05 September 2010

Prove d'assalto alla livornese

Curioso che solo i giornali locali abbiano dato risalto alla notizia che in un feudo rosso come Livorno c'è stato un assalto di duecento livornesi inferociti che hanno preso d'assedio un palazzo dove abitavano due romeni con precedenti penali e dediti a bastonare tranquilli cittadini, pensando di far pagare il giusto dazio delle loro malefatte. La polizia stava a guardare senza mai venirne a capo,  e allora i cittadini hanno deciso di far da sé. Se fosse avvenuto al Nord nelle regioni leghiste si sarebbe subito parlato di "ronde xenofobe", di allarme Nord- est "razzista" e  baggianate affini. Magari avrebbero inviato  il solito Moni Ovadia in tournée teatrale "antirazzista" come già avviene a Fiera di Primiero nel Trentino per organizzare così,  cicli di conferenze "educative" su "razze e razzismo". Ma è difficile ammettere che  la convivenza multietnica in una zona rossa come Livorno, pesi quanto al Nord. Eppure è proprio così che avviene. "Non sono razzista ma sono per la legalità e la sicurezza", "Sono di sinistra ma....", stanno diventando i leit motiv sempre più frequenti fra gli abitanti delle regioni rosse. Ecco la notizia al completo. La sinistra imbelle e immigrazionista, mediti.

Frattanto in viale Jenner a Milano ci sono cittadini che da mesi non possono prendere sonno a causa dei berci  sguaiati del muezzin che chiama alla preghiera a  ore antelucane. Solo il card Tettamanzi stasera alle telecamere parla di "diritti religiosi" dei mussulmani.  Sì, ma il diritto alla quiete? E la lotta al degrado ambientale dei quartieri milanesi?  
Gli scenari preconizzati da Oriana Fallaci sono già qui tra noi. E dire che quegli stessi che da viva la facevano passare per pazza xenofoba, ora in occasione dell'imminente anniversario della morte (15 settembre) si affannano a tessere peana, rievocazioni e memoriali su di lei. In particolare la RCS- Corsera non c'è giorno che non pubblichi inediti, curiosità e interviste. Tutto argento che cola nelle loro casse.
Niente fiori, ma opere di repulisti e stop ai flussi migratori prima che avvenga l'irreparabile. E' il modo più dignitoso di renderle onore.


24 comments:

Massimo said...

A proposito di "feudi rossi". Ricordo che la battaglia contro la moschea di Bologna, pur condotta dalla Lega, ebbe il suo fulcro in uno dei quartieri più rossi, il San Donato, e l'assemblea dei cittadini fu ospitata nella locale sede dell'Arci. Anche i comunisti, ogni tanto, aprono gli occhi, soprattutto quando vengono toccati personalmente ...

Nessie said...

La cosa lascia ben sperare Massimo.

In primis perché possono influenzare la loro dirigenza la quale per motivi elettorali, potrebbe (ma il condizionale è d'obbligo) cambiare rotta.

sarcastycon said...

Nessie
eheh i miei concittadini!!
kompagni sì, ma non li toccare, oltre tutto il fatto è avvenuto proprio in un quartiere popolare rosso 100%, per questo il sindaco Cosimi si è affrettato ad andare a cercare di "sistemare" le cose dicendo le solite stupidaggini.
A Livorno secondo lui si può protestare liberamente e con violenza solo contro il pdl e la lega perchè sono antidemocratici.
Tutto il resto deve essere in linea con le idee fasulle del partito,qui il PCI non è mai morto. Ogni deragliamento va subito controllato per far continuare i trinariciuti a votare col paraocchi.
Ma forse qualcuno toccato più da vicino, come i due bastonati, potrebbe cambiare idea....chissà
ciao Sarc.

Il Mango said...

Hey Nessie. Ottimo post. Ma sono veramente insopportabili questi comunistacci . Il prefetto ha dichiarato: "L'episodio si colloca nel contesto di difficoltà di rapporti e non è quindi riconducibile a forme di razzismo o di intolleranza, che non appartengono alla comunità livornese".
Ma va in mona...

Anonymous said...

Ciao Nessie non mi stupisco che la notizia sia stata silenziata: non è compatibile con l'indottrinamento verso il pensiero unico globale con la distinzione tra buoni e cattivi tracciata secondo convenienza.
Già come dici tu, se fosse accaduto in una città governata dalla lega o dal PDL sarebbe già partita tutta la trafila standard: prima pagina sul Giornale Unico Nazionale, articolo di Don Sciortino, fiaccolata indignata, reprimenda di qualche vescovo, richiamo della UE, catene di e mail, grancassa battuta a mezzo You Tube ecc ecc
Scarth

Josh said...

nel frattempo Tettamanzi si batte per la moschea:

http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo435283.shtml

anzi per 1 moschea in ogni quartiere.
Da cacciare a pedate fuori dal Cattolicesimo e dall'Italia.

Josh said...

l'altro link segnalato è di qualche tempo fa, ma come dici Tettamanzi è tornato all'attacco anche ora:

http://www.libero-news.it/news/482229/Tettamanzi___Moschea_a_Milano___Ed_%C3%8B_subito_polemica_con_Maroni_.html

è proprio fuori dal mondo. Ma come si fa?

Nessie said...

Sarc, si chiama Ovosodo, quel quartiere, vero?
E' quello dove Virzì ha girato il film omonimo?
Consoliamoci, nella "gabina" poi la gente vota come diavolo le pare.

Nessie said...

Caro Mango, sì vai in mona è l'espressione giusta per questo pirla di sindaco.
Figurarsi se i livornesi sono diversi da tutti gli altri.

Nessie said...

Caro Scarth, ancora qualcuno di questi episodi eppoi le roccheforti rosse crolleranno fatalmente, alla faccia del loro ipocrita buonismo.

Nessie said...

Letto Josh. E il mio fegato schizza alle stelle. Tettamanzi passa per imbecille ma in realtà è un furbastro cinico che ha le sue royalties con la Caritas.
Gli immigrati gli fruttano dobloni che saltano e luccicano.

Anonymous said...

il cardinale tettamanzi(cattolico rosso di Milano)....dovrebbe fare cio che i Cattolici\Cristiani hanno sempre fatto.....cercare di convertire al Cristianesimo chi non lo è.....NO!!! Ca..o fa il vecchiardo....vuole costruire la moschea ed avallare un'altra religione completamente NEMICA del Cristianesimo!!!
perchè il lavoro mi trattiene lontano da Milano e la famiglia non me lo permetterebbe,ma un bel pedatone del grosso "popò" del vecchio...lo avrei gia dato!!!
fritz

Marshall said...

Ciao Nessie, Saura Plesio.
A proposito di Via Jenner, ti racconto un fatto di cronaca vera, accaduto da quelle parti sabato 28 agosto.
Ero in vacanza sul lago, quando il mio vicino di casa ha ricevuto un'allarmante telefonata da sua figlia, rientrata a sua volta dalle vacanze: "Torna subito a casa. Hanno scassinato la porta!"

Concludendo, la porta, blindata, di quelle buone, ha resistito allo scasso ma è da cambiare (2000 euro di danno, e forse più). Altri 15 appartamenti della stessa palazzina hanno subito la stessa sorte, e alcuni sono stati letteralmente svaligiati e semidistrutti. Strano che nessuno si sia accorto di nulla, o quando si sono accorti era ormai troppo tardi.
Un'altra coppia di vicini di casa, abitanti dalle parti di Chiesa Rossa (Assago-Rozzano, casello per Genova), non hanno potuto fare vacanza completa: andavano e venivano da Milano al lago, perchè ogni giorno, o ogni notte, forse gli zingari, o chi altri, aprono decine di appartamenti. Mentre erano lì in vacanza, "qualcuno" aveva "aperto" una decina di appartamenti.

No comment!!!

Nessie said...

Giusto Fritz. Compito della chiesa è riportare le "pecorelle smarrite" (cioè noi) all'ovile. Ma se vanno avanti così le chiese saranno sempre più vuote e i muezzin imperverseranno per ogni dove. Altro che calcio nelle terga si meriterebbe il Tetta!

Nessie said...

Caro Marsh, di queste storie è piena Milano e non solo. Considero l'immigrazionismo una sorta di nuova guerra mondiale contro la quale ci è VIETATA la difesa.

sarcastycon said...

Nessie
Il quartiere è quello anche se la zona dove è avvenuto il fatto,una via vicino a piazza XX settembre,è quella che confina col quartiere di Colline.Una zona molto popolare.
Quanto a come votano lasciamo perdere e stendiamo un velo pietoso....

l' ayatollah Tettamanzi è del 1934 pertanto ha 76 anni e quindi avrebbe già dovuto lasciare l'incarico arcivescovile, ma questa gente tende sempre ad allungare per poter continuare a fare danni alla chiesa e all'Italia
ciao
Sarc.

Nessie said...

Sarc, la Curia milanese dispone di palazzi d'epoca molto signorili. Al Tetta piacciono gli islamici? Bene, li porti a casa sua.
Vuole più moschee? Le faccia davanti alla sua residenza cardinalizia.

Aldo said...

Noto dalla foto che, invece, i carabinieri si sono sbrigati a intervenire in difesa delle povere vittime, non appena quelle sono state dalla parte "sbagliata". Che ammirevole solerzia!

Aldo said...

Mango, il prefetto mi sa che ha ragione: non si tratta di razzismo. Il razzismo è altra cosa, credimi. Solo che torna comodo mischiare le carte in tavola in merito al significato del linguaggio.

Nessie said...

Sempre così Aldo. Guarda caso, se a casa tua vengono a svaligiarti, a malmenarti e a legarti a una sedia, i caramba li vedi arrivare solo a misfatti compiuti.
Non sono al servizio dello stato, ma della sua stessa dissoluzione. In compenso il fior fiore dei nostri migliori e più preparati corpi speciali delle forze armate dove te li ritrovi?
A ottemperare compiti di "polizia internazionale". Cioè in giro per il mondo. Meditiamo...

Orpheus said...

Ciao Nessi, bentornata:)))
Mi ero persa la notizia di Livorno, e hai ragione fosse successo a Verona, apriti cielo!!!
Purtroppo su 10 stranieri che vengono, 8 vogliono fare i comodi propri, e non solo campando di espedienti, ma anche imponendoci usanze incivile e barbare...
Anche gli elettori di sinistra, cominciano ad aprire gli occhi (tranne gli imbecilli inveterati, rappresentati dalla sinistra estrema...per quelli, non c'è speranza).
Su Oriana hai ragione, infondo ciò che muove l'uomo è solo l'interesse...se fa vendere, ben venga la sua santificazione.
Sono sempre più nauseata da quello che vedo in giro..
un saluto caro
Mary

Nessie said...

Ciao Mary, hai visto come hanno coperto e glissato sulla notizia a Livorno? hanno fatto acrobazie dialettiche per cercare di occultare la rabbia (legittima) dei suoi cittadini.
E la notizia c'è: la sinistra non riesce a far digerire ai suoi elettori la pasticca venefica dell'immigrazionismo.

Giovanni said...

Ma che bravi i livornesi (senza ironia han fatto bene, altroché). Fosse successa nella mia Padova una roba del genere avremmo già addosso Il Corserva, Repubblica (delle banane), Conchita 3000 e tutto il coretto senza dimenticare il maialone catto-comunista di zanonato (il sindaco per chi non se lo ricordasse quello del "muro del pianto" http://it.wikipedia.org/wiki/Muro_di_Padova sigh) e il suo zio vescovo (o meglio mullah) dei miei stivali che pontificano di razzismo e xenofobia. Per dirti come provvedono le autorità in questi casi ti faccio un piccolo esempio del mio comune piccolo comune in provincia di Padova di 8.000 anime, percentuale di allogeni 12,5% (e la sindaca catto-comunista che se ne vantava pure su "Il Mattino"). Bene, nella casa bifamiliare di fianco la mia, dopo essermi ritrovato il boss della ndrangheta al confino con famiglia al seguito, mi ritrovo due famiglie molto curiose. Una presumo di origine magrebina, l'altra di origine cinese. Si dividono la villetta bifamiliare, e si notano traffici abbastanza strani sia nel lato cinese che in quello maghrebino. Viavai continuo di persone gente che va e gente che viene, personaggi che ruotano in continuazione. Senza contare l'immondizia che mollano sulla riva del canale di fronte casa, gli incidenti che causano piazzando i loro veicoli di fronte ad un incrocio di modo che non si veda nulla e le numerose volte in cui ce li siam trovati a bazzicare nel giardino di casa senza permesso. Bene, mia mamma, la quale in passato era di sinistra fino al midollo (Autonomia Operaia, non so se ci capiamo) ed ora i comunisti non li può più vedere manco in cartolina, si preoccupa della faccenda e chiama la nostra cara sindachessa, sempre solerte nell'organizzare "feste multietniche" a spese dei cittadini, sempre solerte nel concedere sussidi a pioggia agli allogeni (ma non vengon qui a "lavorare" se vengon qui a "lavorare" dovrebbero avere uno stipendio e quindi dovrebbero lasciare i sussidi comunali a chi ne ha bisogno? Misteri! Poi prova tu a dire in consiglio comunale di fare in modo che in cambio dei sussidi forniscano qualche servizio utile alla comunità, chessò falciare le rive, ripulire i marciapiedi! No, sei razzista e non sei caritatevole!) ma piuttosto sorniona quando si tratta di far rispettar le regole (ovvio, gli stronzi che affittan le case a 'sta gente son suoi elettori quindi, guai a toccarli). La sindachessa fa spallucce, dice che non c'è nulla di anomalo. Mia mamma insiste e dopo tre, quattro, cinque chiamate alla fine la sindachessa decide di provvedere. Sai come ha provveduto la sindachessa? Ha mandato una VIGLESSA DISARMATA a fare un controllo in un covo di non so nemmeno io cosa! Ma si può? E' questo il buon governo della sinistra? Robe da matti. Intanto nel nostro paesello cominciano i furtarelli, un'escalation che non si vedeva da anni ma se vai in consiglio comunale a dirglielo ti dicono "ma voi della Lega, siete i soliti". Dio dammi la pazienza che se mi dai la forza...
Scusa il lungo sfogo Nessie ma veramente mi fanno uscire dai gangheri.

Nessie said...

Hai fatto bene a sfogarti, Giovanni. Eppoi Nord Est fa rima con Far West.
Come il NE ha avuto l'incremnto delle piccole e medie aziende, siete stati da subito i più invasi, tant'è che la stazioncina di Vicenza somiglia a Nairobi e quella di Padova pure.
Purtroppo però - te lo dico perché l'ho toccato con mano anche qui da noi in alta Lombardia - la colpa ce l'hanno anche quegli artigianelli, quella piccola e media industria che magari vota Lega ma che poi assume magrebini, cinesini e altri extra. Un po' di coerenza non guasterebbe...