20 February 2012

Mario parapaPonzi

Tra le molte cose che la nostra stampaglia non dice c'è che Mario Monti in Usa non ha ricevuto solo copertine che plaudono al suo operato. Operato organico ai piani di Obama, peraltro. Qui c'è questo geniale fotomontaggio a cura di William Banzai che lo riprende con mezza faccia come Charles Ponzi, quello del famigerato "schema " truffaldino (segnalazione di Silvio sul blog di Marcello Foa) , e l'altra metà con i suoi tratti somatici. Non mi è stato possibile usare l'immagine di Monti-Ponzi, poiché i diritti sono riservati. Perciò cliccate sul link di sopra per vederla. 


La tecnica dello schema Ponzi prende il nome da Charles Ponzi, un immigrato italiano negli Stati Uniti che divenne famigerato per avere applicato una simile truffa su larga scala nei confronti della comunità di immigrati prima e poi in tutta la nazione. Ponzi non fu il primo a usare questa tecnica, ma ebbe tanto successo da legarvi il suo nome. Con la sua truffa coinvolse infatti 40 000 persone e, partendo dalla modica cifra di due dollari, arrivò a raccoglierne oltre 15 milioni.

Lo schema  Ponzi si è sviluppato nel tempo in varianti più complesse, pur mantenendo la stessa base teorica e continuando a sfruttare l'avidità delle persone. E' tornato alla ribalta internazionale il 12 dicembre 2008, a causa dell'arresto di Bernard Madoff, ex presidente del NASDAQ e uomo molto famoso nell'ambiente di Wall Street. L'accusa nei sui confronti è di aver creato una truffa compresa tra i 50 e i 65 miliardi di dollari (una delle maggiori della storia degli Stati Uniti) proprio sul modello dello schema di Ponzi, attirando nella sua rete molti fra i maggiori istituti finanziari mondiali. Il 12 marzo 2009 Bernard Madoff si dichiarò colpevole di tutti gli undici capi d'accusa a lui ascritti e fu condannato a 150 anni di carcere.

Bene, a parte le conseguenze dello schema Ponzi, quel che va ricordato è che la Ue-BCE è come se fosse un vasto schema Ponzi su larga scala, e l'ultimo che entra in questa colossale truffa rischia di rimanere col cerino in mano, mentre tutta la piramide va a catafascio. Ovviamente i vertici si mettono al riparo e al sicuro a detrimento di altri. Le banche centrali stanno immettendo miliardi di banconote chiamate euro nel sistema; le banche vengono finanziate per acquistare i titoli di stato in scadenza, dietro non c'è alcuna sostanza.

Scadono i titoli e per il rinnovo si immettono banconote fresche di stampa.

Questo è il trucco mentre, invece, dovremmo preoccuparci di produrre valore.

Ponzi era un pivello rispetto a  chi ci governa.



Che questa crisi sia qualcosa che è stato pianificato in anticipo è spiegato apertamente e chiaramente. Il crac del BTP di questa estate è stato artificiale, pianificato a tavolino per permettere al governo Monti e Passera senza elezioni, di succhiare 200 miliardi di euro con le stangate fiscali ed eliminare la sovranità di Grecia, Portogallo, Irlanda, Spagna e Italia.
 Allora perché spingere proprio  la Grecia a questo collasso e sull'orlo del baratro che sappiamo?


La risposta l'ha data lo stesso  MARIO MONTI: «ABBIAMO BISOGNO DELLA CRISI» febbraio 2011 (un anno fa)

"....Non dobbiamo sorprenderci che l'Europa abbia bisogno di crisi e di gravi crisi per fare passi avanti. I passi avanti dell'Europa sono per definizione cessioni di parte della sovranità nazionale ad un livello comunitario. E' chiaro che il potere politico e il senso di appartenenza dei cittadini può essere pronto a queste cessioni solo quando il costo politico, economico e psicologico di non farle diventa superiore al farle perchè c'è una crisi in atto, visibile, conclamata... Siccome per ora gli eventi non hanno preso una piega in modo serio e in Europa abbiamo leggi e norme ... abbiamo bisogno delle crisi per fare passi avanti e quando una crisi sparisce rimane un sedimento che non è più reversibile..."


dal sito: http://www.cobraf.com/forum/coolpost.php?topic_id=869&reply_id=123461120. Se ne consiglia la lettura integrale.

56 comments:

Massimo said...

Napolitano ha ammorbato l'aria per un anno intero con i suoi sproloqui sul presunto 150° dell'Unità d'Italia e, da vecchio comunista incallito e internazionalista, ha messo il governo nelle mani di uno che risponde non ad esigenze di Sovranità, Indipendenza e Dignità Nazionale, bensì a consorterie internazionalista dedite ad opprimere i Popoli e le Nazioni europee. In questo solco si muove anche chi vorrebbe facilitare la cittadinanza passando allo ius soli.

Anonymous said...

I tecnici della lobby gay

di Riccardo Cascioli 20-02-2012

Non ce ne vogliano i lettori se torniamo sull’argomento a distanza di pochi giorni, ma l’attivismo del ministro Fornero per la promozione dei diritti gay è un fenomeno che deve essere rilevato, tanto più che viene ignorato dalla grande stampa nazionale.

Dunque il 16 febbraio, il ministro del Welfare (con delega per le Pari Opportunità) ha aperto il convegno organizzato dall’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali), operante presso la presidenza del Consiglio dei ministri, con tutta la galassia delle associazioni LGBT (Lesbo-Gay-Bisex-Transgender). Il convegno si è tenuto nella Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei ministri con il titolo ”Contrasto della discriminazione basata sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”. Nell’occasione l’Italia ha firmato un programma del Consiglio d’Europa per promuovere l’agenda gay.

Addirittura l’Italia – come ha detto il direttore dell’UNAR Massimiliano Monnanni - “è il primo Paese dell'Unione europea ad aderire al programma del Consiglio d’Europa che, recependo la Raccomandazione adottata dal Comitato dei Ministri CM/REC 5 del 2010, mira ad offrire assistenza tecnica e finanziaria agli Stati membri del Consiglio d'Europa nell’implementazione di politiche di contrasto alla discriminazione nei confronti delle persone LGBT, avvalendosi, in ciascuno stato, di un network informale di focal point governativi".
...m

Nessie said...

Più che vero, Massimo. E l'affermazione di Mario Ponzi, sull'Europa che ha bisogno di "gravi crisi" per poter fare dei passi avanti, ne è una testimonianza schiacciante. Vale la pena di ripetere fino alla nausea il suo discorso sul "sedimento di irreversibilià" e propongo agli amici blogger vicini di sottolinearlo ad ogni piè sospinto, dato che la faccenda della Grecia era già TUTTA PREVISTA.

Nessie said...

Sì Marco, i piani della banche mondiali sono chiari: la popolazione sarà decimata e stremata dalle "crisi indotte" ma si salveranno solo i gay e tutta la gayezza universale. Uno su mille ce la fa.

Nessie said...

Ecco l'etimologia della parola "greca" crisi:

http://www.etimo.it/?term=crisi

Dal greco krisis e che proviene da krino: separo, scelgo. E' un caso se questi "illuminati" abbiano scelto proprio la Grecia quale laboratorio dei loro esperimenti da mostruosi dott. Caligaris? Poi ovviamente toccherà ad altri, dato che l'Europa ha bisogno di "gravi crisi" (cit. di Monti-Ponzi).

SILVIO said...

Cara Nessie,
siccome non ci leggeremo sino al 27 corrente mese, ti faccio questo regalo (in immagini) sperando che tu lo gradisca.
Dopo averle viste, forse converrai con me che talora le immagini valgon più di mille parole.

1)- DIMISSIONI VOLONTARIE DI BERLUSCONI
http://www.flickr.com/photos/expd/6332303372/in/set-72157627916925779/lightbox/

2)- BERLUSCONI, DOPO LE DIMISSIONI
http://www.flickr.com/photos/edoardobaraldi/6334501774/in/photostream/lightbox/

3)- MARIO PONZI VISTO IN TRASPARENZA
http://www.flickr.com/photos/edoardobaraldi/6442125797/in/photostream/

4)- LA MISSIONE DI MARIO PONZI
http://www.flickr.com/photos/edoardobaraldi/6332592220/in/photostream/lightbox/

5)- MARIO PONZI IN “TIME”
http://www.flickr.com/photos/expd/6868158839/in/photostream/lightbox/

6)- MERKOZY
http://www.flickr.com/photos/expd/6886615331/lightbox/

7)- MERKEL E SIGNORA
http://www.flickr.com/photos/expd/6122911722/in/set-72157627916925779/lightbox/

8)- IL DNA DELLA FIGLIA DI “HORST IL ROSSO”
http://www.flickr.com/photos/expd/6847437867/in/photostream/lightbox/

9)- SCHÄUBLE, LO STRANGOLATORE
http://www.flickr.com/photos/expd/6882634499/lightbox/

10)- « AL CARO EMANUEL, IN RICORDO DEI GIORNI FELICI »
http://www.flickr.com/photos/expd/5689201769/in/set-72157627916925779/lightbox/

11)- LE DUE SORELLE SIAMESI
http://www.flickr.com/photos/expd/6689079849/in/photostream/lightbox/

Un affettuoso saluto. Ciao. SILVIO

Nessie said...

Grazie Silvio, immagini graditissime :-)

Peccato non poterle caricare sul template del blog, perché vedo che sono coperte da diritti riservati. Comunque suggerisco ai lettori del blog di darci un'occhiata e farsi quattro risate.

Auguri per il tuo meeting a Rimini e speriamo non nascano fratture fra le varie componenti. Poi tienici informati su come sono andate le cose.

Sareth said...

non sono in grado di cogliere il passaggio tra la produzione a costo zero di moneta e il debito pubblico.
teoricamente, finchè una banca centrale emette moneta, lo stato non dovrebbe fallire. ma è realmente così? cioè non si rischia di contrarre la curva di weimar? o una forte mancanza di fiducia nell'euro che lo porterebbe a non valere più niente, dato che l'economia reale dell'eurozona soffre sempre più di maggiore crisi? me lo spiegate per cortesia?

Nessie said...

Sareth, di tecnica monetaria se ne intende molto Silvio e No caste. In attesa di loro ulteriori lumi, ti posso solo dire quel che vedo: l'Europa sta diventando TUTTA una grande Weimar. Dopo la Grecia, il cui fallimento è previsto per marzo, i Pigs cadranno ad uno ad uno come birilli. Poi il rovescio politico di tutto ciò, sarà il "sedimento di irreversibilità". Ovvero il loro governo mondiale esercitato su popoli senza nazioni, senza sovranità monetaria e praticamente resi schiavi.

Josh said...

sono nero...

un bel progettino delinquenziale quello che leggo nel post! Ma l'eurozona è proprio uno schema Ponzi, come molti di noi sospettavano fin da principio.

non mi tirano su nemmeno le divertenti immagini di Silvio (l'utente).

Nessie said...

Ti posso capire, Josh. E la faccenda della prigione planetaria che stanno costruendo non serve nemmeno a dire a noi stessi che "mal comune mezzo gaudio". Costoro sono solo dei farabutti che non vanno mai in galera.

Nessie said...

Voglio aggiungere un'altra cosetta paradossale, Josh. Se avessimo detto noi un terzo delle affermazioni fatte da Monti ("L'Europa ha bisogno di gravi crisi") ci avrebbero dato dei "complottisti". Lui invece le dice e li fa i complotti o orditi o come cavolo d'altro vogliamo chiamarli.

Josh said...

Ma certo, le frasi di Monti
"L'Europa ha bisogno di gravi crisi", o
"La Grecia è il maggior successo dell'euro",
o "andare avanti in Europa significa cedere continuamente pezzi di sovranità nazionale"
sembrano frasi complottiste, non di un manipolo di paranoici che vedono complotti dove non sono, ma proprio da parte di chi i complotti li intesse o ne è servitore.

Ovvio che in un'ottica macroeconomica vista dai poteri forti, l'instabilità orchestrata di intere nazioni, la "rivoluzione permanente" (peraltro tattica antica) applicata a popolazioni intere, loro malgrado,
è la conditio sine qua non per far fare fantastilioni a lorsignori.

Ma il fatto che, mentre lorsignori fanno fantastilioni sul nostro esproprio, porti denaro solo a loro, e a noi rovina per l'eternità,
questo non è ovviamente menzionato.
Non sarebbe abbastanza "progressista".

Poi sai com'è, ci sono dei modi di "progredire" che era meglio restare indietro (l'anacoluto è voluto)

SILVIO said...

Scusa NESSIE se intervengo nuovamente.
Ho letto le perplessità espresse da SARETH circa i pericoli di inflazione a causa di stampa eccessiva di moneta.
Tali perplessità sono state espresse “pari pari” (nel blog di Marcello Foa) dall'amico FABIO CENCI.

Gli ho risposto in tal modo (in ciò replicando indirettamente anche a Sareth):

« Caro FABIO,
Le motivazioni addotte circa l'iperinflazione di Weimar e dello Zimbabwue (causate da eccessiva stampa di moneta) sono BALLE CRIMINALI propalate dai monetaristi neoclassici per terrorizzare gli ignari e demonizzare l'emissione della moneta-fiat , che è l'unica fonte originaria di ricchezza del popolo.

Ciò lo affermo a ragion veduta e ti posso garantire che - prima di rischiare di scottarmi – mi accerto sempre che l'acqua non sia bollente.

In attesa di preparare esaustive cartelline didattiche sull'argomento, ti rimando al sito dell'economista “Carmen The Sister” che riporta la celebre replica (in materia) inviata a Paul Krugman dal prof. Randall L. Wray (nume tutelare della MMT).
http://vocidallestero.blogspot.com/2012/01/zimbabwe-weimar-come-la-mmt-risponde.html
http://vocidallestero.blogspot.com/2012/01/non-vale-un-continental-come-la-mmt.html
Paul Krugman – dal canto suo e con lodevole onestà intellettuale - ne ammise poi la fondatezza».

Un cordialissimo saluto . CIAO.

Nessie said...

Josh, c'è chi può e c'è chi non può.

A noi non è dato nemmeno pensarle certe cose, pena la "polizia del pensiero". A parapaPonzi invece è dato di metterle in atto :-)

Nessie said...

Grazie Silvio, intervieni pure quando vuoi, ogni delucidazione è gradita.

Huxley said...

Nessie, non so se hai visto un geniale (lo è per me) film di Terry Gilliam: Brazil (1985).
Trattasi di una rivisitazione del mondo orwelliano, dove il mondo è afflitto da un impianto burocratico asfissiante, unito ad un capitalismo feroce dove gli uomini condannati diventavano proprietà dei propri persecutori.
Il mondo visionario dell'autore e la realtà stanno convergendo ad una velocità che lascia attoniti e angosciati, ancora pochi anni e i media, degni servi del totalitarismo, completeranno il lavaggio del cervello alle masse inebetite. Ogni residuo di coscienza verrà cancellato e, per quelli che non si adattano, ci sarà sempre un sacco di iuta ove rinchiuderli e un aguzzino con in mano i ferri del mestiere.

p.s. "Non sono il presidente delle banche". Giusto, un siffatto personaggio al più gli può ambire alla direzione di una filiale, magari sul Gennargentu

Nessie said...

Huxley, "Brazil" è un film molto famoso, che però io non ho visto. Vedrò di rimediare.

E' vero: Napolitano può aspirare tuttalpiù a fare l'usciere per i Banksters amici suoi. Ho visto che in Sardegna è stato pesantemente fischiato: era ora! C'è ancora qualche Pirla che pensa che sia dalla parte del popolo solo perché proviene dal comnismo?

Sareth said...

intanto grazie delle informazioni. ne attenderò altre. scusate, ma senza affrontare uno studio sistematico è difficile capire qualcosa senza continuare - di tanto in tanto - a porre domande spesso simili.
ieri sera mi son dilettato nel vedere qualche registrazione di beppe grillo, giusto per tirarmi su il morale che non era molto alto di suo senza pensare a quanto esposto qui. sono filmati trovati su youtube digitando "siamo in guerra" (la presentazione del libro) e "apocalisse morbida". entrambi toccano molti dei problemi che affrontiamo quotidianamente.
uno dei punti più tremendi riguarda il trattato di maastricht, articolo 157 (sono andato a verificarlo), il quale dice in merito alla commissari europei (cito):
"Nell'adempimento dei loro doveri, essi non sollecitano né accettano istruzioni da alcun Governo
né da alcun organismo. Essi si astengono da ogni atto incompatibile con il carattere delle loro
funzioni. Ciascuno Stato membro si impegna a rispettare tale carattere e a non cercare di influenzare
i membri della Commissione nell'esecuzione dei loro compiti."

ignoravo totalmente questo contenuto. nei fatti è la fine della democrazia. incredibile che nessuno abbia manifestato preoccupazione. e vengono a parlarci di libera informazione, di regimi etc. all'epoca ero ancora giovane, il mio accesso alle informazioni estremamente limitato, ma ricordo con chiarezza la condanna morale, la scomunica per coloro che osavano metterne in dubbio il progetto.

tra quello che ho visionato in rete, ho avuto modo di vedere un'ulteriore registrazione il cui protagonista è eugenio benetazzo.
come grillo, mostrò il cambiamento della sovranità monetaria attraverso le banconote emesse, passando nelle varie diciture da "Italia" a "Repubblica Italiana" a "Banca d'Italia" etc. mostrò persino una banconota della "repubblica delle filippine" per accentuare il fatto che un paese quasi da terzo mondo ha una indipendenza monetaria che noi abbiamo perso.

p.s. la frase "Pagabile al portatore" che cazzo significa? me lo sono chiesto io come grillo. mi date una spiegazione?

Sareth said...

nel merito dell'emissione infinita di carta moneta e dell presidente della FED (non ricordo quale) e della sua affermazione che gli usa non possono fallire (in quanto hanno una loro moneta sovrana e possono stampare all'infinito i dollari)...bene, ho letto tantissime volte la critica che in tal modo si rischia un inflazione apocalittica (o qualcosa del genere). bene...è vero, è possibile? ormai non ci capisco più una sega. le voci sono talmente tante e tutte si sovrappongono causando un macello infinito.

Nessie said...

Sareth, innanzitutto non potresti essere un po' più fine nel linguaggio? Scusa ma per essere un uomo di chiesa sembri uno scaricatore di porto.

Sareth said...

è l'influenza (ma non solo) di grillo :D
anche ai pii uomini di chiesa scappano le parole...:D
eccome...e qualche volta fa bene scaricare un pò di tensione :)

Nessie said...

Intanto leggiti questo:

http://disinformazione.it/sovranita_monetaria.htm
E' una vecchia scritta che non corrispondeva a verità nemmeno quando avevamo una banca nazionale. Ma comunque "pagabili a vista al portatore" significa che la banca (in teoria) può cambiarti le banconote nel corrispettivo dei metalli preziosi.

In pratica però è necessario andarsi a studiare la storia delle vicissitudine delle monete. E in particolare il passaggio dalla lira all'euro.

Nessie said...

Sì,ma al BAR e non qui. Altrimenti banno, senza pietà né misericordia.

Nessie said...

OT: Qualcuno di voi ha notizie di ALDO?
E' un po' che non lo si sente.

Aldo, se ci sei batti un colpo.

Nessie said...

Sareth, eccoti un interessante filmato, nel quale la bonanima del Bettino Craxi, parla di come ci ridurremo nella Ue del dopo Maastricht. Qualche motivo in più di quello che già sappiamo per spedirlo in esilio ad Hammamet, ce l'avevano:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=lW-HKXaEfl8

Sareth said...

chiedo scusa per il linguaggio scurrile.

si torna sempre all'inizio. una spirale senza una volontà capace di spezzarla.
come è stato possibile il passaggio della sovranità monetaria dallo stato alle banche? me lo raccontate? io non lo ricordo (sarò stato troppo piccolo), o non me ne sono accorto, o questi si sono comportati come criminali e chi doveva vigilare ed informare ne è complice. chi c'era al potere? non vè scritto nel link? e soprattutto: come si spezza il signoraggio bancario che ci soffoca?
quali sono le prospettive economiche del prossimo anno? rischiamo decurtazione pensioni e salari al pari dei greci?

Nessie said...

Scusa Sareth, capisco l'influenza e ti faccio i migliori auguri, ma qualche volta li leggi i post che sono stati pubblicati qui nel merito (se fai una ricerca di archivio, ne trovi parecchi) o pretendi ogni volta i riassunti delle puntate precedenti?

Tutto ebbe inizio dopo la Caduta del MUro di Berlino:

http://sauraplesio.blogspot.com/2010/11/cera-una-volta-un-piccolo-naviglio.html

C'era una volta un piccolo Naviglio, di nome Britannia. Poi vennero i primi governi tecnici "predatori" (Amato, Ciampi). Poi nel 1994 Carlo Azeglio Ciampi decise che il nostro debito non era più "sovrano", ma che doveva essere immesso nel mercato finanziario e difatti metà cadde nelle mani di investitori stranieri.

Per ciò che concerne la trasformazione della Banca di Italia in Bankitalia, sono due parolette che fanno la differenza. La seconda con la K vuole dire che fa parte di una filiera internazionalizzata e che non siamo più sovrani dagli anni '90 (c'è chi dice nel '92, chi nel '93, chi nel '94) in poi.

C'è un'intera letteratura sul web nei siti di Movisol e di comedonchisciotte nel merito della perdita di sovranità monetaria. Altri pezzi li ha scritti Ida Magli sul suo sito Italiani Liberi.

FINE DEL RIASSUNTINO

Nessie said...

"quali sono le prospettive economiche del prossimo anno? rischiamo decurtazione pensioni e salari al pari dei greci?"

Sei un uomo di chiesa e posso solo dirti che SIAMO NELLE MANI DEL SIGNORE. Al momento, solo un miracolo può cavarci fuori dai guai.

Sareth said...

ah! il britannia. si, rammento le discussioni fatte attorno ai protagonisti, ora. ma è bene ricordarle certe cose, o scivolano via. era sufficiente inserire un paio di nomi nella premessa e non avrei fatto domanda...

avete visto l'intervento di speroni al parlamento europeo e la risposta di monti? fenomenale.
http://www.byoblu.com/post/2012/02/16/Speroni-critica-Monti-a-Strasburgo-Il-kapo-Shulz-gli-toglie-la-parola.aspx

p.s. (ot) vi ricordate la signora franca? la mania di queste "first lady" dei tempi moderni? tutte a imitare le loro idol di oltre oceano? bellissima l'espressione sul volto di mia madre quando commentò quella esagerata presenza mediatica, dicendo: "la signora franca è meglio che vada a fare le calze[..]"

p.p.s. nessie, l'influenza era quella (nefasta) di grillo e non di origine naturale che ho da ottobre,
altro effetto collaterale della globalizzazione. o no?

Nessie said...

Sì il Britannia è sempre da considerarsi l'inizio della nostra rovina, anche se già negli anni '80 ci sono state altre avvisaglie. Ma finché c'era il Muro, c'era ancora la necessità da parte degli americani di lasciarci stare le cose com'erano, compresa una Banca Nazionale che battesse moneta in proprio.

Conosco quel video di Speroni. E in questi giorni kapò Schulz è stato pure ricevuto da Fini.

GEORGE said...

Quello che stupisce,non é tanto questo giro fasullo di carta tra banche e Bce,o il trucco messo a punto dagli usurai per far saltare un governo non amico,cose che da mesi denunciamo.....ma che dal famoso quarto potere non si levi finalmente un coro di voci per smontare questo millantatore che ci ammorba ogni giorno con incredibili panzane insieme al suo sodale golpista del colle.
Evidentemente questo quarto potere sta al calduccio con gli altri tre....in una costante opera di decerebralizzazione sanremese delle masse.

Nessie said...

Ciao GEORGE: tutti comprati e venduti. E' stata pubblicata una black list sul blog di Marcello Foa di tutti quei giornalisti che fanno parte di associazioni mondialiste. E i migliori di loro hanno la rogna: dal Corserva a Banana Repubblica, alla Stampa, sono dentro all'Aspen Instute, alla
Trilaterale, al CFR all'ECFR. Insomma ce n'è da vendere a peso. Chi deve fare i suoi sporchi affari usurai si è già garantito da tempo silenzio e mosca. E difatti non fuoriesce nemmeno in beh.

Lo PseudoSauro said...

Mi scuso per il disagio provocato dagli avvisi di google/blogspot circa un presunto malware che uno dei miei web di appoggio distribuirebbe. E' mia incuria il non aver provveduto ad adeguare il mio blog (pseudosauro.blogspot.com) alla centralizzazione della piattaforma. Lo faro' non appena avro' una connessione decente. Intanto, rassicuro sul fatto che non c'e' alcun rischio reale per gli utenti di questo blog.

Circa l'annosa questione che riguarda l'inflazione (megainflazione, weimarizzazione etc.), credo sia facile spiegare di che si tratta. Utenti molto piu' competenti del sottoscritto sapranno spiegarlo piu' dettagliatamente; io, da profano informato, direi quanto segue.

Una delle innumerevoli menzogne propinateci dopo la fine dell'ultimo conflitto mondiale, riguarda la ReichsBank della Germania di Weimar, che si sarebbe messa a stampare denaro a josa. Questo e' diventato un caso di scuola per sostenere che e' meglio espropriare gli Stati della sovranita' monetaria ed affidarla alle banche private. E cio' in quanto la politica non sarebbe in grado di gestire utilmente la finanza nazionale in virtu' della sua endemica corruzione. Innnumerevoli tomi sono stati scritti sull'argomento da "economisti" la cui ignoranza sulle fonti non dovrebbe essere scusabile.

In realta' la ReichsBank della Germania di Weimar era privata e non pubblica. Il denaro stampato fino a distruggere completamente il sistema monetario tedesco serviva solo a coprire la crescente richiesta di marchi che veniva dalla speculazione finanziaria internazionale. Non diversamente da come avviene oggi su scala mondiale. Pertanto, e' stato proprio il "privato" a generare un problema che lo Stato ha cercato, come poteva, di arginare. La fonte e' H. Schacht, ministro delle finanze prima e durante il regime hitleriano; il quale pochi anni prima di morire (nel 1964) si tolse lo sfizio di dire la verita', compreso il fatto che il sistema monetario voluto da Hitler - che egli avverso' fino ad essere sostituito nel suo incarico - si rivelo' invece molto piu' efficace di quelli basati sulle teorie monetarie anglosassoni allora in voga. Secondo alcuni storici lebbrosi, questo fu in realta' uno dei veri motivi che stanno a monte dello scoppio della IIa GM. Rammento che, nonostante ci sia un infinita' di documenti che lo provano, il credere a questo puo' rendere sospetti nel paradiso Mondo libero in cui abbiamo la fortuna di vivere. Un saluto e buona liberta' a tutti. :-)

Nessie said...

Sauro, ho dovuto copiaincollare il tuo pezzo, spostarlo qui, e togliere il delicato dinosaurino AVATAR la cui permanenza mi continuava a essere segnalata come "malware". Ora dovrebbe andare bene.

E' vero che la Reichsbank della repubblica di Weimar era "privata". Ergo, i banchieri "privati" dovrebbero biasimare innanzitutto se stessi.

Anonymous said...

#Sareth.
Quella dicitura sulle nostre vecchie banconote significava che presentandole ad uno sportello dell’Istituto di emissione si poteva pretendere che fossero “convertite” in denaro pregiato (oro o argento).
Era una favola naturalmente, poiché, come ripeteva spesso il buon Auriti, se vuoi qualcosa in cambio di banconote l’ultimo posto dove andare è la Banca d’Italia.
Il fornaio, il droghiere, il macellaio ecc. ti daranno qualcosa... se vuoi oro o argento dovrai andare dal gioielliere, non alla Banca d’Italia...

«Pagabili a vista al portatore» era in realtà l’ipocrita retaggio di un’epoca mai esistita: quella in cui le riserve di metallo prezioso avrebbero dovuto coprire per intero il valore delle banconote messe in circolazione.
Uso il condizionale non a caso.
La truffa, come si sa, fu istituzionalizzata nel 1694, con la nascita della Banca d’Inghilterra, quando privati cittadini espropriarono il “Principe” di una delle sue fondamentali prerogative: quella di battere moneta.
William Paterson & Co. assicurarono che le riserve in metallo prezioso avrebbero garantito l’intero valore delle banconote stampate.
Balle.
Infatti appena un secolo dopo, nel 1797, il governo britannico fu costretto a varare il “Bank Restriction Act”, una legge che bloccava la convertibilità: per suo effetto un cittadino non poteva più esigere che le banconote in suo possesso fossero cambiate in denaro pregiato. Perché la Banca d’Inghilterra non ne aveva a sufficienza: aveva stampato più banconote di quanto avrebbe potuto. Denaro “creato” senza copertura, ossia “dal nulla”.
Il “Bank Restriction Act” è la prova che il gold standard è morto in culla, e da allora vige – di fatto – il “fiat money”, sebbene per altri duecento anni l’ipocrisia ha impedito di dirlo apertamente.

Da allora, privati cittadini (le Banche Centrali) creano denaro “dal nulla” e lo gravano sui bilanci degli Stati, senza che la cosa sembri destare scandalo o particolari preoccupazioni.
Le quali, viceversa, emergono puntualmente quando si ventila l’ipotesi che possano essere direttamente gli Stati a “creare” denaro (senza indebitarsi e per il bene collettivo) al posto dei suddetti privati cittadini che lo fanno da tre secoli per il proprio esclusivo tornaconto.
(no caste)

Anonymous said...

http://www.palermoreport.it/notizie/litalia-non-deve-aderire-allesm-ecco-la-mozione

Leggete e se siete d’accordo firmate...
(no caste)

Lif di Euro-Holocaust said...

Nessie, potresti dirmi dove trovo quella black-list sul blog di Foa? Grazie

Nessie said...

Ciao Lif,

sono tre commenti molto dettagliati e ben documentati dell'amico blogger SILVIO (che qualche volta si affaccia a commentare anche qua) sul post di Marcello Foa di cui a questo link:

http://blog.ilgiornale.it/foa/2012/02/14/grecia-le-lacrime-di-un-popolo-in-una-foto/#comments

1) primo commento del 17 febbraio h. 17: 25 LoBBYING E PORTE GIREVOLI

2) secondo commento del 18 febbraio h 6: 47 - IMPLEMENTAZIONE DELLA RETE DEI PERSUASORI OCCULTI E MANIFESTI

3) terzo commento del 18 febbraio h. 9: 09 MONITORAGGIO DEI GIORNALISTI.

Poi volendo ce ne sono altri della serie, ma non ti sarà difficile individuarli nel citato post di cui ti ho messo il link. Ciao

Nessie said...

No caste, niente di più vero di quel che dice Auriti: se vuoi qualcosa in cambio di banconote, l'ultimo posto in cui devi andare è in banca.

Ne ho fatta esperienza personale chiedendo se avessero qualche marengo d'oro da comprare. Ma non ne coniano più. Le medaglie celebrative per il centocinquantenario dell'Unità d'Italia vengono mandate a delle zecche "private". T'è capì? Celebrano il centocinquantenario facendo forgiare le medagliette a dei privati. Questo la dice lunga sull'autonomia che abbiamo.

GEORGE said...

Olas Nessie,avevo postato un commento,non é che è finito in spam? Bye

Nessie said...

George, ce n'è uno alle 2, 32 a cui ho già risposto come vedi. Ne hai postato un altro dopo quello? Allora riprova, per favore!

Sareth said...

chiedo un'ulteriore precisazione.
chi garantisce il valore della moneta(€) se questa è completamente separata dalle riserve auree e/o dallo stato a cui dovrebbe fare riferimento? cosa serve per causare una completa distruzione della stessa? come si stabilisce il rapporto tra il valore reale e quello nominale? se la bce divenisse il famoso "prestatore di ultima istanza", cambierebbe qualcosa o saremmo in ogni caso sotto un regime di signoraggio bancario e totalmente succubi del mercato finanziario?
i titoli di stato sono stati sempre gestiti nel modo attuale?

se avete voglia mi accontento anche di una sintesi o di qualche link, altrimenti passo.

Nessie said...

All'ultima domanda sui titoli di stato non so quante volte ci siamo sgolati su questo blog a scrivere che i titoli oggi vengono comprati da banchieri privati e non da cittadini autoctoni come quando avevamo una banca nazionale e il ns. debito era "sovrano" . Ma tu, ronf! ronf! bzzz bzzz :-)

http://sauraplesio.blogspot.com/2011/11/la-via-mondiale-al-debito-italiano.html

Poi qui un altro link di Marco Della Luna che tratta gli argomenti che ti stanno a cuore:

http://www.viviconsapevole.it/articoli/la-ribellione-degli-euroschiavi.php

Se no caste, passa da queste parti risponderà nel dettaglio agli altri tuoi quesiti.

Nessie said...

Ogni tanto però potresti anche ringraziarlo, visto che si dà la pena di farti le 150 ore.
Non te le insegnano in chiesa queste semplici regolette di buona educazione ? :-)

Sareth said...

ma °_°...io ringrazio sempre, indipendentemente da chi fa una cortesia nei miei confronti. anzi, se mi conoscessi di persona non avresti nemmeno pensato di farmi notare il fatto. ovviamente ringrazio anche in modo non esplicito quando chiedo qualcosa.
se non fosse chiaro ne approfitto per farlo ora: grazie a chi manifesta pazienza.

nono...ricordo quella discussione.
quello che voglio conoscere sono due cose: a) se non si tratta solo di un ribaltamento numerico delle quote vendute nel rapporto tra italia ed estero. b) i meccanismi che stanno dietro la compravendita e che hanno causato la speculazione (la parte tecnica). scusate, ma è un pò ostico impararlo.

Sareth said...

per il link che mi hai girato un attimo di pazienza...lo leggo appena trovo 10 minuti.

Sareth said...

ho letto l'articolo. ottimo, si fa bene a rispolverarlo ogni tanto.

Aldo said...

Nessie: «Aldo, se ci sei batti un colpo.»

Ci sono, ci sono. E' che non ho più da proporre commenti entro i limiti della legalità, se non infinite quanto inutili lenzuolate di parole magari anche significative ma prive d'ogni possibile efficacia. Dunque, taccio.

Anzi, un commento intelligente e pratico ce l'ho: oggi ho raccolto il mio penultimo cavolo, che è passato indenne tra gelo e neve fino a regalarmi una gustosa insalata (altre seguiranno, perché è un cavolo molto grosso). L'esperienza cresce e costituisce un tesoro più di mille promesse da marinaio stampate su fogli raffiguranti ponti e cifre. (quest'ultima frase è per Sareth)

Nessie said...

Ah, bene allora ci sei, Aldo. Dunque dalla guerra delle parole, sei direttamente passato all'economia (e all'orto) di guerra :-).

A breve giocheremo con gli aeroplanini di carta con le banconote dell'euro. Anzi, del cimiteuro .,

Lif di Euro-Holocaust said...

Ti ringrazio, Nessie. Gli do subito un'occhiata. A presto.

Josh said...

sempre riguardo la megatruffa Europa:

girando nella zona (in parte) industriale a Bologna ho scoperto una via nuova...

dopo Via Carlo Marx, dopo Via Stalingrado,
adesso abbiamo:

Via dei Trattati Comunitari Europei 1957 - 2007,

Una via dedicata a dei Trattati?? una intera somma di trattati, per di più dannosi e fallimentari....messi sul piedistallo!
sarebbero una cosa da "celebrare" ?!

roba da non credere....
e poi mai visto in tutto il mondo una via dedicata a un trattato: mai vista Via Trattato di Aquisgrana, mai vista una Independence Treaty Road, o una Usa-Uk Peace Treaties Avenue, o un Boulevard Le Traité De Paix:
anche questo è puro pressing ideologico.

Josh said...

Oggi poi s'è vista in giro la Boldrini dell' "alto" commissariato, tutta gongolante:

un immigrato libico, respinto e rimandato indietro, ha fatto causa all'Italia al Tribunale Europeo dei Diritti dell'Uomo.

Dunque, Prima, l'Italia poteva rimandare indietro i libici che volessero venire qui sul barcone in base a un Trattato Italia-Libia;

ma ora che il libico rimandato indietro ha fatto causa, il Tribunale Europeo gli ha dato ragione,
quindi l'Italia è obbligata ad accettare lui e tutti i libici che vorranno venire in Italia con qualunque mezzo e senza permessi, in barba al Trattato.

E questo mentre noi ci "dividiamo" gli ultimi scampoli di "lavoro" in Italia.
Ma così dice l'EurOOpa: nella motivazione si spiega che anche il libico ha diritto a "venire a cercare fortuna e promozione in Italia".
Gli italiani, aggiungo io, invece non hanno diritto nemmeno ad esistere in Italia, espropriati e rubati fino all'ultimo spicciolo e metroquadro.

Hanno fatto diventare questa 'nazione' la fogna del mondo,
ma lo dice l'EurOOpa.

Nessie said...

Sì Josh, ho sentito. E nel mio post più recente sovrastante ne ha parlato anche Aldo.

E' un modo per voler cancellare quel poco di buono che aveva fatto il governo precedente, una sorta di avvertimento della serie, "non provateci più". Arrivati a questo punto penso che sia ora di oliare i fucili. Peccato che non li abbiamo.

Nessie said...

"Via dei Trattati Comunitari Europei 1957 - 2007,

Una via dedicata a dei Trattati?? una intera somma di trattati, per di più dannosi e fallimentari....messi sul piedistallo!
sarebbero una cosa da "celebrare" ?!"

Josh, a quanto pare Bologna aspira a diventare la capitale d'Europa e la sua università un diplomificio honoris causa per gli usurocrati e i loro aiutanti.

Josh said...

Esatto Nessie,
che Bo volesse essere una capitale dell'Europa siffatta lo si capisce anche dal radicamento del PD,
dal Prodi, perchè da qui vengono le sue triste teorie "internazionaliste" e la truffa eurogovernativa,
dal continuo martellamento ideologico,
dalla condotta di tutti quelli usciti politicamente da lì (pensa anche a Fini da identitario -più o meno- a mondialista militante),
dalle lauree honoris causa a Soros e ora a Napolitano.

Concettualmente, rispetto al simbolismo delle scelte, quel che dici è una certezza: BO premia o gli usurocrati direttamente o i servitori degli stessi e tutti quelli facenti parte del "progetto" truffa euro/NWO e simili.