25 October 2010

Habemus Papam?


Annuntio vobis gaudeum magnum: Habemus Papam! I retroscena sull'operazione Saviano ce li ha già spiegati fuori dai denti Maurizio Belpietro dalle colonne di Libero. C'era bisogno di un papa straniero fuori dai soliti circuiti della politica e  - toh! - che ti fa quel Topolino imbufalito di Ezio Mauro dalle colonne del suo Partito-giornale? Tira fuori dal cilindro fresco fresco il ragazzo Saviano pronto a estrarre la spada dalla roccia, con mani pure e innocenti, salvando il reame dalle ambasce, carestie e sventure  nel quale è sprofondato.
 Il quodiano debenedettino, è già da un pezzo che lamenta l'inettitudine della sinistra, attraverso l'ingegnere Carlone (un tempo ingegnere di Ivrea e oggi svizzero). Lui, l'Ingegnere, non ci sta più a foraggiare degli idioti che non solo non vincono mai, ma che rischiano di far vincere Berlusconi per la quarta volta. Son finiti i tempi delle deleghe in bianco ai Veltroni, ai D'Alema e ai Bersani. E ora volano gli stracci,  con tanto di interviste sprezzanti all'indirizzo di questo o quel leader della sinistra. E' la fine dei servi, sempre disprezzati dal padrone che li usa.
Perciò Repubblica ha deciso di riunire in proprio,  le sue truppe cammellate contro il Cav
A toccare  Roberto Saviano c'è il rischio di essere accusati di vilipendio al martire", esordisce Belpietro, che sostiene l'evidente innalzamento a simbolo del ragazzo di Casal di Principe, "dall'aria fragile e un po' ieratica" che, per connessione, riesce a rendere simbolico tutto ciò che dice e fa.  Così - è sempre Belpietro che ce lo dice -  Ezio Mauro, il quale sogna di passare alla storia come il direttore che ha liquidato Berlusconi, quando parlava di un papa straniero che rilanciasse la sinistra, pensava a Saviano. Il gran capo di Repubblica, per la guida di ciò che resta della sinistra, non guarda a Bersani, Vendola o anche solo a Fini. Per lui sono vecchi arnesi, ferri vecchi da Prima Repubblica: Mauro cerca un simbolo, un uomo giovane capace di incarnare quella rivolta che ogni giorno il suo giornale sollecita"
Povero Mauro Masi, dunque, se  mai si azzarderà a ostruire il  costosissimo format Vieni via con me con Fabio Fazio e Saviano prodotto dalla Endemol e  fatto passare per un programma "culturale".  Che importa poi -  continua Belpietro -  se Saviano non sa nulla di politica e non ha idea di come guidare quel branco di litiganti dell'opposizone? E' un "lavoro sporco" che può fare qualche politico navigato al posto dello scrittore.
E dato che nell'editoria esistono già i ghost writer e in politica, gli speech writer, potrebbero, per rimanere nel sottobosco variegato della politica,  tranquillamente esistere anche i ghost politician. Della serie, tu ci metti la faccia da martire puro e incontaminato e al lavoro sporco delle camarille e di tutto il resto,  ci penso io.
Intanto si va negoziando i costi di detto programma che si farà a novembre e pare che si aggiri  intorno ai  2.800.000 di euro.
Ma chi è oggi Roberto Saviano? - si chiede il sito Dagospia coi suoi titoloni cubitali. Un giornalista? Un autore di un libro di successo o una pop star della cultura di massa? Un discepolo di Sciascia e Pasolini o un collega di Santoro, Dandini, Travaglio e Fazio? Un eroe di carta e ossa o un eroe di cartapesta televisiva? .
Con un po' di pazienza, presto ne sapremo di più di quel che accade a ovest di Topolino. Per il momento, mi trovo d'accordo con Belpietro quando conclude che l'Italia non è quella grande Gomorra che qualcuno si ostina a descrivere sui giornali, sperando che prima o poi gli Italiani ci credano". Con buona pace per Saviano e per chi lo sostiene e dirige.

48 comments:

Huxley said...

Repubblica ha sempre portato alla tomba politica coloro che ha sostenuto, dai 'gloriosi' tempi di Scalfari ad oggi.
Comunque i maggiori bruciori di stomaco ai 'gerarchetti' del piddì li sta dando Vendola (a me invece vengono i brividi alla schiena al pensiero di avere un pdc come il pugliese, ipotesi assai meno improbabile di Saviano).

Giovanni said...

Come dice Huxley in realtà il Papa straniero adottato da Repubblica (delle banane) è Vendola. Anche se, visto che la sinistra è un bordello, più che di un Papa, avrebbero bisogno di un pappone.

Nessie said...

Huxley : "Repubblica ha sempre portato alla tomba politica coloro che ha sostenuto, dai 'gloriosi' tempi di Scalfari ad oggi".
Vero.

Giovanni: "Come dice Huxley in realtà il Papa straniero adottato da Repubblica (delle banane) è Vendola".
E se quella di spendere moneta per Vendola fosse una strategia per "NON bruciare" la carta di Saviano?

Angelo D'Amore said...

benigni era pronto ad andare in onda anche gratis.
questa e' la differenza tra un premio oscar ed uno presunto tale.
ti giro questo post dal mio blog. su saviano mi sono espresso varie volte anche su forum napoletani.
http://nonsolonapoli.blogspot.com/2010/06/saviano-continua-dividere.html

Giovanni said...

Ma Nessie. Sinceramente, se Saviano scendesse in politica con il PD, dopo aver detto per anni peste e corna di Bassolino, De Luca, Iervolino e di tutta la sinistra campana e meridionale in generale si sputtanerebbe da solo. Se dobbiamo parlare di "papabili" penso che Draghi, Montezemolo e Profumo siano molto più realistici. Comunque non escluderei una sua candidatura alle comunali a Napoli a Marzo, questo sì. Potrebbero usare la "carta Saviano" per rifarsi una verginità da quelle parti, ma potrebbe essere pure un'arma a doppio taglio. Comunque Saviano somiglia sempre di più a quei soloni che predicano e razzolano molto male. Tra gli attori del film "Gomorra" molti sono stati arrestati poco dopo in quanto camorristi. Lui è stato sceneggiatore del film. Se se ne intende così tanto di camorra perché ha lasciato che così tanti personaggi collusi recitassero in quel film? O non è così "esperto" di camorra come millanta, oppure è in malafede.

Dionisio said...

Ma Saviano è un solo un ragazzino presuntuoso che si è montato la testa. Sarà pure che dietro di lui ci stiano tutti gli oscuri figuri di sempre, ma dovrebbe comunque metterci la faccia, in caso di presentasse come salvatore della patria. Sai le risate: mica siamo fessi come quelli della sinistra! Inoltre siamo, fino a prova contraria, ancora la maggioranza, in questo paese pur martoriato dalla scemenza inoculata in tanti cervelli da decenni di marxismo strisciante.

Nessie said...

Giovanni, prova a non ragionare da "politico" a tua volta. Chiaro che se la mettiamo sul piano della politica, Saviano è un inesperto. Ma prova a leggere tra le righe quanto detto da Belpietro su Ezio Mauro-Topolino, che conosce bene come collega:

"Il gran capo di Repubblica, per la guida di ciò che resta della sinistra, non guarda a Bersani, Vendola o anche solo a Fini. Per lui sono vecchi arnesi, ferri vecchi da Prima Repubblica: Mauro cerca un simbolo, un uomo giovane capace di incarnare la rivolta...." .
Belpietro vuol farci capire che il Partito-giornale è sceso in campo per l'ennesima rivoluzione colorata. E questa volta di matrice "morale" (sic!).

Su Gomorra, sono perfettamente d'accordo con te.

Nessie said...

Dionisio, vale anche per te, quanto ho appena scritto in replica a Giovanni. Stai pur tranquillo che la fama e la nomea di Saviano, il cui successo mediatico internazionale è pari a quella di un Salman Rushdie, lo faranno fruttare politicamente in qualche modo.
Per inciso, non è affatto vero che i personaggi del mondo letterario vanno in giro a farsi pagare simili cifre da capogiro, come quelle da lui chieste.
Alberto Arbasino in un'intervista ha sempre dichiarato di aver fatto le sue ospitate in tv, gratis.

Nessie said...

Angelo, ho letto e sono in parte d'accordo su Saviano.
Su Benigni è bene che non mi esprima, perché come comico non riesce a strapparmi una risata. Comunque se va a farsi ospitare gratis, va a suo merito.

Elly said...

Dieci motivi per... snobbare Saviano: http://www.ilgiornale.it/interni/dieci_motivi_snobbare_come_saviano/24-10-2010/articolo-id=482216-page=0-comments=1

L'ho postato proprio ieri. E tu ne parli oggi. C'è una sorta di "telepatia" tra noi due?

Nessie said...

Eh sì Elly. Chiamala telepatia :-). Letto attentamente il pezzo di cui al link. E mi ha colpito la 7a ragione:

7) A proposito di libero mercato, scrive Battista, Saviano viene considerato «un avversario così spregevole da pretendere addirittura di essere pagato per una trasmissione televisiva (ma come, non si era detto che il mercato non doveva essere demonizzato?)». Appunto, ma chi lo demonizza? Io? La destra? O Saviano?

Allora ricapitoliamo: la Mondadori è di Berlusconi. Ma Saviano scrive per Mondadori. La Endemol è la casa produttrice di format in cui il Cav. ha delle forti quote. Ma Saviano parla di essere stato ostracizzato in tv. Poi però, sempre in nome dell'"ostracismo" spara compensi da mille e una notte. NON OLET! ecco la solita morale.

luka said...

Ho letto che Saviano vorrebbe recuperare gli elettori di destra alla sua causa. Ma come fa a fare l'antiberlusconiano se poi è proprio questo governo che ha catturato il maggior numero di mafiosi?

Nessie said...

Sì, ho letto anch'io Luka. Ecco la frase esatta: "Io parlo anche agli elettori di destra, per aprirgli gli occhi quando vanno a votare».

Infatti gli elettori di destra aspettano proprio di essere illuminati da lui, Saviano. Oltretutto strapagato coi loro soldi del servizio pubblico.
Inoltre è vera l'incongruenza che citi sul governo che ha arrestato il maggior numero di mafiosi e camorristi. Come la mette Saviano, con Maroni?

Eleonora said...

"Inoltre è vera l'incongruenza che citi sul governo che ha arrestato il maggior numero di mafiosi e camorristi. Come la mette Saviano, con Maroni?"

Eddai, su Nessie, quella di Maroni è solo propaganda leghista.

Icarus.10 said...

@Eleonora: il Ministro dell' interno, qualunque esso sia, e qualunque sia la sua collocazione politica, non ha nessun merito nell'arresto dei latitanti. Egli è solo il responsabile politico dell' ordine pubblico, nei fatti chi fa le indagini sono i magistrati e le forze dell' ordine, e quindi a essi e soltanto ad essi vanno ascritti i meriti di una eventuale cattura di un arresto di un latitante. E' come se un chirurgo facesse un intervento chirurgico importante e innovativo,e la parte politica di maggioranza desse merito al ministro della salute in carica. E' ridicolo, ovviamente. Così come, quindi, è ridicolo attribuire a Maroni meriti sull'arresto di mafiosi. Meriti che non ha assolutamente!

Nemmeno io condivido il protagonismo mediatico di Saviano. Anche se però a quest' ultimo va dato grande merito di aver mobilitato le coscienze in campania. Non c'è dubbio che un pò di atmosfera è cambiata, ecco perchè qualora Saviano dovesse candidarsi a sindaco di Napoli, così come ipotizzato da Giovanni, non vedrei chissà quale catastrofe. Cioè voglio dire peggio di così con la Jervolino non si poteva andare,quindi di sicuro con saviano non si andrebbe peggio. Tra l'altro Saviano è giovane, pieno di grinta, e indubbiamente stimato dai cittadini..quindi magari potrebbe dare una spinta morale ai cittadino.

Angelo D'Amore said...

p.s. per la precisione, saviano non e' di casal di principe.

Nessie said...

Icarus, in attesa che risponda Eleonora, non condivido affatto questo tuo minimizzare il ruolo del Ministro dell'Interno. Capisco che tu che sei del Sud e che pertanto, trovi i leghisti antipatici, ma quello del Viminale è un ministero dove più si è determinati e decisionisti meglio è. Più si è in grado di coordinare tagliando i tempi, meglio è, ed è ingeneroso da parte tua non volerne tener conto, visto che è stato Saviano stesso a complimentarsi col ministro. Quanto alle procure, beh...non sono pochi i poliziotti che si lamentano che non di rado i giudici mettono intralci e paletti, la dove ci vorrebbe più rapidità e determinazione nell'acciuffare i malviventi.

Su Saviano come sindaco, saranno fatti vostri quando presto ci saranno le prossime elezioni amministrative. Ci vuole poco, comunque, a essere migliori della Jervolino e di Bassolino, di cui avreste dovuto sbarazzaverne da molto tempo.

Nessie said...

Come vedi, Elly, la tua battuta di spirito è stata captata al volo
:-)

Sì Angelo, Saviano è nato a Napoli.

Icarus.10 said...

"Capisco che tu che sei del Sud e che pertanto, trovi i leghisti antipatici"

Guarda, quando ho fatto questa osservazione, ho premesso che ciò vale per qualunque collocazione politica di appartenenza del ministro dell' interno, quindi contrariamente a quanto affermi tu non sto anteponendo nessun preconcetto ideologico.
Comunque se proprio deve valere questo vostro ragionamento, allora Napolitano deve essere considerato l'artefice dell'arresto del capo mafia Giovanni Brusca avvenuto nel 1996 quando Napolitano era ministro dell' interno. Da parte mia, non considero nè Maroni nè Napolitano artefici di alcun arresto di mafia. Io sono coerente.

Saviano se si è complimentato con Maroni, lo ha fatto per una sorta di cortesia istituzionale, anche perchè egli vuole farsi apprezzare dal mondo politico e istituzionale, data la sua voglia di protagonismo mediatico.

Per quanto riguarda il tuo sminuire il ruolo dei magistrati nelle indagini antimafia, io, contrariamente a come hai fatto tu con me, non ti rispondo con un "capisco che sei leghista e come tale ti stanno antipatici i magistrati", ma mi limito ad osservare che tanti magistrati rischiano la vita per combattere la mafia.

Le accuse di non essermi sbarazzato di Iervolino le respingo. Infatti io non li ho mai votati(io da tempo uso l'astensione), ma se molti napoletani li hanno votati è perchè non credevano-a torto o a ragione- di avere valide alternative a loro, pensa che il candidato a sindaco sfidante della Iervolino nell' ultima elezione, un certo Malvano, era indagato per concorso esterno in associazione camorrista, quindi probabilmente l'elettorato napoletano si spaventò e non lo votò. Ma una volta votati, noi napoletani non potevamo assaltare le sedi della Regione e del Municipio per cacciarli, Sono reati punibili con l'ergastolo, cara Nessie.Certo che il pregiudizio antimeridionale e antinapoletano la fa da padrone.

Nessie said...

Inutile tirarla in lungo: quando sei a corto di argomenti, tu sei obbiettivo anche se di sinistra, io invece, dato che sono collocata a destra, ho dei pregiudizi idceologici.
Tu non hai pregiudizi "sudisti" anche se sei napoletano, mentre io, dato che sono nata e vivo al Nord (sebbene figlia di padre napoletano - ma com'è piccolo il mondo eh?)allora ho CERTAMENTE dei pregiudizi "antimeridionali" e "antinapoletani". E' un modo davvero irritante e provocatorio di porsi.

Icarus.10 said...

Detto questo, preciso che non ho detto che voglio Saviano candidato a sindaco, ma solo che siccome peggio della Jervolino non si può andare, allora un Saviano qualunque non sarebbe peggio, perchè è già stato toccato il fondo. Ma se poi ci dobbiamo trovare come candidato a sindaco un indagato per associazione camorrista, oppure una sciacquetta ex velina o soubrette con tanto di calendari(come quella ministra lì)..beh il pur criticabile e ipocrita Saviano sarebbe meno peggio, molto meno peggio...

Icarus.10 said...

Su, Nessie, non portiamola sulla polemica, quando ho parlato di pregiudizi antimeridionali mi riferivo in generale(specie nei confronti dei Media), io non ti conosco e da poco conosco il tuo blog, quindi come posso sapere se tu hai o no pregiudizi antimeridionali? Tra l'altro, pure se tu li avessi, non dovresti rendere conto nè a me , nè a nessun altro, perchè anche i pregiudizi sono manifestazione della libertà di opinione, e di pregiudizi nei confronti di questo o quello, tutti ne abbiamo(me compreso). Semmai tu sull'altro blog mi ha dato del "razzista sudista". Io sono, sì, sudista(e anche mezzo anarchico e mezzo comunista, e totalmente antileghista e anti-NeoCons), ma non sono affatto razzista ;)

Nessie said...

Lei crede nel purismo della politica, io un po' meno. Saviano ha militato nel Fronte della gioventù, e come sia stato possibile che un ventenne, curioso e timido, cresciuto nell'ambiente delle palestre frequentate dai ragazzi del Fronte della Gioventù, sia diventato l'emblema della sinistra è un vero mistero.

Detto ciò, la Carfagna, e le sciacquette dei calendari non piacciono neanche a me. Ma è la democrazia, Bellezza - direbbe H. Bogart. E a ciascuno i suoi scheletrucci nell'armadio.
L'America ebbe un attore che faceva il cow-boy nei film western, e un governatore della California che faceva il culturista e l'attore nei ruoli di fanta-horror (Schwarzy il Terminator).

Nessie said...

PS: l'attore-cow-boy era Reagan (ho dimenticato di scriverlo). Ma ovviamente, questo tipo di democrazia mediatica e spettacolare e sensazionalista, non è nelle mie corde. Buona notte! ora sono stanca e vado a nanna.

Giovanni said...

Riguardo i meriti di Maroni invito Icarus a guardare il pacchetto sicurezza al capitolo anti-mafia. Da quando hanno approvato certe norme è partita la carneficina di arresti. Maroni ha molti meriti perché grazie ai suoi "pacchetti" ora i magistrati e le forze dell'ordine possono agire meglio. Non riconoscerlo è da disinformati o da intellettualmente disonesti.

Icarus.10 said...

Non sono un purista della politica, infatti sto continuamente a contestare i grillini e dipietristi vari, perchè la loro ossessione per la "questione morale" la trovo paranoica e qualunquista.

Se contesto che una velina o soubrette possa diventare deputata o ministra non è per una questione morale in sè,ma perchè non credo che un' oca possa far del bene al Paese, così come non credo possa far del bene un politico colluso con la criminalità organizzata.

Non credo che Saviano sia proprio di sinistra(anche Montanelli era antiberlusconiano,ma non era di sinistra, ma un liberal-conservatore), ma se anche lo fosse non mi stupirei del suo passaggio dalla destra estrema alla sinistra, in quanto cambiare casacca e bandiere, oggi, ormai è una consuetudine di vita.
Pensate che Sandro Bondi, oggi yes-man del Berluska e grande antikommunisten, in un passato per nulla lontano era dirigente del PCI nonchè sindaco comunista di una cittadina(mi pare toscana, non mi ricordo bene). Oppure Giuliano Ferrara, un tempo "guerrigliere" maoista degli scontri di Valle Giulia, oggi berlusconiano e NeoCons convinto, per non parlare dei tanti giornalisti berlusconiani come Paolo Liguori, Carlo Panella, Tony Capuozzo che un tempo erano niente di meno che militanti di.. Lotta Continua. E che dire, poi, di Emilio Fede, un tempo juventino convinto, oggi diventato, in omaggio al suo padrone, un milanista sfegatato ;) Ovviamente abbiamo casi simili anche a parti invertite, con tanti ex berlusconiani divenuti improvvisamente comunisti dipietristi e grillini.

Magie della vita..ops..della pagnotta ;)

p.S: Roberto Sandalo, da Prima Linea(gruppo terroristico di sinistra)ad......Oriana Fallaci. Che bella conversione sulla via di damasco ;)

http://www.repubblica.it/2008/04/sezioni/cronaca/sandalo-arrestato/sandalo-arrestato/sandalo-arrestato.html

Nessie said...

Lo sapevo già Icarus. Anche la faccenda di Sandalo ex Prima linea e ora Lega è arcinota.
Se è per questo, andando un po' più indietro nel tempo, anche Dario Fo era un repubblichino di Salò. E Mussolini era socialista direttore dell'Avanti.

Sì, ma tutta questa mappatura di nomi a cosa porta?
Non stracciamoci le vesti, visto che in Usa succede esattamente la stessa cosa, tra Repubblicani che passano a Democratici e viceversa.
E nella vicina Francia, pure. E pure in Germania.

Icarus.10 said...

Giovanni,ti faccio presente che la "carneficina di arresti" per mafia,c'è da un pò di tempo a questa parte, e da almeno 15 anni, sotto ogni governo di qualunque colore politico. Anzi, i principali arresti sono avvenuti anni fa, ben prima di Maroni.

Gli strumenti per la lotta alla mafia già ci sono da tempo, ideati e formulati da quei personaggi anti-mafia che tutti sanno, e quindi non ci voleva certamente Maroni o altro,per farle..tra l'altro nel 2010.

I "pacchetti" di marca Lega, alcuni approvati alcuni no, invece sono ben altri: quelli a "difesa delle donne", sull'immigrazione,sul velo islamico e moschee,ronde(specie in difesa delle "donne belle"),castrazione chimica, impronte digitali obbligatorie per i bambini zingari, nonchè quelli contro i tifosi da stadio(il famoso "daspo"). Ah..dimenticavo "Miss Padania" :-)

Anonymous said...

OK papa o meno intanto più dell'esito elettorale decide l'anonina Poteri Forti, Magistratura & C. Ovvero tutta gente che non è sottoposta ad alcun controllo democratico nè di responsabilità nè viene giudicata da parti terze indipendenti, imparziali ed elette democraticamente.
Sempre convinti si tratti ancora di democrazia?
Scarth

Nessie said...

Icarus, ce l'hai un'occupazione nella vita che ti tenga impegnato al di fuori di venire qui a fare il "flamer" su un blog che ha idee diametralmente contrarie alle tue,
oppure pretendi che cambiamo ipso facto idea solo perchè tu sei di sinistra e allora dobbiamo adattarci per forza al tuo ordine mentale? che poi è la solita aria rifritta sull'immigrazionismo come "nuova risorsa" e l'accettazione passiva di tutti quelli che entrano (veli, burqa, chador, e sudari compresi).

Abbiamo capito che non ti piace la Lega, che non la voteresti mai, evvabbene, fa parte del tuo diritto. Ma non mi piace questa reiterazione.
Con idee come le vostre non fate che perdere. E non solo in Italia, ma in tutta Europa. Prima ve ne farete una ragione, meglio sarà.

Nessie said...

Scarth, il fatto è che questi qui sanno benissimo che con lo strumento democratico del voto, infilano un fiasco dietro l'altro. Per questo tornano all'attacco col golpe ribaltonista del "governo tecnico". Leggi sull'incotro Fini-D'Alema ad Asolo.

http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2010/10/24/news/fini-d-alema-prove-di-governo-tecnico-a-asolo-2593167

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/articolo-19720.htm

Si parla di prove tecniche per un Dini bis.

Giovanni said...

Icarus, da quando c'è Maroni ci sono 8 arresti di mafiosi al giorno ed il 2009 è stato l'anno dei record negli arresti. Vedo che siamo alla più completa disonestà intellettuale, nessuno mette in dubbio i meriti di Maroni se non chi è totalmente disinformato o intellettualmente disonesto, perfino il "Papa" di cui parliamo, Saviano, ha dovuto ammetterlo. I pacchetti contro la mafia contengono misure importanti, specialmente riguardanti i conti in banca dei mafiosi. Informiamoci invece di parlare a vanvera. Mamma mia Nessie, questi troll sono veramente fastidiosi. Non han proprio nulla da fare?

Angelo D'Amore said...

mi sono espresso tante volte su saviano. di certo ha avuto tanto coraggio ma non e' l'unico cronista di cronaca ad aver rischiato sul territorio.
lui ha prodotto un'opera al momento giusto e con i canali giusti.
io vivo a napoli ed ho un'azienda a casal di principe, quindi il twerritoriio lo conosco.
quello che mi fa rabbia, e' che si e' voluto dare un messaggio univoco e distorto della realta' campana e casalese in particolare. sembra quasi che lo stato sia arrivato da quelle parti per opera di saviano.
ci sono stati centinaia di sequestri, arresti, condanne anche molto prima che saviano comparisse sulla scena internazionale.
poi l'autore, ha avuto una contingente fortuna, nel senso che ci sono state una serie di cruenti coincidenze criminogene, dalla ripresa delle faide a casale e la prima grande emergenza rifiuti in campania.
li con una sapiente regia, c'e' stata l'abilita e a volte anche la velletaria presunzione di condurre tutti i tipi di mali che affliggono il territorio al clan dei casalesi, dimenticando tutta l'altra fetenzia che ahime' affligge la campania.
saviano a sua volta, e' stato utilizzato come veicolo di audience da parte dei media, dando una eco impressionante all'attivita' criminosa campana.
ormai gomorra, nell'immaginario lessicale, e' casal di principe, non piu' il sistema camorristico campano.
faccuio notare come col termine casalese ormai si identifica un clan non piu' una popolazione. cio' accade in italia per altre due sole realta': corleone e locri.
ci fu un consiglio aperto due anni fa a casal di principe, dove intervennero i massimi esponenti della stampa nazionale, molti professori universitari. in quella occasione presi parola, rivolgendomi ai giornalisti, esortandoli ad identificare i crimini con i cognomi delle famiglie malavitose, cosi come avviene in tutta italia. mi dissero che era impossibile, perche' in quella zona esiste un cartello malavitoso. feci notare che il cartello e' nato sulla fine degli anni 80. mentre la storia del paese e' secolare.
circa il suo avvicinamento alla politica, cio' era inevitabile per chi volesse dare cassa di risonanza alla sua opera, alla sua persona, nonostante tutto poco conosciuta fin alla pubblicazione del libro - ci sono stati tanti cronisti che da piu' tempo e con piu ' rischi operano nel teritorio -. il fatto che il prodotto saviano tiri, e' dimostrato che anche i finiani iniziano a corteggiarlo per dar "rumore" alle loro apparizioni.
ripeto tanto merito al narratore, ma starei molto attento a farlo assurgere ad icona.
c'e' tanta gente onesta che opera in quelle terre maledette, in assoluto anonimato, lontano dai riflettori, afrontando tanti rischi, rimanendo in un difficile dimenticatoio.

Icarus.10 said...

Va bene, Nessie, prendo atto che mi stai mettendo alla porta. Capisco bene che questo non è un forum ma un blog, e siccome anche io sono un blogger con una certa esperienza, so bene che è un pieno diritto del blogger quello di gestire il proprio blog, cioè il proprio spazio, come gli pare e piace, compreso quello di limitare o vietare contraddittori, senza per questo essere accusato di violare la libertà di espressione. Nulla da eccepire, fin qui ci siamo. Ma c'è modo e modo per farlo presente, cara nessie, e quindi non certamente facendo insinuazioni provocatorie sulla mia vita privata(ad es. "ma ce l'hai un' occupazione?"). Non mi sembra per nulla carino, anzi, lo trovo molto rozzo.

Detto questo, siccome sono una persona corretta non esito minimamente ad abbandonare la discussione in un blog se è questa la volontà del proprietario del blog. Però ci tengo a precisare alcune cose:

Se sto discutendo con voi, non è certamente per imporre una mia "visione ideologica di sinistra" nè certamente un mio presunto "ordine mentale"(ma che significa? questa è una insinuazione offensiva nei miei confronti). Metterla in questo modo mi sembra molto offensivo nei miei confronti.

Semplicemente, secondo me, non trovo scorretto discutere con persone di idee differenti dalle mie, anzi lo trovo positivo e arricchente. Lo faccio anche nel mio blog, pubblicando commenti di persone con idee diverse dalle mie e discutendo civilmente con loro.Se mi sto "permettendo" di discutere con voi è proprio perchè non vi ritengo "cattivi", "pecoroni",, ma persone con idee, in parte, diverse dalle mie ma in buona fede e che ragionano con la propria testa. Altrimenti non ci perderei un secondo nel scrivere su questo blog, perchè io con i "pecoroni" e gli intolletranti non ci voglio perdere nemmeno un secondo, quindi se ho perso secondi, minuti con voi, è perchè non vi ho ritenuti, non vi ritengo pecoroni intolleranti.

Come vedi, io alle offese e alle insinuazioni che mi hai fatto, non rispondo altrettanto e se devo dare atto positivamente anche a una persona che mi ha offeso, non esito minimimamente.

Contrarimemente a quanto mi rinfacci, io non sono un "flamer" nullafacente che occupa il proprio tempo ad andare a imporre le proprie visioni in blog altrui. Io ho letto alcuni post di questo blog, e se avessi voluto e potuto contraddirti lo avrei fatto. Ma non ho potuto, non posso, perchè non sto tutta la giornata inchiodato a un pc, ma soprattutto NON HO VOLUTO, perchè non sono il tipo che abusa dell'ospitalità altrui. Questo tanto per precisare, e per farti capire che prima di lanciare insinuazioni e accuse contro una persona, sarebbe bene conoscerla.

Mi sono "permesso" di intervenire in questa discussione perchè pur condividendo, in parte, il post che hai scritto, ho ritenuto di intervenire per dire la mia a riguardo sui meriti che ha o non ha un ministro dell' interno a riguardo della cattura di un pericoloso latitante, e questo a PRESCINDERE dal colore politico e dalla appartenenza partitica del ministro in questione. Questo l'ho specificato sin dall' inizio, ma tu nonostante ciò stai in continuazione a rinfacciarmi ed accusarmi che questa mia opinione scaturisce dal mio essere di sinistra e dalla mia antipatia per la Lega.

Inoltre, quando cito la parola "immigrati", "zingari", chador", "velo", pare che tocco un nervo scoperto. Se nell' ultimo commento ho citato queste parole, cara Nessie, non era certamente per esprimere un mio giudizio su questi aspetti, ma semplicemente per enumerare, in risposta a Giovanni, i veri "pacchetti" proposti dalla Lega, quindi al di là se condivido o meno(e io non li condivido) tali "pacchetti".

Nessie said...

Giovanni, Icarus non è un troll, è regolarmente registrato. E ha pure un blog che puoi visitare. Gli è (come dicono i toscani) che quando le insinuazioni le fa lui su come la pensiamo, noi non le consideriamo offese, ma normale (troppo normale!) dialettica. E' solo che il ritornello lo conosciamo: sempre quello. Lui invece sembra avere una qual certa coda di paglia.

Icarus, ti ho lasciato modo e tempo di "lenzuolare" ad libitum. Non puoi negarlo e non fare la vittima inutilmente.

"Inoltre, quando cito la parola "immigrati", "zingari", chador", "velo", pare che tocco un nervo scoperto".

L'immigrazione fuori controllo è un nervo scoperto, ma non solo per me. Se sapessi a chi serve, non ti affanneresti tanto a difenderla: alle banche d'affari, alla finanza internazionale, alle corporations e multinazionali. Sì, proprio quelle difese ad oltranza da quei "neocons" che non ti piacciono (neanche a me, se è solo per questo).
Non voglio tornarci sopra perché l'ho detto infinite volte su questo blog, ma i lavoratori del Terzo e Quarto mondo servono a sostituirci e a creare quell'"esercito di riserva" che un marxista come te dovrebbe sapere lucidamente, visto che Marx almeno quest'idea ce l'aveva chiara.
E un tempo almeno anche la sinistra ce l'aveva chiara questa faccenda dei "crumiri" che si offrono sul mercato per la metà del salario degli altri e che vanno a lavorare perfino alla domenica. E contro i crumiri aveva un po' di attributi per organizzare i picchetti. Ora niente di niente.
Anzi, i nostri operai dovrebbero calare le brache in nome dell'internazionalismo proletario del terzo e quarto mondo. Comincia ad accorgersene perfino Veltroni che l'immigrazione fuori controllo va a colpire i quartieri popolari dove vive la povera gente de noantri. Ma a voi - sai qual è il vostro difetto? Ci vogliono almeno 10 anni per arrivare a dire "compagni, abbiamo sbagliato, facciamo autocritica". E 50 anni per capire che il comunismo è stato l'incubo dell'umanità insieme al liberismo che adesso molti sinistri difendono nel nome del "libero mercato". (Francesco Giavazzi: "Il liberismo è di sinistra").
Davvero, niente di personale con te. Ma soltanto con le idee che porti avanti.

Nessie said...

Angelo, molte delle cose che scrivi sono condivisibili. Il coraggio è una buona cosa, ma prima di Saviano di coraggiosi che si sono contrapposte alle mafie ce ne sono stati. E dopo di lui, ce ne saranno ancora.

Elly said...

Si, Nessie, in effetti la mia era solo una battuta. Visto che tanti (sinistri) dicono che questo governo non fa niente contro mafie e camorre ect, etc.

Icarus dice: "il Ministro dell' interno, qualunque esso sia, e qualunque sia la sua collocazione politica, non ha nessun merito nell'arresto dei latitanti. Egli è solo il responsabile politico dell' ordine pubblico, nei fatti chi fa le indagini sono i magistrati e le forze dell' ordine, e quindi a essi e soltanto ad essi vanno ascritti i meriti di una eventuale cattura di un arresto di un latitante."

E io gli faccio una domanda: allora perchè diavolo abbiamo un ministro dell'interno, qualunque esso sia se secondo te, non ha potere di fare assolutamente niente?

O sarà perchè forse è un leghista e qualcosa prova a fare? Magari solo a dare ordini ai suoi, come dire... "sottoposti"?

Anonymous said...

Ciao Nessie, no i link non li guardo perchè poi mi vengono gli attacchi di bile ;-)
Però se al Senato la maggioranza del PDL è davvero solida come dicono i ribaltonisti, come si sul dire, s'attaccano.

>Icarus: se il merito della lotta alla mafia è esclusivo di sinistra e magistrati allora bisogna riconoscere che è esclusivamente loro il demerito della lotta alla criminalità comune che imperversa indisturbata ovunque al punto di venire fatta accorre a frotte dall'estero.
Scarth

Nessie said...

Mah...Scarth, mi sa che sia iniziata la campagna acquisti dei pidillini dissidenti che non vogliono perdere la pensione con brusche interruzioni di legislatura. Fini e D'Alema ringraziano.
In ogni caso il tempo gioca a favore del serpente Fini, che stasera è stato graziato dalla Magistratura.

Se tengono il Berlusca sulla graticola fino alle amministrative del 2011, è solo in attesa che il Pdl alle regionali prenda una batosta. Dopodiché, è pronta un'operazione tecnico ribaltonista sul modello di quella mummia di Dini. Rifaranno la legge elettorale per far vincere loro, la sinistra. Cmq vedremo, mai disperare.

Sì Elly, è CVD (come volevasi dimostrare). I ministeri sono robot che vanno avanti da soli :-).

Icarus.10 said...

Esattamente, nessie. E aggiungo: non solo sono registrato regolarmente su Google-Blogger, ma il mio account e blog sono registrati anche su Google-Adsense, con tanto di mio nome, cognome, data di nascita e residenza. Ecco, Giovanni.

@Nessie: Non ho detto che tu non mi abbia dato spazio, anzi più volte te ne ho dato positivamente atto. Io mi riferivo a quelle due tue insinuazioni poco carine,ma ripeto caso chiuso, riconosco che fa parte della dialettica. Quindi non mi sembra il caso, da parte mia, protrarre su questa questione.

Sul discorso che hai fatto sull' immigrazione, se ti rispondo mi accusi di fare flaming, se non rispondo dedurrai che non so come rispondere. Non so che fare. Come già ti dissi in quel commento di alcuni giorni fa, se ci mettiamo a discutere qui di immigrazionismo, ne nascerà un flame infinito. ..quindi accusarmi vole fare flaming è stato pò ingeneroso. Piuttosto, se mi va, e se ho tempo, magari potrei scrivere nel MIO blog un articolo su questo argomento, ed è superfluo aggiungere che sono ben accette anche vostre opinioni. Per il momento sto pensando di scrivere, sempre sul mio blog, un articolo in chiave critica sul sionismo cristianista.



Cmq, sì, effettivamente data la divergenza su certi argomenti tra noi e voi, c'è il rischio di lunghi e interminabili flames, ragion per cui mi sembra il caso di non intervenire più su questo blog, o-se proprio qualcuno di voi vuole vuole trattenermi(ma non credo) al massimo di intervenire in maniera assolutamente asettica e/o solamente sulle cose che condivido con voi.

Mi limito solamente a replicare brevemente alle domande che mi hanno posto Giovanni ed Elly. E poi chiudo.

@Giovanni: Se ti replico, Nessie mi accuserà di nuovo di fare flaming e quindi oltre a chiedermi se ho un' occupazione, mi chiederà pure se ho una donna..hihihih. Mi limito solo a dirti che il numero di mafiosi arrestati conta solo relativamente in quanto è il "peso" del boss ciò che conta maggiormente, cioè l'arresto di un boss come Provenzano o Riina vale più di cento arresti di boss comuni messi insieme. E comunque tra il 2006 e il 2008 sono stati arrestati fior fior di boss camorristi, e figuriamoci se ora mi passa per l'anticamera del cervello attribuire merito alla feccia Prodi-Amato. Sui conti in banca dei mafiosi e confisca dei beni, queste sono state sempre misure previste e proposte, approvate e ampliate di volta in volta.Misure proposte e avanzate dalla direzione nazionale antimafia, sulle quali il ministro dell' interno(e anche quello della Giustizia) al massimo mette la firma.

@Elly: mi chiedi a cosa serve il ministro dell' interno. Ebbene, ti rispondo che non serve a nulla se non a manganellare e/o mettere in galera un bel pò di sfigati. Su queste cose il ministro dell' interno è attivo protagonista in quanto basta semplicemente dare ordini e direttive alle forze preposte:"manganellate, sparate, arrestate, " e proporre approvare decreti speciali sull' ordine pubblico. Sul discorso mafia, il discorso si fa diverso, perchè qui contano le indagini degli investigatori, delle azioni degli addetti ai lavori altamente specializzati, Con questo non voglio dire che il minsitro dell' interno non ha voce in capitolo, infatti comunque magistrati e forze dell' ordine, in linea di massima, possono anche avvisarlo degli sviluppi delle indagini in corso(ma cmq su ciò non ne sarei così certo, dato l'alto e delicatissimo riserbo su queste cose) e quindi egli può incoraggiarli e invogliarli ad andare avanti, ma il GROSSO del merito, come ho detto prima, va agli investigatori(forze dell' ordine e magistrati), alla direzione nazionale antimafia, nonchè a quei cittadini e giornalisti coraggiosi che con la loro testimonianza di opera civile contribuiscono a sfaldare il muro dell' omertà.

Nessie said...

Icarus, ho ospitato diverse volte opinioni di sinistra, se è per questo. Ma se ti devo dire la verità, trovo che siano idee vecchie, prevedibili, scontate e perfino conservative. Parlo di idee e non cito le persone, che ritengo in buona fede e manipolate da una propaganda che nel nostro paese dura da troppo tempo. Ho amici di sinistra e con questi parliamo di tutto fuorché di politica. E' un compromesso accettabile, dopotutto. Non controbatto ai tuoi argomenti punto per punto (sebbene ne avrei di cose da opinare), perché poi non la finiremmo più.

Lascio però che Elly, Scarth e Giovanni, lo facciano.

Icarus.10 said...

Nessie, se ti riferendo pure a me quando dici che le persone di sinistra sono persone manipolate dalla propaganda,non mi sembra un bel modo di rispettare le idee altrui, perchè significa squalificare intellettualmente l'interlocutore non riconoscendogli una autonomia critica, e quindi considerandolo un pecorone che segue acriticamente un gregge. Io non ti ho dato della persona manipolata, mi farebbe piacere che questo riconoscimento avvenisse anche a parti invertite.

Se poi invece non ti stai riferendo a me, chiedo venia.

E poi quale propaganda mi dovrebbe manipolare, se accedendo tv e aprendo giornali mi vedo presentare solo veline, tette, culi e discorsi infarciti di sesso e volgarità. Se fosse come dici tu, allora anche io sarei un seguace di grande fratello e porcherie simili. Questa propaganda "sinistra" di cui parli, io non la vedo proprio.

E non condivido nemmeno quando vincoli l'amicizia e ogni altro rapporto affettivo e sentimentale alla condivisione di idee politiche. Ma davvero dici? Io ho tanti amici, familiari(anche cari stretti, come mia madre) che hanno idee politiche diverse e opposte dalle mie. Discutiamo anche animatamente, ma sempre volendoci bene, l'amicizia, l'affetto, l'amore non vengono meno. Non possono venir meno, Nessie. Altrimenti non sarebbe vera amicizia, vero affetto, vero amore, ma solo una mera condivisione intellettuale.Ti chiedo, davvero, tu escluderesti dalla tua vita un amico o un amore solo perchè, su questo o quel punto non la pensasse come te? Dai, Nessie.

Tra l'altro, io mi annoierei un casino se tutte le persone con cui vivo e ci ho a che fare, la pensassero sempre come me. Sarebbe una vita robotica, non umana!

Nessie said...

No, non mi riferivo a te che sei un nuovo frequentatore di questo blog. Eppoi non ti conosco abbastanza. Come non conosci abbastanza me, per giudicare in che modo dovrei o non dovrei impostare i miei rapporti affettivi e amicali, facendomi relativi predicozzi al riguardo.
Farò un esempio concreto. Se esco la sera al cinema o a teatro con amici o conoscenti di sinistra, si parla del più o del meno. Ma soprattutto dello spettacolo, senza rovinarsi la serata per entrare magari nel merito di diatribe politiche. Altra cosa sarebbe, è evidente, se trattasi di familiari. Chessò, un fratello, una sorella o un cognato.
E adesso per favore, non stressiamoci a vicenda con relativi ping-pong. Siamo abbondantemente OT.

marshall said...

Nessie,
i tuoi articoli (già perchè sono articoli di "vero" e "grande" giornalismo) sono sempre stimolanti, spingendo a riflessioni che, in me per esempio, fanno spesso scaturire idee per altri post: uno dei casi è questo.

Non ho letto il romanzo/verità di Saviano, anche perchè suppongo esso contenga verità che i ragazzi non più ragazzi di quei luoghi conoscono da una vita.

Si da il caso che oltre trent'anni fa frequestassi quella zona, posta ai margini della provincia di Caserta, il Cassinate e la Ciociaria.
A me non era mai capitato, ma dai racconti di altri ragazzi sentivo nominare di certe bande di ragazzotti provenienti dal casertano che irrompevano sui campi dove si stavano svolgendo partitelle di calcio o di tennis, e, con la forza e la violenza costringevano gli altri all'abbandono. E nessuno, nemmeno le forze dell'ordine a cui si rivolgevano, potevano o volevano farci qualcosa. Si è lasciato correre fino a giungere, purtroppo, ai risultati probabilmente descritti dal Saviano. Nulla di nuovo, quindi, sotto il sole. Credo siano storie vecchie sapute e risapute, degenerate nel degrado per inefficienza e lassismo. Ci voleva proprio un ministro degli Interni Leghista e del Nord, per cominciare a dar segnali che si sta iniziando a fare sul serio!

Ma vedrò di farci un post più completo.
Ciao.

Icarus.10 said...

Ok, va bene.

closethedoor said...

Non è da adesso che propongono a Saviano di candidarsi in politica per il cx-sinistra, se non vado errata ci hanno già provato alle regionali campane, ma non ha accettato perché significa buttare a mare tutta la forza di denuncia dei suoi libri, fare come Di Pietro insomma, diventare di parte, quindi sono d'accordo con Giovanni.
Tuttavia, alla lunga, il rischio che corre a NON accettare invece è di rimanere nell'angolo, perché se non ci fosse Fazio a invitarlo, sarebbe volentieri dimenticato come appunto si fa con i testimoni scomodi. "Gomorra" per me è stato uno di quei rari libri che per davvero ti tolgono le fette di prosciutto dagli occhi e credo che mai come per lui valga il fatto che per un testimone, essere dimenticato e lasciato solo equivale ad una condanna a morte. Per questo trovo scandalosi tutti i bastoni fra le ruote che mettono ogni volta a Fazio per fare un programma con Saviano. Come dici nel post seguente, la nostra informazione in questi giorni o parla di tragedie o parla di stron°ate, non sarebbe male avere qualche programma che parli dei problemi e del nostro futuro

Nessie said...

Grazie Marsh. Allora aspetto il tuo prossimo post nel merito.

Close, il tuo intervento arriva in ritardo. Il duo Saviano e Fazio e il loro programma "Vieni via con me" andrà regolarmente in onda per la tua e nostra gioia, a partire dal 9 novembre.

marshall said...

Nessie,
OK. Magari dopo il 9 novembre, dopo l'andata in onda del Vieni via con me, del quale, ovviamente, guarderò solo qualche sequenza per vedere in quale direzione andranno i due enfant prodige. Ma su uno dei due del Vieni via con noi, vi invito a leggere alcuni testi antologici su di lui scritti da Johnny doe
Quanto alla storia che ho raccontato più sopra - una storia reale, nella quale erano incappati anche miei coetanei di giochi - essa fa parte di quella sequela di atti di prepotenza che avvenivano già fin d'allora, e che poi han portato all'attuale degrado del Casertano. Una terra che fino a 80 anni fa si chiamava ancora la Provincia della Terra di Lavoro; una terra assai fertile, nella quale il LAVORO era perfin diventato il suo simbolo, tanto da dare il nome alla provincia; e chissà se Saviano parla anche di questo nel suo osannato romanzo/verità.