13 September 2017

La buia notte in cui tutte le vacche sono nere





Ritorno a parlare di stupri etnici (sì, inutile non volerne vedere la connotazione) legati ad un'invasione-occupazione del nostro suolo. Ma anche a come il sistema mediatico al servizio di questo governo si difende con la teoria del "questo o quello per me pari sono". Alludo alla provvidenziale notizia dei due carabinieri caduti tragicamente nella trappola al miele delle due studentesse americane ubriache. La tempistica è alquanto sospetta: il tutto è avvenuto a soli due o tre giorni dall'assalto delle bestiacce di Rimini e in molti sono lì a chiedersi se non si tratta dell'ennesima brutta notizia-bomba  lanciata tanto per  cancellare quell'altra, efferrata. E' così che procedono i media, trasformando gli uomini in insetti privi di memoria che badano solo all'istantaneo. 
Sono d'accordo con Sallusti e col suo editoriale sul Giornale. E' evidente che un servitore dello stato che deve garantirne legge ed ordine abbia più responsabilità etiche e morali di chiunque altro.  

La sinistra può tirare un sospiro di sollievo, e in molti già lo hanno fatto: non sono solo gli immigrati a violentare le donne, quindi liberi tutti, il branco di Rimini è in parte riabilitato se anche due carabinieri in divisa si macchiano di colpe simili.

Non ci stiamo - commenta -  e non ci sto nemmeno io. In questi giorni abbiamo assistito al silenzio assordante della Boldrini, della Boschi subito pronta a dire che lo stupratore è solitamente domestico e che la violenza sessuale  si consuma in famiglia. Innanzitutto le colpe sono ancora tutte da accertare e non mi è piaciuta neanche un po' la Pinotti (ministro della Difesa che non ci difende e fa entrare oves et boves nel nostro Paese) partire con l'arma in resta "in quanto donna" (come si dice nel fasullame del solito femminese-sinistrese), dimenticando di essere ministro di un ministero di peso affidato solitamente agli uomini. "Non posso anticipare l'esito della commissione interna, il primo atto è stata la sospensione ma penso si debba andare oltre". I TG hanno riferito altre sue dichiarazioni nella quali afferma che occorre punirli quale che sarà il risultato dell'inchiesta della Procura.

Ministra, come dice il parà Sallusti, l'Arma ha già gli anticorpi per espellere i reprobi e lo ha appena fatto. Lo avrebbe fatto, prima di lei e lo farà dopo e senza di lei. Come ben sa, subiranno doppio processo: militare e penale.  Lei non deve parlare al carrozzone mediatico  tanto per rinfocolare polemiche con  la teoria che piace tanto al suo partito secondo cui uno stupro vale l'altro, e che gli stupri endogeni sono più numerosi  di quelli etnici (cosa non vera, perché le indagini mirate sulle debite proporzioni parlano chiaro), ma da ministro dovrebbe sapere che un bel silenzio non fu mai scritto, e la riservatezza è la prima prerogativa per chi vuole salvaguardare forze che passano il loro tempo a proteggere anche la sua,  per me futile,  persona. 
Le due ragazze non riportavano segni di violenza alla visita. mentre la poveretta giovane polacca è stata sventrata e ricucita daccapo con referti medici-legali raggelanti.
E ancora : 
Ma, detto questo, chi oggi sventola soddisfatto la violenza di Firenze come un trofeo da esibire contro chi sostiene che certa immigrazione è un pericolo sociale si comporta da vero mascalzone. I carabinieri e, in generale, le forze dell'ordine, sono e restano, anche dopo questa vicenda, una ricchezza - direi un pilastro - di questo Paese. Una risorsa di cui vantarsi e che è doveroso proteggere dagli sciacalli.

Se almeno i media avessero continuato a  tenere aperta la finestra sul branco di Rimini, sulla ragazza  operata e ricucita, sul suo compagno ferito con cocci aguzzi di bottiglia o sulla povera vecchia stuprata da un nigeriano e in stato di choc all'ospedale...Ma no, le vecchie violenze sono state già tutte azzerrate, cancellate, archiviate e derubricate, come se nemmeno fossero accadute,  perché ora tengono banco i due  "allegri carabinieri" con le studentesse americane.



Concordo anche con Massimo, che prima di me, ha affrontato l'argomento:

E vorrei ricordare che è facile "sbattere il mostro in prima pagina" vendendo più copie sulla base di semplici affermazioni unilaterali, quando soprattutto non essendoci segni di violenza, non vi è stata evidentemente alcuna resistenza da parte delle "vittime" come invece, ad ogni evidenza, c'è stata da parte della giovane polacca che ha cercato, e ne porta i segni, di negare ogni consenso ai suoi aggressori.
Ma oggi logica e buon senso vengono sacrificati sull'altare del "politicamente corretto" e la vedo grigia per i malcapitati Carabinieri, ma anche per tante ragazze che, dopo una festa, probabilmente non troveranno più un Carabiniere, o un amico o conoscente, disponibile ad accompagnarle a casa con la spada di Damocle di una successiva denuncia per stupro.


Riportato tutto ciò, devo una risposta ad Aldo che obietta che mica solo lo stupro è violenza. Vero, ci stiamo abituando a violenze quasi quotidiane di ogni genere e questo farà di noi un popolo border line, se non ci somministriamo la sana cura della ribellione. 




Ma stupro è una parola dalla forte valenza simbolica che travalica la violenza eminentemente sessuale, che pure quando è realizzata in branco rappresenta il secondo delitto dopo l'omicidio. E' STUPRO quando ciurme di invasori sbarcano a casa nostra violando e calpestando la nostra amata Patria. E' stupro della legalità e giurisdizione quando accampano con protervia,  diritti che a noi sono costati sangue, sudore e lo scorrere di generazioni.  Inoltre leggo questo articolo di Manocchia di Imola Oggi che mi ha lasciato allibita su quanto è accaduto ieri davanti all'altare della Patria a Roma dove ricorre più volte la parola "stupro" in chiave morale :

http://www.imolaoggi.it/2017/09/13/colpirne-uno-per-educarne-cento/

 Estraggo:
In poche parole, ieri si è consumato lo stupro della libertà. E’ stata una vera e propria tortura quella di cui siamo stati vittime. Una violenza che oltre all’anima, danneggia il cuore e la mente. Perché questa è una violenza che ti impedisce di pensare, di dire e di agire. Una violenza privata, perché tutto ciò che pensi, che dici, che fai, viene demolito. Una violenza, una tortura, uno stupro i cui danni non sono fisici, ma ti massacrano l’anima.

Ma torno alla cronaca e alle varie interpretazioni dei fatti. Non posso accettare articoli come quello recente di Blondet che fa di ogni erba un fascio affastellando tutto nella sua vana volontà di critica moralizzatrice contro l'edonismo, l'ipersessualizzazione di massa e il sesso libero. Spiacente, ma mescolare il branco feroce, con due carabinieri bamba caduti in trappola, non è propriamente la stessa cosa. Non cadiamo nella buia notte in cui tutte le vacche sono nere. Il branco di Rimini il cui testosterone viaggia a mille non è stato corrotto dal "marcio occidente", ma simili comportamenti li attua anche nel deserto tra tendopoli,  palmizi e cammelli, se è il caso.

D'accordo con l'utente Rudi che  gli risponde nel forum del  suo sito:

"Blondet è troppo duro, al solito. Ce n’è bisogno, ma c’è anche bisogno di chiarezza. La decadenza dei costumi che consegue all’abbandono degli insegnamenti cristiani e la loro sostituzione con l’edonismo è qualcosa che si può imputare appunto ai cristiani, ma non ai musulmani per cui alcuni valori religiosi sono sempre rimasti confinati alla classe dominante. Nella nostra cultura il comportamento che una volta informava la nobiltà, è disceso alla borghesia e poi anche al proletariato; ai musulmani no. Loro sono rimasti allo stadio tribale e solo la loro classe dirigente ha assunto l’equivalente della nostra cavalleria fino dai tempi delle Crociate. E’ per questo che se individui così arretrati si trovano liberi di fare ciò che vogliono in Europa, si comportano come i loro progenitori predoni. L’Islam nel suo complesso non ha avuto alcuna evoluzione da oltre 1200 anni. E’ rimasto uguale a sè stesso (...)".

Predazione, appunto, poiché di questo si tratta. Inutile confondere e intorbidire le acque allo scopo di rimescolare le turpi azioni di chi non doveva essere qui, con chi  è nato qui, ha sgarrato e merita una punizione che non si è fatta attendere. Mi risulta invece che il padre dei due marocchini coinvolti nell'assalto sulla spiaggia, abbia già rilasciato una provocatoria dichiarazione a Matrix: "Faranno due o tre anni di carcere poi usciranno puliti, si potranno fare una famiglia e vivere tranquilli".

Parole che sono come una gragnuola di  pugni assestati nello stomaco di chi,  in quella terribile notte, ha vissuto sulla propria pelle tutto l'orrore del branco. Una ferita nelle altre innumerevoli ferite. 

58 comments:

Jacopo Foscari said...

Concordo che i casi di Rimini e Firenze siano decisamente diversi perché a Rimini non c'era proprio nulla da chiarire. C'erano tre vittime quasi ammazzate di botte con furia selvaggia che hanno confermato la stessa versione. Qui abbiamo due studentesse, provenienti da un paese che ha una lunghissima storia di accuse di violenza sessuale inventate di sana pianta per raggranellare soldi, che non presentano segni di violenza. Per cui nutro fortissimi dubbi sulla loro versione, fermo restando che i due imbecilli da barzelletta sui carabinieri vanno cacciati dall'Arma a prescindere dato che comunque hanno confermato di essersela spassata in orario di servizio con tanto di vettura e divisa. Visto che siamo in Italia non vorrei che, qualora i due venissero assolti dall'accusa di stupro, questi poi trovassero qualche giudice che ci obbliga a reintegrarli in servizio perché di continuare a pagar loro lo stipendio non ho nessuna voglia

Blondet quando fa certi discorsi sessuofobici sembra uno di quei predicatori protestanti che tanto detesta. Sostiene di essere un cattolico tradizionalista, peccato che su certi argomenti sembri più il classico fanatico puritano luterano/calvinista dell'Alabama. E sì che dovrebbe saperlo che il moralismo più bacchettone e bigotto è di matrice squisitamente protestante e oggi si è paradossalmente traslato nel politicamente corretto e nel femminismo sessuofobico che produce norme come il "Titolo IX" di Obama recentemente abrogato dal ministro dell'istruzione di Trump
https://reason.com/blog/2017/09/07/betsy-devos-rape-ocr-title-ix-campus

Nessie said...

Ma questi cocktail venefici, non li mescolano a caso, Jacopo, e ormai sui media siamo più che smaliziati.
Oltretutto c'è la Pinotta (che da professoressa delle medie si trova attualmente seduta su una lotteria di Capodanno) che stasera al TG ha fatto dichiarazioni che meriterebbero il lancio della scarpa contro il video. Non ha detto una parola "in quanto donna" di tutto quel che è successo pochi giorni prima e ora è presa da una furia forkaiola che lascia basiti. Non ha fatto un gesto per difendere confini e coste da questi stupratori sfaccendati che pensano solo a quello, e ora manca poco che chieda la sedia elettrica.

L'avevi letto con attenzione anche tu l'articolo di Blondet? Ma come è potuto cadere anche lui nella sua ansia moralizzatrice in una trappola del genere? lo sa o no che le "marocchinate" questi le facevano dalla notte dei tempi e che qui il "marcio e putrido occidente" non c'entra una beata cippa?

Jacopo Foscari said...

L'ho notato eccome l'articolo di Blondet, ma non mi sorprende. Non è la prima volta che lancia invettive del genere. Ricordo un altro articolo in cui imputava alla "liberazione sessuale" il fenomeno dei delitti passionali, pardon "femminicidi" accodandosi così clamorosamente alla canea delle femministe con la bava alla bocca. Peccato però che i numeri parlano chiaro, ovvero che da quasi quindici anni i casi di donne ammazzate per motivi passionali siano in costante calo. La differenza è che una volta questi casi finivano a pagina 15 del quotidiano locale, oggi ogni singolo caso è notizia di apertura dei TG nazionali http://www.truenumbers.it/dati-femminicidi/
Ora, sarò staliniano, ma come diceva Baffone, una vittima è una tragedia un milione di vittime sono una statistica e la tesi di Blondet circa la liberazione sessuale come causa dei "femminicidi" non stava in piedi visto che questi sono in calo costante da quindici anni. Così come non sta in piedi il piagnisteo della canea femminista con la bava alla bocca che un giorno sì e l'altro pure strumentalizza i casi di cronaca nera, che ignorava quando erano il doppio, per fare la paternale a tutto il genere maschile italiano.
Solo un esempio per dire come spesso il nostro prenda dei clamorosi granchi, probabilmente accecato dalla sua fede religiosa. Fede che però sembra molto più "protestante" che non "cattolica" quando parla di morale e costumi. E lui dovrebbe saperlo molto meglio di tutti noi che la sessuofobia e il moralismo bigotto sono creature di Lutero e Calvino, più che di Santa Romana Chiesa

Nessie said...

Ma sai, dal momento che Santa Romana Chiesa è diventata quella degli sposalizi gay come quel Charamsa, forse si sarà fatto prendere un po'la mano:

http://www.corriere.it/cronache/15_ottobre_02/confessione-monsignore-sono-gay-ho-compagno-13a47834-6950-11e5-a7ad-17c7443382c3.shtml

Sono d'accordo sulla bigotteria e puritanesimo del Protestantesimo anglo-americano, ma nello stesso tempo su altri temi si sono secolarizzati e mondanizzati primi degli altri, compresi i cattolici. Non dobbiamo dimenticarlo. A cominciare proprio dal tema della gayezza. E lo dice anche la famosa canzone YMCA (Young Men's Christian Association ovvero dei giovani evangelici) che è diventato l'inno dei gay.

---------------------

Torno alle bestiacce. Si fa un gran parlare della minore età di buona parte della componente del branco. Ma dimentichiamo che dalle loro parti a 14,15 e 16 anni si è considerati uomini e si può perfino venir considerati "capo famiglia".

Anonymous said...

Naturalmente sono d'accordo su tutta la linea.
Quanto a Blondet, anche, ma gli va riconosciuto di essere l'unico, o quasi, che affronta certe tematiche dal verso giusto.
Ormai bisogna affidarsi a generali in pensione, politici in pensione, giornalisti in pensione, economisti in pensione, vescovi ed agenti segreti moribondi, per trovare un minimo di verità; tutti gli altri sono proprio come le proverbiali vacche di Hegel: si accodano alla corrente melmosa che tutto trascina con sè; e il più delle volte lo fanno anche molto volentieri. Il moralismo di Blondet è acqua fresca rispetto a quello che ci viene propinato ad ogni minuto secondo da pervertiti, ladri e assassini internazionali. Nemmeno i cattolici lo capiscono più. Purtroppo.
Del resto, le soluzioni che si leggono più di frequente sui siti cattolici non potrebbero essere diverse: ci vuole più morale cristiana; il che è probabilmente vero, ma come facciamo con tutti quelli che ci siamo messi in casa e cristiani non erano nemmeno prima ? Li convertiamo a forza ? L'ateo di ritorno, come siamo ormai in maggioranza nonostante il battesimo e l'educazione cristiana impartitaci, può anche decidere di ripensarci, ma i residui del paleolitico che ci mettiamo in casa sono già regrediti di loro. Più indietro di così non possono andare. Certo sarà anche stata colpa del marcio occidente che li ha dispensati dal divenire un pò più civili prima di accoglierli, ma ormai il danno è fatto e questi devono essere rispediti al mittente con urgenza. E in tal caso la morale cristiana non sarà d'aiuto, temo.

IL SAURO

Massimo said...

Nel ringraziarti per la citazione, condivido quanto scrivi. Aggiungo qualcosa. Nel momento in cui scrivo questo commento per radio il conduttore di 6suradio1 sta sparando ad alzo zero contro il povero sindaco di Pontida che ha emanato un regolamento sui parcheggi rosa per le pontidesi, famiglia naturale. Parla senza mezzi termini di "razzismo" quando è un provvedimento logico sulla linea di "prima gli Italiani". Ovviamente il conduttore usa uno strumento pubblico per la sua ideologia (nella trasmissione di ieri un'altra giornalista ha pronunciato un "purtroppo" per la mancata calendarizzazione dell'infame ius soli al senato). Ogni giorno che passa mi sembra che le vere vittime di Firenze siano i Carabinieri (i due sospesi e l'intera Arma) ma anche tutti noi. Credo sempre meno alla violenza (e ancor meno alla Pinotti).

Nessie said...

Ciao Sauro. Oltretutto prima che venissero da noi a combinare tutte queste scelleratezze, c'era sempre il problema della "critica" e "autocritica" contro il "marcio colonialismo", reo di aver impiantato strade, scuole e in taluni casi, perfino università, come è avvenuto in Eritrea. Lo sanno bene i terzomondisti de sinistra. Pertanto non può andarmi bene il mantra di "aiutiamoli a casa loro". Lo abbiamo fatto per anni e finiva nelle saccocce di tiranniche, corrotte e feroci satrapie e del loro clan.

Nessie said...

Strano poi che a nessuno, sottolineo a nessuno, di questi moralizzatori venga in mente di citare l'esempio sudafricano e cosa fanno questi "identitari negri" nei confronti della comunità bianca: stupri di gruppo uguali per tutti (maschi, femmine, vecchi e giovani), torture, collane di fuoco con coppoertoni, omicidi efferati e tante altre bellurie).
Questa è la cività, la loro.

Ecco un filmato interessante contro il GENICIDIO BIANCO IN Sudafrica. Vogliono forse questo anche i Europa le famigerate élites:

https://www.youtube.com/watch?v=KpaWtrEqga0

Nessie said...

Massimo, non siamo affatto fuori da queste nefandezze legate ai reati d'opinione (specie l'attuale legge Fiano), anzi. I gay vogliono l'estensione della legge Mancino a loro copertura e lo ius soli è stato momentaneamente sospeso per evidenti motivi elettorali. Pertanto occorre non rallegrarsi ma stare con le antenne ben dritte. Il PD ci riproverà alla prossima opportuna occasione.

Gli sbarchi non sono finiti,nonostante Minniti, e poi l'immigrazione non penetra solo via mare, ma i media controllati da loro non focalizzano più il fenomeno, mentre per lo ius soli c'è una sospensiva, che purtroppo non significa totale archiviazione.

Anonymous said...

Infatti. Quelli che arrivano qui sono tutti stati aiutati a casa loro fin dalla nascita.
Eppure in posti come il Congo avrebbero potuto vivere come signori grazie alle commesse del marcio occidente. Ma la classe dirigente locale ha preferito intascarsi i quattrini invece che distribuirli. Il caso di Mobutu non è l'unico in Africa: sono quasi tutti così. Il casino che ancora oggi fanno con tutte le pseudo-nazioni circostanti richiede continuamente che qualche occidentale vada colà, almeno per sottrarre i propri connazionali alla furia del machete selvaggio. Gli hutu, dopo aver finito di scannare i tutsi in Ruanda si sono messi di buzzo buono a fare lo stesso in Congo senza soluzione di continuità. Le analisi occidentali, sempre le solite: è stato il nazionalismo importato da francesi e belgi. Onde per cui, siccome è sempre colpa degli europei, i sopravvissuti ce li cucchiamo tutti qui, li manteniamo, li facciamo studiare e li mettiamo pure in qualche ministero italiano ove, naturalmente, continuano a fare gli interessi della propria tribu e ci danno di razzisti se obbiettiamo loro qualcosa. Via, fuori dalle palle tutti quanti.

IL SAURO

Nessie said...

Parole sante!"Quelli che arrivano qui sono tutti stati aiutati a casa loro fin dalla nascita".

E ti dirò di più: li fanno arrivare con dritte fresche fresche di scuderia insufflate direttamente dall' UNCHR e dalle sue articolazioni periferiche (le ONG). Anche le urla lancinanti e belluine che emettono quando la polizi mette loro le manette e li carica in furgone, hanno una ben precisa cabina di regia.

Nessie said...

Un'ultima cosa sull'articolo di Blondet, sbagliato fin dal titolo: "MA CHI GLI DOVEVA INSEGNARE LA CIVILTA’, AGLI STUPRATORI??".

Questi animalacci non sono qui per civilizzarsi attraverso il contagio con una presunta civiltà superiore, ma per imbarbarire, decomporre e dare il colpo di grazia alla nostra che già è fortemente indebolita.

Vedere vecchi articoli di Ida Magli "Il conto degli sbarchi lo pagheranno le donne". E non solo le donne, ma tutti quanti noi.

Anonymous said...

Ad onor del vero, i pochissimi stranieri che una volta portavano i missionari in Italia erano civilissimi. Avevano studiato in scuole cattoliche ed erano stati selezionati. Ho parlato con indonesiani e africani e si trattava di persone che oggi potremmo solo sognarci. Ma, oltre al numero, la differenza la fa proprio la qualità. Quelli che arrivano oggi sono prevalentemente selvaggi che vedono nell'occidente un'occasione per campare gratis e avere tutto ciò che vogliono. Evidentemente, l'evangelizzazione che funzionava ancora fino agli anni 60 si è interrotta e la linea è cambiata. Oggi vediamo il perchè. E' stata una scelta politica dettata dal progetto di unificazione del mondo intero a cui quasi tutti hanno aderito. Ci puoi giurare che tra quei pochi che venivano in Italia nei primi anni '70, nessuno avrebbe cagato per strada o violentato alcunchè. E' stata una scelta deliberata quella di metterci in casa il peggio del peggio.

IL SAURO

Nessie said...

Lo abbiamo già scritta che aprono le loro patrie galere per manderceli qui col machete tra i denti.

E ci sono pure articoli sui provenienti dalla Nigeria e dalla vicina Tunisia. Tutti avanzi di galera.

In questo momento c'è il Mozzarella che parla dell'Italia come "avanguardia generosa". Nel senso dell'accoglioneria verso l'immigrazione.

Aldo said...

Leggo ancora, e ancora, e ancora delle nostre presunte responsabilità sul presunto sfruttamento di questi e quelli. Orbene, non sarà mai chiarito e ribadito abbastanza un punto: le responsabilità sono eventualmente di alcuni nostri antenati (appartenenti esclusivamente agli ambiti dirigenziali) ne confronti degli antenati di questa gente. Il fattore temporale non è secondario. Ripeto: il fattore temporale non è secondario. Nessuno tra coloro che potrebbero eventualmente leggere queste righe è responsabile di alcunché. Probabilmente molti, come me, non si sono mai mossi da casa loro né hanno mai dato mandato ad alcuno per sfruttare chicchessia. Inoltre, dubito che tra chi mi legge ci sia qualcuno che abbia mai avuto la possibilità di incidere concretamente sulle decisioni delle proprie dirigenze. Se non posso scegliere, non sono responsabile. Se non vengo interpellato in merito alle scelte, ancor meno. Ergo, non avendo responsabilità men che meno ho obblighi. E, come me, penso la maggior parte degli Italiani che oggi vengono costretti a pagare le eventuali nefandezze di qualche antenato. Punto.

Anonymous said...

se anche due carabinieri in divisa si macchiano di colpe simili.
non sono "colpe simili" , lo capirebbe anche un piddiota , se avesse l' onestà intellettuale di volerlo capire
ws

Nessie said...

Capisco che tu ce l'abbia con Sallusti, che in questo caso, ha scritto invece un articolo corretto in difesa dell'Arma. Leggiti e (cita e eventualmente, stigmatizza) invece la boiata pazzesca di Blondet.

Nessie said...

Aldo, che ne dici di rimproverare secoli dopo i faraoni egizi perché facevano costruire le piramidi agli schiavi?

Io lascerei perdere questo difensivismo sugli "antenati" e sulle colpe che non devono ricadere sui discendenti (scontato!), per passare invece al contrattacco.
E finché c'era il colonialismo, queste magagne nel Continente Antico (cioè l'Europa) non esistevano. Se fossi inglese direi "orgogliosa di essere una discendente dell'UK coloniale". Almeno nel cosiddetto Terzo mondo venivano portati legge e ordine.

Purtroppo, per la storia di poveri sfigati italioti che abbiamo non c'è stata nemmeno la bellezza dell'espansione imperiale e coloniale. Purtroppo!

Nessie said...

Ma voglio dirne un'altra, anche a costo di sembrare complottista.

Non è che questa sporca faccenda sia stata orchestrata per tenere per le palle l'Arma dopo la mossa del generale Pappalardo e la denuncia presentata a Montecitorio? Diciamo così, una sorta di avvertimento mafioso.

https://www.facebook.com/MLIMovimentoLiberazioneItalia/videos/pcb.791176817728232/791175821061665/?type=3&theater

Aldo said...

Be', allora diciamo che noi siamo stati ripetutamente soggetti a razzie, trucidazioni e imprigionamenti a scopo di riduzione in schiavitù da parte di genti provenienti dal nord Africa e dal medio Oriente. Allora ci sono più che valide ragioni per nutrire sentimenti di rancore e rivalsa nei confronti di costoro che ci sottoposero a violenze e barbarie e bla, bla, bla. Ah!!! Anatema! Hate speach!

Jacopo Foscari said...

"ma nello stesso tempo su altri temi si sono secolarizzati e mondanizzati primi degli altri, compresi i cattolici. Non dobbiamo dimenticarlo. A cominciare proprio dal tema della gayezza. E lo dice anche la famosa canzone YMCA (Young Men's Christian Association ovvero dei giovani evangelici) che è diventato l'inno dei gay"

Assolutamente sì, e ti dirò che personalmente ho sempre avuto l'impressione che tutta la faccenda delle nozze gaie siano in parte anche una conseguenza del puritanesimo. Non so come spiegarlo bene, ma tendo a pensare che la Santa Inquisizione politicamente corretta e la gaystapo imperante siano le versioni odierne dei roghi puritani (pochi lo dicono, ma i roghi delle streghe erano molto più comuni tra i protestanti che tra i cattolici). Per dire le nozze gaie sono state "abbracciate" da alcuni protestanti come Cameron che ritengono un modo per "moralizzarli", ovvero ritengono che così i finocchi diverranno meno libertini e monogami. Fa ridere, lo so, ma davvero da quelle parti c'è gente che ragiona così. Poi i preti anglicani si chiedono perché le loro messe son perfino più vuote di quelle cattoliche...

Nessie said...

Non stai mica dicendo un'iperbole, sai? è tutto vero! Ed è riportato nel libro di storia "La Croce e la Mezzaluna" di Arrigo Petacco. Hai presente tutte le torri di avvistamento che si possono scorgere lungo le nostre italiche coste? Sono torri d'avvistamento per dare l'allarme contro le scorribande dei mori. Prendevano le fanciulle e i fanciulli e li riducevano in schiavi nel mercato.

--------------------------------------

Ma vengo alle sequenze di come si creano gli scoop per creare un caso e sbattere il mostro in prima pagina (mi riferisco ai due Caramba) , prendendolo da un blogger a nome Franz 1492.
Mi pare interessante:

1. Dissimulazione: ignorare ogni elemento che potrebbe inficiare la tesi.
2. Derisione: mettere in ridicolo persone ed eventi di intralcio alla tesi.
3. Sputtanamento: esercitare condanna morale a priori senza attendere prove.
4. Iperbole: accostare abnormità e nefandezze storiche che non c'entrano nulla.
5. Eroismo: se i fatti non collimano è perchè sei un eroe e il potere ti punisce stravolgendo i fatti.
6. Nonchalance: se hai così torto marcio che anche l'escamotage al punto 5 risulta insostenibile, fai finta di niente e trovati un altro fatto a cui applicare la tua tesi.

Nessie said...

E' una tesi molto interessante, la tua Jacopo. Ci devo riflettere un po' sopra, ma vale la pena di prenderla in considerazione. Puritanesimo,secolarismo, materialismo e attaccamento al denaro. Non dimentichiamo che la Riforma Luterana nasce per trattenere quattrini in patria e non spedirli a Roma, e che il sociologo Max Weber nel suo saggio "L'etica protestante e la nascita del capitalismo" fa convergere in due fenomeni.

Nessie said...

Due cose su Cameron che forse non sai. Non credo sia un anglicano.

http://www.voltairenet.org/article166165.html

Nessie said...

NB: I commenti relativi ai saraceni, alle loro scorrerie e rapimenti e alle torri di avvistamento erano per Aldo.

Jacopo Foscari said...

Ufficialmente Cameron si dice anglicano, se poi sia segretamente ebreo non lo so. Può essere, ma si sa che tra protestanti anglosassoni ed ebrei le porte son più scorrevoli che tra Goldman Sachs e le banche centrali. Comunque era un discorso che mi fece uno che conoscevo in Inghilterra, uno dei pochissimi che ancora frequenta la chiesa anglicana che mi disse che per lui far sposare i gay era un modo per contenere la loro libido ed evitare così il propagarsi di AIDS e correlati. Sì, lo so, fa ridere e io mi dovetti trattenere per non ridergli in faccia.

Tornando a noi ora stiamo per approvare il DDL Fiano e il ritorno della malaria d'importazione dalle risorse va visto in quest'ottica. Si sa che le bonifiche della Buonanima avevano debellato la malaria e una repubblica rigidamente anti-fassista non può tollerare questo affronto. Tornino quindi i malanni debellati dal fassismo e chiediamo scusa alla zanzara anofele per l'ingiusto sterminio fassista. Su Trenitalia invece non c'è bisogno di intervenire, quella è da sempre di un anti-fassismo illibato dato che un treno in orario non arriva manco a pagarlo platino, giustamente dato che i treni in orario sono orrore fassista

Nessie said...

Ah! Ah! buona la faccenda del ritorno della malaria quale regolamento di conti antifassista :-)

Guarda che quella castroneria del matrimonio gaio come "remedium concupiscentiae"
l'aveva tirata fuori anche la cattolica adulta e dossettiana (praticamente cattosinistra) Rosy Bindi ai tempi dei Pacs, poi chiamati DICO, se ben ricordi.

Anonymous said...

invece la boiata pazzesca di Blondet.
ho sempre ironizzato su due aspetti di blondet
1) il suo "positivismo lombardo" , quel superficilismo che gli fa vedere sempre il "bene" nella prima "ammuina" di gaglioffi conclamati ( ha visto del "buono" in berluskoni , grillo , e pure renzi...,) e voglio pure citare la sua fase "roman-fascio-centralista"" quando andò a vivere a viterbo sputazzando sulla ex-sua lombardia in cui alla fine è ritornato .
2) la sua conversione tardiva al " bacio della pantofola" che gli crea i problemi tipici de l' ex "libero pensatore" neoconvertito ad una "ditta" di cui non riesce a non vedere le terribili magagne.

Detto questo Blondet NON SI TOCCA , perchè tutta la sua storia personale, a cominciare dalla sua carriera giornalistica del gambero , dimostra la sua onestà intellettuale e il suo spirito di servizio a voler capire e comunicare agli altri l' opera delle " forze oscure che muovono il mondo ". Blondet ha cominciato a SUE SPESE a fare il "komplottista" trentanni prima che qualcuno dei "komplottatori" inventasse questo termine dispregiativo.
Quando Blondet scrive ( spesso) cose che non si condividono se ne può solo interpretare il travaglio interiore che gli hanno fatto scrivere la kazzata.
Ed in questo caso è facile ; nella sua continua critica de l' immoralità e de l' edonismo della nostra povera società di cui trae spesso spunto dalla cronaca non c'è ipocrita puritanesimo ne moralismo pretesco , quanto l' orrore che egli prova in se stesso , ormai vecchio ,per aver vissuto nella sua maturità la vita umanamente arida e infeconda posta a modello di questa società.
ws


Nessie said...

No, no, ws, stai sul punto e non divagare! Il corollario è tutto giusto e condivido in linea di massima quel che scrivi, ma in questo articolo Blondet ha brutalmente TOPPATO.

Ha toppato nell'accostare gli stupri di Rimini, a quello presunto dei carabinieri. Ha toppato quando con quell'ottimismo ecumenico pensa che dovremmmo essere noi a civilizzare "le sauvage villain", ma che non c'abbiamo i "valori". Ha toppato nell'accettare lo schema sinistronzo sul presunto stupro endogeno (ancora tutto da dimostrare) vs. quelli allogeni.

Ha toppato perché non ha scritto (e forse non lo scriverebbe mai) che l'islam permette e consente stupri e pratica anche la pedofilia e lo sfruttamento con le spose bambine, mentre la De Mari lo dice, eccome.

Il Corano nella sura 4:24 E vi sono vietate le mogli sposate di altri popoli a meno che non siano cadute nelle vostre mani (come prigioniere di guerra o schiave comprate).

Ha toppato perché sa benissimo che questi bei lavoretti il branco marocchino li fanno anche a casa loro tra datteri, palmizi, cammelli e tendopoli. E non hanno bisogno di cadere in tentazione qui sulla Riviera Romagnola.

Non tutte le ciambelle riescono col buco e questa è mal riuscita.

Anonymous said...

si ha toppato, e non è la prima volta... non mi sono mai scordato i suoi sciocchi panegirici su berlusconi e il centralismo romano. Eppure glieli ho perdonati, trattandosi di semplicioneria e non di malevolo x-otismo .
ws

Nessie said...

Per non dire quando ha sprecato due euri per andare a votare alle primarie non sue per Renzi, nell'illusione che fosse l'Uomo della Provvidenza che metteva tutto a posto. Vabbé...

Anonymous said...

È innegabile che nel nostro sventurato paese
stia avvenendo un cambiamento in peggio,
provocato da chi sappiamo, e qualcuno abbia
detto basta.Questo e' solo l'inizio, strani incidenti, suicidi, morti per cause "naturali",
sparizioni, montature mediatico-giudiziarie dovranno accadere...



https://infosannio.wordpress.com/2017/07/22/giallo-sulladdio-di-ultimo-e-randellate-nei-servizi-segreti-torna-lincubo-degli-apparati-dello-stato-deviati/

Saluti

Giulio

Anonymous said...

Abbiamo capito che anche Blondet non è perfetto. Ma che dire di tutti gli altri ? Ce ne fossero di giornalisti così.

IL SAURO

Aldo said...

Nessie: "Non stai mica dicendo un'iperbole, sai? è tutto vero!"

Lo so che è tutto vero, è semplicemente storia. Solo che pare che anche riportare dei fatti documentati sia qualcosa di poco gradito a chi ha il coltello dalla parte del manico e può decidere quel che si può e quel che non si può dire, modulando il proprio arbitrio con svariate forme di violenza più o meno esplicita. E non è cosa di oggi, anche se a bruciare sulla nostra pellaccia sono le ultime "applicazioni" di questo sempreverde principio. Il revisionismo affonda le proprie radici nel passato più profondo ed è allegramente praticato in ogni tempo e in ogni luogo. Per questo dico che, per comprendere quel che è successo, che succede e che succederà, più che sulla storia dovremmo puntare le nostre attenzioni sull'etologia.

Nessie said...

Aldo, dico semplicemente che la falsa memoria che usano loro per farci sentire sempre in colpa e in debito, dovremmo usarla anche noi per rinfacciare quella vera. Che dovremmo impiegare il gioco del contrattacco e non dell'eterna difesa. Che dovremmo andare alle manifestazioni giocando sull'elemento sorpresa senza dichiaranre la partecipazione né attendere i permessi dei questori, ecc. Insomma le strategie ci sono e la solfa deve poter cambiare. Il gioco dell'eterne vittimizzazione, come è anche questo:

http://www.imolaoggi.it/2017/09/13/colpirne-uno-per-educarne-cento/

non funziona più, ma soprattutto non paga.

Nessie said...

Giulio, di trame segrete dentro i servizi di sicurezza non me ne intendo. Dico solo che la vicenda dei due carabinieri potrebbe essere stata messa in piedi per indebolire l'Arma e accelerarne il processo di scioglimento in vista della famigerata EUROGENDFOR:

http://www.ilcambiamento.it/articoli/carabinieri_addio_arriva_eurogendfor_forza_gendarmeria_europea


Nessie said...

Per inciso: la formazione di tale gendarmeria europea è stata decretata con i voti di TUTTE le forze politiche e in un contesto di cessione di sovranitò sciogliere l'Arma è la loro prima sicrezza che non ci sia attaccamento nazionale con nessuna forza dell'ordine:

http://www.mafia-capitale.it/index.php/2016/03/17/scioglimento-dellarma-dei-carabinieri-la-camera-cosi-votato-442-si-tutti-partiti-nessuno-escluso/

Anonymous said...

Per cambiamento in peggio intendevo anche questo. E forse un caso che l'aise sia retta da un civile messo alla guida dalla
ditta Renzi & C.O.?

Nessie said...

Appunto! Spezzatino e privatizzazione di tutte le istituzioni dello stato.

Anonymous said...

Quoto Giulio. Per chi non lo sapesse, l'AISE è l'Agenzia informazioni e sicurezza esteri, erede di SISMI e SISDE.

IL SAURO

Nessie said...

Sull'Eurogendfor e le sue funzioni scrissi un vecchio post che a rileggerlo fa rabbrividire a tutt'oggi:

,Ma l’aspetto più inquietante è l’immunità penale che questo Trattato attribuisce ai membri della gendarmeria europea, per atti correlati allo svolgimento delle loro funzioni:” I membri del personale di EUROGENDFOR non potranno subire alcun procedimento relativo all'esecuzione di una sentenza emanata nei loro confronti nello Stato ospitante o nello Stato ricevente per un caso collegato all'adempimento del loro servizio ( art.29 comma 3).” Le comunicazioni indirizzate a EGF non potranno essere intercettate dalla Magistratura italiana (art. 23) né tantomeno le autorità italiane
potranno accedere agli archivi e perquisire gli edifici di Eurogendfor:”
,

http://sauraplesio.blogspot.it/2015/10/eurogendfor-arrivano-i-poliziotti.html

Ma ve lo immaginate se reclutassero tutti questi africani fankazzisti contro di noi, inquandrandoli in un esercito europeo?

Nessie said...

Sauro, sì e c'è dentro ( o c'era) Luca Lotti l'amico di famiglia di Renzi. Come siamo conciati!

Anonymous said...

è stata decretata con i voti di TUTTE le forze politiche
qualcuno potrebbe postare i nomi dei deputati (cosidetti) "destri " giusto per marchiarli imperituramente con marchio della LORO infamia ?
ws

Nessie said...

ws, ho postato due link nel merito e in quello di risposta a Giulio ho messo un collegamento attraverso il quale puoi risalire. L'Eurogendfor è stata approvata alla Camera il 14 maggio 2010. Nello specifico della camera ho trovato anche questo:

http://www.camera.it/415?client=camera_xmanager_lavori&q=trattato di velsen e poi al Senato per l'ok definitivo: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Ddlmess&leg=16&id=478281

E' facile risalire ad allora e constatare quel che ti preme: che passò anche con l'approvazione dell'allora Lega di Bossi.

Bet said...

Nulla da aggiungere al tuo impeccabile articolo, Nessie. Dico solo che in questa vicenda la cosa che mi dà più fastidio è che ci sono di mezzo gli USA, i quali hanno già fatto sapere che vogliono per i carabinieri condanne esemplari perché il fatto è 'estremamente grave' (non come quella sciocchezzuola del Cermis, vuoi mettere) e poi, diciamolo, come osano gli italiani anche solo di sognarsi di sfiorare degli americani. Caso Amanda, ricordi? docet.
Allora intervennero a gamba tesa financo le truppe cammellate, pardon hillarate, a prendere pubblicamente le parti dell'americana accusata -con qualche fondatezza in più rispetto ai carabinieri- di omicidio. Com'è finita, lo sai. Temo che non molleranno nemmeno stavolta l'osso finché non avranno ottenuto la sentenza che piace a loro, e chissenefrega della verità.
La parte comica è che, carabinieri esclusi, il fattaccio di Firenze è uguale ai milioni di fattacci che si ripetono ogni weekend negli USA a base di alcool, spinelli e copule seguite dall'immancabile denuncia per stupro del lunedì con l'altrettanto immancabile richiesta di danni, che immancabilmente i giudici passano al tritacarte tanto sono ripetitive e pretestuose. Mo stai a vedere che qui invece i danni glieli pagano...? Spero di no ma dai servi, che si sono subito accodati, questo ed altro.

Nessie said...

Bet, analisi giustissima anche in relazione a tutti i soprusi pregressi dei nostri "alleati" (il Cermis e altro).
Ricordo perfettamente la faccenda Amanda Knox e come si ingerì pesantemente la Clinton, nella sentenza, una sentenza che grida vendetta.
Temo anch'io quello che temi tu. Purtroppo questo è un paese che la sua sovranità l'ha persa da tempo.

Anonymous said...

In quel parco degli orrori che è l'Italia 2017 c'è anche questo :
http://www.ilgiornale.it/news/politica/stupro-antifascista-giustificato-dai-partigiani-1441857.html
Sulla vicenda di Firenze aggiungo, visto che deve vigere la regola del massimo sospetto, chiedo: pensate che certi Poteri che non hanno avuto problemi ad allestire "spontanee rivoluzioni", ridurre intere nazioni in macerie, fare centinaia di migliaia di vittime innocenti, pianificare campagne immigrazioniste miliardarie, abbattere governi con un colpo di tastiera, spiare e schedare milioni di cittadini, ne abbiano ad allestire qualcosa del genere da contrapporre alle turpitudini quotidiane di altra ma innominabile origine?
Su Blondet col quale mi è successo di non concordare sottoscrivo in pieno Il Sauro 6:41 am.
Infine pensa te che insolita coincidenza:
http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13237068/lega-nord-blocco-conti-partito-matteo-salvini-magistratura-ci-vogliono-morti.html
Scarth (all'Inferno i tiranni e chi per essi!)

Nessie said...

Ho letto Scarth, e in particolare mi preoccupa una magistratura a orologeria che taglia i conti a Salvini. Siamo al Sopruso dei soprusi. Però la Lega, forte delle esperienze precedenti (la storia dei diamanti che altro non erano che piccoli investimenti) avrebbe dovuto essere più furba e stornare i suoi denari per la campagna elettorale altrove.

Nessie said...

Scarth, e tutti. Sentite cosa dice lo Spezzino Lesso sullo ius soli:

“Penso che la questione ius soli ancora non sia archiviata e che nelle prossime settimane metteremo in atto l’iniziativa politica necessaria per costruire i numeri in Parlamento”. Capito? Se i numeri non ci sono, li "costruiremo". Cioè avanti con i brogli!

http://www.imolaoggi.it/2017/09/15/orlando-la-questione-ius-soli-non-e-finita-costruiremo-i-numeri-parlamento/

Jacopo Foscari said...

Oh finalmente Magistratura Democratica scende in campo. Mi stavo preoccupando, era un po' che non facevano partire qualche inchiesta a orologeria. Ovviamente il tempismo, un mese dal referendum lombardo-veneto e sei mesi dalle elezioni, è puramente casuale brutti complottisti malfidenti che non siete altro

Anonymous said...

Il nostro Talleyrand intende dire che lo costruiranno "convincendo" ogni singolo parlamentare. Non pensare male. :-)

IL SAURO

Anonymous said...

dell'allora Lega di Bossi.
la lega di berluska vorrai dire.
Comunque dovrebbe essere impegno di salvini non far tornare più in parlamento quelle m...e "verdi".
Ecco quindi l' importanza di sapere i nomi di costoro.
ws

Anonymous said...

.. e comunque nei tuoi link non vedo i nomi dei votanti...
ws

Nessie said...

Ah, beh! noi sì che siamo dei diffidenti col Talleyrand! Magari arriva la Gambaro con la legge sulle fecchenius e ci mette sotto accusa. L'ho italianizzato bell'apposta, perché non mi va che si faccia un decreto legge coi nomi inglesi :-)-
A proposito la Gambaro (che non sapevo manco chi era) ha querelato un avvocato che ha parlato male del suo ddl:

http://www.studiolegalemarcomori.it/incredibile-querelato-dalla-senatrice-adele-gambaro-le-mie-critiche-al-ddl-sulle-fake-news/

Capito? Non si può nemmeno criticare un disegno di legge liberticida da Min. della Verità dove solo loro si arrogano il diritto di cos'è "vero" e cos'è "falso".

Nessie said...

Jacopo, era tanto che se ne sentiva la mancanza eh? Praticamente non sono mai andati via.
Ora stanno indagando sul "tesoretto" di Salvini. I ladri veri, possono dormire sonni tranquilli. E che sonni!

Nessie said...

Hai ragione, ws. Ma si può facilmente risalire al 2010 e al quadro politico di allora, volendo. Fatti qualche Google.

Anonymous said...

A proposito Nessi, c'è anche la denuncia di Dragonetti contro la Boldrini. Dubito che andrà a buon fine, ma qualcuno che l'ha denunciata per aver favorito la cessione di sovranità e gli interesse degli immigrati prima degli Italiani, c'è ancora:

http://www.iltempo.it/politica/2017/08/23/news/attentato-alla-carta-boldrini-denunciata-1033973/

Z

Nessie said...

Grazie sapevo di quell'imprenditore di Frosinone e dentro di me mi rallegravo. Ma, alla velocità della luce e senza nemmeno le solite lentezze burocratiche, pare che la pratica sia già stata archiviata:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/boldrini-denunciata-procura-archivia-1442220.html