08 May 2015

OGM e Xylella: Fetorlandia colpisce ancora


Colpo di scena dell'ubriacone Jean-Claude Juncker che ha dato una brusca accelerata al dibattito sugli Ogm. Dopo la perdita di sovranità monetaria, politica, demografica e sociale, eccoci alla perdita della sovranità alimentare ed agricola. Avevano promesso che la Ue non si sarebbe mai piegata agli OGM? Balle a 12 stelle! L'hanno fatto, eccome!

Juncker,  ha autorizzatol’introduzione in tutta l’UE di 19 OGM, senza attendere il parere di Parlamento e Consiglio europeo. L’autorizzazione vale 10 anni su tutto il territorio europeo e include gli Stati che si erano opposti.

Ovviamente sui giornaloni nazionali non troverete grandi titoli nel merito.

Fonti riportate dal Figaro spiegano che il presidente Juncker era “ossessionato dalla quantità di richieste di autorizzazione di OGM bloccate” (dagli Stati membri, NdR). Bravo Juncker, è noto che i cittadini europei si torturano ogni giorno sul problema degli OGM bloccati.
Qui su Stampa Libera, il resto della notizia.


Ovviamente l'autorizzazione riguarda 18 organismi geneticamente modificati, dei quali 17 destinati all'alimentazione animale e umana e 2 sono per i fiori ( garofani, per l'esattezza). In detta lista figurano 11 prodotti della multinazionale Monsanto (tanto per non cambiare), parecchie varietà di soia, mais, colza e cotone - e 8 altri sono dei prodotti della ditta americana Dupont e dei gruppi tedeschi Bayer e BASF.


Come al solito quindi:

  • Le istituzioni europee capitanate dall’ineffabile Juncker si fanno un baffo dell’opinione dei cittadini.
  • La Commissione si dimostra sempre molto attenta agli interessi delle lobby di grandi industrie e banche.
  • La Commissione può agire in maniera autoritaria e antidemocratica, se occorre.
  • L’informazione “ufficiale” oscura queste gravi vicende.
  • Il nostro governo è totalmente supino ai diktat europei, se non promotore attivo delle strategie delle lobby (Renzi: Il TTIP ha l’appoggio totale e incondizionato del governo Italiano”).


Morale: dopo la sovranità monetaria l’UE ci farà perdere la sovranità alimentare. (sito cit.).

Ulivi malati nel Salento


Oro verde
C'è del marcio a Bruxelles e in  tutta FetorLandia anche in relazione alla Xylella, il batterio killer degli ulivi. Chi ci dice che questo batterio  non sia stato opportunamente inoculato  per fare strame della nostra agricoltura e in particolare della produzione del nostro olio extravergine d'oliva, che è un vero e proprio "oro verde", un balsamo ricco di vitamine apprezzato in tutto il mondo? Questo chiamasi ecoterrorismo biocida.
E dato che la fretta  finisce col lasciare sempre le tracce visibili dei malfattori, è alquanto sospetta la misura  repentina adottata dalla Ue che ordina l'abbattimento e lo sradicamento di tutti gli ulivi e gli uliveti sani come misura "preventiva", contro gli elementi "malati".

Frattanto tutti i cittadini del Salento hanno organizzato un presidio sotto la Procura di Lecce, che sta indagando su quella che si presenta come un'autentica frode agro-alimentare di un secolo già iniziato sotto i più cattivi auspici. Chiedono alla Procura di fermare ruspe e motoseghe  di quelle guardie forestali inviate con  tanta solerzia su mandato Ue,  e che si accertino tutte le responsabilità di questa mostruosa vicenda che vuole il Salento e i suoi millenari ulivi e ogni specie vegetale cancellati per sempre compiendo un vero e proprio BIOCIDIO senza il minimo scrupolo.
Non sanno più cosa inventare per rovinare la vita degli Italiani!

Piano Xylella per devastare l'economia di sopravvivenza del Sud





26 comments:

Anonymous said...

la xylella e' stata sicuramente prodotta in laboratorio e poi inoculata nel punto piu' adatto.
Ma anche se fosse un virus "naturale" sarebbe comunque un prodotto della "globalizzazione" esattamente come quando furono stolidamente "importati" la peronospera , il fungo dei cipressi o il punteruolo.
In ogni caso siamo e resteremo impotenti ; l' unica cosa che possiamo tentare di fare e' aiutare le specie a difendersi in particolare favorendo il piu' possibile la ripruzione delle piante dal loro seme affinche', prima della definitiva scomparsa della specie, nascano individui resistenti alle nuove minaccie , "globali" o " artificiali" che siano.
ws

Nessie said...

Dimentichi la Sars e l'aviaria, la "mucca pazza" e altre porcate indotte dalla globalizzazione. Ormai viviamo di frodi, di taroccate, di imbrogli e di malattie procurate per meglio venderci gli "andidoti". Sono degli assassini, e basta!

Intanto il TAR del Lazio ha sospeso la dichiarazione dello stato di emergenza per la diffusione in Puglia del batterio Xylella e il Piano d'intervento previsto per fronteggiare il rischio fitosanitario. Ha accolto così le richieste di associazioni, cooperative e aziende vivaistiche pugliesi.

http://www.ansa.it/puglia/notizie/2015/05/07/xylella-tar-lazio-sospende-piano-puglia_c8f158d1-d0fe-46b3-9e31-0aacc1f5f0bb.html

ogni tanto, qualche piccola buona notizia.

Vàturu Sayli said...

Ciao Nessie ,
salute a tutti gli amici

Mi ricordavo qualcosa sugli ulivi un po di tempo fa lessi qualcosa sulla UE (fetorlandia), che aveva chiesto di estripare gli ulivi per ridurre la produzione di olio , e questo, ben prima che apparisse la famosa xylella, e quando poi è successo che la peste degli ulivi è entrata in scena ho pensato e compreso che il dictat della UE di forse due anni fa si applicava tramite ora con la malattia xylella...

non ho trovato nulla sull'argomento, se non che questo pezzetto interessante sul blog il mago di Oz, Nessie ho postato il tuo post anche su sa defenza tumblr , grazie. http://sadefenzablog.tumblr.com/post/118468460918/ogm-e-xylella-fetorlandia-colpisce-ancora


TAP. Gasdotto Trans Adriatico. E’ un gasdotto che dovrebbe portare gas dell’Azerbaigian in Italia passando per Turchia, Grecia ed Albania. E’ un progetto che avrà u notevole impatto sul nostro ambiente. Prevede, infatti, l’espianto di 1900 piante tra cui numerosi ulivi. Ad occuparsi dei lavori sarà l’azienda Sicilsaldo che a detta di magistrati e carabinieri è completamente soggiogata da Cosa nostra etnea. Insomma questa grande opera come le altre serve a generare profitti per aziende in odor di mafia, per politici e candidati e rischia di mettere a rischio i settori economici più importanti della zona interessata dai lavori, ovvero il turismo, la pesca, agricoltura e cultura. Inoltre i fondali delle zone interessate ospitano l’alga posidonia che in una direttiva dell’Unione Europea viene definita habitat prioritario da proteggere in quanto rappresenta il massimo dello sviluppo e della complessità che può raggiungere un ecosistema. La posidonia combatte l’erosione delle spiagge, produce ossigeno, offre riparo e costituisce area di riproduzione per molte specie marine. La posidonia nel Mediterraneo è sempre meno diffusa.
No Tap – facebook

http://www.magozine.it/lo-stato-e-le-multinazionali-ci-attaccano-su-tutti-i-fronti/

Nessie said...

Grazie mille, Vaturu Sayli.

E' evidente che l'eradicazione degli ulivi crea un effetto di desertificazione del paesaggio pugliese e mediterraneo di natura pressoché irreversibile. Come saprai, visto che sei un mediterraneo anche tu, occorrono molti anni per far crescere un ulivo che è una pianta a crescita lentissima.
E i motivi sono molti. L'avvento del TTIP, delle multinazionali come Monsanto. Non ultimo anche quanto hai appena scritto sul Gasdotto Trans Adriatico.

Ma soprattutto, la perdita di "sovranità agro-alimentare", di indipendenza nel coltivare e l'obbligo di essere interconnessi con altre realtà. L'olio d'ora in poi potrebbe essere "meticciato" con quello del Marocco, della Tunisia e di altre fasce climatiche. Vogliono il meticciamento "forzoso" degli umani (piano Kalergi), figuriamoci sui prodotti della terra!

Nausicaa said...

...e hanno il coraggio di riempirsi la bocca di parole inutili come "sviluppo equo e sostenibile" pronunciate decine di volte durante la propaganda pro Expo!
E' evidente che anche quello sull'agricoltura è parte del piano di deindustrializzazione che abbiamo già subito in tutti i settori.
Oltretutto c'è anche l'annosa questione delle etichette con la provenienza del prodotto che tentano ad ogni modo di far sparire in nome del fatto che viviamo in un Mondo Unico (One World).

Nessie said...

Il termine "sostenibile" è diventato davvero inflazionato e insopportabile. Non so quante volte l'avrà ripetuto la Clerici in occasione dell'inaugurazione dell'Expo.

Non solo vogliono deindustrializzare l'agricoltura con le tasse sui casali agricoli e i capanni porta attrezzi, ma fare strame di quei piccoli e medi coltivatori che praticano colture altamente specializzate (olivocolture, ad esempio).

Non parliamo di etichette di provenienza e di protezione dei prodotti made in Italy che qualche buontempone ha già provveduto a battezzare come una sorta di "arianesimo agricolo". Ma si può avere in circolazione dei deficienti simili? Evocare Hitler anche su quello che ci mettiamo in bocca è roba da scolapasta capovolto in testa.

Chissà che fetenzie circoleranno quando sarà a regime il TTIP!

Eleonora said...

Dalle mie parti, è tutto un fiorire di quegli orrendi pannelli fotovoltaici che non servono ad un tubo. So che non c'entra granché col tuo post ma è giusto per far capire dove siamo arrivati: i pannelli andavano messi sui tetti dei capannoni... Siccome i capannoni, vista la mancanza di lavoro, non si costruiscono più, hanno pensato bene di metterli sui terreni agricoli. Hanno desertificato industria e manifatturiero, giustamente, desertificano l'agricoltura. Ah, dimenticavo, coi nuovi arrivi, stanno pure ammazzando il turismo. Però, da qualche giorno, non ricordo quale genio, ha dichiarato che le Marche sono finalmente eco compatibili!!! Senza bisogno di inoculare alcun parassita da laboratorio. C'è già il pd e sel che bastano e avanzano.

Nessie said...

Non trascurano proprio niente per rovinarci l'esistenza: desertificano l'industria, radono al suolo l'agricoltura, rovinano il turismo con le deportazioni dall'Africa di migliaia di clandestini nelle regioni più belle, pittoresche e ricche di storia. In più tolgono l'autonomia alimentare e a breve non si potrà più piantare manco una piantina di pomodori su un terrazzo, senza previa autorizzazione UE. Il che vuole dire che ti devi beccare i loro schifosi OGM.

Intanto ci spremono come limoni di tasse anche sull'aria che respiriamo, mentre le "risorse" vengono alloggiate in suite alberghiere a 5 stelle, mandando in malora quel poco di turismo rimasto.

Odio questo governaccio schifoso con tutte le mie forze!

Nessie said...

Ele, leggi un po' qui sulla banca del seme alle isole Svalbard. Indovina un po' chi ne sono i depositari? I soliti noti...

http://www.gamerlandia.net/2012/11/03/isole-svalbard-norvegia-la-banca-mondiale-del-seme/

in caso di catastrofe e di carestia planetaria (magari provocata da loro stessi), hanno bell'e pronto l'antidoto (creato da loro stessi).

Anonymous said...

Tema interessante. E' un po' che cerco di commentare, ma il "destino" e' avverso.

Comunque se non riaffermiamo la sovranita' fisica sul territorio e lasciamo che sia aggredito dai quattro venti, qualunque sconquasso ci puo' capitare addosso.

Pur consapevole che qui sono pochi a leggere, vorrei invitare chi ha ancora la forza fisica per farlo a mobilitarsi. A richiedere con urgenza che la Difesa, le Forze dell'Ordine intervengano a fare il loro dovere istituzionale e che i cittadini di buona volonta' le coadiuvino attivamente.

Siamo evidentemente al punto di non ritorno. Il vero potere internazionale non si preoccupa nemmeno piu' di mascherare i suoi scopi coprendoli con il manto delle buone intenzioni. Ci scarica addosso varia umanita', ci impone la distruzione della nostra economia, vuole desertificare il nostro territorio e annullare la nostra volonta'.

E venuto il momento di agire, dopo tante chiacchiere. Gia' domani potrebbe essere tardi.

Sono ben conscio del fatto che fare un appello ad istituzioni che ci hanno lasciati soli fin'ora sia poco piu' che un'utopia, nondimeno ritengo vada fatto per evitare che una rabbia disordinata possa peggiorare ulteriormente la situazione.

Il sauro

Aldo said...

Nessie: "...e hanno il coraggio di riempirsi la bocca di parole inutili come "sviluppo equo e sostenibile" pronunciate decine di volte durante la propaganda pro Expo!"

A proposito di "sostenibilità"...

Per ragioni di lavoro [1] ho dovuto prendere in considerazione Expo un po' più del nulla che avrei voluto, e devo dire che è confermato il pregiudizio che avevo formulato tra me e me: è la fiera della doppiezza e dell'ipocrisia, un baraccone propagandistico per vendere informazione fuorviante a prezzi da capogiro.

[1] In ambito scolastico, pare sia considerata una sconcezza non dedicare ampio spazio didattico all'Expo, ovviamente tessendone le lodi in linea con le direttive che giungono dall'alto. La critica, nei fatti anche se non ufficialmente, non è ammessa.

Anonymous said...

Io sono sempre quello delle iperboli e dei paradossi, ma il mio cervello continua a immaginarli e accidenti, li trova perfettamente logici seguendo il percorso probabile della curva "politicamente corretta".

Ecco qui: a mio parere ,presto, la denominazione "Made in Italy" sarà vietata per legge. Se il prodotto è italiano cento per cento (così come se è croato, estone o rumeno) sarà comunque obbligatorio scrivere solo e unicamente "made in E.U".

"Ce lo chiederà l'Europa" :-(
Ciao Woody

Nessie said...

Sauro, la xylella è solo l'ultima delle malattie "d'importazione" a scopo sabotaggio. Te le ricordi "la suina"? E' ufficiale: è stata una colossale truffa dell'OMS:

http://sauraplesio.blogspot.it/2010/06/e-ufficiale-la-suina-e-una-truffa.html

Servì a far vendere vaccini che per fortuna pochi di noi acquistarono e si sottoposero alla "cura". Molti rimasero invenduti, ma il nostro ministero della Sanità (allora c'era Sacconi del governo Berlusconi) fu costretto a comprarli in quantità industriale.

E' solo che le nuove truffe godono di un singolare privilegio: servono a farci dimenticare le vecchie.
Sul tuo appello sfondi una porta spalancata. Ma fino a che non si passa dalla tastiera ai fatti...

Nessie said...

Grazie Aldo, non avevo dubbi che la parola "sostenibilità" fosse uno di quei termini che nascondono le solite ossimoriche fregature.

Sull'EXPO. E' evidente che è la vetrina dell'alimentazione su scala globale e che anticipa "manovre di mercato" che neanche ce le sogniamo, compresa la "moneta unica mondiale":

http://dadietroilsipario.blogspot.it/2014/01/expo-2015-palcoscenico-per-la-moneta.html

senza contare l'esercito di prostitute che vive al suo rimorchio. Si parla addirittura di oltre 30.000 escort. Cioè, troie di lusso a rimorchio dei grandi uomini d'affari delle multinazionali.

Nessie said...

Certo che andrà a finire così, Woody. Più di tre quarti delle nostre aziende sono state dislocate nei paesi cosiddetti "emergenti". Inoltre "Made in Italy" significa produzione su "scala nazionale". Ma dato che le "nazioni" danno fastidio e vogliono smantellarle, va da sé che.... ecc. ecc...
Intanto ci vestiamo di fuffa con "cotone organico" e con magliette schifose che dopo un paio di lavate, le butti via. Il tutto, poi con etichette lunghissime quanto inutili, dove compaiono scritte in tutte le lingue (compresi gli ideogrammi cinesi) tranne la nostra.

Tra l'altro non si capisce nemmeno più dove le producono, perché o è scritto in caratteri piccolissimi e indecifrabili, o non è scritto addirittura.

Anonymous said...

https://it-it.facebook.com/pages/Di-sinistra-e-antirazzista-ma-contro-linvasione-straniera/177243485687414

Questi ragazzi di sinistra hanno le idee piu' chiare di tanti altri di destra. Hanno piu' volte citato il tuo blog. Magari mettili tra i preferiti.

Il sauro

Nessie said...

Grazie Sauro. C'è una loro vignetta divertente sui clandestini: Noi venire da fame e carestia, ma pesare 90 kg a testa". :-)

Faithful said...

Questi sono sinistra vecchio modello,quelli che negli anni '70 erano contro ipotesi di una moneta unica europea perché "impoverisce il popolo",non quella attuale "new age" dove si baloccano di improbabili società multiculturali pacifiche molte volte dall'alto di vite agiate e dove l'euro "ci ha salvati dal fallimento".
Mi viene in mente lo stesso Salvini che era nato politicamente a sinistra ed oggi è più o meno sulla falsa riga dei ragazzi di quella pagina.

Anonymous said...

E' brutto avere personaggi,impreparati,mezzecalzette,privi di qualsiasi esperienza di come si crea ricchezza,e cioè ....beni di consumo.....al timone della barca,e al suo seguito.
Solo esperti(?) contabili di partita doppia,con nemmeno l'ausilio di una grande intelligenza a sostegno della totale ignoranza in materia di economia reale.
Cercano tutti le "risorse"....cioè tagliare a intere fasce la capacità di spendere.... per dare,queste ruberie chiamate risorse(?) poi solo in parte( dopo oculata sottrazione e abbuffata amministrativa).....ad altri in genere "Clientes"(*).
Totale non si è creato nulla,ma qualche cosa in maniera coperativa è sparita.
Nessuno,potra mai far entrare in testa a questi signori(?)scelti ad arte per le loro doti specifiche professionali,e un alto senso all'obbedienza gerarchica....che la fonte massima e unica, di energia è il sole,poi la terra e l'acqua,ancora il sudore delle braccia e della fronte,e infine la perizia atavica a produrre dalla terra e dall'allevamento quello che ci necessita per vivere.
Della carta straccia della BCE,FMI,anche se pieno di draghi,dalle chiacchiere sterili di illustri professori che non sanno nemmeno prepararsi il caffè la mattina...la terra non sa che farsene.....ci vuole fatica e ingegno.
Finisco il preambolo....la bella terra che abbiamo....dovrebbe essere"tutta coltivata"razionalmente....dovremo rivincere come "una volta"...nelle favole antiche....cento battaglie del grano..... e cioè le battaglie della frutta,ortaggi,olio,latte formaggi,insaccati,carne e tutto ciò che in Italia nessuno ci DEVE E PUO' insegnare come fare.
Basta con le catene di distribuzione tedesche e francesi,che guadagnano di più a importare merci scadenti,dal loro nordafrica,che da sempre,ma di alta qualità, abbiamo prodotto in Italia....
Risultato,terreni deserti,contadini a spasso.....e schiavi in mano a bande mafiose che li fanno lavorare a 1/1,5 euro l'ora...
Basta!!!!!!....con i paesi che ci vogliono insegnare come si mangia e come si mangia bene(amministratori esclusi)....e che magari sono gli stessi che fanno colazione la mattina....con uova sode o strapazzate e bacon,dieci formaggi,,dieci salumi,corn flakes,latte freddo a volonta e un litro di caffé annacquato.
Basta!!!! con questa Europa di soli vincoli pedanti,e contratti fasulli,...che mortifica la naturale imprenditorialità italiana.....
E Basta di Saputelli(nei quali non ci riconosciamo) che se avessero un decimo di cervello per quanto di lingua che hanno.....saremmo il Popolo "più ricco" d'Europa.
Tu Nessie mi rimprovererai.....ma noi parliamo,nel Post di "sole"alimentari, di furbastri che ci rifilano i loro prodotti finti,uccidendo i nostri genuini.....e tu(io) insisti nel trito e ritrito motivetto.....
"che siamo governati male".....o Stupidi onestio onesti ibernati,o tanti disonesti approfittatori del nostro sbando politico.
Sì,insisto, perché anche il pesce(una volta eccellenza italiana)PUZZA dalla testa.
Saluti MAR
(*)Clientes....Nell'antica Roma i Tribuni che dovevano essere eletti dalla plebe...nel foro,facevano i loro discorsi per accaparrare voti,promttendo ai loro"Clientes"una "sportula" dove c'era da mangiarew una settimana....e così per tutto l'arco della legislatura...
Oggi i Fori, sono rovine,sono stati sostituiti dai "buchi"di bilancio,ma sempre la plebe in cambio del voto rimedia qualcosa( p.e.80 euro)....occhio che è noto che Cesare e Antonio(per citarne due) per ottenere le cariche,e pagare le sportule dei Clientes ,dovettero ricorrere agli strozzini del tempo,legandosi mani e pedi alla loro ingordigia(altro voto di scambio).

Nessie said...

Mar, vedo che ti sei svegliato incaxxato come una biscia. Se è per questo lo siamo tutti. Le pignolerie Ue degli EurokomiSSar sul diametro delle zucchine e delle melanzane, ci ha portato a tutto questo disastro.

Nessie said...

Faithful, purtroppo non possiamo essere più "choosy" (come diceva quella stronza della Fornero). Pur di far fronte comune anti-invasione, vanno bene pure i comunistoni d'antan. Non so quanto tratto di strada faremo insieme, ma è così...

Faithful said...

"Faithful, purtroppo non possiamo essere più "choosy" (come diceva quella stronza della Fornero). Pur di far fronte comune anti-invasione, vanno bene pure i comunistoni d'antan. Non so quanto tratto di strada faremo insieme, ma è così..."

Basta anche fino all'uscita dall'eurofogna a me basta questo,comunque lo dicevo qualche giorno fa:le pentole che ha venduto ìbbomba un anno fa si sono già bucate,e la gente comincia a chiedere la restituzione :)

http://voxnews.info/2015/05/11/bolzano-al-ballottaggio-trento-a-pd-ma-in-entrambe-citta-crolla-sinistra-e-raddoppia-la-lega/

Anonymous said...

^C'è una loro vignetta divertente sui clandestini: Noi venire da fame e carestia, ma pesare 90 kg a testa".^
A Roma tempo addietro girava un'altra barzelletta(molto amara,e che ci dovrebbe far molto riflettere) ,riferita,pure questa, alla migrazione, quella del'600/'700 verso le Americhe,anche allora(ma però che coincidenza) su carrette,fatta da schiavisti,che dalla stessa area subsariana catturavano poveri Cristi per lavorare nelle ricche fattorie degli uomini bianchi.....franco,inglesi ,tedeschi.....noi Italiani,ne siamo fuori, non possedevamo fattorie,eravamo poco più che schiavi...di carnagione un po' più chiara..
Preghiera,di un povero Cristo, degli anni '50...Signore perchè mi hai fatto dei piedi così grandi?...per camminare meglio a piedi scalzi nelle savane...ah!...E perché,pure le mani cosi grandi?....per sopravire,senza attrezzi nella foresta....Ah!....e perché la pelle cosi scura?....per resistere al sole cocente equatoriale...Ah!
E che cazzo ci sto a fare,allora a New York????
Nessie come vedi la storia si ripete,perchè quello degli schiavisti non è un fenomeno spuntato l'altro ieri nel Mediterraneo....ma uno dei tanti sporchi mestieri che si trasmettono tra generazioni.....che gente senza scrupoli utilizza per vivere comodamente....senza..."faticà".
Saluti Mar

Nessie said...

Le virgolette si fanno così: "......" e non con l'accento circonflesso :-).

Quanto allo schiavismo mi sembra di parlare col muro. L'ho detto e lo ripeto: chi si può pagare un passaggio da 2000 o 3000 euro non è uno "schiavo" perché percepisce dalle 30 alle 40 euro al giorno dalle organizzazioni onusiane. Inoltre se conosci il piano Kalergi, mi pare evidente che li deportino qui per "sostituirci" etnicamente , cosa che se osassimo fare noi come bianchi in Africa con i nativi, verremmo trattati da "razzisti". E' l'ultima volta che ti abilito una simile sciocchezza. Se la vuoi capire capiscila, sennò banno. Oltretutto è fuori topic.

Anonymous said...

La Mogherini ha appena annunciato davanti all'ONU, in platea mondiale, che accoglieremo tutti i profughi senza riserve.
"Migranti e profughi non saranno mandati indietro. Voglio essere chiara su questo."

Il punto di non ritorno, quello tanto evocato anche da Bergoglio con la sua Messa simbolica a Lampedusa, a mio parere è stato raggiunto oggi.

Woody-

Nessie said...

Woody, stasera cambio topic, perché dovremo abituarci a valanghe e alluvioni demografiche"programmate" (altro che schiavisti! Questi sono solo l'ultimo anello della catena mondialista).

Qui siamo alla realizzazione concreta del piano Kalergi.
Per saperne di più sul conte Richard Coudenhove Kalergi e le sue teorie che prevedono il nostro genocidio :

http://www.informarexresistere.fr/2014/05/07/il-piano-kalergi/

http://www.nocensura.com/2013/11/la-storia-segreta-dellunione-europea-il.html

http://xn--identit-fwa.com/blog/2012/12/11/il-piano-kalergi-il-genocidio-dei-popoli-europei/

e su indicazione di Massimo anche questo link ufficiale:

http://www.paneuropa.org/

e aggiungo io anche il suo ultimo post:

http://blacknights1.blogspot.it/2015/05/immigrazioneleuropa-persevera-nellerrore.html


La politica delle quote da distribuire nei vari stati membri (un tanto a me/un tanto a te...) è esattamente quello che vogliono le consorterie europee per portarci alla distruzione "ufficiale" e "legalizzata".