01 March 2017

La morte non è mai dolce né buona



Innanzitutto un plauso all'amico Massimo che mi ha battuto sui tempi nello scrivere le parole che avevo nella penna:  "I drammi individuali non possono essere portati a parametro per spingere ad una legge con valenza generale. Questo, invece, accade, per opera di interessati propagandisti, ogni qual volta si apre l'opportunità per infliggere una nuova picconata ai Valori della nostra Tradizione Civile". 
Questo riferito al caso del DJ Fabo (Fabiano Antoniani). Sinceramente non sapevo nemmeno chi fosse questo poveretto usato, suo malgrado, come testimonial di una pessima causa e sacrificato all'altare di una società che vuol mettere al bando il dolore, pur infliggendocelo tutti i giorni e in tutte le salse. Quand'ecco che l'altro ieri  in mattinata apro le pagine on line e noto che  tutti  i giornali hanno sparato  gli stessi titoloni ad alzo zero in  un'evidente concertata polifonia sul suicidio di questo DJ recatosi in Svizzera.
Pareva un segnale convenuto, uno  spot scattato all'unisono per invocare e accelerare una legge della quale tutti gli Italiani sentono  un gran bisogno! Manco a dirlo, chi ha curato l'esodo in Svizzera e i rapporti con la stampa e i media, con tanto di beau geste pannelliano di farsi denunciare, tanto per creare un caso? Marco Cappato dei Radicali. Morto un Marco se ne fa un altro. 

Non c’era dubbio, l’ufficio stampa e propaganda dei radicali  funziona  alla perfezione: caso pietoso trovato,  avvisa i media, fornisce i video del moribondo, consegna le cartelline con i comunicati stampa, l’appello a Mattarella,  e le parole chiave: “Vergogna”, “Lontano da casa”  eccetera  che i media ripeteranno. (Blondet).

Stiamo attraversando una società aspramente totalitaria che ci espropria di tutto: dei  giovani che devono  andarsene all'estero a cercare quell'opportunity  negata in Italia, con l'arrogante Poletti, ministro del non Lavoro che  ha detto chiaro e tondo che è bene che si tolgano dalle scatole. Del diritto ad una vecchiaia serena e garantita. Dei diritti dei malati sempre più abbandonati se non hanno mezzi per curarsi. I meno giovani e gli anziani devono togliersi di torno, ma soprattutto crepare in fretta.  Cure sanitarie? State in lista d'attesa: se è gratis dovrete aspettare almeno sei mesi. O  rimanete buttati in una branda in una corsia affollata degli ospedali, in attesa che un'infermiera scortese si accorga di voi.
In compenso, ci mandano intere gang delinquenziali a torturare e scannare i vecchietti che tengono un po' di contante sotto la mattonella per non andare avanti e indietro in banca o in posta. Fanno morire in Abruzzo gli Italiani sotto la neve e tra le macerie, senza investire in prevenzione territoriali, ritardano nei soccorsi, ma poi Gentiloni vola a leccare il grande deretano della Merkel garantendole una manovra aggiuntiva di tre miliardi e mezzo dei nostri conti. E di queste pessime missioni potrei elencarne a bizzeffe.
Sono esagerata? Al contrario. Sono edulcorata, semmai...

E ora? Ora bisogna fare con urgenza una legge di fin di vita o "testamento biologico", termine ipocrita che nasconde l'eutanasia. Ce lo dice l'Europa. 
Fate presto! Fate presto, o Italiani, a togliervi dalle palle! Dobbiamo fare l'Eurabia, l'Eurafrica. Voi siete superflui, non siete più necessari. Il pacchetto è sempre quello mondialista: aborto, eutanasia, omosessualismo, fecondazione assistita e utero in affitto. E ora l'ossimoro del  suicidio assistito.  Qualcuno ti rifila il beverone o l'iniezione letale ma tu chiamalo suicidio assistito anche se poi  ti uccidono: è una libera scelta.
Nel mentre, si twitta per annunciare il decesso, si scrive su Facebook, e già si scannano gli Eutanasisti contro i pro Life. Favorevole o contrario? 
Ma quel che pochi scrivono è che siamo precipitati in  una deriva  che porta, come nelle peggiori Distopie da incubo dei romanzi di fantascienza, alla soppressione degli "inutili"  e dei "deboli" (anziani, disabili,  malati, liberi pensatori, oppositori di regimi, ecc.).
Del resto, in Urss gli oppositori venivano reclusi in manicomio, e nella Germania nazista del III Reich gli "inutili" li eliminavano gratis senza far pagare i 10 o 12.000 euro delle cliniche svizzere. Ma per averlo scritto, Mario Adinolfi del Family Day si è visto espellere da Facebook per un mese, con censura e rimozione del suo commento. Con ogni evidenza è scattato l'algoritmo Zuckerberg sulla policy e sulle parole vietate. Suppongo che se avesse scritto "suicidio svizzero è bello" e che occorre quanto prima una legge anche in Italia, gli avrebbero lasciato piena "libertà d'espressione". 
Mi deprime che blogger, forumisti, opinionisti legati alla destra non capiscano che anche questa dell'ossimorico "suicidio assistito", faccia parte dello stesso perverso pacco mondialista di demolizioni contro i nostri valori. Leggo che  rivendicano con tracotante superbia "l'autogestione del proprio corpo e della propria malattia", " battaglie di civiltà e di dignità", "il diritto alla libera scelta". Quale scelta? 

Quella di levarsi prima possibile di torno favorendo  proprio coloro i quali promuovono con ogni mezzo questo angoscioso turn over con quelli che sbarcano dai barconi?
Ovviamente mi sono limitata a motivazioni eminentemente laico-politiche, ma alcuni siti cattolici danno motivazioni etiche, spirituali e trascendenti altrettanto convincenti e valide. Come questo articolo. 

Un'ultima cosa: com'è che tutte queste vedove di variegate tendenze politiche "trasversali" (nuova paroletta magica),  le quali hanno fatto suonare la stessa grancassa in queste ore per DJ Fabiano (o Fabo), sono rimaste silenti quando i suicidi per disperazione erano da parte dei nostri cari imprenditori che si sono ammazzati perché non potevano sostenere l'Usura e debiti inflitti da Equitalia e dalla Troika?
Forse mi sono distratta ma non ho visto editoriali, elzeviri, tavole rotonde e articoli contro queste povere anime. Tanto meno sono scattate gare di solidarietà per aiutare le loro famiglie in disgrazia. In quei casi il Marco era s-Cappato e... ciglio asciutto da parte di quei cronisti che oggi si stracciano le vesti paingendo per DJ Fabo.
Ora aspettiamoci un corteo di morituri più o meno illustri ai confini svizzeri, ciascuno dei quali pretenderà  un titolo in prima pagina per offrire "testimonianza".  E i media ruffiani, puntualmente offriranno compiacenti megafoni. La civiltà dei lemmings si avvia piano piano verso la sua  completa capitolazione ed estinzione. 

E' stato proprio Giorgio Napolitano a invocare poco tempo fa una "legge di fin di vita", quale capitolo importante dell'Agenda massonica dettata dalla Ue. Legge di fin di vita per gli altri, ovviamente, ma non per lui. Lui va avanti anche coi pannoloni e gli acciacchi dell'età, ma il beverone letale mica se lo piglia.
Un conto è il problema del suicidio individuale così com'era in uso nell'antica Roma e nelle antiche civiltà guerriere. Un altro conto se invece ci mette l'artiglio lo Stato. In tempi bui ed oscuri come questi può diventare una terribile arma totalitaria per nemici scomodi. E anche un gran bel risparmio di cure sanitarie per lo stato predone.
Un' ultima cosa ai poco convinti "trasversali" di destra (a sinistra non ci provo nemmeno). Vi fidereste di una legge fatta dal Pd, da Gentiloni, da Renzi, dalle Boldrini e dai Grasso e altra pessima compagnia?


L'eutanasia, la vera eutanasia accompagnata da lunga agonia ce l'hanno inflitta  proprio loro sulla maggior parte dei cittadini italiani. E senza neppure l'assistenza. La morte non può essere mai dolce né buona e loro lo sanno bene.   Che siano maledetti!

--------------------------------------------------------------------------

Ti può interessare anche : Il problema della morte indotta o facilitata




74 comments:

Massimo said...

Grazie dell'apprezzamento che ricambio in pieno. Spiace rilevare come il coro dei "media" (che si dimostrano sempre più quella sentina di cui cui parla Trump) proietti sistematicamente l'idea che l'Italia "sia indietro" perchè non ha una legge che autorizzi la soppressione dei propri disabili, dei propri malati. E strombazzano sondaggi per cui il 60% degli Italiani sarebbe favorevole all'eutanasia (altrui, ovviamente). Ma non sempre le maggioranze, indotte dalla propaganda massiccia dei media, dimostra di azzeccarci. Nel 1989 fu l'89% degli Italiani a votare a favore dell'europa di Maastricht nel referendum consultivo a latere delle elezioni europee. Sappiamo che oggi quell'89% si è ridotto. E di molto. Ma è facile distruggere, difficilissimo costruire. E tornare indietro dopo aver passato il limite, è molto, molto difficile. Meglio non passarlo e restare "indietro" rispetto agli altri. Aspettando che rinsaviscano.

Nessie said...

Grazie Massimo, ma temo che non rinsaviscano ma che abbiamo il sacrosanto dovere di andare avanti lo stesso, lontani dalle sirene mediatiche, dai falsi opinionisti, dalle false crociate, dalle false idee ricevute dall'alto delle solite oligarchie. Si può e si deve combattere nella lotta per la Vita. Ma lottare per la Morte non ha proprio nessun senso.

Nessie said...

Qui una testimonianza interessantissima di un'allieva di Veronesi dapprima eutanasista come il suo Maestro, ma che poi ci ha ripensato a seguito di una sua malattia grave:

Da sani, ci si sente immortali. La morte è un problema degli altri. Nessuno vuole immaginarsi come sarebbe la propria vita in condizioni di grave disabilità. Ci fa paura, e se vediamo disabili gravi, spesso pensiamo che non avremmo il coraggio di vivere come loro


http://www.ilgiornale.it/news/salute/loncologa-allieva-veronesi-che-oggi-dice-no-alleutanasia-1369913.html

Anonymous said...

E' il solito giochetto di parole. Il suicidio è tale se alla volontà di morire si accoppia l'azione di uccidersi, altrimenti è comunque omicidio. Nel migliore dei casi, concorso in omicidio. Infatti Cappato si è auto-denunciato. Ma c'è bisogno di auto-denunciarsi in caso di omicidio ? L'assassino non viene più perseguito d'ufficio ?

Se a questi piace tanto la morte, ebbene, che gliela si dia. Che si attende, che ci facciano tutti fuori con i più fantasiosi pretesti ? Questa roba è peggio della pena di morte, che almeno verrebbe comminata solo in presenza di gravissimi reati. Qui si vuole dare ad un'oligarchia invisibile la decisione circa la vita e la morte; e non solo per gli individui malati, anche per i sani: soprattutto per questi.

IL SAURO

Anonymous said...

il problema è appunto la DISUMANITA' DI STATO imposta a tutti , perchè "accompagnare alla morte" i propri cari e prassi umana antichissima, che non richiede altro che il rifiuto di un accanimento terapeutico (es. inutili flebo), il resto DOVENDOLO fare il moribondo perdendo la sua volontà o capacità di vivere e a cui noi possiamo solo alleviare le pene di un travaglio inevitabile come inevitabile è il travaglio con cui si nasce.
In altre parole questo fabo e i suoi cari ( se veramente ne aveva) potevano affrontare questo passaggio senza piazzate e pretendere "leggi di stato" per gli altri.
Mostruose infatti sono le parole fatte leggere a questo povero disperato per la cui volontà di lasciare SERENAMENTE questo mondo bastava il semplice rifiuto di cure e cibo come facevano i nostri vecchi.
ws

Nessie said...

Un uccellino mi ha detto che oggi è un giorno speciale per il Sauro :-). Ovviamente quoto e straquoto. E mi auguro che intorno a questo tema ci sia il massimo della mobilitazione e della vigilanza. Questo è l'ultimo mattone del Muro della grande repressione oligarchica (the last brick in the wall, se vogliamo dirla con il testo di una famosa canzone). E mi pare evidente che non siano interessati tanto ai malati, quanto al controllo e decimazione della popolazione nonché alla sostituzione etnica. Vorrei proprio vedere Cappato partire con i negri malati che sbarcano qui, destinazione Svizzera.

Come al solito gli eufemismi soft (suicidio assistito, testamento biologico, legge di fin di vita) nascondono l'ennesimo atroce inganno, gli ennesimi abusi e raggiri.

Nessie said...

ws, vedo che intorno a questi temi c'è la massima attenzione. Il blocco dell'accanimento terapeutico dei casi disperati negli ospedali si fa già. E nessuno di noi ESSERI ragionevoli vuole infliggere sine die ai nostri cari, un accanimento di cure che alla lunga diventerebbero torture.
Ma ai compagnucci, come ben sai, non basta ancora. Loro la chiamano "ipocrisia". Per loro la VERITA' (la loro) è sempre rivoluzionaria (un'altra mistificazione gramsciana). Prelevare dal mucchio un dramma individuale (lo fecero già con il caso Englaro) per spingerlo con veemenza e violenza a decretare d'urgenza una legge "collettiva" con valenza generale uguale per tutti, è la loro specialità. Ormai siamo al "Collettivismo Etico" che dobbiamo respingere con ogni mezzo.

Anonymous said...

L'uccellino aveva ragione, anzi, ha sempre ragione in quanto tale. :-)
Il sauro festeggia oggi le nozze d'oro (o di diamante, o di platino, l'alzheimer incombe).

In mancanza di meglio, anche un vecchio sauro potrebbe ancora tirare al piccione con una certa precisione. Se è questo che vogliono, perchè negare le ultime volontà ad un moribondo ?

Perchè sono moribondi, se non si fosse ancora capito. Quindi è a loro che vanno applicate le leggi che vorrebbero per noi.

IL SAURO

Nessie said...

Esatto! moribondi aspiranti morituri. Intanto Marco Cappato (colui il quale si era battuto per i diritti dei pedofili) ha ottenuto pannellianamente il suo quarto d'ora di gloria.
A proposito, come mai che Pannella non si è prestato a fare da testimonial per l'eutanasia?

Curioso che questi Santoni della Morte, la vogliano somministrare sempre e solo agli altri!

Jacopo Foscari said...

Sono favorevole all'eutanasia per Napolitano

Nessie said...

Anch'io:-). Magari i suoi compagnucci gli faranno una bella festicciola di dipartita come hanno fatto altri compagnuzzi del Manifesto con Lucio Magri. Adesso poi ci sono ordini di Sagrestia da parte di certe parrocchie bergogliane di vietare le campane a martello ma di intonare le campane a festa.

Jacopo Foscari said...

Comunque la tanatofilia dei radicali è stupefacente. Sembrano quei santoni giapponesi che inducono al suicidio tutti i loro adepti. Peggio di loro sono i partitoni che li accolgono nelle loro fila, con tanto di doppia tessera, e ne appoggiano le politiche tanatofile senza batter ciglio, sebbene questi nel mondo reale non valgano il becco di un voto. Nel caso specifico trovo contro-natura sia la "dolce morte" che l'accanimento terapeutico, ma mi oppongo a prescindere a qualunque legge in merito. Su questa questione decida la coscienza individuale di ciascuno, lo stato e i magistrati non ci mettano becco

Nessie said...

Tanatofilia per i radicali è perfetto. E leggo che furono i primi ad utilizzare la finestra di Overton, quale tecnica manipolativa per farci accettare l'inaccettabile:

http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=319907:distruggere-la-finestra-di-overton&catid=83:free&Itemid=100021

La doppia tessera e la trasversalità fluida delle loro politiche ben si presta a far filtrare il discorso sovranazionale e autoritario delle élites. Guarda caso, se ben ricordi, si chiamava Partito Radicale Transnazionale.

La legge purtroppo la faranno con o senza il nostro consenso perché finora agli Abusivi di Palazzo preme solo rispettare la stramaledetta Agenda dei loro padroni. E i cani ubbidiscono sempre.

Nausicaa said...

Nessie, so che l'argomento è OT, ma a proposito di chiesa, in USA il Mercoledi delle Ceneri è diventato un rito LGBT e alle ceneri si deve spargere e mescolare insieme i brillantini (glitter):


http://www.ilgiornale.it/news/mondo/mercoled-delle-ceneri-diventa-rito-lgbt-1370199.html

Jacopo Foscari said...

Quel che è strano e che puzza Nessie è che questi, di loro, di voti ne han sempre presi ben pochi. Negli anni '70, il loro periodo di "massimo splendore", sono arrivati al massimo al 3.5%, eppure la DC e il PCI, che avevano dieci volte i voti dei Radicali si facevano dettare l'agenda politica da Pannella. E' questo che non torna e ti fa intuire come ci sia qualche cosa di "storto"

Nessie said...

Credo che una persona della tua intelligenza possa arrivare a capirlo benissimo. Col senno di poi (in questo caso, il mio) i Radicali rappresentarono una quinta colonna massonica dell'ONU in parlamento. Ragion per cui tutti se li coccolarono con doppio tesseramento (una sorta di doppia lealtà), con iniziative congiunte, (divorzio, aborto, obiezione civile, omosessualità con il FUORI di Angelo Pezzana, e ora eutanasia ecc. ecc. ) e perfino con forme di emulazione similari.

I Radicali sono stati i primi a portare le "rivoluzione colorate" sorosiane in Italia. E il bello è che continuano...Anche se sono dilaniati da litigi personali.

Nessie said...

PS: sono così vere le radici massoniche del Partito Radicale che Pannella stesso ha sempre rivendicato l'amicizia e collaborazione al giornale "Il Mondo" con Ernesto Rossi, uno dei firmatari de Il Manifesto di Ventotene con Altiero Spinelli ed Eugenio Colorni.

Questa Ue è proprio la realizzazione del massonico Manifesto di Ventotene. Tutto torna al pezzo.

Nessie said...

Nausicaa, le chiese protestanti è da mo' che sono delle congreghe di istrioni da canzone YMCA. Questa dei brillantini dentro le ceneri mi fa pensare che a breve avremo anche i boa di piume di struzzo al posto della stola dei preti.

Alessandra said...

Nessie:
Ma quel che pochi scrivono è che siamo precipitati in una deriva che porta, come nelle peggiori Distopie da incubo dei romanzi di fantascienza, alla soppressione degli "inutili" e dei "deboli" (anziani, disabili, malati, liberi pensatori, oppositori di regimi, ecc.)

È proprio questo il mio timore, più che mai fondato.
La legge sul biotestamento approderà in aula alla Camera il 13 marzo.

http://www.repubblica.it/politica/2017/03/01/news/biotestamento_aula_13_marzo-159515986/

Notare come si siano infervorati anche i 5 Stalle, tanto per non smentire il loro ruolo di falsa opposizione.
Sull'argomento, anche questo articolo:

https://giulianoguzzo.com/2017/02/28/dj-fabo-la-morte-e-quello-che-ci-nascondono/

Nessie said...

Ciao Alessandra,

Non avevamo dubbi sui 5 Stalle, dato che ce li hanno mandati in parlamento tanto per fare l'opposizione farlocca in stile Indignados e Syriza.

E' evidente che la tempistica sul caso Fabo sia sospetta, ed è ingenuo chiederselo come fa l'autore del secondo link che mi invii. Fabo è stato prescelto come acceleratore della discussione di una legge controversa. Altrettanto ingenuo sarebbe non voler collegare "suicidio assistito" ad "eutanasia".

Ma a che gioco giochiamo? Al gioco di AZZECCAGARBUGLI del vocabolario? Qui accadono le cose peggiori e noi stiamo ancora qui a giocherellare sulle "nuances" del lessico?

Ora vedrai che ci sarà la fiera del lessico tra "biotestamento", "testamento biologico", "legge di fin di vita", "eutanasia"... e via discettando sulla Treccani. Coi cani in parlamento che ci vogliono ammazzare.

La vera domanda è : affideresti il concetto di Vita e di Morte ai malfattori che ci stanno governando?

Anonymous said...

"Un conto è il problema del suicidio individuale così com'era in uso nell'antica Roma e nelle antiche civiltà guerriere"

Come fa una persona ridotta in quelle condizioni a farla finita in maniera autonoma?

Wile.

Nessie said...

Nel mio post non è in discussione la "persona Fabo" che come da premessa ho scritto "I drammi individuali non possono essere portati a parametro per spingere ad una legge con valenza generale. Questo, invece, accade, per opera di interessati propagandisti, ogni qual volta si apre l'opportunità per infliggere una nuova picconata ai Valori della nostra Tradizione Civile".

E' in discussione il principio in sé e per sé di una legge, la cui accelerazione parlamentare (il 13 marzo) cade in un momento particolarmente drammatico per il nostro Paese. Per una società che già si avvia verso la Morte ed Estinzione questa è una legge sbagliata nel momento sbagliato. Io la vedo così. Liberissimo tu, di credere diversamente.

Nessie said...

In parole più semplici e sintetiche: Fabo o non Fabo, il portare un caso limite ad una legge erga omnes è un'operazione meramente ideologica.

Anonymous said...

Come fa una persona ridotta in quelle condizioni a farla finita in maniera autonoma?

Si deve fare aiutare, evidentemente. Ma quante persone sono ridotte in quelle condizioni ?
1000 su 70 mln ? Nemmeno una decina. E allora perchè fare una legge per 70 mln di persone ? Meglio, perchè fare leggi che prima o poi dovranno valere per tutte le nazioni ?

Che poi a ben vedere è il criterio che vale anche per le altre leggi che sono così urgenti, come quelle sulla fecondazione assistita e l'adozione gay. Quante persone ne beneficeranno ? Sempre poche decine, se non meno, all'anno solo in Italia.

Inoltre, si deve distinguere se il malato è solo al mondo o se ha una famiglia. E se ha una famiglia, possibile che nessuno abbia il coraggio di assumersi la responsabilità di porre termine alle sue sofferenze commettendo un omicidio che sicuramente troverà mille attenuanti anche nella giurisdizione vigente ?

E sta tutto qui, al fine. Ormai nessuno ha coraggio, nessuno si vuole assumere le proprie responsabilità, e si finisce per delegare allo Stato (o all'ONU) la propria dipartita.
E abbiamo ben visto come siamo finiti a forza di delegare.

IL SAURO

Anonymous said...

http://www.maurizioblondet.it/metti-sera-magari-25-aprile-chez-pannella-vasco-rossi-clemente-j-mimun/

Una chiara sintesi della "mission" del Partito Radicale in Italia.


Giulio

Nessie said...

Giulio, a Pannella e ai suoi innumerevoli disastri ho dedicato anch'io un post che ebbe numerose letture sul web. Forse in pochi l'abbiamo capito, ma le rivoluzioni colorate sorosiane o su quel modello sono sbarcate in primis in Italia. E non ce ne siamo accorti che con la fine del suo guru :

http://sauraplesio.blogspot.it/2016/05/pannella-e-la-sua-rivoluzione-colorata.html

Jacopo Foscari said...

Nel caso specifico, qualora, chessò la fidanzata o un parente stretto del ragazzo avesse deciso di ascoltare le sue richieste e porre umanamente fine alle sofferenze sarebbe un altro discorso. In quel caso farei molta fatica a condannare il gesto perché probabilmente nella stessa situazione agirei allo stesso modo. Qui però il discorso è diverso, qui non parliamo di un familiare o compagno che preso dalla disperazione cede alle richieste del parente/amato e pone fine alle tremende sofferenze, qui parliamo di una vera e propria industria del decesso con tanto di listini a pagamento è questo ciò che mi fa orrore

Nessie said...

SAURO. I radicali sono i principali responsabili di questo gioco al massacro che ha il suo apice proprio in quell' eutanasia perseguita con cocciutaggine da 18 anni dall'associazione Luca Coscioni (propaggine dei Radicali) di Cappato. Eppure sul web e per forum viene esaltato e lodato come un grande benefattore CHE HA AIUTATO A MORIRE parecchie persone. Cercare e inseguire la morte per eutanasia, un un'epoca che è già fatta di morte, di tanatofilia e di nichilismo non è una buona idea. Dalle bombe umane dei kamikaze (la shahada islamica), alla movida con giovani morti in come etilico, ai rave party dove si ammazzano di droga in aperte campagne.

Direi che i Radicali arrivano con un certo ritardo a portare surplus della loro malefica medicina.

Nessie said...

Jacopo, qui la faccenda non è strettamente individuale e in riservatezza tra il poveretto e la sua fidanzata. Qui c'è un collegamento in mondovisione, affinché il mondo sappia... E di questi casi, aspettiamoci da qui all'approvazione della legge, il martellamento mediatico fino ad ottenerla con la solita violenza dei media.

A proposito, ho messo a Giulio il mio post su Pannella e i Radicali. Se ti è sfuggito, magari dacci un'occhiata, visto che ieri se ne è parlato.

Anonymous said...

@Nessie, @Sauro:

"Caro Dago, una donna di Padova che voleva abortire è stata respinta da 23 ospedali. Solo in Italia i medici obiettori hanno il potere di impedire, di fatto, un diritto fissato per legge"

E' un passaggio prelevato dalla "posta" di Dagospia.
In questo paese ci sono persone che vogliono imporre la propria morale agli altri ma le sensibilità individuali verso certe tematiche sono molto differenziate.
Ne consegue che anche le esigenze degli individui sono spesso molto differenti.
Nei limiti del buon senso, lo Stato dovrebbe tenere conto di tutti.
E' anche vero che ogni tanto succedono cose strane...

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/gay-possono-fare-genitori-anziani-no-arriva-appello-caso-142644.htm.

Wile


SILVIO said...

Il giudice Martina Flamini è “attenzionata dal Ministero della Giustizia

"La questione è all'attenzione del mio dicastero e ho già avviato accertamenti tramite gli uffici del ministero per verificare se la partecipazione a convegni a seminari di un'associazione che è parte in un procedimento rappresenti una violazione".

Lo ha detto mercoledì durante il question time il ministro Giustizia Andrea Orlando, rispondendo a un'interrogazione della Lega che è stata condannata per l'uso della parola 'clandestino' da parte di un giudice che risulta partecipare a convegni e seminari organizzato dall'Asgi , una delle associazioni hanno presentato denuncia contro la Lega.

Il giudice in questione è Martina Flamini, del Tribunale di Milano, e ha condannato la Lega a pagare 14mila euro per aver affisso nell'aprile scorso i manifesti "Saronno non vuole clandestini", in merito all'arrivo di 32 richiedenti asilo in una struttura vicino alle scuole della città lombarda.

La denuncia era stata presentata da due associazioni: Naga (associazione volontaria di assistenza sociosanitaria e per i diritti di cittadini stranieri, rom e sinti) e Asgi (associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione) , che ha come fine la "promozione di azioni anti discriminatorie" .

Come spiega sul proprio sito, l'Asgi si è costituita in giudizio con ricorsi civili e penali nell'ambito di alcuni procedimenti di rilevanza nazionale e in diverse cause e promuove una rete italiana di operatori e professionisti che sollevino presso gli organismi amministrativi e giudiziari le questioni sul tema.

Come confermato nel question time dal ministro, uno di questi soggetti sarebbe proprio la Flamini, che avrebbe parte attiva all'interno dell'associazione, partecipando agli incontri che organizza.

L'interrogazione a risposta immediata, presentata dai deputati della Lega, metteva in evidenza che , richiamando inoltre il "presupposto processuale dell'imparzialità e terzietà del giudice" .

I parlamentari hanno fatto presente che "la dottoressa Martina Flamini ha più volte, e con continuità, tenuto conferenze presso uno dei due ricorrenti - l'Asg - su temi attinenti al diritto della protezione internazionale nelle seguenti date:

21 febbraio 2014, 18 marzo 2014, 13 marzo 2015, 25 novembre 2015, 7 marzo 2016 e 13 settembre 2016" sollevando quindi "il forte dubbio che il giudice possa non essere imparziale e terzo" .

_____________

“Il Populista” – limk
http://www.ilpopulista.it/news/1-Marzo-2017/11312/clandestini-vietato-il-giudice-ai-convegni-dell-associazione-che-fece-denuncia.html

Anonymous said...

Wyle: qual'è la minoranza che vuole imporre la propria morale agli altri: gli eutanasisti o gli obbiettori ?
Ma siccome uno Stato non è morale almeno fino a che non diventa etico ci sono leggi che tutti i cittadini s'impegnano a rispettare. Quindi si chiede di non rispettare la legge per accomodarsi alla morale di pochi. Stessa cosa che si chiede quando si concedono i diritti del cittadino a chi non ha i requisiti. Non è la stessa cosa ? Non si intravvede una stessa strategia celata ?
Infatti, chi vuole farsi ammazzare in santa pace va dove la legge lo consente, non pretende che tutti decidano di farsi ammazzare con lui, Che siamo indù ?
Come nel passato: c'erano diversi modelli politici e chi non sopportava di vivere nella propria nazione se ne andava altrove. Da solo. Invece il cambiare per tutti sulla base delle istanze di pochi è la solita prassi rivoluzionaria, anche se astutamente celata.

IL SAURO

Nessie said...

SILVIO, ho sentito che la Magistrata è un'acerrima nemica della Lega. E ça va sans dire circa la terzietà e imparzialità dell' assurda accusa:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/toh-giudice-che-vieta-parola-clandestini-era-nemica-lega-1370386.html

Ho provveduto a ripetere copiaincollandolo, il tuo commento al post sottostante "Le parole vietate e il ddl Gambaro".

Mi rendo conto che ci sarebbe stato ancora molto da scandagliare, ma qui siamo come dei pugili suonati su un ring che non fa che distribuire quotidianamente gragnuole di pericolosi cazzotti. E l'ultimo è l' EUTANASIA .

Gradirei pertanto avere una tua opinione circa il nuovo topic in oggetto, dal momento che a breve ci rifileranno un'altra pessima legge.

Nessie said...

Non mi si apre il link di Wile.

SAURO. Forse sarò malpensante ma temo che il provvedimento di Nicola Zingaretti - governatore del Lazio nonché fratello del famoso Luca Zingaretti, interprete dei vari sceneggiati su Montalbano - temo che non voglia riferirsi e punire tanto i medici obbiettori della legge 194 che bene è male è stata assorbita, quanto all'imminente legge sull' eutanasia che è in discussione il 13 marzo alla Camera. Insomma, Zingaretti, a mio modesto avviso, si porta avanti con l'agenda e non vuole avere intralci :

http://www.ilgiornale.it/news/aborto-assunti-medici-non-obiettori-cei-accusa-diritto-1367619.html

La Lorenzin ha dichiarato che anche in presenza di medici obbiettori, il servizio di interruzioni di gravidanza è comunque garantito.

Nessie said...

@ TUTTI. Vi prego di leggere queste interessanti affermazioni di Ettore Gotti Tedeschi (ex banchiere dello IOR della S. Sede) su vari temi che stanno affliggendo l'Occidente in questi ultimi tempi:


http://formiche.net/2017/02/20/limmigrazione-la-chiesa-loccidente-parla-ettore-gotti-tedeschi/

Aldo said...

La spiegazione di questa schifosa "fame di eutanasia" da parte delle dirigenze tutte la leggi facilmente con una rapida occhiata a questo grafico.

Noterai che la "gobba" dei Grandi Pagatori (le generazioni degli anni '60), nonostante le riforme per la sensibile e disumana procrastinazione dell'eta di pensionamento, si avvicina rapidamente al momento in cui passerà da massa fornitrice di ricchezze a massa assorbitrice di ricchezze. Al momento, l'accanimento terapeutico costituisce un enorme affare che porta chi ha in mano il timone a considerare un insignificante nulla le sofferenze di chi l'accanimento subisce, quelle sofferenze che garantiscono che i Grandi Pagatori spendano le loro sostanze nel tentativo di supportare i parenti più anziani. Quegli anziani non devono (e dunque non possono) morire fintanto che sono il mezzo per spremere i Grandi Pagatori facendo leva sul più che ovvio e comprensibile senso morale corrente. In poche parole, fin'ora l'eutanasia non è convenuta e tutt'ora non conviene.

Si profila però il momento in cui i Grandi Pagatori smetteranno d'esser tali, ed ecco quindi che iniziano i lavori (che dureranno dieci o vent'anni) per invertire il sentire comune, inizia la propaganda per far apparire desiderabile quella pratica che fino ad ora è stata altrettanto propagandisticamente dipinta come ignobile. Il drenaggio di ricchezza si farà a breve impossibile per questioni puramente numeriche, e gli ormai ex Grandi Pagatori dovranno essere smaltiti nel più breve tempo possibile per limitare il danno (economico).

Son sempre stato e resto tutt'ora un sostenitore dell'aspetto caritatevole dell'eutanasia e del valore del riconoscimento del diritto di ciascuno a fare della propria vita quel che preferisce, quando preferisce e come preferisce quando le intenzioni sono sinceramente orientate alla carità e al rispetto. Epperò non posso che dichiarare con sdegno la mia profonda sensazione di SCHIFO nei confronti delle "persone" che propongono (leggi: impongono) ORA la loro falsa empatia verso i sofferenti all'unisco scopo di ricavare ulteriori utili dal DISPREZZO per quelli che evidentemente considerano non già persone, ma semplici capi di bestiame.

Per QUESTE motivazioni, occorre che un'eventuale legge che dia la stura alle pratiche eutansiche non deve essere accettata IN QUESTO MOMENTO e ancora per almeno un quarantennio. Dirigenze davvero interessate agli aspetti etici di eutanasia e suicidio assistito avrebbero stretto i tempi sessant'anni fa, non ora. Ora, quelle dirigenze non fanno altro che SCHIFO e PUZZA. Un tanfo immondo come si narra sia possibile sentire solo all'inferno.

Anonymous said...

Vogliono trasformare i medici in boia per forza. E con tutti i boia che ci sono in giro non ce n'è uno che li ammazzi tutti e risolva il problema alla radice.

IL SAURO

SILVIO said...

Nessie,

conosci bene la mia posizione sull’eutanasia .
Fui (fummo) tra i primi a denunciarne l’esistenza – postando su Jacques Attali nel lontano 20\2, c/o blog di Marcello Foa - tra le nefandezze che l’agenda del NWO globalista-comunista fabiano intendeva portare avanti .

Ma ritengo che oggi tale nefandezza non sia all’ordine del giorno per tutta una serie di ragioni, come le seguenti:

1- L’élite psicopatica non ha urgente bisogno di imporre per legge l’eutanasia giacché ha già provveduto ad uccidere lentamente – giorno dopo giorno – gli anziani e le altre creature più deboli ed esposte tramite i letali aerosol (= scie chimiche) irrorati da aerei militari ( NATO) e civili.
A tal proposito, segnalo:
a) - Lettera indirizzata al Presidente Donald Trump da parte di “STATE OF NATION” ( storico sito americano , incondizionatamente pro-Trump) con preghiera di far cessare subito le predette irrorazioni delittuose:
“President Trump, Please Shut Down The Chemtrails… …Before It’s Too Late!”
= ”Presidente Trump, La preghiamo di spegnere il scie chimiche ... ... prima che sia troppo tardi!
http://stateofthenation2012.com/?p=66817#more-66817

b) - Il monito di Vladimir Putin rivolto all’Occidente per far cessare gli esperimenti della geo ingegneria criminale (= Scie chimiche + Haarp) :
“Vladimir Putin Accuses Western Governments Of ‘Geoengineering Warfare” = “Vladimir Putin accusa i governi occidentali di utilizzo della geo ingegneria per scopi bellici” :
http://yournewswire.com/putin-geoengineering-warfare/

2 - ”Il NWO globalista-comunista fabiano” è visibilmente alle corde, al punto che Paul Krugman ha incitato i “Dem’s” a ” resistere!, resistere!, resistere!”

3 - L’abusivo governo Gentiloni (imposto da re Giorgio II, alias Sergio Mattarella) naviga a vista, in un mare disseminato di scogli taglienti come lame.
Ha altro a cui pensare: altro che una legge sull’eutanasia!

Esempio : alla futura manovra economica (lacrime e sangue!) con cui taglieggerà gli italiani con nuove tasse e riduzioni della spesa pubblica per complessivi 35- 40 miliardi di euro.

Ovvero, alla possibile rottura dell’Unione europea .

L’ha ipotizzata Jean-Claude Juncker presentando alla stampa il suo “Libro bianco, dopo aver ripreso un rapporto di un think tank molto vicino a Carlo De Benedetti.
___________________________
Ah, dimenticavo.
Nel suddetto rapporto, c’è anche scritto che l’Italia potrebbe spezzarsi in due tronconi!

Nessie said...

Caro Aldo, questa volta quoto al 100% il tuo intervento. Io non criminalizzo di certo chi volesse farla finita per ragioni del tutto personali e lontano dagli strombazzamenti mediatici. Ma il problema è politico (oltre che etico) e uno stato criminale che si prende la briga di decretare chi deve essere eliminato e chi no, non merita alcuna credibilità in materia legislativa. A una congrega di delinquenti come quella che ci sgoverna abusivamente non posso e non voglio dare la possibilità di decidere della mia vita e della mia morte.

Nessie said...

Bella Sauro! :-)

Nessie said...

Caro Silvio,
questa volta non posso condividere il tuo ottimismo in materia di eutanasia. Sono ovviamente d'accordissimo con tutti gli altri punti che presenti (1, 2, 3 ) circa l'agenda mondialista. Ma tutto ciò, non toglie che la formulazione di una legge sull'eutanasia (coperta da altro eufemismo) sia già stata dichiarata a chiare lettere proprio da Gentiloni durante la sua visita a Milano, sulla scia dell'ultimo fatto costruito surrettiziamente ad hoc: il suicidio svizzero di DJ Fabo. E le agenzie ne danno conto, anche se poi lui lo chiama astutamente "testamento biologico". Spero tu non sia tanto ingenuo da credere al solito giochetto degli eufemismi:

http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2017/02/28/dj-fabo-gentiloni-confronto-e-doveroso_f3260f55-e02e-477a-b2e0-5680aa19925b.html

In ogni caso, sarebbe prudente prima di lanciarsi in previsioni, attendere il 13 marzo e vedere come andrà a finire con le forze politiche in campo.

Inoltre va detto che viviamo già in uno stato laicista, materialista e sempre più Etico (leggi totalitario) chiamato a smantellare definitivamente tutti i valori cristiani cattolici. E tutto ciò è più palese anche nelle ultime sentenze giuridiche di Trento con un piccolo affidato a due uomini omosessuali che lo hanno avuto da un ovocita di una donna, impiantato sul corpo di un'altra.

Purtroppo viviamo l'inversione diabolica e satanica a tutti i livelli.

Nessie said...

MI correggo: non "affidato", ma dichiarato figlio di di due "genitori".

Nausicaa said...

In ogni caso, questa è la legge sul testamento biologico della quale si discuterà in parlamento il 13 marzo:


http://www.ilfoglio.it/politica/2017/03/01/news/cosa-dice-la-legge-sul-testamento-biologico-che-va-in-aula-il-13-marzo-123091/

SILVIO said...

Capisco il tuop punta di vista, Nessie.

Ma non sono assolutamente d’accordo.

Nessie said...

Succede anche nelle migliori famiglie, Silvio.

Nessie said...

Grazie Nausicaa. La leggerò con estrema attenzione, ma ad occhio sembra proprio un primo passo, un preludio a quanto temo.

Anonymous said...

Il testamento biologico non ha nulla a che fare con la soppressione degli "improduttivi" stabilita per legge (concordo che in certi ambienti sarebbero solo che felici di darci una bella sforbiciata).
Si tratta di dare una possibilità a tutti quelli che la vogliono fare finita in una maniera dignitosa, è una scelta individuale.
E come tutte le scelte individuali, se non vanno a danno di altri, va rispettata.
Si sta parlando di questo, solo di questo.
Per fortuna, per fortuna ripeto, si parla di piccoli numeri, quindi Santa Romana Chiesa può stare tranquilla il suo business non è in pericolo.
Lasciamo fuori il sopranaturale (mia personale opinione ovviamente, ognuno faccia come crede) e ragioniamo razionalmente, sempre.
Ricordiamoci che ci stiamo confrontando con "demoni" molto terreni, razionali e pratici.
Tanto per dire:
http://www.zerohedge.com/news/2017-03-02/tyranny-cashless-society-coming

Wile.

Nessie said...

Wile, se permetti preferisco farmi delle opinioni personali spulciando paragrafo per paragrafo di questo controverso biotestamento, sul quale - stanne certo - ci sarà una grande spaccatura delle forze politiche. Come se ci fosse bisogno di spaccarsi e di spaccare la società ulteriormente. Vedo che è un bel malloppo burocratico...


Poi ci sono anche i demoni economici e finanziari che mi linki, ma questo è un altro discorso. Considerevole, certo, ma del tutto OT.

Anonymous said...

Curioso, che si parli in questo articolo di testamento biologico ma poi ci si metta bene n vista, una bella cartina geografica di quei paesi che dispongono già dell'eutanasia:

http://www.tgcom24.mediaset.it/politica/biotestamento-dopo-2-anni-di-iter-legislativo-e-3-rinvii-mercoledi-il-ddl-dovrebbe-approdare-a-montecitorio_3058952-201702a.shtml

quindi penso che questo biotestamento sia solo uno step graduale

Paoletto

Nessie said...

Ciao Paoletto, infatti lo scopo è quello. Mostrare una serie di paesi cosiddetti "civilizzati" che dispongono dell'eutanasia, per far vedere che noi siamo "arretrati" in materia. Praticamente dei bru-bru.

Sì il testamento biologico non è l'eutanasia ma può essere uno step, un preludio.
In ogni caso va analizzato e riflettuto bene paragrafo per paragrafo perché come al solito, il diavolo si annida nei dettagli. Vedremo se sarà il caso di aggiornare il blog con un altro post più specifico sul tema quando ci sarà il famoso dibbbattito.s

Aldo said...

Il testamento biologico, pur bella iniziativa in tempi non sospetti (non oggi, dunque), è un cavallo di troia lasciato davanti alle porte della coscienza collettiva per prepararla all'invasione della propaganda vera, quella che subdolamente rivelerà i suoi frutti avvelenati non prima di dieci/venti anni.

Non secondario: uno dei tormentoni oggi comunementi ricorrente in più ambienti è quello della presunta necessità di "formazione". Pregasi soffermarsi sui significati meno appariscenti del termine "formazione", che è un termine assai meno positivo di quel che può sembrare a prima vista.

Nessie said...

Cavallo di Troia dell'eutanasia, suppongo. Una curiosità: come mai agli allogeni colorati non si prepara mai nulla di simile, mentre ci si accanisce coi più deboli rigorosamente "nativi"?
Nel mentre, si lasciano andare in libertà o con pene miti, il fior fior di delinquentoni che non pagano mai il fio delle loro colpe.

Credo che faccia parte anche questo del pacchetto di misure (o contromisure) demografiche.

Aldo said...

Cavallo di troia per la "formazione" di un nuovo modello di interpretazione del concetto di cura (nel senso di assistenza, supporto) "amorevole" nei rapporti intergenerazionali. Per come la immagino...

Il modello corrente (appositamente "formato" in tempi precedenti con le tecniche di propaganda allora disponibili) prevede il prolungamento a tutti i costi della vita dei propri cari per non dover fare i conti con la sensazione d'essere bestie senza cuore.

Il modello che si sta gradualmente introducendo (siamo in una fase di cauta e graduale "formazione" che si protrarrà ancora nei tempi che ho già indicato) prevede l'indirizzamento verso scelte distruttive sia nella forma per la quale gli anziani vorranno liberare i propri cari da un "peso" per non sentirsi loro bestie senza cuore [1] sia nella forma per la quale i più giovani cominceranno a pensare che è caritatevole liberare i loro vecchi dal peso d'una vita fattasi (così dirà la propaganda, così cambierà il senso comune) "un peso" o "non più degna" [2].

Come ora, tutti convinti di agire per il meglio, perché così si sta plasmando quella nuova cultura che vuolsi colà dove si puote quel che si vuole. Il gregge provvederà a seguire il modello, imposto con la suadenza delle più recenti tecniche di persuasione di massa.

[1] con un gusto del surreale potremmo chiamarla autodistruttività costruttiva
[2] potremmo considerare questo secondo atteggiamento complementare della autodistruttività costruttiva

Nessie said...

Ottimo. Si tratta in ogni caso di Trattati internazionali imposti. Dicasi Convenzione di Oviedo alla quale l'Italia non ha aderito in tutti i protocolli relativi alla bioetica. Per questo saremmo "in ritardo":

http://www.treccani.it/enciclopedia/convenzione-di-oviedo_(Enciclopedia-della-Scienza-e-della-Tecnica)/

e come sai, quando sento il termine "internazionale", la mano corre alla pistola :-)

Jacopo Foscari said...

Dibattito? Quale dibattito? L'Or signori han già deciso tutto, non c'è bisogno di nessun dibattito. Eutanasia senza se e senza ma, possibilmente anche per minorenni come nel futuro califfato del Belgio. Al massimo ci sarà qualche pagliacciata in stile "Family Day" per rabbonire chi ancora ci casca ma poi l'agenda andrà avanti come sempre

Nessie said...

Jacopo, non mi sono piaciute le posizioni di FI, FdI e anche La Lega con la solita menata della "libertà di coscienza" in aula.
Un partito che non si assume le responsabilità delle sue scelte all'unisono, non lascia presagire niente di buono. Comunque il 13 vedremo.

OT: stasera ho visto LA LA LAND. L'ho trovato un regaluccio riposante. Niente scene di violenza, di droga, di squartamenti ecc. Alla fin fine, di questi tempi sembra quasi una rarità.

Alessandra said...

Sulla carta sembra che non ci saranno grossi ostacoli all'approvazione di questa legge visto che PD e M5S sono favorevoli.
La Lega è contraria, ma qualcuno potrebbe raccogliere l'appello di Zaia e avvalersi della libertà di coscienza.
Il voto sarà segreto, staremo a vedere.
Comunque sì, la strategia è quella, "step by step", un po' come quella per lo ius soli che la Fedeli vuole farci digerire un po' alla volta cominciando a dare la cittadinanza ai figli di immigrati che frequentano scuole italiane, poi passo dopo passo proveranno a raggiungere l'obiettivo finale.
Dato che il biotestamento potrebbe essere un prodromo all'eutanasia e al suicidio assistito, ecco un articolo che spiega quali rischi potremmo correre in futuro.

http://www.libertaepersona.org/wordpress/2016/09/rischi-e-abusi-nei-paesi-che-hanno-legalizzato-l%E2%80%99eutanasia-eo-il-suicidio-assistito/

In alcuni Stati in cui queste pratiche sono legali già da alcuni anni, la situazione è inquietante: non solo si è registrato ovunque un aumento delle morti, ma alcuni medici e bioeticisti hanno denunciato irregolarità, abusi, uccisioni "utili" all'abbattimento dei costi della sanità pubblica e al traffico d'organi.

Nessie said...

Grazie Alessandra, articolo molto interessante. Sì il biotestamento è in effetti un prodromo e anche una sorta di "preparazione propedeutica". Non mi stupirebbe se sorgeranno perfino "figure professionali" (si dice così) ovvero psicologi che ti preparano al rito dell'accettazione della Signora con la falce. O consulenti per la compilazione del biotestamento. Magari piazzati in pianta stabile presso gli ospedali e perciò anche ben pagati. Naturalmente sto facendo un po' di fantapolitica. Ma poi, alla fin fine, per come galoppano le cosa, mica tanto!

Ti invio sulla stessa lunghezza d'onda dell'articolo che mi linki anche questa interessante testimonianza di un tetraplegico che scrive al direttore di Avvenire:

https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/a-me-triplegico-leutanasia-fa-paura-ascoltiamo-anche-lui-la-politica-ascol

Anonymous said...

La Lega è contraria, ma qualcuno potrebbe raccogliere l'appello di Zaia e avvalersi della libertà di coscienza..

bene adesso sappiamo di che pasta (sistemica) è fatto Zaia che dovrebbe occuparsi di veneto e non di "eutanasia di stato" ( perché la sostanza è quella).

Il problema infatti non e' nei "principi etici", in italia il "suicidio" non è probito e nessuno corre alcun rischio ad "assistere" il suicidio di chicchessia manco ad "autodenunciarsi " come quel buffone di cappato, Il problema e' invece nella "prassi criminale" che già c'è e a cui verrebbe data completa diffusione e "copertura legale" quali le sistematiche "uccisioni ospedaliere" di cui ogni tanto viene a galla qualche punta di iceberg.
ws
ws

Nessie said...

ws, ho già espresso la mia contrarietà alla formuletta ipocrita e pilatesca della "libertà di coscienza". E se Zaia sostiene questo, non ci fa una bella figura.

Penso tu stia alludendo al Protocollo Cazzaniga , con quei due funzionari sanitari di Saronno che hanno reso tristemente famigerata quella struttura ospedaliera, dove molte persone entravano per curarsi e uscivano in posizione orizzontale su una bara. Mi piacerebbe sapere a tale scopo che fine ha fatto quell'inchiesta e perché è caduta nel cono d'ombra dei media. Molti là dentro sapevano, ma hanno taciuto. Le omertà e complicità sono tante.

Capirai, non c'erano posti letto, ed era un metodo sbrigativo, per liberare spazio.

Jacopo Foscari said...

Libertà di coscienza? Se TUTTI fossero d'accordo a lasciare libertà di coscienza ai rispettivi parlamentari sul tema se ne potrebbe parlare, ma visto che il PD e il PD a 5 Stelle saranno uniti e compatti come sempre ad aprire la finestra di Overton, per quale ragione bisogna lasciar loro il lavoro facile senza manco uno straccio di opposizione?

Nessie said...

Hai perfettamente ragione. Ma ormai sono tutti diventati "liberali", liberal , libertari e Progressisti, e hanno tutti fifa di farci la figura del "bigotto". Tutti quanti lì, con l'illusione che si tratti di una "conquista liberale" il regalare a questi fior di farabutti che ci governano, financo il potere di venire soppressi.

Chi ci garantisce, con la pessima aria che tira, che si limiteranno ai casi realmente pietosi ?

A proposito di 5 Stalle, hai sentito che una tal eurodeputata pentastallatica, una tal Laura Ferrara ha fatto una relazione d'accusa per togliere l'immunità parlamentare a Marine Le Pen? I peggiori li abbiamo tutti da noi.

Aldo said...

La motivazione della richiesta di revoca dell'immunità a Le Pen è a dir poco assurda - aver mostrato la crudezza dei fatti. Allora come la mettiamo con l'abitudine di mostrare anno per anno ai bambini le immagini raccapriccianti dei campi di sterminio tedeschi d'un tempo? Incriminiamo tutti quelli che indulgono in quel macabro vizietto, dal primo all'ultimo, visto che anche loro mostrano la crudezza dei fatti?

Nessie said...


,Saprete anche perché Marine Le Pen ha pubblicato le foto delle decapitazioni con la scritta: DAESH è Questo! Ciò, perché era stata provocata: il 16 dicembre 2015, alla radio RMC, avevano paragonato l’ascesa del Front National a DAESH; dunque rispondeva a questa provocazione offensiva quanto demente.

http://www.maurizioblondet.it/provocano-linsurrezione-cosi-ciechi/

Jacopo Foscari said...

Sentito, sentito della grullina che in cambio ha pure avuto una poltroncina in qualche inutile commissione dell'inutile europarlamento. L'augurio che tra un mese e mezzo Marine Le Pen non abbia più bisogno dell'immunità dell'europarlamento in quanto presidente della Francia

Nessie said...

Questa Laura Ferrara fa il paio con Adele Gambaro, anche lei proveniente da area pentastallatica nonché autrice del pessimo ddl sulle fake news e la censura nel web. Mettiamoci un bel nodo al fazzoletto e non dimentichiamo questi due nomi grulli!

Aldo said...

Oh, guarda che caso! Proprio in questo istante la mia compagna sta guardando una fiction ("Che Dio ci aiuti 4" - Rai 1) nella quale CASUALMENTE si sviluppa una vicenda che coinvolge una donna malata terminale che chiede l'eutanasia/suicidio assistito e lamenta di non poter andare in Svizzera perché un parente "cattivo" non glielo permette. Interessante coincidenza, eh?

Nessie said...

Già, strana coincidenza, eh? Soprattutto casuale...

Non disponiamo più di intrattenimento basato sulla gratuità della rappresentazione in sé, ma di tribune, tribunette, pulpiti e "pipponi" ideologici a orologeria, a tutte le ore. E quando la politica si militarizza in questo modo allargandosi e occupando tutto, significa solo una cosa: dittatura e regime.

Jacopo Foscari said...

Vero, e non dimentichiamo tutti quei transfughi grullioti che tengono in piedi la maggioranza piddiota al Senato. Grillo ha proprio portato il meglio della società. Grillo amava parlare di "PDL e PD meno L" ai tempi per sottolineare la quasi totale identità di vedute tra l'allora PDL e il PD. Ora, per parafrasare lo stesso Grillo direi che possiamo parlare di PD e PD a 5 Stelle visto che gratta, gratta e alla fine della fiera di differenza reale tra Piddioti e Grullioti ce n'è ben poca. Anzi, a pensare malissimo, la tormenta giudiziaria sul Putto Fiorentino e la sua Famiglia (da intendersi nel senso siciliano del termine) cade proprio a fagiuolo, giusto giusto per rimuovere quello che è l'unico ostacolo a un governo PD-5 Stelle dopo la prossima tornata elettorale.

Nessie said...

E' assai plausibile, Jacopo. Intanto c'è una sclerata di Sgarbi contro il garantismo a corrente alternata di Grillo: garantista con la Raggi e i suoi siciliani sotto inchiesta ma forcaiolo col padre di Renzi.

http://www.imolaoggi.it/2017/03/05/sgarbi-a-grillo-sei-un-comico-nato-morto-seguito-dagli-automi/

Jacopo Foscari said...

Il garantismo a corrente alternata è ripugnante, ma il PCI-PDS-PD ha poco da lamentarsi. Difatti Grillo in questo caso sta solo applicando le lezioni dei maestri, ovvero il PCI-PDS-PD che per vent'anni ha fatto il forcaiolo con Berlusconi e il garantista con le proprie centinaia di indagati. A me il giustizialismo forcaiolo fa orrore a prescindere e per quanto detesti Renzi (e la sua "Famigghia") voglio che questi venga battuto nelle urne e non nelle aule di tribunale. Per cui mi fa orrore non solo il giustizialismo forcaiolo grullino, ma anche quello di Salvini che voterà la sfiducia a Lotti insieme ai grullioti. La sfiducia a Lotti, Boschi e soci va votata in quanto governanti incapaci e inetti, non per andar dietro a teoremi giudiziari

Nessie said...

Questo è verissimo. Ma i "rivoluzionari" (per me eversivi) si vantano di non avere l'obbligo della coerenza. E come vedi, i mezzi (pessimi) giustificano il loro fine. Questo vale per il PCI-Pd come per i 5 stalle.

Jacopo Foscari said...

Intanto leggiamo bene qui, perché tra qualche decennio toccherà pure a noi lo stesso destino

http://www.zerohedge.com/news/2017-03-05/its-declaration-war-south-africas-president-calls-confiscation-white-land

Nessie said...

Spero ancora che il nostro popolo, ma soprattutto quello di altre nazioni europee, rinsaviscano. Anche questa è eutanasia di una civiltà. Dobbiamo ritrovare innanzitutto gli anticorpi in noi stessi.