31 August 2009

La Chiesa sia più onesta, coraggiosa e coerente



E' doveroso da parte mia ribadire una posizione. Come ho scritto in un commento al blog Blacknights dell'amico Massimo, ho appoggiato la Chiesa sui temi eticamente sensibili. E mi pare di averne dato prova in numerosi post in archivio come questo già nel lontano 2005 e quest'altro più recente. Viceversa, mi contrappongo a lei su temi cruciali come l'immigrazione. E' ormai assodato che lo stato del Vaticano contempla nel suo statuto il reato di immigrazione clandestina. Si difende e mette le mani avanti mons. Vegliò sull'Osservatore Romano dicendo "noi siamo un piccolo stato". Vero, ma anche l'Italia è un minuscolo Paese - un moscerino che rischia di venir schiacciato dall'elefante africano. Quindi non vedo la possibilità di ottenere dispense ed esoneri speciali in tema di immigrazione selvaggia per loro, che non siano anche nostri. O forse, ciò che vale per lo stato Vaticano in materia di immigrazione non deve poter valere per la nostra repubblica?
Vengo ai temi etici, aborto, eutanasia, Pacs, adozioni ai gay ecc. In passato (e parlo di un passato assai recente) ero vicino alla Chiesa per la difesa della famiglia eterosessuale e contraria alle simil-famiglie (Pacs, Dico) ecc.


La faccenda del direttore di Avvenire Dino Boffo mette in luce il fatto che spesso la Chiesa ha mobilitato le masse cattoliche su campagne etiche senza fare adeguato repulisti al proprio interno. Fate quel che dico io, ma non fate quel che faccio io, poteva funzionare tuttalpiù ai tempi dei Borgia o dei vescovi conti.

Oggi che Santa Romana Chiesa ha perso il potere temporale, che non è più lo Stato Pontificio con tanto di Papa Re, rischia però, con le sue numerose incongruenze, di perdere quei già pochi fedeli che si ritrova al suo seguito.

Il cardinale Bagnasco si straccia le vesti alla Madonna della Guardia sulle alture di Genova, e giudica disgustoso l'attacco di Feltri verso Boffo?
Io trovo invece disgustoso mobilitare legioni di sane famiglie italiane al Family Day, per poi tollerare un omosessuale molestatore all'interno della direzione del giornale della CEI. Considero per lo meno incoerente, lapidare il presidente del Consiglio per la sua condotta verso le donne, da parte di chi non ha le carte in regola per lapidare, poiché possiede, a sua volta qualche bel scheletruccio nell'armadio. In questo caso, in sagrestia.


Ma, strada facendo, mi si va delineando un altro concetto fino a qualche tempo fa, ancora nebuloso: inutile pensare che come cristiani d'Occidente la Chiesa ci dia una mano sui temi identitari (che pure la riguardano assai da vicino).


Come scrive acutamente Ida Magli "la Chiesa odierna è succube dell'Ebraismo e dell'Islamismo e partecipa alla costruzione del Governo Unico tramite l'Associazione Mondiale delle Chiese, oltre ovviamente ad essere presente in quasi tutti gli altri organismi dediti all'abbattimento delle diversità culturali".




Inoltre perché la Chiesa cattolica oggi fa di tutto per rovesciare il quadro demografico e religioso d'Europa a svantaggio di tutti noi - si chiede l'intellettuale serbo Dragos Kalajic ?
"Le risposte a questo quesito sono diverse: dal sospetto che per gli elementi corrotti della Chiesa le attività caritative servono per lucro ed arricchimento personale, fino all'opinione che, in fondo, si tratta di un'aspettativa ingenua che gli immigrati riconoscenti chiederanno la propria conversione, ingrandendo così il gregge dei cattolici, oramai divenuto misero come quello protestante, dopo l'autoeviramento commesso con il nefasto "aggiornamento", che implicava, non solo le proscrizioni delle tradizioni, ma anche le censure dei testi sacri".
Morale di tutta questa favola: occorre andare avanti comunque senza la Chiesa, sui temi identitari. E magari contro di lei, se sarà necessario. Nell'interesse supremo del nostro bel Paese, di noi stessi e della nostra sopravvivenza. Non possiamo più permetterci il lusso di attendere che si ravveda.


Postilla: Vorrei ricordare che fu proprio Vittorio Feltri su Libero ai tempi delle elezioni del 2006 a sbugiardare l'Avvenire allorché si strappava i capelli contro il disegno di legge sui Dico (ex Pacs), voluto dal duo Bindi-Pollastrini, dopo che lo stesso quotidiano fece propaganda per far salire al governo proprio Romano Prodi, durante le elezioni del 2006.
Care tonache, mettetevi d'accordo con voi stesse - era il senso dell'articolo. C'è di che meditare...

48 comments:

Elly said...

No che la chiesa non si ravvede. Ci mancherebbe. E' infallibile, ha potere. Intanto, il "caos" creato da Feltri, dicono, abbia una regia. E' una vendetta di Berlusconi... dicono: http://www.corriere.it/politica/09_agosto_31/giornalisti_europei_berlusconi_585e9fa6-9650-11de-8f5e-00144f02aabc.shtml

Nessie said...

Elly, ho letto. Non credo nella teoria che la nota informativa diramata su Boffo sia solo un "avvertimento mafioso". Un documento legale è pur sempre un documento legale. Chi e in che modo sia stato fatto conoscere poi, è altra cosa.
La Chiesa (e Avvenire ne è uno degli organi come l'Osservatore Romano) dovrebbe spiegarci come mai hanno sostenuto il governo Prodi attraverso quest'ultimo giornale, per poi lamentarsi e stracciarsi le vesti quando la "cattolica" Rosy Bindi aveva già predisposto il disegno di legge sui Dico-Pacs- (L'ho aggiunto nella postilla). Ma qui ormai le incoerenze si sprecano.

Anonymous said...

Chi vuol salvare la propria chiesa, la perderà, per citare e parafrasare proprio i vangeli. Ed è quanto sta accadendo.
Gianluca

Anonymous said...

Brava Nessie. Son stata dietro alle tonache anch'io fino a poco fa,ma l'accoglienza indiscriminata alle belve islamiche mi ha fatto davvero cadere le braccia. I temi etici sono propri di ciscuno di noi e francamente non sento piu'la necessita' che un gayone molestatore venga a farmi la morale su NULLA.Ne' lui ne' i suoi capi,che il piu' pulito li' dentro ha veramente la rogna. Ed io,per la vita onesta che conduco,a questo punto giuro che ho le carte in regola per capitanare le Clarisse. Porgo Giuda che fastidio i moralisti.

Stella

Alessandro Giorgiutti said...

Cara Nessie, la nota informativa su Boffo, l'unico documento dove si faccia riferimento all'omosessualità del direttore di Avvenire, non è un documento legale ma una lettera anonima.

Aldo said...

Brava Nessie! Un intervento davvero equilibrato.

Dal momento che è la seconda volta che ti faccio un complimento del genere, vorrei metterti in guardia: non è che ti stai un po' "aldizzando"? E' un processo pericoloso e dagli esiti potenzialmente letali, sai, in grado di trasformarti in un essere additato da tutti come "un tipo bello strano". O magari sono io che sto assorbendo qualche gene tipico del loch, chissà... :)

Lontana said...

Sembra che la cosa si sapesse da tempo, che circolasse ovunque nei giornali, ma chissà perché, nessuno ha avuto il coraggio di tirarla fuori. Se non é mafia questa, altro che quella citata dal vescovo siciliano..
É cosa veramente disgustosa che la chiesa copra un individuo del genere.
La Chiesa si svegli, anche gli ultimi suoi difensori se la squagliano...

Nessie said...

Gianluca, ecco un bel titolo per un altro post sull'argomento. A pensarci bene però, lo avevo già utilizzato per una divergenza di vedute col cardinal Martino, il responsabile vaticano per l'immigrazione, in un vecchio post:
http://sauraplesio.blogspot.com/2006/03/cardmartino-chi-vuol-salvare-la.html
Come si vede, sono ruggini di vecchia data.

Nessie said...

Stella, pare che ora il Vaticano a nome del direttore dell'Osservatore Romano GianMaria Vian, abbia preso le distanze da Boffo smarcandosi e dicendo che i rapporti con l'attuale governo siano OK. Ma è proprio questo il punto: con quante voci parla la Chiesa? Cos'è, il Transatlantico di Montecitorio? C'è il pluralismo e le correnti anche lì?

Nessie said...

Lonty, sì si sapeva già da tempo. Ma più che circolare tra i giornali, circolava tra le Redazioni nella pausa caffè dei giornalisti di varie testate. Nessuno però l'aveva mai scritto FINORA. A parte Feltri.

Alessandro, è evidente che quando trattasi di prelati sono d'obbligo i guanti di velluto, anche sul controverso tema dell'omosessualità. In ogni caso, il giornale della CEI non può prescindere dalla dottrina sia sul piano del rigore delle idee, che su quello personale. Possono i vescovi non vedere la verità e coprire Boffo nel nome della solita privacy?
Nel documento di patteggiamento che ho visto io c'era tanto di stellone con sotto scritto "Procura della Repubblica".

Nessie said...

Aldo, ti ringrazio. Ma sai, magari sul LOch dopo anni di frequentazione ci si influenza a vicenda ;-). O come dice un mio amico, "a Vicenza".

Elly said...

Ma, omosessualità a parte. C'è stato un patteggiamento ed un pagamento di una certa somma di denaro. Per stalking. Che sia gay o no (ma questo qualcuno lo sapeva), è stato per un breve periodo un molestatore e la storia è finita in tribunale. Stessa domanda: come fa un molestatore ad erigersi a moralista?

Nessie said...

Elly, è tutta questione di "superiorità antropologica". Al partito dei moralmente e antropologicamente superiori sono iscritti i cattocomunisti,le catto-tonache come Don Sciortino di Famiglia Cristiana e naturalmente la sinistra di sempre. La stessa che fa fare all'evasore Ezio Mauro direttore di Repubblica (ha evaso l'imposta del registro di un attico di superlusso) le campagne per l'onestà e la morigeratezza. Altrui, si intende.

Massimo said...

Cara Nessie, l'odierna presa di posizione dell'Osservatore Romane mi pare significativa. Dobbiamo metterci in testa che senza l'apporto della Chiesa non vinceremo la battaglia sui temi eticamente sensibili e rischiamo di perdere quella sull'immigrazione. Invece di fare di tutta la Chiesa un fascio, cerchiamo di sostenere chi, al suo interno, fa la nostra stessa "buona battaglia".

Orpheus said...

Ciao Nessie, ben tornata:-)
Dunque é la solita manfrina dei due pesi e delle due misure messa in atto dai sinistri, cattolici e non...
Se Sircana va a trans o Boffo molesta le mogli altrui (tutto ampiamente documentato), sono "attacchi al privato che portano all'imbarbarimento della politica" e i dossier fotografici o scritti vengono accuratamente conservati nei cassetti di qualche direttore di giornale.
Se Berlusconi va ad una festa in mezzo a centinaia di persone, la privacy viene subito messa in cantina e lui senza prove di NESSUN tipo, viene accusato di farsi le minorenni...
Uno schifo,che ormai ormai sono i c*****i più emeriti prendono sul serio.
Quanto a certi alti prelati, farebbero meglio a confessarsi e a chiedere perdono a Dio, per quanto indegnamente lo rappresentano.
Anch'io ho seguito la Chiesa sui temi etici, ma i prelati di cui sopra mi hanno sempre disgustato.
Bisogna infine fare una distinzione fra Osservatore Romano, che é il mezzo d'informazione del Vaticano, e l'Avvenire che è quello della Cei.
Il primo non ha mai attaccato il Governo su nulla, nemmeno sulla politica dell'immigrazione,
I giornalacci in mano ai cattocomunisti sono ben altra cosa e non rappresentano il Vaticano, ma solo la marmaglia dei "cattolici-adulti".
Ciao Mary

Nessie said...

Caro Massimo,
il tuo discorso assomiglia tanto a quello del "poliziotto buono e del poliziotto cattivo". Se vuoi confonderti tu nei sottorranei del Vaticano, sei liberissimo di farlo. Io per me di camarille e di intrighi di Palazzo, mi bastano (e avanzano) quelli di Palazzo Chigi e di Palazzo Madama. Qui se leggi attentamente i giornali, ogni giorno c'è un Monsignore che smentisce il mosignore precedente. Te ne cito alcuni: Vegliò, Vian, Sgreccia, Crociata, Mogavero. Beh, per me è troppo.

Nessie said...

Ciao Mary e ben ritrovata anche a te. Quoto tutta la prima parte del tuo discorso. La chiosa invece, mi pare molto simile a quello che dice Massimo. E cioè alla fin fine ci si perde sempre nei cavilli dei "prelati buoni e dei prelati cattivi". Pare che Ratzinger invece abbia sottobanco offerto la sua solidarietà a Boffo. E questo è a dir poco deludente.
Di sicuro e in modo palese lo ha fatto Tettamanzi. E te pareva...
La verità nuda e cruda è che la Chiesa TUTTA non l'avremo mai dalla nostra parte sui temi dell'immigrazione e dell'identità. Ma non voglio togliervi l'illusione e la speranza. Che è (cristianamente parlando) sempre l'ultima a morire.

Anonymous said...

Tralascio la questione del rivoltante doppiopesismo ed ipocrisia applicate alle vite private di Berlusconi e Boffo: ho già commentato da Orpheus.
Le reazioni durissime delle gerarchie cattoliche seguite ai fatti palesati da Feltri permettono però di svelare completamente la posizione della Chiesa Cattolica Italiana: questa infatti, oramai è chiarissimo e non può essere nascosto, coincide con il PD. Ogni altra voce al suo interno è minore, emarginata, sottoposta a controllo. A livello locale la cosa poi è ancora più evidente tanto la Chiesa Cattolica e PD hanno legami senza nemmeno curarsi di apparire imparziali al punto che essere cattolici senza essere del PD diventa problematico.
Se notate ogni azione del Governo o PDL è sempre oggetto di critiche, puntualizzazioni anche aspre, articoli sui giornali ufficiali cattolici, non ultima la campagna sulla vita privata di Berlusconi. Mai nulla di tutto questo che riguardi il PD o suoi esponenti, anzi, gli argomenti potenzialemente critici vengono accurantamente evitati, si sfumano, o si cercano accomodamenti. Il caso Englaro è stata lo prova lampante o l'atteggiamento nei confronti dei PACS della Bindy come avete già osservato. Altra cosa significativa: i vescovi che ora attaccano così violentemente non hanno mai difeso il Papa da alcuna critica delle numerose che gli sono piovute da più parti.
Scarth

Nessie said...

@ x Mary e Massimo. Proprio questa sera l'ennesimo monsignore della S. Sede e cioè padre Lombardi ha categoricamente smentito una contrapposizione tra Vaticano e CEI, definendola "priva di sostanza". Questo conferma appieno quanto ho già scritto nel merito.

Scarth, a mio avviso la faccenda è un po' più sottile e sfumata dell'essere organici al PD come asserisci. Intendiamoci, come ha palesato Feltri già ai tempi di Libero e anche ora sul Giornale, il referente politico della CEI e di Avvenire è sempre stato la Margherita.
Ma la Chiesa cattolica usa strumenti più raffinati dell'endorsement per un raggruppamento politico specifico.
Non ultimo, potrebbe avere una strategia articolata che la porta ad appoggiare la destra sui temi di rilevanza etica (cellule staminali, fecondazione assistita, eutanasia,clonazione, Pacs ecc.). E viceversa il Pd e associazioni cattocomuniste (Cisl, Acli, patronati) affiliate sulle politiche migratorie. In ogni caso, resta il fatto che la Chiesa è una forza mondialista come l'ONU, dotata di sue banche (Banca cattolica del Veneto, Antoveneta, sue finanziarie, sue Ong, suo volontariato, suoi no profit, ONLUS, sue agenzie di pellegrinaggi e turismo religioso e varie altre cose.
E i suoi interessi, come appare tristemente evidente sui respingimenti e su altre politiche migratorie, non coincidono coi nostri. Questo ormai lo vedrebbe anche un orbo. Altro che urbi et orbi :-)

Anonymous said...

Ciao Nessie, fosse sottile e raffinata sarebbe già qualcosa. Purtroppo anche sui temi etici dove i cattolici del PD sono molto possibilisti, lo si è visto nel caso Englaro e sui PACS, la posizione della Chiesa è stata incredibilmente ambigua tra mille voci contradditorie e significativi silenzi. Il punto chiaro è che qualsiasi cosa il PD faccia o dica sarà sempre il partito di riferimento esclusivo per la Chiesa Cattolica Italiana e non rischerà mai e poi mai una contrapposizione netta come sta avvenendo ora, di fatto, con il Governo e con il PDL. Se sono arrivati al punto di avallare ufficialmente ed associarsi agli attacchi personali e le insinuazioni sulla vita privata del Presidente del Consiglio vuol dire che siamo ben oltre a qualsiasi regola di diplomazia politica e parvenza di imparzialità. La difesa esplicita e perentoria ufficiale del Papa e favore della linea di Boffo di queste ore, preceduto dal rifiuto del Segretario di Stato ad incontrare Berlusconi toglie ogni dubbio in merito.
Scarth

Nessie said...

Scarth, se ben ti ricordi quando Berlusconi vinse le elezioni lo scorso anno, Papa Ratzinger fu aspramente criticato a sinistra per aver espresso "gioia" per il nuovo governo. A voler ben vedere nessun governo ha mai offerto tanto alla Chiesa come questo:
- la legge 40 sulla fecondazione assistita.
- i fondi economici alle scuole cattoliche.

- le battaglie anti Pacs e anti-Dico.
- l'attuale legge sul fin di vita.
- ora c'è la battaglia contro la RU486 (pillola abortiva). Sarebbero degli emeriti pirla se non lo riconoscessero.

Secondo me però lo zoccolo duro che veicola vari interessi ecclesiali (ma soprattutto economici) è proprio l'immigrazione. Ed è quello il trait-d'union non solo con la sinistra nostrana, ma anche con le élites mondialiste.

Nessie said...

PS: Leggete un po' qui su Dagospia :http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/articolo-8855.htm

Enrico said...

Ne ho sentito una buona. Boffo per discolparsi ha detto che il suo cellulare era in comune con un ragazzo tossicomane che avrebbe telefonicamente molestato la signora in questione di Terni. Per fortuna sua, poi il tossicomano è pure morto. Non potrà testimoniare. In fatto di scuse, non ho mai sentito niente di più scemo.

Closethedoor said...

Aneddoto personale: ho due cari amici omosessuali che mi hanno raccontato che, nei loro locali "carbonari"
(in Veneto, a Padova in particolare, e' pieno di club senza insegna di cui bisogna conoscere l'indirizzo, perche' quando si rendono manifesti sono immancabili le aggressioni di vario genere) hanno incontrato diversi seminaristi.

Questi confidavano che la loro era una vocazione tardiva, in qualche caso sincera, in qualche caso "opportuna" per tranquillizzare le famiglie che li vedevano sempre senza fidanzata.

Ho capito che secondo moltissimi gay la stragrande maggioranza delle gerarchie ecclesiastiche sarebbe omosex, e circolano voci insistenti su veri e propri giri di favori sessuali per far carriera all'interno del Vaticano.

In sintesi, per loro l'omofobia ecclesiastica sarebbe un metodo di "autoreclutamento".

Personalmente, sono sempre molto scettica su queste storie che somigliano a quelle che circolano sull'universita'. Pero' il fenomeno certo esiste, anche se non credo nella misura macroscopica che si sostiene.

Anyway, mettendo insieme molestie (accertate) e omosessualita' (insinuata), Feltri rischia di far pervenire a Boffo la solidarieta' congiunta del Papa e dell'Arcigay. Un risultato impensabile fino a qualche anno fa.

Closethedoor said...

Chiarisco un passaggio : per autoreclutamento non intendo certo dire che si selezionano i preti gay, ma che alimentando una certa omofobia, la Chiesa accoglie al suo interno gay che in un'altra situazione forse farebbero altre scelte. Ho uno zio prete e so che si fa di tutto per mettere alla prova le vocazioni, ma di fatto e' il cane che si morde la coda.

Seconda cosa: ovviamente, Ratzinger ha manifestato il suo sostegno alla CEI, non a Boffo, ma mi pare che "mediaticamente" alla fine risulti la stessa cosa.

Comunque il fatto che la Chiesa parli con piu' voci per me e' un pregio, non un difetto. Grazie a Dio (!) la Chiesa non e' un partito :-)

Nessie said...

Enrico, io sì che invece ho sentito qualcosa di ancor "più scemo". C'era il solito matto di un villaggio che conosco bene (del mio, per intenderci) che in barca navigava con una lastra di piombo, rubata chissà dove. La finanza lo ferma e gli chiede dove l'avesse trovata. Lui ha risposto che era lì che galleggiava. Beh, la scusa di Boffo mi pare di quel genere lì :-).

Nessie said...

Ciao Close e ben ritrovata. Ne avrei anch'io un mucchio di annedoti, anche raccontati da non gay su esperienze di collegio. Ma transeat. La carne è debole, a quanto pare e certe storie boccaccesche credevo si trovassero solo nei film di Almodovar, regista che non è nelle mie corde.
Tutto può essere circa le improbabili alleanze del dopo-Feltri. Ma non credo che i gay e le loro associazioni esprimano solidarietà a Boffo, per quanto ne so io. E' assai difficile essere solidali con chi va a ragazzetti per poi impedire agli altri gay di fare altrettanto :-).
Boffo si è sempre speso molto contro i Pacs. Lui infatti, tiene già famiglia. Dicono che l'informativa anonima sia stato uno scherzuccio da preti all'interno del suo stesso ambiente. Scherzi da preti in veste (anzi in tonaca) di "gole profonde".

Nessie said...

"Comunque il fatto che la Chiesa parli con piu' voci per me e' un pregio, non un difetto. Grazie a Dio (!) la Chiesa non e' un partito :-)"

Sì, ma rischia di essere un "insieme di partiti e partini", e di correnti e controccorrenti. Con tutti i loro difetti :-)
Ma cosa vuoi mai, siamo nel regno della "democrazia universale", no?

Closethedoor said...

Ciao Nessie!!! Bentrovata a te e... alla faccia dello scherzo da prete ! :-))))))))))

Sì beh agli sgambetti interni ci credo anche. Per stare sui veleni curiali: un mio collega (per alcuni versi curioso personaggio) va solo alle messe in latino e sembra abbastanza addentro alle questioni vaticane. Ormai piu' di un anno fa, mi disse che la "gaffe" del discorso di Ratisbona da parte di Ratzinger (la citazione su Maometto) sarebbe proprio sortita come scherzo da prete.
Qualcuno si sara' chiesto forse come una singola frase estrapolata da una discussione teologica pensata per specialisti abbia fatto il giro del mondo. Bene, secondo questo mio collega questo fu dovuto a un taglio particolare dato ai comunicati stampa della Curia relativi al discorso, che hanno innescato il tamtam mondiale che sappiamo. Lo sgambetto sarebbe frutto di un braccio di ferro interno, in quanto dopo la parentesi di Wojtila, che era tutto proiettato verso l'esterno quasi dimenticando la sua diocesi, Ratzinger aveva provato a prendere alcune misure per tornare ad essere appunto il vescovo di Roma.

Cmq che dire, stiamo raggiungendo un livello di pattume per cui non so chi si salvera' dalle palate di fango gettate su tutti quanti.

Nessie said...

Close, leggi se non lo hai ancora fatto "I sotterranei del Vaticano " di André Gide. Lì di veleni curiali ce ne sono a iosa. Difesi molto Ratzinger durante quel tragico episopdio di Ratisbona del lontano settembre 2006. http://sauraplesio.blogspot.com/2006/09/la-crisi-tra-la-croce-e-la-mezzaluna.html

Come pure, quando gli fu impedito di parlare alla Sapienza.
Ma ormai non mi stupisco più di niente. E non mi stupirebbe se quel tuo amico avesse raccontato la verità in proposito. La perfidia umana non ha più limiti.

sarcastycon said...

Ciao Nessie
sono rientrato dalle vacanze e trovo molto pane per i ns. denti.....
Il negazionismo di sx ha fatto scuola, come quello iraniano sulla Shoah, negare, sempre negare anche l'evidenza...ed è quello che stanno facendo le gerarchie ecclesiastiche,anche se alcuni prelati larvatamente dissentono.

La famosa "informativa", presumibilmente uscita da ambienti cattolici o dallo stesso Avvenire,non è il nodo cruciale della storia.

Esiste una sentenza patteggiata e, quindi, definitiva di un tribunale italiano, il cui contenuto è ampiamente esaustivo, anche se alcune parti del dibattimento sono state secretate, chissà perchè......

Sarebbe molto interessante leggere la deposizione della signora in oggetto......

Credo che sia l'ora che la Chiesa faccia pulizia dei farisei e dei sepolcri imbiancati, a costo di rischiare uno scisma.
Oppure la lobby dei gay è forte anche in Vaticano?
a presto
sarc.

Nessie said...

Sarc, con tutto il rispetto, la Shoah c'entra ben poco con tutta questa squallida faccenda.
Qui, detto terra a terra, c'è un direttore-RAIS che ha tenuto la direzione del quotidiano episcopale per ben 15 anni.
I vescovi sapevano, ma evidentemente (e ne ignoro la ragione) gli faceva comodo tenerselo così. Il "mistero Boffo" (copyright Massimo) consiste nel sapere come mai se lo siano tenuto così a lungo.
Il "mistero Boffo 2" invece consiste nel sapere chi gli ha confezionato lo "scherzo da preti" dell'informativa.

Angelo D'Amore said...

berlusconi e la sente sede litigano: chi se ne frega!
nonsolonapoli.blogspot.com

sarcastycon said...

Nessie
che la Shoah non c'entri con questa faccenda è evidente ma chi ne ha parlato a sproposito, di recente, per infangare il governo?
Guarda caso proprio boffo.....

"L'informativa".
Sono convinto che sia stata fatta da persone molto vicine al Vaticano, infatti è prassi,così mi è stato detto, che certe note scottanti siano inviate al segretario di stato e al Papa in forma anonima.
Se così fosse sull'originale, in trasparenza sulla carta, ci dovrebbe essere lo stemma vaticano a significare la provenienza.....
Quelle che sono in giro sono fotocopie e pertanto non si può confermare quello che ho scritto e non credo che l'originale salterà fuori tanto facilmente.......

Una cosa è certa tutti sapevano.
ciao
sarc.

Nessie said...

Sì, Sarc, mi ricordo. Basta con gli spropositi per imporci l'immigrazionismo selvaggio. La Chiesa fa come Totò: vende la Fontana di Trevi non sua.
L'Italia non è il loro territorio da pascolo alla mercé del continente nero e del continente asiatico solo perché loro hanno deciso per noi quella "beneficenza universale" che glu fa comodo.
Leggi su Dagospia cos'hanno il coraggio di affermare i vescovi:

http://www.dagospia.com/rubrica-3
/politica/articolo-8905.htm

C'è crisi morale? Urgono nuovi attori sulla scena politica e mediatica- dice Mons. Forte. Molto Bene, comincino a fare repulisti da loro. Un direttore che dura 15 anni con gli scheletrucci che sappiamo, è un vero DIRETTORIO.

Closethedoor said...

"L'Italia non è il loro territorio" sarebbe un bel punto di partenza per una comune concezione di laicità fra destra e sinistra.

NemoTeneturAdImpossibilia said...

http://opinioniefintedemocrazie.blogspot.com/2009/08/intelligence-robert-steele-vs-gianni.html

galerius said...

Credo che ad avalorare la sensazione di Scarth di una Chiesa "contigua" al PD ci siano anche quei famosi 'giornali locali' che spesso sono emanazione della curia, o in ogni caso d'ispirazione cattolica.
Qui nel pinerolese ce n'è uno che è stato ferocemente - altro che carità cristiana... - prodiano per anni ; passato a miglior vita il direttore ( un prete ! ), la linea si è fatta più blanda, ma sempre comunque velatamente frondista verso il governo di centrodestra. Inoltre, sugli argomenti che potrebbero creare attrito fra la Chiesa e le sinistre, il giornale evita accuratamente di prendere posizione...
Nota di costume : la settimana scorsa, il vescovo di Pinerolo ha aderito all'iniziativa valdese del digiuno contro il pacchetto sicurezza.
Ogni commento è superfluo.

Nessie said...

Credo anch'io, alla fin fine, Close. Ma il punto è che la tentazione di aggrapparsi alle tonache a corrente alternata, esiste sia da una parte che dall'altra, a seconda dei specifici tornaconti.
L'ultima buffonata su Boffo l'ha appena fatta Liberazione, organo di Rifondazione. Roba da scompisciarsi dalle risate: i mangiapreti che vanno a Canossa in sagrestia.

Anonymous said...

Boffo si e' dimesso :-)

Stella

Nessie said...

Grazie per la tua testimonianza, Galerius. Il digiuno del vescovo di Pinerolo è a dir poco inquietante. Visita i due link che ho appena messo di Dagospia: Prodi venne silurato anche per intercessione dei vescovi sui Dico (dopo essere stato sostenuto da una buona fetta di loro); Berlusconi rischia di fare la stessa fine sul tema immigrazione e sicurezza.

Josh said...

Ciao Nessie, e un saluto a tutti i rientrati dalle ferie. Scheletrucci in sagrestia? pure troppi, anche a parte questo ultimo fatto.
Gli eventi di questi giorni poi sono penosi.
Concordo poi con il tuo commento "La perfidia umana non ha più limiti" al racconto di CloseTheDoor, mi sa che non sia racconto peregrino quello del suo amico che va alle messe latine delle bizze e dispetti della Curia contro B XVI. Comunque che roba....

Nessie said...

Letto Stella, grazie.

Josh, il potere e le ambizioni umane sono trasversali a tutti gli ambienti.Ivi compresi quelli che dovrebbero mostrare maggior ascetismo e distacco spirituale. Non è che io voglia fare dei predicozzi alla Chiesa. Ma dovrebbe dar prova di maggior coerenza e smetterla di incoraggiare un porporato in vena di futili protagonismi.

galerius said...

Più che inquietante, Nessie, direi "desolante"....in questa nostra povera provincia di Torino, cocciutamente "de sinistra" ( salvo poi mugugnare per le cose che vanno male : degrado, criminalità, servizi che non funzionano, tasse locali esose...ma la volta dopo votano di nuovo a sinistra ) la gerarchia e il clero minuto ( con poche eccezioni ) pencolano da quella parte oramai da decenni.
E chi la pensa diversamente ha finito per farci il callo...diversamente, si mangerebbe il fegato in continuazione.
E' per questo che preferisco non leggere i link che mi indichi, mi farebbero solo rabbia.
A questo punto preferisco la tattica di Angelo : un bel "chissene" !

Closethedoor said...

Se posso, secondo me a pesare nelle dichiarazioni dei vescovi e' il fatto che come ha dichiarato Feltri, tutto e' partito da una lettera anonima proveniente dalla gendarmeria vaticana: cioè è venuto fuori l'uso delle lettere anonime che si fa in Vaticano.

Cmq come dice Sarcastycon, una "lobby gay" potrebbe anche esserci, non mi ricordo piu' dove ho letto in questi giorni, la scelta di pubblicare la lettera su Boffo avrebbe un destinatario più alto, e cioe' Ratzinger, di cui si vocifera a proposito della collaborazione con il suo assistente George Gaenswein.

IMHO, l'unico a uscirne bene da tutta questa storia e' Maroni, che come ministro degli Interni si e' limitato a smentire che Boffo fosse tenuto sotto sorveglianza dalla Polizia.

Nessie said...

Galerius questa gente ormai purtroppon è lontana mille miglia dal Cristo e dalle sue parabole. E' ovvio,pertanto, che si accodino al conformismo che imperversa a sinistra, l'unico che non richiede nessun coraggio. Non a caso parlo di chiesa pusilla e poco coraggiosa.

Close, la Lega cerca di aprirsi i suoi varchi diplomatici. E cioè "politici". Tra una boutade e l'altra di Bossi, è evidente che fanno politica anche loro e che cerchino di inserirsi nella mediazione per ricucire lo strappo.
C'è oggi un articolo di Verderami sul Corriere che riporta l'opinione di Cossiga, piuttosto dentro alle cose d'Oltretevere:

"Non ci saranno strappi nelle relazioni. Basterà che Berlusconi faccia approvare com'è la legge sul
testamento biologico, tenga fermo il principio dell'8 x mille, preservi l'esenzione dall'ICI e l'insegnamento religioso nelle scuole". LO credo anch'io.
Sulle illazioni di Ratzinger e padre Georg mi rifiuto di prenderle in considerazione. Sono roba da Luciana Littizzetto. La quale non riesce a strapparmi una risata.

sarcastycon said...

Nessie
una mia risposta su un blog cattolico che difende Boffo e mi chiedeva se mi ritenevo esente da peccati in quanto agnostico:

"Cara A...

io mi attengo ai fatti.
Lui, oggi, dice di essere innocente, ma allora disse di essere colpevole
e lo disse in tribunale davanti ad un giudice.

ciao
Sarc.

ehmm ora che mi ci fai pensare qualche peccatuccio ce l'ho anch'io,niente di grave o forse si:mi piacciono le donne.
Pertanto non potrò fare il direttore de "L'Avvenire"....... "

Nessie said...

Se ti piacciono le donne, può succederti di tutto, Sarc. Oggi è vietato essere normali e senza qualche lobby che ti protegga.