12 January 2019

Quel che i media d'Oltralpe (e italiani) non dicono sui Gilet Gialli





Pare impossibile che possano accadere tutte queste brutalità mascherate dal felpato Rothschild Style di Micron. Prelevo questo messaggio dei Gilett Gialli dal sito di Blondet e rilancio. Più siamo informati di quanto i media d'Oltralpe e di casa nostra,  non ci  dicono, meglio è. L'unico mio beneficio del Dubbio è: 

1) speriamo che non vengano infiltrati
2) speriamo che non inizino le solite divisioni, diaspore e frazionismi
3) speriamo che non ci sia dietro qualche mente sopraffina che si mette alla testa di una nuova rivolta che poi si rivelerà magari tarocca e fasulla.

Frattanto ecco una buffonata vera a 24 carati: Farsa Italia fa indossare i Gilet Azzurri ai suoi a libro paga del Gano di Arcore. E si replica il 27. Brrr...che paura! Che ragazzacci antisistema, questi Farsitalici!

Messaggio dai Gilet Gialli


SUSANNA PACCIONE:
Buongiorno, vi scrivo dalla Francia dove sono immigrata dall’Italia nel 99. Sono una delle portavoci dell’insurrezione dei gilets jaunes, in Dordogna. Abbiamo bisogno del vostro aiuto, dell’aiuto di tutti. Dico insurrezione perché non si tratta più né di movimento né di manifestazione sociale, questi stadi sono già superati da un pezzo. Abbiamo a che fare con un potere esecutivo sordo ad ogni rivendicazione e che tenta di risolvere un problema politico con la repressione violenta. Contiamo oramai più di mille feriti e 12 morti, centinaia di gente arrestata, tribunali in panne e non molliamo. Sabato prossimo, verremo trattati come hooligans, ritireranno fuori i blindati e continueranno a picchiare selvaggiamente vecchi e donne, a ferire mortalmente liceali, a gasare bambini. Questo mio post serve a far passare un solo ed unico messaggio : La violenza di cui vi fanno parte i media francesi é diventata disgraziatamente l’unica risposta umanamente possibile di fronte alla reazione del governo. Questo post é una bottiglia gettata in mare, spero il messaggio sia colto, letto e capito. Sono incaricata dal mio gruppo di contattarvi oltralpe per trasmettere quella realtà che tentano di nascondere senza alcuna vergogna. Resto a vostra disposizione per altri chiarimenti, testimonianze, prove irrefutabili. Grazie

Abbiamo iniziato ad occupare, ognuno nel proprio villaggio o città un punto nevralgico perché il governo aveva deciso di aumentare la tassa sulla benzina per finanziare la transizione ecologica, il che non era vero. Insomma, Macron ha mentito e ha iniziato ad essere insultante ( siamo ignoranti,fumatori di sigarette che circolano con macchine inquinanti). La realtà è che sono mesi che ingoiamo rospi mostruosi (regali di milioni di euro a chi non ne ha bisogno e un trattamento fiscale allucinante per i più demuniti). Dunque abbiamo continuato a ritrovarci, a parlare tra noi e con le persone che passavano. Ci siamo resi conto che la popolazione era ai ferri corti. Anziani costretti a lavorare a 73 anni, madri che decidevano di non scaldare più la casa per comprare cibo piuttosto che elettricità… vi passo i dettagli, si piangeva ogni giorno davanti a situazioni insostenibili. Il 24 novembre molti di noi sono montati a Parigi. Pensavamo che sarebbe stato sufficiente essere numerosi per essere ascoltati. La sera stessa, abbiamo visto i tg mentire senza pudore sulle cifre; eravamo quattro gatti. Quelli che erano montati a Parigi si erano fatti bastonare dai CRS, erano traumatizzati sopratutto le signore di una certa età. Abbiamo preparato l’atto secondo, l’uno dicembre. Stavolta gli anziani sono restati e sono saliti a Parigi gente più giovane. La polizia ha controllato l’identità di chiunque voleva manifestare; chi mostrava i documenti è stato bloccato sui champs élysées come in una fan zone dalla quale non hanno potuto muoversi e quelli che non si sono sottomessi al controllo d’identità, perché non si è mai sentita una cosa del genere per manifestare, sono stati bloccati all’arco di trionfo e si sono fatti massacrare tutta la giornata. a questo punto le immagini violente hanno iniziato a circolare, ma si trattava di gente disarmata, che ha tentato di difendere la fiamma del soldato ignoto cantando la marsigliese, i black blocs fanno cosi?
Il giorno dopo, la gente piangeva per strada, è dura quando ti rendi conto che non sei più in democrazia; gli anziani che avevano già vissuto la resistenza tremavano di rabbia. I liceali hanno raggiunto il movimento due giorni dopo ed è stato un massacro, ragazzini sfigurati, occhi saltati, mani strappate dai flashball. Macron ha dato ordine di sparare sul suo popolo. Con la collaborazione delle televisioni che non fanno altro che diffondere immagini troncate. In sostanza, qui ci si chiede perché un governo che deve per forza conoscere le vere cifre dei simpatizzanti al movimento ( e siamo migliaia) tenti di provocare a tutti i costi una reazione violenta. Il 31 dicembre i suoi auguri di fine d’anno si sono ridotti ad un insulto deliberato verso la popolazione, trattandola di folla piena d’odio. Il punto è che ora la gente è veramente fuori di sé, ma vi assicuro che questo è il triste risultato di settimane di maltrattamenti e violenze, insulti e umiliazioni. Abbiamo in nostro possesso decine di filmati che confermano cio’ che vi scrivo. I prefetti hanno ordine di fare sparire tutto cio’ che c’è di giallo dalle strade, i porta voce come me si fanno imbarcare tutti i sabati senza ragione, gli avvocati si fanno trascinare fuori dai tribunali dalla polizia, siamo tutti schedati da novembre ed il prossimo sabato si annuncia una carneficina, lo so che è dura da credere, siamo i primi a svegliarci tutte le mattine sperando che non sia vero. c’è modo di diffondere la nostra testimonianza in altro loco perché sti maledetti 2000 caratteri non bastano!
per favore!

Sabato, giorno di S. Modesto 

20 comments:

Anonymous said...

It's really a cool and helpful piece of info.
I am glad that you just shared this useful information with us.

Please stay us up to date like this. Thanks for sharing.

Massimo said...

La testimonianza, ove corrispondesse al vero, rappresenterebbe la certificazione che l'unione europea è sovietica anche nelle modalità di comportamento. Dico unione sovietica europea, perchè Micron altro non è che il legato di Bruxelles come lo sono gli euro cattocomunisti italiani (da Renzi a Tajani). Il "se" è d'obbligo perchè ogni testimonianza di parte è sospetta. Sicuramente la stampa non riporta la verità dei fatti e sugli scontri, ma i gilet gialli hanno anche loro motivo per adulterarla al fine di acquisire sostegni. Vedremo, in fondo in Francia hanno già tagliato la testa ad un re ...

Nessie said...

La Ue (EU, per la lingua inglese) altro non è che un EURSS già anche nella nomenclatura. Ci sono Commissiari (euroKomissar),, c'è la Troika, una Duma dove si ha diritto di parlare solo per 10 minuti una tantum. E i "tecnici" visti come la panacea alla malapolitica. Anche Lenin e Trotsky sostenevano una curiosa tesi analoga, sostenendo che i "tecnici" fossero un rimedio alla politica considerata "scienza borghese". Tout se tient.
Niente di più facile che ci siano abusi violentissimi come quelli riportati nel resoconto, nel nome di questa insana utopia, che deve essere realizzata ad ogni costo.
Non dimentichiamo che nel Trattato di Lisbona (che nessuno ha letto perché è di 280 pagine
volutamente incomprensibili) è prevista una repressione violenta con licenza di uccidere nel caso di "disordini" che possano compromettere questo nuovo sol dell'avvenire.

Da ultimo, i due redattori di questo malefico Trattato sono due socialistoni di provata fede eurocratico-sovietizzante: Jacques Attali e Giuliano Amato.

Entrambi nelle loro interviste si vantano di averlo reso volutamente incomprensibile e di aver previsto la trappola dell'impossibilità di uscirne.

I Gilet Gialli, forse sono una "jacquerie" disperata, ma è probabile che diano seguito a spallate anche più importanti.

Nessie said...

Tanto per rinfrescare la memoria sulla repressione (armata) contro eventuali "insurrezioni e sommosse" anti Ue

https://comedonchisciotte.org/forum-cdc/#/discussion/18211/il-trattato-di-lisbona-e-la-pena-di-morte

Nausicaa said...

Infatti l'ex ministro della formazione Luc Ferry (in odore di amante di Carla Bruni) ha già dichiarato che sarebbe bene per la polizia, sparare ai rivoltosi:

https://sadefenza.blogspot.com/2019/01/politico-francese-ordina-alla-polizia.html

Nessie said...

Lascia che gli sbirri di Micron accoppino qualcuno dei Gilets, poi vedrai che casino elevato al cubo succede!

La Bruni fa parte di quell'entourage di quella gauche au caviar che ha protetto impunemente la fuga di Battisti, povera demente!

L'unica cosa che mi dispiace è non poter dare Battisti direttamente a Bolsonaro. Ora in Italia con le anime ipocrite sinistronze è facile che scatti il "soccorso rosso"!

Giano said...

Il Manifesto rivisto e corretto. "Un cancro (non uno spettro) si aggira per l'Europa; il cancro del comunismo". Non è uno spettro, è un cancro che sta divorando la società. Hanno cominciato, come diceva Gramsci, occupando piccole casematte; hanno proseguito occupando le fabbriche, la scuola, la magistratura, l'informazione, lo spettacolo. Si sono impadroniti dell'Europa. Hanno conquistato perfino il Vaticano, sistemando un loro militante a capo della Chiesa. Da lì sono nati tutti i guai di cui stiamo ancora pagando le conseguenze, grazie all'ignavia, l'incapacità, la vigliaccheria di chi dovrebbe reagire e non lo fa. Per disperazione non ci resta che credere e sperare nella protesta dei gilet colorati.

Anonymous said...

Ma il suo sito di merda lo tiene
ancora aperto? Non si vergogna di
dire simili amenità? bisognerebbe
fare un'esposto per istigazione
a delinquere, ma dato che non mi
abbasso a fare la poliziotta
Kapo' come fa lei con questo poveraccio in fuga da 40 anni, condannato per le accuse di uno
schifoso pentito di stato. La lasciò da sola con la sue frustrazioni.

Marianna.

Anonymous said...

speriamo..
Si speriamo , ma LORO di trucchi ne hanno molti , il più semplice è la divisione, ad esempio in germania adesso sorge molto "opportunamente" un terzo partito " euroscettico" dichiaratamente "nazista". Scommettiamo che la magggistratura tedesca stavolta non avrà nulla da dire ?

Purtroppo l' unico modo per difendersi da questi diavoli è aumentare la coscienza generale dei processi in atto ( da ben due secoli ..), ma LORO hanno tutti i mezzi , tutti i poteri e arriveranno sempre prima dei "nostri eroi".

L' unica cosa che LORO non avranno sarà il potere globale che hanno avuto per secoli, l' " asia" gli sta scappando di mano e non riusciranno in tempo a costruire ne un sistema di " coercizione" , ne un sistema ideologico per "fottere nel cervello" anche gli asiatici.

E sarà la classica fine di tutti i parassiti , LORO si sono così bene " specializzati" sul " cane bianco" che non riusciranno a saltare sul " cane giallo" prima che il vecchio " ospite" muoia del tutto .
l' "asia" ci vendicherà .
ws

Nessie said...

Al troll che si firma Marianna, sostenitrice dell'assassino pluriomicida che si ostina a chiamare "poveraccio" suggerisco di non molestare, poiché la sua si chiama APOLOGIA DI REATO. Se insiste c'è pronta, la polizia postale. L'aria è cambiata cara la mia brigatista e l'Italia sta processando la sua stessa storia.

Nessie said...

Giano, sui gilet gialli siamo abbastanza smaliziati per capire se si tratterà della solita "rivoluzione colorata" ordita dalle oligarchie stesse o di una protesta vera. Ora le cose corrono alla velocità della luce e in breve tempo si saprà. Certo che Macron sta facendo porcherie come questa:

https://www.maurizioblondet.it/in-francia-ha-vinto-la-demokratiaue/

Nessie said...

ws, l'unica consolazione è quella di sapere che il diavolo fa le pentole ma MAI i coperchi. Quanto alla globalizzazione e al governo mondiale messo a regime, esiste sempre l'eterogenesi dei fini.

Intanto invito tutti a leggere il troll che si firma Marianna cosa scrive in supporto di Battisti, nonostante questo non sia un post che abbia per topic, la cattura (per me tardiva) dell'assassino pluriomicida riportato in Italia in queste ore! I lobotomizzati mentali del SOCCORSO ROSSO, sono già entrati in pista.

Anonymous said...

OT: Ecco altri decerebrati, cosa scrivono davanti al Colosseo. Per fortuna ora indaga la DIGOS:

http://www.imolaoggi.it/2019/01/14/striscione-dei-compagni-al-colosseo-battisti-libero-amnistia/

Eugenio

Anonymous said...

C'hai pure la Marianna che ti fa i complimenti. :-) Quelli che "le sentenze si rispettano" hanno cambiato idea ? Gli starebbe bene una buona dose della medicina che amministrano così generosamente ai loro nemici. Non ti preoccupare più di tanto, ma se fossimo in una situazione normale sarebbero questi i reati da perseguire, piuttosto che le opinioni. Verrà anche il loro momento.

IL SAURO

Nessie said...

Purtroppo questo non è ancora un paese pacificato. Ma lo sarà mai? E mentre certa orrenda sinistraglia simpatizzante per il terrorismo pretende sconti di pena per i criminali assassini da una parte, dall'altra vogliono invece mandare in galera chi manifesta opinioni scomode e non organiche a questa Europa. Libertà per i reati, galera per il pensiero non organico.

Anonymous said...

Ciao,scusa il ritardo,ma l'ho visto soltanto adesso e mi è venuto in mente questo tuo post che ho letto giorni fa.
P.S. Non "posto" più da anni, ma ho sempre continuato a seguirvi.
Buon 2019 a te e a tutti quelli che seguono il tuo blog.


https://www.youtube.com/watch?v=XPbC2bqF6Z0

Anonymous said...

L'Italia è quella che è, ma le minacce vengono dalla Francia. E secondo me in Francia hanno qualche problema a distinguere la Marianne dalla Marie Antoinette. Ci penserà Ms. Guillotin a fare chiarezza come sa fare solo lui. :-)

Il SAURO

Nessie said...

Ti ringrazio per gli auguri, caro anonimo, ma se mi dicessi chi sei, mi faresti cosa gradita.
Certamente hai l'aria di essere una vecchia conoscenza :-)

Nessie said...

Sauro, in Francia hanno anche qualche problema a distinguere le Premières Dames, dalle sgualdrine. Pare infatti che la ex Première Dame, dopo aver frequentato assiduamente la gauche au caviar, abbia fatto armi e bagagli, trasferendosi nella droite (altrettanto au caviar) dell'UMP.

Una curiosità. Suo padre imprenditore della CEAT si trasferì in Francia con la famiglia e le bimbe ancora piccole, per sottrarsi ai rapimenti e alle esecuzioni spietate delle BR, ma poi la figlioletta subì il fascino brutale del brigatista. O del "proletario per il comunismo".

Nessie said...

PS: carino il video del vecchio amico! A questo punto devi dirci chi sei.