05 December 2016

Santa Barbara dei fulmini ha detto NO!



Renzi? Fired! O meglio, fulminato! E così nonostante tutti i brogli, le patacche, il quesito referendario ingannevole, le lettere con refusi truffaldine spedite all'estero con tanto di  simbolo del PD, nonostante i magheggi di queste ultime ore con gli 85 euro e lo sblocco dei contratti al nocciolo duro del Pd (gli statali),  nonostante il suo prezzomolismo compulsivo al limite dello stalking dove  ci mancava poco che sbucasse fuori dall'oblò della lavatrice, nonostante i tre canali Rai Pd1, Pd2, Pd3, trasformati in Renzi1, Renzi2, Renzi3, nonostante Mediaset sempre più stampella di Renzi, La7 delle 7 piaggerie, l'ambiguità paracula di Berlusconi che ha puntato contemporaneamente sul SI (con Mediaset e Confalonieri) e sul NO per salvare quel che resta di FI,  l'endorsement dei poteri forti quali De Benedetti, Marchionne,  Elkann, Obama,  Juncker, JP Morgan, Deutsche Bank, Napolitano,Schäuble, Schulz, di Prodi,  del vecchio magistrato Violante cui fa difetto perfino la cultura giuridica, visto come si è arrampicato sui vetri per sostenere questo scempio giuridico di riforma... Nonostante i VIP e tutta la vipperia dello spettacolo e dello show biz, nonostante le clientele campane dei De Luca e delle sue oramai proverbiali "fritture di pesce" , i santori, i gramellini-ini-ini e i lerner che vanno elemosinando un ingaggio in Rai, i  valets de chambre come quel pesce lesso di porzione di un Fabio Fazio, nonostante le matite copiative divenute cancellabili come l'inchiostro simpatico, nonostante tutto questo e molto altro ancora, beh... alla fine  abbiamo vinto e il NO ha prevalso, perché numericamente alto. Così alto da superare i brogli e gli inganni.

Ora, però stiamo in campana e aspettiamoci altri effetti speciali: ci diranno che sale lo spread, che ci saranno turbolenze bancarie, che verremo posti sotto la tutela della  Troika, peggio, sotto il FMI e che sarà tutta colpa nostra. Sì, perchè ci siamo ribellati, abbiamo bocciato la schiforma, ci vorranno altri 30 anni per avere una delizia giuridica come quella scaturita dal pugno della sig.na Boschi. Ma noi andremo avanti.

4 dicembre, Santa Barbara, protettrice dei vigili del fuoco, degli artificieri, dei marinai lo ha folgorato e io non avevo dubbi, anche se la prudenza era d'obbligo. Ora possiamo per davvero tirare il fiato e dire che finalmente il gatto è dentro il sacco. Se poi Renzi non si schioderà dallo scranno, nascerà il Renzi2, se l'Uomo del Colle blinderà le camere e formerà dei "rimpasti"  con altre sbiadite figure del PD, sarà un problema di sopravvivenza di governicchi abusivi che dovranno attendersi una spallata al giorno. Per noi il dado è tratto e rimanere in sella da "anatra azzoppata" non è il massimo della vita. Un grazie sentito a tutti gli Italiani di buona volontà che, per fortuna, nonostante tutto,   sono ancora tanti.

Un ringraziamento particolare a tutti quelli che in questo blog ci hanno creduto, apportando contributi, riflessioni, opinioni, informazioni, suggerimenti e suggestioni, e tanto tanta voglia di partecipare. Godiamoci questa vittoria e rilassiamoci il tempo giusto per festeggiare. A rinserrare le file per nuove lotte ci penseremo dopo. Ora è il momento di stappare una buona bottiglia con amici e familiari.


Una nuova  grazia a questa santa patrona  a cui mio padre, uomo di mare, era tanto devoto,  gliela chiederò per il 2017: che illumini la mente delle gerarchie della MM, che fermino le invasioni, ammutinandosi contro i soprusi di governi che la umiliano,  riducendola a Badante degli immigrati, anziché a difesa dei nostri confini e degli Italiani.  Andiamo avanti nella lotta per la riappropriazione della nostra sovranità e sarà una lotta di lunga durata. Ma da oggi nasce una coscienza nuova, una nuova consapevolezza.
Ma ora è tempo di fare i nostri festeggiamenti. Per favore, i cacadubbi, i gufi, i menagrami e i pessimisti cosmici stiano zitti per qualche giorno e  rinuncino a fare i guastafeste. Godiamoci e godetevi queste ore liete! 
                                                              --------------------

RISULTATI DEFINITIVI: 
SI 40, 89%                                 NO  59, 11%
                                                                   

Ha votato il 68, 5%


92 comments:

Jacopo Foscari said...

E si è dimesso, gaudio e tripudio!

Nessie said...

Sì, gaudio e tripudio! :-)) Abbiamo vinto e stravinto! Ora andranno a spulciare regione per regione, ma pare che perfino in Emilia-Romagna, si siano ammutinati.

Nessie said...

Una grande vittoria del popolo italiano che ha scelto la via della sovranità giuridica, in attesa di quella economica e politica che prima o poi arriverà. Oggi alle urne c'è stata un'affluenza record perché la gente vuole tornare a contare! E questo è quel che conta per davvero!

Cangrande said...

Ciao Nessie ! Anche se per una piccola parte, il merito è anche tuo. Ho diffuso i tuoi post a più non posso, e, nel piccolo, sono serviti a convincere molti e molti. GRAZIE !

Nessie said...

Troppo buono Cangrande! La verità è che questa campagna referendaria ha creato quasi un miracolo: ogni cittadino si è sentito un po' attivista in proprio e c'è stato un passaparola micidiale. Da oggi possiamo essere un po' più ottimisti, anche se la strada è ancora lunga e tortuosa.

Cangrande said...

Dimenticavo...... senza brogli (che ci sono stati sicuramente, specie coi voti dall'estero), i NO sarebbero stati almeno il 70%. Hanno "manovrato" circa il 10%.Non è assolutamente credibile che con un'affluenza simile due italiani su tre abbiano votato "sì". Non ci credo.

Nessie said...

E' successa la stessa storia degli USA con Trump che ha vinto nonostante i brogli. E della stampaglia che dire? Non c'è stato un cartellino giallo, né un cartellino rosso in tutti questi tre anni nei quali Renzi ha potuto fare il bello e il cattivo Renzi (con l'eccezione del Fatto travagliato e di qualche penna de IL Giornale).

Vanda S. said...

Evvai! Il pentolaio fiorentino se ne va con le pile nel sacco!!!

SILVIO said...


Sono felice.

Ma, soprattutto, sono orgoglioso di appartenere al Popolo italiano che - in un momento cruciale della sua Storia - ha dato prova di grandi maturità e consapevolezza, scendendo in campo per difendere risolutamente la Costituzione, carta fondamentale che sta alla base dell’esistenza della nostra Nazione.

Ieri - 4 dicembre 2016 - nessuno ha perso, tutti gli italiani hanno vinto, compresi quelli che, in buona fede, scelsero di votare “Si”.

Da oggi si volta pagina.

Spetta ora al Presidente della Repubblica dar prova di saggezza, richiamando al più presto i cittadini-elettori alle urne per ristabilire - dopo 5 anni di governi arbitrari ed usurpatori - il legittimo riassetto della nostra democrazia parlamentare.

Cangrande said...

errata corrige: "due italiani su cinque" (non "un italiano su tre")

Anonymous said...

Matteo ... stai sereno !

:-)


E levati dai piedi, con tutta la tua ciurma.

Paulus

Anonymous said...

Non basta chiamarsi Er bomba... e fuori uno.

IL SAURO

Anonymous said...

avevano mobilitato "il partito" , ma con tutto questo "attivismo" hanno mobilitato anche tutti gli "altri" che quel maledetto "partito" ce l'hanno altamente sulle scatole. Daltronde renzi ha violato il principio primo della piddineria: farci votare l' ultima domenica di giugno quando gli "altri" , in quanto meno "motivati" di solito vanno al mare.😎
Adesso concentriamoci sui prossimi scenarii di "sangue&m...a" che COMUNQUE sarebbero stati gli stessi e piu' facili per LORO col "SI". Ma il segnale e' stato dato: NON CI FAREMO MASSACRARE CON IL NOSTRO CONSENSO.
ws

Eleonora said...

Ieri sera non ci credevo!

Nessie said...

Vanda con le pile e con le pive, nel sacco :-). Meglio ancora, con le pentole nel sacco!

Paulus, chssà in queste ore Enrichetto-stai-sereno come giubila!

Nessie said...

Silvio, il grande sconfitto in queste ore è il vecchio Burattinaio Napolitano che è stato il regista di Renzie che ce lo ha imposto. Chissà come je rode in queste ore!

E' stata una vittoria schiacciante che ha dimostrato che il popolo italiano c'è ancora e vuole contare qualcosa.
Quelli che hanno votato sì (di mia conoscenza), non hanno letto nemmeno il testo della schiforma. Ma noi abbiamo scodellato una buona pappa anche a loro.

Oggi con la mia famiglia berremo una buona bottiglia di Berlucchi a pasto!!!

Nessie said...

ws, mi fa piacere sentirti una volta tanto, un po' più ottimista e sollevato. Il segnale degli Italiani è stato chiaro: non vogliamo finire bolliti in pentola.

---------------------------------------------------------

Eleonora, io invece ho voluto crederci fin dall'inizio, anche se avevo messo un mucchio di porcate nel conto!

SILVIO said...

Da oggi si volta pagina : è vero.

Ma, mentre si volta pagina procedendo al legittimo riassetto costituzionale della nostra repubblica parlamentare, occorrerà tener conto almeno dei codesti pericoli che incombono:

1- Rappresaglia contro l’Italia da parte dei cosiddetti “poteri forti” interni ed esterni, che implementeranno la solita sequela di manovre punitive contro l’economia italiana, già dissestata dalle misure distruttive del famigerato triunvirato Monti – Letta – Renzi.

Non lasciamoci impressionare!

Tali manovre saranno assimilabili al “nero di seppia” lanciato da quel mollusco contro i suoi nemici per disorientarli.

2- Prosegue la guerra al contante ed il silenzioso indirizzo verso una “società senza contanti” (= “cashless society”) .

Lo testimoniano sia il caos valutario scoppiato in questi giorni in India sia il moltiplicarsi di conferenze ad altissimo livello circa la futuribile creazione della Banca Centrale digitale.

Massima attenzione!
Purtroppo, sulle problematiche monetarie i referendum popolari non sono ammessi.

Inoltre, non facciamoci abbindolare!

Sappiate sin d’ora che la Banca Centrale farà perno su B o c k c h a i n , che è la versione “software” del vecchio sistema Ponzi .

Pertanto, trattasi di piramidale truffa informatica globale.

3 – Nonostante sia sul punto di crollare, l’UE non desiste dal tentare di inocularci il suo veleno.

Mi riferisco a :
DIRECTIVE OF THE EUROPEAN PARLIAMENT AND OF THE COUNCIL of on combating terrorism and replacing Council Framework Decision 2002/475/JHA

Cioè, a quella direttiva UE che criminalizzerà come terrorista ogni cittadino che osi pubblicare critiche alle istituzioni europee.

Su tale argomento prossimo e dobbiamo “metterci il becco”, anche perché le direttive europee divengono vigenti in Italia solo se il nostro Parlamento ne approva il loro recepimento nell’ordinamento italiano.

Ho pronta la traduzione in lingua italiana.
Quando Nessie mi darà l’Ok, gliela invierò.

4 – Invasione dell’Italia da parte degli immigrati, più o meno clandestini.

Ho a disposizione un atto d’accusa che teorizza il circuito perverso “Trafficanti di schiavi – Istituzioni europee – Istituzioni italiane”, che agirebbero in sinergia per dirottare moltitudini di clandestini nel nostro suolo.

Sarà vero?

Pubblichiamolo e discutiamone.

Anonymous said...

Non l'avrei mai creduto possibile:Ferrara e provincia hanno votato NO (esclusi 3 comuni fra il 51-53%), con una punta di oltre il 70% a Goro.


Maria Luisa

Nessie said...

Silvio, dopo dopo! Apriremo topic specifici sull'argomento. Adesso rilassiamoci perché la mia personale MARATONA è stata lunga. Compresi i comizi di quest'estate nella sede dell'ANPI, dove ho detto loro che sono di destra, ma che dovevamo essere tutti uniti come ai tempi della guerra di liberazione, dato che le banche ci fanno capire in modo chiaro e tondo che non hanno più bisogno della democrazia (JP Morgan ecc.).

Discorsi che hanno fatto presa, al punto da aver ricevuto applausi scroscianti.

Nessie said...

Maria Luisa, Ferrara è stata colpita dall'immigrazione in modo feroce e i ferraresi giustamente si sono ribellati. Questo è un NO polivalente.


Sauro, la Bomba che è esplosa in mano a er Bomba, ha dell'incredibile. E' come un'autorete.

SILVIO said...


Bene, Nessie.

Il mio precedente “block notes” era riferito al “domani” e non “all’oggi”.

Nessie said...

L'avevo capito. A proposito, che ne pensi dei krukki del Trentino-Alto Adige che hanno detto tutti sì? Chissà Renzi quanti soldi ha promesso loro. Venduti e assistiti.

Perfino la Sicilia è andata bene col NO. Si vede che di sbarchi ne hanno fin sopra ai capelli! Grandi i sardi col NO, gliel'hanno fatta pagare! La Toscana invece si è comportata da feudo!

SILVIO said...


Nessie,

gli italiani del Trentino – Alto Adige restano per me un mistero di difficile comprensione.

Sicuramente, sul loro attuale orientamento filo-governativo hanno influito i benefici - esorbitanti rispetto alla consistenza della popolazione - a loro concessi nei decenni trascorsi dallo Stato italiano, onde frenarne le tendenze secessionistiche.

Sugli altri fattori preferisco sottacere, visto che oggi è un giorno di festa nazionale.

La Sicilia, la Sardegna e tutto il Meridione d’Italia sono stati gli aghi della bilancia che han fatto pendere il verdetto verso il successo del NO .

Da oggi in poi, avrò il massimo rispetto per quei connazionali.

Circa l’amata Toscana, ritengo che risenta ancora degli effetti disastrosi del potere temporale del Papato, che la obbligò a pagare “le decime” e quant’altro agli avidi esattori pontifici.

I toscani reagirono dando luogo a logge massoniche anticlericali, giungendo - financo - ad imporre l’so del termine ”babbo” al posto dell’allusivo e detestato “papà” .

Tali logge massoniche regnano ancor oggi in Toscana (lo stesso babbo di Renzi pare sia il capo di una loggia massonica locale) per cui è verosimile che abbiano influenzato l’opinione pubblica per sostenere Renzi anche nel trascorso referendum.

Tuttavia, persino la Toscana sta lentamente rinnegando i vecchi pregiudizi atavici.

È Solo questione di tempo.

SILVIO said...


Renzi pari abbia dichiarato:

« Volevo , tra le altre cose, anche ridurre le poltrone.
Ed invece, ho perso la mia »


Se trattasi di non-bufala, tanto di cappello!

Non è da tutti il “saper-perdere” con dignità.

Nessie said...

Il padre di Renzi è nel Grande Oriente, per l'esattezza nonché il compagnone di loggia è Verdini (buono quello!), a detta di Magaldi. Il Veneto e il Friuli-Venezia Giulia non sono una novità circa il NO. La Lombardia (55%) tiene bene in provincia ma MIlano a forza di vendere i suoi lussuosi appartamenti a riccastri stranieri, oligarchi, finanzieri fino a diventare un laboratorio di melting pot, ha fatto prevalere il SI'. Sala è l'espressione delle decisioni dei poteri forti circa la governance della città. Peccato!

Torni la meneghinitudine!

Vanda S. said...

Nessie, il termine "pile" a Roma vuol dire pentole! :-)

Nessie said...

Ottimo Vanda, come vedi è sempre grande la nostra Italia dei vari vernacoli, cibi, usanze, credenze e dialetti! Noi la vera multiculturalità l'avevamo già, senza che scompaginasse un bel nulla.

Alessandra said...

In Polesine il NO ha fatto l'en plein: schiforma respinta in tutte le città.
Ma non avevo dubbi che il Veneto avrebbe votato contro.
Ho visto con piacere che i campani non si sono lasciati prendere per la gola (per non dire altro) da De Luca. :-)

Renzi e i suoi si auguravano che i sondaggi fossero sbagliati ... effettivamente anche questi lo erano: nel senso di troppo magnanimi!

Anonymous said...

Condivido, Nessie: cacadubbi & c., se non per qualche giorno, almeno per qualche ora ci lascino godere in pace i frutti del nostro lavoro…
Io sono doppiamente felice perché verso la fine della campagna elettorale avevo cominciato a temere, visto che i sondaggi “segreti” - anche quelli promossi dal No - davano Renzi in forte recupero.
Se questi sono i risultati (un 20% di scarto, al netto dei brogli) significa che gli italiani, più degli americani o dei britannici, si divertono a prendere per il culo gli istituti demoscopici. I più paraculi di tutti devono essere i “sudditi” di De Luca, che dopo avere forse mangiato il piatto di frittura gli hanno ruttato un bel No in cabina, dove - parafrasando Guareschi - «Dio ti vede, De Luca no».
L’Abruzzo - regione e provincie in mano al Pd - è andato ben oltre le mie aspettative: 65% di No, con un’affluenza del 69%, dunque piuttosto alta.

Mi sono già rotto le scatole delle “interpretazioni del voto” fornite dalla solita compagnia di giro dei cervelloni televisivi…
Se è vero il suo commento a caldo («non pensavo che mi odiassero tanto»), Renzi ha capito tutto. Gli italiani non sono improvvisamente diventati degli esperti in Diritto costituzionale, né sono talmente scemi che alla domanda «vuoi ridurre il numero dei parlamentari e i costi della politica?» rispondono «No». Semplicemente, hanno votato contro di lui e chi gli sta intorno: Napolitano, Alfano, Prodi, le banche, la Merkel, l’Europa ecc. In campagna elettorale ho notato che quando spostavo il tiro su di loro ai miei interlocutori si drizzavano le antenne: i recettori erano quelli.
Renzi, che disprezzo ma al quale riconosco l’istinto dell’animale politico, lo ha capito. Degli altri dubito. E comunque, anche se hanno capito, faranno finta di nulla.
(no caste)

Anonymous said...

Ora godiamoci il bel NO (se fosse stato accompagnato da un esito diverso in Austria sarebbe stato ancora meglio. MOLTO meglio) del quale negli ultimi giorni temevo fortemente. Poi però non dimentichiamo che gli aguzzini che hanno ordito il SI (e tutto lo sporco resto) sono ancora saldamente e comodamente al potere con tutto il nutrito e attivo seguito di kapo', tirapiedi e giannizzeri.
Scarth

Jacopo Foscari said...

A Milano mi dicono amici il Sì ha stravinto nel centro storico, dove sta il peggio del radical chiccume meneghino pomposo e cosmopolita. Già nelle periferie vinceva il NO.

Da me in Friuli dopo le amministrative un'altra bella sberla alla Serracchiona che per ora non si dimette, ma spero duri ancora poco 'sta gallina ignorante romanaccia trapiantata. Se becco quelli che l'han votata

Jacopo Foscari said...

Sul Trentino Alto Adige specifichiamo che non esiste. Esistono il Trentino, che ha votato No come il resto del paese e l'Alto Adige che ha votato Sì perché i krukki reietti sono SEMPRE filogovernativi a prescindere da chi sia al governo. Vi ricordate quando Berlusconi stava per cadere per colpa di Fini? Lo salvarono proprio i krukki dell'Alto Adige che si astennero in cambio di regalie varie. Per dire se Renzi avesse detto "Il governo vota NO", loro avrebbero votato NO pur di leccare l'esecutivo in carica. In questo bisogna dire son dei gran furbacchioni, io però mi sono leggermente stufato di mantenere questi krukki che da mane a sera sputano sul Tricolore e poi incassano e incassano. Volete tornare in Austria? Bene, fatelo per carità e sbrigatevi anche. Ma non lo faranno mai perché gli austriaci, saranno anche ciuchi da votare il Van der Belinen, ma non così ciuchi dal dare ai reietti altoatesini gli stessi scandalosi privilegi che gli concediamo noi.

Aldo said...

Mi permetto di esprimere un'illazione che è tale solo perché non è basata su prove, bensì esclusivamente su sensazioni: il "no" è stato espresso in occasione di un referendum riferito a modifiche alla Costituzione, epperò credo che nelle intenzioni di gran parte dei votanti il "no" non sia stato rivolto solo a quello. A mio avviso si tratta di una negazione globale, a tutto tondo, una negazione di rivalsa con un consistente fondo d'acredine. E' un "no" che intende toccare le carni di chi ha perso, ma anche quelle di chi ha "vinto", un monito ai successori del Presidente del Consiglio dimissionario affinché non calchino le orme sue e dei suoi predecessori. Il "no" è per Renzi, ma è anche per Letta, è per Monti, è per Napolitano e per Mattarella ed è, attenzione, pure per Berlusconi, per Salvini, per i 5Stelle... Insomma è un "no" per chiunque intenderà sedersi sugli scranni istituzionali e agire secondi linee deleterie per i "sottoposti". Il "no", nella mia percezione o nella mia fantasia, vuole indicare l'indisponibilità a rimanere "zitti sotto". The sheep look up, a volte non solo nei romanzi e, si spera, non sempre inutilmente.

Spero non sia solo un abbaglio.

Anonymous said...

da piccola chiamavo anch'io babbo, forse per la vicinanza con la Romagna o per i bisnonni forlivesi.Non pensavo ad un sussulto dei Ferraresi, quelli che sono stati tacciati di avere percezioni soggettive riguardo al senso di sicurezza percepita, quelli che "guardano troppo la televisione", quelli che hanno perduto una zona della città, zona che sta allargando i propri confini, quelli che hanno subito il furto da parte della Carife, sentito come un vero e proprio tradimento, e che subiscono, come tutta l'Italia, una immigrazione senza controllo con maestrini che lavano continuamente su quanto è bello il multiculti.
Maria Luisa

Nessie said...

No caste, hai notato che dalla stampaglia non giunge l'eco di nessuna autocritica per aver sostenuto fino all'ultimo il ONE MAN SHOW di Renzi? Almeno in USA dopo analogo trattamento a Trump, si sono stracciati le vesti: autocritica di Repubblica, Corserva, Stampazza?

Non Pervenuta!

Nessie said...

Scarth, che scoperta! Quello si sa. Non può essere la matita copiativa, più o meno cancellabile a scalzarli! Che dovevamo fare? Rinunciare anche a quella? E' comunque un'iniezione di fiducia nel constatare che questo popolo batte un colpo e non è morto.

------------------------------------------------
Jacopo
Ma non lo faranno mai perché gli austriaci, saranno anche ciuchi da votare il Van der Belinen, ma non così ciuchi dal dare ai reietti altoatesini gli stessi scandalosi privilegi che gli concediamo noi.

Hai detto una sacrosanta verità. Dopo gli attentati ai tralicci negli anni '60 si sono ingrassati e rimpinguati a dismisura dei nostri soldi pubblici con emolumenti scandalosi.

Nessie said...

Aldo, hai detto la sacrosanta verità: è stato un NO polivalente e polifunzionale.

Ogni Italiano ha le sue buone ragioni per rispedirlo al mittente!

Nessie said...

Ciao Alessandra,

no al Sud non hanno funzionato le fritture di pesce né le gite in yacht. Parlo della Camapania.

In Sicilia presumo che ne abbiano piene le cosiddette di sbarchi quotidiani.

,Renzi e i suoi si auguravano che i sondaggi fossero sbagliati ... effettivamente anche questi lo erano: nel senso di troppo magnanimi!

Certamente, e dobbiamo fare la tara agli eventuali brogli, che lasciamo correre perché abbiamo vinto.

Anonymous said...

Che sia stato un NO per così dire polivalente e che vada ben oltre al solo no al cambiamento costituzionale è anche una mia impressione. E una certezza invece è che chi ha promosso il sì (personaggi pubblici e padrini occulti) NON faranno assolutamente autocritica, anzi, cercheranno in ogni modo una rivalsa per rincarare la dose e proseguire nei loro orrendi disegni di devastazione.
Scarth

Jacopo Foscari said...

Comunque quel Jim Messina quest'anno le ha imbroccate tutte. Prima il Brexit, poi Trump, ora Renzi. Chissà che magari Fillon e la Merkel non ci facciano un pensierino, io glielo consiglierei caldamente

Nessie said...

Jacopo, anch'io :-).

Scarth, ovvio che siamo in pochi ad esserci preoccupati della "schiforma" e ad averla messa in raffronto con quella vecchia. Ma questa è la storia dei gatti e dei topi, chiunque abbia detto NO, ha acchiappato il topo.

Nessie said...

Scarth, l'avevi letto questo? Mi pare che colga nel segno circa la costituzionalizzazione della dittatura finanziaria e il NO sovranista:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/no-dittatura-finanziaria-dellue-1338709.html

pecosbill said...

sugli sbarchi e organizzazioni cosidette "umanitarie":
https://www.youtube.com/watch?v=TbIc1LZqIAw&feature=youtu.be

e pensare che sotto natale ci saranno milioni di italiani che daranno montagne di soldi a queste ong che agiscono in sprezzo a tutte le leggi vigenti e volontà popolare,

mah....

Nessie said...

Certamente, il prossimo esecutivo governativo regolarmente eletto, dovrà occuparsi di stoppare questo diluvio.

Nausicaa said...

I giovani hanno bocciato la "riforma" e dalle analisi dei voti più del 35% ha detto NO. Hanno capito che coi voucher non si mangia.

http://www.corriere.it/referendum-costituzionale-2016/notizie/i-giovani-bocciano-riforma-68percento-under-35-ha-votato-no-cbf07474-bb7f-11e6-a857-3c2e3af6f0b6.shtml

Nessie said...

Eppure non più tardi di ieri sera in tv il finanziere amico di Renzi Davide Serra, ha parlato di 600.000 posti di lavoro in più per i giovani. Della serie, chi li ha visti?!? a sentirlo pareva il paese del Bengodi.

Anonymous said...

600.000 posti di lavoro e quasi 500.000 sbarcati in un anno e mezzo. E' verosimile: il lavoro ai giovani :-)

IL SAURO

Nessie said...

Davide Serra, alias il "bandito delle Cayman", una rapida carriera da analista di banche a Morgan Stanley, poi fondatore e partner del fondo di investimento Algebris che gestisce 1,4 miliardi di euro, è quello stesso che aveva una ricetta miracolosa: tagliare le pensioni dei padri andati in riposo col metodo "retributivo" e redistribuire ai figli.
Avevamo un altro benefattore dell'Umanità e non lo sapevamo!

Anonymous said...

Che carino l'esimio Prodi, i suoi padroni massoni gli hanno comandato di votare Si e lui cagnolino obbedisce imbastendo la scusante idiota che la riforma non gli piaceva molto ma.... per non si sa bene quale motivo (la solita viltà, ordini di scuderia, interessi loschi)avrebbe acconsentito turandosi un po' il naso. Ha portato sfiga come al solito.
Del resto fu proprio lui a ficcarci,senza consultarci tramite referendum, in quella fogna dell'europa unita intorno ,mi sembra ,al 1996. Il misero Renzi sperava che una voce così autorevole (secondo lui) lo avrebbe aiutato, povero fesso !
Max da Roma

Aldo said...

Ora Mattarella ha "congelato" Renzi. I TG hanno dato come scadenza per il PdC così conservato un termine di 2-3 giorni. Considerato che il termine è stato millantato ieri, ciò significa che entro la fine della settimana le elezioni dovranno concretizzarsi. In caso contrario, saremo di fronte a una specie di "Napolitano incanutito" che piglia ancora un po' per i fondelli gli Italiani (questa volta, però, in modo esplicito e apertamente antidemocratico, visto che gli Italiani si sono pronunciati in modo molto chiaro). La saggezza popolare ci avverte che non c'è limite al peggio, e la saggezza popolare è solitamente... saggia.

Nessie said...

Max da Roma, Non ci fu nessun referendum invece per entrare nella UE, ma ci fu una famigerata tassa propugnata da Prodi che venne per l'appunto chiamata "tassa per l'Europa" e che - a detta sua - doveva servire a pareggiare i conti.

L'endorsement di Prodi è stato per Renzi, il bacio della Morte. Ma un altro portatore di sfiga è Paolo Mieli. Quando esterna Mielone, il treno dei suoi desiderata viaggia sempre all' incontrario, come nella canzone cantata da Celentano. Ne avesse azzeccata una...Come "storico" non c'è male.

L'ultima delle perle bisogna darla al filosofastro Massimo Cacciari. Dopo aver indicato nella schiforma Boschi "una solenne puttanata" (parole sue) ha votato per il SI' e ce lo ha fatto pure sapere. Roba da TSO.

Nessie said...

Aldo, il Mozzarella ha congelato Renxi per evitare turbative di Borsa durante l'interregno e per approvare la legge finanziaria che chiamano con un eufemismo orwelliano "legge di stabilità". Questa è la scusa ufficiale.

Secondo Sallusti direttore de Il Giornale però, la truffa è dietro l'angolo, perciò stiamo in campana e con le antenne ben dritte.

Nessie said...

Qui viene spiegato questo "congelamento" fino a quando potrebbe durare. Decisamente c'è aria di truffa e Renzi potrebbe succedere a se stesso:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/c-aria-truffa-renzi-non-si-dimette-1339523.html

Bet said...

Eppure, Nessie, sapessi quanti sono in giro i benefattori alla Davide Serra che butterebbero volentieri i nonni da 1000 euro al mese nell'Etna perché così, dicono, si sollevano i nipoti dalla miseria...miseria sparsa a piene mani da loro, ovviamente.

Gli stessi che insieme all'estinzione dei pensionati vogliono milioni di clandestini (i quali, si sa, non costano niente al paese ospitante, anzi portano ricchezza). Quando si dice i cervelli emigrati!

Bet said...

Girellando qua e là nel web.:-)

http://i.imgur.com/7F5yN1J.jpg

http://www.finanzaonline.com/forum/attachments/arena-politica/2341948d1480923639t-oggi-il-sole-e-sorto-lo-stesso-sole.jpeg

http://i.imgur.com/5fStXjm.jpg

http://i.imgur.com/YObTTUw.jpg

E ora l'epitaffio:

"Ore e ore a comparire in tv e scrivere sui giornali credendo di portare voti al SI', creando invece una VALANGA di NO."

RIP.

Aldo said...

L'ho sentita la scusa ufficiale, ed ha effettivamente un sapore credibile. Il protrarsi del provvisorio nell'ambito del permanente ci dirà se il duo è in buona o cattiva fede. La scadenza è il fine settimana.

Nessie said...

Bet, questi filantropi rassomigliano sempre più al Protocollo Cazzaniga che uccideva pazienti all'ospedale di Saronno, per "alleviare le loro sofferenze". :-). La Direzione lasciava fare,perché "aiutava a ....liberare posti" in corsia. Che bel mondo!

Aldo said...

Ah, ora già parlano di febbraio. Appurato: non sono in buona fede, nè il canuto nè il moro.

Nessie said...

Aldo, la faccenda è controversa e domani i Piddioti si riuniranno. Voleranno al Nazareno stracci, creste, piume e bargigli, perché c'è una forte lotta intestina. Non dimenticare che c'è una consistente parte di piddioti che ha sostenuto il NO (D'Alema, Bersani, Speranza, solo per fare tre nomi di spicco) .

Bet said...

Quoto e sottoscrivo. :-) Del resto un ben noto "filantropo" risponde al nome di Soros...quindi...

Nessie said...

Io sono di quelli che non si è commossa dopo il discorso di dimissioni di Renzi, dato che mi è suonato subito falso da cima in fondo! E difatti...

Nessie said...

Il commento precedente era per Aldo.

------------------------------------------------------

Bet, in questo caso, in confronto a Soros, perfino il dott. Cazzaniga e il suo Protocollo è un dilettante. :-)

Nessie said...

Questo è un ottimo articolo di Galli della Loggia che analizza i 5 punti della sconfitta renziana e la fine del Renzismo:

http://www.corriere.it/opinioni/16_dicembre_06/cinque-ragioni-una-sconfitta-b3ac2ae8-bb25-11e6-8d3b-c05118807aea.shtml

Sono d'accordo al 100% ma la domanda dalle mille pistole è la seguente: dov'era il Corrierone quando Renzi compiva abusi su abusi con le banche e regalie ai clienti del Giglio Tragico? Forse i sono addormentata, ma non ho visto alcun cartellino rosso né giallo.

Jacopo Foscari said...

Il problema è anche che il Cazzaro ha pure fatto in modo di complicare le cose per la successione con l'Italicum. Se si va al voto ora si va al voto con due leggi diverse per Camera e Senato. Per cui il Coglionazzo dovrà restare almeno finché la Corte Costituzionale non smonta la sua patacca di legge elettorale. Questo oltre che malvagio è pure imbecille

Nessie said...

I due aggettivi non sono in contrasto tra di loro. Di solito l'imbecille riesce ad essere malvagio anche se non vuole. Ma è mai possibile che comunque si esprimano i cittadini ci tirino sempre in mezzo alle canne?

Bet said...

Sì!

Jacopo Foscari said...

Ecco qui, sentenza della Corte fissata al 24 gennaio. A posto, il coglionazzo ce lo teniamo fino a Marzo, minimo. Ma è proprio un cretino patentato 'sto qui. Almeno il Banana il Porcellum l'aveva fatto completo, 'sto qui invece si fa il Super-Porcellum a metà convinto di vincere il referendum e di non aver bisogno di una legge per il Senato e poi ci ritroviamo così. Più cretino di così si muore

Nessie said...

A dire il vero, siamo noi che si muore.

Bet said...

Vedrai che non accadrà, Nessie, tranquilla.
Ci siamo appena lasciati alle spalle il referendum ed ecco che i crucchi senza perdere tempo ne approfittano per tornare alla carica spingendo l'Italia a chiedere aiuti allo SME (ossia farci arrivare la trojka in casa, così che dopo aver affettato la Grecia i prossimi siamo noi).

O, almeno, è quello che ha lasciato intendere un certo Volker Wieland al soldo della culona.

Piccolo dettaglio, che se fossi nei culonidi non trascurerei: l'Italia post referendum è come il crollo di una diga, gli umori a lungo repressi stanno venendo fuori tumultuosamente. e non è detto che questa per i crucchi sia una bella notizia.

Di sicuro, io un nuovo patto d'acciaio non ce lo vedo proprio...

Nessie said...

Purtroppo sento odore ( per me disgustoso) di minestroni riscaldati e di inciuci del solito politichese, con una Mummia Sicula del Colle che vorrebbe imbalsamare Renzi fino al 2018 (degno successore di Bella Napoli):

http://www.corriere.it/referendum-costituzionale-2016/notizie/restero-guida-partito-ace8d104-bb32-11e6-8d3b-c05118807aea.shtml

Bet said...

Questo sì, e sarebbe strano che non ci provassero. Ma la grande incognita è: gli italiani lo accetteranno? Tollereranno l'ennesima presa per i fondelli? Lo scopriremo solo vivendo. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, la risposta è, di nuovo: NO!

Alessandra said...

L'altra sera ho sentito Alfogna, ospite di Vespasiano, magnificare il 40% ottenuto dal SI. Quando ci saranno le elezioni, allora, si presenterebbe come alleato del Bomba.
A forza di governare con Letta prima e Renzi poi, è diventato un piddiota a tutti gli effetti.
È davvero il paradigma del parassita il cui unico ideale è rappresentato da una poltrona.

Nessie said...

Fanno davvero venire il vomito lui e il suo compare di merende Lupi di Comunione e Fatturazione.

Ma anche la classe giornalistica italiota è davvero insopportabile. Non capiscono una beata mazza e il tragico è che nell'era internettiana si rifiutano di uscire dai loro paradigmi di servi ideologizzati con tanto di pilota automatico. Non se ne può più e temo che la prossima mossa non sia più la matita copiativa, ma bastonate nelle costole.

Anonymous said...

Della serie: cambiare tutto per non cambiare niente, questo referendum hanno DOVUTO farcelo fare, in base all'art. 138 della Costituzione, in quanto non avevano ottenuto la maggioranza dei due terzi, altrimenti ci trovavamo con la sorpresa già bell'e pronta, confezionata e non discutibile.
Ad ogni buon conto, il popolo (sovrano?) ha detto chiaramente di NO, ed ora cosa succede? una beatissima m....a.
Spero solo che chi di arroganza ferisce di arroganza perisca.
Laura

Nessie said...

E' stato giusto, giustissimo dare il segnale del NO, ma sapevamo già che il resto del cucuzzaro istituzionale rimaneva in piedi in modo inalterato. Normalmente le cose finiscono seconda la ben nota nemesi che hai già espresso, ma i tempi della Storia non li decidiamo noi. Possiamo solo cercare di favorirli.

Anonymous said...

OT
Sono sparite le "scie chimiche". Un fenomeno "del tutto naturale" è drasticamente diminuito e poi scomparso dopo l'elezione di Trump. Miracolo !

A parte gli scherzi, la dimensione di questo potere è talmente grande che un referendum in Italia vale come uno sputo nel mare. Ha la sua importanza, certo, ma ha valore solo in quanto segnale. Se non cambia qualcosa (e sembrerebbe stia accadendo) al centro del potere, difficilmente si recupererà il terreno perduto. E se qualcosa cambierà non sarà certo per volontà popolare. Tanto per non farsi troppe illusioni circa il futuro. C'è qualche speranza in più, questo si vede.

IL SAURO

Nessie said...

Alle scie chimiche non ho fatto caso. Al fatto che una volta archiviate le matite copiative, sono di nuovo iniziati i balletti truffaldini degli inciuci, invece sì.

Aldo said...

Vorrei non dirlo, ma mi esce: l'avevo detto. Non che fosse una "profezia" complicata, eh?

Nessie said...

E' la dimostrazione che la matita copiativa dovrebbe trasformarsi in penna esplosiva.

Nessie said...

PS: La più bella sarebbe un Renzi2 che succede a Renzi1.

http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/12242698/referendum-giorno-napolitano-come-ha-fregato-matteo-renzi.html

Anonymous said...

La più bella sarebbe un Renzi2 che succede a Renzi1
ma certo, per quanto renzi avesse un suo diverso piano b, a far da" anfitrione" alla troika tocchera' a lui.
Il pd non vuole andare a casa ma nemmeno dare DI NUOVO sostegno parlamentare ad un governo "montista" senza contropartite politiche e paradossalmente renzi resta l' unico garante politico dell' ammucchiata che ci (s)governa
ws

Anonymous said...

Sì far passare il 40% come una vittoria la dice lunga su che elementi sono i "nostri" rappresentati istituzionali. Intanto è iniziata la sagra dell'intrallazzo sotto banco per ribaltare spirito e lettera del voto. E su questo non c'erano dubbi. Per il resto mi trovo d'accordo con Il Sauro 10:42 am.
Scarth
PS: per il seguito vedremo se la Presidenza Trump farà venir meno padrini, appoggi e protezioni dei nostri attuali imperversanti proconsoli. Senza illusioni

Nessie said...

Se non si va alle elezioni e si da' alla gente per lo meno quella parvenza di diritto che è stato ed è il voto non cambierà niente.
Sappiamo bene che non cambierebbe comunque niente perché le politiche economiche le detta la UE attraverso quella stramaledetta eurozona di cui purtroppo facciamo parte. Ma penso che sarete d'accordo, che è stato comunque giusto dare il segnale. Temo che i prossimi, non saranno altrettanto segnali civili e pacifici.

SILVIO said...

”Venexit”: xe na biada da mati
Giorni addietro, i consiglieri comunali di Resana, Grantorto, Santa Lucia di Piave e Segusino - (non avendo nulla di meglio a cui pensare) - decisero di acquisire fama e gloria personali, firmando codesta genialata :

http://www.consiglioveneto.it/crvportal/pdf/pratiche/10/pdl/PDL_0116/1000_5Ftesto_20presentato.pdf

Trattasi - come si arguisce dal documento in pdf - della “ Proposta di legge relativa all’applicazione della "Convenzione Quadro per la Protezione delle Minoranze Nazionali” in base alla quale si chiedeva che il “il popolo veneto” venisse riconosciuto e protetto come minoranza nazionale.

Al governatore della Regione Veneto - Luca Zaia – non parve quasi vero il poter usufruire di una simile opportunità per mettersi in vetrina, per cui prese la palla al balzo ed… oplà…in men che non si dica, quella proposta di legge d’iniziativa comunale divenne il “Disegno di legge N° 1116 “ approvato dal Consiglio regionale grazie ai voti degli uomini fedeli a Zaia e Tosi.

Naturalmente - come avvenne in passato per altre leggi similari approvate dal Consiglio regionale veneto - anche sulla legge in argomento calerà la scure della Corte costituzionale. per cui verrà dichiarata illegittima e il tutto finirà nel dimenticatoio.

Ed allora, perché crogiolarsi in “goliardate” senza via d’uscita, attizzando stupidamente il fuoco della disunione nazionale?

A chi giova tutto ciò?

Ve lo dico io “a chi giova”.

solo all’élite globalista , che ha fatto suo l’immortale motto latino ”Divide et impera” .

Guarda caso, infatti, la "Convenzione Quadro per la Protezione delle Minoranze Nazionali” venne approvata nel 1997 e poi proposta agli Stati nazionali dal globalista “Consiglio d’Europa” su pressione del tempio della globalizzazione, cioè l’ONU .

Non solo.

La predetta "Convenzione Quadro per la Protezione delle Minoranze Nazionali è la versione in fotocopia di
”Etude des droits des personnes appartenant aux minorités ethniques, religieuses et linguistiques”

http://www.cubiq.ribg.gouv.qc.ca/in/faces/details.xhtml?id=p%3A%3Ausmarcdef_0000935649&

scritto - su mandato dell’ONU - dal giurista internazionalista Francesco Capotorti , autore amatissimo dalla “Open Society Foundation” di George Soros.
___________

Conclusione.

C’è da “incazzarsi” di brutto per la dabbenaggine di Zaia e Tosi.

A causa della loro bravata, chi pagherà in termini di perdita di consensi su scala nazionale sarà solo la Lega.

Nessie said...

Silvio, per correttezza di informazione Flavio Tosi, ex sindaco di Verona è stato espulso dalla Lega nel 2015. Ha preso aperte posizioni pro matrimoni gay (celebrò matrimoni di coppie gay in comune) e politiche LGBT che poco hanno a che fare con la Lega e si è fatto un movimento suo. Puoi controllare tu stesso. Inoltre mi risulta pure che all'attuale referendum si sia schierato per il SI'.

Ora leggo con attenzione quel PDF che mi hai inviato e ti dirò la mia circa l'iniziativa di Zaia. Grazie mille.

SILVIO said...


Vero, Nessie.


Ma gli uomini rimasti a fedeli a Tosi sono ancora in carica, continuando a recar danno unicamente alla Lega, dato che il cittadino-elettore di altre Regioni lo associa ancora ad essa.


Vanificando, pertanto, gli sforzi di Salvini, che intende trasformare la Lega nel "Fronte Nazionale" battente bandiera italiana.

Nessie said...

Ho letto ed effettivamente la mossa di Zaia sembrerebbe una furbata per avere un po' più di schei . Ma sono schei che non portano lontano!

Strano, perché la mossa di far bocciare dalla Consulta la Legge Madia sulla PA, mi è sembrata una mossa intelligente da parte sua, e finora Zaia ha mostrato senno e ragionevolezza. Tutto quello che proviene dall'ONU puzza sempre: è questo il sacrosanto principio di sospetto che deve animare i governatori di buona volontà.

Altrettanto idiota fu aver concesso che le tre cime del Lavaredo, diventassero patrimonio dell'Umanità per l'UNESCO. Ma queste fu colpa delle vecchie amministrazioni precedenti.

Nessie said...

PS: domani aggiorno il blog sulle nuove dittature europee in arrivo. Così potrai postare i tuoi materiali al riguardo.

SILVIO said...


Andrò senz’altro “a nozze” , Nessie.

E mi sembrerà di rivivere i tempi eroici del blog di Foa, dato che anche Marcello Foa ha convenuto di aprire la discussione su
“Nuove dittature: in Francia rischi 2 anni di carcere se ti esprimi contro l’aborto”

Idioti, psicopatici globalisti senza cervello!

Vi faremo rimpiangere di esser nati!

Anonymous said...

E vinciamo NO (I)! (Il Vate)

Finalmente nel blog tutti gli amici contenti
il Bomba finalmente è scoppiato accidenti!
Alle sue profetiche balle e gran panzane,
il popolo ha risposto con dissenso immane.
Non potea regger simil buffone e cialtrone,
che volea solo peggiorar ns. Costituzione
a colpi di fiducia di un governo nato abusivo
cercava solo la scalata ad un potere esclusivo!
E pensar che ad Agosto lo si vedea sulla tolda
di una nave che non si chiamava Leopolda…,
a strumentalizzar con la Kulona ed il Budino,
con vuote parole e finti abbracci a far inchino,
a Ventotene e al “Manifesto “ spesso celebrati
ma mai così grottescamente rappresentati!

E che dir del suo sponsor masson Banalitano?
Un “ habituè” a colpi di Stato e colpi di mano!
L’aveva scritta lui questa schiforma demenziale
Che s'è rivelata una pagliacciata senzazionale
dimenticando che l’art.11 consente si limitazioni
di sovranità, ma solo per assicurare alle Nazioni
pace e giustizia e non certo lor becere speculazioni
ed interessi volti a servir lor banchier e padroni!
Siamo stanchi di subir solo imposizioni e ricatti
espropriazioni di sovranità ed altri beceri atti!
Inutile esalar moniti di elite tramite Corserva
anche Noi sappiam fare quattro conti della serva!

Per non parlar degli stuoini-zerbini dell’ebetino
pronti a tutto e di più per difender lor fortino.
Dal Buffone in porta già di Monti leccazampista,
alla sua ma(comp)gagna D’Amico sempre in vista,
dal TG1 del direttore di violino del circo Orfeo,
al suo leccaculo per eccellenza Vespa Bru..neo.
Dal Fabiocazio e la sua tirchia e volgar cessa ,
e a tutto il resto di che a noi poco interessa!
Un’ ultima menzione per il noto filo-Matteino
giullare con clichè da furbetto di quartierino
un trasformista infallibile e gran voltagabbana
che sa vendersi meglio di una gran puttana ,
per essere gradito a Renzi nel recital sulla Carta
fece un’aggiustatina strapagata purche’ il SI parta!
Ben sei minuti per ripensarci a ducentomila euro
Ed il Benigni aderì al “SI”!.. Robe(rto) da neuro!!!

Nessie said...

...e ci sta pure la filastrocca del Vate :-). Anche se nel giro di poche ore, il quadro è cambiato e sono riusciti a guastarci il buon umore.