10 December 2007

Nel pacchetto sicurezza sta nascosta la gayezza

Tutti quanti si chiedono: "Che ci azzecca la forcaiola norma antiomofobia col pacchetto sicurezza?". Mica dobbiamo temere l'assalto dei gay...Solo quello dei balordi stranieri provenienti da aree dove a casa loro li farebbero marcire in galera senza tanti complimenti né remore. E invece queste "idee di polizia preventiva", rientrano perfettamente nell'infima politicuzza del do ut des, del continuo baratto e mercimonio dello Sgoverno attuale con le sue ali estreme. Essi sapevano che dovevano mettere a tacere le componenti estremiste, e allora che fanno per non passare per "razzisti" ai loro occhi in tema di sicurezza? Zac, ci mettono lì la sorpresina di Natale: una bella norma antiomofobia. Così oltre alle manette mastelliane per reati d'opinione, rieccoci accontentati. Insorge Buttiglione e dice che questo è uno stravolgimento in senso forcaiolo del Trattato di Amsterdam. Gli crediamo. Insorge la Binetti. Ma tutti questi kattoliconi a rischio di estinzione che ci stanno a fare a braccetto coi loro carnefici? Vittorio Feltri è fuori dagli stracci e titola la pagina di Libero di ieri 9 dicembre con : CARI PRETI, BEN VI STA. Ovviamente se la prende con suore e preti "coglioni" che prima invitano a votare per Prodi, poi si accorgono d'aver sbagliato e si stracciano le tonache. E se la prende pure coi cattolici prezzolati che pur di stare al potere inciuciano con chi li vuole morti: Mastella in primis, Franceschini, Castagnetti, Bindi... E che dire di Cossiga " o' pazzo " che ha fatto un nefando patto di Faust con Mefistofele? In cambio di qualche sua giullaresca comparsata sui giornali e in tv, dice SI al Senato a questo pacchetto "sicurezza più gayezza", affinché non cada. Per un poco di quella notorietà che rende giovani, lui vecchio maniaco-depressivo e malandato, è pronto ad arrostire all'Inferno. Che tristezza! Cattolici, preti, suore sceme amiche delle rosibindi: fate proprio ohibò!
Come possiamo sostenere quei "valori cristiani" che voi per primi mostrate di voler gettare al macero? Se fosse viva l'Oriana, vi lancerebbe la SUA bruciante scomunica. Meno male che non sono nemmeno credente. Se lo fossi, voi mi dareste 10, 100, 1000 ragioni per non credere più. Chiusa parentesi con la fede, la speranza e pure la carità. Carità di Patria, ovviamente.

In sostanza il decreto dice questo: vietato discriminare gli omosessuali non solo con atti ma anche con le parole. Se ad esempio si dice o si scrive che non bisogna permettere a una coppia gay di adottare dei bambini, si commette un reato. Il reo rischia il carcere fino a tre anni.Oltretutto nel nostro ordinamento giuridico, gli strumenti per contrastare la discriminazione sessuale ci sono già. E' evidente che trattasi di un trucco repressivo contro chi si oppone al matrimonio gay. Ed è pure evidente che ci sono nel mirino i vescovi come mons.Bagnasco. Già non sono mancate avvisaglie sull'ICI negli immobili ecclesiali (oratori, ospizi, casa di cura, scuole confessionali ecc.). E pure i Dico che ora vogliono trasformare in CUS (ennesima sigla di una stessa zuppa che non sanno più come imporci) .

E' ovvio che contro la norma liberticida "antiomofobia" all'interno del pacchetto (l'ennesima di questo governo) dobbiamo batterci tutti: cattolici conseguenti (del tipo "non utile idiota") e laici; credenti e non credenti. E nel caso si riuscisse a ottenere che non passi alla Camera (dove purtroppo ha buona probabilità in più, rispetto al Senato), non aspettiamoci la riconoscenza dei preti tonti a cui avremo salvato le terga. Del resto non è la prima volta nella storia che i laici salvano la ghirba alla chiesa. Un'ultima volontà dopo queste indecenze. In punto di morte mi farò scrivere: non mandatemi preti ipocriti; leggetemi solo qualche pagina di classici cristiani come Dostoevskij, Solgenitsin e mettetemi qualche brano di musica classica (Bach, Haendel ecc.). Il sacro è altrove...

34 comments:

Francy said...

Cara Nessie, purtroppo questa italia (scritto volutamente con la "i" minuscola) sta facendo acqua da tutte le parti... E nessuno, NESSUNO sta facendo niente per impedire questa distruzione! Io sono omosessuale, di destra (da sempre), cattolica praticante... e sai quanti omosessuali sono di destra e cattolici?! Tantissimi! E lo posso affermare con certezza dato che negli ultimi anni, per motivi di lavoro e anche di piacere, ho avuto modo di conoscere moltissimi gay. Questo mi ha permesso di rivalutare il mondo omosessuale sotto un'altra luce, da quella prospettiva che è oscura alla maggior parte delle persone proprio a causa della parte di omosessuali più visibili. Quelli che si fanno strumentalizzare dalla sinistra, che scendono in piazza senza neanche sapere fino in fondo perché e che ci fanno vergognare con quelle baracconate ridicole del pride.
Per fortuna esiste un mondo omosessuale perfettamente integrato nella società che non ha bisogno di gridare "io sono gay", che non vuole i dico (o chiamateli come volete) e che non vuole assolutamente un "pacchetto sicurezza" così ridicolo, dal quale io stessa mi sento offesa.
Ma cosa aspettano a mandare a casa questo governo?! Io non capisco!

Un abbraccio
Francy
http://francyx77x.ilcannocchiale.it/

Nessie said...

Ah! perfetto Francy! Il tuo commento cade giusto a fagiuolo per tutti gli insultatori e i diffamatori sinistronzi transitati da queste parti, per i quali ho dovuto mettere la moderazione, e che quando tocco questi argomenti, non hanno nulla di meglio da fare che etichettarmi come "omofoba". Leggi: NON ALLINEATA AL LORO CONCETTO DI OMOSESSUALITA' MILITANTE e comunista.
Come diceva per sintetizzare l'amico Bernardo per canzonatura: "Dio è morto, Marx è vivo, è gay e fa la nuova lotta di classe".Che palle! Egemonizzano sempre tutto questi qua:pure la vita sessuale di ciascuno di noi. Un abbraccio anche a te :-)

5:42 PM

Orpheus said...

Nessie hai ragione, questa ennesima porcata liberticida é una "cambiale" alla sinistra estrema.
Infatti la sfera giuridica degli omosessuali é già più che protetta dalle norme vigenti, grazie agli artt. 612, 594 e 595 c.p. che sanzionano, rispettivamente, i reati di minaccia, ingiuria e diffamazione...
Quindi a che serve?
Serve ad impedire di ribellarsi a iniquità come l'adozione gay et similia.
Si badi bene non ho nulla in contrario ad accordare ai gay diritti civili quali la reversibilità o il subentrare nell'affitto o assistere il compagno in ospedale. Ma prima dei diritti dei gay, per me vengono i diritti dei bambini (in quanto indifesi, sicuramente più dei gay)e non credo che crescere con due padri o due madri possa salvaguardare i diritti dei più piccoli.
E non credo che questa posizione possa essere annoverata nell'omofobia.
Aggiungo solo che anch'io ho conosciuto omosessuali perfettamente integrati, come Francy, e anche loro condannano la posizione estremistica di furboni come Luxuria, che alla fine dei conti, danneggiano più che giovare alla causa degli omosessuali.
Ciao Mary

marnie4 said...

Cara Nessie,
i comunisti si stanno scatenando ad emettere editti uno peggio dell’altro, col contributo dei cosi detti cristiani, contro i quali giustamente ti stai scagliando.
Per placare la tua rabbia, umanamente condivisibile in tutto e per tutto, consentimi di fare una piccola chiarificazione. Un conto è la Fede ed altra cosa è la religione. Chi ha Fede crede in Dio, e, credendo si dovrebbe conformare ai dettami stabiliti da Dio, non dagli uomini. Questo nostro Dio, la libertà ce l’ha concessa abbondantemente, con il libero arbitrio.che hanno calpestato.
La religione è la società riconosciuta dalla chiesa ed è composta dagli uomini.
Ho già detto altre volte come la penso nei confronti dei tanti che si professano cristiani a parole e nei fatti dimostrano il contrario.
Ci sono cristiani santi e cristiani che si vestono di santità, per fregare l’umanità, come si diceva già dall’antichità. A questa ultima categoria appartengono anche quelli che stavano e stanno al potere. Proprio nell’altro post, ti avevo parlato di quelli appartenenti alla democrazia cristiana, che di cristiano avevano poco e niente.
Detto ciò, non rinuncio ad avere Fede, a nutrire Speranza e Carità, che erano e resteranno le sole armi con le quali, prima o poi, avremo ragione sugli stolti, che pagheranno caramente le loro assurde pretese, che vanno contro le leggi divine, umane ed etiche. Un conto è prendere in giro gli uomini, altro è prendere in giro il Dio, in cui dicono di credere. Pagheranno, pagheranno altrochè se pagheranno!

Nessie said...

Mary, la reversibilità è già un onere del welfare che costa moltissimo allo stato sgangherato che abbiamo. Concederla anche ai gay è qualcosa che è tutta da vedere e che ha a che fare con la tesoreria di Stato. Ma te lo immagini con tutti gli immigrati cacciapalle che abbiamo quali conseguenze disastrose potrebbero subentrare? Come nel film "IN & OUT" (con Kevin Kline) "IO sono gay, tu sei gay, lui è gay", e via con la commedia delle millanterie. IO sono un perseguitato politico in Arabia Saudita ma sono gay: roba da commedia degli equivoci.
Per ora l'identità familiare chiara è quella tra un uomo e una donna. Il resto può essere fatto presso un avvocato o un notaio.Specie quando ci sono beni da volturare. Mi spiace, ma io la penso così. Ovvio che l'assistenza in ospedale del partner può e deve essere garantita.
"Integrato" non lo trovo un termine appropriato. L'omosessualità è una scelta sessuale personale. E' ovvio che è una persona come tutte le altre che vive tra di noi e che svolge attività lavorative e professionali come chiunque di noi.
Tutta questa militantizzazione dei gay (termine inventato dalla sinistra californiana eppoi dioffusasi da noi) è funzionale alla sinistra per avere lobbies di pressione, funzionali al voto.

Nessie said...

Marnie, per avere fede, bisogna trovare delle buone ragioni per poter credere. Tu sei fortunata se le hai. Ma non tutti hanno lo stesso percorso. La religione cattolica si avvale dei ministri quali intermediari e non ha il rapporto diretto DIO-FEDELI come quella protestante (e in altro modo come l'islam). Questo può essere un bene, ma a seconda dei casi, anche un male. E sono i ministri i responsabili di come hanno attualmente conciato la chiesa e delle varie diserzioni dalla fede e dal culto.
Conto molto in questo papa, ma di pecore nere da tenere a bada, ne ha troppe poveretto!
Pagheranno? Lo spero bene. Anche se per ora a pagare siamo noi.
Certo che mettersi a fare comunella con forze politiche che vogliono la loro distruzione, è il massimo della dabbenaggine.

Aldo said...

Francy, hai colto un lato essenziale della sessualità (etero o omo che sia poco importa): la libertà assoluta nell'assoluta riservatezza.

Aldo said...

Nessie, la religione dovrebbe essere come la sessualità: esercitata con la massima libertà nella più assoluta riservatezza del privato o, al più, nella comunione tra consenzienti. Ogni tentativo di spostare la religione (qualsiasi religione) sul piano pubblico ha dato, dà e darà luogo a distorsioni ed arbitri tremendi. Non vedo di buon occhio l'istituzionalizzazione delle religioni, quali che siano, né il riconoscimento di trattamenti particolari per i loro "ministri" ed adepti.

Ovviamente è un'opinione. Forte finché vuoi, ma solo un'opinione.

Nessie said...

Aldo, opinioni rispettabilissime. Ma non di facile soluzione, purtroppo. Fosse semplice come dici tu...Se si bandisce il sacro dalle nostre leggi e istituzioni, quelli che ci invadono (cioè gli islamici) ci metteranno il loro.
Parlo chiaro: la poligamia che a noi fa schifo perché mette le donne alla stegua delle capre, per loro è maomettana. Quindi ha a che vedere col loro "sacro" che noi disconosciamo. La lapidazione che noi aborriamo, per loro è l'applicazione della sharia (la legge islamica). Gira e rigira dal discorso religioso non si può prescindere. La Fallaci ci si è arrovellata un bel po' su questo tema. Ma alla fine, pur essendo non credente, ha dovuto convenire che la religione è quel qualcosa di strutturato nei popoli che se lo cacci dalla porta principale, ti rientra dalla finestra.
Poi il mio, per non essere OT, è un discorso che ha a che fare con il rispetto delle opinioni e della libertà d'espressione. Ma scherziamo? Finire in galera per tre anni perché non si è d'accordo col matrimonio gay? Questo vuole dire accettare il pensiero UNICO.

E vengo a un'ultima chicca.
L'UCOII (l'organizzazione islamista) ha detto chiaro e tondo che lascerà passare la legge prossima ventura sui Pacs (o DICO o CUS), se in cambio concediamo loro la poligamia. O comunque elementi di sharia per la loro comunità. Eccoci accontentati. Loro non temono i gay, perché sanno che non possono procreare. Mentre vogliono filiare ad oltranza qui a casa nostra . E con tante mogli. E ce lo dicono pure di voler fare la "guerra dell'utero". Ogni eccesso di libertà e di diritti libertari a casa nostra, fa esattamente il loro gioco. Riflettiamo su questo cruciale paradosso, secondo il quale per colpa del mito della libertà perderemo OGNI libertà di fatto.

Luca said...

Cara Nessie, hai fatto bene a citare il Feltri dell'altro giorno. Ben gli sta a quei preti che hanno voluto mettere alla "guida" del paese sti quattro bifolchi stupratori di libertà personali.

É davvero una pesante limitazione, questa. Possiamo solo sperare che qualcuno rinsavisca, in maniera definitiva magari (abbandonando questa maggioranza), e voti contro a quell'emendamento. Ma c'è la fiducia per aria. La milionesima dall'inizio della legislatura, se non sbaglio... ;D

Buona giornata.
Luca.

Nessie said...

Tra i bifolchi stupratori di libertà altrui ci metto a buon diritto e per primo in classifica Mastella, dove ti rimando al link del post sulla parola "manette mastelliane" circa il suo ddl sui reati d'opinione. Subito dopo, seguito da quel 6 gennaio vivente della Bindi. La quale pare che sia votatissima dalle suore sceme della campagna senese. Peggio di un comunista c'è solo un cattocomunista. Noi qui a farci il mazzo per difendere i valori cristiani e questi qua ne fanno la "svendita" all'incanto.

marnie4 said...

Nessie,
il mio non era un discorso di conversione. Non mi sono espressa bene e mi dispiaccio. E’ da tempo che vado dicendo esattamente ciò che affermi tu e cioè che “sono i ministri i responsabili di come hanno attualmente conciato la chiesa e delle varie diserzioni dalla fede e dal culto”. Al momento dell’omelia davano persino consigli per chi votare... Vorrei sapere d’ora in poi cosa predicheranno dal pulpito, riguardo a queste ultime novità. Intanto il Papa oggi ha già preannunciato il suo messaggio di capodanno “Chi osteggia la famiglia basata sul matrimonio tra uomo e donna e l’accoglienza della vita umana rende "fragile" la pace nel mondo, perché "indebolisce quella che di fatto è la principale agenzia di pace".
I gay non hanno problemi per fare ciò che vogliono, ma pretendono molto di più che solo con questa legge possono ottenere: matrimonio e figli degli altri. La pretesa è grossa e inaccettabile, sotto ogni punto di vista, sociale, economico e religioso, per chi crede. La scusa dell’assistenza ospedaliera non regge. Chiunque può andare in ospedale ad assistere un ammalato che è solo. L’ho già fatto io anni fa nei confronti di un degente che non aveva nessuno. L’importante è rispettare le regole ospedaliere. Nient’altro serve. Ugualmente non regge il discorso patrimoniale. Si possono stipulare atti notarili per condivisione e/o passaggi di proprietà, o atti testamentari, tutti improntati nel rispetto delle leggi vigenti in materia. Lo sappiamo noi e ancor più lo sanno quelli che vogliono legiferare diversamente. Ci vogliono prendere in giro e offendere la nostra sensibilità e la nostra intelligenza.

Cittadino perplesso said...

Come ho già detto in altra sede, resta il fatto che omofobia e omosessuofobia sono due termini con significati diversi, nel senso che il primo - peraltro privo del riferimento al sesso - indica la fobia relativa alla similitudine, mentre l'omosessuofobia indica l'avversione esplicita, patologica, verso l'omosessualità. Il fatto di non apprezzare i rapporti omosessuali, in quanto eterosessuale, e quindi di non accondiscendere a corteggiamenti da parte di un/una omosessuale non significa comunque che uno/una provi avversione per la categoria (sempre che, ovviamente, le avances non degenerino in vera e propria violenza) e quindi è più che scorretta la definizione di omosessuofobia, e meno ancora quella di omofobia, che risulta addirittura iniqua, in quanto verrebbe a rivestire un carattere di generalità, anche verso i non omosessuali.
Il considerare discriminatoria, poi, qualsiasi contrarietà al fatto di estendere l'idea di famiglia alle coppie omosessuali (con tutto ciò che questo comporta), al punto da sanzionare addirittura con pene detentive chi venisse tacciato di "omofobia", oltre ad essere ulteriormente iniquo e lesivo dei diritti d'opinione, è addirittura paradossale, soprattutto rapportato a quanto succede per altri reati ben più gravi, lesivi della vita e dell'integrità umana, della proprietà individuale e pubblica e dell'ordine pubblico, per i quali si tende ad una sempre maggior indulgenza, arrivando finanche all'abolizione della pena detentiva o alla depenalizzazione.
Una cosa, a parer mio, è sicura: che un simile provvedimento, se dovesse andare in porto, più che difendere omosessuali o immigrati o altri comunque "diversi", servirà ad attirare su di loro l'odio inveterato della maggiornaza, finanche di quelli più tolleranti.
Riguardo al "picconatore" di grottesca memoria, non so se ha notato qualcuno che, durante il pomposo discorso di "dissenso totale ma di appoggio al governo", il tono della voce non era quello solito: era diverso, anomalo, presentando frequenti brevi paue associate a picchi acuti, tipici di uno proveniente da .... diciamo copiose libagioni. Sarebbe interessante riascoltare la registrazione.
Quanto a certi che si pretendono ufficialmente cristiani, che appartengano o meno al clero e poi si profondono in azioni sovente antitetiche non solo al Cristianesimo, ma addirittura a qualsiasi altra religione, è poi sicuro che siano veramente cristiani e non "lupi travestiti da agnelli", praticamente degl'infiltrati educati a ben altra scuola ideologico-politica possiamo immaginare quale? E non sono neppure così pochi.

Nessie said...

Marnie, sì è così, ci vogliono prendere in giro. Perché oggi nessuno si scandalizza più dell'omosessualità in quanto tale e i tabù sono caduti. Nessuno di loro viene discriminato sul luogo di lavoro e se vogliono prendere un'abitazione insieme possono farlo quando e come vogliono. Ma a molti di loro tutto ciò non va ancora bene, perché in realtà gareggiano per sciommiottare in tutto per tutto la famiglia istituzionale, ciò che non è, né sarà mai possibile. E se stasera a Porta a Porta hai avuto modo di ascoltare Luxuria si è visto chiaramente la sua aggressività di minoranza che pretende dettare legge alla maggioranza. Arrivando perfino a stronzate paradossali come dire: "Io non chiedo mai a un eteresessuale perché è diventato eterosessuale", avventandosi col solito povero prete di turno.
Per chiarire la mia critica dura nei confronti della chiesa e dei suoi ministri, quando decide volontariamente di mondanizzarsi e secolarizzarsi sbaglia di grosso. E si indebolisce rischiando la propria estinzione. Non si corre dietro alle mode, non si va in tv a fare le pagliacciate dei vari don Mazzi. O ai cortei come i Don Gallo e i don Vitaliano. Tanto meno si danno indicazioni di voto e si corre dietro a dei bardotti azzoppate e voltagabbana come i vari Mastella,Bindi ecc. pensando di usarli come portavoce politici del cattolicesimo.
Ratzinger è intelligente e di lui ho grande stima, ma penso che sia un dissidente all'interno della sua stessa chiesa. Tant'è vero che non riesce nemmeno a far passare la Messa in latino. Come è nata e dovrebbe continuare a essere.

Nessie said...

Cittadino, è chiaro che il progetto perseguito è infingardo e iniquo: quello di discriminare noi, per paura di essere discriminati in quelli che più che diritti , appaiono vere e proprie licenze. I diritti ci sono già e sono contemplati dal nostro ordinamento giuridico. Li ha appena citati Mary. Ma qui si bara e si finge di fare le vittime, per meglio poter fare i carnefici.
Però come al solito questo è un progetto europeo che ha già avuto il suo apice in Spagna e in GB dove è considerato discriminante chiamare Padre e Madre, ma che bisogna scrivere nei documenti "Genitore A e Genitore B". L'Italia è ancora un paese tutto sommato sano e queste imbecillità si oppone strenuamente. Ecco perché vogliono farle passare con la forza oppure con spirito subdolo e strisciante dentro un ddl (la sicurezza) che non ci azzecca proprio nulla con questi temi. E che non è pertinente.

Cittadino perplesso said...

L'aspetto grottesco nell'adozione delle denominazioni: Genitore A e Genitore B è che si presenta comunque un problema.
Allorchè si parla di Padre e Madre si parla di due individui diversi per sesso, certo, ma con pari dignità, indipendentemente che vengano menzionati nell'ordine prima citato o come Madre e Padre ed eventuali figure genitoriali che dovessero sostituirsi ad uno dei due individui o ad entrambi avrebbero comunque il ruolo di Padre adottivo o Madre adottiva, e lo stesso vale per dei genitori affidatari.
La definizione Genitore A e Genitore B invece prevede già, utilizzando un ordine alfabetico (e lo stesso varrebbe per quello numerico), un concetto di graduatoria, per cui il genitore menzionato come b oppure 2 trovandosi alfabeticamente o numericamente successivo al precedente genitore sembrerebbe godere di una considerazione parimenti minore e, vista la smania di politicamente corretto, non mi meraviglierei neppure se dei genitori, soprattutto nel caso degli omosessuali, non cominciassero a contendersi la menzione di Genitore A oppure Genitore 1.
Resta infine un problema di base: la definizione di "genitore", di per se stessa indica colui che genera. Nel caso di omosessuali, soprattutto allorchè il "figlio" dovesse essere adottato, cioè non legato geneticamente a nessuno dei/delle due, tale definizione diverrebbe assolutamente impropria.
Tralasco poi tutta una serie di ulteriori problemi che un povero cristo di infante si troverebbe a fronteggiare, allorchè si tratta di individuare quale dei due sia la madre o il padre e quale gratificare del rispettivo appellativo. E magari, in questi casi cosa farebbero: istituirebbero un apposito riformatorio per minorenni "razzisti"?
Per il resto, mi sembra che proprio l'anno scorso, in Inghilterra o in Olanda, una lesbica ha ucciso la figlia della propria convivente, perchè non ne voleva proprio sapere di chiamarlà "papà". Non so che esito abbia avuto la vicenda; spero di sbagliarmi, ma temo che si sia risolta positivamente per l'aspirante alla denominazione paterna.

Vargan said...

Ciao Nessie.

Ho visto anche io qualche stralcio del programma in questione. Premetto che l'onorevole Lussuria è una grande para culo (scusatemi) ha detto molte cose per lo meno discutibili.

Vi è una certa corrente di opinione che cerca un imposizione nella realtà di astrazioni filosofiche e pseudoscentifiche.
Francamente mi ha colpito molto anche il discorso di Giovannardi (per quanto non mi piaccia) durante il discorso a la7 che ha secondo me centrato un punto focale. La riproduzione.

In pratica oltre la discrimanzione. Vogliono di fatto essere racchiusi in maniera quasi etnica in una tipologia di pensiero e di popolazione.

In pratica da un certo punto di vista siamo di fronte ad uno scontro tra l'essere ed il divenire.

In quest'ottica di pensiero dell'essere si individua una plurarità di sessi. Etero, Omo, Bisex, etc.

Cosa molta utile per il movimento Gay.

Dall'altro lato si guarda il divenire. Ovvero si afferma che i gusti od orientamento sessuale siano un qualcosa di acquisito, come se fosse appunto una questione sociale. Una sorta di Imprintig culturale. I cosidetti modelli femminili e maschili.

Inutile che ti dica che questi modelli sono socialmente importanti e razionali. E' servono anche per mantere a mio avviso l'integrità sociale e sopratutto mentale della gente.

Comunque in questa ottica di pensiero credo che si rifacciano sopratutto i transgender. La cosidetta teoria queer credo.

In pratica siamo passati dalla lotta contro la discriminazione, alla lotta per la trasformazione della società.

Quello che vogliono e molto semplice. Non potendo avere figli loro. Vogliono cambiare l'ordine sociale ,è quindi le differenze di genere, di modo da perdere il complesso di colpa della loro "diversità" ed affermare il diritto alla procreazione.

Insomma tra poco dovremo vergognarci noi di essere eterosessuali.

Giovannardi ha perfettamente ragione quando dice che loro non possono riprodursi e quindi porterebbero l'estinzione della razza umana. Ma secondo me non è questo il punto. Il discorso è che esiste e sempre esistera una minoranza "diversa" ma poi con la riproduzione questa minoranza resta diciamo "costante".

In pratica loro a mio avviso vogliono quasi diventare un Etnia. Sfruttando le tecniche moderne di procreazione assistita. In pratica la teoria dei diversi sessi credo che sia il preludio alla formazione di varianti umane o se vogliamo essere pignoli di nuove razze incominicabili tra loro per vincoli sociali e culturali e che utilizzano la scienza per la loro prosecuzione temporale.

Ovviamente queste sono solo mie fantasticherie. Pero ci trovo un fondo di verità.

Comunque in qualsiasi libro di genetica base si può trovare che il fenotipo di un individuo(caratteristiche osservabili) dipende sia da componenti genetiche (quindi ereditarie) che ambientali (quindi acqusite successivamente).

Per cui che l'onorevole Lussuria non dica stupidaggini.

Ciao. E' scusami per queste lunghissimo commento.

Cittadino perplesso said...

Questa è stupenda:

Andy Bathie, pompiere di 37 anni di Enfield, a nord di Londra, ha donato sperma dopo una liberatoria da parte di Sharon e Terri Arnold riguardo all'esenzione da implicazioni sentimentali o finanziarie nei confronti dei figli. Ora, dopo cche la coppia si separata, l'Agenzia per il Ssostegno al Bambino gli impone di pagare il mantenimento per migliaia di lire sterline, nonostante non abbia alcun diritto legale sul ragazzino e la ragazzina in età rispettivamente di due e quattro anni, figli delle due lesbiche.

Bathie ha ddichiarato di non potersi permettere di aver figli con la propria moglie a causa di difficoltà economiche, e cerca di convincere le autorità a non riconoscerlo come padre legale dei due piccoli.
Tanto per cominciare gli è stato imposto un test di paternità del costo di 400 sterline e non so quante spese seguiranno.
(fonte: ro.altermedia)

In questo caso sembra che le implicazioni economiche siano dovute al fatto che per la Legge, in Inghilterra la paternità non è riconosciuta nel caso di seme ottenuto da centri specializzati, mentre nel caso di accordi privati, come quello descritto, le cose cambiano ed il donatore viene considerato padre a tutti gli effetti.

E questo è solo uno dei tanti bei casi che potrebbero verificarsi anche altrove.

Massimo said...

Possono fare tutte le leggi che vogliono, ma nessuno potrà impedirmi di pensare come voglio.
Se poi saremo costretti a rifare i samizdat per far coinoscere le nostre idee ... pazienza, organizzeremo la resistenza clandestina e risorgeremo facilmente contro una società che sarà così depravata da cadere come una pera ... marcia :-D

Nessie said...

Massimo, la resistenza clandestina è appena iniziata. Finché potremo sfruttare la rete, è bene martellare e far conoscere le nostre idee. Se poi ce la toglieranno, arriveremo ai samizdat. Ovvio che tutte le leggi più forcaiole e liberticide non potranno servire a lavarci il cervello né a farci recedere dai nostri principi. No al chiagnifottismo, no al vittimismo carnefice.

Nessie said...

Vargan, figurati. Fai bene a esprimere queste riflessioni che avrò modo di riprendere. Su Libero di domenica 9 dicembre , Andrea Morigi ha fatto un'analisi simile alla tua (pag. 4), dal titolo "Quella leggina pro-omosessuali che piace all'Europa". In quell'articolo parla esplicitamente della "trappola dell'omofobia".
Nella cosiddetta Carta dei diritti fondamentali della Ue si parla di GLBT (acronimo di Gay, Lesbica, Bisessuale e Transgender) e hanno deciso di imporci la Giornata iNternazionale contro l'omofobia il 17 maggio.
Secondo questi dettami, l'identità sessuale sarebbe una variante temporanea. E' chiaro che chi non li accettasse, rischierebbe di finire dietro le sbarre. Pensa te!

Nessie said...

Cittadino, questa deregulation figlia del caos di cui porti testimonianza a proposito di quel poveraccio inglese 37enne( deregulation che non a caso, viene chiamata "pan-demonio", come se il diavolo imperversasse dappertutto creando lo scompiglio) nasce proprio da questa perversa volontà di cui ha parlato Vargan: non potendo avere figli loro, vogliono cambiare l'ordine sociale e le differenze di sesso. Ho di proposito sostituito la parola "genere", con "sesso" perchè questa seconda è più chiara e inequivocabile.

"Lotte di genere", "battaglie di genere", "rivendicazioni di genere" , "leggi di genere" fa parte dell'armamentario terminologico femministico-lesbo-gay che francamente mi ha rotto le palle. E' un termine che venne adottato per la prima volta (guarda caso!) dal teologo-sociologo marxista Ivan Illic nel suo saggio "Gender". Che guarda caso, era quello stesso Illic che voleva "descolarizzare" la società. Coi risultati che sappiamo...

Cittadino perplesso said...

Condivido pienamente quanto finora detto!
Torno a sottolineare, come ho già fatto in altro post, che l'idea di "Minoranza sessuale" che no già visto esposta in altri contesti è assolutamente fuor di ogni logica scientifica.
Praticamente, dal punto di vista genetico, esistono l maschio (cromosomi XY) e la femmina (cromosomi XX). Ci sono poi le anomalie come le sindromi di Turner (XXX) e di Klinefelter (XXY) ed alcune varianti minori (se non ricordo male, tre o quattro in tutto), e comunque in tutti questi individui l'anomalia genetica, oltre all'aspetto sessuale e qualche altro problema fisico è associata ad oligofrenia marcata, oltre ad altri problemi psichici più o meno gravi, cosiccnhè il costituirsi a minoranza sessuale è sicuramente l'ultimo dei loro interessi.
Quelli che invece si ergono a "minoranza sessuale" sono invece individui che si distinguono non per il sesso ma per le loro inclinazioni sessuali diverse da quelle eterosessuali. Purtroppo sono gli stessi che, spesso e volentieri, militano anche contro la religione, come hanno fatto l'anno scorso in Romania (e non solo), aggregandosi al "Consiglio Nazionale Contro le Discriminazioni" (ente di dubbia liceità, finanziato prevalentemente, a quanto si dice, da Soros), per fare sparire dai luoghi pubblici tutti i simboli religiosi di qualsiasi genere (per fortuna senza riuscirci, almeno per ora). Ad ogni buon conto, per quanto possano militare attivamente, non sarà certo questo a farne un'etnia e men che meno una razza; semmai, non procreando (anche un salace motto goliardico noto come Legge del Valgimigli ricordava - e forse ricorda ancora, comunque in termini più... diretti - che "la sodomia non fa figli") e proselitizzando per ingrossare le proprie fila, contribuiranno fattivamente (in modo più o meno consapevole) all'estinzione della razza o dell'etnia a cui appartengono.

Nessie said...

Contribuiranno a farci riempire più facilmente di nuovi flussi migratori e di islamici che astutamente dichiarano che sono favorevoli alle nozze gay (si veda l'Ucoii) per poter tranquillamente applicare la loro poligamia.
Ovviamente ci sono omosessuali "non organici" alla sinistra che stimo molto come quel Pim Fortuyn che si è speso in prima persona per contrastare l'invasione islamista in Olanda. Ma sappiamo bene che fine ha fatto, poveretto!

Vargan said...

Cittadino.

La tua analisi credo che sia corretta ma solo fino a 40 o 50 anni fà. Lo scenario è molto cambiato.

La scienza e cambiata.

Una coppia lesbo può tranquillamente avere un figlio se lo desidera; ò ricorrendo a qualche futura banca dello sperma che lo conceda (non so se già si possa fare ma gia esistono le banche dello sperma) oppure attraverso la clonazione (magari perfezionata visto che al momento attuale genera prole malata) oppure attraverso altri sistemi che pare possano comunque creare un clone della donna in questione.
Dicasi Partenogenesi.

Da punto di vista maschile (o meglio gay)esistono studi (ostacolati da motivi etici) sperimentali sulla costruzione di Uteri Artificiali (per andare incontro ai problemi di gravidanza di certe donne). Uno di questi è un progetto giapponese sperimentato mi sembra sulle cavie da laboratorio.

Se pensi che il topo da laboratorio è il più comune modello sperimentale per i farmaci da utilizzare sugli umani e che poi è un mammifero come noi credo che si tratti solo di fare 2+2.

Quindi come vedi si può prendere lo sperma, si può indurre un inseminazione da materiale genetico proprio (da ancora molti problemi, la cosidetta clonazione), indurre la partenogesi (sperimentazione in corso su femmine di ratto), si possono creare incubatori o uteri artificiali (in studio).

Individui creati in questo modo è allevati da coppie gay, lesbo, etc; Indubbiamente per via della capacità ambientale di determinazione dell'individuo, acquisiranno sicuramente in una percentuale statisticamente discreta l'omosessualità o comunque la bissessaulità.

Di conseguenza si potrebbe parlare in questo caso di Etnia vera e propria? secondo me si.

Se poi si può ipotizzare che magari esista anche una correlazione genetica (sicuramente vi è un embrione di input in tal senso) allora anche la "maggiore probabilità" di essere omosessuale potrebbe essere ereditata di padre in figlio. (o di madre in figlia per essere politicamente femministi e quindi idioti. riscusatemi...lol).

Si può quindi parlare di una nuova razza? secondo me si.

Questo per lo meno credo sia quello che si auspicano questi individui. Per essere normali devono essere presenti in misura maggiore o uguale. Solo quando questa normalità sara paritaria in termine di numero di persone rispetto alla cosidetta popolazione "normale"; solo allora credo che si potrebbero finalmente considerare normali.

E' quindi mi riallaccio con il discorso di prima. Non combattono per non essere discriminati. Ma combattono per essere parietari in tutto e per tutto. In base a questo concetto di parità di stampo del tutto femministà. "Se voi etero potete fare figli allora per essere pari dobbiamo farli anche noi".

Semplice direi?
E diabolico anche.

Cittadino perplesso said...

In effetti le manipolazioni sulla Natura le stanno facendo, solo che, anche ad indurre comportamenti anomali dalla nascita, diffondendoli su larga scala, in modo da costituire un'artificiosa normalità, la Natura sempre quella resta ed ogni manipolazione si paga sempre cara, come i fatti continuano a dimostrare.
Comunque, riguardo ai sessi, sempre due resteranno, quand'anche riuscissero a condizionare certi comportamenti dalla nascita. Escludendo dunque le sindromi citate, avremo sempre dei maschi o delle femmine, con comportamenti sessuali mirati o meno alla riproduzione, omosessuali piuttosto che zoofili o pederasti o pedofili. Quindi, per quanto possano ostinarsi a definirli sessi, non è corretto, perchè, semmai, sono delle categorie comportamentali, magari in base a questi modelli comportamentali potranno anche fondare un'etnia e magari uno stato (che ne so: la repubblica o il regno di Omosessualia), ma, andando alla radice le cose restano sempre quelle: un gruppo d'individui, maschi e femmine, caratterizzati da un comportamento sessuale, ma sempre maschi e femmine.
Il fatto poi che trasformano maschi in femmine e viceversa resta pura apparenza, perchè, ad analizzare approfonditamente, senza una costante terapia ormonale, da seguire vita natural durante, il transessuale torna al sesso di partenza (modifiche chirurgiche a parte, ovviamente). E quella terapia ormonale non è senza conseguenze. Ogni manipolazione sulla natura, dicevo, è qualcosa che, in un modo o nell'altro si paga ed hanno un bel dire che oggi come oggi l'uomo è padrone della Natura.
Quanto ai travestiti come Luxuria, restano sempre dei maschi o delle femmine che cambiano comportamento sessuale secondo la loro ispirazione del momento, ma sempre maschi o femmine restano.
Per il resto, resta un dato di fatto, avvalorato da testimonianze scientifiche, che tutti gli esperimenti fatti su topi, cavie, maiali, scimmie e via dicendo, non fanno testo fino a che non vengono poi effettuati sull'uomo, cosa che, peraltro, stanno già facendo, in maniera più o meno diretta o esplicita.
Come che sia, è vero: il piano è diabolico, per non dire che si censurano gli esperimenti razzisti effettuati in passato da chi sappiamo, per poi giungere, non solo a proseguirli, ma a fare anche di peggio. Se non è razzismo questo...!

Lontana said...

Cara Nessie,
non son riuscita a leggere tutti gli interessanti commenti, ma li ho sorvolati e mi trovo d'accordo.
Che ci sia un'agenda omosessuale lo sapevo già da tempo, da quando, all'incirca tre anni fa, lessi un bell'articolo americano che illustrava gli obbiettivi che i militanti si erano proposti.
Ora é chiaro anche in Italia, ma mentre in America si comincia a tentare di frenare il fenomeno, qui in Italia é in piena espansione.
I comunisti e i catto-fessi, si stanno premurando di toglierci ogni possibilità di discussione.

Ho aprrezzato molto l'intervento di Francy, perché giustamente mi chiedevo quando un omosessuale normale si sarebbe ribellato a farsi rappresentare da un Luxuria o da un Grillini.
É ora che quei due vengano sputtanati in pubblico, perché non sono rappresentanti di nessuno. Forse solo delle prostitute/i.

Ciaooo!

Nessie said...

Vargan e Cittadino: la manipolazione della e sulla natura è da un pezzo che è iniziata. Già con la clonazione e la povera pecora Dolly. Poi la setta dei raellisti, con il primo esperimento della bambina clonata. Sulla bioetica e la fecondazione assistita la mia posizione è concorde con quella della chiesa e in particolare con Ratzinger, il quale, temo piaccia più ai miscredenti come Fallaci, Ferrara ( e più modestamente a me), che ai cattofessi (copyright : Lontana).
Cittadino, ti pregherei di non fare minestroni che possano creare confusioni:
un conto è l'omosessualità, un altro conto è la gayezza politicamente organizzata e intruppata. La zoofilia ha a che vedere con pastori o gente costretta all'eremitaggio e all'isolamento. La pedofilia può essere praticata da eterosessuali.
Una cosa però voglio sottolineare: al parlamento Ue c'è Daniel Cohn-Bendit (il deputato verde, ex leader sessantottino) che ha scritto un memoriale dove si vantava di aver praticato questa devianza, per me semplicemente aberrante).
Marco Cappato dei radicali ha sempre cercato in mille modi di depenalizzare e liberalizzare questo disgusto reato sui minori, nelle sue vomitevoli comparsate televisive. Come vedete siamo alla libertà con licenza di essere licenziosi e nefandi.

Nessie said...

Lonty, è vero quel che scrivi. Sono lobbies transnazionali che mirano a importare dappertutto la stessa way of life. Proprio ieri sul Corriere (pag. 21) sempre quel rosaripugnante di Cappato ha reso noto l'invio da parte della Ue di una lettera "di ingiunzione sui problemi concernenti il pieno recepimento delle disposizione che vietano ogni discriminazione basata sulle tendenze sessuali". Come vedi l'Italia non capisce, ma si adegua come uno zelante soldatino di stagno. E la Finoccharo (DS) ha già negato che la lotta alla cosiddetta "omofobia" sia un tema "eticamente sensibile". Come vedi hanno tutti un fretta pazzesca di metterci alla sbarra con queste idee di polizia. Ciao!

Alex said...

Veramente assurdo...

Elly said...

Aspetta, aspetta. Dunque, io non posso dire niente sui gay o rischio di essere sanzionata o finisco in manette nella peggiore delle ipotesi, però c'è qualcosa che non mi quadra comunque. Ma non c'è più la libertà di pensiero e di parola? Un provvedimento del genere non è discriminatorio nei miei confronti? Poi, appunto, che c'entra con la sicurezza?

E poi dicono che quella dei gay non è una lobby...

Nessie said...

Elly, legge le ultime. La norma l'hanno fatta decadere ieri perché doveva essere una trascrizione del Trattato di Amsterdam, ma invece è stata scritta sbagliata coi riferimenti normativi sbagliati. Così Napolitano non ha potuto firmarla. Non so che casino o pasticcio ci sia di mezzo, ma so di per certo che ora è decaduto anche il cosiddetto pacchetto sicurezza. Se così non fosse stato ci sarebbe stato il rischio di far cadere anche la legge Mancino (quella sulle discriminazioni razziali voluta anche da Mastella) . Perciò nel casino prenatalizio hanno fatto decadere capra (legge antiomofobia) e cavoli( pacchetto sicurezza). Informati da te, ma so che è l'ennesimo casino. Fosse per me , toglierei di mezzo anche la legge Mancino. Ma quella la vogliono gli ebrei, senza sapere a che conseguenze andremo incontro, perché se ne serviranno i mussulmani.

Elly said...

Si, ho letto stamattina del decadimento. Ma di sicuro ci sarà qualcuno che vorrà rimetterci mano dopo le vacanze. Il pericolo che l'idea della lobby gay (insieme a quella ebraica naturalmente) prenda forma è sempre imminente. Le mie domande restano comunque le stesse anche dopo le vacanze.

Tratto da una intervista a chec'azzecca DiPietro:
Con distacco, che ne pensa lei della norma contro l’omofobia? «Il principio per cui non dev’esserci discriminazione e quindi debbano essere puniti coloro che discriminano con comportamenti attivi per motivi razziali, religiosi o sessuali, è giusto ed è previsto nella dichiarazione dei diritti dell’uomo. Ma quella norma, così come è stata posta in essere, è così ambigua e allargata che finisce paradossalmente col punire anche il prete che nell’omelia raccomanda di tenere un certo comportamento sessuale. Quella norma va scritta con senso di responsabilità, non con decretazione d’urgenza, e stabilendo precisi paletti fra i comportamenti discriminatori, da punire con mano pesante, e le opinioni, che sono invece esercizio del libero pensiero».

Ecco perchè il pericolo non è del tutto scongiurato.

Bacino Natalizio

Nessie said...

Ho sentito Elly, ma io di quel pagliaccio di Di Pietro e di quell'altro pagliaccio di Mastella non mi fido nemmeno morta. Eccerto che è così come di dici tu: del resto l'hanno già annunciato che in gennaio ci rimetteranno mano. E rischiamo pure che il rimedio sia peggio del male, visto che la norma esiste già nella Ue con tanto di manette europee. Per i bacini natalizi, passa al mio post più recente. Come puoi constatare da te, ci rubano, tutto: pure il Natale. That's a nightmare before Christmas.