31 July 2007

Blocchiamo la suicida legge 68

Estate. C''era da aspettarselo che ne avrebbero studiato un'altra. Sapevano già che la nuova legge Amato-Ferrero sulla cittadinanza abbreviata non avrebbe trovato il consenso degli italiani, i quali hanno già firmato, numerosi, per la sua cancellazione. In ogni caso occorrono dei tempi tecnici per applicarla. E allora che ti hanno inventato? tié : il decreto legge a breve termine già battezzato come legge N 68, un flagello, una vera calamità con la quale si ottiene il permesso di soggiorno rinnovabile in tre mesi. Basta l'autocertificazione. INCOSCIENTI ha titolato LIBERO di martedi 24 luglio - unico giornale ad aver dato ampio risalto alla cosa. Sì, e pure irresponsabili. Si potrebbe affermare traditori della Patria, se questa nozione per gli italiani avesse ancora un minimo di valore. Ma così non è più, visto che siamo tenuti a ottemperare ai famigerati trattati di Schengen, fingere di volerci tutti bene tra paesi eurobabbei e circolare con una moneta unica che ha dimezzato il potere d'acquisto dei nostri stipendi e/o pensioni. Del resto, lo ha detto lo stesso Amato che la legge è una norma europea, nell'intervista comparsa di recente sul Corriere. Già. Perciò non possiamo nemmeno pensare che con un eventuale cambio di governo, tale norma venga cancellata. Epperò nessun governo europeo ha tanta fretta di applicarla dando una brusca accelerata come l'attuale governo italiano in carica. In altri stati Ue si sta facendo resistenza e si studiano già delle opportune limitazioni. Nemmeno Sarkozy la vuole. Ecco alcune righe del famigerato ordine scritto proveniente dal Ministero dell'Interno e già diramato alle questure.

La legge è entrata in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Pertanto, ai sensi del comma 1 dell'art. 1 della cennata legge, lo straniero che si trattiene sul territorio nazionale per i richiamati motivi (ndr: affari, turismo e studio) per un periodo non superiore a tre mesi, non è più obbligato a richiedere il permesso di soggiorno.

Completo. Siamo al completo come un parcheggio troppo affollato di auto. Ma il fatidico cartello non lo vuole mettere fuori nessuno, nel timore di apparire razzista, xenofobo e... via con gli insulti. Completo, capito? Basta andare in una Milano svuotata dalla canicola estiva che arroventa l'asfalto per rendersene conto: una città interamente presidiata da extracomunitari d'ogni provenienza. Dal Cimitero monumentale, dove i tranvieri se ne stanno tutti insieme sotto un chiosco, nel timore di ricevere botte (le hanno ricevute quale risposta ogni volta che fanno rilevare a ciascuno di questi il non possesso del regolare biglietto), all'Arena; dalla zona del Castello Sforzesco alla Stazione Centrale. Eppure cosa ha il coraggio di dire Emma Bonino? Che grazie a questa norma gli ingegneri e i manager americani potranno più facilmente ottenere il permesso per lavorare da noi. Infatti, tutti quelli che sbarcano a Lampedusa in queste ore sono "ingegneri e manager americani". E pure quelli che si infiltrano dall'Est. Siamo su una nave di folli che ci espone a rischi e pericoli nei confronti di chi vuol fare del nostro paese, un fasullo Eldorado dalle frontiere colabrodo. E intanto i terroristi islamici ci minacciano apertamente.

A proposito, quanto ci costa giornalmente andarli a prelevare in acque internazionali per portarli sulle nostre coste e rifocillarli? Una cifra colossale che paghiamo (e pagheremo) noi contribuenti con tasse sempre più esose, gabelle e balzelli d'ogni tipo. Senza contare i problemi di sicurezza e di illegalità che comportano, una volta sbarcati.
Lo sapete che il cimitero di Lampedusa non ha più spazio per seppellire i "morti del mare" durante il viaggio della speranza e che sono costretti a trasferire i cadaveri ad Agrigento?
E lo sapete che quei "razzistoni" dei governanti di Malta hanno detto chiaro e tondo che loro non possono accettare le spoglie di tutti i dispersi del mare, perché altrimenti non c'è più terra né loculi per seppellire i maltesi? Ma quanto siamo "buoni", invece, noi italiani! E come è generoso e magnanimo Giuliano Amato. Anche a costo di condannarci all'estinzione. Anzi, all' autoestinzione. Idioti noi, che li lasciamo in sella per distruggerci.

32 comments:

Anonymous said...

http://www.mclink.it/personal/ME3643/Edito07/bruxelles280707.html

Ciao

Stella

Anonymous said...

e anche questo non scherza

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=196317

Io sono per il rimpatrio forzato di tutti gli immigrati,anche se regolari,a cominciare da quelli aderenti all'islam.
Sono conniventi coi terroristi,perche' il silenzio e' la prima delle connivenze.Tacere e non denunciare mai chi predica contro il paese che ti ospita,e' comportamento filo-terrorista perseguibile.
Il primo che si presenta con un programma "razzista",lo voto subito e lo votiamo in tanti.

Stella

Nessie said...

Sfondi una porta aperta, Stella. La verità è che lo stato multietnico e multikulti ce lo impongono con la forza. Perfino con la violenza dei "decreti legge". Un modo per eludere perfino l'iter parlamentare di una democrazia diventata sempre più una beffa.

Frank77 said...

Stella perchè gli Italiani sono un popolo che denuncia tutti i crimini.
Come prosperano la mafia, la cammorra, e la 'ndrangheta?

Chi dava 250.000 voti a Salvo Lima?

Come mai per combattere la criminalità organizzata dobbiamo affidarci a intercettazioni e a infami,con le conseguenze che poi abbiamo sotto gli occhi.

Nessie said...

Che c'entra Frank questo discorso con le leggi-premio e ultra permissive che favoriscono l'immigrazione incontrollata? Io ho pubblicato il tuo post per pura cortesia, ma come si direbbe "dipietrescamente", che c'azzecca?

paoletto said...

E fortuna che Amato doveva essere una persona equilibrata.
Comunque vorrei tanto capire cosa circola nella testa di questi signori.
Solo un'imbecille non capisce che cosi si getta l'Italia nel caos.
Evidentemente pensano di essere intoccabili, ma quali vantaggi a lungo termine possono ricavare da questa situazione?
Pensa e ripensa mi pare che l'unica risposta possibile sia una "bustarella" dal golfo.
Chissa' quanti denari avranno ricevuto?
A questo punto non ci resta che sperare che il gallo canti!

Ciao Nessie

Nessie said...

Alla faccia dell'equilibrio, Paoletto!
Hai citato il gallo che canta? Una perfetta allegoria dei traditori e dei rinnegati. La verità è che ormai siamo nelle mani del Signore. Stammi bene e fai buone vacanze.

Frank77 said...

la mia era una risposta al commento di Stella.

Riguardo al post secondo me fai una gran confusione.
Il permesso di soggiorno in tutti i paesi occidentali non serve se una persona si ferma fino a tre mesi,ed è sempre stato così.

Nessie said...

Secondo me invece la confusione la fai tu.Sempre che di confusione in buona fede si tratti, e non di precise idee politiche a sostegno della causa. Vatti a leggere per intero il decreto legge 28 maggio 2007 N. 68 con data del 4 giugno del MInistero dell'Interno , diramato mediante "telegramma urgentissimo" "ai signori questori della Repubblica", "ai signori dirigenti le zone di polizia di frontiera", "ai signori prefetti della repubblica", "ai commissari del governo per le provincie di Trento e di Bolzano", "al presidente della commissione coordinamento x la regione Valle d'Aosta" e altre regioni a statuto speciale.
Questo decreto rappresenta una modifica ancora più facilitata rispetto alle norme precedenti, relative ai permessi di soggiorno.Se poi a te sta bene che ci siano leggi che aprono varchi ulteriori rispetto al colabrodo già esistente, allora è un tuo problema. Ma la maggioraza degli italiani è arcistufa.Chiaro?

Anonymous said...

Frank, io me ne frego del parallelismo italiani-cattivi/immigrati-cattivi,ormai lo trovo di un noioso e di un inutile che mi passa la voglia di argomentare e mi chiedo se non avete altri argomenti piu' intelligenti da contrapporre.
A meno che nel tuo interesse non vi sia l'invasione.

Stella

Occidentale said...

Cara Nessie,
non penso proprio che tu faccia confusione.Semmai la confusione la fa l'Europa in primis e a seguire i nostri politici che, probabilmente, saranno stati unti in qualche modo per ammorbidire(a discapito del Paese) la loro linea nei riguardi del permesso di soggiorno che così presentato diventa licenza a delinquere per gli elementi più pericolosi che, come sappiamo, hanno ormai invaso stazioni ferroviarie e altri punti nevralgici nelle maggiori città italiane.
Leggo che il numero delle moschee in pochissimo tempo è raddoppiato:l'unica mossa sensata che mi viene in mente è quella di Fini, il quale chiede che si parli in ITALIANO all'interno delle stesse.Va bene il rispetto della religione islamica(siamo multi- culturali e multi- religiosi per decreto del Parlamento, anche chi, come me, prima di questa follia del politically correct era orgoglioso del proprio agnosticismo), ma che non serva da pretesto a chi, predicando in arabo, aizza i connazionali arabi alla violenza e al terrorismo e non a seguire i precetti del profeta(che poi,conoscendo il Corano, non sono molto pacifisti nemmeno quelli).
Io a questo punto non mi faccio illusioni:i politici sono troppo corrotti e corruttibili(fatte salve alcune eccezioni).Mi aspetto che una sollevazione popolare venga dalla gente che è sempre più esasperata.Secondo me si arriverà ad abbattere le moschee che oggi vengono costruite con troppa facilità, e sempre meno gente vorrà come vicini di casa degli arabi, essendo impossibile a noi comuni mortali stabilire se sono musulmani "buoni" o "cattivi".Prevengo le critiche che certo mi pioveranno addosso da parte dei poveri di spirito che come unica risorsa hanno l'ideologia, meglio se di sinistra.Non sono razzista né xenofobo.Ma nemmeno babbeo:non mi piace affatto dare il mio assenso a gente che viene nel nostro Paese come se si trattasse di una terra di conquista.
I politici criminali e dementi che ci vogliono portare alla catastrofe, spero che saranno fermati in tempo dai loro colleghi piu' illuminati(?).
E se no vedremo come reagiranno le masse di italiani incazzati e non più disposti a sopportare.
Un saluto da occidentale

Lo PseudoSauro said...

Le scimmiette ammaestrate non vedono, non sentono, ma, ahime', parlano sempre. Il documento e' chiaro e non ha bisogno di ulteriori interpretazioni. Quanto ai rettili che ora stanno al governo, avranno il fatto loro, e quelli che li sostituiranno, pure, se non sapranno rimettere le cose a posto. La gente e' letteralmente inferocita, e non solo quella di destra. Un invasione non e' meno invasione se ha il placet della UE, e anche gli eurocastrati ne risponderanno a tempo debito. Se questa situazione non sara' del tutto reversibile ci ritroveremo con le forche in piazza. Non s'illudano i soloni che predicano l'accoglienza: la pagheranno cara.

Lo PseudoSauro said...

Occidentale: bentornato. Io credo che la questione della lingua parlata nelle moschee sia insolubile. I musulmani pregano tutti in arabo e non saranno certo disposti a fare come quelle bestie dei cattolici con il latino, perche' sono piu' svegli. Sanno perfettamente che se ad una religione togli l'universalita', l'ammazzi. Tant'e' vero che le chiese cristiane riformate sono diventate tutte una specie di chiesa nazionale. Quindi il problema si pone in termini piu' drastici, ovvero, limitare la liberta' religiosa. Limitare la liberta' per salvare la liberta', limitare la democrazia per salvare la democrazia. In parecchi film USA capitava spesso che l'eroe di turno dicesse, piu' o meno: "io non sono qui per esercitare la democrazia, ma per salvare la democrazia". Se continueremo a fare esercizio di liberalesimo con chi non sa che farsene, dovremo fare fagotto noi.

Massimo said...

Incoscienti, proprio. Perchè è inevitabile che più riempiono il contenitore Italia, più si innesca una spirale di violenza e di reazione che porterà ad espellerli con la forza, invece di obbligarli, con le buone maniere, al rimpatrio.
Inevitabili scontri e tensioni sociali, aumenti delal criminalità a seguito di una dissennata politica dell'accoglienza.
Peccato che ci rimetteremo anche noi.

Nessie said...

Bentornato Occidentale. Come al solito offri molti spunti di discussione, ad alcuni dei quali ti ha risposto Sauro.
Certo, la funzione degli imam in Italiano é un passo. Ma il problema dei problemi è lo stravolgimento identitario irreversibile che la moscheizzazione del territorio reca con sé. E anche le tanto declamate moschee come "case di vetro" su cui insiste Magdi Allam, a che ci servono s poi dovessero prevalere sulle nostre chiese?
Aberrante poi la Turco la quale pretende corsi per Imam italiani. Ma siamo uno stato laico a corrente alternata? Se un sacerdote cattolico venisse a chiedere quattrini dallo stato per la sua formazione, mi immagino già il vespaio che solleverebbe...

Nessie said...

Massimo, abbiamo capito chi sono i veri importatori di razzismo e di xenofobia: loro. Cioè i nostri marci governanti. Qua è come imporci le case promiscue del realsocialismo sovietico ben descritte da Pasternak ne "Il dottor Zivago". Non c'è niente che faccia più imbufalire la gente quando non può più sentirsi a casa propria con una promiscuità coatta imposta per decreto legge.

Occidentale said...

Caro Pseudosauro,
grazie per il saluto di bentornato (in realtà non mi sono mai allontanato a lungo dal Loch,anzi, vi ho fatto volentieri ritorno, abbandonando l'infuocato Mediterraneo per godere delle sue fresche acque)e per la tua risposta che, non solo condivido, ma esplicita ciò che il mio intervento dava per sottinteso...Infatti il punto è proprio questo:la democrazia è bello esercitarla con chi è democratico, non con dei beduini medioevali fermi alla legge del taglione e ai precetti del Sommo Cammelliere.
Ma siccome mi ero già esposto in interventi precedenti con sferzanti critiche dell'ideologia islamica pseudo-religiosa e falsamente pacifista , non mi sembrò opportuno calcare una volta di più la mano...Gli amici del Loch, se hanno letto i miei post precedenti, sanno che non aderisco alla follia collettiva e autodistruttiva della political correctness, che lascio volentieri ai babbei e ai postcomunisti.
Se Fini propone che si usi l'italiano nelle moschee - in Italia!- è segno che ormai siamo ai...dàtteri!Non ho citato questo perché mi sembrò la soluzione di tutti i mali:solo per dire che nel panorama politico attuale, improntato alla massima follia e indifferenza agli interessi degli italiani, la voce di Fini fu l'unica a preoccuparsi dei locali e non degli invasori.
Insomma , come per la supervalutazione dell'usato ( in un autosalone) ho dato grande rilievo alle parole di Fini anche per demerito dei suoi colleghi che, sulla faccenda che ci sta piu' a cuore, ci assordano con il loro colpevole silenzio!
Un saluto da Occidentale

Occidentale said...

Cara Nessie,
grazie del saluto di bentornato e pure per le precisazioni relative al mio intervento:come già dissi allo Pseudosauro, rispondendo al suo intervento, mi sono limitato a dire il dicibile, e a lasciare fra le righe l'indicibile (cioè la parte piu' dura)non per paura,semmai per aver detto troppe volte le amare "verità" sulla faccenda in questione.
La Turco, dici...beh quando penso che una simile deficiente è stata eletta Ministro della Repubblica, metto da parte tutto il fair play , il bon ton, la buona educazione, l'elevato sentire ( in altre parole:l'Occidentale è ben consapevole di essere un gentleman...)e mi trasformo in un buzzurro prevenuto nei confronti delle donne (ma con pregiudizi doc, citando Aristotile che diceva che "una donna è un uomo imperfetto", o ricordando le perplessità di sir Winston Churchill che riteneva fosse un errore dare il diritto di voto alle donne...).Come si fa a tollerare una tale decerebrata?Solo perché è la leccapiedi di D'Alema?
Avrai capito che la mia disistima nei suoi confronti è totale:per me, una come lei può essere fatale per la nazione.Un motivo in piu' per augurarci che questo governo mortadellante cada al piu' presto!
Saluti balneari dall'Occidentale

Nessie said...

caro Occidentale,
se siamo ai dàtteri (espressione simpaticissima) significa che i cammelli sono vicini e i beduini con le scimitarre, pure:-)
La faccenda della lingua italiana obbligatoria cambia poco, visto che essi sono usi ad applicare la taqiya (la dissimulazione).
Arafat teneva all'ONU discorsi politcally correct in Inglese e propositi distruttivi in arabo, per esempio.
Quanto alla Turco (nomen/omen) e ai corsi per la specializzazione in "imam" francamente in questo grottesco paese ci sono modi ben più urgenti di investire i nostri soldi. Con tutte le emergenze che abbiamo, figurarsi se dobbiamo investire quattrini anche per loro!
Sono in partenza per la montagna, perciò ti saluto dai laghi alpini di lassù :-)

Anonymous said...

Siamo ai datteri, neanche Fontana ha ancora pensato ad usare quel termine.Bravo Occidentale!! Nessie, buone vacanze nelle Dolomiti, io me ne staro` nelle colline del Berkshires
al suono dei concerti del Boston smphony. Hugs Mytwocents

Occidentale said...

Cara Nessie,
beata te che vai su per i monti a respirare aria frizzante e a dormire al fresco!
Qui al mare il caldo si è attenuato ma per i miei gusti è ancora troppo;l'estate mi piace sempre meno:è volgare chiassosa e troppo affollata.Proprio come il nostro Parlamento!
Ecco perché i mali che affliggono l'Italia difficilmente possono essere sanati.Se alle orde beduine che mirano alla conquista del territorio ci aggiungiamo i deputati che, invece che stare alla Camera , hanno i rendez vous in camera (negli hotel di lusso che pagano con i soldi del contribuente)si comprende come questo Paese stia andando davvero a puttane!
Prendi un po' di fresco anche per me!
Ciao da Occidentale

Lo PseudoSauro said...

Occidentale: era solo una puntualizzazione. Siccome ormai si naviga a vista, ci si sforza di trovare una logica nell'agire dell'EU nonche' del "governo piu' europeista d'Europa". La logica che ci vedo io e' l'annacquamento forzato delle identita' e, purtroppo, vedo una certa qual continuita' con la strategia seguita dalla fine della IIa GM. L'unico fattore realmente unificante e' costituito dal cristianesimo, dunque, lo si colpisce da tutte le parti, soprattutto quello cattolico, dato che la Chiesa costituisce ancora un potere competitivo, nonostante il suo sfiancamento operato dall'esterno, ma anche dall'interno. Poi viene l'annacquamento di cio' che rimane del gia' demonizzato "nazionalismo", attraverso il rimescolamento di culture ed etnie. L'ideale liberale fa molto comodo in tale frangente, e la "liberta' religiosa" - madre di tutte le liberta' - e' la chiave di volta per tentare di realizzare cio' che nessuno e' mai riuscito a fare prima con un buon margine di successo. Naturalmente il "pacifismo" e' cio' che permette a cospicui gruppi alieni di colonizzare il nostro territorio senza colpo ferire. Che bisogno c'e' di combattere per conquistare un territorio, quando si puo' circolare "liberamente" e "liberamente" insediarvisi? I governi europei sono tutti conniventi in quest'operazione che fino il Papa ha definita, nel marzo scorso, con riguardo al processo di unificazione: «si rivela non da tutti condiviso» , e poi a proposito del metodo: «senza tener conto delle attese dei cittadini» . Ormai si attende il momento della reazione.

siro said...

In effetti, Nessie, per fare una legge del genere bisogna proprio essere deficienti. Dico, ma non si sono accorti del nuovo corso inaugurato da Sarkozy? Lui, il capo della Francia iper-multiculturalista, ha conquistato legioni di voti mettendo in luce i problemi dell'immigrazione e promettendo una stretta alle frontiere, programma che ha già cominciato a realizzare. E questi qui, idioti che non sono altro, trasformano i nostri confini (già colabrodo) in porte girevoli. Vergogna su di loro!

Occidentale said...

Caro Pseudosauro,
avevo capito perfettamente che la tua era una precisazione e quando dici che ormai si naviga a vista devo aggiungere che purtroppo io sono molto miope(per compensare questa deficienza, spesso dico agli amici, i quali pietosamente tollerano questa mia vanteria, che però ho la "vista interiore"...ammesso che serva a qualcosa vedere, quando la maggioranza è ben felice di essere cieca!).Il nazionalismo ai più ingenui fa venire in mente sempre e soltanto il Nazismo o il Fascismo nostrano;ma si può essere attaccati alla propria tradizione-e quindi nazionalisti in un senso nobile-e rimanere persone perbene.L'equazione nazionalista=razzista=xenofobo la lascerei ai cerebrolesi e ai comunisti di stretta osservanza, che ahinoi abbondano in Parlamento e fuori.
Per quanto riguarda la religione, basta rifarsi a Santa Oriana che, da non credente, non esitava a definirsi "atea cristiana".Io sono stato sempre molto critico nei riguardi della Chiesa come istituzione;anzi, ipercritico nei confronti di TUTTE le Chiese.Non ho mai creduto ai dogmi religiosi forse perché non mi convince che Allah o Dio abbia inviato via fax delle regole perché noi mortali le rispettassimo.Mi convince ancora meno che le dobbiamo rispettare per volontà dei suoi rappresentanti in terra!.Ma da quando gli islamici hanno cominciato a pretendere pretendere e a invadere il nostro territorio "esportando" in quantità industriale donne incinte(sempre incinte...) e bambini e terroristi sotto mentite spoglie di predicatori, pizzaioli etc etc Beh da quel momento in poi...mi sono sentito esattamente come la Grande Oriana.Ateo cristiano, o meglio:agnostico con forti radici cristiane.Dovrei, per essere politically correct(e quindi scemo)finanziare moschee e fare abbattere le nostre meravigliose chiese?Rinunciare ai simboli della nostra tradizione e sostituirli con i loro?Che tempi folli!Un saluto marino ( e meno afoso per fortuna...)da Occidentale

Occidentale said...

Caro Mytwocents,
grazie per l'apprezzamento :) Toglimi una curiosità nelle colline inglesi che citi vivi abitualmente o ci vai in vacanza?Te lo chiedo perché ho un debole per l'Inghilterra (meno per gli inglesi).In base alla tua risposta saprò se invidiarti oppure no.
Certo il nick scelto ti fa onore:nell'èra dell'ipervalutazione dell'ego dei politici (penso alla Turco, a Diliberto, a Mastella!!!)eè bello sapere che ci sono persone che praticano l'understatement!
Ciao da occidentale

Anonymous said...

La corsa alle moschee: una nuova ogni 4 giorni (e ogni 100 fedeli)

http://www.legnostorto.com/index.php?option=com_content&task=view&id=18495

Stella

ciccio said...
This comment has been removed by a blog administrator.
Lo PseudoSauro said...

Facciamo una colletta per mandare l'amico dalle mille identita' in vacanza. E' lui solo contro tutti... dev'essere un lavoro usurante. :-)

P.S.
saluti xenofobi dalla montagna.

Nessie said...

Grazie Mytwocents. Sono appena rientrata e lassù ci faceva un po' freddo.

Siro, il colabrodo continua anche oggi a Lampedusa, dove l'Ue si mostra completamente impotente. Evidentemente Lampedusa e Gibilterra non vengono considerati Europa.

Occidentale, le tue critiche sulle nostre coste sono giuste: volgari, chiassose e affollate. Ma la montagna dopo un po' rompe. Specie quando piove e la temperatura cala bruscamente.

Sì Sauro è sempre il solito poveraccio insultatore di professione e auto decorato con pluri-nicknames, il quale insiste nel difendere un governo di malfattori e di terroristi con le sue leggi colabrodo per fare entrare oves et boves e coi risultati che sono tutti i giorni sotto gli occhi di tutti. Stasera un albanese pluripregiudicato per omicidio è riuscito pure a farla franca e a svignarsela dalla galera.

Lo PseudoSauro said...

Ho letto un po' in giro tra le fonti nazionaliste europee. Tutti danno l'Italia per persa e non vedono nel prossimo governo una soluzione del problema. Io credo invece che l'Italia sia messa ancora meglio delle altre nazioni europee, ma concordo sul fatto che la destra non sia altro che una caricatura di cio' che dovrebbe essere. Sembra che alla gente non importi null'altro che del calcio e non e' certo un caso.

Federico said...

Boh.
Sono capitato su questo blog per caso, e spero che questo commento non mi faccia finire seduta stante nella categoria "provocatori".
Pero', ecco, io vivo in un quartiere di Genova in cui l'80% degli abitanti e' extracomunitario, e una moschea ce l'ho sotto casa.
Forse saro' fortunato, ma ti assicuro che faccio una vita tranquillissima.
Ecco, a leggere i tuoi post mi sembra di vedere che il tuo sentimento dominante, piu' che la rabbia o il razzismo, sia la paura.
E penso che devi fare proprio una brutta vita, con tutta questa paura addosso. Mi spiace per te.

Nessie said...

Credo che il tuo pensiero sia influenzato da un bel po' di propaganda rossa. Genova la conosco abbastanza, e non mi risulta che finora vi abbiano costruito delle moschee. Dormi pure sonni tranquilli e non ti preoccupare: io vivo benissimo.