18 March 2016

Aldebaran



Dedico questa stupenda canzone stellare all'Italia che non c'è. Agli Italiani che non ci sono. Al coraggio che ci manca. All'unità dei cittadini al di là delle appartenenze politiche che è tutta da costruire e della quale non se ne vede traccia. Ai giovani affinché possano trovare cervello, cuore e ardimento per cacciare tutti gli invasori, gli strozzini, i profittatori, aiutando a dare una spallata contro questa Ue oppressiva. Agli anziani perché possano fare una vecchiaia serena e non pieghino mai la schiena ai ricatti che inevitabilmente ci saranno. Anche una vecchia pantera può fare l'ultimo balzo felino di sopravvivenza. Alla fine delle ipocrisie linguistiche, poiché il linguaggio orwelliano è la quintessenza delle mistificazione e non poter dare nomi veri alle cose vere, è la prima cosa che queste élites ci impone. Se la verità non la si  può nemmeno riconoscere, non la  si può nominare,  non la si  può dire, allora sarete/saremo tutti   quanti condannati a vivere nell'eterna Menzogna e a capitolare. 
Aldebaran è l'ultima stella che tramonta al mattino.  Non c'è da farsi illusioni elettoralistiche. Ben sappiamo che il diritto di voto ci è stato tolto, sequestrato, è  stato sospeso, poi ripreso con la galleria di  facce che vogliono farci digerire Loro. Addirittura i giornali anglo-sassoni ci suggeriscono già chi deve essere il  prossimo sindaco di Roma. Chi ne ha i requisiti estetici, politici, etici, professionali...
Mentre si è già messo in moto da qui a giugno, la Fiera delle Vanità farlocche sui divi per una notte elettorale da Oscar. Ecco che allora i candidati diventano le nuove "star".
Follow the stars! Perché andare al cinema? C'è già tutte le sere nei talk show di cosiddetto "approfondimento", il cinema. Lo disse anche Dino Risi, grande regista della commedia all'italiana, che non era il caso di creare altre gallerie di nuovi mostri per il grande schermo:  la scena l'hanno rubata da tempo i politici, mentre la Patria va in pezzi. 


Ma leggete cliccando questo link sull'etnicizzazione forzata sulle montagne, un tempo  grandi avamposti di Resistenza e di salvaguardia di etnie, comunità autoctone, di usi, idiomi e costumi di frontiera e di confine; aprite bene gli occhi, e usate le parole giuste  (e non farlocche) per commentare:  
http://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/immigrati-montagne-41664/






"Accade nelle città, ma accade anche nelle campagne e nelle montagne, cosa a cui gli immigrazionisti tengono in particolar modo, forse perché intaccando il tessuto vivo delle comunità rurali si accelera e rende definitiva la Grande Sostituzione più di quanto non accada facendo lo stesso nelle metropoli".

In altre parole, dalle Alpi, alle isole, passando per le campagne e i villaggi rurali, hanno deciso che l'Italia deve cambiare connotati, usi costumi, popolazioni e demografia, mediante vere e proprie deportazioni etniche.  E il tutto, senza chiederci il permesso.

Piaccia o no, saremo tutti destinati a dover vendere assai cara la nostra pelle se vogliamo salvarci e salvare qualcosa di buono, di valido, di bello e di italiano da destinare a chi resta. E ad essere tutti degli Aldebaran: brillare prima di tramontare. 
Dove sei, terra dei Fratelli miei?!?
Chi cerca trova, chi lotta può prevalere. Eroi non si nasce, lo si diventa; o si è costretti a diventarlo da circostanze difficili. E queste lo sono.  Chi non lo fa, soccombe: è l'eterna lotta per la vita.  Per aspera ad astra.

"....E sento sento sento nel cuore stelle" 

52 comments:

Anonymous said...

La carta stampata si sveglia, come sempre, con grande ritardo quando si tratta di temi scottanti: nei paesi e paesini - anche i più sperduti - adagiati sulle montagne che circondano il mio stupendo lago è da almento vent' anni che vedo comparire allogeni ( tutti nordafricani ) e mi domando cosa ci facciano in luoghi tanto lontani dalle "opportunità di lavoro" ....

Vedremo soltanto una palla di fuoco .... ma noi non ci saremo ( per nostra fortuna, aggiungo ).

Così cantavano i Nomadi in un' altra stupenda canzone dell' epoca; che fossero profeti ?

Paulus

Nessie said...

Ah, sì, certo! Anche quella. Ma è una magra consolazione non esserci più e lasciare i nostri amati luoghi ai nuovi barbari. Quel che crea sconcerto e che te li piazzano proprio dove dici: "lontani dalle opportunità di lavoro". A presidiare, in attesa (en attendant) che sparisca Godot.

Addio, monti sorgenti dall'acque, ed elevati al cielo; cime inuguali

Anonymous said...

Ecco il testo della canzone. Azzeccatissima. Brava Nessie!

No
La pace intorno a me
Non bastava più

Sentivo marinai che cantavano
Aldebaran
Andare andare andare lontano sempre
Aldebaran
Dal niente si parti' verso il niente
Quanti? Non lo so.
Anch'io
Avrò il diritto anch'io di decidere
Se
Ho voglia di sparare o di arrendermi
Aldebaran
Più in alto in alto
Aldebaran
Mi ha messo in tasca trenta denari
Ma non miei
Dove sei?
Come sei?
Se ci sei
Terra dei fratelli miei
Dove sei?
Come sei?
Terra dove vivrò con

Lei
E col suo corpo che vuole vivere
Lei
Che ha ancora poesie da comprendere
Aldebaran
Aldebaran
E sento sento sento nel cuore stelle
Aldebaran
Antiche misteriose sorelle
Sempre Sempre Là

-----------------------------

Appunto, "ho voglia di sparare o di arrendermi", questo è il problema. Ma se venissero i califfi in persona, gli italiani si sottometteranno.

Fabio

Nessie said...

Poco ma sicuro. Coi cuor di Leone che abbiamo in giro! E non solo l'Italia. La Francia è in analoghe situazioni, nonostante sia messa meglio come leadership identitaria (la Le Pen):

C’è chi la accusa di allarmismo con la Grande Sostituzione. “Non è una teoria, un concetto o una nozione: è un fatto. I popoli europei sono sostituiti da popoli non europei. Lo comprendi dalla demografia, paragonando i non europei e gli europei dall’età: la proporzione è ancora bassa per le persone sopra i settant’anni, ma è enorme sotto i cinque. La Francia è come una vecchia badante che alleva i figli di un altro popolo.


http://www.ilfoglio.it/cultura/2015/06/30/leuropa-imbelle-sta-morendo-parla-camus-il-rinnegato-dei-lumi___1-v-130347-rubriche_c361.htm

SILVIO said...

Prossimo annuncio di Aldebaran = Ultima previsione di Stratfor?

Stratfor (titolato think tank di geopolitica) ha recentissimamente asserito che – con riferimento al medio termine – l’Unione europea sarà irrimediabilmente “rotta”, poiché destinata a frantumarsi nei seguenti tronconi:

1) Benelux + Germania + Austria + (eventualmente) Francia
2) Danimarca + Norvegia + Svezia + Finlandia
3) Gruppo di Visegrad (Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Polonia)
4) Paesi Baltici
5) Stati balcanici (ognuno per sé)
6) Italia + Spagna + Portogallo + Grecia + Cipro + (eventualmente) Francia
7) UK (in perfetta solitudine, libera di fare quel che ha sempre fatto per riuscire a dominare: “Divide et impera”) .

https://www.stratfor.com/weekly/europe-without-union

Anonymous said...

Il grido di dolore dell'intellettuale e storico greco Panagiotis Grigoriou sulla sistematica sostituzione etnica praticata in Grecia con l'ausilio di Tsipras e di Syriza:


http://blog.ilgiornale.it/foa/2016/03/18/drammatico-sos-dalla-grecia-avanti-cosi-moriremo-tutti/

e qui l'originale in francese della lettera

http://goofynomics.blogspot.it/2016/03/derniere-chance-i-colonnelli-o-leta.html

Z

Nessie said...

Ohhh, ci voleva la Stella (e la canzone) per farti riapparire Silvio :-).

Che la Ue sia prossima a frantumarsi non mi stupisce. Ma non vorrei che ancora una volta fosse il Leviatano anglo a trarre profitto dalla frantumazione, pappandosi tanti bei bocconcini. Magari litigiosi. Grazie per il link.

Nessie said...

Grazie Z. Ho visto che Foa ha appena aggiornato il suo blog su questo doloroso tema. Finalmente si è costretti a togliersi ogni velo di mistificazione dagli occhi e a dire chiaro e tondo che le élites vogliono "sostituire" le popolazioni autoctone mediante le maree di profughi, rifugiati e immigrati (i nomi non mancano, ma la sostanza è sempre quella). Quanti anni sono che lo vado predicando quasi in solitudine (a parte poche eccezioni), la sottoscritta?

, La trappola finale scatta dopo l’euro, l’ulteriore arma di distruzione di massa utilizzata dell’Europeismo (e non solo) sono i migranti. La mia compagna (da ottobre scorso priva di risorse perché disoccupata) ed io stesso, tentiamo quest’ultima… sortita per la sopravvivenza, attraverso la nostra attività Greece Terra Incognita, nel campo del turismo.

SILVIO said...

Nessie,
ho la sensazione che per il Leviatano tiri una brutta aria.

Dimostrazione:
1) La “"Edmond de Rothschild SA - Suisse” (istituto finanziario del Baron Benjamin de Rothschild) è stata incriminata dal giudice Javier Gómez Bermúdez per frode a danno di più di 20 pensionati britannici residenti in Spagna :

http://www.bloomberg.com/news/articles/2016-03-04/edmond-de-rothschild-in-geneva-targeted-by-french-criminal-probe

http://www.theolivepress.es/spain-news/2015/06/18/exclusive-baron-rothschild-indicted-in-france-over-fraud-case/

http://www.cogitoergo.it/?p=31776

2) Lord Jacob Rothschild - nel report pubblicato da “RIT Capital Partners plc” nel dicembre 2015 - ha dichiarato testualmente:
“Siamo nell’occhio del ciclone…in tempi così difficili occorre badare più alla restituzione del nostro capitale prestato che al suo rendimento…”

http://www.ritcap.com/sites/default/files/web%20version%20-%20RIT%20Report%20%26%20Accounts%20-%20December%202015.pdf

3) George Soros - dopo aver dichiarato la guerra speculativa al remimbi (la moneta della Cina) – è stato ridicolizzato dai Cinesi con :
“SOROS DICHIARA GUERRA AL REMIMBI? AH! AH! AH!” (= risate del quotidiano del Partito Comunista cinese)
http://www.zerohedge.com/news/2016-01-26/china-warns-soros-against-starting-fx-war-ha-ha-you-cannot-possibly-succeed

Nessie said...

Una dinastia "intoccabile" ora viene incriminata da un giudice spagnolo? Certamente denaro a fiumi per pagarsi interi collegi di avvocati, costoro ne hanno a profusione. Ma è sempre il segnale che prima o poi per i farabutti scocca la loro campana. Certo che ce ne hanno messo del tempo! Vedremo...

Aldo said...

E' come un'infezione: se si localizza in un ascesso è relativamente semplice rimuoverla, se necessario anche cruentemente, per via chirurgica; se diventa sistemica, uccide chi la subisce. Non esistono antibiotici specifici. Gli untori sanno quel che stanno facendo.

Nessie said...

Sì, ma coi mezzi di diffusione della verità che abbiamo stiamo qui tutti come dei mammalucchi a farci sterminare? Mi riferisco alla lettera dello storico greco Panagiotis Grigoriou di cui al link di Z. La classe degli intellettuali deve poter fornire la bussola di orientamento prima che arrivi il diluvio e non quando si è con l'acqua alla gola.

I popoli reattivi, certe epidemie le possono anche evitare. In Grecia sono andati a votare proprio per il partito degli sterminatori: Syriza con un premier come Tsipras venduto alle oligarchie che lascerà solo macerie. .

SILVIO said...

Nessie,

concordo con quanto scrive lo storico greco Grigoriou, anche se le sue parole mi sembrano alquanto tardive, per cui eccepisco: “Meglio tardi che mai”.

Difatti, fu anche il mondo accademico greco ad appoggiare incondizionatamente il tandem Tsipras/Varoufakis (quest’ultimo cittadino australiano di origini greche con doppio passaporto: australiano e greco) demonizzando col termine “fascista” chiunque osasse criticarli.

Oggi - a malefatte compiute e verificate - molti si ergono a censori per lavarsi la coscienza e salvare la “purezza” dell’ideologia sinistrorsa (inventata, finanziata e diffusa dalla consorteria globalista “Liberal-Progressista”) .

Troppo facile e comodo reiventarsi la “verginità” politica personale senza pagare dazio.
Sarebbe meglio ammettere i propri errori del passato o non parlare affatto.

Nessie said...

Esatto Silvio, anche a me le sue parole sembrano tardive. Foa sul suo blog scrive: "Panagiotis Grigoriou non è un estremista, è uno storico, un moderato, una persona molto perbene". Non metto in dubbio che sia una persona perbene. Quel che invece metto in dubbio è che - stante le cose come stanno - non è più tempo di "moderati". HOMO HOMINI LUPUS .

Prima lo scorticamento su carne viva della Grecia, dell'euro ("un successo per la Grecia" - ha sentenziato gelidamente il sicario dell'economia Mario Monti). Ora un uragano incessante di profughi, rifugiati, immigrati (sempre la stessa marea umana che schiaffano anche da noi) per la "sostituzione etnica" e per renderlo un boccone appetibile per le mire espansionistiche turche. A quella Turchia a cui hanno promesso 6 miliardi ballanti e sonanti. Una vergogna nella vergogna!

Anonymous said...

Preferisco essere un po' più concreto,gentile Nessie, e cioè dico che adesso i migranti con tutto il loro carico di ignoranza tribale , sia islamici che africani che nomadi,possono ancora usufruire degli ultimi scampoli malandati di ciò che un tempo fu uno Stato sociale organizzato ed efficiente. Troveranno ancora medici, volontari e strutture nei vari enti locali che li possono accogliere,curare, inserire in qualche contesto abbastanza civile di lavoro. Ma sui lunghi tempi man mano che gli italiani moriranno di vecchiaia e gli altri andranno in pensione, venendo meno dirigenza competente e manovalanza professionale altamente specializzata ,collasserà fatalmente tutto il sistema così che della cara vecchia Italia non rimarranno che macerie. Allora tutta questa massa iperprolifica non avrà più ospedali che li curerà gratis e non troverà più assistenza e aiuti di qualsiasi tipo. Il nostro Paese è condannato a sprofondare nella miseria e a diventare un colossale bivacco di sterminate masse disperate che finiranno per scannarsi tra di loro distruggendo, presi da foia iconoclasta jadista, la nostra Arte e spero il Vaticano per primo. Tanto i poveri piacciono molto all'esimio Papa ma se lo mangeranno , a Lui e a tutti i sozzi prelati pedofili e ricconi! Eppoi vorrei vedere da chi andrà Equitalia a riscuotere le tasse , che fine faranno le banche strozzine e fallite, a chi faranno le multe i nostri solerti vigili, da chi si farà pagare lo Stato le tasse sulla casa, come amministreranno la giustizia i nostri magistrati. Concludo : la maggior parte dei giovani di oggi sono tanti Foffo pervertiti e drogati, tanti Vendola-Luxuria neo mammi o neo papi . Quasi quasi il nostro futuro e la nostra salvezza,paradossalmente,sarebbero veramente da affidare ad islamici fondamentalisti dalla sciabola affilata facile. Tre guerre d'Indipendenza e due guerre mondiali per fare l'Italia e pochi anni di invasioni multietniche per disfarla. Tanti eroi e tanti politici e scienziati che hanno lavorato e sofferto per nulla ! Che schifo questa mentalità catto-comunista buonista e accoglientista con ambizioni multiculturali e multietniche a tutti i costi !
Max da Roma

Nessie said...

Ciao Max, ci hai messo dentro un po' tutti i disastri accaduti in questi ultimi tempi, compresi il caso Foffo, Vendola e pervertiti vari. Mi spiace per la tua legittima furia moralizzatrice, ma devo deluderti circa gli islamisti radicali: sono ologrammi costruiti nel premiato laboratorio CIA-FBI e le loro sciabole affilate funzionano sì, ma a telecomando...atlantista. Come vedi, non son più in Talebani di una volta. Meglio invocare i Piagnoni di Savonarola :-).

Comunque sia, per il nostro Bel Paese la vedo dura, durissima!

Anonymous said...

Cara Nessie sugli islamici ho volutamente provocatoriamente esagerato per rabbia, ma se vedi che razza di gioventù gira per Roma ti metteresti le mani nei capelli !
Tantissimi bulli borgatari debosciati ubriachi. Gli altri sono fighetti di sinistra della Roma-bene ( naturalmente non frequentano gli extracomunitari , li amano solo a parole). Sono rassegnato all'apocalisse.
Cordiali saluti da Max.

Anonymous said...

Scusate l'o.t.(poi neanche tanto) ma questa è troppo forte (mi ha fatto tanto ridere,anche se non ho nessuna voglia di ridere).
Jack



https://www.instagram.com/p/BDBS8bYGhWr/

Nessie said...

Ti capisco. E' una crisi morale oltre che finanziaria, economica, sociale e chi più ne ha più ne metta. Sembra che si sia capovolto il mondo e che l'inferno la faccia da padrone in tutti gli ambiti dell'esistente.

Nessie said...

Grazie Jack, è davvero molto carina. E anche consolatoria.

Anonymous said...

Non c'è che dire Lorsignori le cose le hanno progettate con una diabolica e dettagliatissima perfezione: non c'è campo materiale, mentale o spirituale che sia stato tralasciato.
Che il degrado, la consunzione del nostro ex bel paese è ormai tale e tangibile da superare ogni mistificazione e censura. Ma tanto ciò sugli zombie fabbricati in laboratorio non fa alcun effetto se non quello esilarante.
Mi sembra che la riflessione di Max da Roma sul fortissimo regresso di capacità pratiche, gestionali del vivere civile che questa ondata sta introducendo sia interessante. I tipi di cultura che stiamo importando in massa e in breve hanno impoverito e reso inabitabili intere nazioni. Come ha osservato qualcuno ci abbiamo messo duemila anni a capire che non bisogna urlare, sporcare per terra, farla per strada, magari fare la fila, non risolvere ogni cosa a coltellate, rispettare gli anziani e i deboli e ora ci viene detto che tutto ciò è non solo superato ma addirittura da disprezzare. Non sono loro che stanno progredendo siamo noi che stiamo regredendo. L'Italia di oggi è molto più simile a una periferia del Terzo Mondo, a un quartieraccio brutto, pericoloso e scalcinato di una metropoli da film, che alla ancora bell'Italia (che di difetti ne aveva) di soli vent'anni fa.
Scarth

Faithful said...

"Addirittura i giornali anglo-sassoni ci suggeriscono già chi deve essere il prossimo sindaco di Roma. Chi ne ha i requisiti estetici, politici, etici, professionali..."

Se pensiamo che lo stesso fogliaccio considera Trump una minaccia globale beh,a quel punto basta fare 2+2,guardiamo il lato positivo via:semmai dovessero vincere i penta(gono)stellati a Roma anche impegnandosi a fondo non riuscirebbero mai a sgovernare peggio del loro illustrissimo predecessore (o si?)

Nessie said...

Scarth, è tutto vero, ma questo che raccontiamo ha lo stesso valore dei bombardamenti strategici: servono a fiaccare il morale e a rassegnarsi. Quante volte te lo devo scrivere che è proprio quel che vogliono loro? Intendiamoci la notizia è vera e vere sono le loro nefande intenzioni

Mi ritrovo con questo commento preso dall'articolo linkato firmato Rudi:

Vorra’ dire che ricolonizzeremo l’Italia. Ci vorra’ un po’ di tempo, si dovra’ ricostituire un popolo apparentemente disinteressato, ma si fara’. La condizione preliminare, pero’, e’ la totale rimozione della classe dirigente, ove responsabile, sia a livello locale che centrale. La prima delle due cose e’ invero molto semplice. Bisogna rifuggire il pessimismo e mettersi al lavoro.

Nessie said...

Faithful,se ti vuoi divertire un po' vai a vedere il filmatino su Trump e la Clinton messo da Jack.

SILVIO said...

Comprendo l’amarezza di Max ma ritengo che il borgataro romano ubriaco o il decerebrato gay-friendly della Roma-bene non siano rappresentativi della gran parte della gioventù italiana.

Né lo sono i 50 senatori cocainomani che siedono a Palazzo Madama:

http://www.infiltrato.it/politica/senatori-cocaina-lucio-barani/

o il vescovo di Roma - Bergoglio – che ha inserito – lodandoli - «tra i grandi dell’Italia di oggi » la cariatide funesta Giorgio Napolitano e la degenerata Emma Bonino, promotrice di oltre 10 mila aborti eseguiti con la pompa di bicicletta:

http://www.corriere.it/cronache/16_febbraio_08/francesco-il-mio-abbraccio-fratelli-ortodossi-739bf6ee-cdf6-11e5-9bb8-c57cba20e8ac.shtml


A mio avviso, l’Italia (il cui tessuto morale è rimasto sostanzialmente sano) ha solo bisogno di voltare drasticamente pagina, rimboccandosi le maniche come fecero i nostri genitori dopo i disastri della seconda guerra mondiale.
La nostra rinascita è possibile a condizione che sia sorretta da un ottimismo incrollabile nonché dal tradizionale genio italico di cui dovremmo andar fieri.

Nessie said...

E' un discorso il tuo, che ti fa onore, Silvio. Sei un vero cristiano che non perde mai la Speranza, una delle tre virtù teologali. Sarebbe piaciuto molto a Ida Magli che ha sempre sostenuto nei suoi scritti che la nostra più grande rivoluzione, in realtà, è la nostra italica intelligenza e genialità. Purtroppo però, la brava gente sana del nostro tessuto sociale (è vero che è la maggioranza) dovrebbe farsi sentire di più e non lasciare prevalere le forze demoniche e demoniache che stanno sconquassando il Pianeta.

Anonymous said...

Scusa l'Ot Nessie, ma lo ritengo doveroso essendo stato, lui, grande amico del tuo blog.Un anno fa ,oggi 19 Marzo , Aldebaran ,la nostra ultima stella Johnny Doe ci ha lasciato.Rimarrà sempre vivo in noi il ricordo di Johnny! (Il Vate)

Nessie said...

E' vero. Oggi è già passato un anno da quel triste giorno. E oggi è pure la festa del papà, contestata dagli LGBT. Un doppio pensiero a Johnny, allora.

Anonymous said...

La mancanza di consapevolezza, l'ignoranza nel senso di non sapere e soprattutto di NON voler sapere nè capire, l'attitudine nazionale a saltare in massa sul carro del vincitore maramaldeggiando gli sconfitti sono troppo radicate e diffuse per essere contrastate. E' già tanto, tantissimo, potersi ritrovare in queste catacombe. Ci sarà al massimo un 10 - 15% di persone che fa qualche ragionamento autonomo il resto è perso.
Scarth

Nessie said...

Va bene, a questo punto chiuderò il blog con la scritta ITALIA IN LUTTO . Sei contento? A me pare che anche queste continue ripetute geremiadi facciano parte del processo di zombificazione voluto da chi sappiamo.

Nessie said...

PS: perfino i poveri Greci aspettano che la rivoluzione contro le élites la faccia "qualcun altro". Avanti così, con lo spirito di delega . Magari ripristinando la dittatura dei colonelli.

"I Greci in questo momento sognano una “buona dittatura militare e patriottica” lo sento dire tutti i giorni per le strade, anche se non sui media".

http://vocidallestero.it/2016/03/18/ultima-possibilita-i-colonnelli-o-leta-delleuro-in-grecia/

della serie, CERCASI UOMINI FORTI AL COMANDO.

Rodolfo Carolei said...

Segnalo http://www.ilprimatonazionale.it/.

Il sauro

Nessie said...

Scusa o Sauro Rodolfo, ma quale degli articoli proposti hai inteso segnalare? Ce n'è una serie in rassegna...

SILVIO said...

« Due vagabondi, Didi e Gogo, si trovano da tempo su una strada di campagna ad aspettare Godot.
Dietro di loro c’è un albero, attorno a loro un letto di foglie secche che si ispessisce col passare dei giorni.
D’un tratto, appare un ragazzo che annuncia:
“Il signor Godot non verrà oggi ma domani”.
Poi scompare.
I due vagabondi, vestiti come i barboni, iniziano a lamentarsi per il freddo, la fame e per la loro grama esistenza.
Indi litigano, pensando di separarsi e, financo, di suicidarsi.
Ma, alla fine, decideranno di restare ancora insieme ad attendere sul posto l’arrivo del signor Godot…»


Codesta è la descrizione succinta della fase iniziale del primo atto del dramma teatrale “Aspettando Godot” , scritto da Samuel Beckett.

Perché la propongo?
Perché i due vagabondi rappresentano il mio esatto contrario.
Giammai avrei atteso sul posto, lacerandomi in una sorta di “ruminazione rabbiosa” deleteria e disfattista.

Sicuramente, invece, sarei stato proattivo circa il realizzarsi dell’evento, ondando a cercare il “signor Godot” sino a trovarlo.

Nessie said...

E' una pièce teatrale che conosco bene,Silvio, sia per averla vista rappresentata più volte a teatro, sia per averla letta. La metafora dell'inazione, del nonsenso e dell'assurdo è chiarissima in Beckett.
Ma le persone di buona volontà fanno (o cercano di fare) quel che hai proposto tu: dare (o ridare) un senso al caos della vita. E se non è possibile farlo nelle cose grandi, lo si fa in quelle piccole.

Sul tema dell'attesa impossibile ed estenuante che accada qualcosa c'è anche "Il deserto dei Tartari" del nostro Dino Buzzati.

Anonymous said...

@Silvio e Nessie
Visto che siete in vena poetica,letteraria,nostalgicomusicale...mi avete commosso,e vi dedico due stralci da uomini illustri del passato che sembrano scritti oggi...
Non mi sembra,però,che da allora sia cambiato granché.
(per Silvio)Leopardi all'Italia
O patria mia, vedo le mura e gli archi
E le colonne e i simulacri e l'erme
Torri degli avi nostri,
Ma la gloria non vedo,
............................................
"Nessun pugna per te? non ti difende
Nessun de' tuoi? L'armi, qua l'armi: io solo
Combatterò, procomberò sol io."
................................................................
A che pugna in quei campi
L'Itala gioventude? O numi, o numi:
Pugnan per altra terra itali acciari.
Oh misero colui che in guerra è spento,
Non per li patrii lidi e per la pia
Consorte e i figli cari,
Ma da nemici altru
@Per Nessie...Giusti..La terra dei morti(Stesso Post ,ma scritto nel 1841,con altrettanto accorato sentimento)
A noi larve d’Italia,
Mummie dalla matrice,
È becchino la balia,
Anzi la levatrice;
Con noi sciupa il Priore
L’acqua battesimale,
E quando si rimuore
Ci ruba il funerale.
Eccoci qui confitti
Coll’effigie d’Adamo;
Si par di carne, e siamo
Costole e stinchi ritti.
O anime ingannate,
Che ci fate quassù?
Rassegnatevi, andate
Nel numero dei più.
Ah d’una gente morta
Non si giova la Storia!
Di Libertà, di Gloria,
Scheletri, che v’importa?
A che serve un’esequie
Di ghirlande o di torsi?
""Brontoliamoci un requie
Senza tanti discorsi."
Non mi sembra che sia cambiato niente da allora...encefalogramma piatto per governanti,anche di fronte alla novità di forzate accoglienze di gente estranea,che,anche i più "ingenui"del popolo capiscono che sono solo il prologo di prossime future peggiori calamità,quali conflitti interni tra aborigeni e colonizzatori.
Ci salverà Aldebaran?,O magari la luce del mattino ....Venere,grande archetipo del pensiero umano(identificata,come astro, con Lucifero,il portatore di luce)...terzo astro celeste(dopo il sole e luna)come luminosità.Appare nei momenti di transizione(lotta) luce/buio...La vediamo la "sera",quasi a supportare la luce che scompare...e la rivediamo lucente la mattina,quasi ad annunziare un nuovo giorno di luce.
Complimenti ,per l'animo poetico,Saluti Mar...e fra poco buona Pasqua ai tuoi lettori,e naturalmente a te.

Anonymous said...

silvio scrisse
Troppo facile e comodo reiventarsi la “verginità” politica personale senza pagare dazio.
Sarebbe meglio ammettere i propri errori del passato o non parlare affatto.


Evidentemene tu non conosci il "teorema pajetta" che pone sempre qualunque "sinistra" al riparo dei propri "Orrori" :-)

quindi inutile pretendere "resipiscenza" , per quanti , appunto, ORRORI siano stati fatti in passato " nel suo nome", ci sara' sempre "un' altra sinistra" alla guida del " popolo in marcia" ( .. verso il mattatoio :-( )
ws

Anonymous said...

OT: un pensiero per Johnny Doe, ieri è passato un anno da che è mancato.
Laura

Nessie said...

L'abbiamo fatto anche io e il Vate, Laura. Ma forse sarebbe bene rifarlo nel suo blog rimasto aperto. Purtroppo anche allo spamming pubblicitario.

Anonymous said...

Si, sarebbe un bell'omaggio da parte di tutti gli amici che frequentano il tuo blog e che (come me) leggono anche i suoi post precedenti nel suo blog.
Laura

SILVIO said...

Un sentito “grazie” per la tua citazione su Giacomo Leopardi, Mar .
A dispetto dei suoi limiti fisici, Leopardi rimane sempre uno dei giganti della nostra letteratura.

L’averlo citato mi ha quasi commosso perché ha rievocato in me i tempi felici del mio liceo classico.

SILVIO said...

ws ,

impossibile non darti ragione.

Ma, se non altro, i comunisti “duri e puri” come Pajetta – pur prigionieri dei loro “meme” - meritavano rispetto poiché mossi da ideali a difesa della classe proletaria.

I PiDioti italiani ed esteri attuali sono, invece, marci cialtroni al servizio dei plutocrati a cui
dovrebbero – con ogni mezzo – opporsi.

Nessie said...

Scusate se siete rimasti così a lungo in moderazione ma è stata una domenica di sole lontana dal pc a spasso con amici. Il primo giorno di primavera.

Nessie said...

Concordo con Silvio sulla grandezza di Leopardi (grazie Vate), e con ws sulla "sindrome Pajetta" e sugli orrori dei comunisti prima e della sinistra attuale, ora, che mai vengono rettificati.

SILVIO said...

Aldebaran (“ultima stella che tramonta al mattino” = Nessie dixit) ha testé portato cattive notizie a Matteo Renzi .

Difatti, un megafono della City londinese ha incominciato a spargere incenso sull’avellinese a 5 Stelle Luigi di Maio , indicandolo come desiderabile successore (dalla cosca oligarchica che presume di dominare in Europa) di Matteo Renzi a Palazzo Chigi.

http://www.politico.eu/article/the-millennial-luigi-di-malo-oust-matteo-renzi-italy-prime-minister-opinion-polls/

Mi vien da ridere:
Soros (protettore di Tsipras, Grillo e Renzi) butta via come una scarpa vecchia il Matteuccio da Rignano sull’Arno onde incoronare il Grillo “sparlante” da Genova e da Lugano.

Proprio vero: “Dagli amici mi guardi Iddio!...”

Nessie said...

Ai leccapiedi come Renzi spetterà anche di peggio. Tutti quelli che l'hanno sponsorizzato nella fase iniziale della sua "nomina" (Bini Smaghi, Frescobaldi, varie massonerie fiorentine, legami atlantisti come Ledeen, sionisti come Gutgeld e Carrai, gli stessi De Benedetti, Soros ecc. ecc.) finiranno per tagliargli i fili. E' il destino dei burattini e dei burattinai. Questi ultimi dispongono sempre di nuove scorte di puppets on the string , pupi e pupetti vari.

E i nuovi fantocci della nuova scena politica si chiamano Grillo-Casaleggi & grilleria varia.

Se Meloni e Salvini sosterranno al ballottaggio la grillina Virginia Raggi a Roma, significa che non avranno più alcun futuro politico.

Faithful said...

"E i nuovi fantocci della nuova scena politica si chiamano Grillo-Casaleggi & grilleria varia.

Se Meloni e Salvini sosterranno al ballottaggio la grillina Virginia Raggi a Roma, significa che non avranno più alcun futuro politico."


Cristo speriamo di no,i fantocci degli U$A/NATO travestiti da gran rivoluzionari come i nazisti di cartapesta in Ucraina..

Comunque la frase di Salvini mi è sembrata più qualcosa del tipo "tra un cancro all'ultimo stadio e l'AIDS al primo scelgo la meno peggio tra le malattie mortali" poi magari sbaglio io non so ma sarebbe molto meglio non doverci neanche arrivare a questo punto,il brutto è che la salma di Arcore sta facendo di tutto per arrivarci mandando avanti a tutti i costi uno che si è fatto odiare dal suo elettorato di riferimento e che ad elezioni farebbe la fine della Moratti a Milano 5 anni fa.
A questo punto viene da pensare che anche la salma sia della partita e che dopo il patto del nazzareno ci sia qualcos'altro di nascosto,oppure sono solo eccessivamente complottista io e questi sono solo gli ultimi rantoli dal sarcofago prima del pensionamento chi lo sa..

Nessie said...

Non esageriamo Faithful. Sono gli ultimi rantoli della salma. Non vedo un gran futuro per lui. Mi preoccupa chi verrà, piuttosto. Hanno deciso già di renderci...insettivori.

Faithful said...

Sempre sui nazisti ucraini di cartapesta giorgino nostro oramai neanche si nasconde più,lo dice chiaro e tondo alla CNN

http://www.controinformazione.info/george-soros-alla-cnn-e-vero-ho-finanziato-io-il-colpo-di-stato-in-ucraina-per-insediare-una-giunta-amica-degli-usa/

Sulla salma invece qua una bella leccata nelle mutande di uno dei tre che lo scalzarono nel 2011 (mi ero dimenticato di citarlo tempo addietro quando parlai della crisi dello spread che fu anche colpa sua che tolse la garanzia ai titoli di stato italiani e greci) quindi ribadisco:o c'è qualcosa sotto o è in piena demenza senile

http://www.italpress.com/politica/berlusconi-su-bertolaso-non-cambio-idea-errore-lega-fdi (sotto alla seconda domanda del giornalista)

Alessandra said...

Il mio quasi coetaneo (un po' più giovane) Luigi Di Maio, dalle sue parti soprannominato"Giggino 'o ripetente", mentre i media lo chiameranno magari LDM sui titoli dei giornali, un'usanza anglosassone e francese che comincia a prendere piede anche da noi. E magari sentiremo altre amenità come "il premier bambino", "l'enfant prodige della politica italiana" e via così, da una scemenza all'altra. Conosco gente che ne parla più o meno in questi termini e che lo considera migliore di Renzi solo perché non esibisce la stessa gamma di smorfie alla Mr. Bean.
Quando dico: «Ma guarda che anche se diventa premier, mica sarà lui a comandare!» mi sento sempre rispondere «E allora per chi voto?»
No, sono come San Tommaso, anzi peggio perché non ci credono neppure dopo che hanno visto. Comunque ormai ho scarsa fiducia nelle elezioni e nei referendum ... vedo che alla fine fanno comunque come gli pare, nominando direttamente o condizionando l'opinione pubblica beatificando questo o quel candidato. Il pesce puzza dalla testa.

Molto belle le canzoni "Aldebaran" e "Noi non ci saremo", azzeccate le citazioni letterarie e mi ha divertita molto il video della Bulldog con il rossetto! :-)

Lascio anch'io un pensiero per Johnny Doe, ho visitato il suo blog e lo leggerò ancora ... era uno tosto e molto diretto!

Nessie said...

Faithful, sapevo che Soros è reo confesso sul colpo di stato in Ucraina che dimise Yukanovic. Ho visto e letto già links simili a quello che mi hai inviato in proposito. Non esiste al mondo un uomo più malvagio.

Alessandra, ho letto l'articolo-peana messo da Silvio su Di Maio dei 5 stelle. La stampaglia straniera ne ha già fatti di simili sulla Raggi. Vedo che ci tengono d'occhio e sono molto interessanti alle nostre sorti:-)

Comunque ormai ho scarsa fiducia nelle elezioni e nei referendum ... vedo che alla fine fanno comunque come gli pare, nominando direttamente o condizionando l'opinione pubblica beatificando questo o quel candidato. Il pesce puzza dalla testa.

In proposito, ho appena fatto un nuovo post sulla crisi della democrazia. Perciò ti rimando alla nuova lettura. Ciao.

Nessie said...

PS: errata corrige: Yanukovic. Ho invertito le lettere :-).