13 December 2015

L'adunata del Sarkollande



Tout le monde est pays. E anche la Francia non fa eccezione, purtroppo. La fiammata che aveva lasciato ben sperare è stata spenta con potenti idranti da servizio d'ordine. Alludo alla strepitosa vittoria del Front National di Marine Le Pen al primo turno per sconfiggere il quale, hanno dovuto vigliaccamente mettere insieme la solita adunata "antifascista", le menzogne, i ricatti, le minacce, la retorica. Aux armes citoyens! Tutti alle  urne per sconfiggere il mostro brettone coi capelli biondi e gli occhi azzurri. Lo avete sentito Manuel Valls in questi  giorni?

"Ci sono due visioni del nostro Paese", ha osservato il premier, "c'è la visione dell'estrema destra che, di fondo, promuove la divisione. E questa divisione può portare alla guerra civile". E poi "c'è un'altra visione che è quella della Repubblica dei valori ". La vera guerra civile, in realtà l'hanno scatenata proprio loro: tutti contro una. Tutto  questo non può certamente  cancellare il risultato clamoroso di domenica scorsa: il Front National della Le Pen è il primo partito del Paese, e per batterlo si devono unire tutti gli altri, turandosi il naso secondo un vetero "frontismo antifascista" da anni '30. Questo creerà  una tensione e un profondo senso di ingiustizia presso una grossa fetta di elettorato francese. Ma certamente non frenerà l'avanzata prossima ventura del Front.


Del resto avete visto che razza  pastrocchi ha effettuato il Partito di Hollande? Ha chiesto ai suoi uomini di ritirarsi nelle tre regioni dove non avevano alcuna possibilità di vincere al secondo turno, invitando i propri elettori a votare per il candidato dei Républicains (la destra  farlocca di Sarkozy), in modo da sbarrare la strada al Front National.

Incassa l'assist a suo favore con falso fair play il Sarkofago riesumato di fresco: «Tutti i francesi devono gioire - ha detto - l’unità dei repubblicani, il rifiuto di ogni compromesso con il Front National ha permesso questi risultati. Questi principi devono restare nostri anche per il futuro».

In questi giorni si era vantato di non voler fare accordi di "desistenza" con i socialisti, ma la verità è che sono stati questi ad averlo  fatto con lui che ha incassato il tutto,  compiaciuto, senza batter ciglio, senza nemmeno aver avuto bisogno di chiedere... E ora ne trae vantaggio. 

Appare sempre più chiaro che viviamo un sistema di "democrazia" farlocca, truffaldina e autoreferenziale, basata su ammucchiate  raccogliticce altrettanto fasulle. 

La sovranità perduta delle nazioni, che sembrava spiccare il volo proprio a partire dalla Francia,  è ancora lontana e la Matrix eurobabbea ha ancora una volta avuto la meglio. 
I due partiti peggiori della Francia (UMP e socialisti) si spartiranno il bottino di 5 regioni a testa (curioso questo pareggio del 5 a 5).Come i ladri di Pisa. Anzi, no, della Tour Eiffel. 


Questi, al momento i risultati parziali delle elezioni nelle quali, in forza di un meccanismo elettorale perverso, nessuna regione potrà andare al Front, nemmeno quella dove è il più popolare dei partiti.

"È il prezzo da pagare per l’emancipazione di un popolo" - ha commentato non senza una punta di amarezza, Marine Le Pen.



101 comments:

Aldo said...

Non che io abbia particolare predilezione per questo o quel dirigente, ma se questa storia anziché essere reale fosse il canovaccio di un film farebbe morire dal ridere. Purtroppo non è un film, per cui c'è poco da ridere.

Anonymous said...

Purtroppo c'erano pochi dubbi che potesse finire diversamente. L'abbiamo già visto troppo volte perchè è uno schema che "questi poteri" replicano costantemente e ovunque. I Mostri se mai cadranno sarà per qualcosa di diverso completamente imprevisto ed imprevedibile che va oltre la loro scacchiera.
Scarth

Nessie said...

Sono riusciti a far votare il 60% dei francesi, usando la carta della PAURA e del ricatto. E c'è ben poco da ridere.

Anonymous said...

L' innaturale - e immonda - ammucchiata francese è la versione peggiorativo-lisergica di Tutti insieme appassionatamente.

Vergognosa bassezza "politica" allo stato puro.


Paulus

Nessie said...

Scarth, io credo che per scompaginare il loro gioco, bisogna far saltare il banco laddove le loro carte sono truccate in partenza.

Paulus, bello quel "lisergico".

Anonymous said...

In effetti è allucinante, oltre l' ammucchiata impossibile, il fatto che i francesi abbiano esecrato quella che considerano la destra estrema per votare quella "moderata" che, piccolo inciso, ha raso al suolo la Libia con le conseguenze che ancora vediamo.

Forse, a livello di discernimento politico, sono messi peggio di noi.


Paulus

Nessie said...

Peggio no, uguali certamente sì. E' quasi sicuro: l'Unione Eurobabbea crea una sorta di OMOLOGAZIONE del pensiero a ribasso, in questo senso. Non a caso ho parlato di Matrix.

Johnny 88 said...

Purtroppo è andata come pensavo. La grande ammucchiata ha funzionato e ora il Sarkophage è pronto per rientrare all'Eliseo alla grande con tanto di consorte siliconata. Però, come si dice, han vinto una battaglia ma la guerra è ancora lunga

Nessie said...

Quando l'hai scritto, mi pareva fin troppo prevedibile per essere vero. E invece i comportamenti più ovvi, scontati e banali sono sempre VERI.
Quando ho scritto il post erano 5 regioni all'UMP a 5 ai PS. Ora sembra in testa il Sarkofago con 7 regioni a 5.

Faithful said...

Da notare comunque che mancano ancora 2 anni scarsi alle presidenziali e che lo scarto del FN contro la grande ammucchiata è di si e no 10 punti,non una soglia enorme.
Come dicono quelli di vox,la seconda rivoluzione francese è solo rinviata,perché i disastri compiuti da quel presidentuncolo che sembra una porchetta,da sarkoleone bruttaparte e dal suo più illustre predecessore (Chirac) sono ancora tutti lì,sotto gli occhi di tutti,ed è inutile che Valls (e i piddioti qui da noi,da bravi perdenti arroganti emuli di sfigati) tenti di dire che "la visione della Le Pen crea divisioni sociali,banlieu e chi più ne ha più ne metta" perché queste cose accadono ormai da anni e di anno in anno è sempre peggio,anche senza Le Pen.

Johnny 88 said...

Sì, 7-5 per il Sarkophage e Carlà. Solo i corsi non si son piegati e han votato gli indipendentisti mandando a "fanculò" destre e sinistre.

Massimo said...

Un popolo che nella sua maggioranza dimostra di non aver capito la lezione del 13 novembre, non ha futuro, si distrugge con le sue stesse mani. Passata la paura, i socialsarkozisti torneranno a fare (male) come prima, dando al Fronte Nazionale la possibilità di crescere ancora. Nel frattempo ha consolidato i suoi voti. Notevole che, con l'aumento degli elettori, sia aumentata la percentuale delle due Le Pen. Ho appena sentito per radio che Marine ha superato il 42 e Marion il 46. Evidentemente c'è ancora qualche francese che ragiona con la propria testa e non come parte del gregge. Da soli è difficile ottenere la maggioranza. Questo vale per la Francia come per l'Italia. Ma in Italia c'è una differenza. Il ballottaggio è, per legge, tra i primi due. Non ci saranno gare a tre, non ci sarà desistenza fintamente a senso unico e abbiamo visto dopo l'implosione della DC che i suoi elettori ragionavano meglio di quelli francesi. L'MSi passò dal 5 al 13, Forza Italia si prese il 24 e alla vecchia DC di Martinazzoli assieme a Segni rimase solo il 10. Poi i democristiani si accucciarono sotto la quercia comunista e adesso, assieme, arrivano al 40 solo una tantum. E poi tornano al 30.

Anonymous said...

Alla fine e' la storia dell'Antifascismo. Quando l'impero piu' grande della terra, la democrazia piu' grande della Terra e la sua alternativa socialista piu' grande della Terra si sono alleati contro tre piccole potenze regionali (il Roberto), non era la stessa cosa ? Ora che il ruolo dei cattivoni spetta a chi non sfila nemmeno in camicia nera, allora ci si accorge che qualcosa non va. Chiunque affermi la Sovranita' nazionale contro la visione mondialista e' il Nemico. Ci abbiamo messo quasi cent'anni a capirlo.

Il sauro

SILVIO said...

Contrariamente a quanto appare - secondo me - Marine Le Pen non ha perso, anzi ha vinto, anche se non ha stravinto come si auguravano ingenuamente i supporter più appassionati.
Mentre il tandem provvisorio Hollande-Sarkozy potrebbe aver conseguito la classica vittoria di Pirro.

Nei giorni scorsi, Scarth citò un pezzo in cui Maurizio Blondet metteva in guardia circa l’esito finale delle elezioni regionali, affermando che Sarkozy è un clone di Hollande e che i loro agglomerati politici “Les Républicains” / “Parti socialiste” - essendo le due facce della stessa medaglia – avrebbero unito le forze in occasione del ballottaggio per infliggere al “Fronte Nazionale” una memorabile sconfitta.

Mi meraviglio di Blondet che, pure, è un osservatore perspicace ed esperto.

Hollande non è Sarkozy, anzi i due sono antitetici in quanto servitori di interessi occulti antagonisti.
Hollande, ad esempio, non avrebbe mai dichiarato guerra alla Libiia di Gheddafi.

Parimenti, la plutocrazia della “City” di Londra (= > Hollande) non è il clone di quella di “Wall Street” di NY (= > Sarkozy), così come l’oro (= “gold standard”) non è il dollaro (= “moneta fiat”)

Certo, convengo che i due “establishments” potrebbero occasionalmente far fronte comune contro un terzo incomodo quando la posta è secondaria (= elezioni regionali francesi) ma non quando essa sarà primaria (= Presidenza della repubblica francese).

Allora sì che si daran battaglia, son pronto a scommetterci.
Augurandomi che da quello scontro ne esca vincitrice Marine Le Pen, con uno “snap scacchistico” a sorpresa.

Huxley said...

Ciao Nessie il potere dei media sulle menti deboli (la maggioranza) è enorme, per di più questo sistema agli uomini (donne) pecora va ancora più che bene, manco si rendono conto che alla fine verranno macellati pure loro.
Copione largamente atteso, sconfitto il 'populismo' come scrive il Corserva e gli altri fogliacci di regime, il nazismo bancario può tirare un respirto di sollievo, più passa il tempo più le riforme volute dai criminali in doppiopetto renderanno il processo irreversibile. Avanti verso il 'nuovo e più giusto ordine mondiale' (cit.)

Nessie said...

Massimo, io credo che arrivati a questo punto le "alchimie numeriche" servano a poco. Noi non avremo il ballottaggio allargato a tre, ma in compenso abbiamo presidenti della Repubblica che fanno i Papa-re e che ci hanno rifilato per tre anni consecutivi il bel disastro di nominati che sappiamo.

Nessie said...

Silvio, da più parti si legge che ora la corsa all'Eliseo per Marine si fa più difficile, in salita e dura, dato che non ha il governo di nemmeno una regione. E' evidente che hanno preso le loro precauzioni "preventive".

Nessie said...

Sauro, si sperava che la Francia, avendo una storia diversa dalla nostra, non cadesse negli stessi errori e tranelli.

......................................................

Huxley, la Terza Camera (e forse anche la sostituzione del Parlamento stesso) oramai sono rappresentati dai media.

..............................................................

Nota: Oggi sono in viaggio e se non vedete i vs. commenti pubblicati subito, pazientate.

Anonymous said...

No Nessie temo che se non ci sarà qualche fattore extra, quel qualcosa di imprevedibile fuori dalla loro portata "questi", come dice Huxley renderanno, in un modo o nell'altro, il loro Potere irreversibile. Lo stanno già facendo. E' già tanto se ci sarà una resistenza che rallenterà il processo. Per il resto bisogna farsi il segno della croce. Infine non sono d'accordo con Silvio sulla contrapposizione di Sark. & Hol. che da quel che si vede hanno gli stessi mandanti, scopi e obbedienze. Come praticamente ovunque nell'occidente orwelliano dalla "democrazia" falsificata. Al massimo si differenziano su questioni di facciata tanto per accalappiare i gonzi che, peraltro, il "loro" sistema mediatico-istituzionale fabbrica a frotte. Il fatto poi che questa strategia si dipani da qualche secolo senza interruzione anzi sia in crescita esponenziale non è rassicurante almeno in termini e tempi umani.
Scarth

SILVIO said...

Ma no, Nessie.

“Che sarà dura” nel 2017 per Marine Le Pen lo sostengono quei gazzettieri che scrivono i loro pezzi seguendo pedissequamente le indicazioni del “gobbo” mondialista.

Leggi, invece, l’articolo “ Perché il Fronte Nazionale esce rafforzato dalle regionali” scirro da Gabriel Nedelec e pubblicato dal quotidiano francese “Les Echos”:
http://www.lesechos.fr/elections/regionales/regionales-2015/021556716206-pourquoi-le-fn-sort-renforce-des-regionales-1184453.php#


e, forse, converrai - dopo - che non sarà come dicono quei gazzettieri.

Johnny 88 said...

Onestamente credo che per il 2017 sarà quasi impossibile vedere la Le Pen all'Eliseo. Il vero vincitore della serata è stato, purtroppo, il Sarkophage. Per Marine temo si ripeterà lo scenario odierno. Magari vincerà il primo turno, ma al ballottaggio partirà il "Soccorso Rosso" a favore di Sarkozy. Però dall'altro lato credo che l'appuntamento sia solo rinviato. Nel 2022 Sarkozy sarà ineleggibile e impopolarissimo (credo non serva ricordare che Hollande sta ritoccando i record negativi che appartenevano proprio a Monsieur Brunì) i socialisti si staranno ancora leccando le ferite dall'esclusione al ballottaggio e allora, forse potrebbe effettivamente essere la volta buona. Solo che ora del 2022 mi sa che la situazione complessiva sociale ed economica sarà in via di deterioramento forse irreversibile.

Aldo said...

SILVIO: "Augurandomi che da quello scontro ne esca vincitrice Marine Le Pen, con uno “snap scacchistico” a sorpresa."

Nel frattempo, sono sempre possibili vantaggiose offerte "che non si possono rifiutare", improvvisi malanni del tutto spontanei, provvidenziali incidenti d'auto, malaugurati attentati islamici e non, lutti in famiglia per i quali una persona può decidere di modificare i propri obiettivi di vita... son cose che capitano, no?

Nessie said...

Ho letto l'intero articolo linkato, Silvio. E' evidente che se Marine ha triplicato il suo numero di consiglieri comunali regione per regione, darà molto filo da torcere agli altri due pseudo-vincitori che hanno fatto la diga (le barrage) contro il Front. Valls stesso ha fatto dichiarazione molto allarmate sul fatto che non devono abbassare la guardia. E' ovvio che si sentano accerchiati e che tutte le loro malefatte siano in fondo un segno di debolezza e di paura.

Io non mi baso sulle chiacchiere media mainstream, ma sulle dichiarazioni che lei stessa ha fatto. E con qualche regione in tasca, è fuori dubbio che avrebbe avuto un altro trampolino di lancio. Tutto qui. Chiaro che sul lungo periodo il FN avanzerà. Ma intanto in guerra (e la politica lo è, vedi Clausewitz), conta anche saper prendere tempo.E non c'è dubbio che i due Ladroni della Tour Eiffel abbiano preso tempo.

Nessie said...

Scarth, il frontismo repubblicano era già stato sperimentato contro Le Pen padre ("la Honte", se ben ti ricordi). E in quel caso i socialisti diedero ordine di mandare al governo Chirac e di appiattirsi sul suo voto. Con questa adunata del Sarkollande è la seconda volta che usano la stessa strategia. La mia domanda è "usque tandem"?

Nessie said...

Johnny88, quasi due anni sono tanti, e non sappiamo che razza di scenario avremo davanti nel 2017. Per il momento l'ordine di scuderia eurocratico lo hai constatato anche tu: non ci deve essere la Reconquista della sovranità nazionale e gli esempi in questo senso, vanno stroncati sul nascere.

Ma sinceramente non me la sento di fare previsioni sul lungo periodo. Soprattutto, non è detto che le cose debbano continuare in questo modo aberrante.

Anonymous said...

Ciao Nessie se si vede quello di Sarkollande come un partito unico come del resto l'equivalente americano, tedesco, inglese, olandese, austriaco, belga, greco ecc. ecc. (in Italia poi abbiamo addirittura il PD come partito unico di fatto istituzionalizzato) diretta emanazione di un certo monolitico totalitario Potere globale tutto diventa chiarissimo (purtroppo). Questo genere di Potere si può sconfiggere solo con un altro Potere dotato almeno degli stessi mezzi, delle stesse risorse e capacità e questo al momento manca del tutto. Oppure con qualche fattore imponderabile ed imprevedibile (anche e soprattutto da Loro): e questo equivale a pregare e sperare...
Scarth

Nessie said...

Guarda Scarth, questa storia della Grosse Koalition composita , l'aveva già iniziata la Merkel. Oggi i sistemi politici non permettono più di raggiungere maggioranze stabili e assolute, ma di fare dei ripescaggi di voti anche nella cosiddetta "opposizione farlocca". O di sistema. Se ben analizziamo, anche Renzi si serve dei voti di Alfano e Lupi contro possibili "fronde" a sinistra. Nessuno si fida più di nessuno e gli alleati di oggi, diventano nemici di domani.

Proviamo a fare un esempio di uno scenario possibile? Se dovesse vincere una coalizione di destra con Salvini, la Meloni, Casa Pound e Forza Nuova, secondo te, la sinistra cosa farebbe? E chi andrebbe a pescare in funzione anti-destra? Secondo te, da che parte starebbe Berlusconi? Io non ho dubbi: reggerebbe la coda al sistema con dentro quella sinistra che a parole esecra.

Anonymous said...

L’inciucio meschino… di Sarkò col Budino! (Il Vate)

Grande inciucio e pur di fermare la destra
ai francesi han ben riscaldato la minestra.
I due vincitori delle elezioni presidenziali,
han cambiato carte in tavola da poco leali.
Ammucchiata per vincere era il lor motto,
e alla fine son dovuti ricorrere al biscotto!
Una vera gang-bang da pornofilm han girato
e per la vittoria, pure il nemico han alleato !
Questi, per le zecche sinistre sono i risultati
proprio quelle che di vomito fan venir i conati,
con metodi inventati e sleali se non… illegali
disposti a tutto pur di non rimaner marginali!

L’idiota Valls, vassallo dall’orecchio pendente,
del povero budino ormai fallito da presidente,
per culo pararsi avea minacciato guerra civile
dimostrandosi ancora una volta il solito vile!
Inutili Valls le tue minacce di paura e menzogna
tuo socialista partito è, e rimane da topi di fogna,
come quello del nano Sarkò alleato della Nato
che Libia bombardò …regalandoci il Califfato!
Per voi servi non è necessario il voler popolare
europeisti e banche vs. sponsor dovete tutelare,
come in Italia ha fatto l’inciucione Napoletame
che ci ha rifilato il bullo piazzista di pentolame!
che con Leopolda e le 4 Banche piene di pattume,
ormai del cervello e della ragion ha perso il lume!

Anonymous said...

Nel caso che ipotizzi dato che il PD/SEL (con la scorta del Mov5Str) è il partito prescelto da Lorsignori per comandare si verificherebbe lo stesso scenario del 2011 e anni precedenti con tutto l'armamentario usato già allora dai Cavalli di Troia alla Fini, alla stampazza a tutto l'innominabile e rivoltante resto che abbiamo visto all'opera. Berlusconi con la pistola puntata alla tempia che si ritrova farebbe quello che ha fatto nel 2011.
Il punto è che "il partito prescelto per volontà superiore" indipendentemente dell'esito elettorale detiene comunque almeno il 51% del Potere. Ed è il 51% che conta per ottenere quello che vuole. Credo che l'Italia sia un caso da manuale su cosa vuol dire "democrazia" orwelliana stile 1984. Forse potrebbe farcela una serie di fuoriclasse d'acciaio di quelli che nascono una volta ogni mille anni dotati di qualche potentissimo alleato esterno disposto a proteggerlo. Ma qui siamo di nuovo nel campo dell'immaginazione più sfrenata. Accontentiamoci di chi ci sta onestamente provando ora sperando che si corazzi a più non posso in scaltrezza e precauzioni.
Scarth

Nessie said...

Bene, Vate, ci hai messo dentro proprio tutto il letamaio (in rima) di questi giorni!

Nessie said...

@ Scarth : "Berlusconi con la pistola puntata alla tempia che si ritrova farebbe quello che ha fatto nel 2011".

No, no, non ci siamo...Berlusconi non ha nessun bisogno di avere la pistola puntata alla tempia per fare patti nefandi. Ti sei dimenticato il Patto del Nazareno con Renzi? Chi glielo ha imposto? Nessuno! eppure l'ha fatto. E non finisce mai di tediare con questa menata dell'unione dei "moderati". Anche stasera commenta sul caso Le Pen che senza i voti "moderati" ( quelli come i suoi, evidentemente) non si vince. No, non ci siamo affatto!

Se Berlusconi fosse in Francia sarebbe con Sarkozy, che del resto è stato il suo avvocato quando aveva introdotto "La Cinq" (intesa come tv), in Francia

Anonymous said...

Comunque sia Nessie a questo punto della storia non si può far conto su Berlusconi e chi è al suo seguito per averne una vera opposizione e una vera alternativa.
Scarth

Nessie said...

Poco, ma sicuro!

Legge Mancino n°205 said...

6,6 milioni di voti record per il partito identitario e sputtanamento totale del partito socialista: Sono ottimi risultati.
Di più non si poteva ottenere.
Ci sono altri 2 anni davanti con inevitabile aumento disoccupazione e peggioramento delle condizioni di vita della classe media che saranno imputate dalla pubblica opinione a "socialisti" e Repubbli cani. In una parola sola, ai LIBERALI.
L'obbiettivo sono le Presidenziali del 2017. Lì si cambia il Paese e l'Europa, non certo da regioni problematiche come la zona di calais.
In ogni caso ormai è chiaro che il Fn è il partito dei francesi veri. E' solo questione di tempo. Anche gli asten sionisti che sono andati a votare al 2° turno capiranno che volenti/nolenti gli toccherà votare FN. O turarsi il nasino verso chi da 40 anni incessantemente spiega il marcio del sistema o un presidente musulmano. Houllebeq mica è fesso....

Nessie said...

Che strano nick ti sei messo:-).
E' evidente che ci vuole ancora del tempo e in pratica l'ha affermato la stessa Le Pen con la sua frase:
("È il prezzo da pagare per l’emancipazione di un popolo" ).
Della battuta d'arresto esulta, non a caso, Martin Schulz, il Cerbero di questo Eurogulag. Beh, esulta bene chi esulta all'ultimo.

Vanda S. said...

Ha perso la Le Pen! peggio per La Francia!
Questo evento mi consola: i francesi sono piu' ottusi degli italiani!

Anonymous said...



http://www.rischiocalcolato.it/2015/12/front-national-come-previsto-ma-con-una-speranza.html

Z

Anonymous said...

L'unica cosa positiva che ci vedo (la volpe con l'uva all'opera...) nella situazione francese è che smaschera completamente il partito unico e lo lascia come UNICO responsabile di tutte le porcate con cui hanno a che fare e che dispiegheranno i loro effetti. Se la zombificazione di massa è efficiente come in Italia però non mi farei molte illusioni su tardivi ravvedimenti dei loro zombie. E' lo standard occidentale ormai. Poi se non si sono ricreduti nemmeno in Grecia che li hanno divorati vivi non si può fare affidamento su soprassalti di consapevolezza.
Scarth

Nessie said...

Vanda, bella consolazione davvero!
Scarth, la musichetta della "zombificazione" l'ho già sentite altre volte. Vediamo di non ripeterci.

Nessie said...

Inoltre essere il primo partito di Francia significa che gli elettori francesi non sono affatto "zombificati". Se poi per altre alchimie non lo fanno governare, è altra cosa. Ma ci vorrebbe un po'di discernimento.

Legge Mancino n°205 said...

Ma infatti criticare i francesi o dire che sono più ottusi di noi è un tantinello esagerato.
Loro l'alternativa credibile, con classe di governo ce l'hanno.
Noi abbiamo il movimento cinque stalle che per classe dirigente ha gente che non viene neppure eletta alle comunali di Taranto in SEl e che si ricicla quindi in parlamento m5s. Oppure il comunista padano nuovo re dell'opposizione che come classe dirigente raccatta quelli che sono stati per 20 anni i servi di un vecchio maiale.
Andiamoci davvero cauti. Non dimentichiamo mai che in questo piccolo angolo di terra attaccata alla grande Russia siamo in soli 500 milioni in un mondo di 7,3 miliardi di individui. Siamo una piccola minoranza nel mondo e ci apprestiamo a diventarlo anche nella terra che è stata dei nostri antenati. Ci apprestiamo a fare la fine degli indiani d'america, degli aztechi, degli aborigeni australiani e dei palestinesi. Se così non sarà, una bella parte del merito sarà proprio di francesi di nome Céline, Rassinier, Duprat, Garaudy, Faurisson e Le Pen. Mai dimenticarlo.

Nessie said...

Sì vabbè, come ti devo chiamare, Mancino? :-). Giusto dire che in Francia una classe dirigente alternativa esiste, mentre qui è tutta da ricostruire.

Faithful said...

Tutto giusto ma vorrei far notare che i servetti sciocchi di messer patonza sono già andati con l'altro Matteo,a questi qui mica gli piace stare all'opposizione (a gente legata a CL poi..) e comunque il M5S non ha una classe dirigente sia chiaro,è FI con Casaleggio e Grillo al posto del messere solo che invece di essercene uno che comanda e dice barzellette ce ne sono due di cui uno comanda e l'altro dice barzellette.

In Francia da una parte il FN ha da spendere il fatto di essere sempre stato ostracizzato in tutti i modi e di avere tutto da dimostrare e dall'altra non hanno finte opposizioni portate in palmo di mano da chi detiene il vero potere per frammentare il voto con l'inganno e in Francia in effetti era difficile farlo considerando che il sistema politico è molto più.. monolitico del nostro,ma immagino che da noi abbiano approfittato della scomparsa di rifondazione,verdi etc.. per radunare i loro orfani sotto una nuova sigla stampata di fresco,e difatti non è un caso che Grillo se ne uscì con l'idea di fondare un "suo" partito dopo le elezioni del 2008,in Francia immagino non ci fossero vuoti ideologici da colmare.

In linea di massima comunque è vero,alla nostra opposizione mancano svariati tasselli da riempire per risultare credibile come vera alternativa di governo,uno tra tutti la politica estera,un tema troppo importante e scottante di questi tempi per considerarlo così poco.

Legge Mancino n°205 said...

Rebranding :)

Intanto per frode, truffa e riciclaggio è stato arrestato Thomas Fabius, figlio di quel Laurent ricco avvocato ebreo che fu il vero autore della legge firmata dal goy e comunista Gayssot (la Mancino francese).
Ah dimenticavo. Laurent è attualmente ministro degli esteri nel gabinetto Valls/hollande.

Come dicevo lasciateli lavorare. Sono tutti portatori d'acqua per il FN.......

Legge Mancino n°205 said...

Dimenticavo.
Immaginatevi che so in Italia l'arresto del padre di un primo ministro.
O del padre di una ministra delle Riforme istituzionali.
Fatto ?
Bene, allora avrete capito perché non è di buon gusto prendere in giro la Francia ?

Nessie said...

Guarda che la sottoscritta non ha preso proprio in giro un bel niente. E ho appena scritto che arrivare a essere il primo partito di Francia con il maggior numero di elettori, significa essere tutt'altro che "zombificati".

Faithful said...

"Immaginatevi che so in Italia l'arresto del padre di un primo ministro.
O del padre di una ministra delle Riforme istituzionali.
Fatto ?
Bene, allora avrete capito perché non è di buon gusto prendere in giro la Francia ?"


Con tutto il rispetto ma il grande spessore morale della Francia è grossomodo allo stesso livello di quello dell'Italia,a meno che per voi il messer patonza da Arcore non abbia qualcosa da invidiare a Mitterand e ai suoi figli illegittimi,o a quella porchetta che sta attualmente sgovernando la Francia e alla sciacquetta con cui si trovava.

Nessie said...

Scusa Faithful, e chi diavolo sarebbero le "porchette" e le "sciacquette"? Fuori i nomi, please!


Comunque condivido che non sia di buon gusto, prendere in giro la Francia, perché intanto gira e rigira la "presa della Bastiglia" prima o poi partirà di là e non da noi. E' solo questione di tempo.

Legge Mancino n°205 said...

@ Nessie non mi riferivo a Te.

Ultim'ora. Assolta Marine le Pen dall'accusa di aver violato la legge Gaysssot.
Chissà in Italia come sarebbe finita con una leader anti PD col 30% dei voti.....inutile dirlo, ci siam capiti.

Faithful said...

"quella porchetta che sta attualmente sgovernando la Francia"

Mia carissima Nessie,se rileggi un'attimo ho scritto "quella porchetta che sta attualmente sgovernando la Francia e alla sciacquetta con cui si trovava." quindi viene da sé che mi stavo riferendo a quella sottospecie di presidentuncolo francese e alle sue scappatelle con quella attricetta con cui si trovava.

Sul fatto che la rivoluzione sarà francese non discuto,ho moltissimo da discutere invece sulla grande integrità morale dei francesi,mi pare il solito autoraSSismo provinciale da due soldi sinceramente.

SILVIO said...

RICOMPORRE IN POCHE MOSSE UN PEZZO IMPORTANTE DEL PUZZLE GEOPOLITICO GLOBALE [ Parte prima]
1- I tasselli globali: primo tassello
Nel suo libro “The Syndicate: The Story of the Coming World Government”, Nicholas Hagger rivelò – con dati inoppugnabili – che il “Federal Reserve System” è di proprietà dei capitalisti americani, capitanati dal clan Rockefeller.
Decaddero , quindi, le precedenti teorie basate sul principio che la Fed sia in mano al capitale europeo facente capo alla “City” di Londra, ove Rothschild è il “primus super pares”.
Da ciò consegue che in ogni evento della geopolitica relativo alla strenua difesa del dollaro – che è al 1° posto nella scala dei valori da difendere circa la salvaguardia della “Sicurezza nazionale USA – il clan Rockefeller sarà sempre in campo, in sinergia col governo ed il complesso inddustrial-militare americano:
http://www.nicholashagger.co.uk/the-syndicate-the-story-of-the-coming-world-government

2- I tasselli globali: secondo tassello
Estrapolo, traduco e riadatto alcuni passaggi del saggio “Gold: Back to Money World (II)” – paragrafo: “Guerra segreta per l'oro, i Rockefeller contro i Rothschild” scritto da Valentin Katasonov, uno dei più illustri economisti russi :
« A prima vista, taluni eventi mondiali sembrano essere occasionali e non paiono interconnessi.
In realtà, essi riflettono sempre la lotta che è in corso dietro le quinte tra i diversi gruppi dell'oligarchia finanziaria mondiale.
Tali gruppi possono essere suddivisi n:
1) Coloro che difendono lo “status quo” esistente nel mondo, ovvero il sistema monetario “fiat” in cui il dollaro USA la fa da padrone incontrastato senza rivali..
2) I sostenitori dell’ idea di tornare al gold standard.
Il primo gruppo comprende i proprietari (principali azionisti) del “Federal Reserve Syste m” degli Stati Uniti e le banche a loro associate ed i monopolisti privati del petrolio.
Quelli che appartengono a tale gruppo - oltre a considerare l’oro come un pericoloso concorrente in quanto mette in pericolo il dollaro – sono disposti a fare di tutto – compreso il dare avvio ad una terza guerra mondiale – pur di difendere il dollaro ed il sistema monetario fiat nonché il loro monopolio sulle fonti mondiali di energia che approvvigionano l’Occidente.

Quelli che appartengono al secondo gruppo sono radicati principalmente nel continente europeo e rappresentati dal clan Rothschild e da vari altri clan minori.
Essi hanno notevoli riserve auree e detengono il monopolio sull’estrazione, produzione e commercio dell’oro e dei diamanti.
Essendo azionisti minori della Fed americana, hanno scarso interesse a tenere in piedi il sistema monetario fiat e il dollaro statunitense per cui cospirano incessantemente per un ritorno al gold standard.

Le loro cospirazioni sono state però prontamente neutralizzate dal clan Rockefeller nei seguenti casi:
- Dopo che Saddam Husseun dichiarò ufficialmente il rifiuto del dollaro americano come moneta di scambio per l’acquisto del petrolio iracheno, gli Usa invasero l’Iraq ed uccisero quel leader iracheno.
- Dopo che Dominique Strauss-Kahn si espresse – in qualità di direttore esecutivo del “Fondo Monetario Internazionale” – egli venne travolto da uno scandalo di violenza carnale che lo indusse alle dimissioni.
- Dopo che Mu'ammar Gheddafi annunciò il rifiuto del dollaro americano come moneta di scambio per le transazioni petrolifere e l’introduzione – in sua vece – del dinaro d’oro, Sarkozy dichiarò guerra alla Libia spodestando ed eliminando il leader libico. »


http://www.strategic-culture.org/pview/2013/04/27/gold-back-to-money-world-ii.html

[continua ]

SILVIO said...

RICOMPORRE IN POCHE MOSSE UN PEZZO IMPORTANTE DEL PUZZLE GEOPOLITICO GLOBALE [ Parte seconda]
2- I tasselli francesi: primo tassello
In precedenza, scrissi:
Dopo che Mu'ammar Gheddafi annunciò il rifiuto del dollaro americano come moneta di scambio per le transazioni petrolifere e l’introduzione – in sua vece – del dinaro d’oro, Sarkozy dichiarò guerra alla Libia, spodestando ed eliminando il leader libico.
Conclusione: Sarkozy si prestò a fare il lavoro sporco per conto degli Usa e del clan Rockefeller, , danneggiando il clan Rothschild.
Ergo: Sarkozy è un utile-idiota del clan Rockefeller.
2- I tasselli francesi: secondo tassello
Prima delle elezioni presidenziali francesi del 2012, François Hollande venne invitato dalla loggia massonica “Grande Oriente di Francia” a tenere un discorso programmatico.
Ecco il link del video relativo a quell’evento:

https://youtu.be/aXTvwgTdn-Q

Dopo tale discorso, la massoneria ufficiale francese confermò pubblicamente il suo sostegno alla candidatura Hollande.
Ricordo che il “Grande Oriente di Francia” è interconnesso col ramo francese della dinastia Rothschild, oltre ad avere in Francia un peso elettorale commensurabile a quello del Vaticano in Italia.
Una volta eletto Presidente della Repubblica francese – 15 maggio 2012 - François Hollande si affrettò a nominare quale “Vice Segretario Generale della Presidenza della Repubblica” il banchiere Emmanuel Macron, uomo di fiducia della banca d’affari Rothschild & Cie.

http://www.comprendrelargent.net/videos/abus-de-pouvoir/francois-hollande-recrute-2-banquier-de-la-banque-rothschild.html#.VnA-9UrhCCp#q2r4XlF4eoQhJieA.99

Nel 2014, Macon crebbe in importanza, divenendo Ministro dell'Economia e dell'Industria nel governo di Manuel Valls.
[continua ]

SILVIO said...

RICOMPORRE IN POCHE MOSSE UN PEZZO IMPORTANTE DEL PUZZLE GEOPOLITICO GLOBALE [ Parte terza]
2- I tasselli francesi: terzo tassello
Recentemente, Hollande ha deciso di cooperare con la Russia per estirpare dalla Siria i terroristi dello “Stato Islamico”.
Com’è sin troppo noto, tale organizzazione venne creata, organizzata, addestrata e finanziata dal Dipartimento di Stato americano e dal Pentagono, coadiuvati – a detta di Putin - da 39 Paesi alleati degli Usa.
Venne altresì scritto che lo scopo della creazione dello “Stato Islamico” era quello di rovesciare i regimi mediorientali – quello di Assad , in primis – invisi agli Usa.
Tale versione è solo parziale.
In realtà, la creazione dello “Stato Islamico” è una delle molteplici mosse tattiche che gli Usa hanno implementato per cercare di contrastare l’irreversibile scelta di Cina e Russia verso l’edificazione di un mondo multipolare.
La spina dorsale della strategia russo-cinese è il completamento della Nuova Via della Seta , che - se realizzato entro il 2025– sarà il progetto infrastrutturale più grande di tutta la storia umana, volto a collegare l'Asia all'Europa via terra, neutralizzando così il controllo degli Stati Uniti sulle vie marittime.
Il progetto comprende le linee ferroviarie ad alta velocità, autostrade moderne, porti e aeroporti, cavi in fibra ottica e la fornitura di energia,.
Ciò potrebbe consentire la nascita dell’EEU, la zona di libero scambio euro-asiatica antagonista dei TPP-TTIP-CETA lanciati dagli Usa per perpetuare la loro egemonia sul pianeta.

Condizione fondamentale per la messa a punto della “Nuova Via della Seta” è la perdita d’influenza degli Usa in Medio Oriente.
Ecco perché la Russia si sta battendo con risolutezza contro lo “Stato Islamico”.
E la Francia di Hollande?
Resta evidente che TPP-TTIP-CETA premierebbe oltre misura il clan Rockefeller, lasciando al clan Rothschild le briciole.
Dopo la fine dell’utile-idiota Bo Xilai, il lan Rothschild si è riavvicinato – con esito positivo, pare – alla Cina.
Non sarebbe inverosimile ipotizzare che la “Nuova Via della Seta” faccia gola a tale dinastia.
Ciò spiegherebbe l’entusiasmo con cui Hollande è corso in Siria per combattere “il terrorismo”.

2- I tasselli francesi: quarto tassello
Daniel Keller - Gran Maestro del massonico “Grande Oriente di Francia” – ha dichiarato allarmato:
"Il “Fronte Nazionale” di Marine Le Pen costituisce un grave pericolo per la Repubblica francese":
http://www.nouvelordremondial.cc/2015/10/25/le-grand-maitre-du-grand-orient-de-france-la-republique-est-en-danger/


Commento finale
Facile ricomporre il puzzle, no?

Nessie said...

Risposta al tuo commento finale: Mica tanto! L'unica cosa che si capisce bene è che trattasi il solito balletto tra il Rock & Roth, e che noi veniamo presi di mezzo, anche senza volerlo.
Se hai letto il libro del Magaldi "Massoni - società a responsabilità illimitata " edizioni Chiarelettere - da assumersi facendoci la dovuta tara e con beneficio d'inventario, sembra che esistano anche patti "intra e intermassonici", nei vari casi d'emergenza. E' evidente che l'intromissione del Front di Marine Le Pen, ha rotto (o ha rischiato di rompere) parecchie uova nel paniere e di scompaginare i loro giochi del Risiko globale.

Nessie said...

Alcune differenze sostanziali tra alte consorterie, possono inspiegabilmente trovare forti "accordi di desistenza", magari dopo essersi scannati a sangue il giorno prima.

A proposito di Grande Oriente, Maurice Caillet in "Ero massone" ci racconta come fecero passare la legge sull'aborto il duo Giscard-Mitterand all'interno della Loggia, che potremmo paragonare al Sarkollande dei nostri giorni. La fratellanza massonica, dopotutto, è sempre più forte dell'appartenenza allo schieramento partitico.

Nessie said...

Faithful, "autoraSSismo?" E che razza di Italiano sarebbe? No, non mitizzo la terra d'Oltralpe. Dico solo che alcuni tra gli intellettuali francesi (ci metto in primis
Alain de Benoist, poi Anne Kling) hanno rotto certi tabù che i nostri sono ancora molto molto lontani dal fare.

Per non dire di un famoso regista nouvelle vague, un tempo de sinistra e perfino maoista come Jean-Luc Godard che ora è grande sostenitore della Le Pen:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/06/12/godard-marine-le-pen-hollande-la-dovrebbe-nominare-primo-ministro/1024890/

Insomma, da quelle parti, perfino la sinistra ha fatto il suo salto in avanti. E in Italia, invece nisba. Non vorrai mica tirar fuori i vari Michele Serra, per caso? O i Nanni Moretti? Per non dire il gruppastro di MicroMega e i vari Flores d'Arcais...Roba da piattaforma ecologica per il pattume differenziato

Anonymous said...

Premesso che NON considero il Mov5Str opposizione ma una propaggine del Pd con gli stessi mandanti io il "comunista padano" me lo tengo stretto. In ogni caso per quel che si può fare in questa fase disperata non mi metterei troppo a sottilizzare sul colore del gatto ponendo solo la massima attenzione ai Cavalli di Troia e agli altri trucchi di regime. L'opposizione italiana dovrebbe imparare ad essere capace di coesione almeno su pochi ed essenziali obbiettivi (poi amici come prima semmai) invece che crepare per eccesso di litigiosità.
Scarth

Faithful said...

""autoraSSismo?" E che razza di Italiano sarebbe?"

Non ricordi?Era per fare il verso a qualcuno che non riusciva a pronunciare bene raZZismo :)
Te lo concedo comunque:pittibimbo è talmente indecente che è riuscito ad eclissare persino la Kyenge.

Sugli intellettualoidi radical chic francesi bisogna tenere un'attimo conto che la loro città simbolo,Parigi,è ridotta quasi a uno slum africano molto peggio di quanto (al momento) successo qua da noi,io non so se l'hai visitata negli ultimi anni ma a parte qualche zona centralissima della città più che in Francia sembra di essere in Marocco o in Senegal.
A Prato è la stessa cosa coi cinesi e fidati che la quasi totalità dei sinistroidi,anche se molti non lo vogliono ammettere apertamente per il solito finto senso di appartenenza che gli hanno inculcato,dà torto marcio al regime piddiota che ha reso la loro città irriconoscibile rispetto a com'era 30 anni fa.

Nessie said...

Quelli che ho citato io non sono della risma radical chic gauche au caviar in stile BHL. Per favore, non confondiamo e non facciamo d'ogni erba un fascio. Anzi, sono esattamente tra quelli che criticano quella società multietnica che ha portato la Francia allo sfacelo.

Ma qui da noi - lo ripeto - a parte Ida Magli (e la bonanima della Fallaci) non si è sentito ancora un vagito.

Faithful said...

"L'opposizione italiana dovrebbe imparare ad essere capace di coesione almeno su pochi ed essenziali obbiettivi (poi amici come prima semmai) invece che crepare per eccesso di litigiosità."

Ecco hai descritto il motivo per cui è evidente che i 5S sono solo un'operazione per frammentare l'opposizione:questi ogni volta che >DALL'OPPOSIZIONE< si cerca di fare qualche iniziativa contro il governo piddiota su cui anche loro teoricamente sono d'accordo nella migliore delle ipotesi rispondono picche e nella peggiore si inventano cose contro di te per metterti i bastoni tra le ruote (nel fare opposizione al PD sia chiaro).
Questi qui secondo me non lo sanno neanche loro che cosa sono,altrimenti non tenterebbero di darsi un'identità con quella roba grottesca sull'onestà,che sembra la versione del 21esimo secolo della superiorità morale di berlingueriana memoria.

Faithful said...

"Anzi, sono esattamente tra quelli che criticano quella società multietnica che ha portato la Francia allo sfacelo."

Infatti ho detto che questi DOPO che hanno visto a cosa ha portato il multiculturalismo in Francia da una parte e il politburo europode dall'altra hanno rivisto il loro giudizio sul FN,da noi per una cosa simile mi viene in mente solo Celentano con Salvini,ma un ex cantante riciclatosi a intellettualoide non saprei se si possa contare.

Nessie said...

Ida Magli sui grillini

"I politici di oggi sono molto ignoranti anche perchè sono i figli della nostra scuola.Faccio un esempio:i grillini.Io avevo molta simpatia per loro,in un primo momento.Mi dicevo:finalmente viene gente giovane che non è assetata di potere...mi sono sbagliata!Come mi sono sbagliata! I grillini sono figli della nostra scuola:non sanno niente! Sono i figli di ciò che gli hanno insegnato le donne,non sanno pensare.Mi hanno fatto arrabbiare da morire i grillini.Pochi giorni fa hanno passato la legge dello Ius Soli.Si usava tremila anni fa quando un emigrante arrivava per caso su un terreno che non era il suo.Allora non si trattava di spostamenti di milioni di persone.Come si fa a prendere un'usanza di tremila anni fa e applicarla oggi".

Da intervista a Libero del 16 novembre u.s.
------------------------------------------------------------

Faithful, lascia perdere Celentano, va' che è meglio.

Nessie said...

Qui l'intervista intera:

https://infosannio.wordpress.com/2015/11/16/ida-magli-limmigrazione-sregolata-utilizzata-dai-musulmani-per-uccidere-gli-europei/

Nessie said...

@ SILVIO. Ho visionato il video di Hollande all'interno della Loggia del Grande Oriente di Francia. Abominevole è dir poco.
Non hanno nemmeno più bisogno di fare le riunioni segrete di Loggia! Fanno tutto alla luce del sole. E se ne vantano pure.

Legge Mancino n°205 said...

la fanzine di un tizio residente in svizzera e finito indagato più volte ha risolto la strage di charlie hebdo: è STATO IL FRONTE NAZIONALE

http://espresso.repubblica.it/internazionale/2015/12/15/news/charlie-hebdo-le-armi-della-strage-di-parigi-fornite-da-un-ex-del-fronte-national-1.243564?ref=hfscivbee-1

Huxley said...

Chiedo scusa per l'off topic ma la notizia mi pare di una certa rilevanza:

http://www.wallstreetitalia.com/grecia-cash-e-gioielli-non-dichiarati-saranno-confiscati/

Come ben sappiamo, nel lager €uropeo, c'è una 'sezione laboratorio' dedicata agli esperimenti socio economici che è la Grecia. In pratica i greci sono costretti a dichiarare TUTTI i loro averi, che si tratti di contante, oro o altri beni, altrimenti si passa alla confisca immediata.Il motivo mi pare ovvio, si vuole avere un inventario completo dei beni non ancora sottratti, scopo future rapine. La domanda è sempre quella, quando da noi?
Ciao Nessie, valuta tu se pubblicare questo post, nel caso fossi già a conoscenza di questa nuova mirabile trovata degli usurai.

Nessie said...

Al contrario, è molto interessante la notizia Huxley. E ci riguarda pure da vicino. La Grecia è stata (ed è ancora) al centro di un esperimento criminale della serie punirne 1 per educarne 100. Questi usurai non sanno più come spolparla e spolparci.

Scusa tu, per la mancanza di avatar, ma ho dovuto ricopiare il tuo intervento che avevo inavvertitamente cancellato.

SILVIO said...

Che non rompano “i gioielli” quelle bertucce scribacchine di “L’Espresso”.

“Charlie Hebdo attack” è stato - al 99,99%- un classico esempio di ”false flag/ della serie Terrorismo di Stato” organizzato dai corpi separati della “Repubblica massonica hollandese di Parigi”.
Perché “massonica hollandese”?

Perché la Repubblica francese è saldamente in mano ai massoni, a cominciare dal presidente François Hollande che confermò personalmente di essere tale.
- URL Video:
https://youtu.be/gSG-NEf84bM

Chi vuole rinfrescarsi la memoria su “Charlie Hebdo attack”, clicchi su
http://www.veteranstoday.com/2015/02/09/charlie-falsified/

Troverà un rapporto pubblicato da "Veterans Today”, molto illuminante in parole ed immagini.

Vera è invece l’ennesima schifezza varata da quell’accozzaglia di avventurieri che costituiscono il secondo governo dell’abietto Alexis Tsipras.
Ne venni a conoscenza ai primi di dicembre grazie a “Zero Hedge.
Ne riparlerò a tempo debito anche se confesso che i Greci mi hanno stufato col loro tafazzismo.
Sembra quasi volontario quel loro prestarsi a far da cavia umana per la strega Merkel e per la sociopatica Troika.

Anonymous said...

Avevo letto qualche tempo fa della nuova mostruosità greca, speravo fosse una bufala tanto era oltre ogni limite. Invece no. Ma, se possibile, è ancora più mostruoso che dopo tutte le randellate che hanno preso che li votino reiteratamente da bravi scolaretti i loro aguzzini.
Faithful hai inquadrato benissimo il comportamento e la funzione dei Mov5Str... il "popolo viola" (ve li ricordate con gli indignati?) esaurito il loro compito antiberlusca sono spariti. E in effetti anche la base, almeno quella che ho attorno, a distanza di quasi 5 anni continua ad essere antiberlusconiana come se fosse ancora al potere e NON è affatto contro il PD nè contro Renzi nè contro la Uè ne contro i poteri globalisti.
Scarth

SILVIO said...

Nessie,
ho letto l’intervista a Ida Magli.
Che, come sempre, è al di sopra dell’eccellenza.

Questa brutta storia dell’invasione migratoria clandestina – a prevalenza islamica - è divenuta davvero preoccupante, quasi un’arma di distruzione di massa dell’identità dei Popoli.

Vi sono pochi dubbi sul fatto che essa sia stata pianificata a tavolino ma potrebbe ritorcersi contro i pianificatori.

L’UE , ad esempio, rischia in questi giorni di cadere a pezzi per la cosiddetta questione dei “rifugiati” (= termine in neo-lingua che ha sostituito quello precedente di “migranti”).

Difatti, sono risultati soltanto 8 (su 28) gli Stati UE che hanno raccolto l’appello della Merkel per costituire la “coalizione dei volenterosi” in tema di accoglienza dei clandestini.

Il clima politico dell’Unione europea si è fatto così teso da indurre il “New York Times” a pubblicare ieri l’articolo “L'Europa ha raggiunto il punto di rottura?” :
http://www.nytimes.com/2015/12/20/magazine/has-europe-reached-the-breaking-point.html?_r=0

SILVIO said...

Mi ha fatto infine piacere appurare che nella Chiesa cattolica esistono ancora cardinali di buon senso, come S.E. Raymond Leo Burke, che è stato prefetto del “Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica”.

Ecco cos’ha detto in tema di immigrazione:

: La questione della migrazione in Europa o negli Stati Uniti deve essere considerata in termini di progetto pianificato di ripopolamento delle nazioni occidentali con genti mediorientali, in gran parte musulmane.
A causa di questa crisi, la popolazione dei musulmana aumenterà in modo significativo soprattutto in Francia, Germabia e negli Stati Uniti …
…Questa ondata di migranti musulmani può costituire un vero e proprio pericolo per i cristiani, perché l'Islam non è principalmente una religione, ma un sistema politico…

http://fr.novopress.info/194594/cardinal-burke-on-veut-repeupler-loccident-musulmans/

Nessie said...

Sì, Silvio, ritengo che tu abbia ragione quando parli di "tafazzismo" della Grecia. Hanno avuto bambini denutriti, vecchi che hanno preferito l'eutanasia perché non potevano curarsi, case mediterranee vendute all'asta per banche tedesche, espropri di isole.... Ne hanno passate e ne passano di tutti i colori e che aspettano ancora? Di farsi strappare via le ultime catenine d'oro della prima comunione dal collo per darle a quegli usurai che gli mandano già a domicilio ladri, zingari e ogni risma delinquenziale?

C'è un limite anche al masochismo, perdio!

Nessie said...


Su Hollande e il video mi ha colpito il Maestro del Grande Oriente in grembiulino che gli ha detto fuori dai denti, quasi a voler dare una pacca sulla spalla a Budino : "C'est aux pieds du mur, qu'on voit le maçon".
Quindi, un invito palese alla "costruzione". Sappiamo quale.

Raccomando a tutti di visionare il video. Ma la Francia ha già una collaudata storia di massoneria a partire dalla Rivoluzione del 1789. Massonica, appunto.

Nessie said...

Ho letto il link su Burke. Il cardinale Burke ha ragione da vendere. E ripete quello che diceva a suo tempo anche il nostro Biffi, prontamente azzittito dalle gerarchie vaticane. E cioè che l'islam è un sistema "integrale" dove il religioso e il politico sono un tutt'uno inscindibile. Un'arma di distruzione di massa di quel che resta dell'Europa.

Il Pd si è prontamente riservato le sue "quote islamiche" al suo interno col deputato Kalid Chaouki. Non si fanno mancare di nulla, questi farabutti! Del resto, detto deputato compare anche nel dossier del ministero della Difesa, quale integralista:

http://www.ilgiornale.it/news/politica/chaouki-nel-dossier-difesa-i-leader-islamici-radicali-1203315.html

Ma è giallo, perché detto documento l'hanno fatto prontamente sparire e la Pinotta gli ha garantito la sua "stima".

Faithful said...

@Scarth e Nessie

Attenzione:pare che si stia muovendo qualcosa dalle parti di p.zzo Chigi

http://voxnews.info/2015/12/16/prostituzione-politica-renzi-passa-da-forza-italia-a-m5s/

Tentativi di avvicinamento?
E' già il secondo accordo sulla composizione della corte costituzionale dopo la Sciarra.
Staremo a vedere,allo stato attuale,vedendo quel che dicono i 5S,non ci si alleano solo ed esclusivamente per paura di pardere una gran fetta di elettorato.

Nessie said...

Avevi qualche dubbio? Renzi va con chi ha più numeri e Forza Italia e Berlusconi non contano più un tubo. Il M5S sarà la nuova stampella del governo. Già con lo ius soli e le leggi pro gay, hanno fatto gli Yes Men.

Anonymous said...

Già Faithful e senza dimenticare le varie nomine nei posti chiave SEMPRE avvenute TUTTE col loro apporto (pres. camere, rep., commissioni ecc.). Quelli hanno Sarkollande e noi abbiamo Grirenzi...
Scarth
PS: sempre che valga il campione di elettori 5S che ho sottocchio: sono tutti favorevoli non da ora a una "sacra alleanza" tra PD e M5Str...per "scongiurare il ritorno di Berlusconi", "per impedire che la Lega arrivi al governo", per "la stabilità". Chiamala "opposizione".

Faithful said...

Ma poi il lavoro degli ultramegastrapagatissimi paraculi della corte costituzionale (alla faccia della menata del "tagliati lo stipendio") non lo potrebbero fare dei giuristi che NON siano di nomina politica?

http://voxnews.info/2015/12/16/renzi-grillo-e-verdini-si-spartiscono-la-consulta-eletti-tre-giovani/

Faithful said...

Ma attenzione:ecco come parlava Di Battista due settimane fa quando altri tentavano di far saltare il banco per costringerlo a non mettere dei suoi "soldatini di partito pro-italicum" (cito testualmente) non riuscendoci perché è arrivato il soccorso a cinque stelle e degli ex-peones di patonza.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=791075031004563&id=299413980170673&_rdr

La parte più tragicomica è quando parlano delle leggi imposte dall'UE nel silenzio/assenso della CC e poi citano la Sciarra di cui sopra che per la cronaca è un'eurofila di ferro,una che ha scritto questa roba qua

https://books.google.it/books/about/L_Europa_e_il_lavoro_Solidariet%C3%A0_e_conf.html?id=d9_RMgEACAAJ&hl=it

SILVIO said...

Vorrei completare la serie dei post sull’argomento in esame.

Quale sarà la strategia di Sarkozy e Hollande in prospettiva delle elezioni presidenziali del 2017?

Sarà “SarkHollande” in funzione anti-“Fronte Nazionale” (com’è avvenuto alle elezioni regionali e come auspicato dalla loggia massonica “Grande Oriente di Francia”) oppure sarà Sarkozy versus Hollande?

Personalmente, propendo per la seconda ipotesi.
Non solo perché Sarkozy appartiene storicamente al “rassemblement” conservatore che prende ordini da Washington mentre Hollande è collocato in quello “liberal”( che ubbidisce alla “City” finanziaria di Londra) ma anche perché fra i due si è depositata una spessa ruggine in conseguenza di vicende del passato.

Ne illustro due.

SILVIO said...

Dopo la batosta subita da Hollande nel 2012, Sarkozy se la passò “brutta” anche dal punto di vista sentimentale.

Ritengo, però, che non abbia messo il lutto al braccio quando il giornalista Jean-Jacques Augier turbò il sonno presidenziale di Hollande pubblicando – il 5 aprile 2013 - lo scoop:
”François Hollande’s Campaign Treasurer’s Investments in the Cayman Islands”.

http://www.icij.org/offshore/francois-hollande-campaign-treasurer-invested-offshore-businesses

All’Eliseo scoppiò il finimondo.
Il nuovo Presidente, François Hollande, che imbosca capitali alle isole Cayman, come son soliti fare i narcotrafficanti e gli evasori fisali!
Poi, tutto tacque.


Torniamo a Sarkozy.
Nel 2014, decise di risalire la china e di riproporre la propria candidatura alle future presidenziali.
Secondo i suoi piani, la piattaforma politica di rilancio sarebbe dovuta essere la creazione di un nuovo partito in sostituzione dell’UMP.

Inaspettatamente , forse per la legge del contrappasso, accadde il fattaccio:
”Ecoutes : Sarkozy en garde à vue”

Questo fu il titolo con cui il quotidiano “Liberazione” diede notizia – il 1° luglio 2014 -dell’arresto di Sarkozy per concussione e violazione del segreto istruttorio in relazione all’inchiesta sui presunti finanziamenti occulti da lui ricevuti da Liliane Bettencourt (= Oreal) durante la campagna presidenziale del 2007:
http://www.liberation.fr/societe/2014/07/01/ecoutes-sarkozy-en-garde-a-vue_1054560

La vicenda dell’arresto (sotto forma di custodia cautelare) fece il giro del mondo e segnò Sarkozy il quale, tuttavia si riprese rientrando nella scena politica dopo aver battezzato nel luglio (!) 2015 il suo nuovo partito: “Les Républicains”, nato dalle ceneri dell’UMP.

Conclusione sui mandanti dei due fattacci, testé menzionati.
Mi astengo. Tiratela voi.
Ma ho l’impressione che Hollande e Sarkozy non si amino troppo e che si guardino in cagnesco.

Anonymous said...

1) premesso che non saranno certo a " salvarci " ne "le regole democratiche" ne la "magggistratura" che su essa dovrebbe "vigggilare" , non c' e' alcun paragone tra italia e francia . In francia il sistema ha gia' consumato molti piu' trucchi che da noi ( per il 2017 gli restera' solo quello della "guerra civile") mentre da noi la politica non avra' problemi a fare il suo "servizio"; dai noi le " caste puttane" sempre abbondano .

2)L' ho gia' detto altre volte: la partita si gioca ormai tutta al livello geopolitico. Il tempo non lavora per "l' oceania" e questa deve piegare "l'eurasia" prima che questultima risulti troppo forte anche per il solo fatto di poter continuare a NON obbedire ai "signori dell'oceania".
E' lo schema strategico che genero' la "guerra del peloponneso" (*)con pero' adesso l' aggravante "thriller" del rischio "olocaustico".

Da questo conflitto le uscite saranno due :
a) vince "l' oceania" e "buonanotte" sia in italia che in francia .
b2) crolla "l' oceania " . Ma anche in questo caso non solo sara' durissima , ma sara' particolarmente dura per le "espressioni geografiche" senza identita' ne coraggio .
Quindi anche qui tra italia e francia non ci sara' confronto; ma in ogni caso "l'europa trionfante "come l'abbiamo conosciuta per secoli non esistera' piu' :-(
ws

(*) Tanto per sorriderne riporto anche alcune divertenti "analogie strategiche " tra queste due "guerre"
"lega di delo" = NATO
"lega dorica" =sco
"atene"= U$A
"sparta" = russia
"corinto" = iran+ sciiti
"megara"= turkia+sunnitume vario
"beozia"= europa orientale (ovviamente :-))
"siracusa"= cina ?
"corcira"= giappone ?
"isole e citta' egee"= europa occidentale con " Delo"=benelux ,"mitilene" =germania , "lesbo"= francia , "eubea" = GB e "samo"= italia = VASO DI COCCIO :-)



Nessie said...

Silvio, anch'io propendo per l'ipotesi dell'avanzamento del Sarkofago, ma semplicemente perché ha padroni più influenti. Mi è rimasto in mente un aneddoto ai tempi in cui era ancora un signor Nessuno e Chirac era a fine mandato. Passai davanti ad un edicolante che esponeva insieme ai giornali, rotocalchi, riviste italiani, pure il NEWSWEEK. C'era lo sciancato con una corona in testa che sorrideva in copertina. Anzi, sogghignava. Il Newsweek riportava un titolo lampante: " Quest'uomo sarà il nuovo Napoleone di Francia". E chi è costui? - mi chiesi stupefatta. In capo a sei mesi non si fece altro che parlare di Sarkò contro Ségò. E di Ségo (ex compagna di Hollande) contro Sarkò.
Fino al loro memorabile tête-à-tête in tv. Poi la sua vittoria su Ségolène Royal al ballottaggio nel 2007.

Della serie, come ti creo "l'uomo della Provvidenza" e pure il relativo Truman Show.

Una cosa è certa: l'attuale idillio sarkollandiano è destinato a finire

Nessie said...

PS: sempre che nel METEO non ci siano nubi lepeniste all'orizzonte. Hanno entrambi la faccia come il didietro. Hollande in Francia lo chiamano "La Poire", per quella bella faccia da pera incastonata su un corpo da tappo di Dom Perignon. Si detesteranno pure, ma si assomigliano molto, in quanto a... Laideur.

Anonymous said...

Tanto per andare un po' OT, stamattina ho visto questo video, direi interessante:
https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=S-ST6hI65xo
Meditate, gente, meditate...
Laura

SILVIO said...

Sono sicuro che , date le imminenti festività, tu sia in vena di facezie, gentile Laura.

Tiziana Beghin, una delle “signore in viola” del M5S? E del gruppo parlamentare europeo EFDD, il cui presidente è Nifel Farage?

L’onorevole Beghin sarà magari una brava persona (anche se vedo che è molto interessata a seguire il TTIP, da cui invece dovrebbe scappare a gambe levate se ci tiene all’Italia) ma frequenta cattive compagnie.

Come mister Nigel Farage , noto nel web come “fracking Freemason”.
Perché?
Perché è stato al servizio della City of London Corporation, che è una delle sue piazze finanziarie mondiali responsabili delle nostre sventure.

Come tu saprai, la City è così potente ed autonoma da imporre alla Regina di dover chiedere il permesso prima di potere accedervi.

Ebbene, il 7 febbraio 2012 la City concesse a Nigel Farage la massima onorificenza (= FREEDOM) concedibile ai suoi “servitori”.
Link:

http://4.bp.blogspot.com/-_z0oAQyIXvY/UX56s2axX4I/AAAAAAAANs4/fZppIWk1iv8/s640/freedom1web.jpg


In quell'occasione, Farage ringraziò il direttore del Chamberlain, affermando:

« Sono lieto e onorato di essere stato nominato cittadino onorario della City.
Mio padre e mio nonno hanno trascorso la loro vita lavorativa nel “Miglio Quadrato”, come ho fatto io per i primi 15 anni della mia vita.
Ora i miei figli stanno facendo lo stesso.

Il giuramento che mi è stato richiesto mi obbliga a difenderla con ogni mezzo....

Vorrei ringraziare Craig Murray, Direttore del Chamberlain, per la sua gentilezza, il buon umore e l'efficienza nella gestione della cerimonia ».


Un gran figlio di “buona donna”, non ti pare?
Altro che salvatore degli oppressi!

Nessie said...

Grazie Laura, conoscevo questo video contro il TTIP. Non sono d'accordo con la Beghin quando dice che gli americani sono nostri "alleati". Doveva dire che sono i nostri padroni.

SILVIO said...

Stento a crederci anche se è vero.

Matteo l’Aretino ha tirato fuori gli attributi (metaforicamente, ovvio) e – nella riunione odierna del Consiglio europeo - ha guidato la rivolta degli Stati dissidenti dell’UE (che sono tanti, forse la maggioranza) contro Angela Merkel ringhiando:
“Stop all’Europa a guida tedesca”

http://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/2015/12/18/italien-revoltiert-gegen-merkel-schluss-mit-europa-unter-deutscher-fuehrung/

La novità non è da prendere sottogamba in quanto l’Italia è – malgrado tutto – un “peso massimo” europeo nonché uno dei Paesi fondatori dell’UE.

SILVIO said...

Ho dimenticato di citare qual è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, facendo imbufalire Matteo Renzi ed altri capi di Stato.

Pare che a livello di COREPER (= Comitato Permanente degli Stati membri presso l’Unione europea) sia stata accolta la richiesta della Merkel volta a prorogare le sanzioni UE contro la Russia.

Tale decisione verrà ufficializzata lunedì venturo e poi pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’UE.


Angela Merkel è proprio fuori di testa.
Bisogna rottamarla prima ci rottami lei.

Nessie said...

E' un buon segno per Renzi, anche se una rondine non fa primavera. Vedremo se ci sarà un seguito.

Faithful said...

Se si è rivoltato contro chi lo ha messo e tenuto su fino ad ora senza passare dal voto è solo la prova implicita che il pittibimbo sa di essere cotto e stracotto.

Ottimo.

Anonymous said...

suvvia non si puo' prendere sul serio renzino anche se probabilmente nella testa sua ( e della sua consorteria) comincia a balenare l' idea di essere stati fregati dai loro "patrons" esteri.
Ma anche se questo fosse non si puo' cadere nel solito positivismo "lombardo" ( Lombardo =persona " positiva" ma totalmente priva di malizia :-) ) in cui, su questa questione , e' caduto ancoggi il bravo blondet; perche' quello che FORSE "muove" il pierino fiorentino non e' certo la preoccupazione delle conseguenze per il paese ma per se e per la sua consorteria di avidi presuntuosi.

Ma anche nell' ipotesi REMOTISSIMA di una sua reale "folgorazione sulla via di bruxelles" CONDITIO SINE QUA NON deve essere ( come ci insegnava madre chiesa ) un contrito pentimento pubblico dei proprii peccati e la remissione completa dei propri incarichi a gente GIA' dimostratasi piu' "onesta" e "patrittica" di lui.

Altrimenti dargli credito significherebbe che i VERI "babbei" siamo ANCORA noi.
ws

Anonymous said...

Grazie Silvio, per le tue precisazioni.
Sapevo qualcosa ma non ero così informata a riguardo :-)
Per quanto riguarda i cosiddetti "attributi" del nostro pentolaio fiorentino, fino a ieri ha leccato il fondoschiena della Merkel e adesso, di colpo, si sveglia? ma per favore! C'è una frase famosa (dal film: il caso Thomas Crawford): anche un orologio rotto segna l'ora esatta, due volte al giorno.
Dunque, non prenderei per buona la sua "boutade", c'è sicuramente sotto qualcosa.
Da considerare poi che quello non si soffia nemmeno il naso (sono una signora, non voglio dire volgarità) se non glielo consentono i suoi cosiddetti "spin doctor".
Laura

Nessie said...

Ws il concetto è questo... Renzi ha molti torti e non mi piace per il solo fatto di NON essere stato eletto. Ma se tra tutte le cazzate che dice, ne dice anche SOLO una giusta, bisogna prenderne atto.
Speriamo che la dica e la faccia: è così che si ragiona.

Poi ti dico francamente che preferisco di gran lunga "il positivismo lombardo" alla faziosità e rissosità toscana. Senza offesa per molti stimabili cittadini toscani. E per una regione che considero la più bella e la più pittoresca d'Italia.

Anonymous said...

Cara nessie ognuno ha suoi storici "problemi" ma non credo che la "FAZIOSITA' toscana" nella sostanza sia peggio del "UTILITARISMO lombardo"...
Daltronde almeno la toscana e' rimasta indipendente e progredita fino al 1859 e non solo fino al 1494 ...:-)
A noi ci ha rovinato la massoneria (= presuntuosa consorteria = renzi), non la dabbenaggine(=gretto interesse = berlusconi) :-)
ws

Nessie said...

Capisco la tua difesa d'ufficio e la rispetto. Ma un Grande Toscano come Franco Zeffirelli, parla malissimo della sua gente di Toscana. E con buone ragioni, dal momento che il suo talento (nato in Toscana) ha potuto progredire ALTROVE. Idem per l'Oriana. Idem per Montanelli.

SILVIO said...

Laura,
tempo fa lessi in un altro blog un tuo commento.
Mi piacque (perché lo considerai di una spanna superiore a quelli degli altri utenti) e lo segnalai a Nessie.
Ciò affinché tu sappia che ti stimo.
Con cordialità.

Anonymous said...

Costoro ,se mi permetti, furono tutti "anglofili" cioe' " SERVI DEL PADRONE" ; certo di livello ben superiore agli attuali, ma sempre e tutti SERVI.
L' "ultimo dei toscani" e' stato Malaparte ( pero' di "sangue" krukko-lombardo :-)) di cui montanelli e la fallaci sono state solo servili e astiose imitazioni e zeffirelli nemmeno questo.
Va precisato che la "grandezza" di malparte non fu nella sua "infallibilita'" ( anzi' fece un sacco di errori ) ma nella vissuta coerenza della sua visione del mondo con cui percorse da destra - sinistra -destra l' intero "cerchio ideologico" senza compromessi e risentimenti .
E' appunto la totale mancanza di "piccinerie" ,intellettuali , morali e materiali , che fa la "grandezza" . Per molti secoli la cultura toscana ha prodotto numerosi "grandi" di livello mondiale che DOPO essere "cresciuti in casa" , hanno TUTTI trovato ALTROVE il loro "palcoscenico" mondiale.
Ma questo non piu' da almeno cento anni , e non e' una questione di ALTROVE che non ci sono piu', ma della distruzione della "cultura" che li faceva crescere.
Un altro dei disastri del capitalismo massonico ... e dell' "unita' d'Italia" :-) .
ws



Nessie said...

Sei troppo duro coi tuoi conterranei. Ma tutto questo, è tipicamente toscano :-)

SILVIO said...

Nessie,
sono un “mezzo-sangue” ( = per metà fiorentino).
Pertanto, potrei non avere tutte le coordinate atte a valutare chi siano davvero Toscani e quale potrebbe essere la loro strategia inconscia in un mondo complesso e caotico come quello attuale.

Di una cosa sono però certo: sono perspicaci e tosti , non li buggeri facilmente.

Ho riscontrato poi, personalmente, a Siena (fiera nemica di Firenze) un lato stupendo dell’indole toscana allorché – in un bus – vidi “una giovane donna del popolo” rivolgersi ad un’anziana signora della borghesia locale” in evidente difficoltà , dicendole disinteressata:
“Tesoro, ti aiuto io. Non preoccuparti”

Anche questo è Toscana: terra di geni e di varia umanità.
Che Dio ce la conservi!

Nessie said...

Certamente, Silvio. Anch'io amo la mia terra che è la Liguria, ma ciò non mi impedisce di vedere parecchi difetti dei Liguri, nonostante storicamente ci siano stati dei grandi geni per una così piccola regione (poeti, musicisti, violinisti, navigatori e scopritori).


Come disse Bertold Brecht in "Germania pallida madre", "Parlino altri della propria vergogna, io parlo della mia.