21 March 2013

Scenari e sceneggiate, pupi e pupari






Al momento, non sappiamo ancora se il dramma italiota si trasformerà in farsa o se la farsa si trasformerà in dramma. Il piano di Bersani è chiaro: strappare qualche voto ai grillini per poter vivacchiare fino a quando Berlusconi sarà fuori gioco, per via della Procure. Bersani che è informatissimo di quanto avviene nei Palazzi di "giustizia", sa che Berlusconi è un dead man walking. Conta sul richiamo della foresta dell'album di famiglia a 5 stelle  (buona parte del M5S, proviene da gruppi della sinistra antagonista). Conta sui dissidi interni che già si sono verificati al senato. Conta sul modello Sicilia dove grillini e governatore Crocetta (Pd)  lavorano insieme d'amore e d'accordo. Ma non vuole in ogni caso allearsi col PdL nemmeno per un programma minimo che duri lo spazio di pochi mesi. Qui sul blog del Jester,  tutte le fasi nelle quali Bersani secondo la vecchia etica comunista d'antan, praticherebbe la mai sepolta teoria gramsciana dell'"egemonia",  nonostante la spicciolata di voti che lo separa dal PdL e dai grillini.
Ovviamente sa che la legge sul "conflitto di interessi" sarebbe quella che gli potrebbe procurare altri assensi grillini, come pure l'autorizzazione a procedere da parte del Parlamento ( da qui, il loro generico "esamineremo le carte del processo").
La cosa patetica è Berlusconi che pur di continuare a galleggiare, si infilerebbe dritto dritto  nelle fauci di quello squalo  che poi lo divorerà (il famoso governo di "concordia nazionale"). Quale concordia, o vecchia rana che non sei altro? L'indole dello scorpione è quella di pungere e inoculare veleno, fino alla morte.
E per quanto lo Smacchia-Giaguari sia un politico assolutamente mediocre, occorre dire che in quanto ad arroganza e ad aggressività non è secondo a  nessuno. 

Siamo alle comiche, e bisogna dire che i comici in questo tentativo di formare un esecutivo non mancano: abbiamo capo-comici, aspiranti comici, figuranti, caratteristi, ecc. 
Bersani insegue i grillini che fanno i civettuoli, ma poi cedono. Berlusconi corteggia Bersani che non ne vuole sapere di lui. Il Pd ha già messo a segno due punti di forza: la Camera e il Senato (Boldrini e Grasso), mentre il PdL abbaia alla luna e pretende un Presidente "di garanzia".
Poi, dal cilindro di Mandrake-Berlusca salta fuori quella Mummia di Dini (no grazie!).  O quella stessa  vecchia cariatide del Colle che ci ha già regalato un golpe tecno-finanziario, in prorogatio, a "garanzia" di non si sa bene che cosa. Doppio no, grazie!

Farsa numero due, atto secondo. I grillini neoparvenu della politica che vogliono "rendicontare perfino le caramelle". Oh poveri cucù che non siete altro!
Ma chi se ne frega delle caramelle, dei vostri bicchieri di plastica,  degli apriscatole, del Parlamento che viene ripreso coi vostri streaming perfino quando i parlamentari si ritirano nei cessi di Montecitorio! 
Nella patria di Machiavelli, meglio il malvagio esperto e competente, che ci porti fuori dal guado che l'onesto idiota e inetto.
La demogogia giovanilista fa sì che tutto ciò che è giovane dev' essere  automaticamente bello, onesto, puro, specchiato e rivoluzionario e dispiace molto che perfino un cervello sopraffino come Ida Magli sia caduta in questa  trappola. 
E difatti questi debuttanti hanno bisogno del Gianni Buoncompagni  di turno che li istruisca con l'auricolare come era in uso fare con le ragazzine di Non è la RAI. 
Dev'essere  per questo che gli esordienti si negano alla stampa. Stampaglia becera  finché si vuole, ma  che ha  già mangiato la foglia: non sapete parlare se non per luoghi comuni, frasi fatte, utopie salvifiche di sapore obamian-onusiano. Ma soprattutto, avete costantemente bisogno del vostro ventriloquo suggeritore. 
Hanno perfino buon gioco gli Sgarbi a dar loro delle "capre" perché confondono Tiziano  Vecellio il pittore con Tiziano Ferro. O non sanno manco che Draghi è il governatore della BCE. 

Ma intanto, per tornare ai veri drammi,  chi sente più parlare di lotta al MES? Al Fiscal Compact? al riccometro? al redditometro? 
Chi ci salverà dalla prossima IMU? dalla Tares? dall'IVA e dall'Irap? Dalle manovre cipriote alle porte di casa con ministri tedeschi che parlano di prelievi forzosi   del 15% dai conti correnti perché intanto gli Italiani  sono "ricchi sfondati"? 

Caramelle non ne vogliamo più. Nemmeno se "rendicontate". Coraggio ragazzi,  innanzitutto imparate l'Italiano e  fate a meno di questi  brutti neologismi. Poi  si vedrà. Se ne usciremo vivi, naturalmente. 



111 comments:

SILVIO said...

Scusa, Nessie, se posto qui questo OT su Cipro.
Mi rifarò in seguito, entrando nel merito dell'attuale argomento.

---------------------------------------###
Come già annunciato, le banche di Cipro resteranno chiuse sino a martedì prossimo, 26 marzo 3013.
Ma riapriranno davvero ? Mmmmmmm.........
Per fortuna, i bancomat (= sportelli bancari ATM = “Automated Teller Machine”) sono in funzione 24 ore su 24 sino al 25 marzo.
Ciò in quanto la BCE ha assicurato il funzionamento del programma ELA (= Emergency Liquidity Assistance) sino a quella data.
Dopodiché lo interromperà se Cipro non si piegherà al ricatto di UE/BCE/FMI.
Il che equivale ad un atto criminale in stile mafioso, che nel linguaggio biforcuto “NewsPeak” è espresso con la locuzione Blocco Monetario.
Intanto, file interminabili di correntisti attendono il loro turno per prelevare i contanti ai bancomat.
Come testimoniato oggi da Yorgos Karahalis (= inviato Reuters) autore della seguente istantanea che ritrae clienti in attesa davanti al bancomat della Banca Popolare di Nicosia.
Nonostante sia stata sbertucciata da mezzo mondo, la cancelliera Angela Sauer ex-Merkel sibila da Berlino « Cipro si deve asservire al mio volere. Come ha fatto la Grecia».
E tanto per far capire che fa sul serio, si è introdotta nel circuito ELA/ATM per dileggiare ogni sventurato correntista che si rechi al bancomat per prelevare.
Naturalmente, trattasi di uno scherzo. Di un fotomontaggio.
Che rischia di divenire tragica realtà.

Vanda S. said...

Il mio ex marito era di Praga. Mi raccontava che durante gli anni di dominio dell'Unione Sovietica, nascevano movimenti ribelli, radio sovversive....Poi si e' capito che erano TUTTE sovvenzionate per far credere al popolo che qualcosa stava muovendosi e dare almeno una speranza...semmai dei SURROGATI! Pur temendo questo scenario, io ho votato M5S, sperando di sbagliarmi.
Purtroppo sembra che invece sia proprio cosi: un altro specchietto per le allodole dei globalisti!

Nessie said...

Silvio, fa sempre parte del topic "pupi e pupari". E i pupari hanno i volti grifagni della Merkel e di Schauble. Certo che sì, che il fotomontaggio rischia di diventare realtà. Qui al grottesco e al Grand Guignol non c'è più alcun limite.

Nessie said...

Vanda, il tuo ex marito ha toccato un fenomeno che poi è diventato realtà estesa su larga scala.
Pensavamo che questi oligarchi finanziassero solo "rivoluzioni baltiche" dell'Est e medioorientali, ma la loro fantasia per i "tarocchi" si spinge lontano. Grillo è un fake, e il suo movimento è un tarocco. Ma la disperazione generale ha fatto sì che "lo specchietto per le allodole" attecchisse.

Aldo said...

Anch'io sono stato più volte tentato dal pensiero che i movimenti di protesta "istituzionali" possano essere un mezzo pilotato per stemperare proteste più muscolari ed efficaci fornendo una scappatoia mediata fasulla ma allettante (in quanto non richiede più di tanto impegno personale).

Se davvero fossimo a questo punto saremmo già abbondantemente entro o perfino oltre i limiti tratteggiati dalla più visionaria fantascienza degli anni '70, quella che leggevo in abbondanza da ragazzino. Saremmo messi molto, ma molto male. Anzi, peggio. Saremmo ad un livello tale da rendere davvero allettanti gli auspici della Church of Eutanasia, per la quale la nostra specie merita, al meglio, un'estinzione cruenta.

Huxley said...

Ne usciremo vivi? In un paese dove i politici sono da repubblica delle banane (come al solito li hai descritti benissimo), i tecnici hanno fatto più danni delle invasioni barbariche, la giustizia viaggia al 158esimo posto su 183 paesi e infine i giornalisti manco 'sanno' cosa succede a Cipro, la risposta sembrerebbe ovvia. Tutto questo mi pare un film horror di infima serie, di quelli involontariamente comici, dove il (nostro) sangue scorre a fiumi e alla fine vincono i cattivi. Pessimista? lo spero tanto.

aladini incaxxato said...

Il piano di accerchiamento continua.
Prima la Grecia (poverella) poi Cipro (poverella). I Lloyds di Londra accettano puntate su Spagna e/o Italia. Spagna in vantaggio (più poverella). Poi finalmente toccherà a noi.

Salvo scoprire (solo ora) che la Grecia proprio poverella non è: ..... trovati immensi giacimenti di.......
Salvo scoprire (solo ora) che Cipro proprio poverello non è: ..... trovati immensi giacimenti di.......
A quando il ritrovamento di immensi giacimenti di uranio in Spagna ?
E gli immensi giacimenti di coglioni in parlamento ?

Bè, avevo messo in conto una Italia in mano ai comunisti ma, di una massa di pupi deficienti, proprio no.

Credetimi amici. Saper di dover morire in combattimento è la forza di chi ama la propria Patria. Ma di morire sentendo gli applausi dei leccaculo vs. i dementi, è triste, molto triste. Sto male.

Ma, peggio per loro, chi ha votato i comunisti ed i pupi devono spendere gli ultimi soldini presi nascostamente del bancomat nell'acquisto di cicuta. Suvvia un ultimo sprazzo di dignità pupi e pupari.

Non venite a raccontarmela che, bisogna rispettare il voto di tutti e ...... pur se son contrario al tuo pensiero, ti difenderò con tutte le mie forze...... Queste stronzate libere e liberali ci hanno portato a questo stato di cose.

Pupi e pupari vi aspetto all'inferno, sarò dall'altra parte, con Satana in persona. Che piacere proverò a infilarvi........

(mi fermo, solo per amore e rispetto di Nessie)

ciaoooooooooooo.

Nessie said...

Aldo,
"Se davvero fossimo a questo punto saremmo già abbondantemente entro o perfino oltre i limiti tratteggiati dalla più visionaria fantascienza degli anni '70, quella che leggevo in abbondanza da ragazzino".

Eppure se guardi i video della Casaleggio Associati, l'universo che ne scaturisce è proprio quello della più delirante manipolazione di massa. Un'azienda di marketing e che controlla una setta di decerebrati che distruggerà l’Italia, semmai ne avranno il tempo.
Già lo ritengo un abuso extra parlamentare ed extra-partitico che Napolitano riceva il guru (cittadino privato e non eletto direttamente) di questa setta per eventuali "consultazioni". Ma qui ormai gli abusi irrituali si sprecano.

Nessie said...

Huxley, sì, un film fanta-horror di un pessimo B Movie.

Nessie said...

Aladino, ti firmi al plurale? :-)

Vero quel che dici della Grecia e Cipro e sui loro giacimenti. Questa è una sporca guerra, combattuta con altri mezzi. E la finanza e i banksters sono armi di distruzione di massa degli stati e dei popoli.

Josh said...

le risorse che fanno piangere Monna Laura (Boldrini) dei Miracoli alzano la cresta:

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/1208782/Pordenone--albanese-compra-una-discoteca-e-vieta-l-ingresso-agli-italiani.html

Nessie said...

Coraggio Josh, che Grasso potrebbe preparsi anche a ricevere lui, l'incarico di Premier, in quanto "personalità super partes".
Quanto a Grillo è salito al Colle in tenuta da narcotrafficante ceceno con occhiali scuri :-).

In tutto questo bailamme, resta da vedere quei quattro gatti di montiani (Lista civica) come si muoveranno. Certamente nell'ottica di salvare la cadrega (questo o quello x me pari sono).

Gli occhi piangenti della Boldrini sembrano quelli di un cocker.

aladino said...

Cara Nessie,
nel post precedente ho scritto di getto ed ho sbagliato nome. Non era un delirio di onnipotenza.

Sùbisco ancora la negativa influenza di un video inviatomi da un cugino italo-friul-australiano.

Il video (che mai ti invierò) in due parti mostrava, nella prima parte un bulldog che cercava di salvare la vita ad un piccolo cane investito in una autostrada, con un lieto finale. Vedere quel cane che sfidava la morte in autostrada fra auto a 200 all'ora mi ha intenerito.

La seconda parte (ti dico solo questo) aveva come protagonista una bambina, un furgone, una vettura, un altro furgone e mille zombie. Nessuno, ripeto nessuno si è fermato. Mi sono sentito morire.

Oggi, però, il tuo topic mi ha fatto capire (che sia telepatia).

Il bulldog rappresenta l'ultimo degli uomini che, per un suo simile, rischia la morte pur non sapendo se riuscirà a salvarlo, sua vita compresa. Incoscienza o coraggio. Chi può dirlo. Il cane ha ancora il settimo senso. La Vita.

La bambina rappresenta tutti gli esseri umani, distrutti da zombie senza cuore, senza anima, senza cervello, senza dignita.

Così va il mondo ? Vado in autostrada. ciaoooooooo.

Josh said...

sì ho sentito Pietro Grasso (che la sempre più imperfetta dizione dei nostri giornalisti tv ha ormai tramutato in un suono tipo Pietrgggràsss) che sale alla Presidenza del Consiglio, ma che dico, della Repubblica! Ma che dico...del sistema solare.

Ma anche se rosso e manettaro è sempre super partes, no? Come la Finocchiaro, o Violante & co. O Di Pietro e Ingroia.
E farà comodo (a quelli di fuori) con la finanza strozzina alle costole,
sentire uno che parla SOLO di mafia del sud (cioè continua a sputare sull'Italia, ora da quale scranno sia ha poca importanza...un po' un nonno di Saviano) invece di denunciare la mafia bancaria "internazionale" da cui siamo presi al cappio.

E intanto oggi era la giornata "contro tutte le mafie" (intese però solo come clan del sud con coppola e lupara).

Grillo con la giacca calibrata per la panza e il cravattino, con quei capelli da medusa posseduta faceva ridere, sembrava un cartone animato.
Aggiungici Patti Smith/Casaleggio e il quadretto è completo.
Magari cantano anche "pippol ev ze pauer" (tradotto da People have the power) :-)

non mi far pensare ad altri orrori, ho visto anche Dini e Zagrebelsky.

Per me c'è bisogno di un esorcista.

Anonymous said...

@Vanda
"il mio ex marito di Praga mi raccontava che durante gli anni di dominio dell'Unione Sovietica,nascevano movimenti ribelli,radio sovversive..Poi si è capito che erano TUTTE sovvenzionate per far credere che qualcosa stava muovendosi.."eh già.."La miglior via per controllare l'opposizione è dirigerla."Lenin.
è sempre stato così..Più o meno,sia che comandino i Socialisti o i Capitalisti.
"Incontrammo un grosso gruppo di lavoratori che con bandiere e vessilli si recavano ad una assemblea.Kafka osservò:"Costoro sono coscienti,sicuri di sè e di buon umore.Dominano la strada e credono perciò di dominare il mondo.Ma in realtà si ingannano.Alle loro spalle ci sono già i segretari,i funzionari,i politici di professione,tutti i sultani moderni ai quali essi spianano la via del potere."
"Colloqui con Kafka"Gustav Janouch

Nessie said...

Guarda, la riesumazione della MUmmia Dini (Lambertow) mi mancava proprio!
Siamo al Museo delle cere di Madame Tussauds.

Zagrelbesky è un altro fior fior di forkaiolo, noto per Micromega e per i Girotondi. Non se ne salva uno, e converrebbe farsi passare per "perseguitati politici" chiedendo asilo altrove.

Padre Amorth, può andare bene?

Nessie said...

Vanda, a proposito di come si costruiscono i movimenti colorati, hai visto il film "L'onda"?

http://it.wikipedia.org/wiki/L'onda_(film_2008)

Anonimo, quella di Kafka è sempre un'utile lettura, ma firmati.

Anonymous said...

Grillo irritato dalla domanda rivolta dal Sunday Times:

"perché non effettua un sondaggio online per capire se la gente vuole che dia una possibilità al governo Bersani? «Non mi interessa quel che pensa la gente, mi interessano quelli che ci hanno dato il loro voto e quelli del Movimento», risponde.

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/1-grillo-al-times-occorre-considerare-la-situazione-italiana-da-un-punto-di-vista-52842.htm

Z

Nessie said...

Z, grazie ho letto. Un bastardo il cui hobby è quello di sputtanare, screditare, vilipendere il nostro Paese per buttarci più facilmente di quanto già non siamo, nelle fauci degli sciacalli. Insomma sì, un vero Patriota. D'i ball!

Massimo said...

"meglio il malvagio esperto e competente, che ci porti fuori dal guado che l'onesto idiota e inetto".
Meglio comunque il malvagio e in malafede che l'onesto babbeo. Almeno il primo ogni tanto si riposa ... :-)

Nessie said...

Della serie, il babbeo non riposa mai :-)

Vanda S. said...

@ Nessie. No, non l'ho visto. Lo cerchero' in streaming.
@Anonimo. Bella la citazione di Kafka.

Josh said...

Proprio per la serie "il babbeo non riposa mai", a voi:

lo scienziato grillino:
"chi fa le vaccinazioni diventa gay,
invece bere la propria urina ogni giorno fa vivere 100 anni"

http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/1208843/Il-delirio-dello-scienziato-grillino----Chi-si-vaccina-diventera-gay---bevete-l-urina-e-vi-salverete---.html

Nessie said...

Josh,
sono stufa di sentire parlare di questo psicopagliaccio che ha dichiarato alla stampa straniera di aver esportato un "format" della rivoluzione. Non voglio il mondo interconnesso casaleggesco dei format informatici dove si deve votare su tutto on line, come degli eterni smanettatori. Se è questa la sua rivoluzione se la può ficcare non ti dico dove.

Nessie said...

Beninteso, non solo Grillo ha il trust delle buffonate.

Guarda un po' cosa fa il viscido ministro "tecnico" conto Terzi:

http://www.riscossacristiana.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2288:governo-di-buffoni-i-fucilieri-di-marina-tornano-in-india-di-paolo-deotto&catid=54:societa-civile-e-politica&Itemid=123

I marò rivengono spediti in India, poveretti!

Anonymous said...

Quello che mi fa paura è che in qualche stanza del vero potere in qualsiasi istante, a loro completo piacimento, potrebbero decidere di farci fare la fine dell'ex URSS ridotta a brandelli o di qualsiasi altro paese saccheggiato e devastato con una scusa. E non ci potremmo fare nulla. Anzi ciò avverrebbe, come sta avvenendo, con la partecipazione giuliva di molti nostri connazionali.
Oggi su Libero nella rubrica di Facci "Appunto" c'era una sorta di epitaffio che mi ha molto colpito. "tutto è possibile nella primavera dei forcaioli" :

http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/1208611/Caduti-Di-Pietro-e-Ingroia-restano-le-loro-deiezioni.html

Scarth

Nessie said...

Ciao Scarth,
Filippo Facci è sempre stato molto sensibile ai casi di mala giustizia, e quello che riporta sul povero Angelo Rizzoli, è un vero abominio.

"La stagione in cui i casi ripugnanti come quello di Angelo Rizzoli - tenuto in carcere nonostante la sclerosi multipla e ignorato dai pm - fa notizia soltanto se ne parla «Repubblica».

C'è sete di mattanza e grandi e piccoli forkaioli crescono sempre più.

johnny doe said...

A proposito di comici...

Lasciamo stare il merito della questione,ma occupiamoci del metodo.Giorni fa il ministro annunciava trionfante che i due marò non sarebbero tornati in India.Oggi,ccn motivazioni ridicole,apprendiamo il contrario.
Ulteriore esempio che siamo in mano a dei ridicoli burattini...e poi dicono che abbiamo recuperato credibilità.
Sì,come cazzoni....

Non so come finirà a Cipro...ma almeno hanno avuto il coraggio di di votare no all’ennesima porcata della Troika,sponsorizzata da una cena di cretini a Berlino.
Non si sa come finirà ripeto...visto che combattono con fionde contro i cannoni,ma almeno han mostrato le palle (meno i deputati al soldo del reich,i montiani...tanto per capirci),invece dell'altra parte che di solito mostrano i nostri indecenti babbuini politici capitani coraggiosi...

Nessie said...

Johnny, la faccenda dei due marò è così grottescamente orripilante che non ho ancora avuto il coraggio di prenderla in mano e farne un post, da tanto sono demoralizzata. Magari comincia a farlo tu...

Quanto ai ciprioti, meglio perdere onorevolmente con fionde che non fare un tubo come stiamo facendo noi. Non so se hai sentito quel primate di Fassina (Pd) che si è messo a parlare di Cipro come "un paradiso fiscale. Sottinteso: se la sono cercata. Sarebbero da linciare vivi, certi vermi.

Mar said...

La storia dei Marò è veramente fastidiosa....coma ancora più fastidioso è il trattamento ricattatorio ai danni del nostro Ambasciatore...
Mi sarebbe piaciuto vedere la risposta degli Usa,della Russia, dell'Inghilterra,o addirittura di un piccolo stato poco più grande della Sicilia come Israele.....Nessun commento dei Bersani,Grilli,Monti...e perché no,la Boldrini e Grasso....oggi al comando della baracca.
Ancora poco digeribile il comportamento della Sonia Gandi,che un po' di civiltà italica,l'avrebbe dovuta ancora conservare....pur vivendo in un paese, che ogni giorno leggiamo, dove si sono da poco evoluti da comportamenti tribali (vedi,tra l'altro,i frequenti stupri di massa a malcapitate locali e straniere).
Perché insieme ai Marò,non gli rimandiamo pure qualche decina di migliaia di loro migranti,senza permesso di soggiorno,e che girano in casa nostra senza fastidi,e con la libertà negata al nostro Ambasciatore?
Confermo che Gli Italiani sono un gran popolo,meglio di tanti altri,ma con la disgrazia di essere governati dai più mediocri tra loro...e questo lo sperimentiamo tutti i giorni....Ciao Mar

Nessie said...

Pienamente d'accordo Mar. Siamo un grande popolo malamente governato.

Josh said...

@Nessie

"Se è questa la sua rivoluzione se la può ficcare non ti dico dove."

vedi:-) si può anche dire dove...
al link sopra abbiamo uno scienziato grillino che consiglia, tutto convinto, bevute di piscio quotidiane come novello elisir soteriologico.
Non c'è limite al peggio.

anzi ho visto i tiramolla di Terzi coi Marò, è un'indecenza!

Nessie said...

Josh, leggi questo divertente pezzo di Petrosillo da Conflitti e strategie, "Sono grillino stellino":


http://www.conflittiestrategie.it/grillino-stellino

Vanda S. said...

L'incarico a Bersani: non ho parole!
Questo paese non ha speranze......Mi pento d'essere tornata e penso che appena mio figlio si sara' diplomato, me ne tornero' all'estero. Il vantaggio di vivere in un paese straniero e' che non te la prendi come quando sei nella tua patria. E' come essere ospite a casa di qualcuno: non puoi mai essere coinvolta nella loro routine tanto quanto se vivessi in famiglia! Tornare a vivere in Italia dopo averla lasciata nel lontano 84' e trovare gli stessi e molti piu' problemi, con l'aggiunta di una maggioranza della popolazione oramai cerebrolesa dalla TV, media e ignoranza e' veramente TROPPO da sopportare!!! Mi rendo conto che dovranno passare molte generazioni prima di un nuovo Rinascimento.

Nessie said...

Ma no, Vanda. Su Bersani non ci punta nemmeno Napolitano. Lo chiamano già "un mandato condizionato" di tre giorni. Se entro tre gg. non riesce a mettere in piedi un suo governo, si torna al voto.
Oppure ci metteranno qualche altro "alieno" e magari lo chiameranno "governo del Presidente" o con altra denominazione, come è già avvenuto nel 2012.

Sul fatto che te ne vuoi ritornare all'estero, non posso darti torto. Non perché ci siano degli Eldoradi, ma perchè ci si sente passionalmente meno coinvolti.

Huxley said...

"Italia, paese chiave per l'euro"

La performance del mercato obbligazionario della zona periferica dell'euro è stata fino ad ora un buon indicatore per i movimenti dell'euro dollaro. "In questo momento, però, gli spread sui titoli italiani e spagnoli stanno fornendo segnali contrastanti per effetto delle elezioni italiane, che lasciano il mercato in una situazione di incertezza", evidenzia il responsabile dei servizi corporate di Saxo Bank Italia, aggiungendo come a suo avviso ora l'euro sia "fortemente correlato con l'andamento dello spread italiano e quindi, nel prossimo futuro, la performance italiana sarà importante anche per le oscillazioni della moneta unica".

Gli operatori attendono che la politica italiana faccia chiarezza. "A mio avviso i mercati non stanno prezzando correttamente il rischio, poiché si aspettano la formazione di un governo e quindi non scontano il rischio di elezioni anticipate immediate" sostiene l'esperto di mercato valutario, quantificando nell'ordine del 10/15% le attuali possibilità di un ritorno al voto nei prossimi mesi.

"Le elezioni anticipate, senza un cambiamento della legge elettorale, sono a mio avviso il peggior scenario possibile per l'euro e i mercati azionari" ricorda tuttavia Mariani, secondo cui tuttavia "un accordo comunque si troverà". Su quali punti? La soluzione temporanea avrebbe come obiettivo quello di fare la legge elettorale e poche altre riforme.

Chiaro, no?

aladino said...

Il desiderio di Vanda S., quello di tornare all'estero, è condivisibile. Solo chi ha vissuto all'estero conosce la differenza di sospirare per la propria Patria lontana, e di soffrire maledettamente nella propria Patria.

Aproposito di pupi e pupari, in provincia di Pordenone, alcuni albanesi hanno comprato una discoteca storica per i giovani Pordenonesi. La metà è dedicata esclusivamente a rumeni, salvo se accompagnati da una donna. Cosa vuol dire ?

Alcune domande: chi sono questi albanesi che acquistano un'attività in sofferenza come molte altre ? Con quali soldi ? Chi permette loro di avere una licenza sul suolo Italiano ? Dove sono finiti i pupi anti razzismo in servizio permanente effettivo ?

Definire pupi questi cerebrolesi è un complimento compassionevoli che, condannerei a bere la loro pipi quotidiana,.........per vedere l'effetto che fa.

E la confusione (anche la mia) continua. ciao.

Nessie said...

Huxley, da quale fonte giornalistica hai prelevato queste citazioni?

In ogni caso il concetto è ultrachiaro: il voto non serve a un tubo, perché comandano le dittature degli spread e i cosiddetti "mercati". Pertanto se non si riesce a fare un governo la Cariatide ultraottuagenaria ha pronto un altra forma di commissariamento o di prorogatio dell'Androide che sta già lì bell'e surgelato per l'uopo.

Nessie said...

Ho sentito la notizia, Aladino. Vogliono farci emigrare a viva forza. Da quando c'è quell'imbolsito pappafico di Maroni, la Lega si è castrata anche su quello che dovrebbe essere il suo fronte di lotta.

SILVIO said...

Una volta tanto, provo ad esprimere la mia libera opinione sugli scenari futuri dell'Italia, senza il paracadute delle argomentazioni documentate.
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO - A mio avviso, Giorgio Napolitano detto il Re [ Ma perché lo chiamano così ? Forse perché Napolitano assomiglia tanto all' ex- Re d'Italia Umberto II di Savoia? ] propenderà alla fin fine per Giuliano Amato (pensionato extra-large a 5 stelle, che si mette in saccoccia 1047 euro al giorno) sostenuto da tutta la feccia del Parlamento.
Perché Giuliano Amato ? Perché è amato dagli oligarchi e dai massimi ladroni internazionali, che lo giudicano il più lesto ad entrare nelle case e nelle tasche degli italiani o passando dai tetti (come fa lo schifoso ratto nero) ovvero penetrando attraverso le tubature e i canali di scolo (come fa il fetido ratto delle fogne).
L'ha già dimostrato nel 1992 rapinando nottetempo il 6 per mille di tutti i correntisti italiani.
Eppoi, è un appartenente alle cosche (Bilderberg, ECFR, Aspen...) nonché cocco di Fernando Napolitano (Presidente e CEO di “Italian and Business Investment Initiative” nonché membro del Consiglio d'Amministrazione di ENEL S.p.A.) che freme dalla voglia di insegnare gli americani come effettuare investimenti lucrosi in Italia e viceversa.
Dimenticavo. Fernando Napolitano è molto stimato da Giorgio Napolitano.
Lo dimostra questa sua lettera:
http://italianbusiness.org/wp-content/uploads/2013/01/NAPOLITANO-ITALY-MEETS-USA.pdf”

PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA - Sempre a mio avviso, la candidatura prediletta dalla feccia politica è quella di Emma Bonino che è la versione ”carampana ” di Laura Boldrini nonché “compagna di merende e di cosche” di Giuliano Amato.
Dunque: Bonino + Amato + Boldrini.
Very wonderful ! Da “far suicidare immantinente” quei milioni di elettori cretini d'Italia che votarono nel 2013.

Huxley said...

Si tratta della newsletter di un sito che pubblica notizie relative al trading e finanza.

Ecco qui il link:

http://www.finanza.com/L_angolo_del_trader/rubrica/Liquidita_liquidita_liquidita_la_guida_dei_mercati_che_fa-22097

La conclusione l'hai già tratta tu: Il governo deve essere 'compatibile' con i mercati, altrimenti si arrabbiano.
Questo deve essere di lezione per tutti gli illusi che credono ancora nelle favole,tipo la democrazia.

SILVIO said...

OT su Papa Francesco.
Tengo moltissimo ad essere onesto intellettualmente per cui non ho alcuna remora ad ammettere pubblicamente di avere "toppato", qualora ciò dovesse avvenire.
Giorni fa, difesi a spada tratta la figura di papa Francesco I (sulla base delle informazioni pregresse in mio possesso).
Tuttavia, le sue ultime sortite (in sospetto linguaggio “NEWSPEAK”) han fatto suonare il campanello rosso d'allarme.
Può darsi che mi stia sbagliando (oggi).
Ma potrebbe anche darsi che abbia preso una solenne cantonata (ieri).

Nessie said...

Silvio, alla Bonino (carampana più carampana meno, farebbe il tris con la Cancellieri e la Severino) ci avevo purtroppo pensato anch'io , per via della tendenza alle "quote rosa" imposte dai mondialisti e dell'ONU. Perciò una donna al Quirinale sarebbe nell'aria.

Su Amato, nonostante resti papabile per via delle liaisons che hai appena enucleato, invece ho qualche dubbio, perché c'è già aria di "prelievi forzosi" e di soluzioni alla cipriota e di incazzature di massa.
E allora potrebbero cercare qualche ladro più...mimetico. Ma è una mia ipotesi. Ovvero un personaggio che non desse immediatamente nell'occhio. Comunque staremo a vedere. Si accettano scommesse per un'eventuale pizza virtuale :-)

SILVIO said...

LE DIFFERENZE CHE CONTANO
All'apice della gravissima crisi che imperversa :
1- la CHIESA ORTODOSSA CIPRIOTA – per bocca dell'Arcivescovo di Cipro, Crisostomo II - ha promesso al presidente Nikos Anastasiades : « Tutta la ricchezza della nostra Chiesa è a disposizione del Paese, siamo pronti a farcela ipotecare in modo da salvare Cipro e non farla dipendere dagli stranieri....
2- la CHIESA CATTOLICA – per bocca del cardinale Bagnasco, presidente della CEI - ha affermato : « «L'auspicio è che si pervenga alla costituzione di un governo, di una compagine il più possibile stabile che assicuri la guida del Paese...». Senza contare, le ultime ed ambigue sortite di papa Francesco I.
Tra le due Chiese ufficiali c'è differenza sostanziale.
Eccome!!!

Nessie said...

Su Papa Francesco. Ho deciso di soprassedere e di prendermi un anno di tempo per dire la mia. Dopotutto un Pontefice non è un politico che lo si vede dalle proposte che fa nell'arco di pochi mesi. Tuttavia qualche poco gradevole impressione l'ho avuta nel suo costante richiamo al pauperismo vaticano ("voglio una chiesa povera"). E mi spiace per Aldo, ma quando Bergoglio dice che vuole una "chiesa povera", io non giubilo per niente, perché quelle ricchezze potrebbero tranquillamente transitare nelle fauci dei banksters mondialisti, quegli stessi che hanno tratto dagli scandali, numerosi e sostanziosi risarcimenti.
Se le ricchezze sono qui in Italia, almeno le vediamo. Viceversa, se tutte le opere d'arte, i dipinti, le supellettili auree finissero in qualche caveau delle Banche le eliche mi girerebbero subito.

Eppoi una chiesa povera come fa a fare del Bene e a tenere in piedi le tante missioni che ha? Non mi garba nemmeno l'idea di sedersi su una comune sedia per essere al pari degli altri capi di stato e autorità religiose. Comunque ne riparlerò tra un annetto.

Per inciso, non sono d'accordo col patriarca ortodosso Crisostomo di Cipro di schiodare le ricchezze alla Ue di Bruxelles per saldare il debito. Ma che? Scherziamo? E' proprio quello che vogliono.

Nessie said...

Certo che c'è differenza fra le due chiese, e gli atti di generosità sono pur sempre apprezzabili. Tuttavia, leggi quanto ho appena scritto su Crisostomo in fondo al commento precedente. Crisostomo non deve schiodare nulla, perché lo scopo di questi bastardi laicisti di Bruxelles è anche far piazza pulita delle religioni e delle chiese, quali fattori identitari dei popoli.

SILVIO said...

Nessie, non ho prima dialogato in diretta con te per cui c'è stata una leggera "sfasatura" tra i nostri post.
L'arcivescovo Crisostomo II si è dichiarato disponibile ad accettare l'ipoteca sui beni della Chiesa ortodossa unicamente per rafforzare il Fondo di Solidarietà nazionale, progettato per reperire liquidità ovunque e non per trasferire risorse agli squali dellla Troika.

Nessie said...

Quindi, che vorrebbe dire per scendere nel tecnico ? Offrire solo garanzie?

SILVIO said...

Si, Nessie.
Equivale (grosso modo) ad un contratto di Lease-back per effetto del quale il locatario acquisisce liquidità trasferendo la proprietà dei beni al locatore (che in cambio gli presterà il denaro equipollente).
Quel locatario potrà rientrare in possesso dei beni locati solo dopo averne pagato il prezzo di riscatto + i relativi canoni di locazione al tasso pattuito.

Nessie said...

Uhmmm...sotto sotto sento pur sempre odor di fregatura :-(. O comunque, anticamera della stessa.
In altre parole povere, siamo al Banco dei Pegni.

SILVIO said...

Ma no , Nessie.
Il lease-back è lo strumento finanziario prediletto dalle PMI italiane ed europee.
La persona che "tu sai" ne ha ricevuto richieste a iosa.
Il problema è che il locatore usa comunemente "il braccino corto" a concederlo.
Per ragioni di incremento del rischio....

Nessie said...

A proposito di Napolitano, non è un gossip perché pare accertato:

E' il figlio naturale del nostro ultimo Re Umberto. Sua madre contessa di Napoli (titolo che da buon comunista ha sempre accuratamente nascosto come Berlinguer faceva con il suo titolo di marchese ) era una delle dame di compagnia della regina Maria Josè che a volte, esasperata dalla folla di amanti del Re, sbatteva la porta e se ne andava via. Pertanto... nacque un pargolo con la faccia del Re. Sono molti i siti che ne parlano.

Huxley said...

Nessie, probabilmente la mia prima risposta è andata persa, ti riposto il link:

http://www.finanza.com/L_angolo_del_trader/rubrica/Liquidita_liquidita_liquidita_la_guida_dei_mercati_che_fa-22097

La moroale è proprio quella: o fate un governo compatibile con i mercati o sono guai.

A proposito, pare che al senato si sia formato il Gal-Grandi Autonomie e Libertà...

http://www.online-news.it/2013/03/21/si-costituisce-al-senato-il-gruppo-grandi-autonomie-e-liberta-lega-pdl-mpa/
chissà se è collegato con il 'governo transitorio' consigliato dai mercati..

Josh said...

@Nessie
"Si accettano scommesse per un'eventuale pizza virtuale"

te lo dico cos'è la pizza...
è l'euro, che vale meno della pizza de fango, la moneta del Camerun!

certo che Boldrini-Amato-Bonino è da galleria degli orrori

Nessie said...

Ma no Huxley, il tuo commento delle 1,06 c'è. Guarda bene in alto. Comunque repetita iuvant. Mi piacerebbe sapere dalla crapa di Re Umbertino jr. cosa salterà fuori.

Nessie said...

Josh, non oso nemmeno pensarci.

SILVIO said...

Eh si. Ti svelo questo retroscena.
Ho cercato più volte di postare nella tua piattaforma i sottostanti links in modo "collegamento ipertestuale" :
http://www.navecorsara.it/wp/wp-content/uploads/2012/12/giorgio-napolitanovittorio-emanuele-di-savoiail-resatira.jpg
http://civiltascomparse.files.wordpress.com/2013/01/giorgio-i-bmp.jpg
http://www.epolitica.it/files/2010/06/Giorgio-Napolitano-211x300.jpg
http://i.ytimg.com/vi/lJf2eXhH320/0.jpg

ma “Word Press” me l'ha impedito.
Chissà perché ?!! Mah.....

Johnny88 said...

Gli ortotteri più che dei novelli deputati sembrano una scolaresca in gita di piacere. Quanto a messer Bunga mi astengo da ogni commento su codesto figuro, non voglio imbrattare il tuo splendido blog con il turpiloquio che mi ispira il solo sentirlo nominare.

Mar said...

Napolitano(come hai detto poco sopra),figlio del Re Unberto.....dai Nessie che ti va di scherzare!!!!!...per "pura curiosità" puoi indicarmi qualche sito che ne spettegola?Io sempre seguendo i pettegolezzi ,da vari documentari di cui però non ricordo le TV che li presentarono,sapevo invece che le tante avventure galanti del exRe(con sartine e manicures) erano state "artificiosamente" inventate e messe in giro(su ordine di"Lui")dalla polizia segreta fascista,per"rinforzare"la fama amatoria del soggetto,spesso chiacchierata dal popolo.
Quanto a Berlinguer,e non solo lui ma tanti altri radicali comunisti dell'epoca,è nota la loro provenienza da famiglie benestanti...addirittura mandavano i figli e le figlie e i nipotini(in piena coerenza con la "laicità" della loro ideologia),nelle "migliori" scuole di preti e monache preferendole alle statali....la figlia del nostro per esempio,mi par di ricordare che ha fatto le scuole al Nazareth di Roma.Ciao Mar

Nessie said...

Mar, clicca sui links di Silvio e ne avrai la riprova. Un identikit che non lascia ombra di dubbio.

Se poi fai la ricerca sul web "Napolitano è figlio di re Umberto?", allora ne avrai a josa. Eccone uno ad esempio:

http://seigneuriage.blogspot.it/2012/03/napolitano-e-figlio-del-re-umberto-ii.html

Nessie said...

Silvio, essì, somiglianze davvero inequivocabili.

Johnny88, purtroppo il campionario comincia ad essere troppo vasto. Io sono già arrivata a dire che è quasi meglio messere Bunga dello Psicopagliaccio ascoltato ierisera alla tv turca,. Guarda tu stesso :

http://video.corriere.it/grilloitalia-fallita-noi-siamo-rivoluzione-esportabile/71425e50-92c2-11e2-b43d-9018d8e76499

Della serie, poveri ma felici. Un idiota e pure pericoloso. Una rivoluzione in format? Da dargliela secca in quel cervello bacato e megalomane che si ritrova.

Nessie said...

Povera Patria! ne saltasse su uno buono per davvero.

Scrive del suo movimento il prof. La Grassa di Conflitti e Strategie:

"Poi ci sono gli altri imbroglioni che predicano la decrescita, l’ecosostenibilità, il ritorno a ritmi di vita “più umani”; il tutto per rendere l’Italia un grande agriturismo adatto alle piacevoli vacanze dei miliardari dei paesi dominanti. Questo nella rappresentazione “teatrale” per il popolo; poiché, nella realtà, il nostro paese – tutto “orti e frutteti”, tutto “boschi e ruscelli”, tutto “artigiani e piccoli coltivatori” che ricreerebbero un sereno ambiente famigliare, ecc.; e con un ritrovato ardente spirito di comunità – dovrebbe appunto essere sempre pronto quale base di partenza per l’aggressività degli Usa e dei loro sicari, fra cui i subdominanti italiani."

aladino said...

Cara Nessie, sempre a proposito di pupi e pupari.

Ho visto in ritardo un video di Monia Benini che, ha scovato tra le carte UE un documento del 8 febbraio u. s. sull'argomento ...... interventi per l'agricoltura.........

Ebbene si legge "il relatore ombra", si hai letto bene. Un documento UE relazionato da una ombra. IBM Silvio mi può aiutare a capire ?

OT ma non troppo. Ricordo quando eravamo nel giardino fiorito si parlava di una data 12-12-12, ovvero della scadenza del famigerato FED Act. Non ne ho più sentito parlare.

Su Papa Francesco, ho espresso la mia opinione nel tuo topic. Sei più brava tu ad aspettare un anno. Cautela, prudenza e pazienza. Io non ce la faccio ad essere cauto, prudente e paziente.

Bisogna richiamare in servizio Firefox. ciaooooooooooo.

aladino said...

Pardon dimenticavo. Per quei deficienti che parlano di decrescita, consiglierei l'accrescimento del cervello. Anche se costa fatica, sudore e sangue. ciaooooooooooo.

SILVIO said...

Re Giorgio ha dato l'incarico al compagno Bersani.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/daassociare/2013/03/19/Pd-verso-Speranza-Zanda-capigruppo-Camera-Senato_8425205.html

(Androide Monti: bye bye. Noi, i nostri figli e i figli dei nostri figli non mancheranno mai di maledire te e i tuoi compari.)

Però, il portavoce italiano del nazi-comunista “Bene Comune” globale non ha numeri per governare in sicurezza.
A meno che “Bunga bunga” PDL, i due amiconi di Varese (Maroni & Monti) ed il “fake” di Genova non gli sorreggano il deretano.
Che potrebbe succedere in caso contrario ? Due sono le ipotesi percorribili:
1- Bersani ritorna da Re Giorgio per dirgli che non ha una maggioranza, però non si dimette e rimane per l'ordinaria amministrazione sino a nuove elezioni, che saranno indette dal nuovo Presidente della Repubblica.
2- Bersani si dimette e Re Giorgio nomina un tecnocrate (esempio: Giuliano Amato) a capo di un governo tecnico/politico, sostenuto dalla feccia del Parlamento italiano.

Nessie said...

Quindi uno scenario horror meglio dell'altro. Non c'è che dire: abbiamo delle opzioni.


Intanto guarda un po' qua che succede:

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/aiuto-grillo-pi-pericoloso-dei-fascisti-e-il-momento-in-cui-gli-ebrei-italiani-52905.htm

Pacifici suggerisce ai suoi di chiedere l'Alyah in caso di successo dello Psicopagliaccio.

Nessie said...

Aladino, non posso aiutarti, perché proprio non ricordo l'articolo della Benini a cui ti riferisci.

aladino said...

Me lo ha inviato Fausto.

http://www.youtube.com/user/ilpuntotv?feature=watch

Terrificante. ciao.

SILVIO said...

Ciao, Aladino.
Ho letto il tuo post ma non ho capito a quale documento UE si riferisca Monia Benini .
Che apprezzo ma non seguo perché sono molto allergico ai video informativi (preferisco i testi scritti).
Attendo una tua risposta.

SILVIO said...

@ Nessie
Può darsi che Riccardo Pacifici sia stato sincero ma può darsi di no.
Se è vero che l'attuale moglie di Beppe Grillo - Parvin Tadjk - è iraniana

(= vedasi su “Oggi Sposi blog” il pezzo sul suo matrimonio):
http://oggisposi-oggisposi.blogspot.it/2012/06/beppe-grillo-matrimonio-del-21-dicembre.html

e che il suocero Nasratollah Tadjk ebbe grande influenza su di lui circa il foggiarsi un'opinione su Israele, è altrettanto vero che Grillo fu sempre prudente ed abbottonato sullo scenario mediorientale e sul sionismo.
Salvo una presunta intervista concessa a Menachem Gantz - giornalista del quotidiano israeliano “Yediot Aharonot – in cui Beppe Grillo ammette (in misura piuttosto sorniona) di avere preso posizione contro Israele.
[ vedasi link: http://www.romaebraica.it/l%E2%80%99intervista-di-menachem-gantz-a-beppe-grillo/ ]
Ho usato di proposito la locuzione “presunta intervista” perché di essa non vi è traccia nel web (ovvero, io non l'ho trovata).
Mah... e poi mah.....

Anonymous said...

Ciao Nessie, rileggendo il tuo post mi trovo particolarmente d'accordo con la considerazione di Mechiavelli. Un onestissimo incompetente cretino fa gli stessi danni di un disonesto. Senza contare che il cretino può ritrovarsi ad essere disonesto senza nemmeno rendersene conto.
Detto questo sono certo che lo "scouting" di Bersani, del PD e chi per essi farà effetto sui M5S come è appena avvenuto. E poi: ma perchè se lo "scouting" lo faceva il PDL lo chiamavano "reato" e li buttavano in galera?
Scarth

SILVIO said...

@ Nessie
Precisazione sulla “presunta” intervista a Beppe Grilo:
Non ho trovato traccia di essa nella fonte originale, corrispondente al sito del quotidiano “Yediot Aharonot”
http://www.ynetnews.com/home/0,7340,L-3083,00.html

SILVIO said...

@ Nessie
Quanto da me prima scritto circa la posizione pregressa di Grillo su Israele, viene confermato dal M5S che nel suo blog ha pubblicato il post “ Basta insulti e falsità contro il M5S “
http://www.beppegrillo.it/2013/03/basta_insulti_e_falsita_contro_il_m5s.html#commenti
Ed allora perché Pacifici ha creato il caso “Grillo-antisemita” ?
Provo ad ipotizzare.
Non è che sia a conoscenza di gravi eventi futuri in danno all'Italia ?
Eventi di cui potrebbe essere accusata per riflesso (a torto o a ragione) la comunità ebraica stanziata in Italia?

Nessie said...

Scusa Silvio, ma non ero in connessione. Ho letto da Grillo il suo post al riguardo e sapevo che il genero iranianao (appena morto) era antisionista.
Per quanto Grillo non mi stia simpatico e io non veda di buon occhio il suo movimento,poiché portatore di una visione che non condivido affatto, però questo non autorizza la Nierenstein e Pacifici ad affibbiare facili etichette di antisemitismo, che ormai affibbiano a cani e porci.

Nessie said...

Scarth, tutto vero. Quel che per loro è un innocente "scouting", per Berlusconi sarebbe considerato "compra-vendita" di voti.

Eleonora said...

"Pacifici suggerisce ai suoi di chiedere l'Alyah in caso di successo dello Psicopagliaccio."

... se gli ebrei se ne vanno, ce ne faremo una ragione. Ma dare del fascista a Beppe Grillo è prendere una cantonata grossa così. Grillo tutto è fuorchè fascista. Mioddio, questi pur di piagnucolare e fare le vittime inventano di tutto.

Nessie said...

"Fascista" è un termine passepartout che inventano quelli che non vogliono vedere il colore delle cose. Anche Barnard si ostina a dare del "fascista" a Grillo. Si dà il caso che invece Grillo sia di sinistra da sempre, che quando faceva il comico doc. (cioè non prestato alla politica)i suoi testi glieli scriveva il sinistrissimo Michele Serra e l'altro sinistronzo Antonio Ricci.
Ma in che razza di mondo vive questa gente?

E dato che il comunismo non soffre della stessa damnatio memoriae del fascismo (nonostante sia un totalitarismo di gran lunga più longevo) e allora capita anche che tra comunisti per insultarsi si diano del "fascista". Che palle!

SILVIO said...

« Il partito di Grillo è più pericoloso dei fascisti »: queste sono state le parole che il quotidiano israeliano “Haaretz” aveva attribuito a Riccardo Pacifici, pronunciate in un'intervista concessa al giornalista Anshel Pfeffer e pubblicata il 22 marzo 2013.

Nella serata di ieri è giunta la seguente smentita di Riccardo Pacifici:
”Non ho mai dichiarato che il movimento di Beppe Grillo sia peggiore dei fascisti e non l’ho mai pensato......Apprendiamo con stupore il fatto che ci vengano attribuiti falsi pensieri su Grillo e il Movimento 5 Stelle. La frase : - Grillo è ancora più pericoloso dei fascisti - non è stata mai pronunciata in nessuna intervista. Siamo vigili, però, di fronte ai molteplici commenti che si leggono sui post del suo blog – aggiunge Pacifici – che richiamano alla mente la cultura dell’estrema destra e dell’estrema sinistra. Commenti che spesso sono ostili nei confronti degli ebrei e di Israele”.
http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/pacifici-beppe-grillo-fascista-ebrei-1511281/

Domanda : « Riccardo Pacifici ha detto la verità ? »

Risposta : « No. Le esatte parole da lui dette sono state
["Grillo’s party is more dangerous than the fascists because they have no clear platform – we do not know what their limits are"] ».


Ma procediamo con ordine nella narrazione.
Al prossimo post.

SILVIO said...

INTERVISTA “HAARETZ”/ PACIFICI
- PREMESSA

Quando si deve accertare la veridicità di una notizia, bisogna prima consultare la fonte originale. Così ho fatto.
Effettivamente, l'intervista c'è stata. “Haaretz” l'ha pubblicata in data 22 marzo 2013 ed è disponibile all'indirizzo

http://www.haaretz.com/weekend/week-s-end/aliyah-is-an-insurance-policy-for-jews-in-rome.premium-1.511296

Il problema è che la lettura integrale dell'intervista è consentita solo agli abbonati al giornale.
Ed io non lo sono.

Allora, mi sono diretto verso MOKED. IT - che è il portale dell'ebraismo italiano - e.....”bingo, eccola lì!” al link

http://moked.it/blog/2013/03/22/32774/

Al prossimo post, per l'estratto (che conta) in versione italiana.
Successivamente, seguirà la versione originale in inglese (anti-troll).

Nessie said...

Complimenti Silvio, sei un vero segugio! Le bugie hanno le gambe corte e sebbene la società mediatica e informatica sia manipolativa, tutti i nodi prima o poi vengono al pettine. Basta avere un po' di pazienza.

Tra Grillo e Pacifici c'erano già state delle diatribe per via del suo blog, considerato troppo poco sorvegliato dalla comunità ebraica. C'era qualche commento considerato "antisemita" e Pacifici colse la palla al balzo per invocare al riguardo una bella legge di bavaglio ai blog.

In ogni caso nel movimento di Grillo ci sono molti ebrei di matrice "mondialista" e può darsi che tra loro e gli ebrei sionisti ci sia un conflitto.
Lo avevi già visto questo manifesto del M5S per il giorno della memoria?

http://www.giornalettismo.com/archives/740433/anna-frank-e-movimento-5-stelle-ecco-lautore-del-manifesto/

SILVIO said...

IL TESTO PARZIALE DELL'INTERVISTA “HAARETZ” / RICCARDO PACIFICI
“Ayah è una polizza assicurativa' per gli ebrei di Roma”
di Anshel Pfeffer | 22 marzo 2013| Haaretz Daily Newspaper Ltd.|
[ ...Da parte sua, Pacifici vede i nuovi arrivati musulmani come una minaccia solo quando si uniscono agli elementi locali: «Il fondamentalismo islamico si unisce con i razzisti, i fascisti e gli anarchici che abbiamo qui, i quali non amano gli ebrei né Israele. Essi non sono disposti ad accettare il fatto che un Ebreo possa essere italiano e sostenitore di Israele al tempo stesso».
Nel frattempo, vi è una sfida ancora più immediata per la sicurezza degli ebrei italiani: l'ascesa del Movimento a Cinque Stelle, il nuovo partito un po' anarchico che ha catturato circa un quarto dei voti nelle elezioni politiche del mese scorso in Italia. Il partito è guidato dal comico-cabarettista Giuseppe "Beppe" Grillo, un uomo che nel passato ha fatto commenti antisemiti e sta esibendo preoccupanti tendenze fasciste.
« Alcune persone pensano che Grillo sia solo un pagliaccio» - spiega Pacifici - « In Germania, dicono che è proprio come Berlusconi. Ma Grillo afferma che i partiti politici non sono importanti, e questo è esattamente quello che Hitler andava dicendo prima di salire al potere. Il partito di Grillo è più pericoloso dei fascisti perché esso non ha una chiara piattaforma né sappiamo dove vuole arrivare. Non conosciamo in dettaglio le persone che sono nel movimento ma sappiamo che ci sono estremisti di destra e di sinistra - non fascisti e radicali -. E sono insieme contro la costituzione, insieme contro la democrazia ».
Ciò che preoccupa Pacifici è che l'establishment politico italiano non ha ostracizzato Grillo e la sua base elettorale la pensa allo stesso modo. Qualche settimana fa, la leader parlamentare del partito, Roberta Lombardi, ha detto che alcuni elementi dell'ideologia fascista, relativi all'Italia pre-seconda guerra mondiale, sono stati positivi.
« Quando Berlusconi ha detto qualcosa di simile qualche mese fa, tutti lo criticavano» - ricorda Pacifici, il quale crede che Berlusconi sia stato il miglior leader in termini di interessi a favore della comunità ebraica locale e in termini di legami tra Italia e Israele - « Ma quando Lombardi ha detto (quello che ha detto) solo un membro del parlamento (che sembra essere ebreo) l'ha criticata. Il Partito Democratico ( il principale partito di sinistra italiano) ha avuto paura di attaccarla perché vogliono che Grillo sostenga il loro governo. Quando i nostri amici storici nel parlamento italiano non si oppongono quando sentono persone che parlano di fascismo, io vedo lampeggiare una luce rossa...Per noi l'aliyah è una polizza di assicurazione....Molta nostra gente ritiene che colà vi sia una vita migliore per le loro famiglie e che Israele sia il nostro futuro. Negli ultimi sei mesi, 150 ebrei romani si sono già trasferiti in Israele.....» ]
http://moked.it/blog/2013/03/22/32774/

Nessie said...

Sì, la sintesi di questo stesso articolo è stata messa anche da dagospia.
Ma Pacifici si preoccupa dell'immigrazione islamica solo quando ci sono di mezzo gli ebrei? Di tutti gli Italiani morti ammazzati nelle loro case durante rapine, di vecchi malmenati, torturati e ammazzati per pochi spiccioli, di donne violentate magari in pieno giorno e nelle nostre città, niente? Non contiamo niente?

SILVIO said...

Nessie, non capisco come sia apparso nel titolo dell'intervista il refuso “Ayah".
Il vocabolo corretto è invece“Alyah"-
Ora, a futura memoria, produrrò il testo integrale originale in inglese (prima che scompaia dal web).

Nessie said...

Sarà stato un refuso. Dagospia da detta intervista riporta: " una lunga intervista da Roma, pubblicata con grande evidenza dal quotidiano sotto il titolo 'L'aliyah (il ritorno degli ebrei in Israele, ndr) è una polizza di assicurazione. Pacifici ha spiegato di non voler essere "allarmista" ma che questo e "un buon momento" per quel tipo di scelta. "C'é il rispetto della popolazione per gli ebrei, ci sono leggi contro l'antisemitismo e non è facile parlare contro gli ebrei oggi in Europa. Così adesso - ha detto - è importante prendere questa decisione in un momento così buono".

Aldo said...

Aladino: "Per quei deficienti che parlano di decrescita, consiglierei l'accrescimento del cervello."

Oh, bella! Ho appena scoperto d'essere un deficiente. Son soddisfazioni.

A mio avviso la decrescita l'avremo comunque, resta da decidere se vogliamo una moderata decrescita delle possibilità pro-capite in presenza d'una popolazione localmente stabile, una vistosa decrescita delle possibilità pro-capite in presenza d'una popolazione localmente in ulteriore crescita (per di più con tutti gli svantaggi d'una società multietnica), o una decrescita delle possibilità nazionali complessive abbinata ad una stabilità o addirittura crescita delle possibilità individuali in presenza d'una riduzione della popolazione nelle varie realtà locali. Sarò deficiente ma io, convinto come sono che la torta non può più crescere ma i commensali sì, voto per l'ultimo caso.

Aldo said...

Nessie, la Chiesa ricca fa "opere di bene" prima di tutto per se stessa, in secondo luogo per le "nuove risorse". Sta ben tranquilla che se dovessi avere bisogno tu troveresti le porte certosinamente sprangate. Ovviamente con tanti bei sorrisi untuosi dallo spioncino, nè, ché tanto quelli non costano niente.

Sullo svendere i patrimoni, invece, mi trovi assolutamente d'accordo, specie quando si tratta di beni fondiari (terreni) e attività produttive di prima necessità. Guarda caso proprio quelli che vanno a ruba -- non ho mai sentito nessuno che offra cifre astronomiche per portarsi via, tanto per dire, il David da Firenze. In tempi di crisi si curano le galline, non i monili.

Aldo said...

Si può dire che quelli che tra gli Ebrei fanno i vittimisti a oltranza hanno rotto? O rischio di passare per l'antisemita che non sono?

Per buona misura, a beneficio di costoro aggiungo che più gente lascia l'Italia meglio è. Dunque, comincino a prenotare il viaggio, che mi fanno un favore (e non certo perché sono o non sono Ebrei, del che me ne faccio un baffo).

Nessie said...

Aldo, questa volta non posso essere d'accordo con te. Per quella storiella di Agatha Christie che tre coincidenze fanno un piano (plot in Inglese), qui tutti quanto parlano di "decrescita felice" per indorare la m....a.
1) Ne parla Grillo alla tv turca (" saremo più poveri ma più contenti")

2) Ne parla il Papa ("voglio una chiesa povera").

3) Ne parla la Boldrini col suo peana sugli "ultimi".

E allora mi sono convinta di una cosa: alla nostra "decrescita" ci stanno già pensando gli oligarchi. E nel loro linguaggio orwelliano NewsPeak, si riempiono la bocca della parola di rilancio della "crescita" quando sanno benissimo che non ci sarà. Le pie dame di S. Vincenzo testé nominate, sono state sguinzagliate proprio per l'uopo. E cioè per giustificare il "decrescere è bello". Tu credi di avere una tua teoria? Tranquillo, loro ti precedono sempre e arrivano prima di te.
Mi pare che tanta permalosità con Aladino, sia del tutto fuori luogo.

Nessie said...

Non sono d'accordo neanche sulla tua seconda obiezione. Intanto il potere temporale della chiesa è stato smantellato il XX settembre 1870. Per cui quei giornalisti che predicano che con "Papa Francesco, sarà la fine del Papa re" (Massimo Franco, Corsera), dovrebbero per lo meno documentarsi sulla storia.

Poi insisto: se la chiesa diventerà "povera" è perché i caveaux delle banche si fanno ricchi. Per cui la "redistribuzione" che auspichi non ci sarà. Brutta cosa, l'anticlericalismo pregiudiziale. IO non ho mai risparmiato, come è noto, critiche alla chiesa, ma se in questo preciso momento verrà smantellata come molti a sinistra auspicano, non ci sarà manco una ciotola di minestra per i clochards, per qualche marito divorziato a cui la moglie ha portato via tutto (beni e figli) e anche per qualche imprenditore fallito a cui Equitalia ha portato via tutto e che ora è ridotto a mendicare i pasti alla Caritas.

Poi certo, una parte di verità sulle "risorse" è anche vera. E meglio sarebbe che tutta la carità si facesse solo a noialtri. Ma è vera solo in parte.

Nessie said...

Un'ultima cosa:
"Guarda caso proprio quelli che vanno a ruba -- non ho mai sentito nessuno che offra cifre astronomiche per portarsi via, tanto per dire, il David da Firenze. In tempi di crisi si curano le galline, non i monili".

Anche questo è in parte vero e in parte no. La povera gente pensa a conigli, galline, roba da mangiare, mentre i ricconi e l'alta finanza, fanno affari d'oro nelle case d'asta Sotheby's e Christie's.
Ti posso assicurare che nelle vetrine di Lugano delle banche svizzere (Arner per fare un esempio) spiccano sculture del Canova o di Rodin, pitture dei migliori impressionisti francesi, macchiaioli e dei divisionisti).

Perché sta scritto: "NOn di solo pane vive l'uomo". Ma a quanto pare, le possibilità per accrescere lo Spirito (e l'arte è questo) sono di esclusiva pertinenza di chi ha i dané. Tanti dané. E questo è ingiusto.

SILVIO said...

Decrescita è il sinonimo di sviluppo sostenibile.

Sviluppo sostenibile è la spina dorsale dell'Agenda 21 delle Nazioni Unite, del "Common Good"/NWO e del Partito malthusiano della Royal Society degli Windsor.

Entrambi i vocaboli implicano l'avvento trionfale del "Cane a 3 teste", guardiano del Nuovo Ordine Mondiale:
Governi tecnocratici + Cashless Society + Smart Grid & Smart city & Verichip the World & Hovering Horrors".

Cioè, schiavitù e povertà perenni.

Ecco una delle ragioni che han fatto scattare il campanello rosso d'allarme a causa delle sortite di papa Francesco I.

Nessie said...

Circa la tua ultima notazione, Guarda caso proprio quelli che gridano di continuo all'antisemitismo, potrebbero avere qualche interesse per fomentarlo ad arte. Ma è un vecchio discorso che risale fin dai tempi di Theodor Herzl, il teorico del sionismo.

Nessie said...

Grazie Silvio. Vedo sempre che ogni qualvolta formulo una riflessione, mi dai sempre la "pezza d'appoggio" a convalida della medesima.

Allora ho fiutato giusto :-)

SILVIO said...

Giustissimo, eccome!!!

Nessie said...

E' un caso, Silvio, se quelli della "decrescita", sono gli stessi che predicano la società senza contante ovvero la "cashless society"?

Anonymous said...

Nessie: «…alla nostra "decrescita" ci stanno già pensando gli oligarchi».

Concordo. Tanto è vero la crisi attuale produce decrescita e – continuando così – non avremo certo necessità che i Belini prendano il 100% dei voti per “decrescere” in tutti i sensi …
È noto, infatti, come gli aderenti (o aspiranti tali) all’oligarchia remino compatti nella stessa direzione, auspicando la mitica decrescita. Che appartengano ai bassifondi (Grillo, Casaleggio) o ai piani altissimi, come il “principe consorte”, che dichiarò di voler rinascere virus per sterminare metà della popolazione mondiale.
Sono evidentemente convinti di far parte – l’oro e la l’oro progenie – degli “eletti” che sopravvivranno.
Sta a noi mandargli il boccone di traverso, a noi “comuni” (sebbene non comunisti)... Magari mozzando qualche centinaia di migliaia di teste vuote…

Scusa il linguaggio fuori dai denti, Nessie, ma di questi tempi posso dire di essere di umore “nero” solo perché non esiste un colore più scuro…
(no caste)

Nessie said...

Morale, caro No caste, le "decrescite" non possono godere dell'aggettivo "felice".
E' un ossimoro che non sta in piedi, visti i drammi a cui stiamo assistendo già. L'umor nero di questi tempi è comprensibilissimo.

aladino said...

A proposito di decrescita.......

http://www.consilium.europa.eu/uedocs/cms_data/docs/pressdata/it/ec/135341.pdf

Anonymous said...

Noto che a tessere le lodi più sperticate al nuovo Pontefice che parla di povertà sono i più ricchi e potenti del pianeta attraverso i loro potentissimi e ricchissimi mezzi di informazione globale. Poi noto anche che quando si invita alla povertà ciò è sempre diretto alle persone comuni con un lavoro comune che invece, nei desideri dei potenti, dovrebbero diventare povere (cosa che infatti sta accadendo a passo di carica). Dagli inviti e prediche invece sono miracolosamente sempre esenti gli straricchi e strapotenti reggitori del pianeta (che infatti applaudono entusiasti).
Poi mi sfugge perchè invece di pensare a migliorare le condizioni degli indigenti si cerca di impoverire che indigente ancora non è.
C'è qualcosa che non quadra. O forse, purtroppo, quadra perfettamente.
Scarth

Anonymous said...

Nessie: «…le "decrescite" non possono godere dell'aggettivo "felice".
E' un ossimoro che non sta in piedi…».

Infatti, la Storia, per chi abbia voglia di studiarla, è lì a dimostrare che prosperità, salute e garanzie aumentano con la crescita…
Altro che favoleggiare di come si starebbe bene appesi alle liane, a ciucciar banane tutto il giorno e gingillarsi con l’I-pad…
Se c’è un limite alla crescita, le classiche colonne d’Ercole oltre le quali “non si può” andare, ebbene che sia la Natura a stabilirlo, non il volere di “illuminati” usurai e dei loro leccapiedi.

Intanto, noi registriamo che la recessione (l’altro nome della “decrescita” economica) porta solo sofferenze, disperazione e morte. E tanto ci basta.
(no caste)

Nessie said...

Aladino, grazie, utili note. "Crescita sostenibile, sviluppo sostenibile", "commercio equo e solidale"...Ce n'è una riga di termini mistificatori da Bestiario.

Nessie said...

Scarth, te la ricordi quella vecchia barzelletta sui comunisti che vogliono così bene ai poveri da volere impoverire il mondo? Beh, se i veterocomunisti li sostituisci coi mondialisti, i fabiani, gli Onusiani e derivati, il risultato è sempre quello. Ovviamente su larga scala planetaria.

No caste, "infatti, la Storia, per chi abbia voglia di studiarla, è lì a dimostrare che prosperità, salute e garanzie aumentano con la crescita…".

Per chi abbia voglia di studiarla...Hai detto niente :-)

Nessie said...

PS: sempre per la teoria che i pauperisti si trovano molto a loro agio, se ospiti dai ricchi, mi è stato raccontato che Serge Latouche (quello della serenità della decrescita) tiene le sue conferenze nei castelli e nelle tenute avite delle signore-bene imparentate coi Visconti, che ovviamente lo adorano.
Potrei aggiungere specifici nomi e cognomi ma è meglio di no, tanto per evitare querele.

Lo PseudoSauro said...

Decrescita: Credo che Aldo intenda una gestione nazionale dell'economia e annessi &connessi. Il fatto e' che questi lazzaroni la intendono globale, pertanto, l'ex occidente decresce e i paesi emergenti crescono fino a che non si trova un punto di equilibrio (in teoria). In soldoni: a decrescere (piu' o meno felicemente) siamo solo noi.

Il fatto e' che - come dice giustamente Aldo - la giostra sta gia' girando e a noi non e' dato di fermarla. Anche un ritorno ad una dimensione nazionale, comporterebbe - perlomeno inizialmente - uno shock; poi, probabilmente, si dovrebbe stare meglio di prima. Ma, ovviamente di una tale eventualita' non se ne puo' nemmeno parlare, figuriamoci poi lavorare per realizzarla.

Pertanto la decrescita sara' quella decisa da lor signori e alle loro modalita'.

E' un discorso parecchio complicato, questo, ma bisogna dare atto ad Aldo di essere molto piu' esperto di noi in una materia che sta studiando da tanti anni.

Nella mia opinione di ignorante il problema e' sempre e solo quello della dimensione: se nazionale o globale. Nel primo caso e' tutto chiaro: ci vorrebbe una completa sovranita' politica ed economica che manco Mussolini e' riuscito a realizzare. Nel secondo, invece, non c'e' alcun modo di evitare la crisi. Si tratta solo di farsela piacere.

Nessie said...

@ Sauro
"Decrescita: Credo che Aldo intenda una gestione nazionale dell'economia e annessi &connessi. Il fatto e' che questi lazzaroni la intendono globale, pertanto, l'ex occidente decresce e i paesi emergenti crescono fino a che non si trova un punto di equilibrio (in teoria). In soldoni: a decrescere (piu' o meno felicemente) siamo solo noi".

Purtroppo è così. E il sociologo Jean Ziegler la chiama con un termine suggestivo "economia d'arcipelago". Tutto deve essere "liquido" e "fluttuante" e nessun continente è al sicuro.

aladino said...

Carissimo Aldo, solo ora leggo il tuo commento. Non sono riuscito a farmi capire. Intendo dire una cosa semplice semplice. La decrescita non può essere "felice".

Altri blogger hanno dato una spiegazione grammaticale e non solo. Vorrei solo aggiungere che la evidente decrescita (io la chiamo con il suo nome: recessione e/o impoverimento), così come è stata pianificata dai banksters è immorale, antidemocratica e satanica.
Sono in parte d'accordo sulla torta da dividere e la crescita delle bocche da sfamare. Proporrei di far lievitare la torta e distribuirla equamente a chi ne ha bisogno. A patto che tutto ciò valga per tutti, compresi pupi, pupari e sanguisughe. Ma questo è un sogno.

Credo che il nostro pianeta possa dare frutti a iosa per tutti. Come dice lo Pseudosauro: è una questione di gestione intelligente delle risorse, accennando ad un programmazione nazionale. Pienamente d'accordo. Questo deve valere però anche oltre i nostri confini. Coltivo il mio orticello per la famiglia e sono disposto a dare una parte a chi ha bisogno e non è in grado di procurarsela. Certamente non sono disposto a cedere la benchè minima parte a chi è fuori dal consesso civile. Qui ritorniamo al concetto base: Patria, terra, lavoro, sudore, ecc....

Un esempio per chiarire. L'intifada (guerra delle pietre) è iniziata quando in Israele, al momento della raccolta delle arance, alcuni hanno ribadito che quella era terra loro, pertanto, ciò che vi cresceva era di loro proprietà. E' stata la scintilla (come se ci fosse stato bisogno) per i disordini, eccetera, eccetera.

Come il cane che rincorre la sua coda, dobbiamo ricordare e tener ben presente che questi pupari hanno programmato (70 anni fa) un limite alla popolazione mondiale di 500milioni, Graziosamente ora hanno portato il limite a 1miliardo. Ma che buoni, ma che bravi. E' cosa buona e giusta. Per gli altri 6/7miliardi di persone che facciamo ? Una guerretta atomica ? O semplicemente morte per astenia e fame ? A questi pupari cosa dobbiamo dire ? Cosa dobbiamo fare ?

Perchè non incominciamo a fornire una vanga ad ogni "migrante", rimandandolo al suo paese, perchè possa coltivare il suo orticello e non rompere i baccasisi a noi che di problemi ne abbiamo abbastanza ? ciao.

Aldo said...

Aladino: "Perchè non incominciamo a fornire una vanga ad ogni "migrante", rimandandolo al suo paese, perchè possa coltivare il suo orticello e non rompere i baccasisi a noi che di problemi ne abbiamo abbastanza?"

Appoggio la mozione. Purché liberi spazio qui da noi. Ad esempio, perché non cominciare a rispedire qualche centinaio di migliaia di persone all'India, visto che fanno tanto i sostenuti? Sarebbe un'occasione d'oro.

Aldo said...

A proposito di "sviluppo sostenibile" e di far lievitare la torta, invece, mi piace qui segnalarvi una sana lettura con questo articolo.

L'idea che ho io di decrescita non ha nulla a che fare con quella alla quale fate riferimento. E lo capisco bene, perché fior di propagandisti si sono dati da fare in questi anni per intorbidare le acque e rendere il linguaggio poco adatto a veicolare i concetti di quella decrescita che ho in mente io e che non ha niente a che fare con destra/sinistra e politicismi/ideologie/manovre varie. Pseudosauro, con la cruda sensibilità che lo contraddistingue, ha intuito qualcosa in merito.

Nessie said...

Ecco, a proposito dell'India e degli indiani, la tua proposta di rimpatriarli sarebbe eccellente per risolvere la crisi dei due Marò, di cui ho parlato nel post appena pubblicato.

SILVIO said...

@ Aldo
Bada che la penso come te. L'ho anche scritto : Piccolo è bello”,
Inoltre, ritengo che il principio economico (stabilito dalla globalizzazione) della “crescita infinita” sia follia pura portatrice di disastri (che stiamo subendo).
Purtroppo, la tua e mia opinione hanno possibilità praticamente nulle di imporsi, restando chimere.
Quando ho detto che la decrescita è il sinonimo di sviluppo sostenibile, non riferivo il mio pensiero ma quello dei massimi oligarchi , che l'han pianificato e messo nero su bianco su una mole impressionante di documenti ufficiali.
Come sempre, mi sono limitato a riferirlo col linguaggio asciutto della "metacomunicazione".
Poiché sono convinto che “il nemico lo puoi battere se ne conosci a fondo le intenzioni”.

Anonymous said...

C'e' Mastrangeli senatore di 5stelle in tv, parla da 20 minuti e non si riesce nè a capirlo nè a tenere gli occhi aperti. E vuol essere chiamato "cittadino"....fanno pena, veramente pena. Nega quel che Grillo ha scritto nel blog; cioè Grillo ha scritto certe cose e questo qui dice che non è vero, che non le ha scritte. Roba che ti vien voglia di invocare la Merkel per sterminarci tutti :-(

Stella