13 March 2018

Anafora postelettorale






Come se niente fosse, Mattarella si mette a parlare di "responsabilità" e di eventuale governo dei responsabili (leggi:  inciuci e nominati) verso gli italiani. Non gli passa manco per la canuta parrucca che gli Italiani hanno votato contro il suo partito di provenienza e contro i giochi di potere e di Palazzo orditi dal Quirinale.


Come se niente fosse Napolitano, vorrebbe un altro quinquennio di governi presidenziali e non riesce neanche a star zitto.

Come se niente fosse Berlusconi corre a raccattare gli avanzi del Pd col cucchiaino per salvare gli interessi di bottega  suoi,  e contro i suoi stessi alleati dei quali è invidioso marcio (della Lega in primis).

Come se niente fosse Bergoglio che ha cercato di entrare a scarpone teso (e pesante) nella campagna elettorale, ora entra a scarpone teso (e pesante) nei risultati delle elezioni per parlare della priorità dei "migranti".

Come se niente fosse i vescovi e cardinali alla Parolin non si spostano dalla linea bergogliana  circa la necessità di "creare ponti" (per la Libia) e di continuare nell'opera di educazione contro la paura dei migranti.

Come se niente fosse i vari Saviano, Oliviero Toscani e altre vedove isteriche della sinistra si sono già messe al lavoro per denigrare Salvini. Non solo, ma giornalisti del Fatto travagliato come Stefano Feltri vanno in giro per talk show più o meno vespasiani, a pretendere test di garanzia contro il razzismo, facendo esamini vari ai leghisti ospiti in studio.

Come se niente fosse i trombati speciali (Boldrini, Grasso, Bonino, Fedeli, Lorenzin) resuscitano grazie al meccanismo dei ripescaggi. Ma chi controlla il "ripescatore"?

Come se niente fosse Cottarelli del FMI viene indicato come l'uomo per tutte le stagioni governative.

Come se niente fosse la Ue ci ricorda che nulla deve cambiare in Italia sulle politiche migratorie.

Come se niente fosse la Ue vota la proroga di altri 6 mesi le sue sanzioni economiche contro la Russia per mandarci a gambe all'aria nelle esportazioni.

Come se niente fosse... dicono che ci vuole un altro "governo tecnico". Sono 7 anni che abbiamo governi tecnici (5)  più o meno mascherati da "politici".

Come se niente fosse in tv ci sono le solite brutte facce di Fazio e della Littizzetto che fanno caricature su un quadro politico che non fa parte dei loro sponsor. Idem Crozza, comicastro usu capione, per tutte le stagioni.

Come se niente fosse l'agenda LGBT va avanti perfino nell'intrattenimento tv del sabato sera in prima serata, dove si vedono uomini che ballano tra uomini. I bambini che prima andavano a nanna dopo Carosello, ora devono invece guardare e imparare.

Come se niente fosse è stato messo il pilota automatico anche nella scuola e la Fedeli (ministra dimissionaria trombata, ma ripescata)  impone ai presidi degli istituti la nuova neolingua  nonché grammatica orwelliana "di genere".

Come se niente fosse dobbiamo aspettarci nel caso dovesse governare il centro destra con Salvini premier, una guerra  dei nervi, ma soprattutto economica che ci farà versare sudore e lacrime e, nella malaugurata ipotesi che ci lasciassimo condizionare o dominare da Paesi o potenze straniere, ci farebbe versare anche sangue, con una probabile quanto inaccettabile guerra civile. Lo scrive Mannocchia su Imola Oggi

Come se niente fosse, dovremmo capire a nostre spese che scheda e matita non bastano  più per venire fuori da questo ginepraio e che le matite dovrebbero trasformarsi in nodosi bastoni. Sarà per la prossima volta.


59 comments:

Anonymous said...

Il povero Borsellino diceva che la matita era l'arma più potente. E ha fatto la fine che ha fatto. Forse non era abbastanza temperata.

IL SAURO

Nessie said...

:-))). O forse non era abbastanza ingrandita e trasformata in bastone. C'è legno e legno :-)

Jacopo Foscari said...

Purtroppo dopo la sbornia elettorale torniamo alla dura realtà in cui foglietto e matita copiativa sono quasi ininfluenti. Comunque aggiungiamo

"Come se niente fosse tutta l'intellighenzia rossa, dopo aver urlato al pericolo populista si risveglia grillina"

Nessie said...

Bella la tua ANAFORA, Jacopo. Soprattutto veritiera. Aggiungete le vostre, ognuno ne ha sicuramente una in serbo, dato che non posso pensare a tutto.

Dopo il Sabato del Villaggio (globale) dove è prevista la sbornia elettorale, arriva sempre il lunedi.

Giano said...

Perfetto, originale e (tragicamente) ironico al punto giusto. Specie la conclusione, cosa di cui sono convinto da sempre; è più convincente un nodoso bastone di una matita. Non credo (forse non ci ho mai creduto) nel voto come espressione della volontà popolare, nella democrazia come “potere del popolo” (non capisco come la gente continui a credere in queste baggianate), nella volontà generale di Rousseau, nell’uguaglianza degli uomini e nel valore del voto. Se il voto del saggio vale quanto quello dello scemo del villaggio, il voto vale ben poco. Ma questi sono principi talmente diffusi, assiomatici, che è inutile anche porsi qualche dubbio; si correrebbero forti rischi. Molti anni fa un tale capì che con certa gente è inutile discutere, confrontarsi, dialogare, perché capiscono solo una cosa: il manganello.

Nessie said...

Sai qual è il problema Giano? Che le elezioni ce l'hanno fatte sospirare per 5 anni con governi tecnici e nominati dal presidente. E allora era convinzione popolare che ci si dovesse recare alle urne per dare una risposta dura ai Monti, Letta, Renzi, Gentiloni. Ovvero ai governi illegittimi Mattarellian- Napolitani.

Ma hanno incastrato la matita nell'inchiostro "rosatello" :-)

francesco said...

Non si puo' parlare di manganello, e' scorretto. Meglio il bastone. Ma anche la matita e' utile quando si hanno idee nella testa, anzi e' meglio entrambi. Prima si scrive e poi si bastona. Il problema e' che prima dei politici andrebbero bastonati gli italiani che eleggono il parlamento. E poi siamo sicuri che i politici, ad esempio Salvini, sappiano scrivere?

Nessie said...

Guarda degli intellò me ne strafrego. Cacciari il filosofo dice un mucchio di "monate", e la barba non fa il filosofo, visto che sclera sempre. Salvini ha fatto il classico e non ha finito l'università. Ma coi precedenti della Fedeli, dei suoi strafalcioni e della sua laurea tarocca che non esiste, ma non le ha impedito di creare la s-grammatica del gender, mi accontenterei anche di un fresatore o di un lattoniere che ci portasse fuori da questa fogna. Non sono così "prude". Claro?

Jacopo Foscari said...

Comunque noto che il salto sul carro del vincitore continua ad essere lo sport più praticato del paese, se fosse specialità olimpica non avremmo rivali. Scalfari, Mentana, Pif ieri renziani ora tutti grillini. Adesso magari grillini diventeranno pure Fazio e quella befana oscena della Littizzetto che han bisogno di rinnovare i contratti RAI. Quasi, quasi rivaluto il Putto fiorentino che, almeno per ora, cerca di tenere duro e di non svendersi agli Achille Lauro del 2000

Nessie said...

Il Putto fiorentino ha già dovuto mollare la direzione della segreteria PD a Maurizio Martina. Come vedi ha dovuto piegarsi anche lui a "ordini di scuderia superiori". Non aveva mica detto che avrebbe mollato solo in vista di un nuovo Congresso? Del resto da un punto di vista formale è così che avrebbe dovuto procedere. Ma a quanto pare...

Cangrande said...

Ciao Nessie. Lo dico da appassionato di storia e fermamente convinto che la storia si ripeta. Senza acredine e da "distaccato". L'unica via d'uscita è la violenza e il bagno di sangue. Crudo, ma è così.

Nessie said...

Sopprimere i tiranni era giusto perfino per S. Tommaso d'Aquino:

http://lepilloledicarpal.altervista.org/2014-03-26-lecito-uccidere-un-tiranno/

Eleonora said...

7 anni, Nessie, 7 anni di governi tecnici. È tutto troppo.

Nessie said...

Hai ragione. I governi sono stati 5, ma gli anni trascorsi sono 7. Questi bastardi criminali si sono pappati 7 anni della nostra vita!
Dal 2011 al 2018 fanno sette. Ora BASTA!!!

Cangrande said...

...appunto...

Anonymous said...

Vorrei portare ( io ! :-)) un po di realistico ottimismo.Mica vi credevate che un treno in corsa si fermasse con un voto?
Il treno continuerà a procedere "come se niente fosse" ma le ruote da domenica sono BLOCCATE. Pensate ad esempio a tutta "l' agenda" che ci doveva essere " recapitata" da bruxelles e che "il governo per gli affari correnti" non può ricevere anche se " come se niente fosse" opera come se ci fosse ancora un parlamento pronto a ratificalo.

Passeremo dei mesi in stallo dove non solo nessun ordine potrà essere ricevuto ma nemmeno altri ordini partiranno per non svelare il trucco che gli ordini potevano essere rifiutati. In questi mesi ne vedremo di tutte : berlusconi che vorrebbe comprarsi mezzo parlamento ( ma il libretto dell' assegni non ce l' ha più) mozzarella che tenterà di imbastire la più fantasiosa ingegneria parlamentare ect.. Il tutto sotto una ipermartellante propaganda sistemica che cercherà di attribuire a lega e M5 "le piaghe d' egitto".

Servirà ? Non lo so , una cosa è chiara : il messaggio del 4 marzo è che gli italiani si sono rotti i coglioni e non è che la loro "disaffezione" a L€uropa si possa curare con ulteriori iniezioni di terrorismo pro€uropeo.

Sarà lunga e sarà dura , e per quanto riguarda la lega essa dovrà solo continuare a ribadire le proprie posizioni politiche senza troppo indulgere nelle "alchimie"; non c'è in parlamento nessuna maggioranza in grado di governare e questo stallo è GIA' un ottimo risultato.
Certo LORO possono andare ancora dabbrivio sui vecchi binarii ma non andranno lontano come credevano : la loro "rabbia" sarà uno spettacolo.
ws

Nessie said...

Questa sì, è un'ottima notizia mattutina! ws che ci dà iniezioni di ottimismo. "Come se niente fosse..."

E ora se non l'hai ancora sentita, ascolta Marine Le Pen in Congresso. E' stata semplicemente spettacolare e ha salutato l'avanzamento della Lega al Congresso per ben tre volte:

https://www.youtube.com/watch?v=S-p8_smvLhw

Dopo averla ascoltata, devo dire che mi ha convinto. Sono con Marine e non con suo padre che nelle interviste la osteggia in tutti i modi. Temo che anche lui si afflitto dal complesso di Crono. Dev'essere un male senile.

Alessandra said...

Nessie, su questo stallo elettorale se ne dicono tutti i giorni di nuove, ma c'è una fastidiosa costante: appelli a governi di responsabilità, qualche tiratina d'orecchie al massimo a Giggino "io speriamo che me la cavo" e compari grullini, bordate contro Salvini che ha il vantaggio di esserci abituato e infatti quando provoca i vari Saviano e Toscani via web quelli reagiscono come i cani di Pavlov.
Vedremo come si metterà la situazione tra una decina di giorni, ma l'Italia non può accettare altri 5 anni di governo fantoccio: sarebbero esiziali!

Ormai la tv è sempre più campo minato per tutti, ma soprattutto per i bambini che non hanno ancora gli strumenti per discernere e filtrare i contenuti e comprendere appieno il significato reale dei messaggi comunicati.
A maggior ragione non ci si può fidare neppure dei cartoni animati e dei telefilm per adolescenti.
Non a caso da anni i produttori, i responsabili dei palinsesti e i direttori delle varie emittenti usano sempre più spesso il termine "target" in luogo di "pubblico" o "utenza": siamo visti proprio come bersagli da colpire.
La coppia di ballerini uomini a "Ballando con le stelle" non è neppure una novità: su Wikipedia ho letto che un paio d'anni fa al maestro di danza Raimondo Todaro toccò come "allievo" Platinette. Ci manca solo che il prossimo anno lo facciano ballare con Vladimir Luxuria.

Ho letto lo scambio di commenti tra te e Hector Hammond sulla lettera di Benedetto XVI in cui elogerebbe Bergoglio e a quanto pare è stata diffusa con un'interessata omissione e più di un mese dopo la data del suo invio effettivo, per farla sembrare una missiva d'augurio per i cinque anni di pontificato del successore.

http://m.ilgiornale.it/news/2018/03/13/lettera-di-ratzinger-su-bergoglio-ora-spunta-una-parte-omessa/1504821/

Schifosi manipolatori! Ma sono contenta di vedere che avevamo ben ragione a essere scettici. :-)
Al Pampurio "semplice e schietto che piace a tutti" dedico questo breve passaggio della lettera di Paolo ai cristiani della Galazia.
"Ricerco forse l'approvazione degli uomini o quella di Dio? Cerco forse la popolarità? Se cercassi di piacere agli uomini non sarei servitore di Cristo."



Nessie said...

Ale hai sentito che po' po' di festeggiamenti ha riservato la stampaglia all'anniversario quinquennale del pontificato di Pampurio? hanno perfino mostrato Wim Wenders che ha fatto un docufilm su di lui. A Wenders deve essere andato in pappa il cervello, tenuto conto che definì Fabrizio De André, un "santo". Seeeee....! Santo subito!

Alessandra said...

Peana su peana già dal primo mattino e sicuramente saranno andati avanti fino a notte inoltrata! Praticamente la giornata nazionale di pampa Francesco.
Già ... sembra passato un secolo da quando Giovanni Paolo Il disse, incontrando l'attore polacco Piotr Adamczyk che lo interpretava in un film tv, "Voi siete matti a fare un film su di me".
Ora ci pensa il Vaticano stesso a co-finanziare quello che è, di fatto, un documentario propagandistico, non solo di Bergoglio, ma soprattutto dell'agenda mondialista. Evidentemente Wenders è in sintonia anche con quest'ultima.

Nessie said...

Ecco qua il link su Wenders. A quanto pare il docufilm viene prodotto direttamente dal Vaticano che si costruisce così la sua agiografia su Bergoglio. Che Vergogna!

http://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2018/03/13/news/wim_wenders_e_il_film_su_papa_francesco-191189893/

Wenders deve essere a corto di ispirazione (e di quattrini) per essersi prestato ad una simile operazione.

Anonymous said...

Non avevo considerato che lo stallo che blocca tutto in effetti sia già una sorta di piccola vittoria. Non vorrei prenderla troppo alla larga ma ho però la pessima sensazione, spero completamente errata, che i nostri guai stiano per congiungersi con altri peggiori visto quanto sembra dipanarsi a livello globale dove l'assalto diretto o indiretto alla Russia in vari modi ed ambiti si intensifica in maniera perniciosa. Se non ricordo male in Russia votano domenica prossima.
Scarth

Nessie said...

Stavolta consolati con l'amico ws col suo commento di stamattina. Ws batte Scarth in ottimismo 2 a 0 :-).

Dopo aver visto il video del Congresso del FN di Marine Le Pen che ha salutato e ha citato Salvini e la Lega per ben tre volte durante il suo discorso mi sono ricaricata anch'io.


https://www.youtube.com/watch?v=S-p8_smvLhw

guardalo anche tu, è una terapia :-). Ha sputtanato Attali e il suo "Uomo nomade".

Nessie said...

Marine ha detto una cosa vera: comunque vada, siamo dalla parte giusta della Storia. Steve Bannon l'ha definita uno dei leader più in gamba del mondo.

https://www.youtube.com/watch?v=DJdQ76zWLc4

Jacopo Foscari said...

In effetti vien da dire, piuttosto che un governo che combina danni meglio nessun governo

Nessie said...

E questo andrebbe bene se non ci fosse davvero "nessun governo". Ma dimentichiamo che i reggenti sono ancora i Gentiloidi per "adempimenti di fine legislatura".

A proposito, hai notato che anche in questo periodo di toto-governo non mostrano più servizi tv sugli sbarchi? La campagna elettorale continua...

Hector Hammond said...

Non invidio Salvini , non so bene come siano questi rapporti con i grillini , ma spero abbia imparato a giocare a scacchi come Putin .
A parte una frazione di forza italia , non vedo nel paese alleati per lui affidabili.
Tutti gli altri politici vivono come se la crisi-metamorfosi del mondo fosse un fenomeno che avrà una fine con un ritorno ad un mondo quasi pre-crisi.
Ma se la coppia crisi+immigrazione continua come ora , tra 10 anni nessuno di loro sarà al sicuro dalla violenza generale, saremo immersi in una immensa favelas .Dietro un mutamento ideato da menti sataniche c'è solo la fermata ad un mondo infernale.

Nessie said...

All'inferno ci sprofonderanno loro. Per nemesi storica. Abbi fede.

Nessie said...

PS: a proposito di inferno e di satanassi, ecco il libro "L'uomo nomade" di Attali contro il quale Marine Le Pen innesta la sua splendida requisitoria al Congresso:

http://www.globusetlocus.org/pubblicazioni/recensioni/luomo_nomade.kl

Anonymous said...

@hector che scrisse
Non invidio Salvini , non so bene come siano questi rapporti con i grillini , ma spero abbia imparato a giocare a scacchi come Putin .

A tal proposito vorrei ricordare la gran quantità di volte che putin ha dovuto fare buon viso a cattivo gioco; ci sono voluti 25 anni sul filo del rasoio per arrivare al punto di adesso ( che è di massimo pericolo ) molto più come judoka che come scacchista .
Il "metodo putin" infatti consiste nel non offrire appigli , piegarsi quanto e quanto occorre, sfruttare le mosse altrui pronti a colpire nei punti accessibili, con una feroce determinazione ma senza mai perdere la pazienza.
E il tutto senza mai deflettere dallo scopo ,mai mentire, mai cedere veramente , mai compromettersi, ma sempre lasciando che sia l' avversario a confondere e a compromettere se stesso.
Ecco qua ad esempio una parte della sua " carriera" svolta tra le gang "libberali" della russia elsiniana
https://www.rt.com/news/421384-putin-sobchak-taxi-driver/
ws

Nessie said...

Questo che dici fa già parte dell'animo russo, e Putin non fa fatica a tirarlo fuori. Una analoga tattica impiegata dal generale Michail Kutuzov nella famosa battaglia di Borodino, dove sconfisse Napoleone e le sue truppe.

Anonymous said...

Putin è senz'altro uno statista di caratura superiore. Però purtroppo di fronte alla potenza, al Vero Potere e alla forza bruta non basta essere degli abilissimi scacchisti. La Russia oltre ad essere tuttora popolata da potenti ed influenti oligarchie eltsiniane non è in grado "come se niente fosse" di allestire una maidan in California come hanno fatto gli americani in Ucraina, non è in grado di piazzare missili puntati sugli USA in Canada e Messico come hanno fatto gli americani in tutto l'Est Europa, non è in grado di dirigere a piacimento l'intera stampa globale in funzione antirussa in stile pensiero unico come fanno quotidianamente Lorsignori e non è in grado di disgregare gli USA in una decina di stati tra di loro rivali come hanno fatto gli americani con l'URSS ecc. ecc.
Scarth

Anonymous said...

La partita a scacchi la giocano i protagonisti. Noi, purtroppo, siamo a malapena comprimari; e comunque non sapremmo nemmeno giocare. La Russia ha una sua classe dirigente perfettamente consapevole di ciò che vuole la controparte, mentre noi ci balocchiamo con la propaganda senza poter opporre nulla. La nostra classe dirigente è stata azzerata insieme al Fascismo, e i pochi sopravvissuti con una mentalità e una capacità adeguata, sono tutti morti. E ancora li malediciamo come fossero stati loro la causa dei disastri attuali. L'Italia ha una posizione strategica importantissima nel Mediterraneo; aveva una capacità economica quasi alla pari con le grandi potenze; un risparmio tra i più alti al mondo; tesori artistici, località e clima che tutti ci invidiavano. Quindi, ci hanno messo al governo un'accozzaglia di individui accuratamente scelti tra i peggiori disponibili e, nonostante la strenua resistenza di alcuni, la selezione della classe dirigente è stata portata sempre più al ribasso. Oggi questa consapevolezza si fa strada, ma di qui al ricreare le condizioni per potersi autogovernare e districare con intelligenza tra i grossi interessi globali, ce ne corre. Ci vogliono decenni per queste cose, ed un minimo di amor patrio che ci è stato accuratamente estirpato. Insomma: non abbiamo generali e nemmeno un esercito.

IL SAURO

Nessie said...

Qui non si tratta di espandersi sul piano imperialista come gli Usa. Qui si tratta di difendersi. E la Russia saprà certamente difendersi e sopravvivere alle mosse disperate di chi invece va incontro alla sua autodistruzione.

Nessie said...

Il precedente commento era diretto a Scarth.

Quanto a noi, dobbiamo per forza di cose imparare ad applicare gli insegnamenti di Tomaso D'Aquino sulla ribellione ai tiranni, se vogliamo sopravvivere. Pure Benjamin Franklin l'aveva capita con la massima: RIBELLARSI AI TIRANNI SIGNIFICA OBBEDIRE A DIO che in sintesi ne è un po' l'applicazione.

Nessie said...

Per la serie del "come se niente fosse..." ecco la SQUOLA della Fedeli cosa introduce al suo interno:

http://www.imolaoggi.it/2018/03/14/scuola-africani-spiegano-ai-bimbi-come-mettersi-in-contatto-con-gli-spiriti-dei-defunti/

stregoneria e riti tribali tenuti da africani per mettere i bimbi in contatto coi defunti.

La prima cosa che deve fare Salvini (che spero mandi nonno Inciucio a Cesano Boscone)nel caso riesca a fare una compagine seria, è rovesciare come un calzino tutte le porcherie scolastiche del PD e dell'ONU.

Alessandra said...

Il PD fa sostanzialmente melina e mi chiedo se questo stallo in fondo non dispiaccia nemmeno a loro ... visto che sono comunque ancora in carica e per il momento non è possibile nemmeno intervenire per rimediare ai loro scempi.
Nel rispetto delle differenze e contro la discriminazione, la scuola spalanca le porte a streghe, stregoni e santoni.
Non a caso le ultime "pubblicità regresso" a favore del multikulti sono recitate da bambini in aule scolastiche.
Nessie, posto il link alla trascrizione dello splendido discorso di Marine Le Pen a Lille.

http://www.frontnational.com/videos/discours-de-marine-le-pen-au-congres-du-front-national-a-lille/

Non credo di esagerare definendolo un capolavoro: il pensiero identitario espresso con carisma, un messaggio chiaro e inequivocabile, privo di ogni ambiguità e senza alcuna traccia di politicamente corretto. E che indica la strada da seguire per la salvezza delle radici e dei valori non solo della Francia, ma di tutta l'Europa.

Nessie said...

L'avevo già ascoltato, Ale, ma hai fatto benissimo a inviarne la trascrizione. Sì, un capolavoro che solo qualche ottuso (e ce ne sono non solo a sinistra, ma anche a destra - come mi è capitato di incontrare sul webbete) che vale la pena di conservare a futura memoria. Magari aprirò uno specifico topic.

Sul Pd e il tirare in lungo, ci ho riflettuto sopra anch'io. Dopotutto gli permette di ultimare la famigerata Agenda senza intralci. Se poi riflettiamo della recente visita da Mattarella di Gutteres dell'ONU e lo mettiamo in relazione con streghe, stregoni e stregonerie tribali nelle scuole (nello zittificio totale e omertoso della categoria dei docenti), ci rendiamo conto che il NWO sta mettendo tantissima carne al fuoco e che spesso si fa pure fatica a seguire tutto.

Anonymous said...

Dopo quanto emerso confermo che
• Il modo di pensare e di essere di Giulia Buongiorno è incompatibile con la nostra civiltà. Cosa l’abbia spinta a candidarsi con la lega è un mysterium iniquitatis
• Salvini si dimostra essere un elefante in cristalleria, anche perché privo di fermi principi (nonostante la sua ostentazione di rosari): un vero leader non può aprire al partito euro-gaio-sorosiano; certo a chiuder loro si rischia carriera ed anche collottola (mi ripeto: v. Herrhausen, Fortuijn, Haider, e decine di altri, uccisi senza pietà senza che la stampa abbia auto granché a ridire).
Il problema numero uno è la sovranità monetaria. Senza di essa ci attende un progressivo esproprio ed anche una occupazione territoriale
I nostri veri nemici – da sempre – sono la perfida Albione, i suoi alleati ed i suoi agenti specie nel settore stampaglia
Noi siamo una popolazione occupata, cui è stato insegnato che il male è bene e l’amor patrio è fascismo.
I comunisti prima ed ora i grillini e forza arcore sono i gestori per conto terzi delle angherie e soprusi a nostro carico
Aspettiamo ancora chi sappia denunciare adeguatamente lo stato di cose e guidarci fuori dal pantano.
Oreste

Nessie said...

Oreste, finora Salvini non è stato ancora messo alla prova. Non ragioniamo sul nulla, per favore. Con Di Maio si sono sentiti al telefono giusto per concordare la spartizione delle due camere, come è democraticamente e formalmente corretto. I due partiti più numerosi hanno diritto a presiedere le due camere. E ti ricordo anche che il PD ai tempi del suo governo nominato dal Colle, nel quale non aveva la maggioranza al Senato, occupò militarmente le due cariche istituzionali senza che nessuno facesse un "beh". Con due tra i peggiori personaggi della storia della Repubblica: Boldrini e Grasso. Con tutte le conseguenze che sappiamo per lo svolgimento democratico della legislatura.

Sulla sovranità monetaria, sono pienamente d'accordo. Ma se avesse sollevato subito questa, non sarebbe entrato nemmeno in parlamento, dalla porta di servizio. E altrettanto può dirsi della Le Pen, i cui voti vengono di continuo blindati e congelati dai vari "rassemblement", rendendola di fatto non operativa.

Ogni cosa a suo tempo.

Nessie said...

Una cosa invece salta agli occhi: tutte le moine e le ammuine di Nonno Inciucio da Arcore il quale ogni giorno se ne inventa una: il ripescaggio del massone Gianni Letta, quello di Verdini, quello di andare a ripescare negli avanzi della spazzatura del PD, e via aberrando...

Ci vorrebbe un bel biglietto di sola andata, destinazione: Cesano Boscone.
Bisogna fermarlo in qualche modo.

Sympatros said...

I reazionari

Sono incuriosito dai re-azionari, quelli veri. I re-azionari vi sono in quanto vi sono i pro-gressisti. I pro-gressisti sono i fautori dell’andare avanti, i re-azionari del frenare e a volte innescano la marcia indietro o il freno a mano.
Le magnifiche sorti progressive hanno dominato nel dopoguerra, l’americanismo. la socialdemocrazia e il concilio vaticano 2 hanno dominato e hanno portato ad una visione cattolica mondialistica. Il progresso nell’economia nel benessere e nella correttezza ideale sembrava un modello ineguagliabile e anche inarrestabile.
I re-azionari erano pochini…. man mano però che l’idea di progresso si appanna, che il mondialismo globalistico comincia a produrre degli effetti collaterali non piacevoli, tipo l’immigrazione e la crisi delle banche…. le magnifiche sorti progressive cominciano ad appannarsi. I reazionari diventano più numerosi e la loro voce comincia a farsi sentire. Come stanno le cose, da una ottica sub specie aeternitatis e possibilmente non di parte?

Forse ci si era illusi che il progresso economico e il benessere progressivo fossero in qualche misura assicurati.... la realtà dimostra che non è così o meglio puo' non essere così si può tornare indietro. Ma i re-azionari, pur di vedere sconfitto il mondialismo il progressismo l’immigrazionismo, vorrebbero forse che accadesse proprio questo? In effetti basterebbe togliere l’energia elettrica per qualche mese in tutto il mondo e d’incanto finirebbe il mondialismo l’immigrazione l’universlismo il cattolicismo.
Se il progresso e il benessere dovessero finire nella realtà e di conseguenza nell’ideologia, la supremazia occidentale finirebbe, il fascino dell’occidente nei confronti degli altri popoli finirebbe, l’immigrazione finirebbe in modo automatico e lo scontro islamismo-occidente si attenuerebbe di molto.
Cosa io vedo di utopico nel pensiero re-azionario? Immaginare un mondo non mondialistico senza immigrazione, un mondo come luogo in cui si è felicemente separati e chiusi nel proprio “orto”, accompagnati cmque da progresso e benessere, secondo me è un utopia. Se il progresso e il benessere economico mantiene o va avanti, se le scoperte e le applicazioni della scienza vanno avanti, se le vie di comunicazione di commercio diventeranno sempre più veloci, se incontrare venire a contatto con persone da noi lontane diventa sempre più facile penso che sia meglio prepararsi gradualemente, ripeto gradualemente, al multiculturalismo, all'universalismo, che tradotto in greco si dice cattolicismo. Certo, alla base del mio ragionamento c'è un se, un'ipotesi, l'ipotesi che si continui a progredire, se non si verifica questa ipotesi tutto il ragionamento crolla.
In sintesi la reazione totalitaria per avere successo deve sperare in un mondo senza progresso oppure deve assumere un ruolo positivo di controlo che porti alla gradualità dei processi mondialistici e alla razionalità degli stessi.
Il senso di questo intervento. Ho voluto portare un pò di dissonanza in questo blog…. la dissonanza è una conquista nella musica. Il blog mi sembra monocorde. Nel mediovevo c’era il canto gregoriano, monodico ad una sola voce, come era unica la verità religiosa di allora. Poi arriva la polifonia, più voci però accordate fra loro, la verità è sempre un’armonia che però gode delle diversità le quali alla fine si ricompongono in armonia, l’armonia della verità…. pian piano si arriva ai nostri tempi, si arriva alla dissonanza, il dissonante diventa bello. Io non “sono” di sinistra, ho votato sempre a sinistra… il votare fa parte dell’essere ma non esaurisce l’essere..



Nessie said...

Ciao Sympatros, sorpresa di trovarti anche qui. Chi ha detto mai che i "reazionari" sarebbero contro il progresso? Forse sono contro il Progresso, il dio con la P maiuscola. Conosco "rivoluzionari" vicini alle teorie decrescitiste di Latouche, ad esempio. E il M5 stelle ne sono i fautori.

Se poi vogliamo dirla tutta dal '68 in poi c'è stato una sorta di pensiero unico globale progressista che ha attraversato i continenti. E allora la scuola deve diventare "antiautoritaria", i figli devono ribellarsi ai genitori ed educatori, la donna rivendica "pari opportunità", i tabù devono cadere ed è vietato vietare. Poi siccome il mondo è UNO solo, allora c'è diritto di transumanza universale, i confini devono essere distrutti, e chiunque trova sbagliato starsene a casa sua, perché intanto, come dice Gentiloni, "il mondo è di tutti".
I giornali riportano gli stessi titoli e stanno tutti sulla stessa notizia o notizie, le tv hanno programma apparentemente diversificati, ma in realtà hanno tutti lo stesso pallino: Il progressismo.
Ovviamente il Progresso è di sinistra e il Regresso e l'oscurantismo è di destra. Scusa sai, ma la tua brillante dissertazione sull'uniformità di questo blog, avresti potuto estenderla al "beau monde" che ci hanno confezionato, nel quale vedo che invece ti ci trovi a tuo agio. Questo chiamalo pure un blog "reazionario", anzi come dicono i francesi "reactio".
In realtà è solo un piccolissimo fortino di difesa. Ah già, ma la "chiusura" è di destra e l'"apertura" è di sinistra. E come dice Bergoglio ex aequo con Renzi, Gentiloni, occorre costruire "ponti" e non barriere. Peccato poi, che anche i ponti crollino e facciano vittime. Tu chiamale se vuoi, "vittime del Progresso", come è di recente avvenuto in Usa, continente del Progresso e della Democrazia da esportare. A suon di bombe a grappolo.

francesco said...

Sul Salvini che non e' stato ancora messo alla prova occorre spirito critico, cosa che non trovo nel blog, ne' altrove.
Salvini, per ragioni di bottega, non ha mai rotto con il passato, con le derive della lega di Bossi. Amministratori leghisti ce ne sono e non brillano per capacita'. Salvini ha rifiutato qualsiasi confronto televisivo, ci rendiamo conto o facciamo finta di nulla?Salvini ha accettato questa schifezza di legge elettorale diventandone il principale responsabile! Andiamo al voto ma prima facciamo passare un test invalsi ai prossimi futuri politici.
Vedo che gli italiani preferiscono far finta di nulla, anzi sono il NULLA.

Nessie said...

Salvini ha rifiutato qualsiasi confronto televisivo, ci rendiamo conto o facciamo finta di nulla?

Forse sarò stata una visionaria, ma a me è parso che abbia avuto anche troppi passaggi in tv. E che molta altra gente (compreso Di Stefano di CasaPound) lo critichi per ragioni opposte alle tue: ha frequentato troppi salotti (Vespa, Floris, Formigli, D'Urso, Merlino...). Fossi stata in lui non sarei andato manco a questi.

Personalmente non credo nel "confronto", parola che mi dà cordialmente sui nervi, cavallo di battaglia di quelle sinistre che poi ti tolgono la parola di bocca, con perenne diritto di interruzione. Comunque, Francé, ti ricordo che la campagna elettorale è finita.

Anonymous said...

E' tornato l'ottimo Sympatros. I reazionari, dici. Ma in una democrazia ci vogliono progressisti e conservatori, come minimo, altrimenti che democrazia è ? Infatti, siccome pare che i conservatori non esistano più da un pezzo, la resistenza alle istanze progressiste assume le connotazioni di una vera e propria reazione. Ma una reazione dal basso, in quanto la rivoluzione progressista viene guidata dall'alto. Il reazionario non viene da nobiltà e clero: viene proprio dalle classi più disagiate. Le categorie sono le stesse di prima, ma il Progresso non deve lottare per affermarsi contro un'orda di invasati religiosi. Direi piuttosto che è l'esatto contrario: un'orda di invasati progressisti vuole imporre al resto del mondo una unica visione ed un unico governo

E il Progresso, come è inteso oggi ? Mica si vuole tornare ai cavalli e rifiutare l'aspirina. La proprietà privata viene considerata obsoleta, la famiglia è obsoleta, lo Stato è obsoleto, il popolo non esiste, i confini non esistono... è una rivoluzione, mica può piacere a tutti. E siccome piace solo a pochi, tutto il resto va di conseguenza.

Temo che tu confonda i termini della questione. E' la visione mondialista ad essere totalitaria. E' il Mondialismo a volere un unico governo planetario che obbedisce a logiche calate dall'alto. I reazionari si accontenterebbero di campare decentemente sul fazzoletto di terra loro assegnato e i cui confini sono stati accettati perfino dall'organizzazione mondialista per eccellenza: l'ONU.

Francamente, il tuo mi sembra un sermone, più che un ragionamento.

IL SAURO

Nessie said...

Che ci vuoi fare o Sauro?!? Mi sforzo da quel dì, di far capire che le "rivoluzioni di Progresso" oggi le fanno le élites oligarchiche (ovvero l'aristocrazia del Denaro - quella che in pratica poi è "reazionaria" nel modus vivendi), ma con ogni evidenza il concetto non entra. Eppure lo dicono perfino certi saggi sociologici e lo annunciano già nel titolo: "la ribellione delle élites e il tradimento della democrazia"

https://www.ibs.it/ribellione-delle-elite-tradimento-della-libro-christopher-lasch/e/9788807816475

La plebaglia (o racaille) oggi è tutta "reazionaria", mentre i vari Soros amano la Open Society e le rivoluzioni. Specie, se colorate.

Tanto loro non si mescolano mai con i poveracci e possono mantenersi magioni lontani dalla pazza plebe e vere fortune economiche in Paradisi Off Shore.

Anonymous said...

Amministratori leghisti ce ne sono e non brillano per capacita'.
ma se il lombardo veneto é la parte megli amminstrata d' italia...

Ma poi "non brillano "ripetto a cosa ? Alla regione sicilia ? alla mafia piddiota ? Alle bagasce del berluska?. alle sciacquette grulline ?

Amico "la botte"" da SEMPRE "il vino" che ha ,e la botte italiana già non aveva un buon vino che poi non solo è stato pure fatto inacidire in 70 anni di "occupazione democratica", ma adesso ci buttano pure m...a da fuori !
Ma tu continua pure a sognare ...
ws

Anonymous said...

in sintesi la reazione totalitaria per avere successo deve sperare in un mondo senza progresso

ma non è vero un kazzo, e chi fa questa "sintesi" è solo un MASSONE , magari anche sotto "mentite spoglie" per " fottere nel cervello" chi si oppone al NOVO ORDO
vade retro SATANA.
ws

Nessie said...

A proposito, dato che questo è un blog di diffusione del pensiero (spero non Unico, dove ci sono altri esegeti) mi piacerebbe sapere se il conte Richard Nicholaus Coundenhove-Kalergi quello della società meticciata il cui piano è in corso d'opera per tutti ma non per quelli come lui che vivevano nei castelli, era di dx o di sx.

Eloisa said...

Come se niente fosse l'Ong spagnola, Proactiva Open Arms,resistendo alla marina libica pur sovvenzionata ed equipaggiata da noi per questo scopo e trasgredendo così al codice di condotta firmato, anziché trasbordare i presunti profughi in Libia o in un porto spagnolo , ha girovagato per 48 ore in lungo e in largo nel mar Mediterraneo in attesa che fossero proprio le autorità italiane infine a concedere porti e asilo sul nostro territorio.

https://scenarieconomici.it/la-proactiva-open-arms/

Qualcosa però dovrebbe dire Salvini in questo frangente (come ha denunciato lo svuota carceri approvato in questi giorni da un governo scaduto).
Se vai a vedere l'informazione : su 10 link a favore spudoratamente di questa ennesima calata di braghe del nostro paese, solo 2 denunciano questa situazione( Scenari economici e Primato nazionale) .Il Corriere accuratamente poi non ne parla per niente.

Nessie said...

Non vorrei che questa situazione di stallo in cui nessuno si assume la responsabilità di governare o di mettere insieme una coalizione che rassomigli vagamente a un governo, favorisse ad oltranza il solito PD, chiamato lì e inchiavardato in posizione di stallo, tanto per completare la famigerata Agenda mondialista. L'altro giorno Gutteres dell'ONU è andato dalla Mummia Sicula, senza che nessuno si sia degnato di chiedere conto della visita. Senz'altro avranno parlato di "migranti".

Nessie said...

Anche questo link del Primato nazionale riprende la ferale notizia degli sbarchi della ONG spagnola:


http://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/proactive-arms-attracca-italia-si-rifiutata-consegnare-200-clandestini-ai-libici-81460/

Anonymous said...

La miglior prova che Salvini è sicuramente un bravo ragazzo è che è stato dichiarato Nemico Pubblico N. 1 dalla Uè!, dalla stampazza di Regime nazionale e globale, dagli straricchi salottazzi del Potere, dalle oligarchie istituzionali che imparziali dovrebbero essere e invece non sono, dalla Nuova Chiesa Cattolica Piddina e dai tutelatissimi, agiatissimi kapo' per conto terzi, e anche dai violentissimi ma liberissimi e impunitissimi (ma guarda che caso...) picchiatori di piazza. Senza contare che i suddetti soggetti in aggiunta alle cancellerie americane ed europee hanno già dato il loro imprimatur al loro M5St... in mancanza del loro PD.
Quindi, per quanto sopra: Santo subito!!!
Scarth

Nessie said...

Non mi fido invece di Nonno Inciucio. Vogliamo scommetterci che ora la corte di Strasburgo lo proscioglierà dalla Legge Severino e ce lo ritroveremo tra le palle?

Anonymous said...

"severino o non severino "nonno inciucio ce lo troveremo fra le palle finchè gli italiani continueranno a votare il suo partito di maneggioni.
Siete qui tutti a tirare la giacchetta a salvini che ha gli stessi parlamentari di "nonno inciucio" tessendo le lodi di orban dimenticando che orban per fare quello che fa ha DA ANNI il 65% dell' elettorato dietro e non il 17.4. DA 10 GIORNI.
Insomma per le loro ( e nostre) disgrazie un pò di responsabilità agli italioni gliela vogliamo dare o no ?
ws

francesco said...

France' risponde, ma non e' romano, a nessie che non e' scozzese e non so se in scozia c'e' mai stata. I salotti televisivi sono solo degli showrooms, vetrine tagliate su misura del politico di turno, in questo caso del santo subito. Io non guardo la tv e me ne frego del salvini ma non delle migliaia di imbecilli che gli danno il voto, forse solo per come l'europa continua a trattarci. Un appunto ai naviganti: la campagna elettorale e' appena iniziata. Qualsiasi governo non ha senso che duri a meno che nonsi aspiri a un suicidio collettivo. Salvini e' gia' in giro per l'Italia a fare propaganda, mentre propone un correttivo per la nuova legge elettorale per consegnare il paese a berlusconi col plauso dei sostenitori di santo subito. Non mi sembra che di fronte a quella schifezza di riforma della costituzione del renzi, qualcuno da destra abbia fatto qualche commento di rilievo almeno per dire che una proposta tale e' cosi' strampalata da destare dubbi sulla salute mentale di chi la ha partorita.

Nessie said...

Vedo che il sopranome "Nonno Inciucio" ti piace e l'hai già fatto tuo :-)

Siete qui tutti a tirare la giacchetta a salvini che ha gli stessi parlamentari di "Nonno inciucio" tessendo le lodi di orban ...

Non mi pare di aver tirato per la giacchetta Salvini, d'altro canto è giusto pubblicare anche commenti di sospettosi incontentabili. Sennò veniamo accusati di tenere un blog...ehm..."monocorde", non ti pare?

Nessie said...

Ma ti vuoi informare e collegare il cervello alla tastiera prima di scrivere falsità Francesco? Guarda che Renzi, grazie a un referendum in cui la maggioranza degli italiani ha detto NO (tra i quali anche la sottoscritta e tutti i commentatori di questo blog che si è speso non poco nel merito) non è riuscito a fare nessuna riforma costituzionale. Ti ricordo la data: 4 dicembre 2016. Avrebbe dovuto dimettersi non solo lui, ma tutto il PD. Ma invece Mattarella non sciolse le camere e ci diede Gentiloni.

Ora basta! ancora una scemenza di questo genere e sarai bannato. Oltretutto si vede lontano un chilometro che vieni qui a seminare inutili zizzannie prive d'ogni costrutto. Cambia blog.