03 October 2010

Zapatero e i 7 nani

Chi ha detto che il marxismo era morto e che saremmo passati tutti quanti a miglior vita? Nell'al di qua, evidentemente. Le cose sembrano invece molto più complicate, dalla Caduta del Muro in poi. Dall'Onu ci impongono il dogma dei diritti universali dell'uomo (e della donna, of course). E in quel che resta degli stati-nazione si lavora alacremente allo spezzatino famiglia-società. Ricordate i famosi documenti di Zapatero con la carta di identità con genitore A e genitore B per non discriminare gli omosessuali? E che dire della liberalizzazione della fecondazione artificiale, l'estensione dei "diritti umani" alle "grandi scimmie", l'asportazione dei crocifissi nelle scuole? Ora  è la volta della guerra alle favole e ai ruoli "sessuali" e "sessisti" che veicolerebbero  nei loro contenuti. Leggere tutto qui: 
Biancaneve? E' una pasticciona che mangia la mela, si avvelena e che ha bisogno del Principe Azzurro per svegliarsi dal lungo sonno della morte apparente. La Bella Addormentata? Idem. Dorme sprofondata in un lungo sonno, in attesa del principe che la salvi con un bacio e la sposi. Cenerentola? Invece di far carriera in proprio, fa la servetta per la matrigna e le sorellastre e sogna il solito principe che la salvi dalla vita negletta e miserevole in cui le circostanze l'hanno sprofondata..
Cappuccetto rosso? Cade sbadatamente nelle grinfie del lupo cattivo, viene divorata e ovviamente attende anche lei che un deus ex machina (un cacciatore) la faccia resuscitare come Lazzaro,
"Fiabe come quelle di Charles Perrault sono di solito piene di stereotipi. E quasi tutte collocano le donne e le bambine in una situazione passiva, in cui il protagonista, generalmente maschile, deve realizzare diverse imprese per salvarle", spiega Laura Seara, direttrice dell'ente ministeriale Istituto della Donna". Siamo dunque all'orwelliano ministero dell'Uguaglianza fra i sessi che ha pubblicato e diffuso tra i docenti l'opuscolo Educando nell'Uguaglianza, e mette sul banco degli imputati le fanciulle in attesa del Principe Azzurro.
Povero Zapatero alle prese con l'impresa impossibile di educare l'umanità al dogma assoluto dell'UGUAGLIANZA dei sessi e dei ruoli sessuali intercambiabili. Per chi non lo sapesse nemmeno in natura gli insetti sono uguali tra di loro. Tant'è vero che ci si riempie la bocca del concetto di "biodiversità". Pertanto esiste la blatta orientalis, la blatella germanica, la periplaneta americana. Nessuno scarafaggio è uguale all'altro. In compenso sessi diversi e perciò complementari, dovrebbero essere votati all'uguaglianza assoluta. Pertanto Zap comincia a lavorare a partire  dalle fiabe e favole per creare la "donna nuova"  eppoi attraverso questa, la "nuova umanità". Chi ha detto che il marxismo è morto? Poco importa che ci venga da Oriente o da Occidente. Magari dalla stessa California, il regno delle lobby gay da esportare democraticamente per il mondo. L'importante sono i fatti, perfino al di là delle intenzioni e delle post-ideologie.
Californication, the western nightmare.

21 comments:

Giovanni said...

Questa m'era sfuggita! Finisce dritta nel mio prossimo post e nella categoria "neurodeliri politically correct". Qui siamo veramente alle soglie della follia pura.

Nessie said...

Al ridicolo e all'assurdo, non c'è mai fondo, evidentemente. Questa è l'utopia che dal sogno si fa incubo.

Elly said...

No, Giovanni, la follia pura l'ha passata quando ha dato i diritti umani agli scimpanzè. Questo è vero delirio. Ma daltronde, cosa ci si poteva aspettare da mister bean? Ma, quello che mi rende perplessa, è che in spagna stanno di nuovo dominando gli islamici... quindi cosa istituiscono a fare i diritti per "l'uguaglianza" quando gli islamici li aboliranno in pochi secondi grazie alla sharia?


... magari col pensiero sono troppo avanti. >.<

Anonymous said...

Ciao Nessie, queste cose mi sembrano balocchi da salotto danaroso e snob al cospetto del 20% di disoccupazione su cui si attesta la Spagna di Zap, il colossale sciopero generale che si sono appena beccati Zap e i salotti e il declassamento del debito pubblico spagnolo.
Avranno anche creato la donna nuova almovadoriana ma è una disoccupata fuori di testa.
Scarth

Elly said...

Atreyu: Che cos'è questo nulla?
G'mork: È il vuoto che ci circonda, è la disperazione che distrugge il mondo e io ho fatto in modo di attrarlo.
Atreyu: Ma perché?
G'mork: Perché è più facile dominare chi non crede in niente e questo è il modo più sicuro di conquistare il potere.

[Dal film La storia infinita]

Nessie said...

Fa parte del pacchetto "Uguaglianza", cara Elly. Quando si proclama l'uguaglianza universale c'è sempre qualcuno che pretende di essere più uguale degli altri. E del resto il neurodelirio degli scimpanzé e della guerra alle favole serve proprio a questo: a rincoglionire la popolazione e a renderla supina e prona agli abusi altrui.

Nessie said...

"Avranno anche creato la donna nuova almovadoriana ma è una disoccupata fuori di testa".


Scarth, è proprio il caso di dire "donne sull'orlo di una crisi di nervi" :-)

Massimo said...

Vedrete che simili baggianate troveranno terreno fertile anche in Italia. Se quello è il futuro che ci aspetta, beh sono contento di avere 54 anni, forse io ... speriamo che me la cavo ! ;-)

Nessie said...

"Fiabe come quelle di Charles Perrault sono di solito piene di stereotipi. E quasi tutte collocano le donne e le bambine in una situazione passiva, in cui il protagonista, generalmente maschile, deve realizzare diverse imprese per salvarle", spiega Laura Seara, direttrice dell'ente ministeriale Istituto della Donna".

Questa signora ministra è pure ignorante, perchè Biancaneve è dei fratelli Grimm e non di Perrault.
inoltre queste "baggianate" sono già qui tra di noi perché sono mondialiste e appartengono al "pensiero unico".

Dionisio said...

Il marxismo e il liberalismo, quello assoluto, quello che prevede il dominio del Trust dei trusts (come lo chiamava Bernanos)sono figli dello stesso pensiero deviato, che parte dalla gnosi marcionista che nega il principio di realtà (e che aborre l'uomo "poiché "nasce dal sangue e dagli escrementi"), perfezionatosi via via attraverso le tirannidi che hanno imperversato nei secoli fino a perfezionarsi nell'idra a due teste della modernità: marxismo (ridurre l'uomo all'uguaglianza assoluta); liberalismo: asservire l'uomo al principio del dio mercato. La fusione di entrambi a cui assistiamo oggi porta alla stessa follia che li ha generati: l'avversione verso l uomo e verso la verità naturale.

Angelo D'Amore said...

il marxismo esisetra' ancora.
di certo, il liberismo sfrenato e' un lontano ricordo.

Anonymous said...

Una breve capatina per complimentarmi per il post, Nessie. E per integrarlo con questo commento allo stesso articolo che tu hai linkato.
http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=27270:zapatero-contro-biancaneve&catid=83:free&Itemid=100021

È probabile che il materialismo dell’opulento Occidente riesca laddove sono falliti i metodi di Pol Pot et similia: nel plasmare un’umanità “nuova”, artificiale, totalmente “denaturalizzata” e costituita da individui privati dei loro ricordi ancestrali, oltre che della loro storia e cultura.
Inutile dire a chi potrebbe far comodo un tale “materiale umano”…
(no caste)

Bisquì said...

Si ma il vento sta cambiando ... vedi Olanda, Svezia etc

Sotto le mura di Vienna erano centinaia di migliaia mentre noi poche decine di migliaia.

Noi siamo ancora qui, loro ... nella merda :-)

Nessie said...

Grazie Dionisio, sempre illuminanti e pertinenti, i tuoi interventi.

Angelo, leggi attentamente il commento di Dionisio. Liberismo e marxismo non sono antitetici, ma complementari. Entrambi predicano il materialismo e vorrebbero forgiare l'homo oeconomicus, privo di identità e spiritualità.

Nessie said...

Conosco quel pezzo no caste, grazie.
Non c'è dubbio che con la globalizzazione avremo un liberismo in economia (ovvero nella struttura) e un marxismo nel pensiero e nelle categorie (la sovrastruttura).
Dunque dove non sono riusciti Lenin, Stalin, Mao, Pol pot et similia potrebbero riuscire le élites finanziarie e mondialiste.

Nessie said...

La metafora è chiara caro Bisquì, e speriamo davvero che il vento cambi direzione. Ciao.

Angelo D'Amore said...

prima il mercato scorretto e senza regole della cina, poi la corsa all'indebitamento folle, hanno fatto si che marxismo e liberismo scomparissero.
oggi il materialismo e' assicurarsi un pezzo di pane.
si vive alla giornata, non riuscendo a programmare nulla.
cio' vale per la massaia, per l'imprenditore ma ahime', anche per chi deve programmare per professione.

Nessie said...

Angelo, quasi tutte le economie occidentali si basano sull'indebitamento. Ma ora la Cornucopia dell'abbondanza e il Paese dei Balocchi sono finiti.

"si vive alla giornata, non riuscendo a programmare nulla".

Sì, e per tornare al topic, non saranno certo le fesserie di Zapatero sulle favole "sessiste" a riempire la pancia di chi non ha lavoro.

Angelo D'Amore said...

d'accordissimo nessie, la spagna sta molto peggio di noi, anche se per anni e' stata presa ad esempio, quasi una moda imposta.

Vanda said...

Molti anni fa negli USA mi regalarono questo divertente libro di satira sul "political correct" americano: forse sarebbe il caso di farne recapitare una copia anche a Zapatero!

http://www.goodreads.com/book/show/132380.Politically_Correct_Bedtime_Stories#other_reviews

Nessie said...

Grazie Vanda, sì sarebbe proprio il caso. Lo sai che c'è anche una versione animalista ed emendata correttamente di Cappuccetto Rosso, dove è vietato uccidere il lupo perché ciò scioccherebbe i bambini?