27 April 2012

La Severino: I blog possono fare più danni dei giornali



Ci riducono con le pezze al culo, ci lapidano di tasse, fanno entrare oves et boves nel nostro paese, arrestano chi si difende da rapinatori armati stranieri mentre scarcerano i delinquenti, tolgono industrie piccole, medie e grandi, commerci e artigianato continuando ipocritamente a parlare di "crescita",  e ora dulcis in fundo? La mordacchia ai BLOG
Non c'è che dire: questa degli abusivi è  una giunta golpista e delinquenziale. Non chiamatelo governo.  Tanto vale per noi blogger trasferire i provider in Cina o in Iran, vista la loro  conclamata "democrazia". A dire la verità quella del controllo  della rete è un vecchio pallino di vari governi di "sinistra" e di "destra" (da Prodi ad Alfano). Ricordate l'idea di Ricardo (con una c) Franco Levi?  Ora la giunta dei "colonelli tecnici" ci riprova, forte del consenso di una legge "europea".
E sentite cosa dice la Severino (e cioè la scarceratrice di pregiudicati a scopo svuotamente delle carceri per motivi "umanitari"):
"I blog possono fare più danni dei giornali», ha detto Severino (ndr: si noti l'eliminazione dell'art. determinativo femminile da parte del cronista del Corsera, in ossequio alla Fornero)   accennando a una regolamentazione in sede di Unione Europea per evitare ch i provider si possano trasferire in Paesi dove le maglie della legge sono più larghe. «Il cittadino ha il diritto di interloquire con un altro. Ma deve seguire le regole», , ha detto il ministro creando non poco scompiglio nel mondo digitale dove i tweet sono subito impazziti. «Scrivere su un blog non autorizza a scrivere qualunque cosa, soprattutto se si sta trattando di diritti di altri. I blog hanno capacità di diffondere pensiero ma questo non deve trasformarsi in libertà di arbitrio», ha ripeuto Severino che appunto prevede presto una forma di regolamentaziome. Anche se sarà «difficile pensare a un'obbligo di retifica nei blog» (notare gli errori di ortografia del cronista Corsera). E conclude con un monito: «Sappiate che quello che voi fate ad altri potrà essere fatto a voi. Cominciate ad autoregolamentarvi».

Temo che la Severino sia in cerca di nuovi prigionieri per le future carceri del NWO: fuori i delinquenti, dentro i blogger poco allineati al pensiero Unico. La loro ipocrita missione della "falsificazione del Bene" sta cercando di edificare  nuovi Muri repressivi con sempre nuovi mattoni.

36 comments:

Josh said...

dal testo di (...?) Severino:

"I blog hanno capacità di diffondere pensiero ma questo non deve trasformarsi in libertà di arbitrio"

Non deve trasformarsi in "libertà di arbitrio" (pessima espressione in lingua italiana) nemmeno la permanenza al governo di questi techno-massoni, rovina d'Italia...
e invece è tutto un arbitrio di tasse, trattamenti esosi e varie del tutto illogiche calamità che non causano solo crisi e affossamento dell'Italia, ma hanno già causato varie morti tra poracci, imprenditori, tassati-ricattati.

Si credono tanto super questi qui, ma in fondo sono solo una sorta di assassini o al più di specialisti dell'induzione al suicidio.

«Sappiate che quello che voi fate ad altri potrà essere fatto a voi. Cominciate ad autoregolamentarvi».

perchè (...?) Severino non prova a rigirare a se stessa e a tutto il governo dei non eletti delinquenziali il senso di questa frase, visti gli scempi che stanno operando contro la gente e le morti che hanno causato?

"tecnici" incapaci, servi di banchieri privati e venduti ai poteri esteri, per di più con le mani sporche di sangue.
In una società civile non avrebbero nemmeno più diritto di parola.
Punto.

Nessie said...

Sarà unpolitically correct parlare di handicap fisici, ma un ministro di Giustizia con un braccio in meno, a tutto fa pensare fuorché all'equilibrio della giustizia stessa. In certi caso, Lombroso ha ragione. NOn te la prendere Josh, e risparmiati il mal di fegato che occorre rimanere lucidi.

SILVIO said...

Storicamente (e la Storia moderna e contemporanea non mentono mai) uno dei capisaldi che induce terribili sventure a chi attenta ad essi è la brutale limitazione del diritto d'opinione.

Ciò è capitato persino nei regimi totalitari, supportati dall'onnipotente casta militare .

Figurarsi in qual misura capiterà al braccino corto della Severino, ministro mai eletto dal popolo e prescelto indirettamente dal “Komunista preferito di Kissinger”, ancora per poco domiciliato al Colle più irto di Roma.

Occhio, mrs. Severino ! Impari dalla Storia!

Nessie said...

Silvio, purtroppo questa "giunta" anche se non viaggia coi cingoli e non indossa divise è altrettanto temibile. Certamente se questa proposta indecente verrà messa "a regime" (mai termine fu più appropriato) sarà la goccia che farà traboccare il vaso. Ma intanto per ora nella sventura ci siamo dentro tutti. Togliere ossigeno economico alle famiglie e togliere ossigeno al diritto di opinione è una mistura letale.

Huxley said...

Intanto nella Landofthefree (?!?) approvano il CISPA:

http://www.techeconomy.it/2012/04/27/cispa-il-controverso-disegno-di-legge-approvato-dalla-camera-dei-rappresentanti-usa/

In qualità di protettorato degli USA mica possiamo non adeguarci.

Lo PseudoSauro said...

E allora che si occupino dei giornali questi cazzoni. Scusa ma non ne posso davvero piu' di questi soggetti che sembrano piovuti da Marte.

Nessie said...

Piovuti da Marte?! Venuti dall'Inferno vorrai dire, Sauro. E poi mi dici che interesse avrebbero i golpisti a occuparsi di giornali fin troppo supini e proni ai loro interessi?

E' più che evidente: la guardasigilla sa bene che dalla stampaglia non ha proprio nulla da temere.

Josh, dimenticavo anch'io che quel "libertà d'arbitrio" fa ridere i passeri. Ma questa non è gente interessata al dolce stile italiano.

Josh said...

@Nessie:
"...quel "libertà d'arbitrio" fa ridere i passeri."

eccome, è che sono abituati a perpetrare arbitrariamente arbitrio su arbitrio contro il libero arbitrio dei cittadini indifesi: ecco che così confondono forma con sostanza e non sanno più parlare, perchè si sbugiardano da soli nella solo falsità, ipocrisia, rapacità.

Angelo D'Amore said...

la rete e' l'unica forma di espressione democratica rimasta libera. per tale motivo preoccupa i potenti. ieri gli affaristi di palazzo, oggi gli stagionali funzionari dell'ue.

Nessie said...

Angelo, rilancio a te e ad altri blogger: riprendete il discorso nei vostri blog. Questi qua ci vogliono non solo ridotti in miseria ma muti, sordi e lobotomizzati.

Nessie said...

Letto il link Huxley. Ancora una volta in nome della "sicurezza" si fanno sfregio del concetto di riservatezza. I ns. servi, andranno dietro a ruota.

johnny doe said...

Lo scopo é ovvio: in pratica i bloggers sono gli unici veri oppositori del regime,che parlano e informano dei veri problemi e non della propaganda che vogliono farci bere.
Si vede che cominciamo a dar fastidio.
Tutto quello che da mesi abbiamo preconizzato di negativo fin dai primi atti del governo,si sta puntualmente verificando.
Noi miseri bloggers,contro legioni di economisti che ora dicono le stesse nostre cose,contro una stampa che ha definitavente abbandonato i toni trionfalistici tributati a questo governo.....insomma un po' contro tutto l'establishment ridicolmente prono al Salvatore,ora un po' meno.

Avevamo ragione noi.

SILVIO said...

La “Severino” è una pulce politica che presto verrà estirpata dallo scenario italiano per cui dovrebbe meritare la medesima considerazione che normalmente prestiamo a tali parassiti.

Purtroppo, non è così dal momento che anticipa quel che sta maturando dietro le quinte contro la Rete ad opera di un pericoloso nemico: le Nazioni Unite.

Ne dà conto “ The Wall Street Journal” in un articolo scritto da Robert M. McDowel , titolato “ La minaccia delle Nazioni Unite per la libertà di Internet” :
http://online.wsj.com/article/SB10001424052970204792404577229074023195322.html
ove si narra che 193 Stati membri dello ITU (= International Telecommunication Union) – capeggiati da Russia, Cina ed altri) – intendono rinegoziare il trattato 1988 (firmato in Australia) per porre lacci e laccioli alla blogasfera , imbavagliandola.
Ciò, sotto l'egida delle Nazioni Unite.

Ergo. Il totalitarismo avanza (apparentemente) inarrestabile al punto da indurre John Pilger ad esclamare : “Siamo ora tutti considerati potenziali terroristi. Che si fa ?”
http://www.johnpilger.com/articles/you-are-all-suspects-now-what-are-you-going-to-do-about-it

Forse John Pilger esagera anche se desta inquietudine la notizia che la “Homeland Security” Usa abbia ordinato la fornitura di 450 milioni di proiettili calibro 40 per i suoi agenti.
Per farne che? Per far la guerra al popolo americano che scende in piazza a protestare?
http://www.naturalnews.com/035649_DHS_ammunition_domestic_war.html

Marista said...

Secondo la migliore tradizione di questo Governo abusivo, la Severino ha fatto un momentaneo passo indietro: se non sbaglio , vado a mente, ora afferma che lei in realtà stava esprimendo solo una opinione ed un invito al buon senso, si dice assai meravigliata delle reazioni dei blogger. Sorvola quindi , per ora, sulle velate minacce contenute nel suo intervento... "quello che fate ad altri potrà esser fatto a voi, cominciate ad autoregolamentarvi"
Tirano il sasso e nascondono la mano, ma non credo siano incapaci, credo piuttosto che stiano andando avanti di gran carriera ad attuare il programma per cui sono qui: abbassare il costo del lavoro tagliando le retribuzioni,arriverà presto il piano di dismissioni ed i nuovi tagli al welfare per spingerci verso il privato . Si arriva poi alle elezioni e niente e nessuno impedisce ai membri di questo sciagurato governo di presentarsi e farsi eleggere per meglio perfezionare i risultati di questo lavoro. Sono scaltri e senza freni di nessun genere, credo che dobbiamo tenerlo sempre presente.

Nessie said...

@ Johnny: Noi miseri bloggers,contro legioni di economisti che ora dicono le stesse nostre cose,contro una stampa che ha definitavente abbandonato i toni trionfalistici tributati a questo governo.....insomma un po' contro tutto l'establishment ridicolmente prono al Salvatore,ora un po' meno.
Avevamo ragione noi.

Certo che avevamo (e abbiamo) ragione noi Johnny.
Attenzione però: la stampaglia e il massmediese ha fiutato l'aria che tira: per vendere giornali e per ottenere indici di ascolto delle trasmissioni, finiranno per parlare di argomenti che noi trattiamo da tempo, cercando però di smussarne gli spigoli e gli aspetti più scomodi. Gabanelli docet.

Per questo "la" Severino si adopera per lanciare l'allarme sulla "pericolosità" dei blogger.

Nessie said...

Silvio, come al solito i "parassiti" non vengono mai scelti a caso. Verissimo poi che dietro a queste operazioni di silenziatore della rete c'è l'ONU e non solo. Anche potenti altre lobby che fanno pressione da tempo nei confronti dei precedenti governi eletti. Basta ricordare il precedente decreto firmato da Ricardo Franco Levi ai tempi di Prodi, poi decaduto perché nel frattempo decadde il governo. Grazie per i links.

Nessie said...

Ciao Marista, e benvenuta nel blog!
Hai detto giusto: "momentaneo" . Ma nel nostro paese come sai agli annunci bisogna pur sempre credere secondo il detto, "tanto tuonò che piovve".

Quel tirare il sasso e nascondere la mano, è la tipica strategia di chi fa prove "tecniche" e lancia i famosi "ballon d'essai", per vedere l'effetto che fa. Aspettano il momento propizio e poi zac...! ti ritrovi un bel decretino nascosto e impacchettato dentro un altro disegno di legge che magari non c'entra nulla e che ha un altra etichetta, a mo' di matriosce russe.
E' già successo, perciò può riaccadere.

Anonymous said...

Cosa volete mai che contino dettagli fastidiosi come la libertà di parola e i diritti politici e civili? L'Italia è una sorta di "democrazia" largamente finta; repubblica parlamentare dove tutto il vero potere è fuori dal parlamento in organismi non eletti e senza alcun controllo democratico.
E senza contare le manipolazioni della stampa organica che fa comparire e sparire le notizie a seconda dei tornaconti di Lorsignori.
A proposito: dove sono finiti tutti quegli indignati standard e a comando che protestavano col bavaglio e la bava alla bocca contro quel cattivone del Berlusca?
Scarth

Anonymous said...

Resta il punto interrogativo del perchè lo fanno.
Possibile che i soldi siano solo il fine?E non solo il mezzo?
Mettiamoci pure il desiderio di controllo(sopraffazione) sugli altri e poi?

Del resto Nessie notavi come già ormai siamo controllati mediante strumenti "buoni" o comunemente accettati.
Hanno già tutte le carte in mano.Ci manca solo la scomparsa del contante che quasi tutto sarà compiuto.La tattica del tirare il sasso e di ritirare la mano è vecchia come il cuculo.Serve a preparare la gente al possibile"succederà"...
Sapendolo in partenza la gente si autoconvince che sia necessario o quantomeno ineluttabile...
Non siamo neanche più al rango di burattini,non serviamo proprio.

Comunque meglio morire consapevoli che non con il sorriso idiota stampato sulla faccia.
Può sembrare poca roba, ma se pensiamo che tutto quello che ci circonda è energia e consapevolezza,qualche cosa di questo rimarrà.
Questo per infondere coraggio, non per deprimere.
Cordialmente
Andrea Cortesi

Nessie said...

Ottima domanda Scarth: già dove sono finiti? Se il loro obiettivo era far fuori chi era stato legittimamente eletto, non c'è dubbio che ci siano riusciti. Ma il conto è salato anche per loro. E Monti non fa sconti. Fa anche rima :-)

Anonymous said...

e' chiaro che quando la propaganda non permettera' piu' efficaci falsificazioni il " potere" ricorrera' ai metodi " tradizionali" a cominciare da quello dell' imposizione di forti "risarcimenti" comminati a chi diffonda fastidiose informazioni che i solerti magistrati sanciranno come "diffamazioni ".
Un sistema piu' " umano " ma efficace quanto quello "disumano" di stalin. Costoro sono "gente di classe " proprietarie di banche, mica ex rapinatori di banche come baffone :-)
ws

Nessie said...

@ Andrea Cortesi: "Possibile che i soldi siano solo il fine?E non solo il mezzo?
Mettiamoci pure il desiderio di controllo(sopraffazione) sugli altri e poi?"

Ecco, io credo che l'obiettivo finale sia il governo mondiale e il controllo della popolazione. E che la finanza sia un mezzo molto rapido per ottenerlo.

Nessie said...

WS ci sono già 83 denunce contro il golpe di Monti-Napolitano e la gente comincia a essere arcistufa di magistrati ingiusti che sono sempre più il braccio armato del NWO.


http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=370

SILVIO said...

Mi spiace riservarvi in anteprima una brutta notizia ma l'informazione ha la precedenza su tutto.

Il professore giapponese Kunihiko Takeda , capo dell'Istituto di Scienza e Tecnologia dell'università Chubu (sita a Kasugay City nella prefettura di Aichi) ha annunciato che alcun essere vivente potrà vivere in Giappone dopo il 31 marzo 2015.

Nel link a seguire, potrete verificarne le argomentazioni scientifiche addotte.

http://fukushima-diary.com/2012/04/prof-takeda-3312015-is-the-last-day-of-japan/

Nessie said...

Grazie Silvio, è uno scenario da incubo. Manco di domenica ci si salva dalle ferali notizie.

Johnny88 said...

Adesso dei poveri squattrinati blogger privati sarebbero pericolosi. Ma mi facciano il piacere.

Nessie said...

Appunto Johnny. "Poveri squattrinati blogger privati" che non chiedono un soldo allo stato come fa invece la stampaglia con l'attuale legge che finanzia le testate, ma che però hanno un difetto: scrivono senza filtri, senza velinismi e senza prendere "ordini di scuderia redazionali". E ti par poco?

SILVIO said...

I blogger più smaliziati e navigati dovranno una buona volta decidersi ad insegnare ai pivellini che, presi dalla voglia di apparire come “i pistoleri più veloci del West” (tale riferimento non è pertinente ai frequentatori di questo blog) , devono piantarla di toppare clamorosamente su bufale venefiche cucinate da troll depistatori e occultatori (pagati all'uopo).

Di questa infausta progenie, la rete italiana è piena. Se ne conoscono a menadito i nick e i relativi nomi e cognomi. In futuro, sarà il caso di di ramazzarli un po' per educare “i pupi” beoti, narcisisti e imprudenti.

La blogosfera planetaria ne conta, a sua volta, a carrettate ma di ben maggiore pericolosità ed agganci.

Uno di questi è AVAAZ, onlus lautamente foraggiata da George Soros (che attualmente è impegnato a destabilizzare – oltre ad altre nazioni – l'Ucraina).
Il link qui in appresso dà un'idea della faccia di tolla di cui sono capaci i farisei di AVAAZ:

http://reporters.blogosfere.it/2012/04/internet-e-liberta-di-espressione-il-nuovo-appello-di-avaaz-contro-gli-usa.html

Detto link riferisce dell'appello di AVAAZ indirizzato al Congresso Usa per bocciare i provvedimenti liberticidi SOPA e PIPA, volti a mettere la mordacchia agli internauti.

Scommettiamo che questo appello verrà ripreso dal pirletto di turno e rilanciato nei blog parrocchiali?

Altro troll letale è Benjamin Fullford. Ma egli tratta temi di diversa portata, oggi ampiamente ripresi da alcuni siti italioti avvezzi a manipolare il boccalone che li legge.

SILVIO said...

Post OT.

Ieri, Giuliano Ferrara per “Il Giornale” e Giampaolo Pansa per “Libero” hanno difeso a spada tratta l'Androide propiziatore delle nostre sventure (di concerto coi “Gollum” politici appostati dietro un muretto per assassinarci).

Guarda caso, si tratta dei due quotidiani più falcidiati in termini di vendite e di raccolta pubblicitaria.

Correlazione o causalità ?

No. Dichiarazione tafazzista di suicidio annunciato.

http://www.legnostorto.com/index.php?option=com_content&task=view&id=34482&Itemid=26

Nessie said...

AVAAZ se non erro si incarica anche di far firmare le petizioni on line.

Non parlarmi di Ferrara, Silvio, il quale dispone di un succulento spazio tv dopo il Tg1 dal quale spara le sue cavalate. L'ultima delle quali è stato un disgustoso "peana" pro Fornero solo perché costei a TO è andata a parlare con gli operai. Un gesto che secondo il ferrarapensiero le merita il titolo di "divina" (come Greta Garbo).

Josh said...

Nell'incipit della Politica, Aristotele affermava che qualsiasi comunità di uomini -città, o stato – deve stabilire chiaramente il fine della sua esistenza (magari in maniera condivisa e non imposta); quindi organizzarsi in modo che tutte le leggi e le forze della comunità si dirigano a quel buon fine comune.

Ma se il fine è, come oggi...il Moloch Europa,
beh è purtroppo "naturale" che ogni azione, rapamento di soldi e proprietà, opinioni libere vietate, a quello solo sono rivolte,
e tutto il resto sarà bandito.

Nessie said...

Jash, Aristotele e Platone sono stati i padri fondatori della democrazia in Occidente.
Questi farabutti qua, ne sono gli affossatori e rottamatori.

Huxley said...

A proposito di informazione ammaestrata, vedo che è partito il Timoshenko show, ti consiglierei, cara Nessie, di partecipare con passione all'indignazione colorata, prima che la Serverino ti invii una scomunica.

p.s. magari bloccassero gli europei,come dal Caltagironesco Casini suggerito, così forse i pallonari italioti, mancando della droga abituale, comincerebbero a rendersi conto della realtà

Nessie said...

Ho sentito Huxley. E ho sentito pure quel falsone ipocrita di Terzi Sant'Agata che si preoccupa tanto della democrazia in pericolo nel mondo, ma fa niente se poi la è in Italia.

Anonymous said...

Sincronizzato come un'operazione militare è partito il solito coro globale standard ora sull'Ucraina. L'ultima "spontanea" rivoluzione arancione da quelle parti però non finì come nella aspettative dei promotori. Forse per la presenza nelle vicinanze di qualcuno ancora educato alla vecchia scuola in materia.
Su Ferrara e stampa di centrodestra concordo: sono autolesionisti al massimo grado come l'intero fu PDL.
Sono partiti facendo manifestazioni contro Monti "l'usurpatore" e ora è il loro beniamino, in particolare di Ferrara. Hanno bisogno si scendere sotto il 10% per darsi una bella regolata (o saltare il fosso del tutto per poi sparire definitivamente).
Scarth

Nessie said...

Sì appunto Scarth, rivoluzione "colorata" in Ucraina con la Merkel (la culona) che fa pure la barricadera che boicotta i campionati Ue.

Il ministro conto Terzi che rassicura Aung in Birmania ("democrazia la trionferà") e che ora si fa premura di preoccuparsi che la Timoshenko abbia tre pasti caldi al dì garantiti, mentre i Marò in India hanno i cobra che entrano in cella.

Getterei lui e tutta la "giunta golpista" in pasto ai cobra.