25 January 2015

Forza Italia, l'utile idiota di Renzi



Purtroppo non abbiamo una vera opposizione numericamente rilevante. La Lega e Fratelli d'Italia, non riescono da soli a racimolare i numeri per contrapporsi alle  controriforme antisociali e antidemocratiche di Renzi, mentre Forza Italia, è una farsa in disfacimento tenuta in piedi con la flebo per continuare a fornire "numeri" al piccolo Sicario fiorentino. La vera tristezza è che non fanno nemmeno più mistero di voler fare col Nazareno, un diarchia partitica (o forse un partito) alla luce del sole. Siamo ai morti che non si dichiarano tali, per continuare a ritirare la pensione in modo truffaldino. L'ultimo atto di questa farsa tragicomica è l'emendamento del senatore dem Stefano Esposito, che riscrive di fatto l’Italicumpassato alla Camera con i voti determinanti di Forza Italia, detto canguro e che  si è mostrato addirittura un "super canguro":  con un balzo,  fa decadere  35mila delle 47mila proposte di modifica presentate, nei confronti della legge elettorale. Cosa diavolo esiste ancora a fare il Parlamento? 
Pertanto sono perfettamente d'accordo con Ida Magli quando scrive:

Che se ne fanno gli italiani di Forza Italia? Che ce ne facciamo noi - i tanti che amano l’Italia - di Forza Italia? Vogliamo continuare a fingere di essere vivi pur comportandoci da morti? No, basta, basta: di questa Forza Italia non ne possiamo più; dentro il partito sono in molti a pensarlo ed è un dovere avvertire il capo quando sbaglia. Un leader che non ha la minima fiducia nel proprio partito e che ritiene che gli avvenimenti non contino, che il tempo se ne stia fermo fino a quando lui non si muoverà, è veramente fuori dalla realtà, ripiegato sul proprio narcisismo fino a limiti abnormi. Cominciamo dal famoso “patto del Nazareno”, un patto che per gli italiani non esiste in quanto un accordo privato fra due leader politici di cui il parlamento non è stato messo al corrente, è un patto invalido. Per giunta Berlusconi continua a ripetere che è nell’interesse dell’Italia far fare a Renzi le riforme utili alla “governabilità”, evidentemente intendendo per governabilità il minimo di potere ai cittadini e il massimo al capo del governo, ciò che è appunto lo scopo di Renzi in base allo spirito dittatoriale che lo anima: “discutete pure quanto vi pare, ma io farò quello che ho deciso".
( "Inutilità di Forza Italia" dal sito Italiani Liberi). 

I giudici hanno condannato Berlusconi, e in molti dicono che fu una persecuzione giudiziaria. Bene, ora però, che abbiano il fegato di ritenere nullo il suo apporto per le cosiddette "riforme istituzionali" e che si degnino di investigare su questo nefando patto del Nazareno, con ogni probabilità voluto dalle massonerie bipartisan. Non esiste che un condannato sia "legittimato" a scriverle. Specie se nuocciono così tanto ai cittadini. Altrimenti, che abbiano il coraggio di dire apertamente che quelle "condanne"  all'ex Presidente del Consiglio, erano false e mendaci.  Ma torniamo alla becera inutilità di FI. 

Forza Italia non si scandalizza neanche di fronte ai nomi che il Pd, più o meno ufficialmente, fa circolare per la nomina del nuovo Presidente della Repubblica. Si tratta di personaggi di cui tutti i politici si dovrebbero vergognare davanti ai cittadini italiani. Incredibili facce logore, vestiti vuoti, cappotti stinti, pescati nel più vecchio magazzino dei partiti con la certezza che non daranno fastidio a nessuno perché appunto non sono altro, non hanno fatto altro nella loro vita che tenersi più o meno a galla in un partito. Ma dove sta scritto che il presidente della Repubblica deve provenire da un partito? Fra i sessanta milioni di cittadini italiani che sostengono e mandano avanti la società, fra le migliaia di professori universitari che contribuiscono con l’intelligenza, con lo studio, con gli scritti, con le ricerche, alla scienza, alla storia, ad ogni aspetto del sapere; fra le migliaia di maestri nei conservatori e nelle scuole d’arte; fra gli innumerevoli responsabili delle officine e di tutte le istituzioni produttive, non c’è dunque una persona che possa gareggiare con un Castagnetti, con un Casini, con un Prodi, con un Amato? Si vergognino i partiti, si vergogni il Parlamento di mostrare così apertamente il proprio disprezzo al popolo italiano. (art. cit. )

La diaria quotidiana di Amato


Corre inoltre voce che stiano preparando in gran segreto un barbatrucco per rifilarci l'amaro Giuliano in grande segretezza, e al primo turno come un Jolly impazzito. Ce lo chiede l'America.  
Se per salvare le sue terga e le sue aziende, Berlusconi si è abbassato a questa infamia, ebbene, allora sappia che qualsiasi punizione le verrà addosso, non sarà mai abbastanza rispetto al male che ci sta facendo. Che il Pd sia il nemico degli Italiani, è più che evidente. Ha finora sostenuto tutte le manovre richieste da Bruxelles relative alla perdita della nostra sovranità, non solo monetaria. Ma chi ha fatto finta di essere amico dell'Italia, per poi concorrere non poco a distruggerla stipulando patti nefandi col Nemico, non merita più alcuna pietà né considerazione. Forza Italia è ridotta a poltiglia: inutile, pertanto, vantarsi di godere ancora di una forza "determinante" per il "buon governo" (quale?) del Paese. E la riprova consiste nel fatto che evita le elezioni come la peste, perché teme di perdere quei quattro prezzolati che ancora stanno al servizio del capo, nel timore di perdere i sostanziosi emolumenti parlamentari. E' di questi giorni la balzana idea della dirigenza FI (che poi si limita al solo Berlusconi) di ripescare Alfano per fare dei percorsi comuni nella scelta dei "quirinabili". Tra malfattori ci si associa sempre e un Alfano che si è confermato il peggior ministro degli Interni, dopo giravolte, cambiamenti di casacca e tradimenti vari contro lo stesso Berlusconi, è  già pronto ad essere della "partita"  al  quirinalotto,  che passa ancora una volta sulla testa degli Italiani . Del resto FI non è un  vero e proprio partito di centrodestra, ma "una protesi lobbistica a protezione del malloppo del capo". Ecco le testimonianze di come volano le azioni in  Borsa per Mediaset, ogni qualvolta c'è in Parlamento un accordo di FI, puntando tutto sulle scelte di Renzi. Inoltre...


Non si può essere d’accordo con un ministro dell’interno che ha fallito ogni resistenza all’invasione degli immigrati; che comunica con assoluta indifferenza l’orrida realtà della “scomparsa” di oltre 3.600  bambini dai centri di accoglienza, scomparsa che come tutti sappiamo significa che sono finiti nel mercato innominabile della pedofilia e di quello tragico del mercato degli organi (Il libro nero della scomparsa dei bambini, Newton Compton). 
Cosa deve dunque fare un ministro dell’interno prima che l’opposizione ne pretenda le dimissioni? (articolo citato).

Sì, ma la Magli sa perfettamente che FI non è un partito d'opposizione, bensì un partito meschinamente e bassamente "collaborazionista".  Più che di  "inutilità di Forza Italia" parlerei pertanto di utili, ma consapevoli idioti del governo "abusivo" di Renzi. Ciò non toglie che anche gli idioti possano arrecare danni irreversibili. E' ora di smascherarli!

39 comments:

johnny doe said...

E' da tempo che diciamo che ormai il vecchio puttaniere è fuori di testa politicamente....!Forse starà attento ai suoi interessi,non certo a quelli del Paese.
Una cosa indegna per uno che è arrivato a dire "mi sta bene pure un PD come PDR" e che sta consegnando un partito ormai allo sbando al suo figlioccio Renzi.Chissà che ne penseranno i suoi elettori.Fitto ha ragione da vendere nel voler stare all'opposizione,ma non ha il coraggio di uscire unendosi con altri.
Ormai è veramente Forza Renzi.....Una fine ingloriosa!

Nessie said...

Oltretutto impedisce di fatto la costruzione di una vera destra alternativa. Evidentemente serve così: condannato, azzoppato ma pur sempre interessato agli affaracci suoi, in modo da poterlo tenere sotto costante ricatto. Non credo che gente come Fitto, abbia le palle per andare fuori da FI.

Fitto è né più nè meno che il Civati e il Cuperlo di FI.
Le fronde interne servono a mantenere lo status quo e a simulare una "dialettica interna".

Nel mentre i due ladri di Pisa (Renzi & Berlusca) continuano imperterriti a servirci sfracelli.

Massimo said...

Con quello che ha subito il Cav ha diritto a fare quello che vuole, se non altro per recuperare i 600 milioni che è stato costretto a sborsare a De Benedetti e le altre decine di milioni che ha messo per costruire un partito politico. Detto questo ad essere biasimati sono gli esponenti di Forza Italia che restano in quel partito invece di cercare di costruire una alternativa con Salvini e la Meloni (contro i quali è nuovamente attiva la congiura del silenzio, tanto che viene dato più spazio a Grillo probabilmente più funzionale, con le sue esagerazioni e offese, ai giochini del Renzusconi). E tocca agli elettori votare per Salvini e la Meloni, esattamente come in Grecia avrebbero dovuto votare per Alba Dorata e non per Syriza con la quale cadranno dalla padella alla brace.

Anonymous said...

Ciao Nessie, la fu Forza italia previa pistola puntata alla tempia del suo capo oramai ridotto a uno zombie telecomandato è stata trasformata in una propaggine al sostegno del PD. Per fare questo hanno voltato gabbana su tutta la linea per esempio massacrando allegramente gli italiani di tasse. Contemporaneamente hanno la faccia di latta di sostenere che loro sono contro le tasse. Però proprio oggi un sondaggio ho sentito che è stata superata dalla Lega: 15% circa contro il 14%. Ovviamente spero che, quando e se, ci faranno votare dei cialtroni traditori di tale fatta spariscano del tutto. Tra l'altro aduandosi alla linea Il Giornale e più ancora l'orrido Foglio sono diventati delle veline renziane (oltre che della UE, dell'ONU, della "spontanee rivoluzioni", dei golpisti, dei torturatori, degli sterminatori ecc.). Il primo con uno "editoriale" di oggi aveva il coraggio di titolare: "Il partito del Nazareno è la casa del ceto medio". Non avremo i numeri per opporci ma sarà un sollazzo vederli al 3%.
Scarth

Nessie said...

Non sono affatto del tuo parere, Massimo. Se vuole recuperare i soldi di De Benedetti che gli ha usurpato, che lo faccia lontano dalla politica, facendo industria. Si è verificata in pieno la profezia di Montanelli: "la discesa in campo di Berlusconi sarà una iattura per gli Italiani e per sé stesso".
Personalmente non sono così masochista da portare tutte le pene del mondo, solo perché lui vuole rimanere in pista e rimanere in politica collaborazionista con Renzi.Siamo in guerra, e in guerra si puniscono tanto i Nemici che i loro collaborazionisti e lacché.

Tranquillo: avanti di questo passo, saranno senz'altro gli elettori a ridurlo a zero virgola.

Nessie said...

Scarth, Ferrara è una grossa e grassa barzelletta. Non tutte le bombe sono intelligenti. E il suo libro-peana su Renzi, finirà nella spazzatura della Storia.

"Il partito del Nazareno è la casa del ceto medio"? Pazzesco. Perché? Sarebbe pure un partito?

Nessie said...

Quanto agli esponenti di FI che restano in quel partito a fungere da protesi lobbistica a protezione del malloppo del Boss, ho già spiegato che la loro fuoriuscita comporterebbe la perdita di grossi benefits che finora e per ora nessuno vuole perdere.

Johnny 88 said...

Il Banana è ormai una salma, un cadavere senza più dignità politica e personale (non che ne abbia mai avuta molta, va detto). E' semplicemente un vecchio rimbambito. A capo di Farsa Italia ormai ci sono i figli, i quali non hanno la benché minima intenzione di prenderne il posto (se volessero l'avrebbero già fatto da un pezzo) e di tutelare gli affari di famiglia. Per carità, legittimo che Marina, Piersilvio e Barbara cerchino di tutelare gli interessi di famiglia, ma almeno che abbiano la decenza di sciogliere definitivamente il partito

Nessie said...

Perfettamente d'accordo Johnny. Cosa c'entrino gli Italiani e le loro sofferenze con la salvaguardia del patrimonio della famiglia Berlusconi, qualcuno deve spiegarmelo. Se poi lo stesso, per i suoi sporchi interessi, dovesse regalarci pure la Pantegana Amato (1047 euro al giorno per varie pensioni cumulate) , è la volta che merita davvero il gabbio a vita.

La Magistratura e le toghe rosse, devono spiegarci come mai un "condannato" non può portare il titolo di Cavaliere del Lavoro, ma in compenso può "scrivere le riforme con Renzi". In una società dove praticamente non esiste più alcuna riservatezza (streaming, microspie, selfie, registrazioni ecc.) nessuno sa cosa si dicano due privati cittadini in sede extra-parlamentare. E hanno il coraggio di chiamarlo pure "patto del Nazareno".

Nausicaa said...

Va ricordato, e non è mai abbastanza farlo, che Berlusconi e FI ha sostenuto attivamente e operosamente per ben tre volte, tre governi non eletti. I suoi affari saranno pure andati a gonfie vele, ma non è così per i nostri.
Se c'è ancora qualche elettore di centrodestra che soffre di sentimentalismi è bene che si faccia un pro-memoria.

Nessie said...

L'abbiamo detto, scritto, ripetuto e ricordato non so quante volte. Ma evidentemente non è mai abbastanza. E hai fatto bene a ricordarlo una volta di più-

Quanto ai "sentimentaloidi", chi difende oggi Berlusconi mi sembra un povero trombato e derubato dal Superciuk di turno (nella fattispecie, Renzi) che preleva i suoi ultimi soldi dalle sue tasche, per permettere al ricco Tycoon di Arcore, di fare affari in Borsa.

E va sottolineato che con i nostri soldi, spariscono anche i nostri diritti civili e democratici.

Nessie said...

PS: Ovviamente tra quelli che si arricchiscono in Borsa, grazie al governo Renzi, non c'è solo l'uomo di Arcore, ma un pugno di ristretti e altamente selezionati oligarchi, finanzieri & altra bella Compagnia.

Anonymous said...

Renzi no n si fida nemmeno più dei suoi e entra a gamba tesa nel quirinalotto e
fa sapere che il Pd "voterà scheda bianca ai primi tre scrutini", poi un candidato unico

http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11748446/Matteo-Renzi---Per-il.html

Z

Nessie said...

"A gamba tesa" o col passo dell'oca?

Perché qui siamo al candidato unico secco dopo che il quorum al quarto turno si abbasserà necessariamente. In ogni caso se Renzi non troverà l'accordo coi suoi c'è sempre Messere Bunga pronto a sostituirsi ai Piddioti.

Faithful said...

A sostituirsi o a prostituirsi Nessie? :)

Nessie said...

Faithful, tutti e due. Temo che questa settimana ci sarà molto da commentare :-)

Pier Paolo said...

Secondo me in questo nefando patto del Nazareno, c'è da prevedere l'inizio di un eventuale ingresso di FI nell'esecutivo Renzi. Successivamente poi, la nascita di una LISTA UNICA. Del resto l'Italicum in dirittura d'arrivo al Senato, prevede non a caso, un premio alla LISTA e non alla coalizione.
Dunque per vincere senza intoppi contro il M5S e per tenere a freno l'avanzata della Lega di Salvini, sarebbe importante l'avanzata di un soggetto politico unico, di area cosiddetta "moderata" e "popolare" paneuropea. Sul tipo del partito della Cdu della Merkel e dintorni, tanto per intenderci.

Anonymous said...

Nuove modifiche e nuove porcate last minute in arrivo del cosiddetto Italicum.

http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2015/01/26/-l.elettorale-si-senato-emendamento-a-finocchiaro-_a069eff3-c565-443f-8d6a-48e3627be3ac.html

Z

Anonymous said...

Riassumiamo per punti la storia "politica" di B.
1) berlusconi , rimasto "orfano" di craxi, fondo' il suo partito per continuare farsi gli affarcci suoi contando appunto di raccogliere i voti resi anchessi "orfani" da "mani pulite".

2) da allora non B ha piu' voluto ( o saputo ) abbandonare " la politica", visto il gran successo ( e i grandi vantaggi ) ricevuti .

3) un "successo" che pero' ha rotto " le uova" a quelli che avevano apparecchiato per se stessi "mani pulite" e alla fine , nonostante tutte le sue piroette , e' stato "uccellato"

4) Prese le "botte" senza fiatare (perche' e' un "pavido" ) B ha capito subito che per salvare i suoi " affari" ormai doveva restare in politica al servizio di chi lo aveva bastonato

5) il compito di B e' quindi solo di " trattenere" i voti " orfani" che aveva intercettato ed utilizzarli a comando secondo la bisogna di chi lo aveva bastonato. E ci si impegnera' con tutte le sue ciancie perche' sa che quando questo non gli riuscira' piu' perdera' anche i suoi "affari".

Va solo aggiunto che in un normale partito ( vedi LN ) si puo' superare anche l' auto distruzione prodotta dal suo fondatore ; ma non FI perche' esso e'nato come un partito senza idee per raccattare "voti orfani" con tecniche di marketing da convogliare su " politici orfani" ma fedeli "all' azienda". Quindi FI ( come mediaset e tutta la galassia berlusconiana) fara' la fine di tutte quelle aziende fondate da un abile imprenditore ma ormai senile e mai stato incapace di lasciare una "mission" a suoi eredi legali.

ws

Nessie said...

Pier Paolo, più volte il piazzista di elettrodomestici Renzi ha parlato di UN SEDICENTE Partito della Nazione di un'eventuale "terza Repubblica". E' molto probabile che i suoi burattinai "paneuropei" gli abbiano suggerito qualcosa del genere. Nel qual caso, gli utili idioti di FI si rivelerebbero addirittura idioti INDISPENSABILI.

Nessie said...

Z, tra canguri, marsupi e modifiche last minute del cosiddetto Italicum, confesso che ho perso il segno. Ma è proprio questo che si vuole: ingenerare sfiducia nelle istituzioni e rendere le elezioni una Beffa atroce.

Nessie said...

Ws, d'accordo sulla tua analisi circa il Berlusca e purtroppo è una vera iattura per noi.

Se poi dovesse rivelarsi vera quell'ipotesi di voler costituire una sorta di PPE con Renzi, costringendo l'ala scontenta del Pd a fuoriuscire e magari a fare i neo Tsiprioti, lo scenario si ingarbuglierebbe ancor più su modello greco.

Di già, per come stanno gestendo l'elezione del futuro uomo del Colle, si sente odore di truffa e di frode lontano un miglio. La verità è che il coniglio è già bell'e pronto sotto il cilindro.

Nessie said...

PS: volevo dire una sorta di succursale italiota del PPE "forzapiddiota".

roby said...

La vera "truffa" e "frode" consiste nel fatto che Renzi obblighi i suoi a votare x ben 3 volte con scheda bianca e a degnarsi di mettere un candidato unico solo al quarto turno. Qui ha ragione la Meloni. E' evidente che non vuole un candidato al Quirinale "condiviso".

Faithful said...

"Se poi dovesse rivelarsi vera quell'ipotesi di voler costituire una sorta di PPE con Renzi, costringendo l'ala scontenta del Pd a fuoriuscire e magari a fare i neo Tsiprioti, lo scenario si ingarbuglierebbe ancor più su modello greco."

Ma è chiaro in Grecia questa truffa ha funzionato così bene fino ad ora,prima hanno messo a cuccia il "ribelle" Papandreou con qualche congiura di palazzo compiuta corrompendo qualche iscariota (su modello Berlusca) e poi una volta logorate le marionette Papademos e Samaras ecco arrivare la marionetta Tsipras,ovvero dei socialdemocratici cammuffati da "radicaloidi" per meglio (fingere di) rappresentare una rottura col passato.
E non è detto che in futuro una volta logora anche questa marionetta non ne tirino altre fuori dal cilindro con qualche magheggio politico attuato nel frattempo.

Qui potrebbero fare la stessa cosa proponendoci,una volta logora la marionetta pittibimbo,una marionetta di turno di D'Alema come lo era prima Bersani.

Chissà se nel frattempo troveranno la scusa per sbattere il galera anche Salvini e la Le Pen,non escludiamo nessuna ipotesi,questi ci hanno dimostrato che sono pronti a tutto.

Nessie said...

Roby, come ho detto, il "coniglio" è già bell'e pronto sotto il cilindro, ma Renzi deve far finta di fare un po' di ammuina parlamentare che non ha voglia di fare. Lui è un tipino che va di fretta...

Quanto ai nomi circolanti nel "borsino", fanno uno più ribrezzo dell'altro.

Nessie said...

Faithful, spero che la Le Pen e Salvini abbiano fatto semplicemente e solo un po' di "diplomazia", nel congratularsi con la vittoria di Syriza. Sì, perché quella di Tsipras è la solita gauche au caviar in stile Spinelli, Moni Ovadia, Curzio Maltese che si finge anti-euro, anti-austerità ecc. ma che riuscirà a portarci via solo quel bel po' di euroni che abbiamo versato come dei poveri bamba nel fondo salvastati per la Grecia. 40 miliarducci di euro mica noccioline!!!!

Nessie said...

Quanto alle marionette "tarocche" e ai "fake", continueranno imperterriti a piazzarcele lì. Ormai è come dicono le streghe di Macbeth: quel che è vero è falso, quel che è falso è VERO.

Faithful said...

"spero che la Le Pen e Salvini abbiano fatto semplicemente e solo un po' di "diplomazia", nel congratularsi con la vittoria di Syriza."

Probabilmente lo hanno fatto in chiave antieuro visto che comunque,pur restando gli ennesimi eurofili,si sono messi di traverso sull'austerity e sui diktat della Merkel,ma non c'è problema ci sarà tutto il tempo per smascherarli per quello che sono,di certo adesso non hanno più scuse e se continueranno a fare manifestazioni anche stando al governo faranno la fine di rifondazione quando continuavano a fare così anche dentro il governo Prodi.

Nessie said...

Non so da loro in Grecia che composizione abbiano, ma in Italia ai tempi delle elezioni europee, la lista Tsipras era già composta da rottami rifondaroli, Sel e altri guachistes d'élites come la Spinelli. In pratica sono sempre i soliti noti che li fanno girare e rigirare come i fatidici cannoni di Mussolini. Sono d'accordo con questo articolo da Conflitti e strategie:

http://www.conflittiestrategie.it/fatti-uno-tsipras

Nessie said...

... e quest'altro sulla vicinanza di Siryza alla Soros Foundation:

http://www.conflittiestrategie.it/tsipras-e-la-farsa-greca-di-a-terrenzio

Anonymous said...

Quello del Nazareno è uno scellerato patto massonico e ormai lo sanno anche i sassi. Occorre farlo saltare con ogni mezzo, altrimenti vedremo sempre più spesso casi come questo della Boschi che sapeva con anticipo che il governo avrebbe varato un provvedimento sulle banche popolari con enorme beneficio per suo padre. Ma l’impennata più clamorosa l’ha avuta la Banca Popolare Etruria e Lazio di cui è vicepresidente Pier Luigi Boschi, il padre del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi: +66%.

"Ora, poniamo una domanda diretta alla signorina mInistro delle Riforme Maria Elena Boschi: lei, signor ministro, disse qualcosa a suo padre o ad amici di Matteo Renzi circa il provvedimento sulle popolari che era in gestazione? Cerchi di dire la verità, signorina, perchè questa faccenda è molto – molto – seria".

http://www.informarexresistere.fr/2015/01/27/qualcuno-sapeva-in-anticipo-che-il-governo-avrebbe-varato-un-provvedimento-sulle-banche-popolari-enormi-speculazioni/


Cittadino Arrabbiato

Nessie said...

Grazie Cittadino, altro che arrabbiati!

Questa notizia l'aveva lanciata il Nord eppoi è stata ripresa pure sul blog di Grillo, sul Fatto ecc. Ognuno di questi cialtroni disonesti si fa gli affaracci propri, alla faccia dei bischeri che siamo noi. Stiamo tornando indietro di anni luce.

Johnny 88 said...

E alla fine Mr. Bean ha fregato per bene il Banana rifilandogli il Mattarellum. Ben gli sta al vecchio puttaniere, e ora sparisca per sempre lui e la sua ciurma di nani e ballerine

Aldo said...

Sarà un mio limite, ma non riesco a vedere differenze tra mafia, massoneria, "alta" politica, "alta" imprenditoria, "alte" gerarchie religiose, ecc. Qualunquismo, il mio? Boh...

Nessie said...

Johnny, sono contenta se salta il Nazareno, perché ciò contribuisce a fare chiarezza.

Ma la fase 2 è l'eliminazione politica di Mr. Bean, il quale non ha nemmeno crediti politici: non è un parlamentare e pertanto non può nemmeno assistere alle elezioni del Quirinale . Inoltre in perfetto stile da Politsburo sovietico, è stato nominato da Bella Napoli dopo le primarie del Pd. Qualcuno mi deve spiegare che titolo di merito rappresentano "le primarie", per ottenere l'alta carica di Presidente del Consiglio dei Ministri.

Nessie said...

Aldo, è una domanda la tua, che meriterebbe un apposito post. E non è escluso che io abbia voglia di farlo. Per il momento posso solo azzardare un parallelismo fra massoneria e mafia: entrambe società segrete e iniziatiche con tanti gradi di iniziazione (dalla manovalanza in su) e a struttura piramidale.
Più che "alta imprenditoria", io mi soffermerei su "alta finanza". L'imprenditore rischia pur sempre qualcosa e, se non decolla, fallisce e chiude. Ovviamente ci sono delle eccezioni come gli Agnelli che guarda caso militano nel Bilderberg. I quali Agnelli hanno suddiviso le perdite, i rischi con lo stato, ma viceversa hanno sempre privatizzato gli utili.

Di contro, il finanziere è un parassita che scommette sul fallimento altrui. Oggi con l'era globale, arriva a scommettere perfino sul fallimento degli stati. E guarda un po'... ci può pure azzeccare, visto che intenta speculazioni sulle monete nazionali.

Per ciò che concerne le "alte gerarchie religiose", assai spesso fanno parte di consorterie massoniche che ne hanno inquinato lo spirito religioso e spirituale, creando una commistione affaristica pericolosa. E' il caso, ad esempio dei Gesuiti. Ma non solo. Pare che ci siano stati perfino papi "fratelli", come Roncalli (Giovanni XXIII) che apparteneva ad una setta massonica a nome Gedullah, che è una variante dei Rosacroce.

Ad ogni buon conto, la massoneria può attraversare tutte le componenti che hai citato. E oggi lo sta facendo.

Johnny 88 said...

Temo purtroppo che Mr. Bean sia in una botte di ferro, per ora. Ma staremo a vedere. Di certo con Berlusconi ormai fuori causa e Grillo in decomposizione si pongono le basi per creare un'alternativa credibile.

Su Tsipras ho molti dubbi, però ne ha appena fatta una giusta, annunciando il veto alle sanzioni contro la Russia, anche perché sembra che Putin sia molto interessato ad aiutare la Grecia in caso questa esca dall'Euro-lager. Ho la vaga impressione che voglia uscire dall'Euro, ma non farlo direttamente, bensì alzare i toni della polemica con la Germania e Bruxelles fino a costringerli ad espellerlo. Se ci riuscisse lo rivaluterei parecchio

Nessie said...

"Di certo con Berlusconi ormai fuori causa e Grillo in decomposizione si pongono le basi per creare un'alternativa credibile".

In particolare la destra identitaria può tornare a guardare le stelle. E a sperare.

SU Tsipras. Vedremo se lo zio Putin riesce a cooptare qualcosa. Una Grecia geostrategicamente spostata verso Est, potrebbe tornargli in qualche modo utile. Senza contare che una Grecia cinta d'assedio a Bruxelles per la storia dei debiti che vanno pagati e delle "riforme" dettate dalla Troika, può contare giusto sull'arma della disobbedienza alle sanzioni contro la Russia. Vedremo...

Entro sabato aggiorno il blog, perché prevedo un bel ribaltone a 360 gradi.