28 November 2016

Espropri sull'Adriatico: verità o bufale?




Incubo Italia. Ovvero minaccia di espropri di seconde case lungo la costa adriatica. Vero o falso? Ripresa da Il Giornale, l'Opinione ha lanciato una notizia assai inquietante. Alfano ha in mente la requisizione degli alloggi sfitti per gli immigrati, un sopruso senza precedenti che ci rimanda dritti dritti ai commissari del popolo dell'era bolscevica, così ben descritti da Pasternak nel celebre "Il dottor Zivago". Chi non avesse letto il bellissimo romanzo, ricorderà comunque che nell'ottimo film di David Lean,  Yuri Zivago il medico,  torna a casa dal fronte  di guerra di un rigido inverno russo, stremato, lacero, a pezzi, ma trova la sua casa occupata dai soviet e, con la sua famiglia,  venne costretto alla promiscuità. Questa è la ferale notizia, ma c'è  già chi si affanna a voler gettare acqua sul fuoco, dicendo che trattasi di bufala e di procurato allarme passibile di denuncia. Ecco comunque l'incipit della notizia :

È iniziato al Viminale il conto alla rovescia per il massiccio piano di requisizioni immobiliari lungo le coste adriatiche. Secondo indiscrezioni di certi dipendenti dell’Interno, la prova di forza con la cittadinanza inizierà da Pescara: dove lo Stato dovrà fronteggiare chi s’opporrà alla consegna delle seconde case rivierasche destinate dalla Prefettura all’ospitalità di cittadini extracomunitari, profughi e rifugiati politici. Nel mirino circa centomila immobili, dalla provincia di Lecce sino a Trieste. Pescara sarebbe stata prescelta come unità pilota sperimentale. Verranno requisite solo le seconde case sfitte e non le strutture alberghiere: queste ultime possono solo offrire il servizio d’alloggio, che verrebbe valutato dalla prefetture. Per il momento l’operazione decollerebbe dal comune adriatico abruzzese e riguarderebbe circa 5.500 alloggi, tutti tra Vasto e Francavilla a Mare: il via libera alla requisizione sarà attivato intorno al 20 dicembre.



Ad oggi solo Goro (nel delta del Po) e la provincia di Verona hanno già assaggiato la requisizione immobiliare. I servizi segreti pare abbiano già allertato il Governo circa eventuali proteste violente da parte di italiani non disposti a farsi requisire l’immobile. Anche perché nell’immediato non vi sarebbero risorse da destinare ai proprietari, causa la concomitanza di eccezionalità dell’evento e la penuria di risorse finanziarie: va rammentato che rimarrebbero comunque a carico del proprietario sia l’Imu che la Tasi, nonché verrebbe calcolato il reddito ai fini della dichiarazione nei modelli 730 e 740.


Seguono altre notizie sulla totale mancanza di diritti dei cittadini che osassero ribellarsi per rientrare in possesso del proprio immobile. 

Per fronteggiare eventuali rivolte da parte degli italiani dovrebbero essere distaccati nei comuni interessati alla requisizione circa duemila uomini interforze, tra esercito, carabinieri, Guardia di finanza e polizia di Stato. Per l’occasione anche il ministero della Giustizia starebbe affilando le armi, per garantire processi rapidi e disponibilità detentiva per gli italiani che s’opponessero (anche violentemente) al piano del Viminale. Secondo molti sindaci della riviera adriatica “questa è la fine del turismo”. Intanto gli 007 starebbero già monitorando tutti i residenti, cercando di capire se possano organizzarsi in gruppi di resistenti ribelli. (fonte L'Opinione).

Smentisce con fermezza la senatrice NCD  (il partito di Alfano) Federica Chiavaroli su  AbruzzoWeb:

"Secca la smentita della senatrice del Nuovo centro destra Federica Chiavaroli, sottosegretario alla Giustizia: “Fino al referendum dobbiamo aspettarci di tutto – scrive su Facebook -. Ma la mega bufala sulle seconde case da destinare agli immigrati a partire da Pescara è al limite della denuncia per procurato allarme". 

Ma  la smentita arriva anche  per mezzo dello stesso comunicato stampa del  ministro dell'Interno: 


Vale comunque la pena di leggere tutto il testo della notizia  riportata sull'Opinione citata e ripresa da parecchi siti web.

Mi è capitata frugando nelle catacombe di disqus, questo solerte "anti-bufalaro" il cui sito titola BUTAC, evidente acronimo di "Bufale un tanto al chilo", il quale non solo sposa le smentite ministeriali, ma le rafforza. E ne aggiunge di proprie

Riporto pertanto il  singolare ping-pong  tra lui e l'utente Stallman: 

S - Mettiamo pure che sia un'esagerazione e che chi ha diffuso tali notizie sia giustamente denunciato per procurato allarme.
Nel caso esistesse davvero un piano di esproprio su vasta scala e questo venisse realizzato, invece, quali azioni sarebbero da intraprendere ?
Come minimo, tutto il Governo dovrebbe essere accusato di Alto Tradimento.
Se fosse vero che vengono segretamente disposte misure straordinarie di polizia volte a fronteggiare eventuali ribellioni dei cittadini italiani per proteggere un milione e mezzo di stranieri da collocarsi nelle loro case espropriate, si tratterebbe della violazione di mezza Costituzione.Quindi mettiamola così:
Forse c'è Procurato Allarme e forse c'è AltoTradimento.

La Logica, questa sconosciuta. (...)
Risposta di Bufale un Tanto al Chilo:

BTC - Alto Tradimento? Quale parte del "come funzionano le requisizioni" non hai voluto leggere? Ogni anno in Italia si fanno espropri e requisizioni, lo si fa da oltre cento anni, visto che la legge che le regolamenta è della fine dell'800. Li hanno fatti tutti i partiti, quando necessario, che si trattasse di emergenze profughi/terremotati/sanitarie, ma anche per costruire strade, ferrovie e altro. Non è alto tradimento, ma solo l'espressione legislativa del concetto "il bene comune viene prima di quello del singolo". Detto ciò, i fatti di cui parliamo nell'articolo sono bufala senza fonte, sfruttarli per fare politica è da uTonti DOC!

Controreplica di Stallman: 

S- Evidentemente vivi in un mondo parallelo. Qui si parla di esproprio agli italiani in favore di stranieri. Alto Tradimento appunto.

Vero, verosimile o falso? O è un "falso" che predice il "vero"?
Premetto che non tutte le informazioni possono essere linkate o linkabili. Ci sono testimonianze verbali ottenute de visu. E magari in grande segretezza.  Poniamo il caso che il cronista dell'Opinione avesse delle informazioni riservate, che faceva? Avrebbe dovuto sputtanare la persona che gliele ha fornite? O rinunciare alla ghiotta notizia perché non aveva un "link"?  Magari la soffiata potrebbe essere stata fornita da una "talpa" interna vicina agli stessi uomini del Ministero dell'Interno, o tra i carabinieri o altre forze dell'Ordine, tenuto conto che ogni giornalista ha il sacrosanto diritto di avere "le sue fonti riservate".

Pretendere che dei  conclamati malfattori come coloro i quali ci sgovernano, ci vengano  pure ad annunciare con  onestà e trasparenza cosa stanno per farci a ridosso di una scadenza importante come quella del 4 dicembre ormai qui alle porte, è il classico spirito di Pangloss, l'eroe del "Candido" di Voltaire, convinto di vivere sempre nel migliore dei mondi possibili, anche quando attraversava delle vere catastrofi.

Pertanto, ecco il mio modesto punto di vista...
In materia di immigrazione preferisco un cronista che approssimi i fatti  per eccesso piuttosto che per difetto "omettendo", "nascondendo", "edulcorando" o "rassicurando", tenuto conto che razza di  mondo ci stanno propinando. E l'eccesso  e l'emergenza ininterrotta  li troviamo dappertutto: nella quantità degli sbarchi pressanti, assillanti, da tre anni a questa parte, mentre da dieci anni a questa parte la pressione era  un po' più allentata ma comunque costante e  considerevole. L'eccesso sta nel degrado delle nostre città  e nell'insicurezza diffusa presso i cittadini. Negli antefatti precedenti con requisizioni contestatissime come la recente caserma Montello a Milano dove i "nuovi ospiti" sono stati paracadutati dentro all'edificio  alle sei di mattina (e quello di compiere queste operazioni ad  ore antelucane, è un classico!).  Inoltre la sottoscritta ha potuto appurare di persona che la citata caserma non versava affatto in pessime condizioni come è stato scritto per giustificare il fatto che il suo unico destino doveva essere l'ostello per immigrati. Mi occorre forse un link dopo aver fatto una passeggiata da quelle parti per rendermene conto?

Dirò poi sinceramente che da quando i cronisti hanno perso la sana abitudine di "alzare le chiappe" ed investigare personalmente, sono aumentati i link, collegamenti, le linkomanie, standosene comodamente seduti davanti a una tastiera, quasi che questi,  fossero comodi surrogati probatori di ciò  che non fanno più. Cioè, sbattersi e andare in giro.

L'eccesso lo troviamo nei silenzi e nelle veline della stampa, nel fatto che il tema immigrazione sparisca spesso dalla scaletta dei talk show per parlare d'altro. Pertanto, non ci resta che aspettare il 20 dicembre prossimo, sperando di non prendere una mattonata nei denti (scusate la rima).  Per chi ne avesse  voglia,  l'unico modo per me credibile di appurare il vero, è andare lungo la costa adriatica a fare un sopralluogo investigativo nelle località marine. Parlare coi gestori di seconde case di villeggiatura e albergatori. Dal vivo e di persona.

Mettiamoci comunque in mente che, nel dubbio, è una ragione di più per votare NO quale conditio sine qua non per intraprendere tutta una serie di altre lotte contro coloro i quali promuovono piani migratori massivi e sostitutivi (vedere rapporto ONU, dove c'è tanto di link, dal titolo "Replacement Migration" in PDF ).  
E che quel NO, sarà solo un piccolo primo passo
La leva della finanza (tasse e vessazioni fiscali) e dell'immigrazione senza limiti sono i principali strumenti di ESPROPRIO dei nostri beni, del nostro territorio e del nostro Paese.  Perciò fermiamo gli Alfano, i Renzi e  questo governo.
Ad maiora!

52 comments:

Anonymous said...

E' chiaro che finche' fanno venire coloni "afroislamici" al ritmo di migliaia al giorno presto non solo non sapranno dove metterli " a pensione" ma anche non avranno abbastanza dei (nostri) soldi per pagarne le spese .
A questo punto ci sarebbero solo due possibilta':
a) ammettere di aver sbagliato e smettere di sbagliare cedendo il potere ad altri.
b) tirare avanti scaricando il problema sul "popolo bue" con prepotenze gherminelle e trucchi
Ma quale e' in questi casi " la tradizione" governativa italiana , soprattutto qualora "o'governo" potesse anche "surrettiziamente" affermare di avere avuto "l' approvazione popolare" di quanto ha fatto , fa e fara' in merito ?

Quindi la risposta al tuo quesito e' ovvia: solo l' esito del referendum stabilira' se si tratta di " bufale" o "verita'".
ws

Anonymous said...

Ringrazio Nessie per la citazione. La mia polemica con i redattori di Butac (come citato nel post), è solo l'ultima di tante con individui che pretenderebbero di mettere al gabbio gli italiani che si impicciano troppo di ciò che fa questo governo. Un altro bell'esempio è quello di cui riporto integralmente lo scritto seguente e che riguarda la Caserma Montello di Milano, struttura dismessa rapidamente, dichiarata patrimonio architettonico e per la quale è stato emesso un bando di concorso per la vendita. Trattandosi di testo particolarmente lungo, chiedo scusa in anticipo.

G.Stallman

Aldo said...

...e stiamo pronti, perché ci sarà da fermare anche il prossimo governo, e poi quello dopo, e così a seguire.

Nel frattempo, chi fosse proprietario di case eventualmente a rischio requisizione, prenda qualche provvedimento per poterla rendere concretamente inagibile nel giro di una manciata di minuti e stia pronto a mettere in pratica le azioni necessarie. Il danno che derivasse all'immobile (controllabile, se preventivato con perizia) non sarebbe comunque neppure lontanamente paragonabile al danno che deriverebbe da una requisizione.

Con un parallelo ardito ma non certo insensato, suggerisco di soffermarsi un attimo sulle origini di prelibatezze come il formaggio di fossa -- seppellire il formaggio... un mezzo per sottrarlo alle grinfie del "fisco" dei tempi andati? Parrebbe proprio di sì, considerando che un mio zio ormai morto mi raccontò che in famiglia erano soliti porre la gorgonzola a "maturare" in letamaia, ufficialmente per migliorarne la qualità (seeeee...), in realtà per evitare di doverla consegnare all'ammasso.

Nascondere un immobile in letamaia è improponibile, ma sicuramente si possono escogitare altri metori, specie se l'immobile è inutilizzato.

P.S. Preoccuparsi per il turismo, come si legge nel testo che riporti, in caso venisse messo in atto un piano del genere direi che è demenziale.

Anonymous said...

Mi è capitato per caso di leggere un articolo dal titolo "Milano, festa per i migranti alla caserma Montello: “Non saremo un’altra Goro. Abbiamo gli anticorpi”" a firma Alessandro Sarcinelli, pubblicato il 1 novembre 2016 su Il Fatto Quotidiano e sua versione online.
http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/11/01/milano-festa-per-i-migranti-alla-caserma-montello-non-saremo-unaltra-goro-abbiamo-gli-anticorpi/3157060/

Il Fatto (non il giornalista, la testata), riporta interpretazioni piuttosto soggettive, molto comuni ad un certo cotè politico, che potrebbero essere collocate a metà strada tra utopia, delirio psichedelico ed intenzionale falso ideologico, ma conditi di un tono vagamente minaccioso nei confronti dei reprobi che non riescono ad apprezzare la generosità loro imposta, tanto che vorrebbero addirittura smettere di pagarla di tasca propria. Ingrati.

Trovandomi casualmente proprio davanti alla Caserma Montello la mattina del 1 Novembre, e non avendo riscontrato ciò che l'articolo riportava, ho rilasciato un commento in calce a firma G.Stallman, commento il quale, con mia grande sorpresa, sembra avere riscosso molti consensi tra i partecipanti, e solo un paio di critiche variamente collocabili tra il pretestuoso e l'astioso.

Il critico mi ricordava che trattandosi di Zona Militare, era del tutto normale che vi fossero due piantoni. Il poveretto pensava forse di parlare con un cittadino del mondo vagante suo pari e non con un tizio che ha servito proprio nella Brigata Folgore per diversi anni.

Il carattere principale di un presidio militare è infatti l'inviolabilità. Leggi: tu non puoi entrare se no ti sparano addosso. Visto e considerato che all'interno della caserma non vi sono più militari, nè installazioni sensibili, attorno al presidio non avverrebbe altro che la solita manfrina burocratica come ne abbiamo viste tante. Penso che questo fosse il senso della critica. Peccato che nella caserma fossero già stati portati un centinaio di pseudo-profughi alle prime luci dell'alba; l'ora nella quale si fanno gli assalti all'arma bianca perchè il nemico dorme.

Anonymous said...

La collocazione di una guardia in tenuta da combattimento scelta nei ranghi della Brigata Folgore (che non mi risulta sia di stanza a Milano), non fa che avvalorare la tesi secondo cui non si tratta di ottemperare ad un noioso servizio presso un presidio militare ormai abbandonato, ma di una difesa vera e propria degli stranieri che vi sono stati condotti dentro. Difenderli da chi ? Dalla rabbia irrazionale e da eventuali incursioni degli stessi cittadini italiani esasperati, come altrove è già avvenuto più volte. A questo serve oggi il Presidio Militare: a mettere in sicurezza le truppe di occupazione. Ho trovato abbastanza paradossale il vedere due para montare la guardia alla porta principale mentre a meno di venti metri la società multicolore festeggiava felice l'espugnazione della Montello avvenuta del tutto gratis e con il determinante aiuto di Ministero della Difesa e Ministero dell'Interno uniti nella lotta allo Stato di Diritto. Istituzioni presiedute da individui evidentemente del tutto ignari del loro grave compito istituzionale, nonchè delle conseguenze che la sua omissione può comportare su loro stessi. Non dimentico il cospicuo apporto dell'autorità locale, naturalmente, ma quella centrale è stata certo determinante per il successo della brillante incursione. Una vera operazione di guerra contro l'Italia.

Vorrei precisare che la scelta di una guardia composta da Paracadutisti (non tutti lo sono nella Brigata Folgore), implica un accrescimento della deterrenza, altrimenti la guardia sarebbe stata scelta nell'ambito della Brigata che era di stanza alla Caserma Montello fino al suo trasferimento in altra sede, oppure tra quelle stabilmente collocate nella stessa Regione militare. Non si tratta dunque solo di una prassi inusuale, ma di un capovolgimento della Giurisdizione: lo Stato difende stranieri, la cui provenienza è dubbia, dai cittadini italiani. E li difende asserragliandoli in un presidio militare e schierando i reparti d'elite. Va aggiunto, ad onor del vero, che sarebbe istruttivo mettere alla prova in concreto tale deterrenza, non essendo le FFAA così entusiaste della consegna affidata loro da questo governo, palesemente in conflitto con i doveri istituzionali propri di qualunque Forza Armata al mondo che è appunto la difesa della Patria dalle minacce esterne, non il collocamento di teste di ponte straniere e la repressione dei connazionali. Ma forse, questa curiosità verrà appagata presto.

Anonymous said...

Il Fatto Quotidiano online ha chiuso i commenti relativi all'articolo in oggetto, dopo circa un'ora, quindi non mi è stato possibile replicare. Nemmeno un giorno intero è stato lasciato al commento del pubblico. Essendo gli interventi dei partecipanti prevalentemente di tenore opposto rispetto all'articolo, e non essendo evidentemente, la testata, storica sostenitrice di Lega Nord o Casa Pound, se ne può arguire che l'esasperazione circa il fenomeno migratorio e la sua gestione abbia ormai raggiunto un livello ben superiore a quello di guardia, coinvolgendo la stessa "sinistra". Cosa che ho potuto verificare personalmente parlando con alcuni cittadini residenti nelle vicinanze, i cui commenti sarebbero del tutto irriferibili, qui. Inoltre, il preteso "comitato di residenti" di cui narrant queste bocche della verità, evita accuratamente di pubblicare nome ed indirizzo degli stessi ed è quindi impossibile il verificarne numero reale ed identità certa. Bisogna fidarsi della loro provata onestà. Anche volendo approssimare per eccesso la cifra dei partecipanti alla bella festicciola a cinquecento, almeno la metà erano stranieri e, forse, alcuni già naturalizzati italiani. I gruppetti che si avvicinavano alla spicciolata al luogo del convegno venivano da altri quartieri o, forse, addirittura da altre città. Si trattasse anche di residenti autoctoni, sarebbero questi gli italiani così evoluti che tanto disprezzano i loro connazionali di Gorino ? Questi fantomatici "residenti" non arriverebbero dunque nemmeno allo 0,1% del totale degli abitanti del cosiddetto Municipio 8. Però, queste pizie, parlano a nome di tutti e distribuiscono patenti di fascista a destra, ed ora, anche a sinistra. Sebbene puzzi loro un pò che sia proprio la Folgore a presidiare il Santo Graal, si rassegnano a che questi fascisti difendano le truppe straniere, e gli antifascisti, dalle possibili incursioni di quegli altri fascisti che sono i veri residenti. Che dire ? Sono decisamente superiori.

Fuor di polemica, alcuni aspetti della questione andrebbero evidenziati, proprio in quanto totalmente rimossi dalla stucchevole apologia di un fenomeno che l'assoluta maggioranza dei cittadini italiani sembra avviata ormai a rifiutare in blocco. E questi sono:

1) Due delle associazioni promotrici si sono fatte carico più volte di noleggiare intere navi mercantili che hanno trasbordato migliaia di persone dalle coste nord-africane fino ai porti nazionali.
2) Tutte le associazioni promotrici si occupano attivamente della gestione degli stranieri una volta giunti in Italia.
3) Tutte le associazioni promotrici si collocano variamente "a sinistra" dello schieramento politico nazionale, oppure agiscono internazionalmente sotto mandato ONU e in perfetta sinergia con UE e NATO.

Quanto ai punti 1 e 2 è facile intuire che tutte sono in flagrante conflitto d'interessi, quando non addirittura imputabili di aver commesso gravi reati penali. Qualcuno ha notizia circa l'emissione di un qualunque avviso di garanzia ?
Per quanto riguarda il punto 3, la collocazione politica "a sinistra" dell'attuale governo, fa presupporre una certa qual comunione d'intenti tra la gestione istituzionale del fenomeno e quella privata; così come per la gestione affidata addirittura alla criminalità organizzata. La scusante ostentatamente umanitaria addotta sia dal governo che dai privati e dai loro protettori, non è comunque sufficiente a derubricare i reati che si configurano nella Giurisdizione nazionale. Ciò evidenzia come la forbice tra Stato di Diritto e Diritto Internazionale si sia divaricata al punto tale che sarebbe lecito chiedersi a che servano ancora un Parlamento e una Magistratura. A che serva l'Esecutivo, invece, è oltremodo chiaro: a gestire la transizione tra un sistema politico nazionale ed uno internazionale; il che, in qualunque Stato di Diritto, si configura senza alcun dubbio nel reato di Alto Tradimento.

G.Stallman

Nessie said...

Grazie per i contributi Stallman, tutto lavoro di investigazione che dovrebbero fare i seri cronisti, ma sai com'è, ormai alzare le chiappe da uno sgabello e da una tastiera diventa fatica improba.
Anch'io ho visto dall'esterno la caserma Montello e sinceramente dal di fuori non mi è parso che cadesse a pezzi. POteva e doveva in ogni caso, essere destinata agli Italiani senza tetto (e non sono pochi), alla mala parata.

Qui comunque un esempio di coerenza del nuovo Amministratore Beppe Sala:

prima svuota la caserma dai militi, poi reclama "più esercito":

http://www.ilgiornale.it/news/politica/milano-violenza-e-immigrati-1335010.html

http://www.ilgiornale.it/news/politica/milano-violenza-e-immigrati-1335010.html

Nessie said...

ws, per il momento un fatto resta accertato: la realtà supera le bufale e mi genera un qual certo fastidio, vedere prendere per oro colato le smentite di Alfano e della sua sarabanda.

Chi procura danno irreversibile a questo paese, vuoi pure che te lo venga a dire?

Invece di nascere siti come "Bufale un tanto al chilo" contro i blogger (sono quelli che poi pretendono premiuzzi come il Macchia Nera), dovrebbero rivolgerle contro tutte le panzane governative dalle quali siamo seppelliti quotidianamente.

Ma soprattutto vale l'insuperabile metafora che sono come i famosi "cani di Mustafà". La rima la sai già...

Nessie said...

Aldo, è giusto preoccuparsi che l'unica voce che ancora ci procura redditività, il turismo, lo stanno massacrando con iniziative in stile Goro e Gorino.

Se le case un tempo affittate ai villeggianti e turisti, diventeranno case di accoglienza profughi, tutta la zona verrà dequalificata e desertificata. Risultato? Arrivano gli speculatori lanzichenecchi e si porteranno via gli immobili a prezzi di sottocosto. Già è così, con la crisi degli immobili. Due sono le leve per favorire gli espropri: quella fiscale e speculativa, e quella migratoria.

Comunque ho capito cosa vuoi dire quando parli di strategie di resistena del...gorgonzola ;-)

Jacopo Foscari said...

Bufala o non bufala, se oggi si diffonde un certo tipo di notizie è perché i media "tradizionali", quelli "ufficiali e rispettati" per decenni ci hanno anestetizzati di balle come: le armi di distruzione di Saddam, i 10mila morti di Gheddafi, le fosse comuni di Milosevic, i bombardamenti chimici di Assad, l'Euro come unica salvezza, l'immigrazione come arricchimento culturale, l'Islam come religione di pace e via così solo per ricordare le più clamorose. I mass media si sono rivelati solo un branco di ancelle del potere, gestite da una ristretta oligarchia in perenne conflitto di interessi. Per cui, se queste presunte "bufale" si diffondono la colpa è di chi per decenni ha abusato della sua autorevolezza e da "guardiano del potere" si è tramutato in leccapiedi del potere, promuovendo anziché la buona informazione un'agenda politica e ideologica ben precisa. Per cui, anziché limitarsi alla "caccia al bufalaro" media e giornalisti "autorevoli" dovrebbero fare un serio esame di coscienza e possibilmente togliersi dalle scatole e lasciar spazio eventualmente a una nuova generazione meno compromessa coi loro giochetti di potere.

Nessie said...

Jacopo, prova a cliccare il sito BUTAC che ho messo in link sul post. Questo solerte anti-bufalaro ha tutta l'aria di essere in aiutante "di base" degli alfanoidi. Uno che non solo sposa le smentite ministeriali di Alfano e dei suoi aiutanti dell'NCD, ma che addirittura nel testo del suo sito inasprisce le punizioni con la sua frase a sostegno di Federica Chiavaroli "Ammetto che concordo con la Chiavaroli, non è al limite, è da denuncia", significa solo che porta acqua al mulino del governo.

Poi contro chi se la prende? Contro l'Opinione che è un giornaletto a limitatissima tiratura. Col ciufolo che attacca le testate ammiraglie.

pecosbill said...

Bufale ?
la requisizione dei beni immobili è già nelle cose, solo questione di tempo.
La disquisizione sull'alto tradimento la trovo stravagante.
La presenza di milioni di soggetti nel nostro territorio,appartenenti a popolazioni ostili, impuniti nei loro comportamenti illegali, non è motivo sufficiente ?
Peraltro, un semplice aumento (inevitabile a breve) di qualche punto sulle tasse comunali per le case sfitte, farebbe cadere come pere mature i piccoli proprietari nelle grinfie dei prefetti.

Nessie said...

Scusa Pecosbill, perché "stravagante"?

Art. 1 della Costituzione ...." "La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.”

Quella di voler sostituire il popolo italiano con l'importazione forzosa (c'è chi la chiama addirittura "deportazione") di altri popoli non è forse una grave forma di "alto tradimento"?

Credo che Stallman abbia fatto riferimento a ciò. Sul resto che affermi sono d'accordissimo. Due sono le leve dell'esproprio: l'introduzione coattiva di masse allogene e la leva degli inasprimenti fiscali.

Anonymous said...

Grazie Nessie per lo spazio concessomi. Quanto all'accusa di Alto Tradimento, non si tratta di una mia forzatura di parte. Ogni ministro giura nelle mani del Presidente della Repubblica. Lo stesso i pubblici ufficiali, fino al più insignificante militare. Se con i suoi atti mette in pericolo la vita dei cittadini in Patria è imputabile di AT. Oltre ad una dozzina, e forse più, di artt della Costituzione che risulterebbero violati a cominciare dal preambolo.

G.Stallman

Nessie said...

Spero proprio tanto che giorno verrà. Perché ormai gli atti ostili contro di noi si sprecano.

Molti cittadini italiani hanno perso la vita per mano di delinquenza allogena, e quelli che ci mandano al macello non se la possono cavare dicendo: "poteva essere anche un criminale italiano".
Se abbiamo problemi di criminalità e delinquenza locale, non è affatto una buona ragione per importarne di straniera.

Nausicaa said...

Ho letto anch'io il sito BUTAC, Bufale un tanto al chilo, che si lamenta perché l'Opinione non mette il link su Pescara e l'Adriatico, e la cosa mi ha fatto davvero sorridere.. Ma qual è il potere che di fronte a una manovra tanto vergognosa e grave per i cittadini come la confisca degli alloggi , ha il coraggio di venirtelo anche a dire? Oltretutto le case (in particolare le seconde case) sono sempre state la mucca da spremere a sangue ogni volta che c'è da tirare su tasse su tasse. I links sono importanti se devi fare riferimento ad altri scritti di altri giornali, non su questo genere di cose, dove bastano gli occhi.

Nessie said...

Sì, appunto, qui siamo alle assurdità informatiche. Ti arrivano i ladri in casa e ti fanno una rapina e magari il nostro "antibufalaro" ti chiede: "Ce l'hai un link"?

Buona parte di altri blogger, hanno dato la notizia per vera.

http://euroholocaust.blogspot.it/2016/11/sara-il-natale-del-2016.html


E se non fosse vera, ammetterai che è del tutto VEROSIMILE. E che se li lasciamo fare, arriveranno anche a questo.

SILVIO said...


Complimenti a Nessie per avere rilanciato il gravissimo problema in argomento.

Requisizioni ed espropri della proprietà privata dei cittadini italiani ed europei in favore dell’accoglienza ai clandestini sono un tema caro alla “Open Society Foundation” di George Soros, come desumibile dai files contenuti in “Soros DC Leaks”.

Tuttavia, attenzione al giochino ”Io diffondo notizie false – poi subentri tu come debunker-anti bufala” .

Tale giochino è vecchio come lo è internet e serve a depistare, poiché invita a guardare il dito e non la luna indicata dal dito.

Per difenderci, bisogna essere intransigenti sull'osservanza di codesta regola:


“Ad alcuno deve essere concessa credibilità se non documenta le proprie asserzioni con riscontri oggettivi”.


- Requisizioni delle abitazioni private in favore dei clandestini?

Dove è codificata tale norma?

Da nessuna parte.

I servizievoli Prefetti di Alfano potrebbero ordinare quel che a loro verrebbe in mente ma poi ci sarebbe il ricorso ai TAR, che rimetterà le cose a posto, obbligando i suddetti Prefetti a subirne le conseguenze civili e penali.

- Requisizione degli alberghi?

Certamente, è possibile ma solo in via temporanea.

Lo prevede il
“Decreto legislativo n. 142 del 18 agosto 2015
Attuazione della direttiva 2013/33/UE recante norme relative all’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale, nonche’ della direttiva 2013/32/UE, recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca dello status di protezione internazionale

http://www.meltingpot.org/Decreto-legislativo-n-142-del-18-agosto-2015.html#.WD1h

emanato dall'usurpatore ed antipopolare governo Renzi, in sfregio ai fondamentali interessi nazionali.


Concludo.

In vista del 4 dicembre, non facciamoci distrarre.

Evitiamo di cadere nella trappola dello “spin – fumo e specchi” .

Primo comandamento:

“Cacciar via Renzi.
Poi, si vedrà”

Nessie said...

@ Silvio. Primo comandamento:

“Cacciar via Renzi.
Poi, si vedrà”


Come recita una famosa preghiera laica, non chiediamo al buon Dio di illuminarci tutto il percorso o l'accidentata scalinata, ma solo il gradino successivo. E il gradino successivo ci porta al NO
.

E' tuttavia per lo meno curioso che questi "cacciatori di bufal", non demistifichino mai i PDF dell'ONU sull'immigrazione sostitutiva (l'ho ripetuto parecchie volte sui post) e le direttive-guida della Open Society Foundation.

SILVIO said...

Non lo fanno, Nessie,
perché i files ”Soros DC Leaks” sono verità documentali incontestabili per cui i responsabili – presto o tardi – pagheranno caro

e perché ”debunker” sono parte del sistema marcio e corrotto che ci circonda, in quanto ributtanti collaborazionisti che venderebbero la propria madre per i canonici “3o denari”.

Jacopo Foscari said...

Sì, sì ho presente quel sito il "BUTAC", è un sito che in teoria dovrebbe svolgere un ruolo ammirevole, in pratica però è un sitaccio di propaganda governativa. Un sito serio di "fact checking" è questo che ad esempio smontava la propaganda sul "femminicidio" http://www.truenumbers.it/dati-femminicidi/

Giusto per fare un esempio. BUTAC è proprio robaccia da "ministero della verità"

SILVIO said...


Circa le malefatte del governo Renzi in tema di politica sull’immigrazione, aggiungo i seguenti riscontri tratti dal sito del Ministero dell’Interno - Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione :

« Politiche dell'immigrazione e dell'asilo
In questa sezione sono presenti le circolari emanate dalla Direzione centrale per le Politiche dell'immigrazione e dell'asilo:

1- Stipulato un Protocollo d’Intesa tra Ministero dell’Interno e Daikin Applied Europe Spa in materia di procedimenti di competenza dello Sportello Unico per l’Immigrazione
2- Protocollo d’intesa tra Ministero dell’Interno e la AB Impianti Srl in materia di procedimenti dello Sportello Unico per l’Immigrazione ex art. 27 quater del T.U. Immigrazione
3- Siglato un Protocollo d’Intesa tra Ministero dell’Interno, Ministero del Lavoro e Unione Nazionale Professionisti Pratiche Amministrative (ANAPPA) in tema di collaborazione sui procedimenti di competenza dello Sportello Unico per l’Immigrazione
4 - Stipulato un Protocollo d’Intesa Tra il Ministero dell’Interno e la SBE – VARVIT Spa riguardante i procedimenti dello Sportello Unico per l’Immigrazione ex articolo 27 quater del T.U. Immigrazione
5- Stipulato un Protocollo d’Intesa Tra il Ministero dell’Interno ed il Politecnico di Bari riguardante i procedimenti dello Sportello Unico per l’Immigrazione ex articolo 27 quater del T.U. Immigrazione
6- Stipulato un Protocollo d’Intesa Tra il Ministero dell’Interno e la Soc. Agricola Dievole Spa riguardante i procedimenti dello Sportello Unico per l’Immigrazione ex articolo 27 commi I ter e I quater del T.U. Immigrazione
7- Stipulato un Protocollo d’Intesa Tra il Ministero dell’Interno e la Labì SCS riguardante i procedimenti dello Sportello Unico per l’Immigrazione ex articolo 27 quater del T.U. Immigrazione
8 - Protocollo d’intesa tra Ministero dell’Interno e General Electric International Inc. per i procedimenti dello Sportello Unico Immigrazione previsti dall’art.27 quater , comma 8, del T.U. Immigrazione
9- Protocollo d’intesa tra Ministero dell’Interno e Tecnolines S.r.l. per i procedimenti dello Sportello Unico Immigrazione previsti dall’art.27 quater , comma 8, del T.U. Immigrazione
10- L’importo dell’assegno sociale è elevato per l’anno 2015 a 5830,76 euro, pari a 448,52 euro mensili. La misura rileva anche per taluni istituti applicabili agli stranieri extracomunitari presenti in Italia
Circolare INPS n. 1 del 9 gennaio 2015 e Circolare D.C. Politiche immigrazione e asilo n. 2972 del 18 maggio 2015
11- Carta Blu UE. Procedure operative per la stipula del Protocollo d’Intesa previsto dall’art.27 quater, comma 8, del Testo Unico Immigrazione 286/1998
12- Conversioni dei permessi da lavoro stagionale a lavoro subordinato
Una nota del Ministero del Lavoro chiarisce che bisogna aver lavorato per almeno 3 mesi
13- Accordo di Integrazione: una circolare della Direzione centrale per le Politiche dell’immigrazione e dell’asilo fornisce chiarimenti in tema di verifica all’adempimento dell’accordo
Il provvedimento n. 1653 del 17 marzo 2015 detta inoltre ulteriori indicazioni operative
14- Avviso pubblico 'Miglioramento della capacità del territorio italiano di accogliere minori stranieri non accompagnati': posticipato al 20 marzo 2015 l'inizio dei progetti
Riguardano le attività da finanziare con il Fondo asilo, migrazione e integrazione
15- La Carta dei valori della cittadinanza e dell’integrazione
L'impegno, da parte dello straniero, a rispettarne i principi, è previsto nell'Accordo di integrazione
16 - Emersione da lavoro irregolare ex art. 5 D.Lgs. 109/2012. Nella Circolare congiunta dei Ministeri Interno e Lavoro e politiche sociali del 24 ottobre 2014 precisazioni ed indicazioni operative
Oggetto specifico del provvedimento la regolarizzazione contributiva da parte dei datori di lavoro
_________

Chi voglia approfondirne i contenuti, deve cliccare sul link

http://www.libertaciviliimmigrazione.dlci.interno.gov.it/it/politiche-dellimmigrazione-e-dellasilo


Nessie said...

@ Silvio e Jacopo. Ben detto: siamo ai "basisti" finti blogger del Ministero della Verità con larvate minacce di "denuncia" per chi osa rompere la congiura del silenzio in tema di immigrazione. Il duo Renzi-Alfano fanno sfracelli quasi irreversibili, in compenso c'è pure la minaccia di "procurato allarme" nel caso in cui ci fosse qualcuno che intercetta i loro nefandi piani.

Leggo il profili di questo Butac e ha sempre più l'aria di un fake. Riporto:

43 anni bolognese, blogger. Nel 2013 ho fondato Bufale un tanto al chilo, per amore della corretta informazione. All’attivo oltre mille e settecento articoli come autore, oltre a qualche collaborazione esterna. La “missione” del sito è di dedicarsi alla lotta contro le bufale e la disinformazione online. Butac in due anni e mezzo è passato da poche decine a svariate migliaia di utenti al giorno. Tre milioni di utenti singoli all’anno, confermando così la voglia e necessità di informazioni meno faziose. Come descrivermi? Permaloso, scettico, avvocato del diavolo, razionalista. Che dire non mi manca nulla per farmi "amare" da tutti, no? Scrivo su Bufale un tanto al chilo dalla sua nascita, ma prima c'era Lega Nerd.

Lega? Non credo proprio. E' una referenza che si mette dentro per rendere rassicurante il suo profilo

Nessie said...

Quanto al tuo secondo post, sapevo già che avevano aumentato la paghetta diaria agli invasori.

Per cortesia, guarda (guardate) questa villa di superlusso dal valore di oltre 750.000 euro con piscina a Desenzano sul Garda data in uso ai cosiddetti "profughi" che non scappano da nessuna guerra, mentre gli Italiani indigenti muoiono di freddo e sono costretti a vivere in macchina e mendicare una minestra alla Caritas:

http://www.riscattonazionale.it/2016/11/26/desenzano-profughi-villa-lusso-piscina-gli-italiani-senzatetto-muoiono-freddo-video/

questo è un autentico sputo in faccia, uno sfregio agli Italiani, che dovrebbero andare ad acciuffare gli scellerati che praticano di queste iniquità feroci.

Nessie said...

La stessa notizia è stata ripresa da voxnews:

http://voxnews.info/2016/11/25/profughi-in-lussuosa-villa-con-piscina-sul-garda-video/

e...udite! udite! Perfino ripresa da Repubblica-Rothschild

http://repubblica24.com/profughi-villa-extra-lusso-alla-faccia-degli-italiani-non-riescono-mangiare/

Ora mi piacerebbe sapere se c'è qualche sedicente "antibufalaro" che ha il coraggio di parlare di "procurato allarme".

Una cosa è certa: Alfogna e Pittbullo stanno eseguendo meravigliosamente i compiti dettati da Soros che certamente li ringrazia.

SILVIO said...


Dall’analisi (a caldo) dei contenuti del mio post precedente, emergono tali risultanze:

1- Il governo Renzi nutre un sostanziale odio etnico verso il popolo italiano e lo dimostra in ogni suo provvedimento, favorendo sfacciatamente le altre etnie allogene sino a volerle a tutti i costi integrare .
Con ciò facendo, dà luogo implacabilmente alla mutazione etnica dell’Italia.
Sostituendo annualmente 1/3 dei nostri defunti (sono i media 600.000 i cittadini italiani che muoiono ogni anno) con altrettanti individui provenienti dai Paesi islamici e africani.

2- Per assicurarsi la riuscita di tale progetto, coinvolge nel business dell’immigrazione il maggior numero di soggetti pubblici e privati, donde il consequenziale clientelismo politico più smaccato ed il verosimile voto di scambio.

La conclusione è ovvia.

Cacciamo via questo governo di rinnegati, votando NO il 4 dicembre.
Non ci sono altre alternative.

Nessie said...

Silvio, per favore, guarda il breve video sulla villa di Desenzano sul Garda che ti ho messo poco sopra. E renditi conto fino a dove è arrivato l'odio etnico contro gli Italiani di Renzi e Alfano.

SILVIO said...


Pazzesco!!!

E i proprietario di quella villa che fa?

Anche lui complice del ”Piatti ricco, mi ci ficco? “

Siamo alla follia (criminale) allo stadio estremo.

Nessie said...

Caro Silvio, quando questa buia notte che ci tocca attraversare in non più verde età, sarà finita, avremo davvero parecchio da rimboccarci le maniche per ricostruire quel che è andato distrutto del nostro meraviglioso paese. Ci sono volute due generazioni (quella dei nostri padri e la nostra) per ricostruire quanto la II Guerra mondiale aveva distrutto. Ora ci vorranno altri sforzi per ricostruire da quelle macerie che questi schifosi bastardoni ci lasciano.

SILVIO said...


E, intanto, è in pieno corso il ”Progetto Paura “ (= “Project Fear”) pianificato per terrorizzare gli italiani decisi a votare NO , provocando una serie temporanea ed artificiosa di eventi negativi che culmineranno verosimilmente col prossimo venerdì nero in Borsa.

Non bisogna, invece, farsi intimidire poiché trattasi di bufale analoghe a quelle diffuse nel Regno Unito per spaventare gli elettori inglesi pro-Brexit.

La verità è un’latra.

Al mercato (e quindi ai grandi investitori internazionali) non importa “un fico secco” del destino di Renzi e dell’esito vincente - “si” o NO del voto referendario.

Sapete perché ?

Perché sono convinti – in virtù di una supponenza che travalica ogni limite della percezione della realtà - che il voto popolare non potrà arrestare ma solo rallentare il processo delle cosiddette “riforme”:
= termine orwelliano che, tradotto, significa ”nefandezze dell’1% a danno del restante 99% della popolazione .

Alla fin fine, qualunque sarà il prossimo governo, le loro “riforme” saranno attuate comunque.

Non ci credete?

Ebbene, allora sentite quel che ha confidato Philuppe Donnet ( amministratore delegato del Gruppo Assicurazioni Generali nonché ex dipendente di Edmond de Rothschild) in una sua intervista concesso alla rete televisiva CNBC:

http://video.cnbc.com/gallery/?video=3000570436&play=1

Nessie said...

Possono dire l'accidenti che vogliono, ma non cambieranno la nostra decisione. Loro cercano di farci capire che votare SI' o votare NO, sia la stessa cosa. Ma dallo zelo che mostrano nel mobilitarsi si vede lontano un miglio che JE RODE ... JE RODE ECCOME!

E anche il bluff dell'Economist-Rothschild è di quella stessa risma: se votate NO, fate bene, si vede che siete bravi a ribellarvi, ma avrete il governo tecnico. Che vadano a dare via i piedi, per non dire di peggio!

SILVIO said...



Ben detto, Nessie!

Eleonora said...

Dunque, arrivo dopo una vostra lunga disquisizione che leggerò meglio con un po' di calma. Il fatto è che, bufala o no, finora hanno di fatto requisito hotel e immobili di ogni genere. Dietro presunto pagamento. Oggi, su la 7, a l'aria che tira, c'erano due ospiti particolari, madre pensionata (con pensione da fame) e figlio al momento disoccupato (iscritto a qualunque lista di collocamento che ha lavorato anche solo di notte in acciaieria), sfrattati dalla casa dove vivevano e, ricollocati dal comune in un appartamento di una onlus. E, ora, risfrattati di nuovo dalla stessa onlus per far largo ai "migranti". I due, sono da anni in lista per una casa popolare mai avuta e ora, vivono in auto. Io dico che la storia degli appartamenti estivi che verranno di fatto espropriati, non è una bufala.

Nessie said...

E noi ti crediamo, perché sappiamo che sei di quelle parti. Spero che avrai capito che il mio titolo è un espediente retorico per arrivare a snidare quelli che in internet si preoccupano di "bufale" presunte, per coprire abusi e diritti calpestati veri. Leggi pure le conversazioni, ci troverai utili spunti.

SILVIO said...


E no, cara Eleonora , alcuni hotel sono stati requisiti.

Eccome!

Esempio.
Nell’ottobre 2016, la prefettura di Verona ordinò la requisizione dell’albergo “Genziana -” sito a Prada, frazione dal Comune di San Zeno di Montagna - per disporne e un centro temporaneo d’accoglienza per i cosiddetti “rifugiati” :

http://www.comunesanzenodimontagna.it/wp-content/uploads/2015/10/REQUISIZIONE-ALBERGO-GENZIANA.pdf

Tale decreto prefettizio non fu arbitrario in quanto fu reso possibile dall’esistenza di (pessime) leggi pregresse, promulgate dal malfamato governo Renzi allo scopo di beneficiare gli alieni per martirizzare gli italiani.

In specie, il “Decreto legislativo n. 142 del 18 agosto 2015” .

Ma se, putacaso, il Prefetto di Verona avesse requisito d’imperio un’abitazione privata per destinarla ai clandestini , le cose sarebbero andate molto diversamente poiché ciò non è, ad oggi, contemplato dall’ordinamento vigente.

Ripeto : il vero blogger deve prestare la massima attenzione a quel che decide di pubblicare.

Verificarne prima l’assoluta fondatezza è essenziale si fini della credibilità futura.

Un solo grave errore in tal senso potrebbe infatti pregiudicare irrimediabilmente la sua immagine.

SILVIO said...


Propongo di pubblicare l’intervento del senatore Paolo Arrigoni - avvenuto a Palazzo Madama il 25/10/2016 – perché offre un’idea corretta dell’odierno circuito perverso “crisi immigrazione - accoglienza clandestini - requisizioni ed espropri”
____________

« … con i 12.000 sbarchi degli ultimi tre giorni abbiamo toccato ieri il numero di 153.450 arrivi solo nel 2016.

Non solo c'è un aumento del 10% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (peraltro, con gli arrivi di oggi supereremo il totale del 2015 e mancano ancora oltre due mesi per giungere alla fine dell'anno) ma viene anche superato il 2014, anno record, chiuso con 170.000 arrivi.

Sottolineo che da quando c'è Renzi al Governogli sbarchi in Italia sono quasi mezzo milione .
Questo non dovrebbe succedere in un Paese serio che attua una politica di gestione degli immigrati basata su legalità e deterrenza. Succede invece nel nostro Paese che fa esattamente il contrario: non contrasta adeguatamente gli scafisti, legalizza la clandestinità e poi pratica l'assurda politica delle frontiere aperte e della riduzione dei controlli terrestri .

Sottolineo un dato: dei circa 11.000 pachistani che nel 2016 hanno chiesto asilo, nessuno è entrato via mare ed è contabilizzato in quel numero dei 153.000.

Questo vuol dire che l'Europa paga a Erdogan fior di miliardi solo per fermare i siriani, ma non altre nazionalità.

Inoltre è assurdo che questi pachistani entrino dalla Slovenia e dall'Austria, dove noi non pretendiamo l'applicazione della regola del Paese di primo approdo.

Abbiamo un sistema di accoglienza al collasso, con oltre l'80 per cento dei presenti collocati in strutture temporanee, abitazioni private e alberghi.
Siamo arrivati ieri a 166.921 migranti accolti.

Questo perché c'è una lentezza nella valutazione delle domande d'asilo, perché sono poche le commissioni di valutazione, perché sono pochi gli operatori all'interno delle commissioni e di quei pochi che ci sono, pochi lavorano a tempo pieno.

Perché c'è una giustizia ordinaria che capovolge gli esiti di prima istanza e che persino riconosce la condizione di migrante economico, meritevole di protezione internazionale, sovvertendo i principi internazionali dell'asilo .

È quella stessa parte di magistratura politicizzata che indaga persino i nostri marinai della guardia costiera per non essere riusciti ad evitare il naufragio dei barcon i.

È un disastro perché accogliamo migranti che vengono dell'Africa subsahariana, dall'Africa centrale, cioè migranti economici, che sono clandestini .

Stiamo parlando di nigeriani, di personalità del Gambia, del Mali, del Senegal, della Costa d'Avorio, dove le statistiche del Ministero dell'interno dicono che una percentuale inferiore al 5 per cento ottiene lo status di rifugiato.

È un disastro perché certamente c'è un business dell'accoglienza .

Lo scorso anno Padoan parlava di 3,3 miliardi di soldi spesi per l'accoglienza; quest'anno siamo ad oltre 4 miliardi .

È una gestione disastrosa…

Il sistema di accoglienza, come ho detto prima, è al collasso; quasi 4 su 5 dei migranti e richiedenti asilo sono nelle strutture temporanee.

Volete chiudere i Centri di identificazione ed espulsione (CIE), invece di aumentarli e sono poche le adesioni dei Comuni alla rete del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR).

Ora i prefetti arrivano persino a requisire gli alberghi, come accaduto in Provincia di Verona e ieri, con un ostello a Goro, in provincia di Ferrara.

Il prossimo passo sarà la requisizione delle seconde case …»
____________
Link:

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Resaula&leg=17&id=00992727&part=doc_dc-ressten_rs-gentit_rdddm100627100661100662100663100664t2100667100668t2e100670i-intervento_arrigonilnaut&parse=no

Nessie said...

Silvio, perché dici "eh no cara Eleonora"? Hai letto bene quel che ha scritto? Riprendo un brano del suo intervento:

Il fatto è che, bufala o no, finora hanno di fatto requisito hotel e immobili di ogni genere. Dietro presunto pagamento

Appunto! "presunto" , e cioè tutto da verificare. A me sembra che diciate la stessa cosa.

Nessie said...

Il senatore Paolo Arrigoni è della Lega Nord, suppongo...Salvini ha ragione di ripetere che da quando c'è Renzi al governo gli sbarchi sono quasi triplicati. Una ragione di più per spedirlo a casa con un NO. E' sempre più evidente che l'abbiano cooptato in funzione dei piani sorosiani.

SILVIO said...


No, non è la stessa cosa.

Perché io sostengo - leggi “alla mano” - che gli hotel e similari possono essere requisiti ma solo temporaneamente e dietro corrispettivo.

Mentre le abitazioni private ad uso residenziale non possono esserlo, se non col consenso (ben remunerato dallo Stato come pare sia avvenuto per la vulla nel Garda) dei legittimi proprietari.

Non mi pare che Eleonora abbia detto ciò.

In ogni caso, nulla di personale contro Eleonora.

Anzi, la apprezzo molto.

SILVIO said...


Sì, Paolo Arrigoni è della Lega.

Mi piace perché fa a pezzi il governo Renzi , dicendo semplicemente la verità.

Sena mai trascendere.

Nessie said...

In ogni caso, il vero intervento mendace e atto a voler "pompierare" con tanto di idrante in mano a scopo narcotico, lo ha fatto il sito BUTAC. E così abbiamo pure accertato che i poteri governativi dispongono pure di disinformatori camuffati da blogger basisti.

Eleonora said...

Silvio, si, lo so che c'è una normativa che permette di requisire un certo tipo di locali temporaneamente e dietro compenso. Ovvio che chi ha messo a disposizione tali locali sa benissimo ciò che sta facendo. Ma se decidessero davvero di applicare la stessa normativa alle abitazioni?

Alessandra said...

Per quel che vedo io, se non si requisiscono gli hotel, si ricorre alla concessione mediante pagamento di tale cifra in relazione a tale numero di immigrati da ospitare. È il caso di Ficarolo, dove il proprietario dell'albergo ha dapprima fatto le barricate per evitare la requisizione disposta dal prefetto, poi è stato convinto a concedere la struttura con un compenso di 15 euro a immigrato (sono 15).
Va detto però che sembra che l'iniziale resistenza del proprietario fosse dovuta alla "scarsa convenienza" dell'affare.
Su sua richiesta di informazioni, infatti, gli era stato risposto che lo avrebbero pagato solo 7 euro. Troppo pochi per poter far fronte alla gestione di un night club e di un ristorante, oltre a quella dell'hotel.
Un altro espediente è quello delle case sfitte.
Gli stessi proprietari le metterebbero a disposizione per ospitare immigrati, ovviamente dietro pagamento.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/11/22/migranti-revocata-la-confisca-dellhotel-di-ficarolo-trovato-laccordo-economico/3209370/

Purtroppo c'è chi cede di fronte all'offerta di denaro.
I comuni della provincia di Rovigo sono tuttora impegnati in un braccio di ferro con il prefetto.

L'anno scorso, ai tempi della campagna elettorale per le regionali del Veneto, la candidata piddiota Moretti Ladylike aveva proposto di far ospitare degli immigrati agli anziani con la pensione minima che avrebbero così potuto ricevere un compenso di 35 euro.
Inutile dire che tale proposta fu molto criticata e contribuì a farle beccare una memorabile scoppola.
All'epoca fu definita una "boutade", ma ne ho sentite tante di "buffonate" o "proposte assurde" diventate dopo qualche tempo "la soluzione", quindi sto sempre all'erta quando leggo o sento notizie di questo tipo.

Secondo le statistiche ufficiali aggiornate al 28 novembre, gli sbarchi avvenuti in Italia nel 2016 sono 171.299. Già superati i numeri del 2014 e del 2015, e manca ancora un mese alla fine dell'anno.

http://www.repubblica.it/solidarieta/immigrazione/2016/11/28/news/migranti-153015414/

Nessie said...

Ciao Alessandra. In tre anni di governo "abusivo" Renzi credo che gli sbarchi abbiano perfino superato la cifra approssimativa di 500.000, detta da Salvini.

Circa la requisizione degli alberghi previo accordo tra i gestori e il governo, penso che tu sappia già come la penso. Mi rendo conto che trattasi del solito "o mangia 'sta minestra o salta 'sta finestra" e che siano in ogni caso, accordi effettuati con tanto di pistola puntata alla tempia. Tuttavia, penso che se gli albergatori credono di risolvere la crisi dell'industria alberghiera in questo modo, sbagliano di grosso: questa manica di imbroglioni prima darà qualche soldino, poi li farà rimanere a becco asciutto nel giro di pochi mesi. E con all'interno le "risorse-Attila" che faranno a pezzi gli arredi dei loro locali.

SILVIO said...


Sul sospetto (fondato) di futuribili provvedimenti governativi in materia di espropri e requisizioni delle abitazioni private ad uso residenziale, sono con te, Eleonora.

Lo stesso Paolo Arrigoni, nel suo intervento al Senato, non mancò di paventare tale evenienza.

E Renzi - che ha lo stomaco foderato di peli di sciacallo - non avrebbe avuto alcuna remora a varare una simile ignominia.

Per nostra fortuna, Renzi fu incapace di calendarizzare gli “step” nel cammino della sua agenda.

Se fosse stato davvero un “Macchiavelli”, avrebbe dovuto varare la sua “riforma” costituzionale ai tempi “d’oro” del suo consenso in Italia e non quand’egli era ormai in fase calante.

Una volta ottenuta tale “riforma”, sarebbe divenuto per almeno 10 anni il dittatore dell’Italia, con licenza assoluta di fare il bello ed il cattivo tempo

Ed invece - per nostra buona sorte - siccome Renzi nacque “bischero”, non poté che comportarsi da “bischero”, agendo fuori tempo massimo e meritandosi le rampogne e l’abbandono di “The Economist – Rothschild” .

Il Signore acceca sempre colui il quale merita la peggior sorte.

Nessie said...

Ottima la chiosa sul Signore :-).

Del resto ormai, è il caso di dire che siamo nelle sue mani.

Anonymous said...

"prodi fulminato dal si"

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-11-30/referendum-delrio-no-rischi-banche-ft-interferenze-093200.shtml?uuid=ADfeUZ4B

" contratto firmato dopo 9anni "

http://www.repubblica.it/economia/2016/11/30/news/contratto_statali_i_sindacati_in_pressing_su_madia_chiudere_-153143772/

2 nuovi "effetti speciali" : che cosa ci aspetta ancora da qui a domenica ? 😎
ws

Nessie said...

Ma questo è un Babbo Natale anticipato!!! :-)

Prodi non sposta voti. Non conta più una beata mazza e il suo endorsement non serve a creare l'auspicato effetto di traino.

POi nella gerla di Babbo Natale ci sono anche i fondi stanziati per i malati di SLA e per altre disabilità.

----------------------------------------------------

Ma c'è anche il carbone della Befana, ed è questo qui di Banca Etruria:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/banca-etruria-tutti-assolti-nessun-ostacolo-vigilanza-1337478.html

Anonymous said...

è di ieri questa notizia, mah non vorrei che facessero pagare la ristrutturazione prima dell'esproprio.O sono troppo malfidente?
http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2016/11/29/news/seconde-case-piu-belle-via-a-un-nuovo-progetto-1.14491593

Maria Luisa

Nessie said...

Mai come in questi casi, il sospetto è l'anticamera della realtà.

Anonymous said...

Qui stanno dando l'abitabilità anche per le cantine. Indovina chi ci finisce dentro ?

IL SAURO

Nessie said...

Della serie, si faccia una domanda e si dia una risposta (che conosce già).