20 August 2008

Promemoria per gli Italiani sul Trattato di Lisbona appena ratificato

Ovvero, tutto quel che gli Italiani devono sapere sul Trattato di Lisbona appena ratificato e che non hanno mai osato chiedere, perché non ne sapevano nulla.
Il 23 Luglio, mentre molti Italiani erano in ferie, è stato ratificato al Senato il Trattato di Lisbona. Il 31 luglio, invece è passato alla Camera. Sarà bene ricordare agli Italiani che in quelle date spopolavano le città per andare in vacanza, le sorprese del dopo estate. E sarà utile ricordare che detto trattato ci rende non più sovrani a casa nostra perché incompatibile con la nostra Costituzione (della quale poi si finge ipocritamente di celebrare il 60esimo anno dall'emanazione a oggi) cosa ci aspetta con la nuova "carta di identità europea" prossima ventura. Come pure è utile ricordare che questo primo passo verso il Nuovo Ordine Mondiale (NWO) è stato votato da tutti i partiti presenti in Parlamento. Senza alcuna eccezione tra quelli di destra e quelli di sinistra.

1) Sai che è un trattato di riforma europea che sostituisce i precedenti trattati e con il quale si afferma definitivamente la prevalenza del diritto comunitario su quello nazionale?

2) Sai che tutto il potere decisionale in Europa sarà gestito da 27 Commissari (uno per ogni nazione, non necessariamente eletti dal popolo, che dal novembre 2014 diventerebbero meno di 27, in rappresentanza di solo i 2/3 degli stati), dal Consiglio (anche qui, membri non necessariamente eletti dal popolo), e dalla BCE (Banca Centrale Europea… e figuriamoci se gli "eletti dal popolo" li troviamo proprio qui!), e che il Parlamento Europeo continuerebbe ad avere un ruolo puramente consultivo?

3) Ti senti rassicurato dal fatto che così poche persone decidano del destino di 500 milioni di abitanti?

4) Ritieni che esistano organizzazioni che possano agire per condizionare le decisioni di organismi gestiti da così poche persone, non elette dal popolo, che hanno un potere assoluto sul popolo stesso ma che non rispondono a nessuno che li abbia eletti?

5) Hai mai sentito parlare di "BILDERBERG" e "COMMISSIONE TRILATERALE" ?

6) Ricorderai che per far cadere un qualunque governo è necessaria la maggioranza semplice dei rappresentanti (il 50% più uno); sai che per imporre le dimissioni alla "Commissione" è invece necessaria la maggioranza (con voto palese), dei due terzi del parlamento europeo?

7) Sai che il trattato di Lisbona reintroduce la pena di morte?

8) Con ambiguità il Trattato non cita direttamente la pena di morte ma rimanda alla "carta dei diritti fondamentali" che nel suo articolo 2, prevede la pena di morte per reprimere "UNA SOMMOSSA O UN'INSURREZIONE". Nessun esempio è citato per definire il concetto di "sommossa o insurrezione". Ma se il popolo insorge… qualche buon motivo deve pur averlo… però si espone ad un assassinio legalizzato! Ti senti ancora tutelato nel tuo diritto di opporti a… qualcosa?

9) Sai che la politica di difesa del trattato di Lisbona, prevede oltre alle "missioni di pace" anche missioni "offensive"?

10) Sai che in caso di arresto (mandato d'arresto Europeo) potrai essere spostato in qualunque regione europea, proprio come avviene ora all'interno di qualunque nazione tra un carcere e l'altro?

11) Sai che il trattato garantisce l'uguaglianza (reciprocità) tra i membri, ma contemporaneamente garantisce l'ineguaglianza tra essi, consentendo alla Danimarca ed all'Inghilterra di continuare a stampare le loro monete nazionali?

12) Sai che l'Inghilterra rimane comunque proprietaria del 15,98% e la Danimarca del 1,72% della Banca Centrale Europea?

13) Sai che il contenuto del trattato di Lisbona coincide sostanzialmente con quello della vecchia "Costituzione Europea" che è stata bocciata da un referendum popolare in Olanda e Francia? Il "trattato di Lisbona" è stato bocciato dal referendum popolare (quello stesso che si è negato da noi) in Irlanda. Perché queste bocciature? Magari perché questi popoli sono "antieuropeisti" o piuttosto perché sono più informati di noi? (I governi di Francia e Olanda hanno poi ratificato la "costituzione europea" quando questa ha cambiato nome in "trattato di Lisbona" in totale spregio al risultato referendario).

14) Secondo lo studio dell'Avv. Klaus Heeger, consulente per il gruppo democratico del parlamento europeo: la Costituzione garantiva alla U.E. 105 nuove aree di competenza, esattamente lo stesso numero di competenze che sono attribuite al Trattato di Lisbona; in quest'ultimo, rispetto alla costituzione rimangono fuori i simboli U.E.: bandiera inno e motto, ma entra il cambiamento climatico. Le rimanenti nuove 104 aree di competenza (aree cioè nelle quali la possibilità da parte degli stati di legiferare in modo difforme da quanto deciso in sede U.E. è illegale), sono identiche.

15) Sai che gli appartenenti alle polizia ed esercito nazionali dovranno prestare giuramento di fedeltà alla unione europea e chi si rifiuterà potrà essere licenziato?

16) Sai che con l'approvazione del trattato di Lisbona sarà illegale manifestare contro "l'Unione europea"? Questo significa la fine della libertà di esistere per i partiti ed i movimenti ad ispirazione localistica che professino ideali indipendentistici.

17) Sai cosa affermò Jean Monnet, uno dei fondatori dell'attuale idea di Europa? "Le nazioni dell'Europa dovrebbero essere guidate verso il superstato senza che i loro popoli sappiano cosa sta accadendo".

18) Sei consapevole che questo sta accadendo OGGI?

ORA CHIEDITI:

1) Perché i giornalisti sono pronti a mostrarti il plastico e radiografare l'ultimo omicidio di provincia ma tacciono sul trattato di Lisbona, così importante per il nostro futuro e per quello dei nostri figli e nipoti? (continua sul blog Padus 996 da cui ho tratto questo pezzo).
Le repubbliche baltiche (ex socialiste sovietiche) non vedono l'ora di entrare a far parte di questa bella confraternita dei 27 membri che si allarga di anno in anno, a dismisura. Ebbene è il caso di dire che lasciano l'asino per cavalcare il somaro.
Ma più ancora, urge ricordare che nulla della nostra Patria sarà mai più come prima. A cominciare dai decreti legge dei governi eletti, continuamente passati al vaglio dai "revisori" della cosiddetta Commissione Ue. E già se ne sono viste tutte le avvisaglie durante il cosiddetto "pacchetto sicurezza", già nato abortito.

20 comments:

Anonymous said...

Cara Nessie, lo dicevamo che era l'EURSS ora l'hanno solo messo nero su bianco. Dal momento che saremo comandati (non riesco a trovare altro termine) da gente non eletta e che non ci sarà più reale libertà di opinione tutti i nostri ragionamenti e passioni su diritti, libertà, gistizia e democrazia sembrano quasi patetici. Hanno scelto una data significativa però 40 anni dopo Praga, si vede che hanno il senso dell'umorismo.
Scarthorse

loveportofino said...

Grande Nessie. Questa è un'ottima opera informativa che invierò a tutta la mia mailing list.
Il punto sulla reintroduzione della pena di morte è da brivido... Manca qualcosa, per quel che riguarda la "multiculturalità", ma quello che hai elencato può bastare.
La pena di morte....brrrrr!

Faccio una previsione: ETA, ETA2, ETA3, ETA4, ETA5, ETA6,....ecc. a seguire. 27 volte... almeno. Nazionalismo allo stato brado. Mortacci sua. :-)

Nessie said...

Scart, non so nemmeno io perché mi sono sentita in dovere di ricordare a chi legge "che cosa si sono persi" mentre erano in vacanza, visto che oramai il dado è tratto. I giornali non hanno informato perché vengono finanziati da quelle banche che sono alla testa del sistema Ue-BCE.
E' solo che spero che i dissidenti degli stati membri si associno per contrastare questa iniquità.E se ci toglieranno l'Internet, vorrà dire che comunicheremo in samizdat.

Nessie said...

Love, sì fai girare in ML,finché l'Internet resta libera.
Devo però correggerti sul "nazionalismo". In realtà trattasi di un totalitarismo mondialista. I nazionalismi vengono SEMPRE osteggiati dai fautori del "non luogo", dell'"indeterminatezza" e della internazionalizzazione coatta. Anche le masse devono continuamente spostarsi da un continente all'altro e circolare da uno stato all'altro (stati senza più confini), perché intanto "the world is just one", a Schengen ne è solo il primo passo.

Anonymous said...

Dio mio.
Faccio girare anch'io il piu' possibilie.

Stella

Anonymous said...

Jean Monnet (Cognac, 9 novembre 1888 – Parigi, 16 marzo 1979), Gran Maestro della Massoneria e padre dell'ideale europeista, nel solco mazziniano, sosteneva la necessita' di fare seguire al Pensiero l'Azione.

ONU e UE entrambe parto della "finanza internazionale", ma anche della "rivoluzione democratica".

" (...) Nel corso della prima guerra mondiale, Monnet, riformato per motivi di salute, propose al presidente del consiglio un piano di coordinamento delle risorse degli alleati. Nel 1919 viene nominato segretario generale aggiunto della Società delle Nazioni. Nel 1923 tornò ad occuparsi dell'azienda di famiglia. Negli anni successivi si occupa di finanza internazionale. Nel 1940 Monnet viene inviato negli Stati Uniti come rappresentante del governo inglese per negoziare una commessa militare. Dal suo arrivo divenne un ascoltato consigliere del presidente Roosevelt. Secondo le sue parole, l'America doveva diventare l'arsenale delle democrazie. Per mesi persegue tenacemente questo obiettivo, che sfociò poi nella realizzazione del Victory Program deciso da Roosevelt nel 1941. (..)"

Chi e' la "finanza internazionale"

"(...) Dopo la seconda guerra mondiale Baruch e i banchieri ebrei americani gestirono i fondi del Piano Marshall. Ne affidarono la distribuzione a Jean Monnet, loro fiduciario. Secondo le istruzioni ricevute, per dare i fondi, Monnet esigeva la cessione da parte degli Stati europei di sostanziali porzioni di sovranità (...)"

E' difficile il dire se gli spregiudicati finanzieri, semplicemente, usassero idealisti come Monnet, ma considerato che anche detti finanzieri facevano parte della Massoneria (o del B'nai Brith), sarebbe ovvio il dedurne che la finanza sia lo strumento di raccordo tra Pensiero e Azione e non, come credono i piu', il fine. E' necessario osservare come un progetto di tale portata abbia richiesto secoli di impegno, il che significa che la vicenda storica per come noi la conosciamo, e' completamente falsa. Tra l'ideale mazziniano "illuminato" (G. Mazzini diresse gli Illuminati di Baviera dopo la morte del fondatore), di Repubblica Universale e il cosiddetto Nuovo Ordine Mondiale, non vi sarebbe dunque alcuna differenza. Il che porta ad un'altra cruciale osservazione: i progetti massonici "liberale" e "socialista" non sono minimamente compatibili con l'altro dogma del mondo attuale: la "democrazia". Pertanto l'assetto sempre piu' chiaramente totalitario di UE ed altre super entita' sovrannazionali puo' essere sia di matrice liberale che socialista. Del resto, Marx stesso era liberale prima di fondare il Socialismo scientifico, e il termine "liberta'" (intesa come emancipazione) e' sempre stato associato al comunismo, tanto quanto al liberalismo. Bene, dopo aver apprezzato come questo termine sia stato declinato dai comunisti, ora possiamo apprezzare come lo intendano i "liberali".

Nessie said...

Grazie Stella :-)

Interessanti notazioni, Anonimo. Ma è gradito un nick.
L'inno "Bandiera rossa" infatti conclude dicendo "evviva il comunismo e la libertà". E Libertà è anche il dogma del liberalismo.
Del resto la parola "libertà" è quella semanticamente più sputtanata. Purtroppo. Un po' come "pace". Sarà utile guardare ai fatti e non più alle parole o ai concetti fumosi.

Lontana said...

Ho cercato di scrivere un commento ieri, ma il mio internet non é buono, dove sono ora.
Volevo appunto dire che é terribile quello che si legge e quello che appunto ci hanno rifilato senza spiegarci niente.
Sono d'accordo con Scart , é l'EURSS,anzi UBSD, Unione Bastarda di Stati Dipendenti.

Aldo said...

Il potere, come la merda, puzza sempre. Più potere, più fetore. Poche cose garantiscono i potenti come l'allontanarsi dal contatto coi sottoposti. Ma la loro puzza, distanza o non distanza, si sente comunque. E sa sempre di merda.

nuovopatriota said...

Perchè gli organi di informazione sono in mano ai sinistrorsi, mi pare ovvio, purtroppo...

+nuovopatriota+
[torneranno i crociati.. e saran mazzate!]

Nessie said...

Patriota, mi spiace deluderti ma in questo caso (parlo della Ratifica del Trattato) questo o quello per me pari sono. E cioè giornali di destra (Il Giornale e LIbero) giornali di sinsitra (tutti gli altri) non hanno informato. Ognuno aveva evidentemente interesse a non far sapere. Così come nessuno (di dx, di sx , di centro, gruppi misti ecc. ) si è degnato di dire NO.

Nessie said...

Aldo, a parte le metafore scatologiche, quello che dici sul potere è vero. Anche la "pace" e la "democrazia" possono essere sequestrate da chi ha interesse a escludere il popolo dai loro loschi affari. E questi sono le oligarchie legate alle banche. A proposito, chi ha dei depositi bancari "in sonno" (cioè senza essere movimentati) stia all'erta perché possono venire sequestrati dal Governo. E' un altro dei colpi di mano d'agosto. Meglio mettere il proprio denaro sotto la mattonella.

Lonty, terremo presente il nuovo acronimo :-)

Elly said...

E così, si puù dire che Hitler ha avuto la sua vittoria postuma. Lui voleva il terzo Reich e noi abbiamo il quarto Reich. Linko che è meglio.

Nessie said...

Elly, ormai è un piano perseguito da troppi anni. Come ripeto, è come chiudere la porta della stalla quando i buoi sono scappati. Gli Italiani avrebbero dovuto svegliarsi molto tempo prima della ratifica. Ma le cose sono state messe in modo da "non far sapere" che cosa si stava almanaccando. Per il resto, è molto difficile chiedere spiegazioni su fenomeni che non si capiscono.Chi ha votato SI alle due Camere, però lo sapeva. Anzi, NON POTEVA NON SAPERE.

Anonymous said...

Chi sbaglia Storia, sbaglia Politica Purtroppo :-(

loveportofino said...

Nessie intendevo dire che spero in una reazione e proliferazione dei movimenti nazionalisti per combattere il totalitarismo mondialista.... Speranza vana, lo so. Ma ormai non so più come fare a non sentirmi obbligatoriamente una formichina sotto al nasone del formichiere che sta per risucchiarla!

E' stato bello qualche giorno di vacanza sospesi nello spazio e nel tempo, senza pensare a nulla che non fosse la meraviglia del Creato. Tornare a certe "faccende" vuol dire imbracciare di nuovo le armi virtuali della nostra resistenza. Mi fa impressione, parlandone in giro, sentir dire che l'Europa era terribilmente necessaria. Li hanno già convinti quasi tutti. Mi sa che è tardi per davvero.

Staremo a vedere, purtroppo.

Nessie said...

Love, l'unica regione del mondo cristiano-nazionalista (la Russia di Putin) la stanno aggredendo da tutte le parti perchè non si piega alla Nato globale, al governo globale e alle lobbies della globalizzazione economica.
Se mi avessero detto solo fino a pochi mesi fa che sarei stata dalla parte di Putin,, francamente gli avrei riso in faccia. Bah...Paradossi della storia!

Nessie said...

Anonimo che ti ostini a restare "anonimo", grazie per il link che prima inspiegabilmente non mi si apriva e ora sì.

Labieno said...

Insomma, è 1984.

Anonymous said...

Concordo con Loveportofino, l'unica arma che abbiamo contro quest'orrendo mondialismo è il nazionalismo, e solo quello più squisitamente e genuinamente Blut und Boden.

Elly, invece di straparlare di una figura storica che non conosce assolutamente vada a farsi una cultura in ordine al revisionismo storico sul nazionalsocialismo. Se c'è uno che ha avversato 'sti progetti mondialisti (nonché SIONISTI) quello è proprio Adolf Hitler.

Leone89