09 September 2015

Manuale di resistenza morale contro la crisi



Ormai lo dicono anche le profezie mariane, per chi ci crede: l'Europa verrà attraversata dalla peggiore crisi dal dopoguerra ad oggi e non ci sarà più un lembo della sua terra privo di tribolazioni. Tanto vale armarci di volontà per resistere. E non lo scrivo per 3 volte questo verbo: ne basta una sola.

Ricordate la frase di Monti? "Abbiamo bisogno di crisi, di gravi crisi?" Non bastava quella economica: ecco che ora,  a farci calpestare diritti su diritti, sopraggiunge quella detta "umanitaria" (leggi: demografica), la quale ha subito l'accelerazione spietata che vediamo in questi giorni. Vogliono sostituire i popoli, mica i governi: inutile illudersi. Si tratta di far cedere ulteriori e definitivi pezzi di sovranità, Così niente sarà mai più sicuro: né le città, né le strade, né le case, né le strutture sanitarie, né le scuole, né i trasporti, né i servizi sociali a malapena sufficienti e già mal funzionanti per gli autoctoni. Parallelamente a ciò, arriveranno leggi restrittive sulla libertà d'espressione chiamate in Inglese, sebbene il legislatore dovrebbe scrivere nella lingua nazionale che è l'Italiano. 


Mi permetto pertanto qualche piccolo utile consiglio di sopravvivenza:


  •  Informarsi senza cadere nella bulimia da informazione (specie da tv o da stampaglia di regime)
  •  Programmarsi qualche giornata lontana dai media (digiuno purificatore).
  • Se è possibile coltivare un piccolo pezzo di terreno o fiori sui balconi e in giardino
  • Incontrare gli amici a cena e recuperare l'antica nobile arte della conversazione, stando lontani dal pc, da FB, da community virtuali, se possibile. 
  • Programmare qualche viaggio altrove per essere trasferiti momentaneamente in zone lontane da questi scenari inquietanti. Fa bene allo spirito e ricarica le batterie. 
  • Dedicarsi a qualche hobby creativo e ricreativo.
  • Coltivare rapporti di buon vicinato. I buoni vicini in periodi di insicurezza attuali, sono importanti
  • Stare lontani dai talk show tutti simili e a reti unificate che servono solo a girare intorno al lume come falene, senza mai venire a capo di nulla. Ricordiamoci che devono  rispettare "pesi e contrappesi". Perciò quando cantano troppi galli non si fa mai giorno. 
  • Riflettere sull'uso del lessico mediatico e non adottare mai terminologie politicamente corrette (migranti, rifugiati, gender, omofobia, stalking, hate speech, femminicidio e altri "pensieri e parole format" prefabbricati).   I francesi le chiamano "les ideés reçues"  e il più delle volte vengono espresse in inglese. 
  • Leggere  prima di addormentarsi qualche poesia di grandi autori. Col suo linguaggio metaforico la poesia è terapeutica e mai banale. 
  •  Se la programmazione televisiva serale vi disturba e la trovate propagandistica, inserite qualche CD di buoni film nel vostro lettore. O prendete un buon libro da leggere.
  • Comportatevi di tanto in tanto, come se foste ancora in vacanza e optate per un buon ristorante con familiari e/o amici. 
  • Ricordatevi sempre che quel che vedete, leggete e sentite costantemente sui canali ufficiali è quanto vogliono che vediate e che la costanza ossessivo-compulsiva dei loro bollettini di guerra di questi giorni relative a chi ci invade, serve a fiaccare il morale e ad annichilire la nostra volontà. Un po' come i bombardamenti strategici sui civili durante la II Guerra mondiale: costringono alla resa.
  • Tenete una specie di diario di bordo delle vostre giornate. Vi servirà a tracciare meglio la rotta della vostra vita ai tempi della crisi. 

41 comments:

Anonymous said...

Integro il terzo punto:

- coltivatevi un terreno, ad uso alimentare: patirete meno la fame

- recintatelo !

- preparatevi a difenderlo, armi in pugno e 24/7, da torme di prossimi morti di fame


Paulus

Nessie said...

Vedo che hai afferrato il concetto di "resistenza" :-)

Anonymous said...

E' da anni che vado ripetendo un po' a tutti il fatidico "estote parati", dato che "ut soldati" è - e sarà - un pio sogno !

Paulus

Anonymous said...

Fra poco saranno 10 anni che si parla di queste cose sul tuo blog. Piu' altri due o tre quando il mio era ancora aperto. Sull'esito dello sconquasso non c'erano dubbi nemmeno allora, solo si pensava che ci volesse piu' tempo. Abbiamo raffinata l'analisi, abbiamo raccolto qualche consenso anche a sinistra, l'esasperazione collettiva e' ormai trasversale. Ma c'era chi ne parlava molto tempo prima, mentre noi abbiamo dovuto attendere la Fallaci, che pure affrontava solo una parte del problema.

S'era capito che se non e' possibile una soluzione politica e militare al problema, non resta che di prepararsi al peggio individualmente. Possibilmente ricreando relazioni di vicinanza in un'ottica di autodifesa e sopravvivenza. Se si e' soli si perde.

Forse abbiamo trascurato di approfondire le tematiche inerenti l'autosufficienza e l'autodifesa. Ne abbiamo parlato solo en passant. Ora siamo al dunque. Il Diluvio e' arrivato. Forse si profila una guerra convenzionale che sollecitera' ulteriori misure da prendere.

A chi nel frattempo non si e' preparato in tal senso, cio' che abbiamo dibattuto servira' a poco o niente: solo chiacchiere. La ben magra soddisfazione di sapere con certezza da che parte arriva questo disastro. E chi, nonostante l'impegno profuso, non ha capito nemmeno questo, merita di rimanere fuori dall'Arca.

Il sauro

Faithful said...

Nessie ti rispondo qui dalla tua affermazione

"Dall'America sei finito al solito PD? Dev'essere la tua ossessione."

Nessuna ossessione,stiamo parlando della stessa cosa,e difatti non è un caso che questi qua nella loro metamorfosi hanno scopiazzato pari pari anche il nome del democratic party 'mmerregano.
Da braccio sovietico della politica italiana sono diventati quello U$A quindi U$A e PD per quanto mi riguarda sono sinonimi (e difatti avvallano acriticamente qualsiasi porcheria propongono/impongono gli U$A,dall' euro al TTIP passando alle sanzioni alla Russia).

Luigi said...

Richiamo particolarmente l'attenzione sul punto 2 :-)

Oggi ad esempio "L'Unità" titola:
"L'Europa che non invecchia. I migranti ringiovaniscono il Continente, non tolgono lavoro e finanziano il PIL"

Evitare simili bestialità è tutta salute!

Ciao.
Luigi

Vanda S. said...

Lo conoscete?
https://youtu.be/QYsCM4iJ4Vo

Anonymous said...

Ho letto una ventina di righe di quell' articolo dell' Unità e non sono andato oltre, vista la sequela di luoghi comuni - vere idiozie ad uso di ideologizzati e buonisti di pancia poco raziocinanti - utilizzati per rendere sempre più digeribile quest' invasione senza senso.

Stiano a casa loro a costruire scuole, ospedali, ponti e strade, anziché consegnare ai cinesi le infrastrutture dei loro paesi come sta accadendo; siano risorse vere per le loro comunità piuttosto che rincorrere chimere, peraltro ben pianificate da sciagurati, in terre aliene.


Paulus

Nessie said...

PseudoSauro, mi aspetto la livrea e l'avatar per il decennale :-).

Mi aspettavo qualcuno dei tuoi consigli tipo andarsi a imbriccare in un bricco impervio in culo ai lupi, di montagna.

Nessie said...

Faithful, ti rispondo come ti ho già risposto nel post di sotto. Il pesce puzza dalla testa, e finché ci saranno i padroni internazionali ci saranno sempre i suoi servi. E il post "ce lo dice Lamerica" parlava della testa del mostro, non dei suoi tirapiedi.

Luigi, grazie per la segnalazione, ma ho poca voglia di perdere tempo a leggere l'UNITA'. Lo ha già fatto Paulus per noi.

Nessie said...

Vanda, non conosco questo cronista. Adesso ascolto il video poi ti dico.

Nessie said...

Luigi, ce n'è una serie di altre bestialità. Queste sì sono delle vere bestie! Ma a Renzi sono sfuggite. Juncker l'ubriacone ha dichiarato che discriminare l'immigrazione islamica per la loro religione è un po' come discriminare gli ebrei nel secolo scorso.

Anonymous said...

Trovati uomini reclutati nelle file dell'Isis camuffati da profughi.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/migranti-ancora-tensioni-ungheria-1168663.html

Z

Nessie said...

Di che religione erano? Scommetto che erano dei tranquilli animisti. ;-)

Consiglio di guardare questo video di una Marine Le Pen molto arrabbiata sui 50 milioni augurati da JUncker:

http://www.ilgiornale.it/video/mondo/pen-proposte-juncker-sono-vergognose-1168579.html

Nessie said...

Vanda, ho visto e sentito il video. Di santoni che predicano ormai ce ne sono anche troppi. Sono le azioni che mancano. Grimaldi proviene dall'area rifondarola. Non sono d'accordo su alcune cose (in particolare non mi piace il suo terzomondismo, la solita tiritera de sinistra sul colonialismo predone, il fatto che dobbiamo accogliere profughi perché glielo dobbiamo ecc.). Ma dire che dovremmo starcene fuori dalla Nato potrebbe avere una sua validità e plausibilità. Per ora, però, siamo agli slogan.

Massimo said...

E' una resistenza passiva che ricorda molto il "riflusso" degli anni ottanta. Purtroppo il nemico lo abbiamo in casa e adesso non hanno alcun pudore nel dire che non vengono in Italia gli anziani e le famiglie, ma giovani sotto i 18 anni. E solo un imbecille non capirebbe che se lasciamo che costoro occupino le nostre città, ci faranno lo stesso servizietto che nel Sud Africa hanno fatto ai Boeri. Per questo la resistenza passiva non basta, non ci salverà, ci farà solo sentire meglio, meno arrabbiati, come la manifestazione dell'8 novembre di Salvini a Bologna. Invece dobbiamo restare arrabbiati, anzi esserlo sempre di più.

Nessie said...

E' tutto verissimo, Massimo. Ma fino a che non c'è una forza politica che chiami veramente alla pugna gli Italiani, non puoi rimanere "arrabbiato" 24 ore al giorno per 7 gg alla settimana, moltiplicato per mesi e per anni. Ne va di mezzo la tua salute!
Questi sono consigli per la sopravvivenza quotidiana e individuale.

Huxley said...

Ciao Nessie, il grado di resistenza richiesto è veramente notevole, Benetazzo non mi fa impazzire ma questo suo articolo è assolutamente da leggere:

http://www.eugeniobenetazzo.com/propaganda-buonista-in-italia-conseguenze-patrimonio-immobiliare/

L'articolo termina così:

"Alcuni colleghi statunitensi mi hanno chiesto se abbiamo perso come italiani completamente il buon senso o la ragione: negli USA non sono riusciti ad integrarsi in cinque secoli mentre noi dovremmo avere la presunzione secondo chi ci governa di farcela in cinque anni. Quello che aspetta gli italiani che rimarranno nella loro terra nativa rappresenterà un incubo o il peggio dei due mondi (stagnazione economica e intolleranza sociale in progressiva ascesa). Sono pronto a scommettere che tra 25 anni in Italia chi oggi ha figli, invidierà chi non li ha avuti o ha scelto di non averli."

p.s. fortuna che io non figli

Anonymous said...

In culo ai lupi non ci si va tanto facilmente... bisogna chiedere loro il permesso, non come per lo Stato italiano. E' un'opzione valida anche se solo provvisoria. Fino a che la comunita' non ritrova la coesione non c'e' proprio alternativa se le cose peggiorano. Mi auguro anch'io che si possa vivere in comunita' coese e civili, ma temo che prima dovremo vivere esperienze molto sgradevoli. In tal caso i lupi potrebbero essere davvero il male minore.

La livrea del sauro l'ho mandata in tintoria. :-)

Il sauro

Anonymous said...

sono cose che faccio da piu' di ventanni salvo
1) andare in vacanza ( devo provvedere ad una anziana madre)
2) scrivere un diario ( sono pigro a scrivere perche' abituato ad aver una buona memoria)
3) parlare con amici validi ( qua nell' italia centrale sovietica sono tutti di razza piddiota :-) )
ws

Anonymous said...

Condivido tutto.
A mio parere il punto di non ritorno è già stato oltrepassato e non è più possibile intervenire in alcun modo.
Peraltro, il punto di fusione e di collasso finale invece lo considero ancora abbastanza lontano e sono felice che sia situato, secondo le mie previsioni, un po' al di là del termine della mia vita terrena.
Non ho figli.
Questi tre markers delimitano l'orizzonte mio personale di tranquilla consapevolezza nel quale cercherò di adottare i comportamenti che hai segnalato, che come ti ripeto condivido interamente.
Ciao Woody.

Nessie said...

Huxley, l'articolo di Benetazzo dice alcune cose condivisibili. Altre meno. Sul non aver figli è un vantaggio da una parte (si può più facilmente spiccare il volo altrove) e uno svantaggio dall'altra: chi resta si deve cuccare i figli delle "risorse". E magari pure qualche badante straniera che lo assista quando sarà vecchio decrepito. Se ci arriverà...

Nessie said...

Ws, mi spiace per i tre punti a cui non puoi ottemperare.

Woody, non aver figli è insieme un vantaggio e uno svantaggio, per le ragioni già espresse ad Huxley.

Nessie said...

@ Tutti una buona notizia. Ma specie per Huxley che ha messo il link di Benetazzo.

Anna e Yussef, la fiction su Rai 1, a sfondo muletnico è stato un FLOP disastroso.

Qui si cerca di edulcorare la notizia, pur ammettendo il flop di ascolti :

http://www.tuttotv.info/2015/09/08/anna-e-yusef-ascolti-molto-inferiori-alle-aspettative/

Ci vuole la segatura al posto del cervello illudersi che dopo la tragica bomba umana vissuta dagli Italiani in questi giorni, avessero ancora voglia di vedersela proporre in tv.

Hector Hammond said...

Io credo che andiamo verso qualcosa di inconcepibile pure per i stessi poteri forti che l'hanno provocato tutto questo casino. Ogni ipotesi è aperta, visto e considerato che il mondo non è solo quel che vediamo. Metto qui questa riflessione di Adinolfi, io sono monoteista ma condivido :) .

"Non incappate in errori sacrlieghi, non inimicatevi Lari. Il mondo ed il cosmo non si esauriscono in ciò che vedete. Fareste un calcolo sbagliato assai."

http://www.noreporter.org/index.php?option=com_content&view=article&id=23410:non-ce-dubbio-e-genocidio&catid=7:alterview&Itemid=13

Nessie said...

Letto. Adinolfi parla chiaro. Salvini sta dicendo cazzate con la storia che ospiterebbe 1 profugo.
Il problema è che anche i siriani non sono incolpevoli. Se ne vanno invece di combattere contro l'Isis. Chi ha aperto così repentinamente tutti questi boccaporti, lo ha fatto in vista di una guerra imminente che non è contro l'ISIS, ma contro Assad e la Russia.

Quel budino di Hollande che vuole combattere contemporaneamente contro l'Isis e contro Assad, viola il più basilare principio bellico: non si possono combattere due nemici contemporaneamente. E' evidente che i piani Nato sono altri. E a noi infliggono la porcata genocida dei "profughi".

Faithful said...

"Il problema è che anche i siriani non sono incolpevoli. Se ne vanno invece di combattere contro l'Isis. Chi ha aperto così repentinamente tutti questi boccaporti, lo ha fatto in vista di una guerra imminente che non è contro l'ISIS, ma contro Assad e la Russia."

Il problema è che quelli che volevano combatterli sono stati abbandonati a loro stessi pur di non fare indirettamente un favore ad Assad (anche qui ce lo chiede l'america,tanto per cambiare).
Semmai il problema è che questi qua erano già scappati in turchia e ora si sono riversati in europa dopo la spalancata di frontiere della culona che,come la DDR insegna,non vede l'ora di sciogliere il suo popolo per eleggersene un'altro,ma poi mi chiedo in tutto questo il trattato di Dublino vale solo per noi?
Che razza di buffoni di governanti,hanno spaccato le palle per mesi con questa roba e ora è come se neppure esistesse.

Nessie said...

Stasera ho visto quella faccia da caxxone bollito di Gentiloni che sulla questione dei russi in Siria non sapeva più che pesci pigliare. Poi hanno fatto parlare in tv al TG il solito espertone filo Nato che ha detto che i Russi sono lì per complicare il teatro di guerra in Siria. Ovviamente gli ameriCani sono molto preoccupati non dell'Isis e del Califfo, ma di Putin:

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/siria-moscaesperti-militari-russi-aiutano-i-siriani-preoccup-1168962.html


Anonymous said...

Su Siriani con jihadisti infiltrati all'interno dei "profughi", questa testimonianza :

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/verit-siriana-sui-profughi-molti-loro-sono-jihadisti-1169111.html

Se ci sarà una guerra, altro che manuale di sopravvivenza ci vorrà!

Z

Anonymous said...

"Ci vuole la segatura al posto del cervello"
purtroppo sei la solita "ottimista" ; in realta' stanno seguendo un ben programmato progeto sociologico ( trasformare gli europei in " pecore matte") e a giudicare dalla masse PDiote che mi circondano... "perfettamente riuscito" :-(
ws

Nessie said...

Non si dorme eh? e anche l'insonnia fa male al cervello. Non sono la solita "ottimista". Rilevo solo che in quel frangente (e cioè la fiction televisiva in oggetto) la strategia non ha funzionato e ha fatto flop.

Punto.

Nessie said...

Grazie Z, avevo già letto la testimonianza della donna siriana. Inutile aggiungere che anche questo allarme verrà ignorato dai delinquenti di casa nostra.

Hector Hammond said...

A tutto c'è un limite, pure per il teledipendente medio :) . Ma c'è qualcosa in tutta la televisione che sta lavorando sottotraccia, temo.Ed il porta a porta di vespa con i casamonica che purtroppo invece ha avuto un'audience vergognosa .Adesso tutti a fare i scandalizzati , a me sembra solo strategia voluta da qualcuno per normalizzare l'immagine dello zingaro.E non è il solo, il deldebbio che piange per i migranti messi con le tende in una piscina vuota , sembra una cosa che addormenterà la mente del teledipendente destroide , più che altro.

Aldo said...

Nessie, bene che quella boiata di sceneggiato da operetta di basso profilo abbia fatto fiasco, su questo concordo. Stempererei però l'ottimismo, perché gli stessi messaggi vengono veicolati sistematicamente da decide d'altre "produzioni" meno esplicite ma non meno venefiche dal punto di vista della propaganda. Messaggi sussurrati con insistenza nelle orecchie e negli occhi distratti di milioni di persone che ne assorbono i contenuti un pezzetto alla volta, senza neppure accorgersene perché non hanno abbastanza pregiudizi ("giudizi già formulati e consolidati in base a esperienze precedenti", se ben ricordi un mio vecchio commento). Sono certo che già ci hai fatto caso del tuo, ma m'è scappato di ripetermi. Porta pazienza.

Anonymous said...

Nel kit aggiungerei anche i blog come questo dove si possono condividere crucci e ragionamenti. Non è poco visto che come ben dice WS siamo circondati da torme di zombie fanatizzati con cui è impossibile scambiare qualsiasi pensiero e che ci fanno sentire isolati (come probabilmente in effetti siamo).
Nell'ambito del kit sottolineo la profilassi indispensabile della rigorosa astensione dai media di regime in qualsiasi forma possano presentarsi (dal TG allo spot pubblicitario). Se ci si viene in contatto bisogna restarlo il minimo indispensabile vista l'elevata tossicità per cervello e stomaco. A questo proposito faccio notare l'assoluto e ligio allineamento anche della Radio Vaticana e del TGCOM di Mediaset.
Scarth

Nessie said...

Hector, siccome metto in pratica quello che scrivo, Bru-Neo Vespa me lo sono schivato. Non mi piace il suo giornalismo sensazionalista da "plastico di Cogne e di Avetrana", pertanto non voglio nemmeno entrare nella sua polemica con Marino sulla questione di Casamonica. Come si dice dalle mie parti il cencio parla male dello straccio, e viceversa. Marino dovrebbe andarsene fuori dalle palle come sindaco (ma Renzi teme le elezioni) e Vespa dovrebbe andare in pensione.
La verità l'hai detta tu: si vuole normalizzare l'immagine dello zingarone cafone che ha il bagno con le maniglie d'oro. Oro trafugato certamente dalla loro manovalanza furtarola di cui si servono.

Nessie said...

Aldo, finiamola con 'sta storia dell'ottimismo. Sono contenta del flop e basta. Per il resto vuoi che non veda che perfino l'ultima edizione della Mostra Cinematografica di Venezia su Rai MOvie (gruppo Mediaset) viene fatto presentare a un presentatore di colore ? E' evidente che le "quote" le hanno già infiltrate in tante altre salse. Compresa la pubblicità. Poi è da quel dì che denuncio il fenomeno in tempi non sospetti:

http://sauraplesio.blogspot.it/2009/10/cercasi-signorino-buonasera.html

Nessie said...

Beh, Scarth, onestamente sarò particolarmente fortunata, ma quando con gli amici intavolo queste discussioni, bisogna fermarli da tanto sono dei fiumi in piena. Mai abbandonare la ricerca - diceva Parsifal.

Se hai pazienza c'è una sorpresina, a proposito di Curia e di Vaticano. Non più tardi di stanotte, qui su questi schermi. Grazie per la considerazione.

Anonymous said...

Per fortuna con qualche amico si può ancora parlare ma in certi contesti un po' più estesi ed esterni c'è da aver paura tanto è il ligio totale fanatico indottrinamento. E sto parlando nemmeno di pluridecennali feudi PCI/PDS/DS/PD ma di profondo nord (peraltro ridotto a una discarica in pieno degrado).
Attendo la sorpresina con accanto un doppio litro di amaro per il fegato visto l'argomento e la mia ipersensibilità in merito.
Scarth

Aldo said...

Nessie: "è da quel dì che denuncio il fenomeno in tempi non sospetti".

Non per niente ho scritto "sono certo che già ci hai fatto caso del tuo"... Certo, sicuro, senza dubbi. Mica volevo fare il detrattore, nè! Il merito a chi ce l'ha.

Nessie said...

L'avevo capito Aldo.

Scarth, di che zone del Nord sei? Piemonte, Lombardia, o Veneto?