05 May 2017

Le ong sono armi di distruzione di massa





Da parecchio tempo le ONG sono nell'occhio del  ciclone. Di beneficenza si muore e come dice un vecchio adagio, il medico pietoso fa le piaghe infette. Costoro -  le ong e onlus -  in nome dell'Humana Pietas, si comportano né più né meno che come dei taxi: trasportano avanti e indietro  migliaia e migliaia di derelitti dalle coste africane (ora sono posizionati sul golfo della Sirte), creano disagi a non finire nel nostro Paese che non sa più dove né come collocarli, in una perenne angosciosa "emergenza",  ma  se ne lavano le mani una volta scaricati a casa nostra, rendendo insicure le nostre città e i nostri luoghi d'abitazione e  più misere le nostre esistenze. Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l’Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms, Sea-Watch.org, Sea-Eye, Life boat. Ma la galassia non si esaurisce qui...

Come ho scritto infinite altre volte, già in un paese che possiede la maggior parte del più prezioso patrimonio artistico mondiale, non dovrebbe essere consentito il passaggio di simili moltitudini senza pensare che provochino un disastroso irreversibile impatto ambientale, sociale, urbanistico, umano. A questo, bastano e avanzano già le transumanze di turisti che si riversano ogni anno nel nostro bel paese con macchina fotografica e sacchetto di patatine. Ma almeno questi portano denaro alle casse dello stato. 
Che ci siano o meno delle connivenze con gli scafisti e con le mafie, il carico-scarico nel nostro Paese degli immigrati clandestini prelevati direttamente dalle loro coste col pretesto di "salvare vite", è una sciagura che deve essere fermata ad ogni costo.



Che ce ne importa a noi se ci sono ONG colluse e ong considerate accreditate come "Save the children" o "Medecins sans frontières"?
Il compito principale di una vera classe politica è garantire in primis l'incolumità, la sicurezza dei propri cittadini e il CONTROLLO del suo territorio. In caso contrario si cade nei discorsetti sciapi alla Di Maio del M5S. Cioè non si estirpa il bubbone dell'immigrazione-sostituzione alla radice, perdendosi nei cavilli di voler separare il grano dall'oglio (ong buone vs. ong cattive). Bisogna avere il coraggio di parlare chiaro: queste ong (tutte) sono al servizio di oligarchi senza scrupoli quali Soros (il più conosciuto, ma ce ne sono altri a scatole cinesi) che vogliono il collasso e la dissoluzione della nazione italiana e delle nazioni europee, il caos, la destabilizzazione. Il loro, deve essere considerato un atto ostile, un atto di guerra, e traditori collusi sono i Gentiloni e i Renzi che si prestano a questo disegno criminale. Il Giornale ha in più articoli designato una precisa mappa  con tanto di nomi, cognomi, finanziatori e sponsor.

Partiamo, ad esempio, da una delle più accreditate: Medici senza Frontiere. Fa sorridere il fatto che tra i suoi fondatori compaia Bernard Kouchner, medico francese che ha visto più palazzi della politica che sale operatorie. Nel 2007 infatti è stato nominato ministro degli Affari Esteri da Nicolas Sarkozy, ovvero di quel governo che ha bombardato Muhammad Gheddafi e trasformato la Libia nel porto senza regole da cui oggi partono i barconi carichi di immigrati.

Oggi l'associazione per salvare stranieri dalle bagnarole sostiene spese ingenti, ma i fondi non sembrano essere un problema. Nel 2016 ha raccolto 38 milioni di euro grazie al contributo di 319.496 donatori, 9,7 milioni di euro dal 5x1000 (di cui 1,5 andati per la nave Bourbon Argos) e 3,3 milioni da aziende e fondazioni. Tra queste chi appare?
La Open Society Foundation di George Soros, il magnate ungherese col vizio delle frontiere spalancate. Peraltro, la Open Society e Msf sono soliti scambiarsi collaboratori come se facessero le cose in famiglia. Un esempio?
Marine Buissonnière, per 12 anni dipendente Msf, poi direttrice del programma per la Sanità pubblica di Soros e ora di nuovo consulente per le migrazioni della Ong. Siamo quindi al principio  dei "vasi comunicanti", delle porte girevoli e della  proliferazione delle scatole cinesi.

Il povero osteggiato procuratore Zuccaro, ha un bel pescare aghi in un intricato pagliaio infinito! E come se non bastasse la scarsità di mezzi nella quale si trova ad operare e l'impossibilità di mostrare prove che provengono da intercettazioni di 007 stranieri, ora spuntano anche magistrature a lui rivali quando non ostili, rischiando così, da accusatore, di passare dalla parte dell'imputato.



Prelevo da detta mappa anche la descrizione di un'altra importantissima ong dal nome straziante e commovente: Save the Children. Guarda caso, anche in questa c'è lo zampino di  Soros  che lo ha finanziato. La nota associazione internazionale ha nel suo parco navi la Vos Hestia, un’imbarcazione da 62metri, che batte bandiera italiana e si avvale di due gommoni di salvataggio. I soldi? No problem: nel 2015 a bilancio sono segnati 80,4 milioni di euro di incassi.
Dalla citata  mappa, potete prelevare una miniera di ghiotte notizie anche su molte altre sigle: Proactiva Open Arms, SOS Mediterranée, Sea Watch Foundation, Life Boat, Sea-Eye e Jugend Rettet.

Il caso più curioso spetta alla Migrant Offshore Aid Station (MOAS), associazione maltese con due imbarcazioni (Phoenix e Topaz responder), diversi gommoni Rhib e alcuni droni. Moas è stata fondata nel 2013 da due imprenditori italo-americani in odore di grande amicizia con Soros, Christopher e Regina Catambrone, diventati milionari grazie alla Tangiers Group, agenzia assicurativa specializzata in “assistenza nelle emergenze e servizi di intelligence”. Non è tutto. Perché Christopher Catrambone appare pure tra i finanziatori (416mila dollari) di Hillary Clinton durante l’ultima deludente campagna elettorale. Ottime referenze, dunque!

Alzi la mano chi non ha messo in relazione la vergognosa visita semi-clandestina di Soros a Gentiloni (a che titolo è venuto? e perché non ci è dato di saperlo?), con l'inchiesta del procuratore Zuccaro! 
D'altro canto, ho più volte indicato nei governi abusivi e non eletti, degli acceleratori di questo criminale piano di spoliazione, di predazione nonché sostitutivo e  liquidatore dell'Italia e degli Italiani. Gentiloni è noto per essere un fedele esecutore delle politiche dettate da Washington, tanto da ripetere a pappagallo tutti i dispacci inviati dal Dipartimento di Stato USA, senza mai discostarsi di un millimetro dalla linea di Washington: ad esempio sulla questione delle sanzioni alla Russia e sulle politiche di provocazione della NATO con le concentrazioni di truppe ed esercitazioni alle frontiere russe. Fu lo stesso Gentiloni a dichiararsi a favore dell’invio di militari italiani in Lettonia a seguito dei reparti NATO. (fonte: controinformazione.info). 

Ora abbiamo qualche ragione di più per capire perché Putin ha intelligentemente messo al bando ONG e ONLUS straniere, nonché sètte religiose aventi sedi negli Usa (Testimoni di Geova). Le anime belle della nostra stampaglia mainstream si stracciano le vesti e si scandalizzano per la sua "antidemocraticità". Ma lui è  ben consapevole che se vuole mantenere la coesione del suo paese e le sua omogeneità etnica, culturale e confessionale, nonché la sicurezza  del suo popolo, deve procedere drasticamente al loro allontanamento e sradicamento dal suo territorio. Altrettanto cerca di fare l'ungherese Orbàn. In caso contrario, da "dame di carità", si trasformerebbero subito in facinorosi "rivoluzionari colorati": scenario déjà vu.

I nostri governanti abusivi invece soffrono della sindrome di Stoccolma. Ce ne ricorderemo.
  

38 comments:

pier paolo said...

Ma è evidente che se queste ong battono bandiera straniera e alcune di queste hanno indirizzi fiscali off shore, avranno comunque dovuto trattare accordi coi nostri luridi governanti. Le Ong sono creazioni dei massoni del NWO creato dai soliti noti della finanza mondiale e il cui scopo è quello di eliminare le volontà e sovranità popolari, gli Stati nazionali e la democrazia. Tutto questo per un unico governo mondiale, cioè per schiavizzarci, e per questo predicano accoglienza totale, abbattimento muri e relativismo nei costumi.

Ma la verità è che le quinte colonne sono tutte sedute nell'attuale Parlamento. A cominciare dalla Presidenta della Camera e da quel Manconi (compagno della Berlinguer) che è Presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani.

Nessie said...

Purtroppo è verissimo. Abbiamo già un governo "onghino" di suo e questi profittatori del No Profit, sfondano porte spalancate. La Boldrini dell'ONU e quella pia dama di S. Vincenzo che risponde al nome di Luigi Manconi, il re delle cause perse (si occupa di tossici, immigrati, carcerati ecc. ) e delle trattative per le due simone, le due vanesse ecc.

Intanto in questo articolo, Gian Micalessin rivela il volto oscuro della ong MOAS, quella dei coniugi Catramboni, con sede a Malta :

http://www.ilgiornale.it/news/politica/volto-segreto-moas-long-i-santi-paradiso-1393155.html

Anonymous said...

Sappiamo quanto basta circa i governi UE e filo UE. I loro progetti di sostituzione demografica sono noti ed oggi sono sotto gli occhi di tutti. Che poi siano le ONG o le rispettive marine militari a fare il lavoro è solo per due ragioni: la prima di immagine e la seconda strategica; infatti il vietare l'attracco o peggio il sabotare questi navigli sarebbe considerato un atto ostile nei confronti dell' ONU, quindi dell'intera "comunità internazionale" (che non esiste). Noli me tangere insomma. Quindi subiamo un atto di guerra reiterato e quotidiano e non abbiamo nemmeno i mezzi legali per opporci. E non parliamo dei mezzi militari. Le ONG hanno solo sostituito le marine militari aumentando la portata dell'invasione. Non è ben chiaro il perchè siano sotto attacco, in quanto è evidente che non viviamo nel deserto del Gobi e una qualche forma di contatto con la MM, quindi con i servizi segreti e le istituzioni c'è sempre stata. Naturalmente il noto speculatore internazionale non ha mai nascosto i suoi intenti, però non bisogna dimenticare che il paese di cui è cittadino finge di non sapere ma in realtà si avvale della sua opera da molti anni. Siccome non sarebbe igienico dichiarare guerra agli USA, almeno fino a che esiste una UE interamente sotto il loro controllo, temo che l'unica chance potrebbe essere una guerra tra Russia ed USA, con l'inconveniente che non potremmo essere neutrali e che ci toccherebbe di condividere ulteriori disastri. Ovviamente con l'incognita circa l'eventuale vincitore. Nel caso anche questa opzione andasse buca non resterebbe che rassegnarsi e salvare la pelle.

IL SAURO

Jacopo Foscari said...

Pare che per la svolta bisogna ringraziare il quartetto di Visegrad, che sta mettendo le mani su "Frontex". Ovviamente e "Repubblica" gli rode che in UE non siano tutti un branco di imbecilli ma che qualcuno abbia ancora un briciolo di materia grigia funzionante. Si dimostra ancora una volta che chi ha provato sulla propria pelle 50 anni di bolscevismo abbia buon naso per certe porcherie

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/avviso-navigati-guida-fabrice-leggeri-frontex-ha-cambiato-147195.htm

Nessie said...

Hai toccato moltissimi punti in un solo commento, Sauro. In realtà le ONG stanno al turpe Mostro, come i tentacoli stanno alla piovra. Ma, come insegna il mito delle 12 fatiche di Ercole, finché si recidono i tentacoli e non si taglia la testa, il mostro sopravvive.

Naturalmente il noto speculatore internazionale non ha mai nascosto i suoi intenti, però non bisogna dimenticare che il paese di cui è cittadino finge di non sapere ma in realtà si avvale della sua opera da molti anni.

E' questo il punto! Se Trump taglierà la testa al mostro, avrà la mia stima. Se viceversa (come sospetto) arriverà a trattare, allora avremo ancora di queste anomalie a lungo. Col rischio di un attacco alla Russia e dover stare dalla parte sbagliata.

Nessie said...

Grazie Jacopo. Dunque i 4 di Visegrad sarebbero Ungheria, Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca. C'era da aspettarsela la reazione di Frontex. Non vorrei che questa faccenda delle ong servisse solo a legittimare il solito slogan "ci vuole più Europa" e demandare tutto all'eurocrazia. Cioè alla malattia in luogo della cura.

Anonymous said...

Una volta facevano i colpi di stato con i carri armati, che però sporcavano e lasciavano tracce; ora usano per lo stesso scopo le ONG. Ce ne sono di tutti i tipi per ogni tipo di campagna orwelliana globale: si occupano di "spontanee rivoluzioni", imposizione gender-omo, eutanasia, immigrazionismo, finte notizie di regime ecc.. Di tutto e sempre a senso unico. E sappiamo quale. Come tratto comune hanno la fintissima "indipendenza", gli stessi referenti finali e valanghe infinite di soldi a disposizione. Per cui è assolutamente legittimo e doveroso difendersi da questo tipo di manomissione. Sulla specifica questione dell'immigrazionismo vi è mai capitato di imbattervi in quei tizi zelanti e compassionevoli nei confronti dei "migranti" e poi spietati, indifferenti e sociopatici verso i nostri anziani, disabili, disoccupati in difficoltà, vittime della criminalità, insomma verso i nostri deboli. Bè questo è un'altro effetto dell'indottrinamento di massa anche a mezzo ONG e questi sono gli zombie fabbricati a tavolino, gli "utilissimi idioti", a miriadi con cui abbiamo a che fare.
Scarth

PS: e ovviamente la Chiesa di rito bergoglista è in primissima fila a imporre quanto sopra.




Nessie said...

Rispondo subito alla tua domanda, Scarth. Sì, quasi sempre. E' una nuova antropologia umanottera creata per l'uopo. La beneficenza si fa lontana, mentre si schifa tutto ciò che è vicino e a portata di mano (compresi i nostri vecchi a cui mettono una badante "straniera"). Tra l'altro, questi personaggi sono di uno snobismo insopportabile. Sono quelli che adottano un negretto a distanza. Se ci pensi bene, anche la maternità surrogata ha a che fare con questa "delocalizzazione". In questo caso, degli uteri.

Le ong e onlus che hai elencato nelle varie tipologie, fanno parte della "privatizzazione delle rivoluzioni" o rivoluzione in outsourcing. Gli stati (in questo caso gli USA) non c'entrano (in apparenza) ma lasciano fare a questi farabutti travestiti da filantropi che non vengono mai puniti.

A proposito, si sa niente dell'interpellanza parlamentare in atto sulla visita di Soros? La stampaglia come al solito ha azionato il silenziatore.

Anonymous said...

Ciao Nessie, già mi chiedevo infatti se in Parlamento qualcuno si era mosso per quella porcheria della visita del Padrone nelle colonie. Vabbè che Lorsignori possono ma ci dovrebbe essere un limite a sbatterlo in faccia ai sudditi...
Poi la loro formazione delle menti è così subdola e martellante che hanno il consenso perfino delle vittime. Per esempio in quanti si chiedono se è giusto e normale che per l'immigrazionismo ci siano fondi illimitati mentre ad ammalati, disabili, anziani e sanità in genere i fondi vengono negati con servizi letteralmente da terzo mondo?
Concludo con una cosetta spicciola: in questi giorni mio malgrado ho dovuto bazzicare un paio di CAF (la nuova versione della Corte dei Miracoli o bolgia infernale). Per una buona metà gli astanti erano extracomunitari ed è stato molto istruttivo cogliere a ripetizione (prodigi della privacy) risposte a loro rivolte del tipo "Ecco sono arrivati i tuoi contributi", "Passa la prossima settimana che arriva il pagamento"... La prossima volta che vi imbattete in uno zombie europeista-rigorista che vi ripete il mantra "Non ci sono soldi" mandatelo allegramente e direttamente a c.....
Scarth

Nessie said...

Intanto qui uno scoop con il M5 str...che intinge il suo biscottino nell'affaire ONG:

http://www.ilpopulista.it/news/5-Maggio-2017/13950/i-cinque-stelle-nel-business-dell-immigrazione-a-vicenza-gestiscono-centinaia-di-profughi.html

Sui CaF. Non ci vado più dato che ho trovato un bravo commercialista dietro casa che mi prende la stessa cifra e non vedo la Corte dei Miracoli di cui parli e che vedevo anch'io. Pago più volentieri le tasse e mi sento meno poveraccia. Vogliono immiserirci anche con queste presenze e se senti dire espressioni banalmente luogocomuniste come " è la guerra tra i poveri", mandalo allegramente affanc...

Noi Italiani stavamo bene prima del Britannia, degli espropri, dell'Euro, dell'arrivo degli androidi telecomandati da Bruxelles che venissero a depredarci di tutto. I "poveri del Terzo Mondo" ce li hanno portati qui ad hoc per fomentare i sensi di colpa tra chi aveva qualcosa e chi non ha nulla ma a cui promettono l'Eldorado alle ns. spalle.

Alessandra said...

Adesso anche la Guardia Costiera libica se la prende con le ong.
Il capo della Guardia Costiera libica esprime "irritazione" nei confronti di queste Ong affermando che "le organizzazioni presenti nel Mar Mediterraneo con la missione di salvare i migranti hanno dato loro ad intendere che saranno inevitabilmente soccorsi e questo ha aggravato la crisi, aumentando il numero di migranti". Il funzionario libico spiega, quindi, che "abbiamo comunicato tutto questo sia all'Ue sia ai comandanti dell'Operazione Sophia, che hanno manifestato irritazione verso queste organizzazioni, ma finora non hanno preso alcuna misura al riguardo".

http://m.ilgiornale.it/news/2017/05/05/migranti-la-libia-accusa-le-ong-sono-responsabili-dellaumento-dei-flus/1393499/

Sul demone Soros nessuna novità al momento, ma mi pare ci abbia già pensato la prona stampaglia a fornire la giustificazione: investimenti ... aspettiamo comunque di saperne di più.

Nessie said...

Perfino il capo della Guardia Costiera libica, mentre la nostra tace e obbedisce!

Ale, sai di qualche iniziativa parlamentare da parte della Lega, a proposito di Soros? Ho letto le "veline" della stampaglia supina e prona.

Anonymous said...

tutto ciò che viene dagli U$A è "sovversione". Tutti gli imperi sono nella storia sostanzialmente "imperi del male" ma non si è mai visto un impero che fosse "impero del caos" più del LORO (*) ,daltronde "ordo ab chao" non è il LORO motto?.
ws

LORO , ovviamente sono "chi comanda in " U$A , gli americani nel loro complesso sono solo dei "posseduti".

Massimo said...

Non ho mai creduto alla bontà pubblicizzata a reti unificate. Con il bel tempo Bologna è infestata dai volontari (credo facciano solo un lavoro, magari senza crederci, per quattro soldi) che propagandano unicef, save the children, oxfham, amnesty, che fermano i passanti importunandoli. Immagino cosa accadrebbe se lo facessimo nel nome di una organizzazione Prima gli Italiani. Arriverebbero le zecche e il sindaco comunista chiederebbe il divieto, per noi. E se invece mandassimo noi delle navi per riportare i clandestini ai porti di partenza ? Sogni, certo, ma queste ong ci riempiono di clandesini che dovremo affrontare o sottometterci.

Anonymous said...

Ciao Nessie,

ho letto anch'io degli "investimenti".
Mi sa tanto di patto faustiano( e la notte di walpurga è appena passata).

Maria luisa

Nessie said...

Sì, ws il motto è quello. Come pure l'Armageddon biblico. Saranno dei possuduti a loro volta, ma con la solita Sindrome di Stoccolma.

---------------------------

Massimo, hai dimenticato di citare pure Emergency. Spesso hanno diritto di raccolta fondi anche nelle hall dei teatri o dei cinema.
Quello che sogni (Prima gli Italiani) ha tentato di realizzarlo un albergatore che ha offerto pranzi gratis a dei nostri bisognosi. Ovviamente sai già come è andata: "razzista". Ora stanno perfino proibendo di scrivere inserzioni di lavoro con la scritta "signora italiana offresi come badante". Non si potrebbe specificare nemmeno più "italiana".

A che punto siamo arrivati! Quando parlavo della codardia del popolo italiota intendevo riferirmi a questo. Se non impariamo tutti ad affrontare a muso duro i nostri oppressori traditori, si profila un paesaggio sudafricano di apartheid contro di noi.

Nessie said...

Maria LUisa, non ho capito il tuo commento.Potresti essere più precisa? Di quali "investimenti" parli e a che proposito?

Nausicaa said...

Ai Catrambone del MOAS salvar vite frutta milioni. Qui un bell'articolo di Fausto Biloslavo:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/moas-salvare-vite-conviene-affare-2-milioni-utili-1393560.html

Nessie said...

Non so se questo filone delle ONG sarà quello che farà saltare per aria tutto il cuccuzzaro immigrazionista. So che da qualche parte, bisogna ben incominciare a tirare i fili per venirne a capo.

I due Catramboni (lei si chiama Regina), mi ricordano in chiave moderna, i coniugi Killigrew , quei delinquenti pirati della Cornovaglia insigniti dalla regina Elisabetta I del titolo di Lord e Lady di cui ho parlato in questo post sul saggio di Schmitt "Terra e mare":

http://sauraplesio.blogspot.it/2016/01/lalbione-del-leviatano.html

Aldo said...

Nessie: La beneficenza si fa lontana, mentre si schifa tutto ciò che è vicino e a portata di mano

Massimo: E se invece mandassimo noi delle navi per riportare i clandestini ai porti di partenza?

Non è mica poi così una brutta idea, nè! Io, pur tirchio come sono, date le dovute garanzie sarei perfino disposto a cacciare un po' di grano -- soldi ben spesi. Navi "nostrane" che imbarcano i falsi naufraghi e, come da normativa, li sbarcano in quattro e quattr'otto nel porto più vicino. Procedura inattaccabile.

Nessie said...

Non disperare. Qui ci vorrà un bel cambio di regime, ma prima o poi succederà, se non vuoi uno scenario sudafricano. Guarda, non ti scandalizzare ma se ci fosse un avvicendamento ai vertici della MM e magari un coup d'état, allo stato attuale farei anch'io la battuta di Eduardo: "Chi ti dice che sia una disgrazia?".

Sono solo delle ipotesi di lavoro, naturalmente. Sempre per rimanere negli scenari apocalittici, leggiti un po' qua:

http://www.maurizioblondet.it/sudafrica-via-tutti-bianchi-5-anni-massacrati-anche/

Anonymous said...

scusami Nessie. sono stata troppo concisa, facevo riferimento all'articolo dell'huffingtonpost inerente l'incontro Soros Gentiloni, in cui si affermava che il problema immigrazione non era stato trattato ma si era parlato ella ricerca di investitori.

Maria Luisa

Nessie said...

Parli di questo?

http://www.huffingtonpost.it/2017/05/03/che-ci-fa-soros-a-palazzo-chigi-da-gentiloni_a_22067575/

Mai letto niente di più mistificante e velinaro.

Aldo said...

Nessie: La beneficenza si fa lontana, mentre si schifa tutto ciò che è vicino e a portata di mano

Mi accorgo che ho dimenticato di specificare perché ho riportato questa frase (porta pazienza con gli anziani).

"Combatto" abitualmente contro le campagne di finta solidarietà che vengono promosse nella mia scuola, cercando di far passare l'idea che la solidarietà vera non si fa consegnando un chilo di riso o qualche euro nelle campagne organizzate (euro peraltro guadagnati dai genitori e senza neppure sapere dove andranno a finire, giusto per partecipare a un rito privo di contenuti), bensì avendo determinati atteggiamenti verso i conoscenti diretti coi quali si vive fianco a fianco: piccoli comportamenti quotidiani che non costano un soldo ma che richiedono attenzioni e scelte individuali ben calibrate da portare avanti in prima persona, anche come forma di investimento a carattere non monetario.

Solidarietà, così come la si intende ormai comunemente, è un termine da considerare con estrema cautela, perché anche in quel caso i promotori della neolingua hanno colpito duramente.

Aldo said...

So del Sudafrica post-Mandela, anche se è una di quelle cose che ci si guarda accuratamente dal rimarcare quanto sarebbe opportuno fare.

Nessie said...

Hai già letto il pezzo sullo scenario sudafricano che ti ho linkato? Se sì, hai una lettura assai veloce.
Fa venire semplicemente i brividi e il cronista in oggetto c'è stato. Come, abitando a Milano, ha potuto constatare da parte di africani, atteggiamenti strafottenti del tutto simili.

Solidarietà e accoglienza sono per me parole che dovrebbero essere cancellate dal dizionario, solo per l'uso mistificatorio che se ne fa tutti i giorni.
Oggi Gentiloni ne ha detta un'altra: il mondo è di tutti ed è inutile domandare se ci sarà un limite. Da impiccare, seduta stante.

Alessandra said...

Sulle iniziative parlamentari nulla che non sia già stato detto Nessie, che io sappia.
Temo però che gli scenari e le prospettive possano essere quelli descritti in questo articolo.

http://www.controinformazione.info/gentiloni-riceve-la-visita-di-george-soros-a-palazzo-chigi-un-atto-di-cortesia/

E Gentiloni può sempre raccontare una storia a metà, in assenza (strategica) di testimoni.

La Catrambona si dichiara un'onesta salvatrice di vite che mai ha avuto contatti con gli scafisti o l'intelligence statunitense.
«Noi - osserva - abbiamo anche un’etica nel raccogliere fondi e abbiamo accettato contributi soltanto da chi aveva dei requisiti da noi fissati con rigore. E finora tutti li hanno avuti».
Mi piacerebbe sapere quali sono, questi criteri rigorosi ....

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/catania/cronaca/17_maggio_06/migranti-catrambone-moas-mai-telefonate-scafisti-stop-fango-55a22c34-3246-11e7-b1d5-0e1675de2619.shtml?refresh_ce-cp

Alessandra said...

Ah, dimenticavo questo video della "Regina dei mari" ospite del programma di Raiuno "A sua immagine" nel 2014.

https://m.youtube.com/watch?v=35-YXUAkYRo

Nessie said...

Alessandra, per l'opposizione (e per opposizione intendo Lega, FdI) è doveroso chiedere che Gentiloni venga a riferire in Parlamento su Soros, e sono molto arrabbiata, se non lo fanno o se si riveleranno ininfluenti. Soros non è un uomo politico, né un ambasciatore né altro incarico istituzionale che riguardi il mondo politico.

La Ca-trombona è in contatto diretto con Bergoglio, oltre che con Soros. Programmi come quello che mi mostri, nascono dalla commistione RAI-SINISTRA-CEI.

Una vergogna contro i cittadini!

Nessie said...

Ho cercato un po' in rete, ma vedo solo delle grandi chiacchiere, indignazioni e null'altro:


http://www.affaritaliani.it/cronache/ong-scoppia-caso-soros-da-gentiloni-calderoli-che-faceva-a-palazzo-chigi-477242.html

ai politici (anche dell'opposizione) piace l'annuncite acuta. Tanti annunci, sdegni ma nessuno che inchiodi Gentiloni alle sue responsabilità di galoppino dei poteri finanziari.

Oggi al TG ha fatto affermazioni che meriterebbero la fucilazione per alto tradimento.

Anonymous said...

Sì, sì proprio quello Nessie.

Maria Luisa

Aldo said...

Nessie: Hai già letto il pezzo sullo scenario sudafricano che ti ho linkato? Se sì, hai una lettura assai veloce."

Effettivamente posso leggere molto in fretta, se necessario. In questo caso, però, ho risposto prima di leggere l'articolo, giacché ritenevo di conoscere già fin troppo bene l'argomento. Dopo la tua risposta ho provveduto, giusto per riscontrare che è vero: niente che già non sapessi, a parte alcuni riferimenti a casi specifici che non conoscevo. Il caso della Repubblica Sudafricana, per me, non è una novità... non per niente ho scritto quel paio di righe sul post-Mandela. Sono pienamente consapevole. Io. Come me, pochi tra coloro che conosco (nessuno?). Del resto, quante volte ne hai sentito parlare o letto sui canali convenzionali?

Nessie said...

RISPOSTA: MAI!

E del resto, parlarne sarebbe aprire delle finestre assai rischiose per L'Or Signori.

Nessie said...

PS: Ecco la frase di Gentiloni, galoppino "non eletto" dei poteri finanziari che meriterebbe la fucilazione per alto tradimento contro la nazione:

"Mettere un argine all'immigrazione non è solo un'illusione, sarebbe un errore. Il mondo è di tutti".

Aldo said...

Anche le ville non-so-dove di 'sto pezzo di gentilone son di tutti? Del resto sono o non sono anche quelle pezzi del mondo? Posso dunque trasferirmi in una a mia scelta con tutte le mie masserizie? Dove trovo l'elenco delle località? Alla svelta, che ho già prenotato il noleggio d'un paio di furgoni per lunedì.

Nessie said...

Noblesse oblige e non saranno così raggiungibili.

Per costoro vale il motto latino etsi omnes, ego non

Anonymous said...

Soros nega l'evidenza e parla di chiacchiere della stampa (la sua) sulla sua visita


http://www.occhidellaguerra.it/soros-nega-ma-sponsorizza-limmigrazione/

Z

Nausicaa said...

Il ruolo delle ONG nella destabilizzazione del Venezuela

http://sadefenza.blogspot.it/2017/05/il-ruolo-delle-ong-nella.html