08 January 2019

Nessuna trattativa con gli amici degli invasori

Mappa dei sindaci contro il decreto di Salvini 

Giorno di San Severino.
Questo governo ha commesso due errori, indicativi di una certa debolezza endemica e di una non coesione (del resto è un governo di compromesso) :

1) Di Maio non doveva mostrarsi possibilista dicendo che sarebbe stato disponibile ad accogliere donne e bambini dalla nave Sea Watch, se Malta li avesse fatti sbarcare. Errore! Lo step successivo da parte di questi è quello di richiedere poi le "ricongiunzioni" delle famiglie. L'altro step è l'arroganza di rifiutare cibo su modello pagina di "Campo dei Santi" (leggetelo per favore!) quando buttavano il cibo giù dalle navi per creare un casus mediatico. E' incredibile come un testo possa essere tanto profetico fin nei dettagli!

2) Il secondo errore è stata la trattativa voluta da Conte coi sindaci. Errato aprire un confronto con il presidente dell’ANCI Antonio Decaro. Perché Decaro, appunto, non parla a nome dell’Associazione nazionale dei comuni d’Italia, alla guida della quale, nel 2016, è stato eletto da una maggioranza di amministratori di sinistra , ma del suo partito, cioè il PD che sogna, insieme a un manipolo di veri e propri eversori (non c'è altro nome per definirli) , di fregarsene delle leggi dello Stato e delle norme che reggono la democrazia e di ottenere una rivincita con la via giudiziaria, le toghe rosse e le denunce agli organismi supremi della magistratura.
I sindaci non sono ministri né parlamentari, né uomini con cariche governative: sono degli amministratori il cui compito è fare buona amministrazione nelle loro specifiche realtà territoriali.  Qui la mappa dei sindaci detti "ribelli", in realtà in sedizione permanente. Inoltre l'ANCI è una creazione di sinistra messa in piedi quando le regioni erano in larga parte "rosse". Tempi andati! Oggi viviamo una tendenza diametralmente opposta.
Decaro dell'Anci, non fa eccezione. Egli parla a nome del PD e non fa gli interessi di TUTTI i comuni d'Italia, ma solo dei suoi.

Sono errori che poi si pagano, caro Conte e caro Di Maio. Ma soprattutto li pagheranno i cittadini. Nessuna trattativa coi potenziali eversori che non intendono rispettare le leggi dello stato, quando i suoi gestori cambiano la musica. E la musica da essi voluta  mantenere invariata chiamasi invasione.  Salvini a differenza di loro due, lo ha capito. E sa che se molla in nome del "contratto" (dove peraltro non esiste alcuna clausola nel merito), i suoi elettori non glielo perdoneranno. Perciò fa bene a tener duro. Speriamo che regga.


Si parla di bugie di Malta, di inganni, di dirottamenti di navi verso le nostre coste. Può darsi sia vero e che non manchino i colpi bassi  levantini contro di noi da parte dell'isola. Ma come ha sempre sostenuto questo blog, non è con le "quote redistributive"  e coi "ricollocamenti" di migranti un tanto al chilo, che si risolve il problema. Anzi, questo li renderebbe ancora più aggressivi e determinati nell'invaderci. Assodato che l'Europa fa il convitato di pietra e non prende posizione, non resta che desumerne un'amara verità: vorrebbero applicare il motto "Italia delenda est" scaricandoci addosso l'intero problema africano. 
Una ragione di più per tenere ben chiusi i nostri porti e non ascoltare le sirene malefiche dei Bergogli, dei vescovi, delle ong e dei sindaci immigrazionisti nemici del popolo. 

47 comments:

Massimo said...

Sferrano un attacco confidando nella magistratura. A loro non interessa se il 65% degli Italiani è favorevole al Decreto Sicurezza e immigrazione di Salvini o se altrettanti, quindi più di quanto i sondaggi attribuiscono alla maggioranza di governo, sono favorevoli alla chiusura dei porti alle ong. Hanno l'arroganza e la spocchia di voler imporre la volontà di una minoranza attraverso lo strumento giudiziale. E' quello il disegno che dobbiamo respingere facendo valere la volontà popolare non la volontà di elitarie consorterie di potere che si puntellano l'una con l'altra.

Nessie said...

La volontà popolare finora l'abbiamo espressa con le vie pacifiche e istituzionali. Temo che se tornassimo al voto e facessimo l'80 o il 90 o il 100%, finché abbiamo la casta dei togati, ci ritroveremmo allo stesso identico punto.Chi comanda in Maggggistratura?
Perciò a mio avviso, è bene avere un gilet giallo sul cruscotto.

Anonymous said...

Faccio una unica considerazione: è un dato di fatto che a dettare legge e ad avere il Vero Potere è il partito, con amichetti e soci annessi, che è stato sconfitto elettoralmente. E questa sarebbe "democrazia parlamentare" dove "il potere appartiene al popolo"?
Scarth

Anonymous said...

Speriamo che regga.
"reggerà" finché potrà. Sono in arrivo altri "colpi"; mica lo lasceranno andare a "l' incasso" delle prossime europee senza prima tentare di distruggerlo.
Come nella barzelletta di projetti, dopo il " diciotti" doveva venire fuori un " diciannove" e ne vedremo presto anche un "venti" un " ventuno"...La "navigazione" è " a vista" e " sotto il fuoco "nemico" (e " amico") qualche colpo dovrà essere per forza incassato prima di dover mollare il governo nel nome dei "principi irrinunciabili ".

Perché il nemico si combatte meglio da dentro "il palazzo" che da in mezzo "alla piazza".
ws



Nessie said...

Scarth, l'idea di L'or signori è far disaffezionare il popolo ai riti della democrazia. Compreso il voto. Dimostrando che qualsiasi risultato elettorale può essere ribaltato, la mossa successiva è rendere nulla la democrazia. Del resto, quante volte l'abbiamo scritto che i banchieri non sanno che farsene della suddetta e non sanno come fare a disfarsene?

Ecco l'albero del Potere

1) in cima alla piramide stanno in banchieri e i banksters
2) i media (sempre di loro proprietà)
3) i magistrati e la magistratura
4) i politici asserviti al loro diktat.

Serve altro?

Nessie said...

ws, le congiure di Palazzo fanno parte della Storia. Dai greci, ai romani in poi. Del resto è chiaro che le roccheforti si espugnano dall'interno con traditori, dissociati, prezzolati vari. Chi dà a Conte e a Di Maio, l'autorità di ficcare il naso negli affaracci del Viminale? Chi incoraggia questa loro faccia tosta di mettersi a fare i "negoziatori" in una materia che non fa parte né del loro dicastero né del loro ruolo istituzionale?

E' assai probabile che la "grande congiura" contro Salvini sia già iniziata... E che non gli permattano di passare all'incasso per le imminenti europee, dove farebbe l'en plein, mentre i 5 stalle finirebbero nel letame.

Anonymous said...

Ciao Nessie, anche a queste condizioni rinunciare al voto sarebbe la cosa più sbagliata di certo. Però mi rammarico e mi stupisco che le prime vittime di questa fintissima democrazia non ne denuncino chiaramente la vera natura.
E a proposito di Vero, Verissimo Potere:
https://img2.tgcom24.mediaset.it/binary/infografica/centimetri/78.$plit/C_2_infografica_1001485_0_image.jpg?20180308220938
... tanto per rendere l'idea (L'ho trovata su Scenari Economici qualche giorno fa).
Scarth
PS: Salvini sembra tranquillo ma anch'io penso che gli attacchi di ogni tipo saranno in esponenziale incremento perchè, è chiaro, lo vogliono eliminare. E abbiamo visto, purtroppo, se Loro vogliono Loro possono. Chiesa bergogliana compresa. Resta da vedere se può contare su qualche "amico" da qualche parte.

Nessie said...

Scusa Scarth, ma se la gente comune e i comuni elettori non indossano qualche gilet giallo e imparano a prendere d'assalto i Palazzi d'Ingiustizia a che serve ripetere le solite manfrine del 2011? Se una strada imboccata con le vie pacifiche e istituzionali non è sufficiente, significa che bisogna imboccarne un'altra più efficace e temibile per loro. Sennò si fa la figura dei gonzi - di quelli che porgono l'altra guancia, fino a farsi gonfiare il faccione.

Nessie said...

PS: visto la grafica su Scenari Economici. Il mondo dei "nominati"conta molto di più di quello degli "eletti". Ma su questo non avevo dubbi! C'è di che meditare.

Gabriele Casari said...

In Germania un politico dell'AFD viene massacrato a bastonate , per dire come si comportano i fanatici della demokrazia .
Qui in Italia le cose sono più sottili , ora si è arrivati al venditore extracomunitario che rompe le scatole a Salvini , tanto per far vedere quanto è brutto e cattivo il leghista poi si vedrà .
Spero che gli riesca di mettere a segno qualche buon colpo di propaganda mediatica ; ad esempio facendo qualcosa per quelle donne vessate dalla mafia di cui ha parlato Gilletti, il quale mi sembra abbia pure fatto un'appello al ministro del interno per risolvere la cosa.
Non sarebbe in sé una cosa enorme ma avrebbe una grossa riuscita come immagine, parte il bene che ne verrebbe per quelle poverette .

Nessie said...

Non ho seguito la vicenda nel programma di Gilletti, ma tutto ciò che favorisce un ritorno di immagine (e non solo) per Salvini, va bene. Il problema in queste ore è la flottiglia delle Ong che hanno deciso di sferrare attacchi senza precedenti, sfidando perfino le mareggiate di Poseidone, affinché ci scappi il morto da sbattere in prima pagina. E l'altro problema dentro il governo è il solito motto "dai nemici mi guardo io, dagli amici mi guardi Iddio". Basta leggere sulla ruffianeria di Conte verso la comunità di S. Egidio:

https://voxnews.info/2019/01/08/salvini-scrive-a-conte-non-sbarca-nessuno/

è evidente che qualcuno sta arruolando e prezzolando la parte più molle di questa compagine, i 5 stelle, per favorire la disgregazione dell'esecutivo.

Anonymous said...

Nel mio ragionamento sulla mancata denuncia del Regime mi riferivo ai politici, in particolare quelli della Lega che sono le prime vittime designate, non ai cittadini. Ascolto spesso Radio Padania ma mi sembra che i politici della Lega non siano minimamente consapevoli di questo nè di quelli che qui noi consideriamo punti fermi e neppure del quadro generale purtroppo. Di conseguenza non si accorgono dei pericoli che corrono. La Comunità di S. Egidio è la quintessenza del politicamente corretto globalista in ogni campo: in pratica è come avere a che fare con Soros, la Bonino e la Clinton. Ed è la punta di lancia della nuova Chiesa Bergogliana. Hanno un potere sotterraneo ed enorme che nulla a che fare col cattolicesimo dei martiri e dei millenni.
Scarth

Nessie said...

Il problema, secondo me, è quello di neutralizzarli e non solo di denunciarli. Blondet ha scritto che intorno a Soros ci ruota anche una buona parte dei nostri media come l'economista Fubini del Corsera:

https://www.maurizioblondet.it/il-corriere-ha-sparato-fake-news-lo-dice-uno-del-corriere/

Anonymous said...

I migranti della Sea Watch e della Sea Eye sono lì, coperti, rifocillati, in acque tranquille (le navi non possono sbarcare a Malta, ma sostano in rada e sono rifornite di medicinali e vettovaglie). Ma per i buonisti il loro è «un inferno», sono «sequestrati in mare». Scene già viste e frasi già sentite per la Diciotti e la Aquarius. Salvini non è il solo a dir di no. Tutti gli altri stati europei rifiutano quegli emigranti «a meno che si pervenga a una spartizione ecc. ecc.» cioè mai. E l’irremovibilità di Salvini non blocca l’invasione. Si è ridotta di molto, passando dai prevedibili 120mila arrivi a 20mila, ma quelli son pur sempre riusciti ad arrivare, via mare o via terra, e sono una piccola città. La falla è tutt’altro che chiusa. L’unica sarebbe di smetterla con l’ipocrisia del diritto internazionale che vieta di sbarcare i profughi in porti “non sicuri”. I porti libici sono sicuri, tanto che solo in questo mese di gennaio vi sbarcheranno 12 navi da carico italiane (fonte InforMare). L’aeroporto di Tripoli funziona. L’Italia ha lì un’ambasciata e un consolato generale. Ma poi, Libia a parte, ci sono altre nazioni nella sponda sud del mediterraneo con cui fare accordi per sbarcare i migranti. La verità è che loro non ci vogliono tornare, in Africa. Vogliono l’Europa e siccome è chiusa “si accontentano” dell’Italia. Ma non parlategli di tornare indietro. Ci sono milioni di migranti pronti a venire in Italia dall’Africa e dall’Asia. Se iniziassero a veder tornare indietro scornata un po’ di gente, magari cambierebbero idea. Invece, per ogni sbarcato, dieci suoi compaesani si mettono in viaggio. E se li lasciamo venire, fra 30 anni sarà guerra civile.

Manlio C.

Anonymous said...

Per neutralizzarli ci vorrebbe un Potere pari al Loro che i soggetti che si oppongono al Regime non hanno nemmeno alla lontana. Basta vedere la ATTUALE vergognosa perdurante gestione faziosissima RAI. Il livello di mistificazione e soprattutto di assoluta impunità (doppiopesista) ben descritti dall'articolo di Blondet sono appunto la testimonianza perfetta degli strumenti che il suddetto Regime usa.
Scarth

Vanda S. said...

Cito Nessie: "Ecco l'albero del Potere

1) in cima alla piramide stanno in banchieri e i banksters
2) i media (sempre di loro proprietà)
3) i magistrati e la magistratura
4) i politici asserviti al loro diktat. "

Purtroppo credo che questo sia il quadro anche del Nord America!
Anche qui vorrei sapere a che serve spendere una fortuna per costruire un muro, quando sono LE LEGGI da DEMOLIRE, non muri da innalzare!

Nessie said...

Manlio, parole sante! . Con una sola puntualizzazione: "E se li lasciamo venire, fra 30 anni sarà guerra civile".
Anche prima, purtroppo.
Non scappano da nessuna guerra, semmai la guerra ce la portano qui a casa nostra.

Nessie said...

Vanda, più che le LEGGI DA DEMOLIRE in sé, temo che anche lì da voi sia come da noi: sono i magistrati che ne fanno un uso ideologico. Cioè pessimo e quasi mai dalla parte dei cittadini.

Anonymous said...

Ciao Nessie,
non voglio solo complimentarmi per il post, ma anche per l’invito (che faccio mio) a leggere “Il Campo dei Santi” di Jean Raspail.
Hai ragione: è incredibile come un libro (scritto nel 1973) possa rivelarsi così profetico perfino nei dettagli…
C’è praticamente tutto: i milioni di “disperati”; la loro decisione di invaderci “pacificamente” («Il tempo delle armi è finito»); il loro rifiuto di mediazioni e compromessi, forti dell’appoggio di missionari, organizzazioni umanitarie e quinte colonne piazzate in campo avverso, mosse - queste ultime - da interessi personali o in preda al più completo disarmo morale. C’è il lavaggio del cervello per mezzo di un’assillante propaganda pro immigrati, il martellamento attraverso la musica, il condizionamento mentale che parte dalle scuole elementari ecc.
C’è, insomma, tutto quello che vediamo all’opera ai tempi nostri. Manca solo la decisione, da parte di uno Stato, di mandare l’aviazione a bombardare i suoi stessi cittadini che si oppongono all’invasione. Ma è solo questione di tempo. In realtà l’or signori si sono già preparati anche a questo. Ne avemmo modo di discutere, se non sbaglio, all’epoca della Costituzione europea o del Trattato di Lisbona, dove – attraverso una serie di astrusi rimandi – è tracciata una strada che solo un azzeccagarbugli potrebbe scoprire al primo sguardo e che porta filato alla sospensione dei diritti umani e al ripristino della pena di morte in caso di “gravi disordini”…

Se possibile, nelle ultime ore il disegno appare ancora più chiaro. Non bastava il Vaticano col suo Capo, le sue Gerarchie e i suoi pretonzoli da strada; non bastava il Vermilinguo del Quirinale o Leoluca Orlando Cascio (di famiglia mafiosa) che accusa di eversione Salvini, quando è egli stesso un eversore. Adesso ci si mette anche il presidente del Consiglio che minaccia: «se Salvini chiude i porti, me li vado a prendere con l’aereo». Sbruffonata a parte (come fa un aereo ad atterrare su un barcone?), la dichiarazione è gravissima. E considerando le origini democristiane di Conte, ripenso ad un altro democristiano che rinchiuse ventimila albanesi in uno stadio e li rimpatriò in quarantotto ore. Democristo per democristo, ponte aereo per ponte aereo, col senno di poi forse era meglio Andreotti. Anche se a dirlo può far ridere, mi sembra perfino che avesse la schiena più dritta…
(no caste)

Giano said...

Ho letto l'articolo di Blondet. Purtroppo ha ragione. Ricordo un articolo di PG Battista, editorialista del Corriere, che, dopo aver riferito di bufale e notizie taroccate che riempiono le pagine di stampa, concludeva così: "Non credete a quello che scrivono i giornali". E se lo dice un editorialista del Corriere bisogna credergli.

Ad avvalorare questa tesi ecco un recente articolo, 19 dicembre 2018, riferito all'autorevole giornale tedesco "Der Spiegel" e ad una sua prestigiosa firma, Claas Relotius, che per anni avrebbe scritto articoli del tutto falsi ed inventati: "A proposito di “fake news” sulla grande stampa ufficiale, il Guardian riassume una vicenda incresciosa che il celebre giornale tedesco Der Spiegel è stato costretto ad ammettere: uno dei suoi giornalisti di punta, che scriveva articoli sulla società e le notizie internazionali, ha inventato storie, protagonisti e fonti per anni. Il giornalista aveva vinto premi prestigiosi come il premio CNN per il Giornalista dell’Anno nel 2014 e un Premio Europeo per la Stampa nel 2017.".

Vedi: https://massimogelmini.it/2018/12/26/der-spiegel-rivela-che-uno-dei-suoi-giornalisti-di-punta-ha-inventato-articoli-falsi-per-anni/

Mi sa che non c'è scampo. Viviamo in una realtà alterata dai media in cui niente è ciò che sembra e tutto sembra ciò che non è.

Giano said...

L’origine dei nostri guai con l’immigrazione; che tutti fingono di ignorare.

Costituzione, art.10
- L'ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute.
La condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali.
Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge.

Nessie said...

Ciao No caste, la sola cosa che mi chiedo in queste ore e dopo queste decisioni per me gravi, è se la componente pentastellata di questo governo non sia stata arruolata e prezzolata per NON permettere a Salvini di passare all'incasso durante la campagna elettorale delle europee, dove con ogni evidenza avrebbe bagnato tanto di naso al M5S. Il ricatto c'è e si vede. Della serie, Salvini ADEGUATI e non fare l'intransigente sennò abbiamo bell'e pronto il PD con cui allearci. In ogni caso, dopo le notizie di queste ore è chiaro che il problema non sono i 49, ma il segnale di incoraggiamento che si vuole dare a chi si sogna di tenere sotto ricatto gli stati. In altre parole, un ennesimo segnale di debolezza!

Sul Campo dei Santi, come sai, ho già scritto una dettagliata recensione nel luglio 2017

https://sauraplesio.blogspot.com/2017/07/lapocalisse-secondo-jean-raspail.html

e non finirò mai abbastanza di citarlo e consigliarlo a chi ancora se lo fosse perso.

Anonymous said...

fra 30 anni sarà guerra civile.
ci taglieranno la gola molto prima , già adesso il 20% dei nuovi nati (e poi spesati da noi) è afroislamico.
Purtroppo ad opporsi a l' invasione è solo la lega , che credo non sarà mai maggioritaria nel paese. Siamo un popolo di furbifessi sempre in balia di una elite prezzolata pretesca e leguleia.
Salvo miracoli faremo la fine dei"polli di renzo" ( anzi di renzi).
ws

Nessie said...

Giano, sappiamo bene che la lotta contro le "fake news" sul web, servono a legittimare le "fake news di regime" propagate dai media mainstream, i soli deputati ad avere LICENZA DI FALSIFICAZIONE. Te ne conto un'altra del CorServa. Mario Luzzatto Fegiz ha ammesso vantandosene di aver visto pochissimi concerti rock e di aver scritto recensioni senza essere stato ad ascoltare la ROCK STAR del momento. Del resto aveva un "ghost writer" (un tempo lo si chiamava "il negro): Andrea Laffranchi che scriveva resoconti per lui. E stiamo parlando di un settore effimero come la musica rock e pop.

Figurati i settori legati alla politica!

---------------------------------------------------------

Sulla costituzione. Purtroppo la Dichiarazione Universale dei diritti dell'Uomo, viene posta nei testi giuridici scritti, sempre prima della Costituzione Italiana. Quasi a volerci ricordare che la seconda si ispira alla prima e ne è il corollario.

Tuttavia non mi convince il tanto sbandierato art. 10, il quale parla di "straniero" (cioè singola persona). Non di legioni e di maree umane all'assalto dei confini.

Poi se proprio vogliamo metterci a sofisticare, sempre la stessa Costituzione, recita che la sovranità appartiene al popolo. Orbene l'averla violata in mille modi (con l'euro, con la legge sul pareggio di bilancio art. 81, con l'aver calpestato i confini) significa che tutto l'impianto della Ue e i suoi trattati di adesione (Maastricht e Lisbona) vanno nel senso contrario alla nostra sovranità. E che sarebbero passibili di denunce, se avessimo una magistratura seria e dalla parte del popolo, e non dei Beria simil sovietici.

Giano said...

Cara Nessie, mi sorprende che nessuno si renda conto delle conseguenze di quell'articolo 10. Se dovessimo applicarlo e dare asilo a tutti quelli che vengono da paesi in cui non sono riconosciuti i diritti umani riconosciuti dalla nostra Costituzione, a occhio e croce, fra Cina, paesi arabi e musulmani, comunisti e regimi autoritari, sarebbero qualche miliardo. Dobbiamo accogliere tutti? Questo dice l'art 10. Perché nessuno si decide a proporre la sua eliminazione o modifica?

Nessie said...

Forse non hai capito bene la mia replica precedente, Giano. Se siamo invasi, non è certo per colpa dell'articolo 10 che parla al singolare "lo straniero" (e non gli stranieri), ma per colpa della cessione di sovranità imposta dalla UE con la libera circolazione degli uomini, delle merci e dei capitali, un dogma globalista.

Da quando abbiamo iniziato a essere invasi? Guarda caso, da quando siamo entrati nel sistema di Maastricht e di Lisbona. Se anche ne proponessimo l'eliminazione (ci può anche stare), ma poi continuiamo a rimanere in questa trappola mortale che si chiama Eurozona, non andremo molto lontano. Mi pare, pertanto, che il problema sia un po' più complesso dell'eliminazione dell'art. 10!

Anonymous said...

Concordo con ws, 30 anni sono molti facciamo la meta', penso che i Rothschild daranno
un'accelerata agli eventi, gli europei cosi come sono non credo che gli piacciano.



Manlio C.

Anonymous said...

Anche se ha le sembianze di una combinazione "casuale" (ONG, dichiarazioni M5S, Conte, sindaci, Chiesa ecc.) sospetto e temo che quella che si è concretizzata contro Salvini e contro la Lega in queste ore sia una operazione molto articolata su più fronti per stroncare lui, la Lega e spostare in un modo o nell'altro il M5S verso il PD. Spero di sbagliarmi ma la Lega si trova di nuovo tra l'incudine e il martello: o ingoia il rospo e continua, in qualche modo e probabilmente in condizioni precarie, a restare "al governo" oppure esce e torna a contare zero. Forse è meglio non pensare a cosa sforneranno quotidianamente i professionisti della sovversione sottobanco da qui alle elezioni di maggio anche considerando il tipo di "popolo" di cui fa cenno Ws.
Scarth

Giano said...

Nessie, ho capito. Infatti non dico che sia quell’articolo la causa dei mali, ma è certamente un principio pericoloso che bisognerebbe rivedere. E’ su quei principi che poi si costruisce tutto il resto. Vedi il motto della Rivoluzione francese o l’art.1 della Carta universale dei diritti umani. E se è sbagliato il principio anche tutto ciò che ne consegue è sbagliato.

Anonymous said...

Grazie per avermi segnalato quel tuo post, Nessie. A suo tempo lo avevo perso e me ne dispiace. Era in piena estate e probabilmente mi trovavo a lavorare da qualche parte… Ho letto i commenti e devo dire che concordo con quello del Sauro sul “Campo” del titolo. Anche io, quando lessi il libro, lo interpretai come “Campo di battaglia”, visto che in francese Camposanto si dice Cimetière.
Per tornare all’attualità, Salvini fa bene ad incazzarsi come una bestia per la trappola che gli hanno teso Conte e Di Maio e ad opporsi con tutti i mezzi. È un segno di debolezza e di incoraggiamento per “imprese” analoghe da parte delle Ong. Senza contare i precedenti che il ministro degli Interni non avrà certo digerito: alludo ai circa 500 africani che l’Ue aveva promesso di “ripartire” e che sono rimasti tutti da noi. O alla ventina di “risorse” che Bergoglio, col suo buon cuore, si prese per poi mandarli a pascolare in giro per l’Italia, a spese degli italiani.
(no caste)

Nessie said...

Scarth, detta in soldoni non restano che due opzioni per Salvini: o ingoiare il rospo e andare avanti fino alle elezioni europee, o far saltare il banco col rischio concreto che la Mummia sicula dia un incarico M5s e Pd. Conto sul Giorgetti e il suo understatement. Forse è in grado di suggerire a Salvini la mossa astuta da farsi.

Nessie said...

Giano, cerchiamo di fare un po' i furbi. Ti pare che te lo facciano rivedere proprio in un momento in cui serve all'Eurocrazia? Per riformare la carta costituzionale è necessaria un'assemblea costituente. Pertanto prima si fa una bella Eurexit o Italexit o come vogliamo chiamarla. Poi si riforma la carta. E già che ci siamo si ripristina anche la legge sul pareggio di bilancio il quale deve tornare ad essere nazionale (art. 81) e non fatto da Bruxelles, come è stato ignobilmente ritoccato nel 2012 sotto il governo Monti. Tutte le forze politiche allora in carica (maggioranza e opposizione) non dissero un "beh".

Nessie said...

La maggioranza dei media tacquero e non informarono sulla bella nefandezza in corso con l'eccezione di qualche povero blogger :

https://www.rischiocalcolato.it/2012/04/il-pareggio-di-bilancio-in-versione-monti-abbiamo-perso-la-sovranita.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%253A+blogspot%252FHAzvd+%2528Rischio+Calcolato%2529

Nessie said...

No caste, grazie a te per la lettura, ancorché tardiva. Tu e il Sauro - se ben ricordo - vi trovavate spesso in accordo.
Per tornare al topic, la trappola tesa a Salvini è insidiosissima. Direi, un tradimento al di fuori del "contratto" che le due parti hanno stabilito. In ogni caso, una pericolosa interferenza e ingerenza nei confronti del Ministero dell'Interno. Le due opzioni possibili le ho scritte a Scarth nel commento delle 12, 01 am.
Conto su un colpo di genio da parte del laconico Giorgetti in soccorso di Salvini. Ha la faccia di un contadino, ma ha un cervello fino, tanto per rimanere nella rima.

Anonymous said...

E tutto finì a tarallucci e vino
(rimanendo nella rima),tanto rumore per niente, vedessero di
lavorare sodo piuttosto che fare
teatro, e voi blogger occupatevi
di cose serie invece di remare
contro.
Buona padania

Renato t. (Appiano Gentile).

Alessandra said...

E alla fine ci si prenderà 10 clandestini, come da accordo raggiunto questa notte.
Darei una botta in testa a quelli che dicono: "Ma sì, sono soltanto 10, un piccolo sforzo lo possiamo fare!" e non si rendono conto - o fanno finta di non capire - che questo spingerà ancora di più le ong ad andare a prendere altri clandestini, e quindi ci saranno altri casi come questo.
Tanto "una soluzione la si trova sempre".

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/europa/2019/01/09/maltamigranti-in-8-paesi-tra-cui-italia_379707ed-4d53-4035-b955-def7ad68ca95.html

Nessie said...

Appiano Gentile, che libro hai letto? o che film hai visto? Chi sta remando contro chi e contro che cosa? qui si sta cercando di capire Conte e di Maio dove vogliono arrivare, poiché questo a casa mia, si chiama "calamento di braghe".

E se proprio vuoi fare lo spiritoso trovati un altro sito.

Nessie said...

Ale, è proprio questo il punto: cominciare a svuotare il secchio invece di continuare a riempirlo (fossero anche 10, 20 o 40 persone).

L'affermazione di Conte a Porta a Porta circa la sua intenzione di usare gli aerei per andarli a prendere, nel caso Salvini tenesse i porti chiusi, è di una gravità inaudita. Ora alla Lega non resta che giocarsi bene la carte del "reddito di cittadinanza" che al Nord nessuno vuole e farne materia di serrata trattativa, nel caso si ripetessero "incidenti" come questi. E' l'unico modo per rendere pan per focaccia, visto che si gioca a fare gli spiritosi sulla pelle dei cittadini che ne hanno già piene le cosiddette.

Alessandra said...

Tra i sindaci che hanno aderito alla “disobbedienza incivile” ci sono anche l’Appendino e Nogarin, mentre la Raggi vuole che gli effetti del dl Sicurezza vengano “mitigati”.
Tre grillini.
Ah, ci pigliano per il didietro anche con la storia della chiesa valdese che accoglierà i clandestini a costo zero per i contribuenti italiani.
Come al solito, le cose non stanno come le raccontano i msm.

https://voxnews.info/2019/01/10/ecco-chi-ospita-la-chiesa-valdese-ali-e-i-suoi-nove-figli-a-spese-nostre/

Nessie said...

Sapevo che i valdesi pencolano quasi sempre a sinistra. Del resto il rifondarolo Paolo Ferrero è un valdese. Ho letto il link di Vox: per conto mio, anch'io sono tra quelli che considerano Conte un personaggio infingardo. Mi spiace perché all'inizio mi pareva una figura di premier accettabile a cui diedi un'apertura di credito. Questo vale anche per i 5 stelle in generale, in specie, per certi amministratori e amministratrici.

Anonymous said...

chi è REALMENTE Conte ce lo spiega un ex-M5

https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13417893/paolo-becchi-piano-giuseppe-conte-far-fuori-matteo-salvini.html

lo scopo di questo "furbacchione" è far saltare i nervi a salvini , ma salvini può far saltare i nervi ai 5S molto prima e la campagna europea incomincia tra 2 mesi .
Tranquilli, non ce la faranno
ws

Nessie said...

Sì ma questo video dove Conte canta conta ancora più di dieci imbeccate di Becchi:

http://www.la7.it/tagada/video/il-premier-conte-canta-%E2%80%9Cl%E2%80%99anno-che-verr%C3%A0%E2%80%9D-di-lucio-dalla-07-01-2019-259715

Ne avessimo uno bono!

Anonymous said...

Lette, con adeguata dose di brividi e conati, le appartenenze e frequentazioni di Conte. Ma in questo disgraziatissimo Paese ce n'è uno che non arrivi dai soliti circoli? Sembra proprio che Lorsignori si siano mossi sin dalla formazione di questo Governo per cautelarsi adeguatamente. La "sovranità" della Lega nell'ambito di questa maggioranza è MOLTO limitata. Forse sbaglio ma mi pare che dopo le uscite di quei senatori del M5S al Senato la maggioranza possa contare solo su pochi seggi di differenza. Vista la doppia anima del m5S se i sovvertitori di professione riusciranno a trovare i pochi seggi che mancano credo che Conte e M5S non avrebbero problemi, anzi, ad allearsi col PD. Non dimentichiamoci che nei giorni della formazione del nuovo Governo l'intesa tra M5S e PD sfumò a causa di quest'ultimo che però ora sembra essersi ricreduto.
Sono sempre più convito che, purtroppo, senza un Grande Reset globale in stile 2a G.M. che disintegri le sorgenti del loro smisurato e orwelliano Potere, Lorsignori, in un modo o nell'altro, la spunteranno sempre.
Scarth

Nessie said...

Sei in errore Scarth, la II GM l'hanno fatta sempre loro. Non a caso si chiama "mondiale". E non resetta un bel niente.

Anonymous said...

Intendevo "2a G.M." per rendere l'idea del genere di rivolgimento planetario che, tragicamente, cambia lo stato delle cose.
Scarth

Alessandra said...

Purtroppo anch’io mi vedo costretta a rivedere la mia opinione su Conte che mi era piaciuto nei suoi primi mesi da premier, ma che dal sostegno dichiarato al GCM in poi e anche sulla manovra mi ha lasciata sempre più perplessa.
Avevo persino soprasseduto sui CV "gonfiati" e sulla presunta amicizia con Maria Etruffa, con la quale ha in comune i trascorsi all’Università di Firenze, per aspettare a giudicarlo una volta visto all'opera.
Come non detto.

Spero abbia ragione ws.
In questi mesi chissà a quanti altri attacchi e colpi bassi dovremo assistere: Salvini mantenga i nervi saldi e non faccia come Dorando Pietri.
Per fortuna la Lega ha una caratteristica che manca sia ai 5S sia al PD: è un partito coeso, come vuole il suo nome, del resto.
E se riesce a fare il pieno di voti alle europee, il 32 a 17 tuttora rivendicato dai grillini diventerà "roba vecchia".

Nessie said...

Però è anche vero che col suo 17% Salvini alle elezioni del 4 marzo non poteva fare che quello che ha fatto, cioè un governo di compromesso basato sul fatidico "contratto". L'alternativa era il Berlusca. Sai che scelta!
Ora speriamo solo che il traghettamento alle elezioni europee non sia irto di trabocchetti e colpi bassi.