09 December 2011

Le mani della Finanza sulla casa degli Italiani


Quando in prima serata, martedi 6 dicembre  Mario  Monti è apparso da Vespa per illustrare la fatidica manovra da lui pomposamente definita "salva Italia" (in realtà salva euro), ad un certo punto della conversazione sono sobbalzata sulla sedia. L'argomento erano l'ICI-IMu sulla casa: Monti ha insistito col dire che la casa è privata sì, ma che intorno alla casa si aggirano tutta una serie di infrastrutture e di servizi pubblici. Perciò un governo che chiede delle patrimoniali  sulle abitazioni è legittimato a farlo. D'accordo che il salotto di Vespa è definito la terza camera e che lui non è certo un Cuor di Leone. Ma  è mai possibile che non esista un diavolo di altro giornalista in grado di controbbattere che tutto il “pubblico” di quel che ruota intorno alle case degli italiani, lo paghiamo già profumatamente per mezzo di bollette aggravate di IVA, imposte erariali, addizionali enti locali  e altri numerosi balzelli? Sul gas metano ci sono pesanti aliquote aggiuntive, idem sull’acqua, sull’elettricità, sulla bolletta del telefono, poi non se ne parla. Le bollette sullo smaltimento rifiuti hanno registrato dei vertiginosi rincari regionali fino al 30% in più (è il caso di alcune province liguri: famoso il rincaro di La Spezia a cura dell'azienda di gas e acqua Acam).
A parte il fatto che Enel, aziende metanifere, Telecom (o altra compagnia telefonica come Infostrada o Fastweb), aziende per lo smaltimento rifiuti sono ormai "privatizzate" e  "private", perciò il discorso di Monti non sta in piedi. Inoltre come ha sottolineato anche l'amico Massimo, "la casa non produce alcun reddito. Non ne produce una quando è solo di abitazione, non ne producono due quando una è di abitazione principale e l’altra per le vacanze, non ne producono cento. La casa produce reddito se viene data in locazione, e quel reddito viene (abbondantemente) tassato, tanto da non coprire, spesso, i costi che gravano sulla proprietà".
E allora perché mai Monti,  che è un "animale a sangue freddo" si permette di  fare queste sparate? Ci ho pensato un po’ su ed ecco i miei sospetti : non è che la finanza internazionale si prepara un po’ alla volta ad espropriare le case degli italiani con meschine trovate di lana caprina e che Gold-Monti le stia  tenendo subdolamente il bordone? Insomma, una porcheria, del tipo TUTTO il potere ai SOVIET-BANKSTERS.

Inoltre come giudicare la fretta con cui rialzano di parecchio gli estimi catastali?
In caso di ipoteca, per le banche è  molto meglio mettersi con gli artigli avanti con presunte stime al rialzo.
Non è un mistero poi che le grandi società immobiliari (molte delle quali,  affiliate a gruppi bancari ed assicurativi), di questi tempi fanno affari d'oro con atti di compra-vendita della "nuda proprietà" di molti Italiani (specie pensionati) che non hanno sufficiente redditività per tirare avanti. Un bel bottino su cui incrementare la loro patrimonialità a spese del poveretto bisognoso.
Sarebbe però un errore vedere in tutto ciò l'intrusione di uno stato sgangherato, in via di dissolvimento e di estinzione nonché commissariato da un eurocrate grand commis di Goldman Sachs come Monti che ha fatto guarda caso, proprio l'eurokomiSSar.
Non dimentichiamo che in passato fu proprio  lo stato a fornire agli Italiani che uscivano dalla IIa Guerra Mondiale, la possibilità di accedere all'INA-Casa. Grande promotore dell'iniziativa fu l'allora ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Amintore Fanfani, tanto che, successivamente, il piano nei commenti giornalistici venne spesso denominato "Piano Fanfani". L'intervento gestito dall'INA-Casa voleva favorire, oltre al rilancio dell'attività edilizia, anche l'assorbimento di una considerevole numero di disoccupati e la costruzione di alloggi per le famiglie a basso reddito.

Da allora però, gli Italiani ne hanno fatto dei passi avanti. Hanno lavorato sodo, e si sono costruiti in proprio, con le loro forze una redditività patrimoniale invidiabile, tenuto conto che l'80% è proprietario di immobili. Ma ultimamente c'è qualcosa che non mi quadra: troppi conti nelle tasche nostre. Che dire, ad esempio, della proposta prevista dalla manovra Monti,  di girare all'Erario tutti i nostri estratti conti dei movimenti bancari, a partire dal 1 gennaio 2012?
Troppi conti sui nostri muri : compresa quella rapinosa proposta del duo Monorchio-Aletta di voler emettere un derivato sul 10% delle nostre case, subito rientrata, per fortuna.
E allora cosa pensare?
Che la finanza rapace e predatoria sta facendo pressing,  sta cercando di fare cassa sulla pelle dei popoli e sui loro averi, disgregando e sconquassando le nazioni. Se Homo homini lupus,  non ci  resta che ribellarci strenuamente.




51 comments:

Huxley said...

"Quando i banchieri vennero per la prima volta nella nostra terra, loro avevano la carta colorata e noi l'oro e la terra. Qualche anno dopo,noi avevamo la carta colorata e loro avevano l'oro e la terra"

Guardate questo cartone animato, che spiega le cose in modo comprensibile a tutti.

http://www.youtube.com/watch?v=X3t3mHdKynQ

Basta sostituire Paulson con Geithner.

Aldo said...

E che mi dici del DELINQUENZIALE intervento che vieta la riscossione dello stipendio/pensione superiore ai 500 euro?!? Quelli sono soldi di chi li ha guadagnati, per cui non vedo quale onesta ragione si possa addurre per imporre ai lavoratori/pensionati la tenuta di un costosissimo conto bancario per poter entrare in possesso di quello che è loro dovuto come compenso per il lavoro svolto.

Sottolineo che sono tra coloro che incassano mensilmente il proprio stipendio [1] presso il locale ufficio postale, con la possibilità (non l'obbligo) di girare immediatamente allo sportello parte del corrispettivo in depositi di varia natura. Perché ora si introduce l'obbligo, con le conseguenti spese e seccature? Tirare in ballo la tracciabilità non ha assolutamente senso, perché i soldi erogati dallo Stato tramite gli uffici postali sono abbondantemente registrati al centesimo, e i soldi "girati" alla banca potrei comunque incassarli in blocco seduta stante senza una sola goccia aggiuntiva di possibilità di controllo. Dunque, le ragioni devono essere altre: a parte il conflitto di interessi [2], quale altra ragione inconfessabile riesci a ipotizzare?

[1] peraltro congelato da anni per l'effetto congiunto dei ritardi contrattuali, quindi dei blocchi per legge, quindi del furto dei dovuti avanzamenti sessennali.
[2] il conflitto di interessi, che sembrava dovesse essere così interessante ed urgente negli anni e financo nei mesi scorsi, non è mai stato assente dai commenti giornalistici come in questi giorni

Anonymous said...

Banche, un "boom" che oscura il vertice Ue

http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2011/12/9/FINANZA-Banche-un-boom-che-oscura-il-vertice-Ue/227636/

..un pozzo senza fondo..

m

Massimo said...

Grazie per la citazione. Avevo (e lo lascio) programmato un post per il pomeriggio sula manovra (limitazione contante) ma ogni giorno ne accade una nuova. Così, pur dalla montagna, non ho rinunciato ad esprimere il mio disappunto per l'accordo che all'alba sembra aver venduto a Francia e Germania la Sovranità e l'Indipendenza delle Nazioni e dei Popoli d'europa. Tranne Ungheria e Gran Bretagna. Come sempre gli Inglesi meritano rispetto perchè sanno cosa voglia dire "Sovranità". Scusa l'off topic, ma l'esproprio delle nostre case e dei nostri risparmi che stanno tentando è solo parte di un disegno che ci trasforma in sudditi e servi. Con il nostro stesso consenso !!!

Nessie said...

Huxley,
Paulson, Geithner e ancora prima Alan Greenspan: tutta brutta genìa.
Quando ho un po' più di campo, guarderò il video. Tieni presente che viaggio con una chiavetta, con tutti i limiti del caso. Ora cerco sul web la scena del film "Furore" di J. Ford tratto dal romanzo di Steinbeck, dove i mezzadri e gli agricoltori dell'Oklahoma vennero espropriati dai gorilla inviati apposta dalla banche. Sembra archeologia ma può toccare anche a noi.

Nessie said...

@ Aldo "E che mi dici del DELINQUENZIALE intervento che vieta la riscossione dello stipendio/pensione superiore ai 500 euro?!? Quelli sono soldi di chi li ha guadagnati, per cui non vedo quale onesta ragione si possa addurre per imporre ai lavoratori/pensionati la tenuta di un costosissimo conto bancario per poter entrare in possesso di quello che è loro dovuto come compenso per il lavoro svolto"

L'hai appena scritto DELINQUENZIALE. E io aggiungo: criminale. E' come dire che siamo ostaggio di questi rapinatori.

Sì, ma tu x caso vedi dei cittadini che facciano dei presidi davanti alle banche per testimoniare il loro sdegno e disgusto? Io no. Tuttalpiù c'è il solito inutile corteo dei trombati della Trimurti sindacale. La quale è complice di questo criminoso disegno, tenuto conto che molti sindacalisti sono poi diventati eurodeputati.

Ho già fatto nei post precedenti lo screenig della composizione di questo governo: ognuno dei componenti ha una serie di conflitti (chi proviene da banche d'affari come Goldman, chi da Banca Intesa, chi addirittura dalla Banca Mondiale come la coccodrilla Fornero, chi da università private).
Ma se a buona parte del popolo bue (il 65%) della stampa dei poteri forti, della sinistra va bene così è inutile che ci incazziamo.

Per tutti costoro era importante SOLO il conflitto di interessi televisivo di Berlusconi. Quello bancario e finanziario di un farabutto che non è nemmeno stato eletto, gli va benone. Del resto le hai viste anche tu le scene scomposte di giubilo davanti ai Palazzi della Politica quando il Cav è stato costretto a dimettersi, facendo subentrare un uomo gradito alla finanza internazionale. Che ci vuoi fare?!

Nessie said...

@ Massimo - "Scusa l'off topic, ma l'esproprio delle nostre case e dei nostri risparmi che stanno tentando è solo parte di un disegno che ci trasforma in sudditi e servi. Con il nostro stesso consenso".

Non è OT Massimo. Questo blog è da mo' che si occupa di Ue come la Madre di tutti i mali che stiamo vivendo ogni giorno. Non a caso ci hanno messo tra i piedi proprio un EuroKomiSSar per farci cedere sempre più sovranità e renderci sempre più schiavizzati. La casa, i nostri risparmi, il controllo sulle nostre vite, i nostri acquisti e i nostri gusti.
In questo momento anch'io vorrei essere inglese e abitare su un'isola.

Hesperia said...

Sulla stessa linea di argometi:

http://esperidi.blogspot.com/2011/12/lesproprio-del-pianeta-secondo-j.html

Anonymous said...

Intanto da come si comportano i governanti standard locali ed europei sembrerebbe che invece che i rispettivi popoli abbiano come punto di riferimento gli interessi di combriccole più o meno clandestine e non certo democratiche nè popolari.
Credo che nei piani della nuova Dittatura planetaria rientri la distruzione della classe media. Questi mirano ad avere una sorta immenso proletariato abrutito nello spirito, nella mente e nel corpo docilissimo ai loro comandi e a quelli della piccola elite che farà da kapo' del lager mondiale.
Di conseguenza si capisce perchè vedano come fumo negli occhi e facciano guerra senza quartiere a onesti risparmi e piccolo benessere come quello di una casa di proprietà tipici della classe media lavoratrice.
Colpiscono la virtù mica il vizio o lo spreco o il parassitismo; colpiscono la casa non lo sballo da discoteca che è funzionale alla loro strategia.
Scarth

Nessie said...

Dev'essere questa la scena da Furore. In ogni caso non posso visualizzarla bene per via di questa stramaledetta chiavetta:

http://www.youtube.com/watch?v=EJoKI3M873U

Scarth, hai toccato un tasto assai dolente: delinquenza, droghe, vizi e stravizi d'ogni genere sono funzionali al loro stramaledetto disegno, mentre la famiglia virtuosa principale ente assistenziale ben funzionate (e a zero costi) della società, la patrimonialità immobiliare che si tramanda da padre e madre ai figli, verrà devastata da questi delinquentoni. Ci vogliono nomadi, affamati, privi di radici e di identità. Ma se lo possono scordare, non finiremo barboni come ci vorrebbero.

Josh said...

@Nessie:

"Ci vogliono nomadi, affamati, privi di radici e di identità."

Proprio così. E c'è tutta una "politica"...anche "culturale" a riguardo, a dir poco martellante.

Se ricordi, un paio d'anni fa, quella "cima" di Franceschini predicava la rinuncia alla casa di proprietà per andare in giro per il mondo a cercare lavoro.

E Prodi in persona, nel suo giro di recentissime conferenze, a Bo e mandate in tv sulla sancarlonica LA 7,
ha proposto ai ggggiOvani di andare a cercare lavoro nientepopodimeno che in Africa.

Chissà, magari potremo poi tornare da lì in barcone e forse mendicare anche noi un po' dei diritti sottrattici.

Anonymous said...

Ciao Nessie, con tutta evidenza questa nuova dittatura economica e politica va di pari passo quella del politicamente corretto e del pensiero unico mondiale.
L'unica loro accortezza è imporla gradualmente e lentamente altrimenti si scatenerebbe il finimondo ma il punto di arrivo sembra proprio quello.
Scarth
P.S. infatti si son ben guardati dal colpire parassitismi, comportamenti irresponsabili/antisociali, clientele funzionali e spese (colossali) politicamente corrette.

Nessie said...

"L'unica loro accortezza è imporla gradualmente e lentamente altrimenti si scatenerebbe il finimondo ma il punto di arrivo sembra proprio quello".

Scarth, non la stanno affatto imponendo gradualmente né lentamente, ma al contrario mostrano di avere una fretta indemoniata. Ed è proprio questa frenesia mostrata frammischiata ad arroganza, che mi lascia una residua speranza, sul fatto che possa non andare in porto. Come dice l'adagio: la gatta che andòdi fretta fece i gattini morti.

Nessie said...

Eh certo JOsh, il mondo dev'essere uno solo e gli stranieri non esistono.

L'altro giorno hanno festeggiato sui media la giornata dello straniero con lo slogan "siamo tutti stranieri". Forse volevano sospingerci in Africa e farci rientrare col barcone.

Anonymous said...

Quando una persona ottiene una licenza per costruire una abitazione, paga una gran quantità di soldi al Comune come contropartita agli oneri d'urbanizzazione: allacciamento rete fognaria, acquedotto, luce, ecc.
Quindi le sue argomentazioni sono completamente false e pretestuose ed è vergognoso che nessun giornalista le abbia ribattute. non oso immaginare cosa sarebbe successo se le avesse fatte Berlusconi! L'unico obiettivo di questo bankster e dei suoi mandanti è ridurci in miseria. IMU e rivalutazione degli estimi catastali porteranno al progressivo esproprio di molte case degli italiani. Bisogna rimuovere l'anomalia di una nazione dove l'80% dei suoi abitanti è proprietario della casa in cui vive. Bisogna togliere ogni genere di radice ai cittadini, bisogna renderli docili a spostarsi da un città all'altra e magari anche all'estero. Prepariamoci a vedere sempre più barboni come negli USA.
Infine, oggi il Governatore della Banca d'Italia, ha bocciato, con un linguaggio "sobrio", la manovra: l'ha giudicata recessiva , come avevo scritto anche io in un post pochi giorni fa, senza avere una laurea in Economia. Sono certo domani i quotidiani daranno poco spazio a questo intervento autorevole di vero tecnico, con grossi studi alle spalle, al contrario di Monti. Bisogna continuare a far credere agli italiani che questa manovra è buona, doverosa e senza alternative. Buona notte Italia!!!
Winston.

Anonymous said...

Tempi di saldi al discount Italia?

Dal dopoguerra non era però mai successo che il nostro Paese si trovasse guidato da un “governo d’occupazione” che rispondesse direttamente alle “potenze occupanti” come accade oggi con il cosiddetto governo tecnico imposto dai franco-tedeschi e dalla nomenklatura della Ue e messo insieme dal Quirinale consultandosi anche con la Casa Bianca che ha suggerito i ministri di Esteri e Difesa. Due figure di sicura fede atlantista come l’ambasciatore a Washington Giulio Terzi e il chairman del Comitato Militare della Nato, l’ammiraglio Giampaolo Di Paola.

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=9475

m

Nessie said...

Letto, grazie. C'è solo da incavolarsi a morte e da sentirsi umiliati ed offesi.

Nessie said...

"Bisogna rimuovere l'anomalia di una nazione dove l'80% dei suoi abitanti è proprietario della casa in cui vive. Bisogna togliere ogni genere di radice ai cittadini, bisogna renderli docili a spostarsi da un città all'altra e magari anche all'estero".

Mi fa piacere Winston, che esiste una sensibilità affine, e meglio che niente è sempre preferibile vederla scritta su un blog come questo, anche se dovremmo passare alle vie di fatto.
Questo comunque lo si giri è un governo affamatore di vecchi, espropriatore di case nonché spione e autoritario. Ho letto ieri dell'Orecchino a S-Vendola che ora che hanno deposto il Caimano, il problema n.1 per lui è "deberlusconizzare" la società. Non una parola su questa manovra da affamatori di popolo!
Fino a che avremo gentaglia simile è impossibile che questa povera nazione possa risorgere. Nemmeno a fronte di questa spolizione di massa è possibile avere un briciolo di obbiettività...

Anonymous said...

Volete sapere come se ne esce da una situazione simile? In un unico modo: facendo la radice cubica degli impiegati statali e chiarendo bene a quelli rimasti che il loro è un serizio e non un posto di lavoro. Quindi gli orari eevono essere da servizio: aperti quando gli altri non lavorano. Naturalmente agli sforbiciati andrebbe fatto osservare che finora hanno goduto di privilegi che altri hanno pagato; ora è il momento di cavarsela da soli. In un attimo avremmo alleggerito lo stato di tutti gli oneri parassitari che cia hanno progressibvamente portato a questa situazione. Torme di impiegfati comunali, di forestali, di falsi invalidi, statali in sovrannumero, divoratori di redditi altrui, socialisti con soldi altrui avrebbero finalmente vita un po' più difficile, o quantomeno meno garantita a spese altrui. Il vero scandalo è che ci sia gente messa sul mercato ed asposta alla concorrenza e altri che invece la concorrenza l'hannosolo sentita nominare sui giornali, fidando in uno stato come ammorizzatore sociale.

Marfisa said...

Scusate, non c'entra molto con l'argomento della discussione, o forse sì: spulciando gli archivi del Corriere mentre cercavo un'altra cosa, mi è capitato questo articolo. Il mio commento è: "Era già tutto previsto". http://archiviostorico.corriere.it/1998/maggio/08/MONTI_europeo_che_sfido_Italia_co_0_9805088694.shtml

Anonymous said...

Nessie, ora che siamo diventati – per decreto – più ricchi del 60%, saremo anche più tartassabili...

Fin dall’inizio di questa porca storia convenimmo che l’obiettivo di l’or signori non è il fallimento dell’Italia. Sono criminali, ma non stupidi, e sanno benissimo che se affondiamo noi ce li tiriamo dietro tutti. Ciò che vogliono sono le nostre ingenti ricchezze, pubbliche e private.
Queste ultime sono costituite dai risparmi familiari e dal patrimonio immobiliare. Ai primi daremo fondo per pagare le stangate e sopravvivere nella recessione prossima ventura (studiata a tavolino); il secondo ce lo giocheremo quando – rimasti sul lastrico – saremo costretti ad impegnarci anche le case.
Chi pensa che questa “manovra” (la terza in sei mesi) sia risolutiva è un ingenuo; così come, caro Scarth, chi crede che ci riserveranno l’«accortezza» di somministraci «gradualmente e lentamente» certe medicine.
Al contrario, hanno una fretta dannata: devono chiudere le “pratiche” prima che l’intero castello gli rovini addosso. Per questo hanno gettato la maschera e deciso di amministrare in prima persona, non fidandosi più dei politici che, sebbene “l’oro” camerieri, devono pur sempre passare al vaglio delle elezioni.
Ieri Mont-sferatu lo ha detto chiaro: lui non deve rispondere agli elettori (infatti, i suoi danti causa sono ben altri). Dunque procederà spedito come un treno, spalleggiato dallo zombie del Quirinale.

Se c’è una cosa che va riconosciuta al Sanguisuga trilaterale è il suo parlar chiaro: non si nasconde dietro un dito. Certo della sua impunità, non ne avverte neppure il bisogno. Chi ha orecchie per intendere capisce benissimo le sue intenzioni.
Su questo Blog abbiamo già potuto “ammirare” un video dove confessava pubblicamente i suoi futuri delitti. Ieri, dall’Ue, ci ha fatto anche sapere che a lui del popolo italiano non frega una mazza. La prima cosa è il rafforzamento e la stabilità dell’Euro, costi quel che costi. E ci ha impegnati a finanziare per la nostra quota parte (la terza in ordine di grandezza) un aumento di 400 miliardi del cosiddetto “fondo salva Stati”, che è improvvisamente diventato meritevole di essere ampliato (prima non lo era) da quando è anche “fondo salva banche”. Mettendoci così nella posizione surreale delle vittime che si dissanguano per foraggiare i loro carnefici.
E tutto questo tra gli applausi della più inutile, costosa, numerosa e dannosa classe politica del mondo.

Ormai siamo al punto da dover ascoltare da Nigel Farage le parole che vorremmo sentire dai nostri politicanti, o di leggere sulla stampa britannica quelle che i nostri pennivendoli si guardano bene dallo scrivere.

A completare il quadro questa bella notizia:

http://www.liberoquotidiano.it/news/887958/Prodi-complotta-con-i-cinesi--Ecco-come-declassa-l-Italia.html

Anche la Cina ha la sua brava agenzia di rating (chi ha scritto che il capitalcomunismo non esiste?), la quale fa quel che fanno le omologhe associazioni di biscazzieri della finanza: specula. A danno dell’Italia. Avendo tra i suoi consiglieri Romano Prodi (che sia maledetto!).
(no caste)

PS:
Altra grande notizia.
La Ilare Clinton, dopo aver deciso che le elezioni russe erano truccate ha scelto il colore della prossima “rivoluzione spontanea”: il bianco. La sede, manco a dirlo, è Mosca.
L’Ochetta Giuliva e il Pavone Brustolito hanno deciso di giocare pesante. Ma stavolta potrebbero rimetterci le penne...

Nessie said...

Anonimo, mettiti una firmettina, chessò, un nick. Sono parzialmente d'accordo col tuo intervento e con la cura, ma non confondiamo l'Italia del periodo in cui il debito era sovrano e si batteva moneta in proprio, dal periodo (dal 1995 in poi, con Ciampi) in cui il debito è stato messo all'asta come una merce qualsiasi e oltre il 45% dello stesso è in mano agli investitori stranieri. Ovvero a creditori, buona parte dei quali - guarda caso - sono banche.
Allo stato attuale, la tua "cura" servirebbe a ben poco.

Nessie said...

Marfisa, il tuo link non mi si apre.

No caste, hai concentrato in un solo intervento molto chiaro una serie di temi che mi richiedono un lenzuolone di risposta. Intanto sono d'accordissimo con la fretta indiavolata con cui agiscono questi figli di buona donna. Hanno un'agenda e delle direttive di marcia speditissime e avanzano con la velocità della luce (già l'ho scritto a Scarth). Non so se hai sentito che il Meccanismo di Stabilità Europea (il MES) su cui ho fatto già un post sopra, andrà avanti senza il consenso della G.B. Ora tutti apprezzano il muso duro fatto da Cameron che difende la sovranità del suo stato (e intendiamoci, da parte sua fa pure bene). Ma sono in pochi a ricordare che la GB è azionista della BCE. Ergo si fa presto a far valere la propria sovranità e indipendenza, quando si hanno le mani in pasta come solo gli Inglesi sanno averle. (continua)

Nessie said...

Viceversa noi mazziati e cornuti abbiamo sempre avuto una dirigenza OTTUSAMENTE europeista. E come hai appena scritto, ci ritroviamo "nella posizione surreale delle vittime che si dissanguano per foraggiare i loro carnefici". E tutto questo, non solo mentre la claque politica di tutte le tendenze (a parte la Lega) applaude a Mont-sferatu, ma secondo i sondaggisti pare che dopo la manovra affama-popolo, depreda-vecchi e spia e blinda conti-correnti, gli Italiani abbiano espresso per il 65% fiducia "preventiva" a questo razziatore. Metti pure che i media e i sondaggi non siano così attendibili e che invece del 65% fossero al 50% (un po' di tara ci vuole) è sempre una percentuale elevatissima e preoccupante.

Sul Mortadella in salsa verde di cavallette cinesi, non so che dire e sconsolata allargo le braccia. Che ci vogliamo aspettare da un Goldman-servant? Chi ha già svenduto l'Italia una volta, soffre come minimo di coazione a ripetere.

Aldo said...

Di vedere anche su questo blog commentatori che pensano di poter conservare i servizi resi alla collettività liberandosi dei lavoratori (sì, lavoratori) del pubblico impiego e/o taglieggiandoli proprio non me l'aspettavo. Nessie, almeno ci sarebbe stata bene una critica da parte tua a quelle parole. Certo è che non mi metto ad argomentare per smontare quelle affermazioni tanto vacue ed infondate. Non ne vale la pena, anche perché di solito chi le fa parla per partito preso (ovvero per pregiudizio) e ha già chiuso preliminarmente ogni canale di comunicazione.

Aldo said...

Comunque sia... questa mattina ho indagato. Non c'è niente di certo, ma pare che la riscossione delle paghe possa continuare ad avvenire senza un conto corrente. Altrettanto, non ci sarà un tetto ai prelievi, essendo che il tetto riguarda unicamente le transazioni tra soggetti non certificati. Una riscossione non è una transazione, e comunque le poste sono un soggetto certificato che garantisce in sè la tracciabilità delle somme erogate.

Rimane l'iniquità di un provvedimento che non risolve nessuno dei problemi che secondo le dichiarazioni d'intenti dovrebbe risolvere e che rischia di generare un sacco di grattacapi, spese e contenziosi. Ma, si sa, quando il legislatore è in palese conflitto di interessi fa questo e altro.

Aldo said...

Giusto per dare un bello scrollone al tuo tasso d'acidità gastrica, aggiungo questo collegamento circa il taglio ai vitalizi e alle indennità dei parlamentari. Qualcuno pensava che sarebbe andata diversamente? Certo è che in questo modo istigano le reazioni scomposte di qualche esagitato. Vien da chiedersi se non ci sia sotto un calcolo, per creare dei precedenti tali da offrire il pretesto per ulteriori provvedimenti liberticidi "per la nostra sicurezza".

Nessie said...

Aldo, si vede che non sei mai stato a Montecitorio come ci sono stata io. O alla Farnesina come ci sono stata io. O presso altro ufficio pubblico sul tipo Uffici Finanziari o uffici legati al Tribunale. Se permetti, c'è dipendente pubblico e dipendente pubblico. Poi noto che a parte la difesa d'ufficio della categoria (che è anche la mia, guarda caso, visto che sono stata insegnante), non sei nemmeno voluto entrare nel discorso "debito sovrano" o "debito nelle mani degli investitori stranieri" e mostri di non aver nemmeno capito il mio discorso che le razionalizzazioni della funzione pubblica (che in Italia, ammetterai che è pletorica) si fanno in sede nazionale e non sotto dettatura dei "creditori stranieri" . O tanto meno dei "governi tecnici".

Nessie said...

Questo ovviamente non vuol dire né taglieggiare né licenziare, ma razioanlizzare questo sì.

Perché se vado in un ufficio pubblico postale e vedo che ci sono 6 sportelli di cui 2 o 3 aperti e in sovraffollamento mentre gli altri tre impiegati si grattano le palle e ti chiudono lo sportello in faccia, è evidente che creano un disservizio. Ti posso assicurare che scene del genere le vivo quasi ogni giorno sulla mia pelle. Scusa ma certe forme di orgoglio ferito, non le capisco proprio: riservale per qualcosa di più alto!

Aldo said...

"L'orgoglio ferito" posso riservarlo, tanto per dire, alla riduzione del potere d'acquisto del mio stipendio del 42% che subirò (se le cose non peggiorano ulteriormente) entro i prossimi tre anni. E posso affermare senza tema di smentite che non solo lavoro, ma lavoro pure con coscienza ed impegno, svolgendo mansioni di grande responsabilità e molto usuranti dal punto di vista dell'equilibrio nervoso. Se poi ci sono degli imboscati con attitudini parassitarie (e sicuramente ce ne sono nel pubblico come nel privato) sarebbe ora di cominciare a fare nomi e cognomi e di smetterla di ragionare per categorie.

Sulla questione del debito sai già che condivido molti dei tuoi punti di vista (il "molti" è precauzionale, per non dire "tutti"). Ma ci sono tanti modi per ridurre le spese, anzi gli sprechi, dello Stato senza per questo mazzuolare chi è né più né meno che un lavoratore come tutti gli altri. Tra l'altro, nella sede postale che frequento non c'è mai nessuno che ciondola. Mai. E lo spazio adibito ad ufficio è dietro un vetro, interamente a vista.

Dammi retta, lasciamo perdere questi "scontri" tra sfigati, e cerchiamo di scoraggiarli. O finiamo per fare come i noti capponi di Renzo.

Johnny88 said...

Io ho avuto alcune esperienze come lavoratore pubblico, mi capitò di fare l'impiegato pubblico al comune di Padova, settore musei e biblioteche durante l'estate alle superiori. Personalmente mi son quasi vergognato di ricevere uno stipendio perché avevo poco o nulla da fare. In quell'ufficio buona parte degli impiegati era lì a scaldare la sedia, su 15 impiegati erano 3 o 4 a lavorare, sui dirigenti stendiamo un velo pietoso eran sempre in riunione ed irreperibili. Inoltre nessuno era in grado di parlare lingue straniere, tranne me e la mia compagna di classe che era con me a fare lo stage. In un ufficio che aveva ovvi rapporti con turisti non v'era nemmeno un dizionario di lingue straniere che fosse inglese, francese o tedesco. Per dirne una di clamorosa, un giorno mi dicono di rispondere a una mail di una studentessa svizzera che chiedeva informazioni sulla cappella degli Scrovegni. Questa studentessa aveva inviato la mail a giugno e aveva la discussione della sua tesi a settembre, il compito di risponderle me l'hanno affidato ad agosto. Immagino che la ragazza leggendo la risposta con due mesi di ritardo come minimo mi abbia mandato a quel paese. Ora, se questo accade nell'efficiente e nordica Padova, non oso immaginare cosa accada da Roma in giù. Perché va bene, dagli agli speculatori cattivi, dagli all'Europa e ai tedeschi, ai banchieri e alle agenzie di rating però c'è da dire che non siamo degli innocentini, chiunque ha avuto esperienze con il settore pubblico conosce quanto questo sia spesso parassitario. Chiunque abbia provato ad aprire un negozio o un'azienda sa bene quanto lo stato italiano faccia letteralmente di tutto per metterti i bastoni tra le ruote. Io penso che prima ci liberiamo dell'Euro e dell'UE e meglio è, però dopo ci saranno da fare dei discorsi molto seri su certi dossier troppo a lungo tralasciati come spesa pubblica; mercato del lavoro; giustizia; libertà d'impresa; sistema pensionistico etc. etc. Perché di speculatori, banchieri, euroburosauri assortiti, agenzie di rating e compagnia sono il primo a dire peste e corna, però certe cose è il caso di cambiarle sul serio e non è con il vittimismo da Paperino che evitiamo di ripiombare nel tunnel.

Nessie said...

Aldo,
scusa se sono sembrata aspra. Faccio un OT sui dipendenti pubblici che non c'entra nulla col tema del post in oggetto. Un docente non è un semplice "dipendente pubblico" alla stregua di Poste, ferrovie ecc. E' questa la truffa che hanno perpetrato i sindacati in tutti questi anni, presso la categoria: quella di aver trasformato un "professionista del sapere" in un "dipendente pubblico". Lo stipendio è vero, lo si percepisce dallo stato, ma chi insegna non è un banale impiegato pubblico che mette timbri sulle ricevute. Deve documentarsi, leggere, istruirsi, trasmettere sapere. E tutto ciò ha a che fare con il proprio profilo professionale. Mettere tutto nel calderone del "comparto pubblico impiego" (come si dice nel pessimo e criminale sindacalese) è stato un errore gravissimo. Fine dell'OT.

Nessie said...

Aldo, Giò88, ne avrei di esempi poco virtuosi da raccontare in tutti gli anni che ho insegnato. Avevo una collega (non ridete) che mollava la classe, lasciandola incustodita per andare a casa sua a fare la pasta all'uovo. Cosa encomiabile per i suoi familiari,certo, ma la sottoscritta si doveva dividere fra la propria classe e quella accanto dove i ragazzini facevano un baccano infernale. Ovviamente la collega in oggetto proveniva dal profondo Sud e io, in pratica, dovevo fare anche il doppio lavoro per lei.

Ma come ho detto, quando sarà passata questa notte terribile, e semmai ne verremo fuori, dovremo noi stessi, provvedere a riorganizzare il nostro Paese su migliori basi.
Ma dovremo farlo noi, e guai a chi lo farà al posto nostro.

Nessie said...

Torno alla manovra del governo bancario MOnti-Passera.
Mi fa piacere che puoi ritirare lo stipendio senza doverti fare PER FORZA e con la FORZA il conto corrente, Aldo.

Spero però che i vecchi che percepiscono una "minima" sociale, non siano costretti a doversi fare il conto-corrente (sebbene a zero costi) poiché comunque la si giri e rigiri è un SOPRUSO!
Ma ritengo essere anche un sopruso affermazioni sociologiche spicce che questi massoni del Piffero hanno fatto su una comunità che dopo una certa età viene considerata inservibile ai fini del progresso e che in caso di malattia grave, verrà incoraggiato il "beverone letale". Quando su questo blog si parlava di eutanasia di massa, come mezzo per sostituirci, non scherzavo affatto. Ci sono documenti specifici di questi massonacci che lo affermano.

Nessie said...

PS: Ho letto il link sulla casta che si ribella ai tagli: CI AVREI GIURATO CHE ERA PIù FACILE FARE IL SALASSO A NOI POVERI SOLITI SFIGATI!

Marfisa said...

Scusa, Nessie, devo aver sbagliato il copia incolla del link. Riprovo: http://archiviostorico.corriere.it/1998/maggio/08/MONTI_europeo_che_sfido_Italia_co_0_9805088694.shtml

In questa intervista Monti anticipa il suo piano per l'Italia: era il 1998.

Marfisa said...

Non ne vuole proprio sapere di uscire fuori questo link... comunque, dopo le cifre c'è un .shtml
http://archiviostorico.corriere.it/1998/maggio/08/MONTI_europeo_che_sfido_Italia_co_0_9805088694.shtml

Anonymous said...

Un po' di cose in ordine sparso.
Ho interpretato male o la rivalutazione delgli immobili delle banche è solo del 20% mentre quella di tutti gli altri è del 60%?
Sulla Russia mi pare cerchino di usare il solito sistema della rivoluzione spontanea per far fuori un esponente politico potenzialmente non funzionale ai disegni.
La PA è di certo un problema serio per questo Paese, un discorso da trattare a parte; una cosa sola in breve tra le tante: al suo interno non distingue assolutamente tra brave persone oneste e preparate e farabutti infernali per cui è meglio non accomunare tutti in una unica categoria. In ogni caso questo grande problema italiano è oramai nettamente sovrastato dalla grande strategia palnetaria che Lorsignori si stanno imponendo.
Poi intendevo dire che di certo la suddetta strategia ha subito una impressionante accellerazione nell'ultimo anno ma che non ci possono impoverire/rapinare in un colpo solo altrimenti decine di milioni di persone scenderebbero in piazza con i forconi e loro perderebbero il controllo: ci devono cucinare e spiumare gradualmente.
La cosa che però mi preoccupa di più è che nonostante le mostruosità e violazioni che stiamo subendo a livello politico non si formi una opposizione decente a quasto scempio.
A proposito il fu-ex PDL e con esso i suoi deputati/senatori è FINITO per i secoli futuri.
Scarth

Nessie said...

Sono entrambi FINITI per i secoli futuri, Scarth: il PD senza L e il PD con L. La gente oso sperare non si sia bevuta così tanto il cervello al punto da non capire che questi spregevoli camerieri della finanza non hanno osato porre la benché minima resistenza al golpe tecnofinanziario ordito da Bella Napoli per dare il lasciapassare al GoldMonti.

Per ciò che concerne la Russia stiamo assistendo all'ennesima rivoluzione colorata made in Usa e vale la pena di sottolineare come il movimentismo "indignato" e twitterante sempre manipolato da l'Oro.

Nessie said...

"e vale la pena di sottolineare come il movimentismo "indignato" e twitterante sempre manipolato da l'Oro".

Ho dimenticato il verbo: "sia sempre manipolato"

Anonymous said...

e' inutile girarci intorno siamo sulla via del macello e abbiamo ormai poche risorse. Ma in quel poco una cosa va fatta di corsa liquidare ( e sottolinineo LIQUIDARE) tutte quelle struttura di "rappresentanza" ( partiti sindacati, chiese, ong ..ect.. ect) che si sono rivelati i nostri kapo'.

E' una lotta per la vita e dobbiamo ragionare da animali braccati quali ormai siamo, ricordandoci sempre che se non si puo' arrivare ai " cacciatori" almeno ammazziamogli i "cani".
ws

non + leghista, non + niente... said...

Nessie, solo una domanda: ma la 'cara'collega che andava a casa mollando la classe non la potevi segnalare o denunciare? Possibile che il preside o dirigente scolastico nulla sapesse o, peggio, la coprisse?? Cos'avranno mai imparato i suoi alunni, ahimè...
O forse temevi ritorsioni? Non so come fosse il tuo ambiente scolastico, ma mi auguro non sia stato tutto colonizzato da gente del sud con il suo modo di fare 'mafioso'...
Commento dopo un sacco di tempo in cui è successo di tutto, ma volevo dire la mia su questo fatto perchè anch'io ho avuto a che fare con la scuola per lavoro.

Josh said...

@Nessie, dici:

"La gente oso sperare non si sia bevuta così tanto il cervello al punto da non capire che questi spregevoli camerieri della finanza non hanno osato porre la benché minima resistenza al golpe tecnofinanziario ordito da Bella Napoli per dare il lasciapassare al GoldMonti."

EH No, no, la gente è proprio scema.

Anche oggi, non richiesti, mi hanno "spiegato" in tanti (vicini, colleghi durante la settimana, e vari) che quanto sta accadendo ora con Monti, la manovra,
è colpa di Berlusconi,
e un domani le intenzioni di voto da queste parti sono in massa per il PD,
con D'Alema che campeggia oggi sull'Unità a ragliare "CI VUOLE PIu' EUROOOOOPA!!!"

Mi hanno anche detto "vado a vuotare il berlusconi" stamattina presto, nel senso di "vado a vuotare il pattume".

Quindi questa manovra, per la gente, nei tratti 'sbagliati' è di Berlusconi, ma è anche giusta e quelli sono i tratti di MOnti, ma Bersani domani ci salverà con i 'progressisti' europei.

Visto che questa stronzata sono settimane che qui o là me la ripetono, con minime sfumature,
questo paese di lobotomizzati ignoranti fuori dalla realtà si merita in pieno TUTTO il peggio e anche di più, e io glielo auguro pure.

Pazienza per noi. Ma se a questi anche gli espropriano casa e il letto, per me fanno bene, non meritano altro.

Ho sempre detestato la stupidità, tanto più questa, ossessiva, ottusa, arrogante e che si vuole imporre sugli altri. Oggi un'altra manifestazione delle donne antiberlusca di "se non ora quando".

Ma come sai vivo in una città che è la FOGNA e la TOMBA del pensiero.

Questo non cambia la riflessione su un'Italia che è comunque non solo fortemente divisa prima sx-dx, ma sempre tendente agli errori di sx, e oggi pro banche e potentati massonici esteri e mondialisti,
ma è anche una riflessione su un'Italia inesistente, altro che 150 anni:
inesistente non solo per le cessioni di sovranità all'EU, ma mai come in queste settimane mi rendo conto manca una coesione tra italiani sotto ogni aspetto, anche quando si tratterebbe di salvare casa e 2 risparmi: quando la cosa dà noia, "è colpa di Berlusconi", ma se l'esproprio appena si capisce è voluto da Monti e BCE, allora va bene, è un esproprio per la crescita.
Perchè, come secondo le direttive di Monti e Napolitano "L'Euro e l'Europa NON possono essere messi in discussione".

Se l'Italia è questa, ed è questa, della sinistra idiota e finta, che riemerge in ogni istituzione, angolo di starda, associazione, iniziativa,
io non sono neanche più italiano, non mi interessa farne parte.

Tartasseranno anche me, certo, ma questo posto malsano non solo merita i massoni, ma merita di essere devastato dagli UFO e RASO AL SUOLO, e anche in quel caso ci saranno 4/5 del paese che si metteranno felici a pecora all'uopo.

Non mi tirerò più su le maniche come ora per questa gente, che vada in malora.
Guarderò solo a salvare il mio, peraltro esiguo, particulare,
e a chiudere bene la porta di casa lasciando questo mondo di posseduti tutti fuori,
perchè a stare con gli idioti è come pestare acqua in un mortaio.

Nessie said...

Ws i "cani" stracampano dal dopoguerra a oggi e sono quelli che allo stato attuale si nascondono dietro alle rassicuranti grisagli dei banchieri, si commuovono per le lacrime della Fornero e fanno cortei di protesta quando ormai non c'è più niente da fare. O nel migliore dei casi, manifestazioni di "donne" che si incavolano perché "disoccupate" ("Se non ora quando?") come se la disoccupazione fosse una prerogativa esclusivamente femminile. Ma le vivandiere della chiesa rossa de sinistra, avevano già in agenda contro il priapo Berlusconi, detta manifestazione. E ora che non c'è più biosgnava ben inventarsi un altro pretesto.

Nessie said...

Non leghista, vedo che gira e rigira ti interessano sempre argomenti... "leghisti". Certo che riferivo ai superiori, ma per tutta risposta mi sentivo rispondere che la collega lavativa non poteva essere licenziabile e che per il "bene comune della scuola" dovevo cercare di essere io a riempire le falle. In altre parole, chi fa bene il proprio dovere, doveva accollarsi anche gli oneri altrui. Ti dice niente questo canovaccio? Già visto. Meno male che ora sono in pensione, perché c'era ogni volta da farsi un fegato grosso così...
La "meridionalizzazione" della funzione pubblica è un altro grosso problema di quelli insormontabili. Ma oggi, come ripeto, ne abbiamo talmente tanti altri elevati al quadrato, che questo passa in secondo piano.

Nessie said...

Josh, purtroppo il poolino minuto ragiona per stereotipi e ha sempre bisogno di inventarsi un capro espiatorio.
Poi comunque parlo sempre di quei cagnacci di cui ho già detto nella risposta a ws. Dal dopoguerra a oggi c'è chi si è fatto premura di istruire le masse a ragionare secondo stereotipie ideologiche demenziali. E tu nel capoluogo rosso ne sai qualcosa.

Abest said...

Vedi Aldo, ho le mie buone ragioni per scrivere ciò che ho scritto.Un piccolo esempio: comune di 2500 abitanti nel bresciano. 1974, 7 dipendenti e tutto da fare: asfaltatura strade, illumianzione pubblica, acquedotto, fogne, gasdotto. 2010: circa 2800 abitanti, 16.5 impiegati (0.5 in quanto uno dei vigili è a metà con il comune vicino). Solo che: al gasdotto, all'acquedotto ed alle fogne ci pensa A2A, alle strade la Provincia. E nel 1974 c'era solo il telefono. Per gli avvisi il ciclostile. Ora, 2010, c'è internet, ci sono elaboratori da Gigaflops e le incombenze sono pure diminuite. Nel comune, l'impresa più grossa 9 volte su 10 è il comune stesso. Non oso immaginare cosa succeda ad altre latitudini. Ed è tutta gente che paghiamo NOI. Non oso immaginare cosa succeda in altri settori: tribunali (quando alle 11 ti dicono "ora è tardi"), sanità (per esperienza ci sono almeno il doppio delle persone che servono e la metà delle persone quando servono), scuola (3 maestri per le elementari????) etc. etc. La mia soluzione agirebbe una volta tanto sui costi e non sulle entrate. Ossia, pagano per una volta i veri privilegiati. Cioè coloro assunti "per beneficenza" confidando nello stato come serbatioi illimitato di soldi. Chiariamo aNCHE una cosa. La costituzione dice che il cittadino è chiamato alla contribuzione in ragione delle proprie possibilità, non che lo stato deve fare redistribuzione della ricchezza. anche perchè, vedrete: vi riscoprirete tutti ricchi. Come fu con Prodi.

non + leghista, non + niente... said...

Nessie, non che non m'interessi tutto il resto, ci mancherebbe, ma quest'argomento mi stava a cuore perchè nella scuola ci ho lavorato per un breve periodo, ne ho viste anch'io ma non come quella che hai raccontato che mi pare allucinante possa accadere in una scuola del nord (è così? O hai lavorato in meridione?). Almeno tu alla pensione ci sei arrivata, noi invece chissà, con questi chiari di luna...

Nessie said...

Abest, suppongo che tu sia l'anonimo a cui ho esortato la firmettina. In attesa che ti risponda Aldo, faccio questo OT: mi sono trovata in una classe di 8 bambini di 5a elementare che dovevano fare gli esami e noi eravamo in 5 insegnanti esaminatori. Io delle cinque, ero l'insegnante "prevalente" ovvero quella di Italiano. Indignata, ho fatto la fotografia e l'ho inviata all'allora ministro Rosa Russo Jervolino. Lettera morta, ovviamente. Ho detto tutto. Dagli stipendifici superflui siamo poi arrivati alle brusche restrizioni. Non bisogna dare ai nostri detrattori il pretesto per aggredirci e dire che l'Italia è il paese del Bengodi e degli sprechi. E come ho detto prima le "razionalizzazioni" della spesa pubblica dovevamo farle noi, cum grano salis. Ma molto tempo prima del diluvio. Ora invece per colpa di qualcuno i "tecnici" ci tagliano anche le palle. E questo non mi va.

Nessie said...

Scuola del profondo Nord, caro Non leghista (ma sotto sotto lo sei ancora :-). Ma come tu saprai, su al Nord abbiamo ricevuto una potente colonizzazione e invasione dal...ehm...Regno delle due Sicilie, all'interno della funzione pubblica. Andare al Provveditorato studi a informarsi o a ottenere giustizia, poi, era una vera total immersion nelle suddetto regno :-)

Nessie said...

PS: Adesso però questo discorso desidero chiuderlo quanto prima perché non voglio tirare la volata a GoldMonti e a quello che sta facendo. Stasera leggo che quegli imbecilli di nostri parlamentari si stanno mettendo alla testa di una protesta senza precedenti per mantenere intatti i loro privilegi. Con questi comportamenti riusciranno a dirottare la giusta rabbia della gente dal governo infame e non eletto, ai "castaroli" che sono, facendo un gran regalo Mont-sferatu, principe delle Tenebre.
Quando si dice , l'idiozia e la disonestà!