23 January 2012

Le galere non saranno più patrie ma privatizzate

Che le liberalizzazioni avrebbero procurato lo scompiglio del nostro Paese, lo vediamo e lo vedremo nei prossimi mesi, dove tutte le categorie del lavoro coinvolte dagli espropri e dalle marginalizzazioni delle professioni messi in atto da Monti, non hanno altra via che lottare strenuamente. Senza la Trimurti sindacale e senza la sinistra amica della finanza e ostile al lavoro vero e all'economia reale.  I prossimi giorni e le prossime settimane, sarà  tutto un tumulto generale di scioperi, serrate e blocchi. Ma dietro a tutto ciò (che è già male) c'è ancora di peggio. L'art. 44 del testo emanato dai "non eletti", prevede che anche le istituzioni carcerarie vengano privatizzate e tolte dalla patria potestà dello stato-nazione. Lo apprendo ancora una volta dal blog  "Crisis what crisis?"Clamoroso art. 44: Arrivano le carceri private" di Debora Billi, che si è presa la briga di andare a spulciare detto articolo. Avete un'idea di che significa tutto ciò? Cito da detto sito:

Questo significa che la gestione carceraria, escluse le guardie, è affidata a privati imprenditori. Riuscite ad immaginare cosa significa ciò in Italia, con infiltrazioni mafiose a tutti i livelli ed in special modo nell'edilizia? Che le carceri saranno gestite dai delinquenti. Quelli di serie A, naturalmente, perché quelli di serie B saranno il "prodotto", ovvero coloro su cui si farà business. Un tot a carcerato. E il carcere, naturalmente, dovrà essere sempre pieno altrimenti non conviene: non buttate più cartacce per terra, mi raccomando.
C'è dell'altro: Il concessionario nella propria offerta deve prevedere che le fondazioni di origine bancaria contribuiscano alla realizzazione delle infrastrutture di cui al comma 1, con il finanziamento di almeno il 20 per cento del costo di investimento.
In soldoni, è fatto obbligo di far partecipare le banche alla spartizione della torta. Torta di denaro pubblico, perché è sempre lo Stato che paga.

La verità è che le nostre galere, divenute in forza delle "liberalizzazioni", non più "patrie,  oltre alle citate banche e  agli imprenditori edili privati, all'abusivismo mafioso, favoriranno lobby e corporations di vario ordine: alimentari, farmaceutiche, legate alla logistica carceraria (arredi, letti, materassi, servizi igienici ecc.)  e sarà tutta una gara di appalto per accaparrarsi le cosiddette "fette di mercato". 

I carcerati  (anche e soprattutto per "reati  d'opinione") potrebbero venire impiegati per lavori basati sullo sfruttamento come si è visto nel film "Brubaker" con Robert Redford, il quale non è semplice realtà filmica, ma si basa su un romanzo di denuncia che trae origine da fatti accertati e realmente  accaduti, nel penitenziario di Wakefield.

Dismettendo intere porzioni di stato-nazione in questo modo assurdamente selvaggio, possiamo dire addio alla sua funzione regolatrice, normativa, istituzionale. E anche un  addio definitivo al cosiddetto "stato di diritto" già da tempo in palese dismissione. Da qui, le continue pretestuose richieste di indulto e di decreti svuota-carcere dell'attuale guardasigilli Paola Severino, l'incertezza della pena e pure le sentenze sconcertanti di certa magistratura. E dunque con esso, una forte sottrazione di democrazia, a favore di quel criminogeno disegno che è la "Global Stateless Governance". Ossia la governance globale senza stati (NWO) che crea satellizzazione e subordinazione dei paesi e dei popoli non più sovrani,  alle élites globocratiche. Another brick in the wall. Fermiamoli!


Altri links sull'argomento : http://carcereoltre.ilcannocchiale.it/post/1886207.html

38 comments:

Massimo said...

Personalmente non sono contrario alle carceri privatizzate. Probabilmente costerebbero di meno e sarebbero più efficienti. Bisogna però vedere come viene realizzata la privatizzazione e se lo stato, cioè noi, si impegna a corrispondere dei contributi. In tal caso potrebbe non esserci più alcun guadagno.

Anonymous said...

che dire? la "morte" e'certa ma l' agonia sara' lunga e dolorosa. Ci si potrebbe allora augurare addirittura una "catastrofe" che sommerga noi e LORO... se non fosse proprio questo l' ultimo stadio del loro diabolico piano sterminazionista..

Non si fa un deposito antiatomico di sementi alle svalbard se non si hanno "orizzonti " nucleari. :-(
ws

Anonymous said...

Brava Nessie. Grazie! Shad*

ps: notizia vergognosa. mi chiedo sempre: dove sono gli indignati??

Anonymous said...

Campi detenzione usa
http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=1246
http://www.youtube.com/watch?v=m3zSDdm-SHI

Anonymous said...

Privatizzazioni:le carceri nelle mani delle Banche
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=42072
m

Nessie said...

Massimo, essere contro le galere di stato per optare per quelle di un Superstato di Polizia Internazionale, non è un'idea intelligente. Purtroppo
le ideologie (e ci metto dentro anche e soprattutto l'ideologia liberista che è l'unica rimasta in circolazione) giocano dei brutti scherzi. Ti addormenti nella dolce Utopia e ti svegli nel Gulag.

Nessie said...

Sì Winston, l'agonia sarà lunga perché questo di Monti non è un risanamento, ma il prolungamento della crisi con altri mezzi.

Shadow, gli Indignati attendono "ordini di scuderia". Dagli stessi che ci infliggono le pene, ma poi pensano di propinarci anche i rimedi.

Nessie said...

Grazie per gli utili links marco. Ma qui vedo che la gente fa fatica a svegliarsi e a capire.

Huxley said...

Sarò un malpensante ma queste nuove carceri le potrebbero riempire di debitori, sulla falsariga della landofthefree.

http://www.rischiocalcolato.it/2011/06/e-negli-usa-si-reintroduce-il-carcere-per-i-debitori.html

Ovviamente si dovrà lavorare per sanare i propri debiti, una
versione occidentalizzata dei laogai cinesi.

Nessie said...

Ci ho (mal)pensato anch'io, Hux. Ma prova a dirlo all'amico Massimo che crede sempre al Paese dei Balocchi delle privatizzazioni.
E non solo, ma le carceri "privatizzate" ospiteranno soprattutto i dissidenti della Global Stateless Governance. Con annessi, "lavori utili a scopo di riabilitazione" esattamente come faceva il compagno Stalin.

Sareth said...

@massimo,

lo vuoi capire che è una balla quella che ti raccontano?
non è vero che privatizzando lo stato risparmia, al contrario, i costi aumentano, indifferentemente dal settore. qualche volta migliorano, ma se pesi vantaggi con svantaggi, ti rendi conto che è molto meglio che determinati servizi restino pubblici. il problema piuttosto, va dato all'inefficienza statale che va curata e non delegata a terzi. cosa si è fatto per risolverli? quasi nulla. nessuno ha mai avuto gli attributi per dirlo, specie in questi anni dove privatizzare è di moda quanto liberalizzare.

Nessie said...

Sareth, a parte il fatto che per un provvedimento del genere è DOVEROSO un dibattito parlamentare perché vuole dire che da oggi la giustizia vale solo per CHI PAGA, ma poi non è affatto vero che lo stato risparmierà. Scrive la Billi:

"In soldoni, è fatto obbligo di far partecipare le banche alla spartizione della torta. Torta di denaro pubblico, perché è sempre lo Stato che paga. A meno che non si voglia far lavorare a gratis i detenuti, in concorrenza con le aziende, e con il compenso intascato dall'"imprenditore carcerario".

Inoltre questo non è un semplice provvedimento per FAR CASSA, ma un provvedimento politico ideologico che ha a che fare con il progetto di NWO. E chi non lo vuole capire, finirà col batterci comunque di muso.

Sareth said...

@nessie,

possiamo altresì dire che chi paga non va in galera con tale sistema. finita ufficialmente l'epoca della giustizia uguale per tutti.

Anonymous said...

Stato di polizia alle porte?

"Siamo sulla soglia di una mutazione globale.
Ci manca soltanto una cosa: una crisi rilevante, e le nazioni accetteranno il Nuovo Ordine Mondiale"
David Rockefeller allo United Nations Business Council, 1994.
"Siamo davanti a una grave crisi globale che richiede forti risposte globali"
George W. Bush, 11 Ottobre 2008

Mentre la situazione economica internazionale sta rapidamente precipitando, avvengono quasi di sfuggita sullo sfondo dei movimenti assai curiosi, che visti in una prospettiva più ampia assumono una connotazione leggermente preoccupante.

http://santaruina.it/Stato-di-polizia-alle-porte
___

Un microchip per leggere i sogni ... o anche per altri subdoli fini?
http://scienzamarcia.blogspot.com/2012/01/un-microchip-per-leggere-i-sogni-o.html
ps alcune posizioni di scienzamarcia (tipo i rimandi al quel sito spazzatura nwo-trut..o gli attaccchi al Santo Padre etc) non li condivido (occorre sempre pensare con la propria testa), ma questo articolo lo ritengo utile
m

Anonymous said...

Libia-Italia: Mario Monti, cameriere della Goldman Sachs, firma la “Dichiarazione di Tripoli”
di Filippo Fortunato Pilato - 22/01/2012
Fonte: TerraSantaLibera
http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=42081
m

Aldo said...

Lo scenario si avvicina sempre di più a quello descritto in quel filmaccio che è Robocop. Ma questo non è un filmaccio, e non ci saranno eroi a sistemare le cose all'ultimo minuto.

Molto opportuno il caveat di Winston circa il costosissimo deposito sotterraneo di patrimonio biologico costruito in un'area remota. Nessun cane muove la coda per niente.

Nessie said...

Non conosco il filmaccio di cui parli Aldo. Che finale aveva?

Il signore che ha fatto il deposito di sementi è uno dei "masters of universe" : Rockefeller.
Quando si riuniscono questi qui, non c'è mai uno straccio di cronista che riprenda i loro summit, perché molto democraticamente non vengono ammessi.

CloseTheDoor said...

Ciao Nessie, scusa l'OT vorrei segnalarti un testo che sta circolando via Facebook sulla protesta dei "forconi".Io me l'ero completamente persa sui canali istituzionali


"Sono un produttore agrumicolo siciliano. In questi giorni, nel pieno della stagione delle arance, anziché a raccogliere sono al computer a mandare appelli affinché si aprano gli occhi su ciò che sta succedendo qui. Vi scrivo da Lentini, provincia di Siracusa. Eravamo al corrente dei blocchi imminenti già dalla settimana scorsa. A differenza di noi la maggior parte della popolazione era assolutamente ignara e questo ad ulteriore riprova del fatto che il fenomeno non nasce come popolare. Lunedì sono cominciati i blocchi. Qui a Lentini ne sono stati organizzati parecchi, almeno 4 sulle principali vie d'accesso del paese. Tutti i mezzi commerciali anche semplici macchie furgonate sono stati costretti a fermarsi e a dimostrare solidarietà al movimento abbandonando il mezzo. Ho passato un po' di tempo ad osservare questi blocchi, non c'era ovviamente nessuna facoltà nel poter scegliere di aderire o meno. I toni ed i modi erano semplicemente intimidatori, in una maniera che nessun siciliano che voglia campare cent'anni potrebbe mai fraintendere.. Un ragazzo africano venditore ambulante, che evidentemente non conosce bene questi codici comportamentali è stato circondato, gli hanno aperto gli sportelli è fatto capire in maniera poco velata cosa doveva fare. La sua macchina è ancora parcheggiata lì. I blocchi non si sono limitati a sequestrare i mezzi, ma hanno fatto opera di indottrinamento. Ciascun autista veniva informato dei motivi della protesta che doveva ovviamente condividere. Mio padre ha avuto qualche piccola obbiezione da fare. Quando gli è stato detto che l'indomani avrebbero impedito anche la libera circolazione dei mezzi ad uso civile, lui ha obbiettato che mia madre avrebbe dovuto fare delle visite mediche e loro gli hanno risposto che in tal caso avrebbe dovuto esibire il certificato medico. Quando mio padre ha reagito dicendo che non solo questo sistema di protesta era sbagliato, ma semplicemente folle, è stato costretto, per punizione, ad accostare fino a nuovo ordine. Dopo mezz'ora è potuto ripartire. Da ieri squadracce di individui poco raccomandabili girano intimando a ciascun esercente, artigiano, ecc.. di chiudere l'attività pena ritorsioni. Ieri, la panettiera, quando sono entrato in panificio aveva le mani tremanti: "mi anno detto che se quando tornano trovano aperto spaccano tutto". Idem in molti altri esercizi, "scusate , ma ci hanno fatto chiudere per sciopero". Il fatto che le forze dell'ordine abbiano assistito passivamente a questi eventi, con i finestrini delle macchine ben chiusi per non sentire il carattere intimidatorio dei pacifici manifestanti nei confronti degli autisti dei mezzi è gravissimo. So che ovviamente le pattuglie rispondo ad ordini ricevuti, ma legittimare in questo modo queste pratiche anti democratiche, consentire la violazione dei diritti fondamentali di altri individui, crea dei precedenti molto pericolosi. Dare un simile potere a chi non ha alcun diritto di esercitarlo, è un gioco pericoloso, dal quale può essere difficile tornare indietro. Purtroppo navigando sul web vedo che questa ventata di rivoluzione crea tanto entusiasmo ed accende gli animi di chi, forse, non si rende conto di cosa sta succedendo. Questa azione non è in alcun modo fatta per dare alcun beneficio ai siciliani. Nessuno si è presentato al palazzo della regione per pretendere una migliore gestione delle risorse, una riduzione dei costi della politica siciliana, interventi economici ed infrastrutturali per ridurre gli svantaggi territoriali per meglio competere sul mercato europeo o altre delle mille cose che avremmo bisogno venissero fatte. NO! CIO CHE E' IN CORSO E' UNA MACRO ESTORSIONE.

http://ctzen.it/2012/01/21/forconi-la-storia-di-andrea-valenziani-limprenditore-che-contesta-il-movimento/

Anonymous said...

Cosa distingue il “Sovrano”, quali sono le prerogative di uno Stato?
- Battere moneta.
- Difendere i confini.
- Amministrare la giustizia.
La prima è già partita da un pezzo. Per le altre ci stiamo... attrezzando...

Lo Stato finisce, tra gli applausi di neo-coglioni, gazzosa-party e anarco-liberisti, ai quali i fumi dell’ideologia impediscono di vedere la realtà. E dunque di porsi una semplicissima domanda: perché usurai, banchieri, massonerie, associazioni mondialiste, lobby, consorterie, comitati d’affari ecc. marciano compatti nella medesima direzione? Che siano stati improvvisamente sopraffatti dal bisogno impellente di fare il bene dell’umanità? Non credo.

Nessie, torneremo al «bellissimo Medioevo» per il sommo gaudio del Topastro Mannaro e con l’aggravante che l’aristocrazia del sangue sarà sostituita da quella del dollaro.
Che “l’oro” ne siano soddisfatti è normale. Sconcerta che anche gli agnelli sacrificali si mettano ad applaudire...
(no caste)

Nessie said...

E che c'entra questo post sul movimento dei Forconi, e coi crumiri che si dissociano, con quanto ho scritto, Close?
Sul fatto che le carceri verranno privatizzate e che la polizia viene internazionalizzata, smantellando l'Arma dei carabinieri ci sarebbe da alzare altro che barricate!

Non so se tra i "forconisti" ci saranno degli eccessi. Ma quando queste cose le faceva la FIOM e provenivano dalla "classe operaia" e dai metalmeccanici, il PCI (oggi Pd) le santificava. Altri tempi, altre lotte...!

Nessie said...

@ No caste

- Battere moneta.
- Difendere i confini.
- Amministrare la giustizia.

Aggiungerei anche: mettere milizia e se è il caso porre dei dazi.
Ora per le forze armate c'è l'Eurogendfor che provvederà a smantellare la Benemerita Arma.
Mentre sui dazi, hanno deciso che i produttori di fuffa d'Oriente debbano far saltare per aria maestranze accreditate d'Occidente e in particolare italiane. Al resto dello spezzatino e del tritacarne sta provvedendo con cura l'Androide surgelato che parla come un cyborg telecomandato di quanto ha intenzione di dis-fare.

Anonymous said...

Nessie, il rischio che corrono le nostre Forze Armate – a mio parere – è ancora peggiore del semplice “esproprio” da parte di un potere sovranazionale, che già è grave di per sé e tale da costituire un colpo mortale per lo Stato.
Saranno espropriate e, col tempo, privatizzate. Sull’esempio di quanto gli americani stanno facendo da anni (loro, si sa, sono sempre “avanti” a noi...). Sebbene sia ancora un “work in progress” non è da sottovalutare dato che, ad esempio, molti esaltati del Tea Party chiedono l’immediata e totale privatizzazione di Giustizia, Polizia e Forze Armate.
Stante la condizione di “Stato guida” degli Usa, sappiamo cosa aspettarci nel prossimo futuro.
Del resto, il buon Francis aveva già iniziato a “porre le basi”, come si dice. Da’ un’occhiata a questo vecchio articolo:

http://www.giornalettismo.com/archives/44808/russa-venuta-un%E2%80%99idea-privatizzare/

(no caste)

Nessie said...

Ho letto il link sulla privatizzazione dell'esercito, No caste. Ma al fatto che il Pd se la pigli col Mulo Parlante non me la bevo neanche un po'. Loro sono lì che scalpitano e non vedono l'ora di essere della partita, con Bersani che dal pulpito tuona che "Noi siamo con Monti senza SE e senza MA".
Uhmm ma davvero? Non lo avevamo capito che il Cyborg disponeva di tutti questi servitori a sinistra.

A proposito, l'Androide è pure membro del MES e tutti i soldi rapinati dalla macelleria sociale su di noi, è lì che finiranno :

http://www.stavrogin2.com/2012/01/monti-truffa-continua.html

Anonymous said...

Conoscevo quella notizia, Nessie, ma bisogna riconoscere che l’impegno lo prese il Cavaliere...
Non che la cosa cambi granché. Come sai, io non vedo molte differenze tra lui e il Vampiro, escludendo – naturalmente - il modo con cui sono arrivati alla guida del governo: uno attraverso libere elezioni; l’altro per mezzo di un golpe bianco, “caldeggiato” da uno Stato estero.
Per il resto, gran parte dei provvedimenti che sta adottando Monti erano già stati messi in cantiere da Pompetta (Imu e privatizzazioni comprese), che li vota tutti senza batter ciglio, e anzi lo sollecita a porre la fiducia per impedire al parlamento di “snaturarli”.

Sull’atteggiamento equivoco del Pd, condivido.
Naturalmente, all’epoca (2009) recitava il suo ruolo nel gioco delle parti, essendo all’opposizione. Oggi la sua “parte” è cambiata, e si comporta di conseguenza. Da questo punto di vista Berlusconi ha molto da imparare, lui che dall’opposizione sostenne la guerra di D’Alema il bombardiere.
Se hai letto l’articolo che ho linkato, conosci anche il nome dell’ “inventore” della Difesa Spa: il sottosegretario Crosetto, quello che in estate, appena iniziata la speculazione contro l’Italia, si presentò al Tg3 a reclamare la privatizzazione di Finmeccanica, Enel, Eni e Poste Italiane.

Personalmente ho smesso da tempo di farmi illusioni: sono tutti uguali...
(no caste)

ROY said...

Ormai é un continuo stillicidi,ogni giorno si scoprono tragici trucchi come questo,molto ben ignorati da media vergognosi e a favore,guarda un po',degli amici banchieri.Pure coi detenuti!

Quanto poi alla follia di questa decisione,vorrà dire che la mafia gestirà le caeceri: una fantastica trovata,degna di questo governo di sguatteri e pezzenti morali.
Ma forse é proprio quello che vogliono,associarsi ai mafiosi,tra compari ci si intende...

Quello che meraviglia é l'atteggiamento delinquenziale dei media.Signori,un minimo di deontologia!Possibile che tv e principali giornali no fan altro che incensare ogni fesseria di questi miseri professori? Un po' di dignità....anche da venduti!

Nessie said...

Sul fatto che sono tutti uguali, sottoscrivo No caste.

Le forze politiche del governo uscente non penseranno mica di nascondersi dietro ai cespugli ad assistere come soffrono gli Italiani per poi ripresentarsi alle elezioni come se nulla fosse stato, eh ?!?
No, perché ce ne ricorderemo bene di questo nascondersi, lasciare sospendere la democrazia, farci dissanguare da questi Vampiri e non fare un tubo per staccare la spina al Cyborg. Impossibile dopo questo gioco sporco, pensare di rifarsi una verginità politica. Se poi ci sono i soliti gonzi di sinistra che nonostante il salasso a sangue dei Vampiri, ridaranno la fiducia ai loro traditori, sono affari loro. IO ho la testa e voglio usarla.

Nessie said...

ROY: "Quanto poi alla follia di questa decisione,vorrà dire che la mafia gestirà le carceri: una fantastica trovata,degna di questo governo di sguatteri e pezzenti morali.
Ma forse é proprio quello che vogliono,associarsi ai mafiosi,tra compari ci si intende..."

Banche e mafia sono sempre andati d'amore e d'accordo , come sai e Pecunia (anche di provenienza mafiosa) NON OLET. Niente di più facile che il sodalizio vada in porto.

Aldo said...

Nessie: «Non conosco il filmaccio di cui parli Aldo. Che finale aveva?»

Nessie, è un filmaccio dunque non pensare a una segnalazione di chissà quale spessore. Comunque sia, su Wikipedia trovi la trama qui (purtroppo in inglese):

http://en.wikipedia.org/wiki/RoboCop
http://en.wikipedia.org/wiki/RoboCop_2

Il tutto è centrato sul passaggio al settore privato della gestione delle forze di polizia e sul loro impiego strumentale, per cui mi sembrava in tema con l'argomento del tuo post.

Nessie said...

Perfettamente in tema, Aldo. A volte dalla fantascienza più dozzinale e incredibile c'è da ricavarne degli insegnamenti per il fanta-horror che ci costringono a vivere oggi.
GoldMonti ha detto che l'art. 18 non sarà più un tabù? Avrebbe fatto meglio a dire che l'estinzione del lavoro non sarà più un tabù. Meglio, l'estinzione dell' uomo. E ci stiamo avviando già a questo.

Anonymous said...

- I blocchi degli autotrasportatori interpretano solo parzialmente lo spirito con cui è partita la contestazione siciliana
http://ilcorrosivo.blogspot.com/2012/01/blocchi-dei-tir-in-tutta-italia-ma-in.html
- protesta ungherese
http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-ungheria-migliaiain-piazza-per-orbn-4283.htm
m

Hesperia said...

http://esperidi.blogspot.com/2012/01/la-crisi-economica-raccontata-in-4-film.html

Anonymous said...

il wc della democracy
http://www.beppegrillo.it/2012/01/il_water_della_democrazia/index.html

Afghanistan, Francia verso ritiro. Italia no
http://www.eilmensile.it/2012/01/24/afghanistan-francia-verso-ritiro-italia-no/

ps
- Usa, polizia orwelliana in una città del New Jersey
http://www.eilmensile.it/2012/01/24/usa-polizia-orwelliana-in-una-citta-del-new-jersey/
- Le operazioni di aerosol clandestine proseguono indisturbate ogni giorno
http://www.youtube.com/watch?v=hl-dJeHPSYw&feature=player_embedded
m

baron litron said...

beh, a parte qualsiasi considerazione ideologico-idealistica, è peggio provare a migliorare l'efficienza delle carceri affidandole ai privati, o mantenerne 38 finite e mai aperte, mentre le altre scoppiano?

Anonymous said...

Monti minaccia e sputa veleno indignato per lesa maestà
“La prima (e ad oggi unica) vera protesta contro l’esproprio bancario, portato avanti dal governo dell’usura, sta facendo saltare i nervi di mr. Goldman Sachs e della congrega di servoprofessori che lo coadiuvano nell’impresa di rendere l’Italia un grande successo come la Grecia..”
http://ilcorrosivo.blogspot.com/2012/01/monti-minaccia-e-sputa-veleno-indignato.html

Nessie said...

Baron , ho letto con attenzione l'articolo di Legno Storto che mi hai testé linkato. E sono d'accordo con quanto riporta perché è uno scandalo di vecchia data riportato anche da "Striscia..." in tv.
L'ideologia VERA semmai è questa: fingere di fare esplodere le carceri, tenere i prigionieri nel degrado, mantenere le nuove carceri di nuova costruzione belle e vuote, per poi offrire il pretesto al "libero mercato" di farsi avanti. Io la penso così. Ma si sappia che il mercatismo è la testa d'ariete per fare saltare le sovranità degli stati-nazione.

Anonymous said...

va beh io non faccio mistero che le conclusioni affrettate mi stanno strette. ma le incogruenze papali papali mi stringono ancora di più. la logica più retorica che esiste è che se un privato mette mano su qualcosa di pubblico/statale ci lucra. non è la mia logica ricorrente ma sicuramente lo è per gli indignati e i giustizialisti vari. perchè questa stessa logica vale si e vale no a seconda di come sono gli andazzi? io quanto meno rifletterei un attimino su una cosa del genere, perchè non mi è dato di capire come mai esistano interessi di serie a e quelli di serie b....solo qui da noi o anche da altre parti è cosi? no tanto per sapere....Shad*

Nessie said...

Come diceva Ezra POund la ricchezza di una nazione è la sua onestà.
Non dico che tutti gli stati-nazione siano stati onesti (i suoi politici non lo sono quasi mai), ma è certo che se si pretende che lo siano i "privati" abbandonando le logiche del profitto per improvvisarsi filantropi, allora è il caso di dire che si cade dalla padella alla brace.
Ed è quanto sta accadendo.

Anonymous said...

Il flusso del potere - parte II
http://santaruina.it/il-flusso-del-potere-parte-ii
m