26 February 2008

Camp Bondsteel, la base militare sui Balcani

Finalmente si cominciano a dissipare le nebbie, sul perché di tanta fretta nel voler proclamare l'indipendenza della nuova entità statuale kosovara. I giornali tacciono. O mettono l'argomento a livello di posta del cuore. Ma ora non si può più nascondere qual è il vero succo della notizia. Gli Americani avrebbero impiantato sui Balcani un'importante base militare, Camp Bond Steel di circa 500 ettari nei pressi del confine macedone. Lo scrive Sergio Romano in risposta ad un lettore sul Corriere di ieri 25. Non sono quasi mai d'accordo con Romano, ma i fatti sono fatti e le notizie oggettive e verificabili sono tali. Poco importa chi le dà. Un giornale serio deve darle e non relegarle alla posta dei lettori, quasi fosse un optional. Poi ci sono le vie e i viadotti per l'approvvigionamento di risorse petrolifere nonché la scoperta di cospicui giacimenti di petrolio e gas naturale nell'Albania nord-orientale ai confini col Kosovo. E se nasce il rischio di un terzo conflitto mondiale tra Usa e Russia di Putin (che ha minacciato l'uso della forza militare) noi lì in mezzo che ci facciamo? Sarebbe nostro interesse tenerci alla larga e non farci coinvolgere, tenuto conto che dipendiamo dalle forniture Gazprom dalla Russia. Invece D'Alema o' kossovaro, si è affrettato subito a estendere il riconoscimento dell'Italia. Bastava una diplomatica "epoché" (sospensione del giudizio) . Invece no. Siamo abili, noi, a fare le mosche cocchiere. Poi c'è l'inoppugnabile filmato di Madeleine Albright del governo Clinton che nel 1991 a Rambouillet abbraccia Hashim Thaci (detto il Serpente) miliziano dell'Uck, organizzazione terrorista albanese. Sarebbe interessante sapere, perché se con Hamas non si tratta, con l'UCK (organizzazione nella lista dei terroristi) si può addirittura mandare i suoi esponenti a capo del "nuovo stato". Da ultimo, l'intervista ieri del regista serbo Emir Kusturica (nella foto piccola a sinistra) autore dei suggestivi film Arizona Dreaming e Underground, concessa a Battistini sul Corriere di ieri, il quale conferma la nascita della colossale base militare di Bondsteel. "Io rispetto il mito di Hollywood. Ad Angelina Jolie nessuno si sogna di togliere Frank Capra. Allora che nessuno uccida la mia mitologia". E ancora: "Come potreste avere un presente se a voi Italiani togliessero Venezia o Roma?".

Perché gli Americani possono palesare il loro patriottismo quale valore aggiunto, mettendo bandiere a stelle e strisce dappertutto nelle case, negli uffici e perfino come loghi e tags nelle lettere ed email, mentre i Serbi dovrebbero farsi amputare un pezzo di terra nel cuore della loro patria e tacere? Perché la stampa si fa beffe e usa il termine "ultranazionalista" ogni volta che parla di serbi per arrivare quasi a giustificare l'esproprio territoriale? Già, "ultranazionalista" è quasi a due passi dal fascismo, quindi giù bombe all'uranio impoverito (in Italia furono benedette dal governo dell'Ulivo), e ben gli sta. A questo servono le guerre mediatiche delle parole. Condoleezza Rice si stupisce delle ambasciate al rogo. Ho sempre deplorato questi gesti. E anche fischiare gli inni e bruciare bandiere è indice di inciviltà. Ma provate voi a svegliarvi un bel mattino e vedere l'effetto che fa se per caso la Florida dovesse esservi sottratta dai cubani. Che fareste al loro posto? La marcia per la pace?
Si profila un'esportazione della democrazia fatta di basi militari e di banche. E' questa la Pax americana?

Attenzione però: separatismo chiama separatismo. E il vaso di Pandora è stato scoperchiato.

51 comments:

Lo PseudoSauro said...

Ci tocca di rivalutare anche Romano... il mondo si capovolge.

E chi ti dice che lo scoperchiare il vaso di Pandora sia solo un effetto collaterale?

Credo che ormai sia facile capire cosa e' accaduto.

1)esiste un progetto di fusione tra il mercato USA (preventivamente unificato su base continentale e dopo conseguente adozione di una moneta unica: l' "Amero") e quello europeo.

2)l'acquisito controllo delle risorse energetiche asiatiche richiede una condotta che porti in Europa il carburante.

3)devono essere rimossi gli ostacoli nazionali che impediscono la realizzazione del progetto.

4)devono essere inglobati quegli Stati la cui posizione e' strategica per il successo dell'impresa (Turchia in UE)

5)la Russia deve essere marginalizzata in quanto sarebbe un concorrente che potrebbe proporre una diversa opzione geostrategica.

Allora, se questo fosse vero, il discorso di Bush padre del '90 non sarebbe stato altro che la dichiarazione di avvio dell'impresa. L'indipendenza del Kosovo era gia' stata decisa ancora prima dell'intervento NATO in Serbia, ovvero nel 1998.

Il tentativo di saccheggio del patrimonio statale russo non ha avuto successo, il che ha aperto un nuovo fronte e, forse, ritardato un progetto la cui prosecuzione sembra dettata da una gran fretta.

Per quanto riguarda l'Europa, gli oppositori delle teorie eurasiane (vagamente naziste) che dichiarano pericolosa un alleanza con la Russia in quanto questa e' piu' Asia che Europa, non ci spiegano perche' nell'Europa dovremmo prenderci invece la Turchia che e' altrettanto Asia, oltre che solo una stazione di transito e non il produttore come e' invece la Russia.

I fautori della lotta al terrorismo (islamico) non sono in grado di spiegarci perche' noi siamo costretti ad accogliere mezzo mondo dalle elites globaliste, ne' perche' ben tre stati islamici, di cui uno la seconda potenza militare NATO, dovrebbero per forza entrare in Europa.


E questo solo per romper il ghiaccio... Di "alleanze" del genere sarebbe meglio farne a meno.

Nessie said...

Quando tutta l'Europa diventerà uno squallido outlet di centri commerciali, banche, basi militari , pipelines e gasdotti, i mussulmani non avranno più nulla da saccheggiarci, perché l'iconoclastia è già compiuta. Come dice la Magli, si è già predisposti per l'invasione silenziosa. Il fatto poi che andiamo a debellare il terrorismo islamico in Afghanistan per farci ammazzare, per poi favorire la penetrazione islamica nella Ue (in nome dei buoni alleati Nato degli americani, come la Turchia e nei Balcani) è un'altra di quelle schizofrenie che mi dovrebbero spiegare.
E' ora che i popoli d'Europa si sveglino e riprendano in mano il loro destino. Sarà faticoso, ma non c'è altro mezzo. E' assodato che la libertà non te la regala nessuno. Emir Kusturica ha detto nell'intervista: nemmeno Putin. Che per il momento gli è alleato. Ma anche lì, se poi cambia il quadro?

Lo PseudoSauro said...

Sai com'e', le basi militari si mettono per proteggere qualcosa o per muovere guerra a qualcuno. Non si tratta solo di un presidio, a maggior ragione se stanno in zone critiche.

Qualunque sia il motivo per cui cio' viene fatto - e puo' anche essere condivisibile - il trattare gli alleati da sudditi, quando non da coglioni, non e' molto educato. C'e' modo e modo.

A volte le intuizioni si rivelano esatte. Si fanno due o tre sottostazioni continentali che poi verranno unite sotto un unico governo mondiale.

Ma il problema della Russia andra' risolto, come quello di Cina e Giappone, che sara' lasciato alla potenza regionale egemone.

Se questi matti hanno un progetto del genere una guerra mondiale l'hanno certo messa in bilancio. E noi che ce la siamo presa per anni con l'URSS perche' voleva fare la stessa cosa...

Nessie said...

Purtroppo siamo molto meno sicuri oggi di quando si parlava tanto di minaccia nucleare ai tempi della Guerra Fredda.

Anonymous said...

Il vaso di Pandora e` stato
< finalmente > scoperchiato . Carmine Crocco sul Pizzino la dice senza peli sulla lingua
" come si fa a non essere antiamericani?"
Ragazzi vi lascio e vi saluto con i miei migliori e sinceri auguri di ogni bene. Mytwocents

Lo PseudoSauro said...

Non e' che inglobando la Russia in UE avremmo molto da guadagnare. Ci vuole un'Europa forte, ma non fatta a questo modo. Magari una federazione che non sacrifichi le rispettive sovranita' come fa questa specie di unione sovietica. Il punto e' che l' "Europa delle Patrie" equivale al "male assoluto", perche' era proprio l'obiettivo dell'Asse. Questo e' solo l'epilogo di un progetto di lungo termine in fase di conclusione. Le prossime "indipendenze" non saranno come quelle che auspicano i padani. Magari saranno del tipo di quella del Kosovo: una volta diventate preminenti le comunita' alloctone "chiederanno" e verra' loro concesso. Ormai e' chiaro che "destra" o "sinistra" i governi europei sono poco meno che protettorati. Parallelamente all'accentramento in UE, proseguira' la distruzione dei singoli Stati. La gente dorme in piedi, pensa al calcio o si divide in "destra" e "sinistra"... divide et impera. Ecco perche' i regimi nazionali coesi sono stati smantellati. Democrazia e diritti umani sono solo pretesti per i gonzi come noi che ci credono. Ma meglio svegliarsi tardi che mai.

Nessie said...

Non sono d'accordo con il Pizzino e non so perché mi ci metti a raffronto , Mytwocents. Se vuoi argomentare con intelligenti obiezioni ne hai facoltà. Ma le tifoserie da stadio e gli aut-aut "o di qua " "o di là" non sono il mio forte e non le accetto. Ho una testa pensante e non sono un soldatino da mettere sull'attenti.Mi riservo di valutare le mosse di politica estera americana di volta in volta. E di volta in volta, ci sono cose che approvo e cose no. Lo sai che grazie a questa nuova entità statuale kosovara avremo una pericolosa infiltrazione di Al Qaeda sui Balcani? Mi piacerebbe un po' più di competenza invece delle permalosità. Comunque, se la metti su questo tono, auguri di ogni bene anche a te e che il futuro presidente statunitense vi rechi benessere e un po' più di tranquillità per il mondo e ancor più, a casa vostra.

Nessie said...

Sì, Sauro, anche G.B. Guerri mise in guardia dalle false secessioni basate sull'assunto numerico. Per questo la Lega deve starci attenta, di questi tempi. Si rischia di fare il gioco degli allogeni piuttosto che degli autoctoni.

Lo PseudoSauro said...

Nessie: per elaborare il lutto ci vuole tempo. Anche per il sottoscritto che ha sempre avuta fiducia negli USA, ce n'e' voluto.

Eppure e' facile:

Perche' se il problema mondiale e' il terrorismo islamico in Europa (ma anche in USA) arrivano frotte di musulmani?

Perche' si creano in Europa tre stati islamici e si promuove il multiculturalismo soprattutto dove le comunita' allogene mostrano di prevalere?

Perche' gli USA spingono per l'entrata della Turchia in UE?

Perche' in tutto il mondo i provvedimenti restrittivi delle liberta' finiscono per colpire piu' gli autoctoni che gl'immigrati?

Si dira' che sono i rispettivi governi che fanno questo. Certo, come quelli che hanno riconosciuto il Kosovo.

Ci vorra' tempo, ma prima o poi lo capiranno anche i ritardatari che questa "rivoluzione" non conviene a nessuno e che il difendersi non e' un atto di lesa maesta' in quello che dovrebbe essere il "mondo libero.

Tempo al tempo.

Nessie said...

Ho letto a tale proposito il post di Magdi Allam ieri sulla sharia in applicazione in GB. Tutte cose sacrosante.
Ma se mi incominci un articolo scrivendo "Una realtà che è un frutto degenere dell'ideologia del multiculturalismo che dopo aver scardinato la società dividendola in ghetti etnici confessionali in conflitto con gli autoctoni" eppoi non mi spieghi perché e da dove nasce questo multiculturalismo e chi lo foraggia, fai della sociologia sugli effetti e non sulle cause.
Tutte le società occidentali liberiste e liberali (o mercatiste, chiamiamole pure) non fanno che rovesciarci addosso queste masse di popolazioni incompatibili con gli autoctoni, in funzione del loro interesse economico. Nella City londinese è da mo' che ci sono i Bakri, i Qaradawi ecc. E allora? Perché non diciamo che siamo diventati, noi occidentali, degli importatori di sharia, in cambio di trenta denari? Che poi non sono trenta ma ovviamente, molti di più.

Lo PseudoSauro said...

Beh, anche noi nella nostra ottusita' ci siamo sempre riferiti ad una qualche altra entita' che fomentasse il disordine. Perche' non riuscivamo a credere che dagli USA ci potesse arrivare qualcosa di negativo. Personalmente avevo una fiducia paragonabile a quella che i comunisti avevano nell'URSS. Una fede cieca.

Quando ci si accorge che l'entita' che lo promuove e' la stessa che dice di voler combattere il terrorismo, che si deve fare? Fingere di nulla?

Le quote di immigrati vengono decise in sede internazionale: ONU, FMI, CFR, Trilateral e Bilderberg. Non in URSS, in USA. I nostri governi non fanno abbastanza? Perche' sono tutti cooptati: da destra a sinistra.

Se poi ai terzomondisti, che dicono di opporsi al mercatismo, questo sta bene, significa che l'universalismo e' fatto per vasi comunicanti. Infatti nemmeno dalla Chiesa Cattolica si levano voci contro questo disastro.

Quanto ad Allam, o non ci arriva o e' ne e' ben consapevole. Non sai quanto mi brucia il dover dare ragione a quelli che consideravo avversari. E speriamo che non abbiano ragione su tutto.

Anonymous said...

Non sono trenta denari, saranno ovviamente molti di piu', ma NOI ne usufruiamo? Non mi pare.

Cui prodest?

Stella

Nessie said...

La domanda che il buon Magdi dovrebbe farsi è "Chi veicola il multiculturalismo"?.
E allora se lo stesso viene veicolato da forze economiche e finanziarie ben precise, bisogna predersela con queste forze che sono le vere responsabili. Potrebbe allo stato attuale, l'economia globale fermarsi e non imbarcare tutte queste legioni di immigrati? Evidentemente no. POtrebbe egli avere il coraggio di dire: "Non facciamone entrare più, perché si rischia l'effetto LIbano, l'effetto Balcani ecc."?. No, perché se lo facesse direbbero subito che è un "razzista" , un traditore dei suoi confratelli.

Stella, la verità di questo sconquasso è che non solo non guadagnamo una lira, ma che i ceti medi saranno tutti in fase di proletarizzazione, mentre per i "nuovi assunti" ci sono ovviamente, salti di qualità in più rispetto alle loro condizioni dei paesi di provenienza.
Quanto al governo americano, ritengo che aver creato unilateralmente uno stato islamico alle porte di casa nostra (siamo separati solo dal Canale d'Otranto) sia stata una pessima iniziativa che ha fatto carta straccia del diritto internazionale. E se posso criticare il mio governo, quando sbaglia, non vedo perché non posso farlo con quello altrui. Se l'indipendenza del Kosovo me l'avesse ordinata il Papa, ce l'avrei anche con lui.

Massimo said...

La questione Kosovo è ovviamente oscurata dalla campagna elettorale in Italia.
Purtroppo mentre noi ci dibattiamo nelle nostre miserie il mondo va avanti.
Per questo, caro Sauro (contento di rivedere la tua firma :-) Romano non lo rivaluterò mai, neppure se mi pagassero :-D

Nessie said...

Nemmeno io. Però la notizia l'ha data. Altri avrebbero dovuto farlo sul Corriere, circa la base militare. In ogni caso, una base militare anche se fa comodo, non è una buona ragione per impiantare uno stato mussulmano. E pazienza finché lo fanno loro, che sono gli interessati, ma la Francia? La Germania? L'Italia?

Lo PseudoSauro said...

Massimo: grazie. Ti diro' onestamente che sono ormai nauseato dalla politica italiana e che penso che vada tutta archiviata in fretta. Anche sul potere di aggregazione dei nuovi mezzi mi sono fatta ormai un'opinione negativa, in ragione dell'incapacita', tutta nostra, di farci i fatti nostri.

Quanto ai giornalisti e agli opinionisti, si prende quello che si trova e li si valuta per quello che scrivono, non per la posizione politica che esprimono, vera o supposta che sia.

Se fatti ormai insignificanti, come il carosello politico italiano, riescono ad orcurare fatti gravi come quello al topic, sarei portato a credere che un cambiamento di governo non fara' che il solletico ad un sistema di potere che ci sfugge del tutto.

Prima ne prendiamo atto e meglio sara'. Se vogliamo ripristinare un minimo di sovranita', dobbiamo rivedere tutta la nostra weltanschauung conseguente il dopoguerra, ma proprio tutta, non solo una parte, altrimenti continueremo a fare i criceti dentro la gabbietta.

La lezione che ci viene dalla Francia, cosi' come quella della Germania e da altri Stati europei, dovrebbero servire a farci capire che non solo con le "destre" al governo le cose non cambino piu' di tanto, ma addirittura rischiano di peggiorare l'esistente.

Non basta un'etichetta, ci vuole la sostanza. Temo che siamo un po' troppo abituati ad accontentarci.

Nessie said...

Leggete un po' qui, cosa ha il coraggio di scrivere l'Occidentale (che non è il nostro amico, ma il gironale on line) nell'articolo di questa Anna Di Lellio.
http://www.loccidentale.it/node/13805
Ci sono 21 commenti (molti dei quali imbufaliti) e ovviamente, quache albanese (lo si capisce dal nome) che invece plaude.

Lo PseudoSauro said...

Nessie: letto e sottoscritto... Questo "occidente" e' la prova lampante che la Terra e' rotonda.

Nessie said...

Letto il commento. Ne ho aggiunto uno anch'io e più che Occidentale, mi pare un giornale del tutto Accidentale. :-)

Josh said...

Nessie ottimo post, Pseudosauro ottima analisi. Ho letto anche l'art.sull'Occidentale, e i commenti, non avreste potuto dire meglio. Se quella è l'aria che tira in Occidente per l'Occidentale, siamo all'Occaso Incidentale dell'Occidente con svariati Accidenti.Ha ragione PseudoSauuro quando dice che l'indipendenza del Kosovo era gia' stata decisa ancora prima dell'intervento NATO in Serbia; che servirebbe un'Europa forte, ma non questa; e che e' chiaro che "destra" o "sinistra" nei governi europei sono oggi poco meno che protettorati..

OT parziale x Nessie: cui prodest il kosovo? le forze occidentali sono importatori di sharia per 30 denari o più: tutte. Dall'islamizzazione dell'Italia cara alla sx, alla Turchia in Eu della dx, a Fini che plaude all'attuale Kosovo. Nessie dici:"Chi veicola il multiculturalismo" in Eu e Italia? tutti.
Vedi, tempo fa dicesti Lega. Nel post qui dove citi Magdi su Sharia e UK affermi "se non mi spieghi perché e da dove nasce questo multiculturalismo e chi lo foraggia, fai della sociologia sugli effetti e non sulle cause." Vero, Nessie. Veniamo allora ai partiti italiani. La sx ha voluto più diritti possibili per stranieri e musulmani, anche fondamentalisti, e lo ha fatto nelle sue regioni e in tutto fin dove ha potuto.
Sai che la Lega x es.
ha sempre fatto tanta caciara su questo, ma candida ora un musulmano al Senato, con la motivazione che scrisse al presidente della repubblica di poter "tornare allo stato di immigrato per poter beneficiare di tutti i privilegi degli extracomunitari",casa, aprire attività esentasse, asili gratis ecc.
Sì la Lega lo propone al Senato Italiano, già suo consigliere comunale, sarà un'ottima persona per carità, ma una candidatura Senato , eppoi dalla Lega...non era mai successo, avrai presente il potere decisionale del Senato. E perchè nonostante tanta caciara della Lega contro sharia e le moschee fondamentaliste, gli stranieri e l'islamismo, la Lega ha nei suoi territori del centronord e nordest la maggior concentrazione di stranieri? perchè anche in quelle terre, in certe imprese, che poi sono i maggiori votanti della lega, facevano comodo a nero gli stranieri nelle pmi padane.
Ha di nuovo ragione Pseudosauro quando chiama 'carosello politico' quello italiano, che oscura i movimenti essenziali internazionali della realtà dietro stupidaggini o dietro etichette senza sostanza.

Nessie said...

No, davvero no. Questa storia del musulmano al Senato da parte della Lega, giuro che non la sapevo. Dove l'hai presa Josh?
Se le cose stanno così è inutile andare a votare, allora. Il fatto che a non votare si resta ininfluenti, come a votare :-)
Sugli industriali del Nord che chiedono quel tipo di manodopera lo so bene, perché vivo qui. Blaterano blaterano e magari votano anche Lega però poi infestano le nostre città di immigrati. Padova non è più la città meravigliosa che sappiamo ma è un Bronx.
Il motivo per cui mi schierai per la lega è che qui hanno impedito diverse porcherie: a Gallarate hanno fatto chiudere moschee colluse, a Como hanno sfrattato gli integralisti e a Busto A. hanno impedito che il Ramadan trasformasse il comune in una tendopoli a cielo aperto.

Josh said...

la notizia

http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=244159

http://curiosenews.blogspot.com/2008/02/lega-nord-candida-un-operaio-marocchino.html

http://www.haisentito.it/articolo/elezioni-politiche-2008-la-lega-nord-candida-un-operaio-marocchino/8621/

Nessie said...

PS. pensare di monitorare il fenomeno del fondamentalismo una volta che lo importi è un'emerita idiozia. Perciò è acqua fresca anche la teoria delle moschee "case di vetro" di cui dice Magdi. Eppoi, il problema non è solo quello islamico, ma quello immigrazionista tout court. Se chiamiamo qui una quantità spropositata di stranieri che prevalgono sugli Italiani, è evidente lo stravolgimento identitario e il rischio senrtirci noi "stranieri in patria". Il vero delitto è la cancellazione dello "ius sanguinis" che la Ue ha fatto nei suoi stati, su modello americano. Terra, sangue e patria sono tre concetti inscindibili. Cancellare lo ius sanguinis per il diritto di suolo è dare in realtà "diritto di arrembaggio".

Nessie said...

Con la differenza che mentre in America la cittadinanza te la devi sudare e non viene concessa facilmente, qua fanno entrare cani e porci, giorno e notte.Addirittura ci sono corsie preferenziali perchi è clandestino e deve mandare i figli all'asilo.
Ho letto i links. Che tristezza! Grazie.

Josh said...

Grazie a Voi della possibilità di riflettere insieme. In giro per il web(e non solo)o c'è il nulla, o la demagogia, o per 'cultura' s'intende nozionismo mnemonico e meccanicistico, senza la capacità di compiere un vero ragionamento.
Per il resto non c'è da stare allegri. Se chiamiamo qui una quantità spropositata di stranieri che prevalgono sugli Italiani, non si tratta più solo di sentirci "stranieri in patria", che le attuali leggi amplificano: in base alle leggi della democrazia la maggioranza deciderà, oggi decide molte cose anche come minoranza, figuriamoci quando sarà pure maggioranza. Terra, sangue e patria e tutti gli indirizzi ideali sono stati cancellati da un pezzo, basta pensare all'astio diffuso anche verso il tricolore; la fede è stata marginalizzata, lo ius sanguinis negato per il diritto di suolo, più c'è la possibilità di richiamare parenti fino alla 48esima generazione, senza giuramenti alla Costituzione, e senza reciprocità del diritto internazionale per molte questioni. Corsie preferenziali sono anche per i posti di lavoro nei Centri lavoro dei Comuni, nelle percentuali degli alloggi calmierati, nelle assunzioni in azienda fino al 45%: vedi che ancora non tutti gli extracomunitari sono il 45% degli italiani. Risultato: il 45% degli italiani resta non assunto (e non è poi vero che gli italiani ci sono lavori che non farebbero), molti stranieri hanno così un lavoro trovato dallo Stato, ma un 30% almeno di italiani resta fuori dal lavoro per legge dello Stato per una percentuale sbagliata, a proposito di corsie preferenziali. Non è un OT, non è lo stesso che è accaduto nel Kosovo serbo quando lentamente è diventato albanese, poi per via di maggioranza allogena e non autoctona i giochi saranno fatti?

Lo PseudoSauro said...

Josh: grazie. Non si sa piu' a che santo votarsi. E il bello e' che siamo sotto scacco morale. Se decidessimo di ritornare allo status quo ante ci ritroveremmo la spada di damocle dei "genocidi", delle "deportazioni" e chissa' quant'altro.

Certo e' irreale che, dopo la fine della guerra fredda, ci siano ancora cospicui eserciti stranieri in Europa, anzi, che si rinforzino. Sembrerebbe quasi che il provocare altri pretesti sia conditio sine qua non per mantenere unito un fronte che non sa piu' chi combattere.

E inevitabilmente si finisce per interrogarsi sui veri motivi che innescarono lo scoppio della IIa GM.

Nessie: purtroppo noi "non facciamo entrare" nessuno. Lo fa il Mercato per noi, o la Morale Universale a cui non si puo' opporre una qualunque altra morale differente. La Sinistra ha la sua bella parte di responsabilita', ma la sua legittimita' la trae sempre dalla consapevolezza di aver vinta una guerra. E, come vediamo ormai chiaramente, dall'altra parte c'e' l'altro alleato, pronto a dimenticare la guerra fredda se mai si profilasse il ritorno di un qualunque "male assoluto" a scelta.
Ora si potrebbe interpretare diversamente cio' che scriveva Orwell in 1984, quando parlava di blocchi che fingevano di farsi la guerra tra loro. Del resto sono in molti quelli che sostengono che la sua fosse una descrizione della situazione esistente e non una previsione. Lo scrisse fino lui, mi pare.

Con il Kosovo la Lega avrebbe trovato un magnifico precedente per affermare la legittimita' di un popolo di autogovernarsi su base etnica. Una novita' assoluta per l'Europa, dopo la distruzione di ogni base ideologica del genere.
Ma i "padani" in "Padania" non sono quanto gli albanesi in Kosovo, non fanno "genocidi" e sono fin troppo "aperti al diverso" a dispetto della vulgata corrente. Tutta la storia moderna mostra che il "genocidio" vero paga e quello fasullo ancora di piu'. Bella prospettiva.

Nessie said...

Vorrei anche aggiungere che l'Italia è stata l'ultima dei paesi europei a mantenere lo ius sanguinis. Per questo dopo che sono andati su la sinistra con Amato e Ferrero si sono affrettati a cancellarla in un battibaleno e in men che non si dica. Ma inutile incolpare solo la sinistra, poichè Fini e Berlusconi avrebbero fatto uguale: c'est plus facile! L'Europa è sempre un'ottima scusa per..."armonizzarsi"; ovvero clonarsi gli uni agli altri come le scimmie. E' vero JOsh quel che scrivi: il multiculturalismo lo veicolano tutti, ma proprio tutti, poiché è l'asse portante dell'attuale economia mondialista.
Leggete un po' qui cosa dice questo imprenditore italiano che ha investito in Serbia:

http://www.rinascitabalcanica.com/?read=6701
Sentite un po' cosa dice di D'Alema e della sua decisione. Oltretutto avevamo ottimi affari commerciali con la Serbia. Siamo proprio dei coglioni capaci solo di farci harakiri. :-(

Nessie said...

E c'è anche questo articolo assai mistificatore di Christopher Hitchens del Corrriere, che è quello su cui ho basato il mio commento su L'occidentale, dal titolo "Il vittimismo dei Serbi e i suoi disastri". Che sia un fucking trotzkista a venirci a dare lezioni di storia sul Kosovo, ci fa capire cosa ne è dell'Occidente. Hitchens è un trotkista incallito agli onori delle più importanti testate internazionali.
La verità è che il comunismo è "nosferatu", ovvero, il mai morto. E se anche negli Usa e in GB avessero un po' di sale nella zucca, i trotzkisti li metterebbero da parte, poiché sono addirittura peggio degli stalinisti e non compiono che sfracelli.
Ecco il link:
http://www.regione.sardegna.it/j/v/491?s=73936&v=2&c=1489&t=1

PS: poi andate su wikipedia a vedere la formazione culturale di Hitchens.

Deco - Netpolitica said...

Ciao Nessie - QUESTO E' UN MESSAGGIO PERSONALE - non avendo una tua email ti scrivo qui. Volevo comunicarti personalmente quanto ho scritto su netpolitica. Mi piacerebbe avere un tuo parere.
Un caro abbraccio.

Deco

Lo PseudoSauro said...

Traggo da: "Us and Them" (!) di Jerry Z. Muller

http://www.effedieffe.com/content/view/2275/183/

«Americans also find ethnonationalism discomfiting both intellectually and morally. Social scientists go to great lengths to demonstrate that it is a product not of nature but of culture, often deliberately constructed.»

e poi:

«It is true, of course, that ethnonational identity is never as natural or ineluctable as nationalists claim.»

Pero' alcuni stati etnici sono legittimi, anzi, sacri. E il Kosovo e' un altro stato etnico.

Io direi che questo e' Marx dal volto umano. C'e' la "sovrastruttura" e tutti gli altri orpelli.

Adesso, si puo' anche pensare che il nazionalismo sia una schifezza, ma se si nega che ogni popolo nasce su questa base si nega la realta'.

Ergo: non c'e' alcun bisogno di essere trotzkysti. Basta gia' la cultura corrente.

Nessie said...

Non l'ho letto tutto, perché è lunghissimo. Tuttavia emergono tratti fortemente illuministici (cosmopolitismo, umanitarismo con il sentirsi "cittadini del mondo") e paternalistici. In pratica, l'Europa è sempre sotto tutela e sotto osservatorio.

Addirittura irritante poi la frase "Yet the experience o hundreds Africans and Asians who perish each year trying to get into Europe by landing on the coast of Spain or Italy reveals that Europe's frontiers are not so open".

Ma cosa pretendono? che andiamo in rovina mentre imbarchiamo interi continenti con relative masse bibliche per imbarcarli tutti qui da noi? Lo sanno cosa ci costano giornalmente gli sbarchi dei clandestini? Lo sanno cosa paghiamo per le nostre motovedette per andarli a prelevare in acque internazionali? E perché diavolo non se li pigliano loro, già che sono tanto benintenzionati?! Roba da matti...

Nessie said...

Ciao Deco, grazie. Adesso vengo a vedere il tuo nuovo sito.

Lo PseudoSauro said...

Hai visto? Del resto non e' una novita'. Ogni Stato puo' scegliere liberamente quale identita' darsi (vedi S. Huntington), ma solo in teoria. In pratica, se scantoni un po' ti ritrovi una guerra in casa. Anche il Kosovo finira' cosi' una volta inglobato in UE ed altre strutture sovranazionali. Ma quello che c'importa e' questa imposizione ideologica che non ha nulla di diverso da quella comunista.

Nessie said...

E tu hai letto il pezzo di Hitchens sul Corsera? Ora sono diventati tutti balcanologi e storici del Kosovo. E da quando in qua Trotzky che viene da lui citato e magnificato nel pezzo , era pure uno storico "accreditato" dei Balcani? Forse Hitchens non sa (o finge di non sapere)che T. era una belva assetata di sangue almeno quanto il suo nemico Baffone-Stalin (il quale per lo meno, era impegnato a edificare il socialismo in patria e non a fare il comesso viaggiatore di rivoluzioni). Trotzky ( il cui fanatismo era ben descritto da Pasternak nel Dottor Zivago nella figura di Strenikoff) fra una rivoluzione e l'altra non aveva tempo di fare una vita sedentaria. Senza contare un fatterello tuttaltro che trascurabile: Hitchens è ateo, anticristiano e - a detta sua - antinazionalista. Tutti questi anticristiani, chissà perché alla fin fine tengono bordone agli stati islamici. Me la dovrebbero spiegare un po' questa schizofrenia del tutto "atea".
Vorrei pure aggiungere, a proposito di trotzkismo, che anche Hamza Piccardo dell'Ucoii, proviene da un gruppuscolo trotzkista. A ciascuno la sua "rivoluzione permanente". Oh yeah!

X Kosovo. Per intanto questo protettorato del Menga lo pagheremo noi eurocretini, poiché non è in grado di sostentarsi da solo.E scusa se è poco, visto che siamo già oberati di spese e tassazioni.

Lo PseudoSauro said...

Beh, ma l'entrata del Kosovo in UE conviene al "Mercato"... il 80% dei traffici di droga passa di li'.
Cosi' si riuscira' a regolamentarlo o ad "armonizzarlo".

Ho letto l'amico della Quarta Internazionale. Come si possa pensare di "combattere il comunismo" mettendo comunisti dappertutto, mi sfugge. Cosi' come per il "terrorismo islamico" spostando ovunque masse di musulmani o instaurando la shari'a in Europa. Invece di offendersi, gli americani potrebbero semplicemente tentare spiegarcelo. Ma penso che non lo sappiano nemmeno loro e si trincerino dietro al solito "Right or Wrong...". E allora facciamo altrettanto anche noi e definiamo meglio il fatto che da un buon alleato si possono ricevere consigli, ma non imposizioni. soprattutto di questo genere.

Nessie said...

Ed è pure un illustre penna del NY Times. Abbiamo sbagliato proprio tutto: per far carriera come columnists nei più grandi media internazionali dovevamo fare i comunisti, questa è la verità :-) Il suo best seller: GOD IS NOT GREAT (pubblicato in Italia dalla Einaudi). Pensa te...
Eccoti un interessante You Tube della presentazione del suo libro contro Dio.
http://www.youtube.com/watch?v=sD0B-X9LJjs
Penso che i cittadini americani farebbero il loro interesse a fare i "cittadini" esercitando un minimo di spirito critico, non i "sudditi".

Nessie said...

PS: dimenticavo per chi volesse leggere per intero l'intervista del regista Emir Kusturica al Corriere (firma F.Battistini). C'è un'altra importante rivelazione. Il miliardario Soros scuce fior di soldoni per foraggiare la frazione "neokosovara" dentro la Serbia, attraverso una tale Natasha Kandic.

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=17342

Lo PseudoSauro said...

Naturalmente Soros e' un cittadino sovietico... Ma non vedi come ci pigliano per il c* ?

Nessie said...

Eccome, che ci pigliano per di lì. Noi però non abbiamo nemmeno un terzo della fierezza della Serbia, la quale ha ancora un po' di attributi per mandarli a ramengo.

Lo PseudoSauro said...

Da Wikipedia si apprende che:

«Le prime operazioni commerciali sulla valuta di George (Soros)avvennero durante la "super-inflazione" ungherese degli anni 1945-46.»

Insomma, ad ogni "super inflazione" (per non parlare di quella tedesca degli anni '20) sorge almeno un "filantropo", se non due o tremila, tutti "perseguitati" con la stessa identica targa. Il termine "speculatore" non era adatto. E' "anti-bush", ma finanzia il suo progetto, le varie "rivoluzioni colorate" etc. Direi che questo e' patriottismo.

Nessie said...

Non c'è che dire: un bel curriculum vitae. Non si è fatto mancare proprio di nulla.
Sapevo della rivoluzione delle Rose in Georgia e pure della Freedom House. L'avessimo noi uno di questi ...filantropi :-). Purtroppo tutto è in vendita.

Oggi è quasi la fine dell'inverno e pure della mia influenza. Ho finito anche gli antibiotici, meno male. Più che il malor poté la cura.

Lo PseudoSauro said...

Vedrai quanti "filantropi" arriveranno fra un po' a ronzare sulla carcassa del "bel paese". Non sapremo piu' dove girarci tanta sara' la generosita'. :-(

Occhio che se oggi non sei pro Kosovo non sei abbastanza patriottica e ti levano la cittadinanza onoraria USA. Il sottoscritto sara' ormai nell'elenco dei terroristi, negazionisti, giuspositivisti (questa e' fresca), etc. con la "liberta' d'espressione" che c'e' in giro. Quindi non parlarmi troppo che rischi il contagio. :-)

Mi fa piacere di sentire che stai meglio. Allora vai a prendere un po' d'aria e lascia che questo conglomerato d'imbecilli s'impicchi da se'.

Nessie said...

E chi sarebbe "il conglomerato di imbecilli"? L'aria di quasi primavera l'ho respirata già oggi, come ho già scritto nel Giardino. Josh ha scritto un florilegio di informazioni di architettura giardiniera, che è una meraviglia. Non c'è cosa che non sappia.
La faccenda del freedom of speech preoccupa anche me. E non poco. Se il progetto è quello lì, dovranno anche mettere a punto il controllo delle menti e delle idee. E prima o poi il web, da sogno si trasformerà in un incubo.
Ma non pensiamoci.
Ti auguro buon compleanno (che sarebbe oggi se non ci fosse il 29 bisesto, se non erro). E invece sarà domani, ma auguroni lo stesso.

Lo PseudoSauro said...

Sono gl'italiani o cio' che riamane di essi.

Allora le temperature sono piu' clementi anche in Insubria. Qui di freddo non ne fa, tanto che sono quasi sempre in maglietta anche sui monti.

Josh ha davvero la conoscenza di un uomo del Rinascimento. e' un piacere leggerlo.

Quanto al freedom of speech, preferisco non rovinarti ulteriormente la serata parlandotene, ma se Mc Luhan diceva piu' o meno che solo le bugie piccole vanno nascoste mentre a quelle grosse ci pensa la credulita' della gente... stanno sparendo fonti web da tutte le parti.

Grazie per gli auguri graditissimi. Ti mando un bacio.

Anonymous said...

Cara Nessie,
poiché è diventato improvvisamente di moda appassionarci alla storia del Kosovo contemporaneo e medioevale(senza trascurare le lontane origini, risalenti agli Illiri)mi riserverò di dire qualcosa non appena avrò terminato il Master sulla Storia Balcanica, magari avvalendomi degli scritti della studiosa da te menzionata (e da me letta su " L' Occidentale")...Fino ad allora, mi limiterò ad informarmi leggendo le analisi puntuali tue dello Pseudo-Sauro e di Josh, grazie alle quali vengo a sapere molto su argomenti che, volutamente, ho sempre trascurato in precedenza, non rientrando i Balcani fra le mie priorità di studio.Siamo grati agli Usa e in primis a D'Alema per questo corso accelerato che ci costringono a seguire sul tema!
Si è già visto in miei interventi precedenti quanto poco sopporti il nostro arrogante Ministro:è talmente convinto dell'infallibilità della sua intelligenza che ormai parla usando lo stile craxiano di antica memoria:pronuncia una parola ogni quarto d'ora, ruotando la testa lentamente, dando l'impressione che l'interlocutore debba fare tesoro di quanto sta dicendo, manco parlasse chissà quale oracolo.Peccato che aldilà delle apparenze non è altro che un burattino messo lì a scimmiottare comportamenti voluti altrove da gente ben più potente e pericolosa di lui...Circa la studiosa di storia dei Balcani, leggo on line che ha lavorato per l'Onu...questo, per me che conosco(i motivi te li spiegai privatamente via e mail)quella deprecabile organizzazione, me la fa piacere meno...So per certo infatti che i suoi lautamente stipendiati funzionari, di tanto in tanto, per giustificare i privilegi legati alla loro professione(che non si limitanto alle migliaia di euro mensili che ricevono in busta paga)sono tenuti a produrre degli "studi" di carattere sociologico o statistico di dubbia qualità accademica.In altre parole, delegano a dei "negri" il lavoraccio più duro:li pagano quattro lire e poi loro intascano un pingue assegno perché la pubblicazione porta la loro firma(dei "negri" nessuna menzione).Non conoscendo nulla della suddetta studiosa, nel suo caso sospenderemo il giudizio per fair play.
Circa la faccenda della Lega che vuole proporre al Senato un candidato magrebino...beh che dire?Io sostengo da tempo che è insensato parlare di destra e di sinistra in Italia(e forse ovunque):quello che contano sono i fatti e non le dichiarazioni di princìpi.E infatti io sono indeciso a chi dare il voto, e non ho mai aderito all'illusione secondo cui "è meglio scegliere il meno peggio perché così si esprime un parere che, non andando a votare ,viceversa non sarebbe espresso".Mi è chiaro senza possibilità di dubbio che il cittadino ha ben poco da scegliere, e che, quale che sia la fazione politica che vincerà, in realtà i giochi sono fatti altrove, in Europa, forse, se non negli USA direttamente.
La Lega era l'unico partito che aveva alzato la voce contro l'immigrazione selvaggia-tanto cara a Ferrero e simili-ma se adesso non c'è differenza fra la linea politica di Ferrero e della Lega, che si fa?
Egoisticamente, preferirei ritirarmi in qualche paradiso fiscale, lontano dal teatrino della politica de noantri(Lo PseudoSauro è magnanimo nella sua definizione:io avrei pensato a una recita da oratorio in una parrocchia remotissima:un esempio:ancora ci si chiede se candidare o no un rottame morale e umano come Mastella, e se ne parla nei telegiornali, come se gli italiani stentassero a prendere sonno in mancanza di una tale notizia).Il sogno è durato pochissimo...Eccomi di ritorno da Montecarlo o dalle isole Cayman...Spero che il mio nick, con i tempi pericolosi che corrono, non diventi anche il mio epitaffio!
Buon week end da
Occidentale

Nessie said...

Scusa Sauro, il tuo commento è rimasto un po' in moderazione, perché lo lessi ma mi dimenticai di pubblicarlo. Sì, finalmente le temperature sono tepide anche qui.

Occidentale,
la tua discrizione su D'Alema è semplicemente esilarante :-D L'idea poi che soppesi le parole con molte pause di craxiana memoria, pensando di dare chissà quale suspense e aspettativa ai suoi mediocrissimi discorsi, mi fa letteralmente spanciare.
Per ciò che concerne il voto, devo dirti che francamente la penso come te e il patetico teatrino di queste ore, a base di "truppe mastellate" da reclutarsi, mi appassiona molto poco. Aspettavamo la caduta di Prodi, che è avvenuta, ma i sostituti non ci riempiono di grandi speranze, a quanto vedo.
Ma davvero sei reduce da Montecarlo?
Un occidentale come te, deve per forza di cose, ogni tanto farsi vedere anche tra le Esperidi, dove ci sono argomenti che credo ti appassioneranno. Ma vedo che la politica, alla fin fine ti intriga sempre e comunque. Magari per dirne male...Buon weekend anche a te.

Josh said...

X Pseudosauro: troppo buono a dirmi 'uomo del Rinascimento':)
Anzi, Buon Compleanno anche da parte mia!

X Nessie: qui fa proprio caldo, troppo, che roba. C'è stata anche una scossetta di terremoto (con ululato) toscoemilianaromagnola stamattina, ma sembra nulla di grave.
Che sia stato uno stantuffo del Drago? o uno starnuto di Nessie? :)Per fortuna che l'influenza sta passando eh...

Occidentale ha scritto un post molto condivisibile.
Saluti a tutti per ora.

Lo PseudoSauro said...

All'Occidentale che viaggia spesso, consiglierei di tenersi in moto perpetuo onde non perdere le prerogative correnti del suo nickname, che evocano una sempre piu' vaga (non nel senso latino del termine) entita'. :-)

La Lega avra' preso lo spunto dal partito del povero Fortuyn, non tenendo conto che in Olanda la proporzione tra autoctoni e immigrati e' invertita rispetto a quella padana. Pur di non sembrare "xenofobi" si fanno anche queste cose. L'indipendanza padana sara' cosi' assicurata una volta che i "nuovi cittadini" saranno maggioranza. Contenti loro...

Nessie: non sarebbe stata una gran perdita. :-)

Josh: grazie anche a te. Quanto a terremoti preceduti da ululati ne ho avuta qualche esperienza quando risiedevo in Padania... ora sto su solida roccia, quindi rischio meno. Comunque non sono io il responsabile (questa volta). :-)

Anonymous said...

Cara Nessie,
mi chiedo come tu possa aver frainteso sulla mia vera residenza abituale-che non è Montecarlo- informata come sei del fatto che di mestiere non faccio certo il pilota di formula Uno, e che la laurea che mi serve per lavorare non mi è stata data né sul campo di calcio né correndo in groppa a una moto!
Ai miei tempi di studente, le Università non erano così degradate da elargire diplomi ad evasori fiscali di fama mondiale!
Ma prenderò la tua boutade come un augurio perché- diventando miliardario- potrò sottrarmi alle miserie della politica nazionale e voltare le spalle definitivamente alla destra alla sinistra e al centro di quelle Sabbie Mobili che stanno inghiottendo 57 milioni di italiani.
PseudoSauro, è vero che l'Occidentale si muove abbastanza frequentemente, ma non così spesso come tu sembri credere:a meno che-visti i tempi agitati in cui viviamo- tu non mi volessi consigliare di mettermi in salvo all'estero(dove?)prima che la situazione precipiti!
Josh,
ti sono grato per aver trovato condivisibile quanto ho scritto.Sai,attualmente ogni volta che apro bocca in pubblico, al lavoro o altrove, mi guardano come se soffrissi di allucinazioni...
Cara Nessie, spero di trovare presto il tempo di partecipare alla discussione ne "Il Giardino...".Quando posso, leggo attentamente i tuoi post e gli interventi, ma poi vengo distratto da altre incombenze e non trovo il modo di aggiungere un mio commento.Prometto di farlo presto!
Buona domenica da
Occidentale

Nessie said...

Occidentale, a Montecarlo, se è per questo c'è anche un bel museo oceanografico e non solo la Formula Uno :-). Scusa se ho frainteso, ma magari una puntatina in Costa Azzura non farebbe neanche male.
Stasera aggiornerò il Loch, perchè c'è un mio amico che ha dato una notizia veramente choc su certa pessima campagna pubblicitaria sulla pelle dei minori. Buona giornata a te e a tutti.

Lo PseudoSauro said...

Occidentale: ma non lo sai che "chi si ferma e' perduto"? Viaggiare, viaggiare, ponti d'oro a chi viaggia o emigra e mazzate a chi resta. l'Occidente e' questo qui. il moto perpetuo. :-)

Nessie: mi raccomando di non esagerare con le bad news...