15 October 2011

Il bacio letale del Drago agli Indignados

C'è qualcosa di inquietante nel constatare che quando lo sinistra non sa che pesci pigliare, ruba il vento ai temi cari alla destra. Sta avvenendo con temi come il Debito, la finanza, la sovranità monetaria. Avesse almeno l'onestà di citare Ezra Pound o Giacinto Auriti o il grande Chesterton...Macché! Quattro slogan letti frettolosamente sul Bignami di Twitter, e via coi cortei e le occupazioni.
Inoltre è accaduto che in Francia un giovane socialista abbia fatto propri i temi di Marine Le Pen. Leggere qui sul blog di Giovanni a proposito del giovane Arnaud Montebourg. E' mai possibile? Lotta contro l'immigrazione, contro le banche, per la sovranità monetaria, per i dazi...Sembra quasi di sognare. Pensiero maligno 1: non è che queste cose le faccia per disattivare la popolarità di Marine Le Pen, così come venne strumentalizzato a suo tempo Sarkò in funzione anti-Le Pen padre? Chi ha buona memoria ricorderà che Le Pen sr. a un passo dalla sua vittoria fu disarcionato dall'esordiente   Sarkozy. 
Ma torniamo agli Indignados de noantri. Sarebbe intanto interessante sapere perché si mantiene la "s" spagnola e si è incapaci di dire almeno Indignati.  Pensiero maligno2:Non vorrei che questo movimentismo colorato nascesse proprio per disattivare la vera protesta dei ceti medi, in fase di compressione verso il basso. Della serie: se le piazze sono tutte nostre, non saranno mai loro. Se le piazze appartengono al popolo di sinistra, la destra non può entrarci neanche con la capocchia di uno spillo.
E infine un pensiero maligno 3 : se invece dei soliti professionisti dei "collettivi studenteschi", delle "okkupazioni di atenei" della "lotta di classe" fossero stati giovani di Forza Nuova, che cosa sarebbe successo? Avrebbero scatenato i centri sociali e i black bloc per prenderli a randellate nelle costole? Eppure in una democrazia l'art. 21 della Costituzione dovrebbe essere consentito a chiunque.
Gira e rigira il polo dialettico consentito è sempre lo stesso: turbocapitalismo internazionale da una parte, e lotta di classe internazionale dall'altra. Tertium non datur e  siamo pur sempre  a internazionalismo contro internazionalismo.
Per tutto il mondo (circa 900 città)  si  è diffusa oggi la giornata dell'Indignazione  Mondiale . Ma che cos'è questa Indignazione Globale? Un patrimonio dell'Umanità a cura dell'Unesco a cui bisogna obbedire a comando?
Oggi a Roma si è replicato lo stesso copione infernale del G8 di Genova e per poco si replicava  anche il mortoa parti invertite:  dentro le camionette dei carabinieri, date al rogo. Gli Indignati (quasi tutti sinistri riciclati) si dissociano e protestano contro la loro manifestazione pacifica andata a pallino, per colpa dei violenti. Draghi e Montezemolo, hanno offerto solidarietà agli Indignati anti-finanza.
Roba da barzellette della sera: la Finanza plaude ai movimenti anti-Finanza. A questo punto sorge un dubbio: non è che la giornata internazionale dell'Indignato con annessi Black bloc  e casseurs in libera circolazione grazie a Schengen, li finanzino proprio L'Oro? Il bacio sputafuoco del Drago, custode del Tesoro, si è rivelato fatale e pure letale. Come minimo possiamo constatare che porta sfiga. Una strana coincidenza da sottolineare: gli Indignati si sono dati il nomignolo di... "draghi ribelli". Che il Drago abbia già deposto le sue uova?

91 comments:

Anonymous said...

Come volevasi dimostrare…
Non per gli incidenti di piazza. Anzi, semmai mi meraviglio che, data la nostra situazione, ce ne siano così pochi e non ci sia ancora scappato il morto.

Mi riferisco alle parole del venerabile Conte Draghila, che sembra voler stendere la sua ala da pipistrello a protezione dei nostri “indignati”. Come fa Soros con quelli di Wall Street.
«Hanno ragione a prendersela con la finanza», a patto – naturalmente – «che le manifestazioni restino pacifiche». L’or signori, si sa, sono contro la violenza…
Se è sincero, nessuno potrà impedire al capo dei vampiri italiani di dimostrarlo nell’immediato cambiando la politica della “Banda” d’Italia e, nel prossimo futuro, di quella europea.
Se non lo farà (e non lo farà…), le sue parole rappresentano solo un tentativo di cavalcare la tigre per impedire che sfugga di mano.
O addirittura un messaggio ai “capi”, come per dire: «Ragazzi, ricordatevi chi comanda, e quali erano i patti…».
(no caste)

Eleonora said...

Nessie, gli estremisti di destra evidentemente hanno cominciato a ragionare e non hanno alcun bisogno di mettere a ferro e fuoco una intera città.

Nessie said...

Ora che ci penso, caro No caste, vedo perfino delle assomiglianze somatiche fra il drago con le fauci di sopra e il Draghila sottostante.

Poi il fatto che gli indignatini si siano autonominati pure "draghi ribelli"...è solo un'ennesima coincidenza?

Una terza cosa: erano così spoliticizzati questi Indignati che hanno vietato a Pannella di partecipare mentre hanno accettato a 4 zampe De Magistris e Vendola.

Nessie said...

Cara Ele, è ora di riformare radicalmente il linguaggio. "Estremisti di destra"? Gli unici estremisti e sfasciacarrozze che si vedono in circolazione sono sempre e solo di sinistra.
Inoltre andare a fare le solite passeggiate fuori porta (anche quando sono pacifiche) non serve a un bel niente. Al conte Draghila non bisogna dare più cibo (cioè soldi) per le sue fauci. Ergo, l'unico sistema è la resistenza fiscale e non pagare più un tubo. Lo capiranno los Cavrones Indignados?

Huxley said...

La sinistra per i capitalisti è pò come il maiale, non si butta via niente; mentre la parte parlamentare oramai è il loro braccio politico, quella estremista e violenta serve di monito al gregge; dopotutto i lupi possono essere utili al pastore quanto lo sono i cani per tenere disciplinate le pecore. In altre parole condivido al 100% il tuo Pensiero maligno2.

Nessie said...

Bella quella del maiale, Huxley.

Grazie, ma gli altri pensieri maligni 1 e 3? ;-)

Eleonora said...

"Se ieri si fosse dimesso - spiega la futurista Barbara Contini - forse oggi non sarebbe successo nulla"

Non ce la faccio a commentare questa demente.

Nessie said...

Hai ragione, Elly. Ma l'hai degnata di menzione. E alla fine la si valorizza.
E cmq Indignas o meno, la sòla dell'antiberlusconismo c'è sempre. Ieri questi indignatucci non hanno trovato niente di meglio che tirare uova e altri oggetti contundenti contro il Parlamento. Che cavolo c'entra con quella democrazia che dicono di voler difendere?

Yanez said...

L'indignazione è, per sua natura, un sentimento poco incline all'azione: attiene alla sfera contemplativa. L'uomo che s'indigna borbotta, urla, getta in terra la pipa (che se è di quelle di terracotta si rompe), poi nel giro di un'ora si calma e non ha concluso niente. Mutate le proporzioni (e senza voler mancare di rispetto ai poveri disgraziati che hanno avuto la macchina bruciata o la vetrina sfasciata), la canaglia che oggi è sciamata per Roma rappresenta un fenomeno simile: per questo si chiamano "Indignados". Costoro non sono ribelli: le loro iniziative non sono volte, che ne so, a rovesciare il capitalismo, instaurare una qualche dittatura o magari l'anarchia; non vogliono nemmeno soldi, altrimenti, tanti quanti sono, potrebbero svuotare una banca senza correre rischi. Vogliono sfogarsi. Per questo, la loro iniziativa è del tutto priva di dignità e di senso politici e andrebbe trattata come un mero fenomeno di teppismo su vasta scala. P.S. Draghi, be', quello è diabolico!

Huxley said...

Pensiero maligno1 : sono d'accordo, poi quando si avvicinano le elezioni cavalcare certe tigri può sempre essere utile.

Pensiero maligno3 : penso che a lorsignori convenga mantenere viva la dialettica dello scorso secolo, sebbene sia oramai superata.
Il mostriciattolo osceno che è la società attuale ha come padre il capitalismo e madre la sinistra; la situazione andrebbe affrontata con idee del tutto nuove, ma purtroppo l'occidente mi pare vecchio e stanco e sopratutto troppo legato al "make money, NOW" per riuscire a produrle.

Nessie said...

@ Yanez - "Vogliono sfogarsi. Per questo, la loro iniziativa è del tutto priva di dignità e di senso politici e andrebbe trattata come un mero fenomeno di teppismo su vasta scala".

Guarda Yanez, come ho già detto in altre occasioni, comincerò a credere alla bontà della proprietà transitiva della serie "il nemico del mio nemico (ovvero la Finanza) è anche mio amico", quando sentirò questa gentucola parlare con chiarezza di riappropriazione della moneta e di sovranità monetaria; di uscita dall'Euro e di lotta contro il Signoraggio bancario con annessa interpellanza parlamentare. Per il momento giudico il fenomeno degli Indignados come l'ennesima mascherata (indecorosa) della sinistra.

La violenza dei black bloc è uno degli effetti collaterali dei cortei rossi. Déjà vu.

Nessie said...

Pensiero Maligno 1: eccome!

Pensiero Maligno 3: Purtroppo questa emergenza andrebbe affrontata con idee nuove che i sinistrati non sanno avere, perché mantengono ferma sempre l'eterna pregiudiziale dell'"antifascismo".
Se avessero un po' di cervello di discernimento, e non di segatura, capirebbero che il fascismo, pur nelle sue aberrazioni cercò di combattere la finanza e la plutocrazia. Quindi è come dici: il padre è la Finanza, e la Madre è il Comunismo o la Rivoluzione internazionale. E da lì non se ne esce.

Giovanni said...

Nessie cara, l'appoggio di drago Draghi è ovvio e naturale, ti spiego perché. Purtroppo vivo in una città che, da quando è tornata in mano alle sinistre, è costantemente ostaggio di codesti personaggi, cioè quelli dei centri sociali, ergo li conosco anche troppo bene. Si dia il caso che a Padova il 90% dei soggetti che frequentano centri sociali siano rampolli dell'alta borghesia patavina, anche di quella bancaria. Come ha detto Sacconi il 90% degli sfasciatori ha un futuro come banchiere, aggiungo io perché il 90% di loro appartiene a quel tipo di famiglie. Per cui mi pare ovvio e naturale che il re delle banche difenda i rampolli dei suoi scherani.

PS

Rileggi bene il pezzo che mi contestavi. Se rileggi bene capisci che l'autore di quel post, un mio amico, dice esattamente quello che dicevi tu.

PS 2

Purtroppo quelli di Forza Nuova sono pari a questi soggetti, anzi, son pure peggio perché si pestan pure fra di loro, solo che lo fanno allo stadio anziché in piazza. Le tifoserie delle maggiori squadre di calcio venete (chievo escluso) sono purtroppo monopolizzate da questi soggetti che rendono gli stadi impraticabili. Si pestan pure fra loro come avviene in occasione dei derby Verona-Padova; Verona-Vicenza etc. etc. Credimi, non sono diversi dai loro compari dei centri sociali.

Nessie said...

"Rileggi bene il pezzo che mi contestavi. Se rileggi bene capisci che l'autore di quel post, un mio amico, dice esattamente quello che dicevi tu".

NOn è stato espresso bene nella frase che ho chiosato e decontestualizzandola si è indotti in errore per ambiguità . In effetti sì, ha ragione Funnyking.

Su FN chiarisco. IO non me la sono mica sposata. Non credo nemmeno che voterò alle prossime elezioni. Mi spiace, ma se l'agibilità politica nelle piazze ce l'hanno i centri sociali, ai sensi dell'art. 21 dovrebbe avercela anche lei. Ma conoscendo i sinistri, so che sto sognando.

Quanto a Sacconi, ho apprezzato molto quella battuta. Si vede che li conosce anche lui.

Nessie said...

PS: Pazzesco il fatto che ai centri sociali ci siano i figli della borghesia bancaria!

E io che li facevo dei pezzenti!...

Giovanni said...

Nessie, almeno da me i centri sociali sono frequentati dai rampolli della borghesia. Il motivo ufficiale è per idealismo, il motivo ufficioso è perché nei centri sociali gira certa "roba" che in quegli ambienti va molto forte. Non so se ci siamo capiti.

Nessie said...

Pare incredibile, ma se vivi lì, allora ci credo.

Quelli del Leonkavallo sono degli smandrappati, almeno nell'aspetto.

luka said...

Prelevo da Tocqueville questo link sugli Indignati urlanti contro Pannella:

http://www.tocque-ville.it/LinkEsterno.aspx?id=3086616

Non che mi piacciano le idee di Pannella, ma questo video la dice lunga sulla loro manifestazione "pacifica" e "non violenta".

Nessie said...

Grazie luka, visto il video. Un vero schifo. La violenza non nasce così per caso, è già insita lì tra quei cani rabbiosi.
Di Pannella si può dire tutto e nemmeno io amo le sue idee; ma non che sia un violento o un facinoroso.

Eleonora said...

Oddio, diciamo che dal leonka, se non sbaglio, c'era la signorina Bianca Balti... la modellina richiesta da tutti gli stilisti del mondo che ha fatto la pubblicità della tim poco tempo fa. Proprio smandrappati smandrappati (nell'aspetto senza dubbio) non sono. Dalle mie parti quelli dei centri sociali sono più o meno come li descrive Giovanni salvo qualche eccezione.

Nessie said...

Allora si vede che sul Leonka non sono aggiornata :-). Un tempo parevano dei barboni.

Anonymous said...

# Giovanni.
Non capisco il riferimento polemico a Forza Nuova… non è che ci si debba sentire per forza obbligati a tirare in mezzo i “fascisti”, anche quando non c’entrano un tubo, come in questo caso.

Citi i pestaggi tra tifoserie… Mi è capitato spesso di vedere all’opera ultras calcistici che inalberavano bandiere con l’icona del “Che”.
Se assistessi a un derby tra fiorentini e livornesi, vedresti “guevaristi” darsele di santa ragione tra loro. Non è un motivo sufficiente per attribuire un valore politico alle loro violenze o per metterle in conto ai “comunisti”…

Quanto ai metodi violenti, dobbiamo ficcarci in testa che non è possibile fare una frittata senza rompere le uova.
Chi crede che si possa forzare la mano, per uscire da questa fase drammatica, sculettando in corteo a suon di musica e col fischietto in bocca, vive in un mondo di illusioni o confonde il carnevale con la rivoluzione. Ed è precisamente quello che vogliono “l’oro”…

Il problema non è la violenza che, come si sa, è levatrice di storia.
Se qualcuno fa saltare in aria la sede della Goldman o di Bankitalia con tutto il letame che c’è dentro possiamo soltanto gioire. Ma se devastano negozi di onesti commercianti o bruciano auto di cittadini che magari hanno fatto un leasing per comperarle, allora è un altro paio di maniche. La questione è tutta qui.
La violenza non è neutrale.
Il problema è “quando” usarla, “chi” la comanda e “verso chi” indirizzarla.
(no caste)

Anonymous said...

Occupare wall street "operazione colorata"?

http://aurorasito.wordpress.com/2011/10/15/occupare-wall-street-e-lautunno-americano-si-tratta-di-una-rivoluzione-colorata

m

Anonymous said...

I totalitari riescono per loro natura ad occupare ogni spazio: così contemporaneamente sono Poteri Forti e "indignati".
L'imprimatur di soggetti di primo piano appartenenti quella altissima finanza che ha creato il disastro globale come il Conte Draghila (forte No Caste!) mette una pietra tombale sulla genuinità del movimento di protesta che ha certamente del buono ma ha un po' troppe manine sospette per essere credibile.
La stessa cosa vale per la sinistra da salotto che prima criminaizza non solo metaforicamente idee di destra e poi come se nulla fosse le fa proprie. Da voltastomaco.
Scarth

Nessie said...

No caste, non solo la violenza non è mai neutrale, ma quella cieca, ottusa e devastatrice dei Black Bloc può venire finalizzata per impedire un domani (che è già qui) un'insurrezione cittadina giusta nei confronti delle angherie e dei soprusi sui nostri risparmi, stipendi e pensioni. Questi hanno tutta l'aria di voler essere dei banchi di prova per invocare repressioni generalizzate uguali per tutte. La Digos e chi per lei la Polposta, sapeva benissimo leggendo Indymedia cosa stavano architettando quelli lì.
Leggi da Eleonora-Grotesque. Perché ha lasciato fare?

Un domani poi magari passerà la solita legge bavaglio uguale per tutti sul web e i siti, impedendo a dei cittadini di scrivere libere opinioni. Un domani l'art. 21 della Costituzione sul diritto allo svolgimento di manifestazioni pacifiche verrà tolto. Io non credo alla casualità né all'innocenza di questi fatti. Poi comunque i "cattivi" che vanno a rompere la bella festa non violenta ai "buoni" indignati,è uno schema che non mi convince. Basta vedere come volevano trattare Pannella nel filmato E quelli non erano Black Bloc. Se nella loro manifestazione hanno accettato s-Vendola, perché non Pannella, a questo punto?

Marco interessante, grazie.

Nessie said...

Qui, il link su Indymedia:

http://www.ilgiornale.it/interni/ma_indymedia_era_gia_stato_tutto_previsto_con_ogni_mezzo_dobbiamo_prendere_piazza/15-10-2011/articolo-id=551879-page=0-comments=1

Questi hanno il diritto di inneggiare alla guerriglia preventivamente. Se però qualcuno scrive cose sgradite su opinioni storiche cosiddette "revisioniste" finisce dritto in galera. A questi punti siamo.

Scarth, se hai fatto caso, quando la sinistra si imposessa di idee e concetti di destra lo fa togliendole la carica di radicale cambiamento sociale. C'è sempre qualche piastrella che manca al mosaico. Senza contare che oggi la Madre di tutte le Lotte, è non dare da mangiare agli squali. Ergo, ci vorrebbero dei comitati autoriduttori di spesa pubblica, istituiti realtà locale per realtà locale. Perché è meglio che il denaro resti nelle tasche dei cittadini (oltretutto hanno dimostrato di saperne fare più buon uso) piuttosto che vada nella voragine senza fondo che sappiamo. Darli allo stato commissariato, o darli agli squali è la stessa cosa.
La piazza e i suoi berci sono obsoleti.

Eleonora said...

Allora, un discorso che (per quanto ne capisca io) mi pare abbastanza credibile, lo ha fatto Uriel nel suo blog:

http://www.keinpfusch.net/2011/10/babababauli-indignamoci-con-bauli.html

Infatti si è domandato se gli indignados d'america sono credibili... e a quanto pare, no, non lo sono manco loro.

Eleonora said...

Ah, e su indymedia, l'amministrazione ha preso si le distanze da quel comunicato MA non lo ha nè tolto e nemmeno denunciato a quanto pare... perchè? Perchè non presenta violazione della policy. Solo che inneggia apertamente alla violenza.

Anonymous said...

Certo che sapevano tutto, Nessie.
Al punto che ieri il Tg3 delle 12 ha comunicato che un gruppo di avvocati si era messo a disposizione per fornire “assistenza” a chi ne avesse avuto bisogno. Era l’annuncio ufficiale che i legali del Soccorso Rosso erano già mobilitati diverse ore prima dell’inizio della manifestazione.
Per cosa, se non per “assistere” i fermati in seguito agli scontri e alle devastazioni?
(no caste)

Nessie said...

Grazie Eleonora. Il discorso di Uriel però non mi convince. Ci si deve chiedere se è giusta o sbagliata l'economia a debito (Debt Economy) americana: è questo il nocciolo del problema. In ogni caso non mi pare corrisponda a verità il fatto che vendere a debito senza avere sufficientemente redditività, crei ricchezza. Si è visto come sono finiti i mutui "subprime". In realtà fanno parte del "sogno americano" esteso anche agli immigrati. Prima li fanno entrare dal Messico e dai paesi latini, poi gli impacchettano il regalino del "subprime" uguale per tutti (il sogno). Gli fanno firmare un bel contratto truffa con mille clausole, approfittando che non sanno bene l'inglese. Eppoi la truffa va avanti non solo a casa loro, ma il grande crack lo estendono e lo spalmano per il mondo. NO, grazie! Di questo tipo di ricchezza e di progresso, ne faccio volentieri a meno.

Avremo tanti difetti noi Italiani, ma non quello di fare (e di far fare) il passo più lungo della gamba. E ora che abbiamo fatto le virtuose formiche che dobbiamo fare? Farci rapinare dai cicaloni feroci millantatori di sogni impossibili? E in nome di quale progresso e ricchezza?
La verità l'ha detta PUtin: l'America è un paese parassita. E sta parassitando sugli altri.

Gli Occupy WS sono dobbiamente trombati: dal sistema americano e da quei finanzieri che finanziano la loro protesta, per poterla condurre dove vogliono L'ORO.

Nessie said...

Doppiamente e non "dobbiamente": chiedo venia.

No caste, ho sentito anch'io del collegio di avvocati già allertati preventivamente.

Eleonora said...

Associazione nazionale giuristi DEMOCRATICI, ecco chi s'è messo a disposizione di quei criminali e GRATIS

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/15/indignados-in-piazza-anche-due-team-legali-per-offrire-assistenza-gratuita/163940/

Massimo said...

Sono in montagna e, avendo programmato un post sul voto di venerdì, ho pensato bene, come aperitivo, scrivere due commenti sulle violenze di ieri. Stessa tua considerazione sui Valori di Destra assunti a base del pensiero (?) dei cosiddetti "Indignati". Non lo sanno, non lo capiscono. Se capissero sosterrebbero Berlusconi, il vero ostacolo, in Italia, al dilagare dei "poteri forti" interni e internazionali ... :-)

Yanez said...

Non c'è dubbio che questa canaglia sia una costola della sinistra, almeno in Italia: se, ceteris paribus, al governo ci fosse stato un Prodi qualunque le manifestazioni di ieri avrebbero contato al massimo 300 partecipanti e di certo nessun patrocinio politico o tecnocratico. Ma è altrettanto vero (lo scrivi tu stessa) che i temi "anti-globalizzazione" e "anti-finanza" formalmente adottati dal movimento indignado andrebbero bene pure per una manifestazione dei neofascisti. Il punto che cercavo di spiegare è che lo slogan usato per una manifestazione violenta è del tutto irrilevante: avrebbero potuto sventolare striscioni con la scritta "COGLIAMO MUGHETTI" e spaccare tutto lo stesso. Perché la violenza vandalica è prepolitica, non si prefigge scopi costruttivi di alcun genere, è della stessa natura della foia. In questo si distingue dall'autentica ribellione, di destra o di sinistra che sia, che punta scientemente ad effetti prolungati.

Nessie said...

"Ma è altrettanto vero (lo scrivi tu stessa) che i temi "anti-globalizzazione" e "anti-finanza" formalmente adottati dal movimento indignado andrebbero bene pure per una manifestazione dei neofascisti".

No Yanez, io non ho detto così. Al contrario ho detto che questi temi anti-finanza proprio perché assumono una certa risciacquatura di piatti della destra (Ezra Pound, Auriti), senza andare in profondità ed eludendo il nocciolo del problema (il signoraggio bancario) sono destinati ad un cambiamento gattopardesco. Cioè solo di facciata e di superficie. Per questo la finanza li coopta. La finanza non vuole movimenti nazionali ma solo apolidi e internazionali. Come loro. O come dice No caste, come l'Oro. E l'indignazione globale è No Logo.

Nessie said...

No Logo, come dice la Melania Klein. E cioè senza bandiera,senza confini, senza terra sotto i piedi e senza una prospettiva di vero cambiamento che può e deve iniziare dalle piccole realtà.

PS: prendere teorie ben elaborate contro la finanza e limitarsi a farne dei bigini, significa solo liquidarle.

@ Massimo: dubito che un Premier che ha candidato e scelto per anni Draghi a Bankitalia, il quale ora se ne va dritto dritto alla BCE, sia quello che dici tu: un combattente dei POteri Forti. Ma ammiro le tue pie illusioni fino all'ultimo respiro.

Nessie said...

Okay Ele, chi scende in piazza con intenzioni realmente pacifiche difarsi un giretto fuori porta, non si procura preventivamente un collegio di avvocati "rossi" ad uso difesa personale, in caso di tafferugli. Facile constatare che era già tutto previsto.

Anonymous said...

Giusto, Nessie: «risciacquatura di piatti»… O idee che perdono il loro alto potenziale eversivo perché mal comprese e mal digerite.
Un esempio: ieri ho visto un cartello che strillava «Denaro Gratis!».
Chi lo ha scritto deve avere orecchiato qualcosa sulla “proprietà popolare della moneta” e sul “denaro senza debito”. Ed ha capito che si metteranno distributori automatici di bigliettoni agli angoli delle strade…
È così che le cose serie finiscono in barzelletta.

Gli incidenti erano preparati e si sapeva che si sarebbero verificati, altrimenti gli avvocati del Soccorso Rosso non si sarebbero posizionati in loco così in anticipo.
Non sono stati neppure repressi in maniera adeguata, se è vero che a Wall Street (dimostrazione pacifica) sono stati operati 70 arresti e a Roma solo 20, con tutto il casino che hanno combinato. Al punto che i romani oggi dicono, giustamente: «I veri indignati siamo noi».
Ed è proprio questo il punto: si lascia mano libera agli sfasciacarrozze, perché i cittadini si rivoltino contro di loro e, di conseguenza, contro le idee che dicono di rappresentare. È un modo come un altro per disinnescarle.
«Vedete chi sono quelli che parlano del signoraggio e criticano il sistema bancario? Teppisti che mettono a soqquadro la città, devastano i supermercati e incendiano le auto in sosta [però – stranamente – risparmiano le banche e gli altri covi del malaffare]. Perciò ascoltate noi, che siamo per bene e vi guideremo verso la salvezza».

Tutto questo mi ricorda quando, anni fa, dicevano: meglio i ladri che gli assassini…
(no caste)

Anonymous said...

Massimo: «Se capissero sosterrebbero Berlusconi, il vero ostacolo, in Italia, al dilagare dei "poteri forti"…».

Rispetto la tua posizione da ultimo giapponese sull’isolotto, ma la contesto decisamente.
Non voglio annoiare inserendo tutte le percentuali delle varie scatole cinesi per dimostrare come e in qual misura i soci di Fininvest e Mediolanum sono tra i proprietari di Bankitalia.
Scrivo solo (ma se vuoi maggiori dettagli te li fornirò) che dei 147 milioni di euro GIORNALIERI che il signoraggio rende alla Banca d’Italia (53,655 miliardi l’anno!), Fininvest e Mediolanum intascano
158.136,69 euro, pari a quasi 58 milioni l’anno.
Naturalmente non vanno tutti al Cav. Bunga, che deve dividerli con i suoi soci (figli e amici intimi del “cerchio magico”), ma una vocina mi sussurra il nome di chi fa la parte da leone…

Ciò detto, ognuno è libero di credere in quel che vuole. A questo punto anche agli asini che volano.
Ma resta il fatto che Berlusconi È parte dei poteri forti. Il fatto che sia nemico del clan De Benedetti non significa che ne è fuori. Perché anche lì, come in qualsiasi Cosca degna di questo nome, ci sono le guerre per bande.
(no caste)

Nessie said...

No caste, come sai sono d'accordo sul discorso che far recitare a pappagallo la risciacquatura di piatti di idee serie, così...spudoratamente, senza nemmeno citare la fonte di scopiazzatura, serve a disinnescare la vera protesta.
Ce n'è per l'asino (gli Indignati) e per chi lo bastona (i Black bloc). Questi ultimi godono da tempo, da troppo tempo, di un'impunità stupefacente e non posso essere d'accordo con quanto dice Mantovano quando dice che si piazzano in città da giorni e hanno tutto il tempo di portare bottiglie incendiarie. Palle: viviamo nell'era della videosorveglianza universale e dello spionaggio sistematico ai cellulari. Se sbattono sulle pagine dei giornali le chiacchierate di Bunga sulle escort, possono farlo a maggior ragione in queste occasioni.

Massimo è davvero l'ultimo dei Mohicani, e certamente anche i calcoli che gli fai sui lauti guadagni signoraggisti di Messere Bunga e delle sue banche, non lo faranno desistere :-)

Nessie said...

Detto ciò, non posso essere d'accordo con la via sfasciacarrozze alla Caduta del Governo che predicano questi sedicenti democratici. Se Bunga ottiene la fiducia, è inutile devastare la città per farlo sloggiare prima. Sabato un po' di questi qui si è portato la tv in piazza e sono stati lì a sentire quanti voti incassava, pronti all'assalto a Montecitorio. Siamo sempre alla solita sinistraglia: da una parte l'Aventino, dall'altra la spranga.

Nessie said...

PS: Ho trovato un altro Dragone che si coccola sotto le ali da pipistrello, i suoi futuri draghettini come immagine da mettere nel post.

Aldo said...

Quando vedo scene come quelle poche che sono state artificiosamente moltiplicate in una specie di loop infinito propinatoci dai tiggì, mi torna insistente alla mente una sparata di quel Cossiga ormai vecchio e linguacciuto che parlava di certe tecniche di manipolazione...

Ergo, sarei molto cauto prima di affermare che i (credo numericamente poco diffusi) disordini di ieri sono il risultato di azioni spontanee. L'impressione è che si sia trattato d'una via organizzata da chi voleva delegittimare una manifestazione che, si sapeva, sarebbe stata molto sentita e partecipata. Per scoprire i mandanti, occorre quindi chiedersi a chi fa comodo quella delegittimazione.

"Destra" e "sinistra", quei contenitori pieni di null'altro che menzogne e manovre nel buio, si tenessero cortesemente fuori dalle scatole, che è ora che parli il Popolo Sovrano coi mezzi dei quali può disporre. La matitina elettorale, evidentemente, non basta più. I mezzi alternativi potrebbero essere pacifici e, probabilmente, lo sarebbero se non ci fosse lo zampino di chi ha interesse a creare un patatrac per avere il pretesto per ulteriori giri di vite autoritari.

Nessie said...

In linea di principio sono d'accordo, Aldo. Ma qui nella pratica è facile reperire informazioni di prima mano, da Roma. E amici da Roma (che non è dall'altra parte del globo, ma che è meta raggiungibile) mi hanno confermaqto di danni per oltre un milioni di euro, lamentando che le stime di Alemanno, davanti alle telecamere sono state basse (questo, se vogliamo conteggiare le auto private, sfasciate e date alle fiamme).
Inoltre l'amico Johnny Doe che era al corteo mi ha già anticipato che il cappello sopra - ti piaccia o meno - ce lo ha messo la solita sinistra. Era stato vietato di esibire drappi, striscioni e simboli di partito, ma le falci e martello rifondarole, gli striscioni della Fiom-CGIL sono comparsi comunque. Figurarsi se potevano rinunciare al bagno di folla!

Sono inoltre spiacente, doverti comunicare che la teorie del signoraggio bancario (che esiste) e della sottrazione della sovranità monetaria alle nazioni, non è stato qualche barbuto di sinistra ad averla inventata, ma ha avuto i suoi padri nobili nel poeta americano Ezra Pound, nel prof. Giacinto Auriti, che non sono propriamente uomini di sinistra, ma che contro il bolscevismo e la finanza hanno sempre combattuto.

Per il resto sarei anch'io per il superamente del derby sin./destra e delle contrapposizioni artificiose, ma MAI prima di aver dato a Cesare quel che è di Cesare.

Nessie said...

PS: per ciò che concerne il Blocco Nero, detto Black Bloc, è ormai palese che viene infiltrato nei momenti topici della vita politica. Ma allora dovremmo studiare bene anche le devastazioni di Genova al G8, di Seattle e di altre occasioni in cui ci sono i raduni dei potenti della terra.
La mia teoria personale è che sono direttamente al servizio delle élites globaliste. Ma non ne ho le prove e la pistola fumante.

Nessie said...

Postilla: per comprendere l'opera e il pensiero di POund incentrato sulla lotta all'usurocrazia mondiale, puoi leggere questo post molto esaustivo:

http://esperidi.blogspot.com/2011/06/ezra-pound-e-lusura.html

Sul lavoro del prof. Auriti può consigliarti qualche link No caste che è stato suo allievo.

Anonymous said...

TESTE DI GOMMA
http://blogghete.altervista.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=879:gianluca-freda&catid=25:politica-italiana&Itemid=44#comments

http://www.youtube.com/watch?v=kafYXOjJWkE

m

oreimo said...

Tutto giusto, tranne un punto: il signoraggio bancario semplicemente NON ESISTE

Nessie said...

http://www.youtube.com/watch?v=KtUmc1Z6f_8

Non c'è peggior cieco di chi non vuole vedere né peggior sordo di chi non vuol sentire.

Anonymous said...

Se non fosse una ulteriore tragica manipolazione sarebbe uno spasso vedere la "sinistra" da salotto che mette il cappello sugli "indignati" e contemporaneanete pensa di candidare l'adorato banchiere Profumo cioè l'uomo forte dei Poteri Forti finanziari globali.
Scarth

Anonymous said...

@ nessie

Zeitgeist:
operazione di Gatekeeping volta a deviare chi comincia ad interessarsi di Nuovo Ordine Mondiale verso soluzioni fintamente antiNWO...

http://aliceoltrelospecchio.blogspot.com/2011/06/gatekeeper-zeitgeist-e-il-progetto.html

http://ultimaepoca.blogspot.com/search/label/ZEITGEIST

http://ultimaepoca.blogspot.com/search/label/ZEITGEIST%201

http://ultimaepoca.blogspot.com/search/label/ZEITGEIST%20ADDENDUM

m

johnny doe said...

Non voglio tornare su tanti temi già detti (a proposito,ti ho risposto sul nostro blog) e su molte giuste considerazioni che qui hai fatto.Dico solo che finalmente,una volta tanto,gli obiettivi di una manifestazione erano al di fuori delle solite minchiate e che prendevano di mira problemi veri che da mesi dibattiamo.Purtroppo questo é un paese di tifosi a prescindere,e spesso per squadre morte e seppellite dalla Storia.Ritorniamo sempre agli argomenti di tanti posts.Pare non sia possibile nessuna iniziativa se non che qualcuno tenti di strumentalizzarla.
Non sarebbe stato molto,ma almeno un inizio per far conoscere ad un pubblico più vasto cosa sta sotto a tante balle.
Hanno conosciuto purtroppo altro.
Occasione persa,come temo tutto quel che riguarderà d'ora in poi questo paese.E sappiamo bene chi ha la maggior parte di responsabilità.

johnny doe said...

In verità il nome INDIGNATI non mi piace.
Troppo spesso é stato usato strumentalmente e a vanvera per ogni minchiata che veniva in mente a qualcuno.In più,di questi tempi,mi sembra un po' poco indignarsi con certa gente,troppo corretto,bon ton,fighetto e salottiero per chi é molto,molto incazzato.

Nessie said...

Johnny, da come parli devi essere molto giovane, suppongo. Per chi come me ha una certa esperienza, tutto questo non mi stupisce affatto. Vuoi che chi ha monopolizzato per decenni e decenni la piazza con cortei, manifestazioni, raduni (a partire dal dopoguerra a oggi) lasci improvvisamente il campo libero ai gruppi di Facebook, di Twitter e di altri giovani di belle speranze che pensano di botto di poter ripartire da zero, come se il nostro Paese fosse un foglio bianco su cui disegnare quel che vogliono ?

Io non credo che un movimento possa organizzarsi su basi altrettanto "globali" come fa la Finanza. In tempi di barbarie ci si organizza adagio adagio, in piccole comunità REALI e non virtuali, con pazienza certosina. E questo fatto che ieri c'erano 900 città che, con le dovute differenze, dimostravano su uno stesso obiettivo, mi fa pensare che le élites globaliste brindino a bottiglie di Franciacorta Berlucchi alla faccia dei poveri gonzi in buona fede che sfilano durante la giornata dell'Indignazione Internazionale.
Scusa, per quello che vedrai come cinismo, ma io la vedo così.

Nessie said...

Scarth, e contemporaneamente capita che a "Che tempo che fa" su Rai 3 il giornalista di sinistra Massimo Gramellini de La Stampa, faccia pubblico encomio in tv, della correttezza e dell'eleganza di Mario Draghi nei confronti degli indignati. An'vedi! che campioni del proletariato! Draghi-BCE :-)

Anonymous said...

oreimo said...
Tutto giusto, tranne un punto: il signoraggio bancario semplicemente NON ESISTE

Di fronte a cotanta dimostrazione di cultura storico-scientifica mi arrendo. Mi cospargo il capo di cenere e riconosco di essere stato un emerito coglione a lasciarmi suggestionare dalle teorie di Pound e Auriti. E di decine di altri autori, tra cui Marx e qualche Nobel per l’Economia. Tutta gente che vedeva quello che "non esiste".
Come i due presidenti americani “terminati” dopo aver emanato leggi per combattere il signoraggio bancario. Inesistente, al contrario delle pallottole che posero fine ai loro giorni.
Ammetto di essermi inventato i 147 milioni di euro che il signoraggio frutta giornalmente a Bankitalia e sono pronto a scommettere che Scilipoti (grazie al quale questo governo si regge in piedi) doveva essere sotto l’effetto di qualche stupefacente, quando ha chiesto un provvedimento per restituire allo Stato i 10 mila (diecimila!) miliardi di signoraggio finito nelle tasche dei soci di Bankitalia.

Fa’ un favore, oreimo: vai a scopare il mare…
Qui siamo tra persone serie, non al Bar dello Sport. Se si vogliono contestare verità acclarate, si è pregati di produrre un minimo di argomentazioni.
(no caste)

Nessie said...

Beh, è il caso di dire "oremus", No caste :-)
Ti invio questo filmatino dove lo stesso Tremonti sta dicendo che a partire dagli anni '90 abbiamo rinunciato alla sovranità monetaria ammettendo implicitamente che il signoraggio ESISTE e che è quello che ha provocato la crisi. Se lo dice perfino lui...:

http://www.youtube.com/watch?v=_NUqqFcItdI

Anonymous said...

il movimento del 15 ottobre è stato creato dal potere stesso
http://scienzamarcia.blogspot.com/2011/10/le-prove-che-il-movimento-del-15.html

Anonymous said...

L'Europa deve combattere contro gli attacchi speculatici anglo-americani di Webster G. Tarpley http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=40688
m

johnny doe said...

Le comunità virtuali sono una semplice forma di comunicazione,come ogni blog.Tutto qui.D'altrone,chi parla di controinformazione alle comunità reali? i giornali e tv?,attivisti?poi certo ognuno ha il suo cervello per giudicare.
Che ci siano strumentalizzazioni é certo,ma non si può nemmeno far di tutta l'erba un fascio.Certo,in Italia grava un'ersdità piazzaiola di un certo tipo che tenta sempre di appropriarsi di ogni protesta,ma qualcosa bisogna pur fare.Sarebbe sciocco se pensassi che un'alternativa di protesta globale possa abbattere la finanza globale,é solo un elemento,poi é spesso la Storia che si incarica di mutar le cose in modo imprevedibile.Le comunità reali? Si è visto a Milano quanto hanno contato,é finita con Pisapia! Questo per dirti quanto c'è da far affidamento sulla pazienza certosina.Il problema esiste sia nel reale che nel virtuale.

Anonymous said...

osì la "guerra" tra banche e grecia scuote l'Europa

http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2011/10/18/FINANZA-Cosi-la-guerra-tra-banche-e-Grecia-scuote-l-Europa/214981/

http://www.ilsussidiario.net/Autori/Archivio/230/Mauro-Bottarelli/

m

Sareth said...

fortuna che esiste "Gabriele Paolini". non ci fosse lui a protestare...

:facepalm

non ho letto i vostri commenti, sono stato preso parecchio dal lavoro, quindi scusatemi.
dietro alla globalizzazione è facile vedere una regia demoniaca, satanica (così come è sempre identificabile il demonio quando opera per il male).
tutti a domandarsi se si poteva evitare...ma cribbio, ma arrestarli al volo quando fanno casino no? la speranza di identificarli è una scemenza, come volevano affermare ieri sera a porta a porta i vari onorevoli (c'è da stupirsi di questo, se ancora possibile). ne ho visto un breve spezzone, pertanto non sono in grado di avere una visione d'insieme.
però c'è da restare sempre colpiti ad ascoltare alcune persone: mi riferisco a "ferrero" (credo sia lui). alla domanda di vespa, il quale chiedeva a ferrero con sincerità di rispondere al perchè fu istituita per anni un'aula in parlamento al defunto giuliani(morto nell'incidente placanica nonostante le circostanze), con incredibile ipocrisia rispondeva al come fosse una conseguenza di qualcosa d'altro non bene identificato. e vespa giù ad insistere che, nonostante la morte del ragazzo, la situazione poteva indicarlo (questo lo dico io) come un tentato omicidio (parole che vespa non ha voluto usare, non ricordo con precisione cosa disse). per scocciare o arrabbiare vespa ce ne vuole. insomma la solita storia: giuliani è un eroe di non si sa quale causa; placanica che si è legittimamente difeso, è il mascalzone. vabè.
tempo fa parlai con un conoscente, apertamente dissi di essere favorevole ad un meritato pestaggio di questi manifestanti e di tanti altri che menano casino (non vi sono solo i b.b., c'è anche roba nostra e in abbondanza, quali popoli viola, arcobaleno etc). uè, mi sono beccato del fascista. tale è la confusione che impregna la società: si trasforma la certezza in opinione e l'opinabile in assoluto.
e siccome sanno che sono cattolico, ironizzano sul porgere l'altra guancia: pari pari a come il demonio tenta Cristo utilizzando le scritture.
certe volte viene la voglia di chiedere un nuovo diluvio universale...

Nessie said...

Johnny, il problema esiste eccome, sia nel reale che nel virtuale. Ma quando parlo di "piccole realtà" non intendevo di certo riferirmi alla Lega, che oggi assai stolidamente riscopre la Legge Reale, già oggetto di referendum radicale. Anche perché quella legge potrà ritorcersi contro VERI motivi di protesta, vedi Equitalia. Bell''idiota Maroni!
La mia idea resta un'altra. Se vai sotto le finestre di Murdoch come fa il movimento Occupy WS a urlare "We are angry and we are hungry", quello se ne fa un baffo o al massimo di tira un sandwich dalla finestra.
La mia idea è che se vado in piazza con chi in piazza ci campa da più di mezzo secolo, senza mantenere una minima "linea di demarcazione", quelli sono assai più furbi e meglio organizzati da tempo di me, e di chi la pensa come me. E questa non è una tifoseria, ma è la realtà. Ovvero, che certe proteste servono a disinnescare sul nascere le occasioni di vera protesta dei cittadini.

La mia ide, ti parrà fantascientifica ma è quella di NON DAR DA MANGIARE AGLI STROZZINI. I denari pertanto è meglio che restino nelle tasche dei cittadini che hanno dimostrato di saperne fare un uso ppiù giudizioso. E' ora di cominciare a togliere l'acqua agli SQUALI. Siamo sicuri che tenere del contante in banca, sia roba da continuare a fare come se nulla fosse, proprio ora che stanno saltando tutte le regole etiche?
Leggi attentamente qui:

http://marcodellaluna.info/sito/?p=688

Forse (ma so che al momento sto sognando) è ora di parlare di una nuova moneta in corso tra piccole comunità. Forse è ora di parlare di nuove banche "solidali" gestite dai cittadini. Forse è venuto il momento di non dare il becco di un quattrino alle assicurazioni, un'associazione per delinquere come le banche, alle quali, del resto sono affiliate. Il discorso è lungo e vasto, ma ritengo che ci siano forme di lotte assai più incisive e paganti che scendere in piazza e mescolarmi con gli amici del Drago.

Nessie said...

Sareth, tieniti stretto: oggi tra gli arresti emerge il figlio di un funzionario di Bankitalia aderente ai black bloc. C.V.D:

Anonymous said...

@ Sareth
"dietro alla globalizzazione è facile vedere una regia demoniaca, satanica..."

Che cosa ha da dire la modernità all’uomo sempre più solo e disperato? http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=40709

se non sapremo scrollarci di dosso questa cultura malata fatta di nichilismo, relativismo, individualismo, materialismo ed edonismo che pervade tutto il mondo occidentale, l'intero patrimonio culturale, umano e di fede di millenni andrà perduto e la nostra libertà stessa sarà a rischio. m

Anonymous said...

Nessie, a proposito di monete locali, pare che negli USA ci sia fermento in questo senso e stanno nascendo monete “alternative” con lo scopo dichiarato di svincolarsi dalla Fed.
Da quel paese ci viene tanta porcheria, ma a volte anche qualcosa di buono. D’altra parte, nel campo delle monete locali c’è una tradizione consolidata. Perfino il nonno di Pound, Thaddeus Coleman (commerciante di legname) ne stampò una.

In Italia l’unico a provarci fu Giacinto Auriti, nell’estate del 2000 a Guardiagrele (CH). Sappiamo tutti come andò a finire, benché l’ “sperimento” avesse funzionato benissimo (anzi: proprio per questo).
Auriti venne “prelevato” e il “corpo del reato” sequestrato dal piccolo esercito interforze che aveva posto d’assedio il “Paese dell’Utopia”. E ciò, malgrado una precedente ispezione della Guardia di Finanza non avesse rilevato alcunché di irregolare.
Solo che nel frattempo si era mossa la “Banda” Centrale. E quando si muovono l’or signori toghe e pennacchi sono i primi a mettersi sugli attenti…

Oggi i tempi sono maturi per ritentare.
Ma il Professore è morto da un lustro e in giro si vedono solo parolai e sfasciacarrozze. Nessuno che abbia il coraggio di rischiare in proprio la libertà e tutti i suoi averi.
(no caste)

Josh said...

@Sareth:

"tale è la confusione che impregna la società: si trasforma la certezza in opinione e l'opinabile in assoluto.
e siccome sanno che sono cattolico, ironizzano sul porgere l'altra guancia: pari pari a come il demonio tenta Cristo utilizzando le scritture.

certe volte viene la voglia di chiedere un nuovo diluvio universale..."

caro Sareth, descrivi esperienze comuni:
mi accodo alla tua rogatoria per il Diluvio! :-))

Josh said...

@Sareth 2, ad consolationem:

riprendo ancora il tuo passaggio che percepisco come da te molto sentito:

"tale è la confusione che impregna la società: si trasforma la certezza in opinione e l'opinabile in assoluto.
e siccome sanno che sono cattolico, ironizzano sul porgere l'altra guancia: pari pari a come il demonio tenta Cristo utilizzando le scritture."

sappi che questa è proprio la perversione mentale delle ideologie in genere, soprattutto sinistrate-e loro modifiche, serpeggiante in pressochè tutta la società, nel "belpensare" del "mondo libero" di luoghi comuni triti e ritriti, ma che a ben guardare si riduce al ribaltamento della realtà da te ravvisato.
Se da un punto di vista morale e addirittura teologico e ontologico è il fenomeno da te così ben descritto, lo stesso meccanismo è alla base del ragionare comune moderno e del giornalistico "turnspeak" ad altri fini.

Josh said...

@Nessie: ma infatti, come spieghi, già questi fatti sono caricati di un simbolismo pericoloso: se presto in futuro, arrivati nel pieno dei rapamenti fiscali per conto delle banche internazionali,
noi persone civili, e ceto medio, volessimo scendere in piazza a buon motivo,
subito saremmo accorpati a questi soggetti e non potremmo più farlo.
Hanno così messo a tacere anche la giusta ribellione motivata di domani.
Poi ora Maroni & co con il divieto di manifestazione ci mette la ciliegina sulla torta.
E la parvenza del mondo che esce da tutto questo? O turbocapitalisti o popolarmarxisti loro annessi...tertium non datur: ma che bel furbo sembiante.

ma l'alternativa è lo sciopero fiscale, e anche quanto dicevamo tempo fa: ritirare i soldi dalle banche e lasciarci le briciole.

aggiungo che tra le "Opiniones Indignade" udite alla televisiòn,
la gentucola non parla di riappropriazione della moneta,
non parla affatto di sovranità monetaria;
non parla di uscita dall'Euro e di lotta contro il Signoraggio bancario,
ma s'è sentito dire anche che "l'Italia è in crisi perchè non abbiamo seguito abbastanza i consigli di Trichet".
buonanotte!

Josh said...

@nocaste:

dici "Mi è capitato spesso di vedere all’opera ultras calcistici che inalberavano bandiere con l’icona del “Che”.
Se assistessi a un derby tra fiorentini e livornesi, vedresti “guevaristi” darsele di santa ragione tra loro. Non è un motivo sufficiente per attribuire un valore politico alle loro violenze o per metterle in conto ai “comunisti”…

mah insomma:-)) se il tuo ragionamento da un punto di vista teorico pare veritiero, nell'applicazione pratica a Livorno c'è un proverbio:
"I livornesi c'hanno rossa anche la fava"
:-))

Nessie said...

Caro Josh, ci vogliono gesti concreti e non i soliti riti liberatori (triti e ritriti) dei cortei fuori porta che fanno fresco a L'Or Signori e offrono pure il destro ai provocatori per infiltrarsi. Comincio a credere che gli ottusi calciatori abbiano più sale nella zucca di tanti altri intellettuali pipparoli. Appena lo stato ha minacciato prelievi forzosi e patrimoniali, questi hanno controminacciato di togliere TUTTO. Che cosa impedisce ai ceti medi di fare altrettanto?
Mettiamoci in mente che non è scimmiottando la sinistra berciante delle processioni rosse (o di altro colore) che ne verremo mai a capo.
Sulla Connection forkaiola Maroni-Di pIetro ne penso tutto il peggio possibile.

Della serie, prima lascio incancrenire il problema No Bloc, poi trovo la soluzione più fokaiola possibile. Trovano il tempo per intercettare chi va a donne, possibile che nessuno abbia mai intercettato questi delinquenti?

Nessie said...

No caste, una sera hanno mandato in onda un programma della tv svizzera, che parlava di esperimenti legati a valute fatte girare per piccole enclaves. Ovvio che i banchieri centrali, masticavano amaro.

Anonymous said...

@ josh
più che fiorentini e livornesi...fiorentini e pisani.
m

Anonymous said...

Josh, i fiorentini sono più raffinati: loro hanno rosso il "giglio"...
(no caste)

Anonymous said...

beh..il giglio è il giglio..e Firenze è Firenze!
http://www.aboutflorence.com/firenze/index.html

ps...ma questo mancuso ce lo propinano in continuazione...(non credo affatto a caso)ci mancava pure il "teologo" eretico...
http://www.culturacattolica.it/default.asp?id=3&ricerca=mancuso&id_n=28413
(immanentismo new age?)
m

Anonymous said...

Aristocrazie della speculazione e potere di creare moneta
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=40724
m

Nessie said...

I postini non ci vanno a nanna? Mai visto un portalettere più infaticabile e insonne. Notte!

Anonymous said...

...'notte

Nessie said...

Stavolta la posta la recapito io, tu portala in giro domani per altri blog: la Bank of America rifiuta ai suoi clienti di chiudere i loro conti :

http://www.youtube.com/watch?NR=1&v=KtI85Zc6Oik


E qui:

http://cafedehumanite.blogspot.com/2011/10/new-york-arrestati-perche-cercano-di.html

johnny doe said...

Forse la pecca più grande in questo genere di proteste é proprio "senza mantenere una minima "linea di demarcazione",cosa di cui avevo avvertito diverse componenti,ma come s'è visto senza successo.
Penso anch'io che le forme di contrasto debbano essere varie,comprese alcune di cui tu parli,poi non é vietato anche sognarne altre,pur di difficile realizzazione ora,magari più percorribili una volta che questo sistema crolli.
Quello che più mi rode di Roma,non era tanto ottenere chissà che di reale,capirai...!,ma che un pubblico più vasto potesse avere accesso ai veri nodi della crisi,quelli che noi da mesi andiamo sottolineando in ogni occasione e che i media ufficiali ignorano.Questa era una buona occasione,purtroppo persa,e non solo per i black bloc.

Anonymous said...

Stasera ho sentito l’ultima sparata della kaiserina di Krukkonia…
Ha tuonato che il Reich è disposto a tutto, pur di difendere il… Reich… E le miserabili cicale farebbero meglio a ficcarsi in testa, una volta per tutte, che dovranno cedere ulteriori quote della loro insignificante sovranità a vantaggio di un Direttorio formato dai magnifici tre.
Avevamo ben ragione, noi malpensanti, a parlare di “Eurss”. Infatti siamo tornati alla sovranità limitata di brezneviana memoria. Solo che adesso non sarà il terribile Orso moscovita ad esercitarla, ma Qui-Quo-Qua, tre paperonzoli nani (ottantenni senza essere cresciuti di un centimetro) che hanno lasciato Paperopoli e vivono rispettivamente a Parigi, Londra e Berlino.

Come diceva il vecchio barbone, la storia quando si ripete, da tragedia si muta in farsa…
(no caste)

Nessie said...

Boh? Ho scritto un commento che mi è sparito. Ora lo ripeto:

http://www.youtube.com/watch?v=TH3kiaJ1-c8&sns=em

Johnny, le forme o la forma di lotta di cui ho appena detto è la Madre e il Padre di tutte le lotte. Guarda questo filmato e quelli precedenti che ho messo in risposta a Marco.:

http://www.youtube.com/watch?NR=1&v=KtI85Zc6Oik

Le banche arrestano chi vuole indietro i loro soldi nei loro C/C.
Ergo significa che il Banchiere è NUDO.

Nessie said...

Far saltare gli stati per poi esercitare una dittatura SUI popoli: ecco una buona idea, caro No caste. Del resto sapevamo già che l'Eurss era un primo passo verso il governo mondiale. Turbo e tecnocapitalistico nella struttura economica , ma comunistico e brezneviano nella sovrastruttura politica e normativa. Insomma siamo all'ossimorico neoliberismo comunista.

La faccenda del blocco nero (oggi c'è il rischio No Tav in Val di Susa) è stata fatta apposta per accelerare l'Eurss-Pol. E quel coglione di Maroni asseconda pure il nefando progetto.

Nessie said...

Le mie previsioni sul nuovo governatore di Bankitalia?

Beh, dopo Draghi, ci vuole uno Smaghi :-). Così è salva la rima.

Anonymous said...

Gli indignati non vogliono sentire parlare di moneta debito (MA COME MAI?), ma noi ne parliamo lo stesso
>
http://scienzamarcia.blogspot.com/2011/10/gli-indignati-non-vogliono-sentire.html

Il fenomeno "indignados" come tappa della destabilizzazione globale
http://www.cpeurasia.eu/1766/il-fenomeno-%e2%80%9cindignados%e2%80%9d-come-tappa-della-destabilizzazione-globale

GEAB n. 58 - decimazione delle banche occidentali.
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=9174

m

Nessie said...

Ah! Ah! perchè sono Indignati prepagati. E questa ne è la cartina tornasole.

Josh said...

Le banche che fanno arrestare chi legittimamente chiude un conto, e domanda indietro il proprio capitale,
è una follia.

Visto chi comanda?
Non siamo padroni nemmeno dei nostri risparmi.
Ma le abbiamo abituate troppo bene.

E' ovviamente la prima mossa da fare, da provare in massa, questa di estrarre tutto o quasi dal cc.

Anonymous said...

MES, la nuova dittatura europea, ratifica entro il 31 dicembre

http://mercatoliberonews.blogspot.com/2011/10/mes-la-nuova-dittatura-europea-ratifica.html

m

Anonymous said...

Un altro uomo di Dio è stato ammazzato nella semi-indifferenza della società
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=40731

I missionari Pime delle Filippine ricordano p. Fausto Tentorio
http://www.asianews.it/notizie-it/I-missionari-Pime-delle-Filippine-ricordano-p.-Fausto-Tentorio-22956.html

m

Josh said...

certo che questo trattato MES è un'altra bella sòla:

http://www.camera.it/561?appro=331&Sostegno+alla+Grecia+e+stabilizzazione+area+euro

cfr. verso fondo pagina:

"il MES avrà un capitale sottoscritto totale di 700 miliardi di euro. Di questo importo, 80 miliardi di euro saranno sotto forma di capitale versato fornito dagli Stati membri della zona euro e si aggiungeranno progressivamente a partire dal luglio 2013 in cinque rate annuali di uguale importo. Inoltre, il MES disporrà anche di una combinazione di capitale richiamabile impegnato e di garanzie degli Stati membri della zona euro per un importo totale di 620 miliardi di euro."

tutto ciò per "agire sulla base di un programma precauzionale;
finanziare la ricapitalizzazione degli istituti finanziari mediante prestiti ai governi, anche nei Paesi che non partecipano al programma"

proprio quello di cui avremmo bisogno: continuare a pagare e strapagare per i debiti passati, presenti, futuri, ed eventuali degli altri mentre da tutto il mondo ci fanno pressioni sul nostro.

Nessie said...

Stavo abilitando il post per domattina sulla rapina in banca a parti invertite, (cioè i banchieri vs. i risparmiatori) e stavo pensando prorpio alla stessa cosa: è un altro modo per allargare la Debt economy e la Ue è un Unione di farabutti in cerca di popoli da strozzinare.