14 February 2010

Immigrazione e guerre interetniche: De Corato si sveglia solo ora?

Rieccoci a parlare di ciò che la miopia degli amministratori di Milano non vuole vedere. E cioè che se in una città italiana la masse immigrate provenienti da altri continenti prevalgono sugli autoctoni o penetrano in quantità massiccia in certi quartieri, gli "stranieri" da cacciare saranno ben presto gli Italiani che ci vivono da sempre. Finiamola una volta per tutte con la demagogia  dei permessi di soggiorno (chi ce l'ha è buono, chi non ce l'ha è cattivo),  giacché anche chi ne è in possesso può prendere parte ai disordini e alle  guerriglie urbane, quelle che hanno devastato Milano ieri sera, a causa di zuffe e tafferugli interetnici tra africani e sudamericani, nel corso delle quali è morto un giovane egiziano 19enne. Le scene che si vedono in tv fanno paura: macchine capovolte, auto della polizia a sirene spiegate, numerose vetrine dei negozi fracassate, sporcizia e degrado dappertutto, slogan antiitaliani e razzisti contro di noi. E speriamo una volta per tutte che non saltino poi fuori i Gad Lerner della situazione a parlare demagogicamente di "pogrom", giacché se proprio questo dev'essere, sarà tutto nostro, e a nostro detrimento. Ma lui che frequenta ville debenedettine (nel senso dell'ex Ingegnere di Ivrea oggi, cittadino "svizzero") cosa diavolo può saperne di poveracci italiani che si sono comprati la casa a Milano con tanti sacrifici e che ora sono costretti a "svendere" a prezzi di sottocosto (sempre ammesso che poi trovino chi le compra) per trasferirsi altrove in cerca di un po' tranquillità?
Ma torno agli amministratori della giunta milanese che hanno tenuto il cosiddetto "basso profilo", tollerando situazioni che andavano estirpate alla radice. Intendiamoci, capisco il loro impasse. Non appena si accenna solo a drastici provvedimenti si muovono le solite consorterie buoniste sinistre e cattosinistre:  i sindacati, il Pd, la destra finiota, Tettamanzi, Don Colmegna, La Caritas,  tutto il Vaticano,  le comunità ebraiche, l'ONU, la Commisssione Ue, il Consiglio d'Europa, la Magistratura, e chi più ne ha più ne metta...
Ma De Corato e la Moratti devono pur sempre rendersi conto, che sono stati eletti dai cittadini milanesi per ottemperare fino in fondo al loro mandato, monitorando le situazioni di degrado non gestibili, già fin dal loro nascere, senza farle degenerare e incancrenire. Non ci si può svegliare solo quando Milano è in guerra.
Riprendo la sua dichiarazione: "Le  liti tra extracomunitari sono all'ordine del giorno - ha sostenuto De Corato - nei primi sei mesi del 2009 erano stati 84 gli stranieri coinvolti e 23 le denunce». «Ringrazio - ha concluso - il questore e le forze dell' ordine che hanno fatto fronte a una situazione difficile e complessa. Mi auguro che questo segnale lo capiscano tutte le istituzione, è un allarme che ci deve far riflettere e mettere in atto da parte delle forze dell'ordine interventi tempestivi. Altrimenti rischieremo di andare verso situazioni come le periferie francesi a cui non voglio nemmeno pensare». Leggere tutto qui.
Ora gongolano Filippo Penati, Bersani & sinistraglia varia, ma siamo in campagna elettorale e già sappiamo che la gente come loro agli extracomunitari metterebbe giù perfino i tappeti rossi, per favorire il loro passaggio in Italia. Tant'è vero che vogliono il loro voto. Non ultimo, hanno fatto di tutto per spuntare l'arma delle ronde volute dalla Lega, che sono nate, grazie al loro zelo buonista di chi rema sempre contro, già castrate e abortite prima ancora d' essere operative.
Salvini della Lega chiede la linea dura casa per casa, per espulsioni di massa. Ma figuriamoci se lo lasceranno lavorare in pace! Mi sembra già di sentire  
la premiata Confraternita del Buonismo Malvagio come reagirà. Ciò non  toglie che dovrà andare avanti lo stesso e non fermarsi ai soli annunci.
Ma ecco la testimonianza di Antonia, una barista di Via Padova: «Hanno cominciato a spaccare tutto poco dopo l'omicidio - spiega Antonia, la titolare di un bar nella parte iniziale di via Padova, quella verso piazzale Loreto - e adesso pare si siano un po' calmati». «A me hanno rotto solo una panca - dice - ma quello che mi fa più paura è che si respira un odio profondo, il desiderio di vendetta. Non so cosa succederà domani. Meno male che è domenica e non devo aprire». Poi oltre il suo locale, auto ribaltate in mezzo alla strada, cassonetti rovesciati, vetrine fracassate, auto danneggiate, mentre un gruppo di nordafricani ha raggiunto il consolato egiziano in via Porpora urlando slogan antiitaliani. Di questo "razzismo" e di questo sviscerato odio per il nostro Paese, naturalmente non se ne occuperà nessuno degli ipocriti della variegata Confraternita sopra citata.
QUI un'impressionante foto-gallery degli scontri. Guardate anche questo video.  

45 comments:

Anonymous said...

Attendo con ansia, cara Nessie, l'illuminata ed illuminante opinione del tuttologo ed onnisciente Saviano. Cosa dirà dei disordini di Milano, che i coraggiosi extra-comunitari si sono finalmente ribellati ai camorristi milanesi, e hanno indicato a noi italiani, infigardi e mollaccioni, la strada del riscatto morale e civile? Rido per non piangere. Paola.

claudio said...

Ora siamo finalmente un paese "globale", occidentale, multietnico, multiculturale, multireligioso e multicoglione.

Nessie said...

Claudio, soprattutto multicoglione. Anche questo fa parte del libero mercato, no?

Paola, giù al Sud hanno un vizio: di credere che tutte le disgrazie d'Italia ce le abbiano solo loro.
Ha detto bene Aldo in un suo commento di altro post. Loro laggiù hanno solo popolazione del sud. E in alcune realtà anche immigrazione nordafricana, certo. Qui invece abbiamo Nord e Sud Italia, Asia , Africa e America latina, Est e repubbliche baltiche e pure zingari o rom che dir si chiami. Può bastare?
De Corato e la Moratti si devono svegliare e fare un piano di riordino di quanti abitanti può sopportare MIlano. Di quanti immigrati ha VERAMENTE bisogno. Il resto, fuori, marsc!

Anonymous said...

Aggiungo una cosa, Nessie. Hai detto bene quando hai affermato che nessuno della variegata Confraternita immigrazionista che hai citato (vaticano, sinistre, caritas, finioti, psuedo-intellettuali, ecc,ecc,ecc)dirà mezza parola per stigmatizzare gli slogan antiitaliani di quella feccia multietnica, slogan che denotano un odio profondo per l'Italia. E lo sai perchè la succitata Confraternita non lo farà? Perchè anche la Confraternita odia l'Italia e gli italiani. E non da oggi. Da tanto. Da sempre. E ci vuole vedere distrutti. Paola.

ProEuropa said...

Nessie, non esiste mai un "bisogno di immigrati". Il bisogno viene indotto solo quando gli immigrati sono già arrivati in gran quantità e si è modificato (negativamente) il mercato del lavoro. In America prima e dopo la guerra sarebbero andati avanti lo stesso anche senza l'arrivo degli immigrati italiani (e di altri). Lo stesso vale per l'Italia e per qualunque altro Paese meta di arrivi massicci.

Nessie said...

E' vero PRO EUropa, ma un piano di monitoraggio demografico compatibile con le nostre esigenze di autoctoni ci vuole, perdio. Forse mi sono espressa male, e ti prego di non fraintendermi, ma non possiamo più tollerare che MI, TO, Roma diventino delle cloache universali.

Nessie said...

Paola, è certamente l'odio e il disprezzo verso se stessi a portarli ad ascoltare troppo le ragioni degli allogeni, anche quando ragioni non sono.

ProEuropa said...

"ma un piano di monitoraggio demografico compatibile con le nostre esigenze di autoctoni ci vuole, perdio"

Sfondi una porta aperta con me, lo sai. Io farei delle statistiche demografiche anche su base razziale (almeno per macro-gruppi: Europei, Nordafricani, Neri, Cinesi, ecc...) e ne verificherei costantemente l'andamento per decidere quando vanno ristretti o chiusi del tutto i rubinetti. Ovviamente sto sognando ad occhi aperti...

Anonymous said...

Bene, De Corato ha fatto la scoperta dell’acqua calda, essendosi finalmente accorto di quello che i cittadini vedono e subiscono tutti i giorni, che le associazioni cosiddette “caritatevoli” fomentano da anni e che lui semplicemente ignora, pur ricoprendo da tre lustri la carica di vice sindaco, e nonostante il precedente della "rivolta cinese"…
Domanda delle cento pistole: come castigare un siffatto “amministratore”, considerando che nel suo caso i classici calci in culo sarebbero una punizione fin troppo lieve..?
(no caste)

Nessie said...

Pro Europa: è evidente che stai sognando :-)

No caste, qui il problema dei cittadini milanesi (ma non solo) è dover scegliere tra amministratori che in materia di immigrazione tengono la porta socchiusa (l'attuale giunta Moratti) e quelli che la vogliono spalancata ai quattro venti (la sinistra).
E' evidente che in queste ore la sinistra di Bersani è l'ultima che ha le carte in regola per poter criticare quanto sta accadendo.
Per restare alle barzellette: De Corato ce li fa trovare nei rioni sottocasa; Bersani, Chiamparino, la Bresso & brutta Compagnia sinistrata ce li porta direttamente in casa. E vuole il loro voto.
Fai un po' tu...
E' evidente che siamo conciati male.

Orpheus said...

Ciao Nessie vedo che anche tu non hai lasciato passare la cosa inosservata:-)
E' indecente quello che è successo ieri sera, e dopo la devastazione hanno fatto anche un corteo gridando: ""italiani di merda, vi ammazziamo tutti"...hai capito che razza di feccia dobbiamo sorbirci!!!
Io ero in C.so Buenos Aires e ad un certo punto hanno iniziato a sfrecciare macchine della polizia.
Viale Padova che una volta era un quartiere calmo di operai, è diventato un "casbah" piena di feccia che spaccia, ubriachi e risse ad ogni ora del giorno e della notte...
Hai fatto benissimo a fare le pulci a De Corato e alla Moratti. Che fanno gli "asini nel lenzuolo"?
Speriamo veramente che la Lega si muova, e senza ulteriori indugi.
La situazione è già grave.
Ciao mary

sarcastycon said...

Nessie
perfetto il tuo ultimo commento

Ma non dimentichiamo che uno dei problemi più gravi è quello della giustizia, inutile fare leggi che poi i giudici regolarmente disattendono e contrastano, vedi caselli tanto per non fare nomi
ciao
Sarc.

johnny doe said...

Ormai sulle varie cretinerie di sinistrati e company sull'immigrazione abbiam fatto decine di posts.Solo un cieco può non vedere i problemi crescenti che derivano dall'accoglienza facile.
Nel mondo c'è la globalizzazione economica-finanziaria....,in Italia abbiamo pure la globalizzazione delle fregnacce di Bersani,di pietro,travaglio... e altri neandertahliani.

Nessie said...

Mary, se anche la Lega fallisce nella linea dura, vuol dire che i governi non servono a nulla e non sono né rappresentativi del mandato elettorale, né l'espressione della sovranità di un paese. Stasera al TG la Moratti ha fatto letteralmente pena: troppo comodo dare solo la colpa ai sinistrati. Chi è che amministra a Milano? Quelli ( sinistri) non li si deve calcolare, e andare avanti a fare, a prendere iniziative e a legiferare nel rispetto del mandato elettorale.
Anche Calderoli con i suoi annunci sulla "tolleranza zero" non convince più. Quel che è accaduto è perché si è tollerato, tollerato e tollerato anche troppo.
Mettetevi d'accordo tra cittadini per degli eventuali comitati civici di quartiere, perché a breve non potrete più sopravvivere in mezzo a queste guerre di clan etnici. E' una nefandezza!

Nessie said...

Sarc, la premiata Confraternita immigrazionista non si limita alla sola Magistratura purtroppo. Nel post ne ho già citato le componenti:

I sindacati, il Pd, la destra finiota, Tettamanzi, Don Colmegna, La Caritas, tutto il Vaticano, le comunità ebraiche, l'ONU, la Commisssione Ue, il Consiglio d'Europa, la Magistratura coi suoi giudici ammazzaleggi.
Se anche il governo di centrodestra e l'amministrazione milanese non riusciranno a venirne a capo, che ci dicano chiaramente quale delle forze mondialiste citate, hanno dovuto cedere e CHI impedisce agli Italiani di sentirsi padroni a casa loro

Nessie said...

Sì, Johnny, ma come ho già detto a Mary la pur pessima sinistra non deve costituire un comodo alibi per le amministrazioni di centrodestra per non FARE un tubo. A Milano è evidente che si è lasciato incancrenire e degenerare degli interi rioni fuori controllo! Stasera sia la Moratti che De Corato hanno fatto letteralmente pena, suvvia! Io non voglio una destra che sta in piedi più per i demeriti della sinistra che per meriti altrui.
Eppoi la Moratti ci dovrebbe spiegare come si riesce a coniugare ACCOGLIENZA e LEGALITA' quando gli immigrati sono così tanti. Sono delle fregnacce, a cui non crede più nessuno.

Angelo D'Amore said...

e pensare che al nord comanda la lega...
penso pero' che ultimamente, il partito di bossi sia piu' incline alla frequentazione dei salotti romani.

Angelo D'Amore said...

ma queste citta' sono o non sono piu' sicure dopo l'avvento del centro-destra?
e la lega non e' il maggior partito di riferimento al nord?
solo chiacchere. il paese e' alla deriva.
e' giunto il momento di instaurare uno stato di polizia.
c'e piu' liberta' a volte, in un regime che in una democrazia epurata dei suoi autentici valori.

Nessie said...

Dimentichi l'UE e Bruxelles: è lei che ci IMPONE la libera circolazione degli uomini, delle merci e del denaro. Per amore o per forza. Ma se almeno i ns. politici avessero il coraggio di PARLARE CHIARO e di dirci come stanno davvero le cose.

Nessie said...

Informati meglio Angelo. In nessun paese d'Europa i governi sono liberi. SE vai in Olanda è peggio che a Milano. E' questo il dramma. Dal dopoguerra a oggi siamo tutti commissariati.

Eleonora said...

... e poi, arriva Formigoni che parla di "un episodio isolato". Mi chiedo dove diavolo vive lui. E perchè non va a parlare con quegli italiani che da quel quartiere non possono spostarsi? Se non altro si fa una idea se è davvero come dice lui, un "episodio isolato". Lo spaccio, la prostituzione, il degrado, la clandestinità, non esistono secondo lui. Certo che ci vuole una faccia come il didietro per difendere l'indifendibile e per nascondere ciò che sta sotto gli occhi di quei milanesi.

Nessie said...

Perfettamente d'accordo Ele: non si nasconde la polvere sotto i letti per far vedere la propria casa pulita. E anche il discorso della Moratti stasera faceva acqua. Chi amministra si pigli le sue responsabilità. La sinistra è ovvio che ci marci sopra (siamo in campagna elettorale) anche se in realtà sarebbe una iattura ancora peggiore se andasse al governo lei. Ma la verità è che non si gioca sui demeriti degli altri, ma si deve cercare di risolvere i problemi dei milanesi.

gio88 said...

Io attendo impaziente cosa dirà l'ayatollah supremo Dionigi Tettamanzi. Faccio i miei sentiti complimenti a 'monna Letizia e a messer De Corato per essersene altamente infischiati ed aver contribuito a rendere Milano una casbah. Mi ricordano tanto l'ex sindaca della mia Padova, donna Giustina Destro, eletta nel '99 per rimettere a posto la città dopo che le giunte rosse degli anni '90 l'avevan resa un bazar, e subito dopo le elezioni della sicurezza e dell'immigrazione se n'è altamente infischiata (ed è stata meritatamente mandata a casa). Purtroppo la Lega poco può fare a Milano finché ha solo un consigliere comunale, speriamo che l'anno prossimo la pattuglia leghista sia più nutrita e possa incidere di più sulla questione sicurezza/immigrazione, anche se temo che il prossimo sindaco di Milano si chiamerà Filippo Penati (sigh! Dalla padella alla brace!).

Nessie said...

Gio, oltretutto via Padova è un concentrato di kebab, negozi e bazar islamici simile a un orrendo suk. Perciò Monna Letizia non poteva non sapere. Chi gliele dà quelle licenze commerciali lì agli extra? Spero che Matteo Salvini abbia la forza di farsi sentire. Ma il problema della Lega è che spesso per venire incontro agli "alleati" si castra e perde forza lei.

Anonymous said...

Dal dopoguerra l'Europa è commissariata. Amara verità, Nessie, che però non tutti vedono. Lo sai cosa significa tutto questo? Che finchè durerà l'attuale assetto e rapporto di forze a livello mondiale, tutto continuerà così com'è, non ne usciremo, purtroppo. Finchè durerà la globalizzazione le cose potranno solo peggiorare. E come se ne esce dalla globalizzazione? In un solo modo:con una crisi economica di una durezza tale che quella che stiamo vivendo è una bazzecola, al confronto, e che costringa a riscrivere tutto il paradigma, abbandonando il mito della crescita infinita. Quanti però sarebbero disposti ad accettare tutto questo, secondo te? Paola.

Nessie said...

Nessuno, a cominciare dalla sottoscritta, Paola. Mi arrivano di quei commenti sulla Lega, che c'è da mettersi le mani nei capelli. A MI Salvini è in minoranza, e voglio proprio vedere se De Corato o la Moratti o altri della giunta gli faranno fare espulsioni di massa casa per casa. Ma figuriamoci: evocheranno rastrellamenti alla Hitler e via millantando. E se non lo faranno loro, arriverà fresca fresca la Boldrini del cosiddetto "alto" commissariato dell'ONU con la pessima compagnia degli immigrazionisti. Giusto ieri sul Corriere ho letto un'intervista di Don Colmegna della Caritas che fa venire i brividi.

CloseTheDoor said...

Sinceramente, a me pare che se c'è una cosa di cui non hanno mai mostrato di preoccuparsi questo governo e le varie giunte di destra che da 20 anni governano la Lombardia, è la reazione delle "consorterie" che citi (a meno che questo non tocchi le preoccupazioni ecclesiastiche sulle tematiche bioetiche). Non è che in fondo anche alla Lega fa comodo la banlieulizzazione in modo da cavalcare elettoralmente rabbia e paura? Adesso Maroni cerca di abbassare i toni e parla di cattiva gestione urbanistica - ed è attaccato dai suoi. Questo vorrà dire qualcosa.

Nessie said...

Ciao Close, tutto bene con la pargola?

Non so in che città abiti tu, ma Milano non è stata governata solo dal centrodestra. Ti sei dimenticata la Milano di Aniasi (socialista), la MIlano di Tognoli e di Pilliteri. Ti sei dimenticata delle prime sanatorie e della (per me) famigerata, Legge Martelli. E ti sei dimenticata pure di tutti i trattati europei coi paesi africani, di una data come il 15 aprile 1994 a Marrakech, data "misteriosa" per i media che ne tacciono, in cui si è stipulato l'accordo per l'Organizzazione Mondiale del Commercio coi paesi d'Africa, Asia e America Latina. Da quel momento "nulla sarà mai come prima", come dice certa retorica.
L'accusa che faccio io al centrodestra è un po' diversa dalla tua: se siete ostaggi di logiche mondialiste, perché non ce lo dite? in altre parole, se avete le mani legate, perchè non ci dite chi ve le lega? E questo vale anche per la Lega (scusa il bisticcio). Dalla tua sinistra, ovviamente non mi aspetto nulla di buono in proposito, perché come ho già detto, se con la destra mi trovo extracomunitari sotto casa, con voi della sinistra me li ritrovo direttamente in casa, e magari a pranzo a ufo.

Anonymous said...

Secondo me, Nessie,nessun governo ammetterebbe mai di essere ostaggio di forze mondialiste. Primo, perchè sarebbe una auto delegittimazione dalle conseguenze imprevedibili. (A parte poi che ci sarebbe sempre chi non ci crederebbe e accuserebbe il governo di scarico delle responsabilità). Secondo, perchè la menzogna non può essere svelata. I rischi, per chi lo facesse, sarebbero troppi. Pensa solo alla questione del signoraggio e della proprietà della moneta. Dire che è tabù è poco. Altro che piovra o cupola comanda veramente il mondo. Paola.

Il Mango said...

Ma basta con questo provincialismo buonismo cattocomunista. Dite bene: Siamo un paese multicoglione!
Ma sapete che in Asia quando beccano gli illegali, vengono arrestati, in alcuni paesi della zona pure somministrate 10 frustate e poi espulsi a calci nel sedere? E fanno una selezione per chi vuole venire a lavorare. Mica stupidi. Da noi abbiamo fatto e continuamo a fare entrare la fecia del mondo. tanto siamo italiani...buoni italiani, buoni.
Basta vedere a Roma cosa non e' Piazza Vittorio. Una sera a cena da un radical chic che vive li e che mi fa: " cioe' hai capito, cioe' voglio dire, qui e bbbbello. e' multietnico...."
Ma va a cagare mona.
I cinesi che aprono negozi fasulli e nessuno dice niente. sporcizia , miseria, furti, droga. Un bijou dell'ottocento in mano a degli animali. Vabbe' sto zitto senno' scrivo un romanzo.

Aldo said...

Secondo i giornali, dopo un omicidio un corteo non autorizzato, violento e intenzionalmente armato percorre con intenti vendicativi, devastandole, alcune vie milanesi al grido di «Italiani di merda, vi ammazziamo tutti!».

Legge Mancino (25/6/93, n. 205), art. 1: «1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, anche ai fini dell'attuazione della disposizione dell'articolo 4 della convenzione, è punito [...] con la reclusione da sei mesi a quattro anni chi, in qualsiasi modo incita a commettere o commette violenza o atti di provocazione alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi.»

Legge Mancino (25/6/93, n. 205), art. 3: «Per i reati punibili con pena diversa da quella dell'ergastolo commessi per finalità di discriminazione o di odio etnico, nazionale, razziale o religioso [...] la pena è aumentata fino alla metà.»

Vale la pena proseguire e leggere per intero il testo della legge "antirazzismo", che dovrebbe trovare applicazione anche in questo caso (ma che, "misteriosamente", non sarà applicata -- fatemi un fischio se viene fuori che ho torto). Il riferimento non è all'omicida, per quello sicuramente non si potrà far finta di nulla, ma a tutti coloro che hanno fiancheggiato attivamente l'omicida stesso e che credo verranno lasciati "scivolare tra le maglie della rete".

Temo che l'interminabile lista degli altri reati "generici" commessi dalla torma di facinorosi che hanno messo in atto una vera e propria sommossa devastando parte di una Milano ormai ridotta a qualcosa che è "altro da sé" verrà... come dire... "guardata con la coda dell'occhio".

Insomma, esiste il forte rischio che questa storia enormente sporca venga presto insabbiata come i gatti insabbiano le loro deiezioni, per evitare che la puzza possa arrivare ai nasini troppo delicati delle dirigenze (che, non dimentichiamolo mai, sono quelle che hanno creato attivamente i presupposti per questo genere di iatture).

Angelo D'Amore said...

ma quale europa?
la lega prima gridava contro roma ladrona. adesso che le chiappe dei suoi esponenti occupano stabilmente gli scranni e i salotti capitolini, e' diventata permissiva.
leggi il post di orpheus, lo trovo piu' coerente.

Nessie said...

Calma e gesso. La questione della Lega la conosco un po' meglio di te, visto che abito nella sua zona di nascita. E ho appena scritto una letterina di protesta alla Lega, proprio sulla base dell'intervista "moscia" di Maroni al Corriere. Poi parli proprio tu che difendi sempre quel venduto ai poteri forti di Fini?!

Nessie said...

Paola, no, questa onestà e consapevolezza non c'è. Hai sentito cosa ha detto Eugenio Benetazzo nella sua intervista all'emittente veneta sulla sovranità monetaria e la nazionalizzazione delle Banche? Che anche questo, è per tutte le forze politiche (Lega compresa) un argomento tabù.
Hai letto l'intervista di Maroni al Corriere? Roba da farsi venire il mal di pancia. Ha avuto il coraggio di smentire Salvini, cioè uno dei suoi, sulla faccenda delle espulsioni.

http://www.corriere.it/politica/10_febbraio_15/schiavi-intervista-maroni_b124570e-1a01-11df-8cad-00144f02aabe.shtml?fr=box_primopiano

Chi volesse inviare una letterina di protesta sul fatto che si sono bevuti il cervello anche loro, scriva qui:

http://www.leganord.org/dilloallalega/default.asp

Angelo D'Amore said...

cara nessi io non difendo nessuno.
io non sono un deluso di destra, ma uno che la destra l'ha schifata.
pur essendo di fede alleanzina, nel 2001 ho avuto una esperienza politica con forza italia.
da dimenticare. i maggiori nemici li avevo nel partito. sono come l'aids, se li conosci, li eviti.
poi con la mia attivita', ho avuto possibilita' di vedere il modus operandi della destra campana, meglio, quella casertana.
a chi c...dovrei difendere? cosentino e landolfi? lascia stare.
qui anche tu stai un po' calmina.
io mi ritengo un indipendente. il fatto che non voti piu', mi permettere di essere distante da tutti, in piena autonomia soggettiva, libera da qualsisasi forma di condizionamento, ideologico, di fede, di apparato o appartenenza.

Angelo D'Amore said...

scusa il tono, di prima. ti stimo, lo sai.
per coerenza, ti passo questo post, quando forse mi seguivi di meno, per vedere come la penso.
http://nonsolonapoli.blogspot.com/2009/03/la-destra-ha-spento-la-fiamma.html

Nessie said...

Caro Aldo, la Legge Mancino che citi è stata fatta da una minoranza per mettere la mordacchia alla maggioranza, come forse già saprai. Hai toccato proprio il nodo gordiano sul perché l'Occidente non può difendersi e deve lasciarsi invadere, distruggere e perfino insultare razzisticamente attraverso le frasi che hai virgolettato.
"Quelli che hanno creato attivamente i presupposti per questo genere di iatture" sono anche gli stessi che hanno creato la Mancino (che ovviamente è un prestanome. Pertanto informati su chi ne è davvero l'artefice).
Nel frattempo ne è stata fatta un'estensione della stessa via decreto su cui già scrissi: il ddl Mastella voluto dall'avvocato Alessandro Ruben della ADL (Anti Defamation League).

Leggi, se sai un po' di Inglese, cosa scrivono i siti americani sulla ADL che ha appena fatto fare una "legge antiodio" (a senso unico, si capisce):

http://www.prisonplanet.com/adl-applauds-itself-for-hate-bill-victory.html

La ADL applaude se stessa per la vittoria sulla legge antiodio. Ovvio, gli "odiatori" saremo noi. Mentre invece chi ci odierà sul serio sfasciando e devastando le nostre città, la passerà liscia. Tutto ciò è semplicemente disperante!

Nessie said...

Angelo, guarda che io sono calmissima. E oltretutto ho la coscienza a posto, perché alla Lega ho appena inviato una lettera di protesta. Semmai sei tu che piombi qui a dare le pagelline su chi fa il post più chiaro. La mia amica Mary ha semplicemente aggiornato il suo blog con una notizia comparsa oggi sul Corriere del 16 febbraio: "Maroni: niente rastrellamenti serve una nuova integrazione".
Si dà il caso che il min. dell'Interno abbia smentito le dichiarazioni di Matteo Salvini (che è un leghista della giunta milanese) il quale invece voleva un repulisti rione per rione. E che adesso anche dentro la Lega, ci sia un gran casino "interno". Ma questa non è una testata giornalistica e io non posso correre dietro a tutte le notizie che si pubblicano, facendo un post minuto per minuto. E nemmeno giorno per giorno. E' chiaro adesso?

Angelo D'Amore said...

scusa il tono. volevo farti capire meglio come la penso, con questo post, scritto in un periodo in cui forse mi seguivi di meno.
saluti,
angelo
http://nonsolonapoli.blogspot.com/2009/03/la-destra-ha-spento-la-fiamma.html

Nessie said...

Aldo, di detto articolo inglese ne esiste la traduzione in italiano:

http://fattideuropa.splinder.com/post/21657561/L%27Anti-Defamation+League+e+le+

Nessie said...

Mango, multikoglions è perfetto. E stasera l'ordinato e disciplinato popolo meneghino è sfilato in una pacifica (troppo pacifica) fiaccolata, invece di prendersela contro i suoi amministratori.
Ridicolo poi il PdL che manifesta contro se stesso, con tanto di bandiere: deve aver imparato dalla sinistra a fare il partito di lotta e di governo.

Angelo D'Amore said...

concordo con la tua ultima risposta.
anche io ne ho fatto un post.
http://nonsolonapoli.blogspot.com/2010/02/la-lega-si-piega-gheddafi-ci-blocca.html

Anonymous said...

Cara Nessie, a proposto di Confraternite, leggi un pò qua:
http://wwww.asca.it/news-IMMIGRATI_CARITAS_CONTRO_RISCHIO_BANLIEUE_FAVORIRE_RICONGIUGIMENTI Geniale, no? Vorrei sapere cosa dirà e farà questa gente, quando la pentola a pressione esploderà veramente. Perchè, si rendano conto, i cari buonisti, che ancora non abbiamo visto nulla e non è detto che, una volta scoperchiato il vaso di Pandora, ci vadano di mezzo solo i poveracci delle periferie. Attenti alla m....nel ventilatore. Non si sa mai dove possono arrivare gli schizzi. Paola.

Nessie said...

Purtroppo non mi si apre il link e ciò è un bene per il mio fegato che schizza già scintille solo a leggere il titolo. Che vuoi aspettarti da questi minus habentes?

Anonymous said...

Nessie, se vuoi farti del male, vai su www.asca.it e scrivi ricongiungimenti nello spazio bianco in alto, quello della ricerca in situ. Forse però è meglio che lasci perdere, a me è rimasto il pranzo sullo stomaco. Vuoi sapere però qual è stato il commento di un forumista di vivamafarka, dove avevo trovato la notizia? Il ragazzo, assai acuto, parla di minaccia. Per la serie:o ci date altri soldi, o aspettatevi che le tensioni aumentino. Mi pare un'analisi azzeccata. Paola.