10 January 2013

Le vite degli altri e il Beferometro del Terrore

Un mattino, al risveglio da sogni inquieti, Gregorio Samsa si trovò trasformato in un enorme insetto. Sdraiato nel letto sulla schiena dura come una corazza, bastava che alzasse un po' la testa per vedersi il ventre convesso, bruniccio, spartito da solchi arcuati; in cima al ventre la coperta, sul punto di scivolare per terra, si reggeva a malapena. Davanti agli occhi gli si agitavano le gambe, molto più numerose di prima, ma di una sottigliezza desolante.«Che cosa mi è capitato?»
Il resto del racconto lo potrete trovare ne La Metamorfosi di Kafka. Ma non tutti gli Italiani sono in grado di capire che se continuamo passivamente ad accettare le perverse malvagità, il terrorismo fiscale che ci propinano con l'ultima versione "retroattiva" del Redditometro, faremo la fine del povero Gregorio: ci trasformeranno in uno scarafaggio e verremo schiacciati come questi schifosi insetti. Ora tutti sanno che si può andare a ritroso dei redditi e delle spese sostenute dell'anno prima, ma nessuno si può sognare di violare così apertamente i diritti più elementari dei cittadini, fino a privarli d'ogni dignità personale, pretendendo che si trovino i giustificativi di spesa di 5 anni prima. Quante volte sono stato dal parrucchiere nel 2009? Quante volte siete stati in vacanza nel giro di 5 anni? E al cinema? E a teatro? Al bar o al ristorante?  Quanto spendi tu e il tuo nucleo familiare per la spesa alimentare settimanale? Hai comprato qualche maglione o qualche paio di pantaloni? Se sì, quanto sei stato disposto a spendere per il tuo abbigliamento? e per le scarpe? Hai conservato lo scontrino dell'ultimo paio di scarpe acquistati? E quello del meccanico che ti ha cambiato la batteria dell'auto? Se non l'hai conservato i giornali (sia di regime che di "opposizione") ti danno un buon consiglio: vai in banca, fai una lunga fila, richiedi all'impiegato di farti un tabulato di spese del 2009, del 2010, del 2011, del 2012. Non sono pronti allo sportello? Beh, passa e ripassa altre volte, ma soprattutto fai altre file, chiedendo un permesso al tuo datore di lavoro che ovviamente ti negherà. Ma non basta. Befera e i suoi aguzzini ti staranno alle calcagna lo stesso e sarai costretto ad andare avanti e indietro per l'Agenzia delle Entrate con  sottobraccio dei faldoni voluminosi da far paura. E intanto le tue gambe si assottiglieranno come le zampette fini fini del sopra citato insetto.

Dal film "Le vite degli altri"

I vergognosi quotidiani (quale che sia la loro tendenza politica) invece di insorgere e allertare i propri lettori (che a breve spariranno del tutto) già preparano rubrichette sulle loro colonne in stile "I consigli della contessa Clara": fai così, fai colà, raccogli questi scontrini, non dimenticare quelle fatture... Ma vergognatevi luridi collaborazionisti di un regime da Stasi della DDR (si chiamavano orwellianamente "democratici" anche loro, guarda caso! ); vergognatevi, o pennivendoli, di concorrere a mettere il cappio al collo dei cittadini già stremati e depauperati,  invece di aiutarli a venirne a capo!
Del resto perché mai Befera si permette di scrivere una lettera intimidatoria formato-lenzuolo al principale quotidiano d'Italia per marcare il suo disappunto da quanto scritto da Ostellino, il quale in Unione Sovietica c'è stato per un bel po' quando faceva l'inviato, e almeno di burocrazia spionistica se ne intende? (mi riferisco al suo libro "Vivere in Russia", quando la Russia era sovietica). Un direttore con gli attributi (non un Flebuccio qualsiasi) avrebbe pubblicato solo le prime due righe di detta lettera, rispondendo  per le rime che il suo vero interlocutore è il Ministro Vittorio Grilli, autore del redditometro e che lui, Attilio Befera non è che un suo funzionario (ancorché strapagato). Doveva pertanto, essere il Ministro del Tesoro in persona ad assumersi la responsabilità della sua diabolica invenzione, non il suo tirapiedi. E questo dell'Equitalico Funzionario Stasi che scrive  con jattanza per conto del potente di turno, è  già in sé, un pessimo segno. Ma sappiamo bene che razza di Cuor di Leoni pullulano nelle redazioni!


Non ci vuole certo una scienza per capire la funzione del nuovo Beferometro intimidatorio. Da un lato rastrellare ancora un bel po' di soldi dalle tasche degli sprovveduti che arriveranno, per darli in beneficenza alle Banche-Stato o allo Stato-Banca (caso Montepaschi docet!) in previsione di un qualche imminente crac . Dall'altro, costringere i cittadini vessati e turlupinati dai frequenti richiami di Equitalia, a invocare essi stessi la "moneta elettronica" e alla rinuncia volontaria del tanto vituperato contante.
Della serie, vedete o Pecore, che alla fin fine la "tracciabilità" e la "moneta elettronica"  vi conviene ed è per il Vostro Bene che lavoriamo?

Rimase in quello stato di vacua e tranquilla riflessione finché l'orologio del campanile suonò le tre del mattino; vide ancora dalla finestra cominciare a sbiancarsi ogni cosa, poi, senza esserne cosciente, chinò definitivamente il capo e dalle narici esalò fievole l'estremo respiro. (Franz Kafka - La metamorfosi).

124 comments:

Anonymous said...

squallidi esecutori di terzo o quart'ordine..m13
http://economiaincrisi.blogspot.it/2010/07/il-tempo-del-riposo.html
http://www.santaruina.it/aquile-e-formiche-ii

Massimo said...

Ovviamente condivido in toto. Continuo a seguire l'iniziativa di Tremonti che, però, dopo aver immesso nel sito i fac simile non ha più fatto seguito con un coordinamento concreto della protesta.

Aladino said...

Terribile e merviglioso articolo.
Nella sua drammaticità vedo uno spiraglio che si può aprire. Credo ancora (non ingenuamente) al risveglio degli Italiani.

Arriverà il momento di chi paga (anche ricorrendo alla banca) per non smuovere ancor più il livello di merda che ci arriva al collo. Per il quieto vivere: Si, si, pago ma, lasciami in pace.

La capiranno gli inetti che la corda si è rotta. La capiranno che il controllo retroattivo (anche con metodi terroristici) del reddito, risalendo a cinque anni all'indietro è pura follia, altro che incostituzionale. Ed hanno il coraggio di auto-proclamarsi "democratici". Sono kriminali fino al midollo delle ossa. Cyborg rivestiti di pelle umana. Altro che lupi travestiti da agnello.

La capiranno gli inetti che la corda si è rotta. Che la "lotta agli evasori" è una bufala totale per massacrare gli inermi ed indifesi cittadini. Il tutto con l'aiuto di famigerati e venduti giornalai. Voglio vedere i beferidi servi dei servi dei leccaculo, presentarsi alle banche, alla lottomatica, eccetera. Provino ad incassare il dovuto. Non un cent in più ma, neanche uno in meno. Verrebbero sommersi dalle proprie deiezioni.

In un sito on line tedesco ho letto dell'allarme della Croce Rossa. Si sono accorti solo ora che in Europa vi sono 120milioni di cittadini che vivono sotto il livello di povertà. La Croce Rossa Greca è al fallimento. In Spagna non riescono più a controllare la situazione. Si aspettano rivolte in Belgio ed in Italia. Solo ora questi bastardi si sono accorti che non vi è solo la Tunisia et similia.

Verrà il momento che la corda si spezzerà. ciao.

Huxley said...

Se ho letto bene il meccanismo infernale funziona così: a fronte di una contestazione del Beferometro l'onere della prova è totalmente a carico del contribuente (grazie Tremonti!) il quale ha 90 giorni per convincere i suoi inquisitori che non è posseduto dallo spirito maligno dell'evasione, altrimenti non rimane altro che opporsi, ma si è tenuti al pagamento del 40% della cifra in oggetto e poi parte la causa (che, ricordo attualmente vede i ricorrenti vincere nel 60% dei casi, ma dopo una via crucis di spese e tempi biblici). Che dovrebbe essere più o meno quello che puoi pagare se cerchi una transazione 'amichevole'.
Benvenuti nella repubblica democratica italiana... evoluzione naturale di quella tedesca e coreana.

Josh said...

eeeh Massimo...l'hai visto Berlusca in giro per reti in queste sere?

che ne pensi?
adgnosco veteris vestigia flammae?

:-))

Nessie said...

Letto, grazie Marco. Dunque vedo che oramai non è più una profezia né un mistero e che si parla di crack.

Massimo, non illudiamoci, non lo farà. E del resto Vittorio Grilli (l'autore del Beferometro) chi è se non un suo "caro amico"?

Nessie said...

Per inciso, Huxley, potrei cambiare idea sul voto solo se mi promettono di toglierci dalle scatole Equitalia voluta in modo bipartisan. Ma nessuno nei loro stolti salotti, parla di voler mettere a pensionamento lo strozzino Befera tenuto in piedi in modo bipartisan.

Quello che paventi è proprio il peggio del peggio. Anche se hai ragione da vendere, sei obbligato a fare una Via Crucis irta di chiodi e spine. Perché? Perché lo scopo di queste porcherie retroattive è quello di sottomettere i cittadini trasformandoli in masse amorfe. Vedere l'insetto di Kafka.

Qualcuno sa spiegarmi perché mai le BR sono sparite dalla scena politica? Io un'ideuccia ce l'avrei ma non la dico...

Nessie said...

Josh, perché non ci racconti la tua recente disavventura..."tecnica". In questo contesto ci sta, eccome :-)...

Josh said...

Nessie, non ci sono parole per descrivere la pestilenza a più riprese che ci stanno preparando...

Il Beferometro ci esproprierà (come molte altre tasse e politiche del resto, a caso l'IMU, la Tares o comesichiama) e regaleremo immotivatamente milionate ai Templari della Banca-Stato-Tempio per rimandare sempre oltre il botto, fino a esaurimento delle (nostre) scorte.

Noi poi, che vedremo Equitalia come la seconda casa, a furia di domande (ma che ti sei tagliato i capelli 4 anni e 1 mese fa? quanti calzini avevi 2 anni e 34 giorni fa? quanta cioccolata hai mangiato e perchè? et similia)invocheremo la "moneta elettronica" e la tracciabilità, tipo liberazione da assedio, per essere ancora più assediati....della serie: ma che caxxo voi sapere? leggi lì quel che ho speso, perchè, e dove, e non rompere.

Al che le cose non saranno finite:
Ma perchè hai preso quel libro? perchè hai malpensato? perchè non hai acquistato quel prodotto? perchè non ami l'EurOOOOpa?
Siamo alla tassa sul pensiero.

Non avremo nulla, ma perchè se ti è rimasto qualcosa non l'hai investito nel nostro hedge fund?

un lanciafiamme per questa gente è poco.

Nessie said...

Per non dire degli ispettori che beccano a caso i nominativi dei proprietari delle caldaie e allora corri a prendere i libretti di manuntenzione, mostra le verifiche che hai fatto fare ecc. ecc. Ma alla fin fine qualcosa bisogna trovare sennò l'ispezione cosa è venuta a fare? Intanto...paga. POoiché per ogni cosa vogliono soldi. I TUOI. I NOSTRI. Oh che palle!

Nessie said...

Ciao Aladino,
"La capiranno gli inetti che la corda si è rotta. Che la "lotta agli evasori" è una bufala totale per massacrare gli inermi ed indifesi cittadini".

Sì, spero proprio che questa orrida foglia di fico della "Lotta all'evasore" rappresentato come verme, non venga più creduta. Certo che ce ne sono gonzi che se la bevono ancora...

L'ultima è la pubblicità-regresso del canone tv: una vasca piena di pesci o un vecchio cassettone trasformato in vaso da fiori e una voce che ti dice che qualunque uso tu faccia della TV, devi pagarne "il possesso". Capito l'idea? Di questo passo, tasseranno anche chi "possiede" un computer. Perché non si degnano di dire: io governo mi impegno a creare programmi edificanti adatti a favorire la crescita del cittadino? No, lo slogan sovietico è chiaro: se possiedi, tasso.

Josh said...

ah sì, Nessie, rispondo su quel fatto. Avere case costa.
E come dicevamo da tempo, anche prima dell'IMU, c'è già la costosa manutenzione.
Dove abito io, 1 anno e mezzo fa ho cambiato caldaia (risc. autonomo), poi si è rotta il 31, aggiustata al volo, poi si è rirotta l'altro giorno, aggiustata.

L'autunno scorso ho dovuto sostituire anche la caldaia ai miei inquilini, pochi mesi fa (no giusto per dire le spese).

E ora la notizia: yeee! il Comune ha sorteggiato la mia casa affittata per la verifica che sia tutto a norma (e lo è, io affitto solo case a norma e tutto in regola) con esame della caldaia.

Abbiamo così la visita coatta del Comune che verificherà la caldaia nuova....fin qui tutto pare semplice, ...è nuova! ma il foglio del Politburo della Duma è inquietante.

Non è più il Comune, ma incarica la sez. tecnica di una Finanziaria privata, per la verifica, che in quanto Finanziaria può appioppare multe che già promette nell'avviso.

Non basta che la caldaia sia nuova e a norma, che la prova dei fumi sia ok, che non si muoia per monossido, che sia nuova e lucente e splendida-splendente, che abbia permessi rilasciati da Vigili del Fuoco, il certificato della ditta istallatrice,
ma servono anche le
Dichiarazioni di Conformità DM 37/2008, Legge 46/90, DM 16/2/82, DPR 151/2011, il NOP 7/12/84 n 818, Dichiarazione di inizio attività/funzionamento DPR 12/1/98 art 3, n 37 che dobbiamo produrre quel giorno. (immaginate se lo doveva fare un anziano un po' perso)

Oltre alle misure di salubrità chimica e combustiva, e se abbiamo ottemperato sin qui,
pena la multa deve esserci anche il Bollino Calore Pulito, che è altro dal consueto Bollino di controllo corretto funzionamento, la multa c'è se uno non ha il Bollino anche se il calore è in effetti molto pulito.

Verrà misurato anche l'indice di fumosità altrimenti detto indice di Bacharach, che per me finora era un compositore.
Posso anche io dedicare una canzone a questi amministratori, ma soprassediamo.

Immaginate che questo avverrà per ogni elettrodomestico, acquisto....Immaginate la stessa intrusività in ogni aspetto della Vs. vita tra Equitalia e Redditometro, che mi chiederanno senz'altro perchè ho cambiato tante caldaie in così poco tempo?
Sì ma ho le ricevuteeee. Ti pare una vittoria? Non foss'altro per il tempo perso. E come ho messo assieme i soldi per pagare le caldaie? e via con una documentazione fino ai Greci.

Anonymous said...

Come sempre il nostro Beferone nazionale ha una visione molto parziale, parziaria giuridicamente è più corretto, delle cose.

Questo suo ìncipit ne è testimonianza: "Caro Direttore,
un raffinato politologo come Piero Ostellino non può ignorare quale sia la caratteristica comune e inconfondibile di quelli che lui chiama gli «Stati di polizia». La caratteristica è quella dell'assoluta segretezza che ammanta le procedure con cui le autorità di quegli Stati operano"

La solita verità "ammezzata".

Caro dr. Befera, ciò che caratterizza lo stato di polizia, oltre a quello che lei ha riportato, è l' ampia, smisurata discrezionalità operativa di chi, sgherro di fatto, se ne frega bellamente dei più elementari diritti di coloro che sono sottoposti alle sue malsane attenzioni.

La segretezza è un mero accessorio, nel suo caso la classica escusatio non petita.

Paulus

Josh said...

@Paulus:

ma infatti!
l'unica differenza tra lo stato attuale e lo stato di polizia, dunque anche per Befera stesso, è la non segretezza degli eventi.

Infatti quanto a segretezza è scomparso da mo' il segreto bancario, la riservatezza delle proprie spese per la "tracciabilità" che tratta tutti i cittadini come malfattori da spiare.


Infatti queste attività belluine gli sgovernanti le fanno pure alla luce del sole, con una parte di italiani osannanti e decerebrati.

Chi si dà fuoco lo fa alla luce del sole. Equitalia alla luce del sole ti fa multe preventive. Il redditometro non solo ti monitora alla luce del sole, ma anche ti strozzina alla luce del sole e ti dice cosa mangiare, vestire, bere & co dopo aver portato i tuoi consumi non solo alla luce del sole, ma anche come argomento di discussione con motivazione obbligata. Siamo al "perchè hai mangiato quel panettone?"

ma infatti
Non è certo meno dittatoriale solo per questo, anzi è pure peggio perchè mentre ti controlla e strozzina, ti sputtana pure (o almeno prova a farlo) come da losche pubblicità regresso in tv.

Alla luce del sole sminuisce la dignità dei cittadini onesti dopo avergli tolto ogni residuo di libertà, riservatezza, e svuotato le tasche, punto.

Nessie said...

Guarda Josh, qua ci stanno esacerbando in tutti i modi, nelle cose piccole come nelle grandi. Nel quotidiano familiare, così come nella vita sociale e lavorativa. Quella faccia di palta di Monti non appena si è insediato per giustificare l'IMU ha pure detto che la casa occupa un territorio e che pertanto richiede servizi alla comunità. Ergo va tassata. Ma questi "servizi" chi ce li paga se non noi stessi?!? Quella dell'indice Bacharach, non la sapevo.

Canzone per la circostanza?

Il titolo giusto bacharachiano sarebbe "A house is not a home" Traduzione arbitraria: un casino non è un casa (nel senso di focolare). Ma la casa, la stanno facendo diventare davvero...un gran casino. :-).

Conoscendoti, questa versione di Ella Fitzgerald dovrebbe piacerti:

http://www.youtube.com/watch?v=_GtaCOc9nIQ

Josh said...

Nessie, bella la versione di Ella:-)

ma una casa non è un casino, appunto.

quoto
"Quella faccia di palta di Monti non appena si è insediato per giustificare l'IMU ha pure detto che la casa occupa un territorio e che pertanto richiede servizi alla comunità. Ergo va tassata."

mi ricordo. Al che mi infuriai: chi paga già le imposte per quel territorio su cui è quella casa, comprese le strade (imposte comunali, regionali, provinciali), le bonifiche acque (se vicino ci sono fiumi o simili), il pattume, la luce, il gas, il telefono (con i cavi che da fuori vengono in casa, anche a questo si riferiva, ma anche il collegamnto, oltre al consumo è strapagato e ripagato tutte le volte) e ogni manutenzione? paghiamo tutto noi, 2 o 3 volte, con anche un'esagerazione di Iva.

Ecco perchè la motivazione dell'Imu come casa-bene che deve pagare perchè sta su un territorio (già strapagato) è sbagliata.

E' come se lo stato ci chiedesse un ulteriore affitto sulla nostra proprietà...ma se ci paghiamo un affitto, che proprietà sarebbe? ma qui si torna alla nebulosa argomentazione della proprietà privata nella nostra Costituzione....

Già lo strapaghiamo quel bene per il fatto di stare su quel territorio in tutte le imposte.
E lo Stato ci mangia sopra, anche alle spese che non lo riguardano.

ma minutile parlare con delle teste simili.
E pensare che questi soldi nostri sono andati a finanziare banche private.

Nessie said...

Paulus, mi pare che ti abbia già risposto esaurientemente Josh. Oggi il problema dei problemi è l'Autodafé in piazza, non la segretezza.

Nemmeno il Duce tolse mai il segreto bancario, ma cost'oro invece, sì lo fanno. E c'è già una connessione permanente tra l'Agenzia delle Entrate e le Banche da far paura, tenuto conto che su ordine della prima, le banche possono bloccare i conti correnti dei cosiddetti inadempienti, umiliandoli e obbligandoli a fare la fame o nel migliore dei casi, a farsi aiutare dai parenti.

Aladino said...

Quella dell'indice Bacharach, la racconterò a tutti i miei amici. Ad ogni risata mi farò offrire un taj (bicchiere) di Friulano (altrimenti conosciuto come Tocai). Grazie Josh. Alla salute.

Aladino said...

Cara Nessie, il Duce al confronto di questi vampiri era una mammoletta. Il che è tutto dire. ciao.

Josh said...

ok Aladino....ridiamo meno noi...

Aggiungo:

nel beferometro va notata anche l’inversione dell’onere della prova (d'innocenza) a carico del contribuente,
perchè loro partono sempre con l'accusa che chiunque sia colpevole.

Un tempo si diceva "ognuno è innocente fino a prova contraria".

Oggi ognuno è colpevole fino a prova contraria.

E nel frattempo uno deve anche lavorare, farsi i fatti suoi, occuparsi dei suoi problemi e ora lì nel mezzo dimostrare anche la sua innocenza da accuse spesso infondate e piovute dal cielo (pardon, dagli inferi).

Josh said...

ma vediamo assieme un prospettino riassunto illustrato demenziale, anche per capire la lungimiranza:

http://www.oggi.it/attualita/economia-3/2013/01/07/redditometro-stavolta-arriva-davvero-tutti-i-consigli-per-non-incappare-nelle-maglie-del-fisco/

certo che spendere di riscaldamento centralizzato al max 25 euro/mese ci metterebbero la firma in molti...e quindi? arriva befera: te sei scaldato troppo!

manutenzione e riparazione veicoli 50 euro/mese.
ah sì? alzi la mano chi ha mai speso solo 50 euro per riparare anche lo specchietto dell'auto negli ultimi 40 anni.

libri scolastici 3 euro/mese.
ah sì? manco er Bignami costa così
va beh che oggi si impara tutto a memoria per esser replicanti senza ragionare domani, e rispondere solo a test senza sviluppare le facoltà del ragionamento, ma 3 euro/mese in libri scolastici non esiste

dai 9 ai 2 euro/mese per spostamenti in autobus/metro...ma quando mai e DOVE costa così poco?

argenteria, orologi 6 euro/mese...ma manco uno swatch costa così, anche sommando tutto l'anno, figuriamoci l'argenteria

onorari a liberi professionisti 18 euro/mese ah sì? mai pagato un notaio, un avvocato, una visita in pvt?

questi sono fuori dal mondo.

Con questi criteri, volutamente assurdi e strumentali, ci fanno passare tutti per "colpevoli".

Sono i prezzi/spese talmente irreali che potranno aprire fascicoli su chiunque perchè nessuno ha mai potutto spendere così poco in quelle cose (tra cui medicine /mese in 3: 40 euro: se si è in salute, se no sti caxxi)
e pelarlo e tenerlo sottotorchio fino alla morte.
Anzi anche nell'aldilà.

Nessie said...

C'è un'altra cosa importantissima che non abbiamo ancora scritto, Josh. Col redditometro avremo una mazzata finale ad un'economia già agonizzante, perché crea fatalmente una deterrenza bestiale nei consumi, già messi a durissima prova. Chi si azzarderà ad entrare in una gioielleria a comprare un monile o un regalino per un compleanno o una Prima Comunione?

Chi se lo può permettere correrà all'estero (Svizzera, Francia, Austria, Slovenia ecc.) a fare acquisti "non tracciati e non tracciabili". Pagando in contanti ovviamente. Per cominciare nel Canton Ticino stanno facendo ponti d'oro agli Italiani in fuga dai loro negozi per acquistare da loro. E' così che i Grilli, i Monti e i Befera amano il nostro Paese. Si arricchiscono altri stati confinanti , mentre si svuotano le nostre tasche. Coglioni e criminali!

Nessie said...

Inoltre quello che hai scritto conferma appieno la volontà di costituire uno STATO ETICO.

"nel beferometro va notata anche l’inversione dell’onere della prova (d'innocenza) a carico del contribuente,
perchè loro partono sempre con l'accusa che chiunque sia colpevole.

Un tempo si diceva "ognuno è innocente fino a prova contraria".

Se ci vengono a origliare e a spiare quanto stiamo al telefono, quanto ci riscaldiamo, vuol dire solo una cosa: la loro volontà malefica di istituire su larga scala il PAUPERISMO tipico delle dittature totalitarie.

Anonymous said...

"la casa occupa un territorio e pertanto va tassata"ah ah,non sapevo che Monti avesse detto questo,davvero.Ma tanto ormai può dire quello che vuole perchè la gente non è più in grado né di pensare,né di riflettere...e gli accampamenti degli zingari non occupano un territorio o un'area pubblica? opss..boccaccia mia statti zitta!..'che domattina alle 4 rischio di sentirmi suonare il campanello di casa e che qualcuno in divisa mi venga a prelevare,com'è successo il 16 novembre a quei ragazzi brutti e cattivi che scrivevano su quel sito che è stato oscurato..come si chiamava?..non mi viene il nome..
ajab
Metal

Anonymous said...

@Josh "I nostri soldi sono andati a finanziare banche private".Un commento di qualche anno fa"Dobbiamo essere distrutti per far si che le banke private non perdano soldi sui loro crediti INESIGIBILI".Paul Greig Roberts.Oppure,meglio dire che tutto questo è stato architettato ad arte per distruggerci tramite "crediti inesigibili".Ma c'è chi ne ha parlato per anni di queste cose(io compreso,anche se è una ben magra consolazione)soltanto che la gente ti rideva in faccia..erano tutte cazzate,roba da paranoici,"complottisti",e allora..cosa ci vuoi fare..
Metal

johnny doe said...


Oltre al fatto di continuare a spacciare che la causa principe dei nostri guai sarebbe l'evasione fiscale...mai che venga in mente di citare per sbaglio l'euro....

Anonymous said...

Viviamo in uno stato , che scrivo volutamente in minuscolo , dove la più grande “azienda” è la Criminalità organizzata che fattura annualmente circa 140 Miliardi di euro.
Questa somma è 11 volte tanto quanto ha dichiarato di avere recuperato l’ Agenzia delle Entrate nel 2011 (13 Miliardi di euro , ultimo dato disponibile) dall’ “evasione fiscale” taglieggiando , angariando e portando alla disperazione migliaia e migliaia di Famiglie e Imprese.
Quella stessa Agenzia delle Entrate che poi , come scrivevo ieri , quando ha lei debiti nei confronti di un qualsiasi contribuente o li salda (se tutto va bene) dopo 10 anni o se ne guarda bene dal farlo inventandosi leggine ad hoc quasi sempre con valore retroattivo in spregio ai diritti più elementari.
Inserite in questo contesto il nuovo Redditometro e ditemi voi quale è il problema dell’ Italia.
Il pensionato di 70 anni residente a Milano che dovrà spendere per i medicinali al max € 18,55 al mese per essere “congruo”? La Famiglia con 1 figlio residente a Roma che dovrà spendere per gli alimentari al max € 568,19 al mese sempre per essere “congrua”?
Capite quante baggianate ci propinano ogni giorno?
E fanno pure gli spot con i parassiti per il popolino dei due euro come al solito festante ed applaudente.
E intanto Camorra , Mafia , ‘Ndrangheta , Sacra Corona Unità sentitamente ringraziano.
Fabio

SILVIO said...

5 F A Q ovvero... ”...cinque verità per non farci prendere per i fondelli e per non dimenticare i giuda e i boia...”

1) CHI HA INVENTATO IL REDDITOMETRO?
L'ha ideato Francesco Forte, editorialista economico de Il Foglio, il Giornale e L'Occidentale nonché ex-ministro nei governi Fanfani 5° e Craxi e fervido fautore dell'inserimento del “pareggio di bilancio”nella nostra Costituzione.
http://www.tempi.it/il-redditometro-lho-inventato-io-ma-quello-di-monti-e-visco-e-vessatorio-e-antidemocratico#.UO-u0YzSoak

2) CHI HA INTRODOTTO IL “VECCHIO” REDDITOMETRO NELLE LEGGI VIGENTI ?
L'ha introdotto Vincenzo Visco, ministro nei governi Prodi 1°, D'Alema 1°/2°, Amato 2° e viceministro di Tommaso Padoa Schioppa nel governo Prodi 2°.
Sul “Giornale” del 31/10/2006, Giancarlo Perna ne fece il seguente ritratto: ..."Da un quarto di secolo, il vampiro pugliese è all'origine di tutte le nostre imposte. Si è battuto per patrimoniali, tasse sui Bot, Irap, lci, Ires, Irpef, la moltiplicazione dei contributi, l'invasione dell'Iva, il rigoglio dei bolli. Esaurito il salasso dei vivi, svena ora i morti reintroducendo l'imposta di successione"...

3) CHI HA INTRODOTTO IL “NUOVO” REDDITOMETRO NELLE LEGGI VIGENTI ?
L'ha introdotto il ministro Giulio Tremonti, firmando (di concerto con Napolitano e Berlusconi) il DL 78 del 31/5/2010 convertito poi nella legge 122 del 30 luglio 2010 .

4) CHI HA RESO ATTUATIVO IL “NUOVO” REDDITOMETRO ?
L'ha reso attuativo il governo Monti a mezzo del decreto del 24 dicembre 2012 firmato da Vittorio Grilli, ministro dell'Economia e delle Finanze .
http://www.dirittobancario.it/sites/default/files/allegati/decreto_ministero_delleconomia_e_delle_finanze_24_dicembre_2012.pdf

5) QUAL È IL FINE OCCULTO DEL REDDITOMETRO ?
Spazzar via i ceti medi, predandoli dei loro beni e rendendoli schiavi della precarietà e della povertà, in triste compagnia dei lavoratori a basso reddito già privati di molti diritti fondamentali

Nessie said...

Ottimo compendio storico del redditoemtro (oggi Beferometro), grazie Silvio. Ora fanno tutti gli scandalizzati (Francesco Forte in primis nelle sue interviste), ma tutti hanno la loro parte di responsabilità nell'aver concertato queste solenni porcherie che negli anni sono giunte alla degenerazione che sappiamo.

E non dimentichiamo che il vampiro dagli occhi cerulei Vittorio Grilli, prima di essere al servizio di Monti era al servizio di Tremonti.
Inoltre, i famigerati "studi di settore" applicati da Visco e TPS per le industrie (e che hanno favorito un ammontare di tassazione fino al 68%), con quest'ultima fetenzia verrebbero in pratica applicati anche sulle famiglie già messe a dura prova.

OT: Branca Doria è arrivato in ritardo, ma ti ringrazia per le informazioni che gli hai dato nel post precedente dell'Agendista Stregone.

Nessie said...

Metal, hai ragione ma inutile farsi il travaso di bile per queste conclamate ingiustizie. Tu fai l'esempio dei campi nomadi abusivi che occupano suolo e territorio, e io riporto un altro iniquo esempio di xenofilia. Di recente la Magistratura ha prosciolto da ogni accusa gli extracomunitari che hanno sfasciato un centro di accoglienza. Ma non andiamo fuori tema.

Nessie said...

Il pensionato di 70 anni residente a Milano che dovrà spendere per i medicinali al max € 18,55 al mese per essere “congruo”? La Famiglia con 1 figlio residente a Roma che dovrà spendere per gli alimentari al max € 568,19 al mese sempre per essere “congrua”?"

Fabio, costoro hanno gli algoritmi al posto del cervello, e su unmio post precedente scrissi scherzosamente (ma non troppo) che è la vita che deve aderire all'algoritmo (secondo loro) e non viceversa. Temo che il tempo di scrivere e di sfogarci solo per iscritto sia finito e che dovremo creare delle catene umane davanti alle varie filiali di Agenzie delle Entrate.

SILVIO said...

@Nessie
Ringrazio Branca Doria per le parole di stima ma - siccome sono io ad essere il più spietato critico di quello che scrivo - mi sono accorto che non ho spiegato come scaturisce il tasso di rendimento dei titoli di Stato in un'asta marginale.
Sarà per un'altra volta "illustrarlo"...
Per oggi (o domani) sarebbe più impellente pubblicare "Come resistere ad Equitalia ed all'Agenzia delle Entrate, senza rimetterci le penne".
Mi darò da fare al riguardo.
Lo prometto.

Nessie said...

Stavo pensando di allertare qualche avvocato della mia città che conosco per creare dei collegi di difesa "preventiva" dei cittadini, perché quello che ha appena riportato Josh ("la presunzione di colpevolezza fino a prova contraria") è roba davvero paranoica e allarmante. In qualche modo dobbiamo fermarli e, come ripeto, limitarsi a scrivere non basta più.

Nessie said...

PS: Una cosa è certa, siamo esseri umani e non siamo insetti e io a fare la fine del povero Gregorio Samsa, non ci penso proprio. Venderemo cara la nostra pellaccia, perdio!

Huxley said...

Oltre all'esaustivo compendio di @ SILVIO sul redditometro vorrei ancora ricordare CHI ha reintrodotto l'inversione dell'onere di prova (con il solve et repete): TREMONTI

http://phastidio.net/2010/07/02/forcaiolismo-fiscale/

Tra l'altro c'è una sentenza del 1961 della corte costituzionale che renderebbe il solve et repete illegittimo, chissà se Giulietto ricorrerà anche sul suo operato.

http://juanm.altervista.org/blog/2011/10/04/solve-et-repete-quando-il-governo-comunista-viola-la-costituzione/

Come essere condannati per mancanza di prove; dobbiamo solo sperare che il Beferometro non ci appioppi qualche bene non posseduto (case, barche, auto o altro) perchè a me risulta difficile capire come si fa a dimostrare di NON possedere un bene.

Nessie said...

Grazie Huxley, è bene ripetere che il SOLVE ET REPETE è un'invenzione di colui che oggi aspira a ricostruirsi la verginità perduta.

Anonymous said...

è tutta massoneria (anche giornalisti tipo l'idiota spettacolo de la7 di iersera)
finta contrapposizione per arrivare ad uno scopo "alto" almeno per "loro". m13

Josh said...

@Nessie:

la presunzione di colpevolezza fino a prova contraria è sintomo dell'epoca e del mondo in cui stiamo vivendo:
un mondo alla rovescia,
un helter skelter, un head over heels, un mondo satanizzato dove il bianco è nero e il nero bianco.

Aladino said...

Cara NESSIE, hai parlato di STATO ETICO.
Lo Stato (preferirei una Nazione) è fatto di uomini (fino alla vigilia delle elezioni), poi l'aria che respirano alle Camere li trasforma in squallidi cyborg. Cosa fare ?

Un mio vecchio pallino, ancora in via di elaborazione, chiamato provvisoriamente "Codice Etico" è dedicato a tutti gli amministratori pubblici, politici e non, ed è rivolto a tutte le istituzioni di qualsivoglia orientamento politico. Quindi multipartisan. Quale accenno: l'art. 1 dovrebe recitare: E' vietato lo sport del salto della quaglia (a buon intenditor.....).

Ritengo questo molto importante perchè origine di tutti i nostri mali. All faccia dell'art. 67 della decrepita Costituzione che ci ritroviamo. L'articolo afferma che l'eletto risponde alla Nazione. Quindi, non risponde al proprio partito (bleeeeehh) e nemmeno al cittadino elettore che lo ha nominato. Un obbrobrio di democrazia. Il voltagabbana, volendo cambiare la sua appartenenza (escludendo la possibilità di formare di formare un partito con solo se stesso, ovvero di passare al gruppo misto), DEVE (dovrebbe) ripresentarsi al collegio elettorale e chiedere al cittadino sovrano di esprimere il suo giudizio. Altra possibilità cedere il passo l primo dei non eletti (???).

Tutto ciò può trascendere in diversi problemi. Chiedo il tuo parere e quello dei blogger, ben sapendo che il famigerato articolo è blindatissimo e ben sapendo che i politicuzzi mai lo cambierebbero.
ciaooooooo.

Nessie said...

Ho capito: ci vuole padre Amorth
:-)

Anonymous said...

più probabile il Capo

Nessie said...

Sì Aladino, ma dello "stato ETICO" la sottoscritta ne ha parlato male, se leggi bene il mio intervento di ieri 12, 30.

Uno stato con una funzione regolatrice e normalizzatrice deve dotarsi di criteri e di valori, ma non può farne un dottrinarismo...di stato. La morale e l'etica sono fatti individuali e sono parti integranti del profilo umano. Se diventano collettivi significa che siamo al regime.

Quello che dici tu sul "salto della quaglia" non ha nulla a che fare con l'etica, ma è un semplice e ovvio regolamento politico, laddove la politica abbia ancora un minimo di credibilità.

Josh said...

p.s. ieri sera tra le tante cose scritte, avevi visto quel mio commento sopra?

non tanto l'articolo, ma lo schemino che è più lampante di altri.

se si clicca
http://www.oggi.it/attualita/economia-3/2013/01/07/redditometro-stavolta-arriva-davvero-tutti-i-consigli-per-non-incappare-nelle-maglie-del-fisco/

tralascia il testo, e trova la figurina verso metà, riclicca sul prospetto e si ingrandisce, tutto è più lampante.

S'è detto dell'anziano con spesa medicine....ma lì per es. si vede anche che una famiglia a Milano di 3 persone,
per loro certo, spenderebbe:

_riscaldamento centralizzato al max 25 euro/mese (ma è falsissimo, costa un botto);

_manutenzione e riparazione veicoli: 50 euro/mese (ma quando mai...?)

_libri scolastici 3 euro/mese.
ah sì? manco er Bignami ...sarebbero 36 euro l'anno in tutto in libri scolastici(a Milano).

_dai 9 ai 2 euro/mese per spostamenti in autobus/metro in 3...ma quando mai e DOVE costa così poco?

_argenteria, orologi: 6 euro/mese...
ci sono swatch che costano di più; ugualmente c'è chi ha cose ereditate e in un anno non li compra per nulla, mica è una pesa continua, però te l'hanno appioppata lo stesso.

_onorari a liberi professionisti 18 euro/mese (in 3):un notaio, un avvocato, una visita in pvt costa così (cioè circa 200 euro l'anno in 3? finchè è una prestazione forse, ma non 2 o 3)?

intendo dire che oltre che persecutorio, con la presunzione di colpevolezza, è anche fatto in modo tale che un fascicolo può essere aperto su chiunque perchè i valori su cui si basa sono evidentemente SBAGLIATI, inventati apposta per accusare tutti senza esclusione.

oltre ad altre presunzioni di spesa automatica, che automatica non è.
Per es.
Mangiare fuori xxx e te lo attribuiscono: c'è gente che non mangia fuori e si fa tutto da sè in casa, ma lì dice che li hai spesi lo stesso a mangiare fuori.

Taglio capelli, dice una cifra (anche al single: 22 euro al mese, ma un taglio ne costa 35):
ma c'è tanta gente calva. E se uno è uno skinhead che si autorapa?
Loro dicono che li hai spesi lo stesso.

sono fuori di testa.


Nessie said...

L'ho visto, l'ho visto Josh, e sinceramente ti dico che non ne posso più di questi pennivendoli megafoni e amplificatori del Befera e delle sue vessazioni. Ora aumentano i manualetti in stile "i consigli della Contessa Clara" su come non incappare nelle maglie del fisco. Che palle!

La prossima volta che ho un po' di tempo giuro che inonderò le redazioni dei giornali di fax e email di protesta per ricordare loro quanto siano collaborazionisti nella scelta di articoli ben poco critici nei confronti di uno strumento così vessatorio.

Nessie said...

In ogni caso, la prima cosa da farsi è rimanere calmi e continuare a svolgere il nostro stile di vita così come lo avevamo. Se ci facciamo prendere dalla paura è finita!
Ma finita, già a prori.

Anonymous said...

Perché voterete un governo solo virtuale
http://www.nexusedizioni.it/attualita/perche-voterete-un-governo-solo-virtuale/
nwo
http://www.nexusedizioni.it/geopolitica/i-piani-del-nuovo-ordine-mondiale/
m13

Nessie said...

PS : Josh, non me la prendo di certo con te, come ben sai. Ma quando leggo frasi come queste riportate nell'articolo che mi hai testé linkato, vado su tutte le furie:

"IL CONSIGLIO AL CONTRIBUENTE - Sarà meglio controllare mensilmente se il livello di spesa per ogni singola voce è adeguato a quello indicato nella tabella Istat per la rispettiva tipologia di famiglia. Il Fisco prevede cinque macroaree: Nord-Ovest, Nord-Est, Centro, Sud e Isole. Il contribuente di Busto Arsizio può perciò fare riferimento ai dati di Milano, mentre quello di Pagani dovrà confrontarsi con le tabelle di Napoli."

E questi sarebbero consigli?!? Ma che vadano a farsi... ecc.ecc. Non ho voglia di aprire il dizionario delle parolacce, ma costoro sono oggettivamente (e non solo) I migliori zerbinotti di Befera.

Che nessuno di noi faccia un Redditest né un software, dato che:

1) sono pieni di hackers

2) chi lo fa,dà l'impressione di sentirsi in colpa (che poi è quello che vogliono).

3) E' una palese manifestazione di sudditanza psicologica nei confronti di uno strumento vessatorio nonché anticostituzionale (alla faccia del buffone prezzolato Benigni e del suo burattinaio Bella Napoli).

Anonymous said...

La tortura della garrota non è finita. Un'altra manovra aggiuntiva di 7 miliardi è prevista per aprile in nome del Fiscal Compact e del pareggio di bilancio :
http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/urne-funerarie-per-chi-vince-palazzo-chigi-sar-un-inferno-il-nuovo-premier-deve-49252.htm

Zeta

Anonymous said...

a proposito di caldaie, nella lista dei "memento" ci dovrebbe essere anche la domanda:
chi ha creato la "mafia delle caldaie "?
rsp : un sessuomane venditore di tappeti...

mi raccomando quindi , rivotiamolo :-)
ws

Josh said...

non c'è la parolaccia adatta infatti Nessie

certo che l'avevo letta:
"IL CONSIGLIO AL CONTRIBUENTE - Sarà meglio controllare mensilmente se il livello di spesa per ogni singola voce è adeguato a quello indicato nella tabella Istat..."

adesso dovremmo controllare di essere il consumatore-tipo che l'Istat ha detto che dobbiamo essere.

ma è roba da pazzi, ora è l'Istat e il beferometro a dire cosa devo essere, ma che vadano a cagare

Non ho nessuna intenzione di farmi condizionare e venderò la pelle molto cara

Nessie said...

Scusa ws, "il sessuomane venditore di tappeti", sarebbe il Berlusca? Non ho alcuna intenzione di rivotarlo, ma che c'entra con le caldaie e la mafia?


Sì, Josh, ma anche gli scribacchini dei giornali e di rotocalchi sarebbero da impiccare!
Possibile che si adeguino bovinamente a qualunque stronzata?

Nessie said...

Zeta, grazie. Ma qui CI VOGLIONO MORTI.

Marco quelle confessioni di un insider del NWO le conoscevo già.

Josh said...

Nessie
"anche gli scribacchini dei giornali e di rotocalchi sarebbero da impiccare!
Possibile che si adeguino bovinamente a qualunque stronzata?"

Mi fa arrabbiare,
ma non mi stupisco,
li hanno assunti APPOSTA,
li hanno fatti diventare così i giornali, apposta (perchè...di chi sono, infatti? delle banche, di cordate internazionali...)
per fare del marketing pro scelte sbagliate,
per "oliarci" con vaselina e lubrificanti a base di acqua, e "convincerci" che queste inc..... sono le migliori scelte possibili per noi.

E se ti guardi in giro, c'è dello scontento,
ma c'è anche una marea di festanti di ogni età per il beferometro che con le patrimoniali e le IMU fanno
.... "l'ITaGLia" Giusta.

Anonymous said...

gaiezza
http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Cassazione-No-pregiudizi-per-figli-ai-gay-Esplode-la-polemica-sulla-sentenza_314072910887.html

Nessie said...

...e allegrezza :-)

Anonymous said...

Temo che i contrari a un simile sistema (e a tutto lo sporco resto) siano una ristretta minoranza. La grande maggioranza ha orwellianamente assimilato il concetto che più tasse ci sono meglio si sta. E che più gente innocente viene perseguitata più giustizia c'è. E' quindi una grande maggioranza prontissima a perpetuare il sistema; il fanatismo ha ormai attecchito a livelli spiccioli. Il resto lo fa il disinteresse ottuso.
Devo, dalla precedente discussione, una risposta a Nessie e Silvio sul voto/astensione. Un'astensione attiva come prefigurata da Silvio avrebbe un certo impatto ma temo molto attenuato dalla nota capacità di silenziamento e lascierebbe intatto il vero potere. Credo però i numeri siano davvero molto ridotti. Mi rendo conto che "l'offerta" politica d'opposizione attuale non sia entusiasmante realisticamente però tra un Parlamento 100% Bersani/Monti e uno che lo sia solo al 55% preferisco il secondo. Chiunque componga il rimanente 45 purchè non collaborazionista. Lo stesso per le regioni.
Vista la ritrovata alleanza spero nel mio collegio ci sia un candidato della Lega perchè non mi garberebbe molto votarne uno del fu PDL dopo l'appoggio annuale a Monti e al suo massacro. Accetto proposte alternative.
Scarth

Nessie said...

Scarth, mi soffermo sulla prima parte del tuo commento, quello relativo al Beferometro.

"Temo che i contrari a un simile sistema (e a tutto lo sporco resto) siano una ristretta minoranza. La grande maggioranza ha orwellianamente assimilato il concetto che più tasse ci sono meglio si sta.".

Finché ci sono soldi per pagarle, sì. Poi finiranno anche quelli e quella che tu definisci la maggioranza pecorona, sarà costretta a inferocirsi. Anche le pecore si incaxxano. Chi non ha da rimediare il pranzo con la cena, non ha tempo per ideologie.

SILVIO said...

@ Scarth

Temo che non sia come tu dici.

Ritengo infatti che la strategia dei pupari sia quella di rendere impossibile un governo (fittizio) democraticamente (?!) eletto in modo da reiterare il tecno-potere di Monti e relativi accoliti affinché possano ultimare il loro sporco lavoro distruttivo.

L'agitarsi impazzito dei miserabili pupi psicopatici e servi ne è la riprova.

Anonymous said...

No Nessie, ci sono innumerevoli Paesi dove le pecore vessate in ogni maniera invece di arrabbiarsi si rimbambiscono. Hai presente quelle favelas di disperati con la TV al plasma sbronzi e fuori di testa dalla mattina alla sera? Quello è il nostro futuro prossimo: non è una profezia, è già scritto in quello che abbiamo attorno. Cara Nessie noi, qui, siamo persone di un'altra epoca.
Scarth

Nessie said...

Ma che razza di credente sei Scarth, se pensi che cadremo nella disperazione e nel degrado permanente ?!? Io non ci voglio nemmeno pensare...

Quanto alle elezioni sottoscrivo quanto asserito da Silvio. Il fatto stesso che a questa pupazzata abbiano messo delle liste-cloni (il doppio 5 stelle, il triplo MOnti di cui un certo Samuele Monti) è la dimostrazione della farsa fittizia. Ovvero una pupazzata nella pupazzata.

SILVIO said...

@ Scarth

mi spiace contraddirti anche sul tuo ultimo post (quello sulle pecore). Mi spiace perché ti stimo molto.

Negli Usa stanno proliferando i think tank che incitano pubblicamente alla rivolta

http://www.bob-owens.com/2012/12/what-youll-see-in-the-rebellion/comment-page-1/llione

E gli americani non scherzano quando è in gioco la loro libertà.

A differenza di noi, possono infatti contare su centinaia di milioni di armi (anche d'assalto) possedute in casa grazie al 2° Emendamento della loro Costituzione.

Anonymous said...

Silvio, sottoscrivo la perplessità per quanto riguarda il "democraticamente". Il gioco penso sia comunque già fatto (la Borsa docet): Monti e PD sono intercambiabili e al massimo se i voti non basteranno al PD ci sarà un governo Monti /PD.
Secondo me si tratta solo di mandare in Parlamento qualcuno che renda loro le cose più difficili.
Scarth

Anonymous said...

Credente per l'altro mondo. Per questo, San Tommaso. Del resto da quelle parti votano Monti...
Scarth
PS: comunque sono astemio e non ho la TV al plasma, per la favela vedremo.

Nessie said...

"Credente per l'altro mondo. Per questo, San Tommaso".

Troppo comodo!

Anonymous said...

Carissimi Nessie e Silvio, mi auguro davvero che sia esatta la vostra interpretazione e mi auguro di prendere una cantonata con i miei ragionamenti.
Per festeggiare il mio errore potrei perfino scolarmi una vodka dell'89 e se necessario arrivare all'assenzio.
Scarth

Nessie said...

Sul blog culturale Il Giardino delle Esperidi, Josh ha scritto una frase che vale la pena di riportare anche qui:

"io voglio credere che dai traumi, dai lutti, anche irreparabili,
anche se le cicatrici restano,
si possa uscire,
perchè credo nel potere del cambiamento, nella guarigione, nella rigenerazione e nell'amore.

La nostra anima ha questo potere".

Josh lo ha scritto a proposito della poetica (e poesia) del Pascoli, ma credo che si adatti bene a tutte le situazioni. Anche a quella che stiamo vivendo. Qui il suo post :

http://esperidi.blogspot.it/2013/01/impressioni-di-gennaio.html

SILVIO said...

@ Scarth

Brinderò molto volentieri con te se la scintilla dovesse partire dagli Usa...sarebbe uno spasso indimenticabile vedere certi rettili stanati dalle tane in cui si nascondono...

Eh, si. Brinderò con te, ma col limoncino perché la vodka mi metterebbe subito KO.

Josh said...

@Nessie

mo' grassie della citazione :-)

@Scarth, prima di finire ubriachi in favela
prendo questo tuo

"Credente per l'altro mondo. Per questo, San Tommaso. Del resto da quelle parti votano Monti..."

...votano Monti una parte del mondo cattolico deviato-massonizzato, la CEI, certi vescovi gesuitici....

Non direi lo stesso delle persone cattoliche in giro per la nazione, o almeno non tutte



Nessie said...

Josh, ierisera ho seguito la puntata de l'Ultima Parola, ma sarà colpa dell'imminente data delle elezioni, è stata una palla priva di mordente, una tribunetta politica come tante, non trovi?

Poi c'è un'altra notazione da fare sulla puntata di Santoro, e mi rivolgo a Silvio.

Non entro nel merito delle comiche Totò e Peppino di Santoro contro Berlusconi. Le comiche mi interessano poco.
Parlo invece dell'imprenditrice veneta che recitava a memoria la pappardella di Barnard e della MMT, senza mai citarli direttamente.

Grande oonestà intellettuale, perbacco! Non c'è che dire. Non poteva citare la fonte delle sue idee?

SILVIO said...

Il 19 luglio 2012 - nel corso del convegno “LIBERARE L’ECONOMIA: MENO TASSE PIU’ CRESCITA” tenutosi a Roma su iniziativa di Confcommercio - un tizio prese la parola e dichiarò:

«C'è una maggioranza silenziosa che non evade, sulla quale la pressione fiscale è del 55% . Ma in qualche caso la pressione è anche superiore, alcuni imprenditori mi hanno parlato del 70%».

Chi era quel tizio ? Un guru internettiano anti-tasse o un operatore economico furibondo per le vessazioni subite? Niente di tutto questo.

Trattavasi invece di un noto boiardo di Stato, pagato 456 mila €uro all’anno per fare “lo sbirro esattore”, rivestendo contemporaneamente i ruoli di “Controllore” (quale Direttore dell'Agenzia delle Entrate) e di “Controllato” (quale Presidente di Equitalia).

Vale a dire, Attilio Befera: ex direttore centrale di Efibanca - ex super ispettore tributario del Secit - ex direttore centrale per la riscossione del Dipartimento delle Entrate del Ministero delle Finanze per volere dI Vincenzo Visco e (“dulcis in fundo”) Direttore dell'Agenzia delle Entrate nonché Presidente di Equitalia su nomina di Giulio Tremonti ministro del MEF nel governo Berlusconi 4° (dall'8 maggio 2008 al 16 novembre 2011). (Links:)
http://www.confcommercio.it/home/ArchivioGi/2012/Da-Befera-s--a-un-fondo-taglia-tasse.htm_cvt.htm
-
http://www.fiscooggi.it/attualita/articolo/attilio-befera-guidera-lagenzia-delle-entrate

http://www.fiscooggi.it/attualita/articolo/nuovi-vertici-equitalia

Ergo. Uno “sbirro esattore” rigorosamente “bipartisan” (in quanto amato da coalizioni avversarie, che fingono di essere tali comportandosi in realtà come i ladri di Pisa, famosi per litigare di giorno ed andare a rubare insieme durante la notte) che non prova vergogna nello sfottere pubblicamente i malcapitati contribuenti, vessati da arnesi di tortura fiscale (imposte dirette e indirette, redditometro, spesometro, riccometro, ecc. ecc....) che non hanno eguali nel resto del mondo (l'ha confermato la Banca Mondiale!)

http://www.tg1.rai.it/dl/tg1/2010/articoli/ContentItem-855daa1a-95f5-4197-ba96-c0c3613de246.html?refresh_ce

SILVIO said...

@ Nessie

Per evitare travasi di bile, non guardo la tv da molto tempo (tranne casi rari...) né acquisto “carta igienica” (=stampa) mainstream.

Le mie principali fonti informative sono internet e i buoni libri.

Ho saputo di Santoro, di Berlusconi e dell'imprenditrice veneta (attivista MMT) dal post di Paolo Barnard

http://memmt.info/site/ieri-sera-da-santoro/

Che posso aggiungere ? Sicuramente, questa postilla.

La smetta Paolo (Barnard) di rigirarsi i pollici!

E si sbrighi ”a volare alto” ponendosi a capo di un Movimento a-politico che abbia come unico programma la “Modern Money Theory” applicata alla realtà italiana.

Non comprendo davvero che cosa osti a che ciò si realizzi....

Aladino said...

A chi ha lanciato l'idea di brindare con roba strong.
Rilancio. Se i rettili verranno schiacciati, non da un piedino di donna (storia delle religioni) ma, da uno scarponaz, magari indossato dal cognato di SILVIO (Apppproposito); briderò con un bottiglion di sgnape furlne. ciao.

Nessie said...

Silvio, non più tardi di ierisera all'Ultima Parola hanno intervistato il Giulietto il quale come al solito, ha fatto finta di deprecare il nuovo Redditometro, dopo aver in tutti questi anni, applicato le ganasce fiscali a centinaia di imprenditori caduti nelle disperazione.

Alla domanda se chiuderanno Equitalia, in caso di vittoria, ha preferito glissare e non rispondere. Gente infingarda e il più buona c'ha la rogna.

Quanto a Barnard, una delle regole auree è che non si fabbrica mai il pane per gli altri e le regole di chi partecipa ai convegni e alle iniziative della MMT dovrebbero essere più chiare, più o meno su questo modello: chiunque cita le nostre tesi, è obbligato a citare e a publicizzare le nostre iniziative e la nostra associazione. Inoltre tutti i suoi scritti dovrebbero recare questa indicazione come fa Ida Magli:

"In caso di riproduzione si prega di citare la fonte e di aggiungere il link a questa pagina".

SILVIO said...

@ Aladino

"Gagliardi" i vini friulani !

Firefox sta benissimo, attorniato dai suoi amici del "Fronte del Porto" una comitiva di gente di mare con cui non è consigliabile litigare.

Spero che si faccia ri-sentire in questo blog.

Ciao.

SILVIO said...

Traggo dal sito
http://memmt.info/site/ieri-sera-da-santoro/
questo post e chiedo vendetta per questo ennesimo doloroso atto di rinuncia a vivere e combattere:


# Post di COSIMO, inviato il 12 gennaio 2013 at 10:58 | #
“Come non darti ragione (Paolo) ! Nel frattempo i morti da austerità continuano”.
- MORTE BIANCA-ASSASSINATO DAGLI EUROPARTITI
-
http://www.giornaledicalabria.net/index.php?section=news&idNotizia=32673
“ERA SENZA LAVORO DA GIUGNO, 49ENNE SUICIDA A MIRTO CROSIA”, 11 gennaio 2013.
« MIRTO CROSIA:
Dal marzo scorso non percepiva più lo stipendio e da giugno aveva perso il lavoro. Potrebbero essere questi, secondo i carabinieri, i motivi che stamani hanno spinto un uomo di 49 anni a suicidarsi gettandosi dal tetto dell’abitazione dei suoceri, a Mirto Crosia, nel cosentino. L’uomo è stato subito soccorso e portato nell’ospedale di Rossano dove è morto dopo poche ore per la gravità delle ferite. Secondo la ricostruzione degli investigatori, l’uomo soffriva di crisi depressive che sarebbero cominciate dopo che nel giugno dello scorso anno aveva perso il lavoro che svolgeva in un'impresa edile della zona.
LASCIA MOGLIE E DUE FIGLI ».

Nessie said...

Che tragedie, e quanta tristezza! Chissà se tutta questa povera gente verrà un giorno ricordata con tanto di nome e cognome, come MARTIRI DELL'EURO, in una qualche lapide appositamente collocata in luogo pubblico...

Aladino said...

Che dolore. Se un uomo arriva a questo estremo gesto, significa che l'umiliazione patita ha superato l'istinto vitale.

Non mi parlino di depressione. Mi hanno spiegato come e perchè è il metodo più semplice per archiviare un caso. L'altro metodo è: Pazzia, un momento di pazzia.

Quello che fa più male è il nascondino generato dai giornalai, non riportando tutte le morti ma, ubbidendo ad un mafioso ordine. Quello di pubblicare questo e quest'altro. Che pena.

Vorrei che, negli esseri umani prevalesse l'istinto alla vita. Decidendo di non patire più umiliazioni. A costo di indossare i scarponi e prendere il forcone.
Se non ora, quando ? ciao.

Anonymous said...

dovremmo tenere bene a mente il fine del nwo, che sostanzialmente è un ribaltamento dei valori cristiani. L'economia è importante ma la crisi viene sfruttata per raggiungere determinati obiettivi.
Il barnard fa analisi giuste ma la visuale complessiva mi sembra assente.
Può darsi che dopo il governo dei "tecnici" vogliono farci vedere il mega inciucio...certe cose non capitano per caso, tipo la trasmissione del sartoro (s, b, e t tutti massoni a mio avviso).
Sapevo che conoscevi quell'agenda nwo messa da nexus (l'avevo inserita io nel blog foa tempo fa) era solo per ricordarla..
Vita, famiglia, educazione, libertà religiosa..alla fine sarà chiaro che questi paletti li vorranno spazzare via (e sarà altrettanto chiaro da che parte stare).
http://www.webdiocesi.chiesacattolica.it/cci_new/s2magazine/index1.jsp?idPagina=26699
http://www.lanuovabq.it/it/articoli-ecco-lagenda-ratzinger-5550.htm
m13

Anonymous said...

"Milioni di occhi incollati ai teleschermi, dove si discute del nulla assoluto, ma si finge di litigare aspramente per adescare la massa dei tifosi, incantati dalla musica dei pifferai (direi teatranti di quart'ordine che seguono direttive)"
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4155
m13

Aldo said...

Qualcuno di chi si propone come "forza di opposizione" riesce a rendersi conto della forza oppositiva dirompente di un aspirante suicida? Mettere nelle mani di costoro gli strumenti di persuasione più adatti, sul modello islamico, potrebbe dare più d'un grattacapo a chi tiene le redini tra le mani. Eppure, niente. Vediamo solo organizzare stupide manifestazioni con altrettanto stupide rappresentazioni di ancor più stupidi ed inutili scontri con forze armate pronte alla reazione. E' una cosa talmente idiota da rendere impossibile credere che avvenga in buona fede e per gli scopi dichiarati. E' una rappresentazione teatrale per fingere opposizione allo scopo di evitare l'opposizione vera. Così la vedo, ma io sono un soggetto notoriamente paranoide.

SILVIO said...

Ho raccolto una consistente mole di informazioni sul “Come resistere all'Agenzia delle Entrate e ad Equitalia” sino a quando mi sono imbattuto nel sito RESISTERE A EQUITALIA. com

http://www.resistereaequitalia.com/

con sottotitolo
(Come Difendersi dalle Cartelle Esattoriali (e non farsi pignorare casa e auto).
Tale sito non lo conoscevo né ho avuto il tempo di testarne l'affidabilità.
Però – a caldo - mi è parso che dia buoni consigli.
In ogni caso, costerà poco cliccare, leggere o salvare su hd quanto scritto nelle sue varie sezioni:
“Cartelle Esattoriali / Ipoteche Casa / Fermo Auto / La Prescrizione / Le Notifiche delle Cartelle / Rateizzare o Pagare? / ecc, ecc./ “
Se non altro, avremo una prima guida utile con cui resistere allo “sbirro esattore”.

Nessie said...

Marco, l'analisi complessiva (ovvero la Weltanschauung ovvero visione del mondo) non c'è proprio e sono d'accordo con te che non di sola economia vive l'uomo. Del resto quello della MMT è un metodo e in prima istanza Barnard ha chiesto ai partiti già esistenti di adottarlo. Una sera alla trasmissione tv 'Ultima Parola ha chiesto espressamente a Maroni di adottarlo, per metterlo alla prova, ma costui ha fatto bellamente lo gnorri.

Niente di più facile quello che dici: che dopo il governo dei tecnici assisteremo ad una sorte di Grosse Koalition che adottino però tutti quanti l'agenda Monti.

Nessie said...

Aldo, proprio tu che non li hai mai potuti soffrire parli di kamikaze islamici? :-).

E' vero che in un suicida c'è una forza dirompente, ma è meglio che la rivolga verso i suoi oppressori, piuttosto che su sé stesso. Io la vedo così.

Nessie said...

Ho dato un'occhiata veloce al sito e vedo che ci sono tante voci interessanti, grazie mille Silvio. L'uomo che parla in video però è talmente farraginoso nell'eloquio che mi auguro di non aver mai bisogno di dovergli chiedere lumi. Comunque è bene che ogni città, ogni Comune si doti dei suoi collegi di commercialisti e di avvocati, sennò la vedo dura. Ci vogliono risposte molto forti per il ritiro immediato di questa porcheria vessatoria e banditesca. Non ultime, far leva anche sui sindaci.

Lo scopo precipuo del Beferometro è chiaro e l'hai gà scritto tu: l'esproprio e lo
"spazzar via i ceti medi, depredandoli dei loro beni e rendendoli schiavi della precarietà e della povertà, in triste compagnia dei lavoratori a basso reddito già privati di molti diritti fondamentali".

Giocare ad azzeccagarbugli può salvarci da qualche cartella pazza, ma non elimina il grosso del problema.

Josh said...

@Nessie:

"Josh, ierisera ho seguito la puntata de l'Ultima Parola, ma sarà colpa dell'imminente data delle elezioni, è stata una palla priva di mordente, una tribunetta politica come tante, non trovi?"

sì era una vera palla. Poco mordente, discorsi più scontati del solito, i candidati che si sforzano di essere credibili e riverginarsi dopo le malefatte o le proposte assurde, a cui hanno aggiunto furbesche chiavi di lettura sempre parziali.
Carcarlo Pravettoni mi fa ridere se non altro:-) quando ha detto che Lilli Grundig e Berlusca su la7 del sancarlone erano una succursale di clinica estetica, la fiera del falso perciò.

Aldo said...

Nessie: "E' vero che in un suicida c'è una forza dirompente, ma è meglio che la rivolga verso i suoi oppressori, piuttosto che su sé stesso. Io la vedo così."

E secondo te cos'altro volevo dire? E l'accostamento agli islamici era solo ed esclusivamente riferito al metodo, non certo ai contenuti e alle finalità. Se è che fingi di non capire va bene, in caso contrario rileggi meglio (e non è uno stupido predicozzo; piuttosto una sincera esortazione). Capisco che tu non voglia replicare a tono, ci sta e condivido, ma non far finta di non capire.

Nessie said...

Evvabene, non t'arrabbiare Aldo eh?
E la prossima volta per evitare fraintendimenti, vedi di parlare pure fuori dai denti. Non fingo di non capire. E' che per come l'hai messa lì, non si capiva...

Anonymous said...

Folle e condottieri
http://www.santaruina.it/Folle-e-condottieri-parte-I
http://www.santaruina.it/il-flusso-del-potere-parte-iii
Un ‘potere occulto’ di ordine politico e finanziario non dovrà essere confuso con un ‘potere occulto’ di ordine puramente iniziatico
http://www.gianfrancobertagni.it/Autori/reneguenon.htm
m13

Anonymous said...

Ciao, Nessie. Arrivando buon ultimo (causa difficoltà “tecniche”), spero mi consentirai di divagare…
Sono tra quanti hanno seguito l’esibizione (non saprei definirla altrimenti) di Messere Bunga (Cavalier De La Pompetta) alla trasmissione di Sant’oro.
Confesso di non avere mai assistito prima ad uno “spettacolo” così avvilente, il cui principale protagonista era un tizio botulinoso e ceronato che – un secolo fa – era “sceso in campo” contro il “teatrino della politica” e finì col volgere la politica in macchietta.
Unica cosa seria, in oltre due ore di pessimo avanspettacolo, l’intervento di un’imprenditrice veneta la quale, senza tanti giri di parole, è andata subito al sodo: Europa, euro, sistema bancario, proprietà popolare della moneta, sovranità monetaria, signoraggio (i 57 miliardi che versiamo ogni anno alla Bce), proprietà privata della Banca centrale ecc. La bella e intelligente signora ha ottenuto dal suo interlocutore solo vaghissime risposte e due certezze: l’euro non si tocca e dall’Europa non si esce.
E non poteva essere altrimenti, dato che il tizio cui rivolgeva le sue domande è (tramite il solito gioco delle “scatole cinesi”) uno degli azionisti di Bankitalia, dunque della Bce e – di conseguenza – un beneficiario del signoraggio.
Come poteva illudersi di ricevere proprio da “lui” le risposte che cercava? Da chi ha finora dimostrato di saper fare benissimo i suoi affari, ma solo quelli?
In guerra (e noi “siamo” in guerra) è fondamentale individuare il nemico, sapere dove sparare, altrimenti si rischia di sprecare pallottole o, peggio ancora, di far danni…
(no caste)

Anonymous said...

# Silvio.
Condivido la tua esortazione rivolta a Barnard di smetterla di «girarsi i pollici» e impegnarsi, in qualche modo, sul piano “operativo”. Non sarebbe male, nel cinquecentesimo anniversario del Principe, cominciare a “sporcarsi le mani”…
Ma l’appunto alla sua inerzia (pur non condividendo in toto le sue idee) è l’unico che mi sento di rivolgere a Barnard, avendo avuto parecchie dimostrazioni dirette della sua “presa”, parlando con persone comuni, che lo conoscono e lo seguono molto più di quanto egli probabilmente non creda.

Ciò detto, vorrei ricordarti quello che sicuramente sai: un «movimento a-politico» non può esistere, è una contraddizione.
Un movimento può essere apartitico, non apolitico. Nel momento stesso in cui un movimento si forma e comincia a lottare per fini dichiarati fa politica. Non per evocare un vecchio, abusato, slogan secondo cui “tutto è politica”, ma è così. In questo Blog, ad esempio, che pure non è espressione di alcun movimento, si fa politica ventiquattro ore al giorno.
Il disgusto che i partiti e la “politique politicienne” hanno provocato nel sentimento popolare non deve farci dimenticare che “la politica“ è una cosa seria, altrimenti si finisce davvero col perdere la bussola.
(no caste)

SILVIO said...

Nessie, ho apprezzato il tuo ultimo intervento sul blog di Foa perché gli ha ridato - per un attimo – la dignità di un tempo.
Ma ogni sforzo è vano.
La legge del padrone rende ciechi, muti e sordi i pochi birilli, dai soliti nick, che imperversano -da un blog all'altro della casa – con un diluvio di banalità per dare (agli sponsor pubblicitari dei blog) l'impressione di essere tanti.
Che squallore....

Nessie said...

Gli è (per dirla alla toscana) che non ce la faccio a starmi zitta, caro Silvio. Anche se sono consapevole che una rondine non fa primavera. Mai sentite tante plateali banalità in un blog che ormai possiamo definire "squatterizzato". Ma come vedi, mordo (o meglio, mordicchio) e fuggo. Buona domenica!

Nessie said...

o caste, della "bella e intelligente signora" ho appena parlato nel commento delle 10,31 replicando a Josh. Lì puoi leggere chi è. Silvio ha messo il link dell'incidente...diplomatico:

http://memmt.info/site/ieri-sera-da-santoro/

La signora imprenditrice voleva una vetrina per idee non sue (proviene dalla scuderia di Barnard) e l'ha ottenuta. In realtà sapeva e sa benissimo che parlare con Messere Bunga è come fare dei buchi nell'acqua.

Su Barnard, Il Principe e Machiavelli non hai torto. Le idee volano, possono essere carpite, rubacchiate e non si può pretendere di farne un monopolio esclusivo se ci si limita solo a fare dei seminari e dei gruppi di studio (ancorché qualificati).

Nessie said...

Scusa, mi è rimasta la N di No caste nella tastiera :-) Come sei messo adesso a problemi tecnici col pc ?

SILVIO said...

Passo ora ad un altro blog.
Quello di Sua Altezza Reale il Principe di Galles

https://www.princeofwales.gov.uk/media/our-view/comment-hrh-the-prince-of-wales-royal-society-report-can-collapse-of-global

Aprendo il link col browser Google-Chrome, vi apparirà istantaneamente in italiano l'opinione favorevole di Carlo d'Inghilterra circa l'ennesimo incitamento (allegato agli Atti della Royal Society l'8 gennaio scorso) a ridurre d'imperio la popolazione mondiale con ogni mezzo.

Cioè, l'orrore malthusiano della religione fabiana che avanza e intende falcidiare l'umanità.

Par di rileggere la folle Agenda dei Protocolli dei Savi di Sion !.

Chi sono gli autori dell'incitamento di cui sopra ? Presto detto.
I famigerati coniugi ”Ehrlich, Paul e Anne”, di professione “biologi da campi di sterminio” a cui Cesare Lombroso (se fosse stato vivo) avrebbe dedicato un capitolo a parte nei suoi studi sull'antropologia criminale.
E il principe Carlo d'Inghilterra è d'accordo con loro.
Aggiungo che lo sarebbe presumibilmente anche suo padre Filippo, visto che tempo fa confessò ”...Se potessi rinascere, mi piacerebbe essere un virus per ridurre la popolazione mondiale a soli 500 milioni di abitanti, che è il numero ideale sostenibile...”

Anch'io concordo.
Ma unicamente per cancellare dalla faccia della terra tutta la feccia dei potenti satanisti psicopatici che la infestano (i relativi loro accoliti e servi sono compresi).

Ed intanto in Grecia la povera gente è costretta a bruciare mobili ed alberi per cucinare e difendersi dal freddo.....

Nessie said...

Sì Silvio sulla Grecia ho letto da Barnard:

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=546

mentre la nostra stampaglia tace, nasconde e acconsente. O tuttalpiù si sprecano le pagine sul canovaccio Totò (Berlusca), Peppino (Santoro) e la Malafemmena (Travaglio), con annesse le due letterine (quelle di carta e quelle vere: le due sbiadite comparse della Costamagna e della Giulia Innocenzi).

SILVIO said...

@ No Caste
Condivido “in toto” i tuoi post, persino nei punti e nelle virgole.
Ciò ti potrebbe sembrare una contraddizione, dato il nostro apparente disaccordo sul Movimento a-politico con a capo Paolo Barnard, da me auspicato.
Ma non lo è poiché “per movimento a-politico” intendo quel movimento che miri a raccogliere tutto il consenso elettorale possibile attorno ad un mono-programma .
Cioè attorno al progetto, da tutti condiviso, di riacquisto della sovranità monetaria e fiscale , possibilmente nell'ottica di una Federazione degli Stati Uniti d'Europa, costituita da Stati sovrani, solidali e di pari dignità (la Germania, l'UK e altri Stati del Nord vadano pure a ramengo, se d'accordo non sono)
Il mono-programma favorirebbe sicuramente il ritrovarci uniti piuttosto che divisi a causa delle possibili diverse concezioni su altri temi (ad esempio, su quelli eticamente sensibili) , maturate in ciascuno di noi a seconda della personale cultura d'origine.
Ciao.

Aladino said...

Bella quella di mordicchiare e viaaaaaa. ciao.

Anonymous said...

Sulla grande inadeguatezza di Berlusconi ad affrontare simili scenari e simili avversari sono più che d'accordo. Non è canditato alla presidenza del cosiglio però e per fortuna. D'accordo anche su Barnard.
Visto quello che è successo l'ultimo anno molto utopisticamente mi sarebbe piaciuto un sostanzioso raggruppamento trasversale anti-Poteri Forti e pro-Libertà. Purtroppo ciò non si è verificato.
Non dimentichiamo poi che i suddetti Poteri Forti, Germania in primis, come hanno dimostrato sono disposti a ricorrere a qualsiasi mezzo pur di ottenre ciò che vogliono. Nell'Angolo di Granzotti sul Giornale di oggi c'è un interessante ricordo di ciò che accadde (fu fatto accadere) dai suddetti signori sul finire del 2011.
Scarth

Anonymous said...

Nessie, il vecchio macinino subisce un crash dietro l’altro, ma sono intenzionato a farlo scoppiare prima di mandarlo in pensione, secondo il famoso “metodo Fornero” ☺…

Ho letto l’articolo di Barnard. Stimandolo molto vorrei sbagliarmi, ma credo che il suo limite sia nel suo caratteraccio, che lo rende “impolitico” e ne sterilizza l’azione.
Personalmente, le cose che so sull’argomento le ho imparate molti anni fa (e anche io “gratis”, naturalmente) da Pound, Auriti e altri. Cosa dovrei fare, citarli in fila ogni volta che tratto certi temi? Analogamente, dovrei citare Einstein se dico «relatività», Lorenz se uso la parola «imprinting», Pavlov se mi scappa un «riflesso condizionato», eccetera… Mi sembra una pretesa eccessiva.
Non si può impedire alle idee di camminare e, magari, di trasformarsi strada facendo.
Inoltre, non su tutte le cose dette dall’imprenditrice veneta Barnard può rivendicare il copyright. La “proprietà popolare della moneta” non è farina del suo sacco e la polemica sulla proprietà privata delle Banche centrali esisteva qualche decennio prima che tutti noi nascessimo.
Pound pagò le sue idee con tredici anni di manicomio criminale, come sai. Non credo che se oggi fosse vivo pretenderebbe di essere citato ogni volta che qualcuno pronuncia o scrive «usurocrazia»…
Insomma, tener fermo sui principi è un bene, ma ogni tanto un po’ di elasticità mentale non guasterebbe.
(no caste)

Anonymous said...

# Silvio.
Grazie per la precisazione. Alla luce della quale si potrebbe ipotizzare un ulteriore compito per l’ipotetico “movimento”: quello di preparare quadri da infiltrare nei partiti (ognuno dove lo… porta il cuore), allo scopo di “fecondarli” dall’interno.
È una tattica usata da sempre in certi ambienti “innominabili” e che sempre dà i suoi frutti…
(no caste)

Nessie said...

Granzotto, credo, Scarth. Non ho ancora letto il pezzo, ma sinceramente di tutte queste Agatha Christie e di questi Conan Doyle dell'ultima ora, ne ho le tasche piene. Dov'erano costoro quando quei "complottisti" nonché "cospirazionisti" di poveri blogger (tra i quali la sottoscritta) parlavano apertamente di golpe tecno-finanziario con dati alla mano?

Nessie said...

No caste: "Ho letto l’articolo di Barnard. Stimandolo molto vorrei sbagliarmi, ma credo che il suo limite sia nel suo caratteraccio, che lo rende “impolitico” e ne sterilizza l’azione".

E' quanto ho detto (o meglio, ho scritto) ripetutamente a Silvio. I caratteri sono il nostro karma, piaccia o meno. O se preferiamo usare una parola più latina, il nostro destino.
Purtroppo verba volant e le idee pure. Giusto l'esempio che fai di POund e idiota sua figlia Mary che pretenderebbe (tanto per rimanere negli esempi di copyright) che i giovani di Casa Pound non si chiamassero in quel modo. Se ben ricordi, ne avevamo già parlato.

Anonymous said...

Errore di battitura Nessie. Per la verità la stampa vicina al fu PDL, pur sommamente confusionaria, Monti non l'ha mai appoggiato tranne Ferrara e pochi altri. Granzotto è sempre stato assolutamente critico ad esempio.
Scarth

Nessie said...

Ma Cervi no, e si è bevuto il cervello. Forse è l'età. Poi c'è Porro che dice le cose fino a un certo punto, ma poi alla fin fine usa la classica langue de bois dei giornalisti. Idem Foa. Non esistono "mezze verità". O la si conta intera o non la si conta.
Intanto per come stanno rotolando le cose su di un piano inclinato mi domando cosa diavolo ci sia da perdere...

Anonymous said...

Nessie ti copiano. Tu metti gli insetti nel blog e Grillo mette gli insetti nel suo. Tu citi Kafka e Grillo ricita Kafka. Sarà un caso?

http://www.beppegrillo.it/2013/01/burocrazia_vs_democrazia.html#commenti

Zeta

SILVIO said...

Incredibile ma vero !
Nel nuovo topic del suo blog (“Idee scandalose in tv. Era ora!”), Marcello Foa scrive:
« Ancora una volta, viva “Servizio Pubblico”, ma non per lo show di Berlusconi e Santoro, su cui si è detto tutto, bensì per un fatto storico. Per la prima volta durante una trasmissione ad altissimo ascolto, vista da 10 milioni di persone, alcune idee coraggiose, inusuali, anzi scandalose, secondo la maggior parte dei media, sono state illustrate liberamente.
Mi riferisco allo splendido intervento dell’imprenditrice Francesca Salvador, da Vittorio Veneto (Treviso), che ha toccato finalmente temi off-limits, come la necessità di una riforma monetaria, del bisogno di riprenderci la sovranità sottratta per vie traverse, dei legami di Mario Monti con lobbies internazionali come Goldman Sachs e la Trilaterale, di un establishment legato a Monti e all’Europa che punisce l’impresa e salva le banche.
Francesca Salvador, a quanto ho potuto apprendere, ha sviluppato il proprio pensiero partendo dall’esperienza personale e leggendo i libri di un pensatore anticonformista e coraggioso come Marco Della Luna...»
.
----------
Marco della Luna ? E chi è ? Chi lo conosce ?
Posso invece testimoniare - per essere stato ed essere un simpatizzante della MMT - che Francesca Salvador ha ripetuto pari-pari quel che abbiamo appreso da Warren Mosler e da altri economisti nei meeting organizzati in Italia da Paolo Barnard, a cui anche la signora Francesca ha partecipato.

Marcello Foa ha pertanto toppato.
Spero, in buona fede.

Nessie said...

Ho appena guardato, grazie Zeta. Beh, Grillo è stato vittima di cattiva burocrazia con le sue liste e quando si parla di questa, viene subito in mente l'universo burocratico claustrofobico e incombente di Kafka (Il Castello, Il Processo, la Metamorfosi).

Però però... un sospettuccio c'è sempre, e chi vuole difendere i suoi copyright, non scriva sul web che è come scrivere all'aperto sulle cortecce degli alberi :-). Ciao

Nessie said...

Silvio,

"Marco della Luna ? E chi è ? Chi lo conosce ?"

Beh... tu lo conosci, visto che prima intervenivi sul suo blog. Poi è certo che non ha la levatura della MMT e sugli incontri che la signora ha avuto è Barnard stesso a parlarne e a fare la profezia che costei sarebbe diventata una star :-). Delle testimonianze sui meeting che citi ti credo al 100%.
Piuttosto, mi piacerebbe sapere Foa da chi ha avuto quella notizia. Ma non credo che se la sia inventata di sana pianta.

SILVIO said...

@ Nessie

Non sono nato ieri.
Nello scrivere
"Marco della Luna ? E chi è ? Chi lo conosce ?"
sapevo quel che scrivevo.
Marcello Foa è maestro nello spin.
Ma io non sono da meno.
Onore a Paolo Barnard: se lo merita per quel che ha fatto disinteressatamente e senza secondi fini.
Non permetterò mai che altri ci "mettano il cappello".
Tanto meno chi "cinguetta" coi poteri forti,non degnandoti di risposta perché appartieni alla "gggente" comune.

Cortesi Andrea said...

Cara Nessie, innanzitutto in grave ritardo, permettimi di augurare buon anno a te a i tuoi partecipanti...

Non ho visto la sfida all'"ok korral",perche' non mi interessava.

Ho fatto solo un commento su Foa chiedendo quale fosse lo scopo vero di Santoro.

Da quando ho visto come Travaglio ha liquidato Bernard sulla questione Israele/Palestina, hanno perso tutti punti.
Si dice di solito dimmi con chi vai e ti diro' chi sei e di solito ci si azzecca.
Mi sono quardato cosa diceva l'imprenditrice e la trovo una cosa bella.
Poi Foa si fa' troppe illusioni sulla capacita' di recepire della "massa".

Ma su questo penso siamo sulla stessa linea.
Quello che ho notato invece da lettore esterno di Blog che parlano degli stessi problemi, l'assurda competizione sulla "verita' assoluta" che solo io detengo...

Ho visto recentemente Silvio liquidato in malo modo su Stampa Libera solo perche' teneva a precisare che Agnelli non apparteneva al ramo dei Rothschild...e qui credo che Silvio abbia avuto pienamente ragione.
Adesso sotto gli Elkmann forse possiamo parlare di gruppo Fiat in mano ai Rothschil...non prima.

Pero' la reazione del moderatore mi e' sembrata spropositata, cosi' come quando indicava in un altro blog, quale Come Don Chisciotte, dei siti infestati da depistatori.

Ma questa intendere che l'altro blog sia "infestato" di idee fuorvianti o depistanti l'ho notato anche in altri.

Domandina: ma come possiamo pensare che la gente si svegli dal torpore , se anche tra gente che qualche cosa ha capito, si crea competizione?
Il problema e' enorme, serve coesioni di idee ricordando(come dice Silvio)che ognuno di noi viene da una propria realta' ed ambiente per cui non ci sara' mai un collidere perfetto del pensiero.
Ma il risultato deve essere uno.

Se le cose dovessero precipitare almeno essere dalla parte di quelli che hanno capito, dovrebbe permettere cadendo di farsi meno male.E detto fra noi, stiamo gia' cadendo...

Cordialmente
Andrea Cortesi

Ti rinnovo i complimenti perche'

Nessie said...

Silvio, chi cinguetta coi poteri forti? Della Luna o Foa?

SILVIO said...


@ Nessie

Ambedue.

Sia il leguleio, sia il Ceo svizzero.

Nessie said...

Ciao Andrea Cortesi, grazie e buon anno anche a te e alla tua famiglia.

Tu scrivi: "Domandina: ma come possiamo pensare che la gente si svegli dal torpore , se anche tra gente che qualche cosa ha capito, si crea competizione?
Il problema e' enorme, serve coesioni di idee ricordando(come dice Silvio)che ognuno di noi viene da una propria realta' ed ambiente per cui non ci sara' mai un collidere perfetto del pensiero.
Ma il risultato deve essere uno".

Andrea, sarebbe bello, anzi bellissimo. Ma questa che citi è esattamente la Madre di tutte le questioni.

Non so molto della faccenda di Stampa Libera (un blog che ha certamente dei limiti), perché non vado su molti siti e come vedi, ho diradato drasticamente la mia presenza anche da Foa, dato che si è palesemente snaturato. Ciao ripassa quando vuoi, ci farai piacere.

Nessie said...

Silvio: Ahhhhh, allora mi sa che anche il secondo non era così "in buona fede" ;-)

SILVIO said...

@ Andrea Cortesi

Il "Silvio" che argomentò su Fiat-Agnelli-Rothschild non posso essere stato io.
Sai perché?
Perché è da molto tempo che non posto su Stampa Libera.
Il motivo ?
È uno dei cloni di "The Modernist Journals Project" :
http://www.modjourn.org/render.php?view=mjp_object&id=1158589415603817
Alias, la New Age. Cioè, uno dei tentacoli dell'ideologia fabiana del NWO.
Ciao.

Anonymous said...

Monti ha dichiarato che se vincerà, il suo ministro dell'economia sarà Befera. Ditemi che ho letto male.

Stella

Nessie said...

Interessante Stella. Così la cupola delinquenziale è al completo.

Aldo said...

Nessie: "Evvabene, non t'arrabbiare Aldo eh?"

Non è con te che sono arrabbiata, è piuttosto uno stato emotivo di fondo. Rileggendo le mie parole mi rendo conto d'essere stato un po' sgarbato e di essere andato formalmente ben oltre il contenuto (effettivamente innocuo) che intendevo comunicarti, ovvero la richiesta di rileggere e prestarmi attenzione. Chiedo sinceramente scusa per le forme che ho usato e che sicuramente non meritavi. E' che quando si hanno i nervi a fior di pelle è difficile reagire "a compartimenti stagni"... :(

Nessie said...

Aldo - "Non è con te che sono arrabbiata, è piuttosto uno stato emotivo di fondo".

Capisco. Se poi chi ci dovrebbe aiutare e dare preziosi consigli per essere meno vessati, pubblica articolacci come questo di Libero:

http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/1154792/Redditometro--tutti-i-consigli--per-difendersi-dall-agguato.html

allora c'è solo da spararsi. O da oliare i fucili, come diceva l'amico Sarcastycon.

Josh said...

del resto, prima del redditometro-beferometro,
ma molto prima, c'è "Swift".
Per chi si illudesse....

http://www.vocidallastrada.com/2010/07/unione-europea-servo-ergo-sum.html

Josh said...

Swift più in dettaglio:

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?language=it&type=IM-PRESS&reference=20100625FCS76850#title5

i ns dati e movimenti non li monitora solo l'Italia, L'Ag. Entrate, Equitalia, la Finanza, l'Ue ma anche gli USA..chi parlava prima di "privacy" e segreto bancario? ah ah

Nessie said...

Bye Bye segreto bancario! e io che credevo che Swift fosse autore dei Viaggi di Gulliver. A questo punto ci toccherà rivalutare il Duce che almeno lo rispettava.

Josh said...

me n'è venuta in mente un'altra:
si chiama in realtà...
BeCerometro!