07 April 2011

La nave dei folli

Strana guerra è quella libica che avviene alle porte di casa nostra. Alla fine ci siamo tristemente abituati a vedere le immagini orrorifiche degli effetti collaterali delle "bombe intelligenti" sulle ignare povere vittime. Dove invece non ci siamo affatto abituati è nel subire queste bibliche migrazioni che vanno a scombussolare il nostro già disastrato Paese. E anche questo è lo scenario di una guerra  demografica silenziosa, dove il pericolo senza nome proviene dal mare, per dirla con le parole del bell'articolo di Guido Ceronetti, specialista in "pensieri pirata".
E per rimanere al tema del Mare Nostrum divenuto sempre più Mare Monstrum, lunedi scorso 4 aprile il comandante della nave Excelsior Pasquale Mendoza, un po' teso prima di salpare, mentre i tunisini entrano a bordo, racconta in una sua intervista a firma Felice Cavallaro concessa al Corriere, elencando la triste nota dei danni a bordo da parte di quelli che secondo il linguaggio onusiamo, vengono chiamati   migranti economici, ovvero i tunisini clandestini: divani delle sale bar squarciati a coltellate, poltrone reclinabili danneggiate, materassi di cabine devastate, vetri rotti, porte sfondate, portarotoli di carta igienica e phon divelti: insomma un vero e proprio campo di battaglia "su questa meraviglia del mare costruita nel '99 con arredi e servizi pari a quelli delle navi da crociera". Ecco la testimonianza del cap. Mendoza:
"Un disastro. Con risse continue tra tunisini, anche per la coda ai quattro punti di ristoro".
Quali i danni peggiori?
"Nessuno che riguardi la sicurezza sulla nave per fortuna. Ma questo è un gioiello con 420 cabine, ristorante à la carte, bar, negozi, un cinema, piscina con lido bar, idromassaggio, sala giochi e adesso bisognerà ricostruire quasi tutto. Hanno perfino scardinato due grandi televisori nelle sale lanciandoli in mare".
E' accaduto solo sulla Excelsior?
"E' accaduto di peggio sulla nave "Catania" salpata qualche giorno fa verso Taranto con 5 poliziotti e un mediatore culturale. Anche lì risse e assalti continui. C'era il rischio di soccombere sovrastati dalla violenza. Con amara ironia, potrei pensare che vogliono portarsi un souvenir a casa. Ma sembrano saccheggi".
Vandalismo che scatta per quali scintille?
"Diciamo che sono ingovernabili , che i caporioni si impongono su una massa pronta a seguirli anche in azioni prive di ratio. Tutti presi da una forza distruttiva che fa terrore. Impossibile per i miei uomini fronteggiarli. Ecco perché ho chiesto il rafforzamento della sicurezza e imbarchiamo 200 poliziotti e carabinieri".
Squilla il telefonino del comandante. E' la moglie che chiama dalla Toscana e lui, rassicurante: "Tutto tranquillo cara, nessun problema, lo sai che i giornali esagerano...".

77 comments:

Giovanni said...

"Diciamo che sono ingovernabili , che i caporioni si impongono su una massa pronta a seguirli anche in azioni prive di ratio"

Sarò cattivo ma questo conferma ciò che penso da tempo. Per far ragionare certa gente ci vogliono i Ben Alì, i Mubarak ed i Gheddafi.

Nessie said...

Non solo: ma almeno coi dittatori era possibile fare dei patti chiari. Col governo provvisorio tunisino il povero Maroni è stato preso per i fondi su tutta la linea per due spossanti giornate. Peggio che essere in un suk! Al punto che voleva dimettersi. POi ha telefonato a Berlusconi perché intercedesse, ma la sensazione è che tutti e due abbiano portato a casa un pugno di mosche.

Massimo said...

Sull'analisi credo siamo tutti d'accordo: non solo poveracci, ma anche tanti delinquenti o, comunque, barbari che non sanno vivere secondo i canoni del rispetto per la persona e la proprietà altrui. Meglio tenerli lontani. Ma se non ci si riesce, che fare ?

Aldo said...

Quelle raccontate dal capitano della nave sono cose che si possono benissimo immaginare, del resto ci hanno abituato a tanta violenta cretineria anche i nostri ultras calcistici. Però leggere la testimonianza diretta di chi le vive in prima persona mi fa un effetto desolante, portandomi ad oscillare tra il desiderio di una difesa assai più muscolare di quella che vediamo mettere in atto e quello di abbandonarmi personalmente alla resa di fronte a un fenomeno troppo soverchiante. Quel che è invece certo è che provo tanta sincera compassione per quei poveri lavoratori che si trovano a dover fronteggiare in prima persona situazioni di questo genere. Chissà cosa passa loro per la testa... chissà quali emozioni provano... ad esempio, hai qualche testimonianza di carabinieri che sono stati in servizio in quella bolgia infernale di Lampedusa? Penso che le loro riflessioni (se possono permettersi di esprimere ad alta voce quelle sincere) potrebbero essere un ottimo spunto anche per tutti noi.

Anonymous said...

"Sarò cattivo ma questo conferma ciò che penso da tempo. Per far ragionare certa gente ci vogliono i Ben Alì, i Mubarak ed i Gheddafi."

non posso che essere concorde.
come fai a creare una democrazia se non hanno nemmeno il rispetto delle proprietà altrui. boh.

si vedono gli stessi effetti del passaggio dei centri sociali. sono peggio degli animali, dei barbari o ultrà. e mi sembra di usare termini onorifici nei loro confronti.

e come avete fatto notare nel topic precedente, bisogna stare attenti a quali parole utilizzare, o interviene l'onu a censurarti o qualche altro ben pensante.
oggi si arriva a sostituire il termine 'gay' con diversamente etero! ho persino timore nell'utilizzare l'aggettivo 'nero' per indicare un africano di colore, a tal punto sono riusciti ad imbacuccarmi con il loro falso idealismo! questo falso rispetto che nasconde xenofobia contro chi non si allinea.

sareth

Massimiliano said...

Niente di nuovo sotto il sole...ci stanno scaricando, nel cortile di casa, la feccia del Maghreb (non faccio commenti circa il fatto che non li voglia nessun altro in Europa..è palese)!!!!! Ma i primi responsabili son quegli stessi italiani che continuano a cullarsi nella beata "balla" del "loro sono buoni, noi cattivi e razzisti"...questa gente meriterebbe di trovarsi rapinata/malmenata e peggio da queste bestie...Purtroppo i peggiori nemici dell'Italia son molti italiani..ed attenzione, son quelli che più hanno "rotto i santissimi" con le gioie dei 150 anni di Unità...salvo poi svendere il Paese..se li prendessero in casa loro e donassero loro i propri posti di lavoro e stipendi, almeno...tanto per dimostrare "solidarietà" (che noia questa parola ormai abusata). Ed attenzione a parlare in pubblico di queste cose...molti son esasperati, è vero, ma altri li difendono a spada tratta, con una veemenza che ha dell'incredibile...

Nessie said...

Caro Massimo, non metterti anche tu a sposare la dottrina dell'"ineluttabilità" di essere soverchiati, schiacciati e sottomessi da questo fenomeno. L'ineluttabilità la fa la nostra idiozia e dabbenaggine, ricordalo. Per cominciare non si va in acque maltesi a correre a fare quel che i maltesi non vogliono fare! Non si corre in acque internazionali a sfiancare i nostri bravi comandanti, obbligandoli a fare i salvatori dell'intero globo terracqueo, perché chi ha a un pizzico di buon senso sa che è una metafora come quella che ho già raffigurato: si svuota il mare col secchiellino.

Ma su questo il governo, il Ministero della Difesa (che non serve a un tubo, se non a fare i lecchini degli americani), il ministero dell'Interno, devono essere fermi e rigorosi e saper dare i "giusti" ordini di scuderia.

Nessie said...

Sì, Aldo, temo che di questo passo si arrivi alla muscolarità delle reazioni. Quanto alla violenta cretineria calcistica, è meglio non confondere i malati mentali di casa nostra, a cui dobbiamo già fare fronte, con i devastatori-invasori che ci arrivano da fuori. Ci bastano e avanzano i primi! E questo deve essere chiaro.
Il controllo del territorio è questo: ripristinare ordine e legge a casa nostra (e per casa, intendo anche una nostra nave che batte bandiera italiana) non vuole dire essere costretti a importare vandali africani.
Chi ha progettato di mettere a disposizione un'elegante nave da crociera per il trasferimento di costoro, è un emerito idiota. Bastava e avanzava una vecchia carretta, poiché è a quelle che sono abituati.

Sulle forze dell'ordine o su qualche altra testimonianza degli addetti ai lavori, mi informerò, quanto prima. Valgono più testimonianze come questa del comandate dell'Excelsior, che decine di nostri post. Guarda caso, non sono riuscita a trovarne il link e ho dovuto ricopiare manualmente dal cartaceo, di cui avevo ritagliato l'articolo. E' un caso?
Se qualcuno avesse il link dell'intero articolo, per favore me lo dia.

Nessie said...

Sareth, quanto prima scriverò un post sul linguaggio orwelliano voluto dall'Onu e dalle organizzazioni internazionaliste. Non facciamoci intimidire e respingiamolo al mittente. Questo è terrorismo terminologico.

Nessie said...

Massimiliano, ma se di fronte a episodi delinquenziali come questi, si nasconde la spazzatura sotto i letti, allora vuole dire che la cosa è disperante. Criminali anche i quotidiani che una notizia come questa, l'hanno schiaffata a pag. 6. Un comandante rischia quasi la pelle nel trasferire feccia illegale e mi tocca ricopiare manualmente dal trafiletto, perché spariscono i links? Ma questa del 4 aprile era una notizia eda schiaffare in prima pagina. E a caratteri cubitali. E questo spiega benissimo perché i francesi li respingano: perché la Gendarmerie francese SA CHI SONO ed è al corrente. Mentre noi trattiamo i nemici da amici da proteggere.

Anonymous said...

Noi Italiani siamo stati a lungo emigranti, ma quando mai abbiamo fatto cose del genere in Paesi esteri? Mai. Questa è la differenza tra Italiani e Tunisini.
Linx

Nessie said...

Linx prova a ficcarlo nella capoccia di G.Antonio Stella, di Napolitano e di Berlusconi se ci riesci, i quali continuano imperterriti col mantra del "come eravamo".

Huxley said...

A proposito di pazzi furiosi pagati con i soldi del contribuente:

http://www.repubblica.it/politica/2011/04/07/foto/in_aula_il_cartello_contro_marini-14610074/1/

Quando vedo queste cose mi ritorna la voglia di andare a votare (della serie, pensa se questi andassero al potere).

Sull'argomento specifico: se ai no global e ultras calcistici è concesso devastare, perchè ai clandestini dovrebbe essere proibito?
Civiltà e stato di diritto in Italia sono una parole senza significato.

Nessie said...

Huxley, intanto ti dico subito che i centri sociali sono gli aiutanti diretti di questi sfascia-navi qui descritti nel post.Fate male a metterli in contrapposizione, perché ora con Internet si danno l'appuntamento per lo sfascio. Infatti a Manduria e in altri luoghi, la " racaille" nostrana è andati a sobillare la "racaille" tunisina. Come vedi chi si somiglia si piglia e in comune oltre al teppismo e al vandalismo, hanno anche il disprezzo per chi li ospita.
Ma io insisto, e vedo che non mi volete ascoltare: ai fini della sicurezza sempre più precaria di questo sventurato Paese, bastano e avanzano i delinquenti nostrani, e non abbiamo bisogno di importarne di allogeni.

Anonymous said...

mio padre è un funzionario di polizia in pensione. per sua fortuna, questi eventi migratori non ha dovuto affrontarli, ma sè trovato in mezzo alle lotte degli anni '60 e '70, non diverse dal punto di vista ideologico da quanto accade ora.
parlo con cognizione di causa, certe persone capiscono soltanto l'uso della forza, del manganello, della costrizione. non c'è altro modo. se vogliono fermare questo fenomeno oltre agli accordi devono piazzare i militari con la possibilità di usare le armi se necessario.
siamo di fronte a metodi colonialisti e mi stupisco che nessuno lo dica (da parte istituzionale).
va bene che abbiamo molti sessantottini (e derivati) in parlamento pronti a gridare fascista e squadrista, però dovrebbe esistere un limite alla demenza. ed essere meno schizzinosi, tutti, quando sentiamo spari e morti. probabilmente non abbiamo idea del "tipo umano" (cit. nessie) che le autorità devono gestire in quei territori, o forse possiamo farcene un'idea da quel che vediamo a lampedusa.
sono cattolico, per cui dovrei mangiare pane, amore e perdono. tento e qualche volta ci riesco, ma non posso e non devo calare sempre i pantaloni. carità si, idiozia no.
la Chiesa quando ha sentito l'intera cristianità minacciata ha organizzato lepanto, non ha spedito un invito a cena con allegato "terra e acqua".

sareth

Nessie said...

Sareth, importante la tua testimonianza di tuo padre. I "tipi umani" non sono una mia invenzione, ma un'altra delle demenze Onusiane. Proibito dire "razze umane", perché ormai esiste l'uguaglianza universale e siamo tutti daltonici: niente occhi a mandorla e carnagione giallognola, niente melanina in Africa, niente pelle rossa nelle riserve dei Navajos, e così via. Siamo tutti "tipi umani" di una società liquida. Così liquida da essere in liquidazione. A che punto può spingersi questa idiozia terminologica lo vedi già da te. Si nega perfino l'antropologia e se Lévi-Strauss fosse vivo, con ogni probabilità sarebbe messo all'indice.

Sulla chiesa giustamente ricordi la Battaglia di Lepanto il cui dipinto, l'esimio Bertinotti fece asportare dalla Camera, perché negava i principi della cosiddetta concordia universale. Ti ricordo anche la risposta "cristiana" all'Assedio di Vienna, capeggiata da Giovanni Sobieski.
Ma quelli erano cristiani con gli attributi!

Massimiliano said...

Eh, già!! Mi ero dimenticato della faccenda di Malta e di noi "volenterosi" che andiamo a prenderli in acque internazionali o in acque altrui....
Cornuti e mazziati (per volontà nostra poi), grazie per l'appunto Nessie.

Aldo said...

Nessie; «Ma io insisto, e vedo che non mi volete ascoltare»

Scherzi? Non solo ti "ascolto", nel senso che ti leggo, ma prendo pure in seria considerazione quel che scrivi. E, pur non in modo acritico, molte volte concordo con te.

Sulla "proibizione" dell'uso del termine "razza" in riferimento alla specie umana, non accetto imposizioni da chicchessia, perché i libri di tassonomia sono lì a portata di mano, e il minimo di formazione necessaria per interpretarli almeno a livello di massima l'ho avuta. Quella formazione mi dice che OGNI specie animale viene abitualmente suddivisa in razze -> homo sapiens è una specie -> esistono diverse razze di homo sapiens.

Chi dice il contrario dovrebbe rigettare l'applicazione del concetto di razza per qualsiasi altra specie (e vorrei vedere con che coraggio), oppure ammettere d'essere a) in malafede o b) un imbecille. Come vedi, in questo caso non cerco attenuazioni terminologiche che sarebbero assolutamente inutili, visto quanto è palese e inattaccabile la realtà che sto sostenendo.

Huxley said...

"Ma io insisto, e vedo che non mi volete ascoltare: ai fini della sicurezza sempre più precaria di questo sventurato Paese, bastano e avanzano i delinquenti nostrani, e non abbiamo bisogno di importarne di allogeni".

Ti ascolto eccome Nessie, però condivido i commenti sull'ineluttabilità della situazione; quando media, politica, magistratura vengono controllati da chi vuole l'invasione e la piazza dipende da forze politiche che conosciamo bene (il silenzio assordante attorno a questa sporca guerra è tragicamente sintomatico) allora che si può fare a parte squagliarsela?
Peccato che in un qualsiasi altro paese, dove il livello di vita è accettabile, le regole per l'ingresso siano chiare e rigorose e quindi, caro (non mio) presidente Napolitano se vuoi espatriare devi dimostrare di avere un lavoro là, oppure una rendita che ti consenta di essere economicamente autosufficiente.
Personalmente spero di riuscire a telermela al più presto possibile.

Nessie said...

Ecco qui Aldo, l'evoluzione del termine "razza" secondo l'Unesco che a partire dal 1950 ha bandito l'uso:

http://it.wikipedia.org/wiki/Razza

E anche qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Etnia

C'è stato e c'è razzismo nel mondo? C'è l'apartheid? Molto bene, mo' ti faccio sparire il termine "razza" e....zac! ecco che sparisce il problema.

Nessie said...

Nel merito del fatto che "io insisto, e vedo che non mi volete ascoltare: ai fini della sicurezza sempre più precaria di questo sventurato Paese, bastano e avanzano i delinquenti nostrani, e non abbiamo bisogno di importarne di allogeni",

è più che altro una frase riferita al fatto che quando c'è un'emergenza stupri etnici, mi capita regolarmente il solito "trollazzone de sinistra" che salta fuori a ripetere che ci sono pure violentatori e stupratori nostrani. Poi si passa alle rapine nelle ville, dove legano vecchi, donne, ragazzini e gli puntano la pistola alla tempia, e allora il minus habens di turno animato da buoni propositi "onusiani" di fratellanza universale, salta fuori a obbiettare che di rapinatori e delinquenti ne abbiamo anche noi.

Insomma, il più delle volte passo il mio tempo a fare le 150 ore per adulti analfabeti. Non è ovviamente il vostro caso, ma quando parlo di un problema e si divaga con gli ultras e i centri sociali, è probabile che mi scatti un qualche riflesso pavloviano.
Si è ormai diffusa la mentalità "internazionalista", che bisogna tenerci stupratori stranieri (o allogeni), rapinatori stranieri, delinquenti stranieri, vandali stranieri, solo perché ne abbiamo già di nostri.
Ma i problemi di sicurezza non si risolvono allargando le maglie dei nostri confini all'universo, ma semmai restringendolo e focalizzandoci su quanto abbiamo già in casa, facendo il dovuto repulisti. Spero di aver chiarito.

Nessie said...

Massimiliano tieniti forte: oggi c'è la solita Boldrini dell'"alto commissariato dell'Onu che pontifica dalle pagine dei giornali, facendo sentire in colpa mezzo mondo sul barcone che ieri si è rovesciato: "Sorprendono questi naufragi in un Mediterraneo pieno di mezzi, assurdo morire così".
Capito? E' tutta colpa di chi non corre a soccorrere tutte le navi carretta che salpano dall'Africa in ragione di migliaia all'anno.

Silenzio di tomba invece per la mafia degli scafisti che li lascia partire pieni come scatole di piselli non prima di essersi beccati fior di quattrini.

Nessie said...

Ti capisco Huxley, me la telerei volentieri anch'io se fossi un po' più giovane e meno radicata di come sono sul territorio italiano.Ma mollare tutto e ricominciare è duretta, anche se vai verso paesi progrediti. Magari in Canada dove gli Italiani sono visti bene e anzi cercano di favorire la penetrazione europea per non avere tra le scatole quella arretrata che ci tocca invece a noi.

Josh said...

ha ragione Giovanni...per far ragionare certa gente ci vogliono i 'dittatori'.
Questa faccenda del cibo rifiutato perchè non abbastanza 'buono', e le navi distrutte, compresi i megaschermi fatti volare in mare, è pazzesca.

Vorrei far notare, per chi se la fosse persa, che per 2 giorni, sui TG di Rai 1 e Rai 2, nei servizi che riguardavano lo sloggiamento degli extracomunitari da Lampedusa alle varie destinazioni appunto in nave, veniva intervistata una ridente signora lampedusana di 40 anni circa sulla "Lampedusa (solo momentaneamente) liberata", che ripeteva:
"Ora che se ne sono andati mi mancano tanto, ho come una percezione di vuoto".

Un'uscita più falsa di questa, col giusto scontento, timore, danni subiti che c'è sull'isola, è una delle cose più false che potevano imbastirci. Senza ritegno!

E' chiaro che quando si falsano così le situazioni, sminuendo i danni, i costi e magnificando l'invasione, si sta obbedendo ai soliti burattinai e si tenta di negare anche l'evidenza.

nuovopatriota said...

E a corredare queste belle notizie c'è anche quella segnalata da varie parti, mie comprese, sul servizio del tg3; minori tunisini che distruggono il centro della caritas a Lampedusa, prendono a sassi i carabinieri e concludono il servizio gridando "Allah è grande".

***************************************
+nuovopatriota+
[torneranno i crociati.. e saran mazzate!]

Leghista inca**ato said...

'OGNI specie animale viene abitualmente suddivisa in razze -> homo sapiens è una specie -> esistono diverse razze di homo sapiens.'

Bravo, è quello che ho sempre pensato anch'io ma non ho mai osato dire se non a persone fidate: ma se esistono razze di cani, cavalli ecc. ognuno con le proprie specificità, perchè non vale lo stesso per l'uomo, non è 'animale' anche lui? Gli asiatici sono bravi nelle materie scientifiche (e in molto altro ma il discorso si allunga), gli africani son bravi nella corsa (le gare le vincono sempre loro) e così via...

Nessie, d'ora in poi mi firmo Leghista inca**ato, poi sarò ex-leghista se va avanti così... :((
La boldrina è un'idiota strapagata: che ci vada lei a soccorrere tutti i diseredati del mondo e che se li ospiti a casa sua (a proposito, vivrà in Italia o all'estero??)!

Andrea said...

L'unica speranza è che si tocchi rapidamente il fondo, così che anche nei minorati mentali di sinistra scatti un barlume : l'istinto di sopravvivenza !
Ma ci credo poco...

johnny doe said...

Ormai su questa storia dell'immigrazione non si sa più che dire,tali e tante sono state e sono le fesserie che le anime candide e belle e politici compiacenti spacciano in quantità industriale,incuranti del ridicolo.
Nulla da aggiungere a quanto per tempo disse la Fallaci che aveva già capito tutto.

Eleonora said...

... e poi ti capita anche di leggere aberrazioni come queste:

http://www.corriere.it/cronache/11_aprile_07/santa-sede-no-barriere-profughi_5678be8c-6120-11e0-9e67-aae4bf36a1a3.shtml

Vogliono un canale umanitario? Bhe, che lo facciano, nessuno glielo impedisce ma basta che li portino tutti in vaticano. Poi, quando l'islam li avrà (e ci avrà) sopraffatti, vediamo chi aveva ragione. Se noi a non accettarli o loro ad accettarli tutti indistintamente. Ma perchè questi qui ancora hanno libertà di parola?

Nessie said...

Josh, in merito alla signora di Lampedusa che sosteneva di avere già la sindrome dell'isola vuota dopo la partenza dei vandali, anch'io come te penso che siano interviste pilotate. Ho visto facce scure e gente silenziosa che compostamente era intenta a rassettare e faceva l'elenco dei danni subiti e delle perdite per la stagione entrante, ma quelli si sono guardati bene dall'andare a intervistarli. E manco avevano voglia di parlare, poveracci! Ci sono alcuni tipi di giornalisti che meriterebbero la fucilazione da tanto sono servili! vili e servili.

Nessie said...

Patriota finora ho visto giovanottoni con giubbini e scarpe griffate attratti da miti occidentali, ma tempo al tempo e salterà fuori anche il problema islamico.

Nessie said...

Dici bene Leghista incavolato, la Boldrini è solo un'idiota strapagata, però si mette a pattugliare il Mediterraneo per far vedere che lei ha a cuore tutti i diseredati del pianeta. Maroni stasera ha fatto firmare i permessi di soggiorno a questa feccia (sei mesi), ma la Francia non se li piglia lo stesso.

Nessie said...

PS: c'è il rischio che questo permesso di soggiorno per "motivi umanitari" si trasformi in un autogol per noi. La Francia è sotto campagne elettorale e se se li piglia, Sarkò va a casa. Quindi e questi ci possono rimanere sul gargarozzo per sei mesi. E se poi i 6 mesi scadano, figurarsi se questi si rassegnano a tornare a casa! Che pasticciaccio!

Nessie said...

Johnny, ora è tutta una fallacìade: Fallaci di qui, Fallaci di là. Ma ci siamo dimenticati o no che in Italia avrebbe dovuto comparire davanti a un magistrato di Bergamo ai sensi della nefanda legge Mancino, quella sui reati d'opinione? E ci siamo dimenticati che in Francia il MRAP islamico e la Licra ebraica (in questo caso, d'amore e d'accordo) volevano trascinarla in un processo alla Torquemada, con tanto di eliminazione e censura di tutti i suoi libri?

Con tutto ciò sebbene ammiri il suo coraggio, alla sua analisi mancano diversi tasselli: non ha scandagliato affatto il ruolo della Ue dei banchieri e le dinamiche legate al mercatismo e alla globalizzazione.

Nessie said...

Andrea:

"L'unica speranza è che si tocchi rapidamente il fondo, così che anche nei minorati mentali di sinistra scatti un barlume : l'istinto di sopravvivenza !
Ma ci credo poco

Anch'io. Quelli della sinistra sono degli acceleratori di questo sprofondare nell'abisso.

Nessie said...

Eleonora, in Francia gli islamici hanno chiesto di poter utilizzare le chiese cristiane, perché lì intanto sono semivuote. Pensa te!
Non parlarmi di vescovi e di tonache porporate perché mi imbufalisco.
Mons. Crociata, uno con un nome così ti aspetteresti che sia un crociato da Lepanto, e invece dice corbellerie pazzesche sul fatto che dovremmo essere tutti felici e accoglienti.

Luka said...

Nessie forse avrai già visto questo filmato, ma ne riporto il link, nel caso ti fosse sfuggito:

http://www.youtube.com/watch?v=JfhJsu7In18&feature=player_embedded#at=30

Massimiliano said...

Grazie Nessie! Ma questa Boldrini perchè non va a fare "assistenza" da loro??? Con tutte le altre italiane che sbavan di gioa al pensiero dell'ondata di vigorosi beduini in arrivo!!!!! Così la piantan di recarsi in Giamaica a fare turismo sessuale...(che se lo fanno gli uomini è schifoso...)...poi però non prendiamocele indietro...
Scusate, ma qui ormai siamo al delirio...Commissarie...

Massimiliano said...

Quando gli italiani emigravano, nel XIX secolo, al minimo accenno delinquenziale (od al solo sospetto), venivan sottoposti a linciaggi (accaduti in Francia e negli USA)..spesso, poi, i colpevoli veri nemmeno eran italiani...
Qui siamo noi che rischiamo violenze..e guai a protestare..."ospiti", "migranti"...

johnny doe said...

Vero,si è occupata più delle conseguenze che questa immigrazione avrebbe avuto,ma quando pochi avevano il coraggio di dirlo apertamente e con toni duri.
Probabilmente banchieri e massoni mondialisti non erano in quel momento per lei il problema principale.
Sai però che non vedo in giro tutta
Fallaceide,e non mi son certo dimenticato gli episodi che citi e che vanno a suo onore.
Magari ci fossero personaggi pubblici del suo rango che si esponessero come lei,invece delle solite pecore prudenti o degli appecorati a tutto l'armamentario fessocratico.

Aldo said...

Nessie, ho letto le pagine di Wikipedia che mi hai segnalato. Sono un classico esempio di come l'ideologia possa accecare (o rendere mute, alla Galilei, per intendersi) anche le menti più acute. Prenderò seriamente quelle posizioni che considero pseudoscientifiche quando mi si mostrerà, dati alla mano, che le differenze genetiche tra una vacca chianina e una frisona sono quantitativamente e qualitativamente più significative di quelle esistenti tra un pigmeo e un giapponese. Conosci qualcuno che abbia dimostrato qualcosa del genere? Se sì, i suoi studi andrebbe pubblicizzati perché farebbero effettivamente piazza pulita del concetto di razza. In caso contrario, la distinzione capziosa tra ambito zootecnico e ambito zoologico non ha alcuna consistenza, perché la zootecnia non è altro che l'applicazione controllata (o "forzata", se si preferisce) dei fenomeni di selezione comuni anche in ambito naturale.

Quando per timore di un uso improprio di una realtà palesemente rilevabile (nella fattispecie, l'esistenza delle razze) si arriva a censurare la conoscenza, si dimostra quanto l'homo sia homo ma quanto poco sia sapiens.

Nessie said...

Luka , conoscevo quel filmatino, ed è impressionante vedere l'impotenza delle nostre forze dell'ordine, dileggiate e disprezzate da questi ragazzini tunisini. Ma anche qui, è lecito pensar male: ordini di scuderia.

Nessie said...

Massimiliano, intanto ti dico subito che il paese più europeizzato (in senso negativo, e cioè pronto a liquefarsi in nome della Ue) è il nostro. Altrimenti non si capirebbero in queste ore le chiacchiere di Maroni che invece di prendersela con questi vandali delinquenti, se la piglia con la Francia che li respinge. Poi il Paese più "ONUzzato" è pure il nostro con commissari strapagati come la citata Boldrini che si permettono di influenzarne la stampa, grazie alla Carta di Roma, un decalogo col lessico politicamente corretto, ad uso delle redazioni. Quindi fai un po' tu: succursale della Ue e pure dell'ONU. Non c'è nulla di buono da aspettarsi.

Nessie said...

Johnny, i libri della Fallaci li ho letti e riletti varie volte, ma non c'è nulla di originale nella sua nozione di Eurabia ripresa pari pari dal libro di da Bat Ye'or. Invece è originale il tono apodittico e veemente tipicamente fiorentino, che scriva in un ottimo italiano, e anche il fatto che sia un personaggio mediaticamente carismatico all'insegna del citato coraggio e della forza di esporsi di cui parli.
"Probabilmente banchieri e massoni mondialisti non erano in quel momento per lei il problema principale".
No, invece io considero questo proprio quello chiamo il "tassello mancante" e che le viene rimproverato da Ida Magli, la quale la contattò personalmente per parlarle della Ue, ma lei non intravvedeva il pericolo di una nuova dittatura dell'euro e del pensiero. La Magli non sottovalutò il fatto che che Oriana fosse un personaggio mediatico molto forte, ma la sua analisi a distanza di tempo ha un difetto: non vuole vedere chi sono i burattinai di tutto questo ambaradan.
L'islam lo avevamo anche prima alle porte di casa, ma com'è che le masse del Maghreb se ne stavano a casa loro? Chi c'è dietro alle rivoluzioni colorate e profumate che ci hanno invaso? E come mai che i mussulmani d'Egitto, di Tunisia, d'Algeria non bruciano una bandiera americana e israeliana neanche per sbaglio?
La dottrina dello scontro di civiltà in questo caso, è stata prontamente messa in soffitta. Chiediti il perché. Inoltre Oriana era troppo "americanizzata" (se pure in buona fede) per capire che in realtà la nozione diffusa d'occidente voluta dagli Usa, è una nozione mercatista e fallace, atta a scardinare tutto l'esistente in nome di un nuovo e supremo ordine mondiale e mondialista. Finito il "sogno americano" occorre diffondere per il pianeta "il sogno occidentale". Non ci sarà alcun sogno, solo incubi.

Nessie said...

Aldo:

"Quando per timore di un uso improprio di una realtà palesemente rilevabile (nella fattispecie, l'esistenza delle razze) si arriva a censurare la conoscenza".

Aldo, non so se ti sei reso conto che questa nefanda operazione la si fa a tutti i livelli: si censura il lessico, si censura la storia e se ne riscrive un'altra, si crea una pseudoscienza onusiana a cui dover credere per forza (sennò si è "razzisti"), si censura la religione cristiana nei punti in cui non fa comodo, ma la si esalta quando fa comodo e soprattutto la si fa coincidere con l'unica "religio civilis" rimasta in piedi per il mondo: quella dell'ONU.

nuovopatriota said...

Pare che abbiano fatto alzare il primo volo per il rimpatrio stanotte (suppongo altro aereo semi distrutto come le navi): Meno di 150 immigrati.
Coraggio, di 20.000 (stima per ottimismo) ce ne restano ancora 19.850! E intanto la Francia pone le "condizioni" (dictat) per accettarne qualcuno.

***************************************
+nuovopatriota+
[italia agli italiani! bula bula nella foresta!]

Aldo said...

Nuovopatriota, ho sentito un radiogiornale, verso le 13 di oggi, nel quale si diceva che «mille persone sono state imbarcate da Lampedusa, destinazione la Sicilia, mentre sono iniziati i rimpatri: trenta cittadini tunisini, accompagnati da sessanta agenti di polizia, son partite in aereo per il rimpatrio».

N.B. Sto andando a memoria, quindi le esatte parole potrebbero non essere quelle, ma i numeri li ho citati tutti esattamente, così come pure i mezzi di trasporto. Mille da una parte, trenta dall'altra. I rimpatri sono stati poco meno del 3% sul totale degli sgomberi. Ridicolo. Irritante invece il modo in cui è stata data la notizia, mettendo ben in risalto l'avvio dei rimpatri (senza specificarne subito l'entità) e nascondendo in un cantuccio a metà servizio la destinazione dei mille.

Nessie said...

Patriota, Aldo, sapete per caso cosa è successo coi permessi di soggiorno "regalati" ai tunisini affinché se ne vadano in Francia? Le notizie che ho io dicono che il ministro dell'Interno francese Claude Guéant ha detto che se li pigliano solo in base all'art. 5 del Trattato contempla quanto segue:
a) devono essere in possesso di documenti validi
b) devono avere risorse economiche per potersi mantenere.

La DOMANDA: tutti quelli che non possono essere girati come un cambialone alla Francia che fine faranno? Mi sa che ce li dovremo tenere noi nel gargarozzo.

Aldo said...

Sì, Nessie, ho sentito anch'io di quelle condizioni e di altre sullo stesso tenore. A me vien da chiedermi perché la Francia possa applicare quelle restrizioni rimandando gli "ospiti" al mittente e l'Italia no. Cosa impedisce alla Lega al governo, di varare leggi sul tenore di quelle francesi o di minacciare d'abbandonare la maggioranza in caso contrario? Evidentemente questi traditori hanno dei piani ben consolidati per rinnegare quella democrazia della quale amano tanto blaterare. In alternativa, perché la mitica Europa non fa la voce grossa tuonando contro il governo francese? Che assurdità di concetto di "diritto" è mai questa?

Questa sarebbe l'occasione per far fronte comune con le scelte francesi, allineandosi alla loro politica di respingimento per proporne un'adozione nell'Europa tutta. Probabilmente in questa vicenda riemerge la mia ignoranza in materia, perché proprio non capisco (se non immaginando il peggio, secondo la migliore tradizione complottista).

Giovanni said...

Nessie, la Fallaci secondo me ha moltissimi meriti. La sua opera è "parziale", ma ha dato un gran contributo nel risvegliare alcune coscienze. Lei approfondiva solo un tassello del mosaico mondialista, ma il fatto che si sia beccata denunce e condanne per istigazione all'odio razziale e vilipendio all'islam indicano che evidentemente la sua opera dava fastidio. Il merito più grande della Fallaci è quello di aver fatto, ne "La forza della ragione" una sacrosanta opera di revisionismo, svelando cos'eran veramente le crociate, cos'è stata la caduta di Costantinopoli e cos'è stato il dominio arabo-islamico in Spagna. In quel caso ha svolto un'opera più che meritoria. Comunque Nessie, i maomettani c'han sempre provato ad invaderci. Le altre volte però li abbiam sempre fermati perché avevamo qualcosa da difendere, avevamo una cultura ed un'identità da preservare. Ora non abbiamo più nulla da difendere e loro arrivano a frotte. Ma la colpa è principalmente nostra, di noi che abbiamo rinunciato alla nostra identità e alla nostra cultura, che abbiamo dei traditori come governanti pronti a svenderci allo straniero e che siamo dominati da elites massoniche che non hanno altra cultura che quella del vil denaro. Comunque, pure io ero un atlantista sfegatato fino a tre-quattro anni fa, e rileggendo i tuoi primi post vedo che anche tu eri allineata ad una certa linea di pensiero, così come Marcello Foa. Poi il corso degli eventi e la volontà di andare oltre la vulgata ci ha portati a vedere le cose da una differente prospettiva. Una prospettiva in cui l'islam non è il nemico principale, ma solo uno dei tanti nemici da abbattere, e nemmeno il più pericoloso.

PS

Non credere che gli egiziani e i tunisini non brucino le bandiere americane. Aspetta le sorpresine. Gli americani han provato a rifarsi una verginità, ma egiziani e tunisini hanno la memoria lunga e si ricordan benissimo chi ha retto il moccolo ai cleptocrati per decenni. Le bandiere americane non le bruciavan mica ai tempi del golpe in Iran e poi...

PS 2

Mi scuso per il "lenzuolone" :)

Nessie said...

Giovanni, è vero quello che dici e tutti i miei primi post sono stati "fallaciani", per almeno due o tre anni da quando è stato edito. POi da lì sono andata avanti, perché una volta caduto il fatidico Muro i nostri alleati si sono rivelati per quel che sai anche tu. In fondo lei ha dato la stura, ma poi bisogna andare avanti e quel che ieri sembravano gli amici e i nostri protettori, poi si è visto cosa fanno. E anche cosa NON fanno.Non mi piace comunque la faccenda di aver fatto della Fallaci, un santino postumo, da parte di molti Italiani. E se ora tutti quelli che prima la criticavano sono diventati improvvisamente "fallaciani" si vede che la realtà è andata così avanti che non costa più fatica nel riconoscere che allora lei aveva ragione. Troppo tardi.

Sul tuo PS invece non sono d'accordo, perché come avrai letto dal mio post sulle rivoluzioni del Maghreb e anche sul mercenario Gene Sharp, è più che evidente che queste siano state pilotate e patrocinate. Non si sa ancora chi siano i "ribelli" libici (o meglio si sa) che già hanno ricevuto l'investitura di Hillary Clinton.

Nessie said...

Aldo,

"Questa sarebbe l'occasione per far fronte comune con le scelte francesi, allineandosi alla loro politica di respingimento per proporne un'adozione nell'Europa tutta."
Parole sante! Forse perché a volte mi piace fare Bastian Contrario, ma un ministro leghista che invece di litigare con chi viene a molestarci a casa nostra come i tunisini, se la piglia coi francesi per quello che dovrebbe e DEVE fare lui, ha tutta la mia disistima, mentre i francesi hanno la mia solidarietà. Non so che Schengen abbia letto se nell'art. 5 bisogna controllare i documenti e verificare se possono mantenersi, altrimenti questi delinquono. E un ministro dell'Interno che si preoccupa più di scaricare agli altri partner Ue quello che dovrebbe fermare lui, mi pare abbia mostrato le corde. Corde logore. Se ora riuscirà a fare un pattugliamento congiunto con la Francia, per impedire che ne arrivino altri, tanto meglio. Ma resta da smaltire la mole precedente. E intanto stasera a Lampedusa ne sono arrivati 500 dalla Libia. Amen.

Per concludere: non si regalano i permessi di soggiorno semestrali, senza essersi prima sincerati che questa ondata di tunisini possano essere smaltibili. E' stata una mossa avventurista e improvvisata.

Giovanni said...

Certo Nessie, concordo sul fatto che le "rivolte" siano "prezzolate" secondo i dettami di Gene Sharp. Ricordiamo però che in Ucraina e Georgia le rivolte colorate, pianificate secondo gli stessi dettami, son finite in farsa e alla fine, contrariamente a quanto si pensava, ambo i paesi si sono riallineati alla Russia. Insomma, non son così scaltri come pensiamo.

Eleonora said...

E soprattutto è stata una mossa stupida visto che comunque anche con Schengen nessuno stato europeo se li vuole portare sul groppone. Stasera anche la Merkel ci ha criticati e la stessa dice che non ne prenderà nemmeno uno. Tanto per cambiare.

Nessie said...

Ele, allora diciamo la verità: o c'è qualcuno che fa il furbo e non conosce il contenuto di questo benedetto Trattato di Schengen e ci marcia, o c'è la volontà europea di trattarci come lo sgabuzzino dei rifiuti.
In ogni caso, per quanto aberrante sia il Trattato sono propensa a credere che non ci sia proprio questa libertà di transumanza di cui si va vaneggiando. E che se questo art. 5 è effettivamente uno dei pochi freni, Maroni deve a sua volta dire che non si scaricano più immigrati nelle nostre coste e smetterla di fare il cardinal Tettamanzi.

Cabiria said...

Quanto ci costano fino ad oggi questi selvaggi "ospiti" tra sbarchi, arrivi, partenze, soggiorni provvisori, trasferte in navi di lusso (era proprio necessario metterle a disposizione di quei selvaggi?)da crociere saccheggiate e gravemente danneggiate? C'era da aspettarselo! E quanto ancora ci costeranno e, soprattutto, quando finiranno gli sbarchi? Pare che già solo oggi siano giunti altri 600 clandestini, che tali sono, senza ulteriori eufemismi.Ma l'aspetto più inquietante ancora nessuno l'ha portato alla ribalta: l'arrivo in massa di maschi giovani, i quali hanno lasciato le loro donne al sicuro. Le donne italiane sono ad alto rischio per le strade del nostro territorio. Quando cominceranno ad accadere, spero di noi, tristissimi fattacci, alcuni cadranno dal pero altri, specie a sinistra, diranno che "anche gli italiani fanno queste cose" Come dire, mal comune, mezzo gaudio? Sciagurati tutti, specie quelli che chiedono porte aperte, ma alla maniera di "armiamoci e partite" Povera Italia allo sbando! L'U.E. fa Ponzio Pilato. Si è lavata le mani fino alle spalle.

Nessie said...

Cabiria ti rispondo anche per il commento che hai messo nel post precedente. Qui ci sono due posizioni distinte:

1)O ci si mette d'accordo per far fronte a un'emrgenza migratoria comune con mezzi comuni e spese comuni tra stati membri e in parti uguali

2) Oppure si esce da Schengen e dalla moneta comune con buona pace per gli europeisti della 1a e dell'ultima ora.

E comunque è una vergogna per una forza nata come identitaria e anti-immigrazione come la Lega che si metta a fare la pasdaran dell'europeismo e a pretendere di fare l'"ascaro" dell'immigrazionismo costringendo a) tutti le regioni italiane a farsi carico di questi tunisini

b) tutti gli stati europei a fare le s. Terese di Calcutta controvoglia.

nuovopatriota said...

Il punto è, Nessie, che la Francia ha ragione. Ovvero imporre dei documenti di riconoscimento e una solida base economica per permettere a questi "signori" di entrare a casa loro.
Questo è, più o meno, quello che si faceva ai tempi del dopo guerra (ma le restrizioni verso gli italiani erano anche più aspre).
Così come ha ragione la Germania che facendo eco alla Francia ha chiuso le proprie frontiere.
L'eresia e il dramma non è che avvenga questo, e neppure la logica secondo cui questi "signori", come era ovvio, rimarranno nel nostro territorio liberi di delinquere.
Il punto è che l'Europa dice NO, l'Europa quella sensata della ragione, quella dei singoli stati.
E NO lo dice anche l'Italia, nelle vesti del popolo! Ecco perchè questo governo NON lo riconosco e non vedo l'ora di farlo CADERE alle prossime elezioni.
La hai sentita l'ultima esternazione del premier di oggi?
"l'Europa DEVE accogliere gli immigrati".
Domanda, ma era Bersani travestito oppure lui privo di ragione?

***************************************
+nuovopatriota+
[mai domi! il vero patriota è irriducibile!]

Nessie said...

Mi pare che abbiamo più affinità con Francia e Germania che con i nordafricani. La verità è che c'è una campagna mediatica (alla quale aderiscono inconsapevolemnte anche molti blogger) per farci litigare, isolarci dal resto d'Europa e confinarci direttamente a fare da testa di ponte all'Africa. Personalmente preferisco essere il Sud del Nord, piuttosto che il Nord del Sud del mondo.

sdat said...

ciao Nessie,
cercherò di essere sintetico ;-)

1)tutti gli stati membri della UE sanno perfettamente che questa ondata migratoria è prevalentemente composta da detenuti liberati dalla finta rivolta, si parla di 40/50.000 pendagli da forca che inevitabilmente arriveranno in Europa, ripeto, lo sanno tutti ma nessuno si azzarda a dirlo per ovvi motivi politici e non solo, Francia e Germania non li vogliono perchè sono consci della loro potenzialità delinquenziale, resta da chiedersi chi ha organizzato tutto questo e soprattutto chi paga la traversata, 500 euro in tunisia sono soldi grossi, moltiplicati per 50.000 fanno un capitale, dico questo perchè presumo che un galeotto difficilmente disponga di simili cifre.

2) la Francia respinge questa feccia su una frontiera di terra, a questo punto il problema diventa prettamente diplomatico/politico, respingerli rimandandoli in mare sarebbe un problema umanitario che porterebbe tutto il mondo a condannarci

3) Quella di elargire permessi temporanei per sbolognare sti delinquenti ai francesi è stata una mandrakata andata male

4) molti anni addietro una mercantile greco, dopo essere salpato dalla somalia, ha scoperto a bordo una 50ina di clandestini somali nascosti nei container, il capitano della nave, senza se e senza ma, appena raggiunte le acque internazionali ha dato in pasto agli squali tutti i clandestini, da allora nessun somalo ha più osato imbucarsi in una nave greca... così, tanto per rinfrescare una notizia vecchia (capisciammè).

TADS

Anonymous said...

Il punto, Nessie, è che tra poco non si tratterà di preferire se essere il Sud del Nord o il Nord del Sud. Il dilemma sarà quanto di più elementare e shakespeariano si possa immaginare: semplicemente, essere o non essere…

In questo carro di Carnevale chiamato UE ognuno tiene a farsi i cazzi suoi.
Dalla Gran Bretagna che lo fa per conto terzi (ma non gratis), alla Francia che mira scopertamente a ridurci in mutande per toglierci l’ultima parte dell’argenteria, alla Cancelliera del IV Reich che usa il “suo” Frontex (pagato anche da noi) per minimizzare la nostra drammatica situazione.
Perfino una pulce come Malta si fa venire la tosse, mentre la Grecia progetta di costruire un muro alla frontiera con la Turchia.

Insomma, tutti hanno in mente qualcosa, tranne i nostri governanti, irresoluti a prendere misure drastiche e capaci solo di mendicare incontri bi o tri laterali e strapparsi i capelli per il voltafaccia della “santa madre Europa”, mostrando di essere stati gli unici fessi a crederci.
Per il resto, nulla. Il nostro “Comandante in capo” mostra di avere altre priorità. E mentre ieri zompezzava pulcinellando su un palco, stamani ha ritardato la partenza per Lampedusa per presenziare – nientemeno – a un convegno dei “co-fondatori del Pdl” (Partito Delle Larve), dove non ha mancato di recitare il suo mantra: dobbiamo-accogliere-dignitosamente-quei-poveretti.
Lo vada a raccontare alle famiglie di lampedusani che hanno avuto l’ingenuità di accoglierli nelle loro case per vedersele distrutte…
(no caste)

nuovopatriota said...

E intanto si comincia a dare il via alle danze:

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/notizie/cronaca/2011/8-aprile-2011/oria-notte-paura-via-principaletunisino-aggredisce-ragazza-21-anni-190396675231.shtml

+nuovopatriota+
[mai domi! il vero patriota è irriducibile!]

Aldo said...

Patriota, prova a immaginare come sarebbe stato il tenore dell'articolo (e dei numerosi altri che avrebbero invaso i TG) se a intervenire manescamente sull'aggressore fossero stati i conoscenti della ragazza, quali le reazioni a livello dei nostri amati dirigenti traditori di destra e di sinistra, compreso il Super Garante col neo. Ora, se sei riuscito a immaginare bene, procurati un antiacido a salvaguardia dello stomaco. Se vuoi te lo passo io, ne ho già comprate alcune casse per uso personale.

Andrea said...

Cornuti e mazziati... l'Europa, la Francia, la Merkel, Malta... tutti ci danno addosso. Per non parlare dell'ONU e della Chiesa.
Nessuno che faccia la voce grossa con l'Europa, a cominciare da quel pagliaccio di Maroni.
Frattini lo vedrei bene ballare col tutù e le scarpette da ballerina... la Lega, che avevo votato, si è volatilizzata.
Ci facciamo prendere per il culo dai tunisini, nessuno sa che pesci pigliare...
Siamo rimasti soli a fronteggiare quest'orda di delinquenti (non profughi)... povera Italia...

Anonymous said...

leggo sempre con piacere il tuo blog e in passato ho anche partecipato alle discussioni. Mi permetto di portare un'opinione diversa sul problema invasione. A mio parere tutto cio' e' nell'interesse sia di Berlusconi sia della sinistra. Continuando di questo passo il walfare crollera per motivi "umanitari", ma tranquilli la soluzione e' gia pronta, ovvero mutue private stile americano, o paghi o muori e vedrete che a presentare i nuovi prodotti arriveranno Mediolanum e Unipol. Pensate al nuovo business che li aspetta. Dal mio punto di vista giunti al punto in cui siamo l'unica possibilita' e' sperare nell'amor patrio di qualche alto ufficiale.
Cordialita, Paoletto

Nessie said...

Caro Sdat, se hai letto il link che ha messo il Patriota, la risposta al tuo intervento ce l'hai già: questa è feccia allo stato puro e tra i traditori di cui ha detto Aldo, io ci metto anche a buon diritto la STAMPA TUTTA.
La Francia sa e la Germania pure, e dato che da loro c'è ancora una parvenza di stato, non li vogliono. E a noi non resta che fare i nesci-furbastri e cercare di girare la patata bollente. Però nessuno parla. Maroni è stato semplicemente penoso da Bru-NEO a POrta a POrta.

Nessie said...

No caste, tutta questa genia di farabutti che sta giocando con le nostre vite, sanno in materia di retroscena e di "nuove carte geografiche" tutto quel che noi qui su questo modesto blog, facciamo fatica a reperire. Sanno, ma non ce lo dicono.
Ho prelevato dal blog di Marcello Foa le seguenti informazioni del piattino avvelenato che ci stanno preparando le élites globocratiche, da un forumista che la sa lunga in materia di nuovi riassetti geostrategici e lo copiaincollo. Eccoti alcuni elementi del puzzle:

1) Da un osservatore francese, Sarkozy è stato indicato come un agente della CIA per portare a termine una certa missione.

2) Uno dei punti chiave della strategia globale degli Usa è il totale controllo del Mediterraneo (sino al Golfo Persico compreso).

2) Il Nuovo Ordine Mondiale (= credeteci, ne parlò anche Giovanni Paolo II) dovrebbe ricomporre il mondo in blocchi. All’incirca questi: Unione Nordamericana / Unione Per il Mediterraneo / ASEAN + 3 (Cina, Giappone e Australia).
3) L’ UPM (=Unione Per il Mediterraneo) dovrebbe essere composta dai 27 Paesi Ue + Albania/ Bosnia Erzegovina/ Croazia/ Montenegro/ Monaco + Algeria/ Autorità Palestinese/ Egitto/ Giordania/ Israele/ Libano/ Libia/ Marocco/ Mauritania/ Siria/ Tunisia/ Turchia.

4) Il processo di integrazione dell’UPM avverrebbe (alla chetichella) tramite la PEV (=Politica Europea di Vicinato) tesa a conferire ad ogni Paese arabo (uno dopo l’altro) lo status di “partner avanzato” dell’UE.

5) I Paesi leader dell’UPM dovrebbero essere UK, Francia, Germania (Israele e Turchia), sotto la supervisione degli Usa.
6) Esiste il progetto di un tunnel sottomarino tra la Tunisia e la Sicilia, cui dovrebbe seguire un corridoio ferroviario di 2500 km (anch’esso progettato) per collegare Tunisi a Berlino.

7) La BEI (=Banca Europea per gli Investimenti) avrebbe intenzione di investire massicciamente in Tunisia per dotarla di infrastrutture (acqua, energia, trasporti) e realizzarvi progetti di bonifica.

Eccoti svelato l'arcano di tanto impotente silenzio e di questa apparente (ma voluta) mancanza di iniziativa. Questi farabutti NON possono NON sapere, ma non ci dicono un bel nulla. La stampa di regime sa, ma mantiene la congiura del silenzio.

Nessie said...

Aldo, e chi sarebbe il Super Garante col neo? Bru-Neo? :-)

Patriota, ho letto, e penso che sia ora di oliare i fucili.

Nessie said...

Ciao Paoletto, certo che mi ricordo di te. Bentornato! :-)

E' un'opinione diversa, la tua, ma perfettamente integrabile al quadro fin qui delineato. Leggi lo specchietto che ho messo lì a No caste, e la tua opinione su banche e assicurazioni private ci sta tutta. Si saccheggia tutto il welfare per questa teppaglia di cui non ci importa un ciufolo, ma sanno già come reintegrare i fondi e i profitti. Ciao e torna ancora, se vuoi.

Aldo said...

Il Super Garante col neo, nella mia fantasia, è Napolitano.

Nessie said...

Ah bene, credevo si trattasse di Vespa. Io invece il non mio Presidente lo chiamo "Crapapelata" o "Rosso antico".

Anonymous said...

Tra l'altro Nessie, rifacendomi al welfare, in Nuova Zelanda dove c'e' un governo di sinistra per ottenere i ricongiungimenti familiari, detti familiari debbono sottoporsi a visita medica e se non in salute non vengono accettati.
Il motivo e' semplice, lo Stato paga solo per i propri cittadini e contribuenti,lo so' per esperienza diretta, eppure nessuno all'onu mi pare si stracci le vesti.
evidentemente nel nostro emisfero boreale le regole di buon senso funzionano al contrario e presto ci lasceranno anche le aurore :-(.
Paoletto

Nessie said...

Sì Paoletto, sapevo qualcosa del genere anch'io relativo all'Australia, però. Visite mediche rigorosissime e parecchi blocchi sull'accettazione immigrati. Ma evidentemente qui, non conta più nemmeno la salute e l'incolumità fisica degli Italiani.

Anonymous said...

Nessie, confermo quanto scritto da Paoletto ed essendo così “fortunato” da avere familiari sparsi in mezzo mondo, garantisco che quello che oggi vale per l’Australia (ho parenti anche lì) fino a non molti anni fa valeva per tutte le Nazioni.
Gli emigranti italiani partivano verso Paesi che richiedevano (sottolineo: richiedevano) forza lavoro, facendo regolare domanda e sottoponendosi – giunti a destinazione – ad un periodo di quarantena per le visite mediche; la buona salute, oltre alle quote d’ingresso, essendo la condizione per ottenere l’agognato foglio di permanenza. Queste cose il lugubre Crapapelata e l’ilare Saltimbanco le ignorano, altrimenti eviterebbero certi paragoni fuori luogo, inaugurati – peraltro – da Ciampi il fellone.
Dico di più: i “nostri” emigranti sono i più incazzati di tutti nel vedere come l’Italia di oggi tratta i “migranti” nordafricani. E sono incazzati anche per questo: per la differenza lessicale, come se la parola “emigrante”, che andava bene per loro, sia da ritenersi offensiva per i “poveracci” magrebini…

Circa le notizie del forumista che la sa lunga, sono troppo dettagliate per i miei gusti.
Per rendere pubblico uno scenario così preciso o è il più grande agente segreto della storia, o c’è dentro fino al collo, oppure lavora di fantasia su cose reali che tutti noi possiamo constatare. Ed io ritengo l’ultima ipotesi la più veritiera.
Che dietro i sommovimenti degli ultimi mesi ci sia una “manina” lo abbiamo detto fin dall’inizio, al punto da esserci permessi di giocare al “toto-rivoluzione”. E che all’interno di questa grande partita, ognuno cerchi di fare la “sua” mano mi sembra evidente.
In questo quadro non vedo Nanoleone come un agente della Cia, ma come uno che tenta di ridurci col culo per terra per venire da noi a fare spesa a basso costo, e ne avremo dimostrazione nei prossimi mesi. Certo, potrà essere uno strumento involontario dello Zio Sam (o meglio: di Wall Street, poiché è lì il vero potere), ma non un complice consapevole. È troppo francese, ed io conosco bene i francesi. Sarkozy sta semplicemente giocando la sua partita, come tutti, tranne noi.
Come la Gran Bretagna, per conto della City, e come “sora Germania” della quale nessuno parla, pena il delitto di Lesa Maestà.
Ma i tedeschi, dopo la sconfitta del 1945, hanno imparato l’arte subdola del tirare la pietra e nascondere la mano. Quello schifo che abbiamo tra i piedi, chiamato Europa, è in gran parte opera loro. E la Bce, che finirà per divorarci tutti, è “solo” opera loro…
(no caste)

Nessie said...

No caste, sapevo anch'io la faccenda della quarantena imposta e hai perfettamente ragione quando sottolinei l'imbecillità voluta dall'ONU sulla faccenda dei "migranti". Io continuo imperterrita a chiamarli extracomunitari, ma ormai che vogliono estendere la Ue anche all'Africa attraverso l'Unione per il Mediterraneo, evidentemente non si può.
Quanto al "forumista che la sa lunga", invece io credo dopo aver letto ieri delle notizie sull'UPM, che abbia approssimato solo per difetto e non per eccesso. Purtroppo gli stessi scenari sono stati delineati anche da Tremonti nel suo libro "La paura e la speranza", dove però in perfetto stile da tecnocrate dell'Aspen Institute (che non è propriamente una congrega di mammolette) ha parlato solo per allusioni.(l'accordo di Marrakesh dell'aprile 1994). Ma questo sarà materia di un mio prossimo post. Buona domenica.

Nessie said...

Scusami Andrea, se vedo solo ora il tuo commento che è scivolato, non so come mai, nella rete dello spamming. Cornuti e mazziati, dici. Certo e cresce sempre più la fronda degli elettori leghisti imbufaliti per il tradimento di quel pagliaccio di Maroni: basta ascoltare radio Padania per sentire quanti insulti volano all'indirizzo dei loro dirigenti. Almeno, però una cosa l'abbiamo capita: votare non serve più a niente (a meno che non salti fuori qualche altro raggruppamento disposto a prendere in toro per le corna), perché intanto, le decisioni dei governi di ciascun stato della Ue, vengono prese altrove.

Cabiria said...

Le navi-carrette continuano ad arrivare puntualmente sulle nostre coste, nonostante le ripetute tragedie. I migranti non si spaventano neanche di quel pericolo che corrono in mare e i sopravissuti alle tragedie, se ne fanno motivo di vanto, di rammarico e di cruccio con noi, come se a farli annegare fossimo stati noi dalla terra ferma. E tutti i nostri uomini di mare e di terra si mettono ad ascoltarli come fossero il verbo, a comprenderli a coccolarseli a bocca, braccia e portafogli aperti per "accoglierli" come neonati prematuri. Un'estrema sensibilità mai dimostrata con i propri simili autoctoni in periodi di sciagure nostrane, dentro e fuori del nostro "Paese" (o Paesone della cuccagna?)