24 April 2019

Troppi fronti che scottano!



Rieccomi, dopo la tregua pasquale che tregua non è stata. Confesso che mi è passata la voglia di scrivere e di commentare i massacri sempre più frequenti ai quali assistiamo pressoché impotenti. Tutti hanno assistito all'ecatombe di ben 360 vittime CRISTIANE nello Sri Lanka in quello che ormai passerà alla storia come la strage di Pasqua. Ecco, ora l'ho scritto, e lo scriverò a caratteri cubitali,  in barba al politicamente demenziale che vorrebbe  farci dire "adoratori della Pasqua" ("Easter worshippers"). Pare che Obama e la Clinton abbiano tentato di diffondere questo orribile neologismo come se i fanatici esaltati fuori di testa, fossero quelli che ci hanno lasciato la pelle, ridotta a brandelli, con disjecta membra per tutte le chiese. Del resto,   non bastavano le bare, da tanti corpi c'erano. Abbiamo assistito ai 3 minuti di camomilla  matricaria voluti da Bergoglio, il quale ha liquidato un massacro di questa portata, una tragedia su scala mondiale, senza mai usare il termine "terrorismo islamico" né "vittime cristiane".  Non più di 3 minuti. Oramai è  già bell'e pronta la religione unica basata sul "dialogo interreligioso" da lui  voluta e propugnata. Perciò guai a chi parla di "scontro di confessioni" che peraltro c'è e si vede,  ma non se ne deve nemmeno accennare ( e lui è appena stato in Marocco) per non urtare certe "sensibilità" islamiche.  In compenso non ha rinunciato a torturarci (sì, perché ormai è una vera e propria tortura morale e psicologica) con gli "immigrati", le "vittime dei barconi", i "naufraghi" e via  squadernando. E questo anche  e soprattutto per tutti i giorni della settimana santa (vedere  sua Via Crucis immigrazionista).
 In realtà, la vera Via Crucis, costui la fa rivivere e soffrire agli italiani.  Colpiti dal mantra del "più ponti e meno muri", pare che dalla Libia con furore,  ci siano  quelli che  si vogliono far passare ad ogni costo per "profughi di guerra".  Prima si parlava di 800 mila, ora di 100 mila. E chissà perché, tutti in Italia, anche se dichiarano che vorrebbero andare altrove in Europa.



Sul fronte interno, abbiamo Di Maio  il Pentagrullo che vorrebbe il povero Siri al gabbio, buttare giù Giorgetti, riaprire le frontiere per i poveri clandestini e redarguire Salvini perché fa alleanze in vista delle Europee, con le forze contrarie all'immigrazione (Orban in testa).  "Bisogna che Salvini convinca Orban ad accettare la redistribuzione di quote di immigrati". Urca! che gran pensata, la sua! Chi gliel'ha suggerita? Il papa argentino?
 Insomma a Salvini, il ruolo di "convertire" chi non si piega alla politica dei "ponti spalancati".  Altrimenti non è un buon cristiano. Senza contare  che qualche giorno fa Toninelli senza nemmeno avvertire gli alleati di governo ha immediatamente tolto le deleghe del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture al sottosegretario Siri. Domandina maliziosa: chi glielo ha suggerito a Tontinelli, di passare così brutalmente alle via di fatto?
Domani poi si celebrerà l'unica religione inconfutabile e intoccabile d'Italia: l'antifascismo con l'immancabile 25 aprile, e pare che anche lì i  pentagrulli si stiano mettendo di traverso per contrastare Salvini, il quale non andrà alle loro processioni "rosse".
Il M5 stelle, in realtà,  ha già ricevuto ordini precisi di scuderia dalle consorterie finanziarie: TRADIRE, destabilizzare, creare un perpetuo moto sussultorio, in modo da indurre all'irrilevanza l'alleato. Nell'ombra, la solita magistratura che tira le fila.  Scenario già visto, e arcivisto. Déjà vu. Per questo mi è passata la voglia di commentare.

L'arzillo prof. Becchi, per contro ha scritto una letterina confidenziale a Salvini su Libero dove gli consiglia di agire prima di venire cucinato a dovere dai nuovi tirapiedi dei bancarottieri, lettera che inizia col "Caro Amico ti scrivo, così mi distraggo un po''...
Vale la pena di darci un'occhiata: lui sì che li conosce bene, i pentagrulli!

24 aprile, giorno di S. Fedele

*******************************************************************

Aggiornamento di oggi 25 aprile su La Verità. L'intercettazione ai danni di Armando Siri è falsa e non esisterebbe nemmeno l'audio.  Il Corriere l'ha sparata in prima pagina seguito a ruota da tutti gli altri giornali.  Ormai i processi contro i politici non graditi li fanno i giornali.


Lo scoop di Belpietro (ma si sapeva che c'era del marcio contro Siri)

48 comments:

Anonymous said...

Ciao Nessie, non so se mi fa più schifo lo sfregio maramaldesco e vigliacco dell'infernale e sanguinaria coppia americana con l'ipocrita, viscida posizione simil obamiana di Bergoglio o la vile campagna d'aggressione del M5Str... contro la Lega scattata all'unisono nelle ultime settimane. Ho letto i suggerimenti di Becchi, secondo me tutto sta a vedere se la campagna dei 5Str... è farina del loro sacco e finalizzata alle prossime votazioni oppure se fa parte di un effettivo piano che coinvolge altri soggetti intuibili e più o meno innominabili volto ad eliminare Lega e Salvini. Nel primo caso, forse, passate le votazioni ci si potrà mettere una pezza e rientrare in una sorta di normalità. Se invece è vera la seconda ipotesi Lega e Salvini sono già fritti fin da ora e i suggerimenti di Becchi superati perchè in questo caso a Lega e Salvini verrebbe fatta fare la fine di Berlusconi, Craxi, Andreotti, PSI, DC ecc. e quindi quanto suggerito da Becchi sarebbe inattuabile già ora. Certi segnali, per esempio Il Fatto, molto ben e preventivamente informato in "certi" ambienti, sta salivando preannunciando gaudente altre incriminazioni contro la Lega. Temo fortemente che l'ipotesi peggiore purtroppo sia quella più attendibile. Del resto abbiano una documentata e solida casistica pluridecennale in questo senso: è un dato di fatto che tutti quelli che si sono opposti al PD/PDS pur vincendo le elezioni sono stati poi distrutti per via extraparlamentare perchè la Lega dovrebbe essere una eccezione?
Scarth

Nessie said...

Ciao Scarth,
ben ritrovato. Anche secondo me, le ammuine e moine dei Pentastalle hanno l'aria di essere goffe esecuzioni di precisi ordini di scuderie finanziarie. Del resto, sta a dimostrarlo la mossa repentina di Tontinelli. Quando mai un morto de sonno come lui, si permette di togliere le deleghe ex abrupto senza consultare gli alleati, a un prezioso collaboratore del suo dicastero?

Poi, certo, ci sarà anche la loro campagna elettorale e i loro interessi di bottega. Ma queste mosse hanno l'aria di essere state suggerite altrove.

Anche a me il viscido Bercoglione, fa ancora più schifo della coppia di satanassi americani.

Nessie said...

Qui un'analisi geopolitica di Federico Dezzani sul Leviatano anglo-americano che giocherebbe a destabilizzare lo Sri-Lanka colpevole di aver intrattenuto relazioni troppo strette coi cinesi:

http://federicodezzani.altervista.org/sri-lanka-pirateria-lungo-la-via-della-seta/

Anonymous said...

Subito dopo aver commentato ho visto che anche Blondet ha scritto un articolo in merito e anche lui pare molto pessimista:
https://www.maurizioblondet.it/
... speriamo di sbagliarci perchè dopo altri quattro anni di PD/M5Str/Draghi non ci resterebbero nemmeno le ossa...
Ho poi sentito un pezzo di conferenza stampa di Salvini, sarà una mia impressione indotta dai pensieri che ho manifestato ma mi è sembrato piuttosto stanco, giù di tono rispetto a qualche settimana fa; non è un buon segno.
Scarth

Nessie said...

In pratica Salvini non l'hanno fatto riposare nemmeno durante la settimana di Pasqua. Poi, prova un po' tu a essere socio di minoranza in mezzo ai servi pentastallatici. Secondo me, gli converrebbe seguire comunque il consiglio di Becchi. Volete la "fusion piddiota"? Pigliatevela, ma sarà la vostra FINE.

Anonymous said...

Il consiglio di Becchi come punto centrale prevede che per quattro anni la Lega resista intatta ad ogni assalto "extraparlamentare" come quelli che hanno disintegrato per esempio Berlusconi cosa di cui dubito molto fortemente visto come è sempre andata. Senza contare che noi sudditi, schiavi dovremmo scampare ad altri quattro anni piddini. Roba da incubo...
Scarth

Nessie said...

Ma che dici Scarth? L'hai letta bene la lettera?

Vogliono farti credere di andare avanti così perché i sondaggi sono a tuo favore, affinché al momento del voto arrivi una bella e inaspettata legnata. Lo sai, vero, caro amico, di che cosa hanno davvero paura? Hanno paura che tu capisca cosa può farti davvero sfondare, prima in Europa e poi in Italia: far saltare oggi il banco, ovviamente trovando l' occasione giusta per far cadere la responsabilità della crisi sull' alleato di governo. Pensaci, caro amico.

Se cade ora l' esecutivo, potrai passare all' opposizione, e anche se le elezioni nazionali non dovessero essere immediate, lasciare governare per i prossimi anni il M5S insieme al Pd significherebbe la fine dei pentastellati. E intanto, incasserai subito il pieno in Europa, e ti preparerai a sbancare alle prossime legislative qui da noi. Per governare da solo e con un programma autenticamente sovranista.
È prima delle elezioni europee, e non dopo, che hai la mossa da fare. Dopo, potrebbe essere troppo tardi.


Secondo me dice esattamente il contrario. Cioè di non farsi cucinare a fuoco lento come una rana lessa.

Anonymous said...

Voglio dire che per "sbancare alle prossime legislative" bisogna prima di tutto, per la Lega, arrivarci intatta. E' questo che mi pare MOLTO irrealistico se davvero è in atto un nuovo "1992" Leghista. Non ci metteremo molto a vedere se sarà così.
Ho letto l'articolo di Dezzani che hai segnalato; per quel che ci riguarda, non so coincide con l'accordo con la Cina o altro ma da qualche settimana, mi sembra che il presunto "amico" d'Oltreoceano di Salvini, abbia cambiato cavallo come si è visto da certe frequentazioni piddine di Bannon ed anche con la Libia dove Trump si messo al fianco di Macron. Magari anche da questo si potrebbe sospettare che la Lega sia stata scaricata con brutta fine assicurata.
Scarth

Nessie said...

Scusa Scarth, ma in questi frangenti l'esperienza insegna che la peggior cosa è l'immobilismo. Se Salvini non agirà tempestivamente, allora saranno gli altri a farlo contro di lui. Occorre battere il ferro finché è caldo.

Anonymous said...

Su questo sono d'accordo. Qualcosa, qualche tipo di strategia più efficace la devono studiare. Per ora lui e la Lega sembrano solo incassare i colpi. E in effetti nella conferenza che ho sentito ha proprio detto che come Lega hanno scelto di non rispondere agli attacchi dei grillini. Vediamo se arriva qualche altra mazzata di quelle che piacciono tanto a Il Fatto. Se arriva, purtroppo, è la conferma inequivocabile che è partita davvero l' "operazione annientamento" e non è solo strategia elettorale dei 5Str... che di per sè fa comunque schifo.
Scarth

Nessie said...

Non direi. Guarda che bello scacco matto ha dato Salvini sul decreto Salva-chiappe- della Raggi:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/salva-roma-cos-salvini-ha-fregato-maio-1683837.html

Angheran70 said...

Il consiglio di Becchi sembra saggio ma è una litania che tanti giornali anche a destra pretendono di elargire a Salvini tanto per vendere quattro copie in più e omaggiare qualche politicante intento a superare la soglia di sbarramento. Sono gli stessi secondo i quali il governo non sarebbe nemmeno dovuto nascere. Se è vero che fidarsi dei sondaggi è rischioso è anche vero però che i numeri possono essere diversi anche in senso positivo. Chi ci dice che ad esempio la Lega non sia fortemente sottostimata e il PD tenuto a galla sempre oltre il 20% dalle agenzie compiacenti? Si spiegherebbe così il fermento giudiziario che il M5S è costretto a cavalcare per recuperare qualcosa sull'elettorato più giustizialista, ben sapendo però che i numeri per il salto della quaglia non ci sono. Sono appunto scene già viste sotto elezioni ma proprio per questo non si può trascurare il fatto che l'elettorato sia un pochino più smaliziato di quanto i soloni accademici credono.

Nessie said...

E' certo che il fermento giudiziario di questi giorni sta a dimostrare che da quelle parti sono ben più al corrente di noi sull'indice di gradimento di Salvini. E non solo nell'ambito delle procure. Anche nell'ambito mediatico. Proprio oggi Belpietro sullaVerità ha scritto un editoriale al vetriolo sul "vizietto dei giornali per far fuori i politici non graditi". E pare che la cosiddetta intercettazione che accusa Armando Siri di essersi fatto corrompere con i 30.000 euro, non esista.
Il Corriere (che ha ben 13 banche nel suo direttivo) l'ha sparata grossa in prima pagina e tutti gli altri giornali gli sono andati dietro a ruota. Siamo conciati che i media mainstream celebrano direttamente i processi dalle loro colonne e alla faccia dello stato di diritto!

Nausicaa said...

La responsabile del Corriere della Serva è la solita Fiorenza Sarzanini, già in fama di forkaiola e di manettara giudiziaria di prim'ordine. Nel fascicolo in oggetto manca l'audio e la notizia della cimice messa in auto è un evidente tarocco. O se vogliamo una fake-news il cui monopolio sta proprio nelle mani della stampazza di regime. Molto spesso sono alcuni magistrati ideologizzati che si servono di queste serve scribacchine per confezionare e dare corpo al teorema. Che schifo!

Nessie said...

Nausicaa, di solito le procure (e con esse i loro pennivendoli) rilasciano e assolvono i politici poco graditi SOLO quando li hanno disattivati politicamente. Vedi il caso Cota, per lo "scandalo" (inventato) delle mutande verdi. Quel poveretto fu prosciolto da ogni accusa, ma intanto la Regione Piemonte se la riprese in mano Chiamparino del PD. Solita via giudiziaria al comunismo piddiota & affine!

Perciò la parola d'ordine che Salvini deve adottare è RESISTERE RESISTERE E RESISTERE! Ma non arretrare MAI, manco di un millimetro! Siri deve rimanere al suo posto. E Di Maio in veste finiota (oggi è andato con la brigata ebraica a fare il 25 aprile) prima o poi dovrà capitolare per incapacità manifesta.

Angheran70 said...

Lol , paragone quanto mai azzeccato, Nessie. Oggi Giggino - sempre tramite Corriere - ci informa pilatescamente che sarà Conte a far dimettere Siri..Insomma vuole mantenere la minaccia pur sapendo che può trasformarsi in un coltello che cade da prendere al volo. Può darsi che gli vada bene e che su Siri sia pronta altra roba o che il tutto si riveli un clamoroso flop in piena campagna elettorale , come teme la base. Giggino Giggino , molla il Corriere e apri gli Atti degli Apostoli, chissà che non ti si accenda qualche lampadina..

Jacopo Foscari said...

In teoria sarei d'accordo con Becchi ma c'è un problema. Nel 2022 si vota per il presidente della repubblica. Ora, personalmente, mi sarei pure stufato di avere al Quirinale sempre le solite mummie de sinistra. Se cade il governo e non si va a votare rischiamo di ritrovarci al Quirinale per sette anni Draghi, la Bonino o un altro della nota banda e allora col cavolo che si esce dall'Euro con uno della banda al Quirinale. Ecco, è uno scenario che francamente vorrei evitare.

Nessie said...

Angheran, ultimamente la specialità di Giggino o' Sarracino bellu guaglione ( copyright Carosone) è quella di saltabeccare da un talk show all'altro e di inviare lettere e concedere interviste da guest-star al CorServa.

Nessie said...

Jacopo, in effetti mi paralizza non poco, dover avere tra le scatole ancora tre anni di Mummia Sicula. Non vorrei che ci fosse una proroga come è avvenuto per Bella Napoli. Hai sentito il suo discorso per il 25 aprile? In pratica ha allungato il brodo passando dall'antifascismo, al razzismo, alle discriminazioni senza dimenticare la stoccata finale anti-Salvini secondo cui è inutile rifugiarsi nella sicurezza e nell'ordine pubblico se non c'è libertà. Eh già: e difatti loro di "libertà" ce ne stanno garantendo tanta! Da quando c' è la Ue, poi non ne parliamo.

Nessie said...

@ tutti. Questo pezzo di Marcello Veneziani sulle sette ragioni del perché non festeggia il 25 aprile è imperdibile:

https://www.marcelloveneziani.com/articoli/perche-non-celebro-il-25-aprile/

Anonymous said...

Per "Loro" la "libertà" è quella di essere TOTALMENTE e SEMPRE d'accordo e allineato con "Loro". Se hai opinioni diverse sei, se ti va bene, un povero scemo, se ti va male un pazzo, un fascista, nazista, mafioso, criminale da fermare con ogni mezzo. Non è una teoria: ce lo vediamo sbattuto in faccia ogni minuto a mezzo "stampa" e "istituzioni" dal 1992 nonchè da legioni di fanatici di regime che pullulano ovunque. Con un concetto di "libertà" del genere mi sa che sono molto più liberi (senza virgolette) in Corea del Nord.
Qualche giorno fa da Blondet c'era un bellissimo articolo intitolato più o meno "Guarda chi NON puoi criticare e capirai chi comanda veramente". A questo proposito come prova del nove vediamo che ci possono essere ripetuti e pubblici inviti ad assassinare il Ministro degli Interni (che è anche un essere umano) senza che nessuna delle innumerevoli istituzioni dedite alla repressione del pensiero e delle opinioni abbia a che ridire. Come per esempio viene considerato, con i fatti, legittimo aggredire fisicamente sedi e attivisti della Lega.
Scarth

Nessie said...

Quoto, ovviamente. E aggiungo che nella compagine governativa la Lega è quella più sotto attacco. Perché? Perché a differenza dei fankazzisti parolai dei 5 stalle, mantiene quel che promette. Oggi (nonostante i distinguo del Mozzarella) ha portato a casa la legge sulla legittima difesa.

Jacopo Foscari said...

"Non vorrei che ci fosse una proroga come è avvenuto per Bella Napoli"

Pensa un po' quanto sono calcolatori. La proroga di Bella Napoli è servita a fare in modo che

A-Il successore di Bella Napoli fosse uno della loro banda

B-Fare in modo di avere ben 4 anni di coabitazione di Mattarella con una maggioranza teoricamente ostile

Se non avessere prorogato di due anni Bella Napoli, Mattarella ce lo saremmo tolto dai coglioni il prossimo anno, invece dobbiamo sorbirci questa sfiancante coabitazione per altri tre anni. Noto comunque, a prescindere dal discorsetto del 25 Aprile, come Mattarella sia sempre vigile con questo governo e vagli attentamente ogni singola virgola. Chissà come mai però non mostrava questa perizia quando al governo c'erano gli amici suoi. Comunque più che un Mattarella bis temo che, in caso di inciucio, ci rifilino direttamente Draghi o la Bonino o chi per loro. Insomma, sempre qualcuno fedele alla banda che non ci farebbe uscire dall'Euro manco con le cannonate. E ce lo dovremo tenere per sette anni. Ecco, io questa prospettiva la vorrei evitare, e lo scenario evocato da Becchi invece causerebbe un Quirinale ancora fedelmente piddino per altri sette anni.

Nessie said...

Becchi o non Becchi sarà ben difficile che ci daranno un volto umano per presidente.
In Italia e secondo la ns. costituzione il PdR sembra un taglia-nastri, ma in realtà è capo delle Forze Armate e capo supremo della Magistratura. E ti par poco?
Meglio un presidente eletto direttamente dai cittadini che è costretto a metterci la faccia di un perfido tessitore di manovre quirinalizie.

Nessie said...

Libero spara numerose cazzate, ma non vorrei che stavolta sulla Mummia canuta ci azzeccasse:

https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13456160/sergio-mattarella-retroscena-quirinale-crisi-europee-governo-tecnico.html

Angheran70 said...

Ma figuriamoci Governo del Presidente affidato a "Lurch" Cottarelli, le stesse cose che scrivevano durante le consultazioni.. Conte dalla Cina fà la voce grossa "So come far scollare Siri dalla poltrona" testuale. Nel frattempo un ragazzo di 16 anni albanese con ferita da arma da fuoco abbandonato davanti al Pronto Soccorso del Gemelli. Ma si rendono conto in che pianeta vivono?

Alessandra said...

Ciao Nessie!
Ora spuntano le intercettazioni “ambientali”.
Mi pare che Siri debba essere fatto fuori a tutti i costi. Conte si è attribuito il ruolo di giudice inappellabile, quindi staremo a vedere, ma dubito voglia far correre a Di Maio il rischio di fare una figuraccia, specie prima delle elezioni.
Sulla festa della propaganda rossa, tutto ciò che ne penso si trova espresso alla perfezione nell’articolo di Veneziani.
Mi chiedo per quanto tempo ancora dovremo ribadirlo.
Ho letto la lettera di Becchi.
Io disarcionerei volentieri i pentastellati se ciò non volesse dire consegnare il resto della legislatura a un governo Draghi o 5S-PD con l’apporto di FI (la prima ipotesi non esclude l'altra).
Sarebbero 4 anni esiziali per i 5S, ma anche per noi.

Nessie said...

Angheran, Cottarelli certamente no. E' stato bruciato durante la trattativa per formare il primo governo dopo il 4 marzo 2018. Ma l'opzione Draghi sostenuta da una diarchia PD-Pentagrulli è un'ipotesi plausibile (vedi commento sottostante al tuo di Alessandra).

Nessie said...

Ciao Alessandra. A Conte come avvocato imparziale ci credo poco. E' chiaro che cercherà di tirare acqua al mulino pentagrullo. Però è anche vero che la posizione OTTUSA e isterica di Di Maio, rischia di essere un boomerang. E Conte sembra meno fesso di O' Sarracino (ci vuole poco).
Già che siamo in tema, però, non mi è piaciuta la sua posizione sulla Libia (né con Haftar né con Al Sarraj):

https://www.corriere.it/esteri/19_aprile_26/italia-ne-sarraj-ne-haftar-2258f754-6863-11e9-9924-a3f7289eca7e.shtml

Nessie said...

A proposito di Stalle da disarcionare, guarda un po' qui. Mi sa che via di questo passo, dovremo scegliere tra Draghi e gli islamici: è troppo!

https://voxnews.info/2019/04/27/sindaco-la-candidata-velata-del-m5s-foto-choc/#respond

Alessandra said...

E sarebbe quello il cambiamento?
Se in futuro dovessero prevalere gli islamici, anche Nugnes, Fattori, Ferrara nonché le altre sinistronze fanatiche dell'accoglienza si ritroveranno conciate come quella signora, dentro o fuori un'aula istituzionale ... di certo non verranno risparmiate perché sono state "tanto buone".
Ma figurati se lo capiscono.

Nessie said...

Se la scelta deve ricadere su un governo tecnico Draghi e le 5 Stalle islamiche, non ci resta che confidare nell'eterogenesi dei fini. E che vada come vada. Non possiamo nemmeno azzardare un qualche tatticismo in stile "nel paese dei ciechi beato a chi ha un occhio", perché qui di occhi non ce ne sono più. Nemmeno uno. Scusate il pessimismo.

Angheran70 said...

Sì , d'accordo ma la domanda resta sempre quella delle consultazioni, poi chi lo vota in Parlamento il governo tecnico? Il M5S con PD e FI? Bene, staccano la spina prima delle Europee? O subito dopo aver visto i voti reali? Puoi anche far saltare questo esecutivo , fare il ribaltone e appoggiare un governo tecnico (già viene da ridere) ma prima o poi si torna al voto e il movimento dovrebbe gestire la responsabilità di averlo fatto cadere..Sono tutti bluff disperati da parte di chi ha sullo stomaco questo esecutivo e spera che uno dei due contendenti ascoltando qualche pifferaio magico faccia una cazzata (e perdonami ma tra i pifferai ci sono anche i cristianisti che si scandalizzano per un velo dall'alto del loro paganesimo). Conte oggi dice che non si ergerà a giudice , ma come ieri non aveva emesso la sentenza con relativo accompagnamento coatto di Siri? P.S. Su La7 Il ragazzo albanese ferito è già diventato "la prima vittima della legittima difesa". Speriamo ovviamente che si salvi , sul resto stendiamo un velo pietoso e Buona Domenica in Albis

Nessie said...

Domande più che legittime e pure razionali, le tue. Ma il problema è che oramai pure la razionalità e ragionevolezza di questi tempi sono diventate merce rara. Del resto, come saprai, basta fare una legislatura per aver diritto al vitalizio. E per chi ha vinto la lotteria di Capodanno senza nessun altro particolare merito se non quello d' essere stati designati on line (parlo dei 5 stalle), è pur sempre tanta roba.

Buona Domenica in Albis anche a te.

Anonymous said...

@Angheran70: se l'intendimento già pianificato e in atto è quello di far la festa a questo Governo con un ribaltone (i voti in Parlamento li hanno) è molto realistico pensare che non si andrà alle urne prima di quattro anni cioè a fine legislatura. E sono quattro anni che consentirebbero agevolmente di smaltire sia l'eventuale ( ma non scontato ) malcontento della base grillina che l'attuale 30% di cui la Lega è accreditata nonchè di radicarsi perpetuamente al potere. Vista l'aspetto giudiziario, purtroppo, non credo più si tratti di sola strategia elettorale a parole dei 5Str... ma di un qualcosa di ben più articolato e letale. Probabilmente il M5Str... con la strategia di pesante aggressione contro la Lega scattata all'improvviso un mese fa sta cercando con ogni mezzo di indurre alla rottura la Lega per non fare la figura dei voltagabbana o sta cercando di costruire la scusa "giusta" per saltare il fosso. Mi immagino sarebbe perfetta quella adatta a tutte le stagioni del "Non possiamo governare con i mafiosi e i fascisti bla bla bla" tra gli applausi e il sostegno dei giornalazzi di regime con annessi Poteri Globali di ogni sorta.
Secondo me è questo le scenario da incubo che Lorsignori hanno messo in atto a mezzo M5Str... Tra l'altro il classico scenario su cui la Lega non ha alcun potere nè alcuna possibilità di sottrarsi.
Scarth

Nessie said...

Sono d'accordo sul contenuto della tua replica ad Angheran. E la tesi di Fusaro delle semplice strategia elettorale, non mi convince affatto e mi sa pure di depistaggio. Piuttosto di Fusaro arrivo a prendere in considerazione la tesi del massone Magaldi. Complottista finché si vuole, ma che Di Maio sia un "wannabe" che lavora in vista di una loggia in cui accasarsi in vista del tramonto delle 5 Stalle, ci potrebbe anche stare:

http://www.libreidee.org/2019/04/magaldi-giu-le-mani-da-armando-siri-e-dai-suoi-giudici/

Nessie said...

PS: ovviamente nel pezzo di Magaldi occorre fare la tara sui giudici e la magistratura, da sempre regno della massoneria. Lì, non c'è proprio niente da salvare.

Jacopo Foscari said...

Sarò insistente sul punto, ma un governo PD-M5S è da evitare a tutti i costi perché produrrebbe un presidente della repubblica della solita cordata, tipo Draghi o chi per lui. La cosa che davvero manda ai pazzi l'elite è la possibilità che tra tre anni possa esserci un Quirinale de-piddinizzato per la prima volta dopo 25 anni. Il PD ha sempre avuto nel Quirinale il suo fortino che gli permetteva di governare anche quando era all'opposizione. Se si sceglie la strada indicata da Becchi, ci becchiamo un altro trombone della banda al Quirinale per altri sette anni, rendendo perfettamente inutile una eventuale vittoria elettorale successiva. Il Quirinale va espugnato perché senza quello sarà impossibile fare qualsiasi cosa di realmente rilevante. Basti per esempio pensare a come Mattarella è riuscito ad annacquare la legittima difesa. Ergo se Salvini vuole mollare la poco amata sposa napuletana deve essere certo al 100% di avere i numeri per andare subito al voto, sennò ci ritroviamo di nuovo un trombone piddino al Colle che, anche in caso di governo di destra, mette i bastoni tra le ruote su tutto e non ci fa uscire dall'Euro manco sotto le bombe. Piacerebbe anche a me un presidente democraticamente eletto, ma purtroppo non possiamo e non mi sembra che questa maggioranza parlamentare abbia questa riforma nel programma.

Nessie said...

Infatti no, non c'è nel fatidico contratto. Sono d'accordo che il pesce puzza sempre dalla testa e che espugnare il Quirinale, sarebbe la conditio sine qua non per la governabilità. Poi c'è dell'altro da fare: una drastica riforma della magistratura.

Io conto molto sulla Meloni che è in crescita e che potrebbe ( anche se non subito) far pendere gli equilibri per una nuova destra.
Guarda che Draghi lo temiamo tutti. Detto ciò, non vorrei che i poteri forti infiltrassero i 5 stalle al punto tale da avere pure i candidati islamici, la liberalizzazione delle droghe, l'eutanasia e via delirando:

https://voxnews.info/2019/04/27/sindaco-la-candidata-velata-del-m5s-foto-choc/#respond

Nel tal caso ci obbligherebbero a dover scegliere tra lo straccio e il cencio. Non so se mi sono spiegata.

Nessie said...

Per cominciare mi pare che lo scrollone di Salvini sull'autonomia del Nord sia una buona risposta alle Stalle del Mezzogiorno:

https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13456614/matteo-salvini-blitz-prima-voto-europee-autonomie-argina-maroni-zaia.html

Ora O' Sarracino protesta perché secondo il suo alto pensiero, non devono esistere regioni di serie A e regioni di serie B.

Certo! in primis per colmare il divario è bene che ciascheduno impari a grattarsi con le sue unghie. Vediamo un po' da quelle parti che sanno fare.

Anonymous said...

Se volete ascoltare ecco un ulteriore indizio che con tutta probabilità non si tratta di un isolato attacco per fini elettorali ma qualcosa di strisciante e molto strutturato che prende forma visti i soggetti "organici" in campo come in tutte le precedenti "operazioni":
https://www.youtube.com/watch?v=vYI-rci1yOo
In questo caso è L'Espresso a insinuare. Direi che ci sono tutti i componenti per la pozione letale. Che è sempre stata letale.
Scarth

Nessie said...

Scusa Scarth, ma ne ho sentito metà senza più osare proseguire. Il letamaio preelettorale non mi piace e ormai ben sappiamo che da qui alla data delle europee ne sentiremo ogni giorno di tutti i colori. Del resto sappiamo a chi è in mano l'Espresso-Repubblica.

Jacopo Foscari said...

Certo, il femminiello partenopeo ha ragione, niente regioni di Serie A e di Serie B, quindi tutte e venti le regioni adottino seduta stante lo statuto della regione Sicilia. Dite che il femminiello partenopeo è d'accordo?

Nessie said...

In questo momento Gigggino il femminiello è su streaming e ce l'ha con le provincie. Questa menata della loro decrescita felice mi sta proprio sulle cosiddette. Non saranno state gestite al meglio, ma da quando sono state tolte, il risultato è che non ci sono più i referenti per scuole, strade, viabilità, ospedali ecc... Tutte le piccole realtà non vanno mai eliminate. Questo vale anche per i piccoli ospedali sempre in procinto di chiusura. Non ti dico quante firme ho messo per mantenere i presidi sanitari piccoli.

Jacopo Foscari said...

La verità è che le province non sono mai state abolite, è una delle tante palle sparate da Renzi. Le province sono vive e lottano insieme a noi, solo che non possiamo più eleggere il presidente e i consigli provinciali, ma se li eleggono tra di loro i sindaci. Certo, c'era stato un abuso nella creazione di province insulse e assurde, ma allora bastava ridurne il numero abolendo tutte quelle create dopo il '46.

Anonymous said...

Io conto molto sulla Meloni
FdI è stata "lanciata" 3 mesi prima delle elezioni del 2013 allo scopo strategico di "succhiare le ruote" alla lega e quella è ancora la sua "mission".
Dopo lo smascheramento del ruolo da gatekeeper dei 5S ,le elezioni europee si giocano solo su quanti voti prende la lega: sotto un certo livello (30%) avremo la troika sopra no , chiunque prenda il restante 70% , semplicemente perché il 30% è un "blocco elettorale" impossibile da sterilizzare con qualunque manfrina di " palazzo" , salvo ovviamente impadronirsi del gruppo dirigente come è stato sempre fatto in italia ( e in europa) con i grandi partiti di massa a partire dalla fine degli anni '70.

Silvia said...

"il 30% è un "blocco elettorale" impossibile da sterilizzare con qualunque manfrina di palazzo" Condivido in toto: i giochini di prestigio non possono essere ripetuti, perlomeno non sempre uguali. Inoltre pochi sembrano ricordare che la "manfrina di palazzo" che nel 2011 porto' alle dimissioni di Berlusconi al governo tecnico di Monti fu possibile grazie anche alla complicita', non si sa bene quanto "estorta", della vittima stessa. Uno scenario post-europee con la Lega al 30% e un ulteriore calo di 5 stelle e piddini renderebbe quanto mai impervio ogni tentativo di imporre un governo del presidente... a meno che lorsignori siano decisi a far cadere definitivamente la maschera, ma in questo caso si aprirebbero scenari cupi, violenti e imprevedibili non solo in Italia.

Nessie said...

"succhiaruote" o non succhiaruote, la legge elettorale è stata fatta per favorire alleanze, caro ws. Da soli non sono riusciti a raggiungere alcun traguardo nemmeno i grillazzoni nella loro fase pimpante. Ormai alle spalle.

Ti si riconosce anche quando non firmi, perciò, tanto vale, firmarsi. Sennò ci fai la figura del troll.