30 March 2011

Svuotare il mare col secchiellino

Avete mai visto la tenera e poetica immagine del bambino che prende il secchiello e gioca a svuotare il mare? Bene, in queste ore vorrei poter parlare di cose altrettanto tenere e poetiche ma non si può. La metafora però è chiara: stiamo svuotando la marea col secchiello. E' come se fossimo precipitati in un vortice infernale da cui non c'è salvezza. Me ne accorgo anche dai desolanti discorsi che ascolto in giro nei negozi, dal panettiere, dal giornalaio. E anche qui sul blog e dai blogger amici: è un coro a voce unica. Improvvisamente gli Italiani si sentono espropriati e vulnerabili, delusi, disorientati, amareggiati e traditi. Soprattutto traditi da chi, oltre ad aver consegnato le nostre basi militari in una guerra incomprensibile (Gheddafi ci ha forse attaccato o minacciato? ) permette, anzi vuole,  che ci riempiamo di eserciti di disperati dall'Africa. E si badi bene, ho detto Africa e non solo Nord Africa. Poi sarà l'Asia.  Perché è vero che l'attuale emergenza di Lampedusa è composta da tunisini in fuga dalla "ricostruzione democratica" i quali non vogliono fare nessuno sforzo per edificarla, ma vanno a casa d'altri dove pensano di trovare una bella "pappa scodellata". Non so quante ore e quanti giorni ci vorranno per ripulire l'isola da cumuli di immondizia, di rifiuti, di escrementi umani lasciati sul terreno, nelle grotte, nelle cavità. Settemila persone, immaginatevi di quanto possono alte le montagne  dei loro escrementi. E' razzismo parlarne? Ipocrita, falso e idiota chi lo dice.
Non so quanto tempo ci vorrà per ripulire quei meravigliosi specchi d'acqua, un tempo smeraldina, da sacchetti di plastica e bottiglie galleggianti, con buona pace delle associazioni ambietaliste che nei loro piani di repulisti non prevedono mai le transumanze migratorie, nel nome del correttismo politico. So che non è ancora finita l'emergenza lampedusana, che già scatta l'emergenza siciliana, quella pugliese, quella ligure dei disperati che hanno trasformato la stazione di Ventimiglia in un lurido bivacco non dissimile a quello lampedusano. Eppoi sarà toscana, emiliana, lombarda, piemontese, veneta... Che Berlusconi non si illuda e non ci illuda che accetteremo passivamente di trasformare l'Italia in dieci, cento, mille Lampeduse!
I nostri governanti ci dicano CHIARO e TONDO perché i francesi possono cacciare i clandestini e rimpatriarli alla frontiera a loro spese e a piedi au nom de la Patrie, mentre noi non possiamo farlo. Ci dicano CHIARO e TONDO, perché un paese già densamente popolato come l'Italia dovrebbe assorbire sul suo ristretto territorio questo mastodontico esercito di una sporca guerra demografica non dichiarata. Ci dicano perché dovremmo andarci a impegolare nel  pasticciaccio ONUsiano dei distinguo tra "profughi" e "clandestini", fatto apposta per entrare in una spirale perversa e incomprensibile, ma soprattutto a tirarla per le lunghe. Ammesso e concesso che riuscissero a rimpatriare i tunisini, perchè dovremmo prenderci i profughi dalla Somalia, dall'Eritrea, dall'Etiopia, dall'Africa subsahariana, dal Mali, dal Ghana, dalla Libia  e via elencando?
Annibale venne in Italia coi suoi elefanti, noi stiamo assistendo ad un esercito ininterrotto di elefanti africani che schiacciano il moscerino Italia. E a nessuno (governo, opposizione, chiesa, Cei, sindacati) se ne importa.  Tutto quello che Maroni, Berlusconi, Frattini possono fare è distribuire un tanto di questi extracomunitari per regione.
Parlate chiaro: un tanto, quanto? E fino a quando? Perché qui stiamo svuotando il mare col secchiellino del bimbo che vedete in fotografia e stiamo esaurendo le nostre energie fisiche, economiche, morali, spirituali in una lotta impari, mostruosa e disumana.
Frattanto si è messa in moto la macchina delle lacrime a buon mercato. Napolitano chiagne (e fotte) le sue lacreme napuletane, dall'America dove va a visitare il museo dell'emigrante. Peccato ometta di dire che i nostri emigranti venivano selezionati per stato di salute, fedina penale con documenti alla mano,secondo cultura, mestiere e li si tenevano in quarantena prima di decidere se farli entrare nel loro paese o rispedirli indietro senza tante complicazioni. Quelli accettati, li lasciavano per strada. senza preoccuparsi di creare punti di accoglienza o mettere su tendopoli, sprecare denaro pubblico. E se commettevano reati gravi, venivano giustiziati, senza andare troppo per il sottile (Sacco e Vanzetti docent). La fabbrica delle lacrime è anche la tv e i media che ci mostrano donne somale che partoriscono a bordo, che sbarcano col neonato coperto di stracci a cui danno un nome tipo "dono del Cielo" e roba simile. Berlusconi ci ricorda che sono "poveri cristi": benissimo, c'è posto ad Arcore, presidente!
 Dobbiamo  forse correre a fare la carità a tutti i disperati del Pianeta, dimenticandoci dei nostri figli,  solo per ubbidire ai decreti dell'ONU o a quegli stracciatonache della Cei?  Matrigna e malvagia è la madre scellerata che soccorre i figli altrui facendo morire di fame i propri.   E' questo che vogliono?
Non bastassero i minus habentes che ci sgovernano, arrivano in soccorso i becchini liquidatori della povera Patria, dell'opposizione di sinistra: diamo loro il permesso di soggiorno, teniamoceli tutti e facciamoli votare, mettiamoci sul nostro territorio 30 milioni di immigrati, così alzeremo il PIL e ci sarà la ripresa economica, suggerisce il signor Alim (Babà) diventato D'Alema. 
Tutti buoni a nulla imbroglioni  capaci solo di fare i Samaritani col cuore e con il portafoglio degli altri.  
Si vergognino di aver appena festeggiato i 150 anni dell'Unità di un'Italia che non amano e che stanno disonorando e si tolgano dal petto quelle inutili coccarde tricolori!

114 comments:

Eleonora said...

Nessie e ci credo che non gliene frega niente degli italiani "comuni", loro, i parlamentari hanno la villetta, l'autoblù, la scorta e tanti altri privilegi. Loro non vivono alla giornata. Loro non hanno problemi ad arrivare a fine mese. E di conseguenza che bisogno hanno di girare per le stesse nostre strade? Non vedendo, non si rendono nemmeno conto di quali problemi ci sono davvero. E quali enormi problemi portano gli ultimi arrivati, malattie (debellate da noi) comprese. La tbc non è uno scherzetto.

Non dire che i tunisini non puliscono lampedusa... guarda un pò, tutto fatto ad arte con tanto di ringraziamenti:

http://video.corriere.it/i-tunisini-ringraziano-lampedusa/4144f686-5a1b-11e0-b755-6c1c80e280c5

Nessie said...

Oltretutto sì, c'è anche quella dell'emergenza (taciuta) delle epidemie, come la tbc che ricordi.

Non farmi venire il voltastomaco coi filmatini propagandistici sugli zelanti tunisini che puliscono il loro stesso merdaio. Sono commossa, Elly. Chiamiamone ancora di più così poi puliranno loro.

Anonymous said...

Tricolori e propaganda di guerra
Marco Cedolin
http://ilcorrosivo.blogspot.com/2011/03/tricolori-e-propaganda-di-guerra.html#more

Il partito della guerra (PD)
http://ilcorrosivo.blogspot.com/2011/03/il-partito-della-guerra.html

m

nuovopatriota said...

Nessie, credi che il tuo post mostri una situazione drammatica che peggio non si potrebbe?
Purtroppo no: Al peggio non vi è fine.
Basti leggere le prime pagine dei giornali con le dichiarazioni del Cavaliere: «Gli immigrati? Sono dei poveri cristi... aiutiamoli!»
Per quanto riguarda la tua domanda sul "perchè" i francesi possono respingere e noi no, beh, qui ti corre in aiuto la capace Eleonora qui sopra.
Basta leggere il suo post... e mangiarsi la bile.
Io posso aggiungere la dichiarazione, fresca fresca, di qualche tunisino arrivato ai centri di accoglienza fuori lampedusa:
«Grazie per l'accoglienza si... Ma perchè ci mettete nei recinti? Noi siamo qui per lavorare.»
Quindi, danno e pure beffa. Ma come? Non dicevano che erano qui solo di passaggio per andare in Francia?
Quale lavoro? Abbiamo disponibili 18/50/150.000 posti di lavoro per gli stranieri?
E poi, incredibile, davvero vogliono "anche" lavorare?
Perchè non mandiamo a casa anche gli italiani che lavorano?
A far compagnia ai cassa integrati e ai disoccupati e lasciar posto a loro?
Che ne pensi?
Presi per i fondelli da chi abbiamo votato, presi per i fondelli dagli invasori... Iniziamo a prenderci per i fondelli anche fra di noi? Che ne dici?

***************************************
+nuovopatriota+
[dialogo coi clandestini? con la mazzetta in mano!]

Leghista amareggiato said...

Nessie, da applausi, anzi da URLO! L'urlo che ogni italiano di buon senso fa di questi tempi... se c'erano ancora italiani non razzisti, questa situazione pian piano li farà diventare tutti così! Alla fine ci sarà la guerra civile, è questo che vogliono i traditori? Perchè non ci dicono la verità? Perchè i luoghi dove dovrebbero essere smistati i clandestini nelle varie regioni son tenuti segreti? Per evitare anticipate ribellioni?? Ma tanto ci saranno ugualmente... e la Malmstrom che dice NO ai rimpatri in massa, tarpando l'iniziativa di Maroni ('se la tunisia non blocca le partenza, procederemo ai rimpatri forzosi'). Ecco, il quadro è completo...
Si dovrebbe andare a manifestare davanti a Montecitorio, con cartelli dove si dice chiaro e tondo 'NO AI CLANDESTINI IN TUTT'ITALIA' e via così... ma l'italiano si muove solo per le partite di calcio o x le manifestazioni 'a comando' (popolo viola ecc.), quindi sono veramente scettico, deluso e svuotato... Nel mio piccolo cerco di sensibilizzare, scrivo, ma a volte mi sembra di combattere contro i mulini a vento. C'è ancora speranza Nessie, prima del peggio?

Questo tuo post andrebbe affisso a caratteri cubitali in tutto il paese e se puoi, mandalo ai vari ministri traditori...

Anonymous said...

LETTERA APERTA DEI MEDICI RUSSI IN LIBIA

AL PRESIDENTE DELLA FEDERAZIONE RUSSA

24 marzo 2011, Tripoli, Libia

http://blogghete.altervista.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=804:gianluca-freda&catid=32:politica-internazionale&Itemid=47

m

Nessie said...

Patriota, ogni tanto prima di precipitarti sulla tastiera, leggi il testo perché nell'ultima parte del post, la caxxata di Berlusconi l'ho riportata anch'io :-)

"La fabbrica delle lacrime è anche la tv e i media che ci mostrano donne somale che partoriscono a bordo, che sbarcano col neonato coperto di stracci a cui danno un nome tipo "dono del Cielo" e roba simile. Berlusconi ci ricorda che sono "poveri cristi": benissimo, c'è posto ad Arcore, presidente!"

Come vedi non ho trascurato niente, ma finché la mazziate sono solo virtuali...
Non so più in che musica cantarle.

Nessie said...

Leghista, purtroppo la speranza dipende solo da noi e da quanto riusciremo a scassare le palle. Non vedo altra scelta.

Nessie said...

PS: l'accordo di Chambéry voluto da Prodi e che ci incatena e subordina alla Francia e ai suoi rimpatri sul suolo italiani, va rimosso e bisogna fregarsene.

Anonymous said...

Il filtro (doppio) va fatto là...altrimenti è solo una presa in giro.
E serve anche un blocco navale... quelli che sfuggono al primo filtro in trunisia (e cirenaica) devono essere BLOCCATI al limite delle loro acque territoriali e riportati indietro (e carrette del mare date a fuoco).
IL RESTO SONO BARZELLETTE...
e se il governo fallisce anche sull'immigrazione avrà ZERO possibilità vittoria alle prossime elezioni (se non cade prima...) m

Nessie said...

D'accordissimo Marco. Il centrodestra crollerà, la sinistra crollerà e verranno avanti nuove forze antiimmigrazione.
Sugli accordi di Chambéry tra Prodi e la Francia, qui:

http://www.libero-news.it/news/703378/Di_chi_è_la_colpa_della_grana_profughi__Bussate_a_casa_di_Prodi_e_Napolitano___.html


Chiariamo una faccenda: è idiota pigliarsela coi francesi se mi mostrano inflessibili e a muso duro. Il problema non è scaricare a loro, ma impedire che vengano qui da noi. Possibile che dobbiamo sempre fare i furbetti del quartierino?

Anonymous said...

i francesi hanno confine di terra noi abbiamo davanti il mare...vale quello che ho detto prima..
blocco navale (in tunisia e cirenaica campi profughi...se noi, ma solo con l'UE, li vogliamo aiutare bisogna farlo in quelle terre) m

ps comunque la guerra in libia è una PORCATA suprema made in USAUKe neocoloniafrancese (sarko puzza di cia).

Nessie said...

Non hai capito Marco. Mi riferivo al pietismo e al buonismo (ipocrita) dell'ultima ora da parte di certi italioti come ho sentito ieirisera a Ballarò. Non si può criticare la Francia per quell'inflessibilità che mostra di avere e che noi non abbiamo, per le ragioni che ho già elencato (anche la cei e i Vaticano). Bisogna seguire la sua stessa strada nel dire NO. E impegnarci di conseguenza, tenendo conto delle difficoltà geografiche che abbiamo.

Nessie said...

Siamo solo dei cinici ipocriti: non li vogliamo nemmeno noi, ma vorremmo girare il cambialone agli altri. E' ora di cambiare musica.

Anonymous said...

Si, d'accordo con te sul punto. m
(comunque il frattini non lo reggo più)

Josh said...

letto tutto, d'accordo con tutto.
In realtà Nessie sono giorni che volevo scrivere anche nei post passati, simili, ma non trovavo finora parole educate o pubblicabili....sono troppo arrabbiato.

ieri sera cazzeggiando col telecomando ho visto un pezzo della semper ridens Dandini che aveva ospite la Boldrini lupus in fabula.
La Dandini, per quanto fossero d'accordo, ha anche provato a farle domande meno pleonastiche, senti un po'.

Boldrini: sì ma sul problema immigrazione c'è stato un problema nella macchina dei nostri soccorsi, prima arrivavano, ma venivano subito smistati nei centri, i lampedusani manco se ne accorgevano....ora invece c'è stato un problema di gestione nella nostra macchina organizzativa.

Dandini stupita: beh vabbuo' forse il problema non è solo nella nostra macchina organizzativa, il problema...è in MO, e in Africa.

Boldrini: sì ma il problema è nella nostra macchina organizzativa.

...conclusione: quello che succede in MO, non se ne parli neppure, gli Usa e chi può far quel che vuole han stabilito così,
a noi non resta altro che piangerci addosso non perchè arrivano milionate di immigrati, No anzi!!
ma perchè la colpa di ciò che non va...è della nostra macchina organizzativa CHE NON AIUTA ABBASTANZA gli extra.

Spero la gente si dia una svegliata.
Per parte mia, nè io nè tutto il mio 'clan' di amici e familiari voteremo più nè lega nè centrodx ma passiamo un po' più a dx.

Josh said...

patetico Bossi che dice "fuori dalle palle" mentre Maroni va attribuendo quote immigratorie alle regioni.

Disastroso e antistorico quel Napolitano col museo dell'immigrato che parifica l'invasione odierna qui, all'immigrazione del passato degli italiani gestita dagli USA, comprese quarantene, rispedizioni a casa, esami per la lingua, giuramento sulla Costituzione, flussi disciplinati solo in base alle necessità lavorative interne, e tutto il resto.

O ci prendono per fessi o si vede che c'è chi ha la faccia come il culo.

Josh said...

Nota personalissima di sfogo:
non solo cessare subito la guerra contro la Libia,
ma ritirare TUTTI i nostri contingenti da Iraq e Afghanistan, licenziare in tronco tutti i dipendenti USA dalle 120 basi circa che abbiamo sul territorio e annessi, usarle momentaneamente per chiuderci gli invasori in attesa di spedirli a casa loro;
selezionare comunque una parte degli invasori e spedirli sottobanco, magari con l'aiuto delle mafie nostrane, in Francia a quel FARISEO sarcofago imbiancato di Sarkozy, spedirgli pure un bel paio di missili in testa in casa sua.
Usare gli eserciti, alpini e carabinieri ritornati, ora in giro per il mondo all'ordine di lorsignori,
per pattugliare i nostri confini e le nostre coste (visto che la Francia lo può fare e nessuno le dice che 'è razzista') e uscire dall'EU.

Non so perchè ma mi sento già molto meglio,
'liberato', quasi come dopo il sesso.

Aldo said...

Nessie, non posso far altro che fare mio l'intero contenutoi del tuo intervento, per il coraggio e la schiettezza del quale ti ringrazio a livello personale.

Aggiungo una segnalazione: non so chi stesse parlando, ma questa mattina su Radio3 ho sentito un sedicente esperto spiegare che la marea che ci sta affogando col beneplacito delle nostre dirigenze traditrici non può essere considerato che un extra non quantificabile rispetto alle quote già previste dai piani di regolamentazione migratoria. Tralascio qualsiasi commento, affinché tu possa cogliere in modo autonomo le implicazioni della cosa.

Aldo said...

Sempre in tema di segnalzioni, visto che c'è chi cita la sceneggiata di Berlusconi sui poveri cristi, a buona memoria riporto i collegamenti a un vecchio intervento del nostro in una trasmissione televisiva tunisina:

http://www.youtube.com/watch?v=dbsXQpA3sMc
http://www.youtube.com/watch?v=cudw0Itw7Pg
http://www.youtube.com/watch?v=6damIxP5a0g

(Il filmato è uno solo, ma è stato diviso in tre parti per via della sua estensione. Se siete interessati, ascoltatelo tutto, perché i messaggi sono "nascosti" qua e là e non immediatamente trasparenti.)

nuovopatriota said...

Nessie, hai ragione: Infervorato dalla enorme blasfemia detta dal cavaliere non avevo notato che l'avevi riportata (sebbene in modo un po' diverso, ecco perchè mi è sfuggita la "finezza"... io colpisco di spada crociata, non di fioretto).
La sostanza non cambia: Il web è lo specchio della realtà. Non è vero che non è determinante. Le persone dicono le stesse cose, per strada. E, soprattutto, iniziano a reagire.
Ti riporto news fresche (stavolta non dovrebbero esserci nel tuo post, nè di fioretto, ne di ascia):
Gli italiani vicini al primo centro di accoglienza si sono opposti impedendo, inizialmente, e poi ritardando fisicamente l'allestimento delle tendopoli.
Inoltre un gruppo di tunisini è già stato malmenato "da ignoti", fuori dai campi da cui erano sfuggiti.
Tempo fa venivo sottovalutato quando lanciavo l'allarme della zanzara tigre portata dagli extracomunitari e dispensatrice potenziale di malattie. Ora tocca al verme rosso che abbatte gli alberi. Altro che epidemie conclamate: Qui l'invasione è su tutti i fronti.
Concordo sulla eliminazione del trattato tra Francia e Italia voluto da Prodi per la questione immigrazione: Perchè i trattati con le altre nazioni dobbiamo rispettarli solo noi?

***************************************
+nuovopatriota+
[all'imam tagliate il salam!]

Giovanni said...

Ma profughi de che? Ma se son tutti uomini adulti con cellulare e giubottini firmati? Ma mi facciano il piacere che se tutto va bene questi al 90% sono gli ex carcerati che scappano prima che li ripiglino o l'ex "bassa manovalanza" del regime di Ben Alì o volgari profittatori. Ma per favore, profughi un corno!

sdat said...

ciao Nessie,
complimenti per il pezzo, non ho niente da aggiungere

NUOVOPATRIOTA,
inutile dirti che condivido in toto ciò che hai scritto, tuttavia consentimi una "nota tecnica".
Le merde francesi, da sempre attive in tunisia a livello di intelligence, sanno benissimo che durante la rivolta farsa si è proceduto allo svuotamente delle galere, si parla di circa 20/30.000 pendagli da forca, molti dei quali già sbarcati a Lampedusa ed ansiosi di raggiungere i propri congiunti oltre le alpi.
Questo lo sanno anche i nostri governanti ma non possono dimostrarlo.
Quella di alleggerire le carceri sbolognando al vicino "civile" la feccia è una tecnica in uso da tempo, parlo di quei regimi che geograficamente se lo possono permettere, Fidel Castro ha fatto scuola, non a caso negli USA la malavita cubana spadroneggia in Florida e pure altrove.
Con noi lo hanno fatto pure il marocco, la romania, l'albania ecc. ecc. Basta leggere i paesi d'origine della nostra popolazione carceraria.
Odio da sempre i galletti ma forse qualcosa da loro dovremmo impararla.
saluti

TADS

Nessie said...

Josh, ti vuoi proprio fare del male a guardare il due Boldrini-Dandini eh?

Bossi ormai è un povero "bala biott" (in lombardo si dice ai mattocchi e lui questo termine lo conosce bene) il quale fa le sue esternazioni etiliche per far vedere che oltre la Lega di "governo" c'è anche quella di "lotta" (la sua, sic!)

Il Luogocomunista Napolitano si è messo alla testa della presidenza dell'ONU. Ma un presidente che se ne frega del proprio paese per fare il servo mandatario delle Nazioni Unite, vuole dire che è di fatto un traditore della Patria.

Nessie said...

Josh, vedo che il Loch assume pure una funzione terapeutica di sfogo :-)


Aldo, non devi ringraziarmi proprio di niente, qui siamo al Bolero di Ravel ed è sempre la stessa nota che ora sale più che mai in crescendo. Ora siamo alla resa dei conti e nessuno può più nascondersi dietro alle promesse e alle chiacchiere e distintivo. Ho visto solo il primo dei tre filmati, che poi mi guarderò con attenzione e sono già in fase di cattiva digestione. Da sconsigliarsi dopo i pasti.

E comunque per gli amici forti di stomaco, consiglio di visionarli attentamente perché il Cavaliere si mette a fare il Pifferaio magico da Mille e una Palla nei confronti dei paesi arabi-mussulmani, facendo loro capire che la vera Mecca e la Medina è qui da noi.

Capito ora perché vogliono venire tutti qua?!?

Lui e le sue fottute tv.

Nessie said...

Patriota, più che d'accordo. Non è solo responsabile Prodi per aver fatto il Trattato con promessa di non fare scappare i clandestini dai francesi. Ma coglioni anche Berlusconi e Maroni che se lo sono conservato.

Se gli altri sono sleali con noi, perché noi dovremmo essere leali con gli altri? I patti sono fatti per ....essere infranti.

Nessie said...

Giovanni, come ho spiegato nel post, il distinguo tra profughi e clandestini è materia scivolosa voluta dall'ONU per incatenarci. Come dice la Magli, lo status di rifugiato (parlo anche di quelli che non hanno scarpe firmati né giubbottini né cell. tipo i somali e gli eritrei, i più poveracci) è un pretesto per invaderci e non dobbiamo accettarlo. Prima lo si capisce meglio è. Almeno noi.

Nessie said...

Sdati, infatti dai francesi c'è solo da imparare. Io li conosco da una vita e se hai fatto un patto eppoi non lo rispetti, loro sono molto più celtici di noi e ti dicono: "Vous avez signé le Traité, pas de questions, donc!").
Però è chiaro che questa loro durezza dovremmo applicarla anche noi nei confronti dei paesi del Maghreb e fare uno sbarramento, un blocco navale a monte "quelli che sfuggono al primo filtro in trunisia (e cirenaica) devono essere BLOCCATI al limite delle loro acque territoriali e riportati indietro (e carrette del mare date a fuoco). In caso contrario il governo deve essere messo sotto accusa di tenere per le mafie africane, quelle che contrabbandano carne umana.

Pas de questions, come dicono i galletti!

cabiria said...

Ognuno è padrone di chiudere la porta di casa sua in faccia agli sconosciuti d’oltre mare che si fingono agnelli e, una volta in casa, si trasformano in lupi. Bene ha fatto pure la Francia a sbattere la porta in faccia all’orda di emigranti incivili. Bene fece Zapatero a mettere le sue guardie ai confini della Spagna per rimandare indietro gli exrtra comunitari d’ogni tipo, a tutela del territorio e dei suoi cittadini che governava. L’Italia invece che ha fatto e continua a fare in violazione dei diritti dei suoi cittadini e contro ogni elementare buon senso? Ha messo a disposizione la nostra bella Italia di tribù selvagge, senza identità, senza documenti, senz’arte né parte, facendola profanare dal nord al sud da un’orda di barbari, disponendola a diventare, da Paradiso terrestre che tutto il mondo c’invidiava a territorio di libero a uso e abuso dei barbari che la conciano e la riducono ad una latrina a cielo aperto e territorio aperto ad ogni tipo di violenza. Nessun segno d’amore patriottico, nessuna dignità nazionale, nessun rispetto per i legittimi diritti civili e di sicurezza dei cittadini autoctoni si è levato a loro difesa in questi giorni da parte di tutte le autorità in- civili, s-governative, ecclesiastiche, ambientaliste, ecc. Sopra di tutto e di tutti prevalgono i presunti diritti degli stranieri africani in una quasi sacralità inviolabile. E’ come dire che una madre abbandona i propri figli per prodigarsi ad allevare figli altrui sconosciuti. Sarebbe contro natura. E’ ciò che stanno facendo tutti i poteri di cui sopra agli italiani.

nuovopatriota said...

@sdat

Per quanto mi riguarda potrebbero essere 20.000 quanti 200.000 o 200: Io li bloccherei tutti.
Nessuna identificazione.
Navi a raccoglierli a Lampedusa si, ma con rotta per la Tunisia come unico scalo.
E non me ne frega pure niente di distinguere profughi o clandestini, sono tutti uguali: L'Africa è terra di scontri e lo sarà fino alla notte dei tempi, gli interessi petroliferi sono troppo forti.
Che facciamo? Raccogliamo profughi per ogni stato africano? Un tot al chilo?
Siamo alla canna del gas: Padri di famiglia a casa senza lavoro, presupposti di integrazione al lavoro per i nostri giovani italiani pari allo zero (infatti molti laureati cercano fortuna dove sono accettati, all'estero. Senza portare la loro miseria e la loro tbc al seguito, ma menti per cui sono spalancate le porte).
A questi politici della solidarietà non gliene può fregare di meno. Interessa solo manodopera a basso costo, da sfruttare per abbassare salari già sotto la media europea.
In sostanza non abbiamo nulla da imparare dalla Francia, basta usare solo un po' di buon senso e una sana lotta di popolo: Ci stiamo arrivando.

***************************************
+nuovopatriota+
[portiamo gli immigrati a Tokio: c'è bisogno di manovalanza!]

Anonymous said...

...per quanto riguarda l'accenno alla cei..
anche tra i cattolici c'è chi hs lr idee chiare.

http://fidesetforma.blogspot.com/2011/03/chiesa-cattolica-sulla-guerra-libica-se.html

http://www.terrasantalibera.org/

http://www.parrocchie.it/correggio/ascensione/dossier.htm

http://pubblicano.splinder.com/post/24362693/declassamento m

Anonymous said...

il pessimismo di Barnard
RAGE AGAINST THE MACHINE?
parte 1
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8121
parte 2
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=8123

Nicoletta said...

Nessie, perfetta come sempre.
Io vorrei solo aggiungere che il (non mio) presidente della Repubblica dovrebbe ricordarsi che un conto erano gli Stati Uniti di allora (e di ora) per quel che riguarda spazi, ricchezze nazionali e possibilità di lavoro, un conto siamo noi. I nostri emigranti andavano in un posto in cui avrebbero trovato lavoro, spazi infiniti e risorse naturali senza pari. Qui cosa c'è da trovare, invece, che fra un po' ci mangeremo in testa l'un con l'altro per quanti siamo? A sinistra non si lamentano continuamente che non c'è lavoro e che la disoccupazione è alle stelle? Pensano di risolverla imbarcando tutta 'sta gente? Si aspettano che chiunque abia un briciolo di capacità intelletive ci caschi? E non mi venissero a raccontare la storia che gli immigrati sono una risorsa per la Nazione e che vogliono fare i lavori che gli Italiani non vogliono più fare...

Massimo said...

Avete già scritto tutto. Mi permetto una postilla. Gli immigrati sono, realmente, in gran parte dei poveri cristi. I nemici non sono loro, sono chi li spinge da noi come in una stalla. Il paragone, irriverente, mi viene con le mandrie di bufali che i pellerossa spingevano contro i Soldati Blu. Il nemico non sono i bufali che comunque devono essere rimandati a casa, sono i Pellerossa !

Nessie said...

Massimo, da te un simile ragionamento da Monsieur de Lapalisse non me lo sarei mai aspettato :- ).

Se io vado in Tunisia in vacanza e i tunisini sono gli ospiti che mi accolgono, è evidente che non sono nemici. Se qualche famiglia di loro viene in vacanza a va a Roma a vedere i musei Vaticani, è evidente che non è gente nemica. Ma se qui ne arriva un'orda di 7000 che lorda, bivacca, lascia deiezioni e qualche balordo di loro va nelle case a rubare, ecco che scatta subito l'ostilità e l'inimicizia.
FERMO RESTANTE, che i nemici N. 1 sono i burattinai che li lasciano entrare. Hai letto qualche enciclica papale? ;-)

Nessie said...

Nicoletta, bella l'immagine che tra un po' ci mangeremo in testa l'un l'altro. Ma a quanto pare Napolitano parla come se fossimo nel Colorado.

Nessie said...

"Ognuno è padrone di chiudere la porta di casa sua in faccia agli sconosciuti d’oltre mare che si fingono agnelli e, una volta in casa, si trasformano in lupi".

Bendetto Cabiria, lo giro subito a Massimo affinché rinsavisca. Se poi una volta piazzati qui, cominciano a pretendere pure moschee allora come minimo, diventa uno stravolgimento identitario del nostro tessuto sociale.

"Nessun segno d’amore patriottico, nessuna dignità nazionale, nessun rispetto per i legittimi diritti civili e di sicurezza dei cittadini autoctoni si è levato a loro difesa in questi giorni da parte di tutte le autorità in- civili, s-governative, ecclesiastiche, ambientaliste, ecc."
Questa la giro agli apologeti del Risorgimento. E' davvero un bel modo di onorare il 150esimo della Patria.

Nessie said...

Vero Patriota, siamo alla canna del gas e c'è chi promette il "sogno italiano" (anzi, italiota) alla Tv tunisina. Vai a vederti cosa dice Berlusconi in quei 3 filmatini che ha inviato Aldo!

Josh said...

@Nessie: hai ragione sul duetto Boldrini e Dandini.

Ricordi anni fa quando chiamarono la Jebreal 'gnocca senza testa'?

ecco in questo caso la testa latita ancora, e la gn... anche deppiù.

Josh said...

Dai tg emiliani, in interviste a caso tra la ggaente, molte persone, giovani compresi, sono disposti a prendere in Emilia e dintorni molti extra (luogo già indicato dagli extra anche via Rai: alcuni vogliono andare a Reggio Emilia, che è già una Lampedusa 2),
qui si dà la disponibilità anche nei paesini, che sono già per più di metà in mano ad allogeni; interviste in piazza a Bologna dove quasi tutti si dicono bendisposti ad accogliere tutti gli extra che manderanno...
siamo messi ancora peggio.

E saranno messi anche nelle ex caserme, il che sembra una vendetta della sorte: prima riforma del nostro esercito alla'americana; poi quel che rimane delle forze dell'ordine è in giro per il mondo e non qui a fare le guerre degli altri;
e nelle caserme vuote si mette gente da fuori, da mantenere pure.

Ai cittadini italiani chi pensa? nessuno, mai.
Buonanotte!

Leghista amareggiato said...

[portiamo gli immigrati a Tokio: c'è bisogno di manovalanza!]

Patriota, mi permetto di dire che in Giappone, se la cavano benissimo da sè a risollevarsi dopo la terribile calamità che hanno subito... non han bisogno di 'quella' manovalanza, visto che è il paese col tasso di criminalità meno elevato al mondo!
Non roviniamolo, per favore. ;)

Nessie said...

Perfettamente, d'accordo leghista. C'è solo da imparare in fatto di dignità e operosità. E i giapponesi l'hanno dimostrato in circostanze gravissime e difficilissime.

Nessie said...

Sì, Josh, quella delle caserme dismesse con i nordafricani a all'interno sembra proprio una pena di contrappasso. Non abbiamo più legge né ordine, in compenso gli stranieri spadroneggiano a casa nostra e ci impongono un'emergenza senza fine. A pensarci bene siamo un paese in dismissione!

I tuoi territori li conosco e possono migliorare, ma non cambiare. Perciò non te la prendere più di tanto.

Nessie said...

Cari amici, vi prego di esaminare tutti e tre i filmatini di Aldo, i cui links ripeto anche qui:

http://www.youtube.com/watch?v=dbsXQpA3sMc
http://www.youtube.com/watch?v=cudw0Itw7Pg
http://www.youtube.com/watch?v=6damIxP5a0g

Vanno ascoltati con grande attenzione, perché come potete vedere contengono importanti segnali:
La TV come strumento per veicolare gli stili (opinabili finchè si vuole) di vita dell'Occidente nei paesi del Maghreb. Poi Berlusconi,che senza il consenso del popolo di centrodestra che lo ha votato, si spinge a fare promesse da Babbo Natale ai maghrebini: casa, scuola, lavoro per tutti gli immigranti tunisini che vedranno una sorta di nuovo Eldorado nell'Italia.
Alla sua presenza c'era Tarek Ben Ammar, un ex socio di Mediaset di Berlusconi e imprenditore e alto manager franco-tunisino che è considerato il Berlusconi del Maghreb. Sul suo profilo, informatevi qui:

http://it.wikipedia.org/wiki/Tarak_Ben_Ammar

Durante la rivoluzione dei gelsomini Ben Ammar ha fatto da mediatore col nuovo governo rivoluzionario. Francamente dopo questi filmati (a proposito Aldo, a qundo risalgono?), sono sempre più persuasa che in queste rivoluzioni in outsourcing ci sia dentro anche lo zampino del nostro goeverno.
Per questo c'è stato questo precipitarsi di masse tunisine nel nostro Paese, considerato del Bengodi. E per questo le motovedette ce li vanno addirittura a prelevare. I misteri si stanno adagio adagio dipanando.

johnny doe said...

Nessie,mi sto stufando degli uni e degli altri.
Sarò sempre contro una sinistra ipocrita e menzognera,ma non posso nemmeno avallar cazzate come quelle di Frattini e soci e non rimarcare la mancanza di coraggio di chi dovrebbe averne più degli altri.
Non si beccano i clandestini?
Bene andata a chieder la basi ai francesi e inglesi,questi ipocriti difensori dei diritti umani.
mostrare un po' di coglioni,nonostante tutti i rapporti che ci possono essere,non farebbe male.

Non ti nascondo che a forza di queste fregnacce dei diritti umani,il rais mi diventa simpatico!
Assad ha fatto peggio,ma i tartufi umanitari abbozzano.
Bombarderanno anche lui? Col piffero,lì non c'è petrolio.
A costo di passar per matto,tanto sto già dalla parte del torto.
Ormai è un circo generale di mezzeseghe.

Nessie said...

Che ti devo dire Johnny? Sottoscrivo. Qui stiamo navigando a vista tra Scilla e Cariddi come Ulisse. Il MALE è questo governo e come NON ha gestito l'emergenza migratoria. Il PEGGIO è una sinistra che vorrebbe moltiplicare gli immigrati come i pani e pesci e li vorrebbe pure naturalizzare e dar loro il permesso di soggiorno. Impossibile scegliere e perfino turarsi il naso. Sul Beduino la penso come te, e Assad che è un dittatore feroce, però ha capito subito chi sta dietro all'ennesima rivoluzione siriana. "Spontanea" anche questa.

Anonymous said...

Cosa succede realmente in Libia?
http://scienzamarcia.blogspot.com/2011/03/cosa-succede-realmente-in-libia.html

Aldo said...

Nessie, io ho visto quei filmati nell'autunno scorso, ma non ho idea della data in cui è stata messa in onda la trasmissione, che potrebbe essere stata caricata su YouTube da pochi giorni a qualche anno prima. Ho provato a cercare qualche indizio direttamente sulle pagine di YouTube, ma non sono giunto a niente. Si potrebbe tentare una ricerca via Google, per vedere se per vie traverse si ricava qualche informazione in più. Qualche indizio potrebbe anche darlo l'aspetto fisico del Berlu, anche se quello tra una tiratina e un trapianto va e viene con gli anni (apparenti).

In ogni caso, recente o meno, io l'ho trovata una trasmissione tremendamente urtante. Sono stato amareggiato ed intrattabile per giorni, dopo averla vista.

Aldo said...

Trovato: a una prima occhiata, risale a un periodo compreso tra agosto e settembre 2009. Vai su Google e cerca "berlusconi nessma" per maggiori dettagli. Non partire impreparata, preparati una congrua dose di Maalox.

Huxley said...

Intanto in Egitto viene rimesso al suo posto un riconosciuto incapace e ladro, amichetto di Mubarak, taglieggiatore e ladro di scoperte delle missioni archeologiche altrui.

http://english.ahram.org.eg/NewsContent/1/64/8906/Egypt/Politics-/Hawass-is-persuaded-back-into-Egypt-Minister-of-An.aspx

Ma la democrazia avanza....

Nessie said...

La data coincide, perché nella trasmissione tunisina si parla esplicitamente del Trattato di amicizia tra Italia e Libia e della chiusura col passato coloniale.
L'acidità gastrica l'ho già avuta ieri dopo pranzo e dovuto farmela smaltire per tutta la giornata. Si gioca molto sporco: Berlusconi fa il tunisino coi tunisini e il lampedusano con i lampedusani, ai quali promette di risolvere il problema migratorio.
Non ci sarà nessuna risoluzione e lui lo sa perfettamente, dato che è proprio lui ad incentivarla facendo il pifferaio magico. Come lo sa perfettamente anche la Lega che finge di fare "Bau - bau!" ma intanto nessuno è capace di impedire gli sbarchi, a monte; anzi, dal mare e dalle coste africane, per l'esattezza.

Ormai siamo ridotti come i maltesi i quali votano SOLO per quel partito che fa i miracoli di non farne sbarcare più. Tutto il resto del programma politico è secondario. Con la sola differenza (che non è poca) che a Malta non si sbarca.

Nessie said...

Solito copione Hux. In Urss dopo la perestroijka hanno rimesso in piedi vecchi avanzi del regime, passati al cosiddetto "occidente>".

Quanto alla Libia, da chi ti credi che sia composta la compagine dei cosiddetti "ribelli della Cirenaica"? Esattamente dalla stessa gente che prima era nel governo di Gheddafi. Si conoscono perfino personalmente e prima erano grandi amici. Ora giocano a spararsi tra Montecchi e Capuleti. E gli Usa fomentano le fazioni opposte.

Anonymous said...

Berlinguer e il Pci smagnetizzati dalla Nato (a differenza di Fidel Castro)
Andrea Corancini
http://andreacarancini.blogspot.com/2011/03/berlinguer-e-il-pci-smagnetizzati-dalla.html

Maria Luisa said...

Non so che bolognesi abbiano intervistato , ma quelli che conosco io hanno tutti il dente avvelenato e di mondi.

Qui a Ferrara la scelta è fra la excaserma di via Cisterna del Follo (ma pare che sia crollato un soffitto e ci stanno pensando) e l'ex caserma dei pompieri, sempre in pieno centro dittadino, che goduria!
Maria Luisa

nuovopatriota said...

Questi filmati del cavaliere andrebbero divulgati il più possibile.
Tuttavia siamo di fronte a una scelta:
Divulgandoli, anche ai media (la certa stampa che sappiamo) farebbero il gioco della sinistra.
Non divulgandoli saremmo "cornuti e mazziati", ma si manterrebbe comunque uno zoccolo duro di elettorato di Destra.
Infatti non credo che pur essendo su YouTube la maggioranza degli italiani ne sia a conoscenza.
Così come non credo che siano stati la molla determinante dell'invasione lampedusiana.
Quella molla a mio giudizio è scattata a causa della informazione riguardante le dichiarazioni di Maroni sull'esodo di 50/150.000 libici.
Gli altri non sono idioti e sono ben attenti a quello che avviene: Apprendendo la notizia, perlomeno la dichiarazione ufficiale, si sono ben guardati nel fare i propri interessi. Ovvero emigrare in massa prima che lo facciano i libici, rischiando così di non trovare più posto per loro nel "barcone" Italia.
Riguardo alla mia firma, che ripeto sotto, vi posso dire che è una provocazione: A Tokyo occorre manodopera per ricostruire, ma sono tutti a rischio per le radiazioni. Quindi perchè permettere a un popolo laborioso di rischiare quando possono farlo degli scarti umani al loro posto rendendosi veramente utili in una nazione dove serve? Chiaro il concetto?

***************************************
+nuovopatriota+
[portiamo gli immigrati a Tokio: c'è bisogno di manovalanza!]

Nessie said...

M. Luisa, è la solita propaganda mediatica buonista. Tutti i media (quale che sia la tendenza politica) temono di soffiare col mantice e smorzano i toni. A sentire loro "è scattata la gara di solidarietà" e via con le balle buoniste.
Poi arrivano i clandestini "distruibuiti comunisticamente" da Maroni e allora scattano i nervi e partono le risse di campanile del genere "pigliateli tu, che noi abbiamo già dato". Vigliacco se questo popolo riesce a riunirsi all'unisono e fare un bel corteo con i gonfaloni di TUTTI i comuni sotto il ministero dell'Interno.

nuovopatriota said...

"Ormai siamo ridotti come i maltesi i quali votano SOLO per quel partito che fa i miracoli di non farne sbarcare più. Tutto il resto del programma politico è secondario. Con la sola differenza (che non è poca) che a Malta non si sbarca."

E infatti, Nessie, questa è la mia idea.
Votare per quel partito che possa impegnarsi esclusivamente a salvaguardarci le spalle.
Vuoi scommettere che impedendo sbarchi via mare e via terra, rimandando a casa quelli che ci sono ora, la situazione in Italia, magicamente, tornerebbe a farsi interessante e promettente per gli italiani?
No, non scommettere... tanto lo sai bene anche tu.
Una nazione forte lo è dalle basi, da cui poi potersi evolvere.
Quali basi servano è noto.

***************************************
+nuovopatriota+
[portiamo gli immigrati a Tokio: c'è bisogno di manovalanza!]

Nessie said...

Ascolta Patriota, questo è un blog libero e senza censure, se non per le scemenze e gli insulti (di solito di sinistra) , ma io di queste provocazioni che scrivi ne faccio volentieri a meno. Il tuo pensiero è gradito, ma se mi scrivi "scarti umani" e roba del genere io sarò costretta a modificare il tuo pensiero, perché tutto voglio, fuorché offrire il fianco alle censure internettiane. Questo blog voglio che continui ad esistere, chiaro? Perciò sappiati autoregolare. In caso contrario sarò costretta a "edulcorare" personalmente il tuo pensiero.

Nessie said...

Sulla sindorme "maltese" antiimmigrazionista. Purtroppo non è né il tuo né il mio pensiero. E' che ci costringono a lottare per la mera sopravvivenza. E questo per un paese è un male, perché un programma politico che si rispetti deve potersi occupare di tutti gli aspetti della società e di tutti i problemi (primari e secondari) dei suoi cittadini.

nuovopatriota said...

Bene Nessie, allora se ti "disturba" cancella pure il commento.
Per il futuro cercherò di essere "educato".
Tanto sono abituato alle censure e comunque in casa tua sei, giustamente, libera di agire come meglio credi.

***************************************
+nuovopatriota+
[portiamo gli immigrati a Tokio: c'è bisogno di manovalanza!]

Nessie said...

Non sono censure, sono normali regole di prudenza, Patriota. Non te la prendere, mi sei simpaticissimo. Ho letto da te su Ventimiglia. Fermo restante che i francesi intesi come popolo, fanno bene a chiudere le porte (e cito un operaio di Mentone disoccupato che ha testualmente detto che "di miseria gli basta la sua e non ha bisogno di occuparsi di quella del mondo intero") in effetti chi scatena guerre per il petrolio, non può chiamarsi fuori dagli effetti collaterali dei profughi e delle migrazioni bibliche e rifilarle agli altri.

Josh said...

@Maria Luisa:
si sa che certe interviste a volte sono un po' pilotate, in tv, questa volta penso di no;
ma i bolognesi che hanno intervistato erano proprio bolognesi dall'accento, sia gggiovani sia di mezza età: tutti favorevoli all'invasione.
La rete era Rete 7-circuito E Tv, tra l'altro di solito a centrodx, con componente cattolica....ma quelli lì erano tanto bendisposti a ricevere tutti gli extra che volessero mandarci, da questo round di immigrazione, e pure tutti i round successivi.
Gli è che non è colpa solo della rete tv, di solito abbastanza contraria a queste cose, ma ci sono proprio qui in Emilia soggetti così, altrimenti le cose non sarebbero sempre andate in certo modo qui.
Detto questo, anche da centrodx ormai è tutto uno sbracciarsi per i poveri cristi da ogni dove, pur di non occuparsi in alcuna maniera dei poveri cristi nostrani.

Nessie said...

Senza contare Josh, che quelli che possono permettersi un passaggio sulle navi-carretta da 2000 euro tanto "poveri cristi" non sono. Il vero "povero cristo" è quello che non può neanche scegliere di muoversi e che è costretto a stare a casa sua.

Josh said...

Infatti Nessie hai ragione...
E si son visti una marea di tunisini giovani, tra i 20 e 30 anni la maggior parte, ben messi, per nulla patiti, tutti con giubbotto di pelle (alcuni anche griffati), alcuni un po' palestrati e con taglio di capelli moderno, sfumato e fresco di 2 giorni, ho notato anche un giorno una maglietta Emporio Armani non tarocca, telefonini aggiornati (per esempio il mio cell. è del 2002, perchè non me ne frega nulla, ma intanto per quelle cose lì i soldi li han trovati) e sigarette da 6 euro al pacchetto.
Ho usato l'espressione 'poveri cristi' perchè in questi giorni si è stra-sentita...ma

Non solo molti disoccupati italiani stanno peggio, ma anche tanti occupati italiani, precari, cococo e parttime non si permettono quelle cose.

Ora nessuno venga a dirci che il tunisino bisognoso..ha più gusto di noi :-) è che forse non ha tutto questo bisogno, invece....

Nessie said...

Intanto, come volevasi dimostrare stanno accadendo 10, 100, 1000 Lampeduse dall'isola a tutta quanta la Penisola. Ventimiglia è assediata da loro, Manduria (Taranto) è stipata e il sindaco si è licenziato, Mantovano ha gettato la spugna con il suo sottosegretariato all'Interno. Al Nord come al centro come al Sud non li vogliono nelle caserme e non è finita: sarà una discordia generale di Italiani contro Italiani, perché nessuno ha le palle necessarie per dire a voce alta e all'unisono che questa gente deve tornare da dove è venuta. In caso contrario andremo in rovina noi. In tutti i sensi. Meglio passare per razzisti che dilaniarsi in guerre fratricide.

Anonymous said...

«Not in my backyard», dicono gli americani. E così sembrano pensarla anche numerosi amministratori della sinistra. Gli immigrati sono belli, sono buoni e fanno bene; anzi, ce ne vorrebbero di più: 30 milioni, se possibile. Ma non nel mio giardino…

Se l’atteggiamento di queste anime candide ha del grottesco, potrebbe tuttavia sortire effetti positivi, a patto che il loro esempio sia seguito da tutti gli amministratori, indistintamente. Potrebbe essere un modo per forzare la mano ad un governo che si rivela ogni giorno più irresoluto.
Nel caso che tutti gli amministratori si rifiutassero di alloggiare quei «poveracci», come li chiama lui, Berlusconi avrebbe di fronte a sé due alternative: ospitarli nelle sue 380 ville o imbarcarli sulla prima nave e rispedirli a casa.
Non ho dubbi su quale sarebbe la sua scelta.
(no caste)

Nessie said...

Sì, No caste, NIMBY è l'acronimo e nessuno come la sinistra fa il Samaritano col cuore e il portafoglio altrui. I "migranti" (come si ostinano a scrivere ipocritamente i giornalacci di regime) possono andare dove vogliono, non bisogna chiudere frontiere, non bisogna fare respingimenti, bisogna nutrirli, andarli a prendere con la S.Marco, allestire costose tendopoli, ma non davanti ai loro comuni.

Per tornare ad antefatti, ricordi quando il governo Prodi cercò di piazzare gli albanesi in vari hotel della costa romagnola? I primi a sollevarsi furono gli albergatori "rossi". E questo in fondo lascerebbe ben sperare. Nel senso che se nel mucchio di chi protesta per i tunisini, ci sono comuni rossi, verdi e azzurri, è evidente che si dovranno trovare metodi più persuasivi di quelli adottati finora.

Massimiliano said...

Una sola parola...rauss!!!!! Questa potrebbe essere la fine dell'Italia, se non li respingiamo ora...con la storia dei 2500 dollari (o euro), dei villaggi della solidarietà e del redistribuire questa feccia del Maghreb, saremo soppiantati...
Ed esigono..oggi notizie di sommosse a Lampedusa perchè temevano di essere rimpatriati...
Ed i servizi dei Tg, pure quelli di Mediaset??? Ma perché accidenti la Marina Militare li preleva in Acque Internazionali????? Siamo uno schifoso Paese di buonisti....

Nessie said...

Ehilà Massimiliano, ti vedo davvero imbufalito. Non usi giri di parole, a quanto pare.
Guarda, mi sta venendo un fegato grosso così, dato che proprio in questo momento davanti alla tv, fabbrica del lacrimatoio permanente c'è Santoro, il Principe del Buonismo Malvagio (passami l'ossimoro). Questi clandestini (e perciò illegali) non sono ancora entrati in casa nostra che già fanno sommosse, tumulti e spaventano i lampedusani che se ne stanno barricati in casa.
Non hanno ancora svuotato l'isola che ne sono arrivati altri 200 stasera, e i centri del Sud stanno già esplodendo. Finchè non suonerà per aria qualche schioppettata o qualche cannonata dal mare, temo che non ne verremo fuori facilmente. Ci vuole una deterrenza.

Aldo said...

Nessie: «Finchè non suonerà per aria qualche schioppettata [...]»

Chi ti dice che non sia già risuonata? Visto l'andazzo dell'informazione posso adombrare il sospetto che "reazioni scomposte" (per citare il gergo delle nostre dirigenze traditrici) occasionali e "private" ci siano già state ma non vengano pubblicizzate per evitare l'effetto domino del fai-da-te? Si vocifera che, specialmente in certe zone del Sud, ci sarebbe tanta gente col coltello (o addirittura col fucile) facile... c'è da crederci che in occasioni come queste siano tutti buonini buonini?

Ovviamente sto solo facendo illazioni basate sull'intuizione, giacché non ho dati sui quali basarmi.

Lo PseudoSauro said...

Ho fatto un paio di controlli.

Ogni cittadino tunisino puo' recarsi all'aeroporto di Tunisi e prendere un volo per Roma Fiumicino. il governo locale non lo impedisce minimamente. Men che meno quello italiano rifiuta di concedere il visto turistico.

Prezzo? Dai 150 ai 500 €.

E allora perche' i "poveracci" ne spendono 1500 stipandosi su barconi malandati a rischio della vita?

Il sospetto che mezza Africa apra le proprie galere per spedirci gli ex galeotti, non e' piu' solo un sospetto.

Gnazio, dove sono le mie legioni? :-)

Nessie said...

E' molto probabile, Aldo. Si vocifera che per le campagne sicule dove i clandestini hanno fatto incetta di raccolto, hanno rovinato terreni, e buttato per aria frutteti e campi di verdure, sia già successo. Ovviamente però se si difendono dall'invasione i cittadini del Nord con le ronde padane, si è "razzisti" mentre se insorge (e giustamente, sottolineo) il popolo del Sud allora è assai più tollerato. O magari come alludi, non se ne parla nel timore di un effetto domino. E anche su questo doppiopesismo ci sarebbe da riflettere.

Nessie said...

Sauro, ma qui siamo costretti noi a dover fare gli investigatori privati? Quelle zucche vuote dei nostri governanti non ci arrivano? Eppure il ragionamento è semplice: qualsiasi rivoluzione (più o meno colorata) che si rispetti, spalanca le sue patrie galere come fecero con la presa della Bastiglia. E' evidente che i barconi e i traghettatori mafiosi, caricano senza preoccuparsi delle generalità, mentre in aeroporto sarebbero registrati.
Il "pacchetto sicurezza" di Maroni ha FALLITO. Siamo sempre più invasi e sempre più insicuri.
Gnazio col suo pizzetto mefistofelico, pensa di onorare la Patria facendo uccidere i nostri soldati per "conto terzi", mentre mai come ora i soldati e la Marina Militare servirebbe qui. Che ci dica almeno da CHI prende ordini.

Anonymous said...

MLNEWS CHIUDE!!!!
http://mercatoliberonews.blogspot.com/

Addio, o dell’ultimo post
http://informazionescorretta.blogspot.com/

che diavolo sta succedendo?

Anonymous said...

Nessie, finirà che dopo aver rimpianto il Gobbo saremo costretti a fare altrettanto col Mortadella, che speronava le navi albanesi senza batter ciglio…
Come abbiamo già scritto, in questa partita il governo si sta giocando i “suoi” consensi, essendo chiaro che chi lo ha votato si aspetta ben altre risposte all’immigrazione clandestina.
Invece siamo arrivati al punto da farci prendere per il culo anche dalla Tunisia (con l’Europa che le tiene bordone):

http://newrassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna&currentArticle=YO7JU

Giusta l’osservazione del Sauro sulla facilità con cui i tunisini potrebbero venire in Italia non rischiando nulla e spendendo poco.
Mentre è assai probabile che i “poveracci” siano in realtà degli avanzi di galera dei quali la “nuova” Tunisia vuole disfarsi. Sono tutti giovani, maschi, ben vestiti e ben nutriti, hanno pagato dai 1.500 ai 2.000 dollari per il viaggio e sono provvisti di cellulare col quale tengono contatti con i familiari e che utilizzano per “documentare” il letamaio (causato da loro) in cui vengono ospitati. Sono quanto meno delle teste calde e come tali andrebbero trattate.
E poi, non si sono mai visti cittadini (specie i giovani, che dovrebbero essere i più entusiasti) abbandonare in massa il proprio Paese subito dopo aver fatto una “rivoluzione” e conquistato la libertà.

Se la Tunisia non vuole riprendersi i suoi figli e se l’Europa tiene il Frontex (pagato anche con i nostri soldi) a guardia dei confini orientali del Reich, noi abbiamo tutto il diritto di operare respingimenti in mare. I Trattati internazionali che valgono per Malta, valgono anche per l’Italia, a patto che li si voglia far valere.
Poiché si tratta solo di volontà, e non di altro.
(no caste)

PS:
Almeno Varo le sue legioni le sacrificò combattendo, sia pure malamente. E poi seppe uscire di scena come ai bei tempi sapeva fare chi, avendo perso tutto, intendeva conservare almeno l’onore.
L’onore, caro La Russa…

Aldo said...

Nessie: «mai come ora i soldati e la Marina Militare servirebbe qui»

Anche perché (MAI dimenticarlo) fanno capo ad un ministero che non a caso si chiama Ministero della Difesa. DIFESA, capito? Le parole. Sono. Importanti.

Anonymous said...

Ci indignamo per questo ed altro ma, purtroppo, mancando un reale Contropotere in grado di opporsi agli intrallazzi occulti in atto i disegni dei salotti continuano a compiersi inesorabilmente.
Scarth

nuovopatriota said...

Ma... Non hai letto la clamorosa notizia che ho trovato io??
Corri sul mio blog!

***************************************
+nuovopatriota+
[è severamante vietato calpestare gli italiani: i tunisini a mare!]

Nessie said...

Ottimo scoop, ho appena letto. Grazie Patriota. Suggerisco agli amici di leggerlo ;-)

Qui il link: http://nuovopatriota.blogspot.com/

Nessie said...

Scarth, non solo non c'è una forza in Italia, ma in tutta l'Europa in grado di contrapporsi a questo perverso disegno che mira alla nostra estinzione. E chi ha tentato è morto: Haider docet.

Nessie said...

Infatti Aldo, se le parole servono a qualcosa il MInistero deputato a dover difendere e pattugliare i confini (mediterranei e non) è proprio quello della DIFESA. Che invece corre a fare il soldatino di piombo per conto degli Usa in guerre infinite da cui ci ricaviamo solo morti. LO facesse lui e suo figlio Geronimo, almeno. Il fatto è che la ghirba ce la rimettono gli altri.

In ogni caso, Difesa o Interni, la verità è che stanno tutti quanto compiendo sfracelli sulla nostra pelle.

Nessie said...

Marco non chiederlo a me su disinformazione.it, sei tu il Linkator.

No caste, ho letto. L'articolo di Franco Bechis su Libero ci parla dell'ennesima beffa che fa seguito all'ennesimo danno.
In queste ore però ci sono troppe cose strane che non mi tornano. Ieri sera su Rai2 dopo Santoro, è andato in onda un approfondimento del TG,dal titolo "Punto di Vista" dove era ospite in studio il "basso" commissario dell'ONU Laura Boldrini, dove lamentava l'attaccamento degli altri paesi nord-europei ai loro "principi di sovranità" nel respingere quelli che secondo il Boldrinipensiero, non sarebbero "clandestini" bensì "migranti economici". Occhio al trappolone: l'Italia è la più "europeizzata" (lo dico in senso negativo) di tutti i paesi Ue e qui comanda praticamente l'ONU e non l'attuale governo in carica. Non vorrei che si servissero di noi come degli "ascari" per costringere gli altri paesi membri che ancora resistono ad accettare questo schifo e a capitolare in nome della "solidarietà". Capito la trappola? Se da una parte, poter cedere la quota di tunisini ad altri paesi-membri potrebbe far comodo perché ci allevierebbe da un'enorme pressione, dall'altra si aprirebbe una nuova incognita:
la governance mondialista Ue in materia di immigrazione, dove noi avremmo il ruolo di ponte spalancato alla continua transumanza. Non so se mi sono spiegata...Non si fa a tempo a vedere uno scenario motruoso, che già ne fa capolino un altro peggiore. Penso che ci farò sopra un altro post, quanto prima.

Nessie said...

PS: INOltre mi puzza parecchio questa campagna di stampa contro i francesi, rei di fare solo quello che dovremmo fare noi da parecchio tempo.
Bechis su Libero riporta gli accordi di Chambéry fatti da Prodi con i francesi, ma ieri un pezzo grosso della polizia francese, ricordava giustamente che gli accordi sono "bilaterali". Il che vuole dire una cosa: che se possono respingere i francesi, possiamo respingere anche noi.
Per quanto io possa trovare detestabile Mortadella, non credo sia stato così rincoglionito da firmare un Trattato privo di reciprocità. Bisogna informarsi meglio. Chissà qualcosa lo scriva.

Anonymous said...

ot. Perché fu rapito Aldo Moro.
http://paolofranceschetti.blogspot.com/2011/03/simbologia-massonica-ed-esoterica-nel.html
http://paolofranceschetti.blogspot.com/2008/03/moro-fu-davvero-rapito-dalle-brigate.html
tesi indimostrabile ma interessante. m

Anonymous said...

Luoghi malfamati - el ritma del peggiore bar di caracas
http://santaruina.splinder.com/post/24382765/luoghi-malfamati
m

Anonymous said...

Accordi di Chambery:

http://www.camera.it/_bicamerali/schengen/docinte/ACCITFR.htm

Nessie said...

Grazie letto gli accordi di Chambéry e come volevasi dimostrare non ho colto nulla di penalizzante per noi:

1) congiunti servizi di sorveglianza, suddivisione in parti uguali delle eventuali spese, le parti avviano nel rispetto della propria sovranità nazionale, una cooperazione trasn frontaliera in materia di polizia e di dogana ecc.
In più c'è l'art. 12 che dice:

ARTICOLO 12

Al fine di realizzare, nelle Zone di frontiera, una cooperazione in materia di polizia e di dogana, gli uffici di cui al presente articolo 11, nel rispetto delle specifiche competenze e delle disposizioni nazionali, comunitarie ed internazionali, hanno il compito di:

coordinare le azioni comuni nella Zona di frontiera, in particolare per lottare contro la delinquenza frontaliera e prevenire le minacce all'ordine e alla sicurezza pubblica;

raccogliere e scambiarsi le informazioni in materia di polizia e di dogana.

Non vedo, il motivo di scatenare tanta campagna di stampa come ha fatto LIBERO (articolo di Franco Bechis) che lo ha fatto passare per un accordo penalizzante per noi.
Se siamo così fessi da non respingere i clandestini dal MARE, non possiamo pretendere che i francesi facciano altrettanto da TERRA!

Anonymous said...

ma questi prima di andare in francia devono passare dall'italia... ci dovrebbe pensare l'ue con campi profughi (DA LORO) ed a premere sui tunisini (oltre ad eventuale blocco navale)...
COME MINIMO dovremmo cominciare noi...invece c'è l'organizzazione "dell'accoglienza"
(per quanti se seguitano ad arrivare?)
Ci sarà qualche direttiva dall'alto? m

Nessie said...

Marco gli accordi di Chambéry sono stati stipulati per l'esattezza il 3 ottobre 1997, e nell'agenda di allora c'era l'esigenza di razionalizzare Schengen.
Il Maghreb era ancora sotto controllo.
Come ho scritto, ieri sera Laura Boldrini dell'ONU (che personalmente trovo detestabile) ha parlato della difficoltà di fare una politica migratoria comune nella Ue, in quanto ci sono ancora le singole costituzioni dei paesi-membri che hanno clausole piuttosto chiare in materia di penetrazione di stranieri.
E mi piacerebbe dire: per fortuna! Ma qui la faccenda si complica. Vedere quanto ho appena scritto a No Caste, nel commento delle 2, 59.

Eleonora said...

E adesso la tunisia ci da anche lezioni di democrazia... certo che bisogna avere la faccia come il didietro:

Immigrati: premier Tunisia, in centri italiani trattati come agnelli in gabbia


Tunisi, 31 mar. - (Adnkronos/Aki) - "I clandestini tunisini tenuti nei centri di detenzione temporanea in Italia vengono trattati come agnelli in gabbia". E' quanto ha affermato il premier tunisino, Beji Caid Sebsi, in un'intervista trasmessa dalla tv privata 'Nesma'. "All'inizio venivano trattati bene - ha affermato - ma ora la faccenda viene strumentalizzata dai partiti di destra europei". A proposito dei 15mila clandestini tunisini sbarcati a Lampedusa, il premier ha affermato che "si tratta di un problema del governo italiano, ma spetta a noi l'onere di controllare i nostri confini''.

E, riguardo l'accordo Chambery, eccone un altro pezzetto:

http://www.interno.it/mininterno/export/sites/default/it/sezioni/sala_stampa/prefetture/

E la francia fa bene a rimandarli indietro. I coglioni sono i governanti italiani che non hanno avuto cervello di cambiarlo.

Anonymous said...

Nessie, personalmente i francesi mi stanno sui marroni da sempre.
Mi ripugna che ci considerino una loro dépendance e siano pronti ad accusarci di “tradimento” ogni volta che non ci mostriamo lesti ad ubbidire ai loro ordini. E non sopporto che evochino “cuginanze” ed altre parentele bastarde quando fa loro comodo, salvo dimenticarsene se gli interessi li portano da un’altra parte. A voler fare un elenco delle “loro” pugnalate alla schiena, non basterebbe l’Enciclopedia Treccani.
Adesso chiudono (legittimamente) la frontiera con Ventimiglia, ma qualche anno fa furono i primi a rampognarci quando “noi” volevamo sospendere il Trattato di Schengen nei confronti della Romania…

Ciò detto, non mi meraviglia che in questa caricatura di “Unione” chiamata Europa ognuno si faccia i cazzi suoi, a cominciare dai tedeschi i quali, non a caso, hanno voluto la sede del Frontex a Varsavia (perché non a Madrid, Roma o Atene?). Infatti i miei strali sono rivolti ai nostri (s)governanti, più che a Sciaboletta le cui azioni non hanno di vista solo un recupero nei sondaggi.
Che sia cosciente o meno di essere parte di un ingranaggio, Nanoleone IV vuole ridurci in mutande come fecero altri nel 1992 per venire qui a fare shopping a basso costo e raccattare quel che resta dell’argenteria di famiglia.
Questo è il suo obiettivo, se poi i “superiori” glie lo consentiranno è un altro discorso…

L’anno scorso la Repubblica Ceca ci tenne col fiato in sospeso, quando era rimasta ultima a ratificare il Trattato di Lisbona. Se non lo avesse fatto, sarebbe andato tutto in malora. Purtroppo lo fece, ma solo dopo avere strappato deroghe su beghe interne riguardanti i tedeschi dei Sudeti, analogamente a quanto avevano già fatto Gran Bretagna ed altri Stati.
Questo per dire che l’Italia potrebbe ottenere dall’Europa quello che vuole, minacciando di esercitare il suo diritto di veto. Se volesse, poiché volere è potere. Solo che i nostri governanti non vogliono, forse perché sono già passati al “lato oscuro”…
(no caste)

Nessie said...

E' così No caste, l'Italia potrebbe ottenere dalla Ue quel che vuole ma manca la volontà politica di farlo. E allora? Mi sa tanto che sia come dici, che in certe consorterie ci siano dentro tutti. Ricordo bene la faccenda della Romania e di Schengen. A proposito del quale, ho l'impressione che coi nuovi riassetti "africani" sarà superato anche questo. Basta leggere sul Giornale le dichiarazioni di Cecilia Malmstom eurokommasr agli Affari europei:

http://www.ilgiornale.it/interni/leuropa_bacchetta_sarkozy_non_puo_respingere_stranieri/politica-europa-immigrazione-francia-sarkozy-malmstrom-respingimenti/01-04-2011/articolo-id=514876-page=0-comments=1

Nessie said...

Ele se siamo coglioni che ci possiamo fare? La lezione della democrazia alla Tunisia è presto data: tunisini al mittente a edificare la nuova e "democratica" repubblica tunisina. C'è bisogno di braccia giovani - è così che dovrebbe rispondere un governo con un po' di palle.

Ti devi essere sbagliata perché in quel link non c'è nessun accordo di Chambéry. E del resto ho davanti l'elenco completo degli articoli e tutto il testo, e non c'entra un tubo con la nuova emergenza dall'Africa. Quell'accordo fu stipulato tra Chirac e Prodi (Sarkò non esisteva ancora) , nel quadro di Schengen e della cooperazione comune contro la criminalità. Correva l'anno 1997 cioè coi ritmi e la velocità di oggi, quasi un secolo fa, visto che eravamo ancora nel '900. Oggi dire 14 anni fa è molto, per come viene destabilizzato in fretta il mondo.

Anonymous said...

Caro No Caste, la UE' è peggio di un posto dove ognuno si fa i cavoli propri: è una tirannide con una gerarchia ben definita tra chi comanda e chi deve obbedire. Che poi i nostri (s)governanti siano immensamente impreparati e sprovveduti è di tutta evidenza purtroppo.
Teniamo conto però anche del fatto che al nostro interno di amici del giaguaro ce ne sono in tutti gli angoli. E sono angoli che contano. Fa pena infatti vedere che i suddetti amichetti nostrani che hanno appena ostentatamente celebrato il Risorgimento italiano esibendo coccarde siano gli stessi che cedono gaiamente la sovranità e gli interessi nazionali ai Potentati Globali.
C'è di certo il "Lato Oscuro" ma purtroppo mancano la "Forza" e i "Jedi" per contrastarlo.
Scarth

Anonymous said...

Vero quello che scrivi, Scarth. Ma ricordo bene che in quel film la Forza era determinata dalla Volontà…
Quanto alla retorica patriottarda, con me sfondi una porta aperta. Io sono un nazionalista vero, uno che non ha bisogno di intabarrarsi di tricolore per mostrare quello che è. Non ho atteso il 150° anniversario per ricordare il 17 marzo, lo faccio da molti anni. E, come ho scritto in quei giorni, avrei preferito cerimonie più sobrie da parte di chi, invece, ha ostentato perché aveva molto da farsi perdonare. Soprattutto mi sarebbe piaciuto che ci fosse stata più tolleranza verso chi non era d’accordo. Io, ad esempio, NON festeggio il 25 aprile.
E non ho ancora dimenticato quando mi sequestrarono una bandiera tricolore come prova di apologia di fascismo…
(no caste)

Nessie said...

Scarth, No caste,

la cosa che mi infastidisce di più, è che quelli delle Trilaterali, Bilderberg, FCR, EFCR ecc. abbiano magioni in posti fuori dal mondo, tenute avite, cavalli con maneggi e stallieri, e non saranno certamente loro a subire il casino e gli effetti dello scoperchiamento del Pianeta che hanno innescato.
Anzi, staranno lì a guardarsi compiaciuti tutto questo pandemonio e a ridersela.

Anonymous said...

Infine il governo ha preso una decisione risolutiva: saranno rimpatriati ben 100 clandestini al giorno.
Tenendo conto che finora ne sono approdati oltre 20.000, occorreranno più di 200 giorni per sbrigare la pratica. Nel frattempo ne saranno arrivati altri 100.000.
Finalmente conosciamo quale sarà la nostra sorte: crepare dal ridere…
(no caste)

nuovopatriota said...

"Ricordo che abbiamo 9mila comuni e dunque se restassero 9mila nuovi cittadini basterebbe restituirli uno per comune" e non sarebbe difficile trovare loro un lavoro, "lo dico perchè dobbiamo ricordarci di essere stati anche noi un Paese di migranti" e perciò "dobbiamo essere comprensivi e ospitali, perchè siamo un Paese civile e cattolico". È un passaggio dell’intervento telefonico del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ad una manifestazione a Catania.

http://www.ilgiornale.it/interni/parigi_se_ne_infischia_ue_proseguono_respingimenti/02-04-2011/articolo-id=515058-page=0-comments=1

Occorrono commenti?
sono talmente imbufalito che se mi metto a scrivere mi censuri a vita.
Ti lascio un saluto e vado ad allenarmi con la spada.

***************************************
+nuovopatriota+
[torneranno i crociati.. e saran mazzate!]

Cabiria said...

Adesso anche Berlusconi parla come Napolitano: "ricordiamoci che anche gli italiani emigravano" Punto. Nessun'altra parola al riguardo, come se i nostri emigranti avessero le stesse caratteristiche di quelli che oggi irrompono da noi e fossero stati tutti accettati e trattati con i guanti di velluto e si fossero messi a protestare, a pretendere, a scioperare ed a spaccare quel che capitava loro a tiro, come stanno facendo ora i "bravi" emigranti appena giunti. Figuriamoci cosa faranno in seguito, quando avranno messo piede stabile da noi, come purtroppo avverrà! E' scritto nelle intenzioni di tutti, dei governanti nostri ed europei, i quali ultimi parlano a vuoto menando il can per l'aia, tenendo però chiuse tutte le loro porte d’accesso.
Buon fine settimana a tutti. Emigranti permettendo.

Nessie said...

Ho sentito cari amici Cabiria e Patriota. E mi sono già imbufalita. Suggerisco per una questione di igiene mentale, soprassedere almeno per la santa domenica (che è domani) perché c'è da farsi venire il torcibudella. E a parte i nostri blog non abbiamo nessuna presa sulla situazione.
Come se non bastassero le esternazioni idiote d Berlusconi c'è anche quella di Mantovano sul Corsera. In una sua intervista dice che l'unico modo per farsi aiutare dalla Ue è concedere il permesso di soggiorno come "rifugiati" a tutti costoro, esclusi i galeotti. Ma dico: diamo i numeri? Se gli si concede lo status di rifugiato questi a casa loro non ci vanno più.

Anonymous said...

Per resistere agli attacchi di bile alcune "Preghiere" di Langone su questo tema dal Foglio degli ultimi giorni :

http://www.ilfoglio.it/preghiera

Nessie said...

Ecco il link: http://notizie.virgilio.it/notizie/cronaca/2011/04_aprile/02/immigrati_mantovano_basta_con_logica_del_tutti_a_sud,29008508.html

In questa intervista Mantovano le dice chiare: per avere aiuti europei occorre dar loro i permessi di soggiorno. Ergo, alla fin fine farci aiutare dalla Ue è un autogol. Buon weekend.

Nessie said...

Ottimo, nasce il Partito dell'Italiano invaso.

Anonymous said...

Ciao Nessie, dimenticata la firma del link di Langone.
Scarth

Anonymous said...

«Ricordo che abbiamo 9mila comuni e dunque se restassero 9mila nuovi cittadini basterebbe restituirli uno per comune».
E perché solo uno… perché non due, o dieci?...

Nessie, vuoi una ricetta magica per combattere la disoccupazione? Presto detto: se ognuno dei capitalisti italiani (a cominciare dal loro capo) adottasse un tot numero di disoccupati e versasse loro mille euro al mese, avremmo quasi risolto il problema…

Ma che cazzo di discorsi sono, questi? Fino a che punto vorrà prenderci per il culo? Quando la finirà con queste dichiarazioni acquistate un tanto al chilo alla Fiera delle banalità?
Se vuole fare il Buon Samaritano, Berlusconi si vesta di stracci e lo faccia a spese sue. Se vuole continuare a governare un grande Paese (perché l’Italia lo è) impari finalmente il linguaggio e l’agire di uno statista.
Se invece si è completamente bevuto il cervello, allora si tolga dalle palle. E soprattutto la smetta di pretendere di risolvere le questioni con spacconate e battute cretine.

La misura è colma: dichiaro qui, formalmente, che in assenza di un ravvedimento il Pdl mi avrà come fiero avversario alle prossime elezioni, quando ci saranno. Ne informerò nei prossimi minuti i parlamentari che conosco e invito tutti a fare altrettanto.
Ho combattuto per anni su posizioni minoritarie, posso ricominciare a farlo da domani mattina. Quelli come me non temono la solitudine.
(no caste)

Nessie said...

Anch'io stavolta col ciufolo che rivoto per la Lega, dopo tutte le vaccate di Maroni! Intantro se vuoi fare campagna contro il Cav comincia a diffondere il filmatino di Aldo nel quale va in Tunisia a promettere di fare il Babbo Natale del Maghreb. Non ti incavolare, tanto la tastiera è silenziosa e nessuno ti sente :-)

No caste, ti ricordi il mio commento sul "trappolone Ue" delle 2, 59? Bene, puntualmente il trappolone è arrivato. La Ue schioda i dané e collabora solo alle condizioni di cui ha detto Mantovano: cioè lo status di rifugiati.

Perciò quello che può sembrare un bene in realtà è un nuovo male che si aggiunge a quanto già stiamo vivendo.

Massimiliano said...

Se in qualche servizio televisivo sento ancora la parola "migranti" per definire questi invasori del Suolo Patrio...
D'altronde esiste anche una corrente di storici che, parlando delle invasioni barbariche (IV-V secolo d.c.) parla di "pacifiche migrazioni di popoli" che avrebbero rivitalizzato il moribondo mondo greco-romano..insomma, l'apologia di Genserico, Alarico e bestie simili...vorrei ricordare che, almeno agli inizi, i regni romano-barbarici eran caratterizzati da apartheid nei confronti degli autoctoni romani o romanizzati...Proviamo ad immaginare cosa succederà quando il Maghreb sarà maggioritario da noi? Prepariamoci ad un futuro da DHIMMI!!!!

Nessie said...

"Migranti" è un termine che si addice all'uccellagione di passo e non alle turbe e alla moltitudini di assatanati a cui abbiamo assistito in questi giorni. Guarda caso, viene ripetuto non so in quale numero imprecisato di volte per farci il lavaggio del cervello.
Ma io mi rifiuto di impiegarlo. L'autrice è la portavoce dell'ONU Laura Boldrini, la quale ha approntato una sorta di "zibaldone terminologico" ad uso delle redazioni dei giornali per inculcare questi eufemismi tesi a nasconderci il peggio.
Il suo blog carico di scempiaggini viene zelantemente ospitato da Repubblica, caro Massimiliano.
Se vuoi prendertene visione, eccolo:

http://boldrini.blogautore.repubblica.it/

Anonymous said...

REFLESSIONI SUL NUOVO ORDINE DEL SACCHEGGIO INTERNAZIONALE

1-Quindi sia l'ONU, sia il Consiglio della Sicurezza, così la NATO, sia il trattato internazionale, sia il Tribunale dell’Aja, sono alibi affinchè i potenti saccheggino i deboli. Succede allora che tanto la libertà d’espressione, tanto il Nobel per la Pace, tanto la cultura funzionano come pretesti per uccidere in nome dell’umanitarismo, chiamare aggressore chi si difende e bombardare le vittime per salvarle. Succede che il capitalismo vive derubando i suoi stessi popoli con la frode finanziaria e quelli della periferia con le armi. Oltre a ripetere mille volte in più quello che tutto il mondo sa, cosa fare?
Di Luis Britto García


http://www.vocidallastrada.com/2011/04/reflessioni-sul-el-nuovo-ordine-del.html#more

m

Nessie said...

Ben detto Marco! E' un universo rovesciato: chi si difende è l'aggressore, chi bombarda è la vittima. Quanto a queste organizzazioni "umanitarie" trans e sovranazionali e ai loro portavoce ipocriti e falsi, non ho voglia di aprire il dizionario delle parolacce.

Massimiliano said...

Grazie Nessie, ma non voglio farmi il fegato ancora più grosso!!! Immagino comunque la terminologia...è quella che si legge, che si ode in Tv/giornali etc...e, poi, oggi sentire quel cane analfabeta di Di Pietro spandere lacrime, quasi, sui poveretti tenuti come bestie...
La cosa ancora più fastidiosa, è poi la boria di questi "poveri cristi" (Signur..solo a pensare alla frase del Bernasca..)..esigono, si lamentano...fanno sommosse..ci vorrebbe un Bava Beccaris...

Nessie said...

Bernasca?? Berlusca, vorrai dire :-) Ma guarda un po' come si scopiazzano l'un l'altro. Prima era Napolitano a parlare di Italiani popolo di emigranti, ora attacca lui con le solite idiote banalità. Nessun Italiano è mai andato a mangiar pane a ufo a casa d'altri, come questi qui. Si sono sempre fatti un mazzo grosso tanto. E nel dopoguerra la loro imperfetta democrazia (come sono del resto, tutte le democrazie) gli Italiani se la sono ricostruita a casa loro, non sono andati a casa d'altri a voler trovare la pappa scodellata.

Aldo said...

Parliamo... parliamo... ma non si potrebbe GRIDARE in piazza? Com'è che nessuno organizza manifestazioni adeguatamente trucide (non certo le carnevalate di gente ridente coi tamburelli, intendo).

Anche dei presìdi stabili di cittadini impegnati a controllare che nessuno fugga dalle istituende tendopoli sparse per l'Italia non sarebbero male, tanto che mi offrirei subito volontario per presidiare, a turno, quelle nella mia zona ripescando per le orecchie chi dovesse tentare la fuga (e saranno tanti). Mi piacerebbe vedere le facce di chi lascia intenzionalmente aperte le vie della fuga, a vedersi riconsegnare i fuggitivi (con tanto di documentazione filmata, ovviamente, per evitare "reazioni improprie" tipo manganellate incontrollate). Sarebbe un gran bel messaggio.

Nessie said...

Aldo, questo è un blog e qui è di parole che si tratta. Guarda nel post che ho appena abilitato cos'hanno fatto i ragazzi di Casa Pound a Parigi: un'azione alla D'Annunzio. Magari non ne sortirà niente, ma sempre meglio dell'inazione.