempre di più a vantaggio di ristrettissime oligarchie straricche e potenti. Tra pochi anni non potremo, anche volendo, comprare proprio nulla.
Scarthorse
P.S. ma Frattini non è l'ultimo ministro di Prodi rimasto in carica?

Nessie said...

Frattini proviene dalle file del Manifesto. E' stato Eurokommissar (mai eletto dal popolo) a sua volta. Se cerchi molta gente di sinistra te la ritrovi trasferita nel Pdl, caro Scart (ammesso che sia una destra). E buon sangue non mente. 1984, Fattoria degli animali e Fahrenheit 451 (quello di Bradbury col rogo dei libri).
Sì, questi sono gli scenari e dovremo contare solo sulle nostre forze. Ciao!

Aldo said...

Scarthorse: "Tra pochi anni non potremo, anche volendo, comprare proprio nulla."

Be', se non altro ci arriverò allenato. Se non capitano disgrazie tra capo e collo, dopo un po' non si fa neppure più fatica a risparmiare all'osso. Non spendere diventa come respirare: lo si fa e basta, senza starci troppo a pensare.

Anonymous said...

Ciao Nessie, non mi preoccupa cosa erano prima ma cosa fanno ora.
Stimo moltissimo persone come Ferrara oltre a condividerne l'impostazione.
Ciao!

Scarthorse

Nessie said...

Scart, volevo semplicemente dire che a volte si diventa semplicemente quel che si è (caso Frattini). Altre volte invece si cambia e c'è un'evoluzione (caso Ferrara). Ciao.

Aldo, se spendere è per cose superflue che poi ci rendono meno liberi, è chiaro che concordo.

Anonymous said...

Firmato.

Stella (la deficiente :-))

Nessie said...

Grazie Stellassa. Deficiente è chi lo dice :-). Evidentemente si sentono antropologicamente e moralmente superiori, 'sti tapini. :-)

Anna said...

Grazie Nessie del commento.
Ho visto anche il tuo post su Bukovskj, autore che conoscevo fin dai tempi di un convegno sul Dissenso in URSS cui partecipai nel 78.

Sull'UE sono del parere che, finchè si disconosceranno le radici cristiane e l'intento dei fondatori, ci sarà solo una grande ambiguità che legittimerà qualunque oppressione.

Nessie said...

Sì, anch'io. Quella delle radici cristiane dovrebbe essere la conditio sinew qua non. Ciao Anna.