19 May 2008

Che roba Contessina...


Faccina dabbene un po' slavata incorniciata da lunghi capelli biondi, una voce da capretta belante e una pronuncia con la "pesseta", quella esse farfugliata con la lingua tra i denti incisivi come i bambini affetti da dislalìa. Sembra un'alunna che ha imparato la poesiola a memoria per la festa di fine scuola. La prima volta che esordì da Santoro, pareva una letterina da telequiz.Era appena ventenne e ancora agli inizi degli studi universitaria che era già lì, in RAI. Ma c'è chi può. Parliamo di Beatrice Borromeo, classe 1985. Le scorciatoie, a quanto pare, valgono solo per chi nasce come lei, da antica e nobile casata dei signori di Milano, già feudatari del Lago Maggiore, delle tre isole Borromee, della Rocca Borromeo di Angera. Suoi antenati, i cardinali Federico e Carlo Borromeo: il primo citato dal Manzoni nella conversione dell'Innominato. Il secondo, Principe e dottore della Chiesa canonizzato e santo patrono di Arona dove svetta la sua statua gigantesca (detta il Sancarlone) su un colle prospiciente il Lago Maggiore (sponda piemontese).

Ad un altro giovane più brillante e promettente della signorina, ma sconosciuto, avrebbero richiesto master, titoli accademici e professionali a non finire. E senza nessuna garanzia di assunzione. Non a lei che sta ancora studiando, ma già ci delizia delle sue fini notazioni di cronista in erba. Catapultata dai défilé d'alta moda dove lavorava come top-model, alla RAI, la Borromeo si è riscoperta subito reginetta protettrice degli 
immigrati, Teresa di Calcutta dei clandestini. E non perde occasione per perorarne le cause. Chi ha modo di fare una gita all'Isola Bella, noterà che una parte del Parco botanico è chiuso ai visitatori (che pure pagano), perché riservato al solo passaggio delle contesse Lavinia (sua sorella e moglie del novello mr. Fiat John Elkann), Beatrice e sorelle. L'isola Madre poi è un altro vasto orto botanico chiuso ai visitatori per buona parte dell'anno. Mica Lampedusa aperta ai quattro venti e ai mille sbarchi di clandestini per la gioia degli abitanti!




Si paga un biglietto anche per visitare la Rocca Borromeo di Angera (sponda lombarda) e ammirare arazzi, armature e dipinti d'epoca sparsi per le sale. In altre stanze dello stesso Castello, il Museo delle Bambole. Ce ne sono di tutti i tipi: in finissimo biscuit con capelli veri e occhi azzurri e verdi in cristallo - pregiati giocattoli delle antenate della fanciulla. Eppoi interi corredini in pizzo, sangallo, merletto, amazzoni in velluto blu per bambine-contessine vestite come bambole. Ed eleganti bambole vestite da contesse e principesse.

Che ci fa ordunque una damigella di così alto lignaggio da Michele Santoro, untore e spargitore d' antica peste chiamata odio di classe? Fa chic per entrambi, ovvio. L'ex proletario di Servire il Popolo (organizzazione marxista-leninista) tiene a bottega una nobile, invece di una povera operaia della Breda. Che roba contessa...diceva una canzone del '68. La Borromeo, dal canto suo, può mostrare al suo milieu il bello di schierarsi dalla parte dei diseredati. Lui la chiama: "Bea, Bea!", quasi un belato di supplica. E lei si mostra attenta, diligente, pendendo dalle sue labbra. Insomma il mito di Pigmalione e Galatea. Michele chi? e Beatrice perchè? Un probabile idillio multikulti tra eccelsi intelletti interclassisti.

Nipote di Marta Marzotto, la giovin capretta subisce, come la sua anziana nonna, il fascino indiscreto del proletariato senza rivoluzione. La quale Marta da legare, già amante del comunistone Guttuso, il pittore dei cortei operai di cui è usa sbandierare per salotti buoni i loro amori e furori con dovizia di dettagli, ebbe pure una liaison dangereuse con Lucio Magri de Il Manifesto. Però... questi compagnucci! Mai una volta che copulassero con una cassiera della Coop.

Guardate ora l'inoppugnabile filmato di Anno zero con una contessina allocca almeno quanto è ricca. Noterete che per essere all'altezza di quei diseredati che difende con tanto ardore, rinuncia perfino a sfoggiare le griffe di haute couture come qui, per limitarsi a jeans e camicetta. Poverina, che sacrificio! Nel mentre, sparge sui telespettatori un intero zuccherificio sulla bontà dell'immigrazionismo senza frontiere.
Ho 21 anni e vivo a Milano. Mi capita di arrivare a Milano la sera tardi, magari alla Stazione centrale: mi sento abbastanza tranquilla, ma sento che attorno a me cresce la paura, la diffidenza verso gli immigrati.

Per sentirsi "abbastanza tranquilla", o signorina, basta uscire in fretta dalla Stazione Centrale (che sembra la Corte dei Miracoli) , fiondarsi direttamente su un taxi, o in auto personale bypassando la metropolitana. Alla contessina non mancano certo queste minime possiibilità . Poi, un weekend all' isola Bella tra le orchidee della serra dei Borromeo, via dalla pazza folla. Urbana e suburbana. Dalle alture del Lago, il Sancarlone contempla e benedice ieratico. Che ci protegga dalla stupidità e dalla malafede di sua nipote. E che la illumini.




40 comments:

Giano said...

Insopportabile, da farti venire un violento attacco di allergia al solo vederla e sentirla parlare. In coppia con Santoro, poi, sono la quintessenza dell'ipocrisia. Per fortuna ho il televisore guasto da più di due mesi (e non credo che lo farò riparare presto). Il che mi evita di vederli, anche per sbaglio. BUona giornata :)

Anonymous said...

La solita meretrice di sinistra, ricchissima, ignorante e snob.

Per la cronaca, infilarsi in un taxi non e' poi cosi' semplice; sono rientrata in Centrale a mezzanotte con un Eurostar Roma-Milano e non ho voluto farmi venire a prendere per non disturbare: alla coda taxi, o sei in mezzo quindi sei sufficientemente protetta, o se sei in coda e resti per ultima, garantisco che non c'e' affatto da star tranquilli.

La Centrale non e' piu' sicura nemmeno di giorno.
Stella

Josh said...

Concordo anche con le virgole del tuo post, stessa emozione e stessa valutazione. Insopportabile anche per me. Quoto Giano. Detesto l'ipocrisia. Il baratro che divide le sue pretese ideologie sinistrate e il lusso conclusus in cui vive, la rende più che irreale anche a se stessa, disturbante. Non ho nulla contro l'aristocrazia o l'alta borghesia in sè, ma che ora abbiano perso la loro essenza e si travestano da comunisti e amici del povero con l'immigrato o la br in salotto, è insopportabile. E pure sti comunisti finto-popolani sempre nei letti 'giusti' eh...Detesto la trasmissione di Santoro, non ho mai sopportato nemmeno lui, e tutta quella fiera di trasmissioni sinistre martellanti (e hanno ancora da dire con le reti di Berlusconi) da Crozza, al Fazio con le sue insopportabili ospitate, a Santoro con con la nobildonna sinistra + Travaglio + Vauro (da suicidio), a Gad Lerner lottacontinua/nemico di casa sua, e certo ne ho dimenticate altre. Cambio canale, o spengo proprio e faccio altro.

Nessie said...

Una riflessione sui media e la loro invadenza, Giano. Noi possiamo ignorare loro. Ma sono loro che non ignorano noi. Nemmeno io guardo quasi mai Santoro (due o tre volte l'anno in tutto). Ma poi circola in rete il filmatino che ho testé linkato con la fanciulla più sciocca che ricca. E allora di fronte a questa melassa svenevole accompagnata da malafede non ho potuto fare a meno di farci un post.

Stellassa mia, sai quanto ti voglio bene :-). Ma non posso tollerare nemmeno una frasetta volgare (ancorché giustificata) come quella che hai messo in chiosa che ho tagliato. Altrimenti se la concedo a te, dovrei concederla anche a chi di solito banno. Per il resto, sulla Stazione Centrale sono del tutto d'accordo. Di sera è meglio evitarla. E in quanto a furti e scippi, non è sicura neanche di giorno.

Bobo said...

Bisogna accendere un cero alla Madonna. Ci ha fatto la Grazia di darci Santoro, Travaglio e la Contessina. Sono due anni che questi disgraziati vanno in televisione ed hanno fatto più danni loro alll'immagine della sinistra che non l'edizione italiana di "Arcipelago Gulag"! Spero solo che il governo non faccia la pazzia di cancellare il programma: è la miglior propaganda per il PdL che possa esistere! ;-)

Anonymous said...

Ma ci mancherebbe, e' casa tua.
E' che mi scappano, mi escono dalle dita.

Quell'altra, la Rossanda, altra ricchissima meretrice intellettuale di sinistra, ha scritto che quelli che hanno votato centrodx sono SUBUMANI.
Subumani,hai capito? Questo termine era usato dai nazisti nei confronti degli ebrei.
Io giuro che se la incontro le sputo in faccia.

Stella

Nessie said...

Bobo, è vero che rappresentano tutti e tre una vera e propria campagna elettorale all'inverso. E' vero che i ceti meno abbienti hanno pure capito da che parte stanno questi "pseudoproletari senza rivoluzione".
Ma non era questa l'intenzione del mio post.
La mia intenzione era quella di dimostrare che:
1) ci sono tanti altri giovani più promettenti e brillanti della Borromeo, cui non si dà alcuna chance professionale sui media.
2) Santoro si riempie la bocca di giustizialismo e ri moralismo, ma mette in piedi il suo staff con criteri clientelari da rais.La famiglia Elkann-Borromeo, evidentemente serve agli scopi suoi.

3) C'è stato un ministro delle Finanze (Visco) che mette alla gogna mediatica i 730 e 740 degli Italiani, mentre la sinistra tace e minimizza addirittura i feudatari i cui beni ho messo in fotografia. E non sono nemmeno tutti, ma ne rappresentano un minima parte. Una vergogna!

Nessie said...

Josh, anch'io come te, non ho nulla contro l'aristocrazia e l'alta borghesia. Del resto se così fosse, non sarei una "conservative mind" come sono. Ho molto invece, nei confronti della confusione dei ruoli e del concetto di infiltrazione che è quello che caratterizza la nostra società.
Questa scipita fanciulla, ha detto in tv a Maria Giovanna Maglie che sarebbe "antidemocratico" inchiodare le persone al loro ambito di nascita e ai loro ruoli sociali. Ma ci rendiamo conto della malafede che c'è in queste parole?
Allora anche il denaro è "antidemocratico", visto che è grazie a questo che ha potuto sbaragliare non so quanti giovani che aspirano a occupare lo stesso posto in tv. Anche il blasone e lo stemma dei principi, conti e marchesi di famiglia, è "antidemocratico".
Ma non credo che costei voglia toglerselo, visto che le ha fruttato una corsia preferenziale.

Nessie said...

PS: aggiungo dell'altro ancora a Josh. E' comunque deprimente vedere uan sinistrucola prosternarsi sempre davanti alla nobiltà. Ho osservato anche come quel minus habens di Chiambretti che solitamente svillaneggia tutto e tutti, nel suo programmino su La 7 era ossequioso nei suoi confronti.
La mentalità sinistronza è sempre quella: il disprezzo per chi fa soldi lavorando e intraprendendo in proprio (ad esempio Berlusconi che tratta da parvenue, da cafone e da sudamericano) e la sudditanza psicologica nei confronti dei blasonati.
Ridicoli poi questi ultimi che ci vanno pure a letto insieme (vedi nonna Marta).

Stella : Rossana Rossanda (antipaticissima e con un insopportabile puzza sotto il naso) rappresenta un altro caso ancora, rispetto alla Borromeo.
La Rossanda, (certamente più colta della fanciulletta di cui stiamo parlando)usa, nel suo caso, la sua cultura marxista e veteromarxista, per conquistarsi un blasone (metaforico) perduto.
Un po' come MIchele Serra. Sono degli SNOB nell'accezione piena dei loro acronimi: SINE NOBILITATE. E cioè degli arrampicatori sociali.

Bobo said...

Guarda, sono d'accordissimo con te, soprattutto sul fatto che ci sono giovani molto più preparati nel campo dei media a cui non viene data nessuna chance (sono al terzo anno di Scienze della Comunicazione e, come dire? tocco con mano il problema). E fai benissimo a sottolineare le ipocrisie e le ingiustizie che contraddistinguono questo programma (tanto più se si pensa che è finanziato da pubblici denari).Le ipocrisie di questa sinistra non vengono mai denunciate a sufficienza! Quello che volevo dire io però era questo: che non dobbiamo farci prendere dalla foga. La mia paura è che qualcuno a destra (sia un politico, un partito, un'associazione ecc.) possa chiedere il cancellamento del programma, trasformando all'istante quei 4 disgraziati in "martiri della libera informazione" (stile 2001).Che è proprio quello che vogliono: sanno bene infatti che questo è l'unico modo che hanno per ottenere legittimità e soprattutto ascolti, dato che sempre più italiani (di dx e sx) capiscono che sono solo dei mestatori.Meglio quindi, rimanere neutrali: tanto più che "annozero" fa molti più danni a sinistra. Quindi, problema loro, che se lo risolvano in famiglia! A noi coniene stare in disparte, e guardarli beccarsi come i capponi di renzo...

Nessie said...

Più che vero Bobo. Meglio tenerlo in rete (anche se pesa pagare simili schifezze col nostro canone) che eliminarlo. Questo non è in discussione.
E' il tema dell'immigrazione a essere in questione. Per quanto oca e sprovveduta possa apparire la fanciulletta, non è che venga poi giù dai tremila. Negare l'evidenza dei fatti sulla Stazione Centrale, il dire che lei si sente "abbastanza tranquilla", il fare le reginetta dei diseredati, mentre ha ricche possibilità di non dover sopportare gli "effetti collaterali" dell'immigrazionismo, fa parte di un piano ben preciso.
VOI SOPPORTATE E TACETE, noi invece possiamo sempre fuggire nei nostri Gotha e Walhalla lontano dal degrado delle città che dovrete sopportare voi e solo voi. Ma guai a dirlo...

Il Mango said...

Snob non puo' essere. snob significa "sine nobilitate", cioe senza nobilita' ed era utilizzato per le persone cosiderate fuori posto...Mi direte lo e'....forse e' vero.
Nessie il tuo articolo mi ha fatto morire dalle risate.
La piccola contessina radical chic. Tres a la mode in certi ambienti, ahime'.......

marshall said...

Cara Nessie,
grazie per questa "illuminazione" che ci porti!
Io, riferendomi alla puntata del I° maggio, ho intitolato quella puntata di Santoro, Festival delle stronzate, riprendendo la frase più volte ripetuta da Sgarbi.

Qui, invece, siamo in presenza del FESTIVAL DELLE IPOCRISIE all'ennesima potenza. Ovvero, siamo in presenza di un super clamoroso caso di CONFLITTO D'INTERESSI.
Non sapevo come si chiamasse la cronista volante di Santoro, e non immaginavo certo che fosse la pronipote di quel Federigo Borromeo studiato nei Promessi Sposi, nè, tanto meno, che fosse pronipote di uno dei più grandi Santi della Comunità Cristiana Milanese. Notavo comunque un suo certo impaccio, un certo imbarazzo (la tradivano certi suoi lievi ma inconfondibili rossori) quando poneva domande incentrate su povertà, illegalità, sicurezza.
Ora ne comprendo il perchè.

Nessie said...

Eh, eh, Visco si limita a mettere i 730 on line violando la privacy . Alla faccia! Qui non c'è bisogno di tradire la privacy di un bel nessuno. Qui basta andare a farsi un giretto da quelle parti e fare un clic con la macchina fotografica, caro Marsh. Ma che cattivacci quei Lampedusani "razzisti" che non vogliono gli sbarchi a casa loro, eh? :-). E che stronzi i milanesi che girano al largo dalla Stazione Centrale.
Altro che Fiera delle IPOCRISIE è diventata la tv di stato. Siamo ingannati dalla mattina alla sera e pure presi per i fondelli.
Sì, Federigo e Carlo Borromeo. Ma lo sai cos'ha il coraggio di dire la contessina (che tra l'altro è pure principessa e marchesa)? Che lei è atea. E ce l'ha pure col Vaticano.
Forse non ha capito che oggi ci sono nuove forme di fanatismo religioso: schierarsi col santorismo, ad esempio. Beata tra due Santi (el Sancarlùn e Santo Oro).

Mango ero indecisa sull'etichetta. Media o satira e humour? facciamo tutte e due:-)

Lo PseudoSauro said...

1809, assedio di Vienna. Le nobildonne riunite nel castello si domandano angosciosamente "Ma quando iniziano gli stupri?" (G. Byron). L'attitudine della nobilta' smidollata e sfiancata da abitudini ereditarie e' sempre la stessa. Il sangue nuovo e' per loro una necessita' di sopravvivenza. E tralascio altre considerazioni che porterebbero inevitabilmente al pecoreccio. :-)

Nessie said...

Sauro, ti rispondo come ho appena detto a Marsh. Beatrice viene da Beata. E lei Beata tra due santi, la è. Il suo prozio,(da una parte). E San Toro (dall'altra). Siamo in piena dialettica marziana o no?

Anonymous said...

Cara Nessie,
è da un po' che non trovo il tempo di visitare il tuo Loch ma oggi ho letto l'ultimo Post su due figure di donne che a me sono sembrate-per quel poco che mi sono interessato di loro- due casi umani:un come donna di Cultura e l'altra in qualità di scemotta di buona famiglia.La Rossanda è la testimonianza vivente che la cultura a volte non serve proprio a nulla:ne ebbi la certezza assoluta quando in una trasmissione, dove il suo enorme e orrendo neo ipnotizzava noi telespettatori, faceva la difesa d'ufficio di Mao Tze Tung:uno dei grandi criminali su cui la Storia ha emesso sentenza definitiva per sempre e con buona pace dei veterocomunisti(nel suo caso, paleocomunisti, data la veneranda età della Rossanda).Definisce subumani quanti hanno votato a destra?Io ho votato radicale in gioventù, a sinistra quando la sinistra era il meno peggio rispetto alla Dc ma oggi ho votato destra,e non certo per rimbambimento senile(quello lo lascio alla neo-munita Rossana Rossanda), bensì per flessibilità mentale che deve adattarsi alle mutate condizioni politiche e sociali.
Ma come dissi tanti mesi fa, il comunista è come lo scarafaggio:ha raggiunto il top della propria evoluzione, e da lì non si schioda.Lo scarafaggio è perfetto , e anche il comunista lo è:piuttosto che rassegnarsi ai cambiamenti della realtà, cerca di adattare la realtà al suo non-pensiero che è fisso e immutabile in saecula saeculorum:esattamente come la Sharia dei musulmani,che si presume eterna e non perfettibile.
Per lasciare da parte la Gallina Colta (da Alzheimer galoppante) veniamo alla Gallina Nobile e Scema, che incoraggia gli sbandati e i diseredati di tutto il mondo a invadere il nostro paese:male che vada per lei ci saranno sempre le isole Borromee ad accoglierla, mentre i comuni mortali dovranno avere come vicini di pianerottolo orde di gente poco raccomandabile con cui scontrarsi quotidianamente...
Concordo con l'amico del Loch che ha commentato dicendo che Anno Zero dovrebbe ricevere una medaglia dal Cavaliere:nemmeno Emilio Fede riuscirebbe a fare di più!
Buona serata da
Occidentale

Nessie said...

Occidentale, la Rossanda e il suo gigantesco e orrendo neo, non conta più un tubo. Ed è già un reperto lei e la sua superiorità antropologica del Menga. Questa nuova sciacquetta bionda invece, se la stanno allevando, a mio avviso per entrare nei poteri forti (Elkann, Fiat ecc.). Non solo. Ma considerato il fatto che in Italia, la carriera giornalistica è lunghissima (ne so qualcosa perché ho un parente stretto giornalista in famiglia) e che ci vogliono le tre gerarchie: 1) Pubblicista 2) praticante 3) giornalista professionista con tanto di esame di Stato a Roma, beh... allora le strade sono due:
a) o decidiamo di abolire l'Ordine dei Giornalisti, per me un ente inutile.
b) o se lo manteniamo, facciamo rispettare la trafila e le norme per a tutti. Senza salti della quaglia.

Da ultimo, è già insopportabile il giornalismo "falso intelligente". Figurati quello di quei raccomandati allocchi che non capiscono una cippa di quel che affermano. Ed ancora: è già insopportabile raccomandare chi ha effettivamente bisogno. Figurati dare delle spinte a chi non ha assolutamente bisogno e a chi è "autoreferenziale" per famiglia,blasone, ricchezza e agganci vari laddove le porte si spalancano da sé.
Ora poi, pare che alla Contessina abbiano trovato pure un posticino a Micromega, dove scrive. E cioè la rivista dei Giro-Tonti.

Orpheus said...

Mia cara la tua penna sa essere squisitamente "perfida".
Hai descritto la contessina "sul pisello" come pochi avrebbero saputo fare.
Ho visto la sua pen(s)osa esibizione, il monologhetto con cui la contessina spera di "svegliare" le coscienze, quando tutt'al più riesce a farle addormentare, letteralmente.
E' noiosa, monocorde e si capisce lontano un miglio che legge scritti altrui, imparati a memoria come poesiole scolastiche.
Dubito che il suo adorabile cervellino riesca a formulare pensieri così "lunghi e complessi", abituato come dev'essere a domandarsi se le scarpe di Gucci, stanno bene con l'abitino di Prada e la borsettina di Fendi...
Scherzo ma non troppo.
In riferimento poi a quanto ha detto sull'arrivo in stazione centrale, mi giocherei la testa, che ad aspettare e portare a casa la contessina c'é un marcantonio di autista che le fa anche da guardia del corpo.
Altrimenti una bella biondina come lei, rischierebbe grosso.
Sempre che la contessina prenda il treno.
Perchè francamente ci credo poco che una Borromeo, viaggi in treno con la "plebe".
A parole sono così "democratici", di fatto, poi é gente che vive ben asserragliata nel proprio mondo elitario.
E non rinunciano ai privilegi del loro stato.
Comunque messi insieme, lei e Santoro, sono propria una bella coppia di ipocriti, ma non é una novità a sinistra l'ipocrisia é un "modus vivendi".
Ciao Mary

Nessie said...

Mary "squisitamente perfida" è un accostamento ossimorico che mi piace :-))).
Però anche il tuo "la Contessina sul pisello" non è male in fatto di perfidie sublimi :-D).
Ho scoperto su Intenet che è pure Pricipessa. Se fai la ricerca su google e cerchi Beatrice Borromeo principessa, ci sono molte voci che lo confermano. E lo confermò lei stessa da Chiambretti. Perciò, lo vedi? Non devi nemmeno cambiare la favola del pisello magico...
Il tuo pensiero sui treni e sul Marcantonio di autista al volante, lo ha fatto anche mio marito. Figuriamoci se quella ha bisogno di prendere treni con plebi.Tanto più che ormai prima e seconda classe si equivalgono.

Giano said...

La contessina ha anche un suo forum personale, che ha chiamato "Generazione zero", in bella evidenza sulla pagina "Community" della RAI (a spese nostre, naturalmente), non si sa bene a che titolo. Ovviamente è uno spazio in cui, col pretesto di dare voce ai frequentatori, si fa propaganda nel consueto stile dissimulatorio della sinistra. E io pago, direbbe Totò. Se siete di stomaco forte potete anche andare a leggere le farneticazioni rivoluzionarie in salsa proletaria degli ultimi dei Moicani.Gli stessi personaggi che frequentano quel forum li trovate, sono sempre loro, nel blog di Grillo ed in quello di Gad Lerner, nel forum dell'Unità ed in altri salotti virtuali. Sono quella strana specie umana che pare non aver beneficiato dell'evoluzione del pensiero. Sì, non sono mai stato convinto delle teorie di Darwin. L'esistenza di questa specie refrattaria a qualunque evoluzione ne è un esempio ed una conferma.

Mefisto said...

@ Giano
Bella questa, hehehe, pensa che sono sempre stato un Darwinista convinto, ma anch'io inizio a ricredermi, da quando "studio" i rossi, forse era Lamarck ad avere ragione sul collo delle giraffe...

marshall said...

Nessie,
il filmato su AnnoZero, da te proposto, messo in parallelo con il servizio fotografico da RoccoBarocco, sono una piena e convinta conferma alla mia affermazione precedente.

marshall said...

Nessie,
a proposito del tuo commento a Occidentale, mi sembra d'aver sentito la voce della Contessina in un servizio mandato in onda ieri su Tg3.
Siamo già a quel livello?????

Poi, di contro, scopro hobbiste che fanno del giornalismo ad alto livello - e tutto gratis - come una certa Francesca Maria Calvano da San Lucido (Cs). Costei avrebbe avrebbe avuto una parvenza di grande credibilità, nel programma di Santoro (ma è meglio se ce la teniamo noi).

Nessie said...

Giano, generazione zero? beh, nomen/omen.
Tra le altre cose (lo dico anche a Mefisto) la fanno pure passare per una portavoce del "disagio giovanile".

Marsh, passino le fiere delle Vanità delle sfilate di RoccoBarocco, ma quelle delle ipocrisie con tanto di travestimento dell'abbigliamento "finto povero" in trasmissione, sono ancora più fastidiose. Temo però che dopo la lettura (ancorché limitata a una trentina di lettori al massimo) di questo mio pezzo, la prossima puntata di Annozero rischi di avere un po' di audience in più. :-) .
Se non altro per farsi due ghignate sulla principessa-contessa proletaria.

Mefisto said...

Nessie, confesso che fin'ora non ho visto neanche una puntata di "anno zero". Solo qualche flash su Youtube con Sgarbi, e adesso (visto che insisti... hehehe), mi sono sciroppato il filmatino della sciacquetta scipita.
Non riesco a volerle male, fa pena, poverina, mentre non posso vedere quel viscido individuo di Santoro, con quella posa, quando mette le dita davanti alla bocca, come a voler dire "Mamma quanto sono intelligente, sto riflettendo profondamente, fatelo anche voi".
Per non parlare di Travaglio col suo sorrisetto perenne, quasi da ebefrenico.
Dite che sono la miglior propaganda per la destra, forse avete ragione, ma i meccanismi della propaganda / pubblicità / persuasione occulta non seguono itinerari logici.

marshall said...

Nessie,
altri trenta glieli procurerò io, grazie al pezzo che ho in mente di scrivere.
Non anticipo nulla per lasciare la suspence. Ovviamente, sarai tirata in ballo :-)

Zamax said...

Acciderbolina! Adesso ho capito perché c'è qualcuno che guarda ancora le trasmissioni di Santoro: è sempre il solito Fattore F. Cosa mi son perso in questi mesi ed anni!
Devo dire però che preferisco le Veline 'bbone a quelle politicamente corrette; almeno quelle non parlano.

Nessie said...

Stavo giusto dicendo a Josh nell'altro mio blog il Giardino delle Esperidi (link qui in calce) che nemmeno i maschi con nick mefistofelici, riescono a eguagliare la perfidia femminile. :-) E pensavo giusto a te che non riesci a prendertela con la sciacquetta scipita. Te la prendi però giustamente con Santoro. Ti dirò , a parte la rissa con Sgarbi e un pezzo di quando il povero Mastella fu costretto ad abbandonare la trasmissione per colpa del Gay Pride più spudorato ed esibito, neanch'io lo guardo mai. Mi è capitato questa chicca via Internet ( quell'Internet che ci riproduce in formato bonsai quanto vorremmo non vedere) e non potevo tacere della cosa.

Nessie said...

Okay, Marsh, allora aspetto fiduciosa. Spero ci sia da divertirsi.

Zamax, come ho detto poc'anzi a Mefisto, l'invadenza e l'intrusione mediatica è tale che se anche l'ignori, sono loro che non ignorano te. Nemmeno se andassimo a vivere in un'isola deserta. Più che il fattore F di cui parli sul tuo blog, mettila così: fattore YT. Come You tube. Io tubo, tu tubi :-)
Sulle veline bbbone ma zitte, ti capisco.

Lo PseudoSauro said...

"Tu vipera gentile"...

Mi stavo domandando... RAI3 e' in appalto a quella parte della sinistra che non e' piu' in parlamento, o sbaglio? E allora?

Povera ragazza... gia' avra' i suoi problemi con le tare ereditarie del casato.

Certo e' che una corte dei miracoli cosi' non s'era mai vista.

Nessie said...

Sauro, nel frattempo San Toro di "Servire il Pollo" è passato di grado da un pezzo. Non è più su Telekabul, ma Anno Zero va in onda su Rai 2 già da qualche annetto. E se dovessero mandarlo via come è successo in passato rischiamo di trovarci una Via, una Piazza, un museo, una scuola, dei giardini pubblici intitolati a lui e al suo martirio. Quindi non resta che tenerci lui, Travaglio e la Contessa-Principessa.
Hai poi visto l'inoppugnabile filmato? Pearls of wisdom.

Ti reclamano nel Jardin.

Lontana said...

Cara Nessie,
alla fine é una poveraccia, mi fa quasi pena...Le perdono la sua ipocrisia e la sua partecipazione a Anno Zero che guardo sempre religiosamente per i motivi che ha detto Bobo..
Piu' sono detestabili e piu' ci fanno vincere.
Le perdono di essere cosi' sciocca perché é molto giovane, troppo per fare quella parte ignobile, da "non nobile".., ma tutto quello che hai scritto é irrimediabilmente vero. Solo chi non ha mai preso un treno, rischiando anche di prendersi i pidocchi e di venire derubata, puo' dire quelle scemenze.
Se fossi sua madre mi vergognerei a morte per quel discorsetto del video e la manderei a lavorare come commessa di scarpe, chinarsi dinnanzi agli altri.
Altro che democrazia!
E resta lo stile tipico degli Agnelli, ma non quello del vero Agnelli, cioé il primo, quello che ha costruito la Fiat, che diceva a proposito di uno dei suoi parenti acquisiti nobilastri:
"Ma l'é 'n princip? Che fasa el princip!"

Nessie said...

Lonty, dato che non so il dialetto torinese vado a lume di naso con la traduzione: "Ma è un principe? E cosa fa il Principe?". Spero che sia questa..:-).
Con gli Agnelli la madamigella non è imparentata direttamente come la sorella Lavinia che ne ha sposato il rampollo, celebrando con fasto le nozze del secolo proprio all'Isola Bella. Gli invitati vennero in elicottero all'Isola Madre.
Sono quattro sorelle: due figlie di primo letto di tanto padre (il conte-principe Carlo Borromeo che si chiama come il suo prozìo).
E due (delle quali, lei) figlie di secondo letto tra Carlo Borromeo e Paola Marzotto, la figlia di quella Marta Marzotto a cui ho testé accennato.
Comunque sia, Agnelli sì, Agnelli no, lo stile è sempre quello di flirtare col rude popolaccio, mantenendo ben stretti i propri privilegi di blasone.

Mefisto said...

Cara Nessie, sono stato "dellà" a dare un'occhiatina... tu sei Hesperia vero ?
E mi hai definito "bonaccione" vero ?
Ma bravaaaaa... ma bravaaaa...

hehehe ;)

Nessie said...

S', Sono anche Hesperia.Come LOntana è l'amica Egle e come Mary è Aretusa.
Bonaccione in confronto a me, penso di sì ;-) eh, eh!
Ma non penso sia un'offesa. E non è nemmeno sinonimo di fessacchiotto, tanto per intenderci.

Lontana said...

Mi scuso e traduco:
"Ma é un Principe? E allora faccia il Principe!"
Nel senso di non venire a rompere dove si lavora sul serio. :-)

Anonymous said...

Complimenti per la lucidità, preziosa quanto rara di questi tempi. Ve ne rilasciamo un pò anche Noi, certi di essere fra Amici. HELMUT LEFTBUSTER - DVRA CRVX CENACVLI -
Beppe Grillo ha gettato la maschera: nella conformistica Italia, chi arringa le masse con un microfono in mano, difficilmente lo fa per equidistanza, né tampoco per francescana bontà (soprattutto quando anziché spogliarsi d'un saio, maneggia soldi, sposta voti e corrompe consensi!): a meno che non si tratti di Gesù in persona. Ma non crediamo Costui sia di nuovo qui tra noi così presto, tantomeno nei panni d'un bruttone, grasso e svociato strillone!
E' un Nostro tormentone quello seconndo il quale è troppo difficile esser davvero buoni perché davvero tutti quelli che voglion sembrarlo lo siano sul serio: infondo la condanna dell'Ipocrisia è uno dei capisaldi della missione di DVRA CRVX; e quindi eccoCi a scrivere dell'odiato argomento.
Ebbene, con la Sinistra al governo, i soliti tristi imbonitori ed ideologizzati scodinzolatori della finta protesta erano costretti a metter la sordina, friggendo e facendo la fame: non potevano prendersela troppo con l'opposizione di destra poiché non sarebbe stata protesta democratica (ed infatti sovente lo han fatto lo stesso dato che democratici son molto poco..), ed al contempo eran costretti a menar fendenti sul fianco (pardon..forchettate sulle chiappe..) ai loro beniamini e finanziatori, un po' come avviene negli incontri di wrestling ove i lottatori, per dare spettacolo, devono far finta di picchiarsi ed odiarsi senza in realtà farsi alcun male, anzi, andandosene dopo l'incontro a brindare assieme alla grande presa per il culo appena perpetrata ai danni di chi ha pagato il biglietto per vederli.
Finalmente, ora che la Sinistra al governo ha tirato le cuoia, i suoi soliti "wrestlers" possono tornare ad abbaiare a piene mascelle: il viscido e salivoso Santoro, il feroce Vauro (con i Nostri occhi scovato a sorseggiare vino costosissimo in calice di cristallo fuori ad un noto locale romano per l'occasione riservato alla sua cricca...), il professorino Travaglio, (così amabile nel non guardare mai in faccia l'avversario durante i suoi isterici scontri dialettici), insomma tutti coloro che per non anchilosarsi la lingua, negli ultimi due anni son stati costretti a far finta di usarla in modo bipartisan attaccando comunque chi era al governo, anche se di sinistra. Ma volete mettere il gusto di sparare davvero, rispetto a quello di farlo a salve?! Così, dopo la debacle nazionale della Sinistra, e ora, dopo la sudata vittoria di Alemanno a Roma, ecco la riscossa di Santoro & C., pronti con le loro "Bella ciao", le loro imprecazioni antigovernative (con Berlusca al governo sì che è giusto imprecare!!) in una delle solite puntate-crociata ove Beppe Grillo, nuovo santone della protesta italiana, finora rimasto apparentemente equidistante da entrambi gli schieramenti per non destare i soliti sospetti antiberlusconiani, getta finalmente la maschera esibendosi in prima persona (seppur solo attraverso filmati pre-registrati) nel solito show monografico votato all'indefessa acclamazione dei propri accoliti, alla forzosa e violenta conversione degli isolati, e, naturalmente alla spietata fustigazione degli infedeli...SENZA IL MINIMO CONTRADDITTORIO, che mai concederebbe chi del resto ritiene di possedere la verita' assoluta semplicemente lanciando accuse e sbraitando nomi di presunti mafiosi e corrotti SENZA MAI PROPORRE SOLUZIONI CONCRETE.
Così, quanti avevano sperato in un libero apostolo della lucidità, della libertà, dell'equidistanza e della a-politica, hanno dovuto ricredersi; del resto, recentemente, già i Radicali, schierandosi con la sinistra alle elezioni, avevano gettato la maschera sulla loro reale natura e sulla fine che in Italia fanno quelle forze di pensiero che agognano al potere mediatico e culturale, senza pagare il dazio alla sinistra ed alle sue dittatoriali conventicole: vorrè dire che ncora una volta sapremo far tesoro di tali tristi rilievi...
P.S. Ma davvero è ipotizzabile ritenere che chi ha la titolarità di programmi nazionali su emittenti pubbliche possa rimanere del tutto "s-colluso" ed immacolato rispetto a servilismi ed agganci col potere, solo perché di sinistra?! HELMUT LEFTBUSTER

contatti : myspace.com/dvracrvxcenacvli
mail : dvracrvx_cenacvli@yahoo.it

Anonymous said...

Ma sbaglio o oramai essere di sinistra è diventato un fatto d'elite?

Nessie said...

Altroché! E' da quel dì che gauche c'est chic!