15 June 2007

Sayonara Coglioni!


Mi è venuto un dubbio. E se i veri "coglioni" fossero nell'opposizione? Gli uomini del governo stanno in piedi con lo scotch, hanno una maggioranza risicata fatta di una spicciolata di voti in odore di brogli. Tuttavia continuano a richiedere "lo screening del perfetto democratico" a chi? All'opposizione. La miglior difesa è l'attacco, si sa. Loro che si sono dimostrati in ogni occasione dei "turisti della democrazia", che l'hanno posta sotto sequestro in parecchie circostanze, fanno come quel famoso ladro che grida "al ladro!". Ora c'è lo scandalo delle intercettazioni UNIPOL coi furbetti del Botteghino invischiati fino al collo. E a proposito di inVischiati, non possimo far passare in cavalleria il caso Visco-Speciale e il blocco della Corte dei Conti sulla nuova nomina del gen. D'Arrigo. Ma il Berlusca di fronte all'evidente imbarazzo di D'Alema-Faccisognare nei confronti della Magistratura, che fa? Usa il bon ton e il fair play, dichiara di fare quadrato intorno a questa maggioranza, contro lo sconcio delle intercettazioni. Che follia! Ma cosa crede? Di fare il bipartisan ? Pensa forse che quando toccherà di nuovo a lui ad essere impegolato sul caso SME (poiché riaccadrà) costoro restituiranno il servigio? Neanche per idea...

La Magistratura è sempre stata utilizzata dalla sinistra diessina come un'ascia di guerra (Tangentopoli docet) per attuare la via giudiziaria al socialismo. Vari esponenti della magistratura si trovano infatti nei DS: da Violante, alla Finocchiaro, dalla Paciotti e Brutti ad Ayala, fino ad arrivare al neoeletto Gerardo D'Ambrosio. Ora il "giustizialismo" delle toghe non vuole saperne di fermarsi e sta toccando anche gli stessi vertici diessini. Si sa, la rivoluzione divora i suoi artefici.

Ma Berlusconi e Fini fanno i liberali con chi non lo è mai stato con loro, arrivando a porgere solidarietà a D'Alema e a Fassino. D'accordo, fare i maramaldi con chi cade in disgrazia sarà pure becero. Ma almeno limitatevi a tacere, invece che comportarvi da poveri ciula. Dopotutto un bel silenzio non fu mai scritto.

Per tutta gratitudine Enrico Letta pretende che Berlusconi vada a scusarsi per quella sua battuta sul governo Prodi: "Ci vorrebbe un regicidio". Capirai che oltraggio... e chi sarebbe questo re? Prodi?!


Se avesse detto "ci vorrebbe un'affettatrice per la Mortadella" avrei potuto anche capire la gravità dell'affermazione. Il Berlusca dovrebbe ricordare a questa gentaglia il libro a lui dedicato "Chi ha ucciso Silvio Berlusconi", scritto da un giornalista dell'Unità e pure il musical "Killing Berlusconi" da lorsignori giustificato come mera "libertà d'espressione". Dovrebbe rinfacciare la loro "solidarietà" mai ottenuta, nemmeno in circostanze gravi quali il lancio del trippiede contro di lui. Perché non lo fa?


Silvio, tira dritto e non scusarti: gli Italiani non ti hanno votato perché tu lanci ciambelle di salvataggio agli uomini di questo governo. E se D'Alema che si è stizzosamente vendicato per ben due volte col giornalista de La Stampa impedendogli di imbarcare sull'aereo al suo seguito con gli accreditati solo perchè ha pubblicato notizie a lui non gradite, dovesse venir rinviato a giudizio, beh...è il caso di dire: a ciascuno il suo fardello.


Fatevi un po' furbi, o uomini di quel che resta della CdL. Altrimenti viene proprio voglia di non votarvi più e di dirvi quel che John Belushi in 1941 - Allarme a Hollywood gridò ai piloti giapponesi : Sayonara coglioni!

32 comments:

Orpheus said...

Anch'io sono rimasta basita dalle dichiarazioni del Berlusca, per non parlare di come Maroni a Ballarò si é arrampicato sugli specchi per giustificare Facci sognare-D'Alema...
Berlusconi nel bene e nel male é l'essenza stessa della CdL e purtroppo é ricattabile a causa della sua creatura: Mediaset.Molto probabilmente ha fatto un patto con D'Alema e i ds, magari sulla legge per il conflitto d'interesse...chissà, cmq il risultato é una Cdl dalle armi spuntate, poco fumo e niente arrosto.
Una delusione é vero, ma purtroppo l'unica alternativa a questa sinistra immondezzaio.
C'è una coincidenza, però che mi lascia perplessa: chi ha tirato fuori le intercettazioni:Clementina Forleo.
Notoriamente di Prc. Il perchè, a mio avviso é una guerra interna fra la sinistra moderata e quella antagonista. Queste ultime elezioni hanno penalizzato molto Prc che, da una caduta d'immagine di D'Alema e Fassino e quindi dei ds, avrebbe molto da guadagnarci: i voti degli irriducibili falce&martello delusi dall'anima "capitalista" dei Ds. Bertinotti HA, ora come ora, il potere per fare un tiro simile a D'Alema e soci.
Questo spiegherebbe anche l'indulgenza della Cdl, che da un simile travaso di potere (dalla sinistra moderata a quella radicale) avrebbe molto da perdere. Come ci perderebbe il paese se finisse sotto le grinfie del "fecciume" estremista...
Questa bega é interna a loro, si stanno scannando per il potere e se vincono Bertinotti e soci, Dio ci salvi...bisognerà veramente espatriare.
Ciao Mary

Anonymous said...

Nessie, hai perfettamente ragione! Ma comunque di fronte all'impassibilità di Berlusconi sono arrivata a pensare che la stampa non riporta apposta le sue rimostranze per ragioni che non capisco. oltre alla stampa potrebbe avere vicino degli uomini non all'altezza. No, perchè la reazione di un uomo normale è quello di rendere pan per focaccia con gli interessi. La reazione di un uomo normale è simile a quella che ha mio marito quando sente le accuse degli esponenti del governo a Mr.B. ed esclama: che faccia da put...! ...ha la faccia come il c..., ecc.! Finisce che coloro che hanno votato centrodestra, davanti a tanta inettitudine rimangono sconcertati
bye
Kaminito

Nessie said...

Mary, anch'io ho pensato subito alla guerra interna tra le due sinistre.
E' evidente che Bertinotti e soci non hanno poteri forti a cui attaccarsi per vinceree possono solo attaccarsi al giustizialismo della Forleo. I DS, invece sì. E comunque io li conosco: è gente assai infingarda e Berlusconi dovrebbe tenersene alla larga. Ora lui, può fare comodo a D'Alema-Faccisognare, ma poi non si sa come girerà...
Kaminito, in ogni caso è una destra priva di attributi. Soprattutto in momenti come questi. E io sono stufa di turarmi il naso.

Lontana said...

Come hai ragione Nessie!
Siamo proprio desolati di fronte a questa opposizione cavalleresca, tutta colpetti di fioretto e inchini.
Non é questo che vogliamo, non é per questo che li abbiamo votati.
E anche io sono rimasta basita a vedere Maroni garantista a Ballaro', proprio quando i DS sudavano.
A questo punto direi che sono tutti talemnete ricattabili che i giudici ricominceranno a decidere per tutti.
Ciao, Lontana

Lo PseudoSauro said...

Temo proprio che i coglioni siamo noi, anzi, i nostri rappresentanti che vogliono fare i signori. Diamo loro tempo un mese e vediamo che riescono a fare; senza dimenticare che poi devono davvero tagliare tutte le connivenze tra politica e finanza, oltre a valutare con serenita' se la nostra permanenza in UE e' compatibile con i nostri interessi di italiani. Con tutta la gente combattiva che si legge sui blog, non ci si spiega il perche' la CDL debba essere composta in prevalenza da rammolliti. Sara' bene cominciare a considerare il voto come un premio e non come un vitalizio come fanno a sinistra.

Massimo said...

L'handicap di Berlusconi è diessere liberale e di comportartsi come tale anche nei confronti di chi non sa neppure cosa voglia dire la parola "liberale".
In questi frangenti meglio, molto meglio, lasciare la parola a Calderoli ... :-D

Nessie said...

Esatto Lontana: sono tutti ricattabili fuorchè una casta di giudici "intoccabili" che decide quando, come e dove scarcerare i terroristi islamici e incarcerare gli 007 addetti alla sicurezza del paese.Dare pene leggere a stupratori e a serial killer, e viceversa, infliggere pene durissime agli evasori fiscali o ai personaggi dello spettacolo.
E questo crea un ulteriore disquilibrio dei poteri e un dolo per la democrazia. Io non ci credo alla democrazia dei tribunali speciali. Però, non mi sento di tirare nessuna ciambella di solidarietà a chi se ne è servito fino a ieri.

Nessie said...

Sauro, che i coglioni siamo noi, l'ho annunciato fin già nel titolo del post e nell'incipit. O meglio, coglioni quelli che ci rappresentano e che si servono del nostro voto per farne strame.

Massimo, Berlusconi negli Usa sarebbe considerato un "democratico" e non certo un conservatore o un repubblicano. Qui, nel paese dei soviet e di altri residuati di Chernobyl è evidente che si è dovuto ritagliare un posto a destra.
Purtroppo anche la Lega ha dentro gente come Maroni, che da quando ha fatto il ministro del Welfare, sembra un quasi cigiellino (vedi quel che ne ha scritto in proposito Lontana).

pps said...

I resoconti delle interrogazioni di Ricucci presenti oggi sui giornali ci mostrano un imprenditore impegnato a cercare appoggi di qua e di là per svolgere la sua attività imprenditoriale.
Ora mi chiedo? Chi è succube di chi? La finanza della politica o viceversa?
Sauro: la destra deve liberarsi dei suoi rapporti con la finanza? E come? Eliminando fisicamente il silviaccio?
E' poi interessante l'analisi di Mary che potrebbe pure essere azzeccata.
Ma non vi viene in mente che politica e finanza sono inscindibili e che il silviaccio, proprio per questo, rappresenta un'anomalia, perchè incarna i due elementi?

Anonymous said...

Comunque anche senza le "intercettazioni" i giganteschi conflitti e intrallazzi di interessi dell'Unione col mondo finanziario, confindustriale, bancario ecc. sono più che evidenti e preoccupanti e non da ora la fu CDL dorme della grossa quando per il bene democratico e economico dei cittadini dovrebbe andare all'attacco lancia in resta chiedendone conto pubblicamente.
Quanto al caso in questione ora che tra i verbali è finalmente e magicamente saltato fuori l'atteso nome di Berlusconi ecco che gli accigliati censori di sinistra stanno ricambiando la cortesia ricevuta.
La situazione mi pare senza via d'uscita e siamo al punto che l'unico soggetto che può far crollare questo enorme centro di potere che è l'Unione è l'Unione stessa.
Scarthorse

Nessie said...

Caro Tilt (pps) in attesa che ti rispondano Mary-Orpheus e il Sauro ti dirò sinceramente la mia. Il Silviaccio (come lo chiami tu) è la risposta anomala ad una situazione altrettanto anomala.
Voi della "rive gauche" vi scandalizzate sempre molto sul conflitto di interessi. Che, intendiamici c'è, ma che è la punta dell'iceberg di tante altri conflitti di interesse altrettanto diffusi che bene o male interessano tutti. E di cui si tace. La commistione di affari, finanza, banche e politica, tocca anche e soprattutto i Ds, che non appartengono più al partito delle "pezze in culo" e delle "scarpe rotte eppur dobbiamo andar" da parecchio tempo.
Alla testa di fondazioni bancarie di MOntepaschi e di BNL ci sono manager delle coop rosse. Quando esauriscono queste cariche ritornano a candidarsi in politica rastrellando preziose clientele in grado di fornire loro i voti necessari, per altre cariche di prestigio a carattere amministrativo regionale o municipale.
Siccome provengo da una regione "rossa", conosco una miriade di dati che potrebbero essere utile agli altri blogger, ma non a te, che ovviamente hai compiuto il tuo "atto di fede".
Perché vedi, la differenza tra un elettore di destra e uno di sinistra è che per noi il voto ai ns. partiti di riferimento è un'apertura di credito. Mentre per voi, è un atto di fede.
E devo dire che è proprio questa a rendere tanto più forte la sinistra della destra. Anche quando perdete, non smarrite mai la vostra fede. Grazie per la visita.

siro said...

Hai ragione Nessie, l'opposizione è ondivaga e insoddisfacente. Ci sarebbe da mettersi le mani nei capelli, se non fosse che i compagnucci si premurano sempre di ricordarci che loro sono decisamente peggio. Anche questa stupidaggine del "regicidio"... Mettendo in fila gli insulti a Berlusconi nei soli cinque anni di governo, un giornalista dell'Ansa ci ha ricavato un libro di oltre 300 pagine ("Berlusconi ti odio", s'intitola). E questi rompono le palle per una battutina? Senso della decenza zero...

Nessie said...

Scart, che vuoi che ti dica? Quando la CdL ha governato, era già essa stessa ostaggio di questa "gioiosa macchina da guerra" di cui parli, e più di tanto non poteva fare.

Siro, per l'Unione, senso della decenza zero. E lo sappiamo. Tuttavia dover registrare successi sui demeriti altrui, non è più sufficente per una vera destra.

Lo PseudoSauro said...

Tilt - PPS: come ha gia' scritto Nessie, il conflitto d'interessi c'e' a destra come a sinistra. Vogliamo vedere i numeri? Muove piu' clientele il silviaccio o il sistema cooperativistico? Basta vedere il numero di dipendenti: milioni di lavoratori delle coop, delle inamovibili amministrazioni rosse, delle ONLUS, ONG etc. e poche migliaia dall'altra parte. Nel sistema all'americana che D'Alema auspicherebbe, i primi a fare fagotto (per S.Quintino) sareste voi. L'applicazione delle teorie del sig di Montesquieu mi farebbe assai piacere, ma che valesse per tutti... se no il Silvio lo fate a fettine. In un regime come questo non c'e' alternativa: lo cambiamo? A me sta benissimo, anche se non m'illudo che in un'economia globalizzata vi possano essere rapporti di forza diversi da quelli economici. E questo e' il motivo per cui il vecchio PCI si e' riciclato. E' fino comprensibile, ma agisce in un regime quasi monopolistico per mancanza di reciprocita'. Per voi lo Stato e' la Sinistra e l'opposizione dev'essere di sinistra anch'essa... diciamo che la democrazia funziona in un modo un po' diverso.

P.S.
se hai qualche problema tecnico contattami pure dal sauro. C'e' un link nella toolbar a destra (of course) :-)

Occidentale said...

Cara Nessie,
eccomi tornato dopo un blitz dalle "tue" parti (cioè in Scozia), stacco salutare perché mi ero scordato delle nostre quotidiane miserie legate alla gestione politica di questo paese(l'oblio, si sa, è un eccellente balsamo per l'anima).
Ho letto il tuo nuovo post e i commenti che lo accompagnano.Vedo che la situazione in mia assenza si è aggravata!Adesso siamo sfiduciati pure nei riguardi di quella destra che dovrebbe contrastare l'attuale governo e che per motivi suoi invece non lo fa, o non lo fa come noi ci aspetteremmo che facesse...Impotenti come siamo(non abbiamo gli strumenti per cacciarli via)che possiamo fare?Contro ogni realismo, io continuo a sperare che la disaffezione della gente nei riguardi della politica diventi così universale da condurre a una sollevazione di massa.Per il momento, come contentino, sono lieto di apprendere che Prodi e l'indegnissimo Cuffaro sono stati fischiati a Noto, all' "inaugurazione" (sic) della Cattedrale crollata per incuria della Curia piu' di dieci anni fa...
Buona serata da Occidentale

Nessie said...

Occidentale, bentornato dalla Scozia :-)
Sì, ho sentito dei fischi che accompagnano le tournées di Faccia di Mortadella a Noto. Sabato è toccato alla sua "batelada" sul Po. Hanno passato una vita a sghignazzare su Bossi e i suoi riti sull'Eridano e ora si mettono a imitare pure i leghisti pensando di recuperare la popolazione yankee.Anche lì si sono beccati la giusta razione di fischi.
Certo che se alla frutta come sono, la destra li aiuta pure a tenersi in piedi...

marnie said...

Nessie,
la situazione politica attuale è talmente confusa e caotica che non si riesce a capire più chi ha torto e chi ha ragione; chi ha intrallazzato e chi non. Circolano accuse, contraccuse e smentite da ogni parte. Non sarà che tutto questo casino l’abbiamo creato noi elettori? L’atteggiamento tenuto dal primo momento da Berlusconi, a difesa dei nemici, non mi è piaciuto e mi è parso ambiguo. Poco dopo infatti è stato tirato in mezzo anche lui nella storia delle intercettazioni.
Ha sempre parlato male dei comunisti, ma non ha ancora imparato a combatterli con la stessa arma.
Fini intanto è impegnato a fare la separazione consensuale, sfasciando la sua famiglia! Bell’esempio del family day! Casini, quello che pretende il trono più alto dela CdL, è impegnato a ribadire le sue assurde pretese dal Berlusca. Bossi non può fare tanto la voce grossa per il suo stato di salute, così la voce grossa la fa Maroni, parlando e danzando fra destra e sinistra.
Dopo la batosta elettorale, i nostri, non solo non si sono ripresi, ma stanno facendo di tutto per annegare da soli. Potevano fare una dura e giusta opposizione. Le buone motivazioni c’erano. Invece si sono limitati a balbettare in qualche caso e a lisciare il pelo in altri.
Non hanno saputo governare e non sanno nemmeno fare una giusta opposizione.
Con questi chiari di luna, si liquidano case e libertà

Nessie said...

Marnie, ti do ragione su tutto, con una riserva su Berlusconi e sull'imparare a combattere i comunisti con le loro stesse armi. E' vero che non basta parlarne male, ma che occorre combatterli. Ma quella è gente che ha degli anni di esperienza e di lotta negli apparati di partito. Sa cos'è la gestione del potere e sa anche come cancellare le impronte digitali in caso di abusi (vedi il caso Greganti ai tempi di Tangentopoli).Sono cose che non si improvvisano in 13 anni come nel caso di FI, ma che fanno parte della storia di un partito che si è intrecciato con la storia di una dottrina politica.
Circa le tue critiche a Casini e Fini al Family Day, ebbene ormai il motto "fin che morte non vi separi" penso che sia diventato impraticabile perfino per il più incallito conservatore.
E tuttavia, non è una buona ragione per partecipare ai carri allegorici dei Gay Pride o per sostenere i DICO.

marnie said...

Nessie,
sulla scarsa esperienza di Berlusconi hai ragione. I sinistri (già nel vocabolo c'è tutto il preoccupante senso del loro essere!) sono i golia della menzogna e della mistificazione.
La famiglia è andata a ramengo da tempo e Fini si è conformato.
Il mio blog è incompiuto per la mia mancanza d'intelletto,di esperienza e d'intraprendenza informatica.
Mi sono iscritta recentemente a Splinder per identificarmi nel sito di Lontana, dove circolano parecchi velenosi avversari anonimi. E da lì, ho conosciuto il tuo sito, i cui post sono esilaranti ed efficaci, come quelli di Lontana.
Per nostra consolazione, in mancanza di meglio, apprendiamo con sincera soddisfazione che Prodi-Mortadella è stato accolto a fischiettate anche oggi a Noto.
Cosa non si sopporta per restare avvinghiati alle comode poltrone... Ma lui rideva. Applausi e fischiettate per lui pari son.
Marnie

P.S. Nel tuo sito non è contemplato il messaggio privato?
Marnie

ephrem said...

Nessie, l'aria si è fatta irrespirabile più che sayonara vorremmo dirgli Adieu pour toujours loro e la presunta superiorità morale :(

Quanto a Berlusconi, non si capisce per quale motivo debba avere preclusioni nell'affondare la lama, per l'affare RCS? Per le parole di Ricucci? Mi pare proprio poco, è chiara la manovra alla "muoia Sansone e tutti i filistei" della snx, un cuore di leone non dovrebbe avere paura di costoro.

marnie said...

Nessie,

anche oggi il capo del (mal) governo è stato accolto a fischiettate dalla Confesercenti, dopo essere stato costretto ad ascoltare un sermone antigovernativo e antitutto il suo disastroso operato. Ha lasciato l'assemblea con la coda tra le gambe, senz'aver avuto il coraggio di replicare alcunchè.
Vediamo domani come andrà l'incontro di B.col Capo dello Stato e speriamo che quest'ultimo si decida a dare qualche segno d'imparzialità sulla situazione politica in atto.

Nessie said...

Ephrem, è chiaro che la sinistra ha interesse a mostrare ccome i veleni siano bipartisan in questo preciso momento. E Berlusconi ci casca dentro come un pollo, illudendosi di poter riscrivere "regole condivise" con l'avversario D'Alema.

Marnie, non passa più un giorno senza che Prodi venga fischiato per ogni dove. Lui parla di "claque" ma in realtà sono categorie di arrabbiati che agiscono (e fischiano) autonomamente. E questo dovrebbe far riflettere il Berlusca sul fatto che c'è gente molto più combattiva di lui.
Sull'ascesa al Quirinale, non mi faccio proprio nessuna illusione.
Sappiamo già di che pasta è fatta l'Uomo del Colle.

ephrem said...

Nessie, scrive bene Giacalone allorchè dice: I grandi capi della sinistra e quelli(o) della destra si mettono d'accordo, sottobanco, ed utilizzando il compagno Ricucci, l'astuto Gnutti, il veloce Fiorani, il cooperativo Consorte ed il potente Fazio, danno la scalata coordinata a Bnl, Antonveneta ed Rcs. Disponendo della quasi totalità della forza politica falliscono tutti e tre gli obiettivi, perdono la testa del governatore, vedono finire in galera le proprie truppe e vengono offerti al pubblico sputtanamento.

Nel disperato tentativo di spalmare sull'intero arco costituzionale il fango delle intercettazioni, D'Avanzo e Cie, imbastiscono una trama che fa acqua da tutte le parti. Infatti Giacalone intitola il suo pezzo "Gli inetti del parlamentino"...

Nessie said...

L'ho letto anch'io. Dice bene Giacalone.

ephrem said...

Ieri sera D'Alema ha tentato di dare i crismi dell'ufficialità alle parole intercorse tra Consorte e l'intero vertice dei DS, definendo leggittimo da parte loro di ritenere quell'operazione migliore e perferibile alle altre. Bene. Allora perchè non averla difesa a viso aperto e alla luce del sole? Perchè D'Alema stesso, se ricordo bene, negò di essere a conoscenza della stessa? In più riprese le telecamere hanno ripreso baffino con lo sguardo perdo nei suoi pensieri, persino Casini aveva buon gioco e lo metteva nell'angolo, per non parlare di Belpietro, un paperino-peperino tremendo che non ne ha per nessuno, finanche Guerrini presidente di Confartigianato lo ha messo alle strette e si è permesso il lusso d'interromperlo. L'unico a lisciargli il pelo era Floris il quale continuava a chiamarlo misteriosamente presidente...

Nessie said...

Emile, l'ho visto anch'io a Ballarò. Masticava assai amaro ed era verde di bile come un ramarro.
E ho pure sentito la sua "trovata" di una banca (la BNL) che è assai meglio che si appoggi alle cooperative piuttosto che venga immessa sul mercato e fatta pappare dai francesi. E questo sarebbe "spirito patriottico" secondo loro? Ma per piacere...
Qua siamo in pieno conflitto di interessi "ante litteram". E cioè prima che scendesse in campo Berlusconi. Ovvero dal dopoguerra a oggi.
Floris lo chiamava ossequiosamente "presidente", perché è vice-premier ex-aequo con Rutelli. Il che fa ridere: lo scranno promiscuo.

Nessie said...

PS: dimenticavo: è pure presidente dei DS, mentre Fassino ne è segretario.Anche Caselli lo ossequiava con un "presidente".

Antonio Candeliere said...

Credo che ci voglia un ricambio totale, con dei requisiti eccellenti per candidarsi.Ma la vedo dura!

Occidentale said...

Da secoli insultiamo i lupi - che peraltro sono dei bellissimi animali:non mi risulta che i nostri politici abbiano lo stesso fascino-per via del loro famigerato appetito (fame da lupo, appetito lupigno sono frasi fatte che ognuno conosce).Ma che dire della fame di poltrone della sinistra??I lupi al confronto sono delle esili fotomodelle anoressiche, in lotta perenne contro i carboidrati!
Fai bene cara Nessie a ricordare lo "scranno promiscuo" di Rutelli e D'Alema:per i sinistri nessuna Torta è abbastanza grande da soddisfare la loro atavica fame.E allora nonostante lo spirito "laico" dei suddetti campioni della sinistra, hanno copiato dalla tradizione cristiana il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci(nel loro caso, limitandosi alle poltrone).Saluti afosi da Occidentale

Nessie said...

Candeliere, la vedo dura anch'io.
Occidentale, i due citati hanno avuto la faccia tosta di chiedere ex-aequo la vice-premiership dopo aver ottenuto importanti dicasteri. E ora i mass media non hanno nulla di più importante che sbandierare la faccenda del nascituro PD e l'eventuale leadership di Veltroni. Chissenefrega? Degli sfracelli citati, zitti e mosca. L'ultimo è la destituzione del capo della polizia DE Gennaro per i fatti di Genova di 6 anni fa. Ormai non passa più un giorno senza strenne natalizie anzitempo, da parte di questo governo. Sei ancora nei paraggi o sei trasmigrato al fresco?

Occidentale said...

Cara Nessie,
rispondo alla tua domanda circa i miei spostamenti...Dalla tua area geografica d'elezione, la Scozia, sono tornato.Adesso sono impegnato nelle "operazioni" routinarie che puoi ben immaginare, come tutti gli anni in questo periodo, fino al 9 luglio, dopodiché andrò verso il mare e il sole ( e tu sai che non ci vado volentieri perché preferirei la Scandinavia o, meglio ancora, l'Alaska, per respirare un po' d'aria fresca).Non farei dell'autobiografismo qui- essendo OT- se non per segnalare che il caro baffetto, che tanto tiene all'economia nazionale, mentre da un lato bloccava i fondi da investire all'estero del 20% (impedendo così al sottoscritto di andarci...)dall'altro con un'accetta virtuale ha fatto in modo di spaccare in due la poltrona di vice ministro dandone metà al suo complice di rapine, che risponde al nome-e alla faccia babbea e sorniona- di Rutelli.Buona giornata da Occidentale

frank77 said...

I politici di centrodestra danno solidarietà perchè hanno anche loro molto da nascondere.