14 January 2013

Gli stupri etnici hanno sconti di pena

Ultimamente la cronaca finanziaria ha preso il sopravvento sulla nera che pure registra sempre più fatti raccapriccianti. Forse perché anch'essa si tinge di nero. Ma voglio tornare ai fattacci della classica "nera", come si dice nello slang giornalistico, sempre più frequenti nelle nostre città. E' bene non dimenticare un postulato cardine: la libera circolazione degli uomini, delle merci e dei capitali, la disomogeneità delle nazioni mediante l'ingresso massivo di stranieri è voluta come ha affermato Peter Sutherland (rappresentante per la Ue di politiche migratorie) ; è  cercata,  è spinta e incoraggiata.
Esproprio è la parola chiave che regola tutte le azioni degli oligarchi. E nell'esproprio ci sono rapine nelle nostre case (siano esse ville, villette o appartamenti), omicidi, furti, vandalismi e stupri. Esproprio di beni, esproprio delle nostre vite, esproprio della nostra incolumità e sicurezza, esproprio della nostra rispettabilità...Sempre di esproprio trattasi, seppur sotto le più svariate forme. 

Mi soffermo sul recente episodio di cronaca avvenuto nella bergamasca. Purtroppo Bergamo, Brescia e il Nord-est sono diventati un vero e proprio Far West (mi si perdoni la rima). Uno di quei "nuovi italiani" che tanto piacciono a chi fa proprie le politiche mondialiste (vero Bersani? vero Monti? vero Riccardi?) , un kosovaro di cui la cronaca de Il Giornale si rifiuta di fornire generalità se non di questo genere ("Il cittadino di origine kosovara, 32enne da tempo regolare in Italia, è stato arrestato poco lontano da dove, secondo le accuse, avrebbe compiuto la violenza sessuale ai danni della ragazza"), ha violentato una giovane donna di 24 anni incinta. I cronisti vil razza dannata, come si vede sbattono mostri in prima pagina quando li devono fabbricare bell'apposta ma soprattutto, quando trattasi di nostri connazionali. Sbattono intercettazioni  telefoniche private in nome del "diritto di cronaca" e viceversa occultano dati, quando il mostro e l'orco è  straniero, è reale e in carne ed ossa . L'Eco di Bergamo a differenza di altri giornali, riporta comunque che si chiama Vilson Ramaj. Il fatto è che una giovane donna incinta , è stata stuprata da costui rinviato semplicemente ai "domiciliari".
Avete notato poi che quando lo stupratore è straniero le femministe, automaticamente tacciono? Ora si riempiono la bocca addirittura di nuovi neologismi onusiani come "femminicidio" , ma se il violentatore è allogeno allora praticano lo zittificio più omertoso. Il perché è facile da capire. Il movimento femminista "Se non ora quando" e in passato la manifestazione  nazionale contro "il violentarore domestico" "Usciamo dal silenzio", furono promosse dai vertici femminili della CGIL e per chi non lo sapesse, la Camusso è una veterofemminista, la quale in un'intervista al Corriere di molto tempo fa ebbe palesemente a dichiarare che i "migranti" non si toccano. Se di mostri s'ha da parlare, è d'obbligo che siano "caserecci" e vivano "in famiglia". E anche questo non è un caso.
Idem per la magistratura. Ormai non si contano più gli esempi di "relativismo giudiziario" e di "discriminazione positiva" a favore degli allogeni penalizzando gli autoctoni. Per non dire di palese xenofilia che marcia di pari passo con la sottrazione della nostra dignità nazionale e di totale perdita di sovranità, di tranquillità, di sicurezza, di controllo del nostro territorio. L'ultima della serie è stata l'assoluzione piena di stranieri che devastano i centri d'accoglienza (CIE) . Assolti, perché vivevano indegnamente. Ah sì?
Ne avremmo noi Italiani così di sommosse e di rivolte da fare perché ci stanno facendo vivere "indegnamente"! E per alcuni studenti che hanno preso parte alla manifestazione contro Monti, il fermo e la galera è scattata eccome. Ovvio che se lo stato latita e i cittadini vengono deprivati di una vera giustizia e di un vero stato di diritto, cresce la voglia di farsi giustizia da sé attraverso la vecchia legge del taglione, ricorrendo magari, come è avvenuto a Bergamo, agli ultras dell'Atalanta. Le toghe fingono di non capire e i politici si limitano a lanciare l'allarme "populismo". Il nostro paese si conferma sempre di più come una Non-Nazione che ha smarrito le sue chiavi di casa.   Senza confini, senza patria, senza moneta (l'Euro è moneta battuta senza stato) e pure senza leggi né stato di diritto. Aperti ai quattro venti e in balia di balordi  rapaci e predatori. Solidarietà  alla povera ragazza e ai cittadini bergamaschi.

101 comments:

Aladino said...

Bello perchè attuale l'articolo.
Hai fatto il punto sulle "femministe de noantri". All'inizio mi facevano arrabbiare per la loro ignoranza sulla condizione della donna nel mondo. Ora mi fanno solo pena. Lo confermano loro stesse che reagiscono da pavloviane agli ordini pervenuti dalla U.D.I. (unione donne italiane, istituzione comunista che credevo morta e sepolta), invece ancora in essere. Queste poveracce difendono sempre e solamente i c. d. migranti. Non tengono assolutamente conto che chi tocca una donna, un bambino, un essere che non è in grado di difendersi, è e rimane sempre e solo un delinquente. Di qualsiasi specie trattasi.
Diventano ridicole quando difendono islamici che fin dalla nascita stuprano le loro figlie, le loro mogli. Non parlo solo della infibulazione. Parlo della violenza giornaliera e continua nel sottomettere la donna a continue umiliazioni.
Ho già raccontato quanto succedeva in una abitaione adiacente alla mia. Lui, sempre libero (pare lavorasse), il figlio sempre e solo con il padre. Lei, totalmente segregata a casa, con le imposte serrate. Venivano di poco sollevate d'estate, sempre e solo quando il lui era in casa. Io la chiamo schiavitù.
Auguro a queste femministe (!) di essere condannate ad essere sposate (comprate fin dalla tenera età) con un islamico. In questo caso davanti al "femminicidio" resterei completmente immobile. Faccio riferimento a quella tale giornalista / femminista che, con il suo colpevole comportamento ha arrecato i danni che ben conosciamo. un triste ciao.

Anonymous said...

Per il Sole 24 ore «Il distretto di Sassuolo diventerà il fiore all'occhiello degli Americani». E se ne compiacciono, anche.
http://vocidallestero.blogspot.it/2013/01/per-il-sole-24-ore-il-distretto-di.html

che ci vuoi fare è il nwo...

poi ci sono geni che se ne escono..

"Dobbiamo augurarci veramente questa volta che vi sia un UNICO PARTITO vincitore (ognuno si scelga il proprio) alla prossima tornata elettorale che abbia la maggioranza alla Camera ed al Senato e provveda quanto prima a modificare la Costituzione aggiornandola per rendere il nostro paese veramente competitivo, oltre a mettere il futuro premier (che sia di centrodestra o centrosinistra o non schierato) nelle condizioni di essere finalmente un primo ministro con potere decisionale efficace e tempestivo al pari di quello tedesco, statunitense, inglese o giapponese".

> già hanno violato la Costituzione col pareggio bilancio ed adesso serve pure il partito unico (montiano...).
Ricordarsi anche del piddino triste (fassina) che candidamebnte ammise che il pareggio di bilancio in cost non serviva a niente se non a compiacere determinate "entita".

Qua siamo completamente al di fuori di ogni parametro legale! La Cost. italiana era tarata sul proporzionale.. con le leggi pseudo maggioritarie sono saltate letteralmente tutte le maggioranze di garanzia. L'unica possibilità di riforma sarebbe eleggere una assemblea costituente eletta con sistema proporzionale puro (60 - 80 membrri al massimo), invece no, serve il partito unico...
roba da chiodi (si direbbe dalle mie parti) m13

Huxley said...

La "libera circolazione degli uomini, delle merci e dei capitali", cardine del liberismo che va a braccetto con il "multietnico" tanto amato a sinistra. I due serpenti si avvinghiano tra di loro e tendono a confondersi su questa come su tante altre questioni, mentre continuano a fingere di essere in contrapposizione. Intanto le vittime si accumulano, dalla microcriminalità ad episodi gravi come quello che hai citato.
Nella logica dei flussi c'è anche il verso opposto, un mio amico ha tre figlie grandi, due sono 'a spasso' mentre la terza, ragazza dotata di una mente decisamente brillante, ha trovato lavoro in Germania e là intende rimanere. Chi entra e chi esce, d'altro canto per raccogliere pomodori e friggere patatine non servono geni.

Nessie said...

Aladino, quelle femministe legate ai gruppi ed associazioni sul tipo della CGIL, sono le squallide vivandiere rosse dei loro partiti. Quelle legate alle associazioni internazionaliste (tipo Femen o altro) sono le teste d'ariete del mondialismo espressamente al servizio degli oligarchi. Prova ne sia la bravata di denudarsi fatta in piazza S. Pietro.

Resta da aprire il capitolo giudici e Magistratura, anch'essa braccio armato di chi sappiamo. Lo dimostrano le sentenze clamorose di questi giorni: domiciliari a uno stupratore. L'importante è che sia straniero. Assoluzione ai devastatori di CIE. E non ultima, la clamorosa sentenza dell'affido a genitori (anzi, genitrici) lesbo.
Sembra un universo governato da Satana.

Nessie said...

Marco, scusa ma ogni tanto (non dico sempre) ti spiacerebbe rimanere in topic? E' desolante per chi scrive sentirsi ripsondere "merenda" dopo aver scritto di "cavoli".
Poi, per carità, è chiaro che è tutto interconnesso, ma intanto...

Anonymous said...

il tuo articolo non fa una piega, poco da aggiungere, se non rilevare che fa parte del piano generale... togliere identità ai popoli è mbase del nwo. m13

Cortesi Andrea said...

Beh Nessie, a me Bergamo non piace piu' da molto tempo...

Andavo forse in prima superiore, quando mi stupi' vedere un "nero' camminare per la strada.
Allora "1978" non ce ne erano, e sortirono in me questo effetto.

Sulla ragazza violentata(comunque amica dei gruppi ultras locali che sono intervenuti per primi), mi sono fatto un idea sul non intervento immediato della polizia:

il Kosovaro potrebbe essere uno che ha collaborato/collabora con la polizia.
Il Kosovo come sai vive di eroina.
Sono i raffinatori/piazzisti per l'Europa.
Altrimenti non mi spiegherei il lasciarlo a casa dopo 2 ore di questura e portato li' solo dopo che una cinquantina di persone legate al mondo ultra' di Bergamo si e' piazzato sotto la sua casa inscenando proteste...conosco i luoghi, c'e'un locale frequentato da loro, lei sembra uscisse da li'.
Mi sembra che per uno stupro di solito siano piu' severi.
Ho visto che e' intervenuta anche la Severino a difendere la scelta "tecnica' del giudice e che comunque la presunzione di innocenza, vale anche per lui...sino a condanna.
Nel frattempo gli Ultra' gli hanno reso la vita impossibile e la polizia deve proteggere la sua casa(scrivono che hanno usato anche delle molotow contro la casa in cui e' agli arresti) e lui ha perso il lavoro.

Comunque, l'altra notizia(leggo il giornale on-line di Bergamo) di questa domenica era:

assassinato nella bassa proprietario(marocchino) di un locale con un esecuzione sommaria.Gli inquirenti trovano droga fuori dal locale per terra...
Un testimone, abitante nei pressi(Albanese)asserisce che il gestore era persona affabile,etc.etc.
Nota bene:Bergamo(la bassa)il territorio, gli attori dei non Bergamaschi, anzi degli stranieri.

Non bisogna essere dei razzisti per capire che il livello e' stato abbondantemente superato.
Anche perche' la disintegrazione del tessuto sociale e territoriale presistente unito a problemi che si fanno sempre piu' di sussistenza, potrebbero dare veramente vita a forme di razzismo e di intolleranza...
Evidentemente aspettano una Los Angeles 1992 all'incontrario.

Cordialmente e buon lavoro
Andrea Cortesi

Nessie said...


Huxley - "La "libera circolazione degli uomini, delle merci e dei capitali", cardine del liberismo che va a braccetto con il "multietnico" tanto amato a sinistra. I due serpenti si avvinghiano tra di loro e tendono a confondersi su questa come su tante altre questioni, mentre continuano a fingere di essere in contrapposizione. Intanto le vittime si accumulano, dalla microcriminalità ad episodi gravi come quello che hai citato".

Hux, ricordi quel Peter Sutherland, responsabile Ue per le politiche migratorie su cui ho linkato il mio precedente post? Non l'ho fatto per citare me stessa, ma per mostrare come uno che proviene da Goldman &Sachs e dalla BP si faccia fautore dell'immigrazionismo come importante fattore "di crescita" economica della Ue. E' una palla, ovviamente. Ma il suo obbiettivo è scardinare le omogeneità nazionali. O meglio, quel che resta.
Nel mentre, viene avanti l'ideologia fabiano-social-marxista (Hollande docet)come l'asse portante del Pensiero Unico.

Johnny88 said...

E certo, i Parolisi e gli Stasi vanno sbattuti in prima pagina per mesi. Su loro vanno fatte trasmissioni intere di prima serata. Ma sulle "risorse" nulla si deve dire. Tutto questo can can sulla violenza sulle donne e nessuno che va a guardare il passaporto dei personaggi che commettono queste violenze?

Nessie said...

Sì Marco, ma per farlo occorre usare le masse migratorie come grimaldello di decomposizione sociale delle nostre città e dei nostri quartieri come l'esempio del Santa Caterina di BG. Non mi piace nemmeno il solito mantra del "sono qui per lavorare". Tant'è vero che il kosovaro in oggetto lavorava qua ed era "integrato" come si dice nel sociologhese.

E sinceramente il discorso del Papa sui migranti portatori di fede e di speranza, quando a casa nostra molti italiani sono disperati e non sanno dove sbattere la testa, non mi garba manco un po'.

Nessie said...

Mi aspetto un bel "plastico" da Vespa, Johnny. Che ovviamente non ci sarà, poiché costoro vengono direttamente protetti dalla CARTA Onusiana distribuita dalla Boldrini per le redazioni.

Nessie said...

Qua la Carta di Roma:


http://www.odg.it/content/carta-di-roma

ovvero come ti metto il silenziatore e la sbianchettatura alle notizie che concernono "le risorse".

Eleonora said...

Bellissimo anche poi quel "trentaduenne padre di due bambini avrebbe". E' un assassino ed è appurato che sia lo stupratore. Chi se ne frega se è padre di due bambini. Ha stuprato (o RUBATO la vita ad) una ragazza. Ed è peggio che l'avesse ammazzata. Vada in galera. Ma in kossovo, non in italia, deve fare la galera nella sua terra. E ancora, ma chi se ne frega se era regolare o meno. Sempre assassino resta.

E tutte quelle che parlano e straparlano di femminicidio, farebbero meglio a tapparsi quelle boccacce.

Nessie said...

Sì Ele, quella del "femminicidio" è uno di quei termini Onusiani e orwelliani inventato per l'uopo. Non che non esistano fattacci di cronaca di donne uccise dai loro mariti e fidanzati. Per esistere esistono. Ma qui si vuole perseguire surrettiziamente una caccia grossa al "mostro domestico" per smantellare la famiglia dal proprio interno e far credere erroneamente che tra le mura domestiche ci sia un mostro. Viceversa, lo stesso pensiero IMPONE d'essere particolarmente ottimisti e fiduciosi con masse di stranieri che spesso non hanno né arte né parte, e che provengono da culture arretrate.

Nessie said...

PS: Non possiamo permetterci d'essere ottimisti e fiduciosi con chi non conosciamo. E che quel kosovaro sia regolare o meno, non ce ne può fregare di meno. Un altro discorso andrebbe fatto per le galere falsamente sovraffollate, quando molti istututi di pena sono vuoti e in fase di abbandono. Che vada all'inferno Pannella, le sue amnistie e i suoi digiuni!

Nessie said...

Andrea Cortesi, ti dirò subito che "il razzismo" e "l'intolleranza", lo si costruisce al tavolino e lo si istiga per l'uopo proprio attraverso queste politiche migratorie scriteriate .

Perciò razzisti e intolleranti sono gli oligarchi che scatenano per l'uopo queste dinamiche. Nulla è mai lasciato al caso! Del resto ho seguito anche l'episodio che citi e di queste coloured gangs contrapposte su modello Bronx ne avremo sempre di più.

"Il Kosovaro potrebbe essere uno che ha collaborato/collabora con la polizia.
Il Kosovo come sai vive di eroina.
Sono i raffinatori/piazzisti per l'Europa.
Altrimenti non mi spiegherei il lasciarlo a casa dopo 2 ore di questura e portato li' solo dopo che una cinquantina di persone legate al mondo ultra' di Bergamo si e' piazzato sotto la sua casa inscenando proteste...conosco i luoghi, c'e'un locale frequentato da loro, lei sembra uscisse da li'.
Mi sembra che per uno stupro di solito siano piu' severi." . Può darsi che nella tua ipotesi ci sia del vero, ma ti posso garantire che qui in Italia, la giustizia è particolarmente strabica quando trattasi di immigrati.
Viceversa è persecutoria quando ci sono di mezzo Italiani. A cominciare dal mare di denuncie contro Equitalia e contro il duo Monti-Napolitano e il loro relativo golpe, che sono finite nel Porto delle Nebbie.

Anonymous said...

La Procura difende la sua scelta "tecnica" dei domiciliari. L'avv. del kosovaro vuol fargli cambiare domicilio, sennò lo menano. Il Giornale ora fa nome e cognome dell'uomo:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/stupratore-kosovaro-ai-domiciliari-severino-difende-procura-874740.html

Zeta

Nessie said...

Anche lo stupro sul cofano della macchina mentre quella poveraccia andava a casa era "tecnico"?

Anonymous said...

La cronaca anche di città piccole e un tempo tranquille è oramai un bollettino di guerra costellato di fatti anche gravissimi. Il fenomeno è di così vasta portata che sembra in atto la liberalizzazione della criminalità comune secondo i dettami politicamente corretti. Ed è così evidente da delineare una strategia preordinata come tante altre che sovrastano il nostro finto stato di diritto.
A ciò si associa la censura delle centrali dell'informazione indottrinatrice volta anche a silenziare e reprimere le scomode vittime. I giochetti di lorsignori devono procedere senza troppo clamore e la gente e meglio che non sappia.
Scarth

Nessie said...

Scarth, l'hai letta la Carta di Roma ovvero il decalogo pro Migrantes? Vero poi che le nostre città sono diventate tanti piccoli e medi Bronx, dove un poliziotto che è uno, non l'ho trovi manco a peso d'oro. C'è tutto il tempo di delinquere in modo indisturbato.

Aldo said...

Poco più d'un mese fa partecipai ad un corso d'aggiornamento su temi di geopolitica. Nel corso della sua trattazione, il relatore (un noto docente universitario) ebbe a ripetere più e più volte che i trattamenti "dispari" da parte delle istituzioni sono una delle forze scatenanti più potenti delle guerre civili, in quanto alcuni gruppi son portati a non sentirsi rappresentati e a reagire conseguentemente per vie "non istituzionali". Ovviamente parlava del medioriente e dei Paesi balcanici, e non si è azzardato a riportare lo stesso concetto a "casa nostra". Colpevolmente, ho preferito seguire da pusillanime la linea del "silenzio consapevole", ma non so perché son certo che se avessi proposto questa obiezione il relatore avrebbe trovato mille distinguo per sottolineare che il concetto non si applica alla nostra realtà. Oh, già.

Nessie said...

Intanto il relatore, ti avrebbe sicuramente contato delle frottole per eludere quello che tu avresti voluto sapere.

Qui un'analisi di Dragos Kalajic, intellettuale e politico serbo , del presente e del futuro dell'Unione Europea e dei sistemi macchinosi che hanno ormai incatenato il suo popolo in una concezione "democratica" che non appartiene alla sua storia



http://etleboro.blogspot.it/2008/08/leuropa-degli-idioti.html

Trovo che a distanza di tempo sia a tuttoggi proponibile.

Anonymous said...

Vedendo,quello che succede in Italia,e in tutti gli stati europei,ti viene il dubbio,che sfiora la certezza,che una cricca(di nuovi ricchi) in alto loco,cerca di operare uno scambio generazionale,nell'arco di una due generazioni.Si tollera o si favorisce(dando la colpa alla nostra inefficienza) l'entrata incontrollata di emigranti,troppo spesso inutili per la nostra economia,in genere di religione differente da quella prevalente in Italia.un modo di creare uno scontro sociale tra gruppi etereogenei.si portano i giovani con la disoccupazione a non poter formare una famiglia.risultato crescita zero di italiani,crescita esplosiva di immigrati.e pensare che l'Italia è arrivata a 60 milioni di abitanti,mentre,per sua natura può dar ragionevolmente da mangiare al più a 40 milioni di Italiani.fra una generazione avremo una ricca cricca di padroni,una gran massa di proletari emigrati,servi della cricca,e pochi residui Italiani veri(come diceva Cotugno),privati di tutti i loro diritti e tradizioni,alibi solo per giustificare che in Italia abitano ancora gli Italiani.un conto rapido 1000/2000 immigrati irregolari al giorno fanno 300/700mila irregolari l'anno.una volta queste cifre di massa se avvenivano non diluite nel tempo,ma concentrate,si chiamavano invasioni,e ci si mobilitava per difendersi(nel 700 gli arabi,poi i nordici,infine i turchi vedi Lepanto)e oggi?????

Massimo said...

Temo che la stampa tenda ad attribuire un po' troppo frettolosamente patenti di colpevolezza. Certamente deve far riflettere la cautela che si usa quando si tratta di reati per i quali sono imputati gli stranieri e quando invece sono Italiani. In realtà dovrebbe essere esattamente il contrario, richiedendo agli stranieri di rispettare leggi e persone della nazione che li ospita. Il comportamento delle femministe e della sinistra non mi meraviglia, loro guardano solo alla finalità politica, indipendentemente dalla verità e dalla giustizia. Comunque io continuo a non avere alcuna fiducia nella giustizia italiana, nella magistratura che prima mette in galera e poi assolve. Quindi preferisco il comportamento del Giornale che quello dell'Eco di Bergamo ...

SILVIO said...

Andrea Cortesi ha pienamente ragione.
Il Kosovo è un inferno.

Miseria e analfabetismo generali, odio e violenze estreme tra le diverse etnie con corollario di stupri e omicidi a ciclo continuo, riciclaggio di denaro sporco, tratta delle donne per farle prostituire, narcotraffico in grande stile, sequestro e assassinio degli esseri umani per l'espianto e il commercio di organi, e... chi più ne ha più ne metta.

Detto ciò e considerato che il Kosovo non fa parte dell'UE, che senso ha concedere indiscriminatamente ai kosovari (ma non solo ad essi) il visto turistico/ di studio / d'affari (che dà diritto al soggiorno in Italia per 90 giorni, salvo il successivo passaggio alla clandestinità) ?

La domanda è retorica.
La risposta - quando non ci è data dagli episodi di cronaca nera, come quello della sventurata ragazza di Bergamo - venga dalla nostra coscienza di italiani feriti e umiliati non solo nell'orgoglio nazionale ma anche nelle cose più intime e sacre, quale è l'integrità fisica e morale dei nostri cari.

Dannati giuda politici :
“Che Dio vi vomiti. Tutti ! Nessuno escluso!

Nessie said...

Massimo, il Giornale in prima battuta ha omesso le generalità. POi nell'edizione più recente ha fatto nome e cognome, esattamente come l'Eco di Bergamo:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/stupratore-kosovaro-ai-domiciliari-severino-difende-procura-874740.html

In linea di massima è giusto avere un atteggiamento garantista e prudente, ma quando siamo alla ormai conclamata giustizia di Acchiappacitrulli come è successo a un disabile che nella sedia a rotelle, si difende da un furto in casa sua sparando e ferendo uno zingaro e la procura lo ha condannato, allora è evidente che il progetto della Magistratura è avariato a priori e in linea coi dettami del Nuovo Ordine mondiale.

Sulle femministe e la sinistra che badano solo alla propaganda e ideologia indipendetemente dalla verità dei fatti è verissimo.

Nessie said...

Anonimo sfondi una porta spalancata, ma mettiti un nick, per favore. Avete notato che da quando ci sono i "tecnici" al governo, improvvisamente non c'è più un servizio al Tg che mostra sbarchi, navi carretta e scafisti? Uno pensa: ma che bravi! Almeno in fatto di immigrazione fanno rispettare le leggi. E invece no. Sbarcano e approdano più di prima, aumentano in modo esponenziale, ma non bisogna farlo vedere.

Il messaggio visivo che davano prima con la Lega al governo, era il contrario: della serie, vedete che la Lega fa bla, bla, bla, ma poi non riesce a frenare l'immigrazione?

Nessie said...

Silvio : "La risposta - quando non ci è data dagli episodi di cronaca nera, come quello della sventurata ragazza di Bergamo - venga dalla nostra coscienza di italiani feriti e umiliati non solo nell'orgoglio nazionale ma anche nelle cose più intime e sacre, quale è l'integrità fisica e morale dei nostri cari"

Proprio così. E la stampaglia continua a chiamare questi episodi come "microcriminalità", quando in realtà sono macro e perfettamente funzionali al progetto che sappiamo: ridurci in poltiglia e renderci perennemente insicuri anche nel quotidiano.

La sottoscritta all'etichetta Immigrazione e Immigrazione e sicurezza ha dedicato ben una ventina di post da quando è nato questo blog (chiunque può fare una ricerca d'archivio), arrivando a tenere perfino una macabra conta dei nostri "martiri della Ue". E non c'è bisogno di stendere statistiche Istat o di altro genere, per arrivare alle meste conclusioni che da quando abbiamo aperto porte e confini (cioè dalla Legge Martelli in su, passando per gli anni '90 col trattato di Marrakech, fino alla brusca accelerata dal 2000 ai nostri giorni) i fatti di cronaca nera ai danni di noi autoctoni sono aumentati in modo esponenziale. Ma naturalmente il mantra del Fabianesimo e delle organizzazioni onusiane lo conosci da te: sono crimini che possono commettere anche gli Italiani.

Sì, ma è il numero che poi fa la differenza e un mio amico che ha parlato con una guardia carceraria mi riferisce che il galera, oltre il 60% sono stranieri. Sempre che ci stiano...

Josh said...

@Nessie
".....oltre il 60% nelle carceri sono stranieri"

e in certe altre città molto ..."frequentate", rasentano l'80% e passa

la questione delle carceri iperaffollate infatti si risolverebbe da sè,
se scattasse l'espulsione immediata di questi soggetti,
e l'obbligo di scontare la pena nei paesi d'origine, come sarebbe giusto,
invece che mantenerli noi qui in gattabuia.

Anche perchè spesso in carcere non ci finiscono proprio (cfr anche quello zingaro che investì con l'auto 4 persone e finì ai "domiciliari" in roulotte all'aperto...poi in vacanza in hotel al mare)

per me pannella può mangiare in tutta tranquillità quel che gli pare, altro che digiuni.

è vero che deve esistere la dignità delle carceri: basta espellere i delinquenti esteri.

Ma dubito che si farà in omaggio al solito politically correct.
Mi chiedo se qualcuno digiunerebbe per un italiano ingiustamente in galera, magari per ipotetici "reati fiscali".

Nessie said...

Lo zingaro ubriaco che investì i 4 ragazzini marchigiani si chiama Marc Ahmetovic, e come sai Josh, io non dimentico. Come pure non dimentico che fu inviato ai domiciliari un una bella villetta della Riviera del Conero da un "filantropo" che vuole rimanere anonimo.Sarà Soros o un suo amico?
Come non dimentico di quell'idiota provocatore che voleva fare una linea di moda di jeans, ispirandosi a questo farabutto che avrebbe dovuto esserne il testimonial della marca Rom Jeans, porcheria poi rientrata.

I genitori di quei 4 poveri ragazzini non hanno più occhi per piangere non solo i loro cari figli, ma l'ingiustizia che è stata loro inflitta: UNA FERITA NELLA FERITA.

Non farmi parlare di Pannella sennò apro il dizionario delle parolacce.

Gli edifici carcerari ci sono eccome, ma li hanno fatti andare bell'apposta in fatiscenza ( e non solo all'Asinara). Il progetto in atto sono le privatizzazioni delle carceri su modello americano e su questo, se ben ricordi, ci feci pure un post:

http://sauraplesio.blogspot.it/2012/01/le-galere-non-saranno-piu-patrie-ma.html

SILVIO said...

Certamente, Nessie.
È fortemente augurabile che Pannella e i suoi cloni spariscano e si dissolvano per sempre, accompagnati da tutta la feccia politica nostrana, europea ed internazionale che è stata responsabile delle enormi sofferenze causate agli italiani dall'immigrazione selvaggia e/o clandestina (premiante esclusivamente i parassiti/sanguisughe delle ONG, Charitas e similari nonché le cosche dei trafficanti di “braccia”, importate per irrobustire la manovalanza delinquenziale o per altri luride finalità quale la raccolta a costi stracciati di pomodori, agrumi, ecc. ecc.).

Ma vorrei ritornare a bomba.

Ricordi “l'entrata dell'Italia nella guerra del Kosovo”?

Venne dichiarata negli anni 1998/1999 da Massimo D'Alema, con Carlo Scognamiglio (ex Forza Italia) come ministro della Difesa.

”Guerrafondai”: tutti insieme appassionatamente (al pari -in seguito - di Sarkozy, Cameron, Berlusconi, Hollande) per soddisfare l'avidità dello squalo predatore.

Non ci credi ?

Beh, basterebbe informarsi chi è attualmente il vero proprietario delle ricche risorse minerarie del Kosovo (oro, piombo , zinco , argento , nichel , cobalto , rame , ferro, bauxite, lignite...) dapprima pubbliche e poi privatizzate grazie al programma SOE.

Guarda caso, quel proprietario è il medesimo che ha eletto quasi a proprie colonie il Montenegro, la Repubblica di Srpska, la Federazione Bosnia-Erzegovina, la Macedonia e buona parte della Croazia.

Nessie said...

Non stento a crederlo Silvio! In tempi non sospetti la sottoscritta si oppose alla Secessione unilaterale di questo stato canaglia con 3 post:

http://sauraplesio.blogspot.it/2008/02/ma-il-kosovo-merita-davvero.html

In questo primo post ti raccomando la testimonianza davvero toccante da me linkata dello scrittore austriaco Peter Handke, figlio di madre serba, se hai voglia di leggerla.
POi c'è:

http://sauraplesio.blogspot.it/2010/07/il-kosovo-e-la-secessione-unilaterale.html

Eppoi anche questa del musicista e regista serbo Emir Kusturica sulla base militare di CampoBondsteel.

http://sauraplesio.blogspot.it/2008/02/camp-bondsteel-base-militare-su-balcani.html

Con questi tre pezzi, mi alienai definitivamente le simpatie dei filoatlantisti che fino ad allora apprezzavano il mio blog.

Ma pazienza, c'est la vie!

Aladino said...

Cara Nessie, non credo che la mancata simpatia dei "filofancazzisti" ti abbia fatto passare il sonno.

Quando ero un ingenuo giovanotto, sognavo una Europa dei popoli, della cultura, dell'amicizia, dell'arte, dello sport.

Non solo non sono riusciti a darci uno spicchio dei nostri desideri, non sono riusciti fare la Unione Politica delle Nazioni.

Dove ci sono riusciti per benino è stata l'unione dei bancusurai. La spremitura del cittadino onesto, continuando le elargizioni alle sanguisughe mai sazie.

Sulle carceri a Pannellino vorrei dire: Magna che ti passa. Non chiudere gli occhi sulla mangiatoia perenne su carceri et similia. In 20 anni non sono riusciti a completare un carcere ultra tech, per un centinaio di poveracci. Ricordo un servizio TIBU' che illustrava una colonia elioterapica costruita in 20 mesi per centinaia di bambini. Funzionante per 50 anni. Poi ci hanno messo le mani i puzzoni per "adeguarla alle moderne esigenze" (mi devono spiegare perchè ai bambini di oggi non serve una cura elioterapica). Morale, l'hanno ridotta ad un cumulo pericoloso di macerie.

Questo certamente simboleggia come hanno ridotto l'Italia. Li accoglierà l'inferno. ciao.

Nessie said...

Caro Aladino, bisogna ammettere che anche se queste agende erano già nei piani degli oligarchi fin dai tempi della Ia G.M., fino a quando c'era il Muro eravamo in tanti a credere ingenuamente che di là dal Muro ci fosse il Male e al di qua, il Bene. Ovvero l'Occidente con la O maiuscola. Diciamo che la sua caduta è coincisa con la disgregazione progressiva di tante certezze che davamo per scontate, (compresa l'illusione di essere liberi), con l'avvento della globalizzazione e del mercatismo di Giungla, e di tante altre bellurie che non sto a elencarti perché le sai già.

SILVIO said...

Un post OT. Ma ne vale la pena.
Se non altro per dimostrare quanto siano spudoratamente contafrottole sia i politici che il tecnocrate di Goldman Sachs, al potere grazie all'appoggio del “Comunista preferito da Kissinger” e degli zombies parlamentari.
In un'intervista concessa a Bruno Vespa, Mario Monti ha affermato:
« Il redditometro è una bomba a orologeria. Io non lo avrei mai messo...»

http://www.blitzquotidiano.it/economia/redditometro-figlio-di-nessuno-monti-bomba-1448004/

Capito, che faccia ? Quella davanti e quella di dietro, uguali sono.
Idem per Berlusconi e Tremonti, che ne disconobbero la paternità qualche giorno prima.
Disgraziatamente per l'Italia, molti suoi figli hanno un quoziente intellettivo a livello sottoscala per cui è presumibile che abboccheranno andando a votare.

Mamma dei cretini, ma non potevi guardare le telenovelas invece di metterti a figliare ottusangoli ?

Anonymous said...

Giustizia, Bruti Liberati ai pm milanesi: “Ricorrete meno al carcere”. Ma dai? Ma pensa che strano!

Stella

Nessie said...

Evidentemente, Stella, l'ONU e la teoria dell'Amore universale che ha per stemma il LUpo che indossa il Manto D'Agnello, si veda qua:

http://www.santaruina.it/il-fabianesimo-e-la-finestra-dellinganno

IMPONE di trasformare il bel Paese in un domicilio coatto uguale per tutti. Dopotutto c'è l'Uguaglianza mondiale.

Nessie said...

Sì Silvio, ho sentito l'ultima pagliacciata di Monti sul Redditometro. Quella di prendere le distanze dalle loro stesse porcherie, è l'ultimo sport preferito dei politici anche quando si camuffano da "tecnici".

OT per OT hai sentito questo sulla Francesca Salvador? Pare secondo rumors che si candidi con l'avv. Marra:

http://www.blitzquotidiano.it/opinioni/riccardo-galli-opinioni/francesca-salvador-santoro-michele-cancro-scie-bicarbonat-1447273/

SILVIO said...

@ Stella
Presumo che quella di Bruti Liberati non sia una “boutade” casereccia ma un messaggio che viene da molto lontano...
Difatti, se è vero che gli oligarchi intendono nel breve termine (sempre che i loro programmi vadano a buon fine: cosa di cui dubito) privatizzare le prigioni, è altrettanto vero che per il periodo medio-lungo han già pianificato l'abolizione totale del carcere .
Incredula?
E allora leggi quel che ha scritto Thomas Frey (uno scienziato futurista al servizio delle élites) nel link a seguire
http://www.futuristspeaker.com/2013/01/when-prisons-become-illegal/
Sicuramente avvertirai la straordinaria coincidenza con le anticipazioni fatte anni addietro in tal senso da Pannella e dalla sinistra illuminata “che veste cashmere e che pasteggia a caviale e champagne”.

SILVIO said...

@ Nessie

Su Francesca Salvador e sull'avv. Alfonso Marra preferisco - per ora - tacere.

Li attenderò al varco (se eletti).

Anonymous said...

Marra...
http://www.santaruina.it/ruby-e-il-bilderberg
http://ultimaepoca.blogspot.it/2009/04/zeitgeist-addendumdi-menzogne-la-verita.html
m13

Anonymous said...

ps l'art zeitgeist (sito evangelico citato da santaruina) era inserito in questo:
http://www.santaruina.it/signoraggio-sara-tommasi-marra-ma-davvero
m13

Nessie said...

Non ho visto il filmato Marco, poi lo guardo. Però non capisco se lo fanno apposta a trasformare il Bilderberg in un argomento da mignotte.

SILVIO said...

M 13 (Marco?)
Condivido senza discussioni lo spirito dei topic pubblicati da Santaruina e da Giona.
Aggiungo che sono stati anche sin troppo equilibrati.
Se non avessi il timore di recar danno al blog di Nessie, divulgherei ben altro contro i satanisti...

Anonymous said...

Giona ha fatto un buon lavoro su "zeitgeist"
http://ultimaepoca.blogspot.it/search/label/ZEITGEIST%201
http://ultimaepoca.blogspot.it/search/label/ZEITGEIST%20ADDENDUM
http://ultimaepoca.blogspot.it/search/label/ZEITGEIST
m13

Anonymous said...

tornado al topic in un sistema di illegalità diffusa (ad ogni livello compreso quello internazionale..onu, guerre e rivolte pilotate in medioriente..e prima si citava la jugoslavia...) credo sia quasi impossibile per uno stato prendere contromisure.
Sul punto la chiesa (cattolica, quindi > universale) da delle indicazioni che però andrebbero inserite in un quadro generale
(punto 57 principio sussidiarietà e 62)
http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/encyclicals/documents/hf_ben-xvi_enc_20090629_caritas-in-veritate_it.html
senza considerare
http://2.andreatornielli.it/?p=5556
poi sarebbe da domandarsi come fa un somalo a racimolare 10 o 15 mila euro (come dicono ai tiggi) per espatriare, probabile che paghi qualcun altro..il fenomeno in ottica global-new age è sicuramente incoraggiato, immagino
m13

Nessie said...

Non ho voglia di fare polemiche proprio con te che mi stai simpatico, e con cui ho molte idee in comune (non tutte, ma ciò è impossibile con chiunque), però potrei raccontarti episodi concreti di religiose della Caritas che favoriscono l'immigrazione clandestina. Ovvio che se fanno così ne hanno dei tornaconti.

Anonymous said...

Alcuni l'evoluzione l'avevano già immaginata..Simpatia reciproca m13
Agostino Lemann
http://ebookbrowse.com/anticristo-agostino-lemann-pdf-d261969314
Vladimir Sergeevic Soloviev
http://www.storialibera.it/attualita/chiesa_sinistrata/vladimir_soloviev/articolo.php?id=914&titolo=Il%20racconto%20dell%27anticristo%20%281900%29
Robert Hugh Benson
http://holyqueen.altervista.org/pdf/Benson_Dominatore_del_mondo.pdf

Aladino said...

Cara Nessie, va giù di brutto con la Caritas, emerita organizzzione di farabutti (consapevolmente o meno). Un esempio fra i tanti. Ho visto versare € 200,oo ad un negro magnaccia (si dice negro e non nero, etimologia italiana) che, aveva abbandonato il lavoro (da loro procurato) perchè affaticante. Nel mentre rifiutavano ad un Italiano in difficoltà bisognoso di € 35,oo per una bolletta. No comment. Non mi piace bestemmiare contro chiunque. Quella volta lo avrei fatto. Che Dio ci aiuti a liberarci da questi sepolcri arrossati (certamente non imbiancati). Pax. Pace a tutti gli uomini di buona volontà. Ne hanno bisogno per non sùbire un travaso di bile. ciao.

Anonymous said...

roba da chiodi...

"De Giorgi, il candidato di Monti è il proprietario di quattro siti porno"
http://www.ilgiornale.it/news/de-giorgi-candidato-monti-proprietario-quattro-siti-porno-875188.html
m13
gaiezza....

Anonymous said...

comunque:

la candidatura di De Giorgi "ci avvicina alla Ue"

http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/1159722/-I-gay-nelle-liste-di-Monti---Ce-lo-chiede-l-Europa----.html

programma monti... sig

Nessie said...

Monti si è gayezzato, per essere più à la page.

Nessie said...

Aladino, mia sorella anni fa, conosceva una certa suora della Caritas che voleva procurarle una badante tarocca e senza documenti di soggiorno come badante per nostra madre. Ovviamente lei ha rifiutato e ha fatto il predicozzo a suor Scafista (l'abbiamo sopranominata così). Bella gente!

Anonymous said...

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/articoli/1077389/bergamo-le-donne-non-escano-sole-la-seradopo-lo-stupro-il-procuratore-lancia-lallarme.shtml

capito? dobbiamo stare in casa e se usciamo, tocca mettere il burqa. Come vogliono gli islamici.

Stella

Nessie said...

Eccome che ho capito. Vai un po' davanti alle stazioni delle nostre città del Nord (non solo a BG), Stella! Sembra d'essere a Nairobi o a Marrakech.
E i treni delle linee regionali è bene prenderli solo durante gli orari dei pendolari. In caso contrario trovi dei gran balordi.

SILVIO said...

Circa le aggressioni e gli stupri, vorrei affrontare un aspetto normalmente occultato dai media mainstream.
Negli Usa, a tutti è consentito difendersi in virtù del 2° Emendamento della Costituzione, che recita:
« A well regulated Militia, being necessary to the security of a free State, the right of the people to keep and bear Arms, shall not be infringed ».
Ergo. Quando lo scopo è la legittima difesa personale, nessuna autorità può infrangere il diritto dei cittadini di detenere armi e di portarle con sé ovunque.
Da noi non è così, visto che ad essere disarmata è unicamente la grande maggioranza degli italiani onesti che, per giunta, son costretti anche a pagare le costosissime scorte per la protezione dei politici e dei boiardi di Stato.
Non solo. Sussiste anche il reato di “eccesso di legittima difesa”, introdotto dal perverso pensiero giurisprudenziale del “politicamente corretto”.
“Dulcis in fundo”, ci facciamo male da soli a causa della nostra negligenza ed imperizia in fatto di cattive abitudini comportamentali ed educative.
Il mondo non è il giardino dell'Eden. C'è tanta bella gente ma non mancano i balordi, i violenti, gli stupratori e i mostri assassini che potresti incontrare per ogni dove e quando meno te l'aspetti.
Pertanto, ”primum”: prevenire - “secundum”: diffidare, sempre e comunque .
Domanda: « Come si fa a prevenire senza incorrere nei rigori di una legge che ti ha ridotto ad essere un agnello destinato al macello ?».
Risposta - Consideriamo la prevenzione anti-stupro:
« Una delle più efficaci armi di difesa contro lo stupro è costituita dall'indossare (vaginalmente) il dispositivo “Rape-ax”, inventato e brevettato dalla dottoressa sudafricana Sonnet Ehlers (avverto che l'immagine di cui al link successivo è piuttosto “cruda” seppur esemplificativa)
http://www.borsonline.hu/20100622_raharap_az_eroszakolo_peniszere_a_noi_ovszer__fotoval
Al prossimo post, onde evitare una maggiore “lenzuolata”.

Aladino said...

Cara Nessie, tipico comportamento delle suore e dei preti. Nella loro ingenuità paradossle, sono convinti di fare del "bene". Mia moglie che ha lavorato, come cuoca, dalle suore mi ha ricordato un fatto. Volevano assumere una migrante (detta da loro: buona, brava, efficiente. Piccolo problema non aveva il permesso di soggiorno. Ebbene erano pronte a fare carte false pur di "salvarla". Con le preghiere.

Personalmente pensavo: se non ha il permesso di soggiorno, un motivo c'è. Chiuso il discorso.

Rimane il fatto che questi servi di Dio, sono e restano dei boccaloni. Salvo oi votare rifondazione comunista. Domine libera nos a malos. Amen.

Aladino said...

Sulle frequentazioni delle nostre stazioni ferroviarie e di pullman. A Udine borgo stazione ha preso il nome di borgo africa. Trasformando in un suk, una zona linda ed arredata con stile.

Da quando hanno preso il possesso (chi lo ha permesso ?) agli udinesi tocca assistere a risse, accoltellamenti e sparatorie. Lo spaccio e la prostituzione è la norma. Le violenze sulle donne sono cresciute esponenzialmente, altro che spread.
Affittando o comprando appartamenti nella zona, hanno provocato un fuggi fuggi di cittadini che a sua volta ha provocato un drastico calo degli affitti e del valore degli immobili. Tutto ben ben orchestrato. Serve aggiungere che Udine "soffre" un'amministrazione catto-comunista ? Domine, liber nos a malo. Amen.

Nessie said...

Aladino, non credo che certe suore e ceri preti siano così "boccaloni" come dici. I loro interessi li sanno far fruttare, eccome. E intorno a Ong cattoliche e alla Caritas, ruota un fiume di denaro.

Aladino said...

caro SILVIO, ho visto. Immagini non crude ma esemplificative. Il mio translator ha così tradotto:


Rape-aXe, il preservativo deve essere applicato in maniera simile per la tamponhoz della vagina femmina. Nel caso di stupro, la placca è un promemoria dell'intruso összezárnak fuori picchi.-Grave dolore. Le specifiche lasciato da solo per urinare, ma voi non può nemmeno camminare, mentre la struttura della péniszén è spiegata come medico.- E se qualcuno sta cercando di tirare fuori il hímtagjáról, il sigillo anche più stretto ITJ-aggiunto Dr. Ehlers.Una volta che questa trappola qualcuno rákattan, ho solo un medico in grado di rimuovere. L'inevitabile assistenza medica consente la responsabilità penale.È possibile utilizzare il – ideale per quando una donna, per esempio, è vakrandira, o se sei in un quartiere pericoloso, ha anche aggiunto Sonnet Ehlers.Il numero di partita sesso comunque, il più alto in Sud Africa nel mondo.BorsOnline

Da quello che ho capito potrebbe essere una soluzione interessante. Perchè non viene venduto in Italia. Per il pretume non va bene ?

Aladino said...

Certamente NESSIE. Ho imparato a distinguere i preti e suore dai satanassi.
I primi sono candidi boccaloni, a contatto con la gente ogni giorno.
I satanassi sono più in alto (non in cielo) e mafiosamente manovrano soldi e "donazioni". Domine,.........

Nessie said...

Refuso, "certi preti" e non ceri :-).

Silvio, in attesa della parte seconda del tuo post, rispondo alla prima parte che mi trova consenziente nella prima parte legata al secondo Emendamento che gli Americani hanno e noi no, con l'aggravante che ricordi: paghiamo denaro sonante per l'incolumità e la sicurezza di farabutti che ci turlupinano.

Il discorso del procuratore di Bergamo che ho letto per intero, va stigmatizzato perché ipocrita e in malafede. E' ovvio che già le donne (me compresa) lo fanno di non prendere treni o transitare in certi posti della città a certe ore. Ma un tutore della legge che ce lo viene quasi a intimare significa una cosa sola: vuole garantire diritto di INVASIONE indisturbata agli allogeni. Meglio avrebbe fatto a dire che l'immigrazione massiva va stoppata e che le carceri se proprio vuole svuotarle, devono contemplare il rimpatrio di tutta questa feccia. Ma so che sto sognando, tenuto conto che la Magistratura è il braccio armato di chi sappiamo.

Quanto alla parte "difensiva" del Rape ax, avrei da dire la mia. Sono espedienti che possono pure andare bene, ma non dimentichiamo che lo stupro è un atto di aggressione accompagnato da botte, calci, tirate di capelli, minacce con armi da taglio o oggetti contundenti ecc. e che la violenza c'è comunque e non solo in quella parte anatomica lì. Non so se mi sono spiegata.
Perciò in attesa che qualche forza politica abbia il coraggio (ma anche qui sogno di brutto) di violare il tabù dell'immigrazione e del controllo capillare del territorio financo nei rioni, va bene tutto (spray al peperoncino, palestre per l'autodifesa ecc.) ma non risolveremo mai il problema a monte.

Anonymous said...

ci saranno senz'altro storture ma, ad esempio, garantiscono circa 15mila pasti al girno (e gli italiani sono in aumento)m13

Nessie said...

Aladino, la risposta che ho dato a Silvio, vale anche per te. Non vorrei che per non acchiappare il toro per le corna (il controllo del territorio, la salvaguardia dei confini ecc. ) anche lo stupro fornisse il pretesto per sviluppare "nuove aree di mercato". Lo spray al peperoncino costa 45 euro tanto per fare un esempio, e tanto per dare alle cose un prezzo.

Poi conosco l'obiezione corrente della sinistra e delle femministe: lo stupratore può essere anche un italiano e pure in famiglia. Il che è vero, ma mentre si fanno statistiche anche su quanta carta igienica consumiamo, è VIETATO farle sull'incremento di questi episodi da quando ci sono le frontiere aperte.
Esiste pure uno STUPRO ESOGENO (quello dei vincitori sui vinti, che si praticava anche durante le guerre nei Balcani) oltre che quello ENDOGENO e su questo è fiorita tutta una sociologia e un'antropologia da considerare.

Io ritengo che ci sia del disprezzo da parte di questi allogeni nei confronti di questo paese, per questo vado su tutte le furie, di fronte a questi episodi.

Nessie said...

Aggiungo:

Oggi lo stupro esogeno (non di rado effettuato in branco) è metafora di Patria violata, è lo straniero proveniente da inculture feroci e tribali che attraverso il corpo della donna che trova, violenta la nostra Madre Terra e il nostro modus vivendi. E madre proviene da "mater" (materia) di cui tutti noi, uomini e donne siamo fatti e da cui proveniamo. Se una vecchia signora cieca di 83 anni muore sotto i colpi di una bestiaccia ubriaca di nazionalità romena (purtroppo è successo anche questo), dobbiamo davvero limitarci a dire la solita consolatoria fesseria de sinistra e buonista che "sarebbe potuto capitare anche con un italiano"? Questo è uno STUPRO ETNICO di sfregio-dispregio non solo contro un'anziana donna, ma contro suo figlio, contro i suoi nipoti, contro la sua famiglia e comunità, il suo vicinato, la sua città. E' del tutto simile alla soldataglia quando penetra nelle città nemiche, afferra il bottino, stupra le donne sotto gli occhi dei loro mariti che uccide e poi magari strappa gli occhi ai loro figli.

Sono considerazioni che vanno fatte e lo strumento adottato in Sud Africa, spiace constatarlo, ma è la legittimazione tecnologica che dalla società multietnica non si puà prescindere e che ce la dobbiamo tenere così com'è senza fiatare: è questo il DRAMMA!

samuela said...

Il fatto che la ragazza fosse incinta non è da sottovalutare. Le donne autoctone non devono permettersi di avere figli, e lui le ha fatto vedere chi comanda e soprattutto, visto che noi siamo solo un mezzo, lo ha fatto vedere ai maschi del luogo. Per questo molti stupri di branco avvengono sulle coppie. Un kosovaro è geneticamente portato a questo, che si possa raccontare o meno. Ma dalle parole di Dettori si evince che c'è una parte di uomini italiani che si sente sollevata dal ritorno a 50 anni fae in fondo un pò parteggia per questi subumani. Lo diceva benissimo la Magli in un articolo proprio sugli stupri etnici sulle Italiane.

SILVIO said...

@ Nessie
Concordo con quanto hai scritto e completo (succintamente) il quadro delle armi per difesa personale.
Nel post precedente, testimoniai l'esistenza del dispositivo anti-stupro “Rape-ax”, inventato e brevettato dalla dottoressa sudafricana Sonnet Ehlers.
Trentamila esemplari ne furono distribuiti - su assenso della FIFA – in occasione dei Campionati mondiali di calcio svoltisi in Sudafrica nel 2010.
Esso è legale in parecchi Stati ad eccezione dell'Italia, dove se ne sta ancora valutando la legalizzazione (il ritardo è dovuto alle resistenze di chi considera il “Rape-ax” «vendicativo, orribile e disgustoso» = Ennesima fetenzìa della serie: “Nessuno tocchi Caino / Chi-se-ne-frega di Abele ?!).
Quindi, occhio prima di usarlo: potrebbe scattare l'accusa di possesso di armi improprie, nonostante lo shock dell'aggressione sessuale subita !
E, in effetti, il “Rape-ax” è micidiale come un'arma. È una guaina in lattice provvista di “lamine affilate”, che imprigiona e strazia l'organo sessuale dello stupratore, provocando un dolore terrificante.
Inoltre, può essere rimosso solo chirurgicamente.
Se non si vuole rischiare una possibile denuncia per il possesso di armi improprie, è preferibile utilizzare le armi anti – aggressione consentite.
Cioè:
1) “Quando si è fuori casa”: Arti marziali / Pistola scacciacani / ASP KEY DEFENDER = (potentissimo getto di Capsicum in bomboletta spray, ricaricabile) / Torcia abbagliante / Potente sirena da taschino e da borsetta.
2) “Quando si è in casa” : ”Taser” o “Paralizzatore elettrico” / Manganello telescopico / Coltelli a serramanico / Armi da sparo, cioè armi ad aria compressa e da fuoco / Apparecchiature d'allarme e di video-sorveglianza. .

Anonymous said...

Le gated communities, i borghi fortificati del XXI secolo
http://www.santaruina.it/le-gated-communities-i-borghi-fortificati-del-xxi-secolo#comments
(ma l'occidente soffre di grave denatalità e sta calpestando il diritto naturale, siamo in piena decadenza...) m

Nessie said...

Oh finalmente una donna, Samuela! A parte Stella di tanto in tanto, Maria LUisa ed Eleonora questo blog è prevalentemente frequentato da maschietti, chissà come mai...

Ida Magli (che il buon Dio ce la conservi in salute fino a 100 anni) è stata la prima a lanciare di questi allarmi. Il termine "etnico" che lei da antropologa continua a conservare (e fa bene) non piace perché come ben sai per l'ONU la parola razza è stata bandita a favore della parola "cultura" e "tipi umani".

E' evidente che nell'universo "antirazzista" del Volemose Bene, l'antropologia sia stata ridotta allo studio della cucina esotica. La cosiddetta "antropologia culturale" e' solo una delle tante creature sovietiche.

Pertanto nella cultura mondialee mondialista vigente, lo "stupro etnico" non esiste in quanto non esiste una divisione per sottospecie, razze, etnie. Pensa te, come ci hanno ridotto!

Nessie said...

Silvio, sembra di assistere all'assedio di Fort Alamo. E in parte lo è. Grazie per la copiosa nomenclatura dell'autodifesa.

Nessie said...

Marco, è la dimostrazione palese che l'Europa multikulti degli Idioti così com'è stata concepita non funziona. E' il fallimento della società multietnica e multikulti, ma nello stesso tempo quello proposto è un falso rimedio mercatista all'americana, una concezione urbanistica e architettonica sconcertante e impersonale, da città parallela, un "non luogo".

SILVIO said...

Dovere, Nessie.
Precisazione: Per le armi, di cui al punto (1) non ci sono formalità da rispettare.

Ben diversa è la detenzione in casa delle armi, di cui al punto (2).

Sarebbe opportuno , nella fattispecie, informarsi presso la Questura o il locale Comando dei Carabinieri ovvero ai link

http://www.carabinieri.it/Internet/Cittadino/Servizi/ADR/Ausilio+Informativo/Armi/

http://www.poliziadistato.it/articolo/view/308/

Nessie said...

Leggi questo pezzo molto bello di Josh sulla città, la piazza, il centro e i suoi significati simbolici:

http://esperidi.blogspot.it/2008/10/la-citt-il-centro-la-piazza-significati.html

E' evidente che in questa proposta architettonica e urbanistica delle "gate communities" non ci sia anima né simbologie.

Josh said...

@Silvio:
« Una delle più efficaci armi di difesa contro lo stupro ...dall'indossare (vaginalmente) il dispositivo “Rape-ax”, inventato ...dalla dottoressa sudafricana Sonnet Ehlers....
+
@Nessie
"Sono espedienti che possono pure andare bene, ma non dimentichiamo che lo stupro è un atto di aggressione accompagnato da botte, calci, tirate di capelli, minacce con armi da taglio o oggetti contundenti ecc. e che la violenza c'è comunque e non solo in quella parte anatomica lì"


concordo....Se mettersi quella ..."tagliola" lì può essere un deterrente all'evento "finale" dello stupro,
nulla vieta di prendersi prima anche botte, calci, pugni, sputi
ma anche "infilamenti" vari in tutti gli altri orifizi rimasti liberi,
e non impedisce anche di essere uccise (cosa che anche purtroppo avviene).

Quello che non mi va ancora della non possibilità di vera autodifesa, è che questo Rape-Ax a parte le eccezioni non piccole appena scritte,
cos'è ....se non una specie di arma passiva da inserire dentro il corpo della donna-vittima....?
Indossandolo è già come essere pre-vittime.

Quindi ci si può "difendere" (e non è nemmeno ammesso in Italia) ancora e sempre solo attraverso un' "arma" avvilente,
da mettere all'interno,
sottolineando ancora una volta in maniera simbolica e irrimediabile la passività della vittima,
che si deve mettere dentro di sè, invasivamente, il Rape-Ax.

Non è una soluzione per me. E rende l'idea di a che punto siamo....

Josh said...

p.s. grazie Nessie della citazione del post...

sono ancora basito dal Rape-Ax perchè da quando l'ho visto mi da l'idea che proponga che una donna, per difendersi, debba come "violarsi" e pre-violentarsi da sola, ospitando armi interne...e non abbia altre vie di difesa.

E' il sintomo del periodo pazzesco che stiamo vivendo, gran brutta temperatura sociale.

Nessie said...

Sacrosantamente vero, Josh. In Italia ben poche donne sceglieranno di autoviolentarsi o "pre-violentasi", ospitando armi interne come quella che mostra la foto. Io per la prima, dato che la cosa ferisce e mortifica la mia sensibilità.

Ma occorre dire: è il progresso Bellezza! E' il mercato Bellezza! E come vedi da quanto è scaturito da queste interessanti conversazioni, ne emerge che la società multietnica (chiamarla multiculturale, mi rifiuto, perché siamo alla barbarie e non certo all'incontro di culture) SERVE ed è funzionale anche a importanti fasce di commercio e di mercato: case blindate, antifurti a gogò, "gated communities" come scritto nel sito di Santaruina - e peggio - anche blindature "interne e vaginali". Insomma: un vero schifo!

Nessie said...

Della serie, prima vi inoculo il veleno, poi vi do l'antidoto. Il mio.

samuela said...



http://www.italianiliberi.it/Edito09/stuprocomearma.html

MAR said...

una cosiderazione,banale.in germania,ho sentito in un tg,che sono state censite circa 500mila prostitute(possibile?).in italia circa 100mila.quasi tutte "provenienti dall'estero".con un calcolo rapido,una/due prestazioni al giorno,fanno circa 150mila reati, per notte,per istigazione alla prostituzione,alias circa 45 milioni di possibili processi l'anno se fossero tutti colti in flagrante.
domande:1)perchè si fa così poco per arginare questa piaga,che coinvolge oltre la schiavizzazione umana,il fenomeno dello sfruttamento,e il riciclo del denaro sporco.2)perché per un "solo" processo per reato similare e così diffuso in natura, si iscenano su tutte le TV,quarti d'ora di trasmissione con dovizia di tutti i più minimi(che non ci interessano) particolari.3)perché(se non ho capito male)in Italia contemporaneamente circa 25mila processi l'anno cadono in prescrizione,e tavolta per reati ben più gravi di istigazione alla prostituzione?Che ne pensi.ciao MAR

Aladino said...

Tutti sacrosanti i commenti sul Rape-ax. Dovrebbe essere considerato come dissuasore ai folli stupratori. SE E SOTTOLINEO SE, in Italia ci fosse: a) la possibilità di prevenire concretamente, b) la possibilità di ricercare e catturare questi kriminali c) una magistratura che applichi la/le leggi e non fornisse interpretazioni allucinate, d) mass media diffondere notizie ed eventuali commenti, senza nulla censurare o peggio fare i leccaculi di magistratura e di politicuzzi.

Sopratutto bisogna togliere ogni possibilità (anche chiudendo due occhi sulla democrazia, sulla libertà di parole e di pensiero) a quei masnadieri di: Nessuno tocchi Caino. Io penso ad Abele e quello che ha subìto. ciao.

SILVIO said...

@ Josh
Comprendo il tuo sentirti inorridito davanti ad una soluzione come il “Rape-ax”.

Però, tieni conto che tale dispositivo è stato inventato in Sudafrica che - oltre ad essere uno dei 10 Paesi più pericolosi del pianeta per brutali violenze ed omicidi - vanta anche il primato mondiale degli stupri efferati, dato che sono numerosissimi ogni anno e visto che spesso si concludono con l'omicidio e talora con lo squartamento ed - addirittura – il cannibalismo.

Non solo. L'altro spaventoso pericolo dello stupro è l'infezione da virus HIV.
In Sudafrica, almeno 10 milioni di abitanti (in buona parte donne) sono malati di AIDS.

Le cose non cambiano se ci spostiamo in Burundi, Somalia, Sudan, Brasile, Russia e in diversi altri posti rischiosissimi della Terra (anche il Kosovo non scherza affatto...).

Concludo.
Lo so che il “Rape-ax” fa schifo ma in certi contesti costituisce sempre il male minore a fronte dello “schifo all'ennesima potenza” rappresentato dallo stupro più i suoi effetti collaterali.

SILVIO said...

@ Josh

Dimenticai un ultimo aspetto collaterale connesso al "Rape-ax".

Quello della giustizia sommaria fatta dalla vittima nei confronti del proprio carnefice.

Non ho detto infatti che l'inventrice (dott.ssa Sonnet Ehlers) venne brutalmente violentata e che il suo stupratore la "passò liscia".

Da allora, lei non ebbe pace sino all'invenzione e al brevetto del "Rape-ax".

Che funziona benissimo sia come deterrente che come atto di giustizia diretta.

È in effetti improbabile che lo stupratore ci riprovi negli anni a venire, ammesso che ne rimanga capace ...

Nessie said...

Samuela, grazie. Ricordo benissimo quel vecchio articolo della Magli sullo stupro. E in quel caso ne analizza anche il movente psicologico oltre che sociale.

Nessie said...

MAR, quello della prostituzione e dell'induzione alla prostituzione oggi soprattutto straniera, è un altro problema ancora. Non credo che ci sia la volontà di volerne venire a capo da parte delle autorità preposte all'ordine pubblico, visto che ogni enclave ha le sue prostitute: i quartieri di Chinatown ha le proprie, romeni e albanesi, idem; come pure senegalesi e nigeriani.
La verità è che i cittadini italiani vengono vessati e oppressi fino all'ultimo centesimo di euro, mentre proliferano intere "zone franche" nel nostro paese ad opera di stranieri.

Non ultimo, anche il fenomeno dei "MONEY TRANSFER" dove è possibile per essi manovrare tutto il contante che vogliono. Benvenuto nel NWO!

Nessie said...

Silvio, ammetterai che questi scenari africani e sudafricani sono del tutto raccapriccianti e poveretta la dottoressa che citi! . Ma finché esistevano nel continente nero, diciamo che erano fenomeni circoscritti e legati a casi eccezionali come gli scenari di guerra (L'episodio di La Ciociara nei pressi di Montecassino, per fare un esempio )...

Il fatto è che la libera circolazione delle transumanze umanoidi ha creato problemi anche laddove prima non c'erano.

Nessie said...

...e comunque resta pur sempre il fenomeno dell'incolumità personale. La povera signora Giovanna Reggiani, moglie dell'ammiraglio della MM Gomiero, nel tragico episodio di Tor di Quinto, ha perso la vita perché il suo violentatore l'ha uccisa con una pietra in testa, dato che resisteva. Questo, a prescidendere dalla violazione. E siccome come ben sai quella dei rom è etnia molto (troppo) protetta, dovettero ricorrere in appello per trasformare i trent'anni dello zingaro Mailat in ergastolo vero e proprio.

Ma mi chiedo io, se l'oltraggio e l'assassinio della Signora Reggiani fosse toccato a una famiglia dove non c'era un alto ufficiale di Marina Militare, sarebbero stati altrettanto severi, anche se ciò è doveroso?

http://sauraplesio.blogspot.it/2008/10/mailat-cera-una-volta-lergastolo.html

Nota: si tenga presente che questo pezzo lo scrissi quando lo zingaro si beccò SOLO 30 anni. POi ci fu un ulteriore inasprimento della pena detentiva.

Aladino said...

Caro SILVIO, ti quoto al 101%.

Vorrei aggiungere che è anche questione di uomini che dovrebbero intervenire. Esempio il Questore.

Racconto una storia successa a Udine nel favoloso (da favola...) Nord Est.

Lungo la circolare interna, bivaccavano gruppi di prostitute, trans e quant'altro possiate immaginare. Ho contato gruppi di 3/4 ogni 10 metri. Uno schifo solenne, con tanto di falò e di emeriti "clienti" contrattanti. Una parentesi, questi "clienti" non sono uomini normali ma, sono soggetti a male pulsioni derivanti dalla mancanza di cervello e di qualcos'altro.
Comunque, dopo reiterate proteste e cortei, qualcuno dall'alto decise di spodestare il Questore in carica. Con l'arrivo del nuovo cambiò la faccia della città. Sparirono tutte le schifezze, anche nella Provincia. Tutto strano ? Per niente. Il primo imbelle doveva essere non solo trasferito ma, processato e condannato. Il secondo, ha fatto solo il suo dovere. Solo il suo dovere. In Italia si parla di diritti, va bene. Ma di doveri ?

Per chiudere, oggi assistiamo che si presenta alle elezioni un P.M. che fece processare chi arrestò un capo-mafia. Costui dovrebbe spiegare agli Italiani alcune cosucce. C'è ancora qualcuno che parla di meritocrazia ? Dovremmo invece parlare di assurdocrazia ed inserire nei codici il reato di "collusione interna mafiosa".

La fotocopiatrice che non funziona, prescrizione dolosa, eccccccccc......... ciao.

Anonymous said...

Armarsi. Di cane,di arti marziali, di coltello in borsa, di qualunque cosa, ma armarsi. Tacchi bassi, perchè è impossibile mantenere l'equilibrio su 20 cm, e abiti comodi. Ho rinunciato alla figaggine da un pezzo, giacchè vivo a Milano e mi capita spesso di rientrare tardi dal lavoro; comoda, non appariscente e allenata alla corsa e all'autodifesa. Non basta,ma è già qualcosa. Mi fa anche schifo, devo dire, non era quello che immaginavo per me quand'ero ragazzina, ma è così.

Stella

SILVIO said...

@ Nessie
La soluzione anti-aggressione più razionale sarebbe quella di rendere legale il libero porto d'armi del Paralizzatore elettrico.
Esso è maneggevole e facile da usare anche per le persone anziane.
Ne esistono due varianti: una funziona a contatto mentre l’altra funziona a distanza, colpendo l’aggressore con una scarica elettrica (che può arrivare sino a 200 mila volt) dopo avere attraversato gli indumenti pur pesanti che siano.
Ne conseguirà che il malvivente stramazzerà per terra, tramortito e dolorante, mentre la vittima potrà fuggire e chiedere soccorso.
Purtroppo in Italia, il “Paralizzatore elettrico” può essere detenuto solo nell'abitazione.
E ciò mi fa indignare. Soprattutto dopo aver appreso che certi governi conservano (in luoghi segreti) ordigni psicotronici destinati ad essere impiegati contro le rivolte civili dei Popoli.

Nessie said...

Stellassa, visto che abiti a Milano (e non ti invidio, visto che io mi sento una tranquilla proviciale), guarda un po' in questo filmatino la contessina Borromeo cos'ebbe a dire sulla Stazione Centrale:

http://www.dailymotion.com/video/x28t46_beatrice-borromeo-annozero_politics

Che filantropa! che cuoricino tenero! che grande umanitaria! Chissà se gli immigrati se li porta anche all'Isola Bella o nelle sue ville lungo il Lago Maggiore...

Anonymous said...

L'attacco è concentrico e probabilmente finale: scardinamento etico, familiare e sociale, distruzione delle identità e delle radici, predazione economica con annesso impoverimento strutturale, smantellamento dei diritti, oppressione legislativa e burocratica incontenibile, progressivo abrutimento e rimbeccillimento di massa con relativi squilibri altrettanto di massa, imposizione militare del pensiero unico con criminalizzazione delle opinioni contrarie, conflitti globali permanenti stile "1984". Se nel campionario dell'orrido ho trascurato qualcosa aggiungete...
Li commentiamo in discussioni diverse ma il Mostro è sempre unico.
Scarth

MAR said...

A proposito dei Money Transfer,da te sopra citati.
Ce ne sono dovunque ,in certe vie a Roma due/tre.Sono mascherati da internet points.Si telefona all'estero,fanno fotocopie,ricariche telefoniche,si usa internet.
Ma l'attività principale è il trasferimento di denaro all'estero.
Vada per le badanti che,inviano a casa i proventi(molti al nero)del loro lavoro purtroppo necessario per molte famiglie.Assistenza ai nostri vecchi,o ai bambini delle madri lavoratrici.Mi chiedo comunque dove sta lo Stato,e le istituzioni,che dovrebbero dare in aiuto dovuto in questi casi.Forse a brindare in costosi ristoranti per il successo degli enormi entroiti,delle addizionali regionali,comunali,e ora l'IMu.
Escluse le badanti,passiamo agli altri clienti.una volta aspettando per fare una ricarica telefonica,davanti a me una famiglia di Rom(5/6)inviavano ciascuno nella loro patria di origine 900 euro.mi sono chiesto a fronte di quale onesto,regolare,ben tassato lavoro.e allora mi è tornata in testa l'ultima geniale trovata del "salvatore" dello"spread"italiano:il redditometro.Amara considerazione.a Roma tutti i fruttivendoli e i fiorai sono egiziani,tutti i bancarellari dei mercatini rionali(che stanno uccidendo i commercianti italiani)sono cingalesi.tutti i micromarkets di cianfrusaglie varie(che si sfasciano il giorno dopo) sono cinesi,tutti i Money Transfers sono pakistani/cingalesi.Una propria organizzazione di arti e mestieri,che odora di mafie.ma li controllerà qualcuno con un redditometro?e come sono entrati,e perché?in italia i santoni ci dicono che abbiamo bisogno di una forza lavoro,cosa contestabilissima visto che data l'enorme disoccupazione,ne abbiamo in quantità un grande polmone disponibile,se questi lavoratori "disoccupati" fossero saggiamente,onestamente e tecnicamente utilizzati),Invece mi chiedo di quale utilità sono le categorie che ho prima menzionate.inutile zavorra,nessuna produzione di beni di consumo interno o per l'esportazione,fuga di capitali all'estero,che escono definitivamente dal ciclo produttivo interno,assassinio del commerciante italiano.....Ma siamo sicuri che l'aver in qualche modo strappato una laurea in economia,fa fare un salto di qualità all'intelligenza del dottore o professore(che poi per caso,senza averli scelti li troviamo al governo),ma non ha effetti perché se si è mediocri si rimane tali anche con titoli accademici.ciao MAR

Anonymous said...

E secondo te io non me lo ricordo quel che disse quella troTa santoriana? Tirai un portacenere contro la tv. Sono anni che, se scendo dal Frecciarossa dopo le 20, devo correre per non essere l'ultima alla coda-taxi. Perchè sai che succede se in mezzo alla piazza sei l'ultima della coda, vero?...Ma succede solo a me: alla contessina invece piace essere molestata da gruppi di africani amanti delle donne italiane, quindi lei si diverte e non ha problemi.

Stella

Nessie said...

"Li commentiamo in discussioni diverse ma il Mostro è sempre unico".

Sì Scarth, ma sai a volte affrontare certi discorsi da un'angolazione diversa si ha come la sensazione di cambiar tono alla musica :-)

Nessie said...

MAR, è la prima volta che ti affacci qui su questo blog? Perché la sottoscritta sui Money Transfer e i fatti di Tor Pignattara relativi a Chinatown ha già avuto modo di scriverne:

http://sauraplesio.blogspot.it/2012/01/tor-pignattara-e-la-xenofilia-dismisura.html

E qui, c'è una bellissima analisi dell'amico di Euroholocaust che è un po' che ha chiuso bottega (ma spero che riapra quanto prima, vero LIF?) dall'emblematico titolo di "Cinesi a Roma":

http://euroholocaust.blogspot.it/2012/01/cinesi-roma.html

Money Transfer, tutte agenzie di cambio abusive mentre noi negli spot tv, passiamo per "parassiti" e ci rifilano studi di settore preventivi e retroattivi al limite della violazione dello stato di diritto, come il redditometro. Poi, c'è Compro Oro, che sono altre aree di franchising abusivo, di illegalità in rotta per i caveau delle banche svizzere, ma in questo caso, i cinesi non c'entrano.

Nessie said...

Stella - "E secondo te io non me lo ricordo quel che disse quella troTa santoriana? Tirai un portacenere contro la tv".

Ah, ma allora non sono la sola a lanciare oggetti contro la tv :-) Ma almeno l'hai mirata bene, alla Borromeo?

"Perchè sai che succede se in mezzo alla piazza sei l'ultima della coda, vero?..."

No, che succede?!? Molestano?

Aladino said...

Cara NESSIE, bisogna aggiungere che, se la mia memoria non sbaglia, ricordo la tariffa in percentuale del Money Transfer e del 12%. Ovvero sui € 16.000 sono € 1.920, sui € 3.000 sono € 360.
Niente male per due click, alla faccia di Monti.

Per il blogger MAR il versamento dei € 900 è dovuto al fatto che i rom sono rispettosi delle leggi. Non si può versare più di € 1.000.


HA HA HA ci sei cascato. E' vero ? ciao.

SILVIO said...

Caro Aladino,
non mi sorprende quanto tu hai descritto. Se le Forze dell'Ordine (del Bene) potessero agire senza condizionamenti, scomparirebbe d'incanto tutto il lordume che imbratta le nostre città rendendo ancor più angosciosa la nostra esistenza.
Ma fino a quando durerà questo lercio andazzo ? La Storia insegna che anche le “iene” e i “porci” sono soggetti alla legge del contrappasso, pertanto......

Anonymous said...

Ti molestano e ti rapinano. In Centrale ci sono africani, rom, sudamericani ubriachi (e poveri cristi ITALIANI senzatetto che dormono all'aperto e che sono gli unici che non arrecano disturbo a nessuno). Se sei sola alle dieci di sera in attesa di un taxi che magari impiega 5 minuti ad arrivare, sono affari tuoi. E'meno pericoloso il parco Lambro alla stessa ora.

Stella

Nessie said...

Stella, prendo sovente anch 'io il treno e ovviamente passo in Centrale. Di giorno, naturalmente; ma anche alla luce del sole sembra già la Corte dei Miracoli. Gli unici che fanno davvero pena sono gli ormai mitici clochard. Ma è una stirpe sempre più in via d'estinzione, soppiantata da chi sappiamo. Il tutto stride con griffe e outlet e quel labirinto di negozi che fa da corridoio per recarsi ai treni, accompagnato da cartelli e spot pubblicitari sparati a tutto decibel.Uno degli imperativi del NWO è che anche i luoghi più cari delle nostre città (la staz. Centrale era di architettura Liberty e Art Déco) devono essere strutturalmente stravolti da cambiamenti repentini.

Aladino said...

Caro SILVIO, la domanda che mi pongo è cui prodest ?
Chi ha paura di una Polizia Italiana (PS, Carabinieri, GDF, ecc..)efficiente e competente?
Il cittadino che si alza al mattino, sbattuto su un pendolare (conosci i SABOTAGGI che vengono compiuti ogni giorno?) ed al rientro a casa i suoi bammbini sono già a dormire e non può vederli, parlare a loro, baciarli....... A costui no certamente.
Vogliamo parlare della riforma del c.p.c. che, ha dato alla magistratura tutti i poteri ben oltre la nostra decrepita Costituzione ? Inizio anni sessanta con 72 ore, la Polizia aveva il tempo (in flagranza di reato di agire libermente e velocemente. In 24/48 ore lo strupatore venive ricercato, beccato, gentilmente accompagnato in Questura e dopo averli fatto passare la voglia di reiterare il reato, in un paio d'ore: magistrato ed accompagno in galera. Anche se è un punto dolens, lo dico lo stesso. Lo stupratore appena introdotto in cella veniva a conoscenza di un'altra legge. Quella interna del carcere. Veniva comminata la pena. Per i pedofili piccola aggiunta di ben(male)fici. I ritorni al fresco erano molto radi.

Alle anime candide che inorridiranno a queste parole. dico semplicemente: siete delle brave persone, per voi passare con il giallo vi tiene insonni. Bene. Giusto. Però, dovete sapere che esiste un altro mondo, quello dei kriminali di qualsiasi livello. Per combatterli bisogna usare le loro armi. Senza alcun riguardo.
Alla redenzione di questi delinquenti, ci credono solo le suore di clausura. Forse. ciao.