28 October 2014

Succede solo agli altri







Perché i cittadini pensano che certi misfatti come forzare l'abitazione di qualche povero Cristo che va in ospedale, riguardino solo "gli altri"? siamo tutti "gli altri", e oggi i delinquenti prendono di mira le abitazioni dei rioni più modesti e degradati della periferia; domani, incoraggiati dalla codardia e vigliaccheria generale, possono iniziare anche la scalata dei quartieri chic e residenziali - quelli considerati "sicuri". Siamo già al terzo caso in una settimana di appartamenti forzati nelle serrature e occupati da zingari, opportunamente guidati nelle loro nefande scorribande, da abusivi procuratori di alloggi. Sono avvenuti ben 516 atti di forza in soli sei mesi: un record!

Una poveraccia di 93 anni a Mestre si è vista la casa occupata abusivamente da una zingara incinta che, dopo aver prodotto effrazione e cambiato la serratura, si è messa tranquillamente a fumare alla finestra di un alloggio non suo. Della serie, sono donna, sono incinta e sono zingara (pardon, rom, secondo la correctness) per cui sono INTOCCABILE,  pertanto posso rubarti la casa d'abitazione, ti scassino la serratura, la cambio, la sostituisco e mi piazzo qui con le mie masserizie, anche se su questo alloggio ci paghi regolarmente il fitto.

Scendo nel dettaglio del citato ultimo fattaccio capitato in quel di Mestre (fonte: Il Giornale).

La donna, di 93 anni, vive da sola al piano rialzato in una casa dell'Aler (l'azienda di case popolari di Mestre, ndr) per cui paga regolarmente l'affitto. Mentre era assente da casa per sottoporsi alle cure mediche, però, la figlia ha ricevuto una telefonata dalla vicina di casa: alcune persone erano state viste forzare la portafinestra del terrazzino ed introdursi nell'appartamento.
Giunta sul posto, la figlia dell'anziana non riusciva a credere ai propri occhi: "In terrazzino che fumava una sigaretta c’era una donna in avanzato stato di gravidanza e un bambino", spiega la donna al Gazzettino. Anche di fronte agli uomini delle forze dell'ordine la nomade però ha dichiarato di non avere intenzione di andarsene, sostenendo che, in quanto incinta, nessuno avrebbe potuto toccarla e che le serviva comunque una casa per crescere i due figli.

Chi protegge questi malfattori con la scusa che appartengono a "etnie protette"??! Ci sono protezioni internazionali (ONU, UE) , protezioni nazionali (ministero dell'Interno), protezioni locali (giunte regionali e comunali, in particolare "rosse" - vero, Pisapia? vero Marino? vero Merola?), ong , Caritas, comunità ebraiche.

 A rinforzare il tutto, le solite zecche rosse dei centri sociali che corrono a dar man forte a chi delinque - dei veri e propri collaborazionisti della delinquenza e dell'abusivismo. Loro sì che sono i cavalieri senza macchia e senza paura, deputati a raddrizzare i  torti subiti dai deboli!

E non è tutto. Tra i penultimi fatti, anche quello di un poveretto ricoverato per disturbi mentali residente nel rione del Lorenteggio (Milano) (fonte Corsera). Non ha fatto in tempo ad essere ricoverato che...

Le telefonate tra la polizia e gli ispettori dell’Aler si incrociano poco dopo le 15 di ieri, nel cortile al civico 16 di via Ricciarelli, zona San Siro, dove una donna rom con tre ragazze sta seduta sul ciglio dell’aiuola mentre gli agenti controllano i documenti. Avevano occupato un appartamento. Solo che quando arriva l’esito dell’accertamento l’ispettore scrive sul suo referto: «Violazione di domicilio». Il titolo del reato non è solo un fatto di burocrazia, ma rivela la deriva estrema dell’abusivismo nelle case popolari. Perché quell’alloggio non era vuoto, sfitto, abbandonato. Era invece la casa di un uomo con problemi psichiatrici ricoverato in ospedale. (...)

Nel primo pomeriggio di ieri un’inquilina dello stabile ha visto due donne rom che scendevano le scale trascinando due grossi sacchi neri. Contenevano oggetti dell’alloggio che avevano occupato nella nottata. Era una sorta di prima parte del «trasloco». In questo caso, pur se c’erano minorenni, le forze dell’ordine hanno deciso di allontanare gli occupanti. (ndr: era ora!)


partiti come la Lega, Fratelli d'Italia, i raggruppamenti come Casa Pound corrano a porgere aiuto concreto a questi poveri sventurati, se vogliono conquistarsi sul campo un po' di credibilità politica. La polizia si metta al servizio dei cittadini e non degli abusivi. In caso contrario, deflagrerà la violenza degli  oppressi ed usurpati. I quali non "si sentono" solo espropriati e gettati ingiustificatamente sul lastrico: lo sono.
Giorgia Meloni a MI davanti a una porta bruciata di chi denuncia le occupazioni abusive dei rom


Del resto non si capisce bene perché i cosiddetti "nomadi" si debbano sedentarizzare a spese di onesti cittadini che pagano regolarmente l'affitto, costretti da questo andazzo delinquenziale, all'allontanamento coatto dalla propria dimora, a causa della latitanza e indifferenza di chi invece, dovrebbe far rispettare legge e ordine.


Perfino il TG1 è stato costretto, sull'onda dello sdegno e del malessere popolare, a fare un servizio sul tema. Cade giù dai tremila il sindaco Pisapia, che getta tutta la responsabilità sull'ALER (azienda lombarda di edilizia residenziale). Già, e dov'era finora? Milano è un vero e proprio far west, ma lui si limita a dire che "non ci dorme alla notte".


Mettiamoci bene nella capoccia che questa falsa morale del laissez-faire, ci viene imposta da quelle forze sovrannazionali che ci vogliono espropriare di ogni prerogativa umana, sociale e civile: senza patria, senza lavoro, senza moneta, senza casa, senza beni,  e ora senza più sicurezza, né riparo né incolumità personale. Una non nazione che ha smarrito le sue chiavi di casa, lasciando entrare oves et boves, ma che acconsente al furto della  casa ad anziani e a malati, merita solo il più profondo disprezzo ed esecrazione. Poi possiamo pure parlare di responsabilità più vicine, come quelle di amministratori  locali dal buonismo malvagio

Oltretutto, sembra che gli usurpati non possano rivolgersi nemmeno  più alla polizia per avere ragione di questo stato di cose. Spesso dorme anche quella.  Gli agenti di polizia si degnano infatti di intervenire solo quando il vicinato esasperato brandisce bastoni. E pare che l'unica via persuasiva per far sloggiare chi commette tali reati, per ora, sia solo il furore degli abitanti passati alle vie di fatto, per l'esasperazione.  
Siamo alla caduta e alla capitolazione totale dello stato di diritto. 


Qui, un'altra protesta cittadina: http://www.milanopost.info/2014/10/04/occupazioni-abusive-le-istituzioni-latitano-i-cittadini-protestano/

46 comments:

Massimo said...

A Bologna è di questi giorni la storia di una palazzina occupata in Viale Aldini, una zona ai piedi della collina, certamente non "disagiata". Con sorpresa ho visto che i proprietari, nell'assenza di azione da parte delle Forze dell'Ordine (non per colpa loro ma perchè hanno le mani legate dai garantisti a sproposito) hanno offerto, in cambio della palazzina, alcuni appartamenti, altrove. Io avrei preferito che avessero assoldato dei "Contractors" per liberare la loro proprietà. Sarebbe stato un forte segnale di ribellione che avrebbe confortato molti altri cittadini che potrebbero trovarsi nelle medesime situazioni, senza però avere appartamenti da offrire in cambio.

Nessie said...

E' pazzesco quel che racconti, Massimo. Significa che si lascia passare la licenza di una prelazione illecita. Gli Italiani dormono in macchina a causa di sfratti, banche che requisiscono alloggi di proprietà se non finiscono di pagare i mutui, mentre gli stranieri godono pure della munificenza di "benefattori", come i pirla di cui mi racconti.

Della serie, mi occupi l'alloggio e io ti do il premio.

Anonymous said...

Cominciamo col dire che se le Forze dell'Ordine non sono in grado di adempiere al proprio dovere istituzionale, vanno sciolte. Se i cittadini devono mobilitarsi per surrogare le istituzioni e magari vengono perseguiti perche' lo fanno, allora vuol dire che si vuole perseguitare il cittadino per favorire lo straniero. In realta' e' proprio cosi', e lo vediamo da tempo, ma ogni singolo operatore delle FdO che non concordi con la politica di questi governi di traditori ha una sola possibilita' per tirarsene fuori: dare le dimissioni. Altrimenti, faccia il suo dovere oltre il dovere: se la benziana non c'e' vada a piedi; se in taluni casi il tal magistrato non da l'autorizzazione a procedere, scelga le vie che ben conosce chi lavora sulla strada; cerchi la collaborazione dei cittadini che non sono vincolati a procedimenti assurdi; chiuda un occhio sull'ordinaria amministrazione se questa riguarda i "veri italiani". Tanto questi faranno "italiani" pure i cercopitechi che vivono in Nuova Zelanda; quindi prima o poi bisognera' necessariamente ricorrere ai tanto vituperati criteri razzisti.

Mentre i poliziotti decidono da che parte stare, i cittadini si mobilitino il piu' possibile ed acquisiscano un numero tale che scoraggi gli invasori anche solo dal pensare di fare cio' che fanno. Questo solo per iniziare, ma e' evidente che ormai ci hanno portata la guerra in casa come paventavamo anni fa.

Il sauro

johnny doe said...

Non dirmelo...poco tempo fa è successo a mia sorella....una decina di giorni fa,mi è suonato l'allarme e sono uscito col fucile....non ho trovato nessuno nel giardino antistante,ma gli avrei sicuramente sparato,almeno alle gambe...non mi interessano le conseguenze...è ora di finirla!
Sempre in libertà gente beccata sul fatto....a volte poi penso che sarebbe meglio sparare a qualche giudice e a qualche cazzaro che ci governa.

Aldo said...

Occorre assicurarsi di potere disporre di "contatti" nel mondo di quelli che un tempo erano definiti "poco di buono". Persone senza troppi scrupoli, disposte a menare le mani a pagamento. Personalmente coltivo come preziosi i miei buoni rapporti con alcuni ex-alunni, attualmente poco meno che trentenni, che non sono propriamente degli "stinchi di santo" ma che mi ricordano con un rispetto che non mancano mai di manifestare. Chissà che un giorno i loro servizi possano tornarmi utili, accordandosi ovviamente sulla cifra.

Nessie said...

Ciao Sauro, te lo saresti aspettato in anni che scriviamo di queste cose, che saremmo arrivati ad averci, come dici, "la guerra in casa" quasi quotidianamente?!? La realtà supera perfino le più fosche previsioni.

I poliziotti purtroppo si mostrano caini e maramaldeschi solo con la popolazione nativa. E' di oggi la notizia di un povero esodato costretto a campare di lavoretti saltuari, al quale la polizia ha sequestrato l'auto nella quale dormiva (la casa non ce l'ha più), perché non in regola con il tagliando dell'assicurazione. Alla zingara incinta alla finestra non le hanno torto un capello e se è dovuta sloggiare dall'appartamento NON SUO, è stato a causa delle rivolte dei cittadini del rione di Mestre.
Vero il fatto che se le forze dell'ordine non sono in grado di far rispettare legge e ordine, non resta che sciogliere il corpo di polizia. Dopo aver spiegato alla popolazione che cavolo succede.

Sì, perché occupare un appartamento non suo significa
a) effrazione e furto con scasso
b) violazione di domicilio
c) turbativa della sicurezza e incolumità di un quartiere

...e si deve spiegare come mai CHI COMPIE SIMILI PORCATE non finiscono mai in galera!

Nessie said...

Johnny, era un semplice furto (come mi avevi raccontato già in passato) o c'era la sostituzione della serratura e l'occupazione abusiva dell'immobile come è avvenuto nelle zone milanesi del Lorenteggio?
Sì,perché ora l'escalation rispetto ai semplici furti è addirittura peggiorata. Ora siamo alla confisca delinqunziale dell'alloggio con cambio di serrature. Altro che fucilate!

Nessie said...

Aldo, è un'ipotesi tutt'altro da scartare la tua. Qua ormai è chiaro che l'onestà e la legalità dei cittadini, NON PAGA.

Ormai però, stanno addomesticando perfino la curva degli stadi, se ci hai fatto caso, con le campagne "antirazziste".

Anonymous said...

Giorgia Meloni in visita presso le case Aler denuncia il lassismo di Pisapia

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/14_ottobre_27/giorgia-meloni-case-aler-degrado-colpa-pisapia-ccd16a5e-5dcd-11e4-8541-750bc6d4f0d9.shtml

chi denuncia gli abusivi si può trovare perfino la porta di casa data alle fiamme per rappresaglia

Z

Anonymous said...

Una precisazione. I reati di cui si tratta sono quelli tipici degli zingari. I campi nomadi ricevono l'autorizzazione delle istituzioni e le rispettive comunita' ricevono sussidi pubblici. L'attivita' storica di questi soggetti viene negata in ogni modo da politica e istituzioni. La conclusione e' lampante: le istituzioni finanziano i nomadi perche' facciano il loro lavoro. Se questo e' vero, l'attendersi un autentico contrasto alla criminalita' proprio da parte di chi la promuove, e' stupido. Come per l'immigrazione incontrollata, il problema della gestione dell'ordine pubblico diviene sempre meno gestibile perche' a monte non si controlla chi entra e chi esce. Il Ministero dell'Interno trova giustificazione a questo stato di cose prendendosela con Gl Esteri e la Difesa. In realta', nessuna di queste istituzioni fa il lavoro che dovrebbe fare con i pretesti piu' vari e fantasiosi. Ovviamente, sono sempre i piu' deboli i primi a soccombere sotto l'assalto di questi sciacalli. I nostri referenti politici trattano i nostri poveri come carogne da smaltire sulle quali si accaniscono furiosamente in ogni modo possibile istituzionalmente, economicamente e, dulcis in fundo, autorizzando attivita' criminali tra le piu' abbiette mai conosciute. La risposta ad un simile attacco concentrico deve essere ormai militare, dopo aver ormai esaurite tutte le speranze di cambiare lo status quo per via democratica.

Il sauro

Nessie said...

Zeta, ho visto la foto della Meloni davanti alla porta bruciata di chi si ribella e denuncia. Siamo il Paese della Mafia e dell'Antimafia, ma queste esecrande azioni di andare a fare rappresaglie simili a chi denuncia l'abuso, arrivo a dire che non hanno nulla da invidiare agli avvertimenti mafiosi con le teste di bue o di altri animali davanti alla porta di chi non pratica omertà col crimine.

Nessie said...

Sauro, temo anch'io che di fronte ad un attacco concentrico simile l'unica risposta sia una violenta ribellione. POiché "violento" è l'attacco. Ieri hanno bastonato 4 operai della Thyssen . Chi perde il lavoro viene randellato, chi entra illegittimamente dedicandosi al crimine e ad ogni tipo di abuso, invece, viene "accolto" e si tollera ogni atto delinquenziale. Ieri la polizia ha fatto capire che non potevano varcare la linea che separa con la stazione Termini. Mentre la linea che ci separa dall'Africa è sempre alquanto labile.Addirittura andiamo a prelevarli. Se i lavoratori italiani che stanno perdendo il lavoro, non aprono gli occhi nemmeno più di fronte alle randellate che ricevono, allora non può esserci alcuna speranza.

Johnny 88 said...

La cosa peggiore è che questi personaggi sono spesso spalleggiati nelle loro "occupazioni" dalle italianissime zecche dei centri sociali. Quelli che sor Pampurio dalla Pampas ha ricevuto con tutti gli onori l'altro giorno per intenderci

Anonymous said...

finche' i milanesi continueranno ad eleggere un "pisapia" e gli italiani un "renzi" ( non che i"moratti" e "berlusconi" fossere molto diversi eh :-)) questo avranno meritatamente.
Ed e' pure giusto che si venga " sostituiti " da questa "gente" , per i fessi a questo mondo non c' e' posto
.
ws

Faithful said...

"La risposta ad un simile attacco concentrico deve essere ormai militare, dopo aver ormai esaurite tutte le speranze di cambiare lo status quo per via democratica."

Fosse così facile,purtroppo la storia insegna che persino le giunte militari a volte sono telecomandate dagli USA che fanno e disfanno a loro piacimento come con i talebani e l'ISIS (vedi alla voce Panama).

Nessie said...

Johnny88, le utenze predilette da Pampurio sono tutte quante, tranne i veri e buoni cristiani. E' di oggi l'esternazione entusiastica di Elton John nei suoi confronti.

Aspettiamo l'Osanna di Lady Gaga, la massonaccia.

Nessie said...

Ws, sempre cinicamente laconico, ma veritiero.

La Moratti teneva la porta dischiusa, mentre Pisapippa la tiene spalancata. La differenza è questa qua. Purtroppo c'è stato anche chi ha provato a chiudere i campi nomadi, col risultato dell'applicazione della Mancino da parte della Magistratura, per chi l'ha fatto.

Nessie said...

Faithful, in linea di principio è vero ed hai ragione. Ma penso che il Sauro, volesse alludere ad atti di forza sostenuti da forze militari nazionali. Cose che ce le possiamo scordare, con l'Eurogendfor in costruzione, la quale tende semmai a liquidarle e a dissolverle.

Nausicaa said...

Finalmente anche stasera la Rai si decide a rompere la congiura del silenzio intorno a questa sconcezza. Anche a Virus Nicola POrro ne ha parlato a lungo.
La Lega è in prima fila per contrastare questo s
fenomeno. Non bisogna demordere nel ripristinare la legalità. Qui ci vuole l'esercito oramai

http://www.lapadania.net/Detail_News_Display?ID=5255&typeb=0&Case-occupate-Salvini-i-vigili-non-bastano-mandiamo-l-esercito

Nessie said...

Peccato non aver visto la puntata! Ero fuori e sono rientrata da poco.
Se la Lega non sa distinguersi su queste battaglie, allora può pure chiudere bottega. E' obbligata a farlo, se vuol guadagnare consenso.

Vergognosi però i pisapippini e il Sel nel tenere bordone a scassinatori, ladri e abusivi d'ogni risma!

Johnny 88 said...

Ah, Elton John fa i complimenti a Bergoglio? Strano, perché sui rom mi sa che il gaio baronetto e il sor Pampurio non van molto d'accordo. Quando Elton John è venuto dalle mie parti tre anni fa ha fatto sgomberare i rom che davan fastidio al pubblico in uno schiocco di dita. Probabilmente il sor Pampurio all'epoca l'avrebbe scomunicato per "rassismo"

Nessie said...

Ehm, ma non si può mettere d'accordo tutto e tutti, evidentemente ;-).

So che la froceria dello show biz è tutta bergogliana. Salvo poi prendere le loro precauzioni contro i furti. Cosa che, del resto, sa fare benissimo pure il Vaticano, gran maestro d'ipocrisia.

Aldo said...

In questo articolo viene offerta una spiegazione di tipo etologico alle ragioni per le quali "i poveracci" sono i primi a rimetterci. A voler vedere, sono semplici ovvietà, ma tante volte preferiamo non intraprendere quella linea di pensiero.

Aldo said...

"atti di forza sostenuti da forze militari nazionali"

Occorre non dimenticare chi è che impartisce gli ordini a quelle forze militari. Come si fa a riporre le proprie speranze nel braccio armato degli stessi che permettono e agevolano le nefandezze descritte nel post? Se il braccio armato istituzionalizzato alzerà la propria mano, sarà contro gli stessi obiettivi contro i quali già si stanno accanendo le dirigenze. In particolare, quella mano colpirà chi eventualmente dovesse tentare una reazione "in proprio" (avete sentito della prossima adozione delle pistole elettriche? secondo voi chi sarà ad essere "elettrificato"? Le "nuove risorse"? Eh...

Nessie said...

Aldo, è evidente che siano i poveracci i primi a rimetterci. Anche i furti di un paio di scarpe da ginnastica o di una semplice tuta da ginnastica rubata da uno stendibiancheria nei quartieri poveri delle periferie urbane (Milano, Torino ecc), per chi ha poco, rappresenta molto.

Ho letto l'articolo, ma sulla "felicità del Masai" mi permetto di dubitarne. I popoli nomadi sono meno depressi perché tutti tesi alla sopravvivenza immediata. Durante le due guerre mondiali, nessuno si suicidava, perché il clou era sopravvivere ad un pericolo incombente.

Nessie said...

Aldo, allo stato attuale è più che probabile che gli ordini alle eventuali forze militari nazionaliste, verrebbero dati altrove. E magari ci dovremmo accontentare di nazionalismi tarocchi.

Del resto ne abbiamo già uno in parlamento: Grillo e il suo M5S. Fa il "sovranista", ma è telecomandato.

Dovresti chiedere meglio al Sauro, che ha lanciato la proposta, non alla sottoscritta.

Aldo said...

Nessie: sulla "felicità del Masai" mi permetto di dubitarne

Io pure, ma a me non è parso quello il punto focale dell'articolo.

Faithful said...

OT:

L'africana tanto coccolata dai giornalai di "quellichecontano" ci fa sfoggio dell'arricchimento culturale noto come "democrazia africana"

http://www.imolaoggi.it/2014/10/30/kyenge-pd-vietare-per-legge-che-la-lega-si-presenti-alle-elezioni/

Nessie said...

Non credo che la Kyenge verrà ascoltata. Sarebbe la volta che la Lega sbaraglierebbe tutti i suoi avversari.
Cercheranno di neutralizzarla con altri metodi...più "democratici" e sofisticati.

Faithful said...

Immagino,come fecero ai tempi di Monti per convogliare quei voti verso il molto più comodo Grillo,è la solita tecnica Panama/Berlusca:prima sputtana il tizio da far fuori per non rischiare rivalse in suo nome e poi lo fai fuori o si fa fuori da solo con tutta calma,tuttavia nel caso questo non funzionasse l'extrema ratio non è da escludere..

Faithful said...

E ancora..

http://www.youtube.com/watch?v=BGQmGL3oxc4

Ma il "bovero arabeddo" non doveva essere tanto dolce e buono?Falsi come giuda loro e chi li protegge.

Anonymous said...

"Militare" sta per armata. Del resto, il nostro esercito e' ridotto a poco piu' di un terzo di tutte le forze dell'ordine messe insieme e i reparti speciali sono distribuiti all'estero in circa 25 missioni di "pace". Salvini e' un brav'uomo, ma di queste cose non capisce nulla. L'esercito lo devi rifare da zero con reclutamento pubblico. Niente di segreto.

Anonymous said...

La conferma che il nostro NON è uno stato di diritto né un posto dove si rispettano i diritti minimi è quotidiana praticamente su ogni versante. Qui il Potere, quello vero, fa ciò che vuole come vuole quando vuole.
La facciata resta in piedi solo perchè puntellata da tonnellate di retorica, silenziamento e minimizzazione su scala industriale di ciò che non è funzionale al regimetto e repressione neppure troppo mascherata.
Però come si è già tragicamente notato questo stato di cose STA ASSOLUTAMENTE BENE alla maggioranza degli italiani sapientemente guidata all'ovile dai media altrettanto di regime.
Scarth

Nessie said...

Scusa Faithful, tutta la mia solidarietà alla povera magrebina aggredita dai suoi connazionali, ma con tante ragazze italiane belle e non problematiche, 'sto veneto doveva andare a pescarsi proprio lei?
E' ora di aprire gli occhi sui matrimoni e legami misti e quel che comportano tanto per i maschi nostrani che per le femmine nostrane.

Nessie said...

Sauro (h. 12, 52 pm) da quando non ti registri più come Pseudosauro, spesso e volentieri ometti la firma dei tuoi commenti:-) Comunque quel che proponi sembra facile, ma non lo è.

Nessie said...

Scarth, mah...

Intanto non è vero che il NWO sia un "regimetto", ma è una vera e propria pianificazione su scala globale che non trascura niente, nemmeno i dettagli.
Poi su questo specifico tema degli espropri di alloggi, non mi pare che non ci siano state reazioni. Anzi, in molti casi i cittadini angariati sono stati anche più vigili, coraggiosi e combattivi di coloro i quali avrebbero dovuto difenderli (Aler, sindacato inquilini, forze dell'ordine ecc. ).

Nessie said...

PS: ora finalmente se ne occupa anche la stampaglia sempre complice con gli abusivi di nome "rom", con cronache edulcorate in stile "guerra tra i poveri":

http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/ogni-giorno-lorenteggio-san-siro-centinaia-milanesi-escono-87755.htm

Questa non è una semplice "guerra tra poveri" ma tra autoctoni e allogeni.

Anonymous said...

Nessie, se fosse uno stato di diritto di fronte ad un reato immediatamente e facilmente constatabile (spero non occorra un "maxiprocesso" di durata trentennale per verificarlo...), un reato direi a prova di "rigiramento di frittata" e di doppiopesismo, la VITTIMA sarebbe immediatamente tutelata e il suo diritto IMMEDIATAMENTE ripristinato senza se e senza ma. E i colpevoli immediatamente impediti a nuocere e a reiterare. Invece si verifica quanto hai descritto alla faccia delle VITTIME cioè della parte più debole, indifesa e scomoda. E chi lo permette/causa è proprio lo Stato nelle sue varie manifestazioni e comportamenti: quindi NON vige alcun rispetto dei diritti civili basilari.
Lo stesso vale sulla libera circolazione tranquillamente permessa a persone molto pericolose colpevoli di decine di reati anche violenti.
Sul "regimetto" era solo sarcasmo poichè il suddetto è in effetti il più raffinato & diabolico dei regimi.
Scarth

Faithful said...

@Nessie

Il video era per far vedere che questi qua se la prendono pure con i loro conterranei se osano farsi vedere in giro col "bruddo uomo biango",con buona pace degli eugualitaristi ad oltranza che siccome ci hanno fatto invadere da mezzo mondo allora pensano di vivere in un inesistente "fratellanza universale".
Per il resto evidentemente il fenomeno è diventato troppo esteso per continuare a nasconderlo,e difatti adesso si passa direttamente al depistaggio con la sempreverde formula della "guerra tra poveri",un modo per dirti "poverini quelli che fanno così solo perchè sono disperati,non te la prenderai mica con loro vero?" e "chiunque fosse povero,anche se milanese da centinaia di generazioni,farebbe così",se notate bene è una formula che viene utilizzata praticamente sempre quando degli stranieri combinano casini in casa altrui,per dire lo fecero anche con l'estremismo islamico nonostante Bin Laden fosse uno degli sceicchi più ricchi di tutta l'Arabia Saudita.

Nessie said...

Scarth, stasera perfino la rete ammiraglia del TG1 è stata costretta a parlare di vero e proprio "assedio" subito da onestissimi cittadini milanesi da parte di plotoni di zingari che aspettano in gruppo sotto case legittimamente abitate e legittimamente pagate negli affitti.

Si vedeva questa "racaille" di abusivi malviventi e delinquenti parlottare, scambiarsi dritte circa la possibilità di
fare blitz nella lingua nomade, nel mentre fumano, si ubriacano e lasciano nei dintorni ogni genere di immondizie come bottiglie vuote, cicche, rifiuti e schifezze in disprezzo dell'ambiente e del circondario. Un vero schifo nello schifo. E' uno sconcio che i cittadini onesti, rimanere prigionieri chiusi in casa nel timore degli assedi, con bambini cresciuti lì nella paura che ne vedono e ne sentono di tutti i colori.
Perfino quel lurido pornosito di Dagospia che mette scambisti, orge in primo piano,che spara titolacci ad alzo zero, si limita a "silenziare" i titoli col narcotico, quando trattasi di zingari.

Macché guerra tra poveri d'Egitto!!! Sono tutte cronache ipocrite e fuorvianti. Questa è la sporca guerra che gli immigrazionisti senza scrupoli ci hanno portato in casa per abbattere e fiaccare il morale di brava gente, di gente onesta che fa sacrifici per tirare avanti, mettendogli alle calcagna delinquenti, criminali arroganti e senza scrupoli, zecche ignobili e parassiti che si fanno un baffo dell'onestà e della legalità.

Guarda, mi prudono proprio le mani nel vedere simili immonde ingiustizie continuare imperterrite a perpetrarsi.

Nessie said...

Faithful, l'ho appena scritto a Scarth: la famosa "guerra tra poveri" è un depistaggio per mentecatti. Qui i veri poveri ci sono sì, ma siamo noi, gli Italiani.

Stasera una povera studentessa alla Bocconi è stata violentata da un egiziano in uno scantinato. Era un fumato spacciatore, ovviamente. Ormai veniamo aggrediti da rettili che sbucano da tutti i buchi e da tutti gli anfratti.

Anonymous said...

Naturalmente lo stupratore egiziano gode dell'anonimato perfino dal Giornale:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/due-aggressioni-tre-giorni-milano-allarme-sicurezza-1064274.html

e si chiama Mahmoud H, cioè co nnome fittizio.

Z

Aldo said...

Io ribadisco: la soluzione è rinsaldare i legami col vicinato e stipulare taciti accordi di mutuo intervento. Tipo "se ti occupano la casa interveniamo in dieci e 'sfrattiamo' l'invasore". In tanti, non serve neppure la violenza: per sbattere di casa a suon di calci e spintoni basta la vigorìa. Francamente, se un tuo amico o parente ti chiedesse man forte per intervenire in gruppo, sollevare di peso due o tre occupanti e sbatterli in strada con le loro luride cose, non parteciperesti? Ovviamente, la precondizione è non informare le cosiddette forze dell'ordine. Occorre parlare di queste cose con i propri vicini, stringere accordi non formali, offrirsi reciproco appoggio. Si può. E mi sa che si deve.

Nessie said...

Sì, si può e si DEVE. L'essenziale è non fare troppo rumore intorno alla cosa. Te le ricordi le ronde padane? Sono finite nel nulla, perché i governi e chi per loro le vietarono.

Aldo said...

Potrebbe essere un suggerimento intelligente per "rinverdire" l'immagine dei centri d'aggregazione "destrorsi"... Insomma, una specie di Leoncavallo al contrario. Sottovoce, ovviamente.

Nessie said...

Ci sono già i centri sociali "di destra". E si chiamano CasaPound. Mi dicono che siano molto attivi su temi come questi.