27 January 2007

ddl Mastella: memorie imposte e opinioni in galera

Qui Ceppaloni, chiamate Bruxelles. Chi l'avrebbe detto che Mastella, ministro di Grazia e Giustizia nonché noto cambia-casacca in politica si fosse ritagliato una nomea di forcaiolo da Forcolandia? E se questo decreto passa così  com' è,  può pure gloriarsi d'essere tra i  primi in Europa. All'inizio,  il ddl Mastella, venne battezzato decreto "antinegazionista". Poi fatta la legge, trovato l'inganno. Perché offendere quei 200 storici di tutte le tendenze politiche che hanno cominciato a raccogliere firme poiché - a detta loro - il ddl impediva la libertà di ricerca storica, scientifica e storiografica? Così,  ecco l'ennesima furbata e... zac! Qua ti cancello il termine "negazionismo". Là, non faccio riferimento esplicito alla parola Shoah e ti rimedio un bel decretone a 360 gradi contro "reati d'opinione" genericamente intesi.
Tutti felici e contenti: gli storici perché non saranno più tirati in ballo. Gli ebrei, perché non saranno i responsabili di questa legge-capestro in quanto non sarà la difesa della loro minoranza religiosa il "target" principale ed esclusivo, in materia di giurisprudenza. Ma guai a chi oserà parlare di "superiorità" di civiltà , razze, religioni, sesso, ecc. Ci sarà il tintinnio delle manette e la reclusione assicurata per 4 anni.
Lo sapevamo già. E lo avevamo scritto già in tempi non sospetti, che il negazionismo e gli Ebrei erano le classiche "foglie di fico" per coprire tutto il resto.
Se in Europa (sempre più eurostrabica) si voleva per davvero dare una mano agli Ebrei , perché non emettere sanzioni contro il principale negazionista antisemita al mondo, e cioè il presidente iraniano Ahmadinejad, reo di proclamare ai quattro venti il  Jihad nucleare contro quello stato di Israele, da lui  e dai suoi predecessori, denominato "il piccolo Satana"? Invece in Ue, si glissa su embargo e sanzioni all'Iran per offrire il gadget sul "negazionismo". Qualcuno l'ha capito e non sta al gioco. Ma sono ancora in pochi. Amos Luzzatto, ex presidente della Comunità ebraica italiana ha dichiarato che una democrazia che ha bisogno di far sentire il tintinnio delle manette per affermare certi valori,  è una democrazia debole. Yasha Reibman (della comunità ebraica milanese) ha parlato apertamente di strumentalizzazione e di contentino nei confronti degli Ebrei:  "Ogni reato autonomo di  negazionismo finisce per tranquillizzare le coscienze in Europa , senza considerare che oggi, il vero nemico è il regime fondamentalista di Ahmadinejad che sta contagiando anche l'Egitto". 
Nei fatti il ddl Mastella impone coattivamente valori come la memoria per l'Olocausto  che nessun paese democratico si sognerebbe di imporre a colpi di Codice Penale. Un paese civile, organizza campagne di informazione, di sensibilizzazione, mostre con documenti, resti e testimonianze. Ma quando mai impone l'uso della memoria per decreto legge? In realtà, alla fin fine,  il ddl va a ripescare la Legge Mancino del '93 estendendola e rendendola attuativa in tutte le sue parti. Nella relazione tecnica di detto ddl sta scritto che "sarà possibile repirmere con efficacia ogni forma di esternazione concernente la superiorità e l'odio razziale..." e che tale soluzione lascia intendere che spetterà ai giudici decidere SE e COME forzare l'interpretazione della norma.
 
Dunque,  tutto il potere alle toghe! Già lo sapevamo che andava a finire così. Come se i giudici non ne avessero già abbastanza di potere....Memorie imposte dall'alto e opinioni in manette. Tu chiamala ancora, se vuoi, democrazia...
Oriana Fallaci riuscì a cavarsela per il rotto della cuffia contro il MRAP islamico in Francia. Idem lo scrittore francese  Houellebecq. Ma in Italia Oriana morì giusto in  tempo per non andare davanti al tribunale di Bergamo, ai sensi della legge Mancino. Che ne sarà della libertà d'espressione?
Una curiosità però ce l'avrei. Come si comporteranno i nostri solerti magistrati quando dovranno sanzionare frasi prese dal Corano come "Gli uomini sono preposti alle donne, perché Dio ha prescelto alcuni esseri sugli altri...; quanto a quelle di cui temete atti di disobbedienza, ammonitele, poi lasciatele solo nei loro letti, poi battetele (Corano versetto IV, 34)?!
 
Beh, se non sbaglio ci sono gli estremi evidenti per apologia di superiorità di sesso. Scommettiamo che nel Paese di Acchiappacitrulli, verrà sanzionata la vittima invece del carnefice? A pensare male ci si azzecca. E non è peccato. Il vero peccato è l'idiozia di certe leggi e di chi le mette in atto.
 
 

29 comments:

Lo PseudoSauro said...

E' una questione di punti di vista. c'e' chi la chiama "democrazia debole" e chi "dittatura soft", ma all'atto pratico sono la stessa cosa. Il problemuccio sta nel fatto che e' la stessa UE a seguire questa linea: preferisce controllare i propri sudditi piuttosto che usare la deterrenza, che per altro non ha, con i despota internazionali. E qui tutti zitti.

Fabio Sacco said...

mastella vorrebbe scrivere i libri di storia ed imporli x legge.

Nessie said...

Clemente da Ceppaloni vuole scrivere libri sull'arte di cambiar casacca e rimanere sempre a galla scrivendo una pessima legge copiata da un altro pessimo ministro? :-)

Sauro, controllare i propri sudditi e assoggettarsi ai despota internazionali (mi riferisco al capraro di Teheran e alla politica europea di "appeasement") è la solita vecchia politica dei soliti "maramaldi": carogne con gli onesti cittadini e codardi coi tiranni più feroci.

Orpheus said...

Ciao Nessie, ottimo post come al solito:-)
Che dire questo governo ha deciso di "rieducare" alla maniera societica gli italiani evidentemente.
Questa legge per me nasce dall'esigenza di riavvicinarsi alla comunità ebraica, dopo gli strappi prodotti dalle posizioni anti-israeliane del governo e di D'Alema.(non dimentichiamo che a maggio ci sono l'elezioni...)un contentino come dice Yasha Reibman.
Certo non nasce dalla volontà di lottare contro l'antisemitismo, perchè in tal caso sarebbe più utile come dici tu, una campagna di informazione e di sensibilizzazione (e per cominciare un ministro degli esteri VERAMENTE equidistante)
Sono curiosa di vedere quando i soliti pacifinti scenderanno in piazza "Per una Palestina libera" bruciando bandiere di Israele e con cartelli che raffigurano Olmert come un macellaio...
Tanto sarà a discrezione dei gudici e qualche escamotage lo troveranno c'è da scommeterci...
Anche sul Corano sarà un bel match...sono proprio curiosa di vedere che faranno, se qualche imam si lancerà in prediche contro i cani infedeli.
Ciao mary

Nessie said...

Mary vuoi sapere come la penso io in materia di curiosità?
Ebbene vorrei cambiare continente e non essere affatto presente. Perché c'è da giurarci che assisteremo alle solita assurde iniquità. Credo che un simile disegno di legge, sia stato pensato ad hoc per altro. E non per gli Ebrei. Poi è stato astutamente varato nel giorno della Memoria. Ma questo è tutto spolverìo e fumo negli occhi propagandistico.

Elly said...

Speriamo che al momento giusto, un' orrore simile non passi a legge... se non è regime questo, cosa altro potrebbe essere? Invece di combattere come si deve il terrorismo, si vieta alle persone di avere una opinione... ovviamente politically correct.

Baci

Nessie said...

Ciao Elly :-)
francamente si vuole coltivare "sovieticamente" il pensiero unico e la solita correctness socialista eurostrabica ed eurobabbea. Gli Italinai non si ribellano più a niente, oramai...

Lo PseudoSauro said...

Piccolo OT. Non so se avete fatto caso che da quando e' in corso la massiccia offensiva politica islamica in tutto l'occidente (USA e Israele compresi), di bombe non se ne parla piu'... secondo voi perche'?

Stanno dando loro tutto quello che vogliono, che ci dovrebbero bombardare a fare? Gli ebrei non c'entrano niente, come ha scritto Nessie. Quello che vogliono e' impedire il dissenso sull'immigrazione. Se non si riduce la UE ad un organismo meramente economico un cambiamento di governo servira' a poco o niente.

Mentre la destra opta per l'attendismo fino molti elettori di sinistra cominciano a preoccuparsi seriamente, e non solo per le tasse... pertanto bisogna fare pressione sulla destra perche' chiarisca quale tipo di alternativa offre nella fattispecie, ma temo che creda di avere la vittoria in tasca. Altro errore di strategia.

Purtroppo non abbiamo ne' una Merkel ne' un Sarkozy, attualmente, ed anche fosse, non cambierebbe nulla. In Italia la popolazione residente eccede di un buon 10% quella che dovrebbe essere, con una certa approssimazione, ma continuano a favorire ingressi comunitari ed extracomunitari. Siamo molto vicini al punto di non ritorno e provvedimenti come questo hanno questo obbiettivo.

Un regime nel quale ti dicono cosa devi pensare e' gia' una dittatura anche se non vi sono carri armati per strada, ma non si tratta di una questione nazionale: e' un problema europeo che riguarda quasi tutti gli stati membri e come tale va affrontato insieme con il dissenso che sta altrove.

Penso che solo questo potrebbe fare cambiare politica alla destra, anche se non mi farei troppe illusioni considerato l'approccio prevalentemente economicistico della sua politica in tutti gli stati dell'unione.

Denunciare la strategia della sinistra, come facciamo oggi, equivale a scopare il mare. E' l'opposizione che va' stimolata ad agire e a cambiare radicalmente visione. Una volta che il cerchio sara' chiuso e che gli stati europei saranno colonizzati del tutto non rimarranno che il combattimento, la resa o la fuga.

Questo, significa il ddl Mastella. Sarebbe una buona cosa il ricordare con precisione chi mette la firma sotto a questi pezzi di carta e chiedergliene conto a tempo e debito. La democrazia non esclude la responsabilita' dei singoli, anche se e' piu' difficile identificarne le responsabilita' come avviene per le dittature con tutti i crismi.

Francamente, la vedevo gia' brutta, ma la realta' supera abbondantemente ogni fantasia.

Massimo said...

Il pericolo insito nela ddl Mastella è la assoluta discrezionalità concessa ai magistrati che potrebbero persino far rientrare tra i comportamenti perseguibili il film "Gli uomini preferiscono le bionde" perchè discrimina, con chiaro intento razzista, le donne non bionde.
Anche i giornali liberi (Il Giornale e Libero) hanno dato un notevole risalto alla aberrazione mastellata. Veggasi l'articolo di oggi di Veneziani su Libero e quello di due giorno fa sul Giornale di Porro.
Bisogna evitare di perdere di vista la questione e fare come la goccia che scava la pietra.
Vedo una certa mobilitazione ... dovremmo canalizzare questa generale opposizione con una iniziativa comune e rumorosa ...

Anonymous said...

Sulla questione specifica mi chiedo cosa accadrà a chi intrattiene rapporti amichevoli con i negazionisti come fanno il primo Ministro Prodi e il ministro degli esteri D'Alema con l'Iran eed Hezbollah. Saranno cosiderati complici e sanzionati? Se i negazionisti iraniani verranno in Italia saranno arrestati?
Sarcasmi a parte sono d'accordo con Elly e Pseudosauro: il problama, grave, ed è di libertà ed è europeo. Questa legge in pratica estensibile a piacimento ed applicabile a discrezione di fatto
introduce, in un contesto che era già molto precario e tutt'altro che garantista, il reato di opinione. Qualsiasi cosa detta potrà facilmente fatta rientrare nelle violazioni sanzionate. Di qualsiasi opinione su qualsiasi argomento inutile nasconderselo.
Potremo andare dal barbiere il, lunedì ma non potremo più criticare apertamente Prodi senza che qualcuno ci possa far finire nei guai rovistando nei commi e nei cavilli a suo piacimento.
Scarthorse

Nessie said...

D'accordo col Sauro sul fatto che si deve pungolare la destra in mille modi affinchè la pianti di considerare l'economicismo, come la principale raison d'etre. c'è a tale proposito oggi su LIbero un bell'articolo di Veneziani, il quale ultimamente ne azzecca parecchie la cui sostanza è : che ce ne facciamo del liberismo delle merci se poi gli uomini e le loro opinioni finiscono in galera?
Massimo, fino a quando ci limitiamo alla blogosfera è chiaro che di passi avanti ne faremo pochini. Il problema dei problemi è proprio una destra che si mobilita poco e che crede di vivere di rendita come è avvenuto nelle ddue pricipali tornate elettorali del '94 e dle 2001.
Scart, a proposito di negazionisti è di oggi la notizia che nel giorno della Shoah, Ahmadinejad ha lanciato fatwa di distruzione totale contro lo stato ebraico. Ma i nostri Falce & Mastella si sono già messi la coscienza in pace con il ddl.

Anonymous said...

Ciao Nessie, l'opposizione è completamente assente su queste questioni gravissime e non se ne avvede, persa com'è nei suoi deliri. Direi che la parte più vitale dell'opposizione è nei blog, non certo in parlamento o nelle istituzioni. Se Prodi aveva perso consensi non è certo dovuto al centro-destra ... E peggio ancora, a livello europeo, non c'è nessun coordinamento o reale opposizione alla tirannide del pensiero unico assoluto (a proposito qualcuno riesce a distinguere il PPE dai PSE ?).
Ah, ultima cosa : dato che l'Unione sta occupando e monopolizzando tutto l'occupabile e dato che si stanno preparando a far la festa definitiva alle TV di Berlusconi di qualsiasi cosa potrà fare il centro destra in futuro non se ne saprà nulla perchè non ci sarà nessuno a raccontarlo al Paese.
Scart

Nessie said...

Scart,
ma io sono contenta della reazione e della vivacità dei blogger su questi temi e non la sottovaluto. E'solo che non basta. Se non c'è una vera forza politica pronta a raccogliere il malcontento, siamo fritti davvero. Il problema poi è l'imposizione dell'Europa e l'omologazione che pretende dai suoi stati-satelliti. Credi forse che Clemente da Ceppaloni se lo sia inventato là per là il dddl? E' chiaro che ci sono delle pressioni da Bruxelles che vanno in questa direzione.

Occidentale said...

Cara Nessie,
questo pomeriggio avevo scritto un post particolarmente ispirato ma indugiando sull'anteprima non riuscii a salvarlo e...come Paganini, non riuscii piu' a replicare, nel senso che mi è passata l'ispirazione...Adesso ho giusto sentito le notizie del telegiornale, che mi hanno spinto a fare questa riflessione:per quanto tu ti prodighi a scrivere un pezzo al giorno, ma che dico, uno ogni ora sulle nefandezze che avvengono di continuo senza che le cosiddette autorità facciano niente per difenderci dalla protervia musulmana, non ce la farai mai a tenere il passo:hanno appena dato la notizia dei ginecologi francese e belgi picchiati e minacciati dai fidanzati e mariti islamici che non sopportano l'idea che un uomo- occidentale oltre tutto - metta le mani addosso alle loro donne, sia pure per curarle o per aiutarle a partorire.A conclusione di questo penoso servizio, invece di intervistare qualche "autorità" governativa, citarono il parere di una donna medico musulmana, la quale asseriva nella sua intervista che l'omosessualità è una malattia...Nessuno credo abbia capito che cosa c'entrasse qeusta affermazione con il resto della notizia.Forse era una maniera indiretta per dire che comunque noi occidentali abbiamo sempre torto?

Nessie said...

Occidentale, ormai è chiaro il trappolone. Si finge di sanzionare il negazionismo della Shoah , perché è un fenomeno ormai lontano nel tempo. In realtà ci vogliono azzittire sulla migrazione selvaggia sempre più pressante alle nostre porte. E farcela accettare con la forza; e non più protestare contro chi ci infligge quotidiani soprusi "a matrice religiosa". Come quello che hai appena descritto, dei ginecologi che si beccano pugni in faccia dai mariti islamici se solo osano far partorire le loro mogli. Ma mi raccomando: hush!

siro said...

Bel tipo, Mastella: fa uscire di galera migliaia di criminali grazie all'indulto, e ora fa approvare un disegno di legge che prefigura il reato d'opinione, come ai bei tempi di nonno Stalin. Ne esce un'immagine dell'Italia che può delinquere e rubare e stuprare e ammazzare, ma rischia di non poter dire - ad esempio - che l'Occidente è superiore all'islam. Basterà che un giudice zelante consideri quest'affermazione un "insulto razziale", ed ecco pronto il carcere. Bravo Clemente, proprio bravo...

Ari said...

Ciao
Fabio , il fatto e' che la gente come lui , non solo scrive i libri di storia da piu' di 60 anni ma ne impongono lo studio come dogma

Monica said...

Come ben sottolinei Nessie, la parola "neagazionismo" non compare mai nel testo Mastella.
Piuttosto è prevista la pena per "atti discriminatori per motivi razziali, etnici, nazionali, religiosi o compiuti a causa del personale orientamento sessuale o dell'identità di genere".

Sarà per questo che la stampa (quella "amica", quella che va per la maggiore) ha sapientemente truccato il Ddl come anti-negazionista ?

Credo che ogni idea vada contrastata e combattuta solo con un’altra idea.
L'Italia possiede già leggi atte a punire che compie atti intimidatori e/o persecutori.
Quindi, che necessità c'era di presentare un simile testo se non per rafforzare la corporazione giudiziaria ed imporre un controllo sulle libere opinioni ?

Hai ragione tu, mia cara: ho voglia anche io di lasciare questa Nazione, non vedo margine di recupero. Anche se il cdx dovesse tornare alla guida del Paese, dovrebbe trascorrere oltre un anno a modificare ciò che di deleterio sta compiendo la sinistra al Governo.
Senza contare gli effetti disastrosi della Finanziaria.

E' tutto molto triste e deprimente...

Un bacio

Nessie said...

Monica, Ari, Siro: come non vedere la sporporzione mastelliana tra il permissivismo etico dell'indulto concesso a fior di delinquentoni e le sanzioni contro il reato d'opinione dello stesso ministro? Siamo in presenza di una sorta di Jekyll e Hyde del Ministero di disGrazia e inGiustizia in salsa democristiana.

Lo PseudoSauro said...

Mica per dire, ma quelli civili c'hanno il Primo Emendamento... noi c'abbiamo Falce e Mastello. :-)

Zamax said...

O.T. Sul video di Françoise Hardy.

La France, je la hais et je l'aime: dans ce cas là, je l'adore! Pourquoi a-t-on peur en France de l'influence de l'anglais? Le français sera toujours la langue de l'amour!
Sourtout quand à murmurer ces paroles d'amour c'est un visage tellement beau e féminin ...

Zamax, in uno stato di alterazione (non fidatevi troppo del mio francese)

Nessie said...

OT graditissimo, Zamax. Il Sauro mi fornisce sempre di ottimi You Tube. La France je la hais et je l'aime, moi aussi. :-)
Che ci azzecca con Mastella? Niente, è questo il bello...Heureusement!

Spinoza said...

La France, je la hais.

javert said...

Come non condivodere questo post.
brava

citazioni da wikipedia said...

L'Islam o è politica o non è nulla [...] la guerra è una benedizione per il mondo e per ogni nazione [...] una religione senza guerra è zoppa [...] Allah ordina agli uomini di condurre una guerra e uccidere [...] i nostri giovani combattenti sanno che l'uccisione degli infedeli è uno dei compiti più nobili che Allah affida all'umanità. [Dopo l'ascesa al potere nel 1979.

khomeini 1979

sarcastycon said...

Oggi Senofonte descriverebbe nella sua Aνάβασις (Anabasi) come esempio di καλοκαγαθία (kalokagathìa) non più il persiano Ciro ma l’italianissimo Mastella, superando così la rigida barriera che separa la cultura dai barbari. Mastella dal punto di vista della sua παιδεία (paideia) nobiliare incarna il paradigma dell’uomo καλός κα’ γαθός.( kalòs kài agathòs).
In effetti rappresenta la misura campione della “trashpolitiK” e di tutti i politicanti italiani.

Nessie said...

Purtroppo dato il clima di confusione assoluta, anche per Mastella non è mai detta l'ultima parola. Anzi, parolaccia. cambiacasacca, trashpolitik, falce e mastello a proposito di quest'ultimo suo provvedimento.
Però sul ddl delle coppie di fatto e dei Pacs, avrebbe ragione lui, e non il duo Bindi-Pollastrini. E' solo che non ha l'autorità per poter impugnare le sue ragioni.In questo caso, per me, condivisibili. Ma solo in quest'ultimissimo caso

Monica said...

Nessie,
puoi risolvermi un dubbio ?

Il fatto che sia d'accordo col Sor Clemente sui Dico è preoccupante ?
Credi debba andare da uno specialista ?

Nessie said...

Ma no, Monica! E' il segno dei tempi confusi che viviamo... Nessuna buona ragione dura più di 24 ore e siamo in pieno relativismo etico. Puoi confutare le tesi di un politico su una questione, e trovarti subito dopo d'accordo su un'altra. Mastella lo metterei al muro per il ddl antinegazionista, ma sui DICO ha ragione lui. Anche se non credo farà cadere il governo per imporla. Ciao!