14 July 2016

La Santa Inquisizione Immigrazionista




Ho aspettato che passasse la canea delle jene inferocite, prima di parlare dei fatti di Fermo e della morte del nigeriano Emmanuel Chidi  Nnamdi. Ho perfino inghiottito l'affronto di vedere le due suorine infilzate Boldrini e Boschi in funzione di prefiche ai funerali del nigeriano. Ricordo che quando il ghanese Mada Kabobo assassinò barbaramente con un  piccone ben  tre italiani (di cui uno molto giovane, di 24 anni) ferendone gravemente altri cinque, non solo le false lacrimatrici non presenziarono alle esequie, ma non ci andò nemmeno il sindaco Pisapia. Ricordo che Laura Boldrini ebbe la faccia tosta di mettere in dubbio che fosse lui l'autore della strage, lui che pure venne fotografato mentre si aggirava come un'automa nel quartiere milanese del Niguarda con tanto di piccone in mano. Ricordo che crepano quasi quotidianamente tanti poveri pensionati  torturati e rapinati in totale solitudine e indifferenza, nei loro appartamenti per  venir derubati di poche centinaia di euro;  che vengono stuprate, borseggiate, rapinate e molestate molte donne di tutte le età a causa di un'immigrazione fuori controllo; che buona parte degli "ubriachi al volante" che distruggono intere famiglie e travolgono passanti (spesso bambini) anche sulle strisce pedonali, o guidando contromano sui tratti autostradali provocando incidenti mortali, sono stranieri strafatti di alcol, di cocaina e di eroina. Pertanto, autentiche bombe umane in libertà. Mi ricordo di tutto e sta tutto scritto nei fatti di cronaca quotidiana. Per il caso Kabobo, basta  consultare  il mio post "A parti invertite", con gli ottimi commenti di Silvio. Il Ministero dell'Interno si rifiuta di etnicizzare i reati e basta consultarne il  suo sito per capirlo. Il suo postulato è: siamo tutti uguali di fronte al crimine. Cécile Kyenge, (già eletta con lungimiranza Ministra per l'Integrazione dal governo Letta) è tra le più accanite pasdaran della "non etnicizzazione dei crimini". Eppure li si vedono tutti, questi delitti, e si vedono anche i loro autori.  E se ne constatano anche gli effetti disastrosi.

 Però, guarda caso, si etnicizza e si ideologizza (mi si perdoni questi neologismi di comodo) solo quando trattasi di cittadino italiano. Che in quanto bianco e italiano, non può che essere razzista, xenofobo, fascista e nazista, ultrà o almeno naziskin. Hanno fatto carte false per vanificare e rendere nulle le testimonianze che raccontavano la versione di un Mancini aggredito con un cartello stradale come quella di Pisana Bachetti, la quale è stata anche intimidita e minacciata, per farla desistere dall'esporre la sua verità dei fatti.  La narrativa del povero africano aggredito dal biancone malvagio è stata in quattro e quattr'otto sposata dai media ufficiali. L'indomani della morte di Emmanuel il Corrierone aveva una pagina formato lenzuolo della sua foto con la moglie che campeggiava al centro pagina.
Perché in via Solferino non hanno pensato a suo tempo, a mettere in prima pagina le foto delle tre vittime milanesi uccise da Kabobo in quel tragicissimo 11 maggio 2013? Eppure  si trattava  di onesti cittadini italiani. Ricordiamoli con tanto di nome e cognome e non dimentichiamoli, come non dobbiamo dimenticare le  migliaia di nostri onesti connazionali uccisi per mano straniera, grazie a quella che è una deliberata "liberalizzazione del  crimine" senza limiti e confini adopera delle oligarchie eurocratiche :


Daniele Carella (anni 24),
Alessandro Carolé ( anni 40)
Ermanno Masini (anni 64)

Il ghanese Kabobo autore  della strage del Niguarda: uccise tre italiani col piccone

Sapete quale pena è stata inflitta allo stragista ghanese? Malapena 20 anni. Che diviso per tre fanno poco più di 6 anni per omicidio. Robetta, che ovviamente non sconterà nemmeno tutta. Era emarginato poverino, perciò va capito! Oltretutto pare che non fosse vero, quell'alibi secondo cui sentiva le voci come avviene per la schizofrenia e che volesse vendicarsi per la vitaccia che questi bianchi  infami l'hanno costretto a fare. Gli avevano promesso l'Eldorado ed era deluso. Ma in quel caso, nessuno ebbe a pronunciare l'accusa di "razzismo" né di strage a sfondo etnico. E non dimentichiamo che i tre poveretti ferocemente trucidati nella stessa mattinata e alla stessa ora, ebbero funerali disgiunti, per impedire ogni  eventuale "strumentalizzazione" come ebbe a dichiarare vergognosamente Pisapia che non partecipò nemmeno alle esequie. Vogliono far morire di rabbia, di sdegno e di dolore i loro poveri parenti dalle vite distrutte e se questa non è xenofilia con tanto di immorale razzismo antiitaliano, ditemi voi cos'è. Ma torno ai fatti più recenti. Alla vicenda di Amedeo  Mancini, che con ogni evidenza non avrà lo stesso mega sconto di pena di Kabobo, dato che è italiano.
Emmanuel Chidi e moglie. Nel riquadro, Amedeo Mancinì

Quando si prescinde dalla precisa ricostruzione dei fatti e si sparano subito sentenze su stampa e televisione, la civiltà è già morta. Perché una testimone che ha “osato” dire che l’aggredito era l’italiano è stata minacciata? Come fa un prete a sapere le cause di morte prima della conclusione dell’autopsia? Quali garanzie di un giusto processo ci saranno, in questo clima di isteria? (...)
(...)se l’Italia fosse ancora un paese civile si aprirebbero delle indagini, al termine delle quali si potrebbero formulare uno o più capi di accusa verso ignoti o verso persone identificate da rinviare a giudizio. Inutile aggiungere che le indagini comportano interrogatori di testimoni, esami autoptici, acquisizione di eventuali filmati del fatto. Inoltre, e non è davvero cosa secondaria, dove si giunga all’identificazione dell’uccisore, sarà necessario stabilire se questi possa invocare una causa esimente da pena (quali, ad esempio, la legittima difesa e lo stato di necessità) e se non vi sia stato un eccesso colposo nell’esercizio del diritto di legittima difesa. All’opposto, si deve anche indagare se invece non vi sia stata la precisa intenzione di uccidere e se non sussista l’aggravante della premeditazione. Un’altra possibilità: l’aggressore aveva solo l’intenzione di causare alla sua vittima un evento minore (percosse o lesioni), ma il risultato della sua azione è andato al di là delle sue intenzioni. Si parla in tal caso di omicidio preterintenzionale. Inoltre bisogna stabilire se l’aggressore ha agito con colpa cosciente o con dolo eventuale.

E potremmo approfondire ancora di più gli argomenti. Ma qui non vogliamo fare un “bigino” di diritto e procedura penale, ma solo mettere in luce l’importanza di indagini corrette che consentano al giudice di emettere un giusto verdetto. La posta in gioco non è da nulla, perché l’imputato può essere rimesso subito in libertà, laddove si riscontri che ha agito in stato di legittima difesa...(fonte: Riscossa Cristiana)


Ora saltano fuori  altre sei testimonianze contro la deposizione della vedova di  Emmanuel Chidi Nnamdi che rischierebbe  quindi, l'accusa di calunnia. Ma intanto si è messo in moto da tempo, la macchina del fango, del  pregiudizio ideologico, del piagnisteo xenofilo, della Santa Inquisizione Immigrazionista che capovolge e rovescia le situazioni, e che pratica con protervia l'uso infame della colpa collettiva e della feroce rappresaglia morale: se muore un africano siete tutti razzisti e tutti colpevoli.  Dieci, cento, mille italiani per un immigrato africano. 
E' un ricatto infame e codardo, al quale non dobbiamo cedere!

----------------------------------------------------------------------

Soros e Bonino



Da ultimo ormai lo sanno anche i sassi che George Soros e la sua Open Society Foundation (che per comodità abbrevierò con  OSF) ha creato con le sue sole mani, la crisi dei "rifugiati" in Europa. Prelevo direttamente il paragrafo che lo riguarda da Zero Hedge:


Il suo ultimo successo: la crisi europea per i rifugiati

L’agenda di Soros è fondamentalmente sulla distruzione dei confini nazionali. Questo è stato recentemente dimostrato molto chiaramente con il suo finanziamento della crisi dei rifugiati europea.

La colpa della crisi dei rifugiati è stata data alla guerra civile che attualmente infuria in Siria. Ma vi siete mai chiesti come tutte queste persone sapevano improvvisamente che l'Europa avrebbe aperto le sue porte e li entrare?

La crisi dei rifugiati non è un fenomeno naturale. Questo ha coinciso con la OSF che donava soldi per il “Migration Policy Institute” statunitense e la piattaforma per la cooperazione internazionale sui migranti privi di documenti, entrambe le organizzazioni sponsorizzate da Soros ed entrambi i gruppi sostengono il reinsediamento dei musulmani del terzo mondo verso l'Europa.

Nel 2015, un reporter di Sky News ha trovato dei "manuali" per i migranti sull'isola greca di Lesbo. E 'stato poi rivelato che i manuali, che sono scritti in arabo, erano stati dati ai rifugiati prima di attraversare il Mediterraneo da un gruppo chiamato "Benvenuti nella UE".

“Benvenuti nell’UE” è finanziato (si avete indovinato!) della Open Society Foundations (OSF). Soros non solo ha sostenuto i gruppi che supportano il reinsediamento dei migranti del terzo mondo verso l'Europa, ma è l'architetto del "Piano Merkel."

Il Piano Merkel è stato creato dall'iniziativa di stabilità europea, il cui presidente Gerald Knaus è membro di vecchia data presso la Open Society Foundations.

Il piano propone che la Germania dovrebbe garantire asilo a 500.000 profughi siriani. Tale piano afferma inoltre che in Germania, insieme ad altre nazioni europee, dovrebbe aiutare la Turchia, un Paese che è musulmano al 98%, ad ottenere l'esenzione dal visto all'interno dell'UE a partire dal 2016. (da ZeroHedge tradotto da Comedonchisciotte)
-------------------------------------------------------------------------------

Non c'è dubbio  che la crisi migratoria sia stato un  suo successone. Scommettere sul fallimento degli stati sovrani significa anche maneggiare e adoperarsi affinché la profezia si avveri mediante la strategia della destabilizzazione. E l'invasione migratoria ne è la più immediata testa d'ariete. La manipolazione dei fatti di Fermo ha molto a che vedere con tutto ciò. Si creano episodi "incendiari", si manipola surrettiziamente la realtà,  per meglio far  inghiottire  agli Italiani questa overdose massiccia di invasione migratoria e tenerli sotto scacco. Della serie, noi vi annientiamo, ma guai a voi se osate protestare e ribellarvi. 

39 comments:

Hector Hammond said...

La cosa che mi preoccupa è che questi immigrati sono proprio come temevo che fossero , per quello che vedo .Questo vuol dire che a parte tenere per me quello che penso su di loro, ci aspettano tempi duri .

pecosbill said...

Dobbiamo difenderci da queste popolazioni indesiderate ed ostili, ma prima di tutto dobbiamo difenderci dai nostri governanti parimenti ostili alla nostra comunità.
Il prete di Fermo, perfetto rappresentante del nuovo corso post Razinger, si permette di mentire senza vergogna perchè sa benissimo di essere coperto dal sistema.
Personalmente l'otto per mille l'ho dato alla chiesa.....ortodossa.

Pecos

Eleonora said...

Dunque, Nessie cara, di quella storiaccia ci sono ulteriori sviluppi. La vedovella allegra ha ora ritrattato ciò che aveva detto inizialmente, ossia, di fatto ha calunniato Mancini. Non è stato lui ad aggredire il "marito" (che, ricordiamo, il prete immigrazionista ha sposato SENZA avere i loro documenti) col paletto segnaletico. Mancini si è difeso dalla loro aggressione. Quindi, la vedovella allegra che ha ricevuto lo status di rifugiata (da alfano e che mattarella vorrebbe regalarle pure la pensioncina), è a tutti gli effetti una bugiarda. E se lei è bugiarda, immaginiamo cosa sia stato il "maritino" . Che sia vero ciò che dice Mancini? Ossia, che li avrebbe beccati ad armeggiare su un'auto non di loro proprietà? Ora, due parole su Mancini, un SOLO daspo già scontato, apolitico un po' ganassa che, a parte quell'unico daspo, non aveva fatto niente altro. Ce l'aveva con gli immigrati? Forse. Ma di sicuro non ne avrebbe ammazzato uno. Il gip ha deciso che deve restare in carcere perché potrebbe reiterare il reato. Manco fosse un serial killer! Due parole sul prete della comunità capodarco: immigrazionista amico di potenti e avido di grana. Più che un prete, un politico di merda o anche un prete di merda e qui, mi assumo ogni responsabilità. Ha fatto nfangato una intera popolazione e un vasto territorio facendoci passare per bestie che non siamo. Anzi, stiamo regalando ( per volere del pd che domina indisturbato tutta la regione) più del dovuto a queste orde di immigrati, altro che razzisti!

Jacopo Foscari said...

I giornali locali traboccano di storiacce riguardanti le "risorse", però questo storie, chissà perché, restano confinate ai giornali locali e mai giungono nei notiziari nazionali. Questa invece è finita dritta in prima pagina, e guarda caso giusto in tempo per mettere a tacere gli scandali della famiglia di Alfano. Squallide le madonne Boschi-Boldrini, sulla Kyenge evitiamo semplicemente i commenti, anche perché a farli c'è il rischio di beccarsi una querela per violazione della Legge Mancino. Comunque ora la mia amata governatrice ha fatto un bel bando per soli profughi, per la serie la discriminazione va bene solo se a esser discriminati son gli italiani

http://illiberale.com/2016/07/13/per-la-licenza-da-tabaccaio-devi-essere-profugo-il-bando-del-pd-in-friuli-venezia-giulia-2/

Nessie said...

Hector, certo che sì, che ci aspettano tempi duri. La liberalizzazione del crimine serve a questo: a destabilizzare e a sfilacciare il tessuto sociale di questo paese, creando l'irreversibilità su come eravamo. In altre parole, ci portano qui i motivi per cui si diventa intolleranti (le invasioni) per poi rinfacciarcelo.
Tutto calcolato. Nomi e cognomi? Donald Southerland e George Soros.

Nessie said...

Chiedo venia: Peter Sutherland e non Donald.

Nessie said...

Pecos Bill, anch'io ho fatto la tua stessa scelta circa l'8 per mille. Quel prete si permette perfino di fare le autopsie e le diagnosi. A che punto è arrivata la chiesa dei preti arcobaleno!

.....................................

Ele, grazie per gli aggiornamenti; tu che sei di quelle parti chissà che rottura sentire criminalizzare brava gente come i marchigiani. Dovrebbero però svegliarsi e cacciare a pedate per sempre i loro amministratori rossi: Boldrini in testa che è di Macerata. Ho riportato il link sul post degli ultimi sviluppi circa le nuove s ,sei testimonianze. . Speriamo che l'istruttoria venga rivista e che Mancini possa essere riabilitato. Quella di metterlo agli arresti come un serial killer perché potrebbe ancora delinquere sugli immigrati, è un'altra aberrazione giuridica di stampo ideologico. Sul prete non ho parole.

Però c'è stato un precedente di un ragazzo provocato da una romena. Si difese dai suoi calci e aggressioni in modo eccessivo, scaraventandola per terra. Si beccò 4 anni, mentre il Procuratore voleva dargliene 20. Ora è già uscito di prigione.

Nessie said...

Jacopo, la tua amata governatrice sarebbe la SerRACCHIAni? Questa sì, è una jattura! :-)
I giornali locali sono strapieni di crimini, misfatti, stupri, molestie e abusi d'ogni tipo per mano di immigrati. Ma evidentemente quando si tratta di loro, stanno sul locale. Quando a sgarrare è un italiano finisce subito sbattuto in prima pagina sulle testate ammiraglie nazionali, come un mostro.

Hector Hammond said...

Consiglio la lettura " La maschera dell'africa "scritto da V.S. Naipaul.
Cheikh Tidiane Gaye, poeta africano che lo criticò così l'apostrofò :"
A noi africani, non ci manca nulla. Siamo fieri delle nostre origini e delle nostre culture e le sappiamo coniugare con la modernità. Che siamo barbari o incivili, poco importa. Stiamo bene lo stesso."

Ecco questo africano ha detto tanto sugli africani ...

Nessie said...

Di V.S. Naipaul ho letto "Fedeli a oltranza" (Adelphi), un libro sull'islamizzazione del mondo che fa letteralmente venire i brividi.

Anonymous said...

In effetti sul Carlino è comparsa una nuova versione attinente a quella dei testimoni:

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/portate-sali-boldrini-don-vinicio-vedova-emmanuel-cambia-128697.htm

Z

Jacopo Foscari said...

Governatrice per modo di dire. Svolge il lavoro per cui è profumatamente pagata nei ritagli di tempo tra un talk show e l'altro, e forse è meglio così. Per fortuna dura solo altri venti mesi la Serracchiona, o almeno così mi auguro

Massimo said...

Come ha scritto Eleonora, testimonianze univoche hanno smentito la versione della "vedova" che, nel momento in cui qualcuno ha cominciato ad ipotizzare una denuncia per calunnia, ha cambiato versione e riconosciuto che l'aggressione fisica è partita dal nigeriano. Aspettiamo senza fiducia le scuse delle prefiche e del prete, di Saviano e di Lerner e di tutti coloro che hanno dato aria al vuoto che hanno tra le due orecchie. Per inciso, questa mattina ho acceso la radio è saputo che a Nizza un "nuovo europeo", nella fattispecie un "nuovo francese", cioè un tunisino con cittadinanza francese, ha compiuto una strage. Belle risorse che Bergoglio e la Boldrini ci fanno importare !

Anonymous said...

A prescindere dalle subdole manovre di annientamento etnico dei nostri"sovrani (che non sono i burattini che occupano le posizioni di comando a noi visibili) la vera questione e' perche' i bersagli di questo annientamento continuino a collaborare con questo processo . Cioe' per meglio dire :perche' c'e' ancora qualcuno che vede le telebugie e compra e legge la stampaglia ? . Perche' ancora milioni di idioti avallano le organizzazioni a delinquere che esprimono un simile politicume e una simile (in)giustizia?
Ora io so bene che le possibilita' di contrasto di noi "sudditi" alla "malapolitica" di chi ci domina sia minimo, ma qui manca anche quel minimo di una diffusa rivolta verso un sistema di potere che ci e' dichiarat<mente nemico e delle cui ostili intenzioni ormai dovrebbero essere avvertiti anche i piu' stupidi.

Purtroppo non solo non si vede nessuna reazione, quantomeno psicologica, ma addirittura una assuefazione ad un processo che e' in corso da oltre venticinque anni e che adesso ha subito una accelerazione spudorata proprio perche' esso e' percepito dai nostri "sovrani" come sempre meno contrastato.

ws

Anonymous said...

@ pecosbill che scrisse
Personalmente l'otto per mille l'ho dato alla chiesa.....ortodossa.

cioe' l' organizzazione di questo signore qua ,(https://it.wikipedia.org/wiki/Bartolomeo_di_Costantinopoli ) che non ha piu' fedeli nei suoi territorii di riferimento ormai totalmente decristianizzati , ma che ancillare alla chiesa cattolica "gestisce" alcune comunita' ortodosse della diaspora in occidente ( soprattutto in italia e in U$A ) e che dal punto di vista politico e' praticamente una "sottomarca" della comunita' di santegidio :-))
ws

Nessie said...

Ws, invece di fare sempre polemiche e di aprire fuoco amico, non faresti prima a essere propositivo , e a dire dove diavolo hai devoluto il tuo 8 x mille? Così, tanto per essere concreti e non sparare sempre a palle quadre su tutto e su tutti.

Nessie said...

Massimo, il cupio dissolvi , di questa marcia Europa è proprio questo: invece di impedire gli ingressi dei potenziali e reali nemici, si pratica la politica delle maglie larghe e delle braccia aperte. Vedrai che dopo questa ennesima lezione, diranno che "non si deve generalizzare".

Come minimo Hollande è uno jettatore. Più specificamente, tre coincidenze fanno un piano.

Sì, per fortuna le versioni della vedova del nigeriano mostrano la loro mendacia. Ma non ti aspettare autocritiche e rettifiche dalle prefiche e dalla stampaglia.

Anonymous said...

Io ho "devoluto" solo laddove esisteva una qualche opzione "anti", e per l' 8per1000 non ho "devoluto" un bel nulla perche' li e' tutta "zuppa globbbalista"....niente da meritare lo sforzo di una mia firma.
ws

Alessandra said...

La vedova è stata costretta a ritrattare ma figuriamoci se gente arrogante come la Boldrini, la Boschi e Alfano e relativo codazzo belante fa autocritica! E infatti non è successo. Autocritica per loro è un concetto inafferrabile, malafede è stile di vita.
Ma il premio "faccia tosta" va senz'altro a Cécile Kyenge.

http://m.ilgiornale.it/news/2016/07/14/fermo-kyenge-dietro-lomicidio-ci-sono-responsabilita-politiche/1284366/

Le stragi avvenute in Puglia e a Nizza hanno fatto cadere, credo ormai definitivamente, nel silenzio la storiaccia di Fermo.
Qui c'è un'analisi sull'attentato di Nizza e anche alcune considerazioni proprio su Fermo.

http://www.rischiocalcolato.it/2016/07/criminalizzare-dissenso-la-rabbia-bollandoli-razzismo-salvo-piangere-le-vittime-nizza.html

Hollande e Valls praticamente annunciano futuri attentati in Francia, Alfano da Vespa ha detto che pur con tutto il lavoro svolto per garantire (?) la sicurezza, sono possibili attacchi in qualsiasi momento.
Ho spento il televisore.
E intanto continuiamo a importare "risorse" senza sosta.
In che mani siamo. :-(

Nessie said...

ws, sai benissimo che se non metti firma al tuo 8 x mille, va automaticamente allo stato. Cioè a questa schifosa classe politica.

Molti contribuenti pensano che, non firmando, non finanzieranno né le istituzioni religiose né lo Stato. Questo, purtroppo, non è vero. Anche se non si firma, l’otto per mille delle tasse dovute verrà comunque prelevato dallo Stato e ripartito fra le sette istituzioni aventi diritto.

http://www.finanzainchiaro.it/8-per-mille-anche-se-lo-conosci-non-lo-eviti.html

Nessie said...

Ho appena letto Alessandra, grazie. La Kyenge per il semplice fatto che si costituirà "parte civile" non può stravolgere la verità dei fatti. Se Mancini è stato circondato da 5 di loro ci sono fior di attenuanti. Il ragazzo giovane che spinse per terra la romena che lo provocava e gli tirava calci alla stazione causandone involontariamente la morte, alla fin fine prese 4 anni. Ecchediamine!

---------------------------

Letto anche il pezzo di Bottarelli. Prelevo questo suo passaggio:

Che dire ad esempio del silenzio di tomba con cui è stata accolta la notizia in base alla quale la vedova di Emmanuel Chidi Nnamdi, Chiniary, avrebbe fatto marcia indietro sulla sua versione dei fatti? Certo, c’era la strage dei treni in Puglia ma magari uno spazietto nei tg si poteva trovarlo, visto il can can mediatico messo in atto quando si doveva sbattere il nazi-ultrà in prima pagina per fare contenti Alfano e Boldrini, che ne dite?

Il vero problema sono i custodi della cancellata del Potere, alias i giornalisti. Grazie a costoro, si celebrano i processi direttamente sulle pagine dei giornali e in tv. Ogni notizia, ogni sciagura (lo scontro dei due treni in Puglia), ogni calamità è buona per tuffarcisi a pesce e vanificare quella precedente. E alla fin fine anche il pubblico reagisce in questo modo schizoide.

Sta sull'ultima notizia e pertanto dimentica quella precedente.

Domani o dopo ci sarà un nuovo attentato e una nuova calamità che farà dimenticare perfino la carneficina di Nizza.

Nessie said...

E intanto continuiamo a importare "risorse" senza sosta.
In che mani siamo. :-(


Il solito Mohamed di turno che te lo compri con quattro peperoni, e poi la strage (e le stragi) che si potevano evitare ripristinando pattugliamenti ai confini, non regalando cittadinanze e residenze premio agli stranieri, stoppando l'immigrazione massiva, sospendendo Schengen, ma soprattutto mandando in rottamazione questa ciofeca di Ue che quando non ci ammazza di austerità, di tasse, di sanzioni e di pauperismo, ci fa ammazzare direttamente dai terroristi.

E' ormai evidente il perché Lorsignori continuino a importare "risorse" anche quando ci sono di mezzo delle ecatombi come quella di Nizza.

Aldo said...

Nessie, pur riconoscendo che a fronte delle importantissime e alquanto stomachevoli questioni che hai toccato nel tuo articolo si tratta di un elemento secondario e un poco fuori tema, permettimi una precisazione su questa affermazione: "se non metti firma al tuo 8 x mille, va automaticamente allo stato". E' inesatto. Il meccanismo è tale per cui lo Stato fa da esattore, ma il gruzzolo raccolto viene suddiviso tra gli "aventi diritto" (diritto alquanto discutibile) secondo la percentuale delle quote espresse. In altre parole, mettiamo il caso ipotetico che il 30% dei contribuenti esprima la propria preferenza, e che tra quelli il 10% scelga l'Associazione Pinco Pallino... ebbene, il 10% è un terzo delle preferenze espresse, per cui l'Associazione Pinco Pallino raggranellerà il 33% del gruzzolo drenato dallo Stato esattore anche se a scegliere esplicitamente quell'Associazione è stato solo un contribuente su dieci, non uno su tre.

Per come la vedo io, il meccanismo dovrebbe essere tale per cui chi non esprime una scelta si tiene l'8 per mille in saccoccia. Anzi, vado ancora oltre: lo Stato si tiene fuori da queste questioni e chi vuole sostenere chicchessia fa donazioni dirette, di prima mano, e chiuso il discorso. Allargherei pure il ragionamento agli altri per mille coi quali veniamo "dragati fiscalmente" manco fossimo il fondale d'un canale di spurgo.

Aldo said...

Molto opportuno ricordare che per quel che riguarda il kabobo non una volta è stato fatto cenno al fattore dell'odio razziale. Così come negli infiniti casi equivalenti, assai più letali per la loro pura e semplice quantità anche se meno truculenti e dunque meno "spettacolari" se presi uno per uno. E' un vomitevole circo.

Nessie said...

Aldo, scusa ma quella dell'8 x mille, mi sembra una questione di lana caprina. Oltre al link che ho posto, (quel che è stato testé linkato circa lo stato che c'entra sempre e comunque), mi è stato confermato dal mio commercialista di cui mi fido, perché persona competente. Sul 5 x mille, invece pare che abbia ragione tu. Comunque ci sono associazioni che vorrebbero eliminarlo, perché ritenuto incostituzionale e la cosa è già materia della Corte dei Conti.

&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&6

Del Kabobo invece vedo che si sono dimenticati già tutti quanti i media (anche quelli cosiddetti alternativi) e pure i blogger che leggo in giro. Eppure è una buona carta da mettere sotto il naso a chi ci vuole xenofobi e carnefici in luogo di vittime, quali invece siamo. Senza contare gli episodi quasi quotidiani di rapine, sevizie, stupri, borseggi, furti e violazioni di domicilio ad opera di stranieri. Faremmo bene a tenere un archivio di questi episodi, perché come vedi, possono sempre servire.
Ho provato a consultare il sito "Tutti i crimini degli immigrati", ma vedo che non si apre più. Pare l'abbiano rimosso. Ti risulta?

Aldo said...

"A casa mia" si apre regolarmente. Prova con le solite tecniche, tipo cancellare la cache del browser (a volte si inciuccano un po').

Anonymous said...

Ciao Nessie,
Dopo le deposizioni concordanti di ben sette testimoni e la marcia indietro della vedova (che ha dovuto ritrattare per non essere accusata di calunnia), la dinamica dei fatti di Fermo è chiarissima, eppure l’ideologia continua a piegare la realtà al proprio pregiudizio.
Alla luce dei fatti, il Mancini dovrebbe essere incriminato per omicidio colposo (pena: da 6 mesi a 5 anni), invece gli sarà contestato l’omicidio preterintenzionale (da 10 a 18 anni) con l’aggravante dell’odio razziale. Insomma, rischia di beccarsi 20 anni, come il Kabobo autore delle prodezze che hai ricordato.
È la fine dello Stato di diritto, se viene sancito il principio che un africano può reagire ad un insulto aggredendo con un’arma impropria, mentre l’aggredito – se italiano – non può difendersi neppure a mani nude. Quanto alla “legge uguale per tutti” è morta e sepolta. Ormai siamo alla “Fattoria degli animali” di Orwell, con alcuni “più uguali” degli altri.
Lì erano i maiali, qui sono le scimmie, ma sempre di animali si tratta…
(no caste)

Nessie said...

No caste, purtroppo hai più che ragione. L'eccesso di difesa-offesa (il cartello stradale brandito) viene considerato "legittima difesa" solo per gli extra. Tieni presente che le prefiche mediatiche e quelle politiche hanno potuto godere di un bel cono d'ombra con la disgrazie dei due treni di Andria che si sono scontrati. E ora le vittime delle privatizzazione dei binari ferroviari (23 più molti feriti), cadranno nell'oblio a causa degli Italiani dispersi della strage alla Promenade des Anglais. Si parla di 31. Ogni catastrofe cancella quella precedente, secondo i media.

Nessie said...

Hai ragione Aldo. Siccome viaggio con una chiavetta, mi compaiono sempre i cookie che mi impediscono di visualizzare il citato sito che invece dopo lo svuotamento della cache si apre.
Occhio però: ci sono interpellanze parlamentari di SEL che ne richiedono la chiusura.

Anonymous said...

È vero, Nessie, le disgrazie che si accavallano rendono più arduo, per l’opinione pubblica, “digerire” gli avvenimenti e sapersi districare tra torti e ragioni. E purtroppo, come diceva Bin Loden parlando delle crisi indotte, certi fatti lasciano sempre “sedimenti” tali che poi sarà difficile tornare indietro…
In questo caso il “sedimento” è che politici, preti e pennivendoli hanno rovesciato i ruoli di aggressore e aggredito e ritenuto del tutto normale (altrimenti lo avrebbero censurato) il gesto dell’africano e criminale la reazione dell’italiano, nella quale, invece, non si può neppure ravvisare un “eccesso”, poiché la sproporzione c’è, ma per difetto (le mani nude contro un palo della segnaletica usato come clava).
Per non dire del silenzio generale sulla “vera” origine della lite, che non è stato l’insulto (quello è venuto dopo) ma il fare sospetto dei due africani attorno ad un’auto parcheggiata.
(no caste)

Anonymous said...

La gestione mediatica e istituzionale di questo fatto è un esempio da manuale di cosa vuol dire manipolazione di regime, cosa vuol dire totalitarismo e cosa significa il detto che se i fatti dimostrano il contrario dell'ideologia allora tanto peggio per i fatti.
Naturalmente la raccapricciante, conforme, doppiopesista e iperallineata Chiesa bergogliana è stata in prima linea ad operare il suddetto meccanismo menando fendenti e guarda caso accantonando la tanto decantata "misericordia" discriminando alla grande a seconda di chi è la vittima.
Scarth

Nessie said...

No caste e Scarth, perfino quel sito spazzatura di dagospia scrive: "
PORTATE I SALI ALLA BOLDRINI E A DON VINICIO - LA VEDOVA DI EMMANUEL CAMBIA VERSIONE: “ERO SOTTO CHOC E NON CAPISCO BENE L’ITALIANO”. E' STATA LEI CON IL MARITO E L'AMICO, INSULTATI, AD AGGREDIRE MANCINI CHE, ACCERCHIATO, AVREBBE SFERRATO IL CAZZOTTO.

Purtroppo però è come dite: quando parte il ventilatore col fango poi anche se c'è la rettifica, conta il primo grosso boato.

La faccenda di quel don Vinicio delle chiesa bergogliana, è da manuale. I preti si trasformano improvvisamente medici legali, pur di dare addosso ad un italiano.

Anonymous said...

Scenario di razzismo all’incontrario (Il Vate)

La poco Santa Inquisizione sull’immigrazione
esiste eccome ,cara Nessie, ed hai ben ragione
a ricordarci l’assassinio del Kabobo col piccone
che ben tre vittime causò con sua aggressione!
E pure ns. Eleonora, sulla nigeriana vedovella
ha ragion da vender, nel riferir ciò che spiattella
la menzognera “ risorsa ” a cui il nullo Mattarella
destinar quattrini nostri vorrebbe pure a quella!

E vabbè…anche se non parla ben “ l’ itagliano “,
subito l’ha ca (r) pita il “senza quid” di Alf-ano,
e le due Madonne difendendola a tutto spiano!
Per non parlar della ormai “ cerebrocongolesa”
che a prescinder dai fatti ne ha preso la difesa.
Immancabile il sinistro prete falso ciarlatano ,
che mi ricorda vagamente il bullo di Rignano ,
che a bufale vince pur la lotteria di Agnano!

Pure i media e lor lacrime sulla coppia abusata
han dovuto, visti i fatti, batter presto in ritirata.
Chi reagisce con la violenza a verbali offese,
e’ dalla parte del torto e ne pagherà le spese!
A meno che non si voglia in questo ns. BelPaese
dar l’impunità alle “risorse” ciarlando politichese.
Mi sa che i media e le due “ virgo predicande ”
meschina e vil figura han fatto e alla grande!

Una delle madonne si dice sia avvocatessa,
l’altra “Vanity Fair” dei migranti è la badessa.
Dov’eran le due quando in patria son tornate
le povere salme dei martiri di Dacca torturate?
Non avean lacrime queste ipocrite da versare,
di fronte a questo scempio e a queste bare?
Non era episodio di moda che potesse tornare
utile a lor propaganda- réclame su cui lucrare !
Non vorrei che la giustizia facesse fiasco alla fine
sol per l’esposizione mediatica di queste veline!

Nessie said...

GIà, anche i martiri cristiani di Dacca. Hai fatto bene a ricordarli, Vate.

Jacopo Foscari said...

Purtroppo mi accodo anch'io al pessimismo. Ciò che importa purtroppo non è la sentenza del tribunale, ma quella del tribunale mediatico. Anche se il tribunale sentenziasse in accordo con le testimonianze emerse, non conterebbe nulla. La notizia della sentenza non conforme alla sentenza mediatica verrebbe relegata in trafiletti minuscoli e la "verità" resterebbe quella già confezionata dai media e dai politicanti, ovvero che si tratta di "razzismo". Purtroppo è un film che in parte abbiamo già visto con inchieste politiche finite in prima pagina e poi rivelatesi bolle di sapone. L'importante non era che l'inchiesta andasse a buon fine, l'importante era spargere fango sul politico "X" e in questo caso l'importante è strumentalizzare il caso per mettere il bavaglio a chi si oppone all'invasione, e già che c'erano anche per far uscire Alfano dall'angolo in cui l'avevano messo le imbarazzanti rivelazioni sulla sua fortunata famiglia.

Nessie said...

Dobbiamo comunque ammettere che loro passano sempre all'attacco, mentre noi siamo sempre balbettanti e tremebondi sulla difensiva, pronti a giustificarci e a dire : "Ma io non sono razzista...".
Ce ne dovremmo strafregare, arrivati a questo punto. E dire fuori dai denti che è meglio razzisti che morti. Vedasi casi come quell0 appena avvenuto a Nizza.

Marcello said...

Ottimo e godibile articolo, complimenti. A proposito dei citati fatti di Dacca, ho letto che una delle vittime aveva firmato una petizione contro il direttore Belpietro di Libero per il titolo in prima pagina "Bastardi islamici". Ironia della sorte essere uccisa da chi voleva difendere.

Nessie said...

Grazie, Marcello.

Anonymous said...

Pare che anche i due di Erba, facciano la fine del Mancini: verità manipolate e due innocenti in galera:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/strage-erba-azouz-rivela-assassini-ancora-libert-1287497.html

Z