28 June 2017

Il crollo dei muri liguri





Si tratterebbe in realtà di muretti a secco. Ma essendo il territorio ligure coltivato a terrazzamento, far crollare muri a secco significa compromettere a catena le coltivazioni, creando smottamenti e frane .Di che cosa sto parlando? 
Ma del crollo del muro di Genova, città Medaglia d'oro della Resistenza. Genova considerata la città più "a sinistra" d'Italia, in quanto i genovesi intendono essere  soprattutto "sinistra di lotta" e di eterna mobilitazione. Non esiste "alternanza" a Genova, ma praticamente l'unica dialettica possibile è all'interno dello stesso schieramento. Rosso, naturalmente. E anche dei "muretti" di La Spezia, la città che mette di continuo le prodi gesta dei partigiani  nelle pubbliche bacheche non solo durante la settimana del 25 aprile, ma praticamente tutto l'anno. Che significa quanto è avvenuto alle ultime amministrative comunali?
Che prima o poi crollano tutti i totem e  i simulacri quando la gente viene messa alla fame, viene sprofondata nel disagio straniante di un paesaggio fatto  di continui. flussi migratori con popolazioni a noi aliene.


Oggi Salvini che è stato infaticabile durante tutta la sua campagna elettorale, espugna Genova, La Spezia, Sesto San Giovanni, Monza, Verona. Un leader asciutto e a tratti brusco che sa essere popolare, che tiene molto ai  suoi militanti come fossero sue creature mantenendo un legame fortissimo con la base dei suoi elettori affezionati.
Certamente al punto in cui siamo giunti, la via istituzionale che scaturisce dalle elezioni, verrà ineluttabilmente superata dagli eventi. Eventi che potrebbero diventare anche estremi.  Il dato (incoraggiante)  che emerge sottotraccia è la ripresa di una destra sociale sul territorio. Penso a Casa Pound e a Forza Nuova. L'Antifascismo, inteso come rendita di posizione e di legittimismo dell'agibilità politica, ritenuta quella "antropologicamente superiore" è ormai al  capolinea e non riesce più ad esercitare il suo potere di ricatto morale.  Il che non significa certo "il ritorno della camicia nera" come vorrebbero i (post)compagnucci  quando agitano il loro Babau. Ma solo che, di fronte ad una serie di misure autoritarie senza precedenti, si vedrà concretamente CHI sul territorio saprà  per davvero attivarsi per tutti gli italiani, quale che sia la loro fede politica.
Salvini potrebbe fare da polo catalizzatore,  anche se non è detto che sarà lui a completare il processo. Il presupposto per poter uscire dall'attuale sfacelo non può che essere  l'unità e la mobilitazione di tutti gli italiani "autoctoni" che per ora  (grazie a Dio!) sono ancora la maggioranza.


Non parlo ovviamente di Berlusconi e di quello che in queste ore tende a fare: cercare di  mettere il cappello sulla vittoria delle amministrative a favore di Forza Italia, ignorando l'impegno della Lega che ha fatto da testa d'ariete. Impossibile che un partito che siede con la Merkel nel parlamento Ue, con Tajani, presidente del parlamento Ue non possa mostrare ambiguità. e divergenze d'interessi. Ciò non significa che sul piano locale la Lega non possa fare delle alleanze concrete su temi concreti
L'effetto Liguria e l'alleanza virtuosa con Giovanni Toti e FdI ne è già un esempio. Ma la verità è che  vedremo nella pratica,  se Salvini avrà la stoffa del politico di razza o meno. E in primis, non deve accettare apparentamenti al ribasso. Ci si può anche alleare, (sempre per la famosa legge dei numeri), ma la direzione la deve prendere lui. Se non sarà all'altezza, quasi sicuramente verrano avanti altre forze nazionali  e identitarie che premeranno per  prendere il suo posto. Ma intanto le pietre dei muretti a secco liguri rotolano e rotolano tra vigne e ulivi. E presto ci sarà necessariamente una nuova geografia politica. Quella vecchia è durata anche troppo: dal dopoguerra a oggi.  Che l'estate ci sia  propizia!




Meriggiare pallido e assorto
presso un rovente muro d'orto
ascoltare tra i pruni e gli sterpi
schiocchi di merli, frusci di serpi ....


(E. Montale)


58 comments:

Anonymous said...

Appunto: più ponti meno muri. Siccome hanno rotto anche il muro del suono oltre i coglioni degli stessi piddini superstiti, mostrano di aver capito la lezione. Infatti Renzi dice che lo Jus Soli si farà lo stesso. Come suggerito dalla murena internazionale che è uscita dal suo sarcofago per ricordare ai democratici gli impegni presi. Questi non vanno fucilati una volta, ma sei o sette e poi gli va conficcato nel cuore il paletto di van Helsing perchè non si azzardino a resuscitare. Comunque, con tutti i liberi muratori che ci sono in giro, che ci vorrebbe a recuperare consenso ?

IL SAURO

Nessie said...

Ma allora è proprio un gran Bischeraccio idiota che non capisce un tubo!!! L'ha capita o no, che il crollo del PD nelle sue originarie roccaforti è dovuto proprio all'immigrazione, che è la Madre di tutte le disgrazie?
Hai ragione, altro che Van Helsing! Comunque questo sta a dimostrare che con le buone (istituzionali) non se ne esce.

Nessie said...

PS: senti un po' quest'ALTRA di Renzi sull'immigrazione:

«I numeri di oggi non sono più sostenibili, dobbiamo prendere atto che la gente è esasperata», dice parlando in serata a Milano a proposito dei circa diecimila migranti arrivati negli ultimi due giorni.

Ma dico: se ne è accorto solo ora? Dov'era quando fino a ieri si vantava di SALVARE VITE?

Nausicaa said...

La notiizia della breccia di Genova e dintorni ha confortato anche me. Ma subito dopo quell'altra ferale sugli sbarchi dei 10.000 arrivi e le precettazioni da parte di tutti i comuni voluti da Minniti, mi ha di nuovo fatto cadere le braccia.

Nessie said...

E' la constatazione pratica che giunti a questo punto, la via istituzional-elettorale è troppo lenta e che potrebbe ineluttabilmente venir superata dagli eventi.

Eventi che potrebbero diventare anche estremi e drammatici. E l'invasione dei 10.000 in queste ultime ore, con un Minniti che dichiara di volerne stipare di più comune per comune, non lascia presagire proprio niente di buono.

Che facciamo? Aspettiamo le prossime elezioni politiche per risolvere la faccenda? Sconfitta o non sconfitta, questi vanno avanti tutta verso la catastrofe

Anonymous said...

Ciao Nessie, questi criminali stanno ancora saldamente ancorati al potere e, sapendo che probabilmente perderanno le prossime elezioni, cercheranno innanzitutto di trovare tutte le scuse per farle coincidere con la loro scadenza naturale nel 2018 per prendere tempo,nel frattempo cercheranno di causare quanta più rovina e dolore agli italiani per punirli della disaffezione politica. Perciò avanti velocemente con ius soli, vaccini a gogò, importazione incontrollata di risorse afro-arabe, salvataggi di banche fallite a spese del contribuente, svendite di gioielli industriali italiani, distruzione della sanità e delle pubbliche amministrazioni, problemi con la giustizia ingiusta, immondizia non raccolta, scandali e quant'altro. Il problema più grosso purtroppo è che la sterminata massa di stranieri che hanno fatto entrare non sarà mai più possibile rispedirla a casa propria. La spesa sarebbe insostenibile e necessiterebbero centinaia di migliaia di uomini delle forze armate , nonchè aerei e navi il cui costo non possiamo assolutamente concederci. Ormai il danno è fatto e secondo me irreversibile. Nel frattempo ne stanno importando quanti più possibile. Siamo già al punto di non ritorno. I danni però li subirà tutti il popolo indifeso,....'che poi se ti difendi da uno stupro o una rapina con troppa efficacia sei passibile di condanna per eccesso di difesa nei confronti di un poveretto che aveva solo un naturale bisogno di sfogare naturali istinti sessuali da troppo tempo repressi causati dagli ostacoli e sofferenze dovute alla fatica di immigrare.
Cordiali saluti da Max da Roma.

Nessie said...

Ciao Max da Roma. Purtroppo il welfare sanitario lo stiamo già perdendo, tenuto conto che serve a curare chi non paga: ovvero le risorse. Tutto il cahier de doléances che hai elencato è vero e stravero. Il danno è vero che è irreversibile, ma un drastico cambio di guardia che spazzasse via tutto e cominciasse a rifondare la nazione, sarebbe una boccata d'aria fresca - quella che ci auguriamo tutti per poterci sentire confortati e sperare di tornare a guardare le stelle.

Anonymous said...

Oggi Salvini che è stato infaticabile durante tutta la sua campagna elettorale,
si "ha scosso l' albero" e Fogna Italia "ha mangiato le pere" 😎

in quanto al resto non facciamoci illusioni , io li conosco bene, "un piddiota è per sempre" ; si stavolta qualcuno ha "mugugnato " alle comunali ma al momento politicamente topico torneranno tutti "En Marche" verso il DA LORO meritato destino.
ws

Nessie said...

Sei troppo ottimista. Tie! :-). Niente è eterno, nemmeno i piddioti.

Alessandra said...

Bene le vittorie del centrodestra, capace di andare a vincere anche dove sembrava impensabile fino a poco tempo fa: credo anch'io che la parte del leone l'abbia fatta Salvini e che Berlusconi abbia solo cercato di mettere il cappello.
Peccato per Padova.

Certamente al punto in cui siamo giunti, la via istituzionale che scaturisce dalle elezioni, verrà ineluttabilmente superata dagli eventi.
Purtroppo sì. E la l'oro reazione si sta già vedendo.
L'UE intima all'Italia di continuare a salvare vite, poiché è "un obbligo".
Mattarella in visita in Canada ha praticamente detto che l'Italia è una repubblica fondata (sarebbe meglio dire "affondata") sull'importazione di nuove "risorse".

Ho visto Salvini ieri sera dal Vespasiano, magari venisse attuato un programma come quello da lui proposto. Ma mi sa che non si andrà alle elezioni fino alla scadenza della legislatura (stanno ancora lì a discutere e ogni giorno spunta una pseudo-legge nuova) e ci sono ancora troppi mesi, troppi giorni davanti. E questi sono stati capaci di far arrivare ben 12000 "risorse" in tre giorni.
Fatti che smascherano (non che ci voglia molto) Renzi che in realtà vuole lo ius soli da piddiota qual è.
Ah, venerdì Raiuno trasmette in prima serata un film francese del 2014, "Non sposate le mie figlie", in cui due coniugi "cattolici e gollisti" (perché non lepenisti, già che c'erano?), vedono le proprie figlie accasarsi tutte con uomini non autoctoni.
Anche la propaganda continua imperterrita.

Nessie said...

Ciao Ale. Questi bastardi hanno una fretta indemoniata di raggiungere una soglia di irreversibilità. E ci giurerei che stiparci di risorse ha a che fare coi crack bancari. Credo che assumere la guida di comuni importanti per poo ritrovare un simile scenario apocalittico, sia una sorta di vittoria dimezzata, anche per la Lega. Un amico (Andrea) sul blog di Foa prospetta questo programma:

1°) le nostre navi riporteranno indietro i clandestini, profughi e non, che arrivano sui barconi, i libici, che cercano di evitare le partenze, saranno d'accordo e altrimenti, non subiremo senza reagire né ricatti né attacchi a chiunque minacci la nostra integrità territoriale, la nostra sovranità e l'incolumità di uomini dello Stato nell'esercizio delle loro funzioni conformi alle leggi;

2°) inizieremo a mettere in atto un piano di rimpatrio che liberi città e cpa o come li volete chiamare di centinaia di migliaia di clandestini che costituiscono minaccia reale o potenziale all'ordine pubblico, alla sicurezza dei nostri cittadini, alle nostre leggi;

3) rimanderemo indietro le navi straniere che, invece di trasportare i clandestini nei porti dei Paesi in cui le navi sono registrate, li scaricano - letteralmente - in Italia;

4) niente ius soli, che attirerebbe altre masse di immigrati da ogni dove e configura una sostituzione etnica, ancorché 'pacifica', che costituisce un crimine contro il nostro popolo."

Ovviamente tutto ciò dovrebbe poter essere fatto in accordo con altre forze sovraniste di altri paesi europei che ci dovrebbero fare da spalla.

Jacopo Foscari said...

Contento per la sonora batosta presa dal PD fin dentro le sue roccaforti storiche in Liguria, in Emilia e perfino in Toscana, ma onestamente questa ennesima riedizione del carrozzone dei "moderati" non mi esalta per nulla. E' una formula trita e ritrita che ha già fallito per ben tre volte, francamente non sento nessuna voglia di fare poker. Perché se la destra sovranista deve andare al potere per farsi prendere per i fondelli da Berlusconi per la quarta volta, allora tanto vale che se ne stia all'opposizione. Speriamo la biologia ce lo tolga dai piedi che sarebbe anche ora, visto che nonostante l'avanzato stato di decomposizione la mummia pare abbia ancora un bel gruppo di casalinghe attaccate al tubo catodico pronte a votarlo per motivi a me francamente incomprensibili.

Nessie said...

Eh! Eh! saranno casalinghe sue coeve :-).

Anche a me 'sta storia dei "moderati" fa cadere il latte alle ginocchia. Capirai che 13.000 negri in pochi giorni, è una faccenduola del tutto "moderata" di cui parlare sottovoce.

Nessie said...

pardon...ehmm neri, come direbbero gli Americani col "black" invece di "nigger". A proposito, come si dirà Nigeria secondo il politically correct? Nereria?

Anonymous said...

Non per fare l'ottimista, ma Max da Roma la vede troppo nera. Da un punto di vista economico e finanziario, la difesa interna ci costerebbe molto meno di quanto ci costa attualmente finanziare l'invasione e le istituzioni che la sostengono.
Invece, ci costerebbe qualcosa in termini di vite umane. Il coraggio ha sempre un costo. Un costo che noi abbiamo scientemente deciso di non voler pagare.
Un atto di volontà sarebbe sufficiente a diradare le nebbie. Perchè la maggior parte delle minacce di cui siamo oggetto sono solo un'illusione.
Dichiarare la UE entità ostile e uscire unilateralmente da tutti i trattati firmati al momento della nostra adesione è del tutto possibile: manca solo la volontà di farlo.
Le conseguenze sarebbero più deleterie per loro che per noi e, prima o poi, si potrebbero riaprire i negoziati da una posizione di forza.
Qualche temporaneo sacrificio potrebbe servire davvero a qualcosa, non come oggi che ogni sacrificio ci sprofonda sempre più nel baratro.
E' necessario un atto di forza, se non a livello nazionale, in quanto ancora impossibile, almeno a livello locale. Si presidiino i porti e si ricacci la marmaglia nei territori che ancora vogliono accoglierla.
Purtroppo si finirà di nuovo come ai tempi della alla Linea gotica, ma non è detto che sia poi un male. Se in quei quattro o cinque porti che da almeno un decennio concedono asilo ad ogni naviglio negriero non si vede uno straccio di opposizione: li si isoli e che le rispettive regioni si tengano il prodotto che attualmente finisce quasi tutto al nord.
A mali estremi, estremi rimedi.

IL SAURO

Aldo said...

Max: "La spesa sarebbe insostenibile e necessiterebbero centinaia di migliaia di uomini delle forze armate"

Esiste anche il volontariato non retribuito. Se le regole d'ingaggio e le linee di condotta collimano con quel che ho in mente, offro fin d'ora la mia disponibilità, a tempo pieno per un bel paio di mesi l'anno. Credo che sarei in buona compagnia, non una valanga umana ma buona compagnia. Con le attrezzature giuste si potrebbero fare miracoli in tempi relativamente brevi.

Max: "aerei e navi il cui costo non possiamo assolutamente concederci"

Gli aerei sono alquanto antieconomici, ne convengo, però non è necessario ricorrere a tanto lusso: in una nava, considerando la situazione emergenziale, puoi stipare una quantità di persone impensabile: prova anche solo a immaginare uno dei traghetti che quotidianamente trasporano avanti e indietro camion, automezzi e simili -- quante migliaia di persone può trasportare in un singolo viaggio? Ora pensa a quanti traghetti abbiamo a disposizione in Italia, se si possono requisire gli alberghi per "ospitare" gente come niente fosse si potranno anche requisire quei traghetti per una manciata di settimane, no? In definitiva se anche qualcuno dovesse esser costretto a rinunciare alla vancanza in Sardegna perché le navi sono temporaneamente occupate non sarebbe la morte di nessuno.

Aggiungo che le milionate di forestieri non arrivano solo da luoghi oltremare. Moltissimi potrebbero essere intradati verso le loro originarie dimore impiegando gli ancor più economici treni. Un treno può trasportare tanta, tanta gente in un solo viaggio, anche perché non serve che sia Italo o il Freccia Rossa, anche un treno da 60 km/h potrebbe fare onestamente il suo lavoro.

E' che, né ora né in futuro, nessuno tra chi ha o avrà ruoli dirigenziali vuole o vorrà implementare l'esodo, indispensabile per chi vive alla base della "piramide", poco redditizio per chi vive in prossimità del vertice. Nessun mandriano ha interesse a ridurre numericamente la mandria che gli procura il reddito.

Aldo said...

Che i 13000 siano neri, verdi o bianchi come il latte è relativamente irrilevante. Che arrivino dall'Africa o dalla Norvegia pure. Il problema è che sono 13000 (in tre giorni). La provenienza e la tipologia umana sono giusto il sale che rafforza le pessime caratteristiche organolettiche e fa bruciare un poco di più le ferite inferte dagli ulteriori (e non certo ultimi) 13000.

Anziché scrivere uno Zibaldone sul tema, rimando qui. Da tenere ben presente: scriveva quelle cose nel 2000. Son passati 17 anni di invasione ininterrotta e sempre più intensa. Tradizionalmente, quando Cassandra parla nessuno ascolta e c'è pure chi la prende a male parole.

Nessie said...

Sauro, il programma è sostemibile e di buon senso. Ma è questo il punto: manca il senso, il senno e la volontà politica.
Che la UE sia un'"entità ostile", lo si è capito da quando ci siamo sprofondati dentro.

Nessie said...

Aldo, mentre sono d'accordissimo alle tue repliche a Max da Roma, non posso sostenere appieno il tuo secondo intervento. E lo sai già come la penso, dato che non solo te l'ho espresso più volte, ma te lo disse anche Lif di Euro Olocausto quando intervenivi sul suo blog. Ma vedo che i nostri suggerimenti sono rimasti lettera morta.

Mi spiace ma la "quantità" (i 13.000) è legato alla "qualità" e alla "razza", parola questa che ormai secondo i dettami ONU non si può più pronunciare (indovina perchè). Pertanto non puoi affatto disgiungere le due cose come spesso ti ostini a fare.

Allora secondo te, perché mai avrei dedicato numerosi post ai piani Kalergi? E perchè mai avrei scaricato in PDF il suo Praktischer Idealismus dove dice papale papale che occorre fare esperimenti di ingegneria sociale, coniando una nuova razza meticcia, creando così la "Paneuropa"?

Se vuoi ti estraggo anche il passaggio dove lo sostiene e ripeto: questo piano di meticciamento forzoso contro la razza "indo-europea" è voluto e pianificato. I 13.000 norvegesi eventuali, ti darebbero un terzo dei problemi dei provenienti dal continente nero:

in primis perché non sono prolifici

in secondo luogo perché portano malattie tropicali verso le quali non siamo attrezzati

in terza battuta, perché i norvegesi dspongono a casa loro, di spazi che noi ce li sognamo. Semmai sarebbero i 13.000 italiani che andrebbero volentieri in Norvegia o Scandinavia che dir si voglia.

Cerchiamo di rimanere coi piedi per terra, per favore.

Aldo said...

Non mi sono spiegato, lasciando alcune parole forse troppo "sotto livello" rispetto alle altre. Provo con qualche grassetto maiuscolo.

"Che i 13000 siano neri, verdi o bianchi come il latte è RELATIVAMENTE irrilevante. Che arrivino dall'Africa o dalla Norvegia pure. Il problema è che sono 13000 (in tre giorni). LA PROVENIENZA E LA TIPOLOGIA UMANA SONO giusto il SALE CHE RAFFORZA LE PESSIME CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE E FA BRUCIARE un poco DI PIU' LE FERITE INFERTE dagli ulteriori (e non certo ultimi) 13000."

Maiuscolo e grassetto non per gridare o fare i tracotanti, solo per mettere in evidenza alcuni contenuti che pare non si siano fatti notare quanto avrei voluto. E' una finalità grafica e solo grafica.

Mentre la provenienza e la tipologia negative possono peggiorare le cose, quelle positive o neutre non possono migliorarle. Solo, le peggiorano un po' (un ben piccolo po') meno.

Nessie said...

Forse non mi sono spiegata abbastanza nemmeno io. Un conto sono i "migranti economici" che possono anche provenire dall'Est e hanno delle capacità (sebbene io non farei entrare nemmeno questi); un altro conto sono i "migranti riproduttivi". Ti piaccia o meno, quelli che provengono dal continente nero hanno questa funzione: meticciare la razza bianca. E sta pure scritto nel trattato di cui sopra.

E se per non sembrare "razzisti" accettiamo il razzismo di coloro i quali fanno esperimenti di "ingegneria sociale" sulla nostra pelle, allora siamo doppiamente fottuti. Non trovo altro termine. Non si tratta affatto di un effetto secondario.

Nessie said...

PS: aggiungo ed espungo dal testo kalergiano questo passaggio:

L’humain du lointain futur sera un métis. Les races et les castes d’aujourd’hui seront victimes du dépassement toujours plus grand de l’espace, du temps et des préjugés. La race du futur, négroïdo-eurasienne, d’apparence semblable à celle de l’Egypte ancienne, remplacera la multiplicité des peuples par une multiplicité des personnalités. (…) L’humain noble du futur ne sera ni féodal ni juif, ni bourgeois ni prolétaire : il sera synthétique. Les races et les classes, dans le sens d’aujourd’hui, disparaîtront, les personnalités demeureront (le personalità sopravviveranno – NDR).

Nessie said...

Inoltre, più chiaro di questo disegnino non c'è niente. Qui non servono nemmeno le parole (che peraltro creano fraintendimenti) :


http://sauraplesio.blogspot.it/2016/03/sesso-meticcio.html

Anonymous said...

IL SAURO e ALDO , mi auguro di cuore che abbiate ragione ! Che Dio vi ascolti !
Ma Roma , e balza agli occhi di chiunque, è oramai ingestibile. Interi quartieri sono invasi da immigrati che vi abitano e gestiscono negozietti e bancarelle. I cinesi invece comprano appartamenti e attività e quindi sono proprio padroni !
Gli africani occupano a migliaia intere palazzine di ex uffici falliti e dismessi.
Se fossi il prefetto con con pieni poteri non saprei dove mettermi le mani. Nei centri commerciali bivaccano barboni di origine polacca e serba che dormono all'aperto e scolano litri di vino in cartone. E le migliaia di zingari di tutte le etnie dove le schiaffiamo ? Ma come si fa a cacciare via tutta questa gente ? Ce li rimanderebbero tutti indietro o verrebbero bloccati al confine per terra e per mare. Ma chi se li riprende ? Moltiplicateli per tutta l'Italia ! Ma quanti milioni sono ? Secondo le statistiche del Ministero dell'Interno siamo oramai su cifre dell'ordine di sette o otto milioni, non è uno scherzo ragazzi !
Grazie Renzi, grazie Napolitano,grazie Buldrini, grazie Bergoglio, e un grazie caloroso anche a Mattarella che afferma un giorno si e l'altro pure che dobbiamo superare i nazionalismi. I Russi e i Cinesi che sono ultra nazionalisti sono scemi invece !
Un salutone da Max da Roma .

Anonymous said...

Intanto i risultati elettorali sono stati almeno per me una bella ed inattesa sorpresa sulla quale non avrei scommesso. Godiamoceli per il momento. Detto questo il PD con annessi e connessi ha dimostrato di detenere COMUNQUE il potere anche se perde le votazioni e ha dimostrato di essere in grado di eliminare l'opposizione per vie extraparlamentari. Questa sua "attitudine" diventa particolarmente virulenta quando rischia di perdere a livello nazionale. Il suddetto PD è anche incline a maneggi tipo quello in atto sulla "immigrazione" dove ora fa il leghista: tra un po' sentiremo proclamare al TG che l'unico partito che si oppone alla immigrazione è il PD e che a volerla è la Lega...
Berlusconi con Mediaset al seguito è renziano, europeista, atlantista e quant'altro si può mettere, quindi a stare in sua compagnia è magari inevitabile ma comunque molto rischioso.
Scarth

Nessie said...

Max da Roma, hai descritto uno scenario da "Il campo dei santi" di Jean Raspail:


https://it.wikipedia.org/wiki/Il_campo_dei_santi

libro che sto finendo di leggere e che nel 1973 anticipava gli scenari odierni.

Nessie said...

Scarth, oggi il TG ha tirato come al solito la volata al PD (fa pure rima) mostrando un Minniti che finge di fare la voce grossa con la UE e un Mattarella che fa lacrimuccia perché l'Italia viene lasciata sola a gestire l'emergenza. Ovviamente sono entrambi d'accordo con le éLites ma fingono che non sia così.

Anonymous said...

Già Nessie, a sentirli adesso sembra che LORO con la LORO importazione su scala industriale e il mantenimento di immigrati da ogni angolo del pianeta non c'entrano nulla e che l'abbiamo fatta i marziani di notte a loro insaputa. Addirittura a sentirli sembra che non c'entrano nulla con la LORO beneamata e adorata UE. Tanto i loro zombie trangugiano avidamente qualsiasi cosa che gli viene somministrata.
Scarth

Nessie said...

Le battaglie non sono finite. Dovremo lottare strenuamente contro lo ius soli, , che non sanno come fare a farci trangugiare. Loro se ne strafregano dell'elettorato (anche del loro, quando li punisce).

Loro sanno perfettamente che non è ai cittadini che devono rispondere ma ai loro referenti Ue. Sono in pratica degli omiciattoli-Troika.

Anonymous said...

Per Max. Naturalmente ci vorrebbero dati molto precisi per abbozzare una via d'uscita. Sicuramente i dati riferiti all'immigrazione selvaggia sono volutamente molto sottostimati. Resta il fatto che, ove possibile, è più facile rimpatriare qualcuno via terra che via mare, soprattutto se si conosce la continua destabilizzazione delle aree di provenienza. Ci sono modalità assolutamente pacifiche per fare sì che le nazioni di provenienza accettino di buon grado il rientro dei propri connazionali, anche di quelli di cui preferirebbero disfarsi. Naturalmente le oligarchie oggi al potere non lo vogliono. E' questo il problema, altrimenti basterebbero negoziati bilaterali per giungere a conclusioni soddisfacenti. Solo per chi insistesse, dopo reiterati avvisi, a rifiutare di lasciare il territorio italiano, andrebbero prese misure coercitive al limite dell'ostilità con le nazioni di provenienza. Tutto questo, senza alcun forte alleato sarebbe molto difficile, altrimenti sarebbe come bere un bicchier d'acqua. Il toglierci la sponda libica è servito proprio a rinforzare la testa di ponte dell'invasione marcata USA-ONU-UE. Ed ovviamente, se noi concediamo a simili alleati centinaia tra basi militari e strutture di controllo varie non sarà certo lasciandole libere di agire che si risolverà il problema. Ma io vedrei parecchio margine per una mediazione, tipo: se vuoi conservare Sigonella devi risolvermi questo problema. Come dicevo sopra è una questione di volontà e, se possibile, di capacità di mediazione, altrimenti si finisce a spararsi per strada; il che, purtroppo, non è un'ipotesi tanto remota.

IL SAURO

Anonymous said...

Ciao Nessie, libro interessante e veritiero la cui lettura viene addirittura raccomandata dalla Le Pen ai suoi sostenitori !
Secondo me ,al di la di facili complottismi un tanto al chilo via internet, tutta questa manfrina buonista falsissima e ipocrita orchestrata dalle sinistre nasconde in realtà il desiderio velenoso di vendicarsi sulle masse italiote cattoliche perchè hanno sempre impedito al vecchio PCI di andare al potere negli anni sessanta e settanta ostinandosi a votare la DC con la complicità della Chiesa. Tanto è vero che guarda caso negli ultimi anni stanno magicamente emergendo scandali a non finire dentro e fuori del Vaticano con preti e cardinali che si scoprono improvvisamente pedofili,gay, usurai, complici di mafia e camorra,amanti in segreto di signore già maritate etc etc. La Chiesa sta perdendo fedeli e fiducia mentre maghi e sette proliferano. Guarda caso i magistrati, tutti di sinistra, non fanno mai abbastanza contro satanisti e maghi rei a vari titolo di truffe in tv e altro. Ci stanno riempiendo di milioni di extracomunitari che possono delinquere come vogliono tanto la "giustizia" li lascia fare perchè sono dei poveretti. La vendetta sulle masse si concretizza ogni giorno di più. E non lasciamoci ingannare dalla notizia dell'ultima ora che Minniti vuol far chiudere i porti in mancanza di aiuti concreti dall'Europa per arginare una situazione incontrollabile, è tutta fuffa ! Cercheranno di farne entrare quanti più possibile per creare tanto caos e far guadagnare le coop rosse che gestiscono i centri accoglienza. Questi vogliono la nostra distruzione.
Cordiali saluti da Max da Roma.

Jacopo Foscari said...

Sono perfettamente d'accordo sul fastidio per il termine "moderati", anche perché non c'è assolutamente nulla di "moderato" in questa invasione

Nessie said...

Parto da te, Jacopo e poi vado in su. Mi piacerebbe sapere il target politico-elettorale di questi "moderati". Forse gente che ha lo stipendio di un parlamentare. Sì perché i ceti medi, le piccole e medie imprese, sanno perfettamente che tutto può venir ridotto in briciole dall'oggi al domani.

Nessie said...

Interessanti considerazioni del Sauro.


Al punto in cui dice che vedrebbe lo spazio per una mediazione su Sigonella, ad esempio,

, , Ma io vedrei parecchio margine per una mediazione, tipo: se vuoi conservare Sigonella devi risolvermi questo problema. Come dicevo sopra è una questione di volontà e, se possibile, di capacità di mediazione, altrimenti si finisce a spararsi per strada; il che, purtroppo, non è un'ipotesi tanto remota

Oltre alla volontà politica per farlo ci vuole soprattutto una classe dirigente che stia a schiena dritta, quale noi non abbiamo.

Nessie said...

Max, come avrai intuito, lo scandalo pedofilia partito con Wojtyla e Ratzinger è servito a indebolire e a far fuori la chiesa allontanandone i fedeli. E a lasciare lo spazio ai Bergoglio vari. Non mi si dica che da quando c'è lui, la chiesa è diventata "più morale"... Ecchediamine! le oligarchie hanno raggiunto il loro scopo.

Sulle "buone intenzioni" di Minniti circa il far bloccare i porti, non ci ho creduto nemmeno per un nanosecondo.

Il libro citato (Il campo dei santi) è pressoché introvabile e sono riuscita a trovarlo in biblioteca solo dopo una lunga attesa, perché era molto richiesto. Nessuna ristampa, però. Ed è facile capire perché.

Nessie said...

E' OT, ma vale la pena di riportarlo: Bergoglio è oggettivamente per l'eutanasia in quanto non ha speso una parola per il piccolo Charlie:

http://www.occhidellaguerra.it/charlie-gard-venga-salvato-bergoglio/

Anonymous said...

Ciao Nessie hai fatto bene a ricordare la tragedia del piccolo Charlie e dei suoi genitori. Il termine mostri per chi ha fatto a loro tutto questo è riduttivo. E dei mostri col suo silenzio fa parte Bergoglio che invece è sempre tuonante quando si tratta di imporre l'ideologia sei Signori del Mondo. Non riesco a trovare parole per un orrore come questo. Pensa che i genitori avevano raccolto i fondi necessari per tentare una cura negli Stati Uniti e glielo hanno impedito. Il Male allo stato puro.
Scarth

Nessie said...

Un vergognoso zittificio omertoso! Ovviamente se il piccolo Charlie avesse avuto la pelle nera (come da canzone di Nino Ferrer) si sarebbero prodigati in altri investimenti e altre cure "alternative". Ma come mi sforzo di far comprendere, noi bianchi europei siamo diventati "superflui".

Alessandra said...

Sono d'accordo con le considerazioni di Aldo, del Sauro e di Andrea sul blog di Foa. Non è che vero non ci si può ribellare, è che al governo abbiamo dei venduti, dei traditori che hanno acconsentito a distruggere il nostro Paese!
Magari avessimo un presidente come il ceco Zeman, altro che Gentiloni o Mattarella che ha praticamente trasformato il suo tour canadese in un gigantesco e prolungato spot pro-immigrazione!

Su Charlie:
Solo adesso anche i canali mainstream parlano di questa vicenda, ora che non c'è più niente da fare, come se fosse una storia strappalacrime tra le tante.
Ovviamente il "dettaglio" dei fondi raccolti per far curare il bambino negli USA è stato, almeno dal Tg3, omesso.

Cangrande said...

Ciao Nessie.

Quello del povero bambino inglese è un EVIDENTE sacrificio umano offerto a Lucifero.
Letteralmente.

E uno dei suoi sacerdoti officianti, è il CONSAPEVOLE impostore seduto blasfemamente al Soglio di Pietro.

Jacopo Foscari said...

La questione del piccolo Charlie, di cui sono venuto a conoscienza solo nelle ultime ore è semplicemente orribile. Financo Renzi e perfino noti anti-clericali e mangiapreti come Capezzone e Taradash hanno contestato la decisione oscena dei medici e dei giudici della corte europide. L'unico che sta in silenzio è il "Vescovo di Roma", più preoccupato per i clandestini. Che poi, anche se le cure sperimentali fossero inutili, per quale ragione negare ai genitori questa possibilità? Quando c'è da salvare la vita di un infante si tenta tutto il possibile, e qualora il tentativo fosse fallito i genitori almeno avrebbero la magra consolazione di aver fatto davvero tutto il possibile. Uno stato che si arroga di decidere al posto dei genitori sulle cure da dare al figlio, roba da Pol Pot

Nessie said...

Cangrande, dici bene: un sacrificio a Lucifero da parte di quelli come Bergoglio 666 che avrebbe potuto e DOVUTO parlare, ma ha preferito tacere.

----------------------------

Jacopo, sono d'accordo coi cattolici di questo sito: uccidere Charlie, significa uccidere il senso del vivere e del morire:

https://cristianesimocattolico.wordpress.com/2017/06/07/charlie-non-deve-morire/

Anonymous said...

Anche questo pezzo di Stefano Zecchi. Una preghiera per Charlie e per i suoi poveri genitori:


http://www.ilgiornale.it/news/politica/forza-dei-genitori-piccolo-charlie-batte-anche-scienza-1411041.html

Z

Nessie said...

L'avevo letto. Sì molto bello!

E alla fine Badoglio parlò. Sì, ma con un miserabile tweet. Nemmeno POnzio Pilato sarebbe stato più pilatesco:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/charlie-papa-francesco-vita-va-sempre-difesa-1415098.html

Nessie said...

Alessandra, ti chiedo scusa, ma il tuo commento è scivolato da due giorni nel cestino dello spam e lo vedo solo ora. Misteri informatici!
Puoi ritrovarlo più sopra, appena prima di quello di Cangrande.

Sì, hai perfettamente ragione, la storia del piccolo Charlie sbandierata lì tra le tante notizie dell'ultima ora, ha proprio la funzione che dici: privarla d'importanza e confonderla tra le tante storie strappalacrime d'ordinaria quotidianità. Se avessero dato il giusto rilievo giorni prima, ci sarebbe stata un'altra consapevolezza circa il significato della tragica vicenda.

Anche la chiesa in questo frangente ha fatto una ben meschina figura. Il tweet last minute di Bergoglio ha aggiunto un amaro sapore di beffa.

Anonymous said...

Ciao Nessie, indubbiamente la seconda tornata delle elezioni comunali ha riservato sorprese in alcuni casi inaspettate e che inducono a ben sperare per il futuro.
Si è registrata, come hai notato, la caduta dei “muri liguri” e quella – per certi versi ancor più eclatante – di Sesto San Giovanni, la Stalingrado d’Italia, dove i comunisti hanno vinto ininterrottamente dal 1946. Ci sono altri “casi”, neppure tanto piccoli, che vale la pena di menzionare. Come, ad esempio, Pistoia – già fortezza rossa – che si è risvegliata con un sindaco di FdI. O L’Aquila, dove il candidato del centrodestra – ancora di FdI – ha recuperato ben 18 punti al piddino che aveva sfiorato l’elezione al primo turno con oltre il 47%. Sempre a L’Aquila si è registrato uno dei risultati a mio avviso più clamorosi: alludo al lusinghiero 6,76% conseguito dalla Lega. Risultato tutt’altro che scontato a certe latitudini.

Unica nota stonata, in un quadro certamente consolante, è l’atteggiamento del Cavalier Spompato che si è intestato i meriti di tutte le vittorie e pretende di dettar legge all’interno della coalizione come faceva quando aveva oltre il 30% dei voti (oggi ne ha meno della metà, che comunque sono sempre troppi) e finge di ignorare che nessuno (nessuno!) dei candidati del suo partito andati al ballottaggio è stato eletto. Sono diventati sindaci esponenti della Lega, di FdI o di liste civiche, nessuno di FI, nonostante la claque di cui disponevano.
È tempo che qualcuno faccia abbassare la cresta a questo pavone scolorito e spennacchiato che ha avuto la sua parte (non indifferente) nel ridurci in uno stato semicomatoso. Perché Berlusconi è stato sì una vittima, ma per molti aspetti anche un carnefice di noi italiani. E che minaccia di continuare l’opera, con la sua vocazione all’inciucio e la sua ostinazione a volere Draghi presidente del Consiglio.
(no caste)

Anonymous said...

Il Sauro: «Da un punto di vista economico e finanziario, la difesa interna ci costerebbe molto meno di quanto ci costa attualmente finanziare l'invasione e le istituzioni che la sostengono».
Sono d’accordo.

Facciamo due conti della serva (la serva serve…).
- L’invasione. Lo scorso anno ci è costata 6,4 miliardi (l’Ue ha avuto la compiacenza di elargire ben 600 milioni…). Quest’anno ci costerà più del doppio perché ai 181.000 arrivati nel 2016 (e che sono rimasti da noi) bisognerà aggiungerne almeno 220.000. Facciamo 16 miliardi?
- L’Ue. L’Italia è un “contributore netto”. Significa che non può ricevere più di quello che versa. Attualmente il nostro saldo negativo è di 6 miliardi l’anno, destinati a crescere perché con la Brexit il contributo aumenterà.
- La Nato. Trump chiede più soldi e lo zerbino Gentiloni si è messo sull’attenti. Ma la Nato ci costa già oltre 20 miliardi l’anno.
A questo punto tiriamo in ballo la serva: 16+6+20 = 42 (ed è una cifra approssimata per difetto).
Significa che se liberassimo in un sol colpo di Nato, Ue e “risorse” risparmieremmo più di 115 milioni di euro AL GIORNO, che potremmo destinare a cose più serie, come assistenza, pensioni, difesa ecc.
Non diventeremmo il Paese di Bengodi, ma certo staremmo meglio di adesso.
(no caste)

Nessie said...

Hai fatto bene a ricordare il resto delle realtà locali come l'Aquila, Pistoia e Sesto . Giovanni, no caste. Ma anche Genova è dal dopoguerra che pratica un costante usu capione delle sue giunte, con la solita solfa della Medaglia d'oro alla Resistenza e bla, bla, bla, i motti di GE contro il governo Tambroni ecc.

Ora però i giornali locali liguri scrivono a titoli cubitali che è già iniziato il fuggi fuggi dal Pd, un po' come i classici topi che fiutano il naufragio e schizzano via da tutte le parti. Beh, sai cosa ho pensato? Non è che questi topi poi rischiamo di ritrovarceli in Farsa Italia, dal momento che la Salma di Arcore è in vena di inciuci?

Anonymous said...

Sì è probabile che succeda quanto paventi, Nessie. E d’altra parte noi non possiamo andare a far la guardia in casa altrui, specie quando le porte vengono lasciate deliberatamente aperte.
Però possiamo mettere dei paletti negli “spazi comuni” (ammesso che ce ne saranno). E da questo punto di vista toccherà a Salvini e Meloni tenere alti gli steccati.
(no caste)

Nessie said...

Errata Corrige: Ovviamente è Sesto S.Giovanni e al mio puntino mancava un santo. Ma lì è più facile sconfiggere la sinistra che da a altre parti: un tempo c'erano le fabbriche. Ora le hanno tutte delocalizzate col silenzio-assenso sindacale.

Cucù, il lavoro non c'è più!

Nessie said...

Quanto alla tua replica su ciò che pavento (l'ingresso dei topi), mi spiace ma i Piddioti non hanno dirittto di riciclo, dopo le varie stragi compiute. E come dici, se Salvini e la Meloni, non si opporranno ad un'eventuale "entrismo", allora AVRANNO quel che si meritano: dei cavalli di Troia dell'Eurocrazia dentro la coalizione.

Nessie said...

PS di PS: No caste, leggi un po' qua. A parte la faccia da Gran Sveglione di Orlando, ma quello che paventiamo, a quanto pare, è già realtà:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/orlando-referendum-iscritti-sullaccordo-forza-italia-1415524.html

Anonymous said...

Letto, Nessie. Ovviamente Il Giornale è lesto a rilanciare certe notizie…
Del resto, al di là del gioco delle parti, la vocazione all’inciucio di FI è evidente fin dall’inizio dell’attuale legislatura. Ricordiamoci la rielezione di Napolitano e l’ingresso di FI con suoi ministri e sottosegretari nel governo Letta.
Anche l’incaponimento di Berlusconi per il “sistema tedesco” ne è prova. Quel tipo di legge elettorale non garantisce affatto la governabilità, prova ne è che in Germania la Merkel sta governando, per la seconda volta, con i socialdemocratici.
È chiaro che il Cav punta in primo luogo a questo: che alle prossime elezioni non ci sia nessun chiaro vincitore, così da poter essere comunque in gioco, come nel 2013.
Grosse Koalition, il modo ipocrita con cui i tedeschi chiamano quella che per noi è un’ammucchiata…

Io mi auguro che Salvini e Meloni sappiano tener duro, anche a costo di mandare Berlusconi a quel paese e correre da soli con un programma, diciamo così “smoderato” (visto che “moderato” mi sta sulle palle ed “estremista” non si può dire). Insomma, o la va, o la spacca.
Hai visto mai che riusciamo “noi” in quello che sinistri e magistrati non sono riusciti a fare, ossia a seppellire la Salma?
(no caste)

Nessie said...

Mah... sinceramente la cordata con la Salma non mi entusiasma. Sai già come la penso e come la pensano gli altri che intervengono su questo blog, sui cosiddetti "moderati".

Spero anch'io che facciano un partito a due (magari aperto ad altre componenti di destra) intransigente e duro.

Jacopo Foscari said...

Onestamente, vi dirò, ai miei occhi è più comprensibile chi vota PD di chi vota la Mummia di Arcore. Chi vota PD è generalmente chi ha qualcosa da difendere, chi ha delle rendite di posizione, clientele, assistenzialismi e magna-magna vari. E' il più classico dei voti di apparato e di assistenzialismo. Poi certo, c'è ancora qualche vecchio trinariciuto che si beve tutto quello che dice "Il Partito", ma visti i risultati nei bunker rossi che menzionavate, mi sa che quel voto sta sparendo anche sotto i colpi dei vari scandali della mafia coop-bancaria dell'Italia centrale. Invece Farsa Itaglia che senso ha? E' come i 5 Seghe, un partito ne carne, ne pesce che tiene perennemente il piede in due scarpe inciuciando col PD a Roma e poi alleandosi con la destra alle amministrative, una lista capitanata da una salma moribonda che come Crono ha divorato uno dopo l'altro i suoi delfini

Nessie said...

Diciamo che Farsa Italia avrebbe voluto resuscitare la DC d'antan, senza però essere un partito cattolico. Del resto come è nata? Con una fetta di Publitalia di Mediaset, con riciclati dai vecchi socialisti trombati dalle inchieste giudiziarie, altri uomini della vecchia DC sotto inchiesta anche lei, più i vari Dudù di Berlusconi provenienti dall'apparato Mediaset. Il gioco per un po' è riuscito, e ad onor del vero, sotto il governo Berlusconi non eravamo ancora così immiseriti. Poi c'era bisogno di attuare espropri su larga scala con cure "greche", aprire i boccaporti e fare entrare l'Africa intera in Italia ed è arrivato il PD senza essere stato eletto. O meglio, ce l'hanno imposto.

NO, sinceramente NO, non mi sono affatto comprensibili quelli che votano per un partito che ti toglie anche le mutande. E lo fa anche a quel ceto medio che è parte del suo elettorato.

Il PD è pur sempre eredità del vecchio PCI e la "chiesa rossa" ha un difetto: il dogmatismo ideologico da una parte e il masochismo dei suoi fedeli fanatici, dall'altra. Ci stupiamo dei mussulmani sciiti quando si frustano a sangue?
I nostri sono anche peggio perché si fustigano di continuo e non solo durante le debite occasioni. Nonostante il visibile grande calo, sono pur sempre stupita delle pur ragguardevoli percentuali dei von Masoch che continuano a votarli.

Specie dopo tutti questi sbarchi assillanti, spaventosi e continuativi.

Jacopo Foscari said...

Ah figuriamoci se son d'accordo. Però credo che oggi chi vota ancora Piddì lo faccia principalmente per motivi di interesse personale. L'elettore medio del Piddì, tolti i pensionati ancora affezionati al "Partitone", è mediamente gente che deve qualcosa a qualcuno o che ha bisogno di favori e di clientele varie. Insomma, il più classico e scontato del "tengo famiglia" italiota. Ovviamente l'elettore medio del Piddì non lo ammetterà mai, ma di solito basta scavare un pochino per far saltar fuori il magna magna. Comunque bisognerebbe fare una roba tipo le scritte nelle sigarette "Chi vota PD nuoce anche a te, digli di smettere"

Nessie said...

Lo slogan finale è una genialata, ma sul resto ti smentisco per esperienza personale: ho piddioti nel mio parentado stretto e sono degli sfigati che purtroppo per loro, non ci quagliano un bel niente ma che lo votano per cieco fideismo.
Tu mettili, se vuoi, nella casistica delle patologie gravi.

Ho appena aggiornato il blog sulla vicenda del piccolo Charlie.