11 January 2015

Una pomposa parata pro Europa



"Una manifestazione inutile e controproducente. Spesi milioni e milioni, per far convergere su Parigi una truppa di capi di stato, premier e monarchi, con tutto il codazzo di folla come contorno, ma per che cosa ? Chi, in Europa e nel mondo, è contro il fondamentalismo criminale e intollerante, non aveva bisogno di questa carnevalata parigina, perché tutti sono già d'accordo sul combatterlo e contrastarlo. Mentre, guarda guarda, per i terroristi dei vari gruppi è stato un successo mediatico. Costoro si possono vantare, di aver smosso tutto il pianeta e fatto correre in Francia buona parte dei potenti del mondo, e con due soli attentati. Guardando il corteo in TV, costoro si saranno fatti delle grasse risate. Striscioni, manifesti, T-Shirt, calciatori con maglie con il nome del settimanale, gadget vari, proclami inutili (e ipocriti), che resteranno per quello che sono: inutili. Un successo mediatico per il terrorismo, e non certo per Parigi e l' Occidente. (...)

Questo è un commento prelevato a caso sul Corriere da parte di un lettore che si firma "egocentrico", dopo la manifestazione "repubblicana" (alzi la mano chi è  più monarchico),  tenutasi questo pomeriggio a Parigi. Io dirò di più: quelli che hanno prodotto questo disastro con i Trattati europei (innanzitutto gli accordi di Schengen) sono gli stessi che oggi hanno sfilato contro tutti i rischi e i pericoli che essi stessi hanno causato con le loro dissennate politiche migratorie. Faceva specie veder sfilare la Culona che ci affama con le politiche di austerità, "kapò" Schulz, Juncker, Cameron, Sarkozy, Hollande a braccetto con un "democraticissimo " presidente del Mali. Netanyahu con Abu Mazen.  Per non dire delle nostre mosche cocchiere  Renzi, Prodi, Gentiloni,  tutti tronfi di poter dire "io c'ero". Ovviamente Renzi non ha resistito alla sua cialtronaggine di sfoggiare un francese da vache espagnole. Ma l'impressione generale è stata quella  di una risposta  di piazza certamente numerosa e popolare, del tutto comprensibile dopo lo choc di questi tre terribili giorni, irregimentata però, in un "embrassons-nous" istutuzionale paneuroopeo. 

Della serie, dobbiamo essere tutti uniti contro il nuovo nemico comune:  quel "terrorismo"  (guai a chiamarlo islamico, perché gli islamici potrebbero offendersi, e perché l'islam, come è noto,  è religione di pace)  che viene opportunamente infiltrato e foraggiato da stati con i quali l'occidente (minuscolo voluto) intrattiene ottimi rapporti d'affari: Arabia Saudita, Qatar, Emirati Arabi ecc. Per non parlare dell'ambigua realpolitik statunitense sempre usa  dormire coi "serpenti" e scoperchiare vasi di Pandora con guerre "preventive" scatenate a macchia di leopardo in tutto il MO, l'Asia Centrale e ora quasi alle porte della Russia.


Ma la pomposità dell'adunata con oltre una quarantina di capi  di stato di varie nazioni, doveva servire soprattutto a coprire le  numerose falle e i buchi che i servizi di sicurezza francesi hanno mostrato nella gestione di questa delicata emergenza.  

Falle e crepe confessate perfino dal ministro Manuel Valls quando ha ammesso che 17 vittime erano troppe e che qualcosa non ha funzionato. Alla faccia delle incongruenze: la scarpa perduta, i documenti lasciati nel cruscotto dell'auto, da parte dei due  fratelli Kaouchi, freddati subito invece di essere catturati vivi (avrebbero potuto parlare). Gli stessi Kaouchi già noti all'Intelligence americana, francese e italiana, lasciati poi andare senza alcun controllo. La telefonata alle redazioni dei giornali di Coulibaly che ad un certo punto si è dimenticato pure di spegnere il terminale del cellulare, i filmati che non si sa se veri o falsi, un commissario che si suicida e tanti altri elementi inquietanti.

Resta, pertanto,  una montagna di interrogativi e misteri irrisolti, evidenziati perfino dal quotidiano Le Figaro, in questo articolo. Ma soprattutto resta la tempestività ALTAMENTE SOSPETTA nel voler  unificare politiche di sicurezza comuni,  Intelligence comuni, controlli ai passeggeri comuni, leggi speciali comuni . A cadaveri delle povere vittime ancora caldi, Alfano ha subito promesso leggi emergenziali, Gentiloni ha ribadito l'intoccabilità di Schengen. Vuoi scommettere che mentre i criminali continueranno indisturbati a penetrare nei nostri paesi con arsenali d'armi, gli unici cornuti e mazziati  saremo noi?  Tasse da tortura, immigrazione selvaggia  e pure controlli nelle connessioni Internet con annessa lettura e intercettazione di email private. Ciascuno di noi, può essere un  potenziale "terrorista della porta accanto", specie se non si adegua alle politiche eurocratiche.

Da sottolineare il vergognoso ostracismo a Marine Le Pen e al Front National, da parte degli organizzatori della "masquerade en bleu".   Ma non tutto il male viene per nuocere: sfilare con quei manichini di cera, sarebbe stato per lei un abbraccio fatale.

Ovviamente per la serie show must go on, gli sbarchi devono continuare....Ma si sa, i terroristi non c'entrano nulla coi clandestini -  recita il mantra buonista. 

44 comments:

johnny doe said...

A prescindere dai dettagli non ancora chiariti sulla vicenda,non trovo di meglio che postare come mio commento quello di un nostro lettore,sulla scenaggiata messa su dagli usurai europei e mondiali oggi a Parigi

"Bello vedere i maggiori responsabili e finanziatori del terrorismo ergersi a difesa dei sacri valori dell'occidente (..), dopo aver massacrato centinaia di migliaia di iracheni, libici, siriani, yemeniti, pachistani, palestinesi (sì, c'era anche il capoccia dei sionisti) eccoli lì, alla testa della manifestazione (come scrive il Corserva, che raggiunge livelli impensabili di lecchinaggio citando Renzi) i quali mostrano il fiero petto al nemico (creato da loro). Luminoso esempio di come si crea il problema, poi si offre la soluzione. Sudditi €uropei, stringiamoci ai nostri burattini, pardon leaders...c'è una crisi economica devastante? vogliono mandarci in guerra con l'unico paese che ha combattuto con efficacia il terrorismo? ci stanno togliendo tutte le libertà di cui questi palloni gonfiati si riempiono la bocca? NON IMPORTA, avanti tutta verso il nuovo ordine."

Non ce l'ho ovviamente col popolo francese che sicuramente è sceso i piazza per riaffermare la propria identità e altri motivi,ma con l'ipocrisia di questi leaders burattini che simulavano una unità che non c'è mai stata,in particolare con lo zero Hollande che ha escluso dalla "unità della nazione" il 25% dei francesi del Front,ma che è stato protagonista di una politica lassiste nei confronti dell'islam,non capendo che i confini tra i supposti due Islam,uno moderato,u altro radicale) sono molti più sottili di quanto sembra.
Nel frattempo si parlerà per settimane di questa vicenda,oscurando tutti i misfatti dell'euro truffa.

Anonymous said...

Uno spettacolo pietoso, tutto sull' onda di un' emotività i cui buoni sentimenti dopodomani saranno già nella cassapanca dell' oblìo.

E' proprio vero che anche nei momenti peggiori l' essere "umano" riesce a dare la peggiore dimostrazione di sé.

A questi decerebrati in prima fila rammenterei che il loro schifare ( demonizzare è meglio ) chi la pensa diversamente significa proprio fomentare quello che a parole dicono che si debba eradicare: la reazione a catena di causa-effetto.

Ces idiots !


Paulus

Anonymous said...

In compenso mi sono gustato ( cosa rara , dato che quasi mai mi ritrovo nei suoi ragionamenti ) un battagliero Adinolfi a La Gabbia.

Impresentabile quella scema di Santanchè: ogni volta che apre la bocca l' Italia perde 10 punti.

Razza di gallina.

Paulus

Nessie said...

Johnny, c'è stato un blogger che ha scritto che era dai tempi della tragedia del pozzo di Vermicino che non ci incollavano così tante ore davanti alla tv. Purtroppo, ne sentiremo parlare, ancora, eccome! nel mentre arriveranno le "leggi speciali" dalla Casa Bianca attraverso la solita Ue, Obamba ha già indetto un vertice sulla sicurezza "globale":

http://www.ilgiornale.it/news/obama-vertice-casa-bianca-sulla-sicurezza.html

quell'Obama che mentre dice di combattere l'Isis in Iraq, poi li foraggia in Siria.

Nessie said...

Paulus, di quale Adinolfi parli? Non sarà mica quella palla di lardo di Mario Adinolfi?

Peccato non aver visto la Gabbia. Ma la vedrò in stream.

Anonymous said...

Esattamente lui: si è battuto più che dignitosamente, cercando di smascherare la doppiezza ( o l' ignoranza sostanziale ) della gongolante platea islamica beata dalle idiozie sparacchiate in ordine sparso dalla gallina di cui sopra.

Appena sotto la sufficienza Ferrero e pietoso baffone Giulietto il quale, nella sua affannosa ricerca di verità parte sempre da lontano ma puntualmente dimentica una fetta importante della storia.

Non mi è piaciuto Paragone, troppo conciliante: si è pure preso un abbraccio da un falsone muslim.

Friggo quando vedo certe falsità in trasmissioni gestite da impreparati imbecilli; per smascherare la dissimulazione dei bengalesi collegati da Roma ( siamo tutti fratelli, siamo pacifici, ecc. ) sarebbe bastato fare loro due domandine per metterli nella merda:

- conoscete il prof. Humayun Azad, vostro emerito concittadino, e se sì che trattamento gli hanno riservato i vostri pacifici fratelli muslims ?

- volete voi affrontare un contradditorio con hindu e cristiani che vivono in Bangladesh e a fronte delle dichiarate angherie che subiscono quotidianamente ve la sentireste di dire che sono dei volgari bugiardi ?


Silenzio glaciale, oppure risposte sconnesse e dissimulatorie.

As usual.

Nessie said...

Adinolfi è sempre stato difensore dell'euro e dell'Eurozona, nonché giornalista per "Europa". Strano quel che scrivi, visto il conformismo conclamato del personaggio.

Quanto a Paragone è sempre stato un gran paraculo. Ma questo fa parte della categoria giornalistica.

Vanda S. said...

Hai pienamente ragione, Nessie: il "Patriot Act" versione europea.
Te sanguisughe hanno mangiato la foglia e sanno che prima o poi le popolazioni europee autoctone potrebbero ribellarsi, ed allora....
Che Dio ci salvi!

Massimo said...

A me è piaciuto l'editoriale del Tg4, di Giordano, che ha praticamente detto: bella la manifestazione, ma che non sia una scusa per lasciare tutto come è. Che è poi quello che faranno. Non vogliono combattere i terroristi con l'unico mezzo disponibile: togliere loro la base, cioè bonificare il nostro territorio dalle presenze estranee. Il destino dei nostri figli sarà quello di diventare islamici oppure combattere una lunga guerra di reconquista della terra che fu nostra, maledicendo i loro padri che furono così arrendevoli.

P.S.: dopo Pertini, Scalfaro, Ciampi e Napolitano io sono diventato monarchico. :-)

Anonymous said...

Il fatto che moltissima gente abbia partecipato non significa che tutti tornino a votare Hollande. O la "democrazia" funziona cosi' adesso ?

Per il resto e' la solita sbobba: siccome i talebani te li devi tenere allora per controllare loro controlliamo pure te che talebano non sei.

Per fortuna che ci hanno risparmiato "quelli sono cittadini da tre generazioni", "fanno i lavori che voi non volete fare", "accudiscono i vostri vecchi" (a pagamento, mica gratis, e paghiamo noi per qualcosa che abbiamo gia' pagato allo Stato), "la ricchezza dell'incontro con altre culture", etc.

Fino a quarant'anni fa si poteva dire "negro" senza che nessuno si offendesse e senza essere arrestati. Ora, che c'e' l' "incontro", capitano fenomeni come il seguente.

Mentre Charlie Hebdo puo' pubblicare vignette per le quali tutti i religiosi, dai cristiani agli ebrei, passando per gli indu' e i musulmani, s'incazzano con varie gradazioni, la tale che ha messo in fotomontaggio la ministra negra nella pelliccia di una scimmietta, si e' beccata nove mesi (dicansi 9 mesi) di reclusione, oltre ad una multa.

Difendiamo la liberta' d'espressione ?
Difendiamo la liberta', che gli oligarchi si prendono, di farci fuori.

Il sauro

Nessie said...

Vanda, dici bene: "sanguisughe". Arriveremo pure al fatto che l'evasione fiscale sarà considerata peggiore e punita più aspramente degli atti di terrorismo e dello stragismo. Del resto gli unici che si fanno per davvero la galera in Italia sono "gli evasori" e gli accusati di frode fiscale. Ovviamente "Italiani". Gli assassini, gli stupratori, i drogati...tucc foeura! I due fratellii Kouachi erano notissimi alla polizia e avevano pesanti precedenti.

Poi mi piacerebbe sapere perché fra tanta pompa magna, non si è trovato il tempo di rendere note le date dei funerali delle vittime. Inoltre non ci sono foto della strage di Hebdo che dovrebbero mostrare la sala riunione imbrattata di sangue, ecc. Non che io ami vedere sangue o brandelli di carne, ma tenuto conto che ci deliziano da mattina a sera di film violentissimi e di fattacci di cronaca nera all'ora di pranzo, non credo proprio che abbiano omesso la scena del delitto per mera "pruderie".

Nessie said...

No, no, Massimo: non lasceranno "tutto com'è". Sarebbe troppo facile e la tua è una previsione ottimistica. Faranno il Patriot Act in versione Ue, del qualeho già dato conto nei commenti del post precedente e che ripeto anche qui:

"Il governo italiano si appresta ad emanare leggi anti-terrorismo più stringenti sulla scia dell’attacco di Parigi. Le nostre fonti in Italia vedono questa come un’opportunità molto simile al Patriot Act, utilizzato negli Stati Uniti dopo il 9/11. Ogni terrorista sospetto che desidera lasciare il paese, potrebbe avere il passaporto ritirato. Come pure la polizia potrebbe avere più diritti per bloccare i siti web che hanno usato i terroristi per la propaganda.
La definizione di “terrorista”: può rapidamente diventarlo chiunque sia in disaccordo con il governo. Il problema in Italia è l’aumento della resistenza contro l’Europa. Questa è alimentata parallelamente alla disoccupazione tra i giovani che supera il 50%”".

Eccoti il link originale:

http://armstrongeconomics.com/2015/01/09/italys-version-of-the-patriot-act/

Nessie said...

Sauro, nel linguaggio calcistico si direbbe che sferri dei calci di rigore "ficcanti".

La sintesi è amara ma veritiera:

"Per il resto e' la solita sbobba: siccome i talebani te li devi tenere allora per controllare loro controlliamo pure te che talebano non sei".

Ma aggiungerei anche una nota grottesca: in questa caccia al talebano terrorista, chi ci smena è il cittadino onesto e innocente. Perché il pesce puzza dalla testa e se si vuole ridurre drasticamente il fenomeno, semplicemente si difendono i confini nazionali. Dal mare, dal cielo e dalla terra. Che è quello che NON faranno mai.

Carla Montanari said...

eh già hai propio ragione !Sia gentiloni che alfano hanno rifiutato di rivedere Schengen ...in più ogni 5 min. passava la scenetta romantica della femminea testa della merkel appoggiata sulla maschia spalla di quel caz...one di hollande. MI prudevano le mani a tanto buonismo paraculato ! Se non è ipocrisia questa !... poi che vuoi farci se il 25% dei francesi è fascista , mica come quei parioti ucraini che sparano su civili e cosruzioni civili ... vuoi mettere ???

Aldo said...

A me, in modo non so quanto e se pertinente, è tornato in mente l'episodio Kabobo e dintorni... Ah, no, ma quello era un poveretto che sentiva le voci, mica un terrorista (farsi spiegare la grande differenza da chi è finito sotto la punta del suo piccone, prego). Le voci erano quelle di sua zia, non quelle di qualche entità immaginaria dettata dalla sua sana religiosità, e il fatto che abbia scelto con cura le sue vittime tra persone cromaticamente e socialmente ben definite è secondario e del tutto casuale, mica c'era sotto un intento vendicativo di carattere razziale (anzi, etnico, cho oggi razziale non si può dire).

(Nessie, il sarcasmo, ovviamente, non è rivolto a te)

Più seriamente, avete osservato le espressioni della manodopera che è stata impiegata per portare a termine la strage di Parigi? Vi han dato l'impressione d'essere tanto più a posto con la testa? E allora? come mai oggi si fa tutto questo cinema e allora si è minimizzato? Perché allora è stato usato un mezzo di fortuna e in questi giorni un mitra? Un piccone ammazza meno di un mitra? Terrorizza di meno?

Non so da chi sia stato orchestrato l'episodio di Parigi e son certo che non lo sapremo mai, però è certo che quell'episodio viene usato dai nostri cosiddetti rappresentanti democratici per secondi fini che vanno ben oltre le intenzioni dichiarate. Questa è la cosa che davvero mi preoccupa.

P.S. Una riprova pare essere il fatto che sia stata improvvisamente scoperta e data in pasto al pubblico televisivo una pratica che pare vada avanti già da un po': imbottire bambini di esplosivo e usarli a mo' di bombe umane (basta cercare su google "isolando" un periodo antecedente a questo mese). Dunque, perché battere sul tamburo della "notizia" proprio adesso?

Aldo said...

Questo, ad esempio, è un articolo del 2013.

Nessie said...

I famosi "secondi fini" sono già qui Aldo: controllo capillare della popolazione in caso di sommosse anti-Euro e anti-Ue, equiparate e omologate per l'uopo sotto l'etichetta generica di "terrorismo internazionale". In altre parole, gli evolutissimi europei saranno paragonati e omologati a feroci e barbari picconatori e tagliagole, lasciati circolare con machete (Londra), picconi (Milano) o kalashnikov (Parigi). Te lo ricordi quest'altro fatterello di quel soldatino inglese fatto a pezzi a Londra da uno scannatore negro (lo so, so che la "correctness" ci impone "nero") con il machete? Anche quell'episodio viene tolto dalla naftalina solo oggi, ma eravamo nel 2013:

http://www.corriere.it/esteri/13_maggio_22/londra-soldato-ucciso-machete_386965b6-c2ff-11e2-b767-d844a9f1da92.shtml

Vai sapere come mai, perché e con quali intenti. E se ben ricordi la sottoscritta ne fece un post cumulativo con Kabobo dal titolo "Machete a Londra, piccone a Milano", che ieri nessuno si è degnato di togliere dal dimenticatoio:

http://sauraplesio.blogspot.it/2013/05/machete-londra-piccone-milano.html

che siano state o no, le voci del Profeta o di Allah a ispirarli, poco importa. Ci importa invece - e parecchio - i crimini feroci a base etnica, finora sconosciuti nel nostro paese che stanno diffondendosi sempre di più. Dove però magari rischi una denuncia se dici "negro" invece di "nero".

Nessie said...

Carla, non dimentichiamo che gli organizzatori della manifestazione "repubblicana" sono tutti ex sessantottini (il PSF, detto il dinosauro), e che piazze piene significa di solito venir penalizzati alle urne.

Sì, ho visto la Culona che faceva la gattona col bruco.

Anonymous said...

Come e' detto il PSF ?

Aldo said...

Certo che mi ricordo la belva con la roncola/mannaia, il Kabobo d'oltre Manica. Se lo ricordano benissimo anche quelli che orchestrano quella forma di propaganda chiamata "informazione", ma fanno finta che non sia così. Quel che dice la TV è vero, quel che non dice non esiste. O, come in questo caso, non esiste più.

Nessie said...

Detto "dinosauro", perché considerato vecchio e pesante nell'apparato. Sei il Sauro in anonimo?

Nessie said...

Aldo, prova ad aiutarmi e a fare una ricerca su come si chiamava il Kabobo d'Oltre Manica. La stampaglia non è stata manco in grado di fornirne le generalità. Hanno archiviato in fretta quell'episodio e quell'idiota di Cameron è andato alla manifestazione promossa da Hollande, senza mai aver ricordato che mentre staccavano la testa del povero soldatino inglese anche gli energumeni a Londra dicevano "Allah akbar". Ma è mai possibile che certe nefandezze non debbano lasciare alcuna traccia di riflessione? Questo vale anche per l'episodio di Kabobo a Milano.

Nessie said...

Trovato! Si chiama Michael Adebalajo. E l'altro complice si chiama Michael Adebowale, di 22 anni. Naturalmente dalla Nigeria li hanno fatti passare per "cittadini inglesi". Uhmmmm! Sai che oxfordiani o cambridgiani :-(


http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2013/05/22/Soldato-ucciso-machete-Londra_8749032.html

Anonymous said...

A bocce ferme, e a mente fredda una disamina sulla mala-satira di Charlie

http://www.riscossacristiana.it/je-ne-suis-pas-charlie-leuropa-si-rifugia-nelle-illusioni-vedere-la-propria-sconfitta-di-paolo-deotto/

Z

Nessie said...

E'un buon articolo quello del prof. Deotto, grazie. Discorso molto complesso e articolato che in parte ho già sintetizzato nel mio post precedente, in un commento.

E' evidente che se i valori (o prinicipi, o criteri, o come vogliamo chiamarli) sono quelli di Charlie Hebdo e del laicismo iconoclasta e blasfemo, il "pensiero forte" (ancorché per me aberrante) dell'islamismo radicale ha qualche ragione per riuscire a "sottomettere" e ad ottenere seguaci.

La "tabula rasa" viene sempre riempita da qualcos'altro, prima o poi. La Russia e la sua ortodossia cristiana ha qualche punto di vantaggio in più per far fronte a questo fenomeno, rispetto a noi e in specie rispetto all'Europa sempre più secolarizzata e perciò indebolita. Sì, il laicismo è un contenitore vuoto che non può per sua indole, opporsi a niente.

johnny doe said...

Ho trovato sul web una bella immagine della prima fila con uno striscione "je suis charlatan",,,non male...

Quanto alla lotta al terrorismo,ci dicano lor signori...Come mai un ridicolo esercito ISIS,in territorio desertico,(non le montagne afghane impenetrabili) tiene in scacco militarmente Usa e Nato.? In due giorni sarebbe spazzato via,considerando che solo manipoli di curdi mal organizzati riescono a contrastarli.
Ovvio che c'è dell'altro...
Non è che fa comodo tenerli come spauracchio e far accettare per paura l'ombrello usa in Europa? Ombrello non solo militare,ma economico finanziario,vedi la sciagura TTIP...che vorrebbe dire la totale sottomissione dell'Europa agli Usa,una nuova loro colonia.
Naturalmente,oltre al "più europa"...invocato pure dal deficiente di Pontassieve...e te pareva che non cogliesse l'occasione per dimostrarsi il servo che è....

Nessie said...

Ci sono servi e più servi. I nostri politici appartengono alla seconda categoria (vedi Gentiloni e Alfano che giurano che Schengen non s'ha da toccare).

Sull'ISIS è il caso di dire che è la creatura diabolica fabbricata dagli USA che gli si rivolta contro:

http://blog.you-ng.it/2014/08/24/lisis-stata-partorita-dagli-americani-tutte-prove/

Ci hanno rotto e strarotto col loro fottuto cinismo e con la loro realpolitik del MENGA. La stessa che ha creato i Taliban e bin Laden in Afghanistan, per poi chiamare il mondo a raccolta intorno a loro, per accopparlo. A spese degli Alleati.

Anonymous said...

Quando la "liberté" non vale per Orban, Le Pen e Salvini:

http://www.informarexresistere.fr/2015/01/13/le-pen-salvini-orban-per-loro-nessuna-liberta-di-espressione/

Zeta

Nessie said...

Leggo dal sito: "Orban si è asserragliato nel suo fortino magiaro, fregandosene di critiche e minacce, di attacchi politici ed economici".

Sì, ma Orban a Parigi c'era, anche se non se lo sono filato. E tra parentesi quello che va affermando è il miglior antidoto contro il terrorismo e gli atti criminosi:
«Non vogliamo vedere tra noi minoranze con caratteristiche culturali diverse. Vogliamo che l’Ungheria resti l’Ungheria».

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/povero-charlie-russo-lavrov-all-ungherese-orban-marcia-parigi-92288.htm

Faithful said...

Viene da credere che hanno approfittato della situazione (senza porvi un reale rimedio as usual) solo per puntarsi le telecamere addosso e toglierle nel contempo ai "mostri" Le Pen,Salvini e Orban.
Spero solo che la gente non caschi in questa ennesima truffa messa su in mondovisione solo per cercare di "pulire" le facce dei burattini UE.

Nessie said...

Faithful, il corteo veterosessantottino (ma...vetero vetero) intorno alla Marianna è finito e non appena la gente si sentirà smazzolare di tasse e leggi liberticide, non sarà il bel ricordo della coreografia tricolore a consolarla.

Mi piacerebbe sapere come hanno fatto a infestare la Francia e il pianeta di cartelli come "Je suis Charlie" nel giro di poche ore.

Qualcuno di Global Research si fa le mie stesse domande:

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=14494

Vanda S. said...

Nessie, oggi ho fatto leggere lo stesso articolo di Global Research nella mia classe d'italiano (insegno a diplomatici americani assegnati in Italia) e sono rimasti abbastanza interdetti!
Poverini! Non sono abituati a "rivedere e correggere" le notizie dei mass-media. Ma ti assicuro che sono in buona fede: purtroppo non si rendono conto di cosa sta veramente accadendo.

Nessie said...

Ah, insegni l'Italiano agli stranieri americani? Che bello! Poi dimmi come ti trovi.
Purtroppo imparare a leggere tra le righe è diventato quasi un obbligo. Le fonti mediatiche ufficiali vanno interpretate più per quel che NON DICONO che per quel che dicono e scrivono. Stasera ad esempio c'erano in tv due programmacci in copia: Ballarò su Rai 3 e Di martedi su La7: due programmi identici già embedded, senza nessun taglio critico sulla strage di Parigi e con ospiti istituzionali filogovernativi. Unici contrappesi: la Meloni su Rai3 e Salvini su La7.

Aldo said...

Nessie, mi spiace dover raffreddare il tuo entusiasmo, ma per una Vanda che fa quel che fa (all'estero) ci sono ci sono mille (in Italia) che fanno questo.

"Dopo esserti interrogato sulle conseguenze che ricadranno sulla testa dell'insegnante coinvolto nella vicenda, quindi sulle conseguenze che ricadrebbero sulla testa dell'insegnante che dovesse essere coinvolto in una vicenda identica ma di segno opposto, esprimi valutazioni in merito alla libertà d'espressione in Italia". Ecco, questo sarebbe un bel tema.

Anonymous said...

Nella foto che ci proponi della marcia...ad un occhio esperto di un amante fotografo dilettante...non è sfuggito un particolare.
Netanyau strettamente legato a Sarkozy.
Ma i due non procedono sottobraccio...due mani di un non visibile personaggio,anche lui partecipante alla marcia li tiene strettamente vicini...pur rimanendo lui non visibile,incastrato, in seconda fila.
Sicuramente nessuna dietrologia,ma un memento,a noi tutti, a non abusare delle immagini,nello spiegarci i fatti...perché "verba volant sed imagines manent".
Saluti Mar

Nessie said...

Aldo, l'avevo letto. Figurati se mi era sfuggito! A mio avviso è un insegnante che andrebbe licenziato per aver fatto l'AGIT PROPP, invece del suo mestiere :-(

Nessie said...

Mar, qui da Eleonora, un'altra prospettiva:

http://eleonoraemme.blogspot.it/2015/01/criminali-di-stato.html

Leggendo i resoconti cartacei, pare che Sarkò, volesse mettersi in pole position (prima fila), ma che il protocollo gliel'abbia impedito perché fa parte della cosiddetta "opposizione".

Faithful said...

Guarda qui Nessie com'era gremita la "folla oceanica",incredibile

http://voxnews.info/2015/01/14/questa-foto-per-capire-in-che-europa-viviamo/

E tutti i media di regime hanno insistentemente parlato di milioni di persone per giorni,ormai non c'è più alcuna differenza tra la dissimulazione di questa ridicola colonia degli USA e quella del regime nordcoreano della famiglia Kim.

Faithful said...

Ah quasi dimenticavo,gli islamici dopo i fatti di Parigi si sono già eccitati e sognano di bissare in casa nostra,guardate qua

http://iltirreno.gelocal.it/prato/cronaca/2015/01/13/news/faccio-saltare-la-scuola-qui-succede-come-a-parigi-1.10659824

Qui non c'è scappato il morto e quindi è scattata la solita dissimulazione di regime "del pazzo" (Kabobo docet).
Da notare le falsità della preside:dice che il marocchino aveva il dizionario di francese in mano e non il corano,che il figlio frequenta tutte le lezioni e che diceva cose incomprensibili quando sia i giornalisti che chi lì c'era nei commenti dell'articolo la sbugiarda totalmente.
E quando prima o dopo ci scapperà il morto rifaranno la solita sceneggiata ipocrita come quella di Parigi.

Nessie said...

Ecco bene! Disposizione a triangolo. Come per dire: "Abbiamo vinto noi". Mancava l'occhio infuocato di Horus.

Nessie said...

Come quella di Parigi, di Londra, di Madrid...sì perché con tutto quello che è già successo in Europa avrebbero dovuto interrompere i loro fottutissimi Trattati commerciali. Laddove con le merci arrivano anche questa teppaglia.

Nessie said...

...e invece vedrai Faithful che verranno a rompere i santissimi marroni a noi altri. Ecco cosa sta preparando Coniglio Mannaro Alfanoide, per cominciare. E con decretazione d'urgenza:

http://www.zeusnews.it/n.php?c=22375

Faithful said...

Mi chiedo solo,faccendieri di cl a parte,chi è quel pazzo che è capace di dare in buona fede il voto a questo pidocchio di ministro.

Nessie said...

Sì, un pidocchio dimezzato.