29 January 2013

La nuova bomba dei derivati nei Comuni









I  derivati li abbiamo già amaramente sperimentati il 3 gennaio 2012 alla vigilia dell'Epifania con l'insediamento del governo Monti. Tutte le manovre rovinose fatte a pochi mesi del suo insediamento sono finiti lì. Due miliardi e 567 milioni di euro, per l'esattezza, passati dalle casse del Tesoro, direttamente a quelle di Morgan Stanley .  Sotto un complice assordante silenzio mediatico,  il ministero del Tesoro ha "estinto" una posizione in derivati che aveva con una delle grandi investment bank americane. Tra le poche eccezioni a darne notizia, c'è stato l'EspressoOvviamente c'era un problema di immagine per quello che viene comunemente chiamato il "governo dei banchieri": dare 2,567 miliardi a Morgan Stanley mentre si stangano i pensionati, si scaraventano in terra incognita gli esodati espropriandoli dei loro diritti,  e si stanziano 50 milioni per la social card non suonava affatto bene e avrebbe palesato la crudele sequenza: dalle banche alle banche. Perciò il popolo ignaro ha pagato senza sapere dove finivano i loro soldi. Ma a quanto pare non basta. Perché anche la nostra IMU di 4 miliardi rastrellati nel dicembre scorso sono finiti nella voragine senza fondo dei derivati i cui nomi (Alexandria e Santorini) e la cui astruseria bislacca ho già spiegato nel post precedente
Ma non basta. E qualcuno può chiedersi:  Piovono altre rane? C'è l'invasione delle locuste? Siamo alle dieci piaghe d'Egitto? Sì,è così. 
Ecco cosa scrive il sito  Altri Mondi a cura di Giorgio Dell'Arti:

«I derivati degli enti pubblici italiani sono una bomba ad orologeria innescata in ogni angolo della penisola, pronta ad esplodere in qualsiasi momento e a far danni per almeno sei miliardi». Ettore Livini: «Dal Piemonte alla Puglia, da Firenze ad Orvieto da Copparo – provincia di Ferrara – a Chiaramonte Gulfi in Sicilia, decine di amministratori locali reinventatisi Warren Buffett hanno firmato tra 2000 e 2008 (fino al crac Lehman) complicatissimi derivati, convinti di risparmiare sugli interessi del debito. E i loro elettori e cittadini sono costretti oggi a pagare il pedaggio, salatissimo, della loro disinvoltura».


Quantificare i danni potenziali non è semplice. Livini: «Una fotografia minimalista – ma già impietosa – la fa Banca d’Italia: a settembre 2012, 210 enti locali erano esposti con banche italiane su strumenti di finanza creativa per una cifra superiore agli 11 miliardi su cui è maturata una perdita potenziale di 6,2 miliardi. Non proprio noccioline, specie per enti già strozzati dai tagli. Il problema è che la malattia è molto più estesa. Il Tesoro, considerando anche le operazioni con istituti esteri, aveva censito a fine 2009 18 Regioni, 42 Provincie e 603 Comuni soffocate da swap e options per un valore di 35,7 miliardi».


Secondo l’Anci i Comuni con derivati sono circa 800. Livini: «Una “minaccia per la sicurezza nazionale” finita sotto la lente dei nostri 007 con un’informativa ad hoc redatta dall’Agenzia di informazione e sicurezza interna (Aisi) e che ci è costata secondo Eurostat tra 2007 e 2010 ben 4 miliardi di interessi in più sul nostro debito pubblico». È possibile disinnescare questa bomba ad orologeria? La via giudiziaria ha dato risultati alterni: «Orvieto ha fatto causa a Bnl, il Piemonte ha chiesto 168 milioni di danni a Merrill Lynch (con cui ha appena transato) Intesa e Dexia per uno swap su cui rischia di perdere 500 milioni, Acqui Terme ha trascinato in tribunale Unicredit».
Decine di enti locali hanno provato a dribblare le banche appellandosi all’“autotutela”. Livini: «Sospendendo cioè i pagamenti degli interessi per contestare i costi occulti di swap e option nascosti – sostengono – a chi li ha firmati. Peccato che dopo qualche successo le loro speranze si siano arenate su una recente sentenza del Consiglio di Stato corroborata da una consulenza di Bankitalia: non basta questa scusa per sospendere i pagamenti. La strada di maggior successo, almeno fino ad oggi è stata così quella delle transazioni. Palazzo Marino ha fatto da rompighiaccio salvando così il bilancio 2012 di Milano. La Puglia ha chiuso con Merrill Lynch una spinosissima e delicata questione di derivati da 200 milioni».

A 7 anni dal bond trentennale da 1,6 miliardi di euro emesso dall’allora giunta del sindaco di Milano Gabriele Albertini per “ristrutturare” al 2035 i debiti con 4 banche estere, mercoledì il giudice Oscar Magi ha condannato (primo grado) le tedesche Deutsche e Depfa Bank, l’americana Jp Morgan e la svizzera Ubs a un anno senza poter fare affari con la Pubblica Amministrazione, 89 milioni di confisca del profitto lucrato nel 2005 ai danni del Comune, 1 milione a testa di sanzione pecuniaria, 50.000 euro di risarcimento ai consumatori dell’Adusbef. Nove banchieri sono stati condannati per truffa a pene fra i 6 e gli 8 mesi.
I contratti derivati con il Comune di Milano, stipulati all’epoca della Giunta Albertini, vennero rinegoziati (complessivamente ben 6 volte) dalla giunta Moratti, senza una completa informazione sul rischio che le pubbliche amministrazioni si sarebbero accollate, come invece prevede con chiarezza la normativa internazionale in materia, regolata dall’ordinamento inglese disciplinato dal Financial Services and Markets Act del 2000, aggiornato e recepito in Italia con la legge 448 del 2001. Paolo Colonnello: «Vi fu in realtà un conflitto d’interessi da parte degli istituti di credito che vendettero il prodotto derivato fungendo al tempo stesso da “advisor” del Comune».
Quella di mercoledì «è una sentenza molto importante perché finalmente dimostra che le banche hanno raggirato i sindaci. E perché afferma due diritti irrinunciabili: trasparenza e rispetto delle utenze deboli», spiega Graziano Delrio, sindaco di Reggio Emilia e presidente Anci. Ma perché gli enti locali fecero  ricorso ai derivati? «Gli interessi concessi dalla Cassa depositi e prestiti per rinegoziare i mutui erano all’8%, mentre le banche offrivano il 2. Molti Comuni decisero di passare al tasso variabile, ma la legge impone un’assicurazione sui rischi perché un sindaco non può fare i bilanci su valori incerti. E dunque scelsero i derivati per coprirsi dalla fluttuazioni del tasso». Non sapevano che era rischioso? «Non ne capirono le implicazioni perché le banche non le spiegarono. L’errore fu anche un altro. Non aver predisposto un regolamento, a livello di ministero dell’Economia, che obbligasse le banche a indicare i rischi, a informare in modo completo». 
Il pm Alfredo Robledo ha parlato di «situazione preoccupante» perché nei Comuni manca la figura di un esperto in finanze. Delrio: «Ma come fa un Comune di 4 mila abitanti ad avere un esperto per ogni cosa? I Comuni devono cercare di restare dentro le loro competenze. D’altro canto, chi offre prodotti strutturati deve informare con chiarezza. Lo stesso vale per le assicurazioni che noi sindaci sottoscriviamo un po’ per tutto: alberi che cadono, buche nelle strade. L’ho detto a Bondi: anziché accanirsi sulle biro o sulle siringhe, poteva pensare a centralizzare questi contratti complessi. Uno solo a livello statale». 
Secondo le accuse,  a Milano le banche elusero la regola che prevedeva condizioni di parità con il comune nel valore delle prestazioni. Colonnello: «Alla stipula dei contratti, doveva essere pari a zero, mentre invece la struttura dei contratti determinava già in partenza un guadagno per le banche di circa 53 milioni di euro, lievitati poi fino a 100. Il pm Robledo, nella sua requisitoria, aveva parlato di “ripetuti raggiri” a danno del Comune, sostenendo che le banche, nel ruolo simultaneo di controparti e consulenti, avessero consapevolmente fatto intravvedere a Palazzo Marino un’inesistente convenienza economica. “Le perizie – aveva spiegato Robledo – hanno dimostrato che in partenza non vi era alcuna convenienza per il Comune, si trattò di un’aggressione alla comunità”». 
«L’Italia è stata terra di scorribande, è una sentenza storica» ha detto mercoledì Robledo, preceduto in novembre solo da una class action in Australia di 13 Comuni contro la banca olandese Abn Amro e l’agenzia Standard and Poor’s. «È una questione di vigilanza: in Inghilterra, dove hanno sede le banche incriminate, i contratti sui derivati non si fanno con gli enti pubblici, in Europa invece non hanno avuto limiti».  Colonnello: «Ovunque nel mondo venisse riconosciuto che le banche hanno nascosto i veri guadagni generati con la stipula dei contratti derivati e non hanno trattato gli enti pubblici con la dovuta trasparenza e protezioni del sistema, potrebbero scaturire cause e richieste risarcitorie miliardarie. Non a caso, mercoledì pomeriggio, a seguire la sentenza in aula erano presenti le più importanti testate giornalistiche economiche del mondo» (dal sito Altri Mondi).
Ma non basta. Intanto, ai Comuni che già sono in sofferenza per mancanza di trasferimenti di uno stato in via di dismissione, che si dibattono in truffe di titoli spazzatura, non resta che acchiappare i polli cittadini, spennarli e scuoiarli a dovere con un'altra rapina...municipale: la patrimoniale sui rifiuti detta TARES. Ovvero di spazzatura in spazzatura.



127 comments:

Maria Luisa said...

Non solo i Comuni, anche le casse previdenziali:http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/04/17/news/enpam_indagato_eolo_parodi-33458643/

Maria Luisa

Nessie said...

Sveglia a quest'ora Maria Luisa? E' vero, pure quelle. Piove sul bagnato.

Anonymous said...

I Comuni australiani ricorrono e vincono una class Action contro Amra e Standard & Poor:

http://www.soldiblog.it/post/9447/titoli-tossici-comuni-australiani-vincono-class-action-contro-banca-abn-amro-e-standard-poors

eppur si muove

Zeta

Nessie said...

Queste notizie mi fanno ben sperare, ma nello stesso tempo mi incutono una profonda tristezza nel constatare come hanno ridotto, non questo o quel comune italiano, ma l'intero Pianeta.
E' come vivere l'incubo di un'immensa trappola planetaria.

Come abbiamo potuto lasciar loro in mano tanti abusi di Potere e tanta arroganza?

BRANCA DORIA said...

grazie del post.
lo stampo,lo studio e ti faccio
sapere.
a dopo GFC

Huxley said...

"Come abbiamo potuto lasciar loro in mano tanti abusi di Potere e tanta arroganza?"

Premesso il mio assoluto e totale disprezzo per l'usocrazia e l'elite finanziaria che ne è la rappresentazione più rivoltante, occorre però dire che il sistema fino al 2007 era utile (e gradito)praticamente a tutti, credito facile e virtualmente illimitato che garantiva l'accesso a risorse e beni con irrisoria facilità. Naturalmente nessuno, tranne LORO, sapeva dei giochetti cartacei che stavano dietro a tutto, ma fino a quando le cose sono andate bene a pochi importava. Ancora adesso, in mezzo a questa crisi devastante, si tende rimuovere la realtà, magari accusando piccoli figuranti dello sfascio generalizzato.
Vittime tante (noi), innocenti pochi.
Spero di non essere frainteso, ma i macellai contano sull'acquiescenza delle pecore, altrimenti il 'sistema' non reggerebbe.

Nessie said...

Sì Huxley, è così. E questa roba va avanti dalla Reaganomics in poi. Prima la chiamavano "finanza creativa" e solo ora che i nodi vengono al pettine, la chiamano, col loro nome: "finanza tossica". Prima erano tutti intossicati di bische, scommesse e giochi d'azzardo in Borsa. Ora la favola di Pinocchio e del Campo dei Miracoli dove si possono decuplicare gli zecchini d'oro è finita.
La verità però la puoi leggere da te nell'articolo riportato: in GB (patria della City e della Finanza) i derivati sono vietati nei loro comuni, mentre in quella terra da scorribande che chiamasi Italia, invece no.

Complici? sì, tanti. Amministratori locali (alcuni idioti e poco accorti, altri in malafede). Consiglieri fraudolenti all'interno, che spesso vengono inviati proprio dalla majors bancarie stesse.

I cittadini però la TARES d'esproprio non la devono pagare.

Nessie said...

Ok, Branca, occhio però che le stime dell'ANCI sui comuni esposti mi sembrano ottimiste.

SILVIO said...

Ecco la foto di chi ha per primo perfezionato e lanciato su larga scala i prodotti “derivati”, micidiali bombe atomiche d'ingegneria finanziaria:

http://www.newyorksocialdiary.com/i/partypictures/09_24_12/IIEG/Peter-Hancock,-Tom-Russo,-Robert-BenmoscheX80A2067.jpg

Nella foto, si trova alla vostra sinistra e si chiama Peter D. Hancock (qui in compagnia di altri due “magnaccioni” AIG : Tom Russo e Robert Benmosche convenuti ad un party tenutosi a New York in onore di George Soros e di varia altra brutta gente).

Hancock è un figlio di...nottola cresciuto a Hong Kong, laureatosi presso la “Oxford University” (rinomata incubatrice di cervelli dediti a recar danno all'umanità, al pari di “Harvard”, “Yale”, ecc. ecc.) e presto assunto prima da JP Morgan e poi da AIG (salvata dalla bancarotta per decisione del Tesoro Usa, cioè a spese del contribuente americano).

Sputateci pure su quella foto. Hancock se lo merita alla grande.
Anzi, se fosse possibile, richiamerei dall'oltretomba la ”la cagna di Buchenwald” (alias, Ilse Koch) per fargli provare le terrificanti torture in cui lei è stata sadica maestra.

Gli strumenti finanziari derivati sono prodotti estremamente complessi, difficilissimi da capire persino quando vi si cimentano certi addetti ai lavori (il web è zeppo di strafalcioni scritti da giornalisti economici o presunti blogger...).
Figurarsi l'imbarazzo degli amministratori locali che non sono nemmeno in grado di redigere un bando di gara!....
Pertanto, l'aver consentito l'accesso degli Enti pubblici al mercato dei capitali è stato un atto delinquenziale. Poco importa se è stato fatto in buona fede.

Perché è equivalso a permettere loro di entrare nella gabbia delle belve feroci, a mani nude e senza difesa alcuna.
Il guaio è che chi ne pagherà le conseguenze sarà il solito Pantalone.
Cioè, il contribuente tartassato e frescone.

Johnny88 said...

A Padova lo scandalo derivati in realtà è già esploso da anni. L'amministrazione (vi lascio indovinare di che partito) aveva sottoscritto contratti derivati con Lehman Brothers, per chi non ricordasse il "tappo" che ha fatto saltare il tutto, per diversi milioni di Euro. Adesso evidentemente sta venendo fuori il marcio anche per tutto il resto. Da un certo punto di vista è anche un bene, chissà che certi personaggi, indipendentemente dal partito di appartenenza, non vengano mai più rieletti nemmeno nei consigli di quartiere.

Nessie said...

Ussignùr! che brutte facce, che ci hai linkato Silvio. Stanotte non ci dormo dallo spavento.
Sì, ricordo bene l'affare AIG e tutto il famoso salvataggio a spese dei soliti cittadini (americani, in questo caso) fresconi.

Tu parli di accesso di queste porcherie agli Enti Locali. Ma principalmente, chi l'ha spinto sono i nostri politici intrallazzati e immanicati con costoro. Si può supporre che qualche amministratore ignorante che non dispone di gente preparata nel decodificare le clausole finanziarie, possa anche esserci caduto. Ma oltre per 800 comuni trombati, beh, è evidente che c'è stato concorso di colpa.

Nessie said...

Giovanni, dalle tue parti ieri è venuto Bersani in cerca di riconferme.
Le uova marce le avete preparate, o c'è ancora qualche idiota che dopo i derivati Santorini e Alexandria, dopo i derivati padovani dei suoi amministratori, è lì ancora con bandierine e gran pavese?

Nessie said...

Però Giò per par condicio va detto che ne sono pieni zeppi anche i comuni del centrodestra (Albertini a suo tempo e Moratti poi, per fare degli esempi) e non solo le giunte rosse e Zanonato che citi.

Anonymous said...

A proposito di magnaccioni internazionali, qui ce n'è un altro, Angelo Mozillo della finanziaria Countrywide, figlio di un macellaio :


http://www.time.com/time/specials/packages/article/0,28804,1877351_1877350_1877339,00.html

Zeta

Anonymous said...

> Ma dove sono le riserve d'oro dell'Italia?
http://www.ilcrivello.altervista.org/oro_italiano_2013.htm

praticamente una bisca mondiale (poi ci sono quelle per poveretti..gratta e perdi..compro oro.. e le idiote macchinette ai bar...)
http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2013/1/29/FINANZA-Gli-Usa-preparano-un-altro-shock-alla-Lehman-Brothers/358377/
m13



Nessie said...

Zeta quella brutta faccia da macellaio, l'ho già vista nel film di Michael Moore "Capitalismo, una storia d'amore". Mammamia come hanno ridotto il mondo! magnaccioni, banditi, gang-banksters, macellai!

Nessie said...

Grazie marco, la faccenda dell'oro sparsa per vari caveaux (le ultime news che circolavano, lo davano nel caveau della Fed, ma a quanto pare, hanno diversificato la destinazione dei nostri lingotti)è davvero inquietante.

In compenso da noi abbiamo in franchising dello strozzinaggio con i COMPRO ORo. Ovvero i rastrellatori di catenine e di anellini. Porci!

SILVIO said...

Facciamo un po' di conti.
Secondo il bollettino statistico n° 56 di Bankitalia del 31 ottobre 2012, il valore nozionale dei derivati in carico agli Enti locali ammonterebbe complessivamente a 120 miliardi e 982 milioni di euro (considerando i dati raccolti dalla Centrale Rischi dal 2007 al 2012).

Le amministrazioni locali più recidive in tale “gioco d'azzardo” sono risultate quelle della Lombardia – Veneto – Emilia Romagna – Toscana – Lazio – Campania – Puglia – Sicilia.

Mentre le Regioni più virtuose sono state: Valle d'Aosta –Trentino Alto Adige - Friuli Venezia Giulia – Basilicata – Molise.

Inoltre, l'analisi (per anno di stipula) delle somme dei valori di mercato negativi (potenzialmente imputabili alle Amministrazioni pubbliche in caso di rescissione contrattuale anticipata) conferma quel che si sapeva già.
Cioè che gli amministratori locali sono stati imprudenti e negligenti, facendosi raggirare come bischeri dai biscazzieri delle banche di malaffare.

Restano da considerare le Amministrazioni Centrali.
Quanti derivati hanno in pancia?
La Ragioneria Generale dello Stato non si è mai degnata di informarci.
Perché ?

Se fosse vero quel che si mormora (vale a dire che il bilancio dello Stato sarebbe stato truccato più volte per potere entrare nell'UEM e rimanerci) ci sarebbe da saccheggiare i depositi delle pistole psicotroniche per poterle utilizzare convenientemente.
Altro che forconi!.....

Nessie said...

Silvio, sono conti che fanno rizzare i capelli in testa. Hai letto il link che ha messo Maria Luisa che fa il medico a Ferrara (primo commento) ? Beh, si sono attaccati pure alla cassa previdenziale medica, questi bastardoni. Quindi c'è tutto il settore "funzione pubblica" da scandagliare attentamente.
Prelevo un pezzo:

"ROMA - Il presidente dell'Enpam, Eolo Parodi, è indagato per truffa aggravata. L'inchiesta è della Procura di Roma e riguarda gli investimenti in "titoli spazzatura" dell'ente previdenziale dei medici italiani. Gli inquirenti ipotizzano perdite per circa 500 milioni di euro. Oltre a Parodi, risultano indagati nell'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Nello Rossi e dal sostituto Corrado Fasanelli, anche l'ex consigliere esperto e docente universitario, Maurizio Dallocchio, l'ex direttore generale Leonardo Zongoli e l'ex responsabile degli investimenti finanziari dell'Enpam, Roberto Roseti".

SILVIO said...

@ Nessie
Se andassero in giudicato le imputazioni mosse, quei boiardi dell'ENPAM sono stati bischeri al cubo (nell'ipotesi provata della buona fede ed imperizia).

Conosco un personaggio (che mi è quasi amico) che ha avuto la sorte di divenire Presidente di una Cassa di Previdenza nazionale dei lavoratori autonomi.

Sai qual era la sua strategia d'investimento di quei soldi pubblici?
Pronti contro termine e stop.
Cioè, piedi ben saldi per terra.

Non l'hanno nemmeno ringraziato per gli attivi di cassa conseguiti, una volta cessate le sue funzioni.

Così va un certo mondo, quando non può suggere il latte dalle mammelle pubbliche.

Nessie said...

"(nell'ipotesi provata della buona fede ed imperizia)".

Appunto Silvio, ma allora dovremmo avere una sarabanda di bischeri per tutta la Penisola, e non di furbastri che pensavano di moltiplicare pani e pesci come nei miracoli del Vangelo.

Il fatto è che però i miracoli li pretenderanno da noi contribuenti, poveri fessi. As usual.

Aladino said...

Siamo alla resa dei conti ?

Credo di si. Ormai il brufolone è scoppiato. Non è difficile prevedere quanto pus ne verrà fuori.

Cara NESSIE e SILVIO, siete troppo buoni ad essere cauti verso questi kriminali. Non parlo solo dei banksters, mi riferisco agli imbelli amministratori (sic!) pubblici. Avete rimarcato sulla loro buonafede, seppur in modo cautelativo. Io non ci credo perchè negli ambedue casi sono da appendere alla forca.

Sono propenso alla loro malafede, faccio lo gnorri ed intasco la mia tangentuzza.

Se l'hanno fatto in buona fede, ovvero non erano (sono) a conoscenza dei meccanismi, becchi due volte. Da incompetenti nominati per tessera di partito dovevano scegliere di piantare cavoli. Nessie non credo che per un comune di 4.000 abitanti ci voglia un consulente particolare. Se conosci il prodotto (in questo caso finanziario) tratti e compri. Se non lo conosci ci sono associazioni tipo ANCI che DOVREBBERO SPIEGARE. Poi ci sono i vari Enti & Consorzi che DOVREBBERO SPIEGARE. C'è un Parlamento inetto ed incapace, non in grado di fare una leggina di un articolo: siccome in Inghilterra, patria di banksters, sono vietati i derivati da 30 anni, ci sarà un motivo, quindi NIET.

Questa è la controprova della malafede (tangentata) dei nostri politici ed amministratori del piffero.

Caro SILVIO fra le pistole psico-troniche ed i forconi, non ho dubbi.

TUTTI E DUE SIMULTANEAMENTE O ALTERNATI. ciaooooooooo.

Aladino said...

Caro SILVIO, leggo ora. Il tuo amico capace ed onesto doveva immaginare il finale. In Italia pare che, ad essere onesti e capaci, sia una vergogna.

Ma non finisce così. In contabilità, nella partita doppia, i conti, alla fine DEVONO TORNARE.
ciaooooo.

Nessie said...

Aladino "faccio lo gnorri e intasco la mia tangentuzza".

La stecca non l'abbiamo vista né tu né io
, ma certamente le banche coinvolte in queste immondizie (Merril Lynch, Jp Morgan, Morgan Stanley, Goldman Sachs ecc.) sistemi di pressioni, di infiltrazioni, di blandizie e di corruzioni di amministratori locali ne hanno tanti.

Per fare un esempio eclatante, Monti paga una cifra astronomica (con nostri soldi) per ripianare i derivati a Morgan Stanley, e manco a dirlo, suo figlio lavora proprio lì all'interno. Un caso? Bah...

Poi ci sono certamente esempi più "provinciali", di routine.

Nessie said...

Oggi Grilli, il vampiro dagli occhi cerulei, ha assicurato in Parlamento dove è stato inviato a "riferire", che i nostri soldi non sono finiti nel conto-derivati di MPS:

http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/1171999/Mps--Grilli--Non-e-un-salvataggio-di-Stato.html

e che quello in atto, non è un salvataggio di stato. Ci imbottiscono di PALLE stratosferiche, ma chi credono di ingannare?

SILVIO said...

Caro Aladino,
ti rispondo in due post. Così ho modo di personalizzare e rendere più vivo quel che mi premeva scrivere.
Da un po' di tempo a questa parte, la vigilanza del “Grande Fratello” sui blog italiani si è fatta più oppressiva ancorché invisibile ed occulta.
Qualche blog è stato chiuso d'autorità, taluni sono stati craccati , altri sono stati presi d'assalto da frotte di “scarafaggi” addestrati a far sloggiare i blogger scomodi, rendendone impossibile la permanenza nei forum di una certa importanza (...noi ne sappiamo qualcosa, nevvero?...).
Come se non bastasse, vi è sempre pronta la carta di riserva della segnalazione alla Polizia postale onde identificare il blogger ribelle per poterlo denunciare alla magistratura, magari per calunnia e diffamazione.
I motivi di questo eccesso di vigilanza? Tantissimi ma tutti finalizzati a consentire la massima visibilità solo agli “scarafaggi” messaggeri di nuove trappole menzognere degli oligarchi.
Una di tali trappole è il libertarianismo di von Mises, von Hayek e Rothbard.
Gli austriacanti (neologismo che indica i fanatici di quella setta chiamata Scuola Austriaca) l'hanno subdolamente ribattezzato libertarismo per evocare l'idea della libertà nell'immaginario degli ingenui boccaloni .
Ma ciò è falso come lo è l'oro al tungsteno. Il libertarianismo va invece interpretato come pensiero “NewsPeaK” in quanto sottende l'esatto contrario della libertà, cioè la schiavitù del NWO dopo l'abbattimento degli Stati nazionali.
Uno dei mezzi più micidiali per demolire definitivamente le Nazioni è il ripristino del gold-standard (costantemente invocato dagli austriacanti).
Non a caso, i Rothschild sono rientrati ufficialmente nella corsa all'oro
http://explosivereports.com/
dopo aver fatto finta - anni addietro - di prenderne le distanze (ma non era vero, in quanto nel fixing dell'oro c'è sempre stato il loro zampone tramite le loro banche controllate, per giunta rivelatesi responsabili del colossale scandalo Libor di cui nessuno parla più).
Per quanto detto, è conseguente e giustificato che io stia “in campana” stando attento - in mancanza di elementi certi ed obiettivi - a non far impallinare il blog di Nessie e la mia persona.
Avremo modo di tendere il nostro dito accusatore senza venire denunciati. Quando ? Forse, presto.
Al riguardo, leggi ed interpreta quel che ha dichiarato Vittorio Mazzoni Della Stella (arguto e simpaticissimo ex sindaco di Siena) :
« Tanti anni fa, nel 2003, telefonai ad un bravissimo alto dirigente del Monte dei Paschi e gli domandai perché fosse andato in pensione, dal momento che si trovava in una posizione di rilievo e poteva restare al lavoro ancora per molto tempo. Mi rispose testualmente: - " Vedi Vittorio, prima c'erano i democristiani e bisognava svegliarsi a buio perché andavano nel pollaio e mangiavano le ‘ova. Ma ora non basta, questi mangiano le galline! ».
http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/mps-un-regolamento-di-conti-correnti-parla-mazzoni-della-stella-ex-sindaco-di-siena-50068.htm

BRANCA DORIA said...

scusa il ritardo.
non so chi abbia detto" una cosa mi è chiara soltanto quando sono in grado di spiegarla a mia nonna".
vale per tutto: dalla teoria della relatività all'uso dello stuoino.
l'olezzo dei derivati arriva da lontano ma-da buon genovese-se non capisco cosa sono e come funzionano,li fuggo come la peste.
altro che "advisors"! per i nostri
improvvidi AMMINISTRATORI,qui ci vuole un maestro elementare,un ragioniere,un computista,un dottore commercialista,un promotore finanziario, ma niente professori,niente luminari,niente bocconiani e soprattutto niente
banche.
fatti promotrice di un MASTER per
"derivatisti" e sarò in prima fila.
con stima GFC

SILVIO said...

COROLLARIO riferito al mio post precedente
Leggo sul quotidiano tedesco on line ”Deutsche Wirtschafts Nachrichten” che l'UE (tramite la commissaria svedese Cecilia Malmström) ha incitato i cittadini europei a fare attività di spionaggio segnalando alle autorità chi si oppone al “politicamente corretto” delle strutture elitiste europee, mai elette dal Popolo.
http://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/2013/01/30/eu-fordert-buerger-zu-verstaerkter-spitzel-taetigkeit-auf/
Visto, Aladino ? Ciò conferma quanto prima ho esposto.
Il coraggio non esclude mai la prudenza.

Josh said...

così per dire...mentre MPS ha un buco di 14 o peggio 17 miliardi,
mantre dicono che verrà "nazionalizzata" cioè salvata con denaro nostro...altro che "nazione",
lo ...spread, arma di distruzione di massa inventata a tavolino,
è bassissimo....

lo rialzeranno a bella posta poi se troveranno che il voto non va nella direzione voluta da lorsignori

schifo

Johnny88 said...

Beh Nessie, non preoccuparti che mica solo quel beota ignorante di Zanonato c'è cascato coi derivati. Pure nella "Lecca Nodde per l'Indipendenza della Tanzania" abbiamo il buon Bitonci (ex sindaco di Cittadella, che ovviamente rimarrà parlamentare, anzi sarà promosso senatore) che ha investito un bel po' in derivati. Solo che lui ha avuto più fortuna e c'ha guadagnato (almeno per il momento) contrariamente al beota piddino.

Nessie said...

Silvio, ritorno per un momento sulla vicenda dell'Antoveneta e sul vecchio governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio, l'ultimo che firmò le vecchie banconote della ex liretta, prosciolto dalle accuse della Magistratura, in questi ultimissimi tempi.
Secondo una certa vulgata, le sue vicende giudiziarie sono state amplificate ad hoc, per toglierlo dalla scena, dato che si oppose fermamente ai "derivati". Ti risulta?

Nessie said...

Josh, come ben hai potuto sentire, MOnti MINACCIA apertamente. E dice che potrebbe esserci una "manovra aggiuntiva" nel marzo prossimo, a seconda del risultato delle elezioni.

Ovviamente, l'ago della bilancia pretende essere lui. Della serie, se nella prossima compagine governativa, ci uscirà un posto per me, niente manovra. Sennò, manovre a gogò. Siamo messi bene...

Nessie said...

Branca Doria, la regola aurea di tua nonna, è quella corretta. Ovvero, SE NON CAPISCO, NON FIRMO CONTRATTI E NON ACQUISISCO PRODOTTI FINANZIARI STRUTTURATI.
In Liguria ne avete un bel po' nelle casse amministrative di queste porcherie. Nel Levante ligure, ne è pieno Levanto. E anche Chiavari non scherza, in quanto a brogli e truffe.

OT: non ho capito quel tuo disclaimer in Inglese. Che c'entra?

Nessie said...

Certo Giò, in quanto a pirla, ce ne sono a josa in modo bipartisan. Bitonci di che partito è? Della Lega?

A proposito di Popolo Pio Bove, mi scoraggio quando vedo che più il Pd è nella melma, più è in testa alle classifiche. Magari scende di un paio di punti, ma scatta "a riccio" la solidarietà dei compagneros.
Se ci si azzarda a parlare di "complotti" ti danno del paranoico suonato con lo scolapasta in testa, ma loro adesso urlano al "complotto" e alla "giustizia a orologeria". Ma va' là?!?!

SILVIO said...

@ Nessie
Sì, è vero.
Inoltre, aggiungo che alla figura di Antonio Fazio si attagli perfettamente tale lapidario giudizio, espresso in passato in lingua inglese :
« Fazio is as pure as the driven snow compared to the Goldman scum ».
Traduzione:
« Fazio è puro come la neve in confronto alla feccia Goldman »

Nessie said...

Chi l'ha scritta questa definizione? Inoltre avrai notato come la sua piena assoluzione sia passata in sordina e inserita in qualche trafiletto delle pagine interne (il 31 maggio 2012 la Corte d'appello di Milano annulla la condanna in primo grado e lo assolve).

Ora tutto si spiega: si doveva rovinare un poveraccio (che certamente, dato il mestiere che fa non può essere stato una mammola), perché ha impedito che le nostre finanze venissero inquinate da tutte queste luride fetenzie.

Anonymous said...

CRISI EURO E CRISI MPS: LA GOVERNANCE ESTRATTIVA
http://marcodellaluna.info
Premesso che fatti e accuse devono ancora essere accertati, il caso MPS (come raccontato, e salva la verifica di realtà, che è in corso) è la regola: colui che ha disponibilità dei soldi degli altri, tende naturalmente a prenderli per sé o per i soci, direttamente o attraverso teste di legno. Ciò avviene sia nel management delle banche, che delle altre imprese, che degli enti pubblici. Avviene anche nei governi. Avviene ai danni degli azionisti, dei risparmiatori, dei dipendenti, dei contribuenti, dei cittadini. E’ un modello estrattivo (ossia saccheggiatore) di gestione del potere, di governance, che si sta affermando universalmente. Pensiamo al caso di quei governi che, coi crismi della legge, tassano i loro cittadini per assicurare profitti speculativi a banchieri stranieri.
http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11404

Monte Paschi: e lo spread? Niente paura, si risveglia il 26 febbraio
http://crisis.blogosfere.it/2013/01/monte-paschi-e-lo-spread-niente-paura-si-risveglia-il-26-febbraio.html
m13

Nessie said...

Letto il pezzo della Billi. Ovvio che sia così. Una cosa però che non dice è della ...sospensione del giudizio della magistratura nei confronti del Partito-Banca e Banca-Partito (PD-MPS). Che sia giusto non inquinare le campagne elettorali con sentenze a orologeria, è prassi garantista che sarebbe giusto adottare per tutti.
Tuttavia, altri (e mi riferisco a Berlusconi e all'episodio del Maschio Angioino del 1994 davanti ai leaders del mondo, Clinton compreso) non godettero di tale beneficio. E questo lo DIRO' SEMPRE!

Nessie said...

PS: mi sono espressa male: più che sospensione del giudizio, volevo alludere al RINVIO dello scoperchiamento del pentolone a dopo le elezioni, dichiarato dalla Procura di Siena.

Aladino said...

Carissimi. Ciò che dite è tutto vero. Gli argomenti che affrontiamo sono conosciuti, scontati e ribaditi all'infinto. Pochi anni addietro eravamo in pochi e deprecati. Ora no. Ne parlano tutti. Compresi coloro che straparlano senza conoscere il nocciolo della questione.

Io temo solo che vengano impallinati i sinceri ed onesti blogger con in testa la comune amica NESSIE. Anche sapendo di non commettere alcunchè di particolare. Ben conosco la loro cattiveria masochistica nel colpire a tradimento anche solo per un "et" volutamente incompreso. I miei ultimi 32 anni ne sono testimonianza.

Sto scandagliando a fondo, indagando direttamente ed indirettamente su un fatto successomi in questi giorni. Ai tempi non avrei dato peso. Ora NO. Anche perché ne è coinvolta una cara persona. Pensate che è strettamente collegata al post in corso di svolgimento.

Mi sono sempre chiesto: come mai si compra una banca, con la complicità di altre 11 banche, pagando una tangentuzza pesantissima. A carte scoperte, passando per bischeri in tutto il mondo. Solo per il geld, no. C'è altro dietro. Per ora ho capito la tecnica (quasi) legale usata. Devo capire se sono così bravi a gestire e controllare questa bomba atomica senza scalfirsi. Sopratutto se sono bravi a parare le ritorsioni. La guerra è guerra e mio nonno diceva: Mors tua, vita mea. ciaoooooooooo.

Anonymous said...

ot "La trans-missione "
Gay Uno si merita il nostro canone?
E’ domenica pomeriggio. E la domenica è giorno dedicato alla famiglia. Cosa ti inventa la Rai? Sul primo canale – quello appunto per le famiglie – durante la trasmissione Domenica In del 27 gennaio scorso la conduttrice Lorella Cuccarini ci introduce in un alternativo focolare domestico. Quello omosessuale.
http://www.lanuovabq.it/it/articoli-gay-uno-si-merita-il-nostro-canone--5697.htm
"teoria del gender"
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=14673&lan=ita
m13

Nessie said...

Occhio marco, che stanno cercando di estendere il reato di "omofobia" (ovvero "opinioni in manette") all'interno della Legge Mancino. Finora (e per ora) non ci sono riusciti, ma ci riproveranno:

http://www.lastampa.it/2012/11/07/italia/politica/legge-sull-omofobia-bocciato-il-testo-base-DAA5Fb9D3iv7zSuUucfkvO/pagina.html

Comunque siamo OT.

Aladino said...

http://www.ilgiornale.it/news/banco-assolve-talpa.html

"Ieri la conferma della svolta in tribunale a Lodi: il Banco Popolare ha ritirato la querela contro Giacomo Folchetti, l'ex dipendente 44enne della vecchia Popolare di Lodi-Bpi accusato di aver fatto scoppiare l'affaire Antonveneta. Secondo i sospetti dell'istituto di credito lodigiano e della Procura fu lui, poi soprannominato dalla stampa «la talpa», a far avere a Rothschild, advisor di Abn Amro, la banca olandese che a sua volta puntava ad Antonveneta e dopo lo scandalo riuscì nell'intento, documenti interni alla banca di Fiorani che pianificavano la scalata «occulta» ad Antonveneta. Un caso che costò il carcere a Fiorani e il posto al governatore di Bankitalia Antonio Fazio."

Cioé quando Fiorani volle scalare Antonveneta, un traditore diede i piani ai Rotschilds, advisor di ABN Amro, che sgominò il piano, attaccò mediaticamente Fiorani e comprò essa stessa Antonveneta poi scorporata (in bad and good company) e rivenduta spoliata alla Santander, con tanto di debiti, e poi rifilata a MPS, che pagava così l'obolo al 'signore' per avere avuto la possibilità di annoverare la Monte dei Paschi Services Servizi per le Imprese SpA tra gli unti del signora cioé gli spacciatori in titoli del debito" (http://www.dt.tesoro.it/export/sites/sitodt/modules/documenti_it/debito_pubblico/elenco_specialisti/Elenco_Specialisti_in_titoli_di_Strato_-_Dal_6_Luglio_2012.pdf)

BRANCA DORIA said...

@Nessie,scusami,ma essendo vecchio
e rimbambito non capisco perchè il mio commento non compare subito.
di qui il mio quesito formato UK

SILVIO said...

Nessie
L'ha detto diversi anni fa Max Keiser, durante un infuocato dibattito televisivo.

Ricordo che Keiser è stato ex CEO di “HSX Holdings” e di “Hollywood Stock Exchange”, che ha prodotto 10 cortometraggi di denuncia contro i misfatti degli squali finanziari e che è l'autore e conduttore del “Rapporto Keiser”, messo in onda dal network televisivo RT.

Altra “tranchant” uscita di Keiser è stata la seguente:
” JPMorgan è il più grande terrorista finanziario di Wall Street "

Nessie said...

Beh, tua nonna (quella che suggerisce che non si firmano i contratti che non si capiscono) era ancora più vecchia, ma non rimbambita :-).

Allora ora ti spiego, questo blog ha incorporata la moderazione e io vaglio se abilitare o no, nel caso ci siano dei trolls. Che non sono i New Trolls quelli di quel complesso musicale che ci sono a GE, ma i disturbatore della rete
:-). perciò quando posti devi aspettare che il titolare del blog (cioè la sottoscritta) ci sia e abiliti il commento.

Nessie said...

Il commento di cui sopra era per BRANCA DORIA.

grazie Silvio. JP Morgan se non sbaglio è la più antica delle majors finanziarie presente sul mercato azionario, già a partire dalla crisi del '29.

Aladino, ora leggo gli articoli che mi hai linkato sul caso
(ingarbugliato) dell'Antonveneta.

Nessie said...

PS: Aladino, non mi si apre il secondo link.
Sarei in cerca di qualche articolo coraggioso che racconti bene la faccenda di Fazio e dei "derivati", dato che quelli che circolano in giro parlano di lui, come di un malfattore. Per coprire i veri MALFATTORI, of course.

SILVIO said...

Nessie
Un buon articolo a difesa di Antonio Fazio?
Non mi risulta che ce ne siano stati in quanto la blogosfera fu subito occupata dagli scherani di Goldman Sachs (soltanto da qualche anno è stato stabilito un certo equilibrio di opinioni. Il che è avvenuto dopo la nascita di un movimento spontaneo che prese subito a contrastare l'antico pensiero unico informativo).

Comunque, in verità qualcosa esiste ma è inserito nei monumentali report che narrano il titanico scontro che vide armati l'Opus Dei contro i Rothschild.
Basterebbe pertanto rovistare negli archivi del web e il gioco è fatto!

Johnny88 said...

Nessie, Bitonci è della Lega Nord per l'indipendenza della Padania, meglio conosciuta come Lecca Nodde per l'indipendenza della Tanzania, un tempo partito semi-serio oggi feudo personale del piazzista di Arcore. Fedelissumo del "Trota senior" Sindaco di Cittadella per due mandati (o meglio uno e mezzo visto che per metà del secondo mandato ha fatto il parlamentare a Roma) dove ha riempito il comune di investimenti in derivati, solo che a lui è andata "bene" e si vantava di averci guadagnato qualche tempo fa canzonando Zanonato. Ora da deputato lo "promuoveranno" a senatore per l'ottimo lavoro svolto evidentemente.

Nessie said...

Silvio, infatti ho fatto la mia ricerca e non ne trovati. Ritorno però spesso a quei giorni (e non certo per fare della dietrologia) e alla strana acredine di Tremonti nei suoi confronti, non ricordo bene perché, per che cosa e a che pro. So che Tremonti alla fine ottenne la testa di Fazio, ma poi Fini ottenne la testa di Tremonti a favore del "più utile Siniscalco". C'è sempre una pena di contrappasso...

Nessie said...

Giò, i "bischeri" adorano giocare alle bische. E non sanno che con le bische ti può andare bene (come nel caso di Bitonci), ma poi la ruota gira e ti puoi rovinare, facendo rovinare degli innocenti.

SILVIO said...

Già, Nessie.
I bischeri adorano le bische ma non sanno che il banco – alla lunga – vince sempre (come accade per il Superenalotto ove la probabilità di azzeccare la sestina è di 1 su 600 milioni).
Ma come fa un amministratore locale a districarsi e a determinare la strada maestra nell'intrico dei derivati, spesso denominati con inglesismi e necessitanti di consulenza e contabilità “ad hoc”?

Te ne faccio un elenco non esaustivo di quelli più utilizzati:
- DERIVATI “OVER THE COUNTER” - SWAP
1- Cap & Floor
2- Cross Currency & Interest Rate Swap (Amortizing swap/ Arrears swap / Asset swap / Basis swap / Linked swap / Plain Vanilla / Zero Coupon)
3 - Domestic Currency Swap

4 - Forward Rate Agreement

5 - Overnight Interest Swap

Mah!... Lo dico senza offesa: mi risulta che molti cittadini comuni prestati alla politica locale hanno difficoltà a recepire i tecnicismi finanziari in lingua italiana.
Figurarsi i raffinati bizantinismi “in english” (spesso truffaldini) dell'ingegneria finanziaria !

Aladino said...

OT - OT Ogni tanto una buona notizia.
L'Islanda vince.




http://phastidio.net/2013/01/28/vince-lislanda-che-ha-pagato-i-debiti-delle-proprie-banche/

Anonymous said...

"bischeri" ... fiorentino? m13
bisca legalizzata mondiale a tutti i livelli.. e comunque se non si cobatte sui principi (etica) è una battaglia persa in partenza...

Nessie said...

Sì Silvio, tante sigle davvero e tante truffe a scatole cinesi.

Ma la regola aurea è che chi non capisce non deve firmare. Qui un divertente cartone animato sui CDO e altri derivati. Magari semplifica ma può servire :

http://www.youtube.com/watch?v=jXR2Zmrx4kA

fausto said...

@Silvio Caro Silvio Concordo passa dal Bunker ho messo un video forse interessante
Rimini 20/21 Ott. 2012 11/27 Parguez - 2°Summit MMT
Un salutino Nessie Aladino e a tutti
Ciaooo....
Fausto
http://www.youtube.com/watch?v=xdoG2CKPgf0&feature=player_embedded

SILVIO said...

- OT (ma non troppo)
------------------
“Il Partito Democratico ha dato mandato ai propri legali di promuovere tutte le azioni legali necessarie per tutelare la propria onorabilità nei confronti delle clamorose bugie riportate sul caso Mps da una serie di organi di informazione, con particolare riferimento alle testate 'Libero' e 'Il Giornale' vicine al centrodestra e a Silvio Berlusconi “
«Un conto- dice il tesoriere nazionale Antonio Misiani - è la ricerca della verità dei fatti, che noi stessi sollecitiamo da parte della magistratura e di tutti gli organismi preposti, un altro la solita, inaccettabile macchina del fango che si mette immancabilmente in moto alla vigilia delle elezioni».

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/il-pd-gioca-il-tutto-per-tutto-quereliamo-libero-e-il-giornale-si-e-50167.htm
-------------------
Che dicevamo, Nessie ? Prudenza su MPS ? Niente di più azzeccato !
“Si ode un tintinnar di manette in Piazza Salimbeni (e dintorni) che toglie il sonno a tanti...”

Nessie said...

L'avevo già letto Silvio. Ma Dagospia giustamente poi aggiunge: "MA NON E’ STATO “IL FATTO” A FAR SCOPPIARE LO SCANDALO? E “REPUBBLICA” CHE PREVEDE MANETTE PER DOPO LE ELEZIONI?…

Beh, direi che lo Sbranatore di giaguari, non ci fa una bella figura e dà prova di essere sull'orlo di una crisi di nervi.

Aladino said...

A gentile richiesta:



ciao.

Aladino said...

Carissimi. Le risposte (prevedibile) dei sinistri fanno parte del manuale conosciuto come "Scuola Frattocchie". ciao.

Aladino said...

Cara Nessie, chi sta affogando si attacca ad un filo di paglia. La fine è scontata. ciao.

Nessie said...

Aladino, "a gentile richiesta" cosa?

Nessie said...

Ovvio che ci si attacchi ai fili di paglia. Querelare due barchette di carta, e lasciar stare Repubblica significa essere dei gran vigliacchi e codardi. Bersani sa cos'è e chi c'è dietro a Repubblica. E i big gli mettono fifa.

SILVIO said...

Visto, Fausto.
E ti ringrazio a nome della comunità della MMT che - con costanza e discrezione – si sta diffondendo in tutta Italia, costituendo Gruppi Territoriali in modo capillare.
Ti confesso una cosa. Sono un antico simpatizzante del Credito Sociale, elaborato sulla base della dottrina sociale della Chiesa cattolica.
Con rammarico, quel pensiero economico è stato fatto cadere (provocando dolore in Louis Even, che si era adoperato tanto per diffonderlo).
Peccato che sia andata a finire così.
Tuttavia, anche la MMT mi sta benissimo.
Stante la globalizzazione trionfante, è l'unica alternativa possibile per il riscatto di ogni ceto sociale oppresso e sfruttato dalle oligarchie.
Ciao e... in gamba!

SILVIO said...

Nessie, perdonami la provocazione.

È vero: dietro "Repubblica" c'é la protezione tutelare dei Rothschild.

Ma dietro "Il Fatto" (che arde di sentimento verso Grillo) chi c'è ?

Prova ad indovinare.

Josh said...

@Nessie

"Bersani sa cos'è e chi c'è dietro a Repubblica. E i big gli mettono fifa."

e infatti più che smacchiar giaguari,
sta facendo equilibrismi con triplo salto mortale di arrampicamento sugli specchi con tonfo sulle uova nel paniere...
giusto per usare quelle espressioni inusitate che piacciono tanto a lui:-) per dindirindina

Anonymous said...

Questi intrallazzi finanziari sono solo la prova che non solo questa democrazia è falsificata ma anche le sue fondamenta economiche che ci spacciano come il nuovo Dio da venerare.
Qui un significativo articolo di Ida Magli :
http://www.italianiliberi.it/Edito13/l-ineffabile-ombra-della-finanza-mondiale.html

Ha ragione. Lorsignori impogono a noi tracciablità e trasparenze e giustificativi e regole e regolette di ogni ordine e tipo mentre LORO si passano cifre enormi in maniera assolutamente non tracciabile, oscura e senza giustificativo. E le strapagate e onnisentenzianti autorità di controllo (quelle che di solito torturano i cittadini specie se deboli) sono come le tre scimiette. Me che vadano a ...
Scarth

Anonymous said...

L "OT (ma non troppo)" di Silvio prelude al ribaltamento della frittata e seguente uso di sabbia. Sistema collaudato e infallibile in anni ed anni di esperienza.
Scarth
PS: non mi stupirei se alla fine per lo scandalo MPS il colpevole fosse Berlusconi.

Nessie said...

Silvio - Risposta: gli stessi ;-). Ma il Fatto ha anche una componente manettara e giustizialista pro-Ingroia il Guatemalteco.

Mentre Repubblica, beh...lo sai meglio di me.
In ogni caso lo Sbrana-Giaguari non attacca né l'uno nè l'altro di questi due, e non c'è bisogno di chiedersi il perchè.

Nessie said...

Josh, su Bersani e il Pd, sappiamo che questa gente sono dei gran leccaculi dei poteri forti.

Nessie said...

Scarth, l'ho letto quel pezzo della Magli che è stato segnalato anche qua. Lo shadow banking è un fenomeno da analizzare attentamente.
Avevi per caso ascoltato quella sua intervista alla trasmissione radiofonica MElOg, condotta da Gianluca Nicoletti? Se non l'hai ancora fatto, ascoltala:

http://www.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2012/120903-melog.mp3

Non so se il collegamento che ti metto è attivo, nel caso lo becchi sul suo sito alla parola Melog (a destra della pagina).

Anonymous said...

Grazie per la segnalazione Nessie, vado anche se diffido di Radio24.
Sospettavo che il pezzo della Magli fosse già stato segnalato ma per il poco tempo non ho verificato.
L'altro punto interessante è che più hanno tolto libertà a noi più la Loro libertà d'azione è aumentata a dismisura.
Scarth

Nessie said...

Su radio 24 ho anch'io le mie riserve, ma in questa intervista trovo che il conduttore sappia fare domande intelligenti e pertinenti, il che non è poco. E ovviamente lei ha sempre guizzi di genialità.

Nessie said...

PS Tu dici: "L'altro punto interessante è che più hanno tolto libertà a noi più la Loro libertà d'azione è aumentata a dismisura".

Ma è appunto per questo che tolgono diritti e libertà a noi: per avere più abusi e strapotere loro.

Fausto, conoscevo quel video di Parguez.Salutini.

Josh said...

ce ne sono sempre di nuove:

http://www.giornalettismo.com/archives/737883/la-germania-accusa-litalia-di-nascondere-il-debito/

Aladino said...

Cara Nessie è OT ma, ci riguarda molto da vicino. L'attacco di Obama alla Chiesa Cattolica e la diffusione del Socialismo negli USA.



To: Vincent Sama
Cc:
Date: Wed, 30 Jan 2013 10:40:18 -0500
Subject: FW: Obama's plan for the Catholic Church


Spero che quasra volta rrivi. Pardon, il mio PC va a carbonella . ciao.

Nessie said...

C'è un progetto "fabiano" nel mondialismo e ne abbiamo già parlato varie volte qui. Il fabianesimo aderisce alla II Internazionale , è stata una componente essenziale nella creazione del partito laburista, fondato nel 1906 in GB , e che nel 1922 è diventato la seconda forza politica del paese, battendo i liberali. Il legame tra la Fabian Society e il partito laburista è stato in piedi durante la prima metà del XX secolo.
Ora sta riprendendo quota.

Anonymous said...

il vero obiettivo, aladino
(il progetto va molto al di là dell'economia, una specie di nazicomunismo sincreticouniversal) m13
http://ultimaepoca.blogspot.it/2010/10/vi-stanno-ingannando.html
(non male anche la sez del banana)
http://www.vocidallastrada.com/2011/01/new-age-new-order-lera-dellacquario-e.html
http://www.cristomaestro.it/vrt_teologali/speranza/comparsa/comparsa.html

Anonymous said...

Crisi finanziaria e Nuovo Ordine Mondiale
http://novoordo.blogspot.it/2009/05/crisi-finanziaria-e-nuovo-ordine.html
m13

SILVIO said...

Ahi! Ahi! Ahi! Ohi! Ohi!Ohi!...l'affare MPS si ingrossa e questo post OT può passare perché gli aggiornamenti sul caso provengono dalle Procure della Repubblica competenti/ Source: Economia web. it)

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI SIENA:
Magistrati Inquirenti: ANTONINO NASTASI - GIUSEPPE GROSSO - ALDO NATALINI
Tali magistrati hanno ipotizzato l'esistenza di «un unico disegno criminale» nonché contestato la responsabilità amministrativa della banca MPS.

DETTAGLIO DELLE ACCUSE:

1) Reati di aggiotaggio, false comunicazioni, turbativa, truffa e associazione a delinquere contestati all’ex presidente Giuseppe Mussari, all’ex direttore generale Antonio Vigni, all’ex capo dell’Area finanza Gianluca Baldassarri, al suo vice Alessandro Toccafondi, a tutti i manager che si occuparono dell’acquisto di Antonveneta e delle successive operazioni finanziarie collegate a quell'affare.

2) Responsabilità amministrativa della Banca : La procura di Siena ha altresì iscritto "MPS" sul registro degli indagati (come persona giuridica), in base alla legge 231/01 “Sulla responsabilità amministrativa delle aziende rispetto a presunti comportamenti illeciti dei propri dipendenti”.
----------------------------
Ricordo che qualche giorno addietro la Procura della Repubblica di Trani aprì un fascicolo di indagine in cui ipotizza il reato di omessa vigilanza a carico di Bankitalia e Consob, sempre relativamente alla vicenda MPS.

Nessie said...

Ottimo e quesgto significa che il caos MPS è solo un filo di un'intricata matassa bancaria dove ci sono dentro tutti: Bankitalia, la Consob, ma anche altri referenti internazionali, ecc.
Una cosa per ora almeno è certa: che al Colle non saliranno le due facce di m.... di Mortadella Prodi e dell'amaro Giuliano.

Intanto mettiamola in canzonetta, con il "Carnevale finisce male/ e questa maschera ormai non serve più":

https://www.youtube.com/watch?v=CpEonaUKRro

Ah! Ah!ah!

Josh said...

era tutto vero:

http://www.ilgiornaleditalia.org/news/esteri/844921/I-comunisti-mangiano-i-bambini-.html

Nessie said...

Oggi si sono evoluti: ti rapinano fior di soldoni dalle tasche per darli alle banche di loro proprietà. E questo, anche se non li hai mai eletti.

SILVIO said...

RETTIFICA DOVEROSA CIRCA LA VICENDA MONTE PASCHI DI SIENA-

Il procuratore Capo di Siena -Tito Salerno - in un comunicato ufficiale ha negato la fondatezza delle notizie ufficiose riportate oggi dalla stampa (esempio: la contestazione del reato di associazione a delinquere) ed ha altresì dichiarato:

"Considerata l'infondatezza delle notizie circa le iniziative che questa Procura della Repubblica sarebbe in procinto di adottare con riferimento alle indagini relative alla banca Monte dei Paschi di Siena", il Procuratore rende noto che sta valutando lì'apertura di un procedimento penale per insider trading ed aggiotaggio, trattandosi di società quotata presso un mercato regolamentato nazionale".

http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2013/01/22/MPS-GIUSEPPE-MUSSARI-DIMETTE-PRESIDENTE-ABI_8120473.html

Nessie said...

Lascia perdere Silvo, va'... Le Procure sono soggetti assai in malafede. Loro girano i pizzini alle gole profonde dei giornali, eppoi loro stessi smentiscono. Quando si trattava di Olgettine,Minetti, D'Addario e troiume vario, i giornali (complici le Procure) ci deliziavano ogni giorno di intercettazioni da porno-sceneggiatura cinematografica.

Ora che vorremmo sentire una chiacchieratina tra Mussari e Baldassari, tra Monti e Draghi, tra Draghi e la Tarantola, tra i vertici di MPS e quelli di Santander, non esce una virgola.
Sembra di giocare a Lucio Smentisco in un eterno qui-lo-dico e qui-lo-nego.

Aldo said...

Mi sento particolarmente "in linea" con il principio del "se non capisci, stanne alla larga", e lo pratico a piene mani. Mi chiedo però come si possa difendersi quando chi ha in mano le redini passa dal raggiro della truffa alla violenza pura della rapina. E direi che di rapina stiamo perendo, dal momento che passo per passo apprestano strumenti sempre più stringenti per chiuderci ogni via di fuga, rendendo impossibile la tutela del frutto dei nostri sforzi odierni e passati. Qualcuno addirittura ha rispoleverato il termine "schiavisti", e direi che è quanto mai pertinente. OPERATIVAMENTE, cosa possiamo fare? Questi tengono il coltello dalla parte del manico...

Nessie said...

Operativamente? CACEROLAZOS, come in Argentina ai tempi del grande default:

http://it.wikipedia.org/wiki/Cacerolazo

e FARE IL PASSAPAROLA COI VICINI DI QUARTIERE.

Anonymous said...

"...al Colle non saliranno le due facce di m.... di Mortadella Prodi e dell'amaro Giuliano".
...
resta la bonino.. ecfr anche lei..(ed anche peggio dei primi due)
http://www.europaoggi.it/content/view/2130/109/
http://www.fattisentire.org/modules.php?name=News&file=article&sid=3362
m13

Nessie said...

...ho capito: ci vuole il lanciafiamme!

SILVIO said...

@ Nessie
Ho redatto la rettifica per evitare guai penali (iscrizione nel registro degli indagati per “insider trading” ed aggiotaggio).
Quanto alla Procura di Siena, sono certo che non diverrà “un porto delle nebbie”.
La vicenda è di grandissima risonanza e moltissime brave persone sono state danneggiate, soffrendo le pene dell'inferno.
Nessuno potrebbe -nella fattispecie - oscurare il caso, nascondendo le tonnellate di polvere mista ad acari sotto un comodo tappeto, senza pagarne il fio.

Aldo said...

Non avevo mai sentito parlare di questo "cacerolado", ma in effeti il termine ha un senso se si coglie l'assonanza con "fare caciara. Come metodo operativo, però, mi sembra molto simile alle manifestazioni colorate con cappellini e fischietti che ci vengono proposte da troppo tempo. Sembra più una valvola di sfogo per il malcontento che una vera possibilità d'ottenere qualcosa di concreto. Cioè, è come se mi entrassero in casa tre rapinatori con pessime intenzioni e senza freni e io pensassi di reagire mettendomi a recitare slogan anche bellissimi... mi sa che i denti me li spaccherebbero comunque senza scomporsi troppo...

Partiamo dal presupposto che alle dirigenze non frega assolutamente NULLA dei propri sottoposti, se non intesi come fonte di reddito ad ogni costo. Mi sembra assai più realistico, ma non mi lascia intravedere possibilità di reazione concrete che non prevedano una esposizione forte verso ritorsioni ancor peggiori del male che si intende curare. Insomma, ai marrani che hanno usurpato il nostro Stato mancano solo i manganelli e l'olio di ricino, ma secondo me ce l'hanno già (in versione moderna ed aggiornata) nei loro armamentari, pronti all'uso.

Nessie said...

Ah, perché potrebbero fioccarti denunce di Agiotaggio e Insider Trading, Silvio?
In questo caso, dovrebbero denunciare più di metà stampa (Corriere e Repubblica in testa) perché riprendeva la tua prima versione. Stamane il Corsera titolava: Nell'inchiesta sugli ex vertici della banca l'ipotesi di "un unico disegno criminale", con tanto di virgolettato. Poi sotto il catenaccio: I pm: associazione a delinquere, così truccarono i conti

Comunque hai fatto bene, coi tempi che corrono.

Quanto al "porto delle nebbie", beh speriamo...

Nessie said...

CACEROLAZOS: scrivilo bene Aldo. Che in spagnolo significa "casseruola". Beh, prova a circondare ogni giorno che passa la Casa Rosada (che è il loro Quirinale) eppoi vedi un po' se c'è chi resiste a un assedio sistematico con un chiasso di questo genere tutti i giorni del Domineiddio. La Rua (il venduto agli Usa che rovinò l'Argentina) si dimise.
Tu parli della caciara una tantum con le passeggiate fuori porta. Io parlo di un assedio pacifico ma rumoroso, pressante e costante. Oltre ovviamente al fatto che non bisogna dar loro più quattrini e affamare gli squali.

Se fai solo casino con le cassaruole senza la seconda parte (sciopero fiscale) non basta.
Se fai solo la seconda parte (sciopero fiscale) senza la prima, non basta. Le due cose, vanno di pari passo.

Aladino said...

Sul suo blog, Grillo scrive: MPS farà impallidire Parmalat & C. e a loro confronto Craxi rubava le caramelle ai bambini.

Colorito, però.............

Anonymous said...

se il casino di solito non parte a caso, l'obiettivo forse è un altro. bottarelli indicava draghi
http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2013/1/24/DIETRO-LE-QUINTE-Mps-dopo-Mussari-nel-mirino-c-e-Draghi-/356974/
- geab 71 (sorvolare sull'ottimismo sull'europa)
http://www.clubcapretta.it/index.php?option=com_zoo&task=item&item_id=82&Itemid=206
ps
- Folle e condottieri
http://www.santaruina.it/folle-e-condottieri-parte-ii
http://cronologia.leonardo.it/lebon/indice.htm
m13

Josh said...

@Aladino:

metto il link, questo il post

http://www.beppegrillo.it/2013/01/commissione_din.html#commenti

interessante anche questa sua sintesi:

"Nel 1995 viene privatizzato il Monte dei Paschi di Siena, chi comanda è la Fondazione MPS (55%) attraverso i rappresentanti del Comune, presenti con membri quasi tutti di area pd, che dal dopoguerra governa la città (8 nominati dal Comune, 5 dalla Provincia, uno da Regione, Unisi e Diocesi).
La Fondazione vive solo di dividendi e le sue quote sono vendute nel tempo a vari personaggi come Caltagirone e Gnutti.
Per remunerare gli azionisti MPS comincia a vendere le sue proprietà, tra cui le partecipazioni bancarie (San Paolo,Generali), intere banche come la Cassa di Risparmio di Prato e gli immobili (tenuta di Fontanafredda, palazzi Monte Mario a Roma) che remunerano i nuovi azionisti ma sono in realtà frutto del risparmio di secoli dei senesi.

MPS viene spolpata. La sinistra ha compiuto la sua missione di consegnare una banca pubblica che funzionava dal 1500 alla Borsa e alla speculazione.
Il valore di MPS prima della privatizzazione era di circa 20miliardi di euro, oggi ne vale meno di 2 e ogni giorno il suo titolo diminuisce."

Anonymous said...

Sempre convinti convinti che la faccenda MPS non sia già sistemata?
Scarth

Aldo said...

Nessie; "Se fai solo casino con le cassaruole senza la seconda parte (sciopero fiscale) non basta.
Se fai solo la seconda parte (sciopero fiscale) senza la prima, non basta. Le due cose, vanno di pari passo."

Ah be', se la mettiamo così in effetti cambia faccia. Quando (e come) cominciamo? E' da un po' che mi frulla in mente che anche un bello sciopero ad oltranza, non fiscale ma tradizionale, sarebbe un bel segnale e darebbe un bel colpetto agli schiavisti di turno. Ma la vedo molto dura. Se mi venisse proposto e fossi in buona compagnia non esiterei un istante. Quanto facciamo? Un mese? Un anno? Io ci sono. Personalmente (per ora, perché con la rapina in corso...) ho gli strumenti per sostenerlo e sono disposto ad impegnarli.

Nessie said...

L'aveva letta la storia dello spolpamento, Josh, grazie.

Scarth, durante le guerre e le rivoluzioni è vietato fare i gufi e i disfattisti. Tu in casi estremi, come quelli citati, saresti già messo in condizioni di non nuocere :-).

Nessie said...

Aldo, mentre le teste d'uovo dei vari "sovranisti" (ormai ce ne sono sul web di tutte le tendenze, noi compresi) perdono tempo ad "affinare l'analisi", un bel mattino si sveglieranno e troveranno il popolo assai più rozzo e ignorante, ma inferocito, che avrà saltato quel fosso che auspichi. Per paradosso, ci vuole ignoranza ma determinazione. E non dire che sono "populista".

Ma se anche ci accusassero di ciò, ce ne dobbiamo fregare.

Anonymous said...

il filo che unisce mps, Cipro ed Irlanda
http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2013/1/31/FINANZA-Il-filo-che-unisce-Mps-Cipro-e-Irlanda/359142/
m

SILVIO said...

Siccome non ho un occhio “a scoppietti” e l'altro “a calcagnini”, ho deciso che una “tranvata” per ognuno dei (finti) litiganti politici fa male a nessuno (di noi, cittadini comuni).

Comincio con la prima “tranvata”.

Domanda : Sapete chi ha obbligato gli Amministratori locali a rivolgersi unicamente alle banche (talora del malaffare) per ottenere liquidità e finanziamenti, anche attraverso gli strumenti finanziari complessi ?

Risposta: Il governo Berlusconi 1° attraverso la legge n° 724 del 23 dicembre 1994, a firma congiunta Scalfaro – Berlusconi – Dini (= Ministro del Tesoro)
Tale legge abolì il monopolio della Cassa Depositi e Prestiti, a cui prima gli Amministratori locali si rivolgevano (in maniera preponderante) per essere finanziati a condizioni di favore.
È da precisare che il debito degli Enti locali verso la Cassa era spesso solo formalmente a loro carico, poiché i fondi per
rimborsare tale debito provenivano dai trasferimenti dello Stato.

Anonymous said...

Dal mio ramo di gufo (o Grillo Parlante) dico che però anche il wishfull thinking nuoce.
Io ho solo guardato ai numeri di Borsa. Quella Borsa che è il regno di Lorsignori: oggi il titolo ha fatto +1,82%, come dire è tutto a posto. E guardando anche solo di sfuggita articoli e articoletti dei giornaloni si sente già tirare una certa nota arietta...
Poi come grillo parlante anche solo un attimo prima di essere spiaccicato spero di sbagliarmi.
Scarth

Nessie said...

Beh, ti potevi trovare un altro sopranome visto che di "grillo" e di grillini ne abbiamo già :-)

Anonymous said...

la domanda a fine articolo (nel ps)credo sia rilevante
http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2013/1/31/FINANZA-Il-filo-che-unisce-Mps-Cipro-e-Irlanda/359142/
m13

SILVIO said...

Passo alla seconda “tranvata”.
L'articolo 28 del regolamento finanziario del coordinamento territoriale del Partito Democratico di Siena recita : «Gli eletti e/o nominati presso enti pubblici e gli incaricati o designati presso altri soggetti pubblico o privati hanno il dovere di contribuire al finanziamento del partito, versando alla tesoreria una quota dell'indennità o degli emolumenti derivanti dalla carica ricoperta con i criteri e nella misura di cui ai successivi articoli . Il mancato o incompleto versamento del contributo è causa di incandidabilità a qualsiasi altra carica o designazione da parte del Partito democratico ».
Sin qui nulla di male. Fino a quando non ne vediamo i versamenti cumulatisi negli anni in favore di Ds + Pd. Li elenco:
1) Giuseppe Mussari (Presidente di MPS) ha versato in 10 anni 683.500 euro.
2) Ernesto Rabizzi (Vicepresidente di MPS e attuale Presidente di Antonveneta) ha versato negli ultimi 2 anni 125 mila euro.
3) Saverio Carpinelli (Presidente di Mps Capital ) ha versato 176.063 euro.
4) Alessandro Piazzi (deputato della Fondazione Mps) ha versato 162 mila euro.
5) Riccardo Margheriti (Presidente di Mps /Banca Verde) ha versato 133 mila euro.
6) Silvano Andriani (Presidente di Mps Axa) ha versato 123 mila euro.
7) Marco Spinelli (consigliere di amministrazione di Mps leasing & factoring) ha versato 100 mila euro.
8) Marcello Venturini (Presidente del collegio sindacale della Fondazione Mps) ha versato 72,625 euro.
9) Fabio Borghi (Ex presidente di Mps gestione crediti) ha versato 71 mila euro.
10) Moreno Periccioli (Consigliere di Antonveneta) ha versato 69.400 euro.
11) Altri 23 attuali o ex manager di MPS hanno versato negli anni scorsi 2 milioni di euro circa.

Il totale complessivo fatelo voi, per favore. Io non posso.
Perché ci ho gli occhi “lacrimogeni” nel vedere tanta “brava gente dal cuore d'oro, che fa beneficenza disinteressata”.
------
Link :
http://www.cobraf.com/forum/topic.php?topic_id=6063&reply_id=123509126#123509126

Anonymous said...

Già Nessie, potrebbe anche essere Nostradamus della mutua. Ma quel +1,82% fatto oggi è la cartina di tornasole perfetta. Figurati se a Loro sfuggiva il controllo della situazione. Una cosa però te la concedo: Libero e Giornale saranno sbranati.
Scarth

Nessie said...

Il link sul borseggio della Borsa e i suoi indicatori, te l'ha già messo marco:

http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2013/1/31/FINANZA-Il-filo-che-unisce-Mps-Cipro-e-Irlanda/359142/

spiacente ma le bische non sono MAI un buon indicatore delle situazioni reali.

Anonymous said...

E' vero, non è un indicatore delle situazioni ma lo è della Potenza.
Scarth

Nessie said...

Ottima e all'insegna del par condicio le due tranvate, Silvio. Da Berlusconi che è anche un banchiere nonché possessore di assicurazioni che vogliamo aspettarci?

Ma la seconda tranvata, con relativa lunga nomenklatura è anche peggio, per una semplice ragione: questo di Siena e della MPS è un feudo rosso da sempre. E noi conosciamo per sommi capi solo la realtà dagli anni '90 (con la fondazione Mps messa in piedi da Topo Amato insieme a Bassanini), in poi.

Poi manca tutto un pregresso dal dopoguerra a oggi. E lì non siamo solo a MPS. Siamo a dei veri e propri potentati legati un po' a tutto (all'agroalimentare con Coop, latte Granarolo, pastifici di Corticella e lunga compagnia, edilizia Edil Coop (falsamente) popolare, istituti di credito, assicurazioni, finanziarie ecc. Tutto questo ben di Dio porta una definizione demagogica: "popolare". In realtà si lucra come da altre parti.Alla faccia del "popolo fesso".

Nessie said...

Scusa, Scart, ma io non applico affatto il wishful thinking ma l'indicatore sono le mie energie, quello che posso fare e che farò.

Aladino said...

Se la legge Berlusconi pare una legge liberale, escludendo dal monopolio la Cassa Depositi e Prestiti. Ragionandoci sopra, il Silviuccio nazionale ha dato la possibilità agli enti locali di trattare con gli stessi e viceversa. Vogliamo credere che abbiano fatto gli interessi dei cittadini ? Ma va làààààà........

E' come aprire la porta del pollaio alla volpe, e qui mi fermo. ciao.

SILVIO said...

L'hai detta giusta, Aladino.

Aggiungo che di simili schifezze i governanti-giuda - cosiddetti “di destra” o “di sinistra” - ne han fatto a iosa.
Ma è impossibile riportarli tutti senza intasare questo blog.

La conclusione è una sola : trattare le attuali marionette politiche (tutte, nessuna esclusa) come se fossero degli appestati da cui stare alla larga.

E praticare l'astensione passiva o attiva dal voto elettorale.

Che è la prospettiva più temuta da questi cialtroni-buffoni.

Anonymous said...

I poteri forti e il Partito Democratico

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=44966

m13

Josh said...

e mentre noi dobbiamo pagare una pressione fiscale quasi al 70% tra IMU, IVA, Tares, buchi delle Banche, Buchi dei Comuni creati dai Derivati, Mes, Fiscal Compact, BCE, accuntentare la Merkel & co,

ecco chi evade, mentre vende, compra, e mentre spedisce all'estero cifre enormi a nero con i Money Transfer:

38 milioni di euro a nero

http://lanuovaferrara.gelocal.it/cronaca/2013/01/31/news/frodi-fiscale-denunciati-26-imprenditori-cinesi-1.6447307

SILVIO said...

Ieri, il quotidiano Bild Zeitung (letto da circa 3 milioni di ottusi “mangia-crauti”) pubblicò la seguente vignetta (= la scrofa Angela Merkel che allatta con l'oro tedesco i 4 maialetti: Italia - Grecia – Spagna- Portogallo).

http://www.dagospia.com/mediagallery/dago_fotogallery-74684/439107.htm

Un vero capolavoro di idiozia “Sturm-strunzen”, a cui la Germania (vera piaga fatale dell'Europa) ci ha da tempo abituato.

E non finisce qui.

Oggi, il trombone economico teutonico ”Handelsblatt” - celebrando l'avvento del ”Free Trade Area USA/EU” ( = zona di libero scambio tra l'Unione europea e gli Usa) - ha testualmente scritto:

« Quando l'America tossirà, gocciolerà il naso della Germania...la prosperità avverrà grazie all'unione dell'economia tedesca con quella americana....».

E gli altri Stati europei ? Spazzatura!! Non meritevoli di essere citati.

http://www.handelsblatt.com/politik/international/transatlantische-freihandelszone-die-vereinigten-staaten-des-westens/7719596.html

Scommetto che Hitler sta applaudendo dagli inferi.....

Conclusione. Ma perché non mandiamo la Germania (insieme ai loro alleati Paesi del Nord) a “farsi fottere” ?

E costituiamo gli Stati Uniti d'Europa” tra Stati sovrani dell'Europa latina (culla dell'antica civiltà) ?

SILVIO said...

A proposito di “derivati”, il sito americano Zero Hedge (seguitissimo da squali e trader di tutto il mondo) riporta la notizia che - oltre a Montepaschi – sarebbero sotto indagine giudiziaria le seguenti banche “italiane” :
BNL – UNICREDIT - INTESA SAN PAOLO - CREDEM

http://www.zerohedge.com/news/2013-02-01/italian-bank-scandal-spreads-other-banks-berlusconi-big-winner

Rimango stupefatto!

E rimugino, chiedendomi del perché non ne sappia punto.

Non è che Tyler Durden (boss di “Zero Hedge” nonché ex Goldman Sachs) abbia sniffato troppa polvere d'oro (di cui va pazzo al pari del Khazar dello Scudo Rosso) ?

Josh said...

e nel frattempo, ai cittadini comuni
fanno vedere i sorci verdi:

http://www.ilrestodelcarlino.it/macerata/cronaca/2013/01/06/826012-operaia_deve_150mila_euro_fisco_fece_prestanome_amico.shtml

Nessie said...

Letto il pezzo su Arianna, marco, interessante!

Josh, per la stessa ragione che sempre ieri ad Aosta un romeno già pregiudicato ha investito due donne col passeggino ree di essere sul marciapiede e un bimbo è grave in ospedale. Il detto romeno era già un pregiudicato lasciato andar fuori per l'uopo.

A questo punto, Corona libero e i citati cinesi e gli ubriachi stranieri al volante in galera!

Nessie said...

Silvio: "Stati Uniti d'Europa” tra Stati sovrani dell'Europa latina, culla della civiltà".

Sarebbe un nobile progetto. Ma io mi accontento di riavere indietro il mio Paese, prima che lo avessero trasformato in un "porco" da arroostire. E a breve col Fiscal Compact ci daranno un'altra mazzata per un totale di 40 miliarducci.

Nessie said...

Silvio - BNL – UNICREDIT - INTESA SAN PAOLO - CREDEM ?!?

Ierisera da Santoro hanno detto che il peggio deve ancora venire e che non è vero che le nostre banche siano solide. C'è da tremare e da allacciarsi le cinture di sicurezza. Non so cosa cavolo d'altro ci sia in arrivo...

Josh, a breve aggiorno il blog con un tema relativo alle vessazioni economiche degli Italiani. Una cosa è certa: stanno tramando la nostra ESTINZIONE.

Josh said...

avevo scritto un commento e forse non è partito boh.

@Nessie: se farai un post in cui c'entrano, magari si possono linkare le 2 notizie-colmo che ho dato sopra....
le vicende dei cinesi evasori di 38 milioni di euro (senza contare quelli che sfuggono la maggior parte) vs l'operaia con casa già pignorata considerata come un'industriale dal fisco... sono emblematiche.

@Silvio: sulle altre banche italiane

...Fitch dice che sono solide:

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2013-01-30/fitch-banche-italiane-capitalizzate-064228.shtml?uuid=AbebbRPH&fromSearch


però c'è un'indagine sui loro derivati, anche non MPS:

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2013-02-01/guardia-finanza-sequestra-358mila-114724.shtml?uuid=AbmhkFQH&fromSearch

...questo almeno dalla stampa mainstream che sappiamo com'è

Josh said...

altri derivati poco chiari in banche almeno in parte nostrane:

http://bari.repubblica.it/cronaca/2013/02/01/news/mps_nuovo_scandalo_sui_derivati_sequestrati_358mila_euro_a_corato-51700278/

Nessie said...

Ora aggiorno e riporto gli ultimi due commenti sopra.

Aladino said...

Non credo sia OT.
Certamente è attuale. Suggerimento guardate fino alla fine. Capirete.


http://hawthornephoto.com/walk.htm

ciaoooooooo.

Se qualche buon samaritano mi traduce (succintamente). Pardon e grazie.

Anonymous said...

Anche qui sui nuovi derivati scoperti e sulle banche interessate :

http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/trani-a-go-go-la-procura-pugliese-mette-sotto-indagine-per-usura-e-truffa-50297.htm

Z