21 September 2012

False libertà, vere prigioni planetarie




 
 
C'è poco da festeggiare. Ricorre il settimo anno dalla creazione di questo blog, ma  di anno in  anno, settembre diventa il mese più apocalittico del calendario, per cui faccio a meno di onorare la data, anche se sono soddisfatta nel constatare che questo spazio  ha raggiunto punte di oltre cinquecento visualizzazioni. Difficilmente si trova (anche per gli storici accreditati) un periodo storico dove tutto quanto va male come se l'intero pianeta fosse in mano a demoni scatenati,  come quello che stiamo attualmente vivendo. Abbiamo un'America paralizzata da una crisi economica e finanziaria che spalma su tutto l'universo mondo, un'Europa attanagliata dalla crisi dell'Eurozona, un'Italia soffocata dalle politiche dette di austerity (in realtà di vero e proprio strozzinaggio) da parte dell'attuale giunta di banchieri "abusivi",  e alle porte d'Europa, un dopo-Primavera araba che lascia senz'altro rimpiangere gli autocrati laici che c'erano prima (Gheddafi, Mubarak e Ben Ali), i quali se non altro sapevano tenere insieme le varie tribù ed etnie col pugno di ferro. Non sono io la prima a dire che era molto meglio lasciare gli equilibri precedenti, ma lo sostiene anche il falco repubblicano Edward Luttwak nella sua recente intervista a La Stampa. E' iniziata la campagna elettorale, e Luttwak non perde l'occasione per indicare Obama come un povero minus habens, modello Carter, ma intanto sul fallimento della  dottrina dell'esportazione della democrazia (cara sia ai neocon che ai democratici)  ha detto la verità.
 
Vengo all'annosa questione delle vignette, oggi sul giornale satirico Charlie Hebdo, settimanale in calo di vendite che intende rifarsi ora con queste pubblicazioni,  e al film "blasfemo" su Maometto. In geopolitica, nulla è mai come appare, e dato che non ho altri elementi di valutazione della solita stampa schierata all'unisono pro Usa, vedrò di aggiungere qualche voce discordante alla letteratura fin qui pubblicata. Innanzitutto come sostiene lo stesso Luttwak "Tutti sapevano che a Derna gli uomini di Al Qaeda giravano senza nascondersi, nella piena luce del giorno», per cui la morte del povero ambasciatore Stevens era quasi una morte annunciata dal fatto che le cautele e le precauzioni di sicurezza non sono state prese.  Poi, tutelare per il cosiddetto "Occidente" la sua libertà di parola non significa affatto andare con taniche di benzina a provocare appositamente roghi, nel senso che le provocazioni (nel limite del possibile)  si devono cercare di contenere, per il Bene e la Sicurezza di tutti quanti. Sarebbe un po' come infiltrare le Pussy Riot nella chiesa, farle bestemmiare come hanno fatto  per poi lamentarsi che le abbiano chiuse in gattabuia, invocando a squarciagola la solita solfa della "libertà d'espressione" (come del resto, hanno fatto). Non voglio con ciò, paragonare una religione come l'Islam verso la quale non ho alcuna simpatia, con quella cristiana; ma tenuto conto che gli euromassoni ci hanno riempito l'Europa di migrazioni islamiche, è bene chiedersi una cosa importante: se si vuole bellamente esprimere il proprio parere su una religione che consideriamo a noi aliena, la prima cosa da fare è contenere e ridurre drasticamente le migrazioni islamiche a casa nostra. Avanti su forza! sfido qualcuno di questi vignettisti o creatori di filmatini blasfemi prontamente diramati su you tube ad esprimere questi semplici concetti, relativi alla nostra sicurezza.  

No, non lo faranno, perché difenderci non è  il loro obiettivo. Il loro obiettivo non è dissimile a quello dei piromani dei boschi dell'estate scorsa: incendiare, desertificare e aizzare masse ignoranti e fanatiche dove la disoccupazione giovanile arriva all'80% , per poi avere il  facile pretesto di creare instabilità,  quell'instabilità  già procurata dalla Cia attraverso le primavere arabe. A questo punto,  ci sono tutti i prodromi per far nascere - perchè no? -  una bella guerra mondiale, toccasana di quella crisi finanziaria dalla quale non si riesce a uscire con strumenti meramente economici. Fantasie? Fantapolitica? Può darsi... 
Tuttavia, un imam integralista salafita o wahhabita  dalla barba folta, e dal volto contratto dall'odio si può sempre comprare con quattro datteri (si fa per dire), affinché svolga il suo sporco lavoro. E chi lo paga non è certo un beduino del deserto né un povero cammelliere, ma qualche raffinatissima mente "occidentale". Non so voi, ma io sento odore di false flag lontano un miglio.
 
Qui, un punto di vista che esula dal pecorume della nostra stampaglia quotidiana :
 La tattica della bestemmia di Thierry Meyssan. E' un pezzo che fa discutere, ma se non altro non rassomiglia alle notizie precotte che abbiamo letto su Corriere, Repubblica, Il Giornale, La Stampa, Libero, Il Foglio.  Ovvero  tante testate per uno stesso  ritornello a voce unica.
 

25 comments:

Anonymous said...

nessie bellissimo post e punta di vista davvero pragmatico. una curiosità le 500 mila visualizzazioni di cui parli in apertura, che tu sappia, sono date dalla somma di passaggi ripetuti dalla stessa persona o il counter distingue tra una nuova visita e quella reiterata?

Anonymous said...

shadow...ps: la storia del counter intendo....

Nessie said...

Grazie Shadow. Per quanto riguarda la tua domanda, direi di no, avendo fatto la prova. Il mio intervento, ad esempio, resta visualizzato solo quando vado nell'editor e pubblico. Poi posso tornare e ritornare che non resta più segnato.

L'islam in realtà è l'antrace che gli euromassoni ci diffondono qui in Europa per sostituirci più in fretta nella demografia, cultura e religione. Ma ovviamente, su questa cosa vera c'è lo zittificio, mentre invece si fa un gran can can con le vignette, e la cosa puzza. Tra l'altro il giornale satirico Charlie Hebdo se la passava assai male con le vendite: hanno trovato il modo di incrementarle.

Anonymous said...

nessie secondo me internet è un mezzo forte ed efficace, ma non riesce a penetrare negli strati più "pietrosi" della popolazione, dove una maggior presa di coscienza potrebbe fare la differenza, se non altro, almeno sviluppando una consapevolezza diversa da quella generata dai "messaggi flash" dei tg, e dagli approfondimenti accalorati ma pur sempre "out of time" dei rotocalchi. ho pensato a dei volantini ma spiegare queste cose in sintesi è inappropiato oltre che assai arduo. servirebbero veri e propri pamphlet da distribuire casa per casa! shadow

Anonymous said...

inappropiato >>> inappropriato.......pardon

shd^^^^

Johnny88 said...

Se fossero davvero interessati a combattere l'islam, credo per cui non provo alcuna simpatia anzi, allora chiuderebbero istantaneamente le moschee di tutta Europa e ne impedirebbero l'edificazione. Non lo fanno? Allora vuol dire che sono d'accordo coi terroristi che dicono di combattere.

Noto comunque che verso i figli di Allah c'è sempre questa deferenza. Se ci fosse un trattamento paritario delle fedi allora i governi occidentali dovrebbero scusarsi coi cristiani un giorno si e uno anche visto il modo in cui il cristianesimo è costantemente dileggiato e offeso.

Huxley said...

Un antico anatema cinese recitava "possiate vivere in tempi interessanti”; temo che questi tempi lo siano e che lo diventeranno ancora di più nel prossimo futuro.
Comunque gli storici avranno un bel pò di cose da raccontare su questo periodo, dove l'idiozia di massa viene sapientemente manipolata dall'ottusa avidità di una elite composta da psicopatici che sono riusciti a contrabbandare l'efficenza economica come l'unico vero credo dell'Occidente.
Se qualcuno ritiene che 'idiozia di massa' sia un termine troppo forte, allora gli consiglio di guardare fuori dagli store 'Melamorsicata' e contare quanta gente fa file di giorni per comprare un telefonino costosissimo, di cui potrebbe fare tranquillamente a meno.
In ogni caso, per rimanere al nostro orticello sempre più brullo, segnalo questo link:

http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=10843

Probabilmente lo avrai già letto, Nessie, ma fa capire che se L'Occidente è una prigione, noi siamo dentro alla cella di isolamento.

johnny doe said...

No, non lo faranno, perché difenderci non è il loro obiettivo. Il loro obiettivo non è dissimile a quello dei piromani dei boschi dell'estate scorsa: incendiare, desertificare e aizzare masse ignoranti e fanatiche dove la disoccupazione giovanile arriva all'80% , per poi avere il facile pretesto di creare instabilità in quell'instabilità già procurata dalla Cia attraverso le primavere arabe.

L'instabilità programmata in vari modi (inclusa l'islamizzazione europea che prima o poi ne sarà fonte )é il prodromo necessario per creare un nuovo NWO.

Intanto auguri al blog

Anonymous said...

Hey Nessie,complimenti per i 7 anni di attività del tuo blog!Esiste un libro scritto nel 1973(!) che descrive incredibilmente lo scenario in cui l'occidente sta precipitando oggi,raccontando gli obiettivi della classe dirigente mondialista e cioè la globalizzazione,imposizione del meticciato,caos,degrado ecc,con un finale da incubo.Il libro è"IL CAMPO DEI SANTI" di Jean Raspail pubblicato nel 1973,del quale si può trovare un'ottima recensione sul sito www.centrostudilaruna.it dove il recensore fa notare anche le difficoltà che il libro incontrò per la distribuzione,insomma fu "censurato"in mezzo mondo.
Saluti
Metal

Nessie said...

Shadow, il giorno che internet diventerà (come dici tu) un mezzo forte ed efficace che riesce a penetrare negli stati "pietrosi" della popolazione, ci metteranno le manacce sopra e il bavaglio a tutti noi. Perciò non auguriamocelo. Già ci sono siti americani che dicono che stanno intentando delle provocazioni per poi avere il pretesto di imbavagliare, dato che finora il Congresso ha sempre votato contro le leggi liberticide che vorrebbero soffocare la rete.

Nessie said...

"Se fossero davvero interessati a combattere l'islam, credo per cui non provo alcuna simpatia anzi, allora chiuderebbero istantaneamente le moschee di tutta Europa e ne impedirebbero l'edificazione. Non lo fanno? Allora vuol dire che sono d'accordo coi terroristi che dicono di combattere".

Sei sulla mia lunghezza d'onda, vedo.
Johnny, le moschee, o meglio, la moscheizzazione del territorio, sono una conseguenza diretta di questo tipo di immigrazione. Ed è la madre di tutti i tabù. Una volta che li fai entrare, secondo la nostra Costituzione, dovresti garantir loro anche i luoghi di culto. Per questo non dovrebbero entrare o dovrebbero essere limitati gli ingressi. Ma la verità è che il Dio Mercato non si tocca e per questo non c'è nessuna "blasfemia" né bestemmia che tenga. Si può bestemmiare il Dio cristiano e pure il Profeta islamico, ma non il Vitello d'Oro.

Anzi, arrivo a dirti che è il mercato che finanza i bestemmiatori e i blasfemi ( il caso Pussy Riot docet).

Nessie said...

Certo che sì, che l'Occidente è una prigione, e che rischia di fare come il serpente che si mangia la coda. Scusa Huxley, ma chi credi che fossero i finanziatori e reclutatori di Al Qaeda tanto per intenderci?
E i Talebani (taliban, ovvero studenti coranici) non sono nemmeno di etnia afghana, ma sono di etnia pashtun. Chi credi che li abbia portati laggiù a fare casino?
Osama bin Laden era un saudita al servizio degli Americani per combattere contro l'occupazione sovietica in Afganistan. E la scusa è sempre la solita: c'era ancora la Guerra Fredda. Poi sempre Osama e i suoi wahhabbiti sono stati regolarmente reclutati dall'amministrazione Clinton per combattere contro i poveri Serbi. Dovremmo ribellarci a questi malati schizofrenici. Prima usano questa gente per i loro sporchi fini, eppoi la combattono nel nome della "purezza occidentale". Ma che ci facciano il piacere!

Nessie said...

Grazie per gli auguri Johnny Doe. L'instabilità programmata e il caos primordiale fanno parte dei loro nefandi piani. Ma occhio: per raddrizzare la crisi economica possono far scoppiare qualche conflitto mondiale. L'ipotesi della III GM è sempre possibile.

Nessie said...

Grazie Metal, ora cerco il testo che hai indicato. POi ci sarebbe da capire il sostegno degli Usa nei confronti della gerontocrazia saudita. Amano così tanto esportare la democrazia, che in Arabia Saudita hanno mummificato e imbalsamato la dinastia saudita nel timore di rimanere a becco asciutto con le riserve petrolifere.

Ce ne sono di così delle tessere del mosaico da piazzare e che non tornano.

Eleonora said...

Bhe, anzitutto congratulazioni per i sette (e dico) sette anni di blog. Se non fosse stato per il blog non ti avrei mai potuta conoscere anche se la conoscenza è solo virtuale. Ma sono felice che tu l'abbia aperto e che continui ad andare avanti. Il tuo blog è la mia croce e la mia delizia.

Per ora non commento ma continuo a seguire il dibattito.

Nessie said...

Grazie Ele, ma se non sbaglio i nostri blog sono quasi coetanei. O sbaglio? Su per giù abbiamo iniziato insieme, se la memoria non mi tradisce...

Poi con calma, mi dirai qual è la "croce" e qual è la "delizia"
:-)

Nessie said...

Una postilluccia. Noi tante cose sull'islam non le sappiamo. O meglio, sappiamo la parte legata alla selvaggeria che ci fanno conoscere i media e i vari documenti, tipo lapidazione, taglio della mano a chi ruba ecc. Ma ad esempio, per il Corano il prestito a interesse è considerato Haram (peccato) e hanno un'etica molto dura contro l'usura. Noi Eurobabbei ormai viviamo dentro l'usura, la respiriamo, ne siamo completamente intossicati. Ma da quel punto di vista loro mostrano di avere ancora un po' di palle e la rifiutano.

http://it.wikipedia.org/wiki/Finanza_islamica

Non vi siete mai chiesti da dove può derivare la fretta spaventosa con la quale hanno destabilizzato tutta l'area mediorientale ? magari dalla voglia matta di impiantare banche strozzine e mediatori finanziari che per ora non hanno ancora accesso da quelle parti?
A pensare male ci si azzecca quasi sempre. A questo punto, a questi disgraziati non resta che attaccarsi alla barba di Maometto. Come del resto fanno.

Eleonora said...

Diciamo che croce sta per il fatto che tramite i tuoi post, conosco cose che prima ignoravo. Ecco.

Si, la cosa della finanza islamica ad esempio la conoscevo. Gli interessi, è vero, per loro sono peccato. In un certo senso si, non vogliono farsi sfruttare. Se prendono ad esempio 10, restituiscono 10 e niente in più. Così è onesto... ma diciamoci la verità, per chi non lo sarebbe?

Gheddafi è stato ammazzato proprio per questo, no? Perchè non voleva le manacce capitalistiche nel suo stato.

Nessie said...

"Così è onesto... ma diciamoci la verità, per chi non lo sarebbe?"

Ele, a onor del vero non lo è più manco per i cristiani (di cui ho descritto alcuni esempi di santi e beati predicatori anti-usura nel post precedente), sicché non è affatto pacifico quello che chiedi.

Gheddafi pare sia stato ammazzato anche perchè voleva rifiutarsi di avere per referenti gli eurocrati, l'Eurozona e l'Union des Peuples Mediterranéens proposta da Sarkozy) ma pare avesse in progetto una moneta unificatrice per i paese nordafricani.
La cosa non è piaciuta, a quanto pare.

Nessie said...

La valuta avrebbe dovuto essere il dinaro d'oro:

http://www.megachip.info/tematiche/guerra-e-verita/6114-la-moneta-doro-di-gheddafi-che-avrebbe-sconvolto-gli-equilibri-economici-mondiali.html

Anonymous said...

la morte del povero ambasciatore Stevens

...il" povero ambasciatore" e'il " proconsole" che ha gestito il massacro libico ..quindi ,per favore, cerchiamo sempre di non farci "fottere nel cervello "
ws

Nessie said...

Modera i toni per favore, ws. Il mio cervello funziona benissimo e non è fottuto. Per quanto possa essere stata aberrante la sua figura politica, io detesto QUEI tipi di morte e QUEI linciaggi. E questo vale anche per Gheddafi che non era certo una mammoletta, ma che è stato trucidato in modo barbarico.
Se può interessarti il mio punto di vista, vale per Saddam e pure per Mussolini e la Petacci.

Anonymous said...

cara nessie,
i miei termini sono crudi perche' la situazione e' cruda. Purtroppo NON PER COLPA NOSTRA sta fuggendo via il tempo del "bon ton". Nel mondo di "merda&sangue" in cui ci stanno portando, non ci faranno "giocare a bridge".
ws

Martino said...

Augurissimi! Sette anni sono tanti per un blog! :-) Anche Il Jester è nato a settembre, ma lui è più piccolo. Ha appena cinque anni... Tu il tuo lo stai già mandando a scuola? :D

Nessie said...

Grazie mille Martino-Jester. Il mio blog è già in età scolare :-)

Ti invito a leggere anche l'altro culturale, dato che so che sei un amante della fantascienza e tratto un post sull'argomento:



http://esperidi.blogspot.it/2012/09/alan-watt-la-distopia-e-i-padroni.html