15 January 2008

L'Università dell'Insipienza e del dogma comunista

Ieri sera ho visto in tv, una ragazzina (studentessa universitaria de La Sapienza) che diceva: "Siamo scienziati e non vogliamo sentir parlare di religione". Siamo a posto. Con scienziati così, è il caso di dire "Io, speriamo che me la cavo", proprio come quel tal maestro elementare. Ultimamente non parlo più di fondamentalismo islamico. E lo sapete il perchè? Perché ce n'è già tanto a casa nostra che non sappiamo più dove girarci. C'è l'ecofondamentalismo dei vari Pecorari che impediscono a una città di dotarsi di attrezzature di smaltimento rifiuti; c'è un fondamentalismo scientista e ateista delle vecchie streghe alla Hack; c'è un fondamentalismo laicista e anticlericale che imperversa nelle piazze e per gli atenei. Mentre scrivo non so ancora se la vergognosa raccolta di firme contro il Papa, diventerà la nuova Ratisbona sotto gli occhi dei media universali. Ultimamente, siamo i primi in classifica nel far parlare male di noi. E di questo non c'è di che menar vanto.

So solo che è già stata lanciata la "secolare" fatwa anti-Benedetto, da parte di un gruppo di 67 intellettuali a delinquere. Che gli Atenei universitari sono da data immemorabile, scuole di teppismo e di indottrinamento ideologico, quasi come le moschee. Che la "meglio gioventù" che vi pullula all'interno, non ha mai rinunciato all'eskimo, alle spranghe e alle kefie. E ora, in qualità di docenti-cattivi maestri, è riuscita a trascinare con sé anche un codazzo di studenti senza cervello. Che La Sapienza è stata l'università in cui è stato malmenato e spintonato lo storico liberale Renzo De Felice di origine ebrea (chiamato gentilmente "fascista" da questa teppaglia). Il quale dovette umiliarsi a tenere lezione piantonato dalla Polizia, poveretto. Tra i facinorosi d'allora, l'attuale parlamentare verde Paolo Cento detto er Piotta insciarpettato di kefiah, dal cui sguardo si sprigionano le tenebre della più cupa vacuità mentale. Intanto assistiamo allo stracco copione degli striscioni scritti con la bomboletta rossa "Università occupata","Rettorato occupato", ai soliti ta-tze-bao per analfabeti che durano da 40 anni a questa parte, ecc.

Beh, consoliamoci così: prima o poi ci sarà qualche "pentito" o "dissociato" rosso dell'ultima ora che, diventando sindaco di Roma, potrebbe intitolare una piazza, o un giardino o una via a "Benedetto XVI alias prof. Joseph Ratzinger". Dopo morto, naturalmente. E magari trent'anni dopo, com' è nel costume comunista.
Qui si stanno impiccando con le loro mani all'albero dell'Università dell'Insipienza, con tanto di Ottusità e di Oscurantismo al potere.
NB: chi volesse manifestare il proprio sdegno in relazione al grave fatto avvenuto a La Sapienza clicchi questo appello di Magdi Allam e invii una email all'indirizzo indicato e con le modalità preposte. Potete farlo scrivendo all'indirizzo email iostoconilpapa@magdiallam.it , specificando nome, cognome professione, nonché motivi dell'adesione. Partecipate numerosi. Grazie.

83 comments:

eudora said...

Ciao Nessie.
Io ha ripreso gli studi di Fisica(a MI) e ci tengo a dire che non vedo alcuna differenza tra quei 67professori (?) ed i caproni analfabeti che hanno fatto tutto quel casino a causa della Lectio Magistralis di Ratisbona.

Orpheus said...

Ho appena letto che il Papa ha rinunciato...che vergogna Nessie davanti al mondo!!!
Quanto a quei quattro falliti, che si credono grandi illuminati, dovrebbero dare una ripassatina a Voltaire, invece di infarcirsi e infarcire la testa ai quei teppisti che chiamano studenti, con dogmi degni di Stalin...
Questo paese é pieno d'immondizia e non mi riferisco solo a quella napoletana.
Ciao Mary

Massimo said...

Il Papa ha rinunciato alla visita alal Sapiena. Peccato. Personalmente credo sia stato malamente consigliato dalla solita ovattata curia romana. Invece avremmo bisogno di un Pontefice guerriero, circondato da cardinali della tavola rotonda per ribaltare un pessimo andazzo messo in luce dai docenti (sic !) della sapienza.

marco50 said...

questi insegnanti e questi studenti bisogna incominciare a chiamarli con il loro vero nome:
Fascisti!
Poi, invece di permettergli di dire cialtronate, mandarli tutti a lavorare in fonderia, così cominciano a "scendere dal pero" e capire che la vita e fatta di fatica ,sofferenza e tolleranza.
Questa gentaglia è dal 68 che rompe i coglioni e offende. BASTA!

Nessie said...

Ciao Eudora, è quel che ho scritto anch'io. Tant'è vero che è un po' che non parlo di talebani: ce ne sono già tanti born in Italy!
Certo che è pieno di immondizia,
Mary. E non ci si evolve di un millimetro. Anche questa storia finirà sotto i riflettori del mondo intero e a qualcuno farà pure comodo, intimidire un Papa.

Massimo, anch'io ritengo sia stato malamente consigliato da quella diplomazia vaticana troppo impaludata e avrei voluto come te, un POntefice guerriero. Ma , come diceva quel Tale, quante legioni ha il Papa?

Cittadino perplesso said...

Il bello è che si autoetichettano anche "democratici", etichetta quanto mai inappropriata, se consideriamo che una minoranza sparuta, quasi inesistente, riesce a calpestare una maggioranza, magari pretendendo di aver schiacciato quella che una mia ex insegnante (de cuyo nombre no quiero acordarme, direbbe Cervantes), in un contesto analogo (quello in cui si discuteva la rimozione o meno dei simboli religiosi dai luoghi pubblici), definiva "tirannia della maggioranza". Bella tirannia davvero, quella di una maggioranza che viene schiacciata ed umiliata!
Preferisco non dire altro, se no rischio di cadere nelle scurrilità.

Scarthorse said...

Cara Nessie mi è piaciuto come al solito il tuo post. Però non so più se è rabbia o amarezza per questo susseguirsi di gesti violenti, prepotenti, vili, meschini che non si distinguono da altri gesti della stessa risma di anni terribili e di dittature terribili.
E' in atto un attacco al cattolicesimo ma anche alla nostra libertà.
La stessa schiatta che è capace di di compiere queste turpitudini in anni passati ha applaudito entusiasta anche i massacri di Pol Pot e Mao e prima ancora le foibe e quelli di Stalin. E con tutta evidenza sono disposti a continuare.

Nessie said...

Cittadino, di fronte a soprusi come questi , chi non vorrebbe aprire il dizionario delle parolacce? Il bello che un'impiccatore di donne come Ahmadinejad riceve tutti gli onori dalla Columbia University.

Scart, anch'io francamente comincio a pensare che le coincidenze siano già troppe e che si passi nel più breve tempo, da un'emergenza all'altra: dai camionisti, alla rumenta; e da questa all'altra spazzatura, quella che si annida nell'Università e che non riusciamo a estirpare da 40 anni! Al solito Prodi e lo sgusciante topaccio Amato hanno fatto una figura di me....a.
Ma come si fa a dire, che la sicurezza sarebbe stata garantita?
E chi se ne frega della sicurezza?
E' chiaro che qui il problema è quello dell'ACCOGLIENZA. Delinquenti e somari: lui e il ratt-Amato.

paoletto said...

Nessie sto terminando di leggere il libro di B. Caprotti,
voi direte che nulla centra e invece il sistema e' sempre lo stesso, dall'economia al diritto di parola.
Si autodefiniscono democratici proprio per mascherare l'avversione per la liberta', cosi come si definiscono liberali solo per mascherare i favori alle coop fatti passare come liberalizzazioni.
Accusare l'avversario dei propri misfatti e' sempre stato il fiore all'occhiello della sinistra, un sistema che finora ha pagato tanto, fino a far diventare lo yacth il nuovo simbolo del progressismo. Giusto per togliersi questa puzza sotto il naso occorreva aprire un nuovo fronte, un nuovo nemico del popolo da affiancare a Berlusconi. Un nuovo soggetto contro cui riversare quell'odio che deve contradistinguere un bravo militonto, sempre pronto a combattere per il lusso e l'agio del capo, fino ad arrivare al "non capisco ma mi adeguo" che segna il raggiungimento del percorso "ascetico" iniziato nelle madrasse di partito.
Amen

Nessie said...

Paoletto, in pochi minuti che ho pubblicato il post, son fioccati numerosi commenti. Segno evidente, che la misura è arcicolma. Domani sera Giuliano Ferrara terrà un sit-in laico a difesa del Papa. Andate intanto a leggere tutti sul blog di Giorgio Israel http://gisrael.blogpsot.com/
che, indignato, ha lanciato il suo "j'accuse" in difesa di Ratzinger e che, come professore di matematica a La Sapienza, deve subire la dittatura delle più ottuse e retrograde minoranze. Tra i colleghi, come tra gli studenti.

Lontana said...

Vado subito a leggere anche quel link, ma volevo solo dirti questo:
il titolo del servizio di radio-canada era:
Benôit XVI persona non grata...

E le figuracce continuano..

Anonymous said...

Vengo dalla lettura del Foglio di oggi, ti puoi immaginare; l'articolo in prima "Vergogna,sentimento laico" la dice tutta circa il pensiero di Ferrara.

In metro' una signora, molto in la' con gli annni, mi ha detto "Che paura puo' fare la parola di un Papa?", avevo solo parolacce per rispondere quindi ho taciuto.
Non so se sono piu' incazzata o piu' sgomenta.

Aggiungo che i trentacinquenni romani analfabeti e di pensiero grossolano,con cui devo lavorare,la maggior parte di loro sono laureati alla Sapienza. Quando leggo le loro email piu' lunghe di 5 righe, stramazzo. Non e' neanche colpa loro,con siffatti maestri.

Stella

Anonymous said...

Che vergogna, che schifo.
stefania

Nessie said...

Sì Stefania, vergogna, riprovazione e schifo, perché pensavamo di essere a Roma e non a Beirut con gli Hezbollah.

Lonty, però la classe intellettuale e il corpo accademico che non si identifica in queste iniziative dovrebbe FARE di più per smarcarsi. Non è più concepibile che 67 pezzenti miserabili tengano in scacco un intero Ateneo.

Stella, l'anno 2008 non sta iniziando affatto bene e dopo la Monnezzopoli napoletana ne vedremo ancora delle belle. In fondo è stata Monnezzopoli alla romana anche questa. Io però, avrei fatto suonare le campane per tutta la città.

aziz said...

Benedetto XVI,in seguito alle proteste degli ultimi giorni,rinuncia alla visita alla Sapienza di Roma.
Per la CEI,che ha diramato un comunicato durante le pause del festival della lapidazione di Montevarchi, il Papa è vittima di un’ondata di intolleranza guidata da menti antidemocratiche che rifuggono il dialogo e il confronto. Tremonti cita Voltaire, mentre al suo fianco Elio Vito cerca in tutti i modi di sembrare normale;Casini disdice una partita di strip poker a casa di Claudia Koll per urlare in Parlamento la sua rabbia contro i contestatori del Santo Padre; Berlusconi si vergogna di essere italiano e si dice sicuro del fatto che Ronaldo,Pato e Kakà possano convivere. Il giornalismo, salvo le solite poche voci libere, ha farneticato sull’episodio snocciolando termini catastrofici e apocalittici che non si udivano dai tempi della separazione di Al Bano e Romina. La verità, banale e lapalissiana, è che Benedetto XVI ha deciso spontaneamente di non recarsi in visita alla Sapienza non per problemi di ordine publico,ma perché sarebbe stato contestato a suon di pernacchie da una buona fetta di studenti. Un gesto scaltro il suo,da vero statista.
Evocata durante una seduta spiritica Oriana Fallaci ha chiesto di bombardare le mutande di Boselli.
In seguito all’episodio è in forse la partecipazione di monsignor Bagnasco alla prossima edizione dell’Isola dei Famosi.
Il cardinal Ruini ha deciso di non prendere più parte al tour con i Megadeth.
Il Papa non va più alla “Sapienza” di Roma, ma visiterà le aule dei corsi serali del CEPU di Brindisi.

Anonymous said...

Intanto hanno messo la moglie di Mastella ai domiciliari e lui si e' dimesso. Purtroppo il governo non cadra' per questo.

Stella

Nessie said...

Esiste la moderazione dei commenti. E normalmente i commenti che ritengo inutilmente blasfemi e idioti non li pubblico. E nemmeno quelli privi di un vero account. Ho fatto eccezione per questo Aziz (nick arabo), per dimostrare che se andassi in un sito islamico a fare un commento simile, mi sarei già trovato un kamikaze sotto casa. A quanto pare si può pigliare a calci solo il Cristianesimo e il Vaticano.

Nessie said...

Sì ho letto Stella. Ma con l'ennesima trista (che è più che triste) figura che ci ha già fatto Prodi e il ratt-Amato anche in relazione a questa vicenda, sono già virtualmente dei dead men walking, come governo.

Alessandro said...

La curiosità mi ha spinto a volermi informare chi siano le "menti illuminate" dietro questo linciaggio a-culturale. Menti che prendono come fonte storica su Galileo il film di Liliana Cavani, menti che strombazzano un "dialogo" impedendo all'interlocutore di parlare e via disgustando.
Ho trovato su ANSA.it (il link è cliccabile e rimanda all'articolo in questione)il nome del portavoce della "Rete", ovvero l'organizzazione che ha occupato il rettorato della sua facolta: Francesco Raparelli.
Una semplicissima ricerca su GOOGLE mi ha permesso di recuperare alcuni suoi dati (recuperabili qui): Francesco Raparelli, 27 anni, quasi dottore in Filosofia, «ricercatore sociale», articolista sul «Manifesto» e su vari siti web.
27 anni e "quasi dottore" in filosofia? Facciamo un po' di conti... E' nato nel 1980, quindi si è iscritto ad un CdL vecchio ordinamento, in specifico un corso di laurea (filosofia) della durata di 4 anni. In conclusione il nostro amico è 4 anni fuori corso. E si permette di criticare uno dei più grandi intellettuali viventi... Suvvia, un po' di umiltà non guasterebbe.
Non si preoccupi l'amico Raparelli, anche se è fuori corso in uno dei corsi di laurea con il più alto tasso di disoccupazione post lauream: ha già il posto di lavoro assicurato.

PS: il link ANSA è stato modificato...

Ho scritto il medesimo commento anche sul blog di Giorgio Israel... mi dispiace, ho poca fantasia!

Anonymous said...

Mi meraveglia notare, no non mi meraviglio, che questi cosidetti intellettuali abbiano il coraggio (se coraggio voglio chiamarlo) di mettere alla porta un Papa.
Come mai non dimostrano sdegno contro il d`Alemmah per dirne uno?
La codardia miei signori!
mytwocents

cuorenero said...

Marco 50 ti prego un nome già ce l'hanno: Komunisti!!!
L'imbelle e cialtrona occupazione del potere per 45 anni di voi "democristiani" gli ha permesso di proliferare e di occupare ed infestare le università. I fascisti, in senso storico, hanno altre gravi responsabilità, non certo questa.
I fascisti (se intendi quelle migliaia di giovani che da destra hanno cercato di contrastare l'egemonia politica e kulturale dei comunisti) mentre voi vi turavate il naso, come vi ordinava il grande Liberista (lontano dalla mia visione del mondo, ma persona per la quale provo grande deferenza), e votavate moderato, lasciavano il loro sangue, le lacrime delle madri, i loro anni migliori, sui gradini della facoltà di scienze politiche, dentro le aule di lettere.
Accusatemi di tutto, cercherò di difendermi motivando ciò che sono stato, se ho sbagliato punitemi, ho imparato ad assumermi le mie responsabilità, se non vi piaccio non rivolgetemi la parola, isolatemi, non fa nulla, ho i miei amici, la mia storia mi terrà compagnia! Ma non umiliate il mio Onore, gicchè è per Onore che ho fatto quel che ho fatto. Onore del mio Dio della mia Patria, Onore della mia Comunità Nazionale, Onore della mia famiglia di me stesso e della mia generazione! Non merito di essere accomunato a gente senza onore!
Non voglio il tuo grazie, non cerco l'approvazione, oggi non sono neanche più certo di aver fatto sempre bene. Ma allora ci credevo, allora mi ci hanno costretto. L'ignavia liberal-democratica, l'arroganza Komunista. Ho fatto tanti sbagli, ma non puoi usarli per accomunarmi a costoro. Marco hanno già i loro nomi, chiamali con quelli: comunisti, cattocomunisti, giacobini, scientisti, pacifisti..........
Lascia che io risponda dei miei peccati e non dei loro.

Aziz, brutto imbecille, se voi avesse un decimo dei giovani che ha il papa, questa nostra povera Italia sarebbe nel caos. Li conosco i figli di papà a cui sarebbe piaciuto coprire di pernacchie il papa, non sono poi così diversi da quelli della mia generazione, attaccano quando sono in branco, la dittatura del numero li rende coraggiosi, i soldi e l'avvocato di papà li tirano fuori dai guai, la stampa li dipinge come eroi, roba che persino i pedofili hanno più coerenza e dignità.

Nessie, le legioni ci sono, se si marcia per la libertà, le legioni si costituiscono immediatamente. Bravo Benedetto XVI, se ti contestano loro vuol dire che la strada è quella giusta.
Massimo, non sono cattolico, ma anch'io spero che il Papa ci ripensi, che vada all'università a portare la parola di Dio contro il materialismo dell'uomo.
Allora anche noi, come genti diverse che viaggiano su un'unica carovana, quella dello spirito, anche noi che la notte del 21 dicembre la passiamo intorno ad un fuoco sulla fredda cima di una montagna, anche noi ci uniremo alle sue legioni!
Il sole è ogni dì sulla notte vittorioso, la primavera che infiora le viole vince ogni anno l'inverno piovoso.

Nessie said...

Grazie Alessandro, lo avevo già letto, ma hai fatto bene a riportarlo qui.
Mytwocents, la verità è che nei nostri atenei i fondamentalisti islamici sono sempre stati ben accetti per le loro conferenze intrise di dissimulazione. Vedi il caso di Tariq Ramadan. Aderirò senz'altro all'appello di Magdi Allam e potete farlo tutti voi all'indirizzo email : iostoconilpapa@magdiallam.it
specificando nome, cognome e professione.

Anonymous said...

Grazie Nessie, hugs mytwocents

Luca said...

Nessie, sono perfettamente d'accordo. Mi sono permesso, per questo motivo, di linkarti nel mio post sull'argomento..

Credo, ad ogni modo, che quei 4 sessantottini irriducibili, che non sono nemmeno in grado di leggere le citazioni per quello che sono, si siano persi un'occasione irripetibile di confrontarsi con un grande pensatore del '900. Non era necessario trovarcisi d'accordo, ma credo che avrebbero dovuto ricordare (loro che non riconoscono nel Papa un'autorità ecclesiastica) che prima di essere pontefice, Benedetto XVI è stato un professore e un teologo di fama mondiale.
E loro non sono nemmeno in grado di reggere un dialogo alla sua presenza? C'è davvero qualcosa che non va, mi pare...

Buona giornata.
Luca.

Ps: certo che si sentiva la mancanza di interventi di individui com Aziz.. Non sapevo come fare per andare avanti... ;D

Nessie said...

Luca, mille grazie, ora vengo a leggerti.
Mytwocents, ho aggiornato il posting mettendo bene in evidenza il link del sito di Magdi (con l'appello) e l'email per inviare le adesioni. Grazie a te. Hugs.

Nessie said...

Carlo, lascia i provocatori perdere dai...i ragli dell'asino non raggiungono il cielo. Dammi, piuttosto, una mano a firmare l'appello di Magdi Allam che troverai nel post con tanto di link. Ciao.

Bobo said...

Questo è stato uno scandalo di proporzioni enormi, un vero e proprio attentato alla Libertà. Le vere voci libere sono quelle, come la tua, che si oppongono al laicismo dominante!

Nessie said...

Bobo, e anche Marco50 a cui non avevo risposto: di tutte le gravi crisi e le numerose emergernze che stiamo attraversando, questa è di gran lunga la più sbalorditiva. Ora però ci vuole una risposta molto molto forte. Lasciare le università in mano a questi minus habentes significa per una nazione , rinunciare ad avere un futuro.

vincenzillo said...

Per chi vuole capire meglio segnalo il bell'editoriale di Ezio Mauro di oggi su Repubblica (in attesa delle frattaglie che sicuramente arriveranno da Scalfari ben presto per "bilanciare").
http://www.repubblica.it/2008/01/sezioni/esteri/benedettoxvi-19/idea-malata/idea-malata.html

Condivido la sua idea che questa assoluta incapacità di dialogare non sia frutto del dogma cattolico in sé e per sé, ma casomai del rapporto difficile tra un'istituzione cattolica, la CEI, e gran parte dei laici. Rapporto reso tanto difficile anche dall'assenza di una Repubblica Italiana intesa come istituzione civile capace di accogliere in sé entrambe le parti. Istituzioni cattoliche e laiche, idee cattoliche e laiche.

Detto questo, anche dopo la pacata analisi rimane lo sdegno più sanguigno: il pattume intellettuale e morale che oggi festeggia una "vittoria del libero pensiero sul dogma" è uno schifo inaccettabile.

Bennauro said...

E questi barbari moderni, vergogna dell'Italia, si chiamano (ovvio...tra di loro) "scienziati"!!!
Ahahaha...magari in inglese sanno solo dire "I love you" e non hanno mai aperto una rivista o giornale scientifico in lingua inglese!
"Scienziati"...!
Questi a Oxbridge non li vogliono nemmeno per pulire i cessi!
"Scienziati"...ahaha...!!!
Ma lo sai che la loro insipienza m'ha messo di buon umore?
Se questi sono "scienziati" (italiani) allora molti di noi potranno candidarsi al Nobel!
No...dai...per favore, fammelo scrivere un'altra volta e me ne vado: SCIENZIATI!!! AHAHAH...AHAHAH
Povera Italia...

Nessie said...

OT per Paoletto sulle cooperative rosse è già giunto un monito della Ue. Leggi qui: http://etleboro.blogspot.com/search/label/cooperative

Vincenzillo e Bennauro: il pattume intellettuale e "scientifico" presidia i nostri atenei da data immemorabile. Tant'è vero che alcune cattedre sono un vero e proprio "uso capione", con relativo codazzo di assistenti lecchini e di studenti col cervello all'ammasso.

Scarthorse said...

Non lasciamoci ingannare, il gruppo di persone che ha voluto impedire al Papa di parlare è però semplicemente la punta di un iceberg; i salottoni e le redazioni radicl-chic politicamente corrette (e i consigli di amministrazione che detengono i cordoni della borsa) pullulano di questi personaggi. Ieri Radio 24 di Confindustria nel dare la notizia della rinuncia del Papa, non senza compiacimento, ha prontamente dato la parola, senza contraddittorio a un esponente dei 67. Subito dopo con altrettanto compiacimento ha dato la notizia che in Francia le unioni non matrimoniali hanno superato quelle dei matrimoni. In pratica i suddetti signori accettano solo quella parte della Chiesa che è conforme ai loro interessi ed è perfettamente allineata con il conformismo del politicamente corretto ora imperante per legge.
L'attacco al cattolico va di gran moda su tutti i fronti da Dan Brown al parlamento della UE' senza trascurare il sempre presente e ligio mondo dello spettacolo e giullari vari.

paoletto said...

Nessie, grazie per il link, speriamo che almeno una volta la Commisione serva a qualcosa anche se dubito che i parassiti al governo si stacchino facilmente dalla pianta.
Una delle prime cose da fare per il prossimo governo di Cdx sara' proprio mettere mano alla normativa sulla cooperazione.
Sarebbe doveroso ricordare ai compagni di merendine alla coop che esiste anche un'altro fenomeno altrettanto odioso che si chiama elusione, che pare pero' non interessarli, chissa perche'?

nuovopatriota said...

Fottuti rossi convertiti all'Islam! Possibile che il papato non comprenda che siamo prossimi alle Nuove Crociate?? Finanziatemi!
SPADA ALZATA!

+nuovopatriota+
[mai domi! il vero patriota è irriducibile!]

marnie4 said...

Nessie,
In merito all’argomento riporto qui il mio commento fatto su altro blog: Sentiamo cosa in merito ha scritto ieri nel suo blog il cattedratico Prof. Giorgio ISRAEL, Matematico dell’Università della Sapienza di Roma:
“COME MAI IN SOLI DUECENTO? Come mai un gruppo di 67 docenti che scrivono un documento da pezzenti capitanati da un “cattivo maestro” che scrive un documento ideologico pieno di assurdità, assieme a un centinaio di esagitati riescono a impedire al Papa di venire all’università? Come mai circa duecento persone riescono a far fare una figura di merda a un intero paese? Volete una risposta? La do raccontando un piccolo episodio. A un collega - docente illustre, anziano e rispettato - ho detto che trovavo delirante che negli USA la Columbia University avesse invitato un delinquente patentato (negatore della Shoah, programmatore della distruzione di uno stato membro dell’ONU) come Ahmadinejad e in Italia l’università La Sapienza non riuscisse a invitare una persona rispettabile come Benedetto XVI. Sapete cosa ha risposto? Che Ahmadinejad non è pericoloso per gli Stati Uniti quanto lo è il Papa per l’Italia… Questa è l’acqua demente in cui nuotano quei duecento fanatici. Ed ecco perché viviamo in un clima così mefitico, che ha indotto (giustamente) il Papa a rinunciare. Ha detto bene Cossiga: questa è la grande vittoria del grande popolo dell’Unione. Ma forse è una gran vittoria di Pirro.”
Questi sono i fatti, brevi e concreti. Tutto Il resto è fuffa.
A tutti i contestatari chiedo, lo sapete che l’Università della Sapienza fu fondata nel 1300 da un Papa? Lo so che a voi non ve ne frega niente. Eppoi, quell’Università è cosa pubblica, non privata. Ma tant’è, i prepotenti s’impossessano di tutto quanto garba loro. Alla faccia dei limiti, della decenza e della ragionevolezza. Già. La RAGIONE! Forse hanno fatto tutto questo casino proprio per sottrarsi al confronto con UN VERO UOMO DI CULTURA. Sapendo o temendo di non poter reggere il dialogo e il confronto sulla RAGIONE, che non è la ragione… del pensiero debole, di cui sono intrisi tutti quegli intolleranti, hanno preso la via più comoda della protesta e dei pretesti. Così fanno sempre.
Avviso agli intolleranti: questo non è un episodio che dopo 3 o 4 giorni si dimentica. Nossignori. Non andrà così. La Storia e il Mondo lo ricorderà e vi darà torto nei secoli dei secoli.

Occidentale said...

Cara Nessie,
è stato un frettoloso ma piacevole lunch quello di oggi(sia pure un po' amareggiato dall'ennesima bufera abbattutasi sul governo- che però non molla né mollerà:mi sembra di vedere Prodi che affonda con i suoi come il capitano con la sua nave-con la faccenda di Mastella e delle sue dimissioni più volte minacciate, presentate ma mai accettate).
Di rigore oggi non occuparci dell'immondizia campana ma di quella intellettual-romana:il veto al Papa.
Io pur essendo da sempre irreligioso, trovo sempre più simpatici i cattolici coerenti e autorevoli- e papa Ratzinger certamente lo è, come pontefice e come teologo-specialmente quando li so vessati da questi dementi veterocomunisti, anticlericali da saldi di fine stagione, "democratici" quando proclamano le loro verità e tappano la bocca a chiunque professi idee diverse dalle loro...
Ormai siamo al primo posto nella graduatoria mondiale per le figuracce che quotidianamente testimoniano la nostra inarrestabile caduta di stile, sul piano politico, ecologico (Napoli con la sua spazzatura attira ratti e non turisti)e adesso anche "intellettuale".Certo che un'università che si chiama La Sapienza da centinaia di anni, e che prima invita un illustre visiting lecturer per poi boicottarlo a causa di una minoranza di talebani-professori con il software WindowsExcommunist installato nel cervello e studenti fuori corso e fuori Storia che si esaltano con il loro ostracismo(come quel piromane dell'antichità che era fiero di passare alla storia per aver dato fuoco a un tempio greco)scambiando il loro scombussolamento ormonale per amore della scienza e della laicità.Ferrara ha detto cose egregie sull'argomento stasera, intervistato a Porta a Porta.
Che un'Università neghi il diritto alla parola a un dotto visitatore è inaccettabile già nella sua etimologia:va bene che l'Italia è la terra dove la prima religione di stato è il calcio, ma applicare le stesse regole che vigono nei vari bar dello Sport, dove si è ammessi solo se simpatizzanti di una squadra e non di un'altra, è davvero il colmo dell'idiozia.
Ecco, la Sapienza ha smentito se stessa declassandosi a circolo esclusivo di tifosi di una sola squadra!
Siamo lontani anni luce dalla tolleranza illuminata di Santa Oriana (l'atea cristiana che noi tutti veneriamo qui nel tuo Loch).
L'ho fatta lunga...ma i massmedia la faranno ancora più lunga nei prossimi giorni.
Io spero soltanto ( e so di appellarmi all'ultimissima dea)che giorno dopo giorno, scandalo dopo scandalo, questo osceno governo cada e che Prodi, quella babbea della Turco-per citare due nomi che mi vengono in mente- e anche ...Amato vada a farsi RATTAmare...

Nessie said...

Patriota sei sempre....icastico :-), ma il tuo sdegno è comprensibile.
Marnie, passo spesso a leggere nel sito del prof. Israel e conosco bene la storiella dell'amico americano e di Ahmadinejad.
Giusto ricordare che gli Atenei d'Italia e d'Europa, nacquero per l'appunto come invenzioni e istituzioni cristiane. Ma abbiamo talmente smarrito le nostre radici che, nemmeno più ce ne rendiamo conto. E la teppaglia rossa se ne impossessa trasformandola in...discariche.

Nessie said...

Scart, a proposito di giullari, stasera c'era quel penoso Pannella da Vespa che cercava di dare sulla voce a Mons. Fisichella. Che povero vecchio pazzo alzheimeriano è diventato! Ha un sogno : diventare Papa laico, lui. Per questo ce l'ha tanto col POntefice!
Sì, è vero da Dan Brown in su è di gran moda il dàgli al cristiano.

Occidentale, l'incontro a colazione è stato piacevole.Però sono arrivata a casa infreddolita e in mezzo ai fiocchi di neve.
Stasera in tv trasmettono il Gotha degli scienziati "sapienti" che hanno impedito l'accesso al Papa: te li raccomando. Vecchi sclerotici da Pio Albergo Trivulzio, arroccati sui loro dogmi. Ci hanno fatto una ben meschina figura davanti al rettore Fisichella dell'Università del Laterano, che non ha mai smarrito il suo severo aplomb. Però è stato duro e li ha messi in difficoltà: ci voleva. E' stata un'altra "tristaccia" per la nostra "intelligentzia" rossa.
Sì, è vero passiamo dalla discarica campana a quella romana.

Lo PseudoSauro said...

Qual'e' stato l'ultimo "cervello" uscito da quel centro sociale che e' diventata la sapienza?

Macche' "fascisti"... questa e' pura "democrazia", con tanto di collettivi e tutto il resto in perfetto stile comunista.
collettivo = comunismo
il fascismo funzionava in un altro modo e nelle universita' si studiava ancora.

Che vuoi firmare appelli, cara Nessie... non ne abbiamo firmati gia' abbastanza? E che e' cambiato?Ormai bisogna votare con il fucile. Via tutti, tabula rasa. Per quanto ce lo lascera' fare la "comunita' internazionale".

Lo PseudoSauro said...

Marnie: il prof. Israel e' una bravissima persona, ma sei sicura che per i suoi correligionari il Papa non sia un nemico? Non mi risulta che in Israele i cristiani abbiano trovato il paradiso in terra... dai luoghi sacri sono ormai pressoche' scomparsi. Evidentemente qualcosa e' cambiato dopo il '48 e qui i "palestinesi" c'entrano poco in quanto c'erano anche prima. La saggezza popolare dice "dagli amici mi guardi iddio..."

Anonymous said...

Ah, ma Nessie e Occidentale si incontrano a pranzo? :-)

Ne ho visto un pezzo,ieri sera,dello sconcio, c'era Vespa incazzato ed imbelvito per il veto al Papa, Pannella pareva andato fuori di zucca,aveva la bava alla bocca e Buttiglione e' stato all'altezza. Fisichella un fuoriclasse.
Il problema e' che dopo 50 minuti di cotanta strafottenza,di abissale ignoranza e di schifosa intransigenza vestita da "sapere" di gente che ha passato gli 80 e qualcosa della vita dovrebbe aver capito invece e' incarognita, una deve prendersi un Lexotan, maledirli e spegnere tutto.

Stella

Deco said...

Cara Nessie, ho visto anch'io Fisichella e concordo. Avrai visto che un certo azuz ha pubblicato una tua risposta sul mio blog. Purtroppo me ne sono accorto tardi, ma ho deciso di non bannarla per i motivi che gli ho scritto. Dimmi te se va bene. Un caro abbraccio. Deco

Nessie said...

Sauro, concordo sul fatto che durante tutto il ventennio e la riforma Gentile si studiava e l'Università aveva un prestigio che oggi, con questi smandrappati con le trecce "rasta", ce lo sognamo. E chi sarebbe l'ultimo cervello uscito dalla Sapienza?
Gli appelli firmati ( e quello scritto da Magdi è davvero nobile) non escludono quello che hai detto tu. E se si continua in questo modo, mi sa tanto che ci arriveremo presto.

Nessie said...

Stella, io e l'Occidentale siamo della stessa città e ci conosciamo personalmente.
Pannella da Vespa era un rottame buono per la Baggina. Ce l'hai un posto a MI per segnalarlo? Odifreddi era un campione di ipocrisia e di dissimulazione. E quell'altro ottantenne-accompagnato-da badante di quel Cini, doveva aver capito, dopo il casino che è successo, che l'ha fatta davvero fuori dal pitale. Si è fatto promotore di quel documento da pezzenti. La prossima volta, che si metta il pannolone. Un tempo almeno la vecchiaia era sinonimo di saggezza e di "sapienza".

Nessie said...

Deco, quel troll con un nick così sputtanato (è lo stesso dello spacciatore tunisino che si trova attualmente agli arresti)è venuto da te a farsi giustizia, solo perché l'ho bannato.Hai firmato l'appello?

Deco said...

Certo firmato! Per quanto riguarda azuz ha fatto 2 interventi, uno è una risposta a te. Ho risposto ad entrambi come credevo. Condividi?

Nessie said...

Certo che lo condivido. Ma mi pare troppo alto e sapienziale per certi soggetti, verso i quali - credimi - non vale la pena di sprecare tanta materia grigia. Ciao e grazie.

Anonymous said...

Un tizio(dal Papa all'ultimo burocratuncolo sinistro di provincia) viene invitato per dire la sua. Non sono d'accordo su quel che dice : bene, o non vado ad ascoltarlo o scrivo i miei commenti da qualche parte. Di sicuro non gli impedisco di parlare ! Ennesima dimostrazione di quanto i sinistrati di casa nostra siano tribali : o la pensi come me o ti cancello. Ennesimo bell'esempio di intolleranza da parte di chi ogni tre parole si riempie la bocca come unico depositario di verità, di antifascismo e appunto tolleranza. Che tristezza !

Filippo

marni4 said...

Pseudo Sauro,
grazie delle utili informazioni. Su quel blog giunsi, come spesso capita, passando da un blog all’altro. Nella blogsfera, si naviga a vista! Non ci sono bussole né avvisi per i naviganti! E così si rischia, come spesso mi è capitato, di cadere in acque scure! Faticando per tornare a galla! A volte la blogsfera mi dà la sensazione, come Dante, di trovarmi “in una selva selvaggia aspra e scura”, dove tutto è buio profondo ed ignoto, e non c’è mai un Virgilio a dar una mano. In queste condizioni, io non sono sicura più di niente e di nessuno, perché non so mai dove approdo! Sarà un problema solo mio o generale? Non nel senso militare!
P.S. Scusatemi, senza rendermi conto sono stata OT.

Anonymous said...

"Sono scesi in piazza anche alla Statale di Milano per protestare contro Papa Benedetto XVI. Un gruppo di giovani aderenti ai centri sociali ieri mattina ha aggredito alcuni studenti vicini a Comunione e Liberazione intenti a distribuire volantini con il discorso del Pontefice. Muniti di idrante, sono saliti al terzo piano dell’università, e hanno inondato i loro colleghi.
Poi, vernice alla mano, hanno imbrattato i muri scagliandosi contro «l’onda oscurantista della Chiesa». Solo l’intervento della Digos ha riportato la situazione alla normalità. Il volantinaggio è ripreso intorno a mezzogiorno."

Abbiamo la nostra bella quota di coglioni anche in Statale,ovviamente.

Stella

Nessie said...

Stella, si sapeva. L'ho appena scritto sul blog di Deco. Fino a quando non chiuderemo i covi che ospitano le "squadracce comuniste" (così le ha chiamate Magdi Allam, smarcandosi finalmente dall'idiozia che li vorrebbe "fascisti rossi")di queste storie ne avremo sempre. Queste squadrisit-comunisti sono dei professionisti del teppismo e del terrorismo. Però vengono smepre coccolati e vezzeggiati dalle istituzioni.

Alessandro said...

CROCIATA?!?!?

Mi sembra un po' eccessivo...

A parte il fatto che l'Occidente attuale prenderebbe un caravan di sberle se solo ci provasse (non siamo nemmeno in grado di difenderci, figuriamoci di attaccare...) l'ottica del vangelo è un pelino diversa.

Caro amico, pensa a come ha fatto la sua "crociata" S. Francesco...

vincenzillo said...

nessie, anche a me piace un pontefice guerriero. Ma bisogna misurare i tempi e le occasioni. Andare alla Sapienza non sarebbe dovuto essere un atto di coraggio. Io approvo che di fronte al quadro prospetatto dal ministero degli interni (possibili feriti, auto incendiate) si sia tirato indietro.

Anche "chiudere i centri sociali" è sbagliato. Che si affumichino e crepino per i fatti loro, lo trovo più democratico. O che crepino in tafferugli provocati da loro. Ma non si deve mai stimolare lo scontro fisico.

Sono ancora scioccato per quanto riportato da Stella sulla statale di Milano.

Stella, ma è vero? Posso sapere qual è la fonte?

Nessie said...

Alessandro, a chi replicavi, tanto per sapere? al Patriota?

Vincenzillo, fino a ieri (che è pochi minuti fa) la pensavo come te.Dopo aver constatato che in Italia si trascina da quasi tre lustri la faccenda dei centri a-sociali e antisociali, francamente ho cambiato idea: la tolleranza con gli intolleranti è un disvalore che finisce per contagiare tutti e minare dall'interno, le basi stesse della democrazia e della convivenza civile. Se lascimo passare il principio per cui "la tua libertà non finisce mai neanche se crea danno per qualcun altro" ebbene non avremo che DANNO.

Anonymous said...

Salve, Nessie,
davvero sconcertante il fatto del trattamento riservato al Papa alla "Sapienza"!
Se volete sapere la mia in proposito, vi invito tutti sul mio blog "Storia e storie" all'indirizzo www.tommasopellegrino.blogspot.com.
Ci troverete un post sull'argomento che ha già suscitato un vivo dibattito tra i lettori. Si attendono sempre nuovi contributi. A presto!
Tommaso Pellegrino - Torino

Alessandro said...

Si, al nuovopatriota...

Era una risposta senza intenti polemici, ovviamente...

Nessie said...

Pellegrino, appena posso verrò a pellegrinare dalle tue parti. Grazie.
Alessandro, se vai sul blog del Patriota troverai un bonaccione che non farebbe del male a una mosca. Un po' di folklore medievale, credo che serva a tirarci su di morale. Magari coi "carmina burana". :-)

Alessandro said...

Ne ero certo! :D

Comunque, come puoi vedere dal fatto che NON tengo un blog... non amo moltissimo i blog. Anzi, a dir la verità scrivo commenti da 3 giorni...

Non affezionatevi troppo, quindi... ;)

Anonymous said...

Ti ho "scoperta" attraverso i tuoi commenti sul blog di mio padre, devo dire che non è niente male il tuo blog...verrò a trovarti più spesso!
Quanto a quello che è successo al Papa...credo che alla Sapienza ormai ci siano solamente asini!
Ciao Marty.

loveportofino said...

Ciao Nessie, non ho commentato la vicenda sia perchè avete già detto tutto quello che c'era da dire sia perchè quando il mio sdegno è troppo grande di solito resto ammutolita. Mi succede da sempre anche nella vita di tutti i giorni. Dopodichè, di solito, parto a testa bassa, che è peggio.. :)

Voglio raccontarti cosa è successo l'altro ieri al Liceo (Scientifico) che frequenta mio figlio.
ORE 7.55 arrivo all'entrata di un gruppetto (tra cui mio figlio), c'è una ragazza amica intima della sorella di uno di loro che è di CL. Ha dei volantini e dice al fratello dell'amica: per favore, è importante, dovresti distribuirli tra i ragazzi. Gli dà un'occhiata, è per il Papa.
OK. A nessuno è venuto in mente che si potesse star per compiere UN CRIMINE.
ORE 8 salgono al loro piano, i manifestini non sono tanti, sta per suonare la campana, il ragazzo ne distribuisce un pò per ciascuno dei suoi amici incaricandoli di metterli ognuno nella propria classe, fa il giro di un paio e se ne va nella sua.
ORE 8.05 suona la seconda campana e SCOPPIA IL FINIMONDO!

Un confronto con la Gestapo non sarebbe esagerato..... la bidella inizia ad urlare come una pazza correndo nei corridoi, strappa dalle mani dei ragazzi che osano leggere "l'ignobile propaganda" e con violenza insulta a destra e manca, come una furia entra ed esce dalle classi per fare "pulizia" e a caccia del "colpevole", mentre con la bava alla bocca "invoca" il preside. Uno spettacolo edificante!
Strappa dalle mani di mio figlio uno degli ultimi volantini rimasti urlando "Chi è? chi è stato eeeeh?? sei stato tu!!!"
A quel punto esce dalla classe accanto il "colpevole" che per farla smettere, siccome era impossibile trovare un esorcista così su due piedi, si autodenuncia, salvando così i complici che dopo aver tentato una difesa vengono infilati a forza nelle rispettive classi dove la prof compagna-guardiana si "occuperà di loro e della lavata del loro immondo capo".
ORE 8.15 Il colpevole viene trasportato "finalmente" davanti alla Corte: il Preside!
La bidella continua a sbraitare che è un'indecenza!! che non si può!!che uno che fa una cosa del genere andrebbe rieducato!!
Per fortuna il Preside, intrallazzato nel PD e in odore di elezioni, da buon catto.comunista decide alla Ponzio Pilato e con una minaccia di sospensione la cosa si risolve.
La bidella è soddisfatta a metà, avrebbe preferito le classiche 100 frustate e una "gasatina".
La signora sostiene che NON SI PUO' FARE POLITICA a scuola.....
AHAHAHAHAHAH (rido istericamente).
Siamo al potere dei bidelli, perchè la tipa in questione, tra l'altro, non perde occasione, come molti prof, per sostenere il proprio partito con pensieri parole ed opere in qualsiasi momento lo ritenga necessario al loro bene.
Ora sono stufa, però ho deciso che tengo duro ancora un anno e poi li massacro a mezzo stampa e non solo.
Per esempio conservo gelosamente una copia del volantino pro-Segolène Royal sul quale l'anno scorso la prof di francese fece svolgere il compito in classe......
Sarkozy ne usciva come un farabutto, ovviamente.

Anzi guarda, parlandone, non so se aspetterò l'anno prossimo..... :))
Ma non vorrei rovinare tutto perchè grazie a questi modi i ragazzi giudicano presto e bene da soli, nessuno potrà mai raccontare loro che certe intolleranze possano essere indice di intelligenza.
Per la sapienza, la conoscenza, sceglieremo altri luoghi.....
Certo è che sui più deboli hanno effetti devastanti e poi si lamentano che i giovani non hanno ideali sani. Sì, i loro.

Nessie said...

Grazie Marty, e benvenuto ( benvenuta) nel blog. Quale sarebbe il blog di tuo padre?

Nessie said...

Loveportofino, ti ringrazio per questa importante testimonianza e penso ti ringrazino tutti quelli che transitano da queste parti.
Io invece direi, che è proprio il momento di battere il ferro finché è caldo. Se non ora quando? Se lo farai più tardi, può darsi che l'argomento sia "passato di moda" per i media.
Vogliono darci le squadracce rosse forever dentro le scuole. Vogliono darci gli assatanati ignorantoni come la bidella di cui parli. E' il momento di reagire. Ne va di mezzo la nostra civiltà.

Scarthorse said...

Quanto raccontato da Loveportofino è un classico esempio di scuola di regime; se ci si potesse difendere contando su autorità ed organismi distinti, indipendenti e imparziali quello raccontato sarebbe relegato tra i fatti incresciosi e spiacevoli. Invece dato che le varie autorità come si capisce anche dal racconto non sono tra loro indipendenti, distinte ed imparziali in questo caso e in altri di rilievo nazionale siamo proprio al regimetto dove l'apparenza è salva (ma nenache troppo) e la sostanza dei diritti e delle libertà assolutamente no.
Immagino che la bidella e il preside alla vista di San Pietro domani si appelleranno all'ONU e alla UE'.

Old Whig said...

Il Papa messo a tacere nel luogo del dialogo per eccellenza, fondato in questo caso proprio da un altro Papa (Bonifacio).
E questa sarebbe laicità?
A me sembra follia intollerante, non laicità. A me sembra laicismo strabico (visto che per le lezioni di fondamentalisti islamici come Tariq Ramadan nessuno ha protestao), non laicità.

Nessie said...

Scart, ecco hai detto giusto: bidella che si mette a fare la preside e presidi che si degradano a bidelli. E' questa la scuola dell'egualitarismo rosso.
Ma bisogna fare lo sforzo di chiamarli per nome e di non essere daltonici come ho letto in giro. Guzzanti chiama la Sapienza il Littoriale. E'una percezione sbagliata perché storicamente ai tempi del ventennio la scuola e l'Università era ancora d'élite e all'iUniversità ci andava chi aveva voglia di studiare. Non era aperta a "oves et boves" come oggi, con grande danno per chi vuole avere un luogo per accrescere la propria scienza e conoscenza. Un'altra cosa: "SCIENZA LAICA" (il cartello inalberato dagli ultràs rossi) è un'idiozia. La scienza è buona o cattiva scienza. E non si preoccupa di sapere se i ricercatori siano credenti o non credenti.

Old whig, l'Università sappiamo igà a chi è in mano. A quelli che stanno facendo di tutto per dequalificarla sul piano della concorrenza internazionale e di distruggerla. Occorre ripulire a dovere gli Atenei, ma temo che non sarà facile.

NemoTeneturAdImpossibilia said...

A dire il vero sul lenzuolo che scendeva da un edificio della facoltà c'era scritto "la scenza è laica".
Quindi non mi sembra il caso che certe persone parlino di scienza non sapendo nemmeno come si scriva .


http://opinioniefintedemocrazie.blogspot.com/2008/01/mi-tocca-pure-difendere-i-mastella.html

loveportofino said...

Hai ragione Nessie, il ferro va battuto finchè è caldo.
Sono frenata al pensiero di affrontare un viscido come il preside e non mi fido tanto delle mie reazioni. Ho pensato che potrei iniziare con una bella lettera, anche perchè "scripta manent"...Vorrei muovermi nel modo più efficace possibile perchè qualche anno fa questo liceo è già finito anche sui giornali per questi motivi, ma dopo un primo momento di fibrillazione, tutto è tornato come prima..... Per di più ci sono anche ottimi insegnanti che non vorrei mettere in discussione. Sto facendo qualche sondaggio, sembrerebbe che vengano inserite un paio di "cellule" in ogni classe, non di più (ma belle attive) Cosa faccio? Mi limito all'episodio dell'altro giorno o tiro fuori tutto? E poi, la faccio diventare una vera e propria denuncia con nomi e cognomi o mi limito a una lamentela? Mah...sono titubante e in cerca di consigli.

Nessie said...

"Scenza laica"? Buona questa!Per certi asini sapienti ci vuole più che altro un po' di scienza... ortografica.

Love, mi pare una buona idea quella della lettera. L'importante è circostanziare e non generalizzare, se dici che gli altri docenti sono buoni. E fare in modo che quel paio di "cellule" che denunci, non diventino quattro, ma che restino isolate e senza alleati "interni".

Occidentale said...

Cara Nessie,
speriamo che questa volta la caduta sia rovinosa e irreparabile per molti secoli a venire (bisogna pensare anche alle generazioni che verranno dopo di noi, non dobbiamo essere egoisti!).
Ormai è ufficiale che Mastella ha ritirato il suo appoggio a questa banda di delinquenti che si sta mangiando a grossi bocconi quel che resta dell'Italia e poi non riesce nemmeno a smaltire le scorie di questo lautissimo- per loro- pasto!
Io e tanti miei amici e colleghi aspettiamo mercoledì- il Pecoraro day- con l'intenzione di stappare champagne e mangiare tartine al caviale per celebrare la rottamazione di Prodi e della sua disgustosa compagnia di ministri.La babbea della Turco, il summenzionato ministro-parodia dell'ambiente, l'odioso PadoaSchioppa e quel minus habens di Fioroni che vuole vedere riconosciuto il diritto allo studio ai miliardi di diseredati del pianeta facendo pagare penne e matite soltanto agli italiani...Qualcuno giustamente mi diceva di non cantare vittoria finché il capitombolo non sarà ufficiale:sappiamo tutti la tenacia con cui si aggrappano alle poltrone tutti i politici e i comunisti in modo più spettacolare.E infatti la bottiglia sarà stappata soltanto a cose (dis)fatte!
Io comunque sono molto speranzoso e per una volta credo che le promesse di fallimento saranno mantenute.
Un augurio a te e agli amici del Loch di poter brindare all'evento, ma presto!
PS:molti, scioccamente, ripetono che "gli altri" non saranno migliori di questi.E allora?Se arriveranno dei pivellini del ladrocinio di stato, perlomeno dovranno impiegare un po' di tempo prima di affamare gli italiani:questi invece, allenati come sono, agiscono fulmineamente!
Un risaluto alla padrona del loch e ai suoi naviganti da
Occidentale

Nessie said...

Occidentale, finchè non vedo non credo. Scusa se faccio S. Tommaso, ma ormai Prodi si è rivelato Gommaflex. E siccome Napolitano l'hanno messo lì apposta per blindare le camere a lucchetti tripli, non vorrei nascesse ancora un Prodi 3 (tripla vendetta) . Ricordo che già una volta cadde e lo rimisero disgustosamente in piedi.Perciò per scaramanzia non dico niente finché non vedo.
Sulla faccenda degli altri dell'oppposizione ti do ragione. Forse allo stato in cui siamo cambierà poco. Ma questi cattosinistri e rifondaroli ch eci sono, danno una brusca accelerazione allo sfacelo. Ciao.

Nessie said...

PS: Ho problemi col mio pc che è dal tecnico e posso leggere i vostri commenti con ritardo perchè devo collegarmi da fuori. Chiedo venia. Cmq gli scenari potrebbero essere questi:
1) Prodi richiede la fiducia alle camere e qualche barbone transfuga da altre coalizioni o qualche moribondo senatore gli ridà la fiducia.
2)Prodi non ottiene la fiducia, ma Napolitano non scioglie le camere e inventa un'alchimia tipo "governo istituzionale".
Ergo, se qualcuno avesse comprato lo champagne, s elo tenga in serbo per altre occasioni, ma non lo stappi. Finché non vedo, non sento , non tocco, NON CREDO.

textman said...

Grazie per la segnalazione dell'appello, vado subito a sottoscriverlo (ho peraltro appena finito di scrivere qualcosa sull'argomento.)

Nessie said...

Text, c'è la Montalcini che si sta facendo promotrice di un altro contrappello contro il Papa, peggio di quello dei 67 della Sapienza. Da notare che è già dentro il comitato scientifico dell'Università vaticana. E allora dovrebbe coerentemente uscirsene. Ma pecunia non olet. E vedrai che darà un'altra stampella a questo governaccio terminale e con flebo da tutte le parti.

Anonymous said...

Cara Nessie, ci sono e batto un colpo! Non ho parole per quanto succede in suolo italico: sommersi dalle immondizie e dalla stupidità. Solo gli "sciocchi della Sapienza" non hanno quanto meno previsto che con il loro atteggiamento avrebbero ottenuto esattamente il risultato opposto. Se tanto mi dà tanto siamo messi proprio bene! A presto. Roby da Verona

Lo PseudoSauro said...

OT
Ho saputo che P ha contattato la Lega proponendo federalismo contro sostegno. Per me e' cotto, ma la sua caduta non sara' merito dell'incisivita' dell'opposizione. E' questo che mi preoccupa: voterei piu' volentieri se vedessi qualcosa di scritto nero su bianco. Sbagliero', ma ho l'impressione che il cambiamento che tutti sperano non ci sara' e che sara' l'ennesima transizione. Non e' solo l'Italia in amministrazione straordinaria, lo e' tutto il mondo e percio' c'e' bisogno di uomini straordinari che usino di metodi straordinari. Ormai sappiamo tutti che il nostro modo di vivere e' destinato a cambiare irreversibilmente, tutto sta a farlo in meglio.

Auguri per il barnascio malato :-)

Deco said...

Cara Nessie, mi sa che questa volta ci vuole altro che flebo! Questa volta avrebbe proprio bisogno dell'intercessione del Papa, serve un miracolo!
Un caro abbraccio.
Deco

Nessie said...

Ciao Roby, bentornata! Sul pattume ho già parlato nel post più sotto, beccandomi la critica di nordista yankee sottilmente razzista. Ma per ammissione di molti napoletani intervistati di buona volontà, quello che dovrebbe essere un problema individuale di ogni singolo cittadino, è diventato un'emergenza nazionale per colpa di amministratori incoscienti che hanno messo "le mani sulla monnezza" (parodia ddel film "Le mani sulla città"). Passando all'altra monnezza intellettuale alla Sapienza, sappiamo già di quell'intelligentzia rossa che ne costituisce lo zoccolo duro da data memorabile.

Deco, forse più che il santo Padre, potrebbe salvarci il Padre eterno. Ma entrambi non amano gli stolti e dicono che Dio aiuta chi vuole salvarsi da sé.

Sauro: oggi arriva un bon fante col pc riparato, per fortuna nulla di grave.
Ho sentito anch'io che Prodi fa la questua miseranda e miserabile dei voti. Avrai già sentito dell'emerita e levitica figlia di Noè a caccia di firmaroli di altri appelli contro il Papa, suppongo.

Lo PseudoSauro said...

Sono sollevato per il barnascio. Allora il lestofante sara' gia' arrivato. :-)

Della noachide non so nulla, ma non mi stupisce. Adesso dovrebbe essere chiaro chi e' che _non_ vuole le "radici giudaico-cristiane" per l'Europa... ci spedisce le "risorse" e fa in modo che si "radichino" bene... Del resto, quando le radici hanno ben attecchito non c'e' alcun bisogno di cambiarle.

Se fossimo stati piu' intelligenti, l'avremmo capito che prima di vuotare la barca, bisogna tappare le falle. :-)

Nessie said...

Il lesto fante è appena andato con la sua parcella. :-)
Sulla Montalcini ne ha parlato il Corriere e Libero. Se proprio vuole firmare appelli contro il Papa, se avesse un po' di residuo pudore, dovrebbe dimettersi dall'università vaticana.

Lo PseudoSauro said...

P.S.
Per quanto riguarda S. Francesco alle crociate...

http://apologetica.altervista.org/crociate.htm

gli europei sono ormai degli autolesionisti, ma non per colpa loro.

Nessie said...

An'vedi Radio Maria. Letto. La Fallaci l'aveva già detto che non c'era niente di cui vergognarsi sulla questione delle crociate.Siamo andati a riprenderci ciò che era nostro.

Cittadino perplesso said...

161 voti contro, 156 favorevoli.
Prodi si dimette! :-D

Nessie said...

Ho sentito Cittadino, e ho già aggiornato con un nuovo post. Ciao.