09 December 2013

9 dicembre: riprendiamoci la dignità calpestata




Mentre scrivo questo breve post non ho alcuna idea su come evolverà la protesta  del coordinamento 9 dicembre, protesta che da ieri sera  alle 22  sta bloccando l'Italia e che i media si sono ostinati fino all'ultimo a sottovalutare e a  silenziare. Non credo che l'abbiano fatto solo perché temevano le razzie nei supermercati. Più semplicemente non volevano offrire "cassa di risonanza" a categorie che si stanno sostituendo ai sindacati. Chiamiamola una semplice azione di pompieraggio preventivo.
La "guerra mediatica" (poiché trattasi anche questa di guerra) la conosciamo già a priori, prevedibilissima del resto : lo sputtanamento nei confronti dei cosiddetti "infiltrati", "terroristi", "fascisti", " facinorosi".
L'insistenza con la quale ci hanno stordito con la sceneggiata parahollywoodiana delle primarie con il trio Renzi, Cuperlo, Civati (scontato l'esito), fa pensare che questa gente è scollegata dalla realtà, non ha né vuole avere il polso della situazione del paese. Non vuole sapere quando il troppo è troppo. Non sa sondare l'esasperazione che ormai serpeggia per tutte le regioni d'Italia. Ogni categoria sociale, ha la sua da ridire, ha molti motivi per protestare e per ribellarsi: i lavoratori autonomi, il popolo delle partite IVA, gli artigiani, gli agricoltori, gli operai, i disoccupati, i sottoccupati, gli impiegati in fase di proletarizzazione, i lavoratori del pubblico che sta diventando privato, i lavoratori del privato che perderanno il lavoro e diventeranno precari a 50 anni, i commercianti che hanno negozi vuoti e la GdF alle calcagna che fa loro le pulci, mentre lascia correre gli abusivi cinesi; gli studenti senza futuro, i giovani senza belle speranze, gli anziani senza la sicurezza di una vecchiaia serena, i bambini senza servizi educativi qualificati., ai quali però l'OMS e le organizzazioni onusiane predicano nelle circolari ad uso delle scuole,  che masturbarsi è bello. Gente italiana del Nord, del Centro e del Sud di questa disgraziata penisola che vuole tornare ad essere nazione che rinasce.



Che altro scrivere? Alzi la mano chi se la sta passando bene in questo periodo.
Letta minaccia sfracelli e parla con toni allarmati,  di nazionalismi e populismi che ridurranno l'Europa in "macerie". 
Macerie? Ci vuole un bel coraggio... Più macerie di quelle create dal suo governo e da quello precedente del suo maestro di consorterie massoniche Mario Monti, cos' altro deve ancora arrivare? Perciò è ora di riprenderci in mano il destino e la dignità che ci stanno calpestando di giorno in giorno,  di ora in ora. Il  9 dicembre sarà una data spartiacque, da ricordare.  


http://piovegovernoladro.altervista.org/blog/2013/12/09/diretta-nazionale-della-manifestazione-9-dicembre/

90 comments:

Lif di Euro-holocaust said...

Ciao Nessie. Mi faccio risentire dopo un po' per segnalare un paio di cose.
Sto partecipando, nei limiti del tempo disponibile, al presidio di Roma, non molto frequentato oggi, ma comunque indicativo dell'intero movimento nazionale, ossia totale a-politicità dei partecipanti e fortemente trasversale (quasi fianco a fianco c'erano ragazzi dei centri sociali e di Casapound, imprenditori veneti e studenti romani, niente sindacati, ecc. E mi auguro si continui così).

Quello che è interessante del movimento, che sta forse emergendo dal Coordinamento Nazionale 9 Dicembre, è che nasce dal mondo dell'imprenditoria medio-piccola e di determinate categorie del lavoro e, anche con l'esempio dei blocchi e dei picchetti, sta richiamando a sé tutti gli altri cittadini (me compreso), senza più le manifestazioni vecchio stile, ma con la testimonian

Lif du Euro-holocaust said...

con la testimonianza diffusa su tutto il territorio nazionale e con uno scopo che è chiaro, anche se forse ad alcuni spaventerà un po', ossia la totale eliminazione dell'attuale classe politica.

Quello che si sta affermando in tutti, ma proprio tutti i discorsi, è arrivare al giusto punto di ebollizione (senza incidenti o provocazioni violente) affinché l'intero arco parlamentare venga costretto alle dimissioni di massa, dopo di che nuove figure, non più legate ai vecchi partiti, emergeranno per forza di cose.

Non mi dilungo oltre. Ripeto, capisco che per molti la cosa sembrerà frastornante (domani tornerò al lavoro e vedrò le reazioni dei colleghi. Immagino che molti si chiederanno: ma se "quelli" se ne vanno, dopo che succederà?), ma nel giro di solo una settimana circa di mobilitazione si è già arrivati ad un primo seme di un nuovo movimento nazionale, senza capi né bandiere (almeno al momento), ma di soli cittadini, pronti a marciare sulla Capitale, dopo aver marciato sul resto d'Italia, ed eliminare, con le buone, un'intera generazione e casta politica.

Ci si riuscirà? Intanto invito tutti, nelle proprie zone di vita o lavoro, di partecipare almeno ai presidi, in modo da rendere visibile l'insoddisfazione crescente. Il resto verrà e verrà per forza di cose, una volta eliminati i parassiti.

Nessie said...

Grazie mille Lif. Ora mi informo sul presidio più vicino anche qui, ma sappi che mi trovo fuori sede.
Ad ogni modo, siete pregati tu e Vanda di continuare a mandare testimonianza VERE e magari link, fotogrammi e altri materiali di interesse. Io rilancerò qui.

Massimo said...

Io credo invece che stiamo ancora in gran parte troppo bene per rovesciare il regime. Basta guardare l'affollamento nel centro delle città per questi giorni di Natale e le stesse decorazioni, pagate dai commercianti (cioè dai privati). Una rivoluzione può riuscire solo se ci fosse un unanime spirito di rivolta, non quando metà o più, pur condividendo le ragioni della protesta, "tengono famiglia" ed evitano i rischi oggettivi dello scendere in piazza. Credo ci siano solo due sistemi per cambiare le cose: la violenza (come ha fatto Mandela ...) o il voto (come ha fatto Havel). In questa Italia può riuscirci solo il voto.

Vanda S. said...

Ciao a tutti! Io vivo in una zona di Roma abbastanza centrale e ieri pomeriggio sono uscita a fare del volantinaggio sull'evento. Grazie ai nostri media-meretrici, nessuno sapeva nulla, ma mi sono fermata a parlare brevemente ed ho usato una frase che sembra abbia fatto breccia nelle persone: "E' la prima volta che accade: le forze dell'ordine si sono tolte il casco di protezione e si sono unite al popolo in questa manifestazione nazionale assolutamente pacifica". Hanno preso i volantini, i negozi e bar li hanno appesi. Naturalmente ho esortato i giovani a partecipare (Anime belle! Purtroppo invece molti vecchi sono cinici ed egoisti!) ed ho riscontrato interesse ed entusiasmo! Vi terrò informati. Salutoni!

Eleonora said...

L'incensazione di fonzie non è ancora finita e il movimento dei forconi passa in quarto piano tranne che per i pochi violenti che si sono intromessi nelle manifestazioni. Noi sappiamo benissimo chi sono coloro che protestano pacificamente... E che la protesta, in un paese normale, andrebbe posta in primo piano e soprattutto ascoltata dalla politica. È chiaro che non siamo in un paese normale e che la gente normale non viene considerata perché quella gente non ha alcuna bandiera tranne quella col tricolore. Ma è più importante quel pagliaccetto di fonzie per i media appecoronati

Nessie said...

Raga' quante volte devo dirvelo che i media fanno parte del grande pacchetto del POtere? Che quando hanno deposto quel pirla di Berlusconi con un colpo di stato tecno-finanziario, la cosa ha potuto farsi perché i giornali acclamavano Monti come il Salvatore?

A Massimo. A mio modesto avviso ci vuole una cosa e l'altra. Poi non mi sembra giusto continuare a menarla con la storia del "tengo famiglia" quando c'è gente che in questi giorni se ne sta per ore e ore al fredduccio a presidiare.

Nessie said...

Grazie Vanda, tienici informati. Ho visto anch'io quella scena del poliziotto che si è tolto il casco. Coi No tav, non l'hanno fatto, ma qui è diverso.

Aldo said...

Due cose.

1. Non ci credo che le dirigenze non sentono "il polso" della situazione - secondo me sanno eccome, solo che decidono "altrimenti".

2. Ho saputo che c'è un presidio davanti alla prefettura di Alessandria. Oggi è la mia giornata di riposo - seguendo l'esortazione di Lif, sarò presente (sperando che serva almeno un minimo).

Nessie said...

Eleonora, visto che sul tuo blog fai spesso la rassegna stampa degli articoli più interessanti, ti chiedo di provare ora a rilanciare quel che succede nelle piazze e nei raccordi autostradali, negli snodi ecc, dei quali i giornali non ci informano. Guarda qualcuno di quei video di you tube, per vedere quel che i giornali non dicono,

Nessie said...

Okay, poi ci dirai dell'alessandrino, Aldo. Sulla faccenda del "polso della situazione" hai ragione in parte tu, e in parte la sottoscritta. Se gli oligopoli (finanziari e multinazionali) strapagano bene i loro servitori politici, è impossibile che si rendano conto di chi digiuna.

Josh said...

solo un passaggio veloce per dire...post azzeccato!

Perdona la volgarità ma ci sta tutta ed è vero:
hanno detto: fatevi delle...."masturbate"...
sarà perchè non costa nulla!
hai capito come l'UE mette a frutto i cittadini?

insegnatelo anche agli infanti.
Queste le direttive della Troika+OMS nelle scuole.
Ma per me stanno scovando una tassa anche sulla masturbzione.

Aggiungo: di là ti ho risposto molto in merito, sfiorando l'ineffabile (poi capirai)

Sul tema Forconi a Bologna:
corteo non enorme (non so quantificare) prima dicono davanti al Comune,
viali bloccati per un po';

Poi hanno sostato davanti alla sede di Equitalia vicino alla stazione:
i cori e gli striscioni sono al motto di

‘Non suicidatevi, ribellatevi’

In Emilia, a Bologna, di suicidi ce ne sono stati. Per me chiaro che 1 sarebbe pure troppo, ma sono stati molti di più negli ultimi 2 anni, qui la crisi morde per alcune categorie.

Poi il corteo si è diretto verso la sede della Regione E/R, accusata di furti e sottrazioni con i finanziamenti negli ultimi mesi.

la polizia ha fermato i manifestanti quando volevano bloccare la tangenziale verso via Ferrarese.

solo una cinquantina di manifestanti anti-Equitalia hanno proseguito verso piazza Maggiore, per entrare a Palazzo d’Accursio per interrompere di pomeriggio il consiglio comunale.

Erano pochi in effetti...qui hanno tutti la sverzura (come si dice qui) del "nuovo che avanza": Renzi-Fonzie.

E' per quello, tastando questo polso della città che Massimo ha scritto quelle cose sopra. Alcune categorie sono state colpite dalla crisi coatta, ma altre vanno avanti come prima e continuano a bearsi nelle balle di Monti, Letta, e ora Renzi e koalitionen varie.

La coordinatrice della manifestazione Elisabetta Bianchi, voleva intervenissero i dirigenti di Equitalia per parlare all'aperto coi cittadini, senza violenze e per far arrivare un messaggio forte.

Ora c'è il presidio dei Forconi in Piazza Maggiore fino a questa sera alle 22.

Domani, nella stessa piazza si rincontreranno alle 10:30 per marciare e bloccare ancora una volta il traffico cittadino.

In linea di massima anche qui cittadini senza appartenenza politica: studenti, lavoratori, disoccupati.
Se riesco ci passo dopo.
Da domani sono in H....


Nessie said...

Se vai a vedere il presidio, poi raccontaci, Josh.
Sono spiacenti per quelli di Iniquitalia, ma mi pare che anche l'ultimo degli impiegatucci là dentro non abbia proprio niente da dire ai cittadini vessati, subissati e angariati. Prima si toglie dalla palle Equitalia, meglio sarà per tutti. Non vedo perché si fanno concerti mondiali e mondialisti per cancellare il debito ai paesi del Terzo Mondo, per poi indebitare con cartelle pazze quelli del Primo.

johnny doe said...

Noi eravamo a Genova e stamattina a Verona.Devo dire che non ho mai visto una simile manifestazione di popolo in tutte le sue componenti e senza bandiere di parte ,senza partiti,senza sindacati,senza l'aiuto della stampaglia....a pensarci bene un miracolo se si considera che tutto é stato organizzato alla buona via web,e in tutta italia,dai capoluoghi alle città minori...certo,il rischio era la dispersione,ma era anche importante che fosse veramente su tutto il territorio nazionale.Credo non si sia mai vista una manifestazione nazionale con queste caratteristiche.

Non montiamoci la testa,ma é un primo passo di ribellione almeno....la rabbia é tutta vera,come anche quanto successo con le forze dell'ordine,nonostante ridicole smentite.Anche qui,sangue freddo,faranno sempre il loro mestiere nel caso ci siano scontri,ma nemmeno ho mai visto l'atteggiamento che ieri hanno mostrato e confermato dai comunicati Siulp e Ugl.
Si capiva chiaramente che non avevano nessuna voglia di scontrarsi.E quando mai si è visto gente baciare i poliziotti...!tutti hanno avvertito e capito questo stato d'animo...possibile che si siano tutti ingannati?
Forse qualcosa sta cambiando....almeno me lo auguro..intanto si continua...

Anonymous said...

Grazie Nessie, ottima informazione come sempre.

Stella

Nessie said...

Musica per le nostre orecchie, Johnny. Continua a presidiare e informaci quando puoi. Certo che no, che nessuno si fa delle inutili illusioni, ma i centri sociali insieme a Casa Pound sinceramente non li si sono mai visti in vita nostra, Idem per i poliziotti peraltro, in passato, agguerritissimi coi No Tav e in questo caso, invece, solidali e bonari.
Tenete alla larga partiti, sindacati e stampaglia menagrama c con cronisti mestatori!

Ripassa quando puoi e facci sapere!

Nessie said...

Stella, com'è lì a Milano? Ho sentito che c'è stato casino coi presidi al Duomo e a Loreto.

johnny doe said...

sui sindacati,da leggere questo ulteriore articolo di Marco Cedolin..

http://ilcorrosivo.blogspot.it/2013/12/a-difesa-del-proprio-status-quo.html

Parassiti,incapaci,collusi....e fanno pure la morale...

Ultime.La protesta continua in tutte le città,in alcune é pure aumentato (non a Varese e Pisa),specie in Puglia.Torino,tutto ancora bloccato,tangenziali e l'accesso all'aeroporto.Naturalmente impazza la disinformazine...Repubblica in prima fila...Vogliono addirittura multare i manifestanti pacifici o meno.
Perugia, i Forconi occupano la sede del Pd.
Milano,Loreto bloccato dai trattori.
Ora siamo rientrati da Montecchio Veneto,un bel presidio,dove ci siamo un po' rifocillati,e scaldati al fuoco.....straordinari i veneti.
Domani,o Milano o Bologna....non deve fermarsi.

Nessie said...

Benone! Impazza la solita DISINFORMACIJA di regime. Compreso quello dei giornali "antisistema" come Il Fatto. Stasera Padellaro (nomen/omen) in tv ha fatto letteralmente schifo. Pretendeva il certificato di arianesimo dei Forconi.

Vanda S. said...

Roma in totale fermento. Il governo sta tremando. Per ora mi fermo qui. Domani saro' in piazza con loro. Vi terro' informati.
Il REGIME sta rivelando tutte le sue falle, soprattutto nell'informazione pubblica.

johnny doe said...

Il Padella é restato quel che é sempre stato,un pirla....sono incazzati perchè non é un flop,e non organizzata da sindacati e partiti

Nessie said...

Stasera ci sono i soliti papaveri del Pd (quella biscia d'acqua di Orlando, in testa) che lo menano e lo remenano con il disagio di pochi lavoratori (i Forconi) su molti. Non hanno capito una mazza: sono i "molti" contro i "pochi"
privilegiati della casta politico-sindacale-mediatica.

Nessie said...

Vanda, Johnny e Lif, continuate a informare.

Lif di Euroholocaust è a Roma come te, Vanda. Non trovate il modo di incontrarvi attraverso FB, per coordinarvi?

Vanda S. said...

Sarei felicissima d'incontrare Lif!
La mia email e': vandeiw@gmail.com

Anonymous said...

Sono stata bloccata fuori per un po', oggi passo in centro e ti racconto.

Stella

Nessie said...

Vanda, ho sentito che a Roma c'è aria di città blindata. Facci sapere gli sviluppi...
Qui un post di Barnard a Mariano Ferro leader del movimento dei Forconi:

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=750

Intendiamoci, B. ha la sua parte di ragione, perché la gente comune non regge a lungo il blocco, i disagi e il casino. Ma mi pare che si illuda quando pensa che facciano arrivare i TIR a Bruxelles davanti all'Eurotower. Lì, mi sa tanto che ci siano già i cecchini.

Anonymous said...

a Ferrara sono pochini:http://www.estense.com/?p=348201

che città morta...
Maria Luisa
PS

a proposito di pressione fiscale mio marito ha chiesto un "mutuo"per pagare le tasse

Vanda S. said...

Vi segnalo questo splendido video e vi includo la mia traduzione:

Intervento al Parlamento Europeo del 21/11/2013. Parla Godfrey Bloom membro dell'UKIP. "Signor Presidente, vorrei citare la grande filosofa americana Mary Rothbart che dichiara che "lo Stato e' un istituzione adibita al furto. Le tasse sono un mezzo, per i politici ed i burocrati, di rubare al popolo, spremendoli come un limone senza alcun ritegno!" e questo luogo non e' un eccezione! Sono affascinato del fatto che riuscite a mantenere un apparente di serietà quando parlate di evasione fiscale. L'intera Commissione Europea ed i suoi burocrati evitano di pagare le tasse! Perché non pagate le tasse come qualsiasi cittadino? Invece voi avete un trattamento di favore, avete moltissime agevolazione che evitano qualsiasi tassa. Non pagate neanche i contributi per le pensioni che percepirete! Voi siete i più grandi evasori fiscali dell'Europa, mentre siete qui a pontificare.
Bene, vi dico che questo messaggio arriverà al popolo europeo e vi dirò di più, a giugno il numero degli euro-scettici crescerà. Vi dirò di piu', diventeranno cosi' tanti che invaderanno questo luogo, vi prenderanno e vi impiccheranno e avranno ragione!"
http://youtu.be/Z0uC8BO8cno

Johnny88 said...

Mi fa ben sperare il fatto che ho notato diversi amici e conoscenti che mai si erano interessati alla politica scendere in piazza.

Quanto a quelli del PD, che dire, alla fine son sempre loro. Se non son loro ad occupare le piazze è automaticamente "Fassismo!"

Nessie said...

Grazie Vanda,
hai postato un altro commento attinente a questo argomento nel post pregresso della Ferrari.

Lif se ci senti, collegati con Vanda, l'email ce l'hai.

Nessie said...

Johnny, se i cortei sono egemonizzati dalla Trimurti o dal Pd, fingono di dire che sono "le masse a volerlo".Laddove invece non hanno alcun controllo al riguardo, allora cominciano a insinuare che trattasi di "demogogia", di "corporativismo", di lotte di settore, di minoranze che prendono in ostaggio maggioranze e via sputtanando....

La calunnia è un venticello....cantava Don Basilio nel Barbiere di Siviglia.

Anonymous said...

Milano, in p. Loreto ce ne sono un bel po', sono andata a solidarizzare con loro. Poi è arrivato un pullman di idioti decerebrati tifosi dell'Aiax in preda all'alcool, è iniziato il casino e ho dovuto allontanarmi...

Stella

Nessie said...

Maria Luisa, così si passa dalle banche alle banche! Sono dei bastardoni!

Stella, ho sentito. Mi sa che quelli dell'Ajax ce li abbiano mandati apposta.

Vanda S. said...

Oggi pomeriggio io e un altro membro del comitato di Riva Destra (Giuseppe), siamo andati al Presidio di Roma. Con doveroso rispetto, non avevamo nessun simbolo di appartenenza ed io indossavo un cappellino rosso che emulava i berets rouge bretoni. C'era un discreto gruppo di persona, ma niente da giustificare l'impressionante spiegamento di forze dell'ordine, che stavano li annoiati. Le persone del presidio erano agguerrite contro il governo, ma hanno fermamente insistito che manterranno questa manifestazione nell'ordine e protesteranno in modo pacifico. Saggia decisione perché i rapaci del nostro governo prenderebbero al volo qualsiasi pretesto per additare il gruppo come "terroristico"! Giuseppe, che e' l'ufficio stampa per Riva Destra, ha fatto molte foto, preso dei filmati e fatto delle interviste. Ho preso anch'io delle foto. Triste osservare la poca partecipazione del popolo romano, sempre pronto a lamentarsi ma lungi da prendere qualsiasi iniziativa! Io dico sempre che Roma e' sulle sabbie mobili, perché non si muove nessuno! C'erano famiglie con bambini, lavoratori ora disoccupati, anziani, disabili, molti delusi e tanti arrabbiati! Entro sabato arriveranno gli altri presidi da tutt'Italia e si marcerà fino a Montecitorio. Nel frattempo i media continuano la campagna d'indifferenza o denigrazione: che schifo!

Vanda S. said...

Piccola nota su quelli dell'Ajax e tutti fanatici, violenti del calcio: li regalerei volentieri a Bruxelles. Ne facciamo volentieri a meno!!!!

johnny doe said...

Oggi siamo stati a Milano,bloccata tangenziale ...prossimo blocco totale Tir,Torino non molla ,Bologna idem,un centinaio,tutti con bandiere italiane, anche a Orte con blocchi ditrattori e camion,a Mantova ,molta gente al presidio e poliziotti che mangiano coi manifestanti...Andria grande folla in piazza,tutti incazzati...,come in tutta la Puglia...Parma e Modena,blocco autostrade ed intervento polizia.... Padova,Monselice...respinti poitici che volevano intrufolarsi.....nessuno vuol mollare,protesta ad oltranza...é pure previsto per il 17,se ho capito bene per telefono,un grande raduno di tutti i manifestanti a Roma...tutti ci vogliono andare
A roma zona Parlamento blindata,mentre dentro si officiava il rito fasullo della fiducia dei tutti decaduti....mentre il pentolaio fiorentino,l'eunuco pizzinaro e il cadavere in putrefazione del colle sono alleati nel togliere la parola al popolo sine die.....non vogliono il voto,questi luridi figuri...
Stasera ci riposiamo...saluti a tutti e a Vanda.

Eleonora said...

Ah, quel sant'uomo di letta a b. Che gli consiglia di non lisciargli il pelo a quei delinquenti che sono scesi in piazza a protestare... Però che faccia da sedere il premier sapendo che nel suo partito ci sono altro che fior fiore di delinquenti devastatori che vengono aiutati dai loro avvocati.

Anonymous said...

Se prima erano solo disagi ora è blocco. Al punto che la polizia municipale ha istituito la deviazione per tutti i veicoli provenienti da Venezia che transitano per via della Libertà. Impossibile raggiungere la zona della Fincantieri: lì ci sono i "forconi" che manifestano e che si mettono in mezzo alla strada.
Chi intende raggiungere Mestre dalla laguna, quindi, deve imboccare il cavalcavia di via Torino e bypassare il blocco. Almeno fino a poco prima dell 19, quando la situazione è tornata tranquilla.“Anche qui non si scherza!! (Il Vate).
Stia attento quel pagliaccio al colle,
a non sottovalutar le incazzate folle.
Lui,che sordo e orbo non vede elezione,
dietro l’angolo si ritroverà un forcone
che pian piano gli rimuoverà il pannolone
lasciando al vecchio re nudo il deretano
e con dente aguzzo gl’infilerà forte l’ano
e alle deliranti urla del sozzo napoletano
griderem Evviva! Evviva!il popolo italiano!

Nessie said...

Essì, cara Vanda, mi sa tanto che Roma meriti proprio una bella invasione. Mandami in posta privata qualche fotografia rappresentativa del momento. Grazie del reportage.

Nessie said...

Johnny, ma cosa fai? la Piccola Vedetta (e staffetta) lombarda? :-)
Beato te che ti giri l'Italia che lotta e resiste!
Come Vanda, scatta qualche foto eppoi postala sul tuo blog. Sarebbe interessante che riprendessi i poliziotti che dividono il cibo coi manifestanti. Dal momento che gli agenti di polizia li costringono a comprarsi da soli le uniformi, non hanno altra scelta che unirsi al popolo inferocito.

Nessie said...

Ele, ho sentito il discorso dell'Ologramma indecente. Ha detto che lotterà come un leone? Beh, finora ho sentito solo Il Ruggito del Bruco!

Nessie said...

Vate, con quest' ultima ode ti merito davvero il Premio Pulitzer.
Sei veneto? Non lo sapevo. La prossima volta mi aspetto una filastrocca alla Fusinato.

Nessie said...

Il TG3 detto Telekabul, è quello che ha fatto più schifo di tutti. Bianca Berlinguer, dall'alto del suo giornalismo così imparziale e anglosassone (sic!) stasera ha detto che Berlusconi voleva andare a parlare coi Forconi ma che poi ha desistito perché con ogni probabilità gli avranno detto che le frange più violente tra di loro, impediscono ai piccoli commercianti di tenere aperti i loro esercizi.
Avete sentito bene?
In mancanza di fatti accertati la Berlinguer, ci comunica i suoi
pensieri occulti. Insomma, siamo al GIORNALISMO DELLA TRASMISSIONE DEL PENSIERO. Lei, evidentemente era lì a raccogliere le confidenze segrete dei consiglieri del Berlusca. Ah! ah!

Nessie said...

Al Tg1 e sul Corriere invece, si sono soffermati su un capo dei Forconi che va via in Jaguar. Il bello che la Jaguar non la guidava nemmeno lui. Ma evidentemente, non riuscendo a risparmiare sulle auto blu, si attaccano alle Jaguar. Una vera nausea!

Nessie said...

@ Tutti quelli che per varie ragioni non possono presidiare.

come si fa a distinguere un'informazione vera da quella falsa? Semplice: se questi movimenti non piacciono ai sindacati,non piacciono ai partiti governativi, non vengono convocati a un tavolo di trattative del governo, se ne parla con sufficienza nei talk show, si insiste su dettagli marginali facendone dei casi generali, si fissa un dettaglio per farne, un'immagine simbolo in modo deleterio, allora le cronache e i reportage sono FALSI E TAROCCHI.

Ps: Aspetto notizie piemontesi anche da Aldo.

Lif di euro-holocaust said...

Salve a tutti. Domani invio una mail a Vanda, perché non sarò presente in giornata, ma per il pomeriggio di venerdì si può fare.

Solo un paio di cose telegrafiche:
1) La gente sa, ma è ancora molto timida (o intimidita dalla novità) o forse è la piazza romana, troppo sonnolenta.
2) Noto che quelli che si dicono a sinistra, ma che non hanno alcun reale impegno sociale, guardano al "9 dicembre" come al Male. E' capitato anche a voi?
3) Mi sembra che la copertura mediatica incominci a crescere. La copertura da parte dei media stranieri invece è 0/zero.
4) Per chi sta nella piazza romana: i blocchi alla metro di mercoledì mattina non erano dovuti solo al "9 Dicembre" o collaterali, ma ad una manifestazione di lavoratori delle ditte di pulizia della metro stessa, che, forse spinti anche dall'energia del "9 dicembre", hanno deciso di colpire in maniera eclatante. Un domino di rivolte travolgerà l'attuale classe politica.
Saluti.

johnny doe said...

Purtroppo non abbiam pensato a scattare foto dei poliziotti che mangiano coi manifestanti,ma se c'è qui qualcuno che era al presidio di Mantova può confermare.
Eh sì,abbiamo fatto due giorni di staffetta Veneto-Lombarda per sincerarci de visu come stavan le cose.E veramente abbiam visto un popolo incazzato e intenzionato a non mollare.
Non sia riusciti ad andare a Bologna,vediamo domani.

Stasera,alla Gabbia (che ha dato ampio spazio alla protesta) ad un deficiente piddiota in studio che tirava in ballo la Jaguar,Calvani ha risposto che non è sua,e ha fatto nome e cognome del proprietario che si è messo a disposizione per accompagnarlo in giro tra i presidi (era a Torino),e che lui manco ce l'ha l'auto....finendo poi per apostrofarlo come un ipocrita parassita.Silenzio del piddiota.
Saluti a tutti e partecipate,se potete, nella vs città....non bisogna mollare,almeno fino a venerdì,poi andremo a Roma....

Vanda S. said...

Saluti a te, Nessie, ma anche a il Vate, Johnny, Aldo, Lif e tutti gli altri amici.
Avete visto ieri sera la puntata de "La Gabbia" su La7? Finalmente qualcuno che fa del serio giornalismo! Spero che gli italiani che non hanno partecipato finora a questa protesta, si siano resi conto di quant'e' importante il loro supporto.
Il Comitato della Manifestazione sta ora chiedendo a tutti gli italiani che non possono scendere sulle piazze, di mostrare il loro supporto mettendo a sventolare il tricolore sui loro balconi. Mi sembra il minimo che possono fare! Lo fanno per le dannate squadre di calcio, facciamolo per una giusta causa!

Nessie said...

Ecco fatto Vanda, Lif è tornato. Vedere il suo commento delle 8, 48 am. Così potrete mettervi d'accordo.

La Gabbia di ierisera non me la sono persa e mi ha fatto piacere che per ora, almeno una trasmissione abbia detto la verità su chi sono questi cittadini che aderiscono.

Nessie said...

Lif, sì mi succede continuamente. Non appena parlo con qualcuno targato pd & dintorni, l'unico ritornello che sanno ripetere ad nauseam è che così si crea disagio agli altri cittadini, che i commercianti non possono fare affari sotto Natale e bla, bla, bla...E' indecente che gente che ha fatto delle proteste e dei cortei inutili, spesso sfociati nella violenza (i famosi "compagni che sbagliano") il loro leit motiv, ora si mettono a dottoreggiare e a pontificare solo perché si sentono tagliati fuori.

Nessie said...

Johnny, si vedeva lontano un chilometro, che quella della Jaguar era una bufala colossale con il solito scopo "sputtanamento preventivo". La prossima volta diranno che Mariano Ferro dei Forconi ha l'amante. Sai che scoop!

Vanda S. said...

Cancella il messaggio precedente! Trovato! Era pubblicato alle ore 1:28. Grazie

Nessie said...

Una cosa su Barnard ierisera. Sinceramente stavolta non mi è piaciuto. Come fa a pensare che la gente comune si appassioni di economia e si iscriva ipso facto alla Mosler Economics MMT? Come fa a ostinarsi a non voler capire, che è la politica che deve guidare l'econoomia e non viceversa?
Potrebbe avere anche la teoria economica più giusta del mondo, ma senza un vero referente politico che la fa propria (referente che per ora non c'è) la teoria rimarrà pur sempre in ibernazione.

In questo momento assistiamo al paradosso italiano, di cittadini più consapevoli e determinati a cambiare della loro classe politica. E che devono fare questi cittadini? Non mobilitarsi solo perché non c'è la classe politica che raccolga le loro istanze?

O correre tutti quanti a diventare degli esperti in macroeconomia? Suvvia un po' di buon senso!!!

Nessie said...

Dove invece Barnard ha ragione, è nel pretendere di poter parlare ed esporre senza il casino della curva sud dietro le spalle:


http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=751

Anonymous said...

Maledetti "piddioti"!!! Le studiano tutte, noi coi forconi a "romper coglioni",e loro?? Guardate un po' la mezza suora della Serracchiani che fa???...questa brutta "bronsa cuerta" (brace coperta)..(IL Vate)http://www.gazzettino.it/NORDEST/PRIMOPIANO/serracchiani_rimborsi_m5s_bocciatura_grillini_regione/notizie/404034.shtml

Vanda S. said...

Considerazione personale: uno dei tanti problemi dell'Italia è la desertificazione della gioventù. Stiamo diventando un paese di vecchi. Basta guardarsi attorno nelle strade...Ogni volta che viaggio in altri paesi, mi accorgo di quanti giovani ci sono nelle altre nazioni! La Grecia per esempio: ero a Salonicco poco tempo fa ed era bellissimo vedere le strade piene di ragazzi! Lo stesso in Germania! I giovani portano entusiasmo, interesse, partecipazione, energia!
Purtroppo la maggior parte dei vecchi invece guarda il mondo dalle finestre di casa....

Nessie said...

Vanda, in compenso ci sono gli extra a tenere alto l'indice demografico. :-(

Nessie said...

Letto, Vate. Sì il "nuovo (piddiota) che avanza" incomincia bene.

Nessie said...

Sentite questa del sindaco comunista Emiliano... I Forconi protestano per colpa di Berlusconi il pregiudicato e di Grillo il mestatore:

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/notizie/politica/2013/12-dicembre-2013/emiliano-protesta-forconi-ispiratadal-pregiudicato-berlusconi-grillo-2223786244004.shtml

questi comunistacci fanno della loro malafede, la loro professione quotidiana. Pensare che la gente ne ha pieni i testicoli, invece no, eh? Che razza di imbecilli imbroglioni!

Anonymous said...

la figuraccia barbina dei media sulla Jaguar di Calvani che oltre a non essere sua è stata pure pignorata dagli usurai di Equitalia. Non avevano niente di meglio a cui attaccarsi per sputtanare ad ogni costo :

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/jaguard-leader-dei-forconi-pignorata-975377.htm

Z


Vanda S. said...

Per la protesta, potete trovate gli aggiornamenti in tempo reale qui:

http://www.novedicembre.altervista.org/

Nessie said...

Zeta, quella stronzata sulla Jaguar mi fa sconpisciare dalle risate:

1) le macchine d'epoca costano meno delle altre e hanno forti sconti di bollo

2)Con tutte le ricche trasferte, i benefits, le prebende di cui gode la casta politica e pure i castaroli lecchini della stampaglia, attaccarsi a un vecchio catorcio, per giunta non del Calvani, è il massimo della disonestà informaativa.

Ma tant'è , siamo circondati da pagliacci millantatori di professione.

Nessie said...

Grazie Vanda, un amico della provincia di GE, mi ha giusto chiesto dove si trovano i presidi perché voleva parteciparvi. Il sito che mi hai dato è in costante aggiornamento, comunque vale la pena di consultarlo.

Stasera gli studentari de sinistra alla Sapienza hanno lanciato bombe carta, ma se sono targate da loro, anche le bombe vanno bene. Per i nerboruti camionisti invece, c'è già la censura preventiva. Dovevano vestirsi da froci e mettersi il boa di piume di struzzo. Così tutto quanto sarebbe stato loro permesso.

Lif di euro-holocaust said...

Salve a tutti.

X Vanda: ti ho mandato una mail (anzi due, ma uno è un doppione. Sorry)

johnny doe said...

Momenti di tensione stamane nella città ligure di frontiera di Ventimiglia; un gruppo di manifestanti del Movimento dei Forconi e del Comitato 9 dicembre, ha infatti sbarrato il casello di frontiera con la Francia. Poco dopo, la Polizia, in tenuta antisommossa, è intervenuta per levare i blocchi.
Molti cittadini di Ventimiglia, hanno comunque continuato la protesta in centro, dove alcune strade verso la Francia sono state bloccate; al momento, raggiungere il paese transalpino risulta difficile. Il quotidiano locale, SanRemoNews.it, sostiene che in piazza al momento ci sono un migliaio di persone, tra cui molti commercianti e tanta gente comune; difficoltà della circolazione nella SS Aurelia.


Poi ieri, sulla scia dell’esempio di quello che era successo a Torino, anche a Imperia i poliziotti si sono tolti i caschi in segno di solidarietà. E’ successo quando parte del corteo andava a dare rinforzi verso fine giornata al presidio all’entrata della città da Capo Berta, e i poliziotti tentavano di impedire i due gruppi di riunirsi perché avevano ricevuto l’ordine dal questore di smontare i presidi, di cui correva voce che fossero “illegali”.

http://www.stampalibera.com/?p=69375

johnny doe said...

La giunta fascista pinochet del governo e i loto infami pennivendoli (qui do ragione a grillo):

"La Repubblica, La Stampa, Il Corriere della Sera e l’Unità in testa hanno iniziato a chiedersi “ma chi sono questi, chi glielo da il diritto a questa protesta populista di bloccare il paese”, mica sono la CGL, mica sono i metalmeccanici o i dipendenti dei trasporti pubblici, quelli si che possono bloccare ad oltranza come avvenuto a Genova ultimamente, senza che nessuno si scandalizzi. Saranno mica fascisti, sobillati da Forza Nuova, Casa Pound, magari dalla mafia, questi sono “brutti sporchi e cattivi” e non hanno diritto di parola e ci mancherebbe altro, siamo o non siamo una Repubblica nata dalla resistenza? Tutti i commentatori del “politicamente corretto” hanno subito manifestato il loro disprezzo. “ Guai a loro se osano bloccare il paese” ha tuonato Alfano, ministro dell’interno e leader del nuovo centro destra. Ai populisti non bisogna lasciare il campo, ha detto Letta, lasciano solo macerie. Sono seguiti subito i commenti di disprezzo e di condanna dei vari Ezio Mauro, Giannini, Gramellini, Gad Lerner, ecc.. Fassino il sindaco di Torino che ha dato l’ultimatum ai manifestanti: “ora basta,nno sconvolto la vita della città”. Idem il messaggio di condanna del “conte rosso” di Genova, l’aristocratico Marco Doria, anche perché non si tratta di camalli a stipendio pubblico o ferrotranvieri che possono paralizzare la città. Tutti sostenitori del politicamente corretto e alfieri della “difesa delle Istituzioni democratiche”.

http://www.stampalibera.com/?p=69350

Anonymous said...

E se anche la jaguar fosse stata di Calvani mica gliel'abbiamo pagata noi..
Laura

Nessie said...

Johnny, stavo giusto scrivendo un post contro Alfa-Tricheco che si è messo a tuonare contro "la deriva ribellista" e a fornire rassicurazioni sul fatto che "togliersi il casco" non è da considerarsi un gesto di solidarietà. Un povero due di Picche che da Alfini finirà anche peggio di Fini. La sua frazioncina pagata da Bella Napoli finirà in frantumi.

Nessie said...

Già Laura, oltretutto quella snobbona con l'eterna puzza sotto il naso della Concita de Gregorio è stata tra le prime a rilanciare la faccenda della Jaguar.

Anonymous said...

Sono penosi! niente niente che qualcuno cominci a ca@arsi addosso? Sono sincera: avevo molti dubbi, ma sto vedendo che la gente che non sa VUOLE essere informata. Qui al mio paese non c'è un presidio (è un piccolo paese di provincia) dovrei spostarmi almeno fino a Varese, so che c'è n'è uno, ma non ho il tempo materiale. Seguo comunque la diretta da FB ogni giorno.
Un forza e coraggio a tutti gli amici che manifestano, lo stanno facendo per tutti.
Laura

Nessie said...

Laura, il tuo paese si trova nella provincia varesina?
E sai se per caso a VA c'è un presidio?

johnny doe said...

Danilo Calvani insieme agli altri agricoltori dell'agropontino e non solo, da ANNI lottano per SOPRAVVIVERE quelle aziende agricole che in molti casi hanno ereditato dai genitori, se non dai nonni, e che oggi lo Stato, con la complicità dei sindacati agricoli subalterni al sistema, sta DISTRUGGENDO: Frutta e ortaggi vengono importati dall'estero, spesso dal nordafrica o dalla Spagna (peraltro senza efficaci controlli...) inoltre la "grande distribuzione" IMPONE prezzi da fame: se vogliono vendere il raccolto, devono accettarli, l'alternativa è far marcire sull'albero i frutti.
La grande distribuzione va dai produttori e impone diktat di questo tipo: "noi ti prendiamo tutto il raccolto a 0,05€ - 0,10€ al kg, o niente"... la merce finirà sugli scaffali dei supermercati per 2€ al kilogrammo. Un problema noto nell'ambiente.
LA MACCHINA DEL FANGO: SEGNO EVIDENTE CHE IL SISTEMA HA PAURA!!! Al sistema piacciono le parate del sindacato, che paga bus e panino ai partecipanti; le FALSE proteste, quelle "controllate"; il fatto che CENTINAIA DI MIGLIAIA di cittadini di TUTTE le estrazioni politiche e sociali si siano uniti VERAMENTE dal basso, li SPAVENTA: sanno che da queste proteste può scoccare la scintilla del VERO CAMBIAMENTO, ed è per questo che hanno "affilato gli artigli" per DELEGITTIMARE una SACROSANTA PROTESTA.
Hanno visto negli occhi di Danilo Calvani la rabbia di coloro che da ANNI, DA SEMPRE, vengono vessati da questo stato INIQUO E SEMPRE PIU' DITTATORIALE.

johnny doe said...

oggi abbiamo pure questa:

PROPRIO OGGI NEL SILENZIO GENERALE è PREVISTA LA CENSURA DEL WEB DA PARTE DI AGCOM:
http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/12/11/agcom-12-dicembre-una-data-da-ricordare-per-linternet-italiano/809866/)

Nessie said...

Johnny, hai per caso l'intero pezzo di Blondet sui Forconi? quello che inizia così:

"Per una volta sono scesi in piazza dei cittadini esasperati. Alcuni hanno bloccato strade e stazioni ferroviarie. E subito, indovinate chi li trova scandalosi, chi invoca l’ordine pubblico, chi li vede sporchi e sospetti, chi sospira dai grandi giornali contro questi «che fanno chiudere i negozi e impediscono agli automobilisti di andare a lavorare»? Ma la sinistra, perbacco.

La sinistra intera e totale, come corpo. Una manifestazione corale ed automatica di perbenismo, un riflesso pavloviano di conformismo, una schifiltosità immediata che è molto rivelatrice.

«Queste non sono persone ammodo, contessa: sono camionisti, contadini, maleducati, mafiosi, d’estrema destra...». Gad Lerner, richiamato in servizio, ha seguito una manifestazione e non ha abbastanza parole per esprimere il suo schifo: ci ha trovato «qualcosa di cileno», anzi peggio"...

Magari se ce l'hai, per cortesia puoi pubblicare il seguito qui? L'incipit promette bene.

Anonymous said...

Io sono in provincia di Milano ma, praticamente, il mio paese sta nel mezzo, stesso tempo per andare a Milano che a Varese. Comunque il presidio di Varese, stando alla diretta che seguo su FB, dovrebbe trovarsi al Ponte di Vedano.
Oggi c'era tanta gente, se qualcuno sta leggendo potrà fornire più informazioni.
Comunque, questo dovrebbe essere l'indirizzo FB del gruppo di Varese:
https://www.facebook.com/groups/1391511954425801/?fref=ts
Laura

johnny doe said...

Sorry,il pezzo su Calvani é di Alessandro Raffa, portavoce di Nocensura.com.

Trovi il pezzo completo di Blondet nel commento di Bennyhill nel nostro precedente post "Finalmente...."

A varese,il presidio dei manifestanti da due giorni é al ponte di Vedano Olona

Nessie said...

Ah ho capito Laura, quei paesi dell'hinterland tipo Saronno, che in realtà sono più vicini a MI.

Il problema è che non sono iscritta a FB e pertanto non posso entrare nella pagina che mi hai linkato. Comunque quando torno a casa, mi metto in contatto col gruppo di Vedano. Che comunque è lontanissimo da me, visto che sono spostata sulla zona del Lago Maggiore.

johnny doe said...

Soldi soldi soldi. E Forconi.
M.Blondet 11 Dicembre 2013

Per una volta sono scesi in piazza dei cittadini esasperati. Alcuni hanno bloccato strade e stazioni ferroviarie. E subito, indovinate chi li trova scandalosi, chi invoca l’ordine pubblico, chi li vede sporchi e sospetti, chi sospira dai grandi giornali contro questi «che fanno chiudere i negozi e impediscono agli automobilisti di andare a lavorare»? Ma la sinistra, perbacco.
La sinistra intera e totale, come corpo. Una manifestazione corale ed automatica di perbenismo, un riflesso pavloviano di conformismo, una schifiltosità immediata che è molto rivelatrice.
«Queste non sono persone ammodo, contessa: sono camionisti, contadini, maleducati, mafiosi, d’estrema destra...». Gad Lerner, richiamato in servizio, ha seguito una manifestazione e non ha abbastanza parole per esprimere il suo schifo: ci ha trovato «qualcosa di cileno», anzi peggio di berlusconiano e grillesco. Su La Stampa, Massimo Gramellini sparge lacrime su una negoziante a cui i manifestanti hanno fatto abbassare la saracinesca (la stessa Stampa deve parlare di ristoratori torinesi che, invece, offrivano pastasciutta ai protestatari), e moraleggia: «Chissà se esiste, per l’umanità evoluta (?) del ventunesimo secolo, la possibilità di esprimere l’esasperazione senza la prevaricazione e la rabbia senza la violenza vigliacca che si accanisce contro i più deboli». Fassino, il sindaco comunista: «Ora basta, hanno sconvolto la vita della città». Il sindaco di Genova, il conte rosso Marco Doria, deplora i modi: «Le forme di protesta non possono essere fuori dal rispetto della legge e tali da arrecare danno ai cittadini». È lo stesso sindaco Doria che s’è lasciato stuprare per giorni e giorni dai tranvieri genovesi, questi camalli rossi a stipendio pubblico, che hanno scioperato per cinque giorni, disobbedito alla precettazione prefettizia, invaso lo stesso comune e minacciato fisicamente il conte Doria… Ma a quelli, Doria mica ha detto che «Le forme di protesta non possono essere fuori dal rispetto della legge e tali da arrecare danno ai cittadini».
(continua)

johnny doe said...

(seguito)

Eh sì. Si sono manifestazioni che la sinistra perbene approva, che trova perfettamente legali e ben educate. Le giornate del gay pride dove i trionfatori, finocchioni e transessuali e travestiti gettano in faccia ai passanti il loro vizio, compiono atti osceni e bestemmiano la religione, queste sono «trasgressioni» simpatiche e progressiste e rivendicazioni legittime. Ma se a scendere in piazza sono i coltivatori e i piccoli padroni di TIR tartassati dal Fisco e dalla crisi, i disoccupati e i familiari dei piccoli imprenditori suicidi, o anche la gente normale che dice «basta» alla «politica» dei farabutti, allora non gli piace più, alla sinistra. Si schiera con la Confindustria nel deplorare «il disordine», perché «la gente deve lavorare».
Anche Avvenire, che su certe cose si schiera sempre coi perbene alla Gad Lerner, ha sottolineato «la natura ambigua della protesta». La protesta è «ambigua» quando non ha parole d’ordine dettate da partiti riconoscibili, e riconoscibili come «progressisti»; peggio, se non è gestita dalla Cgil-Cisl-Uil. Se invece è dettata dalla Triplice, allora la protesta si chiama «fattiva», «da ascoltare». Nel caso, l’Avvenire trova che la protesta non ha programma. Non è un programma, ha commentato, questa piattaforma: «Dimissioni del presidente della repubblica, scioglimento delle Camere di nominati, chiusura di Equitalia, uscita dall’euro, riappropriazione della sovranità monetaria». No, è un pasticcio. Lasciatevi consigliare dalla Camusso, da Bersani, da l Sole 24 Ore. Loro non sono ambigui.
(continua)

johnny doe said...

seguito)

No, decisamente i progressisti di ogni genere non hanno trovato la protesta di «bon ton», degna di persone distinte.
Tanto per cominciare, sentendo il tam-tam che cresceva, da giorni i loro media progressisti e capitalisti han preso a chiamare questo non già «Movimento 9 dicembre», ma «i Forconi». I Forconi, cara contessa: puzzano di letame e siccome sono siciliani, è la mafia che li manda. No, abbiamo notizie certe: il movimento è in mano agli estremisti di Destra, Forza Nuova, Casa Pound... faranno disordini, hanno la violenza nel sangue». È l’Alba Dorata italiana, caro dottore!
Le quadrate legioni di casa Pound. Le immani orde di Forza Nuova. S’è visto poi che «la violenza» l’hanno fatta infiltrati dei centri sociali, i soliti. E i Forconi sono stati stroncati in Sicilia da divieti del prefetto (questi sovversivi obbediscono) e praticamente là non è successo nulla; ma invece è successo tutto a Torino, Genova, Milano, nel nord-Est, nel Nord incazzato e asfissiato dalla persecuzione fiscale, dai controlli, dalla demonizzazione di sinistra (sono «evasori»). In ogni caso, puzzano, da turarsi il naso. Vedete? Beppe Grillo li approva, anzi invita i poliziotti a rovesciare il potere... non sia mai! La Sinistra unita come un sol corpo, difende «Le Istituzioni». Una volta la Sinistra voleva rovesciarle, le Istituzioni. O così diceva. Voleva la rivoluzione. Oggi, è chiaramente per la conservazione. Il perbenismo. Il conformismo e la legalità.
Come mai? Cosa è cambiato?
Qualcosa suggerisce l’improvviso interesse dei media sussidiati per Ugo Sposetti, intervistatissimo in questi giorni. E chi è Ugo Sposetti? È lo storico tesoriere del PD, quello che ha fatto passare le leggi con cui i partiti si sono triplicati i cosiddetti «rimborsi elettorali» (senza che «le destre» si siano opposte, riconosciamolo). Ebbene, ha vinto Renzi nel PD, ma Sposetti è chiaro: la cassa del partito ce la teniamo noi. «Noi» sarebbero i seguaci e clientes di D’Alema Massimo, la Finocchiaro, Bersani la Rosy Bindi, tutti i dinosauri che le primarie del PD hanno spazzato via – ma loro resistono. Trincerati alla sede di Italiani Europei (tank senza think di Massimo), preparano la resistenza: contro Renzi.
La Finocchiaro ha già aperto le ostilità. Renzi ha detto che la legge elettorale, la vorrebbe portare in discussione alla camera invece che al Senato dov’è attualmente. E la senatrice Finocchiaro: «Chi l’ha detto che non si fa più qui?». Come dire: qualcuno ha parlato? Non vedo nessuno...Eppure Renzi sarebbe il suo segretario, oggi. Ma quello che conta, è chi ha la cassa.
Ugo Sposetti, che tiene la cassa, non riconosce Renzi come segretario. L’ha detto chiaro: con le primarie , possono votare «anche i pedofili e i mafiosi» (ancora il riflesso perbenista della sinistra-con-cassa).

Nessie said...

Johnny, questi bastardoni approfittano del marasma generale per andare avanti a non fare prigionieri!!! Ho letto la faccenda del bavaglio al web. Ora che la sinistraglia è rimasta solo con il Tricheco Alfini, va avanti a reprimere a più non posso.
Grazie mille per il pezzo di Blondet. Un grande pezzo, devo dire.

Anonymous said...

Si, esatto. Noto (con piacere) che neanche tu sei iscritta a FB, io vedo la diretta perchè la fanno vedere anche ai non-iscritti, come noi.
In ogni caso oggi hanno detto che il presidio di Varese si trova al Ponte di Vedano, sto cercando l'indirizzo ma ho la connessione lenta e ci vuole una vita e mezza per aprirsi una pagina.
Ho trovato il link dell'articolo di Blondet, trasmesso da Johnnny, che ti interessa:
http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_jcs&view=jcs&layout=form&Itemid=150&aid=272829
però, a meno di essere abbonata, non puoi leggere di più. E bravo il nostro Maurizio!
Ciao Laura

Vanda S. said...

Grazie per articolo di Blondet, Johnny!
Sono d'accordo con Nessie.

Nessie said...

Laura, FB per gli spioni alla Zuckerberg è una manna di banca-dati. E' la ragione per cui non mi ci iscrivo. Il pezzo iniziale del link di effedieffe ce l'avevo anch'io. Il nostro impareggiabile Johnny, ci ha fornito il resto del pezzo.

johnny doe said...

Scusate,ho copiato due volte lo stesso pezzo.
Trai due va inserito questo,il pezzo di mezzo:

"Eh sì. Si sono manifestazioni che la sinistra perbene approva, che trova perfettamente legali e ben educate. Le giornate del gay pride dove i trionfatori, finocchioni e transessuali e travestiti gettano in faccia ai passanti il loro vizio, compiono atti osceni e bestemmiano la religione, queste sono «trasgressioni» simpatiche e progressiste e rivendicazioni legittime. Ma se a scendere in piazza sono i coltivatori e i piccoli padroni di TIR tartassati dal Fisco e dalla crisi, i disoccupati e i familiari dei piccoli imprenditori suicidi, o anche la gente normale che dice «basta» alla «politica» dei farabutti, allora non gli piace più, alla sinistra. Si schiera con la Confindustria nel deplorare «il disordine», perché «la gente deve lavorare».
Anche Avvenire, che su certe cose si schiera sempre coi perbene alla Gad Lerner, ha sottolineato «la natura ambigua della protesta». La protesta è «ambigua» quando non ha parole d’ordine dettate da partiti riconoscibili, e riconoscibili come «progressisti»; peggio, se non è gestita dalla Cgil-Cisl-Uil. Se invece è dettata dalla Triplice, allora la protesta si chiama «fattiva», «da ascoltare». Nel caso, l’Avvenire trova che la protesta non ha programma. Non è un programma, ha commentato, questa piattaforma: «Dimissioni del presidente della repubblica, scioglimento delle Camere di nominati, chiusura di Equitalia, uscita dall’euro, riappropriazione della sovranità monetaria». No, è un pasticcio. Lasciatevi consigliare dalla Camusso, da Bersani, da l Sole 24 Ore. Loro non sono ambigui.
(continua)

Nessie said...

La morale del pezzo di Blondet è semplice, elementare Watson: se i ferrigni camionisti, se gli agricoltori, gli allevatori che puzzano di letame si vestissero da frociacchioni o si facessero un trucco da Priscilla regina del Deserto,sarebbero acclamati per ogni dove e la loro protesta sarebbe per "l'affermazione dei diritti delle minoranze oppresse".

johnny doe said...

Già...oltre al fatto che c'è un governo PD in pratica,con un pugno di transfughi scartine che già cominciano a litigare con l'eunuco Letta...patetico Alfano...(se solo il pirla di Arcore si svegliasse,avrebbe cento opzioni...non sarà che Dudùà l'ha rincoglionito?...vabbè,lasciamo perdere...)

Quindi,contr'ordine compagni...il governo è buono,santo....deve durare,alla faccia degli italiani e chi non é d'accordo e protesta è un fascista.
niente di nuovo sotto il sole,compreso il pentolaio di Firenze...

Josh said...

ieri pomeriggio sono uscito dall'ospedale e fatto un giro in p.zza maggiore alle 17

c'erano purtroppo solo una 20ina di persone con un banchetto e spiegavano con calma, volantini e microfoni, interessanti teorie sulla moneta senza banche, disastri UE e molte cose di cui diciamo anche noi da anni

massima tranquillità, nessuna bandiera politica

di fronte palazzo re enzo 2 camion della polizia con i poliziotti un po' assonnati ma in tenuta antisommossa...in teoria erano più loro dei "forconi"

il raduno più polposo era quello dei gg scorsi ovviamente

Aldo said...

Nessie: "Ps: Aspetto notizie piemontesi anche da Aldo."

Sì. Sono stato "in loco", ed è stata una delusione. Nel momento in cui ero là, nel primo pomeriggio, ci sarà stata una cinquantina di persone. La cosa che più mi ha colpito è stata l'ilarità di molti, che non mi sembra un segnale promettente. Qualche slogan e qualche avanti-e-in-dietro sulle strisce pedonali per rallentare il traffico, ma tutto sembrava più un gioco che qualcosa di veramente convinto. Forse mancava la "massa critica", chissà.

Nessie said...

Beh, non tutte le ciambelle riescono col buco. Si vede che i presidi piemontesi non sono stati particolarmente fortunati.