14 October 2018

Silenzio! C'è lo SPREAD!



Siamo arrivati al limite della decenza. Per quanto tempo dobbiamo andare avanti con questa assurda ridicolaggine dello SPREAD? mi spiace che le colpe dei genitori e nonni debbano ricadere sui nipoti, ma nell'incosciente cattiveria priva di ogni autocensura dei bambini dell'asilo che canzonavano col sopranome di SPREAD il nipotino di Monti ai tempi del colpo di stato finanziario degli androidi telecomandati dalla Troika 2011-2012, vi si poteva scorgere una voglia di indiretta vendetta popolare, ancorché traslata. Pensavo che "spread"fosse un termine ormai obsoleto da Grigiocrati d'antan e invece arrieccolo!
 Draghi ci ammonisce in inglese a non abusare di parole in libertà: c'è lo spread. «Una manovra espansiva in un Paese ad alto debito diventa molto più complicata se qualcuno comincia a mettere in questione l’euro», ha ricordato Draghi. Un riferimento esplicito al “piano B” per l’uscita, dalla moneta unica. «Queste parole hanno causato un danno reale e c'è piena evidenza che lo spread si è alzato in relazione a queste affermazioni», ha detto Draghi. (fonte Il Sole)
La Casellati con quelle ariette da sciura Griffée riprende il concetto che le parole sono pietre, specie se poi fanno schizzare lo spread. Perché non pensa a fare la Presidentessa del Senato invece di andare in tournée a esternare col ditino alzato?
Ma la vogliamo finire  o no con questo simulacro e feticcio dell'economicismo finanziario da adorare e indorare? Ils ont endoré l'étron, diceva Céline, in modo irriverente ma efficace. Del resto pure Freud e prima di lui Lutero, hanno paragonato il denaro a materia organica. Questo a casa mia si chiama RICATTO.  E ricatto antidemocratico, per giunta. Ormai in chiesa si suonano chitarre sgangherate da rockettari smandrappati,  ma in compenso,  i nuovi Templi davanti ai quali ci si inginocchia e  prosterna in silenzio reverenziale con timor panico, sono quelli della Finanza. La nuova Trinità si chiama Agenzia di Rating: Moody's, Standard & Poor, Fitch: Uno e Trino, Trino e Uno. 

Curiosamente questo SPREAD (che poi si usa solo per l'Italia) non l'avevano mai tirato fuori quando la sinistra sforava per davvero, e di brutto. Allora ricordate?  lo spread era stato messo opportunamente in naftalina. Ce lo ricorda il senatore Alberto Bagnai della Lega. Ecco il suo impeccabile intervento, nel quale ricorda tutti gli sforamenti fatti prima del governo giallo-verde. Lo sforamento della Francia ("Ma la Francia fa il 3, 4% e lo può fare perché è la Francia", ha detto Juncker-Drunker, che è un po' come dire "Io sono io e voi non siete un...ecc. ecc. " alla Marchese del Grillo).  Ma anche lo sforamento della Germania. Per non dire delle rievocazioni di quando MoscoWC, sforava per conto del governo socialista. 



Ed ecco un altro video imperdibile di quelli che non si vedono né si ascoltano sui canali Rai,Mediaset  o La7, nemmeno per pochi secondi. Ascoltare il professor Paolo Savona che cerca di "umanizzare" l'economia presentando il DEF, dopo anni di copioni horror  dei Prodi, Amato, D'Alema, Bersani, Dini, Berlusconi, Monti, Letta, Renzi, Padoan, Boeri è  un po' come uscire all'aperto e  respirare una boccata d' aria fresca  mattutina in una giornata primaverile. 



Ci voleva forse un ottantaduenne per dare lezioni di umanesimo economico a  questi ciucci e somari della sinistra, a perpetua vocazione  servile? Forse dev'essere per questo che Mattarella non lo voleva al governo.
Un intervento colto, brillante collocato all'interno di un disegno complessivo di politica economica, ma nello stesso tempo anche chiaro, in grado di venire capito dai non "espertoni" di economia. Che poi sono la maggioranza dei semplici cittadini. 

10 October 2018

Non dovrebbero nemmeno fiatare!



L'altra sera accendo la tv e, facendo il solito disperato zapping, inciampo su La 7. E che ti vedo? Un vero capolavoro di pluralismo: Gruber (Bilderberg), Giannini (Repubblica-Rothschild), Sallusti (la voce di Arcore) e in collegamento c'era Mario Monti (Bilderberg, Trilaterale, Goldman Sachs, gruppo Bruegel, Commissario Ue: un curriculum, un programma). 
Sallusti poi si è perfino prostituito al punto da dar ragione a quest'ultimo, pur di dare addosso all'attuale governo. Ma la cosa incredibile è stata l'indiscrezione fatta filtrare dallo stesso Monti circa la telefonata di Soros nel 2011.  Udite udite...
"Soros mi chiamò suggerendomi di chiedere aiuto all'Europa, ma noi volevamo evitare di far entrare la Troika e non seguimmo quel consiglio. Ma Soros era molto preoccupato per situazione italiana". 

Stizzita, cambio canale, ma implacabili, l'indomani i giornali riportano per filo e per segno la dichiarazione tardiva di Monti. 

Povero Soros! Bisogna capirlo: era molto preoccupato per il nostro Paese!  Ma per fortuna che Monti c'è, o meglio c'era. E' un'indiscrezione fatta filtrare per lavarsi la camicia sporca. Talmente sporca che nemmeno la candeggina o l'Omino Bianco, servirebbe a sbiancarla (insieme alla sua animaccia). Voleva far vedere che lui quasi quasi è un "moderato" e che, se non fosse stato per lui,  avremmo perfino potuto incorrere nel peggio. Può sembrare strano, ma nel periodo più tetro della nostra repubblica, il periodo di Equitalia, dei suicidi di massa ad opera di imprenditori, commercianti, operai e  lavoratori senza speranza di trovare uno straccio di lavoro, lui ci fa capire che sì, ci poteva capitare anche di  peggio.

Tanto per non dimenticare 
Perché? Lui, Mario Monti, invece che cos'è se non un androide telecomandato dalla Troika? L'Italia del 2011-2012 aveva due "chance" (si fa per dire): la Troika al governo o un uomo-Troika passa-ordini. Che grandi  possibilità di scelta avevamo, eh? 
Davvero un grande privilegio avere al governo una faccia di bronzo che ci dice: "Bisognava distruggere la domanda interna". Ovvero il nostro mercato nazionale, la nostra manifattura e tutto ciò che è parte integrante di quella che si chiama "economia reale".Cioè quella viva e non di carta straccia virtuale.
Le facce di bronzo non hanno nessun senso del pudore e nemmeno del ridicolo. Pertanto, sentitene un'altra.Giuliano Amato detto l'Amaro Giuliano, colui che ci tolse anzitempo (prima che venisse in auge il BAIL-IN)  il 6 x mille  dai conti correnti e dai libretti di risparmio nel '92 ora si è messo a fare l'Azzeccagarbugli anti-euro. Prelevo da Scenari Economici una lettura detta "utile" (ma che io trovo assai urticante)  questa frase di Amato:

Noi abbiamo fatto una moneta senza Stato, noi abbiamo avuto la faustiana pretesa di riuscire a gestire la moneta senza metterla sotto l’ombrello di un potere caratterizzato da quei metodi e quei modi che sono propri dello Stato e che avevano sempre fatto ritenere che fossero le ragioni della forza, della credibilità che ciascuna moneta ha. Eravamo pazzi?

E ancora: 

Molti economisti, specie americani, ci hanno detto guardate che non ci riuscirete, non vi funzionerà, se vi succede qualche problema che investe anche uno solo dei vostri paesi non avrete gli strumenti centrali che per esempio noi negli Stati Uniti abbiamo che può intervenire il governo centrale, riequilibrare con la finanza nazionale le difficoltà delle finanze locali. La vostra banca centrale se non è una banca centrale di uno Stato non può assolvere alla stessa funzione che assolve una banca centrale di uno Stato che, quando lo Stato lo decide, DIVENTA IL PAGATORE SENZA LIMITI DI ULTIMA ISTANZA. In realtà noi non abbiamo voluto credere a questi argomenti abbiamo avuto fiducia nella nostra capacità di auto coordinarci e abbiamo addirittura stabilito dei vincoli nei nostri trattati che impedissero di aiutare chi era in difficoltà e abbiamo previsto che l’UE non assuma la responsabilità degli impegni degli Stati che la banca centrale non possa comprare direttamente i titoli pubblici dei singoli Stati, che non ci possano essere facilitazioni creditizie o finanziarie per i singoli Stati, insomma moneta unica dell’euro zona ma ciascuno deve essere in grado di provvedere a se stesso. ERA DAVVERO DIFFICILE CHE FUNZIONASSE e ne abbiamo visto tutti i problemi”.

Per chi avesse voglia di deliziarsi c'è pure il video con la viva voce del Topo Malefico che percepisce 27.000 euro mensili di pensione. Ma non voglio torturarvi e io stessa ne ho fatto a meno.


Amato fu anche colui che insieme ad Attali disse che la costituzione Ue (ovvero il Trattato di Lisbona) è stata resa lunga (280 pagine), farraginosa e incomprensibile allo scopo di farcela trangugiare per forza. Nel caso della Brexit si vantò di avere fatto in modo tale che non si potesse più uscirne come un labirinto senza via di uscita. Guarda caso, lui ne fu uno dei redattori. Come premio per i grandi "servigi" effettuati, lo infilarono nella Consulta a fare il giudice costituzionale. E non a caso, tenuto conto che è anche uno degli autori del  famigerato citato Trattato insieme all'altro menzionato compare. Non sia mai che a qualche esperto in punta di diritto venga il dubbio che i Trattati europei confliggano non poco con la nostra costituzione, la quale non sarà "la più bella del mondo", ma è pur sempre una carta nazionale. Con gente come Amato alla Corte Costituzionale tutto viene oculatamente blindato. Uno degli artefici di un Trattato-Truffa per i popoli, viene messo a capo di un organismo che dovrebbe invece vigilare da elementi di  anticostituzionalità insiti nei trattati europei. Immaginate un po' voi quali lumi può darci nel merito. 
Curiosamente lui e Monti sono presi entrambi da una strana voglia di...rettifica, di autocritica e di ammissioni tardive. Perciò c'è solo da stare in guardia: mai fidarsi di gente come loro.
Morale: quando la verità arriva troppo tardi, e a tragedie e gravi danni  subiti, non serve più a nulla e a nessuno. E osano ancora fiatare costoro? 


06 October 2018

Meglio invidiati che compatiti






Rieccomi. Mentre ero in Corsica per una breve vacanza,  un cittadino corso mi si è avvicinato per dirmi con tono ammirato: "Avete molte buone rivoluzioni in questo momento in Italia. Molti vi invidiano". "Ah, è così che ci vedono da qui?" , ho chiesto un po' stupita. "E in che senso le chiamate rivoluzioni? "Vi ribellate al 3%  imposto dall'Europa, allo sbarco degli immigrati ...".
Dunque a quanto pare siamo invidiati e come suol dirsi, è sempre meglio essere invidiati che compatiti. Ho appreso che la marcia dei trombati del PD è stato un flop nonostante l'indegno supporto dei media mainstream per gonfiarne l'entità. Sbandierare la bandiera azzurra e stellata della Ue quale simbolo di libertà e benessere, poi ha perlomeno del caricaturale e  del grottesco. Gente che marcia e protesta allo scopo di  mandarci in malora come è avvenuto sotto il loro governo, che è felice di venderci alle consorterie finanziarie straniere, che è contenta di sapere che ci sono dei risparmiatori in sofferenza come  già è avvenuto per le banche popolari quand'era al governo Renzi, il quale li faceva perfino vigilare dalla Digos  per paura delle loro intemerate invece di rifonderli, meriterebbe come minimo l'ergastolo. Più che manifestazione, la loro  è sedizione bella e buona. Leggo pure che non passa giorno senza che riceviamo insulti da Juncker detto Drunker per il vizio di alzare troppo il gomito (insulti giustamente rispediti al mittente da Salvini) e da quel bellimbusto di Moscovici che ci dà degli xenofobi antieuro e ci  augura  (anzi ci gufa) di  fare la fine della Grecia. In realtà  il signore di origine romena a vocazione apolide e apatride  in questione, dimentica che la fine della Grecia la faremmo se ci genuflettesimo alla Troika come ha sempre fatto Tsipras, un povero lecchino tirapiedi che preferisce  e ha preferito dire "signorsì"  e far soffrire il suo popolo, piuttosto che ribellarsi ai cravattari di Bruxelles. L'obbedienza non è sempre una virtù e il governo Tsipras ne è la testimonianza. 
Evito per amore di decenza di parlare di Macron e delle foto provocatoriamente  gaie coi negri che fanno gestacci e lazzi osceni,, le quali  hanno, in questi giorni, disgustato l'intera Francia: i conati di vomito sarebbero intrattenibili. 

Una cosa è certa: il 2019 è vicino e se andiamo avanti così dell'Ue rimarrà in piedi ben poco. Quel che è disgustoso però è il silenzio compiaciuto di Mattarella che non alza un dito per difenderci. Che trama e complotta ogni giorno per far fuori un governo mai così popolare come questo sortito dalle urne del 4 marzo. Draghi sale al Quirinale e i due sono in stretto contatto telefonico, minacciando il governo e agitando l'arma dello spread. Juncker Superciuk evoca macerie un giorno sì e l'altro pure. Bruxelles che ha accettato di buon grado gli sforamenti di Renzi indirizzati ai dipendenti pubblici per farsi rieleggere (i famosi 80 euro), ora è preoccupato per il 2, 4. E da quando in qua anche il 2, 4 è diventato un tabù? Come si vede, è tipico dei cravattari alzare sempre più l'asticella per strozzarci. A tale proposito sono costretta a chiarire perché sostengo questo governo (pur con tutti i limiti del caso) e perché è necessario difenderlo.
  •  Lo sostengo perché nessuno finora (nemmeno a parole) ha mai avuto il coraggio di mandare a quel paese questi arroganti autoeletti privi di ogni legittimità
  • perché per la prima volta, due forze politiche (forse non del tutto compatibili tra di loro, ma ciascuno con i suoi ruoli e compiti di "contratto") hanno avuto il coraggio di stendere un contratto e di scrivere: io faccio questo, tu fai quello.
  •  perché l'Ilva alla fin fine rimarrà in Italia e Di Maio non poteva che risolvere la complicata questione  esattamente come ha fatto.
  •  perché Salvini ha fatto comprendere che le nostre coste non sono il colabrodo delle Ong, obbligando la Ue  a uscire allo scoperto rivelando al momdo,  la sua inerzia, nullità e malafede. Quanto al governo francese di Macron,  ne ha messo a nudo la sua arroganza, idiozia ed egoismo doppiogiochista.
  •  perché gli  economisti saccentoni "salvatori della patria" alla Monti, Fornero, Cottarelli, li abbiamo già visti (purtroppo) alla prova 
  •  perché la vecchia concezione parlamentare destra-sinistra in falsa contrapposizione (in realtà in consociativismo) ci ha finora regalato il Trattato di Lisbona, il Fiscal Compact e la manipolazione dell'art. 81 della nostra costituzione sul pareggio di bilancio, un tempo nazionale e non "europeo". 
  • perché il DEF (criticatissimo dalla Ue in queste ore, secondo la loro ben nota "guerra preventiva" finanziaria) è in realtà per la prima volta, dopo anni, una manovra ragionevole. 
A tale scopo ricordo il colpo di mano notturno   realizzato nel 2012 con la "riforma" dell’art. 81 della costituzione, la quale avrebbe dovuto essere impedita in primis da tutti quei soloni costituzionalisti come Mattarella, che allora invece lasciarono fare. Dov'era? Dormiva? Non disse nulla del nuovo vulnus inferto alla nostra Carta. Oggi fa il Re Tentenna e minaccia di non firmare i decreti governativi se non strettamente attinenti alla "costituzione". Allora invece (sotto il governo Monti) lui e i suoi colleghi parrucconi della Consulta, lasciarono fare. Non si usa lo statuto di un paese sovrano a corrente alternata a seconda dei tornaconti delle oligarchie finanziarie. Venne  nientemeno che Barroso in persona a farci pressione per la modifica di tale legge sul pareggio di bilancio con la quale ora siamo di continuo incatenati e sotto ricatto, facendoci capire che bisognava cedere dell'aaltra sovranità e che la vecchia carta costituzionale confliggeva non poco coi trattati europei. 

Ci sono tanti (troppi) torti di un passato assai recente da raddrizzare, e se questo governo Conte ce la farà, abbiamo il dovere morale di sostenerlo. E magari sostenerlo affinché riesca nei suoi intenti. L'unica vera opposizione oggi è supportarlo.  Al di là della "destra" e della "sinistra", meglio suscitare rabbia che pena. Meglio invidiati che compatiti.




02 October 2018

Addio al piccolo grande uomo



Sono ancora fuori dall'Italia (si fa per dire), e dato che non ho tempo né voglia di bloggare, metto questo riempitivo canoro per ricordare il piccolo grande uomo francese di origini armene che ci ha appena lasciato. Ci lascia con lui, anche quella "douce France" che non esiste più. Ricordo che Aznavour si è sempre battuto per commemorare il genocidio degli armeni ad opera dei turchi, quando ancora  parlare di tale massacro veniva considerato un tabù. Si è sempre rifiutato di fare i concerti in Turchia dal satrapone Erdogan e si è  sempre ribellato alla legge Hollande contro le celebrità da spolpare con tasse al 70%, lasciando chiaramente intendere che il talento non si tassa come fosse una colpa e che il successo richiede sforzi e sacrifici. Uomo di fede,  ha cantato l'Ave Maria con quella sua voce  così singolare, riconoscibile e  un po' aspra davanti a Papa Wojtyla. Ognuno ha il suo Aznavour da ricordare con "la Bohème", con "L'Istrione" e "Come è triste Venezia" (cantava spesso e volentieri anche in italiano),  con "Il Faut savoir", con "Tu te laisses aller", "Et pourtant", con "La Mamma", con infinite altre melodie più ironiche e leggere come "For me, formidable", con la stupenda SHE inserita quale colonna sonora nel film britannico "Notting Hill". Lascio  più sopra, questa indimenticabile "Paris au moi d 'août" (Parigi nel mese di agosto), canzone tratta da un film da lui stesso interpretato (Aznavour fu anche attore) con la quale voglio ricordarlo. Qualcosa del suo transito terrestre rimarrà.



23 September 2018

Marine Le Pen sotto la dittatura eurosovietica




Correva l'anno 2008, giorno 23 del mese di luglio. Mentre molti Italiani erano in vacanza,venne ratificato al Senato il Trattato di Lisbona. Il 31 luglio, invece passò alla Camera. Sarà utile ricordare che detto trattato ci rende non più sovrani a casa nostra poiché confligge apertamente con la nostra Costituzione (della quale poi si finge ipocritamente di celebrare ogni anno l'anniversario). Come pure è utile ricordare che questo primo passo verso il Nuovo Ordine Mondiale (NWO) è stato votato da tutti i partiti presenti in Parlamento. Perché ricordo questo mesto anniversario decennale di un  Trattato europeo di 280 pagine, fatto apposta per essere incomprensibile ai più? Ricordate? Amato e Attali (tra gli autori del malloppo) si vantarono di averlo reso volutamente inintelligibile. E ci fecero capire senza giri di frasi che una volta penetrati nell'inferno Ue non sarebbe stato facile uscirne. Perfino Teresa May in queste ore ne sa qualcosa di ricatti post Brexit. E dire che  la GB ha ancora una bella potenza di fuoco a sua disposizione!

Sono costretta a riparlarne perché in questi giorni tutti i giornali danno notizia che il tribunale di Nanterre ha intimato che venga sottoposta a perizia psichiatrica Marine Le Pen, segretaria del Rassemblement National (ex FN).  Il pretesto come è noto è l'aver diffuso immagini cruente dell'Isis su twitter, immagini che già circolavano. Ma come è loro abitudine le procure giocano al "punirne uno/una per educarne cento". E mai a casaccio.
Chi non ricorda i manicomi dell'URSS sovietica riservati ai dissidenti? Bene, ci risiamo. Con la nuova Unione "sovietica" Europea si replica. E il bello è che sono ancora qui a depistarci parlando del pericolo del  "fascismo" e del suo ritorno.
Queste misure non saranno limitate alla  sola Francia, per chi non lo volesse capire. Sul sito di Blondet ci informano ...
...Sta infatti nascendo, nel silenzio generale dei media mainstream e dei governi, la Procura Europea: che ci toglierà la sovranità anche nel campo penale, con le conseguenze che non è difficile immaginare:

Salvini a rischio. Nasce Procura Ue. Potrebbe decidere su Italia e immigrazione

Così titola infatti Affari Italiani, il giornale online che (unico tra i media) ha dato il giusto rilievo alla notizia .

Ed ecco dunque il succo dell’articolo:























Un secco NO è invece arrivato da Danimarca, Irlanda, Polonia, Svezia e Ungheria che hanno deciso di non volere la Procura europea sui propri territori. Delle limitazioni ai nuovi magistrati sono stati inseriti anche dai Paesi Bassi che è uno dei Paese fondatori dell'UE. Quindi si poteva evitare questa ennesima ingerenza, unendosi agli Stati che si sono opposti, come la democraticissima Svezia.
Se avete guardato l'elenco di chi ha aderito ci trovate il nostro Paese, grazie allo zelo tempestivo di Renzi e Gentiloni. 

Ma se siete in vena di "ripassi storici" il Trattato di Lisbona contemplava già il mandato d'arresto europeo, tribunali dislocati non importa dove (ovviamente lontani da casa e in un paese straniero, purché "membro")  e udite udite! perfino la pena di morte. 
Con estrema ambiguità il Trattato non cita direttamente la pena di morte ma rimanda alla "carta dei diritti fondamentali" che nel suo articolo 2, prevede la pena di morte per reprimere "UNA SOMMOSSA O UN'INSURREZIONE". Nessun esempio è citato per definire il concetto di "sommossa o insurrezione". Ma se il popolo insorge… qualche buon motivo deve pur averlo… però si espone ad un assassinio legalizzato! Vi sentite ancora tutelati nel vostro  diritto di opporvi a qualcosa di ingiusto?
Ricordo agli smemorati (cioè la maggioranza degli Italiani) che il Trattato di Lisbona prevede tutti questi punti  e che gli oligarchi eurocratici lo stanno attuando a spron battuto. A meno che qualcuno non li fermi.

Ed ecco un'ulteriore rinfrescata di memoria.  Dieci anni fa fu ratificato il Trattato-capestro  mediante il voto favorevole della sinistra, della destra berlusconiana, dei centristi, mentre la Lega di Bossi e Maroni che in un primo momento volle astenersi, finì col seguire la corrente. Gli Italiani corsero al mare e la stampa di regime non ha mai insinuato il minimo sospetto di cosa fosse esattamente detto trattato. 
Chi furono  i fieri oppositori di questa nefandezza? Pochini. Ida Magli ne "La dittatura europea" (la poveretta lesse per noi le 280 pagine del famigerato trattato, onore al merito); Vladimir Bukovskij, (vedere suo libro EURSS da me recensito)Blondet, Solange Manfredi, pochi altri tra i quali,  più modestamente, anche  la sottoscritta. 
Perciò non c'è da strapparsi i capelli se poi nasce la Procura Unica europea che intima le perizie psichiatriche per la  Le Pen: era già tutto previsto e stava già tutto scritto.  
Forse gli eurocrati alla fine non riusciranno nei loro intenti criminogeni, ma questa è la lotta di Liberazione che ci attende per quel futuro che è già  qui.